Programma elettorale della lista civica di centrosinistra VIVERE INSIEME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma elettorale della lista civica di centrosinistra VIVERE INSIEME"

Transcript

1 Programma elettorale della lista civica di centrosinistra VIVERE INSIEME CORNATE D ADDA Elezioni amministrative 25 maggio 2014 Cornate d Adda, 26 aprile 2014 Pagina 1 di 11

2 Sostenibilità significa equilibrio fra il soddisfacimento delle esigenze di oggi e la necessità di non compromettere la possibilità futura dei nostri figli e nipoti di far fronte alle loro. Per ottenere ciò è indispensabile una gestione attenta ed efficiente del nostro Comune. INIZIATIVE PER UNO SVILUPPO ISTITUZIONALE Qualità dei servizi Introduzione graduale della misura, con metodo scientifico, della qualità dei servizi erogati dal Comune e di quelli affidati in concessione; Ampliamento dell U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico): più competenze e orario prolungato per fornire risposte immediate e precise al cittadino e alle imprese. Saranno così eliminate inutili dilazioni e lunghe attese. Per realizzare questo progetto occorre un adeguamento degli spazi di accoglienza. Internet e tecnologie Copertura Wi-Fi dei centri abitati, iniziando dai luoghi di socializzazione (ad es. le piazze); Creazione della Carta comunale dei servizi, resi accessibili a domicilio grazie alle molteplici funzionalità di una tessera elettronica contenente una chiave privata (smart card); Interconnessione delle reti informatiche che consentono l erogazione dei servizi comunali: attivazione di un unico server e di un database comune mediante l accesso al finanziamento dell Unione Europea. Legalità, sicurezza e prevenzione dei rischi Controllo remoto dei sistemi di videosorveglianza, per un loro utilizzo tempestivo ed efficace; Strategia di controllo del territorio, in stretta collaborazione con le forze dell ordine, nella consapevolezza che ogni misura è inutile senza investimento nell educazione civica, scolastica e familiare, e che la migliore forma di prevenzione dei reati comuni è vivere i luoghi pubblici; Censimento dei furti commessi sul territorio comunale, per avere una panoramica in divenire della situazione e pianificare interventi adeguati; Vigilanza costante, da parte degli eletti, volta a prevenire l infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico locale: la presenza della mafia è reale, anche in Brianza; Realizzazione di una Carta dei rischi a livello di territorio comunale: essa consente di prevedere e prevenire o mitigare le minacce potenziali per la cittadinanza (dissesto idrogeologico, incidente in impianto industriale ecc ). Partecipazione Introduzione del Bilancio partecipato, strumento di coinvolgimento della popolazione nella determinazione delle politiche finanziarie del Comune, e rendicontazione sullo stato d attuazione degli impegni assunti; Trasmissione delle sedute del Consiglio comunale in diretta streaming; Pagina 2 di 11

3 Impegno a convocare periodicamente e rendere operativi i Comitati di Frazione; Adeguamento, funzionale e numerico, delle Commissioni, al fine di renderle un centro di effettiva elaborazione delle politiche di competenza di ogni Assessorato. Relazioni sovracomunali Sviluppo di sinergie con i Comuni vicini tramite un ruolo attivo nelle sedi sovracomunali: in prospettiva l obiettivo cui puntare è la realizzazione di un circondario coincidente con l area del Vimercatese, dotato di precise competenze, volto all unione delle risorse per offrire ai cittadini servizi potenziati; Cornate d Adda dovrebbe proporsi come capofila di una Associazione dei Comuni del Medio corso dell Adda, che comprenda le municipalità da Brivio a Trezzo sull Adda, con finalità di valorizzazione ambientale - paesaggistica dello scenario fluviale e di sviluppo turistico. Bilancio, imposte e tributi Spending review: attenta e puntuale analisi di ogni voce presente a bilancio, al fine di eliminare eventuali sprechi e attuare potenziali migliorie nella spesa; Riprogettazione dell addizionale comunale IRPEF, introdotta dalla Giunta uscente, mirando a una ripartizione più equa del peso dell imposta; Analisi e recepimento dei nuovi tributi IUC (Imposta Unica Comunale), TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) e TARI (Tassa sui Rifiuti) attualmente oggetto di definizione normativa in Parlamento - dal 2014 sostituiranno IMU prima casa e TARES - operando a salvaguardia degli interessi della collettività; Impegno costante nel rendere comprensibili ai cittadini norme tributarie e regolamenti attuativi. Pagina 3 di 11

4 INIZIATIVE PER UNO SVILUPPO AMBIENTALE ED ECONOMICO SOSTENIBILE Consumo zero di suolo libero, preferendo la riqualificazione architettonica alla costruzione di nuovi edifici. Scelta dettata, prima che dalle nuove normative in materia, da una consapevolezza collettiva indirizzata alla conservazione dei caratteri che definiscono l'identità storica del paesaggio locale. Parte di un ambizioso programma di riqualificazione urbana, rinnovamento in ottica sostenibile del patrimonio edilizio esistente e valorizzazione ambientale estesa a tutto il territorio del Parco Adda Nord, territorio ad alta vocazione turistica. Fondamentale risulta il rapporto sinergico fra le diverse componenti: gli interventi ordinari afferenti all'urbanistica, alla rete idrica e alla viabilità non si risolvono in un monitoraggio fine a sé stesso, ma divengono punto di partenza per intraprendere un processo di sviluppo che risponda a standard qualitativi elevati: un valore aggiunto per vivere il territorio. Gli interventi di seguito proposti sono da considerarsi suscettibili di valutazione di priorità, subordinata alla effettiva disponibilità di risorse economiche. Pianificazione urbana Nel rispetto delle più recenti indicazioni normative e nella convinzione della necessità di contenere il consumo del suolo libero, la politica urbanistica dovrà essere indirizzata al recupero dei centri storici, degli immobili fatiscenti e inutilizzati ed a promuovere interventi sulle costruzioni esistenti. Le zone a destinazione agricola e quelle comprese nel territorio del parco Adda Nord dovranno essere preservate da nuove costruzioni. Gli impianti agricoli stessi dovranno essere localizzati in aree individuate, di minor valore ambientale. D obbligo provvedere ad una verifica del PGT (Piano di Governo del Territorio), in riferimento alle osservazioni critiche mosse dalla Provincia di Monza e della Brianza. Riguardo alla tutela dell aspetto dell abitato, si intende predisporre un documento di piano di Riqualificazione urbana, teso a garantire la conservazione dei caratteri che definiscono l identità e la leggibilità del paesaggio locale e a promuovere interventi architettonici di qualità. Resta fermo l impegno di rendere comprensibili le norme e i regolamenti attraverso la semplificazione delle regole e momenti pubblici di informazione, rivolti ai tecnici del settore e all intera cittadinanza. Manutenzione L ordinaria manutenzione deve rivestire il ruolo di attività primaria per l amministrazione, assolta in modo costante, con perizia e organizzazione. La sua assenza o la sua limitazione ad interventi occasionali, non coordinati o tardivi può essere causa di situazioni di pericolo, la cui soluzione comporta un costo maggiore rispetto alla costante opera preventiva. Attori principali dell opera manutentiva ordinaria devono tornare ad essere le maestranze comunali che, opportunamente dirette, devono prontamente assolvere il loro compito in modo efficace: Pulizia degli spazi pubblici quali strade, piazze, parchi, marciapiedi e piste ciclabili; Manutenzione periodica del verde pubblico, anche con interventi straordinari di piantumazione di nuove essenze sostitutive, ricercando all occorrenza il contributo di sponsor privati; Pagina 4 di 11

5 Manutenzione degli edifici scolastici e degli edifici pubblici in genere, con controlli straordinari sulle strutture e sulle condizioni di sicurezza; pronta disponibilità ad assolvere le richieste di intervento da parte della dirigenza scolastica; Cura della pulizia e periodica manutenzione del verde dei cimiteri, con sopralluoghi quotidiani da parte di un operatore comunale; installazione di un sistema di videosorveglianza per prevenire furti e danneggiamenti; Monitoraggio del sistema stradale sia riguardo al manto di usura che deve essere sempre mantenuto in piena efficienza e privo di buche, sia riguardo al sistema di deflusso delle acque meteoriche, sia riguardo all agibilità delle piste ciclabili. Reticolo acque meteoriche Occorre tenere presente che il territorio comunale, seppure in posizione geografica invidiabile sotto l aspetto della sicurezza idro-geologica, presenta punti di criticità che richiedono un monitoraggio continuo ed interventi di pulizia e manutenzione dei fossi. Un attenzione particolare richiedono: Lo scolmatore di Colnago, nel cui letto sono cresciuti alberi e vegetazione. Il mancato controllo periodico delle griglie di captazione può causare allagamenti in via Madonna, all incrocio con via don L. Sturzo; La zona di via N. Sauro a Cornate, dove l intubazione dei fossi e la riduzione delle sezioni di deflusso, in presenza di piogge intense, è causa di allagamento della sede stradale; Il bacino del rio Vallone, soggetto ad allagamenti in prossimità delle aziende all inizio di via San Luigi; La Riva Vecchia di Porto: in caso di forti piogge, il degrado in cui versa da tempo è causa di allagamenti e dissesti. Il ripristino di tale tratto migliorerebbe inoltre l accessibilità al fiume Adda. Fondamentale la stretta collaborazione tra cittadini e amministratori: alle puntuali segnalazioni dei primi deve corrispondere capacità di ascolto e apertura al confronto da parte dei secondi. L impegno è quello di instaurare un rapporto di fiducia capace di far sentire ogni singolo cittadino parte integrante del paese. Risparmio energetico Piena adozione delle misure indicate nel Piano d azione per l energia sostenibile previsto dal Patto dei Sindaci, cui il Comune di Cornate d Adda aderisce. Obiettivi: ridurre le emissioni di anidride carbonica nell atmosfera, raggiungere una maggiore efficienza energetica e produrre energia da fonti rinnovabili; Verifica della possibilità di installazione di pannelli solari termici e fotovoltaici sulle coperture degli edifici pubblici comunali, iniziando dalle scuole; Razionalizzazione del consumo di gas metano per riscaldamento all interno degli edifici pubblici (ad esempio attraverso installazione di valvole termostatiche sui termosifoni); Adeguamento dell illuminazione pubblica: l utilizzo di impianti ad alta efficienza energetica consente di assicurare l opportuno livello di intensità, monitorando al contempo l inquinamento luminoso. Pagina 5 di 11

6 Ecologia Costante sorveglianza per prevenire e, nel caso, sanzionare l abbandono di rifiuti sul territorio comunale; individuazione dei rifiuti abbandonati e programmazione della relativa raccolta; Creazione di un Centro di smistamento volto a favorire la pratica del riuso, il riutilizzo degli oggetti usati: ciò consente di ridurre il carico di rifiuti da smaltire ed elevare il livello della raccolta differenziata. Vigile controllo sui cantieri, per incrementare il livello di sicurezza e limitare le emissioni inquinanti di qualsiasi tipologia (rumori, fumi e polveri, rifiuti interrati ecc..). Tutela della flora e della fauna: occorre promuovere la cura dei boschi e dei sentieri e favorire la trasformazione dei terreni soggetti a monocoltura in prati stabili, arricchiti di siepi boscate, nel territorio del Parco Adda Nord; Sviluppo di collaborazioni con le associazioni operanti nel settore per elaborare progetti di educazione ambientale da proporre nelle scuole. Mobilità Revisione del progetto della Tangenziale ovest di Cornate e sua attuazione, allo scopo di convogliare il traffico pesante fuori dal centro abitato e ridurre i tempi di percorrenza. Ridefinizione dei sensi unici esistenti in funzione di una viabilità interna più scorrevole e di minore impatto inquinante. Riconsiderazione della collocazione della rotatoria sita all incrocio tra via G. Matteotti e via G. Ambrosoli a Cornate: l attuale soluzione non garantisce a sufficienza la sicurezza del transito; Correzione dello sbocco di via don Alberto Villa in via Mons. Caccia Dominioni a Cornate, rivedendo l esecuzione attuale che comporta rischi per la sicurezza di chi transita in quel tratto; Interventi volti a migliorare l accessibilità al Campo sportivo S. Alessandro di Colnago: valutazione della possibilità di realizzare una pista ciclopedonale lungo via Castello che colleghi la struttura al centro abitato e un parcheggio adeguato alle necessità dei fruitori; Incremento dell'accessibilità ciclopedonale ai servizi essenziali, in una prospettiva di rete con le piste ciclopedonali del circondario: Collegamento con l esistente ciclopedonale di Verderio, in funzione del raggiungimento della stazione ferroviaria di Paderno - Robbiate; Proseguimento della pista ciclopedonale da Cornate in direzione Villa Paradiso; Recupero di antichi sentieri a fondo bianco che consentono il collegamento tra Porto d Adda e Villa Paradiso, Cornate e Villa Paradiso, Cornate e Mezzago, via don Bosco e il centro commerciale; Sostegno alla mobilità di chi si serve del trasporto pubblico attraverso una costante pressione presso l ente che sostituirà la Provincia e l azienda di trasporti NET, in sinergia con gli altri Comuni coinvolti, per ottenere un adeguamento di percorsi e orari alle esigenze dell utenza. Commercio Supportare il commercio locale significa mantenere vivi i centri abitati: occorre aiutare gli esercizi presenti sul territorio a sviluppare una propria identità, trovando una modalità sostenibile di coesistenza con i centri commerciali e la grande distribuzione. Intendiamo: Pagina 6 di 11

7 Istituire un tavolo di dialogo periodico con il Comitato Commercianti del Comune, supportandone e promuovendone le iniziative; Approfondire la strategia del Distretto del Commercio Brianza Sud, sostenendone le iniziative a favore del commercio locale; Valutare la possibilità di trasferire il mercato settimanale di Cornate nella piazza XV Martiri; Istituire un mercato dei prodotti agricoli della filiera corta, che renda note al pubblico realtà locali operanti nel settore dell agricoltura biologica; Favorire l apertura, o la permanenza in attività, di negozi di generi di prima necessità e bar, per una maggiore vivibilità dei centri abitati; Verificare la possibilità di diversificare gli orari di apertura di bar e affini nei giorni festivi; Incaricare i vigili di percorrere quotidianamente a piedi il centro dei tre paesi, al fine di scoraggiare e prevenire episodi di macro e micro criminalità. Industria e artigianato L utilità sociale ed occupazionale che rivestono le molte attività familiari e artigiane qualificate presenti sul territorio, accanto a ditte e industrie di maggiore dimensione, impone la necessità di offrire loro un sostegno tangibile attraverso: Analisi, volta alla semplificazione, delle procedure burocratiche inerenti le attività produttive; Supporto informativo circa le opportunità di finanziamento dell Unione europea per le Piccole e Medie Imprese, tra cui i Programmi tematici a gestione diretta comunitaria, il principale strumento attraverso cui vengono erogate le sovvenzioni (grants) direttamente gestite dall UE a sostegno di progetti europei. Si tratta del Programma COSME per la competitività delle imprese e delle PMI e del Programma quadro di ricerca e innovazione Horizon 2020, che consentono la presentazione di progetti anche da parte di una singola impresa; Promozione della riconversione di impianti e capannoni in stato di degrado o disuso da parte di aziende innovative e non inquinanti; Pubblicazione di un elenco recapiti delle varie attività presenti sul territorio e concessione di spazi pubblicitari sul sito web comunale; Opera di mediazione fra imprese del territorio e giovani qualificati volta a favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro. Agricoltura Preservare e valorizzare i caratteri che definiscono l'identità agricola locale implica l impegno a tutela della biodiversità agraria: intendiamo opporci fermamente all introduzione sul territorio comunale della coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati. Ci proponiamo inoltre di: Preservare il territorio destinato all agricoltura ed indirizzarlo verso colture biologiche di qualità, commerciabili in loco; Promuovere la creazione di spazi di vendita dei prodotti locali a chilometro zero, stabilendo contatti diretti tra coltivatori, allevatori, apicoltori e cittadini. Pagina 7 di 11

8 Stimolare le attività di trasformazione in loco dei prodotti agricoli, che potranno diventare tipicità peculiari del territorio. Sostenere le iniziative rivolte alla cittadinanza inerenti l educazione alla coltivazione con metodo tradizionale biologico e la scelta dei prodotti agricoli da consumare preferibilmente; Realizzare orti pubblici su terreni incolti di proprietà comunale, concessi ai cittadini a fronte di un minimo contributo spese. L orticoltura consente di controllare la provenienza e la qualità del cibo che si porta ogni giorno in tavola. Inoltre la coltivazione diretta della terra favorisce il benessere psico-fisico. Senza contare l innegabile utilità sociale di questa pratica tradizionale. Ecoturismo È indispensabile coniugare i bisogni occupazionali con la preservazione delle caratteristiche intrinseche del territorio: tutelare le bellezze paesaggistiche, valorizzando il patrimonio storico e ambientale, e sviluppare le potenzialità turistiche che il medio corso dell Adda è in grado di offrire. Obiettivi raggiungibili entro la durata del mandato quinquennale: Realizzare, in località Port de Bass, un area turistica custodita e attrezzata per la sosta; Contribuire alla conservazione del tratto di Naviglio, dell argine dell Adda e della zona boschiva lungo il fiume, in collaborazione con gli enti preposti e i comuni vicini; Sviluppare rapporti di collaborazione per migliorare la visibilità di Cornate d Adda nei flussi turistici e promuovere iniziative che valorizzino l eredità storica e culturale del territorio, coinvolgendo associazioni, istituzioni private e pubbliche; Sostenere le attività della Proloco, in particolare quella informativa e didattica (visite guidate, serate divulgative ) rivolta alle scuole e ai cittadini; Creare una pagina web sul sito comunale dedicata alla promozione del territorio. Obiettivi perseguibili nel corso di più mandati amministrativi: Sostenere iniziative private volte a sviluppare sul territorio attività di natura ricettiva, ad esempio insediamenti agrituristici o Bed&Breakfast, al fine di creare un flusso turistico extralocale capace di rivelarsi una risorsa per l economia del paese; Migliorare l accessibilità al bacino dell Adda, attualmente difficoltosa; Promuovere il progetto di ripristino della navigabilità del Naviglio di Paderno; Valorizzare i siti archeologici, tenendo conto delle esigenze dei proprietari dei fondi e in sinergia con i Comuni confinanti. Pagina 8 di 11

9 INIZIATIVE DI INCLUSIONE SOCIALE L impegno per le politiche sociali costituisce il fondamento dell attività di un amministrazione, in termini di attenzione all evoluzione della realtà sociale della comunità e di priorità nell investimento di risorse. Oltre alla conferma ed eventuale ri-progettazione di tutti i servizi già attivati, intendiamo attuare politiche per l occupazione efficaci e sviluppare ulteriormente la collaborazione con le agenzie educative, cercando soluzioni realizzabili nell affrontare le diverse problematiche. In questo senso intendiamo assumerci precisi impegni di inclusione sociale: Lavoro Politiche per la persona Potenziamento degli strumenti di ricerca attiva del lavoro mediante la creazione di un archivio digitale che raccolga, classifichi e renda consultabili da parte di chi cerca un impiego le offerte di lavoro delle aziende del territorio; parallela creazione di una banca dati che metta a disposizione delle aziende i curricula delle persone di Cornate d Adda in cerca d impiego; Stretta cooperazione con il tessuto economico del territorio, volta a favorire l inserimento di giovani qualificati nel mondo del lavoro, con erogazione dei contributi previdenziali a carico del Comune per un periodo definito di tempo o dote d ingresso una tantum, assumendo un impegno finanziario sostenibile per le casse comunali; Prosecuzione dell assegnazione di buoni lavoro (voucher), ampliandone se possibile l offerta, a persone che hanno perso il posto di lavoro o si trovano in cassa integrazione; Interventi di riqualificazione professionale e auto imprenditorialità (corsi di formazione ecc ); Aumento dell attenzione verso il settore del volontariato come ambito in cui le persone possono assumere ruoli di rilevanza sociale. Cultura Creazione di un archivio digitale che raccolga le tesi di laurea elaborate dagli studenti di Cornate d Adda a conclusione del loro percorso di studi universitari; Prosecuzione delle sinergie attualmente in essere e sviluppo di nuove tra Assessorato, associazioni e istituzioni sia pubbliche che private per incrementare con proposte di qualità l offerta culturale destinata ai cittadini. Ciò consente di contenere i costi di organizzazione, gestione e promozione degli eventi e assicura una buona affluenza di pubblico dal circondario. Sport Riqualificazione del Centro sportivo comunale, prestando attenzione all aspetto gestionale; Attenzione ad una buona gestione degli impianti sportivi al fine di ottimizzare l utilizzo delle strutture esistenti; Campagne di sensibilizzazione alle attività sportive nelle diversi fasi della vita, in collegamento con educazione alimentare e prevenzione sanitaria; Sostegno all azione educativa esercitata dallo sport attraverso la promozione di corsi formativi per allenatori e dirigenti, in collaborazione con associazioni sportive, società ed istituzioni; Sviluppo di un progetto che preveda il coinvolgimento di insegnanti muniti di diploma ISEF (Istituto Superiore di Educazione Fisica) nelle attività di Educazione fisica e avviamento allo sport praticate nelle Scuole primarie; Potenziamento della Commissione Sport come luogo di coordinamento delle iniziative e punto d incontro tra società sportive, scuole e associazioni. Pagina 9 di 11

10 Politiche per la famiglia Sostegno alle famiglie attraverso una migliore diffusione delle informazioni sulla legislazione regionale e nazionale vigente; Attuazione di politiche che tengano conto della situazione reddituale delle famiglie nella definizione delle rette scolastiche e dei servizi per anziani non autosufficienti; Sostegno, coordinamento e messa in rete delle proposte educative extrascolastiche (oratori, Centro di Aggregazione Giovanile, associazioni sportive e culturali), attraverso un Patto educativo che preveda accordi di collaborazione, per rispondere istituzionalmente al vuoto educativo che interessa i preadolescenti e gli adolescenti alla conclusione delle attività scolastiche quotidiane. Fragilità: Terza età e Malattia Riqualificazione della Cascina Fugazza, mediante la messa in sicurezza dell immobile e l abbattimento delle barriere architettoniche; nel caso in cui fossero disponibili degli appartamenti non abitati, questi verrebbero riconvertiti in alloggi protetti per garantire assistenza a soggetti non autosufficienti, soli o disagiati; Valutazione della possibilità di istituire un Anagrafe della fragilità per rispondere alle necessità di chi si trova in una situazione di bisogno, anche momentaneo, ad esempio durante un decorso post-operatorio. Tale Anagrafe garantirebbe all iscritto l inclusione nel Servizio Assistenza Domiciliare o l accesso a una serie di servizi rispondenti al bisogno, come pasto e medicine a domicilio; Sostegno alle attività delle associazioni di volontariato che valorizzano il ruolo degli anziani nella società o si occupano di assistenza (Associazione Volontari Soccorso Assistenza, Caritas, Fonte di Solidarietà, Centro Anziani Protagonisti, associazioni che favoriscono la collocazione delle assistenti domiciliari presso le famiglie ecc ); Valorizzazione delle potenzialità della farmacia comunale, considerando prevalenti sull aspetto gestionale le funzioni di centro servizi sanitari e presidio socio-sanitario svolte dalla struttura. Politiche scolastiche Stesura di un piano pluriennale di manutenzione degli spazi scolastici, sia didattici che di servizio, che tenga conto degli interventi realizzati e stabilisca priorità tra quelli in attesa, con un investimento finanziario sostenibile; Investimento in interventi preventivi per il benessere del minore tramite il potenziamento della risorsa degli educatori comunali, prestando particolare attenzione agli alunni diversamente abili ed estendendo la loro assistenza anche a quei minori che presentano Bisogni Educativi Speciali, non sempre accompagnati da una certificazione di disabilità; Potenziamento del servizio di supporto psicopedagogico, al fine di affrontare in modo efficace e tempestivo l aumento dei casi di disagio comportamentale e relazionale nelle scuole; Sostegno e rilancio del lavoro di rete effettuato dall'istituto comprensivo di Cornate d Adda con le Scuole dell'infanzia parrocchiali, con i Servizi sociali, con la Rete territoriale TreVi e con la Rete generale di Monza e Brianza per meglio affrontare e gestire le diverse problematiche scolastiche ed ottimizzare l impiego delle risorse economiche, anche attraverso forme di finanziamento pubblico diversamente non accessibili dalla singola scuola; Introduzione della possibilità di ricorrere al comodato d uso gratuito per procurarsi i libri di testo che occorrono agli alunni che frequentano le scuole medie; Elaborazione di un Piano di Dimensionamento degli Istituti scolastici del territorio circostante Cornate d Adda, necessità che ci coinvolgerà obbligatoriamente dall anno scolastico 2015/16, in Pagina 10 di 11

11 stretta collaborazione con l'istituto comprensivo del nostro Comune; Prosecuzione della proficua collaborazione fra Amministrazione comunale, Istituto comprensivo e Associazione Genitori In...Oltre per migliorare gli interventi a favore di alunni e famiglie; Coinvolgimento nelle attività formative e nei progetti didattici rivolti agli alunni delle associazioni culturali, sportive, ricreative attive sul territorio; Rilancio del ruolo della Commissione Diritto allo studio affinché, per suo tramite, le diverse componenti istituzionali, scolastiche e familiari possano confrontarsi ed elaborare progetti funzionali ad un offerta formativa di qualità. Politiche giovanili Aumento della durata del servizio offerto dal C.A.G. (Centro di Aggregazione Giovanile); Individuazione di aree sensibili, in cui la manifestazione del disagio giovanile è acuta, dove concentrare l intervento degli educatori comunali, coinvolgendo gli attori del Patto educativo; Potenziamento dell assistenza domiciliare ai minori in situazioni di disagio familiare e sociale per assicurare loro un adeguato sostegno e garantirne la permanenza all interno del nucleo familiare: la problematica degli affidi richiede particolare riguardo. Politiche per l integrazione Agevolazione del processo di integrazione attraverso la costituzione di un gruppo multietnico, formato da rappresentanti designati dalle maggiori comunità di emigrati presenti in paese, chiamato ad affrontare tematiche (lavoro, casa, vita cittadina, religiosa, culturale) che facilitino la condivisione delle norme di convivenza; Istituzione della Carta di cittadinanza, di modo che gli immigrati residenti sul nostro territorio possano evidenziare il lavoro svolto e le attività di volontariato praticate; Offerta di corsi di alfabetizzazione nella lingua italiana, in collaborazione con istituzioni qualificate quali gli attuali Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti. Politiche per la casa Sviluppo sul territorio di politiche per l abitazione, armonizzando un accorta gestione del patrimonio esistente con la promozione di progetti innovativi (es. co-housing, riconversione di una parte delle recenti costruzioni in alloggi popolari o a prezzo calmierato, coinvolgimento di cooperative edilizie ); Investimento sostenibile di risorse nel Fondo Affitto, che opera a favore di soggetti e famiglie in difficoltà nel fronteggiare i canoni di locazione; Promozione di accordi con i proprietari di immobili sfitti e con le organizzazioni sindacali per la concessione di affitti a canone ridotto a soggetti e famiglie in difficoltà economica. Pagina 11 di 11

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Associazione di Promozione Sociale Reatino 15 IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Municipio Roma XV, l Istituto Comprensivo Parco di Veio, la Cooperativa Sociale Link e l Associazione

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA Consegnate alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati il 26 aprile 2012 1. Il Forum per una legge nazionale Il Forum

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

IL BILANCIO DI MANDATO

IL BILANCIO DI MANDATO IL BILANCIO DI MANDATO 19 20 3. LINEE GUIDA PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI MANDATO Il mandato 2004-2009, si è aperto nel segno della continuità per la realizzazione di opere importanti che erano state individuate

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Agenzia CasaClima Bolzano Responsabile progetto: Norbert Lantschner Responsabile tecnico: Mariadonata Bancher La visione del settore residenziale...

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 Le funzioni delle Province oggi Fino al 31 dicembre 2014 le Province sono tenute ad

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO DI CONTATTO via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali)

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 211 212 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Obiettivo 1 Strategie Azioni

Obiettivo 1 Strategie Azioni Obiettivo 1 Strategie Azioni Innovare i processi e le metodologie d'informazione e di comunicazione mirata Studiare e implementare nuove procedure per la gestione amministrativa e delle risorse umane Avviare

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

IL RUOLO INNOVATIVO DEGLI ENTI LOCALI

IL RUOLO INNOVATIVO DEGLI ENTI LOCALI Milano, 2 marzo 2006 CONVEGNO EDILIZIA AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA Giuliano Dall O Dipartimento BEST Politecnico di Milano IL RUOLO INNOVATIVO DEGLI ENTI LOCALI Con la collaborazione scientifica PROBLEMATICHE

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 205 206 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD PIANO TRIENNALE DEGLI INTERVENTI 2009-2011 Seriate, 29 Gennaio 2009 (modificato nell Assemblea dei Sindaci del 12/11/2009 verbale n. 51) Parco Locale

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna Area Servizi alla Persona Servizi Sociali REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli