COMUNE DI RACALMUTO (AG) RELAZIONE TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RACALMUTO (AG) RELAZIONE TECNICA"

Transcript

1

2 COMUNE DI RACALMUTO (AG) PROGETTAZIONE ESECUTIVA, D.L. E SICUREZZA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI RACALMUTO DENOMINATO OCCHIO DISCRETO - PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FESR - SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA OBIETTIVO OPERATIVO 1.1 RELAZIONE TECNICA

3 SOMMARIO Premessa 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E LOCALIZZAZIONE AREE SENSIBILI 2. ARCHITETTURA DELLO STUDIO 3. ARCHITETTURA DEL SISTEMA 3.1 Scelte progettuali 3.2 Architettura e impiantistica 3.3 Centri stella 3.4 Caratteristiche tecniche e dotazioni delle telecamere 3.5 Telecamere IP 3.6 Box periferici da esterno 3.7 Cartelli avviso videosorveglianza 3.8 Specifiche server 3.9 Apparato Wireless base station 3.10 Armadio presso al centrale operativa 3.11 Scavi 3.12 Tubazioni 3.13 Canalizzazioni per gli impianti dati ed elettrici 3.14 Linee di alimentazione elettrica 4. IMPORTO DEL PROGETTO

4 La videosorveglianza è divenuta oggi uno strumento indispensabile, nelle città, nei Comuni piccoli e grandi, alla tutela della sicurezza pubblica e al contrasto della criminalità, divenendo ormai parte integrante dell arredo urbano, come i lampioni, le panchine, i semafori Linee Guida ANCI in materia di sorveglianza Premessa Il ricorso all installazione di sistemi di videosorveglianza da parte degli Enti locali per rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini è un fenomeno che ha registrato, negli ultimi anni, una crescita esponenziale. Il sistema di videosorveglianza rappresenta infatti una tra le misure di controllo del territorio che dà un importante contributo per assicurare il bisogno di sicurezza e il rispetto e tutela della legalità. Il presente progetto esecutivo (incarico affidato con Determinazione dirigenziale n. 293 del 14/08/2013 che approva il verbale di gara dell 11/06/2013), inerente i lavori di realizzazione di un sistema di videosorveglianza cittadino, intende tradurre in realtà le esigenza di sicurezza del Comune di Racalmuto, realizzando un modello di controllo tecnologico, centralizzato ed integrato nel territorio di propria competenza. Il progetto ha come obiettivo la realizzazione di un sistema di videosorveglianza urbana nell area geografica del Comune di Racalmuto. Il sistema di videosorveglianza progettato è un sistema complesso ed articolato che cerca di dare soluzione ai problemi di sicurezza pubblica in alcune zone del territorio comunale cosiddette a rischio. La videosorveglianza diventa così uno strumento per migliorare la vita dei cittadini restituendo loro un senso di sicurezza ed agevolando lo svolgersi della vita sociale ed economica del paese. Il Comune di Racalmuto è, infatti, uno dei paesi, facenti parte della provincia di Agrigento ad alta densità mafiosa. Nel corso degli anni novanta si sono verificati episodi di guerra legati alle cosche mafiose che hanno provocato vittime anche innocenti. Durante questo arco di tempo si sono avuti episodi di lupara bianca, agguati e stragi mafiose, come quella del 23 luglio del 1991; 24 dicembre del 1991; 5 novembre del 1992, che hanno testimoniato in modo inequivocabile la lotta tra le cosche mafiose che per il predominio e per il controllo del territorio. La mafia locale ha rafforzato sempre di più i suoi poteri manifestando un notevole interesse per gli affari e condizionando l economia del paese e dell hinterland. Inoltre, Racalmuto è la patria di noti capimafia di Cosa Nostra; con il loro arresto l organizzazione criminale ha perso ogni controllo trasformandosi in delinquenza comune con piccoli gruppi malavitosi,anche di minorenni, che praticano attività illecite quali lo spaccio di droga e l estorsione. A ciò si aggiungono anche atti vandalici e di bullismo di notevole entità,che mettono a repentaglio l incolumità dei cittadini. (Vedi attentato Fondazione Sciascia distruzione Parco Fra Diego La Matina - danneggiamento di alcuni edifici scolastici ecc.). Anche nella gestione pubblica del paese è stata violata la legalità, la trasparenza, l imparzialità dell azione amministrativa, come è stato appurato dalla commissione prefettizia che, nella relazione del 29 febbraio del 2012, ha richiamato diverse inchieste per dimostrare le infiltrazioni mafiose nel Comune di Racalmuto per le quali il Consiglio dei Ministri ha decretato lo scioglimento del Consiglio Comunale giusto Decreto del Presidente della Repubblica del 30/03/2012. A seguito dello scioglimento del Consiglio Comunale, si è insediata la Commissione Straordinaria, che ha il compito di riportare legalità in un paese che era diventato di esclusivo dominio della criminalità organizzata di stampo mafioso.

5 Divengono necessari interventi e misure di prevenzione per monitorare alcune aree ad alto rischio e i più importanti monumenti storici. Per tale monitoraggio si è redatto un progetto che prevede l installazione di telecamere centralizzate a circuito chiuso, che sorveglino le suddette aree. I lavori consistono nell installazione di telecamere per esterni a circuito chiuso in zone opportunamente stabilite in modo da controllare tutte le aree ad alto rischio vandalico e preservare alcuni monumenti da danneggiamenti e deturpazioni. Nello specifico la realizzazione e la gestione del sistema di videosorveglianza è finalizzata a: - riduzione della percezione di insicurezza da parte dei Cittadini; - controllo della cosiddetta microcriminalità diffusa ; - miglioramento dell efficienza ed efficacia degli interventi della forza pubblica; - miglioramento indotto della vivibilità nelle aree del territorio comunale. 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E LOCALIZZAZIONE AREE SENSIBILI Il Comune di Racalmuto è sito in provincia di Agrigento con una superficie territoriale di circa 68,33 km² e con un popolazione di circa 9000 abitanti. Esso confina a est e sud con Castrofilippo; a nord con Bompensiere (CL) e Milena (CL); a nord e est con Montedoro (CL); a nord e sud e ovest con Grotte; a ovest con Comitini e a sud con Favara. Poiché l obiettivo del presente progetto è quello di creare un sistema di videosorveglianza che permetta di monitorare in tempo reale alcuni siti ritenuti di interesse relativamente alla sicurezza urbana, è stato studiato attentamente tutto il territorio comunale e, partendo dalla scelta delle aree

6 sensibili fatta in sede di progettazione preliminare ed a seguito delle indicazioni fornite dall Ufficio di Polizia Municipale, sono stati individuati dei punti strategici. Una delle aree principali da sottoporre a videosorveglianza è sicuramente il centro storico del Comune, il cui impianto urbanistico si caratterizza per il l impianto Tardo- medievale, con strade tortuose e ramificate, che si svolgono su schema radio centrico. Il comune di Racalmuto è infatti di origine araba, e si è sviluppato come borgo attorno al Castello dei Chiaramonte nel periodo della conquista normanna. L obiettivo diventa quindi quello di sottoporre a videosorveglianza il cuore della città ovvero il centro storico e le sue ramificazioni, i principali punti di riunione, ma anche i principali edifici scolastici vittime di vandalici e di bullismo e le porte di accesso/fuga della città. 2. ARCHITETTURA DELLO STUDIO Il Comune di Racalmuto (AG) intende realizzare un Sistema di videosorveglianza del territorio di pertinenza completo di rete wireless a grande capacità per il collegamento di 30 telecamere. Le telecamere saranno alloggiate su pali esistenti comunali, su nuovi pali o su apposite staffe. La sala apparati sarà ubicata nei locali del comune, e precisamente presso il Comando dei Vigili Urbani, sito in Via Vittorio Emanuele 14, al piano terra. La sala di controllo sarà ubicata nei locali del comune, e precisamente presso il Comando dei Vigili Urbani, sito in Via Vittorio Emanuele 14, al piano terra. La sala controllo ha uno spazio disponibile di circa mq.20 ed è perfettamente collocata in posizione strategica in quanto si trova ubicata centralmente rispetto al posizionamento delle telecamere. Nella sala controllo verranno collocati i monitor completi di stampante e le relative postazioni. Verrà collocato inoltre un impianto di allarme video sorvegliato per garantire la sicurezza dei locali. Il sistema consente, presso la centrale operativa, la visualizzazione delle immagini di tutte le telecamere, siano esse dal vivo o registrate. La registrazione sarà effettuata da server dedicati in modo continuo. Le immagini registrate possono essere conservate sul server per un periodo di diversi giorni, conformemente alle necessità dell Amministrazione e compatibilmente con il regolamento sulla Privacy. Conformemente a quanto previsto dalle normative vigenti, il sistema di registrazione può essere settato per conservare le registrazioni per un periodo definibile dall utente (fino a 7 giorni come da recenti disposizioni). La complessità di un sistema di videosorveglianza in un contesto territoriale esteso e le sue implicite necessità di sicurezza, affidabilità e disponibilità per tutti gli utilizzatori, siano questi fruitori dei servizi o gestori dello stesso, nonché la sua espandibilità verso altre applicazioni innovative, hanno determinato la priorità di adottare soluzioni basate su componenti standard. L utilizzo di questa componentistica consentirà una facile reperibilità sul mercato ed un elevata semplicità d uso. Il sistema sarà dunque connesso tramite una soluzione hardware e software specificatamente sviluppata per sistemi di videosorveglianza urbana, al fine di dare alla realizzazione quelle caratteristiche di modularità, sicurezza ed accessibilità agli utilizzatori necessarie a garantire il pieno raggiungimento di tutti gli obiettivi. La finalità del progetto è quello di definire una soluzione potente e scalabile, con un elevata affidabilità ed altamente performante, strutturata mediante funzioni complementari alla videosorveglianza, con una rete di connettività ad elevato throughput in grado di sostenere le molteplici applicazioni future nel percorso evolutivo del sistema.

7 Il sistema di videosorveglianza che si andrà a realizzare prevede l installazione di 30 telecamere del tipo Dome risoluzione HDTV 720 p, nei seguenti siti: Telecamere Dome Telecamera TD1 - Piazza Carmelo Telecamera TD2 - Via Garibaldi incrocio via Roma Telecamera TD3 - Piazza Barona Telecamera TD3 bis - Parcheggio piazza Barona Telecamera TD4 - Via Garibaldi incrocio via Filippo Villa Telecamera TD5 - Via L. Sciascia incrocio via G. Macaluso Telecamera TD6 - Villa Comunale Regina Margherita Telecamera TD7 - Piazza F. Crispi Telecamera TD8 - Via Garibaldi "Chiesa Madre" Telecamera TD9 - Via Garibaldi "scuola media Pietro D Asaro Telecamera TD10 - Viale Eduardo Spalanca "campo sportivo La Mantia" Telecamera TD10 bis - Viale Eduardo Spalanca "campo sportivo La Mantia" Telecamera TD10 ter - Viale Eduardo Spalanca "campo sportivo La Mantia" Telecamera TD11- Viale Eduardo Spalanca "campo sportivo La Mantia" Telecamera TD12 - Viale Falcone -Borsellino Telecamera TD13 - Contrada Piedi di Zichi Telecamera TD14 - Contrada Serrone Telecamera TD15 - Contrada Casalvecchio Telecamera TD16 - Contrada Piano di Corsa "Isola ecologica" Telecamera TD17 - Ingresso cimitero Telecamera TD18 - Viale Hamilton Telecamera TD19 - Piazza Stazione Telecamera TD19 bis - Contrada Stazione Telecamera TD 20 - Largo Monte Telecamera TD21 - Viale Tukory Telecamera TD22 - Piazza Fontana Telecamera TD23 - Via Raffo Telecamera TD24 - Via Fra Diego La Matina Telecamera TD25 - Viale della Repubblica Telecamera TD26 - Via Anime Sante Ripetitori/Trasmettitori: RT C: Via Filippo Villa/ ang. via gen. Macaluso RT D: Municipio Comunale RT E: Piazza Umberto I RT F. Piazza Fontana RT G: Tetto Fondazione Sciascia RT H: Via Risorgimento RT L: Via Anime Sante RT Z: Cimitero Centro di raccolta dati (SERVER) Comando dei Vigili urbani presso il Centro Direzionale dei Vigili Urbani di via V. Emanuele n.14; Centro di controllo (CLIENT) Comando dei Vigili urbani presso il Centro Direzionale dei Vigili Urbani di via V. Emanuele n.14

8 3. ARCHITETTURA DEL SISTEMA Il sistema è composto da una centrale operativa con postazioni client e postazione videowall, da siti di concentrazione e da terminali wireless che consentiranno il collegamento a telecamere di tipo dome PTZ. Ciascuna telecamera genera un flusso continuo di immagini in modalità "live" che viene inviato alla rete in modalità unicast e/o multicast. La banda di trasmissione può variare da pochi Kbps a parecchi Mbps a seconda del tipo di telecamera, della dinamicità della scena acquisita, dal movimento delle telecamere e dallo sfondo di ripresa ambientale. Tutte le connessioni saranno gestite dal sistema installato presso la centrale operativa (Centro Direzionale Vigili Urbani, sito in Via Vittorio Emanuele 14, al piano terra.) dove sarà dislocato il sistema di server che, al fine di garantire la massima affidabilità, prevede la registrazione su più hard disk ridondanti. 3.1 Scelte progettuali Il sistema proposto, con le modalità meglio esplicitate nei successivi paragrafi relativi alle funzionalità hardware e software della videosorveglianza, permetterà, presso la centrale operativa, la visualizzazione delle immagini di tutte le telecamere. Le immagini registrate potranno essere conservate sul server per un periodo di diversi giorni, conformemente alle necessità e compatibilmente con il regolamento della Privacy; tale periodo sarà eventualmente estendibile, semplicemente con l'aggiunta di ulteriori hard disk sul sistema di registrazione. In ottemperanza a quanto previsto dalle normative vigenti, il sistema di registrazione potrà essere settato per conservare le registrazioni per un periodo definibile dall'utente. Le dimensioni del sistema oggetto del presente progetto, le sue implicite necessità di sicurezza, di affidabilità e disponibilità per tutti gli utilizzatori, siano questi fruitori dei servizi o gestori degli stessi e la sua espandibilità verso altre innovative applicazioni, hanno determinato la priorità di adottare soluzioni basate su componenti standard, per una facile reperibilità sul mercato ed una elevata semplicità d'uso, integrate tuttavia in una soluzione hardware e software specificatamente sviluppata per sistemi di videosorveglianza urbana, al fine di dare alla realizzazione quelle caratteristiche di modularità, sicurezza ed accessibilità per gli utilizzatori necessarie a garantire il pieno raggiungimento di tutti gli obiettivi. La piattaforma software deve essere già implementata alla data di istallazione in documentabili installazioni multi sito, con esigenze di sorveglianza mission critical 24x7 (24 ore x 7 giorni). Si richiede che la soluzione fornita sia basata interamente su piattaforma Windows, e più precisamente da Windows Server 2008 R2 o superiori per il server, e da Windows 7 Professional o superiori per i client. Inoltre lato client il sistema dovrà poter essere pienamente utilizzato anche su postazioni PC dotate di Windows XP o Windows Vista. In sintesi i criteri tecnologici e progettuali sui quali è stata costruita la soluzione sono così riassumibili: aderenza al regolamento della Privacy: - accesso al sistema tramite autenticazione su più livelli (es. amministratore, responsabile del trattamento, incaricato del trattamento, manutentore, ecc.) con profili dì autorizzazione personalizzabili per singolo individuo; - conservazione dei log di tutti gli eventi, accessi, ecc.;

9 - sicurezza nel trattamento dei dati, protezione agli accessi di configurazione degli apparati HTTPS - mascheratura delle aree private (privacy zone); - tempo di registrazione programmabile; - esportazione immagini tramite autorizzazione. scelta di una soluzione ergonomica e semplice, potente ma facilissima da usare, che dispone di interfacce uomo/macchina semplici, complete ed interattive con il sistema e che non richiede particolare competenze o capacità per l'utilizzo; l integrazione in una unica interfaccia applicativa ed in un unica postazione operatore dei sottosistemi specializzati, con una visualizzazione unica ed integrata della lista e dello stato degli apparati di campo, degli allarmi e delle funzionalità di gestione; la gestione, per ogni postazione operatore, da 1 a 8 monitor; la sincronizzazione del datario e dell orario di tutti gli apparati in campo tramite un riferimento unico e centralizzato; una evoluta profilazione delle utenze, per gruppi e per singoli utenti; una evoluta gestione dei log operativi e di accesso; la gestione di una matrice virtuale servo comandata per la visualizzazione integrata su monitor LCD a parete di fino a 16 video split in cui visualizzare contemporaneamente i flussi video live, i flussi video registrati, gli allarmi, le immagini. La gestione del sotto-sistema di videosorveglianza, per quanto riguarda: il controllo delle telecamere (configurazione, selezione); la visualizzazione delle immagini live; l accesso alle immagini videoregistrate (con evolute funzionalità di ricerca); la gestione delle funzioni di registrazione (definizione dei criteri di registrazione per telecamera o per gruppi, definizione del periodo massimo di registrazione); la possibilità di ricevere e visualizzare gli allarmi provenienti dalle funzionalità di analisi intelligente delle scene; report e statistiche. I dati rilevati, le azioni, e le informazioni pertinenti le attività gestite dovranno essere gestite in un database di tipo relazionale basato su motori standard di vendor primari o di organizzazioni riconosciute a livello mondiale basati su linguaggio SQL. Le informazioni dovranno essere rese disponibili in modalità di fruizione personalizzata, in funzione del gruppo di utenza di appartenenza e dei privilegi assegnati a ciascun utente. La piattaforma applicativa deve essere fornita in licenza temporalmente illimitata. Specifiche video sorveglianza Il sottosistema di gestione della videosorveglianza deve essere nativamente integrato nella piattaforma applicativa e consentire il pieno e completo controllo di tutte le componenti di videosorveglianza previste a progetto. Il sistema deve essere aperto, ovvero: integrare contemporaneamente telecamere IP di diversi produttori e diversi modelli; gestire protocolli standard (MPEG 4, MJPG, H264), sia in visualizzazione, sia in registrazione; prevedere la gestione di allarmi video sia generati dalle telecamere, sia da sistemi esterni di analisi video; esporre una interfaccia per rendere disponibili gli streaming video anche a componenti applicative esterne;

10 esportare i filmati registrati in formato standard AVI; prevedere sia una connessione diretta dai client (anche dal modulo server di registrazione) alle telecamere su reti multicast, sia la distribuzione degli streaming video ai client tramite un server di streaming built-in; queste due architetture devono poter coesistere nella medesima installazione per gruppi di telecamere diversi. Il sottosistema inoltre deve: permettere la visualizzazione lato client di fino a 16 flussi video per ciascun monitor, con layout di visualizzazione flessibili e richiamabili dall operatore; permettere la visualizzazione contemporanea, sullo stesso monitor, di flussi live e registrati, provenienti dalla medesima o da differenti telecamere; consentire la configurazione degli apparati tramite procedure facilitate tipo wizard, sia per singola telecamera, sia per gruppi di telecamere; permettere l esportazione di singoli frame in formato jpg sia dai filmati live, sia da quelli registrati; prevedere un joystick per il PTZ; integrare tastiere telemetria/joystick a tre assi protocollo Pelco D/Direct X; impostare e gestire le posizioni di preset delle telecamere; impostare e gestire il patrolling virtuale, sia come sequenza di preset della stessa telecamera, sia come sequenze di preset di telecamere diverse; prevedere l assegnazione delle telecamere in uso esclusivo ad uno o più gruppi di utenti, con la possibilità per un super utente di forzarne la presa in carico; l assegnazione delle telecamere a gruppi di utenza diversi deve poter essere pianificata e calendarizzata; permettere la sincronizzazione temporale di fino a 4 flussi video registrati, per ri-vedere nello stesso istante di tempo registrazioni acquisire da punti differenti; registrare tutti i flussi video, che devono essere conservati sempre in linea per un tempo configurabile dall amministratore; consentire la ricerca delle registrazioni e la loro visualizzazione con o senza l uso di parametri di ricerca avanzati; proteggere le registrazioni con algoritmi di cifratura e con firma digitale, per certificarne l originalità al fine della non ripudiabilità in sede probatoria; permettere l esportazione delle registrazioni criptata e firmata digitalmente attraverso crittografia asimmetrica con standard RSA, e crittografia simmetrica con standard DES, 3DES o AES (configurabile), nei CD/DVD masterizzati per l esportazione deve essere già compreso un player freeware, per la verifica dell integrità dei filmati e per la loro contestuale visualizzazione. 3.2 Architettura e impiantistica Scelta di apparati di rete wireless multistandard (Radiolan ed Hiperlan) con funzionalità di routing, realizzanti una architettura di rete con i backbone principali duplicati in modo da garantire al sistema un elevato throughput dati ed un elevato grado di fault tolerant; Scelta di dispositivi di ripresa di ultimissima generazione dotati di qualità ottiche, elettroniche e meccaniche al più alto livello tecnologico che, unite alla alta affidabilità dell'elettronica e della meccanica, garantiscono il corretto e continuo funzionamento per moltissimi anni. La capacità di riprendere immagini di alta qualità, con elevata definizione, in qualsiasi condizioni meteo e di luminosità è il punto di partenza per il raggiungimento del principale obiettivo per cui viene installato un sistema di videosorveglianza urbano.

11 Utilizzo di tecniche digitali per la compressione, trasmissione, registrazione e riproduzione (ricerca, stampa ed export) delle immagini; Utilizzo di media e applicativi standard di mercato per lo scambio e la distribuzione delle immagini stesse agli organismi interessati alla loro consultazione; Possibilità di sfuocare in modo selettivo le immagini in modo da impedire il riconoscimento facciale dei soggetti inquadrati. La scelta degli armadi periferici che si basa su soluzioni di buona estetica, di dimensioni ridotte, antivandalo, con serratura a chiave, di dimensione e colore adeguato ai luoghi di installazione. Le dimensioni dei quadri variano in funzione del loro collocamento; basamento, palo o parete. La componentistica degli armadi contenenti gli apparati (UPS, alimentatori, interruttori, ecc.) prevede la dotazione di accorgimenti atti a ridurre al minimo la guastabilità. 3.3 Caratteristiche tecniche e dotazioni delle telecamere Presso i vari punti di ripresa si prevede l installazione di: telecamere Dome HDTV 720 p; apparati wireless base station; armadietto per il ricovero degli apparati (Interruttore magnetotermico, prese di corrente, switch, alimentatori per apparati, ecc.). Nel caso in cui gli apparati vengano alimentati dall impianto di pubblica illuminazione sarà necessario installare un unità UPS che dovrà garantire un alimentazione ininterrotta per almeno 18 ore. 3.4 Telecamere IP La telecamera del tipo DOME Network Camera fornisce immagini HDTV 720 p conformi allo standard SMPTE 296 M, con risoluzione di 1280 x 720 Pixel, massima velocità di trasmissione, riproduzione colori di livello HDTV e formato 16:9. Questa telecamera PTZ a cupola è dotata di uno zoom ottico 18x e di uno zoom digitale 12 x con messa a fuoco automatica, dovrà fornire precise funzionalità di rotazione/ inclinazione ad alta velocità con campo di rotazione di 360 ed inclinazion e di 180. La telecamera sarà posta in opera fissandola su pareti o su palo in acciaio e dovrà essere resistente all acqua e classificata IP66. In riferimento alle linee guida indicate dal Ministero dell'interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza le caratteristiche tecniche degli apparati di ripresa dovranno essere rispondenti alle seguenti caratteristiche minime: telecamera IP nativa, aggiornabile via IP; telecamera a colori di tipo "DAY/NIGHT"; matrice attiva del sensore con numero di pixel non inferiore 704 x576 (4CIF); frame rate non inferiore a 15fps; sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,5 Lux in modalità colore (day) sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,05 Lux in modalità B/N (night); obiettivo autofocus con zoom (minimo 25X ottico con minimo F.l.8, auto iris); algoritmo di compressione dei flussi video: Motion JPEG, H264 e sue evoluzioni; algoritmo di trasporto dei flussi video: RTSP; brandeggio a velocità variabile orizzontale di tipo endless e verticale controllabile da remoto; PTZ meccanico; Funzionalità di Activity Detector incorporate; Client NTP; n 16 Posizioni angolari preselezionabili (Preset); n 8 Sequenze di Preset (Tour);

12 n 1 ingressi d'allarme a bordo camera; almeno n 1 uscita d'allarme a bordo camera; n 8 Zone di esclusione (Privacy Mask). Pattugliamento automatico; alimentazione: in bassa tensione con valore non superiore ai 48 Vac, oppure PoE classe 3); condizioni di esercizio: sarà cura della ditta individuare la tipologia di custodia per la singola telecamera in funzione delle condizioni climatiche minime e massime (temperatura, umidità) del luogo di installazione in modo che sia garantito il corretto funzionamento per tutto l'arco dell'anno e comunque in un intervallo non inferiore a (-10 ;+45 ) e umidità (20%;80%); grado di protezione della custodia: l'apparato deve essere protetto dagli agenti atmosferici quali pioggia, salsedine, polveri tipiche del luogo di installazione garantendo così il livello massimo di funzionamento e comunque non inferiore a IP65, eccetto nei casi estremi in cui si richieda una tenuta stagna per cui il valore va esteso a IP66; Fornitura SDK per sviluppo terze parti. Caratteristiche tecniche della telecamera PTZ DOME HDTV: Telecamera Sensore immagini CCD progressive scan da 1/3" 1,3 megapixel Obiettivo f=4,7 84,6 mm, F1,6 2,8, autofocus, commutazione automatica giorno/notte, angolo visuale orizzontale: illuminazione minima Colori: 0,74 lux a 30 IRE, F1,6 Bianco e nero: 0,04 lux a 30 IRE, F1,6 durata otturazione Da 1/ s a 1/4 s PtZ Inversione elettronica, Auto-flip, 100 posizioni reimpostate Panoramica: 360 (con auto-flip), 0,2 300 /s Inclinazione: 180, 0,2 300 /s Zoom ottico 18x e zoom digitale 12x, zoom totale 216x Funzionalità PtZ Giri di ronda limitati. Coda di controllo. Indicazione della direzione a video Video Compressione video H.264 (MPEG-4 Parte 10/AVC Motion JPEG Risoluzioni HDTV 720p da 1280x720 a 320x180 Velocità di trasmissione in fotogrammi H.264: Fino a 30/25 fps (60/50 Hz) in tutte le risoluzioni Motion JPEG: Fino a 30/25 fps (60/50 Hz) in tutte le risoluzioni Streaming video Possibilità di trasmettere più flussi H.264 e Motion JPEG configurabili singolarmente Velocità di trasmissione e larghezza di banda regolabili VBR/CBR H.264 Impostazioni immagini Wide dynamic range (WDR), tempo di otturazione manuale, compressione, colore, luminosità, nitidezza, bilanciament o del bianco, controllo dell'esposizione, aree di esposizione,compensazione della retroilluminazione, sintonizzazione precisa in condizioni di scarsa illuminazione, rotazione, sovrapposizione di testo e immagini, 3D privacy mask, congelamento immagine in PTZ Rete Protezione Protocolli supportati Integrazione di sistemi Integrazioni di sistemi Attivazione degli eventi Azioni eventi Caratteristiche generali Custodia Protezione mediante password, filtri per indirizzi IP, crittografia HTTPS*, controllo degli accessi di rete IEEE 802.1X*, digest-authentication, registro degli accessi utente IPv4/v6, HTTP, HTTPS*, SSL/TLS*, QoS Layer 3 DiffServ, FTP, CIFS/ SMB, SMTP, Bonjour, UPnP, SNMPv1/v2c/v3 (MIB-II), DNS, DynDNS, NTP, RTSP, RTP, TCP, UDP, IGMP, RTCP, ICMP, DHCP, ARP, SOCKS Rilevamento di oggetti in movimento nel video, AXIS Camera Application Platform, PTZ preimpostato, temperatura, scheda di memoria piena Caricamento dei file tramite: FTP, HTTP ed Invio di notifiche tramite: , HTTP e TCP Preset PTZ, registrazioni video per archiviazione su dispositivi edge Buffer video pre/post allarme Custodia in metallo (alluminio) di classe IP66/NEMA 4X, cupola trasparente in

13 Memoria Alimentazione Connettori Edge storage Condizioni operative Approvazioni Peso acrilico (PMMA), parasole (PC/ASA) RAM da 256 MB, memoria Flash da 128 MB Power over Ethernet Plus (PoE+) IEEE 802.3at, max 30 W Midspan AXIS T8123 High PoE con 1 porta inclusa: V CA, max 37 W RJ-45 per 10BASE-T/100BASE-TX PoE Kit con connettori RJ-45 di classe 66 incluso Slot per memory card SD/SDHC/SDXC fino a 64 GB (scheda di memorianon inclusa) Supporto per registrare su rete condivisa (NAS o server) Da -20 C a 50 C Umidità relativa: % (condensa) EN Classe B, EN , EN , EN , EN , EN 55024, FCC Parte 15 Sottosezione B Classe B, ICES-003 Classe B, VCCI Classe B, C- tick AS/NZS CISPR 22, EN , KCC Classe B IEC IP66, NEMA 250 Tipo 4X IEC Class 4K1, 4C3, 4M3 EN/IEC Midspan: EN , GS, UL, cul, CE, FCC, VCCI, CB, KCC, UL-AR 2,0 kg 3.5 Box periferici da esterno Nei contesti outdoor verranno installati delle carpenterie per l attestazione dei cavi energia e dati e per il contenimento degli apparati di servizio alle telecamere (uno o più interruttori magnetotermici differenziali, un gruppo UPS e relative batterie, ). All armadio faranno capo il collegamento elettrico dal punto di consegna dell Ente Fornitore in 230V e il collegamento video e dati alla telecamera. Gli armadi saranno in vetroresina e/o materiale plastico antivandalo, di robusta costruzione, atta a garantire la massima protezione contro gli agenti atmosferici e gli atti vandalici. I materiali impiegati offriranno un'alta protezione anticorrosione. Le dimensioni saranno adeguate al contenimento degli apparati in campo per garantirne la funzionalità in qualsiasi condizione climatica, con grado di protezione IP65. Nel caso in cui gli apparati vengano alimentati dall impianto di pubblica illuminazione sarà necessario installare un unità UPS che dovrà garantire un alimentazione ininterrotta per almeno 18 ore. 3.6 Cartelli avviso videosorveglianza In prossimità di ogni punto di ripresa saranno affissi i cartelli di avviso così come previsti dal regolamento sulla Privacy. I cartelli saranno in alluminio 25/10 con pellicola rifrangente del tipo EG classe 1.

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni Scheda tecnica Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni > Zoom 18x e messa a fuoco automatica > OptimizedIR

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6 Analisi N 1-Speed Doe FullHD (1920x1080), zoo ottico 30x, 5 pollici installazione di tipo pendant da esterno IP66, sensore CMOS 1/2.8 Progressive Scan di tipo Day&Night con filtro IR eccanico, WDR digitale,

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli