Residenze Anni Azzurri S.r.l. CONERO - Ancona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Residenze Anni Azzurri S.r.l. CONERO - Ancona"

Transcript

1 Residenze Anni Azzurri S.r.l. CONERO - Ancona CARTA DEI SERVIZI

2 INDICE PRESENTAZIONE DELLA DIREZIONE... 3 LA CARTA DEI SERVIZI... 4 Significato del documento... 4 Destinatari del documento... 5 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA RESIDENZE ANNI AZZURRI srl... 6 Residenze operanti in Italia... 7 Organigramma Principi fondamentali INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA E SUI SERVIZI FORNITI Come si raggiunge Articolazione della struttura Livelli generali di assistenza Orari indicativi delle attività e dei servizi nella Struttura Modalità di accesso Lista di attesa Modalità di dimissione Consenso informato Tutela della privacy Identificazione degli operatori Gestione dei beni di valore Divieto di fumo LA VITA NELLA RESIDENZA La giornata Visite di parenti e amici Programma alimentare Servizi utili Assistenza Religiosa Servizio di volontariato Coinvolgimento di ospiti e famigliari LA RICERCA DELLA QUALITA Come intendere la qualità Gli indicatori e gli standard di qualità Tempi di erogazione delle prestazioni Strumenti di verifica Impegni e programmi di miglioramento Tutela e partecipazione dell Ospite REGOLAMENTO DI TUTELA DELL OSPITE DIRITTI E DOVERI DELL OSPITE I Diritti I Doveri CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DELLA PERSONA ANZIANA ALLEGATI Clausola integrativa Scheda di segnalazione lamentele o apprezzamenti Questionario sulle modalità di accoglienza Tariffe e servizi resi a pagamento

3 PRESENTAZIONE DELLA DIREZIONE La Carta dei Servizi è un documento particolare, perché vuole essere uno strumento ambizioso di dialogo con tutti coloro che entrano in contatto con le Residenze Anni Azzurri, al fine del miglioramento continuo delle prestazioni e dei servizi offerti agli Ospiti e ai loro Familiari. Si tratta di uno strumento previsto dalla normativa vigente e finalizzato a dare la massima trasparenza ai principi che ispirano l organizzazione complessiva delle Residenze, alle strutture operative, ai servizi erogati, agli standard qualitativi che caratterizzano l attività degli operatori, agli impegni assunti rispetto alle esigenze degli Ospiti. Nella realizzazione della presente Carta dei Servizi si è voluto cogliere l occasione per iniziare a sviluppare un ampia riflessione sull organizzazione e sulle peculiarità delle Residenze, coinvolgendo progressivamente Responsabili, Operatori, Ospiti, Familiari. L augurio è che in tal modo si possa favorire lo sforzo convergente di tutti per la migliore fruizione dei servizi offerti e la massima soddisfazione personale. Il Direttore Ultimo aggiornamento: novembre

4 LA CARTA DEI SERVIZI Significato del documento La Carta dei Servizi è un documento importante, previsto dalla legge in tutti i settori di pubblica utilità, per migliorare il rapporto tra coloro che utilizzano i Servizi e gli Enti che li erogano. Nel contesto particolare delle Residenze, è il documento che descrive i Servizi erogati dall'azienda per il maggior benessere dei suoi Ospiti. Nella Carta dei Servizi vengono infatti fornite informazioni di base relative alla Residenza, ai servizi e alle prestazioni erogate: modalità di accesso alla Casa, tipologia delle prestazioni assistenziali, documenti necessari, organizzazione della giornata, servizi accessori disponibili, ecc Vengono altresì descritti gli standard di qualità, attuali o che ci si prefigge di conseguire in tempi definiti, relativi agli aspetti che chiunque può direttamente cogliere negli ambienti e nel rapporto con tutti coloro che operano nell'azienda. Si tratta, in particolare, degli aspetti legati ai tempi di accesso alle prestazioni e servizi, alla semplicità delle procedure che coinvolgono direttamente il Cliente dell'azienda, alla accuratezza delle informazioni che vengono fornite, all accoglienza e al comfort degli ambienti e del trattamento alberghiero, alla correttezza dei rapporti umani nella relazione con il personale dell'azienda. È ormai una prassi consolidata il fatto che le Aziende che operano nel settore sanitario (A.S.L., Ospedali, Cliniche, Case di Riposo, Centri di Riabilitazione, ecc.) rilevino in modo definito e sistematico i propri standard di qualità dichiarati, affinché tutti possano esserne informati e possano controllarne l'andamento nel tempo. Nella Carta dei Servizi vengono enunciati anche gli impegni e i programmi di miglioramento che l'azienda vuol realizzare nel breve-medio periodo. La redazione della Carta dei Servizi, quindi, modifica profondamente il ruolo di chi accede alle strutture sanitarie e di assistenza: non è più un "soggetto passivo", come voleva la mentalità burocratica, poiché ora gli viene attribuito un potere di controllo sulla qualità dei servizi ricevuti. In sintesi, secondo la normativa gli obiettivi irrinunciabili della Carta dei Servizi sono: l'adozione di standard di qualità del servizio l'informazione sugli standard adottati la valutazione della qualità dei servizi erogati 4

5 la verifica del rispetto degli standard e del grado di soddisfazione degli utenti la tutela del cittadino l'impegno dell'azienda a rilevare e analizzare i segnali di disservizio e ad adottare le misure necessarie per rimuoverli Destinatari del documento La Carta dei Servizi è indirizzata a diversi lettori: alla popolazione, alle Aziende Sanitarie Locali, agli Ospedali, ai Medici di famiglia, ai Comuni e, in generale, a tutte le Associazioni che operano nel campo sanitario e assistenziale. È altresì indirizzata a tutto il personale operante nell'azienda affinché: sia consapevole delle attività complessivamente svolte possa fornire corrette informazioni rispetto a specifici bisogni che l'azienda è in grado di soddisfare orienti i propri sforzi al rispetto degli standard di qualità e degli impegni dichiarati. Ma soprattutto è destinata agli Ospiti e ai loro parenti, affinché possano apprezzare il lavoro di quanti si prodigano attorno a loro e contribuire con i propri suggerimenti ad un continuo miglioramento del servizio di assistenza. 5

6 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA RESIDENZE ANNI AZZURRI srl Residenze Anni Azzurri srl (R.A.A.) è il primo operatore privato in Italia nel settore dell assistenza e alloggio per la Terza Età, ed è ai primi posti in Europa, dove Anni Azzurri rappresenta un punto di riferimento per la sua modernità e per la qualità del servizio. R.A.A. ha cominciato la sua attività nel 1989 e fin dagli inizi si è occupata del settore residenziale per la Terza e Quarta Età attraverso la gestione di strutture polifunzionali per l accoglienza di anziani parzialmente autosufficienti e non autosufficienti. Le caratteristiche dell invecchiamento della popolazione in Italia, il suo volume e le proiezioni sull evoluzione, sul profilo sociale, economico, sanitario, ecc. impongono ogni giorno nuove sfide alle quali l iniziativa privata sta rispondendo con un importante sforzo orientato al futuro, uno sforzo di professionalità, di qualità e di aggiornamento continuo. In questi centri esistono Nuclei considerati all avanguardia, specializzati nell assistenza di persone affette da particolari patologie degenerative del sistema nervoso centrale, patologie vascolari e psichiatriche, (malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson, sclerosi multipla, demenze senili, ). Tipologia delle persone assistite 2% 6% 2% 6% 1% 10% 5% 68% Autosufficienti Non Autosufficienti Patologie neuro-psichiatriche Unità Operativa di Riabilitazione Parzialmente Autosufficienti Alzheimer Stati vegetativi Nucleo Disabili 6

7 Residenze operanti in Italia RESIDENZA CARATTERISTICA GENERALE N. POSTI LETTO CARMAGNOLA Struttura Mista: Via Bornaresio, Carmagnola (TO) tel Autosufficienti Parzialmente autosufficienti Non autosufficienti Alzheimer Totale SANTENA Residenza Sanitario Assistenziale: Via Vecchia Chieri, Santena (TO) tel Parzialmente autosufficienti Non autosufficienti Alzheimer Stati vegetativi Totale VOLPIANO Struttura Mista: PIEMONTE Via Bertetti, Volpiano (TO) tel fax ALESSANDRIA Autosufficienti/Parzialmente autosuf. Parzialmente autosufficienti Non autosufficienti Alzheimer Stati vegetativi Totale Struttura Mista: Strada Rosta, Alessandria tel / Autosufficienti/Parzialmente autosuf. Non autosufficienti Alzheimer (centro diurno) Totale CASTELFERRO Via Carpeneto, Castelferro - Predosa (AL) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 74 CITTA DEL SOLE Regione Montasso Dorzano (BI) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 68 7

8 LA CORTE Via Marconi, Marene (CN) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Parzialmente/Non autosufficienti 121 PALLADIO Via Pascoli, Dormelletto (NO) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Parzialmente/Non autosufficienti 88 SAN LORENZO Via Rovasenda, Gattinara (VC) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Parzialmente/Non autosufficienti 78 PIEMONTE VILLA SAN VINCENZO Vicolo Campagna, Scarnafigi (CN) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Parzialmente autosufficienti Non autosufficienti Totale VILLA FIORITA Frazione Montefallonio, Peveragno (CN) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Parzialmente/Non autosufficienti Sclerosi Multipla Totale TONENGO D ASTI Struttura Mista: Frazione Mariano, Tonengo d Asti (AT) tel Autosufficienti/Parzialmente autosuf. Non autosufficienti Totale

9 NAVIGLI Via Darwin, Milano tel SAN LUCA Via San Luca, Milano tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 87 Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 91 PARCO SEMPIONE Piazza dei Volontari, Milano tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 93 LOMBARDIA MIRASOLE Via P. Borsellino, Opera (MI) tel REZZATO Via Sberna, 4/6 Loc. Virle Treponti Rezzato (Bs) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti Unità Operativa di Riabilitazione Totale Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti Unità Operativa di Riabilitazione Totale SAN FAUSTINO Residenza Sanitario Assistenziale: Via San faustino, Milano tel Non autosufficienti 150 VILLAGGIO SAN FRANCESCO Via del Marinaio, Villanuova sul Clisi (BS) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 150 VILLA DOSSEL Via Mazzano, Caglio (CO) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 60 9

10 SANT ALESSANDRO Via Galvaligi, Mozzate (CO) tel Residenza Sanitario Assistenziale: Non autosufficienti 53 VENETO EMILIA ROMAGNA QUARTO D ALTINO Via G. Pascoli, Quarto d'altino (Ve) tel fax MESTRE Via Morosini 11 Loc. Favaro Veneto Venezia tel fax DUCALE 1 Via del Pozzo, Modena tel DUCALE 2/3 Via dell Ariete, Modena tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 152 Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Nucleo Disabili Totale Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 84 Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 114 B. FRANCHIOLO Via Lamarmora Sanremo (IM) tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 66 LIGURIA LE GRANGE Via Castello Riva Ligure (IM) tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 97 CASTELDONINO Via Piano di Castello, Favale di Malvaro tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 30 10

11 CASTAGNOLA Via Colfranceschi, Chiavari (GE) tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 72 LA MARGHERITA Via Botasi, 75/ Ne (GE) tel Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Non autosufficienti 25 SACRA FAMIGLIA Casa di Riposo per Anziani non autosufficienti: Via Linneo, Rivarolo (GE) tel Non autosufficienti 94 CONERO Residenza Sanitario Assistenziale: MARCHE S. S. 16 Km. 293 Via Flaminia n. 326/A Ancona tel fax Alzheimer e/o dementi Patologie neuro-psichiatriche Totale

12 Organigramma 12

13 Fini istituzionali Lo scopo di R.A.A. è quello di offrire agli anziani che ne hanno bisogno un soggiorno completo di tutto: dal vitto all assistenza socio sanitaria, dalle attività fisiche di riabilitazione a quelle di divertimento e culturali. Le R.A.A. ospitano ed assistono al massimo livello di efficienza Anziani di età superiore ai 65 anni, non autosufficienti ed affetti dalle più importanti forme di decadimento senile, compreso l Alzheimer. Alle Residenze Anni Azzurri si possono portare avanti tutte quelle cure prescritte da un medico che non necessitano di ricovero ospedaliero. Le Residenze sono disponibili anche per brevi periodi, periodi di prova, soggiorni estivi, periodi di convalescenza e soggiorni post operatori. Principi fondamentali L organizzazione Anni Azzurri è basata sull assunto che l Ospite non è solo titolare di diritti o creditore di servizi, ma è una persona che sviluppa la propria identità umana e sociale in nuovi rapporti e relazioni interpersonali, in un ambiente strutturato in funzione dei suoi bisogni psicofisici. L Azienda ispira la sua attività ai principi fondamentali indicati dalle Direttive Ministeriali e di seguito esplicitati. Eguaglianza L erogazione dei servizi dell Azienda è improntata al principio di uguaglianza dei diritti della persona, indipendentemente dal sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche. Particolare attenzione è rivolta all eliminazione delle barriere architettoniche, al fine di garantire un migliore accesso alle strutture. Partecipazione La partecipazione degli Ospiti si realizza attraverso: un efficace sistema di informazione sulle prestazioni erogate e sulle modalità di accesso 13

14 l attuazione di progetti per adeguare le strutture e le prestazioni alle esigenze della persona la rilevazione del livello di gradimento dell utenza rispetto alle prestazioni ricevute. A tal proposito chiunque può produrre memorie e documenti, inoltrare reclami, formulare suggerimenti e proposte per il miglioramento del servizio. Diritto di scelta L'Azienda si è impegnata a erogare i propri servizi offrendo agli Ospiti la più ampia opportunità di scelta per il soddisfacimento delle proprie esigenze. Imparzialità e Continuità L'Azienda si impegna a garantire l'assoluta imparzialità nell'erogazione delle prestazioni fornite, in relazione sia ai modi che ai tempi. Si impegna altresì a far di tutto per ridurre al minimo i possibili disagi derivanti da circostanze occasionali e per garantire la continuità dell'assistenza. Efficacia ed Efficienza Le procedure organizzative adottate nell'azienda tendono alla erogazione di Servizi il più possibile rispondenti alle esigenze delle persone. L'aggiornamento periodico del personale e delle attrezzature utilizzate costituiscono gli strumenti volti a garantire la costante crescita professionale del personale e il livello di qualità delle prestazioni. L'attenzione rivolta all'ospite costituisce pertanto l'impegno prioritario dell'azienda al fine di favorire lo sviluppo di un rapporto sempre più diretto e familiare. 14

15 INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA E SUI SERVIZI FORNITI RESIDENZA ANNI AZZURRI DEL CONERO S. S. 16 Km. 293 Via Flaminia n. 326/A Ancona tel (centralino) fax Il centralino è a disposizione del pubblico tutti i giorni dalle ore 8,00 alle ore 20,00 La Residenza Anni Azzurri del Conero è una struttura sanitarioassistenziale a carattere residenziale che fornisce ospitalità e servizi a persone con diversi livelli e condizioni di autosufficienza. Sorge in località Torrette, a circa 7 Km da Ancona Centro. I lavori di ristrutturazione dell edificio sono iniziati nel novembre 1998 e l inaugurazione è avvenuta nel giugno

16 Come si raggiunge La Residenza Anni Azzurri del Conero è ubicata nel comune di Ancona, a metà strada tra Ancona e Falconara Marittima. Per chi proviene dall autostrada A14 l uscita consigliata è Ancona Nord, superato il casello si prosegue diritto seguendo le indicazioni Ancona Centro. Superato l Ospedale Umberto I, si arriva sulla Statale Adriatica n 16; si svolta a sinistra e proseguendo in direzione di Falconara Marittima dopo circa 700 metri nel piazzale del distributore Agip si accede alla Residenza. La Residenza è servita da autobus del trasporto pubblico CONERO BUS (Linee A B C); si può raggiungere inoltre per via ferroviaria (Stazioni FF.SS. di Ancona - 5 Km e di Falconara M.ma - 3 Km). 16

17 Articolazione della struttura La struttura è articolata in quattro nuclei abitativi, organizzati su quattro piani. Il nucleo è uno spazio architettonico delimitato e definito nell ambito del quale viene organizzata un area abitativa per persone, attrezzata di servizi e spazi funzionali necessari alla quotidianità dell Ospite. In ogni nucleo opera un gruppo di operatori dimensionato numericamente sugli standard regionali e professionalmente qualificato, che garantisce precisione e attenzione alla dignità dell Ospite sia nel suo aspetto che nella sua esistenza. I nuclei consentono di differenziare la collocazione degli ospiti in base alle tipologie dei problemi di ciascuno, cercando di inserire ospiti omogenei sui quali costruire una progettualità di tipo assistenziale e sanitaria mirata ad ognuno. Nell area centrale al piano terra è ubicata la hall con reception, la Direzione/Servizio Accoglienza, l ufficio amministrativo. Nell attico si trova un luminoso locale adibito a sala polifunzionale per le varie attività di animazione ed uno splendido terrazzo che si affaccia sul mare. Sempre al piano attico sono ubicati i servizi a disposizione dell Ospite: studio medico, palestra, parrucchiere, podologo e la cappella. La struttura è dotata di camera mortuaria. I nuclei abitativi comprendono spazi sia individuali che collettivi. a) Camere da letto Le stanze della Residenza sono comode e confortevoli, a uno, due, tre o a quattro letti, tutte dotate di bagni particolarmente adatti alle esigenze dell Ospite, corredati della biancheria necessaria. Le pulizie degli alloggi avvengono quotidianamente. Ogni stanza inoltre ha l aria climatizzata e, su richiesta, la possibilità di usufruire di un telefono passante, che consente all Ospite di fare e ricevere telefonate direttamente dall esterno nel proprio alloggio. Ogni stanza è munita di impianto di antenna centralizzata. 17

18 L arredo delle camere, sobrio ma funzionale con caratteristiche idonee ai bisogni degli Ospiti, compatibilmente con le esigenze della Residenza, può essere personalizzato. Compatibilmente con le procedure di sicurezza della struttura e con gli spazi a disposizione è possibile tenere in camera oggetti personali In caso di necessità l Ospite è in grado di inviare un segnale di soccorso all operatore del nucleo azionando il campanello posto sulla testata del letto e nel bagno. b) Locali di soggiorno In ogni piano è ubicato un soggiorno, fornito di poltrone e tavolini nella zona TV. Tutti gli ambienti sono dotati di opportuni impianti per la diffusione della musica. c) Locale pranzo con attiguo cucinino d) Locale bagno assistito con attrezzatura conforme alla normativa vigente e) Ambulatorio medico al piano attico f) Infermeria All esterno la Residenza si presenta con una zona porticata, allestita con tavoli e sedie, al centro si trova una grande fontana. Nell area destinata a verde, è stato creato un giardino piantumato, con gazebo in legno. 18

19 Livelli generali di assistenza Nell ambito sanitario, la normativa vigente prevede che nelle residenze per anziani vengano svolte attività di prevenzione, cura e riabilitazione che non necessitano del ricovero ospedaliero. L assistenza sanitaria è assicurata da un équipe di medici che presta servizio durante il giorno. Il servizio medico notturno, in caso di necessità, è garantito dalla stessa èquipe medica che assicura l intervento immediato. In caso di emergenza viene attivato il servizio 118. L informazione sulle proprie condizioni di salute é un diritto fondamentale dell Ospite per cui i Medici si rendono disponibili per fornire tutti i chiarimenti necessari al paziente ed ai familiari, nel rispetto della privacy. La Residenza Anni Azzurri ha un Responsabile Sanitario coadiuvato da Medici di Medicina Generale. Il compito dell équipe medica è quello di vigilare sullo stato di salute degli Ospiti, con la collaborazione del personale infermieristico. La visita all Ospite viene effettuata sia in camera che presso lo studio medico della struttura. Le visite specialistiche, quando necessarie, possono essere prenotate negli Ambulatori del Servizio Sanitario Nazionale; se richiesto dall Ospite e/o dal Delegato le visite specialistiche private possono essere effettuate direttamente in Residenza. Gli accertamenti diagnostici vengono indirizzati presso il Servizio Sanitario Nazionale o, su richiesta dell Ospite o del Delegato, presso ambulatori privati, entro un giorno dalla loro prescrizione, salvo impossibilità organizzativa non dipendente dalla volontà della Struttura. I tempi massimi di attesa per il rilascio delle cartelle cliniche e di altri documenti di carattere sanitario di competenza della Residenza sono di quindici giorni dalla richiesta. L attività infermieristica è garantita nelle 24 ore, l infermiere si occupa della preparazione e della somministrazione delle terapie, esegue le medicazioni, i prelievi per gli esami ematochimici, controlla i parametri vitali, attua tutti gli interventi necessari per il mantenimento ed il recupero della salute. Si occupa inoltre dell approvvigionamento dei farmaci, della loro conservazione e della loro scadenza, nonché dei presidi sanitari. L infermiere promuove tutte le iniziative di sua competenza per soddisfare le esigenze bio-psicologiche degli Ospiti e per mantenere un 19

20 clima di serena collaborazione con le famiglie. Provvede inoltre a registrare e a segnalare ogni elemento utile alla diagnostica medica. Collabora con i Medici e con le altre figure professionali per la formulazione del piano di assistenza integrata. Le attività motorie e riabilitative degli Ospiti si svolgono sotto il controllo medico e ad opera di fisioterapisti diplomati che impostano programmi per il recupero e la rieducazione funzionale. Il fisioterapista presta particolare attenzione alle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche ed occupazionali; propone l adozione di protesi ed ausili. Nella Residenza tutti gli operatori sono sensibilizzati ai bisogni dell anziano non più autonomo e fragile. La Residenza garantisce un assistenza sanitaria e socio-assistenziale, nel rispetto degli standard previsti dalle normative vigenti. L'attività socio-assistenziale agli Ospiti è svolta nell arco delle 24 ore e riguarda tutte quelle attività atte al mantenimento dello stato di salute e del benessere psicofisico della persona: l ospite viene aiutato per la mobilizzazione, l igiene personale, il bagno o la doccia, la vestizione e l alimentazione. Particolare attenzione viene rivolta all'idratazione; l alloggio viene governato e pulito con attenzione. Una cura particolare viene riservata ai servizi igienici e ai cambi della biancheria; l autosufficienza viene favorita attraverso il controllo della deambulazione e con accorgimenti per una corretta postura durante le condizioni di riposo; viene offerta collaborazione durante le attività atte a favorire la socializzazione degli ospiti; vengono svolti interventi di controllo e vigilanza per garantire l incolumità della persona. Responsabile Sanitario: geriatra, responsabile medico sanitario della struttura, cura i rapporti con i medici curanti ed i parenti degli ospiti, procede ad una prima stesura della cartella clinica (anamnesi remota prossima patologica, etc.), emana direttive sul comportamento generale da tenere con il paziente controlla le terapie e coordina l attività dei medici di base che collaborano con la Residenza. Responsabile Servizio Infermieristico: funge da coordinatore delle varie figure professionali sanitarie, provvede al rifornimento dei farmaci e presidi vari, esegue controlli continui sullo strumentario in dotazione alla struttura, coordina e controlla direttamente il personale 20

21 infermieristico, controlla la messa in atto delle direttive emanate dal Direttore e dal Responsabile Sanitario. Educatrice Professionale: programma e mette in atto progetti volti alla riabilitazione psichiatrica. Tali progetti riabilitativi, rivolti a pazienti con demenza senile e patologie neuro-psichiatriche, comprendono attività funzionali con l obbiettivo di stimolare le diverse funzioni (cognitive e comportamentali) compromesse. Alcuni esempi: attività artistiche, musicoterapia, favorenti l espressione della creatività, attività occupazionali favorenti la manualità; attività di stimolazione della memoria; dialoghi individuali e di gruppo volti a stimolare il ricordo di immagini piacevoli e quindi ad innalzare il tono dell umore dei soggetti anziani. Psicologo: integra e continua la valutazione psicologica iniziata dal Responsabile Sanitario sul paziente; tale valutazione corrente tiene in considerazione le variazioni degli aspetti comportamentali e cognitivi tramite un colloquio diretto utilizzando modelli o test di valutazione cognitiva (minimental m.s.e.). Attua strategie di supporto ai famigliari degli ospiti che possono vivere il momento dell istituzionalizzazione come un momento di abbandono del congiunto. Mantiene un rapporto costante con i famigliari essendo presente costantemente nei reparti, tramite tecniche di dialogo e di ascolto e rispondendo ai quesiti principali che i famigliari chiedono, soprattutto in relazione a possibili sofferenze psicologiche dei congiunti. Lo Psicologo è incaricato anche di attivare tecniche di sostegno di gruppo per i famigliari che volessero partecipare. Membro importante del servizio di accoglienza risponde ai famigliari anche relativamente a domande riguardanti la vita quotidiana della struttura. Medici Interni: eseguono un controllo continuo sullo stato generale del paziente; sono presenti in struttura in orari diversi da quelli del medico di base, forniscono una reperibilità continua in orario notturno e festivo per garantire una continuità assistenziale. Fisioterapisti della riabilitazione: si occupano della rieducazione motoria in generale; ginnastica respiratoria; ginnastica articolare; riavvio alla statica e alla deambulazione, finalizzata al mantenimento delle capacità residue del paziente; redigono se necessario il piano di mobilizzazione a letto del paziente immobilizzato. Si avvalgono di un piano di lavoro individuale o di gruppo. Podologa: ha il compito di controllare e valutare le eventuali modificazioni del piede, come alterazioni del trofismo, apparati legamentosi, muscolari, osteo articolari; alterazioni anatomiche fisiologiche che patologiche funzionali, statiche dinamiche del piede. 21

22 Esegue valutazioni e trattamenti di routine, (prevenzione, igiene e rimozione); consiglia medicazioni (ulcere sclere, etc.); su richiesta confeziona ausili per la statica e/o la deambulazione (ortesi, plantari, ortoplastiche, etc.). È possibile fissare appuntamenti extra con la podologa presso la reception. Logopedista: è l operatrice che si occupa della prevenzione, valutazione e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e della comunicazione. Valuta le capacità comunicative residue e con l intervento riabilitativo le sostiene e attua una stimolazione dell attività verbale e mnemonica con esercizi linguistici e di orientamento personale e spazio temporale. È anche competente del settore dei disturbi della deglutizione ed in collaborazione con il medico valuta l ospite e si occupa del trattamento riabilitativo fornendo informazioni sui sintomi, le tecniche di postura facilitanti per l ospite e indicando le proprietà fisiche degli alimenti secondo criteri di sicurezza in base ai deficit osservati. L animazione: L animazione e la vita di relazione sono componenti fondamentali del modo di vivere nella Residenza. L animazione è intesa come un insieme di attività ricreative, culturali, ludiche o educative ed offre tutte le possibilità di stimolo alla promozione psicofisica della persona. Queste attività vengono svolte dagli Animatori o dagli Educatori Professionali, tenendo conto dei bisogni sociali del singolo Ospite. Il lavoro di animazione intende perseguire, partendo da un approccio integrato tra le diverse figure professionali presenti in Residenza, un approccio progettuale che parte da un analisi della rete familiare ed informale e dai dati sociali anamnestici per formulare un piano personalizzato di proposte da attuare a favore dell Ospite. Particolare attenzione viene inoltre garantita rispetto a tecniche di ambientazione finalizzate a favorire la partecipazione alle attività. Per meglio cogliere l attenzione dell Ospite vengono affisse delle locandine nei vari punti di passaggio della residenza riportanti informazioni circa le iniziative e le opportunità animativo/culturali nelle quali l Ospite viene coinvolto. 22

23 Orari indicativi delle attività e dei servizi nella Struttura Servizio di fisioterapia Dalle Alle Dalle Alle Lunedì 8,30 13,00 15,30 18,30 Martedì 8,30 13,00 15,30 18,30 Mercoledì 8,30 13,00 15,30 18,30 Giovedì 8,30 13,00 Venerdì 8,30 13,00 15,30 18,30 Sabato 8,30 12,00 Servizio di Animazione Dalle Alle Dalle Alle Lunedì 14,00 18,00 Martedì 8,00 12,00 Mercoledì 8,00 12,00 Giovedì 8,00 12,00 Venerdì 14,00 18,00 Psicologa Dalle Alle Dalle Alle Lunedì 9,00 12,00 Martedì 9,00 13,00 Mercoledì 16,30 19,30 Giovedì 9,00 13,00 Venerdì 9,00 12,00 Sabato 9,00 12,00 23

Residenze Anni Azzurri S.r.l. REZZATO - Brescia UNITÀ OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE E GERIATRICA CARTA DEI SERVIZI

Residenze Anni Azzurri S.r.l. REZZATO - Brescia UNITÀ OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE E GERIATRICA CARTA DEI SERVIZI Residenze Anni Azzurri S.r.l. REZZATO - Brescia UNITÀ OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE E GERIATRICA CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione della Direzione Pag. 3 La Carta dei Servizi Pag. 4 Presentazione

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere fisico, m entale e sociale di tutte le persone che desiderano

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Residenziali per le persone anziane Testo approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 26 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli