IL CRISIS MANAGEMENT IN AZIENDA. Norma ISO 22301:2012 & BCI Good Practice Guidelines

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CRISIS MANAGEMENT IN AZIENDA. Norma ISO 22301:2012 & BCI Good Practice Guidelines"

Transcript

1 IL CRISIS MANAGEMENT IN AZIENDA Norma ISO 22301:2012 & BCI Good Practice Guidelines 1 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

2 AGENDA INTRODUZIONE NORME E STANDARD IL BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT SYSTEM CASI DI STUDIO DIBATTITO E CONCLUSIONI 2

3 INTRODUZIONE Il Crisis Management in Azienda 3 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

4 EVOLUZIONE DELL APPROCCIO AL RISCHIO La comunicazione inerente ai temi della gestione del rischio e degli eventi critici cresce il senso di sicurezza diminuisce! 4

5 RISCHIO E PAURA DEL RISCHIO Condizione di paura molto simile a quella delle popolazioni primitive per cui si assiste ad una perdita di ottimismo e a una crescente condizione di paura legata alla percezione del rischio proprio nei sistemi sociali avanzati, supertecnologici! 5

6 CAMBIA IL CONCETTO DI RISCHIO Nelle Società pre-moderne Nelle Società avanzate era soprattutto legato ad eventi naturali esterni all individuo appare insito nell uomo, legato alle sue decisioni e proiettato perciò nel futuro 6

7 LA SOCIETÀ DEL BENESSERE Il rischio appare sempre più legato all agire umano più una società eleva gli standard di benessere, più si espone ai rischi! 7

8 RESILIENZA AL RISCHIO - DEFINIZIONE La resilienza è definita come la capacità di un materiale di resistere a forze impulsive Un organizzazione è resiliente quando ha la capacità di cambiare e adattarsi prima che il rischio di riferimento la costringa a farlo! 8

9 CRISI - DEFINIZIONE «Una crisi è un evento grave che distrugge tutte le nostre precedenti convinzioni» - Prof. Ian Mitroff - 9

10 QUALCHE NUMERO Fonte: Economic Perspectives On Terrorism Insurance published in May 2002 by the Joint Economic Committee of the U.S. Congress Evento Numero di Vittime Perdite Economiche World Trade Center (2001) Bomba Aeroporto Colombo (2001) Bomba Oklahoma City (1995) Bomba Londra (1993) Bomba World Trade Center (1993) mld $ mln $ 145 mln $ 907 mln $ 725 mln $ 1 Il 43% delle organizzazioni non si è mai ripreso dalla Crisi 2 3 Il 90% dei business che perdono i dati come conseguenza di un disastro chiudono nel giro di 2 anni L 80% dei business sprovvisti di un piano di recupero sono costretti a chiudere entro 1 anno dal disastro Fonte: London Chamber of Commerce and Industry Disaster Recovery: Business Tips for Survival, May

11 NON SI SCHERZA PIÙ Un test PsyOps, via Twitter (dal Syrian Electronic Army, un gruppo mercenario pro-assad) Fonte: Evoluzione delle minacce e degli attacchi: dati del 2013, scenari e tendenze, A. Zapparoli Manzoni, Clusit Education 11

12 NON SI SCHERZA PIÙ Il sabotaggio dell account Twitter di Associated Press causò al NYSE una perdita di 53 mld $ in 5 minuti Fonte: Evoluzione delle minacce e degli attacchi: dati del 2013, scenari e tendenze, A. Zapparoli Manzoni, Clusit Education 12

13 LE CONSEGUENZE DELLA CRISI In ogni crisi vi è un «costo psicologico» Ogni crisi comporta un ulteriore, più profonda crisi sul significato e scopo della nostra esistenza, che può portare a una sindrome post traumatica da stress. Tuttavia L origine della parola crisi (dal greco Krisis) significa scelta, decisione In Cinese la parola "crisi" è formata da due caratteri che significano rispettivamente: 危 pericolo 机 opportunità 13

14 BUSINESS CONTINUITY: EVOLUZIONE STORICA Tecnologia Business Executive Management Disaster Recovery Business Continuity Crisis Management Back-up dei dati/on-line mirroring Trading Room attrezzate Recovery desks Duplicazione/Affitto locali CED Archiviazione Nastri in Siti Remoti Investimenti in Telecomunicazioni Ogni linea di Business partecipa attivamente ai test riflette sui processi critici e sulle risorse investe nella Business Continuity Business Impact Analysis Definizione di RTO - Recovery Time Objectives Definizione di RPO Recovery Point Objectives Piani di Business Continuity Management segue un preciso protocollo coordinato dal Crisis Management Team Le decisioni prese più rapidamente. Maggior focus sulla sicurezza delle persone Calling Tree e Piani di Evacuazione Piani di Crisi con distribuzione delle attività nel Management Test con Simulazione Scenari di Crisi Crisi di Zona Attività Metodologia 14

15 BUSINESS CONTINUITY: ERRORI COMUNI La materia è ancora assolutamente pionieristica per il nostro Paese e non è infrequente incorrere in fraintendimenti ed errori metodologici. Di seguito i più comuni: 1 LA BUSINESS CONTINUITY FA PARTE DEL RISK MANAGEMENT FALSO Il Risk Management si fonda - per definizione - su un approccio probabilistico, mentre la Business Continuity parte dal presupposto che un interruzione può avvenire per qualsiasi motivo (probabilità di accadimento = 1) e che quindi bisogna rendere l organizzazione resiliente a prescindere dal rischio specifico di un determinato evento avverso. Le due discipline sono quindi assolutamente complementari ed entrambe fondamentali. 2 LA BUSINESS CONTINUITY SI APPLICA SOLO AL «RISCHIO RESIDUO» FALSO Pensiero estremamente pericoloso e responsabile del fallimento di numerose organizzazioni: applicare la Business Continuity al solo «rischio residuo» significa considerare infallibili i modelli probabilistici su cui si fonda il Risk Management. La Business Continuity va applicata a tutti i processi, prodotti o servizi aziendali. 3 LA BUSINESS CONTINUITY È MATERIA DI PERTINENZA DELL ICT DEPARTMENT FALSO La Business Continuity è una disciplina che mira a conferire resilienza all organizzazione nel suo complesso. Sebbene con l evoluzione tecnologica l ICT abbia permeato sempre più i processi aziendali, esso rimane solo una parte (comunque fondamentale) del Sistema di Gestione della Continuità Operativa. Il Disaster Recovery è infatti solo un sottoinsieme della Business Continuity. 15

16 APPROCCIO ALLA MATERIA Approccio Reattivo Pro: - Semplicità di comprensione (da parte del Management) - Semplicità di realizzazione Approccio Proattivo Pro: - Massimizzazione delle sinergie - Minimizzazione delle perdite economiche - Maggiore efficacia - Maggiori margini di analisi Contro: - La fretta comporta errori - Massimizzazione delle perdite e minimizzazione delle sinergie Contro: - Difficoltà di comprensione (da parte del Management) - Difficoltà di realizzazione 16

17 COSTO O INVESTIMENTO? Organizzazioni Reattive Organizzazioni Proattive Si preoccupano di generare profitti! Si preoccupano di fare la cosa giusta! Suprema ironia, le organizzazioni proattive: Fanno molti più profitti! Statisticamente subiscono meno crisi! Ritornano al business più velocemente e con meno cause legali! 17 Fonte: Prof. Ian I. Mitroff (www.mitroff.net) University Professor, Alliant International University di San Francisco e University of California Berkeley - President, Comprehensive Crisis Management, Oakland, CA

18 NORME E STANDARD Il Crisis Management in Azienda 18 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

19 DOVE LA NORMA È GIÀ COGENTE Istituzioni Finanziarie Infrastrutture Critiche Pubbliche Amministrazioni Basilea II Buoni Principi di Gestione del Rischio Operativo D.Lgs. 61/2011 D.Lgs. 235/

20 ISO 22301:2012 & EUROPEAN NORMS 1 PREMESSA 2 La Norma ISO 22301:2012 è stata recentemente inclusa nell elenco delle European Norms 1 (ENs), ovvero documenti ratificati da una delle tre European Standardization Organization competenti in materia di produzione di standard tecnici come da Norma UE n. 1025/ REAZIONI DEL MERCATO 4 Sono già diverse le organizzazioni europee che hanno intrapreso un percorso verso la certificazione secondo i principi dettati dalla Norma ISO 22301:2012. Tra di esse, molte aziende pubbliche o private appartengono alle cosiddette Infrastrutture Critiche o a settori ad esse funzionali (fornitori). SENTIMENT DEGLI ESPERTI Cultori della materia ed esperti a livello internazionale concordano nel pensare che qualora il Parlamento Europeo dovesse decidere di regolamentare la continuità operativa delle Infrastrutture Critiche, la ISO 22301:2012 si trasformerebbe da un «semplice» standard a una norma cogente. PROSPETTIVE PER INFR. CRITICHE Le Infrastruttura Critiche sono quindi fortemente incentivate all adozione dello standard a prescindere dall obbligo normativo. Un Sistema di Gestione della Continuità Operativa conforme alla Norma ISO 22301:2012, infatti, conferisce resilienza ed efficienza a tutta l organizzazione Una EN diventa automaticamente lo standard di riferimento in vigore negli Stati membri del sistema CEN- CENELEC Vantaggi della Certificazione ISO 22301:2012 Resilienza organizzativa Efficienza operativa Perdite derivanti da interruzioni Rischi reputazionali

21 ISO 9001: CONTINUITÀ E QUALITÀ A settembre 2015 verrà pubblicata ufficialmente la revisione della Norma ISO 9001:2008 sul tema della «Gestione per la Qualità», ad oggi in pubblica inchiesta. Questo aggiornamento prevede una serie di innovazioni che hanno diversi punti di contatto con la Business Continuity: 1 METODOLOGIA BASATA SUL PRINCIPIO DI CRITICITÀ Come per lo schema di certificazione ISO 22301:2012, le aziende dovranno provvedere a un analisi delle minacce e al monitoraggio del contesto per pianificare un sistema di gestione adeguato alle proprie criticità. 2 MAGGIOR ENFASI SULLA LEADERSHIP DEL TOP MANAGEMENT Esattamente come previsto anche dalla Norma ISO 22301:2012, questo standard prevede l attribuzione chiara di responsabilità al Top Management nell identificazione degli obiettivi di gestione e nella pianificazione / controllo del cambiamento. 3 ATTENZIONE A PROCESSI, PRODOTTI E SERVIZI FORNITI DA ESTERNI In un contesto sempre più complesso, costituito da processi in outsourcing e forti interdipendenze con la supply-chain, risulta fondamentale avere il presidio della catena del valore nel suo complesso per assicurare qualità e continuità alle proprie attività. Si può dunque concludere che vi siano molteplici sinergie tra questi due importanti Standard! 21

22 IL BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT SYSTEM Il Crisis Management in Azienda 22 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

23 BCI GOOD PRACTICE GUIDELINES 2013 GESTIONE DELLA POLICY E DEL PROGRAMMA FASE 1 INCORPORAZIONE NELLA CULTURA AZIENDALE FASE 2 ANALISI E PROGETTAZIONE 1 FASE 3 IMPLEMENTAZIONE DEI PIANI DI CONTINUITÀ FASE 4 CONVALIDA E MANUTENZIONE FASE Le fasi indicate dalle BCI Good Practice Guidelines sono 6, perché Analisi e Progettazione vengono considerate due fasi separate. In questa slide sono state unite per ragioni puramente grafiche e di sintesi

24 IL BCMS IN AZIENDA: PERCHÉ È FONDAMENTALE PERCHÉ UN AZIENDA SI DOVREBBE DOTARE DI UN SISTEMA DI GESTIONE? La continuità operativa deve essere gestita secondo un approccio olistico Un BCMS conferisce maggiore efficienza all organizzazione nel suo complesso Con un BCMS i costi di recupero da un interruzione si riducono sensibilmente È dimostrato che chi investe sulla propria continuità operativa, ottiene maggiori profitti Fonte: studio del Prof. Ian Mitroff, padre delle metodologie di Crisis Management e docente presso la University of South California e la University of Berkeley California (www.mitroff.net)

25 LA BUSINESS IMPACT ANALYSIS A = analisi Ciò significa che dobbiamo eliminare il più possibile le opinioni soggettive e rendere i risultati oggettivi e comparabili 25

26 COSA NON È LA BUSINESS IMPACT ANALYSIS Progetto Organizzativo Valutazione dei Clienti Valutazione del Prodotto Valutazione delle Risorse La BIA è un analisi d impatto! Valutazione dei Rischi Assessment di stabilità dell edificio Valutazione dei Profitti Valutazione del Processo 26

27 COSA SI INTENDE PER «CRITICO» In un organizzazione ci sono diverse funzioni che pur essendo estremamente importanti, non sono critiche. Queste funzioni non saranno dunque soggette ad alcuna analisi di impatto, né a strategie costose per assicurare il recupero delle attività in caso di crisi. Esse avranno in ogni caso un Piano e saranno considerate parte del BCMS. CRITICO IMPORTANTE CRITICO = TIME SENSITIVE / URGENTE 27

28 I REQUISITI PER LE RISORSE Risorse Normale Normale Sostenibile Minimo Accettabile Tempo 28

29 I REQUISITI PER LE RISORSE - OSSERVAZIONI Risorse Minimo Accettabile Sostenibile Normale Normale Tempo 29

30 IL PIANO DI CRISI Chi Chi ha la responsabilità delle azioni di recupero Cosa Cosa è necessario per recuperare/continuare le funzioni e l operatività Dove Dove andare per recuperare/continuare le funzioni e l operatività Quando Quando devono essere ripristinate le funzioni di business e l operatività Come Come effettuare il recupero (procedure dettagliate di ripristino, continuità e ritorno alla normalità) 30

31 Attività LA SOSTENIBILITÀ DEL PIANO NEL TEMPO Normale Normale Sostenibile Minimo Accettabile Tempo Emergenza Crisi Continuità Recupero Disattivazione 31

32 CASI DI STUDIO Il Crisis Management in Azienda 32 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

33 33 THE BUSINESS CONTINUITY PLAN - VIDEO

34 34 CANTOR FITZGERALD CASE HISTORY

35 CANTOR FITZGERALD - BACK TO BUSINESS Sept. 11 th Cantor Fitzgerald ha perso il 70% della sua forza lavoro La prima riunione di crisi si è tenuta a casa di un Executive Manager I dipendenti sopravvissuti si sono incontrati al Pierre Hotel a Midtown Cantor Fitzgerald aveva un Piano di Crisi e un sito di back-up a Londra Sept. 13 th Cantor Fitzgerald torna operativa sui mercati Risultato straordinario reso possibile da una grande cultura aziendale! 35

36 36 NYC OEM - UNA BEST PRACTICE INTERNAZIONALE

37 ELLIS ISLAND LA COMPLESSITÀ DI NEW YORK CITY WALL STREET 61 HOSPITALS $1.13 TRILLION GDP 21 ACTIVE US MILITARY INSTALLATIONS THE STATUE OF LIBERTY ONE-THIRD OF THE NATION S LARGEST MEDIA COMPANIES 22 UNDERWATER RAIL TUNNELS THE UNITED NATIONS 5 MILLION DAILY SUBWAY PASSENGERS THE NEW YORK STOCK EXCHANGE 2.5 MILLION DAILY BUS PASSENGERS THE BROOKLYN BRIDGE 92.4 MILLION ANNUAL AIR TRAVELERS TWO MAJOR LEAGUE BASEBALL STADIUMS 950 COMMERCIAL VESSELS IN THE NEW YORK HARBOR BARCLAY S CENTER 51 MILLION ANNUAL TOURISTS 182 NURSING HOMES 800,000 DAILY COMMUTERS INDIAN POINT NUCLEAR POWER PLANT 600 CULTURAL INSTITUTIONS THE EMPIRE STATE BUILDING BROOKHAVEN NATIONAL LABORATORY 8.2 MILLION RESIDENTS 37

38 38 BRITISH PETROLEUM CASE HISTORY

39 39 REBRANDING LA QUESTIONE REPUTAZIONALE

40 DIBATTITO E CONCLUSIONI Il Crisis Management in Azienda 40 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

41 LA CERTIFICAZIONE BCI I professionisti certificati dal Business Continuity Institute (www.thebci.org) hanno competenze riconosciute a livello internazionale e operano secondo la metodologia indicata dalle BCI Good Practice Guidelines 2013, basate sulla Norma ISO 22301:2012. Inoltre, un professionista BCI garantisce l allineamento del linguaggio! l adozione di best practice di mercato! una metodologia sviluppata dai massimi esperti di business continuity al mondo! 41

42 42 THE BCI ITALIAN FORUM

43 IL CRISIS MANAGEMENT IN AZIENDA Norma ISO 22301:2012 & BCI Good Practice Guidelines 43 Sessione di Studio AIEA - Milano, 17 aprile 2015

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Milano 23 novembre 2011

Milano 23 novembre 2011 ORBIT - Open Day Milano 23 novembre 2011 Carlo Loveri Agenda 14.30 Benvenuto 14.45 Business Continuity & Disaster Recovery Management: Cenni; Standards di riferimento; Best practices. Carlo Loveri CEO

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART.

Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. Agenzia per l'italia Digitale I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI PER L ADOZIONE DELLE SOLUZIONI DI DISASTER RECOVERY, IN LINEA CON L ART. 50 BIS DEL CAD VERSIONE 2.4 DEL 30/07/2012 SOMMARIO 1. Introduzione 2

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del c. 3, lettera b) dell art. 50bis del Codice dell Amministrazione Digitale Aggiornamento 2013 1 Sommario GUIDA ALLA LETTURA...

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI Per la diffusione immediata: 29/06/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent.

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Immagine copertina Verifica routing Questa pagina Visualizzazione spazio

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli