Progetto Videosorveglianza Territoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Videosorveglianza Territoriale"

Transcript

1 Progetto Videosorveglianza Territoriale Amministrazione Comunale di Castelfranco Veneto Appalto per la realizzazione del FORNITURA DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CASTELFRANCO VENETO IN AMBITO AL PROGETTO DI RASSICURAZIONE DELLA COMUNITÀ CIVICA DI CUI ALLA L.R N. 9 SECONDO STRALCIO FUNZIONALE. C.S.A. - Norme B : Capitolato d oneri ed allegati Capitolato d Oneri pag. 1

2 CAPITOLATO SPECIALE D'ONERI PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEI TERRITORI COMUNALI DI CASTELFRANCO VENETO IN AMBITO AL PROGETTO DI RASSICURAZIONE DELLA COMUNITA CIVICA DI CUI ALLA L.R N.9 SECONDO STRALCIO FUNZIONALE Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la fornitura, l installazione e la programmazione, chiavi in mano, di attrezzature e macchinari occorrenti alla realizzazione di un sistema di video sorveglianza del territorio comunale, nonché delle relative reti di comunicazione in ambito urbano necessarie per il collegamento di tutti gli apparati, nelle modalità e con le caratteristiche tecniche di cui all'elaborato tecnico (Allegato A), che viene allegato al presente capitolato per farne parte integrante e sostanziale. Saranno inoltre oggetto di valutazione ai fini dell aggiudicazione dell appalto le condizioni di assistenza e manutenzione del sistema prima e dopo il termine del periodo di garanzia e l addestramento del personale. Art. 2 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA ED OPERE L appalto riguarda: La videosorveglianza e controllo del territorio, nelle seguenti vie e piazze: Zona centro ingresso storico e Piazza Giorgione Borgo Pieve Scuole frazione di Treville Stazione ferroviaria Impianti sportivi : Piscina Cimitero Asilo Nido Parcheggio Camper Zona istituti scolastici Borgo Padova Facendo corrispondere un numero di: 11 telecamere fisse 09 telecamere dome Per meglio individuare le zone fare riferimento agli allegati B e C del presente capitolato d oneri : - Allegato A : Caratteristiche tecniche funzionali minimali di progetto - Allegato B : Schema logico collegamento e posizionamento siti per le telecamere - Allegato C : Schede tecniche per ogni sito comprendenti indicazioni di progetto - Allegato D : Descrizione del sistema attuale in funzione presso il Comune : 1 stralcio Il sistema dovrà garantire, su supporto telematico, la trasmissione di informazioni dalle aree Capitolato d Oneri pag. 2

3 periferiche al centro di controllo che sarà realizzato presso il Comando della Polizia Municipale. Allo scopo di consentire una chiara visione delle opere da realizzarsi, si rimanda all'elaborato tecnico, qui allegato sotto "A", che forma parte integrante e sostanziale del presente capitolato e che di seguito si riassume orientativamente: 1) centrale di videosorveglianza: Dalla centrale di regia, installata presso il Comando della Polizia Municipale, sarà possibile visualizzare tutte le telecamere installate sul territorio comunale, controllarne il brandeggio e lo zoom, registrarne i flussi video nonché operare delle ronde di visualizzazione sui monitor a colori. Verrà fornita un'applicazione SW di gestione del sistema, costituita da mappe grafiche del territorio e da programmi di gestione degli elementi di sistema. Dovranno essere inoltre forniti e installati gli armadi di contenimento degli apparati ed un adeguato banco di regia operativa. In particolare dovrà essere ampliato e potenziato il sistema esistente (NDVR) secondo le quantità e la operabilità generale ( ulteriori informazioni sull impianto attuale e le richieste di ampliamento in allegato D ) 2) Telecamere Per ogni postazione periferica elencata ai precedenti punti, verrà fornita una telecamera di videosorveglianza a colori di tipo dome o fissa opportunamente montata su palo di sostegno. Fanno parte della fornitura l'armadio locale di contenimento degli apparati elettronici completo di plinto di montaggio, il palo di sostegno ( dove necessario ) della telecamera completo di plinto e relativo pozzetto con chiusino in ghisa, la fornitura e la posa dei cavi di collegamento. Per aspetti di sicurezza e continuità del servizio oltre che di manutenibilità si deve prevedere che tutte le tvcc siano in bassa tensione fisse a 12 V e dome a 24 V con impiego di trasformatori di isolamento collegati ad interruttori a riarmo automatico. Telecamere Dome: CCD ¼ Almeno 730x576 almeno 480 linee almeno sensibilità 0,01 lux privacy zone impostabili almeno 256 preset vel.max almeno 375 sec. almeno 1 ronda almeno 8 sequenze ide dinamic range digital flip almeno 4 in e 2 out allarme controllo brandeggio in RS485 compatibilità protocollo diversi oin contenitore da esterno IP66 temperatura C Capitolato d Oneri pag. 3

4 Telecamere fisse: CCD 1/3 Risoluzione 540 linee almeno Privacy mask almeno 8 1 lux a colori Inferiore a 0,01 lux inb/n OSD e controlli remoti su protocollo comuni ottiche autoiris e DC sincronismo interno o da rete elettrica Obiettivi: Autoiris Varifocal Diametri adatti costruzione con lenti asferiche apertura F1,2 passo CS sensibile alla lunghezza d onda infrarossa 3) Sistema di gestione della Centrale Operativa della Polizia Municipale cosi composto : DVR per la registrazione PC posto operatore Switch concentratore Monitor di visualizzazione Tastiera di controllo Dovrà essere potenziato ed ampliato in modo da raccogliere le esigenze del sistema attuale previsto e in prospettiva di futuri ampliamenti secondo quanto specificato più approfonditamente nel seguito. La fornitura e la posa in opera delle attrezzature oggetto del presente appalto dovrà essere realizzata secondo i seguenti riferimenti normativi: A. D.P.R. 27/04/1 995 n.547 L.46/1990 L. 626/1994; B. Norme UNI sulla sicurezza costruzione macchine; C. Norme CEI 61.1 sulla sicurezza costruzione macchine; D. L. 18/10/1977 n. 791 sulla componentistica elettrica; E. Ari. 7, comma 9, D.Lgs. 285/1992; F. Omologazione dei sistemi di controllo accessi secondo D.P.R. 22/06/1999 n.250; G. Norme ZVEI 1, 2, 3 CCIR EEA e/o digitale FFSK, Art. 3- DOCUMENTAZIONE A DISPOSIZIONE DELLE DITTE Alle ditte saranno messi a disposizione, presso il Settore Segreteria Generale Servizio Appalti e Contratti e sul sito Internet del Comune di Castelfranco Veneto, (www.comune.castelfrancoveneto.tv.it), il Bando di gara e il relativo disciplinare. Alle Imprese saranno, inoltre, messi a Capitolato d Oneri pag. 4

5 disposizione il presente capitolato, l'elaborato tecnico allegato "A", B e C e una pianta del territorio in formato.dwg. Art. 4 - PIANO Dl SICUREZZA/ MATERIALE INFORMATIVO Alla stipula del contratto di appalto, l impresa aggiudicataria dovrà predisporre e depositare un piano di sicurezza delle prestazioni, conforme alla normativa nazionale, che sarà parte integrante del contratto. All atto del Verbale di Consegna redatto dalla DD.LL., l azienda aggiudicataria dovra predisporre una apposita cartellonistica di cantiere contenente apposito logo ufficiale della Regione Veneto cosi come previsto da apposita comunicazione regionale di seguito riportata : Con la presente si informano i Signori in indirizzo che,nel caso di progetti finanziati con fondi regionali di cui alle leggi regionali in oggetto, sull eventuale materiale informativo prodotto e pubblicato ai fini della pubblicizzazione della iniziativa stessa deve essere apposto lo stemma ufficiale della Regione Veneto, da richiedere alla Direzione Comunicazione e Informazione tramite all indirizzo stemma deve essere apposto prima e in posizione preminente rispetto ad ogni eventuale altro logo, sia di Enti locali (Provincia, Comune, ecc), sia di societa sponsorizzatrici, con la sola eccezione dei loghi dell apparato statale o sovraregionale Art. 5 -ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELL APPALTATORE Oltre agli oneri di cui ai precedenti articoli specificati nel presente capitolato speciale di appalto, sono a carico dell impresa gli oneri seguenti: 1) Disponibilità degli operai e dei tecnici qualificati occorrenti per i rilievi e misurazioni relative alle operazioni di consegna, verifica e contabilità delle prestazioni; 2) Fornitura degli strumenti occorrenti per dette operazioni nel numero e tipo che saranno necessari; 3) Osservanza delle norme derivanti dalle vigenti leggi e decreti relativi alle assicurazioni sociali obbligatorie, derivanti da leggi o da contratti collettivi, nonché il pagamento dei contributi a carico dei datori di lavoro, come gli assegni familiari e le indennità ai richiamati alle armi e l osservanza delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Nell esecuzione dell appalto, l impresa si obbliga ad applicare integralmente ai propri dipendenti tutte le norme e condizioni contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro e negli accordi locali integrativi dello stesso, per il tempo e nella località in cui si svolgono le prestazioni anzidette. I suddetti obblighi vincolano l impresa anche se non sia aderente alle associazioni sindacali e receda da esse ed indipendentemente dalla natura industriale ed artigiana, della struttura o dimensione dell impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica e sindacale. In caso di inottemperanza agli obblighi precisati nel presente articolo, accertato dalla stazione appaltante o ad essa segnalata dall ispettorato del lavoro, la stazione appaltante medesima comunicherà all impresa e all ispettorato del lavoro l inadempienza accertata e procederà ad una detrazione del 20% sui pagamenti in acconto, se la prestazione è in corso di esecuzione, ovvero alla sospensione del pagamento del saldo se la prestazione è ultimata destinando le somme così accantonate a garanzia dell adempimento degli obblighi di cui sopra. Capitolato d Oneri pag. 5

6 Il pagamento all impresa delle somme accantonate non sarà effettuato fino a quando l ispettorato del lavoro non si sia accertato che gli obblighi predetti sono stati integralmente adempiuti. Per le detrazioni e sospensione dei pagamenti di cui sopra, l impresa non può opporre eccezioni alla stazione appaltante, a titolo di risarcimento danni. Sulle somme detratte non saranno, a qualsiasi titolo, corrisposti interessi. 4) Documentazione del sistema nei formati e tipi ritenuti corretti e sufficienti dalla direzione dei lavori Capitolato d Oneri pag. 6

7 ALLEGATO "A" AL CAPITOLATO D ONERI Elaborato tecnico RELATIVO ALLA FORNITURA, INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEI TERRITORI COMUNALI DI CASTELFRANCO VENETO IN AMBITO AL PROGETTO DI RASSICURAZIONE DELLA COMUNITA CIVICA DI CUI ALLA L.R N.9.- SECONDO STRALCIO FUNZIONALE REQUISITI MINIMI DEL SISTEMA Il sistema che viene richiesto, meglio indicato nella successiva parte della relazione tecnica, si articola nel seguente modo: 1. una serie di periferiche costituite da telecamere che dovranno mantenere la qualità del segnale video costante al variare delle condizioni atmosferiche, ambientali e nel tempo, senza necessità di ulteriori manutenzioni; 2. un centro operativo di controllo e supervisione installato presso il Comando della Polizia Municipale, che sarà il punto di convergenza e di gestione di tutti i dati raccolti e trasmessi dalle stazioni periferiche; Il sistema dovrà consentire in futuro l apertura a nuove funzioni, quali ad esempio la possibilità di misurare i flussi di traffico, il telecontrollo degli impianti semaforici, la realizzazione di pannelli a messaggio variabile per l utenza automobilistica e l installazione di colonnine S.O.S. L apertura a queste nuove funzioni dovrà essere resa possibile, senza per questo dover procedere a significative modifiche delle parti fondamentali del sistema. Il sistema dovrà essere realizzato utilizzando le costituende dorsali in fibra ottica lungo le quali saranno posti i nodi intelligenti del sistema che opereranno come punti d interscambio per la consegna e la ricezione delle informazioni. La sala di controllo, installata presso il Comando della Polizia Municipale, dovrà essere il punto di convergenza di tutti i dati raccolti, pertanto dovrà essere dotata di apparati per l interfacciamento Capitolato d Oneri pag. 7

8 diretto alla dorsale principale, che convoglieranno i dati ai computer dedicati alla loro elaborazione e ai dispositivi per la conversione dei flussi provenienti dai Gateway in segnali video per la loro gestione (videosorveglianza e ZTL). Si fa notare che già attualmente ulteriori due client sono dislocati presso la stazione carabinieri. L offerta tecnica dovrà rispettare e/o migliorare le seguenti caratteristiche fondamentali ( ogni specifica inferiore a quanto riportato nel Capitolato Speciale d Appalto rappresenta clausola di esclusione) INFRASTRUTTURE: Tutte le dorsali principali dovranno essere configurate, dalla ditta aggiudicataria, con apparati che consentano una velocità di comunicazione di l000 Mbit/sec. in gigaspeed, in modo da inviare immagini/dati/audio in tempo reale e consentire in futuro ampliamenti del flusso trasmesso senza modificare la struttura fisica della rete. APPARATI: Dovranno essere in grado di gestire ed elaborare le informazioni multimediali generate o destinate ai punti afferenti. Gli apparati dovranno essere espandibili per assicurare l aggiornamento delle attuali applicazioni e l inserimento di nuove eventuali funzioni. PROGRAMMI: Il software di gestione del sistema (espansione dell attuale sistema applicativo descritto nell allegato D ), dovrà essere dotato di interfaccia intuitiva ed affidabile, che semplifichi l operatività del personale, a tutto vantaggio della produttività. Le procedure di registrazione e automazione garantiranno le prestazioni del sistema ad un livello ottimale anche in assenza del personale di controllo. Lo scambio dei dati e delle informazioni dagli apparati avverrà con modalità compatibili rispetto a quanto già esistente. IL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Sono stati individuati per il secondo stralcio funzionale i seguenti punti nevralgici del territorio comunale dove attuare un sistema di trasmissione di immagini video, scelti sulla base di situazioni critiche per la sicurezza dei cittadini e della viabilità. Tali aree cittadine sono: Numerazione Tipologia Posizione tvcc15 Fissa Piazza Giorgione tvcc16 Dome Piazza Giorgione Capitolato d Oneri pag. 8

9 tvcc22 Fissa Borgo Padova tvcc23 Fissa Borgo Padova tvcc24 Dome Borgo Padova tvcc25 Dome Borgo Padova tvcc34 Fissa Treville Scuole Medie tvcc35 Fissa Treville Scuole Medie tvcc36 Fissa Treville Scuole Elementari tvcc37 Fissa Treville Scuole Elementari tvcc38 Fissa Treville Scuole Elementari tvcc48 Fissa Impianti sportivi tvcc49 Fissa Impianti sportivi tvcc52 Fissa Borgo Pieve altezza tvcc attuale Tvcc55 Dome Impianti Sportivi Piscina Parcheggi Tvcc56 Dome Parcheggio Cimitero Tvcc57 Dome Asilo Tvcc58 Dome Parcheggio Camper Tvcc59 Dome Ingresso centro storico Tvcc60 Dome Viale Stazione Le aree sopraindicate interessate al monitoraggio visivo, saranno dotate ciascuna di una telecamera di rilevamento ad alta risoluzione. Le principali caratteristiche delle telecamere a colori sono: 1) Ridotte dimensioni; 2) Elevata resistenza alle vibrazioni; 3) Controllo automatico di guadagno; 4) Risoluzione minima pixel; 5) Sensibilità immagine con intensità di luce riflessa di 1 Lux con obiettivo F: 1,4 ed adeguate sensibilità notturne alle diverse condizioni di luce 6) Alimentazione 12/24 V; 7) Caratteristiche del diaframma e della focale da definire in fase d installazione per assicurare le migliori condizioni d inquadratura; 8) Iride automatica 9) Dispositivo messa a fuoco automatico 10) Dispositivo di zoom ottico, controllabile da centrale operativa ( per le dome) Ogni telecamera di rilevamento ad alta risoluzione, installata su pali in acciaio zincato, dovrà Capitolato d Oneri pag. 9

10 disporre di adeguata custodia per l isolamento e la sicurezza. Il sistema dovrà consentire di memorizzare alcune posizioni delle telecamere relative a particolari inquadrature e richiamarle in modo guidato, tramite l interfaccia del sistema di controllo. L operatore al centro di controllo potrà utilizzare il software di controllo per selezionare il punto geografico da supervisionare, indirizzando il segnale video proveniente da una telecamera remota su uno dei monitor disponibili ed avrà anche il controllo del brandeggio e dello zoom della telecamera selezionata, visualizzando in tempo reale il corretto inquadramento. Le telecamere dovranno essere installate su pali ad un altezza e inclinazioni tali da garantire da un lato la migliore inquadratura possibile dell area da monitorare, dall altro, scoraggiare gli atti vandalici da parte di malintenzionati. In sintesi vengono indicate le funzioni minime del sistema di videosorveglianza: a) Selezione della videocamera da visualizzare su uno o più monitor TV; b) Controllo delle funzioni delle videocamere: Pan, Zoom, Tilt; c) Programmazione del ciclo di visualizzazione delle videocamere, per le quali deve essere possibile definire il numero, l ordine di visualizzazione e l intervallo di tempo dedicato ad ognuno di esse; d) Selezione della videocamera da visualizzare sulla finestra della postazione operatore; e) Testo identificativo della videocamera visualizzata, con l indicazione di ora e data per ciascun monitor; f) Registrazione del segnale video in modalità digitale sia su richiesta manuale che programmata in base a specifico evento g) Impostazione aree di privacy definite su inquadrature fisse ed in movimento selezionabili per singola inquadratura sia su tvcc fisse che dome ; tali impostazioni dovranno venire imputate dalla centrale operativa interrogando le TVCC con apposito software senza alcun intervento fisico presso le TVCC. Nel caso delle DOME le Privacy Zone dovranno essere di tipo dinamico. LINEE COLLEGAMENTO Le linee di collegamento dovranno seguire i percorsi indicati a livello preventivo nell allegata mappa di progetto in particolare tutte le tratte di collegamento alle dorsali esistenti oltre che quelle di collegamento alla sala centrale vigili urbani prevedono l impiego di fibra ottica monomodale come da specifiche riportate di seguito nell apposito paragrafo dedicato ai cavi. Fa eccezione il collegamento tra le tvcc presso Treville e il sistema centrale che è previsto in tecnologia wireless. In Capitolato d Oneri pag. 10

11 particolare si prevede di impiegare, lato centro sistema, la torre civica che è già lungo il percorso fibra ottica che unisce il municipio alla centrale dei vigili. Tale collegamento radio dovrà essere effettuato in tecnologia hiperlan prevedendo specificatamente un basso impatto visivo delle antenne che verranno impiegate che non dovranno superare dimensioni a pannello superiori a 60 cm di lato. Gli apparati che dovranno essere impiegati dovranno prevedere adeguati protocolli di sicurezza e criptazione: protocollo d associazione ESSID autenticazione WEP 128 bit crittografia AES filtraggio del livello IP per indirizzi utente o protocolli direzione dell accesso e filtraggio indirizzi IP per gestione Dovranno prevedere una unità esterna in IP67 ed una interna isolata galvanicamente dal quadro di riferimento inoltre dovrà essere garantito una velocità non inferiore ai 10 Mb di trasferimento. L interfacciamento delle dorsali presenti deve tener conto (non solo in sala centrale ma ovviamente anche in periferia presso i quadri esistenti ) delle nuove tvcc sia in termini di capacità che di prestazioni. Le attuali dorsali in fibra ottica (che localmente verranno potenziate secondo il progetto di collegamento che verrà previsto e offerto) prevedono presso la centrale vigili dorsali da 24 fibre di cui esclusivamente 4 attualmente collegate secondo le seguenti direttrici: Dorsale Parcheggio stazione: non prevede nuove tvcc Dorsale Sottopasso FFSS: prevede 5 tvcc in aggiunta Dorsale Piazza Europa: non prevede nuove tvcc P. Serenissima: non prevede nuove tvcc V. Puccini: prevede 1 tvcc aggiunta Impianti Sportivi: 6 tvcc Carabinieri: non prevede tvcc Ospedale: non prevede tvcc Invariate anche le altre dorsali Capitolato d Oneri pag. 11

12 CENTRALE OPERATIVA DI VIDEOSORVEGLIANZA La centrale operativa, realizzata presso il Comando della Polizia Municipale, sarà il punto di convergenza di tutti i dati raccolti, pertanto dovrà essere dotata di apparati per l interfacciamento diretto alla dorsale principale, convoglieranno i dati ai computer dedicati alla loro elaborazione ed ai dispositivi per la conversione dei flussi provenienti dai concentratori multimediali. Il software di gestione utilizzerà l interfaccia a finestra, per gestire e controllare tutti gli aspetti del sistema: 1. Definizione dei siti, con classificazione secondo i tipi di controllo; 2. Creazione di un Network di monitoraggio virtuale, per tipologia omogenea di controllo; 3. Telecontrollo delle telecamere di videosorveglianza, compreso brandeggio e zoom, decodifica del flusso corrispondente ed indirizzamento del segnale video ad un monitor di controllo; 4. Gestione di sequenze cicliche di videosorveglianza, tramite interrogazione e decodifica ciclica dei flussi video dei concentratori; 5. Gestione degli allarmi su eventi predefiniti; 6. Funzione diagnostica locale e remota; 7. Possibilità di esportare i dati archiviati verso altri apparati di elaborazione a mezzo file di tipo testuale. 7. Gestione di privilegi sulle singole funzioni e di profili utenti; 8. Conformità alla normativa vigente sulla sicurezza e sulla privacy (D.Lgs. 196/2003). Il software di gestione dovrà consentire in futuro, l attivazione delle seguenti funzioni: 1) raccolta delle statistiche del traffico e la loro elaborazione; 2) centralizzazione e gestione dei regolatori semaforici; 3) gestione della disponibilità di posti auto nei parcheggi cittadini; 4) raccolta, elaborazione ed analisi dei parametri ambientali; 5) gestione della messaggistica su pannello a messaggio variabile. La centrale operativa controllerà i punti di decodifica dei flussi video e la relativa visualizzazione su monitor di controllo. Sarà dotata di una console nella quale verranno montati: - i monitor di visualizzazione delle telecamere remote; - i videoregistratori; - la workstation di gestione del sistema. La dotazione che verrà offerta dovrà tenere conto della attuale disponibilità del sistema già esistente quindi prevedere ampliamenti e/o modifiche che tengano in debita considerazione quanto già Capitolato d Oneri pag. 12

13 realizzato in chiave di espandibilità e miglioramento. All interno dell allegato D sono specificate le caratteristiche dell attuale sistema e le necessità minime generate dall ampliamento All interno dell allegato D sono specificate le caratteristiche dell attuale sistema. Per quanto riguarda le necessità minime dell ampliamento: si richiede di impiegare una unità di registrazione a rack dedicata, connessa in gigabit alla rete, con alimentatore ridondato, con capacità di almeno 1,5 TB utili in RAID 5 e con espansibilità per n. di slot o di capacità disco sino ad almeno 3 TB utili in raid5. si richiede di sostituire il server attuale con un server a rack dotato di due schede di rete gigabit, dischi in mirror (RAID1 hardware), alimentatore e ventole ridondate. Si richiede un UPS a rack che alimenterà il server, l unità di registrazione e gli switch nell armadio. L UPS verrà fornito con il software necessario per consentire l'arresto automatico e sicuro (shutdown) dei sistemi alimentati. si richiede di impiegare il server attuale come client aggiungendo se possibile una scheda gigaspeed. si richiede di fornire un client dotato di scheda di rete in gigabit, scheda video 4 uscite 512Mb di memoria 4 GB di RAM comprensivo di nr. 2 monitor LCD da almeno 22 si richiede di fornire uno switch managed, almeno layer 3, dotato di almeno 20 porte 10/100/1000 a sostituire l attuale. si richiede di gestire un numero totale di 4 client di cui 3 esistenti (2 presso la centrale Carabinieri 1 presso la centrale vigili). Le privacy zone devono essere create e gestite via software dalla postazione di controllo dislocata presso la centrale operativa della Polizia Municipale, con la possibilità di individuare/ circoscrivere/ modificare le privacy zone con esattezza, senza richiedere l intervento fisico/meccanico sulle telecamere. Il campo visivo ripreso, qualora l inquadratura venga a contatto con una privacy zone deve rimanere attivo, eccetto ovviamente la zona circoscritta dalla privacy zone stessa. Capitolato d Oneri pag. 13

14 In particolare potrà essere operata una scelta di adeguamento ( nel senso di aggiornamento ed ampliamento ) del sistema sw esistente oppure un cambio del sistema, in base alle scelte dell offerente e compatibilmente all hardware già installato ( encoder verint serie 1500) che deve restare operativo. Indistintamente dalla soluzione adottata il software dovrà essere fornito o aggiornato all ultima versione disponibili sul mercato. Comunque si operi la scelta del software dovrà tenere conto di due aspetti fondamentali ed irrinunciabili: - aumento delle capacità di gestione di memoria di registrazione che dovrà essere affidata ad hardware ridondato per alimentazione e RAID dischi; - garantire la migliore continuità delle registrazioni esistenti sia nella fase di aggiornamento e cambio sia in caso di eventi di shutdown del sistema che dovrà essere comunque gestito. CARATTERISTICHE DEGLI ARMADI PER UNITA DI CONTROLLO LOCALE L armadio per esterni dovrà essere a tenuta stagna, dovrà essere dotato di porta di accesso anteriore con chiave di sicurezza per le operazioni di configurazione e gestione. Al fine di garantire un espandibilità dell unità di controllo locale la ditta appaltatrice dovrà prevedere all interno degli armadi degli alloggiamenti liberi per l aggiunta di dispositivi supplementari. UNITA' PERIFERICHE DI ELABORAZIONE Il nucleo base su cui verrà realizzato il sistema sarà composto da un unità di concentrazione multimediale, connessa via cavo in fibra ottica alla centrale di controllo e in grado di concentrare, gestire e controllare i vari canali di comunicazione ad essa associati per mezzo di uno specifico software di gestione locale. Ogni postazione di videosorveglianza, dovrà essere equipaggiata con: 1) concentratore di tipo multimediale in configurazione di trasmissione. Sarà considerato titolo di merito l adozione di apparati che utilizzino lo standard di trasmissione migliore e/o di compressione MPEG2/4 o equivalenti per il trasferimento del flusso video 2) architettura hardware con possibilità di espansione; 3) a corredo: - scheda per l elaborazione dell immagine per la codifica del segnale video; - scheda ad alta velocità per la connessione in fibra ottica; La funzionalità minima richiesta ad ogni concentratore periferico permetterà di gestire in maniera integrata hardware e software i segnali provenienti da: - un canale video analogico; - una porta d accesso alla rete locale; Capitolato d Oneri pag. 14

15 Le informazioni ricevute saranno instradate su una portante di trasmissione ad alta velocità, utilizzando al meglio il protocollo di comunicazione TCP/IP e la trasmissione video in piena sicurezza. MANUTENZIONE DEL SISTEMA In considerazione dell importanza che i sistemi siano costantemente in funzione è necessario che gli stessi siano manutenuti ed eventualmente riparati da società presenti con le loro strutture locali. Pertanto le ditte che partecipano alla gara dovranno presentare un progetto di assistenza il più integrato e dettagliato possibile, prevedendo nell offerta comunque un periodo di garanzia di due anni comprensivo di manutenzione ed assistenza su software ed hardware oltre che di manutenzione preventiva da effettuarsi almeno semestralmente. Nel periodo di garanzia di due anni dovrà essere compreso l erogazione di un servizio di controllo da parte della ditta delle eventuali manomissioni di tutti i box e concentratori. La proposta di assistenza e manutenzione dovrà contenere almeno le seguenti indicazioni: 1) sedi operative; 2) mezzi e strumenti a disposizione; 3) struttura dei laboratori; 4) programma ed operazioni di manutenzione ordinaria; 5) interventi di ripristino e relativi tempi di intervento; 6) gestione delle parti di ricambio; 7) durata del contratto; 8) prezzo. CORSI DI FORMAZIONE E DOCUMENTAZIONE La fornitura comprenderà anche la formazione del personale addetto alla gestione del sistema nel suo complesso, da tenersi presso la sede del Committente, successivamente al collaudo del sistema. Verrà inoltre fornito un set di documentazione tecnica degli apparati forniti ed un set di documentazione operativa (manuali operatore) del sistema fornito in lingua italiana. Capitolato d Oneri pag. 15

16 SCAVI SU ASFALTO Scavi Tipologia ( vedi allegato ) Formazione di cavidotto con Fornitura in opera di Tubo reflex doppia camera dim 90 mm, posato su un letto di sabbia di 10cm e ricoperto da uno strato di sabbia di 10 cm sul quale viene steso un nastro indicatore. Formazione di trincea profonda 90cm e larga 30cm su terra, ripristino con compattamento del materiale di tamponamentoe smaltimento degli esuberi in disacrica come da norme di legge Rottura e ripristino di pavimentazione in asfalto o cemento e smaltimento del materiale in esubero in discarica come da norme di legge PALIFICAZIONI E PLINTI Fornitura Palo plinto Fornitura in opera plinto per palo di illuminazione Compreso di scavopozzetto con chiusino in metallo e palina di rame da 35 mmq per la messa a terra. Palo altezza 5 ( 4,5 metri esterna ) circa con spessore almeno 3mm zincato ( Posizionamento Telecamera oltre 4,0 metri ). Realizzazione di raccordo in tubo flex doppia camera dim. 40 dal palo al pozzetto e collegamento della corda di terra. Alimentazione ed isolamento Fornitura in opera scatola GW INT 2x16A + Trasformatore isol. 50W + Presa bistandard Volante. IMPIANTI ELETTRICI Ribadiamo l importanza di un isolamento generalizzato degli apparati attraverso trasformatori dedicati a 12 e/o 220 v per garantire continuità e stabilità dell impianto. a) Canalizzazioni e cavi. - I tubi di protezione, le canalette portacavi, i condotti sbarre, il piatto di ferro zincato per le reti di terra, saranno valutati al metro lineare misurando l'effettivo sviluppo lineare in opera. Sono comprese le incidenze per gli sfridi e per i pezzi speciali per gli spostamenti, raccordi, supporti, staffe, mensole e morsetti di sostegno ed il relativo fissaggio a parete con tasselli ad espansione. Capitolato d Oneri pag. 16

17 - I cavi multipolari o unipolari di MT e di BT saranno valutati al metro lineare misurando l'effettivo sviluppo lineare in opera, aggiungendo 1 m per ogni quadro al quale essi sono attestati. Nei cavi unipolari o multipolari di MT e di BT sono comprese le incidenze per gli sfridi, i capi corda ed i marca cavi, esclusi i terminali dei cavi di MT. - I terminali dei cavi a MT saranno valutati a numero. Nel prezzo dei cavi di MT sono compresi tutti i materiali occorrenti per l'esecuzione dei terminali stessi. - I cavi unipolari isolati saranno valutati al metro lineare misurando l'effettivo sviluppo in opera, aggiungendo 30 cm per ogni scatola o cassetta di derivazione e 20 cm per ogni scatola da frutto. Sono comprese le incidenze per gli sfridi, morsetti volanti fino alla sezione di 6 mm², morsetti fissi oltre tale sezione. - Le scatole, le cassette di derivazione ed i box, saranno valutati a numero secondo le rispettive caratteristiche, tipologia e dimensione. Nelle scatole di derivazione stagne sono compresi tutti gli accessori quali passacavi pareti chiuse, pareti a cono, guarnizioni di tenuta, in quelle dei box telefonici sono comprese le morsettiere. b) Quadri elettrici. - I quadri elettrici saranno valutati a numero secondo le rispettive caratteristiche e tipologie in funzione di: - superficie frontale della carpenteria e relativo grado di protezione (IP); - numero e caratteristiche degli interruttori, contattori, fusibili, ecc. Nei quadri la carpenteria comprenderà le cerniere, le maniglie, le serrature, i pannelli traforati per contenere le apparecchiature, le etichette, ecc. Gli interruttori automatici magnetotermici o differenziali, i sezionatori ed i contattori da quadro, saranno distinti secondo le rispettive caratteristiche e tipologie quali: a) il numero dei poli; b) la tensione nominale; c) la corrente nominale; d) il potere di interruzione simmetrico; e) il tipo di montaggio (contatti anteriori, contatti posteriori, asportabili o sezionabili su carrello); comprenderanno l'incidenza dei materiali occorrenti per il cablaggio e la connessione alle sbarre del quadro e quanto occorre per dare l'interruttore funzionante. - I frutti elettrici di qualsiasi tipo saranno valutati a numero di frutto montato. Sono escluse le scatole, le placche e gli accessori di fissaggio che saranno valutati a numero. MANODOPERA Gli operai per i lavori dovranno essere idonei al lavoro per il quale sono richiesti e dovranno essere provvisti dei necessari attrezzi. L'Appaltatore è obbligato, senza compenso alcuno, a sostituire tutti quegli operai che non soddisfino alla direzione dei lavori. Capitolato d Oneri pag. 17

18 Circa le prestazioni di mano d'opera saranno osservate le disposizioni e convenzioni stabilite dalle leggi e dai contratti collettivi di lavoro, stipulati e convalidati a norma delle leggi sulla disciplina giuridica dei rapporti collettivi. Nell'esecuzione dei lavori che formano oggetto del presente appalto, l'appaltatore si obbliga ad applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operai dipendenti dalle aziende industriali edili ed affini e negli accordi locali integrativi dello stesso, in vigore per il tempo e nella località in cui si svolgono i lavori anzidetti. L'Appaltatore si obbliga altresì ad applicare il contratto e gli accordi medesimi anche dopo la scadenza e fino alla sostituzione e, se cooperative, anche nei rapporti con i soci. I suddetti obblighi vincolano l'appaltatore anche se non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse e indipendentemente dalla natura industriale della stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica o sindacale. L'Appaltatore è responsabile in rapporto alla Stazione appaltante dell'osservanza delle norme anzidette da parte degli eventuali subappaltatori nei confronti dei rispettivi loro dipendenti, anche nei casi in cui il contratto collettivo non disciplini l'ipotesi del subappalto. Il fatto che il subappalto sia o non sia stato autorizzato, non esime l'impresa dalla responsabilità di cui al comma precedente e ciò senza pregiudizio degli altri diritti della Stazione appaltante. Non sono, in ogni caso, considerati subappalti le commesse date dall'impresa ad altre imprese: a) per la fornitura di materiali; b) per la fornitura anche in opera di manufatti ed impianti speciali che si eseguono a mezzo di Ditte specializzate. MODO DI ESECUZIONE DI OGNI CATEGORIA DI LAVORO Generalità Per norma generale, nell esecuzione dei lavori, l impresa dovrà attenersi alle migliori regole dell arte, nonché alle prescrizioni che qui di seguito vengono date per le principali categorie di lavori. Per tutte quelle categorie di lavoro per le quali non si trovino nel presente Capitolato Speciale prescritte speciali norme, l Impresa dovrà seguire i migliori procedimenti tecnici, attenendosi agli ordini che verranno impartiti dalla D.L. all atto esecutivo. Tutti i materiali, i componenti e gli impianti dovranno essere conformi a leggi, sistemi di unificazione, ordinanze e regolamenti emanati dalle Autorità competenti, e dovranno essere posti in opera w/o dati funzionanti come raccomandato dal produttore. Le specifiche di seguito riportate hanno lo scopo di stabilire un livello di standard di qualità dal punto di vista costruttivo e funzionale. Tale livello deve essere considerato come minimo e pertanto tassativamente rispettato sia in sede di offerta sia in fase di esecuzione dei lavori. Le specifiche hanno validità generale, pertanto esse descrivono le caratteristiche essenziali dei materiali e delle apparecchiature. I dati funzionali sono riportati negli elaborati di progetto. Saranno inoltre compresi nel prezzo a corpo di appalto anche i seguenti oneri: Capitolato d Oneri pag. 18

19 1) fornitura e trasporto a piè d'opera di tutti i materiali occorrenti per l'esecuzione dei lavori, franchi da ogni spesa di imballaggio, trasporto, dogana; 2) montaggio dei materiali da parte di operai specializzati, aiuti e manovali; 3) custodia ed eventuale immagazzinamento dei materiali in locali messi a disposizione dalla S.A. e predisposti e chiusi a cura e spese della Ditta; 4) smontaggio e rimontaggio delle apparecchiature che possano compromettere, a giudizio insindacabile della D.L., la buona esecuzione di altri lavori in corso; 5) provvisorio smontaggio degli apparecchi e di altre parti dell'impianto, eventuale trasporto di essi in magazzini temporanei per proteggerli da deterioramenti di cantiere La Ditta sarà totalmente responsabile per eventuali fori, tracce, nicchie, etc. che dovranno essere eseguite successivamente alla realizzazione delle opere a causa della mancata preventiva indicazione da parte della Ditta stessa; tutto questo a prescindere che la forometria compaia o no nel progetto (architettonico, strutturale ed impiantistico); 8) tutte le opere murarie relative agli impianti, quali: - fori e tracce su pareti verticali ed orizzontali di qualunque natura e specie e successiva chiusura con ripresa dell'intonaco; - eventuali carpenteria e basamenti (in ferro, calcestruzzo, etc.) per la ripartizione adeguata dei carichi e per il sostegno di apparecchiature, canali e tubazioni, etc compreso il relativo fissaggio alle strutture (previa accettazione da parte della D.L. delle modalità di esecuzione); 9) prove e collaudi che la D.L. ordini di far eseguire, anche presso Istituti incaricati, sui materiali impiegati o da impiegare in relazione a quanto prescritto circa l'accettazione dei materiali stessi; 10) messa a disposizione della D.L. degli apparecchi e strumenti di controllo e misura e della necessaria manodopera per le misure e verifiche in corso d'opera ed in fase di collaudo dei lavori eseguiti; 11) mezzi d'opera e manovalanza di cantiere per scarico, immagazzinamento e trasporto nel luogo di installazione di tutti i materiali compreso il tiro in alto (se non esplicitamente escluso in altra parte del capitolato); 12) fornitura dei disegni esecutivi riguardanti i lavori eseguiti e delle norme di manutenzione e conduzione, nonché istruzione di alcune persone indicate dalla S.A. in modo da renderle capaci di provvedere alla conduzione ed all'ordinaria manutenzione degli impianti (l'istruzione dovrà avvenire in un periodo di tempo intercorrente tra il verbale di ultimazione dei lavori ed il collaudo); 13) tutti gli adempimenti e le spese nei confronti di Enti ed associazioni tecniche aventi il compito di esercitare controlli di qualsiasi genere (ISPESL, VV.F., USL, ENEL, Comune, Azienda del Gas, etc 14) utenze provvisorie di energia elettrica, acqua e telefono (allacciamenti, installazione, linee, consumi, smobilizzi, etc.); Il corrispettivo per tutti gli obblighi ed oneri sopra specificati è conglobato nel prezzo a corpo di contratto. Resta comunque inteso che la Ditta dovrà fornire gli impianti completi in ogni loro parte e perfettamente funzionanti senza che la S.A. debba sostenere alcun altro onere se non il prezzo a corpo indicato nel contratto con le eventuali varianti autorizzate per iscritto dalla D.L. se dovute per legge. Capitolato d Oneri pag. 19

20 IMPIANTI ELETTRICI Disposizioni generali. Direzione dei lavori. Il Direttore dei lavori per la pratica realizzazione dell'impianto, oltre al coordinamento di tutte le operazioni necessarie alla realizzazione dello stesso, deve prestare particolare attenzione alla verifica della completezza di tutta la documentazione, ai tempi della sua realizzazione ed a eventuali interferenze con altri lavori. Verificherà inoltre che i materiali impiegati e la loro messa in opera siano conformi a quanto stabilito dal progetto. Al termine dei lavori si farà rilasciare il rapporto di verifica dell'impianto elettrico, come precisato nella Appendice G della Guida CEI 64-50=UNI 9620, che attesterà che lo stesso è stato eseguito a regola d'arte. Raccoglierà inoltre la documentazione più significativa per la successiva gestione e manutenzione. Norme e leggi. Gli impianti elettrici dovranno essere realizzati a regola d'arte, in rispondenza alle leggi 1 marzo 1968 n. 186 e 5 marzo 1990 n. 46. Si considerano a regola d'arte gli impianti elettrici realizzati secondo le norme CEI applicabili, in relazione alla tipologia di edificio, di locale o di impianto specifico oggetto del progetto e precisamente: CEI (1997). Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo. CEI 64-8 (IV edizione). Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata a 1500V in corrente continua. CEI Impianti di terra negli edifici civili - Raccomandazioni per l'esecuzione. CEI 11-8 Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Impianti di terra. CEI 81-1 Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche. Inoltre vanno rispettate le disposizioni del D.M. 16 febbraio 1982 e della legge 818 del 7 dicembre 1984 per quanto applicabili. Qualità dei materiali elettrici. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 791 del 18 ottobre 1977 e dell'art. 7 della legge n. 46 del 5 marzo 1990, dovrà essere utilizzato materiale elettrico costruito a regola d'arte, sul quale sia stato apposto un marchio che ne attesti la conformità (per esempio IMQ), ovvero abbia ottenuto il rilascio di un attestato di conformità da parte di uno degli organismi competenti per ciascuno degli stati membri della Comunità Economica Europea, oppure sia munito di dichiarazione di conformità rilasciata dal costruttore. I materiali non previsti nel campo di applicazione della legge 18 ottobre 1997, n. 791 e per i quali non esistono norme di riferimento dovranno comunque essere conformi alla legge 1 marzo 1968, n Tutti i materiali dovranno essere esenti da difetti qualitativi e di lavorazione. Capitolato d Oneri pag. 20

SETTORE 3 - SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE. Progetto generale e Autorizzazione Paesaggistica n. 2010/5 del 16/05/2010

SETTORE 3 - SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE. Progetto generale e Autorizzazione Paesaggistica n. 2010/5 del 16/05/2010 CITTA' DI SALSOMAGGIORE TERME SETTORE 3 - SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE PARCO REGIONALE STIRONE E PIACENZANO Progetto generale e Autorizzazione Paesaggistica n. 2010/5 del 16/05/2010 PROGETTO:

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i.

0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i. 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Il presente report tecnico costituisce allegato al progetto ESECUTIVO secondo quanto previsto dal DPR 544/99 e s.m.i. 0.1.0 Complesso edilizio 0.1.1 I lavori si svolgeranno unitamente

Dettagli

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA 1 Premessa La presente relazione riguarda l impianto elettrico da realizzarsi nel complesso edilizio

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI 1.0 Premessa dimensionamento Le conduttore elettriche adempiono il loro servizio in modo ottimale solo se sono state dimensionate correttamente ed equipaggiate con adeguati

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia Palazzo Galatti di Piazza Vittorio Veneto n 4 a Trieste. Lavori di ristrutturazione ed adeguamento del Piano Terra per la realizzazione di nuovi

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA I.N.P.S. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: ELENCO PREZZI PREZZI DESUNTI DAL BOLLETTINO UFFICIALE N. 58 DEL 30 DICEMBRE 2013 - REGIONE UMBRIA, SALVO CHE PER GLI ARTICOLI RIFERITI DAL N. 11 AL N.

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c.

34-23 apparecchi di illuminazione (p.2) apparecchi fissi per uso generale 64-8 impianti elettrici utilizzatori con Vn c.a.<1000v e Vn c.c. 1. Specifiche Tecniche per la realizzazione degli impianti elettrici 1.1. Rispondenza a norme, leggi e regolamenti Gli impianti elettrici devono essere realizzati a regola d'arte, secondo quanto prescritto

Dettagli

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS)

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO - A SERVIZIO della SEDE della SCUOLA ELEMENTARE CENTRO di Via CAVOUR - Progetto Cofinanziato dalla Linea di Intervento 2.1.1.1

Dettagli

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE 15 giugno 2015 Pagina 1 di 8 1) OGGETTO DEL PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione Estratto delle normative per gli impianti elettrici in bassa tensione per impianti utilizzatori a carattere stabile in abitazioni, uffici, negozi, magazzini, laboratori, officine, scuole ed annessi. L'impianto

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. Linee guida

ALLEGATO TECNICO. Linee guida ALLEGATO TECNICO Procedura aperta per l appalto del servizio di progettazione, fornitura, posa in opera ed implementazione di un impianto di videosorveglianza urbana ed informazione al cittadino nel Comune

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO IMPIANTO ELETTRICO Premessa Nel seguito sono descritti gli impianti elettrici e di terra da realizzare per ciascun punto nel quale sono installate gli apparati dell'sistema

Dettagli

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI DUE CARRARE, CARTURA E PERNUMIA Sistema di Videosorveglianza Progetto Esecutivo Relazione Tecnica Illustrativa INDICE

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI DUE CARRARE, CARTURA E PERNUMIA Sistema di Videosorveglianza Progetto Esecutivo Relazione Tecnica Illustrativa INDICE INDICE 1 OGGETTO DELLE OPERE E LIMITI DI FORNITURA 2 2 ELABORATI GRAFICI DI PROGETTO 2 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 4 DESCRIZIONE DEI SITI DI RIPRESA 5 4.1 PREMESSA... 5 4.2 SITI DI RIPRESA... 5 4.3 LAYOUT

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0009 - IMPIANTI

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di PALERMO Provincia Palermo Oggetto : Stazione appaltante : REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL PAZIENTE ED INTEGRAZIONE DELL'IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ED ILLUMINAZIONE D'EMERGENZA

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI

SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI (PROVINCIA DI TORINO) SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI RIQUALIFICAZIONE AREA MERCATALE PIAZZA TORELLO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Collegno, lì 14.10. IL PROGETTISTA COLLABORATORI

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO

PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO PARCO NATURALE ADAMELLO-BRENTA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO ESECUTIVO CENTRO DIDATTICO - FAUNISTICO del Parco Naturale Adamello Brenta acqua terra aria in C.C. Spiazzo I Lotto Modulo Acqua Committente:

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 19,04 Kwp Sede Andria via Guido Rossa 21 Art. Descrizione U.M. Q,tà Prezzo unitario Totale A.1.01 B.1.01 B.1.02 B.1.03 SISTEMI DI MONTAGGIO

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi).

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi). R E L A Z I O N E I M P I A N T I S T I C A Resa ai sensi della ex L. 46/90, così come modificata dalla L. 37/09 e succ. mod e integr. Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo

Dettagli

Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Palazzo di Giustizia Bruno Caccia di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE Città di Torino Settore Grandi Opere Edilizie Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino Opere di completamento per la sicurezza passiva Progetto definitivo LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI AN.P1 N.P1.11 A.NP.2 ANP2.2 ANP.3 N.P3.4 ANP.4 ANP.5 Fornitura ed installazione di sistema di sicurezza

Dettagli

ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELLE SCALE CENTRALI DEL GRATTACIELO DELLA DIREZIONE GENERALE ROMA

ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELLE SCALE CENTRALI DEL GRATTACIELO DELLA DIREZIONE GENERALE ROMA Procedura aperta sotto soglia comunitaria per l affidamento dei lavori di Adeguamento alle norme di prevenzione incendi delle scale centrali del grattacielo della Direzione Generale - Roma Coordinamento

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02 GSM PORDENONE DIREZIONE TECNICA GSM -PORDENONE APPALTO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RILEVAMENTO DEL TRAFFICO MEDIANTE SENSORI E TELECAMERE, E DI INFORMAZIONE ALL'UTENZA

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE Roma - Edizione NOVEMBRE 2000 ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI

Dettagli

COMUNE DI BUONVICINO - Provincia di Cosenza -

COMUNE DI BUONVICINO - Provincia di Cosenza - COMUNE DI BUONVICINO - Provincia di Cosenza - Legge n 8 del 26.02.2010 articolo 5 comma 5 Importo di finanziamento 30.000,00 PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Dettagli

LAVORAZIONI DA ESEGUIRE

LAVORAZIONI DA ESEGUIRE Tipologia 1 (Altezza massima montaggio lampada: 3 metri) (Numero lampade da montare:75) rimozione apparec. Illuminanti cad 75 P.O. di corpo illuminante civile/ind. 2x36 W cad 75 Tipologia 1 Tipologia 2

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

EUROIMMOBILIARE S.r.l.

EUROIMMOBILIARE S.r.l. Committente: EUROIMMOBILIARE S.r.l. Oggetto: PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA LOTTIZZAZIONE MURELLE VECCHIA VIA COGNARO 35010 VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO (PD) RELAZIONE TECNICA IMPIANTO

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 I N D I C E 1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 1.1. CRITERIO DIMENSIONAMENTO CAVI... 2 1.2. CALCOLO DELLA SEZIONE DEI CONDUTTORI IN FUNZIONE DELLA CORRENTE CIRCOLANTE... 2 1.3. COEFFICIENTI

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

rzservice@libero.it SCHEMA DI CONTRATTO

rzservice@libero.it SCHEMA DI CONTRATTO Per. Ind. Enrico Zamboni Via J. Da Ponte n.14/c - 31010 Casella d Asolo (TV) Tel. 0423/951361 - Cellulare 349 58 17 353 rzservice@libero.it SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: INSTALLAZIONE POMPA DI CALORE PER

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE ALLEGATO I (DI CUI ALL ART. 7) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Il sottoscritto Giovanni Rossi, titolare o legale rappresentante dell impresa Giovanni Rossi Impianti Elettrici,

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A)

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA Direzione generale Servizio tecnico e della prevenzione ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) Pubblico Incanto Det.

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO Riattivazione sistema di automazione 1 10 NUOVO ANEMOMETRO Fornitura e posa in opera di postazione per la misurazione della velocità e della direzione del vento per gallerie formata da rilevatore ad ultrasuoni

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marsciano Provincia di Perugia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Massini & Gori S.r.l. INDICE

Massini & Gori S.r.l. INDICE INDICE 1 Premessa... 3 2 Normativa di riferimento... 4 3 Dati e principi generali di progetto... 5 3.1 Dati di progetto... 5 3.2 Caduta di tensione... 5 3.3 Riempimento canalizzazioni... 5 3.4 Coefficiente

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli