COMUNE DI BARANZATE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO PROGRAMMA ELETTORALE e di MANDATO LISTA PROGETTO PER BARANZATE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BARANZATE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015. PROGRAMMA ELETTORALE e di MANDATO 2015-2020 LISTA PROGETTO PER BARANZATE"

Transcript

1 1 COMUNE DI BARANZATE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA ELETTORALE e di MANDATO LISTA PROGETTO PER BARANZATE LUCA ELIA SINDACO Chi governa deve avere a cuore massimamente la bellezza della città, per cagione di diletto e allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e accrescimento della città e dei cittadini. (Costituto di Siena, 1309)

2 2 INDICE LUCA ELIA: il candidato sindaco (pag. 3) LE 16 AZIONI DI PROGETTO per BARANZATE (pag. 4) LE POLITICHE (pag. 7) 1. Recupero e riqualificazione del territorio 2. Lavoro e impresa 3. Coesione sociale 4. Politiche educative 5. Sicurezza, legalità e trasparenza 6. Viabilità e trasporti 7. Cultura e associazioni 8. Politiche giovanili 9. Sport e tempo libero 10. Commercio 11. Organizzazione, bilancio e personale 12. Comunicazione

3 3 LUCA ELIA - il candidato sindaco Ho 38 anni, vivo da sempre a Baranzate, dove ho frequentato asilo delle suore, elementari e medie. Superiori a Bollate. Laurea in Scienze Politiche e Master in organizzazione aziendale e gestione del personale. Ho lavorato in una società di consulenza dove mi sono specializzato in progetti per i Comuni, adesso lavoro in un Comune del nord ovest Milano. Ho giocato a pallone in Betulla e Baranzatese. Già membro Legambiente Baranzate, socio ANPI Baranzate- Bollate, ho contribuito alla nascita del circolo ACLI Baranzate, di cui sono membro. Consigliere Comunale dal 2005, responsabile territorio e trasporti del Partito Democratico Metropolitano Milanese, coordinatore provinciale Associazione Ecologisti Democratici. Ho accettato di candidarmi Sindaco per Baranzate perchè amo la nostra comunità. Per chi come me ha passione per la politica e competenze professionali, create in anni di lavoro nei Comuni, non c è nulla di più bello di poter dare un contributo al proprio paese. Privilegio il rapporto diretto con le persone, credo nel dialogo, amo confrontarmi con tutti, ascoltare gli altri, in particolare chi non la pensa come me. Solo dall incontro di opinioni differenti nasce l arricchimento e la crescita personale. Lavorerò tra le persone e per le persone, sarò il rappresentante di tutti i cittadini e mi impegnerò nell esclusivo interesse della collettività.

4 4 le 16 azioni di PROGETTO per BARANZATE 1. RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE: UN PAESE PIU BELLO, PER TUTTI E DI TUTTI No a quartieri di serie A e di serie B. Valorizzazione di ogni quartiere. Recupero e riqualificazione aree dismesse con interventi di qualità e servizi. No al consumo di suolo. Valorizzazione aree agricole. Case a prezzi convenzionati. Rivisitazione oneri urbanizzazione. Manutenzione strade e marciapiedi. Realizzazione piste ciclabili e orti urbani. Riqualificazione parcheggio via Asiago. Aumento raccolta differenziata e contrasto all abbandono dei rifiuti. 2. LAVORO E DIGNITÀ UMANA: SOSTENIAMO I DISOCCUPATI Promozione di percorsi formativi per il reinserimento nel mondo del lavoro. I disoccupati collaboreranno con il Comune. Costituzione di un Osservatorio crisi aziendali e nuove povertà. Fiscalità di vantaggio per le imprese che vorranno aprire a Baranzate e che assumeranno persone del territorio. 3. COESIONE SOCIALE: LA PERSONA AL CENTRO DELLA COMUNITÀ Sostegno alle persone in difficoltà economica, abitativa e ai diversamente abili, in collaborazione con soggetti locali. Istituzione Banca del tempo e forme di mutuo aiuto. Promozione di progetti di cittadinanza attiva e partecipazione civica. 4. TRASPORTI E VIABILITÀ: LIBERI DAL TRAFFICO ATM a Baranzate, come nei comuni limitrofi. Collegamenti stazione Novate, Roserio, cimitero, centri commerciali e ospedale. Attenzione a zone meno servite come via Gorizia. Revisione del tempo di durata dei semafori dove serve, realizzazione rotonde via Milano-Aquileia e via Milano-Merano. Nuovi parcheggi e lotta al parcheggio selvaggio. Abbattimento barriere architettoniche. Interventi mitigazione velocità veicoli. Monitoraggio realizzazione complanare Piave-Sauro-Varesina, senso unico Via Manzoni. Interramento vecchio tracciato Rho-Monza e, insieme all area ex Tapparelli, destinazione a parco. 5. LA SCUOLA PRIMA DI TUTTO Diminuzione dell esodo degli studenti verso altri comuni, sostegno all istituzione scolastica nella gestione dei rapporti tra studenti di provenienze diverse e tra famiglie e scuola. Istituzione consiglio comunale dei ragazzi. Riqualificazione e manutenzione scuola primaria, secondaria, infanzia (Sant Arialdo, Collodi e Polo). Nuova collocazione asilo nido. Sostegno scuola infanzia paritaria e asili nido familiari.

5 5 6. BARANZATE SICURA Accoglienza per chi rispetta le regole, mano ferma e contrasto a chi delinque. Consolidamento funzioni di pubblica sicurezza Polizia Locale e apertura presidio in via Gorizia. Lotta a: spaccio di droghe, sovrannumero di inquilini, occupazioni abusive aree dismesse e case. Censimento abitazioni. Aumento videosorveglianza e miglioramento illuminazione pubblica in tutte le vie. 7. LA FAMIGLIA NUCLEO CENTRALE E IL RUOLO DEL CUSTODE SOCIALE DI QUARTIERE Attivazione Forum per le famiglie per conoscere e rispondere ai loro bisogni (genitori separati, donne sole con figli, disabilità, anziani non autosufficienti e soli). Istituzione del Custode Sociale di quartiere, che incontrerà le persone casa per casa e comunicherà al Comune le situazioni di difficoltà per meglio definire interventi di aiuto. 8. LA CITTÀ DELLA MUSICA E DELLA CULTURA Progettazione su aree dismesse di interventi di pregio (musei, mostre d arte, caffè letterari), rilancio dell immagine e dell attrattività di Baranzate. Valorizzazione della tradizione musicale della nostra scuola per fare di Baranzate un centro di eccellenza nazionale per eventi culturali e musicali. 9. SPAZI PUBBLICI, AREE VERDI E NUOVO PARCO INCLUSIVO Riqualificazione Piazza Falcone, zona biblioteca, area verde Aquileia-Monte Amiata ed eliminazione situazioni di degrado. Cura parchi Gradisca-Palmanova, Filzi, Florida e Conciliazione, via Fiume. Valorizzazione parco Aquileia come nuovo Parco Inclusivo accessibile ai bambini con disabilità. Multe a chi entra con motocicli nella aree verdi. Realizzazione di chioschi bar nei parchi per dare vita agli spazi verdi. 10. IN BIBLIO DI SERA E CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE Biblioteca aperta la sera per studenti lavoratori e universitari. Uno spazio pubblico aperto nelle ore serali previene fenomeni di delinquenza e migliora la sicurezza. Apertura di un Centro di Aggregazione Giovanile, dove le famiglie possono lasciare nel pomeriggio i ragazzi delle secondarie inferiori e superiori con operatori specializzati, per studiare, fare i compiti, ascoltare musica, trascorrere il tempo libero. 11. ORGANIZZAZIONE COMUNALE. RISPARMIAMO SUBITO Verifica di ogni voce di bilancio: eliminazione delle spese inutili e superflue. Lotta all evasione e alla elusione, razionalizzazione della struttura comunale, nuovo sito web. 12. SPORT, CONSULTA ASSOCIAZIONI, TEMPO LIBERO E AMICI ANIMALI Completamento e allargamento Centro Sportivo comunale per tutte le discipline; manutenzione sala De Andrè e affidamento delle gestioni a soggetti del territorio. Istituzione consulta delle associazioni per programmazione coordinata eventi. Promozione corsi educativi

6 6 e comportamentali per cani. Realizzazione nuove aree cani e manutenzione di quelle esistenti, collaborazione con le associazioni del territorio per la gestione. Multe a chi non raccoglie le deiezioni e tiene i cani senza guinzaglio. 13. SOSTEGNO ALLA TERZA ETÀ Aiuto alle persone anziane, in particolare a chi è solo e nel periodo estivo, per: compagnia, cure, trasporto per visite mediche, acquisto farmaci e spesa. Promozione di soggiorni e gite a prezzi agevolati. 14. LEGALITÀ E TRASPARENZA Rendiconto online spese elettorali e fonti di finanziamento. Istituzione della giornata della legalità in collaborazione con le scuole, delega assessorile alla legalità e alla trasparenza per monitoraggio appalti pubblici, contratti, lotta all usura. Promozione di un protocollo di intesa con la Prefettura per il controllo degli appalti. 15. COMMERCIO DI VICINATO Incentivazione del commercio di vicinato e istituzione del Distretto Urbano del Commercio. Attenzione a tutte le realtà imprenditoriali con promozione di scambi tra aziende del territorio. 16. LUCA X BARANZATE. UN SINDACO CHE INCONTRA E PARLA CON I CITTADINI Il Sindaco, in orari dedicati, riceverà i cittadini in Comune senza appuntamento e risponderà in tempo reale su facebook e whatsapp. Gestirà direttamente l indirizzo mail risponderà entro 24 ore alle mail. Ogni mese incontrerà i cittadini nei quartieri e pubblicherà l indennità di carica sua e degli assessori sul sito web del Comune.

7 7 Le politiche 1) RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO Sarà valutato lo stato strutturale dei plessi scolastici e si interverrà con opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Sarà verificato il funzionamento delle caldaie e degli impianti di riscaldamento degli edifici pubblici con l obiettivo, dove serve, di sistemarle. Saranno rivisiti gli oneri di urbanizzazione; Saranno valutati acquisizioni di immobili da destinare ad alloggi per famiglie in difficoltà. Se necessario, saranno realizzati nuovi alloggi a prezzi agevolati o in affitto a canone concordato per giovani coppie, single, anziani e famiglie in difficoltà. Sarà valutata l istituzione di un Fondo Casa per iniziative di sostegno a favore dei ceti più bisognosi e in difficoltà; Si troveranno soluzioni per mitigare l impatto di quelle adiacenti alle residenze. Sarà progettato il recupero a basso impatto ambientale delle aree dismesse per coprire i bisogni della collettività. (ad es.: edilizia, spazi per sport, tempo libero e cultura, commercio, pubblici esercizi, servizi e verde). Su una o più aree dismesse sarà definito un progetto con l obiettivo di costruire il quartiere culturale di Baranzate. Sarà assicurata la realizzazione di opere e interventi urbanistici precedentemente pianificate, approvate dal consiglio comunale o in fase di definizione secondo le aspettative della collettività; Baranzate ha circa abitanti e 2,8 kmq di territorio, un alta densità abitativa e un forte consumo di territorio. E prioritario conservare le aree libere. Il Piano di Governo del Territorio dovrà dare risposta alle esigenze abitative delle fasce più deboli. Prioritaria sarà la difesa e la conservazione del territorio non urbanizzato; la realizzazione di nuove aree verdi e di un parco urbano nella sede della vecchia Rho-Monza; la conservazione e la valorizzazione dell area posta a nord della futura sede della variante alla Rho-Monza. Sarà progettato e realizzato un sistema di piste ciclabili, in particolare sarà valorizzata la pista ciclabile e le aree di frangia in via sauro a nord del campo sportivo. Saranno eliminate le barriere architettoniche negli edifici pubblici e nella viabilità cittadina. Saranno trasformati gli impianti semaforici più importanti in maniera che siano funzionali anche per i non vedenti. L amministrazione farà una serio approfondimento del PGT per valutare eventuali modifiche. Sarà promosso un coordinamento con i Comuni limitrofi sui problemi urbanistici, ambientali e territoriali di comune interesse e sarà definito uno stabile rapporto con il Comune di Milano per condividere i progetti di confine (con priorità al cosiddetto Campo Nomadi sito fra la ex Cava Ronchi e l Autostrada A8). Saranno pianificati e realizzati, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, gli interventi per la sistemazione dei marciapiedi prevedendo, ove possibile, la messa a dimora di piante. L illuminazione pubblica dovrà essere omogenea ed equilibrata, con consumi ridotti (led) evitando forme di inquinamento luminoso;

8 8 Saranno attivare tutte le iniziative necessarie per la bonifica e il ritorno di beneficio pubblico rispetto alla cava Ronchi. Saranno implementati strumenti e azioni per impedire le occupazioni di case e aree dismesse. Sarà valutata la progettazione e la realizzazione della casa del latte. Saranno installati contenitori per la raccolta delle deiezioni canine. Saranno realizzate azioni di monitoraggio dell inquinamento luminoso, acustico e dell aria. Sarà aggiornato il Piano di zonizzazione acustica al PGT vigente e sarà promossa l installazione di barriere antirumore sulle strade ad alta densità di traffico. Saranno realizzate campagne informative sui temi ambientali, corsi per guardie ecologiche, corsi di educazione ambientale in collaborazione con le scuole e le associazioni ambientaliste. Sarà migliorato il servizio raccolta rifiuti con l obiettivo di diminuirne i costi; sarà promossa e incentivata la raccolta differenziata a domicilio. Ci saranno controlli sullo smaltimento dei rifiuti delle attività produttive. Sarà contrastato l abbandono di rifiuti e saranno valorizzati i luoghi di abbandono. Saranno realizzati interventi sulle coperture in cemento-amianto; saranno inventariate le coperture in cemento-amianto degli immobili pubblici e privati. Per i privati saranno pianificati interventi per l eliminazione. Saranno promosse azioni finalizzate al risparmio energetico attraverso: l Installazione di impianti per il risparmio energetico sugli edifici pubblici; l incentivazione, ove e come possibile, di tutte le forme possibili di risparmio energetico sia per le famiglie che per le imprese; l informazione ai cittadini sugli incentivi per l installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda e di strumenti di produzione energetica autonoma e per il contenimento energetico. Obiettivo dell amministrazione sarà quello di presidiare le attività di riqualificazione degli alvei e delle sponde dei torrenti Pudiga, Guisa e Nirone. Sarà rilevato lo stato dell attuale della rete fognaria e sarà pianificato il suo completamento e la sua manutenzione. Sara potenziata e riqualificata la dotazione di verde pubblico con la sistemazione dei giardini pubblici con attrezzature e giochi. Sarà acquisito ad utilizzo pubblico il parchetto di Via F.Filzi; realizzati nuovi giardini e affidati alla cura e alla custodia di gruppi di volontari. Saranno realizzati orti comunali. Saranno definite forme di sponsorizzazione delle aree verdi. Sarà controllata la diffusione delle piante allergiche e saranno fatte azioni di repressione per i privati che non rispettano gli obblighi di sfalciatura. 2) LAVORO E IMPRESA L amministrazione promuoverà dei percorsi formativi per il reinserimento nel mondo del lavoro dei disoccupati. Attiverà forme di collaborazione con il Comune. Sarà costituito un Osservatorio delle crisi aziendali e nuove povertà. Saranno attivate, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, forme di fiscalità di vantaggio per le imprese che vorranno aprire la propria attività a Baranzate e che vorranno assume persone del territorio. L amministrazione comunale analizzerà e aggiornerà costantemente il quadro della realtà imprenditoriali di Baranzate; istituirà la Consulta del Lavoro per facilitare l incrocio tra domanda-offerta e l'orientamento professionale, in collegamento con i vari centri servizi, anche per favorire il reinserimento lavorativo dei disoccupati. Svolgerà azioni di formazione per il ricollocamento dei disoccupati. Promuoverà e potenziarà la collaborazione con i Consorzi Intercomunali delle imprese per individuare maggiori opportunità ed esigenze. Monitorerà le

9 9 iniziative delle imprese (es.: Piani di investimento o disinvestimento) per informare i cittadini in cerca di prima occupazione e per il re-inserimento lavorativo e per stimolare la messa in atto di risorse destinate a bandi. Sarà potenziata e rinforzata la sensibilizzazione degli enti amministrativi superiori (Provincia e Regione) circa le problematiche specifiche dei baranzatesi. Sarà posta attenzione allo sviluppo di cooperative, in particolare fra giovani, per facilitare la creazione di nuove occupazioni dedicate ai baranzatesi. Saranno migliorate le infrastrutture a servizio delle imprese. L'Amministrazione Comunale dovrà favorire tutte le iniziative atte a promuovere una nuova cultura di impresa attraverso una particolare attenzione alla formazione culturale e manageriale delle piccole imprese. Costituirà una precisa scelta politica dell'amministrazione Comunale quella di dare spazio e voce a tutte le categorie produttive per studiare in che modo rivitalizzare l economia locale. Predisporremo con le Associazioni di categoria un Piano di Inquadramento Produttivo per rilanciare e valorizzare le Piccole e Medie Imprese, l Artigianato e il Commercio al fine di consentire all economia locale di crescere e creare nuovi posti di lavoro. Attiveremo un ufficio che si occupi delle politiche comunitarie in diretto collegamento con la struttura regionale (reperimento risorse finanziarie, fondi strutturali, rapporti con le istituzioni comunitarie). 3) COESIONE SOCIALE Famiglia L amministrazione comunale attiverà uno strumento privilegiato quale il Forum per le Famiglie, affinché si possa garantire il diretto dialogo con i cittadini approfondendo e venendo costantemente a conoscenza dei bisogni di tutte le famiglie che, seppur non in carico ai Servizi sociali, presentano problemi. L amministrazione istituirà la Banca del Tempo, un servizio rivolto a tutti i cittadini che possono mettere a disposizione qualche ora del proprio tempo libero e che possono ricevere, sulla base di uno scambio reciproco, equo e privo di costo monetario, un servizio a loro necessario da parte di un altro cittadino (ad es. due ore di stiro in cambio di due ore di cucito); L amministrazione istituirà al figura del Custode Sociale di quartiere, che incontrerà le persone casa per casa e comunicherà al Comune le situazioni di difficoltà per meglio definire interventi di aiuto. Anziani L Amministrazione comunale aiuterò le persone anziane, in particolare chi è solo e nel periodo estivo, per: compagnia, cure, trasporto per visite mediche, acquisto farmaci e spesa. Promozione di soggiorni e gite a prezzi agevolati. Il Comune valorizzerà gli anziani come risorse privilegiate per il territorio in un ottica di cittadinanza attiva favorendo forme di aiuto concreto alle persone non autosufficienti e di aiuto per le giovani coppie nella gestione dei propri figli; celebrerà la festa dei nonni come già istituita a livello regionale (2 ottobre); favorirà forme di abbinamento nei casi di anziano solobambino senza nonno affinché possa essere avviato un rapporto di nonnità - per tutti coloro che lo desiderano - promuovendo anche la possibilità per i bambini privi di tale figura affettiva di poterne sperimentare l esperienza. Istituirà l Università della Terza Età o attiverà il servizio con altri comuni, come da esperienze già avviate nei territori limitrofi. Promuoverà attività ludiche organizzate (gare di bocce, carte, pedalate non competitive etc);

10 10 Minori Per l amministrazione comunale sostenere l infanzia significa garantire agli adulti di domani un futuro più dignitoso in termini di arricchimento personale e sociale e allo stesso tempo garantire alle famiglie un supporto e sostegno alla sempre più complessa azione educativa. Per la realizzazione di tale intento proponiamo quanto di seguito. L amministrazione promuoverà delle Giornate dedicate all infanzia, appuntamenti sul territorio con iniziative di stimolo sui temi della crescita e dello sviluppo, con l attivazione di laboratori esperienziali per piccoli e genitori; Il Comune promuoverò le Domeniche insieme, per favorire la coesione sociale attraverso incontri finalizzati alla promozione sociale (pranzi, cene etc), alla conoscenza e alla socializzazione tra i cittadini; Promuoverà la nascita dei Nidi condominiali al fine di favorire l accesso a tale servizio per le famiglie meno abbienti e per rispondere alle necessità della lista di attesa; Il comune istituirà il Consiglio comunale di ragazzi. Attiverà un gruppo gestito da giovani ragazzi finalizzato a fornire Un Aiuto per la Scuola in uno spazio dedicato (centro di aggregazione giovanile) per fare i compiti, ricevere sostegno e aiuto. Favorirà e potenzierà gli interventi di Educazione civica fin dalle scuole elementari. Promuoverà iniziative Più Dialogo Interculturale atte a favorire la conoscenza delle varie culture attraverso la socializzazione e il gioco per facilitare l integrazione sociale di bambini e genitori. Promuoverà lo sviluppo armonico dei bambini frequentati la scuola elementare attivando un Centro di Ascolto a loro dedicato, con l obiettivo di offrire uno spazio dedicato ai più piccoli; Il Comune garantirà il continuo monitoraggio delle situazioni di difficoltà (economiche, culturali etc) in cui vivono i bambini, al di fuori della presa in carico da parte dei Servizi Sociali e celebrarà la Giornata dei Diritti dell Infanzia. Donne Le differenze di genere non trovano uno sbocco nella par condicio per la complementarietà dell essere donna. L amministrazione comunale dovrà: favorire interventi di sensibilizzazione volti alla presa di coscienza del significato poter essere donna ; sviluppare la cultura di essere donna oggi; promuovere una formazione permanente con corsi dedicati alla donna, alla sua realizzazione consapevole; sostenere l emancipazione e l impiego della donna in tutti i settori e in tutte le forme; istituire uno Sportello Donna come punto di riferimento per le donne in difficoltà e per il reperimento di informazioni, frequenza di corsi, ect. Diritti Viviamo in una società multiculturale, multietnica e multireligiosa: Baranzate, con una presenza di immigrati pari ad un terzo circa della popolazione, rispecchia questa realtà più generale. Le problematiche legate all immigrazione vanno affrontate con prontezza ed improntate a legalità ed umanità, non devono fermare il processo di convivenza, che è l unico in grado di dare corpo ad una comunità civile che, pur nelle diversità delle culture di appartenenza, sa trovare regole, comportamenti e stili di vita condivisi. Solo così potremo trasformare un problema in opportunità, come hanno fatto i più grandi e civili paesi del mondo. Problema fondamentale è senz altro quello della cittadinanza attiva e della tutela dei diritti (umani, sociali e politici). Esso si presenta oggi sotto forma di questione stringente e delicata tale da assumere un carattere emergenziale. La sua soluzione passa attraverso la necessità di coniugare gli aspetti di integrazione e legalità finalizzandoli alla coesione sociale. La strategia, su scala molto ampia,

11 11 deve contrapporre alla globalizzazione economica il villaggio mondiale che vede e permette, oltre alla libera circolazione dei beni e dei servizi, anche la libera circolazione degli uomini del pianeta, delle idee, degli stili di vita. Ciò è sicuramente il presupposto imprescindibile di un processo per il mantenimento della pace nel mondo. L attivazione di una Consulta degli Immigrati potrà essere valutata come uno strumento per costruire un rapporto efficiente ed efficace con il Comune, per monitorare la composizione sociale ed etnica, per conoscere i loro bisogni, per realizzare servizi atti a garantire il godimento dei diritti civili e sociali e per ottenere da loro il rispetto dei doveri civici. Sarà promosso il dialogo fra le varie comunità immigrate al fine di prevenire conflitti. L istituzione scolastica sarà affiancata per l aiuto nei processi di inserimento degli studenti immigrati, con l obiettivo di affrontare le difficoltà linguistiche e i problemi di allineamento con i corsi scolastici dei paesi d origine. Saranno proposte azioni che favoriscano i processi formativi per l insegnamento dell italiano e la partecipazione civica. Sarà potenziata la collaborazione con le associazioni di volontariato presenti sul territorio, che si occuperanno dell accoglienza degli immigrati, della ricerca di un alloggio, di informarli, orientarli ed avviarli al lavoro. Sarà promosso l uso di modulistica e cartellonistica comunale multilingue. 4) POLITICHE EDUCATIVE Il ruolo rivestito dalla scuola è centrale quale luogo privilegiato per l acquisizione di valori fondamentali, per la crescita cultuale e sociale della collettività. L amministrazione comunale intende valorizzare le risorse educative, culturali, scientifiche, artistiche, sportive e ambientali del territorio per dare risposte qualitativamente elevate ed innovative alle esigenze di formazione dei ragazzi. Si lavorerà per diminuire l esodo degli studenti verso altri comuni, per sostenere l istituzione scolastica nella gestione dei rapporti tra studenti di provenienze diverse e tra famiglie e scuola. Il comune avrà attenzione e cura dei bambini in età prescolare. Attiverà un laboratorio di psicomotricità attraverso l allestimento di un aula presso la scuola per la gestione di bambini con handicap psico-fisici (angolo del sonno con pareti a cuscini, specchi alle pareti ecc.). Sarà allestita una biblioteca-videoteca scolastica. Ci sarà la sostituzione dei monitor ad emissione di radiazioni ionizzanti con monitor a schermo piatto. Saranno installate cassette postali per raccontare, sotto forma di lettera anonima, n disagio, una problematica difficile da condividere apertamente con compagni e/o insegnanti. Sarà dato sostegno al lavoro di cura dell orto della scuola come strumento di condivisione di impegni anche tra bambini e anziani con l aiuto e il contributo di associazioni già presenti sul territorio. Sarà valutata la realizzazione di un centro estivo per i mesi di luglio, agosto, settembre per i bambini delle scuole elementari e delle materne. Saranno attuate attività e progetti per coinvolgere gli studenti sui temi del disagio giovanile, della dispersione scolastica, del bullismo, dell'integrazione del diverso, dell'educazione civica. Sarà migliorato il coordinamento tra l'amministrazione comunale e le scuole.

12 12 5) SICUREZZA, LEGALITÀ, TRASPARENZA, ANTICORRUZIONE Accoglienza per chi rispetta le regole, mano ferma e contrasto a chi delinque. Bisogna garantire un livello di qualità e vivibilità della città attraverso politiche contro il degrado e l inciviltà, anche quando i comportamenti non siano necessariamente criminali. Dobbiamo consolidare le funzioni di pubblica sicurezza Polizia Locale e aprire un presidio in via Gorizia. L aumento dell allarme sociale non è in stretta relazione con l andamento della criminalità, bisogna comprendere quali sono i fenomeni che lo generano, per poterli governare. Dobbiamo potenziare l organico della Polizia Locale; aumentare la dotazione di impianti di videosorveglianza; stabilire un coordinamento con i comuni limitrofi sulla sicurezza sia in ambito di zona omogenea metropolitana, anche per garantire un controllo serale e notturno del territorio; adeguare la pubblica illuminazione. Dobbiamo contrastare lo spaccio di droghe in aree pubbliche e private, coordinare interventi con il Comune di Milano per il cosi detto campo nomadi ; individuare un ufficio che si farà carico di recepire le segnalazioni dei cittadini riguardanti casi di sovraffollamento di abitazioni e migliorare il servizio di Protezione Civile integrandolo con quello dei comuni limitrofi. Dobbiamo rendicontare online le spese elettorali e le fonti di finanziamento; istituire la giornata della legalità in collaborazione con le scuole; istituire la delega assessorile alla legalità e alla trasparenza per monitoraggio appalti pubblici, contratti, lotta all usura; promuovere un protocollo di intesa con la Prefettura per il controllo degli appalti. Dobbiamo realizzare iniziative di educazione alla legalità, interventi nelle scuole per l educazione civica, campagne di responsabilizzazione, di educazione stradale e di rispetto della cosa pubblica. Dobbiamo monitorare il rispetto di tutta la normativa e gli obblighi derivanti dalla materia dell anticorruzione. Implementare, oltre agli obblighi normativi, forme, strumenti e azioni di trasparenza e aderire ad associazioni e soggetti impegnati nel promuovere la cultura e le buone pratiche della legalità. 6) VIABILITÀ E TRASPORTI Viabilità La viabilità è fortemente interconnessa al tema della qualità ambientale del territorio. A Baranzate il traffico di attraversamento è molto pesante, bisogna trovare soluzioni viabilistiche e infrastrutturali che portino il traffico fuori dal centro del paese. Dobbiamo limitare al massimo le interconnessioni possibili tra la grande viabilità di attraversamento e la piccola viabilità di quartiere e di collegamento con i comuni vicini. In questo rientra la necessità di portare il più possibile all esterno il traffico di attraversamento rivedendo il sistema viabilistico e dei sensi unici in un ottica di maggiore protezione delle zone abitate (es. Via Manzoni). Dobbiamo monitorare la costruzione della strada di collegamento, lungo il confine Baranzate- Bollate, tra Via Piave-Via Uboldi-Via Milano, preferibilmente con sbocco ortogonale su Via Falzarego/San Gottardo, al fine di costituire una circonvallazione nord/est-nord/ovest. I costi di costruzione non dovranno essere a carico del Comune di Baranzate.

13 13 Visto la viabilità connessa al piano AT2, la via Manzoni dovrà essere resa a senso unico. Si valuterà successivamente se in entrata o in uscita da Baranzate in relazione alla viabilità complessiva. Valutaremo la realizzazione di un collegamento viabilistico tra l area industriale via Zambeletti e quella di via Falsarego con l obiettivo di convergere il traffico in un unico punto collegato con la grande viabilità Realizzeremo piste ciclopedonali di collegamento tra quartieri e i comuni vicini con priorità data al collegamento tra il centro e i quartieri più isolati (via Sempione). Incentiveremo l utilizzo della biciletta, del car-pooling (auto private utilizzate da più utenti che condividono gli stessi percorsi, in genere per trasferimenti casa-lavoro e viceversa), del carsharing (utilizzo, anche per poche ore, di un veicolo a tariffazione economica, molto vantaggioso rispetto all auto di proprietà per chi percorre pochi km all anno) Rivedremo il tempo di durata dei semafori dove serve, e realizzeremo due rotonde: una tra via Milano via Aquileia e una tra via Milano e via Merano. Miglioreremo la viabilità e la sicurezza stradale e realizzato un Piano Urbano del Traffico (PUT). Realizzeremo nuovi parcheggi e i flussi di traffico saranno monitorati. Saranno recuperati i lati e le banchine della Varesina. Sarà ridotto l inquinamento visivo (segnaletica e cartellonistica). Trasporto pubblico Un elemento assente in questi anni è stato il potenziamento del trasporto pubblico, fondamentale per dirottare parti sempre più cospicue di utenza dal mezzo privato al mezzo collettivo e per evitare in breve tempo la saturazione del tessuto viabilistico. Presso il polo fieristico di Rho Fiera Milano sono operativi sia il capolinea della linea 1 della Metropolitana Milanese che la nuova stazione ferroviaria servita dal Servizio Ferroviario Suburbano di Milano. Allo stesso modo si evidenzia l ulteriore vicinanza della Stazione di Novate. L esigenza di trovare un accordo con l Azienda Trasporti Milanesi S.p.A., in un ottica di integrazione e di razionalizzazione dei servizi con i Comuni vicini, è ormai improrogabile. Analizzeremo in maniera seria e approfondita il trasporto pubblico locale valutando la possibilità di accordi con ATM per migliorare e potenziare i collegamenti con Milano, con Bollate (FNM), con Novate (FNM) e Rho-Fiera Milano (FS/M1). Potenzieremo le linee di Area Urbana H213 (560) Milano M1 QT8 Baranzate Bollate Arese e H307 (566) Roserio Baranzate Bollate FNM Paderno FNM, con priorità alla deviazione Via Baranzate di suddetta linea per incrementare i collegamenti con il Cimitero, l Ospedale di Bollate e gli Uffici territoriali. Valuteremo l opportunità di adeguare il sottopasso di Via Montello per permettere la modifica dei percorsi del mezzi pubblici da Baranzate verso la Metropolitana e il carcere. Porremo attenzione alle zone meno servite di Baranzate, come via Gorizia-Asiago, valutando anche l eventuale istituzione di un servizio di trasporto comunale.

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti.

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. TAVOLO MILANO È SICUREZZA Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. Sicurezza vuol dire bellezza, benessere,

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità Chiara Criscuoli chiara.criscuoli@giovanisi.it Il Progetto Giovanisì: i motivi I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: -Il prolungamento della

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Hai voglia di casa? Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Regione Lombardia presenta il bando per l erogazione del contributo per agevolare l accesso alla proprietà

Dettagli

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 All incontro hanno preso parte circa 10 persone. Si è trattato di alcuni liberi cittadini e di persone

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA

IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Associazione di Promozione Sociale Reatino 15 IC PARCO DI VEIO PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Municipio Roma XV, l Istituto Comprensivo Parco di Veio, la Cooperativa Sociale Link e l Associazione

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare Titolo: Un cane per amico L ASD e di Promozione Sociale Do Re Miao! in collaborazione con la comunità pastorale I Tre Arcarcangeli (parrocchia Ss.ma Annunziata dei Greci), Livorno, propone un progetto

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO DI CONTATTO via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali)

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi

Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità dei servizi Le cure domiciliari: quali possibili sviluppi tra mutamentii socio demografici, innovazione tecnologica e sostenibilità Le politiche di welfare e di housing adottate in Olanda per gli anziani e la domiciliarità

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO

PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO GIOVEDI 3 giugno 2004 Giovedì La città di Milano Castello Sforzesco Casa Moskova Piazza Borsa Piazza Duomo Università Statale Torre Velasca VENERDI 4 giugno 2004 La

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene. cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.org cooperazione e sviluppo locale progetto CASA tecniche urbane percorsi

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA LA COMUNICAZIONE ESTERNA: la collaborazione con il Territorio il Sito web dell Istituto Pagina 1 di 6 I.C.TRILUSSA - ELABORAZIONE

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli