CESOIA. Legenda: nome del fabbricante e suo indirizzo; designazione della serie o del tipo; eventuale numero di fabbricazione;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESOIA. Legenda: nome del fabbricante e suo indirizzo; designazione della serie o del tipo; eventuale numero di fabbricazione;"

Transcript

1 CESOIA La cesoia è una macchina utilizzata per la tranciatura di barre e tondini d acciaio per la realizzazione di staffe e ferri sagomati per calcestruzzo armato. È una macchina indubbiamente pericolosa ed il suo utilizzo deve essere affidato esclusivamente a personale ben formato, informato e addestrato al corretto utilizzo in sicurezza, per cui è importante che la stessa venga utilizzata da personale esperto o eventualmente da personale preposto esclusivamente al suo utilizzo, cosa poco probabile, o difficilmente attuabile in ambienti di lavoro come il cantiere edile. Essa è costituita da una struttura metallica portante, l organo motore, gli organi di comando, gli organi di trasmissione, gli organi lavoratori e ruote per i piccoli spostamenti. Legenda: 1. struttura portante monoblocco 2. punto di presa per il sollevamento 3. ruote 4. coltelli 5. riparo 6. pedale 7. riparo volano 8. motore Tutte le macchine cesoie di nuova costruzione devono possedere la marcatura CE (dal 21 settembre 1996) secondo quanto prescritto dal D.P.R. n 459 del 24 luglio 1996 Direttiva Macchine, tali macchine devono essere costruite in modo da ridurre al minimo ogni forma di rischio, ovvero essere provviste di ripari o dispositivi di sicurezza appropriati al particolare tipo, alle esigenze di lavorazione. La macchina, secondo tale direttiva, deve recare, in modo facilmente visibile, almeno le seguenti indicazioni: nome del fabbricante e suo indirizzo; designazione della serie o del tipo; eventuale numero di fabbricazione; Inoltre, sempre in conformità con la citata Direttiva, la macchina deve essere fornita di libretto delle istruzioni per l uso, che riporti almeno i seguenti dati: descrizione delle funzioni della macchina; schema di installazione e relative informazioni necessarie; il o i posti di lavoro che possono essere occupati dai lavoratori; le indicazioni circa i D.P.I. da utilizzare; le indicazioni per le manutenzioni; le condizioni previste per il normale utilizzo della macchina e quelle ragionevolmente prevedibili; il trasporto, il carico e lo scarico della macchina; la corretta installazione;

2 il montaggio, lo smontaggio, la manutenzione e la riparazione; le istruzioni per l addestramento (quando necessario); Le cesoie antecedenti all entrata in vigore dell obbligo di marcatura CE devono risultare conformi alla normativa precedente. Nel caso di vendita, noleggio o concessione in uso o in locazione finanziaria vanno accompagnate da un attestazione che confermi tale rispondenza. Da un attenta analisi dei rischi connessi all utilizzo della macchina si evince che i principali infortuni ad essa connessi sono: contatti accidentali con organi o parti in movimento, con conseguente lesione alle mani o ad altre parti del corpo; elettrocuzione; stabilità della macchina; CONTATTI ACCIDENTALI CON ORGANI O PARTI IN MOVIMENTO I comandi di attivazione della macchina devono essere realizzati con protezione meccanica adeguata alle condizioni di effettivo utilizzo, e comunque con un grado di protezione non inferiore a IP 54. In particolare i dispositivi di comando a pulsante dovranno essere: provvisti di idonea simbologia e/o colorazione che li renda individuabili; provvisti di sistemi che ne evitino l azionamento accidentale; I dispositivi di comando a pedale dovranno essere: provvisti di protezione o dispositivo contro l azionamento accidentale; utilizzati solo in presenza di sistemi di protezione degli organi lavoratori della macchina, realizzati con riparo mobile provvisto di dispositivo di interblocco. Gli organi di trasmissione del moto sono contenuti dentro un carter metallico di protezione che li racchiude completamente e devono essere resi inaccessibili da sportelli apribili solo con l utilizzo di appositi attrezzi di apertura e chiusura, operazioni che, comportando un intervento di manutenzione che deve essere effettuata da personale addestrato. Per evitare che la mano dell operatore venga tranciata dal coltello mobile, va predisposto un riparo (solitamente in metallo) incernierato sulla macchina che, a barra inserita, non consenta di correre tale rischio. Il riparo, di norma, agisce congiuntamente con la liberazione del pedale di comando. Il pedale non è utilizzabile fino a che il tondino non è in posizione di taglio ed ha attivato il riparo. In ogni caso deve essere presente un interruttore di emergenza a fungo, da azionare in caso di necessità.

3 RISCHIO DI ELETTROCUZIONE O DI AVVIAMENTO ACCIDENTALE In fase di valutazione dei rischi va analizzato anche il rischio elettrico, che può in prima istanza essere limitato, se a realizzare l impianto è un tecnico abilitato, e se lo stesso impianto, sia realizzato secondo le prescrizioni dettate dalle normative di sicurezza e dalle norme di buona tecnica, utilizzando componentistica con grado di protezione meccanica contro i contatti diretti minimo IP44, o se la cesoia viene utilizzata in ambienti umidi o in presenza di acqua, come nella maggiore parte dei casi, la protezione deve essere non inferiore a IP55 (Norma CEI 70-1). Sovracorrenti La linea di alimentazione della cesoia deve essere protetta da un interruttore automatico magnetotermico. Contatti diretti Il quadro elettrico da cui viene alimentata la macchina deve essere del tipo ASC (apparecchiature di serie per cantiere) e portare tale indicazione su apposita targhetta. Il grado di protezione deve essere almeno IP 44. Il cavo di alimentazione o presa mobile (prolunga) deve essere di tipo flessibile (H07RN-F o tipo equivalente). La posa del cavo di alimentazione deve essere eseguita in modo che la linea elettrica non risulti danneggiata. Essa va realizzata, per quanto possibile, fuori dalle vie di transito e in modo da evitare sforzi meccanici. Se questo non è possibile il cavo deve essere protetto contro i danni meccanici (usura) e il pericolo di tranciamento da contatto con i mezzi di cantiere. Le prese a spina devono rispondere alle norme CEI ed avere un grado di protezione almeno IP 55. Contatti indiretti La messa a terra della cesoia avviene tramite il conduttore di protezione del cavo di alimentazione. L interruttore differenziale che protegge la linea di alimentazione deve possedere una soglia di intervento minore o uguale 0,03 A. STABILITA DELLA MACCCHINA La macchina cesoia deve essere posizionata in maniera stabile, in modo che non possa ribaltarsi e costituire pericolo per i lavoratori (art. 46 D.P.R. 547/55). Il fabbricante, attraverso il libretto d uso della macchina, deve fornire indicazioni sulle modalità necessarie al posizionamento stabile e sicuro, e quando necessario, fornire istruzioni per l uso di appositi mezzi di fissaggio. La macchina va installata, su un terreno compatto o su un basamento realizzato in cemento o in tavoloni per garantirne l orizzontalità e per impedire eventuali scostamenti delle macchine dovuti a cedimenti del terreno. Nel caso di macchine dotate di ruote, al momento del posizionamento devono essere bloccate, per eventuali piccoli spostamenti all interno del cantiere.

4 CONTATTI CON MATERIALE IN LAVORAZIONE Per evitare che la mano dell operatore venga pizzicata, compressa o stritolata dai coltelli lavoratori e/o dai tondini in lavorazione, si deve procedere alla tranciatura di un tondino alla volta. Nell uso della cesoia se l operatore predispone la tranciatura di più tondini alla volta, per meglio sfruttare le potenzialità della macchina, esiste il rischio che le dita vengano schiacciate tra i tondini nel momento della tranciatura. PUNTURE TAGLI E ABRASIONI I lavoratori che maneggiano le barre di ferro devono essere provvisti, in aggiunta alle normali dotazioni di sicurezza (scarpe antinfortunistiche, ecc..), di idonei guanti da lavoro. SCIVOLAMENTI E CADUTE A LIVELLO La zona di lavoro in cui opera l addetto va mantenuta sgombra dal ferro da tagliare e da quello già tagliato, che va collocato in modo da non intralciare i movimenti dell operatore. Occorre porre attenzione ai piccoli pezzi di tondino, ottenuti come residuo della lavorazione, che possono provocare cadute e scivolamenti. È necessario inoltre che il cavo di alimentazione della cesoia, adeguatamente protetto, non costituisca intralcio. I COMANDI L avvio e l arresto della cesoia deve essere assicurato attraverso l ausilio di un interruttore di macchina del motore. Per ridurre al minimo i rischi connessi con l utilizzo delle attrezzature, attraverso disposizioni tecniche ed organizzative, la macchina deve essere provvista di pulsante di emergenza a fungo di colore rosso (art. 35, commi 1 e 2 D.Lgs. 626/94). La macchina deve essere provvista di pulsanti di emergenza a fungo di colore rosso. Il pedale di comando per l azionamento dei coltelli deve avere una protezione laterale e superiore contro l azionamento accidentale. LA POSTAZIONE DI LAVORO Nel predisporre la zona di lavoro della cesoia si deve evitare che essa sia posta nelle immediate vicinanze di ponteggi, ponti sospesi, ponti a sbalzo o altri luoghi dai quali è possibile che si verifichi la caduta di oggetti o materiali dall alto (art. 9 D.P.R. 164/56). Qualora non sia possibile è opportuno realizzare un solido impalcato nella zona sovrastante, a oltre 3 metri di altezza, a protezione dei lavoratori, delle caratteristiche similari a quelle illustrate negli inserti precedenti.

5 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Nella movimentazione manuale dei ferri da tranciare e di quelli già tranciati e composti, l addetto deve fare uso di guanti protettivi, indossare idonee scarpe di sicurezza ed evitare di sollevare i carichi che, tenuto anche conto delle operazioni necessarie a movimentarli, possano costituire rischio dorso-lombare (orientativamente 30 Kg). FORMAZIONE E INFORMAZIONE E importante sottolineare come la prima forma di prevenzione sia l informazione, la formazione e l addestramento degli addetti anche per l utilizzo della cesoia. È importante per cui che il Datore di Lavoro si adoperi affinché le attrezzature siano correttamente utilizzate dai lavoratori specificatamente qualificati (art. 35, commi 3, 4 e 5 D.Lgs. 626/94) infatti, la maggior parte degli infortuni avvengono: Quando la zona di lavoro non è adeguatamente pulita e la possibilità di inciampare o perdere l equilibrio è alta; Quando mancano le protezioni o le schermature degli ingranaggi negli organi in movimento; Quando la linea di alimentazione è priva di terra e non è protetta da interruttore differenziale ad alta sensibilità; Come si è potuto notare, i rischi diretti e indiretti collegati all utilizzo della macchina, sono molteplici, per cui l addetto dovrà ricevere un adeguata informazione, formazione e altrettanto addestramento per il corretto utilizzo della cesoia (art. 37 e 38 D.Lgs. 626/94), in modo che provveda a verificare, prima di ogni turno di lavoro, l applicazione e la rispondenza di tutte le protezioni previste per il corretto utilizzo in sicurezza della macchina e di tutti i requisiti richiesti dall ambiente di lavoro circostante il macchinario (protezione dei posti di lavoro, visibilità del posto di lavoro, etc.). Va ricordato che i lavoratori devono obbligatoriamente sottoporsi ai programmi di formazione e informazione, utilizzare correttamente le attrezzature messe a loro disposizione senza apportare modifiche alle stesse, segnalando al proprio superiore qualsiasi difetto riscontrato (art. 39 D.Lgs. 626/94). RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 547/55 D.P.R. 164/56 D. Lgs. 626/94 D.P.R. 459/96 Norme CEI RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI DEI PERICOLI E DELLE SITUAZIONI PERICOLOSE DURANTE IL LAVORO Punture, tagli, abrasioni Elettrici Contatto accidentale con gli organi lavoratori Urti, colpi, impatti, compressioni Scivolamenti, cadute a livello

6 Caduta materiale dall alto Cesoiamento, stritolamento Movimentazione manuale dei carichi MISURE DI PREVENZIONE E ISTRUZIONE PER GLI ADDETTI PRIMA DELL USO verificare l integrità del cavo e della spina di alimentazione della macchina verificare l integrità delle protezioni, dei ripari alle morsettiere e degli interruttori elettrici di azionamento e di manovra, constatando il loro buon funzionamento verificare la disposizione del cavo di alimentazione affinché non intralci il posto di lavoro, i passaggi e non sia soggetto a danneggiamenti meccanici verificare la presenza delle protezioni agli organi di trasmissione (pulegge, cinghie, ingranaggi, ecc.) verificare l efficienza del pedale di comando e dell interruttore verificare la presenza della tettoia di protezione del posto di lavoro (dove necessario) DURANTE L USO non rimuovere i dispositivi di protezione tenere le mani sempre distanti dall organo lavoratore della macchina non tranciare più di una barra contemporaneamente, nel rispetto delle caratteristiche di taglio della macchina non eseguire tagli di piccoli pezzi senza l uso di attrezzi speciali tenere sgombro da materiali il posto di lavoro gli addetti devono fare uso dei D.P.I., del casco di protezione, trattandosi di posti di carico e scarico di materiali oltreché di posti fissi di lavoro, per i quali può essere richiesta la tettoia sovrastante DOPO L USO scollegare elettricamente la macchina verificare l integrità dei conduttori di alimentazione e di messa a terra visibili pulire la macchina da eventuali residui di materiale segnalare le eventuali anomalie al responsabile del cantiere lasciare tutto in perfetto ordine in modo tale che, alla ripresa del lavoro, chiunque possa intraprendere o proseguire la vostra attività senza pericoli DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI guanti calzature di sicurezza elmetto

Macchine antecedenti all obbligo di marcatura CE: obblighi e responsabilità dei datori di lavoro

Macchine antecedenti all obbligo di marcatura CE: obblighi e responsabilità dei datori di lavoro Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Palermo, 8-11-2013 c/o Ordine Ingegneri Palermo Macchine antecedenti all obbligo

Dettagli

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili L utilizzo delle macchine. Nonostante il D.P.R. 459/96 e il D.Lgs 359/99, ancora oggi sono presenti nei cantieri edili macchine da rottamare.

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

MACCHINE DI CANTIERE

MACCHINE DI CANTIERE MACCHINE DI CANTIERE Allegato XV estratto Contenuti minimi del Piano operativo di sicurezza 3.2.1. Il POS contiene almeno i seguenti elementi: g) l'individuazione delle misure preventive e protettive,

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di Bellizzi Provincia di Salerno FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreto Legislativo 81/08 OGGETTO: COMMITTENTE: Comune di Bellizzi Data, Il Coordinatore per la Sicurezza Il Committente (Il Responsabile

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Progetto assistenza alle imprese USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Pag. 1 di 12 Legislazione Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori La Sicurezza dal latino sine cura (senza preoccupazione) può essere definita come la "conoscenza che l'evoluzione di un sistema

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO 1 MACCHINE E ATTREZZATURE GESTIONE ADEGUATEZZA AL AL LAVORO DA DA SVOLGERE IDONEITA AI AI FINI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE CORRETTO UTILIZZO

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08)

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08) LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI (principali novità anche in relazione al DLgs 81/08) Bologna 15 aprile 2014 La sicurezza degli impianti elettrici nel loro utilizzo

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

CAPITOLATO PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010. Edizione Ottobre 2013

CAPITOLATO PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010. Edizione Ottobre 2013 CAPITOLATO E PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010 Edizione Ottobre 2013 Revisione 0 Pagina 2 TABELLA DELLE REVISIONI N REV. DATA DESCRIZIONE DELLA REVISIONE 0 Ottobre 2013 Prima

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

COMUNE DI ROGENO Prov. di Lecco

COMUNE DI ROGENO Prov. di Lecco COMUNE DI ROGENO Prov. di Lecco PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO 1. PREMESSA Come previsto dall art. 100 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Scheda 13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Macchinario: ASSORTIMENTO DI CARDATURA cardatura Scopo dell operazione Premesso che non tutti gli assortimenti di carderia sono dotati dello sgrano meccanico

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE AREE DELLE BORGATE COMUNALI

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA 2009 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO [SICUREZZA DELLE MACCHINE] Il presente

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Il rischio fulminazione nel cantiere

Il rischio fulminazione nel cantiere Il rischio fulminazione nel cantiere 38 La valutazione del rischio fulminazione Secondo quanto previsto al capo III Titolo III del D.lgs 81/08, il datore di lavoro deve valutare anche il rischio fulminazione

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 5. OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO B.1 Informazioni generali sulla qualifica B.1.1 Indicazioni relative alla figura professionale nazionale di cui all Accordo Stato/Regioni del 29 aprile 2010 Denominazione

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

PROGETTO METALMECCANICHE 2008

PROGETTO METALMECCANICHE 2008 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA Sede Legale: Via dei Mille, 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro U.P.G. Il 5 Dicembre 2002 è scaduto il termine di adeguamento dei

Dettagli

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO Split 460 MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO BMG sas - GAETANO GOBBI & C - Via Conche, 34 36026 Pojana Maggiore (VI) info@bmgmixer.it - Tel. 0444 896648 - Fax. 0444 797182 1 Sommario

Dettagli

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Art. 18 D.P.R. 554/1999, Art. 1 allegato XXI D.Lgs.

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Art. 18 D.P.R. 554/1999, Art. 1 allegato XXI D.Lgs. AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI CAGLIARI Sede Legale: Via Ospedale, 54-09124 Cagliari Lavori di completamento del Padiglione "Q" del Presidio Ospedaliero di Monserrato PROGETTO PRELIMINARE RESPONSABILE

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE Nei cantieri edili la natura delle lavorazioni, la molteplicità di mansioni e competenze, la precarietà degli impianti e le pesanti condizioni ambientali concorrono ad elevare

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

SCHEDA 12 SEGA CIRCOLARE

SCHEDA 12 SEGA CIRCOLARE SCHEDA 12 SEGA CIRCOLARE SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 TELAIO 2.2 MOTORE E ORGANI DI TRASMISSIONE 2.3 GRUPPO DI TAGLIO 2.3.1 Lama da taglio 2.3.2 Flange di fissaggio 3. DISPOSITIVI

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse

Principali rischi nelle lavorazioni di nostro interesse SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO La salute di un lavoratore è definita come il completo benessere fisico, psicologico e sociale e può subire danni che possiamo classificare come: - INFORTUNIO è un evento

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE ELETTRICO IMPIANTI ELETTROMECCANICI Referenziazioni del profilo Professioni

Dettagli

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009)

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) (Attenzione: di seguito sono riportati solo degli estratti degli

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Area Edilizia, Sicurezza, Patrimonio, gare Titolo IX Classe 2 Fasc. Sotfas. TAV. ISC ACCORDO QUADRO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 Macchina utensile in cui il mandrino, orizzontale o verticale, è in grado di eseguire due o più processi di lavorazione

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche 1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche periodiche degli apparecchi di sollevamento utilizzati nei cantieri edili, 1.1. Gru a torre, argani a cavalletto, argani a bandiera,

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

CORSO SICUREZZA ELETTRICA

CORSO SICUREZZA ELETTRICA CORSO SICUREZZA ELETTRICA BREVE PRESENTAZIONE La sicurezza sul lavoro è un valore aggiunto, ma anche una fonte di risparmio. In campo elettrico, la sicurezza è di fondamentale importanza per chi produce

Dettagli

Luca Lussorio IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E VERIFICA IN CONFORMITÀ A TUTTE LE NORME CEI ED UNI IN VIGORE

Luca Lussorio IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E VERIFICA IN CONFORMITÀ A TUTTE LE NORME CEI ED UNI IN VIGORE Luca Lussorio IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E VERIFICA IN CONFORMITÀ A TUTTE LE NORME CEI ED UNI IN VIGORE SOFTWARE INCLUSO SCHEDE DI VERIFICA DEGLI IMPIANTI CONFORMI

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC - Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani,

Dettagli

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Prof. Ing. Marcello Braglia DIMNP Facoltà d Ingegneria Università di Pisa Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Attraverso il suo funzionamento,

Dettagli

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE A MISURA 1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 1 N.P.SC1 RIUNIONI COORDINAMENTO RIUNIONE PERIODICA DI COORDINAMENTO TRA I RESPONSABILI DELLE IMPRESE OPERANTI IN CANTIERE ED IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

Dettagli

La sicurezza in officina

La sicurezza in officina La sicurezza in officina Uso di macchine e attrezzatura Presentazione curata da prof. Bevilacqua Carlo sospendere l attività ed informare il Direttore o il responsabile della ricerca o il preposto qualora

Dettagli

Sicurezza nei cantieri: la manutenzione

Sicurezza nei cantieri: la manutenzione Convegno tecnico: Sicurezza nei cantieri: la manutenzione Paolo Mingardo : Impianti elettrici nei cantieri: aspetti tecnici e documentali Rovigo, 29 ottobre 2010 Particolare pericolosità degli impianti

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91)

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) Comune di Triggiano Provincia di Ba FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco *

di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco * GRU A TORRE : un apparecchio di sollevamento indispensabile nei cantieri edili Il corretto utilizzo e la professionalità dell operatore possono evitare infortuni, a volte mortali. di Salvatore Esposito

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica Pag. 1 di 6 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali officina del Servizio di Progettazione e Officina Meccanica PRESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA LAVORAZIONE DEL METALLO O DEL LEGNO

EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA LAVORAZIONE DEL METALLO O DEL LEGNO PERFORAZIONE O PUNTURA (STABBING OR PUNCTURE) EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE FISSI, O MATERIALI LAVORATI, PROVVISTI DI PUNTE, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 9 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE PROGETTARE e ATTUARE un PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE delle ATTREZZATURE DI LAVORO Patrocinio Un progetto Un progetto con il Patrocinio Comitato scientifico: Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

DOCUMENTO PER L'INFORMAZIONE, LA FORMAZIONE E L'ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI (POS_FORMAZIONE)

DOCUMENTO PER L'INFORMAZIONE, LA FORMAZIONE E L'ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI (POS_FORMAZIONE) Comune di Bologna Provincia di BO DOCUMENTO PER L'INFORMAZIONE, LA FORMAZIONE E L'ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI (POS_FORMAZIONE) OGGETTO: Realizzazione di una rete Locale presso l'accademia delle Belle

Dettagli

23/02/2012 IMPIANTI ELETTRICI. Impianti eletttrici nelle aziende AGRICOLE

23/02/2012 IMPIANTI ELETTRICI. Impianti eletttrici nelle aziende AGRICOLE IMPIANTI ELETTRICI Impianti eletttrici nelle aziende AGRICOLE 1 IMPIANTI ELETTRICI NELL AZIENDA AGRICOLA Nelle aziende agricole l uso dell energia elettrica in generale può esporre a rischi per l incolumità

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli