Fisiologia della gravidanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fisiologia della gravidanza"

Transcript

1 Fisiologia della gravidanza 1. Il monitoraggio della gravidanza 2. Ecografia in gravidanza 3. Diagnosi prenatale 4. Monitoraggio della salute fetale IL BENESSERE MATERNO MONITORARE UNA GRAVIDANZA SIGNIFICA ASSICURARE IL BENESSERE FETALE Monitoraggio della salute materna III I III I III II II II Controllo della pressione arteriosa e del peso corporeo I ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI NELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Per gravidanza fisiologica si intende una gravidanza che decorre senza problemi o complicanze. Il 90% circa delle gravidanze rientrano in questa categoria. visita ostetrica esame sangue completo esami infettivologici esame urine ecografia diagnosi di sede dell impianto datazione della gravidanza visita ostetrica esame del sangue esame urine curva da carico del glucosio ecografia morfologica diagnosi anomalie fetali visita ostetrica esame del sangue esame urine cardiotocografia ecografia monitoraggio della crescita fetale Nel corso della gravidanza, al fine di tutelare la madre ed il feto, si effettuano una serie di esami, volti ad individuare precocemente alterazioni o patologie che potrebbero, se non trattate, essere fonte di patologia; tutto ciò al fine di poter effettuare tempestivi interventi maternofetali.

2 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE E DIAGNOSTICHE GRATUITE PRIMA E DURANTE LA GRAVIDANZA Le coppie che desiderano avere un bambino e le donne in stato di gravidanza hanno diritto ad eseguire gratuitamente, senza partecipazione alla spesa (ticket) alcune prestazioni specialistiche e diagnostiche, utili per tutelare la loro salute e quella del feto. L elenco di tali prestazioni è contenuto nel Decreto ministeriale del 10 settembre DECRETO MINISTERIALE PREVEDE CHE SIANO EROGATE GRATUITAMENTE: le visite mediche periodiche ostetrico-ginecologiche; alcune analisi da eseguire prima del concepimento gli accertamenti diagnostici per il controllo della gravidanza fisiologica, per ciascun periodo di gravidanza tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale in gravidanza prescritte dallo specialista; tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per il trattamento di malattie (preesistenti o insorte durante la gravidanza) che comportino un rischio per la donna o per il feto, prescritte di norma dallo specialista. ESAMI PRECONCEZIONALI Offrono la possibilità di conoscere eventuali situazioni cliniche sulle quali poter intervenire precocemente per evitare patologie maternofetali ANAMNESI e CONSULENZA GINECOLOGICA PRECONCEZIONALE ANTICORPI ANTI ERITROCITI (Test di Coombs indiretto) VIRUS ROSOLIA ANTICORPI (IgG, IgM) TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.) (IgG, Ig M) EMOCROMO: Hb, GR, GB, HCT, PLT. GLICEMIA EMOGLOBINE ANOMALE (HbS, HbD, HbH, ecc.) CITOLOGICO CERVICO-VAGINALE (PAP test) ESAMI I TRIMESTRE Subito dopo l'accertamento della gravidanza, entro la 13 W. Beta-hCG GRUPPO SANGUIGNO FATTORE RH, TEST DI COOMBS INDIRETTO GLICEMIA ESAME EMOCROMOCITOMETRICO AST, ALT, CREATININEMIA, COMPLESSO T.O.R.C.H. (TOXO TEST; RUBEO TEST; ANTI-CMV; ANTI-HERPES 1-2) VDRL, TPHA, HBSAG, ANTI-HCV, ANTI-HIV1-2 ESAME URINE: rivela la presenza di alterazioni renali; di infezione delle vie urinarie. Può suggerire la presenza di diabete. ECOGRAFIA OSTETRICA

3 ATTENZIONE! Nella valutazione del referto degli esami, non va dimenticato che le modificazioni fisiologiche a cui l'organismo materno va incontro per effetto della gravidanza fanno si che i valori riscontrati possano discostarsi dai valori di riferimento normali pregravidici!! Beta-hCG Le reazioni immunologiche per la diagnosi di gravidanza si basano sulla presenza di HCG (gonadotropina corionica umana) nelle urine e nel sangue della donna gravida. I test con dosaggio sulle urine, presenti in commercio, risultano positivi già verso la sesta-settima settimana di amenorrea gravidica Il dosaggio radioimmunologico o immunoenzimatico della HCG è già positivo pochi giorni dopo l impianto in utero dell embrione Valori indicativi della HCG della gravidanza fisiologica Età gestazionale Siero mui/ml Urine delle 24 h fino a fino a trimestre trimestre TEST di COOMBS GLICEMIA e MINICURVA Serve ad identificare e a dosare anticorpi materni contro i globuli rossi fetali che potrebbero formarsi in caso di incompatibilità nell ambito del fattore Rh Cos'è l'incompatibilità materno-fetale nell'ambito del fattore Rh? Se la gestante è Rh negativo ed il feto è Rh positivo; Il diverso fattore Rh materno e fetale può determinare un'incompatibilità nell'ambito del fattore Rh tra madre e feto con produzione di anticorpi contro i globuli rossi fetali. Questi sono in grado di attraversare la placenta e di legarsi ai globuli rossi fetali causando in questo modo un'anemia severa con conseguenze molto gravi. Deve essere praticato mensilmente alle gestanti Rh negativo!! GLICEMIA BASALE A DIGIUNO RANDOM AL PIÙ PRESTO -Due glicemie > 126 DIAGNOSI DI DIABETE MANIFESTO -Glicemia tra 92 e 126 DIAGNOSI DI DIABETE GESTAZIONALE -Glicemia < 92 OGGT con 75 grammi (24-28 sett) 0 : 92 (valore soglia) 60 : 180 (valore soglia) 120 : 153 (valore soglia) Glicemia random (in qualsiasi momento della giornata) 200 (dopo conferma con glicemia a digiuno > 126) DIAGNOSI DI DIABETE MANIFESTO Le donne affette da diabete gestazionale devono eseguire OGGT (2 ore, 75 grammi) a distanza di 8-12 settimane dal parto

4 EMOCROMO Espansione del volume plasmatico (condizione di emodiluizione), aumento della massa eritrocitaria e leucocitosi fisiologica VOLUME PLASMATICO VOLUME ERITROCITARIO PRE- 20 SETT 30 SETT 34 SETT 40 SETT GRAVIDICI 2000 ml 3150 ml 3750 ml 3830 ml 3600 ml 1400 ml 1450 ml 1550 ml 1600 ml 1650 ml EMATOCRITO 39,8 % 35,8% 34% 33,5 % 32,8 % HB 14g/100 ml 13g/100 11g/100 10g/100 10g/100 ERITROCITI mm LEUCOCITI mm PRE-GRAVIDICI TERMINE DI GRAVIDANZA PROTEINE 7g/100 ml 6g/100 ml PLASMATICHE LIPIDI TOTALI g/100 ml g/100 ml TRIGLICERIDI 100 mg/100 ml mg/100 ml COLESTEROLO g/100 ml g/100 TOTALE GLICEMIA 95 mg/100 ml 83 mg/100 ml BILIRUBINA TOT 0,6 mg/100 ml 0,5 mg/100 ml CREATININA 0.8 mg/100 ml 0,5 mg/100 ml GOT/GPT 15/18 mg/dl invariate SISTEMA COAGULATIVO IN GRAVIDANZA STATO DI IPERCOAGULABILITÀ IL FIBRINOGENO AUMENTA da VALORI PREGRAVIDICI di 0,34 g/100 ml a 0,4-0,5 g/100 ml I FATTORI VII, VIII, IX e X AUMETANO L ATTIVITÀ FIBRINOLITICA DIMINUISCE URINOCOLTURA si deve effettuare: in presenza di sintomi (bruciore; pollachiuria; disuria) in presenza di batteriuria significativa (almeno colonie per ml di urina)

5 COMPLESSO T.O.R.C.H. Toxoplasma Other- altri: Epatite B, sifilide, coxsackie virus, EBV, parvovirus umano. Rubella Cytomegalovirus (CMV) Herpes simplex virus (HSV) TOXO-TEST rileva la presenza di anticorpi contro il toxoplasma gondii. IgG POSITIVE e IgM NEGATIVE: indica pregressa immunità ed esclude la necessità di ulteriori controlli IgG ed IgM ASSENTI: bisogna ripetere la ricerca degli anticorpi IgM ogni 4-6 sett fino al termine della gravidanza e seguire le norme di prevenzione. TOXO-TEST IgM PRESENTI e IgG ASSENTI: pone il sospetto di sieroconversione, la coppia verrà informata sui possibili rischi per il feto e sulla possibilità di accertamenti fetali. TOXOPLASMOSI : PREVENZIONE IN GRAVIDANZA Toxoplasmosi IgG e IgM PRESENTI: condizione che necessita di approfondimento con il Test di Avidità (consente di datare l infezione misurando l affinità degli anticorpi IgG per l antigene). Ig G presenti Ig G assenti Non consumare carni o pesci crudi o poco cotti Non consumare salumi e affettati Lavare accuratamente frutta e verdura Evitare il contatto con i gatti Evitare lavori di giardinaggio Evitare contatti con il terriccio

6 RUBEO-TEST rileva la presenza di anticorpi contro il Rubeovirus IgG POSITIVE e IgM NEGATIVE: indica pregressa immunità ed esclude la necessità di ulteriori controlli IgG ed IgM ASSENTI: bisogna ripetere la ricerca degli anticorpi IgM ogni 4-6 sett fino al IV mese di gravidanza. CMV-TEST rileva la presenza di anticorpi contro il Citomegalovirus IgG POSITIVE e IgM NEGATIVE: indica pregressa immunità ed esclude la necessità di ulteriori controlli IgG ed IgM ASSENTI: bisogna ripetere la ricerca degli anticorpi IgM ogni 4-6 sett fino al termine della gravidanza. TRA LA 14^ E LA 18^ SETTIMANA TRA LA 24^ E LA 27^ SETTIMANA. ESAME URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO In caso di batteriuria significativa: URINOCOLTURA T.O.R.C.H. (se pz non immune) TRA LA 19^ E LA 23^ SETTIMANA ESAME URINE CHIMICO-FISICO E MICROSCOPICO In caso di batteriuria significativa: URINOCOLTURA T.O.R.C. H. (se pz non immune) ev TEST di COOMBS INDIRETTO (se pz Rh-) ECOGRAFIA OSTETRICA (20-21 SETT.) ESAME URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO GLICEMIA ev TEST da CARICO TRA LA 28^ E LA 32^ SETTIMANA EMOCROMO: Hb, GR, GB, HCT, PLT. FERRITINA ESAME URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO ECOGRAFIA OSTETRICA (morfologica)

7 TRA LA 33^ E LA 37^ SETTIMANA Tampone vaginale VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI EMOCROMO: Hb, GR, GB, HCT, PLT. ESAME URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI in caso di rischio anamnestico TRA LA 38^ E LA 40^ SETTIMANA Tutte le donne dovrebbero effettuare un tampone vaginale e/o rettale alla ricerca dello Streptococco β emolitico a 36 settimane di gravidanza Tutte le donne risultate positive devono essere sottoposte a terapia antibiotica mirata in travaglio Si consiglia l esecuzione del tampone vaginale per la ricerca dello Streptococco Agalactiae tra la 35a e la 37a settimana A ESAME URINE CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO In caso di batteriuria significativa: URINOCOLTURA PROFILASSI INTRAPARTUM PROFILASSI INTRAPARTUM gravide GBS-positive allo screening gravide GBS-positive allo screening gravide con batteriuria GBS gravide con batteriuria GBS QUANDO gravide con precedenti neonati GBS pos gravide con febbre in travaglio (>38 ) QUANDO gravide con precedenti neonati GBS pos gravide con febbre in travaglio (>38 ) parto pretermine parto pretermine PROM > 18h PROM > 18h

8 DALLA 41^SETTIMANA Fisiologia della gravidanza ECOGRAFIA OSTETRICA: su specifica richiesta dello specialista (controllo AFI; BCF) CARDIOTOCOGRAFIA: su specifica richiesta dello specialista; se necessario, monitorare fino al parto 1. Il monitoraggio della gravidanza 2. Ecografia in gravidanza 3. Diagnosi prenatale 4. Monitoraggio della salute fetale Ecografia in gravidanza 1. I trimestre 2. II trimestre (morfostrutturle) 3. III trimestra 4. Flussimetria 5. Cervicometria Finalità ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE Possibilità diagnostiche Diagnosi precoce di anomalie fetali NT

9 ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE Le finalità Sede di impianto della camera gestazionale (diametro medio della camera e precisazione del numero delle camere) Visualizzazione dell embrione e rilevamento dell attività cardiaca (precisazione del numero degli embrioni) Misurazione del CRL e datazione della gravidanza Rilievo di eventuali patologie uterine o annessiali materne associate alla gravidanza Linee Guida SIEOG 2002 SCOPO DELL ECOGRAFIA NEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA La visualizzazione della camera gestazionale è possibile a partire dalla 5a settimana di gravidanza, con valori di beta-hcg almeno intorno a 1000 (utilizzando sonda endovaginale). La visualizzazione dell embrione e del battito cardiaco sono invece possibili a partire dalla sesta settimana di gravidanza. Nelle gravidanze gemellari è nel primo trimestre che si stabilisce la amnionicità e la corionicità. Sede di impianto della camera gestazionale Diametro di circa 4-5 mm Beta-HCG 1000 UI/l SCOPO DELL ECOGRAFIA NEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA MISURAZIONE DEL CRL (lunghezza vertice-sacro): MISURAZIONE DELLA CAMERA GESTAZIONALE: 1 mm al giorno Struttura anulare anecogena nel contesto di un endometrio ispessito delimitata da un contorno ecogeno netto, il trofoblasto

10 In epoca gestazionale precoce la differenziazione tra gravidanza gemellare monoamniotica o biamniotica e monocoriale o bicoriale è più agevole in quanto la membrana amniotica risulta più facilmente visualizzabile rispetto a fasi più tardive della gravidanza Visualizzazione dell embrione e rilevamento dell attività cardiaca Nell embrione l apparato cardio-vascolare è il primo sistema di organi funzionante, in quanto la circolazione ematica è fondamentale per il rapido accrescimento embrionario Ecograficamente l attività cardiaca embrionale compare ad un esame condotto per via transvaginale intorno alla 6 a settimana, quando l embrione misura circa 3mm M-mode Con l ecografia transvaginale alla 13a settimana si può chiaramente identificare un cuore a 4 camere 9 sett. Misurazione del CRL e datazione della gravidanza 11 sett. IUGR o RITARDATO CONCEPIMENTO? bpm 10 sett. 13 sett. Un embrione con EHR < 90 bpm necessita di un controllo a breve distanza per rivalutarne la vitalità, in quanto la bradicardia a quest epoca sembrerebbe avere prognosi infausta. Il CRL da 2 a 84 mm viene utilizzato per datare la gravidanza dalla 5 alla settimana

11 Fibromatosi uterina Rilievo di eventuali patologie uterine o annessiali materne associate alla gravidanza Le attuali Linee Guida SIEOG puntualizzano che la ricerca di malformazioni non è una finalità dell'ecografia del I trimestre Malformazioni uterine Tumefazioni annessiali Aumento della percentuale di complicanze (parto pretermine e abortività spontanea)! ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE Le possibilità diagnostiche Diagnosi precoce di anomalie embrio-fetali Misurazione della translucenza nucale (cromosomopatie/cardiopatie) Maggiore potere di risoluzione Ecografia transvaginale L ecografia trans-vaginale fornisce una maggiore risoluzione rispetto alla transaddominale nella diagnosi precoce di anomalie fetali Achiron R, Tadmor O. Ultrasound Obstet Gynecol, 1991 Individuazione precoce di malformazioni congenite Rispetto all approccio trans-addominale l ETV permette l uso di frequenze più elevate (5-7 MHz) poiché il rapporto esistente tra sorgente ultrasonora e strutture anatomiche indagate è di stretta contiguità

12 VANTAGGI ETV Utilizzo di trasduttori ad alta frequenza Maggiore risoluzione spaziale dell immagine INDICAZIONI ETV Pannicolo adiposo materno esuberante Cicatrici addomino-pelviche/sindromi aderenziali Retroversione uterina Fibromatosi uterina SVANTAGGI E LIMITI ETV Ridotta profondità ed ampiezza del campo esplorato Mancanza di visione panoramica Gravidanza decorsa oltre le Ws Asepsi della sonda Discomfort per la paziente L ETV deve in ogni caso essere considerata complementare e non sostitutiva dell ETA nella diagnosi precoce di anomalie fetali Cullen MT et al. J Ultrasound Med, 1989 Le possibilità diagnostiche: il sacco vitellino A partire dalla 5 a settimana di gestazione è possibile visualizzare con l ecografia transvaginale il sacco vitellino che appare come una struttura rotondeggiante all interno della cavità corionica Il suo diametro cresce continuamente fino a raggiungere circa 5.5 mm al termine della 10 a settimana Anche quando il diametro del sacco vitellino è più piccolo rispetto alla media, esiste un rischio maggiore di abortività spontanea ed aberrazioni cromosomiche Reece et al, 1988 Quando il sacco vitellino supera i 7 mm la probabilità di uno sviluppo anomalo della gravidanza e di abortività spontanea risulta più elevata Rempen, 1988 Sorveglianza più assidua della gravidanza! La valutazione del sacco vitellino nel I trimestre non si associa alla prognosi gravidica Kurtz et al, 1992

13 Malformazioni diagnosticabili nel primo trimestre Le possibilità diagnostiche Malformazioni diagnosticabili nel primo trimestre Malformazioni chiaramente evidenziabili ad un esame di routine condotto a quest epoca di gravidanza Malformazioni potenzialmente identificabili da parte di un operatore esperto Igroma cistico Idrope Anencefalia Onfalocele Megavescica.. SCOPO DELL ECOGRAFIA NEL SECONDO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Tra la 20a e la 22a settimana di gravidanza si esegue una ecografia chiamata morfologica o strutturale finalizzata soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali. Essa prevede infatti uno studio completo della morfologia del feto (strutture intracraniche, colonna vertebrale,volto, apparato cardiovascolare, organi addominali ed estremità). I limiti principali riguardano i difetti di piccole dimensioni (come piccoli difetti del cuore). SCOPO DELL ECOGRAFIA NEL TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Un controllo ecografico nel terzo trimestre permette di valutare: la crescita fetale nell epoca di maggiore incremento ponderale l inserzione placentare il benessere fetale con la Doppler flussimetria ombelicale e cerebrale la quantità di liquido amniotico

14 L ECOGRAFIA TRIDIMENSIONALE Uno dei campi di più recente evoluzione dell' ecografia consiste nella possibilità di ottenere un'immagine tridimensionale delle scansioni ecografiche. Ciò porta ad avere delle immagini molto suggestive e realistiche, in particolare per la morfologia fetale. Per ottenere tali risultati si richiedono ecografi dotati di particolari sonde finalizzate alla acquisizione di immagini che poi vengono elaborate da un apposito software grafico integrato nell' apparecchio. DOPPLER-FLUSSIMETRIA L effetto Doppler origina dalla differenza di frequenza (doppler-shift) che si verifica quando un fascio di ultrasuoni incontra un flusso L ecografo doppler, calcolata la velocità del flusso, la rappresenta come una curva costituita da un punto massimo (velocità sistolica) e uno minimo (velocità diastolica); la differenza di velocità permette di determinare il flusso del vaso La doppler-flussimetria si effettua su vasi fetali placentari materni del cordone ombelicale Valuta lo stato di salute del feto ovvero il suo grado di ossigenazione DOPPLER-FLUSSIMETRIA E indicata: nelle gravidanze che vanno oltre il termine in caso di patologie fetali: iposviluppo, malformazioni, oligo e poliamnios in caso di patologie materne della gravidanza: gestosi, ipertensione e diabete Flussimetria Art. Uterina

15 LA FLUSSIMETRIA La doppler-flussimetria mediante lo studio dell emodinamica uteroplacentare e fetale, consente di accertare lo stato del benessere fetale e di svelare precocemente condizioni di sofferenza fetale! I vasi materni maggiormente utilizzati per lo studio flussimetrico sono le arterie uterine. SCOPO DELLA FLUSSIMETRIA NEL SECONDO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Tra la 20a e la 25a settimana si esegue lo studio delle flussimetrie delle arterie uterine per valutare le resistenze vascolari in questo distretto. Valori elevati di RI (>0,60-0,65) indicano una predisposizione materna alla gestosi ipertensiva ed all invecchiamento placentare precoce! Il principale settore vascolare fetale oggetto di analisi flussimetrica è rappresentato invece dalle arterie ombelicali. FLUSSIMETRIA OMBELICALE Il parametro piu utilizzato per lo studio velocimetrico fetale è il PI (indice di pulsatilità) Sono da considerarsi patologici ed indicativi di uno stato di sofferenza fetale: valori di PI elevati (> ) assenza dell onda diastolica inversione dell onda diastolica (reverse flow) FLUSSIMETRIA DOPPLER Esplora l emodinamica dell unita feto - placentare Rappresenta il test di scelta per i casi di IUGR Evidenzia il brain sparing ed il reverse flow Limitato valore in travaglio di parto

16 LA CERVICOMETRIA E LA RICERCA DEL FUNNELING il tratto cervicale è la struttura anatomica generalmente meno studiata ecograficamente sia in ostetricia che in ginecologia PARTO PRETERMINE Il parto prematuro o pretermine è definito dall Organizzazione Mondiale della Sanità come parto prima della trentasettesima settimana gestazionale completa (22-37 settimane) MINACCIA DI PARTO PRE-TERMINE -Parto pretermine -Ab. ripetuta (Incompetenza cervico-istmica) -GEU Neoplasie - Attività contrattile percepita dalla donna - Collo dell utero conservato, chiuso o con dilatazione < 3 cm TRAVAGLIO DI PARTO PRE-TERMINE - Si configura con le stesse caratteristiche del travaglio a termine - Inizia con la rottura prematura delle membrane - Collo dell utero raccorciato, dilatazione 3 cm CAUSE PARTO PRETERMINE PREVENZIONE E DIAGNOSI Cause socio-economiche (stress, attività fisica, nutrizione, utilizzo di stupefacenti, alcool, fumo etc..) Cause materne (malformazioni uterine, fibromatosi uterina, infezioni cervico-vaginali) Cause fetali (gravidanze multiple, malformazioni e polidramnios) Cause placentari (placenta previa, distacco di placenta) Visita ginecologica CTG Dosaggio di IL6 nel liquido amniotico e nel siero materno Ricerca della fibronectina nei prelievi vaginali e cervicali Tampone vaginale Eco TV

17 CERVICOMETRIA È la misurazione ecografica della lunghezza della cervice uterina Distanza tra OUI ed OUE (v.n. 4-5cm) CERVICOMETRIA ECOGRAFIA TRANSVAGINALE 2900 gravide a settimane: La lunghezza della cervice < 26 mm è associata ad un rischio di parto pretermine 6 volte maggiore rispetto alle pazienti con diametro longitudinale >40mm James e coll OUI Canale cervicale OUE MORFOLOGIA DEL FUNNELING Svasamento ad imbuto dell orifizio uterino interno Funneling a V: indicatore di aumentato rischio di parto pretermine Funneling a U: facilmente riscontrabile nelle pluripare e in epoca gestazionale avanzata Fisiologia della gravidanza 1. Il monitoraggio della gravidanza 2. Ecografia in gravidanza 3. Diagnosi prenatale 4. Monitoraggio della salute fetale

18 Diagnosi prenatale E l insieme delle possibili azioni diagnostiche atte ad individuare dei difetti congeniti nel feto malformazioni congenite anomalie cromosomiche malattie genetiche Diagnosi prenatale Indicazioni Gravide a rischio di malattie cromosomiche Età materna 35 anni Storia familiare di anomalie cromosomiche Precedenti aberrazioni cromosomiche nella prole Genitori portatori di traslocazione bilanciata Malattie ereditarie legate al sesso Gravide a rischio di malattie genetiche Gravide portatrici di malattie infettive Gravide a rischio di malattie metaboliche Gravide selezionate in base a screening positivo Ecografico Biochimico Altre (Ansietà, precedenti insuccessi gravidici, difetti tubo neurale, ecc.) Anomalie cromosomiche Linea pura (presenti in tutte le cellule) Mosaicismo (presenti solo in una certa % di cellule) ANEUPLOIDIE Alterazioni del numero dei cromosomi - monosomie - triploidie - poliploidie Trisomia 21 ( Sindrome di Down) Trisomia 18 ( Sindrome di Edwards) Trisomia 13 ( Sindrome di Patau) Monosomia X (Sindrome di Turner) Sindrome di Klinefelter ANOMALIE STUTTURALI Alterazioni della struttura dei cromosomi - delezioni - traslocazioni - inversioni Rischio di cromosomopatie età materna-dipendenti Sindrome di Down o trisomia 21 Trisomia 13 e 18 Aneulpoidie: Sindrome di Klinefelter (47XXY) Sindrome di Turner (45X0) Malattie genetiche età materna-indipendenti talassemia Alfa e Beta distrofia muscolare di Becker e Duchenne fibrosi cistica emofilia A e B X fragile Incidenza (per nati) età materna 35 anni rischio di Down 1 in anni rischio di Down 1 in anni rischio di Down 1 in anni rischio di Down 1 in 50

19 Malattie genetiche Alterazioni dei singoli geni Autosomiche recessive Autosomiche dominanti X-linked Malformazioni Difetti anatomici che derivano da un alterato sviluppo durante la morfogenesi Ad etiologia multifattoriale fattori genetici predisponenti fattori ambientali scatenanti Fibrosi cistica Talassemia Anemia falciforme Sindrome adrenogenitale Osteogenesi imperfetta tipo I Sindrome di Marfan Distrofia miotonica Chorea di Huntington Distrofia muscolare di Duchenne Emofilia Anencefalia Spina bifida Cardiopatie congenite Labiopalatoschisi Palatoschisi isolata Agenesia renale Stenosi ipertrofica del piloro Lussazione dell'anca Piede torto Ipospadia Criptorchidismo Fistola tracheo-esofagea Diagnosi prenatale Indagini Eco genetica translucenza nucale osso nasale Diagnosi prenatale Indagini non invasive ECOGRAFIA Eco genetica soft markers anomalie morf. maggiori INVASIVE NON INVASIVE + Bitest Free beta-hcg PAPP-A BIOCHIMICA Triplo test AFP, beta-hcg, estriolo non coniugato Quadruplo test AFP, beta-hcg, estriolo non coniugato, inibina A I TRIMESTRE Screening nella popolazione non a rischio II TRIMESTRE

20 DIAGNOSI PRENATALE METODICHE NON INVASIVE TRANSLUCENZA NUCALE (cutoff 2,5 mm) alla 12a - 13a sett. DUO TEST (free b-hcg + PAPP-A) alla 12a - 13a sett. NT La translucenza nucale (NT) Test di screening per le cromosomopatie che, eseguito a 12 e 13 settimane di gestazione, serve a misurare il liquido presente nella parte posteriore della nuca del feto, attraverso una ecografia che ne rileva lo spessore Cromosopatie Malformazioni Sindromi genetiche Nicolaides KH et al BMJ 1992 NT COUNSELLING NT COUNSELLING L aumento dello spessore della translucenza nucale a settimane è l espressione fenotipica comune di molti difetti cromosomici e di un vasto numero di malformazioni fetali e sindromi genetiche La prevalenza di anomalie fetali e di scarsa prognosi fetale aumenta in maniera esponenziale con l aumentare dei valori dell NT fetale Tuttavia, i genitori possono essere rassicurati che la probabilità di avere un bambino senza anomalie maggiori è > 90% se i valori di NT sono compresi fra il centile circa il 70% se i valori di NT sono compresi fra i mm circa il 50% per NT fra mm circa il 30% per NT fra mm circa il 15% per NT di 6.5 mm o più ESECUZIONE A settimane Possibilità di consulenza genetica Possibilità di test invasivo precoce successivo (villocentesi) Possibilità di diagnosi di anomalie fetali grossolane Possibilità di IVG nel I trimestre

21 OSSO NASALE Screening per cromosomopatie Parametro di aggiustamento del rischio di aneuploidie già elaborato mediante lo spessore della nuca fetale ed eventualmente mediante duo-test Markers biochimici e rischio di trisomia 21 I livelli di free b-hcg nel sangue materno diminuiscono con l avanzare della gravidanza, i livelli di PAPP-A aumentano Nelle gravidanze affette da trisomia 21 a settimane le concentrazioni su siero materno di free b-hcg risultano più elevate (circa 2 MoM) e quelle di PAPP- A ridotte (circa 0.5 MoM) rispetto ai feti cromosomicamente normali. Non è stata dimostrata alcuna associazione significativa fra l NT fetale ed i livelli sierici di free b-hcg e PAPP-A Questi marker biochimici ed ecografici possono dunque essere combinati per ottenere uno screening più efficace rispetto ad entrambi i metodi considerati individualmente Spencer et al - Ultrasound Obstet Gynecol 1999 Screening combinato per trisomia 21 INTEGRAZIONE NT presenza/assenza osso nasale free b-hcg e PAPP-A nel sangue materno La diagnosi prenatale: metodi invasivi cromosomopatie ed alcune Villocentesi malattie genetiche 9 12 settimane Aspirazione di una piccola quantità (10-15 mg) di tessuto coriale Amniocentesi settimane cromosomopatie Prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico contenente cellule di sfaldamento del feto Funicolocentesi Dalla 20 settimana cromosomopatie e malattie infettive fetali Prelievo di una piccola quantità di sangue fetale (1-3 ml) dal cordone ombelicale

22 METODICHE INVASIVE VENGONO EFFETTUAE IN EPOCA PRECOCE DI GRAVIDANZA. PRESENTANO UN RISCHIO DI ABORTO VARIABILE IN RELAZIONE ALLA METODICA AMNIOCENTESI : si esegue tra la 16a e la 18a sett. Consiste nel prelievo ecoguidato di circa 20 ml di liquido amniotico. Presenta un rischio di aborto di circa 1/300. VILLOCENTESI : si esegue alla 12a settimana. Consiste nel prelevare un campione di tessuto placentare. Presenta un rischio di aborto (1/100). FUNICOLOCENTESI : viene effettuata dalla 18a settimana. Consiste nel prelievo di sangue fetale da uno dei vasi del cordone ombelicale. Presenta un rischio di aborto di 1/100. rischio di aborto 1% Diagnosi prenatale Indagini invasive Villocentesi Amniocentesi Funicolocentesi Nei soggetti a rischio La diagnosi della Sindrome di Down ed altre cromosomopatie : metodi non invasivi Fisiologia della gravidanza settimane Screen test translucenza nucale hcg PAPP-A 16 settimane Triplo test hcg α-fetoproteina estriolo 1. Il monitoraggio della gravidanza 2. Ecografia in gravidanza 3. Diagnosi prenatale 4. Monitoraggio della salute fetale Prospettive future Cellule fetali nel circolo materno

23 Monitoraggio della salute fetale Monitoraggio della salute fetale Ecografia Doppler della circolazione feto-placentare ANTEPARTUM INTRAPARTUM Cardiotocografia I-II-III trimestre dal II trimestre dalla 37 a settimana SORVEGLIANZA ANTEPARTUM Amnioscopia Conteggio dei movimenti fetali Profilo biofisico fetale Cardiotocografia Ecografia Flussimetria Doppler L AMNIOSCOPIA La amnioscopia è un esame che viene eseguito quando la gravidanza si protrae oltre il termine Tramite uno strumento metallico, inserito attraverso la vagina, viene proiettato nell'utero un fascio luminoso, per controllare la presenza e il colore del liquido amniotico La colorazione scura o olivastra, dovuta alla presenza di meconio (sostanza di rifiuto del feto), segnala una sofferenza fetale e indica che è il caso di avviare il parto. Se il liquido è trasparente, la gravidanza è in normale evoluzione L'amnioscopia in passato era molto usata, oggi tanti medici preferiscono il monitoraggio del feto associato all'ecografia e quindi l'esame amnioscopico (che può accelerare l'avvio del parto) è praticato solo in alcuni ospedali ed esclusivamente se la gravidanza si protrae oltre la quarantesima settimana

24 RILEVAZIONE MATERNA DEI MOVIMENTI FETALI Basso valore predittivo positivo Basso valore predittivo negativo Difficoltà ad identificare il numero ottimale dei MAF e la durata dell osservazione PROFILO BIOFISICO FETALE Cardiotocografia Attività motoria fetale Movimenti respiratori Tono muscolare Valutazione quantitativa del liquido amniotico PBF MODIFICATO DANNO IPOSSICO Cardiotocografia NST ACUTO MOVIMENTI FETALI TONO MUSCOLARE VARIABILITA DELLA FCF CRONICO RIDISTRIBUZIONE DI FLUSSO PERFUSIONE RENALE OLIGOAMNIOS Valutazione ecografica del liquido amniotico (AFI) Predittività: per test negativo, VPN ~ 99%

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

DIAGNOSTICA PRENATALE

DIAGNOSTICA PRENATALE Lezione di Ginecologia del 24/10/2007 DIAGNOSTICA PRENATALE Prof Colacurci Diagnosi prenatale E l insieme delle possibili azioni diagnostiche atte ad individuare dei difetti congeniti nel feto Le patologie

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE U.O.C. Genetica Medica AZIENDA USL 7 DI SIENA U.O. Ginecologia e Ostetricia Val d'elsa La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa Cristina Ferretti Indicazioni

Dettagli

A cosa serve lo screening prenatale

A cosa serve lo screening prenatale Screening e Diagnosi prenatale della sindrome di Down ed altre anomalie cromosomiche fetali Lo scopo di questa nota è fornire in maniera chiara, semplice e per quanto possibile esaustiva le informazioni

Dettagli

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98)

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Esame urine Emocromo Glucosio AST ALT Virus Rosolia IgG ed IgM (non serve farli se vi è documentata

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

ultrascreen villocentesi amniocentesi

ultrascreen villocentesi amniocentesi CORSO TEORICO PRATICO DI ECOGRAFIA PER OSTETRICHE Conegliano, 10-12 giugno 2010 Ruolo dell ostetrica nella diagnosi prenatale e nel counselling della diagnosi prenatale: ultrascreen villocentesi amniocentesi

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE DIAGNOSI DI GRAVIDANZA GEMELLARE: L'IMPORTANZA DELL'ECOGRAFIA NEL I TRIMESTRE Carla Verrotti U.O. Salute Donna Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma Azienda USL di Parma zigosità corionicità amnioticità

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale

Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale Prof. M. Calipari Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 Diagnosi genetica pre-concezionale esame genetico

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica - Ostetrica Direttore: Prof. G.B. Nardelli Medicina Fetale Dott. E. Cosmi (Ricercatore Universitario) Dott. G. Francia (Dirigente

Dettagli

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali * Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13ª( primo trimestre) A) ESAMI ESENTI (in base alla Gazzetta Ufficiale del 10-9-98):

Dettagli

ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA L'ecografia del I trimestre fornisce informazioni molto importanti ai fini del regolare decorso della gravidanza: consente di accertare la regolare sede intrauterina

Dettagli

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Il passa o p rto per la futura mamma Consigli ed informazioni utili per la gravidanza per rendere più tranquillo e sereno

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Scienze Ostetriche e Ginecologiche Ciclo XXI LO SCREENING DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE NELLA PRATICA CLINICA MEDIANTE

Dettagli

Malformazioni fetali

Malformazioni fetali Malformazioni fetali Indagine morfologica precoce Via transaddominale Sonde a elevata risoluzione Via transvaginale Epoca gestazionale 11-14 settimane Translucenza nucale Indagine morfologica precoce Strutture

Dettagli

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore Prevenzione Diagnosi prenatale La consapevolezza di un accoglienza d amore Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica con

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

I test di screening della. una visione d insieme. M.C. Galassi

I test di screening della. una visione d insieme. M.C. Galassi I test di screening della aneuploidie cromosomiche: una visione d insieme M.C. Galassi Indagini prenatali delle aneuploidie La cariotipizzazione è considerata l indagine gold standard per la diagnosi della

Dettagli

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PREMATURITA La WHO definisce il parto pretermine come il parto che avviene prima delle 37 settimane di gravidanza 6-10% dei parti sono pretermine ma di questi 50% > 35 settimane.

Dettagli

Diagnosi Prenatale I

Diagnosi Prenatale I Diagnosi Prenatale I Lezione 15 Diagnosi prenatale nata nel 1966 (Steele e Breg); richiede l intervento di numerose discipline: ostetricia, ultrasonografia, genetica clinica, diagnosi e consulenza genetica

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Sofia Sollazzi, Giovanni Centini, Lucia Rosignoli, Felice

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Ostetrica e ultrasuoni: Il ruolo dell Ostetrica alla luce delle nuove normative VI CORSO GALLURESE DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OLBIA

Dettagli

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini Modena 29 marzo 2012 Ecografia del I trimestre: 11-14 w Ecografia nel I trimestre

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale Bertinoro, 19 Ottobre 2013 Eva Pompilii eva_pompilii@yahoo.it Limiti attuali del Non invasive Prenatal Testing/ Non Invasive Prenatal

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

Policlinico Le Scotte - Siena

Policlinico Le Scotte - Siena Università degli Studi di Siena Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Sezione di Pediatria Policlinico Le Scotte - Siena IDEAZIONE GRAFICA GRAFICA E IMPAGINAZIONE

Dettagli

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO UPDATE Diabete in Gravidanza Cesena 10 Aprile 2010 DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO Dott.ssa Mirella Guazzarini CLASSIFICAZIONE W.H.O. (World Health Oraganization) DIABETE Pregravidico DIABETE Gestazionale

Dettagli

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Meno invasiva Più precoce ? Fattori particolari di rischio per la diagnosi prenatale Sono fattori che possono Fibromi

Dettagli

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica L inizio della gravidanza è reso possibile dal verificarsi di una serie di eventi, quali: Migrazione degli spermatozoi; Capacitazione

Dettagli

! #!,! # - #. #! # # # - #! + / #

! #!,! # - #. #! # # # - #! + / # !"# "# $%'()''*"#++ ! #!,!#-#.! ###-!+/ # !" # $%' (% (%') ') ##* +%, %,% $%' '-- 0-#-+ - 1 -#. -!2 -- 1 --2 #!-3 #4! - #-,5-3!6 3 #3 #4 -!#- 5 #-3 - # -##7'' !6 #- -#. 8-!# 33 8-4! - #!-- #!! 3 8-!!/

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Esenzione per status. 3G1 Invalidi di guerra. 3G2 Invalidi di guerra 148 > LIBRO BIANCO

Esenzione per status. 3G1 Invalidi di guerra. 3G2 Invalidi di guerra 148 > LIBRO BIANCO 148 > LIBRO BIANCO Esenzione per status Le condizioni che danno diritto all esenzione dalla partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie sono individuate al livello regionale. A livello nazionale

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara La plurifecondazione umana con lo sviluppo di più feti e la fecondazione unica con sdoppiamento e sviluppo dei due feti costituiscono

Dettagli

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Descrizione di un caso clinico Infezione Congenita? Dott.ssa Nunzia Aragione U.O. Neonatologia-TIN A.O. Santobono-Pausilipon-Annunziata

Dettagli

Patologia del I trimestre di gravidanza

Patologia del I trimestre di gravidanza Patologia del I trimestre di gravidanza Le principali complicazioni gravidiche nel primo trimestre di gestazione sono: Aborto spontaneo ripetuto ricorrente o abituale volontario (IVG) Gravidanza ectopica

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE

A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE 1 1) DEFINIZIONE La SLOG ritiene opportuno, allo stato attuale conoscitivo ed organizzativo, definire diagnosi

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Prof. Nicola Colacurci LA PLACENTA Annesso embrionale insieme con: Liquido amniotico Funicolo i l ombelicale

Dettagli

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN Sinonimi: Trisomia 21 Frequenza : 1/750 nati vivi ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN La sindrome di Down (detta anche

Dettagli

DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0

DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0 DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0 COUNSELLING PER FARMACISTI Progetto educazionale di Formazione a distanza con il contributo non condizionato di Laboratori Alter Responsabile Scientifico Prof.

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale

La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale Per diagnosi prenatale si intende l insieme delle indagini strumentali e di laboratorio finalizzate ad individuare determinate patologie su base : genetica infettiva

Dettagli

La responsabilità delle ostetriche: Un Caso giudiziario. Avv. Cosimo Maggiore

La responsabilità delle ostetriche: Un Caso giudiziario. Avv. Cosimo Maggiore La responsabilità delle ostetriche: Un Caso giudiziario Avv. Cosimo Maggiore La storia clinica _ DATI CLINICI _ Signora D. N. E. Ricoverata il 5/9/2011 presso U.O.C. di Ginecologia e Ostetricia ASL di

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA GINECOLOGIA ED OSTETRICIA. Prof. M.T. Bruno

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA GINECOLOGIA ED OSTETRICIA. Prof. M.T. Bruno UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA GINECOLOGIA ED OSTETRICIA Prof. M.T. Bruno ANNO ACCADEMICO 2011/2012 ANNESSI EMBRIO-FETALI Sono tutte le strutture del prodotto del concepimento che si formano durante

Dettagli

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE Il Percorso per l assistenza alle donne affette da diabete gestazionale è stato elaborato in ambito interdisciplinare, con il coinvolgimento della SSD

Dettagli

ESENZIONE TICKET IN GRAVIDANZA

ESENZIONE TICKET IN GRAVIDANZA ESENZIONE TICKET IN GRAVIDANZA Esenzini in funzine precncezinale (cdice di esenzine: "M 00") Prestazini specialistiche per la dnna: CONSULENZA GINECOLOGICA PRECONCEZIONALE ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test

Dettagli

LO SCREENING PRENATALE DELLA SDR. DI DOWN

LO SCREENING PRENATALE DELLA SDR. DI DOWN LO SCREENING PRENATALE DELLA SDR. DI DOWN dott. Fabio Chesani dott. Daniele Ortolani La premessa Screening e diagnostica invasiva dovrebbero essere disponibili entro la 20 settimana a tutte le donne, indipendentemente

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Gravidanza fisiologica

Gravidanza fisiologica 1 Gravidanza fisiologica 2 La donna che accede al ns. servizio deve essere presa in carico dall equipe nella sua totalità. Nel caso la gravidanza deroghi dalla fisiologia e sopraggiungano complicazioni,

Dettagli

CENNI DI CITOGENETICA

CENNI DI CITOGENETICA CENNI DI CITOGENETICA CARIOTIPO: definisce il numero e la morfologia dei cromosomi di un individuo. Nell uomo tutte le cellule (ad eccezione delle cellule germinali) hanno cariotipo diploide (23 coppie

Dettagli

Il morfologico precoce: significato, possibilita e limiti. Silvia Malaigia

Il morfologico precoce: significato, possibilita e limiti. Silvia Malaigia Il morfologico precoce: significato, possibilita e limiti Bertinoro19 Ottobre 2013 Silvia Malaigia Ecografia a 11-13 settimane + 6 gg Datazione Corionicita nei gemelli Localizzazione trofoblasto-inserzione

Dettagli

CASI DI GRAVIDE TOSSICOMANIGENE PRESSO. 11 Giugno 2004 PERIODO-ANNI 1984-2003

CASI DI GRAVIDE TOSSICOMANIGENE PRESSO. 11 Giugno 2004 PERIODO-ANNI 1984-2003 CASI DI GRAVIDE TOSSICOMANIGENE PRESSO SER.T TIVOLI ASL RMG Responsabile Dott. Massimo PERSIA SCOPO ED OBIETTIVO DELLA RICERCA OMEOSTASI MATERNO-FETALE CONTROLLO DELLA SOFFERENZA FETALE INTRAUTERINA MINOR

Dettagli

MEDICO / CENTRO INVIANTE

MEDICO / CENTRO INVIANTE Pag. 1 di 2 MODULO DI RICHIESTA ESAME PRENATALSAFE MEDICO / CENTRO INVIANTE Nome / Timbro Punto Prelievo DATI DELLA PAZIENTE Prot. No.: (uso interno) Nome Cognome Data di nascita Luogo di nascita Codice

Dettagli