CITTADINI BRESCIANI IN ATTESA DI TX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTADINI BRESCIANI IN ATTESA DI TX"

Transcript

1 Corso di formazione e aggiornamento su LA MEDICINA DELLA DONAZIONE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE ASL DI BRESCIA EDIZIONE 1 DGD 4 - COCCAGLIO A.O. Spedali Civili Brescia Rete Nazionale Trapianti

2 CITTADINI BRESCIANI IN ATTESA DI TX CENTRO TRAPIANTI RENE CENTRO TRAPIANTI FEGATO CENTRO TRAPIANTI CUORE CENTRO TRAPIANTI PANCREAS CENTRO TRAPIANTI POLMONE BG- RIUNITI DI BG 3 BG- RIUNITI DI BG 23 BG- RIUNITI DI BG 3 BG- RIUNITI DI BG 1 BG- RIUNITI DI BG 3 BS-SPED CIVILI 130 MI-NIGUARDA MI-NIGUARDA MI-NIGUARDA 2 MI-NIGUARDA MI-NIGUARDA MI-POLICLINICO 1 MI-POLICLINICO MI-POLICLINICO MI-S.RAFFAELE 2 MI-S.RAFFAELE 1 PD- A.O. PADOVA 6 PD- A.O. PADOVA 8 PD- A.O. PADOVA 18 PD- A.O. PADOVA PD- A.O. PADOVA 1 UD- S.M.MISERICORDIA 1 UD-POLICLINICO UNIVERSITARIO 1 UD- S.M.MISERICORDIA UD- S.M.MISERICORDIA 2 Totale 4 VA-A.O. MACCHI 1 Totale 4 VR-BORGO TRENTO VR-BORGO TRENTO 2 VR-BORGO TRENTO Italiani in attesa su ab. Brescia = abitanti Totale 144 Totale 34 Totale

3 FABBISOGNO ANNUALE DI TESSUTI PER CITTADINI BRESCIANI VALORI CALCOLATI PER PROPORZIONE RISPETTO ALLA POPOLAZIONE REGIONALE D.G.R TESSUTI fabbisogno tessuti / ANNO LOMBARDIA BRESCIA VALVOLE CARDIACHE 150/ SEGMENTI ARTERIOSI 20/30 3 SEGMENTI VENOSI 250/ MUSCOLO SCHELETRICI OCULARI

4 DIMENSIONE DEL PROBLEMA TRAPIANTI IN PROVINCIA DI BRESCIA BRESCIANI TRAPIANTATI DI RENE BRESCIANI IN ATTESA DI UN TRAPIANTO D ORGANO BRESCIANI IN ATTESA DI UN TRAPIANTO DI TESSUTO 1 ogni 1000 abitanti ca 1 ogni 5000 abitanti / anno 1 ogni 4000 abitanti / anno

5 Medicina della Donazione ( medicina dei trapianti ) Nuova specializzazione? Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative che riguardano l attività di donazione degli organi e tessuti(prelievo) a scopo di trapianto. Temi normalmente non sviluppati né affrontati in modo integrato nei regolari cicli formativi(laurea e specializzazione)

6 CONOSCENZE: Obiettivi aggiornare le conoscenze sul tema in continua evoluzione SENSIBILIZZAZIONE: sviluppare la consapevolezza e la partecipazione del personale sanitario ALLEANZE PER CONTRASTARE IL CRESCENTE DIVARIO TRA FABBISOGNO DI ORGANI E TESSUTI E LA DISPONIBILITÀ SICUREZZA E QUALITA

7 Motivazioni Aumentano i soggetti che, per insufficienza grave di uno o più organi, necessitano di un trapianto E ormai dimostrato che i risultati dei trapianti sono molto migliori di quelli delle terapie alternative, in termini sia di sopravvivenza sia di riabilitazione Cresce il numero di medici e pazienti che chiedono il trapianto

8 Cosa può essere trapiantato? ORGANI CUORE -ORTO- ETEROTOPICO POLMONI SINGOLO-BIPOLMONARE FEGATO SPLIT vivente PANCREAS INTESTINO RENI ETEROTOPICO -DOPPIO vivente TESSUTI Cornee Midollo osseo Annessi cutanei Segmenti ossei Segmenti vascolari Valvole TX COMBINATI RENE+PANCREAS CUORE-POLMONE CUORE+RENE MULTIVISCERALE

9 Le tappe recenti progressi in chirurgia e immunosoppressione 1954: ilprimotrapiantodireneabostontragemelli 1978: scoperta della ciclosporina 1968: primo trapianto di cuore in Sud Africa In Italia la storia dei trapianti inizia nel 1966(rene) negli anni 70 l attività è sporadica e riguarda solo alcuni Centri. Nel 1972 nasce il NITp(Nord Italia Transplant program) Nel1975laprimaleggesuitrapianti PRIMO DONATORE A BRESCIA NEL 1974 PRIMOTXRENEABRESCIANEL1979 E neglianni 80 chel attività riceveun forte impulsograziealprimoprimo trapianto di fegato nel 1982 edi cuore nel Poi polmone, pancreas e intestino con tecniche chirurgiche sempre più sofisticate

10 Attività di trapianto * 2011* N Totale trapianti (inclusi i combinati) FONTEDATI: Reports CIR * Dati preliminari al 31 Dicembre 2011

11 RISULTATI del TRAPIANTO RENE -Sopravvivenza dell organo e del paziente -Qualità di vita del trapiantato FEGATO CUORE

12 LISTE DIATTESA

13

14 CONSIDERAZIONI A fronte degli ottimi risultati, esiste un problema di insufficiente disponibilità di organi a scopo di TX Sono state esplorate altre possibilità (xenotrapianto, organi artificiali, medicina rigenerativa), tuttavia allo stato attuale l impiego di organi umani (da cadavere o da donatore vivente) resta essenziale in particolare in Italia il prelievo da cadavere costituisce la principale fonte di organi per TX

15 Possibili fonti di organi da trapiantare DA VIVENTE: rene e l emifegato donati da affini (cuore e fegato nel TX domino). DA CADAVERE A CUORE FERMO (NHBD - DCD) possono essere recuperati rene, polmone e fegato: esperienza discretamente presente all estero, attualmente nel nostro paese solo come programma sperimentale in alcune realtà, con esito incoraggiante. A parte queste situazioni particolari, attualmente nella nostra realtà gli organi vengono prelevati da CADAVERE A CUORE BATTENTE (HBD - DBD); in questi soggetti possono essere prelevati anche i tessuti nel corso di un prelievo multi organo

16 Attività di donazione * N Donatori Utilizzati LEGGE 578/93 LEGGE 91/ FONTEDATI: Reports CIR * Dati preliminari al 31 Dicembre 2011

17

18 AREA PRELIEVI DI BRESCIA DONATORI EFFETTIVI LEGGE 578/93 LEGGE 91/ '01 '02 '03 ' '06 '07 '08 '09 '10 11

19 REGIONI A CONFRONTO Donatori Effettivi vs 2011* (valore assoluto) Anno 2010: 1187 Anno 2011: 1189 FONTEDATI: Reports CIR * Dati preliminari al 31 Dicembre 2011

20 CAUSE DIMORTE ENCEFALICA Confronto casistica nazionale / LOMBARDIA Vascolare 56% Trauma 17%

21 ETÀ MEDIA DEI DONATORI NITP UTILIZZATI

22 LA DONAZIONE DA CADAVERE Norme nazionali per la definizione e l accertamento della morte Legge 578/1993 e dm 11 apr 2008 Norme nazionali per la promozione e l organizzazione dei prelievi Legge 91/1999 Donazione da vivente segue altra normativa E possible per Organi: rene e fegato (split) Tessuti : osso, vasi, cute, ostetricia, valvole cardiache (se tx cuore)

23 Dead DonorRule La morte del soggetto è oggi presupposto ineludibile per la donazione. Ciò non solo per questioni etiche, giuridiche e sociali ma anche perché la consapevolezza della certezza della morte prima della donazione è il punto di massima criticità nella scelta anticipata, favorevole o contraria alla donazione, per la maggior parte dei cittadini e risulta essere la perplessità più importante per i familiari che si trovano a scegliere se opporsi o meno quando volontà del loro congiunto non sia stata espressa in vita.

24 Realtà della morte La morte è una sola e secondo la definizione della Legge italiana coincide con la cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell encefalo La morte è una sola, ma esistono distinte modalità con le quali si giunge al suo accertamento, secondo criteri cardiacirespiratori o secondo criteri encefalici

25 La morte è una sola e secondo la nostra legislazione: L. 578 del 29/12/93 NORME PER L ACCERTAMENTO E LA CERTIFICAZIONE DI MORTE D.M. del 11/4/08 - AGGIORNAMENTO DEL D.M. 22/8/94 n. 582 REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITA PER L ACCERTAMENTO E LA CERTIFICAZIONE DI MORTE SI IDENTIFICA CON LA CESSAZIONE IRREVERSIBILE DI TUTTE LE FUNZIONI DELL ENCEFALO

26 Morte per ARRESTO CARDIACO

27 Morte per LESIONI ENCEFALICHE primitive

28 Diagnosi morte: standard neurologico La diagnosi di morte encefalica è un processo complesso, che comprende diverse fasi. Si deve prima di tutto verificare l esistenza di alcune precondizioni essenziali: Il soggetto deve essere privo di coscienza e sottoposto a ventilazione meccanica per assenza di respiro spontaneo. Non devono essere presenti convulsioni né posture in flessione o estensione patologica, né apertura degli occhi o risposte motorie a stimoli dolorosi standardizzati, quali la pressione sul nervo sovraorbitario, sull articolazione temporomandibolare o sul letto ungueale.

29 Diagnosi morte: standard neurologico Il quadro clinico NON deve avere possibilità di evoluzione favorevole né spontanea né in seguito a terapia medica o chirurgica e deve essere coerente con la gravità della lesione cerebrale. La lesione cerebrale deve avere un eziologia nota e deve essere adeguatamente documentata da dati anamnestici, clinici e di neuroimaging

30 Diagnosi morte: standard neurologico Si devono poi escludere condizioni che potrebbero influenzare il quadro clinico in modo rilevante: 1. Interferenza di farmaci farmaci: anestetici, ipnotici, sedativi, bloccanti neuromuscolari. Ciò può essere fatto, quando possibile, con l uso di loro antagonisti o con la determinazione della loro concentrazione plasmatica; nel caso di bloccanti neuromuscolari anche l impiego di stimolatori può chiarire il quadro clinico. Quando tutto questo sia impossibile, occorre attendere un congruo periodo di tempo, che consenta la sicura eliminazione di tali farmaci. 2. Ipotermia (temperatura interna < 35 ) 3. Ipotensionearteriosa 4. Disturbi endocrini e metabolici, in particolare gravi alterazioni dell equilibrio idroelettrolitico e glucidico

31 Assenza di FLUSSO CEREBRALE La legge ne impone l esecuzione in: bambinidietàinferioreadunanno presenza di farmaci depressori del sistema nervoso di grado tale da interferire sul quadro clinico-strumentale complessivo; situazioni cliniche che non consentono una diagnosi eziopatogenetica certa o che impediscono l esecuzione dei riflessi del tronco encefalico, del test di apnea o la registrazione dell attività elettrica cerebrale

32 Test determinazione morte encefalica

33 IREF 2010 CLP BRESCIA MEDICINA DONAZIONE DIAGNOSI = ACCERTAMENTO 33

34 Collegio medico Nominato dalla Direzione Sanitaria composto da 3 specialisti in: 1. MEDICINA LEGALE o M di Direzione Sanitaria o Anatomia Patologica 2. ANESTESIA E RIANIMAZIONE 3. NEUROFISIOPATOLOGIA Neurologia o Neurochirurgia esperti in e.e.grafia) E un obbligo delle struttura sanitarie pubbliche Il Collegio deve essere composto da personale dipendente da strutturepubbliche L accertamento è possibile anche presso strutture private accreditate, da parte di personale distrutture pubbliche

35 Periodo di osservazione Il momento della morte coincide con l inizio dell esistenza simultanea delle condizioni La simultaneità delle condizioni deve essere rilevata dal Collegio medico per almeno 2volte La durata dell osservazione deve essere non inferiore a 6ore

36 ITER Diagnosi morte standard neurologico PERCORSO STANDARD Accertamento morte DONAZIONE C.O.per prelievo organi/tessuti OBITORIO

37 Accertamento della morte con criteri cardiologici Modalità di accertamento eseguibile da qualunque medico, anche a domicilio

38 aspetti organizzativi

39 Legge nazionale 91/99 promuove l informazione della popolazione regolamenta la dichiarazione di volontà organizza la rete nazionale trapianti disciplina il prelievo di organi e tessuti istituisce la formazione del personale Trapianti: obiettivo SSN Trasparenza di tutto il processo

40 Modello organizzativo Cittadini / Pazienti Coordinamenti locali Centri regionali (CRR) Centri di Rianimazione Centri interregionali (CIR) Centri Trapianto REGIONI CENTRO NAZIONALE (CNT) CONSULTA NAZIONALE MINISTERO SANITA CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITÀ

41 IL PROCESSO DI ALLOGAZIONE DEGLI ORGANI Potenziale donatore Consenso? Idoneo? Compatibile? Appropriato? Per chi? Quali centri? Ricevente 1,2,3,n Gestione lista Idoneo? Urgente? Compatibile? Immunizzato? Cross-match? Prelievo Organi Trasporti Trapianto Follow-up 1,2,3,n Equipes? Quali? Tecnica? Idonei? Sicurezza? Qualità? Sorveglianza Organi e tessuti?

42 Organizzazioni di trapianto in Italia LIVELLO 1 - CNT = Centro Nazionale Trapianti LIVELLO 2 - INTERREGIONALE NITp NORD ITALIA TRANSPLANT PROGRAM AIRT ASS. INTERREGIOANALE TRAPIANTI OCST ORG. CENTRO SUD TRAPIANTI CNT LIVELLO 3 - REGIONALE CRR CRP - CRT LIVELLO 3 - REGIONALE CRR CRP - CRT LIVELLO 4 LOCALE CLP RLP

43 Centro Nazionale Trapianti Detienetuttelelistediattesa Regola l allocazione delle urgenze Controlla i protocolli operativi utilizzati Stila le linee guida nazionali Verifica l applicazione dei criteri precedenti Controlla la qualità delle immunogenetiche Controlla la qualità dei centri trapianto Stabilisce la soglia minima di attività dei centri

44 LOMBARDIA 1 COORDINATORE REGIONALE 18 COORDINATORI LOCALI

45 Sedi trapianto organi in Lombardia Centro RENE CUORE FEGATO POLMONE PANCREAS MILANO Niguarda MILANO Policlinico MILANO S. Raffaele MILANO Ist. Tumori X X X X X X X X X X X X PAVIA X X X BERGAMO X X X X X VARESE X X BRESCIA X

46 Il prelievo : chi, dove e come Legge 91/99 Il prelievo di organi è effettuato presso le strutture sanitarie accreditate dotate di reparti di rianimazione. L attività di prelievo di tessuti può essere svolta anche nelle strutture sanitarie non dotate di reparti di rianimazione I prelievi possono altresì essere eseguiti, su richiesta, presso strutture diverse da quelle di appartenenza del sanitario chiamato ad effettuarli I medici che effettuano il prelievo e i medici che effettuano i trapianti devono essere diversi da quelli che accertano la morte Il personale sanitario ed amministrativo impegnato nelle attività di prelievo e di trapianto è tenuto a garantire l anonimato dei dati relativi al donatore ed al ricevente

47 Organshortage Uno dei problemi del trapianto riguarda l enorme differenza esistente tra i pazienti iscritti nelle liste di attesa e il numero di organi che vengono donati ogni anno I PAZIENTI IN LISTA SONO MOLTI DIPIU DEGLI ORGANI DISPONIBILI

48 Organshortage Crescente divario tra: DOMANDA(num. Pazienti in lista) OFFERTA(num. Organi disponibili) Acausadi: incremento indicazioni al TX miglioramento delle terapie retrapianti incremento patologie

49 Indicatori da REGISTRO DEI DECESSI VENETO DAL % N potenziali donatori / n cerebrolesi deceduti in TI 35.6% 0% 100 % Totale decessi nelle Terapie Intensive 100% 525 Totale decessi con lesioni cerebrali 25% % N Donatori effettivi /N cerebrolesi deceduti in ICU Accertamenti morte cerebrale 187 Donatori potenziali 136 Donatori effettivi CONSENSO? 10% 9% 7% 116 Donatori utilizzati 6% 72.7% N Donatori effettivi / n donatori potenziali % % 25.9% 0% 100 % 15 % 25% Sopravvivenza nel follow up 72.7% 0% 100 % 30 % 70 % FONTE DATI: Dati Centro Regionale Trapianti Veneto

50 Opposizione : é un problema? Organ shortage Due principali cause: opposizione al prelievo perditadi potenziali donatori durante il processo SI, anche se in Lombardia l andamento del 2011 appare confortante, certamente è un dato migliorabile in particolare mediante: INIZIATIVE DI INFORMAZIONE SENSIBILIZZAZIONE o (SCUOLE, MASS MEDIA, ECC) MIGLIORAMENTO DELLE RELAZIONITRA STRUTTURA SANITARIA -CURANTI (tutte le equipe coinvolte!) E FAMIGLIARI

51 CONFRONTO OPPOSIZIONI 2010 VS 2011* Anno 2010: 31,5 % Anno 2011: 28,3 % FONTEDATI: Reports CIR

52 FASI DEL PROCESSO DI DONAZIONE 1. Identificazione del potenziale donatore (reperimento) 2. Verifica dell idoneità clinica 3. Verifica della volontà (consenso/non opposizione) 4. Mantenimento e Prelievo

53 IL POTENZIALE DONATORE DIORGANI Sono potenziali donatori tutti i pazienti ricoverati nei nostri ospedali che nonostante cure intensive vanno incontro a morte cerebrale. Le cause di esclusione assoluta (a priori, soggetto non potenziale donatore) dalla possibile donazione sono pochissime e ben codificate. Molti potenziali donatori si perdono perché non vengono identificati e trattati come tali per ragioni cliniche, organizzative, logistiche che cerchiamo di individuare nella diverse fasi del processo Organ shortage Due principali cause: opposizione al prelievo perditadi potenziali donatori durante il processo

54 Criteri di esclusione assoluti A PRIORI TUTTI I SOGGETTI IN CONDIZIONE DI MORTE CEREBRALE SONO POTENZIALI DONATORI, TRANNE: Opposizione nota espressa in vita Patologie in atto (rischio inaccettabile) Infezione HIV Infezioni generalizzate non trattabili Neoplasie maligne (mammella, melanoma, lifoma, leucemia) Malattie da prioni accertate

55 SECONDA FASE DEL PROCESSO 1. Identificazione del potenziale donatore (reperimento) 2. Verifica dell idoneità clinica 3. Verifica della volontà (consenso/non opposizione) 4. Mantenimento e Prelievo Se non vi sono criteri di esclusione a priori, può iniziare la seconda parte del processo che porta alla donazione e quindi al prelievo. La verifica dell idoneità dalla donazione porta alla stratificazione del rischio NB La 3 fase del processo (verifica della volontà di dona zione) si svolge pressochè contestualmente alla seconda

56 Valutazione dell idoneità del donatore (CNT Linee guida per l accertamento della sicurezza del donatore di organi 9 giugno 2008) Scopo delle linee-guida:...qualsiasi organo prelevato a scopo di trapianto deve avere una qualità accettabile non deve esporre il ricevente a rischi inaccettabili... Definire i livelli di rischio accettabili/non accettabili per l utilizzo degli organi; Stabilire le modalità operative del processo di valutazione del rischio

57 Valutazione dell idoneità del donatore Il processo è MULTIFASICO e MULTIDISCIPLINARE Il giudizio finale di idoneità dipende da un processo del quale sono responsabili tutte le figure sanitarie coinvolte secondo la specifica competenza. Valutazione idoneità del potenziale donatore Valutazione idoneità del singolo organo

58 La rete della sicurezza First opinion microbiologist surgeon internist opthalmologist Expert in infectious diseases NITp gastroenterologist pathologist Hospital management urologist dermatologist neurologist

59 NITp Criteri allargati=network allargato microbiologo chirurgo internista immunologo ematologo Biochimico Ufficio CLP CRT/CIR/CNT patologo neurologo MMG Rischio urologo Second opinion dermatologo Centri Trapianto Beneficio

60 Secondopinionopinion Anatomopatologo Medico Legale Infettivologo Second opinion...

61 Nota operativa La valutazione di idoneità del donatore e degli organi va sempre commisurata al livello di urgenza dei pazienti in lista d attesa spesso il rischio maggiore per il ricevente è quello di non ricevere il trapianto

62 L ETÀ DEL DONATORE L età del donatore non è mai di per sé un criterio di esclusione: il donatore NITp: età massima Polmone: 65 anni Fegato: 91 anni Cuore: 71 anni Rene: 89 anni

63 VALUTAZIONE DELL IDONEITÀ DEL DONATORE Linee guida nazionali Livello 1 - RISCHIO INACCETTABILE Criteri di esclusione assoluti (Il donatore non è proponibile) Livello 2 - RISCHIO AUMENTATO malattia trasmissibile presente per ricevente urgente Livello 3 - RISCHIO CALCOLATO malattia trasmissibile in donatore protetto Livello 4 - RISCHIO NON VALUTABILE e/o rischio potenzialmente elevato per patologie trasmissibili Livello 5 - RISCHIO STANDARD Non emergono - assenza di fattori di rischio

64 STRUMENTI DIVALUTAZIONE DELL IDONEITÀ Anamnesi Obiettività clinica Esami di laboratorio e strumentali TERAPIA INTENSIVA SALA OPERATORIA Esami istopatologici e/o autoptici CRITICITA Disponibilità metodica e/o personale FATTORE TEMPO

65 Valutazione del rischio al tavolo operatorio 1. Valutazione al tavolo operatorio e verbale di esplorazione 2. Accertamento istologico immediato delle lesioni sospette 3. Riscontro autoptico

66 Chi non può donare: rischio inaccettabile HIV+ HBsAg+ e HDV+ Livello 1 - RISCHIO INACCETTABILE Criteri di esclusione assoluti (Il donatore non è proponibile) Neoplasie Maligne metastatizzabili Malattie da prioni Infezioni sistemiche refrattarie alla terapia

67 Stratificazione del rischio Livello 2 - RISCHIO AUMENTATO malattia trasmissibile presente per ricevente urgente Livello 3 - RISCHIO CALCOLATO malattia trasmissibile in donatore protetto DONATORE HCV+ DONATORE HBsAg +/HDV- Per riceventi urgenti sensibili all agente Virale (organi salvavita) Per riceventi Portatori dello stesso agente virale o dotati di anticorpi protettivi 2-rischio aumentato 3-rischio calcolato Sempre con il consenso informato su protocollo infettivologico

68 STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO HBsAg positivo Anti-HCV positivo Anti-core HBV positivo Livello 3 - RISCHIO CALCOLATO malattia trasmissibile in donatore protetto Per riceventi portatori dello stesso agente viraleo dotati di anticorpi protettivi CON CONSENSO INFORMATO-REGISTRO REGISTRO NAZIONALE-SORVEGLIATO

69 Stratificazione del rischio Utilizzo degli organi: Condizioni salvavita o Condizioni elettive in casi particolari Mancanza di uno o più elementi di valutazione del rischio Documentati comportamenti a rischio nelle due settimane precedenti: Uso di droghe per via parenterale; Livello 4 - RISCHIO NON VALUTABILE e/o rischio potenzialmente elevato per patologie trasmissibili Rapporti sessuali mercenari o promiscui (omo o eterosessuali); Rapporti sessuali (omo o eterosessuali) con soggetti con documentata infezione da HIV; Esposizione a sangue di soggetto con sospetta infezione da HIV sia mediante inoculo che per contaminazione di ferite cutanee o mucose Detenzione in ambiente carcerario. Raccomandatala second opinion Obbligatorial informazione l informazione al potenziale ricevente al momento dell iscrizione in lista di attesa ed il consenso al momento della disponibilità dell organo

70 Stratificazione del rischio Donatore con ANAMNESI non disponibile o con fattori di rischio comportamentali Livello 4 - RISCHIO NON VALUTABILE e/o rischio potenzialmente elevato per patologie trasmissibili Rispetto ai test immunoenzimatici, il periodo finestra per la diagnosi sierologica può essere accorciato con l uso di test bio-molecolari HIV-RNA : 7 giorni (invece di 15-21) HCV-RNA : 7 giorni (invece di 60) HBV-DNA : 20 giorni

71 Nuove patologie infettive trasmissibili Chikugunya West Nile virus Coriomeningite linfocitica virale Arena virus Rabbia Strongiloidosi Malaria Chagas TBC H1N1..

72 Valutazione dell idoneità del donatore Casiparticolari RISCHIO INFETTIVO RISCHIO ONCOLOGICO

73 Neoplasie in atto Se al momento del decesso il possibile donatore è portatore di un tumore maligno, può essere donatore di organi, e viene considerato a rischio standard, nel caso si tratti di uno dei tumori seguenti: Carcinoma in situ di qualsiasi organo; Basalioma; Carcinoma spinocellulare cutaneo senza metastasi; Carcinoma papillifero dell epitelio uroteliale (T1a secondo la classificazione TNM); Carcinomi con potenziale metastatico particolarmente basso tanto da essere considerato trascurabile (carcinoma prostatico confinato alla ghiandola prostatica con score di Gleason totale combinato a 6 o parzialmente prevalente a 3 [ vedi donatore positivo per PSA ]; Carcinoma follicolare minimamente invasivo della tiroide e carcinoma papillifero capsulato della tiroide.

74 Neoplasie in atto Per altri tumori, per i quali le indagini epidemiologiche indichino che il rischio di trasmissione del tumore è molto inferiore al potenziale beneficio del trapianto, il centro di trapianto può decidere di utilizzare l organo previo consenso informato (donatore a rischio aumentato ma accettabile). il profilo specifico di rischio metastatico fa comunque e sempre riferimento al comportamento biologico dello specifico tumore nei pazienti convenzionali e dai dati della letteratura che riguardino specificatamente eventuali casi di trasmissione in soggetti trapiantati.

75 Neoplasie identificate nell anamnesi Se nell anamnesi del possibile donatore figura in passato una neoplasia potenzialmente trasmissibile con il trapianto, definita guarita, gli organi non sono in nessun caso utilizzabili per trapianto (donatore a rischio inaccettabile) nei seguenti casi: 1.siano trascorsi meno di 10 anni dalla diagnosi di guarigione a meno che non si tratti di neoplasie che anche quando in atto permettono di considerare il donatore a rischio aumentato ma accettabile. L utilizzo degli organi segue le norme proprie della categoria rischio aumentato ma accettabile. 2. Carcinoma mammario; Melanoma; Leucemie; Linfomi.

76 Neoplasie identificate nell anamnesi Si possono invece utilizzare gli organi a scopo di trapianto se: Si tratti di uncain situ (tranne intraduttalemammella) e a minima tendenza invasiva Sono trascorsi oltre 10 annida un tumore potenzialmente trasmissibile

77 I CRITERI ALLARGATI

78 Donatori utilizzati con presenza di fattori di rischio infettivo o neoplastico ( ) 2008) 150 Infettivo N= 288 Neoplastico N= Aumentato Calcolato Non valutabile Standard

79 Pazienti trapiantati con organi non std ( ) 2008) Infettivo N= 797 Neoplastico N= Rene Cuore Fegato Pancreas Polmone

80 Organi proposti/pazienti trapiantati da donatori a rischio per HIV aumentato/non valutabile (2006 aumentato/non valutabile ( ) 27 donatori segnalati (età media = 33 anni) 130 organi proposti, 60 pazienti trapiantati

81 Utilizzo di donatori con infezioni/neoplasie sorveglianza post-trapianto trapianto ( ) 2008) Fatt. rischio del donatore N Trapianti N casi di trasmissione Bacteriemia, meningite HBsAg+ 8 0 Anti-HCV (*) Anti-HBc (**) Rischio per HIV 29 0 Neoplasie Totale (*) Recidiva HCV con genotipo del donatore (elevazione transiente delle transaminasi). (**) Sieroconversione senza segni clinici.

82 Criteri valutazione funzione organi RENE FEGATO PANCREAS CUORE POLMONE

83 CRITERI VALUTAZIONE FUNZIONE ORGANI INDAGINI APR APP LABORATORI STRUMENTALI PRELIEVO BIOPSIE RENE rilevazione std ACC ipotensione rilevazione std Eco TC Resistenze Nefro score FEGATO etilismo ACC ipotensione rilevazione std Eco TC Aspetto riperfusione score CUORE rilevazione std ACC amine rilevazione std RX ecg Eco TC >65coro aspetto contrattilità POLMONE tabagismo VAM EGA Culture TC Bronco Aspetto PANCREAS etilismo obesità Std Eco TC Aspetto Età <45: toto ======= >45 < 65: isole

84 Pro memoria Non esistono limiti di età assoluti del donatore Non ci sono criteri di disfunzionalità assoluti La valutazione dell idoneità del donatore è frutto di una complessa rete di pareri opportunamente integrati e supportati da una second opinion La responsabilità di procedere è condivisa Il compito del medico proponente è di: identificare il potenziale donatore segnalare il caso al CIR del NITp raccogliere con il massimo scrupolo tutti gli elementi utili alla definizione del rischio

85 Conclusioni Non esiste il donatore standard Non esiste il ricevente standard Esistono donatori e riceventi con le proprie caratteristiche Individuare se possibile la miglior combinazione Immunologia, tempo, logistica, rischio..

86 LA VOLONTÀ DEL SOGGETTO: Colloquio con i famigliari ochi è avente titolo o consenso /non opposizione Nulla osta A.G. (se richiesto) Valutazione idoneità Medico Curante Infermiere Coordinatore Prelievi Altre Figure Medico Legale Coordinatore Prelievi Direzione Medica Medico Curante Coordinatore Prelievi Coordinamento CIR / NITp Consulenti 1 opinion 2 opinion Equipe di prelievo Altre Figure

87 Regolamentazione dichiarazione volontà La legge italiana: num. 91/99, art. 4 Poichè tutti, a prescindere dall età, possono essere potenziali donatori (esclusi, ovviamente i portatori di malattie infettive o neoplastiche) la legge dispone che i cittadini italiani si esprimano sulla loro volontà di donare o non donare gli organi. Chi, benché abbia ricevuto personalmente la notifica ad esprimersi, non risponderà alla ASL di appartenenza sarà considerato ugualmente DONATORE (principio del silenzio-assenso)

88 Regolamentazione dichiarazione volontà Solo quando tutti i Cittadini saranno stati informati e si avranno i dati nel Computer Centrale del Ministero della Sanità, la donazione avverrà automaticamente senza più richiesta alla famiglia di appartenenza. Ora, in via transitoria, si procede in base all Art. 23 della stessa Legge N 91/99. Il medico della rianimazione informa i famigliari (coniuge non separato, convivente more uxorio, figli maggiorenni e genitori) circa la possibilità di un prelievo d organi e accertata la non opposizione degli stesso in mancanza di una precisa volontà espressa dalla persona deceduta quando era in vita.

89 Regolamentazione dichiarazione volontà Attualmente le modalità per esprimere la volontà sono: 1. La compilazione del tesserino blu del Ministero della Salute che deve essere conservato insieme ai documenti personali; 2. La registrazione della propria volontà presso la ASL di riferimento o il medico di famiglia Il cittadino può modificare la dichiarazione di volontà in qualsiasi momento Quando la propria volontà viene registrata alla ASL, i dati vengono inseriti in un archivio del Centro Nazionale per i Trapianti che è collegato con i Centri interregionali. In caso di possibile donazione in un soggetto di cui venga accertata la morte, i medici rianimatori verificano se questi ha con se la dichiarazione o ha registrato la volontà nell archivio informatico Uffici anagrafe- sperimentale in Umbria

90 Regolamentazione dichiarazione volontà Il decreto ministeriale 8 aprile 2000 ha stabilito che: qualunque nota scritta che contenga 1nome 2cognome 3data di nascita 4dichiarazione di volontà (positiva o negativa) 5data e 6firma, è considerata valida ai fini della dichiarazione per i minori sono sempre ENTRAMBI i genitori a decidere

91 La non-opposizione opposizione In assenza di una dichiarazione di volontà espressa formalmente, si provvede alla verifica della volontà (presunta) della persona attraverso il colloquio con i famigliari e l esplicitazione della non opposizione da parte di chi ne ha diritto.

92 Non-opposizione dei famigliari Il prelievo da cadavere non sottoposto a riscontro diagnostico o ad operazioni autoptiche ordinate dall'autorità giudiziaria, è vietato quando in vita il soggetta abbia esplicitamente negato il proprio assenso. Il prelievo è altresì vietatoquando intervenga da parte del coniuge non separato, o in mancanza, dei figli se di età non inferiore a 18 anni o, in mancanza di questi ultimi, dei genitori, in seguito a formale proposta del sanitario responsabile delle operazioni di prelievo, opposizione scritta entro il termine previsto nell'articolo 3, primo comma, e nell'articolo 4, secondo comma.

93 Il mantenimento del donatore è un attività complessa che si svolge nelle Unità di Terapia Intensiva nel periodo di tempo compreso tra la diagnosi di morte ed il prelievo degli organi in sala operatoria.

94 Gestione potenziale donatore (1) Clinico-assistenziale DIAGNOSI, TERAPIA, MONITORAGGIO, NURSING... Organizzativo diagnostica, consulenze, sala prelievo, contatti CIR, equipes di prelievo PRINCIPALI ASPETTI Giuridico - legale ev. nulla osta autorita accertamento e certif. morte, raccolta verifica volontà Comunicazione con i familiari

95 Gestione potenziale donatore (2) Effettuata la diagnosi di morte è necessario che il trattamento sia indirizzato non più alla protezione generale ma ALLA CONSERVAZIONE DEGLI ORGANI

96 Gestione potenziale donatore (4) PERDITA DEL RESPIRO SPONTANEO ALTERAZIONI CARDIO-CIRCOLATORIE SQUILIBRI IDRO-ELETTROLITICI ALTERAZIONI ORGANICHE E FUNZIONALI DOPO LA MORTE CEREBRALE PERDITA DELLA TERMOREGOLAZIONE ALTERAZIONI ORMONALI E METABOLICHE ALTERAZIONI DELLA COAGULAZIONE

97 La donazione di TESSUTI ORGANI Cuore Polmoni Fegato Pancreas Intestino Reni Cornee TESSUTI Midollo osseo Annessi cutanei Segmenti ossei Segmenti vascolari Valvole

98

99 Utilizzo dei tessuti donabili (1) Membrana amniotica chirurgia oculistica nelle ulcerazioni corneali trattamento delle gravi ustioni favorire la riepitelizzazione Vene safene e carrefour fistole artero-venose in emodializzati per by-pass in cardiochirurgia salvataggio d arto e sostituzioni di protesi infette

100 Utilizzo dei tessuti donabili (2) Tendini ricostruzione dei legamenti crociati anteriore e posteriore (pazienti giovani, sportivi, ) Menischi sostituzione in caso di rottura o artrosi

101 Utilizzo dei tessuti donabili (3) Teste di femore riempitivo nelle revisioni di artoprotesi pazienti tumorali Creste iliache chirurgia maxillo facciale - odontoiatrica per rialzo del seno mascellare per ricostruzione mandibolare ricostruzione post-trauma in chirurgia della mano

102 Utilizzo dei tessuti donabili (4) Valvole cardiache sostituzione valvole infette (endocarditi) Tessuti osteo-tendineitendinei salvataggio d arto

103 Esempio (1) Scoliosi dorso-lombare Intervento di stabilizzazione vertebrale con utilizzo di osso allogenico

104 Esempio (2)

105 IREF 2010 CLP BRESCIA MEDICINA DONAZIONE LE FONTI DEI TESSUTI DONATORE CADAVERE CORNEE TMS CUTE VASI DONATORE VIVENTE OSSO CUTE SEGMENTI VASCOLARI SANGUE / CORDONALE PLACENTA VALVOLE MEMBRANA AMNIOTICA CHI PUÒ DONARE I TESSUTI? (DONATORE CADAVERE) OGNI PERSONA DECEDUTA, PURCHÈ : NON VI SIA CHIARA OPPOSIZIONE (IN VITA OPPURE DAI FAMIGLIARI) NON PRESENTI CONTROINDICAZIONI CLINICHE PER LA SICUREZZA DEI RICEVENTI 105

106 Sicurezza del donatore di tessuti e cellule Direttiva Europea 23/2004 Linee-guida Nazionali giugno 2007 Anamnesi Test sierologici Sicurezza Esame obbiettivo (autopsia ) Va sottolineato che, per i tessuti, la valutazione della sicurezzacontinua e si conclude nelle banche con l espletamento di prove microbiologiche che vengono effettuate su frammenti degli stessi e su campioni biologici quali sangue, liquidi di conservazione, terreni di coltura. Ai fini della qualitàdei tessuti, l intervallo decesso-prelievodovrebbe essere contenuto idealmente entro 6-12 ore anche se la maggior parte delle banche accetta tempi di ischemia fredda fino a 24 ore

107 Criteri per la donazione dei soli tessuti LA TRASMISSIONE DI PATOLOGIE DI TIPO INFETTIVO O NEOPLASTICO CON IL TRAPIANTO DI TESSUTI E UN EVENTO ECCEZIONALE. I criteri di selezione e di verifica dell idoneità sono più rigidi rispetto a quelli seguiti per gli organi. Importanti per la valutazione del donatore di tessuti sono quindi: L anamnesi, mirata alla ricerca per fattori di rischio per malattie trasmisibili(tra cui HIV ed epatite) e di neoplasie metastatizzanti L esame obiettivo volto ad escludere segni e sintomi di malattie trasmissibili Gli esami ematochimicie la determinazione sierologica dei markersvirali tra HIV, epatite B e C, sierodiagnosi luetica e anti-hbsabcostituiscono il set minimo e obbligatorio, cui sottoporre i potenziali donatori di tessuti Eventuali esami strumentali In alcuni casi il riscontro diagnostico

108 Controindicazioni alla donazione di tessuti Neoplasia maligna in atto o precedente fanno eccezione: il carcinoma basocellulare primario il carcinoma in situ della cervice uterina soggetti sottoposti a trapianto di organo, tessuti oculari o xenotrapianto ingestione o esposizione a sostanza tossica che può essere trasmessa in dose nociva (p.es. cianuro, piombo, mercurio, oro) storia di trattamenti immunosoppressivi, chemioterapia o terapia radiante malattie autoimmuni comprese le malattie del collagene

109 Checklist FONTI FONTI FONTI FONTI FONTI

110 FONTI Checklist FONTI FONTI FONTI

111 Criteri di esclusione specifici per la donazione di tessuti: CARDIOVASCOLARI Età massima accettabile anni 60 Banca di Tessuto Cardiovascolare (c/o Ist. Cardiol. Monzino - MI)

112 Criteri di esclusione specifici per la donazione di tessuti: CUTANEI Età accettabile anni: > 15 < 75 Banca di tessuto cutaneo, condrociti (c/o Az.Osp. Niguarda - Milano)

113 Criteri di esclusione specifici per la donazione di tessuti: OCULARI Nessun limite di età Banca degli Occhi Monza (c/o Osp. S.Gerardo) Pavia (c/o IRCCS S.Matteo)

114 Criteri di esclusione specifici per la donazione di tessuti: MUSCOLOSCHELETRICI Età accettabile anni: > 15 < Banca di Tessuto Muscolo-Scheletrico (c/o Ist. Ort. G.Pini-Milano).

115 Prelievo cornee: normativa La normativa che regola il prelievo di cornee è la legge 12 Agosto 1993 n 301; il medico che accerta la morte all interno della struttura sanitaria è tenuto(obbligo e non facoltà) a darne immediata comunicazione al più vicino centro di riferimento per gli innesti corneali. L articolo 27 della legge 91/1999 (che equipara il regime di assenso al prelievo di cornea a quello di tutti gli altri organi) non è ancora entrato in vigore in quanto il Sistema Informativo Trapianti (SIT) non è stato ancora completato. Unico elemento giuridico innovativo è l inserimento del more uxorio anche per le cornee, come soggetto autorizzato ai fini dell assenso. La circolare ministeriale 30 Agosto 2000, n 12 stabilisce che, durante il periodo transitorio (fino a quando non verrà reso operativo il registri informatico nazionale), vale quanto segue: è obbligatorio chiedere l assenso ai famigliari al prelievo delle cornee del congiunto deceduto in caso di dichiarazione in vita del deceduto di volontà non favorevole alla donazione non si procede al prelievo in caso di assenza di dichiarazione la decisione spetta all avente diritto

116 Il donatore multitessuto CHIUNQUE SE NON CONTROINDICAZIONI : *DECEDUTI A CUORE FERMO *DECEDUTI A CUORE BATTENTE ATTENZIONE A: CONTROINDICAZIONI ED EMODILUIZIONE

117 Il donatore multitessuto La donazione multitessutopuò interessare tutti i soggetti di età inferiore ai 65 anni (75 anni per la cute) Permette il recupero da cadavere di tessuti di tipo osteoarticolare, vascolare e cutaneo

118 Tipologia del donatore multitessuto Etàin genere <65 anni (variabile per banche e tipologia tessuti. Cornee Lombardia: non limiti superiori, da valutare limiti inferiori) Patologie: verificare fattori di esclusione generalie specifici per tipo di tessuto recuperabile Non necessariamente si possono prelevare tutti i tessuti Non sempre il consensosi ottiene per tutti i tessuti

119 Prelievi e trapianti tessuti in Lombardia anno 2010 PRELIEVI TRAPIANTI CORNEE & TESSUTI OCULARI MUSCOLO SCHELETRICO TESSUTI CARDIACI SEGMENTI VASCOLARI CUTE 94( cm 153 2) MEMBRANA AMNIOTICA 0 58 Totale

120 Milano Treviso Verona Torino Pavia Padova Bologna Genova Firenz Pis e a RomaPescara Cagliari Napoli Reggio Calabria San Giovanni Rotondo BANCHE TESSUTI ITALIA ItalianCord Blood Network (ITCBN) Rete italiana delle banche di sangue da cordone ombelicale Sciacca

121 ALLEGATO SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

122 Cellule staminali da cordone ombelicale Il primo trapianto di staminali emopoietiche ottenute da sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 in Francia ad oggi sono stati effettuati oltre trapianti con questo tipo di cellule staminali, di cui quasi 900 in Italia, con risultati del tutto sovrapponibili a quelli ottenuti con cellule staminali da midollo o da sangue periferico Il sangue cordonale raccolto immediatamente dopo il parto consente di utilizzare in modo appropriato un elemento biologico la cui relativa immaturità immunologica consente, fra l altro, di superare, ancorché relativamente, le tradizionali barriere di compatibilità permettendo di effettuare il trapianto anche tra soggetti non perfettamente compatibili, come invece è necessario per le staminali emopoietiche da adulto.

123 Cellule staminali ematopoietiche principali indicazioni cliniche aplasia midollare leucemia acute linfoidi e mieloidi leucemia mieloide cronica mielofibrosi con metaplasia mieloide linfomi non Hodgkin linfoma di Hodgkin leucemia linfatica cronica mielodisplasia mieloma multiplo neuroblastoma sarcoma dei tessuti molli errori congeniti immunodeficienze primitive disordini congeniti disordini lisosomiali disordini non lisosomiali

124 Distribuzione mondiale delle unità di SCO CBU: cord bloodunit

125 ItalianCordBloodNetwork (ITCBN) Rete italiana delle banche di sangue da cordone ombelicale 19 banche operative (Cagliari new entry) unità in inventario al 31/03/2011 (5.47% dell inventario mondiale)

126 ItalianCordBloodNetwork (ITCBN) Rete italiana delle banche di sangue da cordone ombelicale Torino Milano Treviso Verona Pavia Genova Pisa Padova Bologna Firenze Roma Pescara Cagliari Napoli Sciacca Reggio Calabria San Giovanni Rotondo

127 ItalianCordBloodNetwork (ITCBN) Rete italiana delle banche di sangue da cordone ombelicale ATTIVITA COMPLESSIVA AL 31/03/2011

128 Fattori che possono influenzare il prelievo Caratteristiche madre fumatrice, età, n.gravidanze a termine. Caratteristiche del neonato/ placenta/funicolo Tecnica di raccolta durata del travaglio, peso neonato/placenta, età gestazionale, posizionamento neonato dopo il parto,sesso del neonato. tempo di clampaggio, modalità di raccolta.

129 Italian Cord Blood Network (ITCBN) Rete italiana delle banche di sangue da cordone ombelicale ATTIVITA DI RILASCIO 24/02/10

130 Trapianti di CSE da non consanguineo Italia

131 1 - Raccolta e conservazione dedicata 2- Raccolta e conservazione allogenica (donazione) 3 - Raccolta e conservazione autologa

132 1 - Raccolta e conservazione dedicata Il sangue da cordone ombelicale è dedicato ad un familiare, compatibile, generalmente un fratello o una sorella, affetto da una patologia per la quale è indicato un trattamento terapeutico che prevede l utilizzo di cellule staminali emopoietiche(trapianto allogenico). La raccolta e la conservazione non comportano alcun onere perladonatriceeperlafamiglia. Le banche presso le quali sono conservate hanno le stesse caratteristiche di quelle deputate alla conservazione allogenica.

133 2- Raccolta e conservazione allogenica (donazione) Il sangue da cordone ombelicale è donato per essere messo a disposizione della collettività. La donazione è volontaria, gratuita e anonima. Le banche presso le quali sono conservate sono strutture pubbliche e fanno parte del Servizio Sanitario Nazionale. La raccolta e la conservazione non comportano alcun onere perladonatriceeperlafamiglia. Le banche devono garantire la conformità a requisiti di qualità e sicurezza molto rigorosi ed internazionalmente accettati per l impiego delle cellule a fini terapeutici.

134 3 - Raccolta e conservazione autologa Il sangue da cordone ombelicale è riservato per uso autologo (del neonato a cui appartiene) o intra-familiare. Per quanto riguarda la conservazione autologa non sempre sono indicati i criteri quantitativi e qualitativi in termini di numero e vitalità/funzionalità delle cellule. Le spese della raccolta e quelle relative alla conservazione sono a carico della famiglia. La conservazione autologa è percepita come una assicurazione sulla vita, ma rischia di generare un prodotto destinato a rimanere inutilizzato nella maggioranza assoluta dei casi.

135 Conservazione di sangue cordonale USO AUTOLOGO In merito alla conservazione del sangue cordonale ad uso autologo si ritiene doveroso sottolineare che al momento non esistono evidenze scientifiche consolidate a sostegno della reale utilità di tale pratica e, pertanto, mancano i presupposti per considerare la stessa appropriata.

136 TABELLE DI DOCUMENTAZIONE ALLEGATE A PRESENTAZIONE PER MEDICI DI BASE

137 REPERIMENTO

138 SOPRAVVIVENZA A 1 ANNO TX RENE CENTRI N TX PAZIENTE 1 ANNO ORGANO 1 ANNO QUALITA DEL CENTRO TRAPIANTI RENE DI BRESCIA Fonte CNT 1 NO - OSP. MAGGIORE DELLA CARITA' ,5 94,7 2 VR - AZ. OSP. DI VERONA ,4 94,7 3 RM - POLICLINICO A. GEMELLI ,6 94,6 4 MI - MAGGIORE POLICLINICO* ,6 94,5 5 BS - OSPEDALI CIVILI BRESCIA ,3 94,1 6 RM - AZ.OSP.S.CAMILLO-FORLANINI 48 98,1 94,1 7 BO - S.ORSOLA-MALPIGHI ,4 93,7 8 TO - AZ. OSP.S.GIOVANNI BATTISTA ,2 93,7 9 BA - AZIENDA OSPEDALE POLICLINICO ,3 93,6 10 MO - POLICLINICO ,9 93,6 11 AN - A.O. TORRETTE - UMBERTO I ,1 93,4 12 AQ - OSPEDALE CIVILE S. SALVATORE ,8 93,4 13 PI - AZIENDA OSPEDALIERA PISANA ,4 14 GE - AZIENDA OSPEDALIERA S. MARTINO ,2 93,3 15 PD - AZIENDA OSPEDALIERA ,2 93,3 16 PR - OSP. RIUNITI (OSP. MAGGIORE) ,2 17 UD - AZ. OSP. S.MARIA/MISERICORDIA ,1 93,1 18 VA - OSPEDALE FONDAZIONE MACCHI ,4 93,1 19 BG - OSPEDALI RIUNITI SS - S.S. ANNUNZIATA SASSARI ,2 92,8 VALORI MEDI ITALIA ,8 92,7 34 SA - S.GIOVANNI DI DIO 23 97,9 92,6 30 RM - AZ. POLICLINICO UMBERTO I ,5 15 MI - OSPEDALE CA' GRANDA-NIGUARDA ,3 31 RM - OSPEDALE PEDIATRICO B.GESU' 18 97,7 92,3 38 TO - OSPEDALE REGINA MARGHERITA 1 97,6 92,2 27 PV - OSP. POL. S. MATTEO , LE - AZIENDA OSPEDALIERA VITO FAZZI 24 97,5 91,6 8 CS - A.O. DI COSENZA 95 97,8 91,5 28 RC - A.O. BIANCHI M. MORELLI ,6 90,6 42 VI - OSPEDALE DI VICENZA ,8 90,5 19 PA - ISMETT 57 97,4 90,3 24 PG - AZIENDA OSPEDALIERA ,5 90,3 9 CT - POLICLINICO UNIVERSITARIO ,6 90,1 13 MI - IRCCS S. RAFFAELE ,1 32 RM - OSPEDALE S. EUGENIO ,8 90,1 7 CA - AZ. OSP. G.BROTZU ,9 10 FI - AZIENDA OSPEDALIERA CAREGGI ,2 89,5 39 TV - OSPEDALE CA FONCELLO ,7 89,2 22 PD - AZIENDA OSPEDALE PEDIATRICO ,1 21 PA - POLICLINICO UNIVERSITARIO 61 97,7 88,4 35 SI - OSP. RIUNITI (POL. LE SCOTTE) ,4 88,4 17 NA - U.S. FEDERICO II ,3 85,4 20 PA - OSP. CIVILE BENFRATELLI ,9 81 ITALIA ,8 92,7

139 LISTE DIATTESA PER TRAPIANTO DIRENE IN AREA NIT

140 RECUPERO DI ORGANI A SCOPO DI TRAPIANTO - AREA DI COMPETENZA DI BRESCIA ANNO 2011 TOTALI DONATORI AZIENDE OSPEDALIERE SPEDALI CIVILI CHIARI DESENZANO PARZIALI DECESSI con Lesioni Cerebrali 83 TOTALI CR1 CR2 NR PED CCH CHIARI AOD 1 MAN* Spedali Civili SEGNALATI PROCURATI EFFETTIVI out Spedali Civili out indicatori UTILIZZATI % 86% 67% eff. OPPOSTI % 14% 21% opp. NON IDONEI % 0% 0% no id. AREA HBD + MULTI TESSUTO non conclusi ORGANI *** RECUPERATI * *** compreso pancreas per insule *** esclusi 4 organi valutati e non utilizzati a diverso titolo organi per donatore 3,6 2,4 (sui segnalati) ETA' MEDIA (esclusi pediatrici) SEGNALATI 55,3 casi BS provenienti da H esterni 8 Poli. 5 + Asola 1 Chari 1 Mantova 1 UTILIZZATI 52,4 1

141 ATTIVITA' REPERIMENTO AREA BRESCIANA segnalati utilizzati segnalati utilizzati segnalati utilizzati segnalati utilizzati AO SPEDALI CIVILI BRESCIA ADULTI PEDIATRICO A.O. M. MELLINI CHIARI PRESIDIO M. MELLINI A.O. DESENZANO DEL GARDA PRESIDIO DESENZANO PRESIDIO DI MANERBIO PRESIDIO DI GAVARDO * * AREA

142 Valutazione cornee tra banche lombarde CCR Lombardia bozza confronto dati 2010 (p<0.0001) BANCA DEGLI OCCHI DI PAVIA Range età cornee valutate cornee idonee % idonee % % % % % % totale Pavia % BANCA DEGLI OCCHI DI MONZA Range età cornee valutate cornee idonee % idonee % % % % % % totale Monza % Totale Lombardia % Nota:dati suscettibili di modifica da parte delle due Banche.

143 Donazioni tessuti oculari2010 -Lombardia SAN RAFFAELE 393 MONZA 330 VARESE 267 BUSTO 223 BERGAMO 222 BRESCIA 142 VIMERCATE 128 SARONNO 122 PAVIA 121 S.CARLO 120 LODI 100 NIGUARDA 100 CREMONA 95 FBF 90 POLICLINICO 86 LECCO 80 CINISELLO 78 LEGNANO 73 DESIO 72 SACCO 70 SONDRIO 67 CREMA 64 GIUSSANO 62 PADERNO DUGNANO 62 MANTOVA 61 SESTO SAN GIOVANNI 60 SONDALO 54 COMO 50 TRADATE 43 CHIARI 40 MORBEGNO 38 GALLARATE 34 SAN PAOLO 32 CODOGNO 26 MELEGNANO 26 MERATE 26 DESENZANO 25 CERNUSCO 22 SERIATE 20 MELZO 18 VIGEVANO 16 POLIAMBULANZA 14

144

145 Profilo di rischio dei donatori in Italia dati CNT /05/2010 Totale= (1.364 non classificati) 10% 63% 27% Rischio inaccettabile Rischio standard Rischio non standard (aumentato/ calcolato/ non valutabile)

146 2008: Il donatore in fase finestra Donatori Utilizzati Pazienti in lista arruolati Applicazione in area NITp(2008 ( /09/2010) arruolati * Organi proposti Trapianti Effettuati Infezioni trasmesse trasmesse 0? 0? 0? *Sono compresi 18 pazienti HIV positivi)

147 Banche di tessuti e cellule in Lombardia Banca degli Occhi Monza (c/o Osp. S.Gerardo) Pavia (c/o IRCCS S.Matteo) Banca di Tessuto Cardiovascolare (c/o Ist. Card. Monzino-MI) Banca di Tessuto Muscolo-Scheletrico (c/o Ist. Ort. G.Pini-Milano). Convenzione con Banca Tessuti Treviso (dal Banca di tessuto cutaneo, condrociti (c/o Az.Osp. Niguarda - Milano) Banca del Sangue Placentare Policlinico di Milano IRCCS S.Matteo - Pavia

148 ESTRATTO DA CONGRESSO SITO

149 ORGANI A RISCHIO NEOPLASTICO UTILIZZATI IN ITALIA PER TRAPIANTO NEL BIENNIO : INCIDENZA NEI TRE CIR E LIVELLI DI RISCHIO ASSEGNATI S. Venettoni, F.W. Grigioni, A. D Errico Grigioni, C. De Cillia, L. Rizzato, F. D Alessandro, A. Nanni Costa Sante Venettoni

150 INCIDENZA DEI DONATORI CON NEOPLASIA NEI DONATORI SEGNALATI 1 GENNAIO SETTEMBRE DONATORI SEGNALATI Donatori non neoplastici Neoplastici utilizzati Neoplastici inaccettabili 92% 3% 5% ETA MEDIA DEI DONATORI NON NEOPLASTICI 56,7 aa ETA MEDIA DEI DONATORI CON NEOPLASIA 65,2 aa

151 MOTIVI DI ESCLUSIONE DEI DONATORI CLASSIFICATI A RISCHIO NEOPLASTICO INACCETTABILE 1 GENNAIO SETTEMBRE ,4% 8,0% 3,3% 14,4% 51,2% 16,7% NEOPLASIA MALIGNA IN ATTO AD ALTO POT. METASTATICO CARCINOMA MAMMARIO (PREGRESSO O IN ATTO) LEUCEMIA (PREGRESSA O IN ATTO) PREG. NEOPLASIA AD ALTO POTEN. METASTAT.(<10 ANNI) MELANOMA INVASIVO (PREGRESSO O IN ATTO) LINFOMA (PREGRESSO O IN ATTO)

152 TIPI DI NEOPLASIE RISCONTRATE NEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI 1 GENNAIO SETTEMBRE 2010 Apparato genito urinario (n. casi 64) Sistema Nervoso Centrale (n. casi 21) Apparato gastro intestinale (n. casi 15) Apparato genitale e riproduttivo femminile (n. casi 15) Sede Tipo neoplasia n. casi % prostata adenocarcinoma 40 26,7% rene carcinoma a cellule chiare 14 9,3% carcinoma papillare 5 3,3% Momento di rilevazione delle neoplasie vescica carcinoma uroteriale non infiltrante 5 3,3% SNC colon stomaco 24,0% 4,0% meningioma (grado 1 WHO) meningioma atipico (grado 2 WHO) oligoastrocitoma (grado 2 WHO) craniofaringioma (grado 1 WHO) glioblastoma multiforme (grado 4 WHO) 11 7,3% 4 2,7% 3 2,0% 3 2,0% 1 0,7% adenocarcinoma 3 2,0% adenoma tubulare 3 2,0% adenoma villoso 3 2,0% adenocarcinoma 1 0,7% GIST ( tumore stromale) 3 2,0% tenue adenocarcinoma 2 1,3% ovaio utero cervice 72,0% cistoadenoma sieroso 2 1,3% tumore cistico papillare 3 2,0% Prima del prelievo Durante il prelievo Post trapianto adenocarcinoma endometrio 2 1,3% adenofibroma 2 1,3% leiomioma 2 1,3% carcinoma squamo cellulare in situ 2 1,3% adenocarcinoma 2 1,3% Casi totali ,7%

153 RISULTATI NEI TRE PRINCIPALI PROGRAMMI DI TRAPIANTO RENE Programma tx n casi % survival organo 1aa Tx Rene da donatore neoplastico standard 93 89,1+3,3 Tx Rene da donatore neoplastico non standard 56 94,5+3,1 Tx Rene da donatore non neoplastico ,2+0,4 FEGATO Programma tx n casi % survival organo 1aa Tx Fegato da donatore neoplastico standard 70 88,3+3,9 Tx Fegato da donatore neoplastico non standard 92 85,3+3,8 Tx Fegato da donatore non neoplastico ,0+0,7 CUORE Programma tx n casi % survival organo 1aa Tx Cuore da donatore neoplastico standard 14 71,4+12,1 Tx Cuore da donatore neoplastico non standard 14 92,9+6,9 Tx Cuore da donatore non neoplastico ,1+1,2

154 CONCLUSIONI L area interregionale con la casistica più ampia di trapianti con organi prelevati da donatori con fattori di rischio neoplastico è l AIRT.(approccio diverso nei tre CIR?) in termini di sopravvivenza ad 1 anno dal trapianto, non si osservano, nei singoli programmi, sostanziali differenze tra i trapianti effettuati con fattori di rischio neoplastico (standard/aumentato) rispetto alla casistica globale. in nessuno dei programmi di trapianto analizzati, risultano segnalati decessi di pazienti dovuti a trasmissione di neoplasie donatore-ricevente. Nessuna neoplasia, tra quelle classificate a rischio standard o a rischio aumentato, è stata trasmessa ai riceventi con il trapianto. Tuttavia In due casi è stata riscontrata trasmissione di neoplasia (donatorericevente) sfuggite nella fase di valutazione del donatore ma evidenziate al riscontro diagnostico.

155 Da NITp

156 NITp Nord Italia Transplant Il Nord Italia Transplant program è operativo dal 18 giugno 1972 Serve oltre 18 milioni di abitanti e comprende: 105 Rianimazioni (oltre 70 procurano donatori) 41 Centri di Trapianto in 16 Ospedali 11 Banche di Tessuto 6 Coordinamenti Reg./Prov. 1 CIR

157 NITp Nord Italia Transplant Ruolo dei Centri di Riferimento per i trapianti: allogazione di un bene prezioso in regime di carenza Donatori Riceventi

158 NITp Nord Italia Transplant Attività Donatori Trapianti Lista Sopravvivenza 88% anni RENE FEGATO CUORE POLMONE INTESTINO

159 NITp Nord Italia Transplant Età dei Donatori NITp utilizzati nel >= 60 ys < 60 ys

160 NITp Nord Italia Transplant Donatori utilizzati p.m.p. nel NITp dal 2007 al 2011 per regione ,8 31,8 34,0 37,4 35,7 21,8 25,4 19,2 19,2 24,1 20,3 16,5 23,1 21,8 21,8 19,4 15,4 31,7 28,0 28,2 15,7 17,4 36,4 19,2 21,0 26,7 23,7 21,6 20,1 22,4 22,4 19,9 24,2 22,5 23, Friuli-VG Liguria Lom bardia Marche Trento Veneto NITp

161 NITp Nord Italia Transplant PROSPETTIVE DEI PAZIENTI IN LISTA NEL 2011 Rene Cuore Fegato Pancreas Polmone % 25% 50% 75% 100% Trapiantati Usciti Deceduti Ancora in lista

162 NITp Nord Italia Transplant Soddisfacimento (%) del fabbisogno di trapianto di organi nel 2011* Fegato 84 Rene 70 Cuore 54 Polmoni Pancreas * Nr trapianti/nr inserimenti in lista

163 NITp Nord Italia Transplant NITp Stratificazione del rischio Composizione della liste di attesa dei riceventi di organi da donatori con criteri allargati (lista d attesa al 31/12/2011) Donatori in fase finestra Donatori HCV+ Donatori HBsAg+ Donatori HBcAb + Doppio Donatore Donatori rene NHBD con batteriemia/ meningite Rene Cuore Fegato Pancreas Totale pazienti su 3400 circa in lista d attesa

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Facoltà di Psicologia Master Universitario di secondo livello Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione Sedi di Milano e Brescia Master

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli