Città di Casarano Provincia di Lecce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Casarano Provincia di Lecce"

Transcript

1 Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG: C CUP: n E74C n. Tav. Oggetto elaborato a) Relazione Generale e Specialistica ELENCO ELABORATI a) Relazione generale e specialistica b) Elaborati grafici c) Piano di manutenzione dell opera e delle sue parti d) Piano di sicurezza e coordinamento e) Quadro incidenza manodopera f) Computo metrico estimativo g) Quadro economico h) Cronoprogramma i) Elenco prezzi unitari j) Schema di contratto k) Capitolato speciale d appalto Il R.U.P dr ing. Emanuele SURANO 1 47

2 Sommario 1 CARATTERISTICHE GENERALI Obiettivi dell intervento Analisi del territorio interessato... 2 ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA... Piattaforma Software... Postazioni di Controllo... Telecamere e Punti di Connessione di Rete... Telecamere brandeggianti PTZ (Pan Tilt Zoom)... Telecamere fisse... Sistema di Registrazione e Visualizzazione... 3 ARCHITETTURA RETE TRASMISSIONE DATI... Sviluppo e diramazione della Rete Wireless... Analisi degli Interventi WIRELESS... Dettaglio dei Livelli... Centro di Gestione e Controllo (Server e NVR)... Sicurezza dei sistemi wireless... Server presso Centro di Gestione... Analisi degli apparati e dei dispositivi hardware complementari... Alimentazione Telecamera e Cpe Hiperlan... 4 Collaudo del Sistema Completo... 5 Formazione Iniziale ed Affiancamento... 6 SERVIZI DI GESTIONE DEL SISTEMA

3 PREMESSE Il presente progetto prevede la realizzazione di un sistema di videosorveglianza distribuito nel territorio del Comune di Casarano, composto di un Centro di Gestione, Controllo e monitoraggio e postazioni di videosorveglianza poste nel territoriodi tipologia fissa, mobile e stand alone. In tal senso la sicurezza, l'efficienza operativa e il successo di spazi sensibili, stadi, parchi tematici, musei e altri luoghi di interesse pubblico possono aumentare con l'impiego di soluzioni di Network Video Monitoring. Le telecamere consentono di migliorare la sicurezza dei luoghi pubblici in generale, nei quali è necessario monitorare una quantità elevata di persone in maniera discreta ma efficace. Le disposizioni legislative in materia di sicurezza hanno attribuito ai sindaci il compito di sovrintendere alla vigilanza e all'adozione di atti che sono loro assegnati dalla legge e dai regolamenti in materia di ordine e sicurezza pubblica, e allo svolgimento delle funzioni affidate a essi dalla legge in materia di sicurezza e di polizia giudiziaria. Al fine di prevenire e contrastarli determinati pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana, il sindaco adotta provvedimenti, anche contingibili e urgenti, nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento. Infine, il sindaco, quale ufficiale del Governo, concorre ad assicurare la cooperazione della polizia locale con le forze di polizia statali, nell'ambito delle direttive di coordinamento impartite dal Ministero dell'interno. Sussistono quindi specifiche funzioni attribuite, sia al sindaco, quale ufficiale del Governo, sia ai comuni, rispetto alle quali i medesimi soggetti possono utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico al fine di tutelare la sicurezza urbana. Il problema della videosorveglianza delle aree deve essere affrontato cercando di perseguire comunque specifici intenti: 0 Controllare ove possibile l aggregazione di masse ed individuare eventualmente volti e dettagli che possano ricondurre a infrazioni; 1 Controllare in real time tutto ciò che accade avendo una panoramica istantanea e immediata delle aree sotto analisi; 2 Avere la possibilità di disporre di giornate intere di video ad alta definizione per poter ricostruire gli eventi; 3 47

4 3 Costruire un sistema in grado di essere ampliato con facilità e di inglobare altri sistemi definiti secondo standard; 4 Costruire un sistema in grado di gestire automaticamente allarmi ed eventualmente collegarsi a dispositivi mobili; 5 Costruire un sistema che permetta l interazione intelligente e automatica dei dispositivi con gli eventi, in modo tale da fornire allarmi automatici e non dipendenti da un operatore che guarda un monitor. NORME E PROVVEDIMENTI DI RIFERIMENTO 0 Videosorveglianza Il decalogo delle regole per non violare la privacy 29 novembre 2000; 1 Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196; 2 Videosorveglianza Provvedimento generale sulla videosorveglianza 29 aprile 2004, 3 Provvedimento in materia di videosorveglianza 8 aprile 2010; 4 Segnalazione al Parlamento e al Governo sulla videosorveglianza nei condomini 13 maggio 2008; 5 Inquinamento elettromagnetico L.N. 36 del 22/02/2001: Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. ; 1 CARATTERISTICHE GENERALI La realtà del Comune di CASARANO è distribuita in un centro storico più o meno esteso, riferito alla zona adiacente alla sede comunale, con un suo sviluppo territoriale fatto di vie strette e luoghi d interesse rilevante. Per quanto riguarda la realtà industriale il comune dispone di una zona Industriale molto estesa circa 700 ettari dislocati a circa 3 Km dal centro storico. 1.2 Obiettivi dell intervento Il sistema di seguito descritto riguardala creazione della videosorveglianza del territorio compresa la rete di trasmissione datidefinita nel corso della presente relazione, gli 4 47

5 strumenti di gestione, connettività, manutenzione dell hardware, manutenzione evolutiva e correttiva del software ed assistenza. Il sistema di videosorveglianza (di seguito denominato anche VS) richiesto, deve prevedere i seguenti componenti essenziali: N. 53 VideoCamere (di seguito denominate anche TC) distribuiti nel territorio del comune in punti identificati e scelti quali punti di interesse e/o sensibili, da montare su Supporto fisso o brandeggianti, a muro o a palo in base alle esigenze: TC. N. Ubicazione Denominazione Tipo Lat. Log. Postazione Connessione 01 Via dasdasa Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 02 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 03 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 04 Wireless to Cs_Tribunale 05 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 06 Wireless to CsTribunale 07 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 08 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 09 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune TC. Fissa IP TC. PTZ IP 5 47

6 10 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 11 Cablata Fino Cs Tribunale 12 Cablata Fino Cs Tribunale 13 Cablata Fino Cs Tribunale 14 Wireless to Cs_Tribunale 15 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 16 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 17 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 18 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 19 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 20 Cablata Fino Cpe TC_22 Diaz_Wireless_Cs _Comune 21 Cablata Fino Cpe TC_22 Diaz_Wireless_Cs _Comune 22 Cablata Fino Cpe Diaz Wireless_Cs_Com une 23 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 24 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 25 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 6 47

7 26 Wireless to Cs_Comune 27 Cablata Lan Fino Cpe TC_26 28 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 29 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 30 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 31 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 32 Wireless to Cs_Ospededale 33 Wireless to Cs_Ospededale 34 Wireless to Cs_Ospededale 35 Wireless to Cs_Ospededale 36 Wireless to Cs_Ospededale 37 Wireless to Cs_Ospedale 38 Wireless to Cs_Ospedale 39 Wireless to Cs_Comune 40 Wireless to Cs_Comune 41 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 42 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 43 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 7 47

8 44 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 45 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 46 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 47 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 48 Wireless to Cs_Ospedale 49 Wireless to Cs_Ospedale Wireless to Cs_Comune 52 Wireless to 53 Cs_Comune La rete di trasmissione dati per la connessione delle videocamere; La realizzazione del centro di gestione e di controllo; Il sistema dovrà rispondere ai seguenti macro requisiti: 0 Possibilità di monitoraggio real time (ed in differita), con crescente livello di fluidità delle immagini, da 1 (uno) fps fino a 25 (venticinque) fps; 1 Affidabilità, robustezza e ridondanza; 2 Espandibilità, flessibilità, scalabilità e modularità; 3 Integrabilità ed interoperabilità con sistemi che eventualmente si acquisiranno in futuro, operabilità e facilità nei comandi; 4 Manutenibilità. Gli elementi essenziali del sistema si possono così identificare: 8 47

9 0 Videocamere IP fisse per il monitoraggio connesse con sistema di trasmissione dati a rete cablata o wireless; 1 Videocamere IP brandeggiabili per il monitoraggio connesse con sistema di trasmissione dati a rete cablata o wireless; 2 Punti di trasmissione dati Client Station (rete HiperLan); 3 Punti di raccolta dati Base Station (rete HiperLan); 4 Ponti radio di comunicazione Backbone HiperLan; 5 Centro di controllo e gestione per il monitoraggio, l elaborazione e la conservazione dei flussi video; Tutto quanto sarà realizzato al fine di soddisfare le seguenti esigenze generali di sistema: Riprese sia diurne che notturne e/o in condizioni di scarsa luminosità; Espandibilità che consenta l ampliamento del sistema in fasi successive ed il potenziale incremento nel numero delle telecamere; Sistema su standard consolidati di mercato per quanto riguarda sia la scelta degli apparati sia quella degli applicativi; Dispositivi marchiati CE ed compliant allo stato dell arte in termini di qualità e performance; Garantire da subito un apertura del sistema verso l integrazione di prodottidi terze parti (es. sistemi anti intrusione, lettori biometrici, sistemi antincendio, etc.); Sistema di diagnostica che consenta una rapida identificazione delle anomalie e fornisca efficaci strumenti per l intervento e il ripristino della normale operatività; Distribuire i flussi video/dati a soggetti terzi come Carabinieri, Questura ed altre autorità giudiziarie; Indipendenza del sistema dal tipo di telecamera adottata in modo da consentire la più ampia scelta di mercato per espansioni future; Rispetto delle normative legate alla Privacy grazie all elevato grado di security degli apparati di rete ed al codifica dei flussi video. Questo consente di preservare dati sensibili, nel pieno rispetto delle raccomandazioni del Garante per la Privacy; Estrema facilità di utilizzo da parte dell operatore, il quale potrà interagire con il sistema tramite strumenti base a lui noti; 9 47

10 Servizio di allarmistica attiva su una qualsiasi delle telecamere contro atti vandalici e/o tentativi di sabotaggio su di essa, oltre ad algoritmi software installabili sulle videocamere per il controllo attivo della scena 1.3 Analisi del territorio interessato Il centro abitato interessato al progetto si estende come da scheda qui riportata, su di una superficie di circa 4 Km quadrati ed un dislivello medio di circa 70 metri tra la zona più elevata in altitudine nord del territorio (via Spagna circa 140 m SLM) rispetto all area situata a sud (via Taurisano 70 m SLM) 10 47

11 11 47

12 Per quanto riguarda la zona Industriale di Casarano si estende a Nord del centro abitato a circa 3 Km, con un estensione pari a circa un Km quadro lungo. I sopralluoghi effettuati sul territorio, volti alla definizione dei punti di videosorveglianza, hanno evidenziato una situazione con distanze medio elevate tra i luoghi di osservazione, in condizione di visibilità ottica anche difficili. Obiettivo del sistema è anche quello di concentrare tutte le informazioni, in modo da svolgere osservazioni e controllo su tutta la rete di videosorveglianza. Diventa in questo modo sostanziale la scelta della connettività che si vuole realizzare dai punti di videosorveglianza, al fine di non compromettere il funzionamento complessivo del sistema nell esecuzione dei compiti di controllo del territorio. La scelta tecnica che si ritiene possa essere in linea con le condizioni del territorio e con la tipologia e specifiche di progetto che si devono attuare, è quella di utilizzare per 12 47

13 l intero sistema, ad esclusione dei centri di gestione (server e workstation) e di alcuni tratti medio brevi nel centro storico, la connessione di tipo Wireless HiperLan di seguito anche WI_HI, che permette, attraverso l utilizzo di apparati radiolan specifici e di protocolli di comunicazione e sicurezza, la trasmissione delle videoriprese affidabili, sicuri e con caratteristiche qualitativamente accettabili. Tale scelta permette di conseguenza di non avere limitazioni sulla posizione dei punti TC del sistema di videosorveglianza, a meno degli aspetti inerenti all alimentazione elettrica de quali si tratterà nei successivi paragrafi specifici. Foto panoramica della Citta di Casarano (Vista da sud_ovest) Le aree da coprire, mostrate nelle immagini precedenti, fanno riferimento ad un territorio non perfettamente pianeggiante, non presenta strutture di trasmissione dati di proprietà, di conseguenza, si farà riferimento alla creazione di una rete di trasmissione dati WI_Hi, facendo in modo che i punti di videosorveglianza, siano visibili o comunque in grado di trasmettere/ricevere i dati fino al server centrale ubicato nella sede del Comune. Infatti le due macro Aree sono, oltre che su quote diverse vedi la zona Industriale, anche non visibili tra di loro, vedi le zone adiacenti alla Stazione e la scuola primaria IV Novembre. Occorre allora realizzare una rete che preveda dei ponti radio di interconnessione tra le stazioni di accesso al fine di congiungere il tutto in un unico sistema di connettività di rete

14 2 ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Il sistema, di seguito descritto nelle sue componenti, risponde alle seguenti scelte funzionali (minime): 0 Possibilità, da parte del Centro di Gestione e Controllo, di visualizzazione in tempo reale tutti i flussi video contemporanei con frame rate a 1 fps. I flussi video potranno essere facilmente selezionabili dagli operatori delle Workstation di Controllo e modificabili in qualsiasi momento. 1 Memorizzazione centralizzata di flussi video con frame rate variabile da 1 a 25 fps e risoluzione massima fino a 2 megapixel (1920 x 1080). In tal senso di deve dimensionare ogni server NVR (Network Video Recorder) in grado di memorizzare fino a 7 giorni con la massima qualità: frame rate pari ad almeno 9 fps e risoluzione video 1.3 Mp (1280*1024) per le telecamere fisse presso il Centro di Gestione dei flussi video di tutte le postazioni di videosorveglianza (Telecamere di contesto fisse e telecamere di osservazione PTZ come da direttiva circolare ministeriale N. 558/SICPART/421.2/70 allegata al documento) 2 Possibilità di visionare flussi video memorizzati presso il Centro di Gestione. Piattaforma Software La piattaforma software richiesta dovrà essere dotata di un sistema di visualizzazione registrazione digitale e di gestione degli allarmi e delle informazioni, adatto a installazioni multi punto, con una scalabilità che potrebbe giungere a diversi canali video. A tal fine sarà fornito un sistema software, per la registrazione e la gestione di immagini digitali, interamente basato su tecnologia IP, in maniera da rendere possibili collegamenti da remoto e permettere qualunque operazione utilizzando sia in versione applicazione desk che di tipo web browser. Principali caratteristiche del Centro di Gestione sono: 0 Configurazione remota: pieno controllo di tutte le funzioni: La funzione Remote permette all amministratore di configurare remotamente il sistema NVR (network video recorder) da una singola postazione. Durante 14 47

15 l utilizzo della funzione Remote, il sistema locale perde il controllo completo della macchina che viene assunto dal centro di gestione; 1 Visualizzazione delle Immagini: Il sistema deve permettere la visione a matrice, in un unica schermata (monitor), delle immagini video provenienti dalle 53 telecamere contemporaneamente. Inoltre dovrà essere possibile gestire diverse matrici visualizzabili su diversi monitor allo stesso tempo. In funzione delle richieste di sorveglianza, l operatore può scegliere di aprire simultaneamente le visioni a matrici per tenere sotto controllo simultaneamente un maggior numero di telecamere connesse a diversi server NVR. Ciascuna matrice supporta la visualizzazione live, la registrazione e la riproduzione delle immagini; 2 Pannello Centrale I/O: gestione e configurazione remota di dispositivi I/O.: Il software deve fornire anche un utile interfaccia che consente al responsabile di sicurezza di gestire remotamente tutti i dispositivi I/O connessi al sistema. E possibile raggruppare dispositivi di I/O in funzione della tipologia (IR, sistemi di allarme, incendio ). Postazioni di Controllo In ogni postazione di controllo delle N 03 previste, dovranno essere forniti e installati tutti i componenti necessari per le attività di controllo, gestione e configurazione del sistema IVS, inoltre, è richiesta la visione contemporanea, di tutte le telecamere installate, pari a 53 flussi ad almeno 1 fps con risoluzione minima CIF. In particolare dovrà essere fornita, per ognuno di essi, una workstation ed i componenti software client necessari, per come indicato nel disciplinare e computo. Workstation di controllo La gestione e il controllo dei flussi dei dati provenienti dalle postazioni di videosorveglianza, sarà effettuata mediante una workstation, per il controllo dell intero sistema attraverso il collegamento alla rete, da installarsi presso l Ufficio di Polizia Municipale, ubicato al piano terra del palazzo comunale

16 Di seguito, ne riportiamo le caratteristiche tecniche minime del sistema da fornire: 0 PC Desktop: Processore Intel Core i5 3350P - RAM 4GB DDR3 - Hard Disk 1TB - LAN Gigabit Ethernet 10/100/1000 Scheda Video ATI Radeon HD GB dedicati Drive Ottico: DVD SuperMulti, Card Reader: 6 in 1, USB: 2 porte 3.0 / 2 porte 2.0, Tastiera e Mouse USB inclusi - Sistema operativo Windows 7 64 bit 1 N.01 Monitor LCD 24 ; 2 N.01 Monitor LCD 40 ; 3 N.01 Licenze Software di Regia; 4 N.01 Gruppo di Continuità. La postazione sarà completata con l arredo composto da scrivania, poltroncina e cassettiera. Telecamere e Punti di Connessione di Rete Il sistema di videosorveglianza sarà basato su IP e WIFI, in grado di ridurre il bisogno di cavi, con tutte le relative difficoltà di installazione, in tal modo le telecamere possono essere collegate a una rete in qualsiasi punto si desideri. Tale scelta significa anche migliorare la comodità dell'accesso alle immagini e consentire agli utilizzatori di visualizzare le immagini in diretta e/o registrate su qualsiasi computer in rete previa autorizzazione. I sistemi attivati con IP si caratterizzano per la loro flessibilità integrata, che consente di espandere gradatamente un sistema di sicurezza, e per la possibilità di eliminare le barriere invisibili alle telecamere che spesso si incontrano in grandi aree quali centri commerciali ed edifici a più piani. La tipologia di connessione sarà invece descritta nel punto 3. Nella figura seguente viene rappresentata la postazione di videosorveglianza nelle configurazioni: 16 47

17 Telecamera brandeggiabile e telecamera fissa Telecamere brandeggianti PTZ (Pan Tilt Zoom) Le stazioni di ripresa di tipo brandeggiabile che si dovranno impiegare saranno in numero pari a 17 (diciassette) e dovranno presentare caratteristiche per come definite nel disciplinare descrittivo e prestazionale. Questa tipologia di telecamere potranno permettere un orientamento a 360 in tempo reale del punto di ripresa, al fine di garantire un maggiore ed affinato telecontrollo. Telecamere fisse Le stazioni di ripresa di tipo fisso che si dovranno impiegare saranno in numero pari a 36 (trentasei) e dovranno presentare caratteristiche per come definite nel disciplinare descrittivo e prestazionale. Sistema di Registrazione e Visualizzazione Il sistema previsto dovrà permettere la visualizzazione e la registrazione delle telecamere installate, con un frame rate parametrizzabile almeno da 1 (uno) a 25 (venticinque) fps e risoluzione 1920*1080, permettendo al tempo stesso lo stoccaggio dei filmati per un periodo minimo pari a 7 gg. (alla massima qualità: frame rate 25 (venticinque) fps massima risoluzione)

18 I segnali video provenienti dalle telecamere IP verranno convertiti ed inviati tramite collegamento di rete su protocollo ethernet al centro di gestione e controllo (CGC). di seguito, vengono evidenziate alcune delle principali caratteristiche richieste per tali dispositivi e si rimanda al disciplinare descrittivo e prestazionale per il resto delle informazioni. 0 Registrazione in base al flusso della periferica IP; 1 Registrazione 24/24 ore, da movimento, allarme I/O e programmazione oraria; 2 Qualità e velocità di registrazione definibile per ogni telecamera; 3 Pre-motion e post-motion registrazione; 4 Playback istantaneo ultimi 5, 10, 30 secondi 1 e 5 minuti; 5 Time Merge da clips Differenti; Splitting Files per Backup su dischi multipli; 6 Estrazione immagini da un Video Clip durante il Playback; Supporto registrazione singola/gruppi telecamera per HD; 7 Supporto tecnologia di archiviazione esterna iscsi; 8 Mantenimento archivio definibile da 1 a 999 giorni; 9 Esportazione in formato EE (eseguibile) comprendente codec video utilizzati e non modificabile da programmi AVI editor; 10 Esportazione di file AVI / EE in risoluzione 640x480, 800x600, 1024x768 ecc. e in quod (multitelecamera) 18 47

19 3 ARCHITETTURA RETE TRASMISSIONE DATI Come discusso nei precedenti paragrafi, per la diffusione dei flussi video sarà realizzata una rete di trasmissione dati, organizzata come Intranet, basata su tecnologia wireless Hiperlan, senza l esigenza di un flusso dati basato su sottoscrizioni di linee dati tipo xdsl, garantendo in questo modo i collegamenti tra i nodi della rete a minor costo: 0 Postazioni di Videosorveglianza, 1 Centro di Gestione e Controllo, 2 Assistenza Remota. Tale rete darà la possibilità di distribuire il traffico verso nodi di connessione quali stazioni di accesso. L interoperabilità richiesta è basata sul modello ISO/OSI (Open System Interconnection) nato per definizione di un modello di riferimento a strati e di una serie di standard per protocolli e interfacce atti a realizzare dei sistemi aperti e che caratterizza il criterio cui fa riferimento il sistema di comunicazione su rete telematica più comune, in uso in ambito internazionale. In figura è rappresentata l architettura del modello 19 47

20 In particolare OSI è costituito da 7 livelli: 0 Strato fisico che ha come compito principale effettuare il trasferimento fisico delle cifre binarie tra i due sistemi in comunicazione; 1 Strato di collegamento (data link) la cui funzione fondamentale è quella di rivelare e recuperare gli errori trasmissivi che potrebbero essersi verificati durante il trasferimento fisico; 2 Strato di rete (network) che rende invisibile allo strato superiore il modo in cui sono utilizzate le risorse di rete per la fase di instradamento; 3 Strato di trasporto (transport) che fornisce le risorse per il trasferimento trasparente di informazioni; 4 Strato di sessione (session) che assicura la possibilità di instaurare un colloquio tra due sistemi; 5 Strato di presentazione (presentation) che è interessato alla sintassi e alla semantica delle informazioni da trasferire; 6 Strato di applicazione (application) che ha lo scopo di fornire ai processi residenti nei due sistemi in comunicazione i mezzi per accedere all'ambiente OSI. Secondo tale sistema, la comunicazione tra due dispositivi avviene a strati, inizialmente attraverso lo strato fisico, certamente quello più basso e caratterizzato dai sistemi di trasmissione e di interfacciamento degli apparati. Le specifiche tecniche presenti tra gli standard, conducono a tecnologie diverse per potere connettere inrete punti diversi, che possono identificarsi nei due sistemi di comunicazione: 0 Cablaggio Strutturato ETHERNET IEEE tipo 100Mbps (Fast) 1000Mbps (GigaBit); 1 WIRELESS nello standard IEEE /a/b/g/h/n che contiene le specifiche per le LAN senza fili; Entrambe possono consentire di condividere informazioni e scambiarle, ma bisogna evidenziarne le caratteristiche funzionali e di implementazione. Principalmente la differenza è legata al principio fisico di funzionamento: 0 Il cablaggio strutturato consente lo scambio delle informazioni attraverso un mezzo che trasporta l energia fino a destinazione con ampia banda disponibile, 20 47

21 sicurezza dei dati, ma con grosso investimento iniziale per le opere edili di cablaggio ed alti costi di manutenzione. 1 La rete senza fili utilizza quale mezzo di trasporto la radiotrasmissione in aria, con il pregio di offrire connettività mobile agli elaboratori, disponendo di una rete locale che copra un'area più o meno limitata in cui la connessione dei computer sia così realizzata tramite il mezzo radio, superando quindi le limitazioni di mobilità tipicamente causate dal cablaggio fisso. Nell ambito del cablaggio fisico tipo ETHERNET, il protocollo IEEE e le sue evoluzioni utilizzano oggi i seguenti tipi di mezzi trasmessivi, specificati nella parte di strato fisico dello standard: 0 Twisted Pair (TP) il tradizionale doppino di rame intrecciato, utilizzato anche nella rete telefonica. Ne esistono diverse categorie, con cavi schermati o meno, e viene utilizzato per realizzare i collegamenti punto a punto tra stazioni e hub nella topologia a stella. Lo standard 10BaseT prevede una lunghezza massima di 100 metri e una velocità di 10 Mb/s. Nel caso della Fast Ethernet e della Gigabit Ethernet, invece, si utilizzano il 100BaseT e il 1000BaseT, che funzionano a 100 Mb/s e 1Gb/s rispettivamente. I Cavi utilizzati in questa categoria si differenziano anche per il tipo di applicazione in: 0 UTP (Unshielded Twisted Pair): è la versione non schermata, che mantiene comunque un'alta immunità ai disturbi elettromagnetici grazie alla tecnologia a linea bilanciata che li annulla in cooperazione con adeguate induttanze di filtro montate sulle schede di rete e sugli Hub; 1 STP (Shielded Twisted Pair): è schermato e quindi offre migliori prestazioni, ma è molto più ingombrante e, di fatto, non viene usato quasi più; 2 FTP (Foiled Twisted Pair) o S-UTP anch esso di tipo schermato, ma con un unica schermatura, generalmente in foglio di alluminio, per tutto il cavo In base alla larghezza di banda i cavi vengono distinti in categorie di cui la 5, quella utilizzata nel presente progetto, offre le maggiori prestazioni. Le caratteristiche fondamentali sono Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data, con un più fitto avvolgimento (più giri per centimetro) e con isolamento in teflon. Offre migliore 21 47

22 qualità del segnale sulle lunghe distanze, adatto a collegamenti in alta velocità in ambito LAN. 0 Fibra Ottica (FO) un mezzo a banda molto larga e bassa attenuazione, che permette quindi velocità elevate e lunghe distanze di collegamento. Nelle reti locali di tipo Fast Ethernet e Gigabit Ethernet, si utilizzano gli standard 100BaseF e 1000BaseF rispettivamente, che prevedono una lunghezza massima di 2000 metri, rendendo adatte le fibre al collegamento di edifici, ancor meglio se nel SMF (Single Mode Fiber): fibra ottica monomodale. In esso il segnale luminoso si propaga in un solo cammino (ovvero un solo modo). Poiché tutti i raggi luminosi seguono lo stesso cammino, ovvero attraversano la stessa distanza, non si ha dispersione come nelle fibre multimodali. Le fibre monomodali possono supportare alti bit rate e coprire lunghe distanze, proprio in virtù di questa caratteristica che ne determina una bassa attenuazione. Questa tipologia di connessione saràutilizzata nei tratti in cui si possono presentare problemi di interferenze. La maggiore affidabilità e sicurezza di una rete fisicamente interconnessa con un cablaggio fisico in rame o fibra ottica, fanno propendere le scelte progettuali verso questo sistema, riservando il WIRELESS ad applicazioni in cui si verifichino le seguenti esigenze: 0 Distribuzione libera di un segnale senza vincoli sugli utenti; 1 Impossibilità nel raggiungere luoghi specifici con cablaggio tradizionale 22 47

23 Sviluppo e diramazione della Rete Wireless Il sistema da realizzare richiede una dislocazione su diversi punti, la cui raggiungibilità è possibile solo attraverso l uso di sistemi in modalità wireless, mantenendo e garantendo il massimo dell affidabilità e della sicurezza, attraverso adeguata tecnologia e criteri di trasmissione protetti. L interconnessione degli elementi costituenti la rete di videosorveglianza sarà realizzata maggiormente in WI_Hi, individuando specifici punti di collegamento. L uso di un sistema wireless prevede la presenza di una stazione base per l accesso alla rete con adeguato profilo di protezione, connessa mediante specifici ponti radio e cablaggio con il resto della rete a valle, e unità client che accedendo in modo sicuro possano scambiare dati. Il posizionamento delle stazioni base per l accesso, deve essere compatibile con le unità client in modo che sia assicurata la qualità del segnale al fine di garantire tempi di risposta sufficienti per lo scambio di informazioni in formato video, e non presentare immagini con frame lenti e di scarsa utilità. La rete di trasmissione dati su protocollo TCP/IP rappresenta il substrato di base su cui si potrà costruire l intera infrastruttura del sistema di Videosorveglianza, senza esigenza di un cablaggio fisico, impossibile da realizzare a causa della dislocazione territoriale. La copertura wireless rappresenta in tal senso il primo punto di studio, una fase importante per garantire un buon, ma allo stesso tempo sicuro, funzionamento dell intero sistema, ma anche la possibilità di realizzare una connessione che eviti l uso di reti dati ad abbonamento che possano incidere sui costi futuri del servizio. Analisi degli Interventi WIRELESS Dalle indicazioni precedenti possiamo rilevare gli interventi specifici per sede di TC. Come si evince dalla mappa planimetrica allegata, i punti da collegare presentano 23 47

24 situazione geografica diversa e per essi bisogna effettuare interventi di tipo diverso. La rete WI_Hi che si andrà a realizzare sarà costituita, quindi, da nodi master (Base Station di seguito BS) per l accesso dei nodi client (Unit Subscriber di seguito CPE) cui sono connesse le TVC, per ogni postazione di videocontrollo. La copertura wireless del territorio interessato dalla videosorveglianza, richiede l individuazione dei punti che siano visibili dai nodi CPE. A riguardo, dai sopralluoghi effettuati si possono desumere alcune considerazioni. In particolare si riscontra che la Torre Faro, localizzata negli stabilimenti Nuova Filanto della zona industriale di Casarano, risulta visibile completamente da tutta l area industriale, inoltre, risulta visibile dal tetto I Lotto Ospedale Ferrari quindi rilanciare le video immagini al server centrale NVR ubicato presso la sede Comunale. Per quanto riguarda l interconnessione wireless delle telecamere sparse sul territorio comunale vista la morfologia del territorio, sono stati individuati, i seguenti edifici di proprietà comunale o forniti i in comodato d uso: 0 Edificio Sede Comunale (P.zza San Domenico 1) 1 Edificio Scolastico Primaria via Amalfi 2 Edificio Scolastico primaria IV Novembre 3 Edificio sede Tribunale di Casarano (Viale Stazione, 22 C.A.P ) 4 Struttura I lotto Ospedale di Casarano Ferrari 5 Giardini William 6 Torre_Faro_Filanto Zona Industriale Casarano 24 47

25

26 I profili di collegamento Point to Point sono simulati secondo la mappa:. Schema Logico di Rete Wireless Hiperlan Lo schema della figura mostra la triangolazione di rete che s intende realizzare per connettere tutte le videocamere, distribuite sul territorio, e interconnettere le BS al fine di raggiungere le zone interessate. Le aree cosi rappresentate sono state dimensionate per bilanciare i flussi dei dati video che vengono prodotti dalle videocamere, al fine di evitare un basso livello di bit rate, oltre ad un eccessivo traffico sulle singole BS. In tal senso le aree evidenziate rappresentato i centri stella periferici che dovranno poi essere collegati al centro stella primario CS Sede Comunale mediante collegamento 26 47

27 Point to Point. Considerato l utilizzo di banda di una delle telecamera nelle condizioni peggiore come da circolare ministeriale, in particolare, considerato che una telecamera MegaPixel necessita di una bit rate indicativo come da tabella sotto allegata, Bisogna dimensionare le unità BS e il relativo Throughput sul relativo link point to point fino al centro stella primario tale da soddisfare il vincolo bandwidth come sopra espresso su ogni singola unità di videoripresa (questo vale per le sole telecamere di contesto come da direttiva ministeriale allegata). Visto il bit rate su ogni postazione di videoripresa, le aree, oggetto di intervento, potrebbero essere ripartite nel seguente modo: 0 CS Filanto - Zona Industriale il centro stella secondario deve agganciare N 08 Telecamera IP; 1 CS Ospedale - Zona Ospedale il centro secondario deve agganciare N 09 Telecamere IP; 2 Cs Scuola via Amalfi Zona Stadio il centro stella secondario deve agganciare N 05 Flussi video IP; 3 Cs Tribunale Viale stazione il centro stella secondario deve gestire N 04 Flussi Video IP; 4 Cs Scuola IV Novembre Il centro stella deve gestire N 05 Flussi Video IP; 5 Cs Sede Comunale il centro stella secondari dovrà gestire circa n 13 flussi video IP; 6 Cs Giardini William il centro stella secondari dovrà gestire circa n 9 flussi video IP

28 Tutti i centri stella secondari saranno connessi con specifici ponti radio Point to Point opportunamente dimensionati per collegare il tutto con il centro di gestione e controllo server centrale nella sede comunale. Secondo questa impostazione vengono identificati i seguenti livelli di connettività di rete: Livello Unit. Livello Videosorveglianza Unit CPE Livello AP Livello Base Station (Centro Stella) Livello PtP Base Station Link Point To Point Dettaglio dei Livelli La soluzione proposta per l infrastruttura di rete è quella di realizzare una rete di tipo RadioLAN basata sullo standard ETSI (European Telecommunication Standard Institute) HiperLAN/2, tecnologia operante in banda 5 GHz, e basata sulla tecnologia OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing). La scelta di questa tecnologia si basa sulle seguenti motivazioni: 0 Elevata sensibilità. Una canalizzazione a 20Mhz è l unica soluzione in grado di garantire una sensibilità di 89dBm, supporto canali da 10, 20 e 40 MHz; 1 Supporto d 8 differenti livelli di modulazione e selezione automatica del migliore livello in funzione dell SNR rilevato; 2 Possibilità di condizionamento dell algoritmodi selezione automatica adattativa del livello di modulazione; 3 Potenti strumenti di diagnostica e site survey; 4 Supporto di svariate funzionalità per la gestione della QoS e la risoluzione delle problematiche relative al trasporto di flussi multimediali su link wireless. Saranno inoltre realizzati ponti radio di comunicazione tra i vari Centri Stella secondari per la copertura complessiva dei punti di videosorveglianza. Sul Centro Stella Secondario della rete di trasporto, la banda minima dovrà essere dimensionata per supportare l intero flusso aggregato delle telecamere. La Base Station del centro stella sarà quindi interfacciata direttamente, attraverso connessione wired cablata all interno dell edificio del Centro di Gestione e Controllo, con gli apparati di rete dedicati al sistema di videosorveglianza presenti

29 Livello Unit Il livello rappresenta il livello di videosorveglianza per i luoghi individuati dall Amministrazione Comunale. Esso si compone dei seguenti elementi: 0 Videocamera fissa per il controllo ad angolo definito, descritta in precedenza o Videocamera brandeggiabile per il controllo ad angolo variabile da remoto, descritta in precedenza 1 Client WI_Hi Apparato di comunicazione 5.4 GHz (5,470 5,725) con antenna integrata diretta verso il Centro Stella di riferimento. 2 Sistema di Alimentazione da illuminazione pubblica possibilmente da armadio di campo dove possibile oppure con accumulatore Ogni punto di visone verrà dotato di un apparato radio client CPE con antenna radiofrequenza integrata e le cui caratteristiche principali sono 0 HiperLan Standard Radio Module; 1 IEEE802.11a/h standard compliant; 2 Modulo radio fino a 23 dbm (200mW); 3 Antenna integrata a 5GHz (14dBi, H33 x E37 ) o Antenna integrata a 5GHz (18dBi, H34.8 x E30.2 ); 4 Dynamic Frequency Selection (DFS) e Transmission Power Control (TPC); 5 Data Rate fino a 54Mbps Modalità operativa Master o Slave selezionabile via software; 6 Software integrato di Site Survey e Antenna Alignement; 7 Throughput Test, Software Watchdog, Radio Tuning, Diagnostic Tool, Syslog Viewer; 8 Sicurezza WPA / WPA2 / IEEE802.11i; 9 Management: SNMP v1, v2c, v3 Read Only Agent; 10 Web Server/HTTPS Management, Upload e Download del File di Configurazione; 11 Alimentazione mediante PoE (Power over Ethernet) 29 47

30 Livello AP Il livello AP rappresenta il livello di accesso dei Client Wireless per la trasmissione dei dati video e controllo al Centro Stella di riferimento. Esso si compone dei seguenti elementi: 0 Stazione Base punto multipunto (5,470-5,725 Ghz); 1 Apparato di comunicazione; 2 Antenna ad elevato guadagno (integrata o esterna al modulo radio) orientata sulla zona da irradiare dove sono installate le postazione di videoripresa (gli Ap dovranno essere completi di accessori come Antenne esterne e relativi connettori per la totale copertura radio come da simulazione); 3 Sistema di Alimentazione (con armadio di campo idoneo per applicazione outdoor)

31

32 1 Link Point To Point HiperLan Cs Torre Faro Filanto - Cs Ospedale Ferrari Apparati di comunicazione Hiperlan 5.4 GHz (5,470-5,725), antenna integrata 26dB doppia polarizzazione, Potenza T 30 dbm EIRP Alimentazione POE 48 volt Contenitore Tenuta stagna IP68 Throughput TCP full-duplex 95 Mpbs 32 47

33 2 Link Point To Point HiperLan Cs Ospedale Ferrari Cs Scuola Via Amalfi Apparati di comunicazione Hiperlan 5.4 GHz (5,470-5,725), antenna integrata 26dB doppia polarizzazione, Potenza T 30 dbm EIRP Alimentazione POE 48 volt Contenitore Tenuta stagna IP68 Throughput TCP full-duplex 95 Mpbs 33 47

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli