REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 1 Belluno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 1 Belluno"

Transcript

1 LLEGTO REGIONE EL VENETO zienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 1 elluno oncorso pubblico per l assunzione, a tempo indeterminato, di n. 1 collaboratore professionale sanitario ostetrico QUESTIONRIO Longarone 7 ottobre 2014 (cognome, nome e data di nascita in stampatello) 01 In cardiotocografia per decelerazione si intende il transitorio rallentamento della frequenza cardiaca fetale (FF) l di sotto della FF di base di almeno 5 bpm e della durata di almeno 15 sec l di sotto della FF di base di almeno 10 bpm e della durata di almeno 10 sec l di sotto della FF di base di almeno10 bpm e della durata di almeno 15 sec l di sotto della FF di base di almeno 15 bpm e della durata di almeno 15 sec 02 Quale delle seguenti affermazioni è falsa Si definiscono decelerazioni severe o gravi le decelerazioni che durano oltre il minuto Le decelerazioni prolungate aumentano il rischio di ipossia fetale Le decelerazioni che durano < 15 sec (spikes) spesso sono collegate ad una peculiare condizione clinica grave Le decelerazioni sono classificate in base alla loro forma e rapporto con le contrazioni 03 Le decelerazioni precoci Hanno lo stesso significato di allarme delle decelerazioni tardive Trovano la loro causa nella compressione della testa fetale Si riscontrano frequentemente nella fase espulsiva del travaglio Possono avere diverse forme 04 Le decelerazioni tardive Sono spesso ripetitive, periodiche, con inizio tra la metà e la fine della contrazione Sono a morfologia variabile (tipica o atipica) Sono le decelerazioni più rassicuranti, perché sono a fine contrazione Hanno la classica forma a V 05 Quale delle seguenti affermazioni è falsa Le decelerazioni variabili non hanno sempre la stessa forma, né un rapporto costante con la contrazione Le decelerazioni variabili rappresentano la risposta fetale all ipossia acuta transitoria Le decelerazioni variabili si manifestano tipicamente in caso di ipossemia grave del feto (diminuzione di flusso nello spazio intervilloso) Le decelerazioni variabili si presentano per lo più in presenza di oligo-anidramnios 06 Quale delle seguenti affermazioni è vera ll inizio della contrazione vengono compresse solo le pareti sottili dell arteria ombelicale Le decelerazioni variabili tipicamente non presentano l accelerazione secondaria Nelle decelerazioni variabili atipiche l occlusione del flusso sanguigno è prolungata e l ipossia transitoria non è più di lieve entità La perdita dell accelerazione primaria non è una caratteristica di atipia delle decelerazioni variabili Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 1 di 8

2 LLEGTO 07 Se nella fase espulsiva del travaglio il tracciato cardiotocografico presenta anomalie cosa si dovrebbe fare? Mettere la donna sul lettino da parto in posizione litotomica e invitarla a fare spinte più intense Evitare manovre di Kristeller umentare la somministrazione di ossitocina e praticare manovre di Kristeller ttesa finchè sono presenti accelerazioni 08 Nel periodo espulsivo del travaglio L anomalia più temibile del tracciato cardiotocografico è rappresentata dalla bradicardia L anomalia più temibile del tracciato cardiotocografico è rappresentata dalla decelerazione È rara la presenza di decelerazioni variabili La ctg non è importante se in periodo dilatante è stata normale 09 In casi di emergenza con gravi alterazioni del battito cardiaco fetale (es. bradicardia severa), la regola anglosassone dei tre minuti dice che: In tre minuti bisogna prendere una decisione in termini operativi In sei minuti bisogna intervenire operativamente nei casi complessi In tre minuti bisogna definire quello che sta succedendo In tre minuti bisogna intervenire operativamete nei casi complessi 10 Quando si può definire un valore di ph alla nascita normale: >7,20 Tra 7,10 e 7,20 Tra 7,15 e 7,20 Tra 7 e 7,20 11 La corretta tecnica di prelievo del sangue dal cordone ombelicale per emogasanalisi prevede il Prelievo di sangue dall arteria ombelicale e dalla vena ombelicale Prelievo di sangue dalla vena ombelicale Prelievo di sangue da entrambi le arterie ombelicali Prelievo di sangue dal piatto coriale della placenta Nella seconda fase del travaglio qual è la situazione più grave (pattern n. 3 secondo la classificazione di Piquard) omparsa di decelerazioni ad ogni contrazione, con normale linea di base tra una contrazione e l altra iscesa della linea di base ad una frequenza tra 90 e 120 bpm, con decelerazioni durante le contrazioni aduta della linea di base al di sotto dei 90 bpm, con riduzione della variabilità aduta delle linea di base al di sotto dei 90 bpm, riduzione della variabilità, con marcate accelerazioni durante le contrazioni Nella seconda fase del travaglio qual è la situazione meno grave (pattern n. 1 secondo la classificazione di Piquard omparsa di decelerazioni ad ogni contrazione, con normale linea di base tra una contrazione e l altra iscesa della linea di base ad una frequenza tra 90 e 120 bpm, con decelerazioni durante le contrazioni aduta della linea di base al di sotto dei 90 bpm, con riduzione della variabilità aduta delle linea di base al di sotto dei 90 bpm, riduzione della variabilità, con marcate accelerazioni durante le contrazioni 14 L amnioinfusione terapeutica in sala parto Può essere eseguita in pazienti con rottura delle membrane fuori travaglio Può essere eseguita in presenza di decelerazioni variabili persistenti, dopo altre procedure conservative Può essere eseguita in presenza di variabilità ridotta/assente e decelerazioni tardive Può essere eseguita anche in caso di parte presentata extrapelvica e ballottabile Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 2 di 8

3 LLEGTO 15 In una gravidanza con travaglio a basso rischio ostetrico È comunque consigliabile la cardiotocografia in continuo, per diagnosticare gli eventi sentinella L auscultazione intermittente consiste nel registrare la frequenza cardiaca fetale almeno ogni 20 min in fase attiva del primo stadio del travaglio L auscultazione intermittente consiste nel valutare e registrare la frequenza cardiaca fetale almeno ogni 5 min nel secondo stadio del travaglio Nel secondo stadio non è necessaria auscultazione, se la prima fase è stata normale 16 Quale delle seguenti affermazioni è falsa: la prolattina è un ormone che Induce gli alveoli a produrre latte Svolge la sua funzione dopo la poppata Può far sentire la madre sonnolenta e rilassata Fa contrarre le cellule muscolari che circondano gli alveoli ed avvia il latte lungo i dotti 17 Quale delle seguenti affermazioni è falsa: in un attacco al seno adeguato Il capezzolo e l areola sono stirati a formare una tettarella nella bocca del bambino I grandi dotti galattofori sotto l areola sono dentro la bocca del bambino La lingua del bambino è spostata indietro nella bocca La bocca del bambino è ben aperta 18 Il metodo dell amenorrea da allattamento (LM) È sempre efficace nei primi tre mesi di allattamento È efficace al 98% se sono soddisfatte alcune precise condizioni ipende dal tipo di parto (spontaneo vs taglio cesareo) È sempre efficace nei primi sei mesi di allattamento 19 Secondo l OMS fino a 6 mesi di età del bambino è consigliato l allattamento esclusivo, questo significa Non dare ad un bambino altri alimenti o liquidi (compresa l acqua), che non sia latte materno are ad un bambino, oltre al latte materno, anche piccole quantità di acqua are ad un bambino, oltre al latte materno, anche piccole quantità di bevande a base d acqua, come il thé are ad un bambino in parte latte materno, in parte altri cibi 20 Quale delle seguenti è un affermazione falsa: Il latte materno congelato può essere scongelato lentamente in un frigorifero ed usato entro 24 h Il latte materno spremuto andrebbe offerto al bambino prima possibile dopo la spremitura Il latte materno congelato può essere scaldato in forno a micro-onde ed usato entro 24 h Il latte materno fresco può conservarsi a casa a 25 per 4 h 21 Qual è l ordine anatomico corretto dall esterno (superficiali) all interno (profondi) dei muscoli del perineo Muscoli bulbo-cavernoso, ischio-cavernoso/trasverso del perineo/elevatore dell ano Trasverso del perineo/bulbo-cavernoso, ischio-cavernoso/elevatore dell ano elevatore dell ano/ bulbo-cavernoso, ischio-cavernoso/trasverso del perineo elevatore dell ano/trasverso del perineo/bulbo-cavernoso, ischio-cavernoso 22 La perdita di tono dei muscoli del pavimento pelvico eriva da atrofia muscolare eriva da denervazione eriva da disfunzione traumatica al parto Tutte le precedenti sono vere Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 3 di 8

4 LLEGTO 23 Quale fibre nervose innervano il pavimento pelvico Nervo pudendo Nervo ipogastrico inferiore Nervo otturatorio Nervo lombo-inguinale 24 Stiramento, demielinizzazione e denervazione del pavimento pelvico avviene in circa 10-15% dei parti vaginali 1-5% dei parti vaginali 95% dei parti vaginali 40-80% dei parti vaginali 25 Quale delle seguenti è un affermazione falsa I danni da stiramento del pavimento pelvico generalmente si risolvono spontaneamente entro 1 anno dal parto Il danno neuronale aumenta e peggiora con l aumentare della parità Il danno neuronale e muscolare al parto non incide sul rischio di incontinenza urinaria e prolasso genitale In gravidanza aumenta la sintesi di collagene ed elastina della vagina 26 Gli studi suggeriscono che l elevatore dell ano può staccarsi dall osso pubico durante il parto. Questa avulsione è stata riscontrata nel 70% delle donne che hanno partorito 20% delle donne che hanno partorito 90% delle donne che hanno partorito 50% delle donne che hanno partorito 27 Quale delle seguenti affermazioni è falsa: Gli esercizi di ginnastica perineale praticati durante la gravidanza hanno validità sugli effetti a breve termine (incontinenza urinaria) Gli esercizi di ginnastica perineale andrebbero praticati subito dopo il parto, anche in presenza di lesione vagino-perineale La gestione ostetrica del secondo stadio del travaglio può incidere sulle disfunzioni del pavimento pelvico Il parto operativo e l episiotomia possono incidere sulle disfunzioni del pavimento pelvico 28 Quale delle seguenti posizioni materne in travaglio aumenta maggiormente i diametri pelvici In piedi supina Laterale sinistra ccovacciata 29 Qual è la posizione materna preferibile in travaglio, in caso di emorroidi Supina In piedi Laterale sinistra ccovacciata 30 Qual è la posizione materna preferibile in travaglio, in caso di presentazione occipito-posteriore In piedi ccovacciata Supina arponi Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 4 di 8

5 LLEGTO 31 In una gravidanza fisiologica dal punto di vista metabolico: umenta la sensibilità periferica all'insulina Il progesterone aumenta la motilità gastrointestinale con riduzione dell'assorbimento dei carboidrati Estrogeni e progesterone stimolano il pancreas a produrre insulina iminuisce la produzione di TH 32 Tra le manifestazioni dell'ipoglicemia nella gravida diabetica non è contemplato: nsia Pallore Extrasistoli atriali locco di branca destro 33 La chetoacidosi diabetica in gravidanza si manifesta con: eficit di bicarbonati plasmatici Ipoglicemia Ipochetonemia Tutte le precedenti settimane, secondo le linee guida della gravidanza fisiologica, va offerta una curva da carico con glucosio 75 mg alle donne che presentano: Indice di massa corporea pregravidico > 25 iabete gestazionale nell'attuale gravidanza Riscontro precedentemente o all'inizio della gravidanza di valori di glicemia plasmatica compresi tra 100 e 125 mg/dl Riscontro precedentemente o all'inizio della gravidanza di valori superiori a 100 mg/dl 35 Il taglio cesareo in caso di gravidanza con diabete gestazionale in terapia insulinica va raccomandato: In tutti i casi Sempre in caso di precedente taglio cesareo In caso di feto stimato 4000 g Nessuna delle precedenti 36 urante il travaglio di parto nel caso di diabete gestazionale ben compensato: E necessario monitorare la glicemia ogni ora La cardiotocografia è indicata E raccomandabile l'infusione insulinica per prevenire un eventuale scompenso E auspicabile che la gravida resti a digiuno 37 opo il parto, alle puerpere con precedente diagnosi di diabete gestazionale è raccomandato: i eseguire OGTT una settimana dopo il parto Nessuna particolare raccomandazione, se non quella di uno stile di vita salutare i eseguire un OGTT dopo almeno 6 settimane dal parto i eseguire un OGTT e due glicemie random dopo 6 settimane dal parto 38 In quale di questi riscontri all'ogtt 75 mg effettuato in corso di gravidanza si può porre diagnosi di diabete gestazionale: 91 mg/dl a digiuno 170 mg/dl a 60 minuti 160 mg/dl a 120 minuti Nessuna delle precedenti Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 5 di 8

6 LLEGTO 39 La diagnosi di diabete pregravidico si pone in caso di riscontro di: Glicemia plasmatica >/= 126 mg/dl Glicemia plasmatica random >/= 180 mg/dl Hb1c </= 6,5% Tutte le precedenti 40 La produzione di glucagone: Inibisce la gluconeogenesi Stimola la glicogenolisi Riduce la glicemia plasmatica E indotta dall'aumento del glucosio nel sangue 41 Quale di queste affermazioni sulla distocia di spalle è falsa? Può verificarsi anche in feti di peso < 4000 g Può verificarsi in corso di taglio cesareo La valutazione ecografica è superiore all'esame clinico nella diagnosi di macrosomia, che è il principale fattore di rischio Riconosce tra i fattori di rischio il parto operativo vaginale 42 La manovra di Jaquemier consiste nel: Favorire la riduzione del diametro bisacromiale mediante una pressione sovrapubica all'altezza della spalla fetale per permettere la rotazione Porre la gestante a carponi Esercitare una pressione sulla faccia anteriore della spalla posteriore del feto Estrarre il braccio posteriore 43 Nella distocia di spalla l'episiotomia: E' sempre consigliabile E' consigliabile nel caso si prevedano manovre interne E' consigliabile se prima è stata applicata una ventosa E' da evitare, per quanto possibile 44 Secondo le linee guida del Royal ollege la più frequente complicanza materna di caso di distocia di spalle è rappresentata da: Emorragia del post partum Lacerazioni vaginoperineali di III grado Lacerazioni vaginoperineali di IV grado Le complicanze materne si verificano in meno dell'1% dei casi 45 Per prevenire la distocia di spalle è opportuno proporre il taglio cesareo: tutte le donne con feto stimato > 4000 g lle donne diabetiche con feti di peso a termine stimato > 4500g lle donne diabetiche con feti di peso stimato > 4000 g Tutte le precedenti 46 Quale di queste affermazioni è falsa: E' stato stimato che sarebbero necessari più di 2000 tagli cesarei per prevenire una sola lesione permanente dovuta a distocia di spalla In donne non diabetiche non ci sono indicazioni ad eseguire una stima del peso fetale allo scopo di prevenire la distocia di spalle In caso di pregressa distocia di spalla è necessario programmare un taglio cesareo La distocia di spalle è un evento prevedibile mediante un accurato studio dei fattori di rischio Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 6 di 8

7 LLEGTO Una possibile lesione del plesso brachiale conseguente alla distocia delle spalle può dare origine a: Sindrome di ornelia de Lange Paralisi di ernard Horner Paralisi tipo KlumpKe Paralisi tipo Horton Nella nota sequenza HELPERR, che indica la sequenza delle manovre da eseguire in caso di distocia delle spalle, la seconda E sta per: Elevation (elevare le gambe) Episiotomy (considerare la possibilità di eseguire episiotomia) Enter (manovre interne) Nessuna delle precedenti 49 La distocia di spalla posteriore: Non esiste Non dipende mai dalle manovre ostetriche E' più frequente di quella anteriore E' spesso associata ad incongrue manovre ostetriche 50 La più comune complicanza a carico del neonato in caso di distocia di spalle è costituita da: anno ipossico Lesione del plesso brachiale Frattura della clavicola Tutte le precedenti Secondo il ecreto indi, quale di questi esami non è contemplato tra quelli esclusi dalla partecipazione al costo, se richiesti entro la 13a settimana? HV- HIV nticorpi anti eritrociti Treponema pallidum anticorpi anti cardiolipina Tra la 33a e la 37a settimana secondo il ecreto indi, sono esclusi dalla partecipazione al costo: Tampone vagino-rettale per SG Emocromo Glicemia GOT/GPT Le indicazioni per indagini citogenetiche per anomalie fetali, secondo il ecreto indi non contemplano: Genitori con precedente figlio affetto da patologia cromosomica Evidenza di 2 soft markers all esame ecografico di screening del secondo trimestre Genitore portatore di un riarrangiamento cromosomico non associato a un effetto fenotipico Genitori con aneuploidie dei cromosomi sessuali compatibili con la fertilità Quale delle seguenti affermazioni è falsa, relativamente a quanto previsto dal ecreto indi circa gli esami esenti dalla partecipazione al costo in gravidanza: L urinocoltura è compresa in caso di batteriuria significativa L urinocoltura è sempre inclusa tra gli esami del decreto L esame delle urine è sempre incluso tra gli esami del decreto Gli anticorpi anti-mv non sono inclusi tra gli esami da effettuarsi entro la 13a settimana Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 7 di 8

8 LLEGTO 55 Tra la 24a e la 27a settimana per lo screening del diabete il ecreto indi prevede tra gli esami: L esecuzione di un OGTT 100 mg a tutte le donne L esecuzione di un OGTT 75 mg a tutte le donne L esecuzione di un OGTT 75 mg solo alle donne con specifici fattori di rischio La determinazione della glicemia 56 Quale tra questi esami non è compreso tra quelli indicati dal ecreto indi per la tutela della maternità responsabile in epoca preconcezionale? Test di Simmel Pap test Emoglobine anomale nticorpi anticadiolipina 57 Il dosaggio della ferritina, secondo il ecreto indi è previsto in gravidanza: Tra la 24a e la 28a settimana In caso di sospetto clinico di anemia in gravidanza In caso di sospetta anemia, confermata all emocromo Tra la 28a e la 32a settimana 58 La cardiotocografia secondo il ecreto indi in gravidanza è prevista: Non è contemplata tra gli esami del ecreto indi E contemplata su specifica richiesta dello specialista E prevista al compimento della 40a settimana E prevista al compimento della 38a settimana 59 Il ecreto indi prevede l esecuzione di una ecografia in gravidanza: Tra la 11a e la 13a settimana, tra la 19a e la 23a settimana, tra la 30a e la 33a settimana Una all inizio della gravidanza e preferibilmente entro la 13a settimana, una tra la 18a e la 21a settimana di gravidanza, una tra la 28a e la 32a settimana Una all inizio della gravidanza e preferibilmente entro la 13a settimana, una tra la 19a e la 23a settimana, una tra la 28a e la 32a settimana e una dalla 41a settimana, questa ultima su richiesta dello specialista Il piano delle ecografie in gravidanza non è contemplato nel ecreto indi 60 Secondo il ecreto indi, all inizio della gravidanza, possibilmente entro la 13a settimana, e comunque al primo controllo, non rientrano tra le prestazioni specialistiche escluse dalla partecipazione al costo: TSH ilirubina MV IgM, IgG Tutte le precedenti (firma) Regione del Veneto - U.L.S.S. n. 1 di elluno oncorso per collaboratore professionale sanitario ostetrico: questionario.. pag. 8 di 8

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 Razionale dell utilizzazione del monitoraggio elettronico fetale (EFM) in travaglio di parto EFM Ipossia fetale Acidosi metabolica PROVVEDIMENTI

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli