Tavolo sulla Sanità documento conclusivo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavolo sulla Sanità documento conclusivo."

Transcript

1 Tavolo sulla Sanità documento conclusivo. L art. 32 della Costituzione Italiana e l Organizzazione Mondiale della Sanità considerano la Salute come un diritto fondamentale dell individuo ed un interesse superiore della collettività, da garantire e tutelare. Un diritto fondamentale che spesso nel nostro paese è stato minato da anni di amministrazioni incompetenti, negligenti e clientelari. Da qui l analisi del Sistema Sanitario Nazionale in tre suoi aspetti (economico-organizzativo, dei servizi e della formazione) con relative proposte programmatiche. Economia ed organizzazione. L ultimo Rapporto OASI del Cergas (Centro di ricerche sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale) ed il Rapporto Transparency International Italia&Istituto per la Promozione dell Etica in Sanità evidenziano una serie di elementi nell ambito del SSN quali: Spesa sanitaria ridotta: spesa complessiva inferiore dell 1,2% rispetto agli anni precedenti e spesa procapite inferiore rispetto a Francia e Germania, con tagli indiscriminati che hanno colpito sia i settori efficienti che quelli non efficienti. Short-termismo: assenza di politiche economico-sanitarie a lungo termine a causa del contenimento della spesa pubblica e delle politiche di austerity. Queste ultime comportano minori fondi e minor personale con conseguenze quali: riduzione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) fino al 35%, chiusura di reparti e cessazione di servizi 1, affollamento presso le strutture di pronto soccorso 2, crisi delle aziende satelliti (circa lavoratori impiegati nei settori farmaceutici, di approvvigionamento ecc.), dilatazione dei tempi di pagamento (fino a giorni), ritardi negli aggiornamenti e nell innovazione, aumento del gap Nord-Sud e della mobilità passiva (residenti che si curano in altre aziende sanitarie). Sovrapposizioni ed aumento strutturale delle dimensioni delle ASL: comportano difficoltà di gestione, indebolimento del potere di programmazione, grovigli burocratici e di competenze, complice un inadeguata formazione gestionale e manageriale. Aumento della domanda con offerta non proporzionata: ai bisogni reali incrementati per progressi scientifici e maggiore informazione si aggiunge il 30% della popolazione generale affetta da patologie croniche ed il 4% di non autosufficienti. Differenze abissali interregionali: si registrano gap in relazione alle strutture, alle prestazioni erogate ma soprattutto in relazione ai costi di forniture ed approvvigionamenti (fino al 1.145%), questo a causa di una vera e propria selva di appalti caratterizzata da un lato dalla discrezionalità nelle scelte da parte di aziende e strutture sanitarie, dall altro da logiche clientelari con assenza di trasparenza. Dall analisi dei dati precedentemente esposti si individuano alcune proposte programmatiche quali: Realizzazione di una Medicina che genera valore per il paziente (Porter): una programmazione economica a lungo termine, assieme a strategie a breve periodo, consente di generare risorse che restano all interno del sistema per attuare futuri investimenti nello sviluppo del settore sanitario stesso (programmazione economica che tenga ovviamente conto delle previsioni epidemiologiche più recenti), il tutto affiancato ad una razionalizzazione delle spese interne tramite protocolli precisi e dettagliati, la cui esecuzione sia garantita dai direttori dei reparti con relative sanzioni in caso di mancata attuazione. Organizzazione strutturale ponderata ed efficiente: sono necessarie dimensioni più ampie delle ASL con migliore programmazione e servizi più articolati sul territorio senza

2 Servizi. sovrapposizioni; una rete di ospedali HUB (ospedali di riferimento a livello regionale) & SPOKE (ospedali di riferimento a livello provinciale) funzionante e logisticamente ottimale; l estensione a livello nazionale del progetto delle case della salute (già avviato in Lazio e Toscana), strutture sanitarie locali di supporto in grado di gestire le emergenze basilari e di fornire prestazioni diagnostiche, ambulatoriali e di continuità assistenziale, il cui scopo è supportare i centri di ordine superiore, riducendo l affluenza agli ospedali centrali ed abbassando i tempi di attesa specie nei reparti di pronto soccorso (tale organizzazione ottimale non deve restare però solo cartacea, ma deve essere attuata praticamente per evitare la presenza di zone scoperte dal punto di vista sanitario 3 ); attuazione effettiva della legge 135 del 2012 che prevede la presenza di 3,7 posti letto/1000 abitanti, la cui applicazione non si riscontra ancora in tutto il territorio nazionale 4. Creazione del Centro Unico di Acquisto: ente nazionale che stabilisca un range di prezzi (per forniture, materiale sanitario ecc.) all interno del quale le varie strutture si devono muovere, che funga da garante e controllore per prevenire clientelismo e speculazione e che dislochi il materiale sulla base delle reali esigenze territoriali. Nomine dirigenziali trasparenti e meritocratiche: abbandono delle logiche clientelari e politiche alla base di tali nomine, con selezione dei dirigenti tramite bandi pubblici in cui si valutino anzianità e meritocrazia, nel rispetto delle Linee guida per la Prevenzione dei fenomeni di Corruzione e attuazione della Trasparenza Amministrativa. Sblocco del turn-over: per far fronte ai pensionamenti, alla riduzione delle prestazioni, ai turni alienanti (fino a 12h) ed all interruzione momentanea di alcuni servizi 5 per garantire i LEA o l assistenza in pronto soccorso. Rapporti chiari con la sanità privata: stop al depotenziamento del pubblico in favore del privato, favorendo invece un rapporto di collaborazione in relazione a posti letto, diagnosi, riabilitazione e degenza, tramite convenzioni chiare e trasparenti stipulate con le regioni. 1)Equità di servizi. Il SSN dovrebbe garantire una Salute uguale per tutti, uguale accesso ed uguale utilizzazione, senza disparità o differenze. Tuttavia bisogna considerare ciò che affermano alcuni studi: Studio Piperno-Di Iorio ( 90): gli abitanti delle grandi città del centro-nord dell Italia hanno possibilità di accesso ai servizi sanitari maggiore mentre soprattutto gli anziani delle periferie hanno minori possibilità di accesso (accesso che spesso si limita al primo livello o a condizioni di emergenza). Studio Wilkinson-Pickett (2009): negli strati più poveri della popolazione sono più alti i tassi di mortalità infantile e materna ed i livelli patologici sono superiori alla media. Dove invece si registrano migliori condizioni di vita è evidente una maggiore capacità lavorativa e possibilità di occupazione, con conseguente benessere sociale ed economico. Di conseguenza la Sanità dovrebbe: Considerare l individuo ed il contesto, oltre che la patologia: i dati sulla patologia vanno integrati con gli indici di welfare (reddito, scolarità, professione, contesto socioculturale) per avere una visione più completa e realistica. Appare fondamentale in tale contesto porre il rapporto medico-paziente alla base del servizio assistenziale, rapporto troppo spesso considerato marginale a causa di una concentrazione eccessiva sull aspetto economico. Abbattere il gap culturale tramite campagne di informazione ed educazione alla salute.

3 Abbattere il gap territoriale tramite potenziamento delle strutture inadeguate e migliorie qualitative. 2)Sicurezza delle cure e responsabilità del personale. Si tratta di un ampia tematica per analizzare la quale bisogna prendere in considerazione i seguenti fattori: Elevate aspettative dei pazienti stessi, con conseguenti atteggiamenti quali la pronta denuncia in caso di normali complicazioni. Adozione di pratiche difensive da parte del personale sanitario quali l abuso di procedure inutili a scapito di quelle efficaci (queste ultime comportanti rischi ritenuti eccessivi) e l esecuzione di analisi/esami non utili, che fanno aumentare le spese a carico del SSN ed allungano le liste di attesa 6. Mera delega alle compagnie assicurative della risoluzione dei contenziosi. Occorre pertanto disciplinare al meglio tale tematica, abolendo le pratiche della medicina difensiva, riconsiderando la responsabilità civile e quella penale, la Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) e quella verso prestatori d Opera (RCO) e sollecitando la formazione di Unità di Prevenzione e Gestione del rischio clinico e Osservatori per la valutazione dei contenziosi (proposta di legge fatta nel 2013). 3)Prevenzione ed educazione alla salute. Poiché lo stile di vita incide per il 40-50% nello sviluppo di una patologia, è fondamentale investire quote sempre più cospicue nel settore della prevenzione: sebbene più dispendioso all inizio, ciò comporterebbe enormi guadagni a lungo termine grazie alla riduzione del numero dei futuri potenziali pazienti. Appare pertanto necessario inaugurare nelle scuole e nelle piazze campagne di: Prevenzione primaria ed educazione alla salute: consentono di ridurre i fattori di rischio tramite interventi in grado di evitare o diminuire l'insorgenza e lo sviluppo di una malattia, interventi quali campagne massicce di educazione alimentare, educazione sessuale ed informazioni sull abuso di sostanze (affiancate a supporti di carattere psicologicopsichiatrico), andando così ad incidere su future patologie endocrino-metaboliche, veneree, alcool e fumo-correlate e disordini alimentari (oltre alla prevenzione in ambito sessuale sarebbe utile anche la donazione o la vendita scontata, presso farmacie convenzionate, di preservativi per i ragazzi under 25); in questo ambito si può collocare inoltre l istituzione di corsi di BLSD presso le scuole superiori. Prevenzione secondaria: poiché la precocità di intervento aumenta le opportunità terapeutiche, migliorandone la progressione e riducendo gli effetti negativi, le campagne di screening si configurano come un elemento imprescindibile per la programmazione della spesa sanitaria e la mappatura di svariate patologie, in particolare tumorali (mammella, colon-retto, prostata, cervice uterina). 4)Trasporti e logistica. Poiché cresce il numero dei pazienti non in grado di effettuare spostamenti tra il proprio domicilio e le strutture sanitarie o tra le strutture sanitarie stesse si configura come necessaria l introduzione di servizi di diagnostica radiologica domiciliare gratuita e di autoambulanze apposite allestite per il trasporto/trasferimento, anch esse gratuite. 5)Registri Tumori e Malattie da Inquinamento Ambientale.

4 Registri Tumori: sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio fornendo dati per lo studio delle cause, i percorsi diagnostico-terapeutici, la progettazione di interventi di prevenzione e la programmazione della spesa. Come risulta dalle informative dell Associazione Italiana Registri Tumori, i registri accreditati coprono solo il 51% del territorio con il 29% di zone non coperte 7 : è quindi necessario accreditare tutte le strutture restanti e coprire un terzo del territorio italiano 8. Registri Malattie da inquinamento ambientale: sarebbe opportuno inserire questa sottocategoria che tenga nota dell insorgenza delle patologie causate dall esposizione a fibre di amianto (asbestosi, carcinoma polmonare, mesotelioma pleurico) e a rifiuti tossici, quali gli scarti industriali come i metalli pesanti (malattie dello spettro leucemico 9 ). La distribuzione territoriale di tali patologie fornisce inoltre la mappatura dei siti in cui procedere con opere di bonifica ambientale. 6)Trattamento dell autismo. L autismo è un disturbo neurobiologico complesso dalle cause non ancora ben definite, è tra i disturbi più comuni in età pediatrica e può interessare qualsiasi gruppo etnico e sociale, con prevalenza nei maschi. Poiché tale patologia riguarda la sfera comportamentale e la capacità interattiva con le altre persone, è fondamentale una diagnosi precoce (in genere intorno ai 2-3 anni) in modo da consentire un intervento riabilitativo efficace che possa condurre ad una qualità di vita soddisfacente. Tuttavia passa un tempo eccessivamente lungo tra la diagnosi e l intervento delle istituzioni pubbliche, mentre il trattamento privato risulta essere oneroso e pertanto non accessibile a tutti: di conseguenza una proposta, da inserire nel testo unificato dalla commissione per i disegni di legge n 344, 359, 1009, 1079, sarebbe quella di riconoscere ufficialmente i trattamenti neocomportamentali come i trattamenti più efficaci, fornendo contributi economici alle famiglie che si avvalgono di tali servizi, corsi di formazione per gli operatori sanitari e certificazione delle relative strutture. 7)Professioni sanitarie. Un importante riflessione va fatta sul ruolo delle professioni paramediche: risulta necessario dare maggiore responsabilità ed ambiti di competenza, legalmente definiti, a tali figure professionali (infermieri, logopedisti, tecnici radiologi, ostetrici e fisioterapisti) allo scopo di creare un vero e proprio team-working che permetta di migliorare l'assistenza al paziente. In particolare è necessario dare una maggiore valorizzazione al personale ostetrico, il quale non può firmare i libretti di gravidanza per cui costringe la paziente ad uno stress burocratico, ed al ruolo dello psicologo, ruolo fondamentale in un sistema sanitario che consideri la salute ed il benessere globale dell individuo come fine principale: andando più nello specifico sarebbe opportuno estendere a livello nazionale (come proposto inizialmente da un ddl del 2010) la figura dello psicologo di base, professione da affiancare al medico di base per non fermarsi ad una pura valutazione clinica e per intercettare disagi e problematiche largamente diffuse che tutt ora non trovano punti di riferimento (l introduzione di tale figura ha portato ottimi risultati nelle regioni del Lazio e del Veneto, figura che inoltre è stata sperimentata con successo in Inghilterra ed è ormai parte del panorama sanitario in Olanda). 8)Bio-banche. Le bio-banche sono strutture specializzate nella preservazione di materiale biologico tissutale o genetico, utilizzabile a scopo di ricerca, diagnostico e terapeutico: infatti l art. 1 del DM del

5 18/11/2009 afferma che la conservazione del sangue da cordone ombelicale rappresenta un interesse primario per il Servizio Sanitario Nazionale. Tuttavia: Le bio-banche pubbliche dedicate alla conservazione del sangue cordonale sono solo 19. Non tutti gli ospedali sono attrezzati ed abilitati al prelievo. Per chi partorisce nei week-end, in giorni festivi, in orari notturni o comunque in altre circostanze di carenza di personale competente, la speranza di poter donare il cordone ombelicale è quasi nulla. In totale si prelevano solo pochissime migliaia di campioni (circa l 1%). Quindi appare necessario un potenziamento delle banche esistenti parallelamente all incremento della possibilità di prelievo, agendo sia sulle strutture che sul personale specializzato. 9)Ricerca e sperimentazione. Maggiori investimenti nella ricerca e nella sperimentazione (cellule staminali, medicina riparativa) comportano netti vantaggi in termini terapeutici. Occorre però affiancare agli investimenti una capillare informazione (in particolare sulla sperimentazione) in modo da sfatare falsi miti ed abbattere pregiudizi infondati. Formazione. L apparato universitario e della sanità dovrebbe dedicare attenzione massima all aspetto formativo, proprio perché riguarda lo sviluppo umano e professionale della futura classe medica ed infermieristica. In particolare occorre aprire una profonda riflessione su alcune tematiche: Metodo di accesso ai sei anni del CDL di Medicina e Chirurgia ed alla successiva specializzazione, rispettando i criteri dell oggettività e della meritocrazia. Numero degli studenti del CDL di Medicina e Chirurgia, che deve essere coerente e proporzionale al numero dei posti in specializzazione ed alle esigenze territoriali. Numero degli anni di specializzazione medica, nell ottica di una formazione migliore e più pratica. Numero delle borse di specializzazione, che deve essere aumentato senza ricorrere alla creazione di una nuova figura quale quella del medico ospedaliero non specialista di difficile collocazione sia economica che professionale (in particolare è necessario il mantenimento di quelle del biennio 2015/2016, respingendo la proposta di annullare il concorso per l anno 2015 in modo da recuperare la spesa economica derivante dall accesso dei sovrannumerari del 2014). Pratica ospedaliera pre e post-laurea, che completi la formazione puramente accademica e faccia conoscere al futuro operatore sanitario i reali bisogni del territorio. Dottorato ed alta formazione scientifica, da inserire accanto alla formazione specialistica. Queste tematiche sono state affrontate con la senatrice del PD Pina Maturani, membro della commissione Igiene e Sanità, la quale si è soffermata su alcuni aspetti, ovvero: la considerevole autonomia decisionale delle regioni, l iniziale inversione di tendenza che si registra grazie a nuove politiche indirizzate verso una spesa maggiore in ambito sanitario, i vantaggi di una riorganizzazione efficiente della rete ospedaliera ed i benefici delle case della salute, l evitare la generalizzazione per cui l intervento della politica nella gestione della sanità è un qualcosa di negativo, gli impegni in merito ad una legislazione più chiara sulla responsabilità professionale,

6 l importanza della prevenzione e degli investimenti nella ricerca e la necessità di una profonda riflessione in merito alla formazione del personale medico ed infermieristico. In seguito a tale discussione è nato il Tavolo permanente sulla Sanità che porterà ad incontri periodici allo scopo di affrontare ogni singola questione emersa durante il dibattito. Il settore della Sanità ci impone quindi quattro criteri: celerità, trasparenza, competenza e lungimiranza. Pertanto lanciamo un grande progetto di ristrutturazione e potenziamento della Sanità stessa in un contesto che consideri anche il welfare, nell ottica di una stagione nuova ed in totale discontinuità con il passato. Perché un amministrazione può essere definita ottimale se e solo se si prende cura dei suoi cittadini. 1 ad es. il reparto maternità del S. Gennaro di Napoli o il servizio di parto naturale all ospedale di Capri 2 ad es. alcuni pazienti del pronto soccorso dell AO A. Cardarelli di Napoli sono costretti a sostare giorni sulle barelle 3 ad es. il presidio di primo intervento di Sacafati (SA), nato a seguito della riqualificazione dell ex ospedale, non fornisce un assistenza adeguata, pertanto il considerevole bacino di utenza deve rivolgersi presso la struttura ospedaliera di Nocera Inferiore, sovraffollandola 4 ad es. nella provincia di Frosinone 5 ad es. nell AO Annunziata di Cosenza i servizi di corsia di chirurgia generale sono spesso interrotti per garantire l assistenza chirurgica in pronto soccorso 6 ad es. al Policlinico Umberto I di Roma le liste di attesa per una radiografia sono di 3 mesi 7 ad es. la provincia di Vibo Valentia 8 alla copertura della Campania era volta la raccolta firme promossa dai GD di Napoli e provincia 9 ad es. nell alto tirreno cosentino l incidenza di patologie leucemiche infantili è 4 volte superiore alla media nazionale Luigi Carmine Leta, coordinatore, GD Cosenza Silvia Babolin, GD Ciampino Giorgio Benassi, GD Montaione Eleonora Benedetti, GD Roma Chiara Benedetto, GD Genova Gianluca Carli, PD Vigne Nuove Alessio Esposito, GD Scafati

7 Fabio Machiella, GD Napoli Stefano Manai, GD Pisa Raffaele Martorano, GD Scafati Andrea Pro, GD Frosinone Marco Antonio Rollo, GD Roma Alessio Scigliuzzo, GD Gallipoli Giuseppe Zaccari, GD Frosinone

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute Risorse messe in campo Dott. Mariano Alessi Dirigente Medico Medico del Lavoro Ministero della salute DG Prevenzione Nel 2012 sono state finanziate attività specifiche

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

Criticità liguri. Gabriella Paoli

Criticità liguri. Gabriella Paoli Criticità liguri Gabriella Paoli Cosa serve per poter applicare in Liguria programmi di prevenzione secondaria per il tumore eredo familiare della mammella? Normativa a supporto Competenze Organizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche )

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche ) Sessione pomeridiana tavolo n.1 Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello Discussant: Dott. Massimo Misiti Aspetto dicotomico che possiamo assumere a sintesi e obiettivo del tavolo e' la declinizione

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati SISTEMA SANITARIO Insieme delle istituzioni, attori e risorse (umane e materiali) che concorrono alla promozione, al recupero ed al mantenimento della salute. Finalità di questo sistema è produrre salute.

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Dr. Atanasio Kiriazopulos 20/06/2010 1 Argomenti della discussione Generalità Finanziamento Ospedali Medicina di Base Personale Medico Personale Infermieristico

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Malattie reumatiche. Colpiti 700mila italiani ma solo 50mila hanno accesso ai nuovi f... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=15772 Page 1 of 2 01/07/2013 quotidianosanità.it

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cilione Fortunato Data di nascita 30/07/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011.

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011. REGIONE PIEMONTE BU19 09/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 16 aprile 2013, n. 41-5670 Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

PIATTAFORMA DELLA PROFESSIONE PER I PRINCIPI DEL SSN UNIVERSALITA, EQUITA, SOLIDARIETA E SOSTENIBILITA I MEDICI ITALIANI DENUNCIANO

PIATTAFORMA DELLA PROFESSIONE PER I PRINCIPI DEL SSN UNIVERSALITA, EQUITA, SOLIDARIETA E SOSTENIBILITA I MEDICI ITALIANI DENUNCIANO PIATTAFORMA DELLA PROFESSIONE PER I PRINCIPI DEL SSN UNIVERSALITA, EQUITA, SOLIDARIETA E SOSTENIBILITA I MEDICI ITALIANI DENUNCIANO Le politiche in atto che, considerando la Sanità come puro costo, stanno

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

MANIFESTO FIMEUC 2014-16

MANIFESTO FIMEUC 2014-16 Federazione Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO MANIFESTO FIMEUC 2014-16 SISTEMA EMERGENZA URGENZA: ANALISI CRITICITA E PROPOSTE

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena I PAZIENTI ONCOLOGICI Chirurgici Radioterapici

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N : CS1015 DEL : 29/11/2013 STRUTTURA PROPONENTE : DIREZIONE GENERALE OGGETTO : FURIO FABBRI L'estensore BREAST UNIT

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

FACTORY365 SANITÀ DOCUMENTO CONCLUSIVO

FACTORY365 SANITÀ DOCUMENTO CONCLUSIVO FACTORY365 SANITÀ DOCUMENTO CONCLUSIVO #dimmelotu TRASPARENZA E COMUNICAZIONE Per parlare di sanità nella città di Roma è necessario parlare più genericamente di sanità del Lazio. Lo Stato infatti veicola

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica L infermiere in sanità pubblica: (Master in sanità pubblica) Ha competenze specifiche nell area della prevenzione allo scopo di attuare interventi volti al miglioramento

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22. B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO.

Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22. B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO. Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22 B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO. Articolo 1 Fnalità 1. La Regione favorisce il benessere psicofisico della

Dettagli

Invecchiamento della popolazione lavorativa ospedaliera. Previsioni di criticità

Invecchiamento della popolazione lavorativa ospedaliera. Previsioni di criticità Como, 15 maggio 2015 Invecchiamento della popolazione lavorativa ospedaliera. Previsioni di criticità Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Paolo Mascagni Struttura Complessa di Medicina del Lavoro

Dettagli

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Area cure primarie 1/8 Premessa I Medici di Medicina Generale e i Pediatri di libera scelta (comunemente definiti

Dettagli

Scenari del Settore Sanitario

Scenari del Settore Sanitario Scenari del Settore Sanitario Francesco Longo Milano, giugno 2013 1 Agenda 1. Le risorse del SSN: bastano? 2. Trend finanziari di sistema 3. Razionalizzazione input o geografia dei servizi? 4. Innovazioni

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 148 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Sandri, Bond, Caner, Lazzarini, Toscani, Cappon, Bozza, Corazzari, Tosato, Cenci,

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO Dr.ssa Gabriella Angeloni Il Comitato Infermieri Dirigenti (CID), Società Scientifica, è apartitico e non persegue scopi di lucro e si propone di: a. promuovere

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

" # * $ " 3# $ 8 " " $

 # * $  3# $ 8   $ ! "# $ %&""'( ) $ $* $ $ $ * "# + $ ),-./00/ 1,- "2/00/ 2 13,- "&4&2/ $$ 5 63 " ),7 28 &"' 09,"'(/'2/'727&5/'%27""&'(' - 6,"'(/'2/'7"'(' %1 " # * $ " 3# $ 8 " " $ PRENOTAZIONE PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli