I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza"

Transcript

1 I. ACRONIMI/SIGLE ACC= Accettazione ACEP = American College of Emergency Physicians ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza ARES = Associazione Regionale Emergenza Sanitaria e Sociale ASL = Azienda Sanitaria Locale ASUR = Azienda Sanitaria Unica Regionale BLS = Basic Life Support CCS = Centro Coordinamento Soccorsi CG = Codice Giallo CNSA = Corpo Nazionale Soccorso Alpino CO = Centrale Operativa 118 COAU = Centro Operativo Aereo Unificato COC = Centro Operativo Comunale COE = Centro Operativo Emergenze COM = Centro Operativo Misto COR = Centro Operativo Regionale CR = Codice Rosso CRED = Centro per la Ricerca sull Epidemiologia dei Disastri CRI = Croce Rossa Italiana DAG = Direttore Area Gialli DAR = Direttore Area Rossi DAT = Direttore Area Triage DAV = Direttore Area Verdi DEA = Dipartimento Emergenza ed Accettazione

2 DICOMAC = Direzione Di Comando e Controllo DMO = Direzione Medica Ospedaliera DPC = Dipartimento della Protezione Civile Nazionale DPI = Dispositivi Protezione Individuale DPM = Direttore Presidio Medico DPR = Decreto Presidente Repubblica DS = Direzione Sanitaria DSS = Direttore Soccorsi Sanitari (extraospedalieri) DSSH = Direttore Soccorsi Sanitari Ospedalieri EM-DAT = International Disaster Database ENAC = Ente Nazionale Aviazione Civile FFO = Forze dell Ordine FAO = Food and Agriculture Organization of the United Nations FEMA = Federal Emergency Management Agency U.S. Department of Homeland Security GORES = Gruppo Operativo Regionale Emergenze Sanitarie Marche HDM = Hospital Disaster Management JCAHO = Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations L.R. = Legge Regionale (Marche) MOS = Maxiemergenza Ospedaliera NBCR = Nucleare Batteriologico Chimico Radiologico OMS = Organizzazione mondiale della Sanità OTR = Operatore Tecnico Radio PC = Protezione Civile

3 PEIMAF = Piano di Emergenza Intra-ospedaliero Massiccio Afflusso Feriti PEVAC = Piano di Evacuazione PMA = Posto Medico Avanzato POTES = Postazione Territoriale Emergenza Sanitaria PPI = Punto di prima intervento PS = Pronto Soccorso SET = Servizio Emergenza Territoriale SICMA = Simulation of Crisis Management Activities SIMEU = Società Italiana Medicina Emergenza e Urgenza SIPEM = Società Italiana Psicologia dell Emergenza SMART = Simple Method for Advanced and Rapid Triage SO = Sala Operatoria SOUP = Sala Operativa Unificata Permanente START = Simple Triage and Rapid Treatment U.C. = Unità di Crisi UO = Unità Operativa VVF = Vigili del Fuoco WHO = World Health Organization

4 II. ELENCO FIGURE Figura 1 = Disaster Type proportions EM-DAT... p. 31 Figura 2 = Natural disaster Summary EM-DAT... p. 33 Figura 3 = Estimated damage caused by reported natural disaster p. 34 Figura 4 = Technological disaster summary p. 34 Figura 5 = Estimated damage caused by reported technological disasters p. 35 Figura 6 = Disaster Management Cycle (FAO 2003)... p. 38 Figura 7 = Disaster Management Cycle (Alexander 2002). p. 39 Figura 8 = Comprendere la propria organizzazione (Desmarteau 1996).... p. 45 Figura 9 = Centrali Operative 118 Regione Abruzzo... p. 120 Figura 10 = Patologie 6/4/09 PMA p.121 Figura 11 = Patologie 6/4/09 PMA p.122 Figura 12 = Persone trattate negli ospedali regione Abruzzo. p.140 Figura 13 = Coordinamento arrivo dei pazienti negli ospedali regione Abruzzo... p.143 Figura 14 = Questionario Ospedali Abruzzo 1 p.144 Figura 15 = Questionario Ospedali Abruzzo 2... p.145 Figura 16 = Tipo di triage utilizzato all arrivo dei feriti p.146 Figura 17 = Veduta aerea dell aeroporto Preturo Aquila. p.154 Figura 18 = Punti di forza di un PEIMAF... p.160 Figura 19 = Punti di debolezza di un PEIMAF... p.161 Figura 20 = Distribuzione personale negli ospedali...p.162

5 Figura 21 = Età del personale che ha partecipato all indagine... p.163 Figura 22 = Sesso del personale che ha partecipato all indagine.p.163 Figura 23 = Professione del personale che ha partecipato all indagine. p.164 Figura 24 = Anni di lavoro del personale che ha partecipato all indagine.. p.165 Figura 25 = Reparto di provenienza del personale p.166 Figura 26 = Modalità di attivazione del PEIMAF p.167 Figura 27 = Azioni da intraprendere in caso di attivazione PEIMAF p.159 Figura 28 = Conoscenze in relazione all epoca dell ultima formazione. p.173 Figura 29 = Percezione rispetto all importanza dei PEIMAF e del PEVAC.. p.175 Figura 30 = Esistenza pianificazione maxiemergenza in CO p.176 Figura 31 = Rintracciabilità piano emergenza p.176 Figura 32 = Integrazione piano di maxiemergenza p.177 Figura 33 = Conoscenza capacità recettive degli ospedali p.177 Figura 34 = Conoscenze del territorio di competenza p.178 Figura 35 = Conoscenze capacità accettazione feriti in strutture alternative.. p.178 Figura 36 = Invio equipaggi in caso di maxiemergenza p.179 Figura 37 = Modalità di allertamento p.179 Figura 38 = Modalità di distribuzione dei feriti p.180 Figura 39 = Punti di forza p.180 Figura 40 = Punti di debolezza p.181

6 Figura 41 = Foto esercitazione posti di comando presso SOUP p.183 Figura 42 = Allertamento e prime telefonate effettuate p.186 Figura 43 = Contatto con HDM/DSSH p.187 Figura 44 = Componenti Unità di Crisi p.188 Figura 45 = Domande all HDM/DSSH p.189 Figura 46 = Domande all Unità di Crisi p.190 Figura 47 = Incrocio risposte date dall HDM/DSSH e Unità di Crisi p.191 Figura 48 = Problematiche durante l esercitazione p.193 Figura 49 = Problematiche legate alla formazione p.194 Figura 50 = Problematiche legate alla pianificazione p.194 Figura 51 = Problematiche legate alla comunicazione p.195 Figura 52 = Effetti prodotti dall esercitazione sul PEIMAF p.196 Figura 53 = Limiti della simulazione per posti di comando p.196 Figura 54 = Proposte per superare i limiti dell esercitazione p.197 Figura 55 = Come fare la prossima esercitazione p.197 Figura 56 = Motivi di un basso investimento nel PEIMAF p.198 Figura 57 = Proposte di miglioramento p.199

7 III. ELENCO TABELLE Tabella 1. Categorie di elementi da inserire in un piano di emergenza... p. 63 Tabella 2. Cronologia degli eventi al Royal London Hospital p. 67 Tabella 3. Nuova denominazione ruoli sanitari nelle maxiemergenza. p. 82 Tabella 4. Schema contenuti linea guida PEIMAF italiana p. 83 Tabella 5. Fasi della simulazione per posti di comando CO Ancona p.109 Tabella 6. Fasi della simulazione per posti di comando H Ancona p.111 Tabella 7. Punti di forza, criticità e di miglioramento CO Abruzzo... p.123 Tabella 8. Crono-storia eventi accorsi in pronto soccorso dell ospedale dell Aquila per la gestione del massiccio afflusso feriti. p.134 Tabella 9. Sunto delle relazioni della Direzione Sanitaria p.136 Tabella 10. Sunto delle relazioni dei Direttori delle varie unità operative.. p.137 Tabella 11. Risposte degli ospedali della regione Abruzzo coinvolti nell accettazione feriti p.139 Tabella 12. Risposte dei direttori sanitari. p.155 Tabella 13. Risposte dell Unità di crisi p.157 Tabella 14. Risposte dei Direttori del Pronto soccorso p.159 Tabella 15. Crosstab conoscenze e professione. p.168

8 Tabella 16. Crosstab conoscenze e reparto.. p.169 Tabella 17. Crosstab conoscenze ed ospedale. p.171 Tabella 18. Crosstab conoscenze ed anzianità p.172 Tabella 19. Relazione tra conoscenze ed ultima formazione.. p.173 Tabella 20. Relazione tra conoscenze e modalità di diffusione del piano p.166 Tabella 21. Fasi simulazione di maxiemergenza per la Centrale Operativa. p.184 Tabella 22. Fasi simulazione maxiemergenza attivazione dei PEIMAF ospedalieri p.185 Tabella 23. Criticità comunicato stampa simulazione p.191 Tabella 24. Proposte per risolvere problematiche legate alla formazione p.194 Tabella 25. Proposte per risolvere problematiche legate alla pianificazione. p.195 Tabella 26. Proposte per risolvere problematiche legate alla comunicazione. p.195 Tabella 27. Confronto criticità PEIMAF Aquila/Ancona p.200 Tabella 28. Confronto tra le azioni previste nella CARD DSSH e quelle realmente attuate p.207 Tabella 29. Ambiti controllati durante la simulazione (DSSH). p.209 Tabella 30. Confronto tra le azioni previste nella CARD DMO e quelle realmente attuate.. p.210 Tabella 31. Ambiti controllati durante la simulazione (DMO). p.212 Tabella 32. Ambiti controllati durante la simulazione (Portineria) p.213

9 Tabella 33. Confronto tra le azioni previste nella CARD DAT e quelle realmente attuate p.213 Tabella 34. Confronto tra le azioni previste nella CARD DAR e quelle realmente attuate.p.214 Tabella 35. Confronto tra le azioni previste nella CARD DAG e quelle realmente attuate..p.216 Tabella 36. Situazione degli ospedali marchigiani rispetto alle variabili previste nella check-list.p.217

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager. Sanitario" Consolato Malara. Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi

Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager. Sanitario Consolato Malara. Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager Sanitario" Consolato Malara Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi Gestione Maxiemergenza Insieme di processi organizzati

Dettagli

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza A cura di Vds Davide Bolognin

Dettagli

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF Dott. Francesco Stea Direttore Dipartimento Emergenza e Urgenza Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Bari Qualche premessa Gestione dell

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione PENNACCHI DANILA A.O. SAN CAMILLO FORLANINI Telefono dell Ufficio 065870 3699 Fax dell Ufficio 065870 2684 E-mail istituzionale

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi Modulo I: Classificazione dei rischi Il rischio sismico Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni franosi, idraulici ed erosivi Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni

Dettagli

ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie

ARES, la risposta marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie REGIONE MARCHE ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie Ripercorriamo la storia dell Associazione creata dal dottor Marco Esposito nel 1999. Da una precisa idea di sanità

Dettagli

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 COMMISSIONE NAZIONALE MAXIEMERGENZE SIMEUP Gruppo Intersocietario: PEDIATRIA PER LE MAXIEMERGENZE L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 2009 L evento catastrofico travalica le

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA.

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. Dott.ssa Cecilia Marmai Medico EST AUSL 11 Empoli Antonella Galgani Infermiera Emergenza Urgenza Territoriale

Dettagli

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina SUES 118 C.O. Messina Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Papardo - Piemonte Rev. 00 del 29/01/2013 JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina Redazione Coordinatore

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - U.O. 118 SPEZIA SOCCORSO

Dirigente ASL I fascia - U.O. 118 SPEZIA SOCCORSO INFORMAZIONI PERSONALI Nome GATTI LAURA Data di nascita 01/05/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia Dirigente ASL I fascia - U.O. 118 SPEZIA SOCCORSO 0187533017

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AZIENDA U.L.S.S. 16 DI PADOVA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 Oggetto: nota informativa di sintesi

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con Università degli Studi di Milano BLS ed Elementi di Primo Soccorso Il Ruolo del Soccorritore In collaborazione con Obiettivo Sapere come comportarsi quando ci si trova di fronte ad un paziente colpito

Dettagli

Prot. n. 1361/14/MB/gn Bergamo, 2 ottobre 2014

Prot. n. 1361/14/MB/gn Bergamo, 2 ottobre 2014 INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA Collegio Provinciale di Bergamo 24125 Bergamo Via Rovelli n.45 Telefono 035/217090 fax 035/236332 Codice Fiscale 80039530169 www.ipasvibergamo.it

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO IMPIANTO SPORTIVO Piano Sanitario Responsabilità precise Personale professionista (Medici e Infermieri E/U) Soccorritori

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99)

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99) P r e f e t t u r a d i T o r i n o - P r o t e z i o n e C i v i l e R e v. 2 / 0 P i a n o d i E m e r g e n z a E s t e r n o s t a b i l i m e n t o G r u p p o T r o m b i n i L u s e r n a S. G i

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE 10 14 GIUGNO

PROTEZIONE CIVILE 10 14 GIUGNO Terremoto Iran 2003-2015 CORSO IN TECNICHE SANITARIE DI PROTEZIONE CIVILE 10 14 GIUGNO 10 GIUGNO AULA MAGNA FACOLTA DI MEDICINA (SCUOLA MEDICA) VIA ROMA, 55 56126 PISA DAL 12 AL 14 GIUGNO TENUTA DI SAN

Dettagli

L InfermIere nelle. maxiemergenza

L InfermIere nelle. maxiemergenza L InfermIere nelle maxiemergenza L Aquila, 14/15 Novembre 2014 Tomassina Di Fabio EVENTO CATASTROFICO CHE TRAVALICA LE POTENZIALITÁ DI RISPOSTA DELLE STRUTTURE LOCALI Il Susseguirsi delle scosse determina

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950. Dirigente ASL I fascia - Diabetologia Distretto XIII

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950. Dirigente ASL I fascia - Diabetologia Distretto XIII INFORMAZIONI PERSONALI Nome Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI RM/D Dirigente ASL I fascia - Diabetologia

Dettagli

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze I notevoli progressi tecnologici dell Imaging biomedicale hanno profondamente innovato l iter diagnostico strumentale nella gestione delle emergenze.

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta

MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta 4 Congresso Nazionale SOCIETA ITALIANA SISTEMA 118 BARI 14-16 16 Dicembre 2006 La Professione Infermieristica Ieri,Oggi,Domani MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta Che Cos è

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA COMITATO PER IL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LODI "Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

La Regione Marche: come modulare una risposta appropriata su larga scala

La Regione Marche: come modulare una risposta appropriata su larga scala La Regione Marche: come modulare una risposta appropriata su larga scala Giuliano Tagliavento Dirigente PF Prevenzione e Promozione della Salute nei Luoghi di vita e di lavoro - ARS - Regione Marche il

Dettagli

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Superficie: 7855 Km 2 Abitanti: 1.202.870 Montagna: 43% Collina: 19% Pianura: 38% Udine Trieste Gorizia

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

INDICAZIONI PER IL COORDINAMENTO OPERATIVO DI EMERGENZE DOVUTE A:

INDICAZIONI PER IL COORDINAMENTO OPERATIVO DI EMERGENZE DOVUTE A: COMUNICATO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 maggio 2006 Indicazioni per il coordinamento operativo di emergenze dovute ad incidenti stradali, ferroviari, aerei e di mare, ad esplosioni e crolli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Servizio Emergenza Sanitaria ESERCITAZIONE NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PO 2001 GRUPPO DI LAVORO SANITA E ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO

CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO CENTRALE OPERATIVA PESARO SOCCORSO Disastro, catastrofe, maxiemergenza, incidente maggiore (ma anche cataclisma e calamità) sono tutti termini per indicare una situazione eccezionale che causa danni alla

Dettagli

Esperienze Professionali

Esperienze Professionali M ODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAFFAELI Massimo Data di nascita 19/05/54 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Azienda Opedaliera Ospedale S. Carlo Borromeo Incarico

Dettagli

DIPIETRO GAETANO. via Piero della Francesca 2. 70026 Modugno ( BA) 080/ 5564211 - ufficio. dipietrogaetano@tin.it DPTGTN51B03F943X

DIPIETRO GAETANO. via Piero della Francesca 2. 70026 Modugno ( BA) 080/ 5564211 - ufficio. dipietrogaetano@tin.it DPTGTN51B03F943X C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O Informazioni personali Nome Indirizzo DIPIETRO GAETANO via Piero della Francesca 2. 70026 Modugno ( BA) Telefono Ab. 0805356849 Mobile 347/6763651

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, CENTRALE OPERATIVA 118 Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, dal territorio sino alla definitiva

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Emergenza sanitaria e associazioni di volontariato nelle Marche

Emergenza sanitaria e associazioni di volontariato nelle Marche Emergenza sanitaria e associazioni di volontariato nelle Marche Franco Pesaresi Direttore ASP Ambito 9 Jesi (AN) 08/06/ Il presente articolo, seppur autonomo nella sua struttura, costituisce la naturale

Dettagli

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont Perugia 2009 Il Trauma Grave e la Rete Clinica Assistenziale 118 Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte C oordinatore 118-em ergenza sanitaria Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte

Dettagli

29.01.1995 Delibera del Consiglio Regionale dell Ordine degli Psicologi del Lazio per l esercizio dell attività psicoterapeutica permanente.

29.01.1995 Delibera del Consiglio Regionale dell Ordine degli Psicologi del Lazio per l esercizio dell attività psicoterapeutica permanente. C U R R I C U L U M V I T A E Dott.ssa Psicologo - Psicoterapeuta INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAMELA BRUNI Residenza VIA DELL ORSO 43 00186 ROMA Recapito tel. 066878970 / +39336747184 E-mail brupam55@libero.it

Dettagli

Infermiere specializzato in area critica Scuola E. Nasi Ospedale Martini, Torino. Il 11/06/97

Infermiere specializzato in area critica Scuola E. Nasi Ospedale Martini, Torino. Il 11/06/97 CURRICULUM Dati anagrafici Sciretti Massimiliano Residente a Torino Via Monginevro 180 Lavoro Asl TO1 Presidio Ospedale Martini Via Tofane 71 011-70952403 3476867579 3204323817 Email massimilianosciretti@libero.it

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

P.E.I.M.A.F. Piano di Emergenza Interno per la gestione di un Massiccio Afflusso di Feriti INDICE

P.E.I.M.A.F. Piano di Emergenza Interno per la gestione di un Massiccio Afflusso di Feriti INDICE Pag. 1 di 28 INDICE MODIFICHE... 3 SCOPO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 DEFINIZIONI... 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 CONTENUTO... 4 PREMESSA... 4 ANALISI DEI RISCHI... 5 ARTICOLAZIONE DEL PIANO... 5

Dettagli

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 dicembre 2006 La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria Sergio Caglieris Dirigente medico

Dettagli

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione delle Emergenze

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione delle Emergenze Corso di formazione di base per Volontari di Protezione Civile Provincia di Bergamo Bergamo Croce Bianca, 9 novembre 2012 Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

in caso di catastrofi e di L organizzazione dei soccorsi maxiemergenze Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co 118

in caso di catastrofi e di L organizzazione dei soccorsi maxiemergenze Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co 118 L organizzazione dei soccorsi sanitari MAXIEMERGENZ in caso di catastrofi e di maxiemergenze E Docente: inf.prof.specchia Fabio Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

1995 - dirigente medico fascia A - ASO Maggiore della Carità - Servizio Anestesia e Rianimazione Centro Rianimazione

1995 - dirigente medico fascia A - ASO Maggiore della Carità - Servizio Anestesia e Rianimazione Centro Rianimazione VALLE EGLE MARIA Cognome e Nome - VALLE EGLE MARIA Data di nascita - 23.02.1952 Milano Residenza NOVARA Direttore S.C.D.O. Servizio Emergenza Sanitaria Territoriale 118 Sede lavorativa: C.O. 118 - v.le

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Staff - EMERGENZA 118 Numero telefonico

Dettagli

Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO

Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO Curriculum Vitae di MIRIAM SPADARO DATI PERSONALI nato a MESSINA il 05-12-1972 PROFILO BREVE Dirigente Medico di Medina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza,Specialista in Medicina Interna con indirizzo

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, 5.b Sistema dell Emergenza Territoriale Centrale Operativa 118 Modena Soccorso Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace

Dettagli

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA L AREU è un azienda regionale attivata il 2 aprile 2008 (delibera della Giunta regionale VIII/6994) con il compito di promuovere l evoluzione del SSUEm

Dettagli

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982)

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SICILIANO GIOVANNI Data di nascita 28.07.1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Responsabile Direzione Medica di Presidio Ospedaliero

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

CURRICULUM VITAE Di ALESSANDRO CECAPOLLI

CURRICULUM VITAE Di ALESSANDRO CECAPOLLI CURRICULUM VITAE Di ALESSANDRO CECAPOLLI Nato ad Ancona il 19/5/1967; Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Ancona, con la votazione di 110 lode/110 il 6/4/1993 Specializzazione

Dettagli

TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO. L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi

TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO. L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi TERREMOTO IN ABRUZZO: L EVENTO L Ospedale da Campo nel post-sisma: aspetti logistico/organizzativi Ing. Susanna Balducci Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Riccardo Merli Indirizzo Via Bonomelli, 17 26100 Cremona Telefono Tel. Fisso 0372 460451; Tel. Cellulare

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI NICOLETTA D'AMBROSIO

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI NICOLETTA D'AMBROSIO CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI NICOLETTA D'AMBROSIO TITOLI DI STUDIO E PERCORSO SCOLASTICO Diploma Ginnasiale conseguito presso il Liceo Classico B. Telesio di Cosenza. Diploma di Scuola Magistrale

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE Prevenzione e gestione sinistri (in collaborazione con ASL 1 Imperiese) 180 vari profili tra Direttori e Coordinatori di S.C./Dipartimento 2.500,00 Durata: 6 ore

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Italian Resuscitation IRC. Centro di formazione

Italian Resuscitation IRC. Centro di formazione ouncil ouncil AZIENDA CON SISTEMA QUALITÀ CERTIFICATO UNI EN ISO 9001:2000 Formazione per l'emergenza/urgenza e le situazioni critiche Premessa e finalità generali I cambiamenti che investono il sistema

Dettagli

Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria

Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria Dal 04 al 11 ottobre 2009 c/o Salone delle Piramidi Palazzo Ce.Dir. 890 Reggio Calabria tel.: 0965/362500 FAX: 0965/8717 PROGRAMMA SETTIMANA

Dettagli

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri##

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri## Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria F. Geri, Milano 8 ottobre 2013 www.protezionecivile.gov.it Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile

Dettagli

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito CURRICULUM Dati anagrafici Sciretti Massimiliano Residente a Torino Lavoro Asl TO1 Presidio Ospedale Martini Via Tofane 71 011-70952403 3204323817 Email massimiliano.sciretti@unito.it Titolo di studio

Dettagli

Croce Rossa Italiana. Corpo Nazionale del Soccorso Alpino. Forze di Polizia. Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco CNR

Croce Rossa Italiana. Corpo Nazionale del Soccorso Alpino. Forze di Polizia. Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco CNR CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze Approccio e metodo negli interventi di emergenza Della Croce Rossa Italiana Croce Rossa italiana Dott. Leonardo Carmenati

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE PER GLI ENTI LOCALI Cuneo, 2 luglio 2010 IL SOCCORSO SANITARIO

LA PROTEZIONE CIVILE PER GLI ENTI LOCALI Cuneo, 2 luglio 2010 IL SOCCORSO SANITARIO LA PROTEZIONE CIVILE PER GLI ENTI LOCALI Cuneo, 2 luglio 2010 IL SOCCORSO SANITARIO Dr. Mario Raviolo Direttore S.C. Maxiemergenza (Dipartimento Emergenza Sanitaria Territoriale 118) DPR 27 MARZO 1992

Dettagli

Capitolo 1. INTRODUZIONE

Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 1. INTRODUZIONE 1.1 PROBLEMA Purtroppo nel mondo, quotidianamente avvengono disastri, incidenti maggiori che provocano la morte, la distruzione di strutture, il ferimento di persone. Prevenire,

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail Data di nascita 16/12/81 Esperienza professionale Rese a favore di P.A. Nome e indirizzo del datore di lavoro

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO A.S.O. SS. ANTONIO e BIAGIO e C.ARRIGO IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO Corso di Formazione aziendale Salute e sicurezza sul lavoro S.C. Servizio Prevenzione Protezione 1 SISTEMA PER LA SICUREZZA AZIENDALE

Dettagli

presenti ali 'interno dei veicoli, alcune delle quali anche traumatizzate ed ustionate, di

presenti ali 'interno dei veicoli, alcune delle quali anche traumatizzate ed ustionate, di .9~ -~ 3~ r/e/~~ a{; g~ e ~ ESERCITAZIONE N.B.C.R. Sabato 25 novembre 2006 si è svolta I' esercitazione, organizzata e coordinata da questa Prefettura, ipotizzante uno sversamento accidentale di sostanza

Dettagli

ENAC. Vigili del Fuoco. Guardia di Finanza. Elettricisti. Manutenzione

ENAC. Vigili del Fuoco. Guardia di Finanza. Elettricisti. Manutenzione Norme e procedure per l assistenza agli aeromobili in emergenza e per il soccorso ad aeromobili in caso di incidente Pag. 1 di 1 ALLEGATO 1 Nominativi radio (aggiornamento aprile 2016) ENTE ENAC ufficio

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Incidenti maggiori Eventi Maggiori: Squilibrio tra risorse disponibili e necessità 2 Eventi Maggiori: Le strutture di soccorso territoriali rimangono integre.

Dettagli

Medical Response to Major Incidents (MRMI) Milano, 26 28 Aprile 2011

Medical Response to Major Incidents (MRMI) Milano, 26 28 Aprile 2011 Medical Response to Major Incidents (MRMI) Milano, 26 28 Aprile 2011 PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE Tipologia formativa: congresso/convegno Sede: Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor ( Raffaele)

Dettagli

Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria Introduzione

Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria Introduzione Sintesi dei risultati dello studio sulla percezione dello scenario di soccorso da parte del personale dei mezzi di emergenza sanitaria. A. Monesi (*); F.Candido ( $ ); L.Marcis ( ); R.Iacenda ( # ) P.

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

Organizzazione del 118 Toscana

Organizzazione del 118 Toscana Organizzazione del 118 Toscana Sistema 118 in Toscana Sistema complesso ed integrato d.p.r. 27 marzo 1992 la creazione di un sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria strutturato: Fase di Allarme e prima

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

Crisis management in. Advanced Life Support. Info ECM Info Iscrizioni Facilitatori Programma. Riservato a esecutori ALS, ILCOR 2010

Crisis management in. Advanced Life Support. Info ECM Info Iscrizioni Facilitatori Programma. Riservato a esecutori ALS, ILCOR 2010 Università Cattolica del Sacro Cuore, Dipartimento Emergenza Accettazione, Roma Crisis management in Advanced Life Support 17 Settembre 19 Novembre 2012 Centro Europeo per la Medicina delle Catastrofi,

Dettagli

a.giugni@118er.it Sesso Maschio Data di Nascita 19/01/1975 Nazionalità

a.giugni@118er.it Sesso Maschio Data di Nascita 19/01/1975 Nazionalità INFORMAZIONI PERSONALI AIMONE GIUGNI e-mail a.giugni@118er.it Sesso Maschio Data di Nascita 19/01/1975 Nazionalità POSIZIONE RICOPERTA DIRIGENTE MEDICO ANESTESIA E RIANIMAZIONE ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia C.P.S.I. Gian Luca Vergano S.O.R.E.U. Pianura A.A.T. 118 Pavia A.R.E.U. Regione Lombardia Congresso Regionale S.I.M.E.U. Fondazione I.R.C.C.S.

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE COGNOME: SOLLAZZO NOME: FRANCA TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI: 1990- Diploma di INFERMIERA PROFESSIONALE presso la Scuola per Infermieri Professionali nel Presidio Ospedaliero

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli