I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I problemi dell Inghilterra negli anni Venti"

Transcript

1 I problemi dell Inghilterra negli anni Venti IPerteSto La nascita del Partito laburista In Gran Bretagna, dalla metà del xix secolo, si alternavano alla guida del governo il Partito liberale, che rappresentava la borghesia più avanzata, e il Partito conservatore, legato agli interessi dell aristocrazia terriera, dell alta finanza e delle grandi banche. Mancava quindi un organismo politico capace di rappresentare in Parlamento gli interessi dei lavoratori. Così, il 27 febbraio 1900 (una data simbolica, scelta apposta, perché in quel medesimo giorno, nel 1837, l Unione dei lavoratori londinesi si era schierata a favore della Carta del Popolo) si riunì per la prima volta il Labour Representation Committee (lrc), un comitato composto da sette sindacalisti, incaricato da varie organizzazioni operaie britanniche di dare vita a un partito che tutelasse le classi meno abbienti. James ramsay MacDonald ( ) fu eletto segretario. la nuova struttura non era aperta all iscrizione libera di singoli individui, come i moderni partiti politici; piuttosto, era un aggregazione di associazioni sindacali o politiche (65, nel 1901) e in tale veste si proponeva come strumento di coordinamento elettorale per i candidati vicini al movimento operaio. Nel 1903 il Partito liberale sottoscrisse un accordo con il Labour Representation Committee, in base al quale si impegnava a sostenere i candidati dell lrc in una trentina di circoscrizioni, in cambio dell appoggio dell lrc ai candidati liberali nelle circoscrizioni rimanenti. Nel 1906, grazie al patto elettorale, il Labour Representation Committee ottenne la nomina di 30 deputati, un risultato notevole se paragonato ai due soli deputati eletti nel Non bisogna poi dimenticare che, in questo periodo, solo il 59% della popolazione maschile adulta della Gran Bretagna aveva accesso al suffragio. la parte più povera della popolazione (quindi molti potenziali elettori dei laburisti) non potevano esprimere la loro preferenza. Subito dopo il successo elettorale sorse il Labour Party (Partito laburista) vero e proprio, che tuttavia dovette immediatamente fronteggiare due problemi spinosi: 1. a quell epoca, coloro che sedevano in Parlamento non percepivano alcuno stipendio. Costituire alle spalle dei deputati d estrazione operaia una struttura permanente, so- PERCORSI DI STORIA EUROPEA Accordi e patti elettorali Sostenitori del Partito laburista immortalati durante una gita in bicicletta nel IPERTESTO A 1 I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

2 IPerteSto lida anche sotto il profilo finanziario, era dunque una necessità vitale. la questione venne risolta con una legge del 1911 che introdusse uno stipendio per i parlamentari; 2. dato che ad aggregarsi al partito erano le associazioni e non i singoli, all interno di molte unioni sindacali si creò una nutrita minoranza di scontenti. Infatti, dopo l accordo del 1903, molti non vedevano con favore che un partito ritenuto comunque concorrente (il Partito liberale) fosse indirettamente appoggiato anche da loro, in virtù dei contributi che essi versavano alle associazioni sindacali. Nel 1908, un ferroviere liberale citò in giudizio l organizzazione cui era iscritto, e il giudice sentenziò che il sindacato non poteva usare per scopi politici i contributi versati dagli operai membri dell unione stessa. Solo nel 1913 venne risolta questa delicatissima questione: un apposito Trade Union Act (una legge) precisò che un sindacato poteva usare i propri fondi per scopi politici, ma solo se in un congresso decideva in tal senso la maggioranza dei delegati (che a loro volta rappresentavano, quindi, la maggioranza degli iscritti). Alle minoranze contrarie era concesso di restare ugualmente all interno dell organizzazione sindacale; anzi, se avessero reso pubbliche le loro obiezioni, tali dissidenti non sarebbero stati tenuti a versare la porzione di quota che il sindacato avrebbe poi devoluto per scopi politici. UNITÀ VI 2 ECONOMIA E POLITICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI Il movimento operaio inglese durante la guerra le parole Governo di coalizione Un governo formato dall alleanza di più partiti. Nel 1914, in Inghilterra, il governo, oltre che dai laburisti era formato anche dai conservatori e dai liberali. Voto sui crediti di guerra Con questa espressione si intendono tutte le misure prese dai governi dei singoli Stati impegnati in un conflitto per finanziare la guerra. Nel corso della prima metà del 1914, tutte le principali Trade Union (cioè sindacati, che tra il 1905 e il 1914 ebbero un aumento vertiginoso, passando da 2 a circa 4 milioni di iscritti) aderenti al Partito laburista effettuarono le votazioni previste dal Trade Union Act dell anno precedente: su 63 organizzazioni, solo tre piccoli sindacati respinsero il principio dell uso per scopi politici di una parte dei fondi raccolti. Forte del rinnovato sostegno sindacale, il Partito laburista si diede un organizzazione sempre più efficace e capillare. Nell agosto dello stesso anno, il Partito laburista accettò di entrare a far parte del governo di coalizione creato per far fronte all emergenza derivante dallo scoppio della prima guerra mondiale. A differenza di quanto accadde in Italia, dove i socialisti si erano opposti al conflitto e anche dopo il 1918 avrebbero mantenuto viva la loro polemica contro gli interventisti, il partito laburista non assunse alcuna posizione che potesse apparire come antinazionale. Sotto questo profilo, il nuovo partito operaio britannico sembra molto più simile ai partiti socialisti di Germania e Francia, che però erano marxisti e aderivano alla Seconda Internazionale. Dopo il voto sui crediti di guerra, ramsay MacDonald diede le dimissioni da presidente del Partito parlamentare e venne sostituito, per il periodo della guerra, da Arthur Henderson ( ). Da quel momento, e per tutta la durata del conflitto, l allineamento dei laburisti e dei sindacati alla politica governativa fu praticamente totale. Il 24 agosto 1914, venne dichiarata una tregua industriale, sulla base di una mozione votata sia dal partito sia dai principali sindacati. In tale testo, si auspicava «che fosse fatto uno sforzo immediato per por fine a tutte le controversie di lavoro esistenti e che, qualunque nuova difficoltà potesse sorgere durante la guerra, si facesse un serio tentativo da parte di tutti gli interessati per raggiungere un accordo amichevole prima di arrivare a uno sciopero o una serrata». Durante gli anni della guerra, dapprima l industria degli armamenti, poi gran parte dell economia britannica furono sottoposte a un controllo statale sempre più rigoroso, all insegna di un patto stipulato tra governo e organizzazioni sindacali. Il primo, da parte sua, si impegnò a garantire agli operai alti salari e buone condizioni di lavoro; in cambio, però, il diritto di sciopero e di protesta erano di fatto soppressi.

3 Questa nuova situazione non fu accolta pacificamente da tutta la classe operaia; a partire dalla regione scozzese di Glasgow, anzi, si diffuse il movimento degli shop stewards, espressione che designava alcuni delegati di fabbrica, eletti direttamente dai lavoratori, che avevano assunto una posizione di forte contrasto rispetto alle grandi Trade Unions, accusate di non servire più la causa dei lavoratori. Nato nel 1915, il movimento raggiunse il massimo della propria forza negli anni , ma venne infine efficacemente battuto dal governo, per mezzo di una serie di importanti concessioni nel tra queste ricordiamo il suffragio universale maschile, il prolungamento dell obbligo scolastico dai 13 ai 18 anni e un vasto programma di edilizia popolare. Inoltre, un decreto, emanato nello stesso anno dal ministero del lavoro, permise di imporre un minimo salariale garantito ai lavoratori, in tutti quei casi in cui il salario stesso fosse ritenuto troppo basso. L indipendenza dell Irlanda Durante la prima guerra mondiale, l Inghilterra non corse mai il pericolo che una protesta sociale paralizzasse il Paese o bloccasse la produzione bellica. Un problema assai più serio, invece, esplose in Irlanda. Il lunedì di Pasqua del 1916, approfittando del fatto che l esercito britannico era impegnato nel conflitto mondiale, un gruppo di estremisti aveva occupato l edificio della Posta centrale di Dublino e proclamato la nascita di una libera e indipendente repubblica d Irlanda. la rivolta non si estese oltre la capitale, e anche all interno della città stessa gran parte della popolazione si dissociò apertamente dall insurrezione. le autorità inglesi, tuttavia, reagirono con estrema durezza: dapprima lasciarono che l esercito usasse l artiglieria nel centro di Dublino; poi, dopo la resa, condannarono a morte i principali leader ribelli. la situazione, pertanto, invece di tornare alla normalità si aggravò ulteriormente, creando intorno alla lotta per l indipendenza quel consenso che, in precedenza, essa non era ancora riuscita a ottenere. Nel 1919, i più accesi sostenitori della lotta contro l Inghilterra costituirono un organizzazione armata, che prese il nome di IRA (Irish Repubblican Army esercito repubblicano irlandese) e che venne guidata da Michael Collins; per due anni, l Irlanda fu teatro di una serie di spietati e clamorosi attentati, finalizzati a obbligare il governo inglese a concedere al Paese l indipendenza. Dopo aver tentato di rispondere colpo su colpo agli atti terroristici dell IrA, innescando una spirale di violenze sempre più feroci da entrambe le parti, le autorità britanniche accettarono infine di trattare. Collins, dopo un lungo e complesso negoziato, il 6 dicembre 1921 firmò un trattato col governo di londra; quest ultimo non riconosceva l indipendenza della sua più antica colonia, ma comunque permetteva la nascita di uno Stato libero d Irlanda. esso si doveva impegnare a far parte del Commonwealth, una comunità di Stati che, pur essendo del tutto autonomi negli affari in- PERCENTUALE DEI VOTI OTTENUTI DAI PRINCIPALI PARTITI INGLESI ( ) Conservatori 46,6 39,6 38,5 Liberali 44,2 25,6 28,3 Laburisti 46,4 21,4 29,7 Altri 42,8 13,4 3,5 Dalla tabella si può vedere il costante aumento dei consensi registrato dal Partito laburista in Inghilterra. Questo andamento, che diventerà ancora più forte negli anni seguenti, porterà al progressivo declino del Partito liberale e allo scontro tra conservatori e laburisti per il governo dell Inghilterra. i luoghi Irlanda L occupazione inglese dell Irlanda ebbe inizio nel 1171; per diverso tempo non si trattò di spedizioni pianificate e guidate personalmente dal sovrano, ma di razzie e di incursioni condotte da gruppi di avventurieri armati, che infine riuscirono a impadronirsi con la forza di intere regioni. Durante il suo regno ( ), Enrico VIII mise in atto una repressione brutale dei tentativi di autonomia irlandesi, cosicché quando la monarchia inglese ruppe i rapporti con la Chiesa di Roma, per reazione la maggior parte degli irlandesi rimase cattolica. Nel Seicento il Paese si ribellò più volte contro la dominazione inglese, senza successo. Nel Settecento la popolazione irlandese aumentò notevolmente di numero e la nuova coltura della patata permise di sostenere il peso dell incremento demografico. Tuttavia tra il 1845 e il 1848 si verificò una drammatica carestia, provocata dall improvvisa diffusione, nelle colture di patate, di un parassita che faceva marcire i tuberi. Iniziò allora un imponente processo di emigrazione, diretto soprattutto verso gli Stati Uniti: degli abitanti che l Irlanda contava nel 1841, nel 1911 non ne restavano che IPerteSto IPERTESTO A 3 I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

4 IPerteSto Prima dell indipendenza dell Irlanda, i combattimenti e le violenze tra i soldati inglesi e l IRA furono accesissimi. Nell immagine un momento degli scontri in una via di Dublino durante il lunedì di Pasqua del UNITÀ VI 4 ECONOMIA E POLITICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI L Eire, repubblica indipendente terni, restavano fedeli alla Corona inglese. la condizione dell Irlanda, dunque, diveniva simile a quella del Canada, del Sud Africa, dell Australia e della Nuova Zelanda. tali ex colonie d oltremare, però, erano abitate per la maggioranza da inglesi, che non avevano problemi a prestare giuramento al re d Inghilterra; per gli irlandesi, invece, la Corona britannica era il simbolo di una secolare oppressione, cui si voleva finalmente porre fine. Inoltre, dal momento che l Irlanda settentrionale era abitata in prevalenza da protestanti, il trattato firmato da Collins permetteva all Ulster (la regione del Nord, comprendente sei contee) di continuare a restare sotto il governo di Londra. Per Collins, il trattato del 1921 era un compromesso ragionevole, un primo passo verso la piena indipendenza; i repubblicani più radicali, invece, giudicarono l accordo un vero e proprio tradimento della loro aspirazione a un Irlanda unita e completamente indipendente. Nel giugno 1922, pertanto, il Paese sprofondò nella guerra civile, nel corso della quale Collins stesso restò ucciso. Dopo che gli estremisti repubblicani vennero sconfitti, a partire dal 1923 si fece strada fra loro la figura di eamon de Valera, un radicale, nemico di Collins e del trattato, che aveva deciso di proseguire sul piano politico la lotta per la completa indipendenza del Paese. Nel 1932, De Valera vinse le elezioni; il primo atto del suo governo fu l eliminazione dalla Costituzione del giuramento di fedeltà alla monarchia inglese. Nel 1937, poi, venne varata una nuova legge fondamentale, in cui l Irlanda non era più chiamata Ireland, in inglese, bensì Eire, in gaelico. Inoltre, si affermava che tutta l isola (compresa l Ulster) era una Repubblica indipendente e pienamente sovrana, senza alcun legame con la Gran Bretagna. l anno seguente, l Inghilterra accettò la nuova situazione, che permise all eire di mantenersi neutrale nella seconda guerra mondiale. restò aperta, invece, la questione dell Ulster, travagliata per tutto il Novecento da una feroce guerriglia condotta dall IrA contro l amministrazione britannica.

5 Il declino economico dell Inghilterra Negli anni precedenti il 1914, l Europa era stata il centro del mondo: e questo era vero sia dal punto di vista politico che sotto il profilo economico. Il commercio mondiale, in effetti, si basava principalmente sull esportazione dei manufatti industriali europei nel resto del mondo e sull importazione di materie prime o di derrate alimentari sui mercati del Vecchio continente. Prima delle ostilità, il peso economico e politico di Paesi industrializzati extraeuropei come il Giappone e gli USA era ancora notevolmente ridotto, e comunque senz altro inferiore, su scala mondiale, a quello di Inghilterra, Francia e Germania. La guerra modificò radicalmente questa situazione. era evidente che Francia e Inghilterra avevano potuto sconfiggere gli imperi centrali solo grazie all appoggio degli USA, verso i quali, oltre tutto, si erano pesantemente indebitati (rispettivamente per più di 30 miliardi di franchi e per oltre un miliardo e 200 milioni di sterline). Inoltre, si verificò un fenomeno ancora più importante: poiché per cinque anni le economie dei Paesi europei erano state completamente risucchiate nel vortice della produzione bellica, numerosi mercati che erano stati fino al 1914 riforniti di manufatti industriali prodotti in Francia, in Inghilterra o in Germania, nel corso della guerra si adattarono alle nuove circostanze. In pratica, ciò significò da un lato lo sviluppo manifatturiero di certe regioni prive, fino ad allora, di una propria industria, e dall altro un formidabile incremento nelle esportazioni degli USA e (sia pure in misura minore) del Giappone. Il Brasile, per esempio, diminuì le esportazioni dall Inghilterra, che passarono da 72 (1913) a 55 (1928) milioni di dollari; al contrario aumentò le importazioni dei manufatti dagli USA, che passarono a 65 milioni di dollari contro i 45 del Globalmente si può stimare che, tra il 1913 e il 1925, le esportazioni britanniche siano diminuite del 25%. Ma, negli anni Venti, la gravità della situazione economica nel regno Unito fu accentuata da altri due fenomeni tipicamente inglesi. la Gran Bretagna restò tenacemente attaccata alla propria tradizionale politica di libero scambio, anche a costo di esporre il proprio mercato interno alla concorrenza straniera. Inoltre, anche in ciò fedele alla tradizione, il governo inglese si ostinò nel perseguire una politica monetaria basata sull obiettivo di riportare la sterlina al cosiddetto gold standard. In pratica, ciò significava la convertibilità della sterlina in oro (al valore di 123,27 grani di oro fine) e la possibilità di scambiarla in dollari al valore fissato e stabilizzato prima della guerra (4,86 dollari per 1 sterlina). Come ha commentato l autorevole economista americano J. K. Galbraith, «il ritorno della Gran Bretagna al regime aureo nel 1925 rimane ancora una delle decisioni più chiaramente sbagliate nella storia lunga e impressionante dell errore economico». Fedeltà alla politica del libero scambio L ECONOMIA INGLESE NEGLI ANNI VENTI Rivalutazione della moneta Aumento delle esportazioni USA a danno dell Inghilterra IPerteSto IPERTESTO A 5 I problemi dell Inghilterra negli anni Venti Esposizione del mercato interno alla concorrenza straniera CRISI DELL INDUSTRIA Difficoltà nel collocare all estero i prodotti industriali britannici Disoccupazione di massa ACUTA CONFLITTUALITÀ DI MASSA Diminuzione dei salari

6 IPerteSto UNITÀ VI 6 ECONOMIA E POLITICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI 6% 16,6% Tra il 1921 e il 1926 (l anno seguente la rivalutazione) si registrò un calo dei disoccupati in Inghilterra. La situazione restava comunque drammatica: si può dire, infatti, che, dopo il 1920, non vi fu mai nel Paese meno di un milione di disoccupati. Riferimento 1 storiografico pag. 7 LA DISOCCUPAZIONE IN INGHILTERRA 12,3% In effetti la sterlina pesante (cioè rivalutata) rese ancora più difficili le esportazioni inglesi all estero e impedì il buon esito di ogni tentativo finalizzato a migliorare la drammatica situazione di disoccupazione di massa, che caratterizzò il regno Unito negli anni seguenti la prima guerra mondiale. Per rendere concorrenziali le merci britanniche, l unico sistema risultò quello della diminuzione dei salari, che insieme alla disoccupazione dilagante fu all origine dell acutissima conflittualità sociale che è possibile constatare nell Inghilterra degli anni Venti. In particolare, ricordiamo il grande sciopero generale del maggio del 1926, che vide come protagonisti soprattutto i lavoratori delle miniere di carbone e dei trasporti. Al termine di una pesantissima agitazione, durata ben sette mesi, i minatori uscirono sconfitti su tutta la linea, costretti ad accettare salari ridotti e a perdere la riduzione della prestazione giornaliera a 7 ore, ottenuta nel 1919, mentre una nuova normativa sulle Trade Unions dichiarò illegale ogni sciopero di solidarietà di una categoria a sostegno di un altra. I picchetti davanti ai cancelli, in tempo di sciopero, vennero di fatto vietati; ai sindacati fu impedito di effettuare sottoscrizioni di fondi a scopi politici. la grande ondata di proteste operaie si concludeva dunque con un fallimento completo. La forza della democrazia inglese la cosa più sorprendente per lo storico, in questo drammatico contesto economico e sociale, è che in Inghilterra a differenza di quanto accadeva nei medesimi anni in Italia e in Germania non vi sia stata una sola vittima a causa di motivi politici o nel corso delle agitazioni sindacali; allo stesso modo, a fronte del crollo che, infine, coinvolse i regimi liberali in Italia e in Germania, in Gran Bretagna la democrazia parlamentare non corse mai alcun serio pericolo. le ragioni di questa anomalia britannica sono molteplici, ma si può segnalare, al primo posto, il tenace attaccamento di tutti gli strati sociali alle istituzioni tradizionali del Paese. Innanzi tutto, per contrasto rispetto al continente, va notata la fedeltà della borghesia inglese allo Stato liberale, negli stessi anni in cui (sia in Italia che in Germania) ampi strati delle classi agiate guardavano con sufficienza al sistema parlamentare e con aperto disprezzo alla democrazia. Sebbene sia del tutto esagerato affermare che il fascismo e il nazismo abbiano trionfato solo in virtù del volere o addirittura con una sorta di esplicito mandato da parte della grande industria e dei grandi proprietari terrieri, si può però dire che i gruppi dirigenti (quando non furono complici) non fecero assolutamente nulla per bloccare l ascesa al potere di forze che nei loro programmi mettevano esplicitamente la soppressione del regime liberale. Il rispetto per il Parlamento era ampiamente condiviso, in Inghilterra, anche dalle masse popolari e dalle loro organizzazioni politiche. la Gran Gretagna fu l unico grande Stato europeo che, dopo il 1917, non vide la nascita di un forte partito operaio con finalità rivoluzionarie; al contrario, la principale forza di sinistra del paese, il Partito laburista, fin dal suo primo apparire sulla scena politica aveva rinunciato alla prospettiva di un radicale e violento capovolgimento della società, scegliendo piuttosto una linea riformista e, per così dire, socialdemocratica. la ragione di questa moderazione del Partito laburista va cercata nell origine stessa dell organizzazione, o meglio nel rapporto che esisteva in Inghilterra fra il partito dei lavoratori e i sindacati operai.

7 Sul continente europeo, in genere, prima nacquero i partiti socialisti e poi strettamente collegati ad essi, per non dire dipendenti si svilupparono i sindacati operai e le leghe contadine. In Gran Bretagna, invece, il rapporto fu inverso: fu dalle Trade Unions, cioè dalle organizzazioni sindacali, che nacque il partito, non viceversa. e poiché i sindacati, per loro natura, sono più attenti ai problemi pratici e concreti (orario di lavoro, condizioni di vita dei lavoratori, salari) che alle grandi questioni politiche (la conquista del potere statale) o alle affascinanti utopie relative al futuro (la società senza classi), il partito che in Inghilterra rappresentò gli interessi dei lavoratori assunse, fin dall inizio, un orientamento moderato e pragmatico. Di conseguenza, a differenza dei partiti marxisti europei, spesso sprezzanti verso lo Stato liberale e le sue istituzioni borghesi, i laburisti puntarono all obiettivo di giungere al potere per vie del tutto legali. e quando ciò accadde (nel 1923), a nessuno parve che il loro governo fosse radicalmente diverso dagli altri esecutivi della storia inglese, o per lo meno non tale da rappresentare, per il regno Unito, una drammatica cesura, pericolosa per l ordine politico e sociale. In tale contesto, malgrado l elevato numero di disoccupati e l acutissimo livello raggiunto dalla conflittualità sociale, non vi furono le condizioni per la nascita e lo sviluppo di un radicalismo di destra, che potesse attrarre la borghesia e i ceti medi, presentandosi come alternativo sia al regime parlamentare che alla rivoluzione comunista, in nome della grandezza e del prestigio internazionale della nazione. IPerteSto Riferimenti storiografici IPERTESTO A 1 7 La vita politica inglese negli anni Venti e Trenta In Inghilterra, sebbene la situazione sociale non fosse meno difficile che in Italia e in Germania, l opposizione di sinistra non si pose mai finalità di tipo rivoluzionario. Questo impedì lo sviluppo di un movimento fascista inglese, analogo a quelli sorti sul continente europeo, e bloccò sul nascere l esplosione della violenza per motivi politici o sociali. In Inghilterra sembrava che fossero riunite le premesse per l insorgere della lotta di classe e per una minaccia, da parte di estremismi di destra o di sinistra, alla democrazia parlamentare inglese. Invece il governo democratico ne uscì indenne e, almeno per quanto riguarda la grande maggioranza della popolazione, rimase indiscusso; in realtà i governi inglesi, benché socialmente e politicamente conservatori, godettero in quegli anni di un genuino appoggio di massa. [ ] Negli anni Trenta dall estrema destra politica sorse una minaccia alla democrazia liberale parlamentare; esponente di questo movimento estremista fu Sir Oswald Mosley, un capo almeno altrettanto abile e a tutta prima meno sgradevole della maggior parte dei suoi soci sul continente. Questa minaccia fu tuttavia ben lontana dall aver successo, e infine la guerra distrusse le prospettive molto tenui dell instaurazione in Inghilterra di una dittatura secondo i modelli italiano e tedesco. Almeno in parte il suo insuccesso si spiega col fatto che era difficile in Inghilterra sentirsi gravemente allarmati per il Pericolo Rosso in patria; la forza del Partito Comunista britannico era insufficiente a provocare o giustificare una reazione violenta della destra ed era impossibile trattare il Labour Party come una forza che minacciasse sovversione e rovine. Non c era nulla nella politica inglese che potesse spaventare il ceto medio. [ ] È quindi giusto dire che la vita politica inglese fra le due guerre assunse la forma di una lotta pacifica e in larga misura razionale fra un partito conservatore pronto ai compromessi e un partito laburista incline alla moderazione, con i liberali, in declino, come terza forza tra i due. I conservatori, in gran parte finanziati dall industria, rappresentavano la classe dei grandi proprietari terrieri e dei grossi uomini d affari, la massa della borghesia, preoccupata della difesa dell attuale struttura sociale e della distribuzione attuale dei redditi e della proprietà, e una parte della classe dei lavoratori disposta a prendere il suo posto dentro la gerarchia sociale ed economica. Il Labour Party, finanziato in gran parte dai sindacati, rappresentava un I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

8 IPerteSto Oswald Mosley ad un raduno in un quartiere di Londra dell Unione fascista britannica, il movimento da lui fondato. Da notare la camicia nera, simbolo prelevato dal fascismo italiano. UNITÀ VI 8 ECONOMIA E POLITICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI settore progressivo della piccola borghesia, specialmente fra i lavoratori stipendiati, come gli insegnanti, e la gran massa della classe operaia. ( ) Nonostante la minaccia degli estremisti e nonostante l impressione di alcuni conservatori che il loro partito fosse troppo pronto a cedere e a venire a compromessi, e l opinione di alcuni laburisti secondo cui il loro partito avrebbe dovuto esprimere un socialismo più militante, entrambi i grandi partiti britannici continuarono ad accontentarsi di lavorare entro l ambito costituzionale e di agire con tolleranza nei confronti dei loro oppositori. Il risultato fu che nonostante le difficoltà e le sofferenze dei precedenti vent anni, nel 1939 la Gran Bretagna era una società più unita nel suo modo di vedere e politicamente meno turbolenta della Gran Bretagna del Fra il 1919 e il 1939 non una sola vita fu perduta in Inghilterra in conflitti politici o industriali. La storia inglese di questi anni presenta un deciso contrasto con la storia della maggior parte dei paesi del continente europeo. r.a.c. Parker, Il XX secolo. Europa , Feltrinelli, Milano 1981, pp. 123, 135, , trad. it. l. BerrINI Per quali motivi il movimento filo-fascista di Mosley non ebbe successo in Gran Bretagna? Quali forze sociali sostenevano il Partito laburista? Era davvero possibile considerare il Partito laburista come una forza rivoluzionaria e sovversiva? Quale aspetto distingue nettamente la storia inglese del periodo , da quella degli altri paesi europei?

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar Il breve periodo della Repubblica di Weimar è rimasto impresso nella memoria collettiva del popolo tedesco e dell Europa come quello della cosiddetta iperinflazione,

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

Rivoluzione francese

Rivoluzione francese 2 3 4 1 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Orizzontali 2. Governo moderato che si instaurò al termine della Rivoluzione 5. Importante esponente della Rivoluzione 7. Catturarono Luigi XVI 8. La fortezza di Parigi 10.

Dettagli

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA La società di massa Ultimi decenni ottocento

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

Imparare e Usare il Metodo di Studio

Imparare e Usare il Metodo di Studio Imparare e Usare il Metodo di Studio Per gli studenti: con questa semplice guida puoi imparare a usare un buon metodo di studio. Per imparare, leggi e cerca di capire bene i passi seguenti e allenati ogni

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Il fascismo in Italia

Il fascismo in Italia Il fascismo in Italia L Italia aveva perso oltre 600.000 soldati al fronte e conosceva una forte crisi economica: un altissimo debito pubblico dovuto alle spese sostenute dallo Stato durante la guerra

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

VERSO LA COSTITUZIONE

VERSO LA COSTITUZIONE VERSO LA COSTITUZIONE Tanto tempo fa nel mondo non c erano ancora i treni, gli aerei e le automobili. Non c erano la radio, la televisione e i giornali che diffondono le notizie. Non c era l elettricità

Dettagli

1. Enrico VIII Tudor regna dal 1509 al 1547. 2. Elisabetta I Tudor regna dal 1558 al 1603. 3. Giacomo I Stuart regna dal 1603 al 1625

1. Enrico VIII Tudor regna dal 1509 al 1547. 2. Elisabetta I Tudor regna dal 1558 al 1603. 3. Giacomo I Stuart regna dal 1603 al 1625 SUCCESSIONI AL TRONO INGLESE: Monarchia con Enrico VIII ed Elisabetta I Tudor Monarchia con Giacomo I e Carlo I Stuart Repubblica con Oliver Cromwell Monarchia con Carlo II e Giacomo II Stuart Monarchia

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli

La Rivoluzione francese

La Rivoluzione francese La Francia alla fine del XVIII secolo Sovrano dotato di potere assoluto. Società divisa in stati o ordini: clero (Primo stato) nobiltà (Secondo stato) Terzo stato (il 98% della popolazione) Nobili e clero

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Situazione in Austria, Prussia e Russia (pag. 248) 1830. Austria, Prussia e Russia sono monarchie accomunate da: - Fedeltà verso i princìpi

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione IC di Monte San Pietro Scuola Media Statale Cassani Lusvardi Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2012-2013 Classe 3E Prof.ssa Fulvia Spatafora Storia L Europa

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Gli U.S.A. negli anni 20 Gli U.S.A. dopo la guerra sono diventati di fatto il motore dell economia mondiale, per capacità produttive e prestiti (esportatore di

Dettagli

Medio Oriente e mondo islamico

Medio Oriente e mondo islamico Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico L UNITà IN BREVE Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico 1. Guerre mondiali, sionismo e risveglio musulmano Nel 1914, l impero ottomano aveva perso tutti i suoi

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA GUERRA DEL VIETNAM. (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA GUERRA DEL VIETNAM. (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA GUERRA DEL VIETNAM (lezione del prof. Marco Migliardi) Essa rappresenta il momento più noto delle tensioni fra blocchi contrapposti. Pochi anni fa simili situazioni si

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO 10. DURANTE IL FASCISMO svolta politica di Mussolini: dall anticlericalismo laicista all affermazione che l universalismo cattolico è il titolo più significativo della grandezza

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE

LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE LEGGE AGRARIA DELLA REPUBBLICA SOVIETICA CINESE (novembre 1931) Il 7 novembre 1931 a Juichin, nel Kiangsi, iniziò il primo Congresso nazionale dei delegati dei soviet degli operai, dei contadini e dei

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica.

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica. Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica Marsilio INDICE 11 Introduzione 11 Oggi, la democrazia 22 Come nasce questo

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli