Città di Casarano Provincia di Lecce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Casarano Provincia di Lecce"

Transcript

1 Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG: C CUP: n E74C n. Tav. Oggetto elaborato a) Relazione Generale e Specialistica ELENCO ELABORATI a) Relazione generale e specialistica b) Elaborati grafici c) Piano di manutenzione dell opera e delle sue parti d) Piano di sicurezza e coordinamento e) Quadro incidenza manodopera f) Computo metrico estimativo g) Quadro economico h) Cronoprogramma i) Elenco prezzi unitari j) Schema di contratto k) Capitolato speciale d appalto Il R.U.P dr ing. Emanuele SURANO 1 47

2 Sommario 1 CARATTERISTICHE GENERALI Obiettivi dell intervento Analisi del territorio interessato... 2 ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA... Piattaforma Software... Postazioni di Controllo... Telecamere e Punti di Connessione di Rete... Telecamere brandeggianti PTZ (Pan Tilt Zoom)... Telecamere fisse... Sistema di Registrazione e Visualizzazione... 3 ARCHITETTURA RETE TRASMISSIONE DATI... Sviluppo e diramazione della Rete Wireless... Analisi degli Interventi WIRELESS... Dettaglio dei Livelli... Centro di Gestione e Controllo (Server e NVR)... Sicurezza dei sistemi wireless... Server presso Centro di Gestione... Analisi degli apparati e dei dispositivi hardware complementari... Alimentazione Telecamera e Cpe Hiperlan... 4 Collaudo del Sistema Completo... 5 Formazione Iniziale ed Affiancamento... 6 SERVIZI DI GESTIONE DEL SISTEMA

3 PREMESSE Il presente progetto prevede la realizzazione di un sistema di videosorveglianza distribuito nel territorio del Comune di Casarano, composto di un Centro di Gestione, Controllo e monitoraggio e postazioni di videosorveglianza poste nel territoriodi tipologia fissa, mobile e stand alone. In tal senso la sicurezza, l'efficienza operativa e il successo di spazi sensibili, stadi, parchi tematici, musei e altri luoghi di interesse pubblico possono aumentare con l'impiego di soluzioni di Network Video Monitoring. Le telecamere consentono di migliorare la sicurezza dei luoghi pubblici in generale, nei quali è necessario monitorare una quantità elevata di persone in maniera discreta ma efficace. Le disposizioni legislative in materia di sicurezza hanno attribuito ai sindaci il compito di sovrintendere alla vigilanza e all'adozione di atti che sono loro assegnati dalla legge e dai regolamenti in materia di ordine e sicurezza pubblica, e allo svolgimento delle funzioni affidate a essi dalla legge in materia di sicurezza e di polizia giudiziaria. Al fine di prevenire e contrastarli determinati pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana, il sindaco adotta provvedimenti, anche contingibili e urgenti, nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento. Infine, il sindaco, quale ufficiale del Governo, concorre ad assicurare la cooperazione della polizia locale con le forze di polizia statali, nell'ambito delle direttive di coordinamento impartite dal Ministero dell'interno. Sussistono quindi specifiche funzioni attribuite, sia al sindaco, quale ufficiale del Governo, sia ai comuni, rispetto alle quali i medesimi soggetti possono utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico al fine di tutelare la sicurezza urbana. Il problema della videosorveglianza delle aree deve essere affrontato cercando di perseguire comunque specifici intenti: 0 Controllare ove possibile l aggregazione di masse ed individuare eventualmente volti e dettagli che possano ricondurre a infrazioni; 1 Controllare in real time tutto ciò che accade avendo una panoramica istantanea e immediata delle aree sotto analisi; 2 Avere la possibilità di disporre di giornate intere di video ad alta definizione per poter ricostruire gli eventi; 3 47

4 3 Costruire un sistema in grado di essere ampliato con facilità e di inglobare altri sistemi definiti secondo standard; 4 Costruire un sistema in grado di gestire automaticamente allarmi ed eventualmente collegarsi a dispositivi mobili; 5 Costruire un sistema che permetta l interazione intelligente e automatica dei dispositivi con gli eventi, in modo tale da fornire allarmi automatici e non dipendenti da un operatore che guarda un monitor. NORME E PROVVEDIMENTI DI RIFERIMENTO 0 Videosorveglianza Il decalogo delle regole per non violare la privacy 29 novembre 2000; 1 Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196; 2 Videosorveglianza Provvedimento generale sulla videosorveglianza 29 aprile 2004, 3 Provvedimento in materia di videosorveglianza 8 aprile 2010; 4 Segnalazione al Parlamento e al Governo sulla videosorveglianza nei condomini 13 maggio 2008; 5 Inquinamento elettromagnetico L.N. 36 del 22/02/2001: Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. ; 1 CARATTERISTICHE GENERALI La realtà del Comune di CASARANO è distribuita in un centro storico più o meno esteso, riferito alla zona adiacente alla sede comunale, con un suo sviluppo territoriale fatto di vie strette e luoghi d interesse rilevante. Per quanto riguarda la realtà industriale il comune dispone di una zona Industriale molto estesa circa 700 ettari dislocati a circa 3 Km dal centro storico. 1.2 Obiettivi dell intervento Il sistema di seguito descritto riguardala creazione della videosorveglianza del territorio compresa la rete di trasmissione datidefinita nel corso della presente relazione, gli 4 47

5 strumenti di gestione, connettività, manutenzione dell hardware, manutenzione evolutiva e correttiva del software ed assistenza. Il sistema di videosorveglianza (di seguito denominato anche VS) richiesto, deve prevedere i seguenti componenti essenziali: N. 53 VideoCamere (di seguito denominate anche TC) distribuiti nel territorio del comune in punti identificati e scelti quali punti di interesse e/o sensibili, da montare su Supporto fisso o brandeggianti, a muro o a palo in base alle esigenze: TC. N. Ubicazione Denominazione Tipo Lat. Log. Postazione Connessione 01 Via dasdasa Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 02 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 03 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 04 Wireless to Cs_Tribunale 05 Cablata Fino PtP IV_Nov to PtP Cs_Tribunale 06 Wireless to CsTribunale 07 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 08 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 09 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune TC. Fissa IP TC. PTZ IP 5 47

6 10 Cablata Fino Cpe Giardini_W to Cs_Comune 11 Cablata Fino Cs Tribunale 12 Cablata Fino Cs Tribunale 13 Cablata Fino Cs Tribunale 14 Wireless to Cs_Tribunale 15 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 16 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 17 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 18 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 19 Cablata Fino Server Centrale Cs Comune 20 Cablata Fino Cpe TC_22 Diaz_Wireless_Cs _Comune 21 Cablata Fino Cpe TC_22 Diaz_Wireless_Cs _Comune 22 Cablata Fino Cpe Diaz Wireless_Cs_Com une 23 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 24 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 25 Cablata FO Fino Server Centrale Cs Comune 6 47

7 26 Wireless to Cs_Comune 27 Cablata Lan Fino Cpe TC_26 28 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 29 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 30 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 31 Cablata Lan Fino SC_Amalfi 32 Wireless to Cs_Ospededale 33 Wireless to Cs_Ospededale 34 Wireless to Cs_Ospededale 35 Wireless to Cs_Ospededale 36 Wireless to Cs_Ospededale 37 Wireless to Cs_Ospedale 38 Wireless to Cs_Ospedale 39 Wireless to Cs_Comune 40 Wireless to Cs_Comune 41 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 42 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 43 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 7 47

8 44 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 45 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 46 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 47 Wireless to Cs_CSZI_Torre Faro Fil 48 Wireless to Cs_Ospedale 49 Wireless to Cs_Ospedale Wireless to Cs_Comune 52 Wireless to 53 Cs_Comune La rete di trasmissione dati per la connessione delle videocamere; La realizzazione del centro di gestione e di controllo; Il sistema dovrà rispondere ai seguenti macro requisiti: 0 Possibilità di monitoraggio real time (ed in differita), con crescente livello di fluidità delle immagini, da 1 (uno) fps fino a 25 (venticinque) fps; 1 Affidabilità, robustezza e ridondanza; 2 Espandibilità, flessibilità, scalabilità e modularità; 3 Integrabilità ed interoperabilità con sistemi che eventualmente si acquisiranno in futuro, operabilità e facilità nei comandi; 4 Manutenibilità. Gli elementi essenziali del sistema si possono così identificare: 8 47

9 0 Videocamere IP fisse per il monitoraggio connesse con sistema di trasmissione dati a rete cablata o wireless; 1 Videocamere IP brandeggiabili per il monitoraggio connesse con sistema di trasmissione dati a rete cablata o wireless; 2 Punti di trasmissione dati Client Station (rete HiperLan); 3 Punti di raccolta dati Base Station (rete HiperLan); 4 Ponti radio di comunicazione Backbone HiperLan; 5 Centro di controllo e gestione per il monitoraggio, l elaborazione e la conservazione dei flussi video; Tutto quanto sarà realizzato al fine di soddisfare le seguenti esigenze generali di sistema: Riprese sia diurne che notturne e/o in condizioni di scarsa luminosità; Espandibilità che consenta l ampliamento del sistema in fasi successive ed il potenziale incremento nel numero delle telecamere; Sistema su standard consolidati di mercato per quanto riguarda sia la scelta degli apparati sia quella degli applicativi; Dispositivi marchiati CE ed compliant allo stato dell arte in termini di qualità e performance; Garantire da subito un apertura del sistema verso l integrazione di prodottidi terze parti (es. sistemi anti intrusione, lettori biometrici, sistemi antincendio, etc.); Sistema di diagnostica che consenta una rapida identificazione delle anomalie e fornisca efficaci strumenti per l intervento e il ripristino della normale operatività; Distribuire i flussi video/dati a soggetti terzi come Carabinieri, Questura ed altre autorità giudiziarie; Indipendenza del sistema dal tipo di telecamera adottata in modo da consentire la più ampia scelta di mercato per espansioni future; Rispetto delle normative legate alla Privacy grazie all elevato grado di security degli apparati di rete ed al codifica dei flussi video. Questo consente di preservare dati sensibili, nel pieno rispetto delle raccomandazioni del Garante per la Privacy; Estrema facilità di utilizzo da parte dell operatore, il quale potrà interagire con il sistema tramite strumenti base a lui noti; 9 47

10 Servizio di allarmistica attiva su una qualsiasi delle telecamere contro atti vandalici e/o tentativi di sabotaggio su di essa, oltre ad algoritmi software installabili sulle videocamere per il controllo attivo della scena 1.3 Analisi del territorio interessato Il centro abitato interessato al progetto si estende come da scheda qui riportata, su di una superficie di circa 4 Km quadrati ed un dislivello medio di circa 70 metri tra la zona più elevata in altitudine nord del territorio (via Spagna circa 140 m SLM) rispetto all area situata a sud (via Taurisano 70 m SLM) 10 47

11 11 47

12 Per quanto riguarda la zona Industriale di Casarano si estende a Nord del centro abitato a circa 3 Km, con un estensione pari a circa un Km quadro lungo. I sopralluoghi effettuati sul territorio, volti alla definizione dei punti di videosorveglianza, hanno evidenziato una situazione con distanze medio elevate tra i luoghi di osservazione, in condizione di visibilità ottica anche difficili. Obiettivo del sistema è anche quello di concentrare tutte le informazioni, in modo da svolgere osservazioni e controllo su tutta la rete di videosorveglianza. Diventa in questo modo sostanziale la scelta della connettività che si vuole realizzare dai punti di videosorveglianza, al fine di non compromettere il funzionamento complessivo del sistema nell esecuzione dei compiti di controllo del territorio. La scelta tecnica che si ritiene possa essere in linea con le condizioni del territorio e con la tipologia e specifiche di progetto che si devono attuare, è quella di utilizzare per 12 47

13 l intero sistema, ad esclusione dei centri di gestione (server e workstation) e di alcuni tratti medio brevi nel centro storico, la connessione di tipo Wireless HiperLan di seguito anche WI_HI, che permette, attraverso l utilizzo di apparati radiolan specifici e di protocolli di comunicazione e sicurezza, la trasmissione delle videoriprese affidabili, sicuri e con caratteristiche qualitativamente accettabili. Tale scelta permette di conseguenza di non avere limitazioni sulla posizione dei punti TC del sistema di videosorveglianza, a meno degli aspetti inerenti all alimentazione elettrica de quali si tratterà nei successivi paragrafi specifici. Foto panoramica della Citta di Casarano (Vista da sud_ovest) Le aree da coprire, mostrate nelle immagini precedenti, fanno riferimento ad un territorio non perfettamente pianeggiante, non presenta strutture di trasmissione dati di proprietà, di conseguenza, si farà riferimento alla creazione di una rete di trasmissione dati WI_Hi, facendo in modo che i punti di videosorveglianza, siano visibili o comunque in grado di trasmettere/ricevere i dati fino al server centrale ubicato nella sede del Comune. Infatti le due macro Aree sono, oltre che su quote diverse vedi la zona Industriale, anche non visibili tra di loro, vedi le zone adiacenti alla Stazione e la scuola primaria IV Novembre. Occorre allora realizzare una rete che preveda dei ponti radio di interconnessione tra le stazioni di accesso al fine di congiungere il tutto in un unico sistema di connettività di rete

14 2 ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Il sistema, di seguito descritto nelle sue componenti, risponde alle seguenti scelte funzionali (minime): 0 Possibilità, da parte del Centro di Gestione e Controllo, di visualizzazione in tempo reale tutti i flussi video contemporanei con frame rate a 1 fps. I flussi video potranno essere facilmente selezionabili dagli operatori delle Workstation di Controllo e modificabili in qualsiasi momento. 1 Memorizzazione centralizzata di flussi video con frame rate variabile da 1 a 25 fps e risoluzione massima fino a 2 megapixel (1920 x 1080). In tal senso di deve dimensionare ogni server NVR (Network Video Recorder) in grado di memorizzare fino a 7 giorni con la massima qualità: frame rate pari ad almeno 9 fps e risoluzione video 1.3 Mp (1280*1024) per le telecamere fisse presso il Centro di Gestione dei flussi video di tutte le postazioni di videosorveglianza (Telecamere di contesto fisse e telecamere di osservazione PTZ come da direttiva circolare ministeriale N. 558/SICPART/421.2/70 allegata al documento) 2 Possibilità di visionare flussi video memorizzati presso il Centro di Gestione. Piattaforma Software La piattaforma software richiesta dovrà essere dotata di un sistema di visualizzazione registrazione digitale e di gestione degli allarmi e delle informazioni, adatto a installazioni multi punto, con una scalabilità che potrebbe giungere a diversi canali video. A tal fine sarà fornito un sistema software, per la registrazione e la gestione di immagini digitali, interamente basato su tecnologia IP, in maniera da rendere possibili collegamenti da remoto e permettere qualunque operazione utilizzando sia in versione applicazione desk che di tipo web browser. Principali caratteristiche del Centro di Gestione sono: 0 Configurazione remota: pieno controllo di tutte le funzioni: La funzione Remote permette all amministratore di configurare remotamente il sistema NVR (network video recorder) da una singola postazione. Durante 14 47

15 l utilizzo della funzione Remote, il sistema locale perde il controllo completo della macchina che viene assunto dal centro di gestione; 1 Visualizzazione delle Immagini: Il sistema deve permettere la visione a matrice, in un unica schermata (monitor), delle immagini video provenienti dalle 53 telecamere contemporaneamente. Inoltre dovrà essere possibile gestire diverse matrici visualizzabili su diversi monitor allo stesso tempo. In funzione delle richieste di sorveglianza, l operatore può scegliere di aprire simultaneamente le visioni a matrici per tenere sotto controllo simultaneamente un maggior numero di telecamere connesse a diversi server NVR. Ciascuna matrice supporta la visualizzazione live, la registrazione e la riproduzione delle immagini; 2 Pannello Centrale I/O: gestione e configurazione remota di dispositivi I/O.: Il software deve fornire anche un utile interfaccia che consente al responsabile di sicurezza di gestire remotamente tutti i dispositivi I/O connessi al sistema. E possibile raggruppare dispositivi di I/O in funzione della tipologia (IR, sistemi di allarme, incendio ). Postazioni di Controllo In ogni postazione di controllo delle N 03 previste, dovranno essere forniti e installati tutti i componenti necessari per le attività di controllo, gestione e configurazione del sistema IVS, inoltre, è richiesta la visione contemporanea, di tutte le telecamere installate, pari a 53 flussi ad almeno 1 fps con risoluzione minima CIF. In particolare dovrà essere fornita, per ognuno di essi, una workstation ed i componenti software client necessari, per come indicato nel disciplinare e computo. Workstation di controllo La gestione e il controllo dei flussi dei dati provenienti dalle postazioni di videosorveglianza, sarà effettuata mediante una workstation, per il controllo dell intero sistema attraverso il collegamento alla rete, da installarsi presso l Ufficio di Polizia Municipale, ubicato al piano terra del palazzo comunale

16 Di seguito, ne riportiamo le caratteristiche tecniche minime del sistema da fornire: 0 PC Desktop: Processore Intel Core i5 3350P - RAM 4GB DDR3 - Hard Disk 1TB - LAN Gigabit Ethernet 10/100/1000 Scheda Video ATI Radeon HD GB dedicati Drive Ottico: DVD SuperMulti, Card Reader: 6 in 1, USB: 2 porte 3.0 / 2 porte 2.0, Tastiera e Mouse USB inclusi - Sistema operativo Windows 7 64 bit 1 N.01 Monitor LCD 24 ; 2 N.01 Monitor LCD 40 ; 3 N.01 Licenze Software di Regia; 4 N.01 Gruppo di Continuità. La postazione sarà completata con l arredo composto da scrivania, poltroncina e cassettiera. Telecamere e Punti di Connessione di Rete Il sistema di videosorveglianza sarà basato su IP e WIFI, in grado di ridurre il bisogno di cavi, con tutte le relative difficoltà di installazione, in tal modo le telecamere possono essere collegate a una rete in qualsiasi punto si desideri. Tale scelta significa anche migliorare la comodità dell'accesso alle immagini e consentire agli utilizzatori di visualizzare le immagini in diretta e/o registrate su qualsiasi computer in rete previa autorizzazione. I sistemi attivati con IP si caratterizzano per la loro flessibilità integrata, che consente di espandere gradatamente un sistema di sicurezza, e per la possibilità di eliminare le barriere invisibili alle telecamere che spesso si incontrano in grandi aree quali centri commerciali ed edifici a più piani. La tipologia di connessione sarà invece descritta nel punto 3. Nella figura seguente viene rappresentata la postazione di videosorveglianza nelle configurazioni: 16 47

17 Telecamera brandeggiabile e telecamera fissa Telecamere brandeggianti PTZ (Pan Tilt Zoom) Le stazioni di ripresa di tipo brandeggiabile che si dovranno impiegare saranno in numero pari a 17 (diciassette) e dovranno presentare caratteristiche per come definite nel disciplinare descrittivo e prestazionale. Questa tipologia di telecamere potranno permettere un orientamento a 360 in tempo reale del punto di ripresa, al fine di garantire un maggiore ed affinato telecontrollo. Telecamere fisse Le stazioni di ripresa di tipo fisso che si dovranno impiegare saranno in numero pari a 36 (trentasei) e dovranno presentare caratteristiche per come definite nel disciplinare descrittivo e prestazionale. Sistema di Registrazione e Visualizzazione Il sistema previsto dovrà permettere la visualizzazione e la registrazione delle telecamere installate, con un frame rate parametrizzabile almeno da 1 (uno) a 25 (venticinque) fps e risoluzione 1920*1080, permettendo al tempo stesso lo stoccaggio dei filmati per un periodo minimo pari a 7 gg. (alla massima qualità: frame rate 25 (venticinque) fps massima risoluzione)

18 I segnali video provenienti dalle telecamere IP verranno convertiti ed inviati tramite collegamento di rete su protocollo ethernet al centro di gestione e controllo (CGC). di seguito, vengono evidenziate alcune delle principali caratteristiche richieste per tali dispositivi e si rimanda al disciplinare descrittivo e prestazionale per il resto delle informazioni. 0 Registrazione in base al flusso della periferica IP; 1 Registrazione 24/24 ore, da movimento, allarme I/O e programmazione oraria; 2 Qualità e velocità di registrazione definibile per ogni telecamera; 3 Pre-motion e post-motion registrazione; 4 Playback istantaneo ultimi 5, 10, 30 secondi 1 e 5 minuti; 5 Time Merge da clips Differenti; Splitting Files per Backup su dischi multipli; 6 Estrazione immagini da un Video Clip durante il Playback; Supporto registrazione singola/gruppi telecamera per HD; 7 Supporto tecnologia di archiviazione esterna iscsi; 8 Mantenimento archivio definibile da 1 a 999 giorni; 9 Esportazione in formato EE (eseguibile) comprendente codec video utilizzati e non modificabile da programmi AVI editor; 10 Esportazione di file AVI / EE in risoluzione 640x480, 800x600, 1024x768 ecc. e in quod (multitelecamera) 18 47

19 3 ARCHITETTURA RETE TRASMISSIONE DATI Come discusso nei precedenti paragrafi, per la diffusione dei flussi video sarà realizzata una rete di trasmissione dati, organizzata come Intranet, basata su tecnologia wireless Hiperlan, senza l esigenza di un flusso dati basato su sottoscrizioni di linee dati tipo xdsl, garantendo in questo modo i collegamenti tra i nodi della rete a minor costo: 0 Postazioni di Videosorveglianza, 1 Centro di Gestione e Controllo, 2 Assistenza Remota. Tale rete darà la possibilità di distribuire il traffico verso nodi di connessione quali stazioni di accesso. L interoperabilità richiesta è basata sul modello ISO/OSI (Open System Interconnection) nato per definizione di un modello di riferimento a strati e di una serie di standard per protocolli e interfacce atti a realizzare dei sistemi aperti e che caratterizza il criterio cui fa riferimento il sistema di comunicazione su rete telematica più comune, in uso in ambito internazionale. In figura è rappresentata l architettura del modello 19 47

20 In particolare OSI è costituito da 7 livelli: 0 Strato fisico che ha come compito principale effettuare il trasferimento fisico delle cifre binarie tra i due sistemi in comunicazione; 1 Strato di collegamento (data link) la cui funzione fondamentale è quella di rivelare e recuperare gli errori trasmissivi che potrebbero essersi verificati durante il trasferimento fisico; 2 Strato di rete (network) che rende invisibile allo strato superiore il modo in cui sono utilizzate le risorse di rete per la fase di instradamento; 3 Strato di trasporto (transport) che fornisce le risorse per il trasferimento trasparente di informazioni; 4 Strato di sessione (session) che assicura la possibilità di instaurare un colloquio tra due sistemi; 5 Strato di presentazione (presentation) che è interessato alla sintassi e alla semantica delle informazioni da trasferire; 6 Strato di applicazione (application) che ha lo scopo di fornire ai processi residenti nei due sistemi in comunicazione i mezzi per accedere all'ambiente OSI. Secondo tale sistema, la comunicazione tra due dispositivi avviene a strati, inizialmente attraverso lo strato fisico, certamente quello più basso e caratterizzato dai sistemi di trasmissione e di interfacciamento degli apparati. Le specifiche tecniche presenti tra gli standard, conducono a tecnologie diverse per potere connettere inrete punti diversi, che possono identificarsi nei due sistemi di comunicazione: 0 Cablaggio Strutturato ETHERNET IEEE tipo 100Mbps (Fast) 1000Mbps (GigaBit); 1 WIRELESS nello standard IEEE /a/b/g/h/n che contiene le specifiche per le LAN senza fili; Entrambe possono consentire di condividere informazioni e scambiarle, ma bisogna evidenziarne le caratteristiche funzionali e di implementazione. Principalmente la differenza è legata al principio fisico di funzionamento: 0 Il cablaggio strutturato consente lo scambio delle informazioni attraverso un mezzo che trasporta l energia fino a destinazione con ampia banda disponibile, 20 47

21 sicurezza dei dati, ma con grosso investimento iniziale per le opere edili di cablaggio ed alti costi di manutenzione. 1 La rete senza fili utilizza quale mezzo di trasporto la radiotrasmissione in aria, con il pregio di offrire connettività mobile agli elaboratori, disponendo di una rete locale che copra un'area più o meno limitata in cui la connessione dei computer sia così realizzata tramite il mezzo radio, superando quindi le limitazioni di mobilità tipicamente causate dal cablaggio fisso. Nell ambito del cablaggio fisico tipo ETHERNET, il protocollo IEEE e le sue evoluzioni utilizzano oggi i seguenti tipi di mezzi trasmessivi, specificati nella parte di strato fisico dello standard: 0 Twisted Pair (TP) il tradizionale doppino di rame intrecciato, utilizzato anche nella rete telefonica. Ne esistono diverse categorie, con cavi schermati o meno, e viene utilizzato per realizzare i collegamenti punto a punto tra stazioni e hub nella topologia a stella. Lo standard 10BaseT prevede una lunghezza massima di 100 metri e una velocità di 10 Mb/s. Nel caso della Fast Ethernet e della Gigabit Ethernet, invece, si utilizzano il 100BaseT e il 1000BaseT, che funzionano a 100 Mb/s e 1Gb/s rispettivamente. I Cavi utilizzati in questa categoria si differenziano anche per il tipo di applicazione in: 0 UTP (Unshielded Twisted Pair): è la versione non schermata, che mantiene comunque un'alta immunità ai disturbi elettromagnetici grazie alla tecnologia a linea bilanciata che li annulla in cooperazione con adeguate induttanze di filtro montate sulle schede di rete e sugli Hub; 1 STP (Shielded Twisted Pair): è schermato e quindi offre migliori prestazioni, ma è molto più ingombrante e, di fatto, non viene usato quasi più; 2 FTP (Foiled Twisted Pair) o S-UTP anch esso di tipo schermato, ma con un unica schermatura, generalmente in foglio di alluminio, per tutto il cavo In base alla larghezza di banda i cavi vengono distinti in categorie di cui la 5, quella utilizzata nel presente progetto, offre le maggiori prestazioni. Le caratteristiche fondamentali sono Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data, con un più fitto avvolgimento (più giri per centimetro) e con isolamento in teflon. Offre migliore 21 47

22 qualità del segnale sulle lunghe distanze, adatto a collegamenti in alta velocità in ambito LAN. 0 Fibra Ottica (FO) un mezzo a banda molto larga e bassa attenuazione, che permette quindi velocità elevate e lunghe distanze di collegamento. Nelle reti locali di tipo Fast Ethernet e Gigabit Ethernet, si utilizzano gli standard 100BaseF e 1000BaseF rispettivamente, che prevedono una lunghezza massima di 2000 metri, rendendo adatte le fibre al collegamento di edifici, ancor meglio se nel SMF (Single Mode Fiber): fibra ottica monomodale. In esso il segnale luminoso si propaga in un solo cammino (ovvero un solo modo). Poiché tutti i raggi luminosi seguono lo stesso cammino, ovvero attraversano la stessa distanza, non si ha dispersione come nelle fibre multimodali. Le fibre monomodali possono supportare alti bit rate e coprire lunghe distanze, proprio in virtù di questa caratteristica che ne determina una bassa attenuazione. Questa tipologia di connessione saràutilizzata nei tratti in cui si possono presentare problemi di interferenze. La maggiore affidabilità e sicurezza di una rete fisicamente interconnessa con un cablaggio fisico in rame o fibra ottica, fanno propendere le scelte progettuali verso questo sistema, riservando il WIRELESS ad applicazioni in cui si verifichino le seguenti esigenze: 0 Distribuzione libera di un segnale senza vincoli sugli utenti; 1 Impossibilità nel raggiungere luoghi specifici con cablaggio tradizionale 22 47

23 Sviluppo e diramazione della Rete Wireless Il sistema da realizzare richiede una dislocazione su diversi punti, la cui raggiungibilità è possibile solo attraverso l uso di sistemi in modalità wireless, mantenendo e garantendo il massimo dell affidabilità e della sicurezza, attraverso adeguata tecnologia e criteri di trasmissione protetti. L interconnessione degli elementi costituenti la rete di videosorveglianza sarà realizzata maggiormente in WI_Hi, individuando specifici punti di collegamento. L uso di un sistema wireless prevede la presenza di una stazione base per l accesso alla rete con adeguato profilo di protezione, connessa mediante specifici ponti radio e cablaggio con il resto della rete a valle, e unità client che accedendo in modo sicuro possano scambiare dati. Il posizionamento delle stazioni base per l accesso, deve essere compatibile con le unità client in modo che sia assicurata la qualità del segnale al fine di garantire tempi di risposta sufficienti per lo scambio di informazioni in formato video, e non presentare immagini con frame lenti e di scarsa utilità. La rete di trasmissione dati su protocollo TCP/IP rappresenta il substrato di base su cui si potrà costruire l intera infrastruttura del sistema di Videosorveglianza, senza esigenza di un cablaggio fisico, impossibile da realizzare a causa della dislocazione territoriale. La copertura wireless rappresenta in tal senso il primo punto di studio, una fase importante per garantire un buon, ma allo stesso tempo sicuro, funzionamento dell intero sistema, ma anche la possibilità di realizzare una connessione che eviti l uso di reti dati ad abbonamento che possano incidere sui costi futuri del servizio. Analisi degli Interventi WIRELESS Dalle indicazioni precedenti possiamo rilevare gli interventi specifici per sede di TC. Come si evince dalla mappa planimetrica allegata, i punti da collegare presentano 23 47

24 situazione geografica diversa e per essi bisogna effettuare interventi di tipo diverso. La rete WI_Hi che si andrà a realizzare sarà costituita, quindi, da nodi master (Base Station di seguito BS) per l accesso dei nodi client (Unit Subscriber di seguito CPE) cui sono connesse le TVC, per ogni postazione di videocontrollo. La copertura wireless del territorio interessato dalla videosorveglianza, richiede l individuazione dei punti che siano visibili dai nodi CPE. A riguardo, dai sopralluoghi effettuati si possono desumere alcune considerazioni. In particolare si riscontra che la Torre Faro, localizzata negli stabilimenti Nuova Filanto della zona industriale di Casarano, risulta visibile completamente da tutta l area industriale, inoltre, risulta visibile dal tetto I Lotto Ospedale Ferrari quindi rilanciare le video immagini al server centrale NVR ubicato presso la sede Comunale. Per quanto riguarda l interconnessione wireless delle telecamere sparse sul territorio comunale vista la morfologia del territorio, sono stati individuati, i seguenti edifici di proprietà comunale o forniti i in comodato d uso: 0 Edificio Sede Comunale (P.zza San Domenico 1) 1 Edificio Scolastico Primaria via Amalfi 2 Edificio Scolastico primaria IV Novembre 3 Edificio sede Tribunale di Casarano (Viale Stazione, 22 C.A.P ) 4 Struttura I lotto Ospedale di Casarano Ferrari 5 Giardini William 6 Torre_Faro_Filanto Zona Industriale Casarano 24 47

25

26 I profili di collegamento Point to Point sono simulati secondo la mappa:. Schema Logico di Rete Wireless Hiperlan Lo schema della figura mostra la triangolazione di rete che s intende realizzare per connettere tutte le videocamere, distribuite sul territorio, e interconnettere le BS al fine di raggiungere le zone interessate. Le aree cosi rappresentate sono state dimensionate per bilanciare i flussi dei dati video che vengono prodotti dalle videocamere, al fine di evitare un basso livello di bit rate, oltre ad un eccessivo traffico sulle singole BS. In tal senso le aree evidenziate rappresentato i centri stella periferici che dovranno poi essere collegati al centro stella primario CS Sede Comunale mediante collegamento 26 47

27 Point to Point. Considerato l utilizzo di banda di una delle telecamera nelle condizioni peggiore come da circolare ministeriale, in particolare, considerato che una telecamera MegaPixel necessita di una bit rate indicativo come da tabella sotto allegata, Bisogna dimensionare le unità BS e il relativo Throughput sul relativo link point to point fino al centro stella primario tale da soddisfare il vincolo bandwidth come sopra espresso su ogni singola unità di videoripresa (questo vale per le sole telecamere di contesto come da direttiva ministeriale allegata). Visto il bit rate su ogni postazione di videoripresa, le aree, oggetto di intervento, potrebbero essere ripartite nel seguente modo: 0 CS Filanto - Zona Industriale il centro stella secondario deve agganciare N 08 Telecamera IP; 1 CS Ospedale - Zona Ospedale il centro secondario deve agganciare N 09 Telecamere IP; 2 Cs Scuola via Amalfi Zona Stadio il centro stella secondario deve agganciare N 05 Flussi video IP; 3 Cs Tribunale Viale stazione il centro stella secondario deve gestire N 04 Flussi Video IP; 4 Cs Scuola IV Novembre Il centro stella deve gestire N 05 Flussi Video IP; 5 Cs Sede Comunale il centro stella secondari dovrà gestire circa n 13 flussi video IP; 6 Cs Giardini William il centro stella secondari dovrà gestire circa n 9 flussi video IP

28 Tutti i centri stella secondari saranno connessi con specifici ponti radio Point to Point opportunamente dimensionati per collegare il tutto con il centro di gestione e controllo server centrale nella sede comunale. Secondo questa impostazione vengono identificati i seguenti livelli di connettività di rete: Livello Unit. Livello Videosorveglianza Unit CPE Livello AP Livello Base Station (Centro Stella) Livello PtP Base Station Link Point To Point Dettaglio dei Livelli La soluzione proposta per l infrastruttura di rete è quella di realizzare una rete di tipo RadioLAN basata sullo standard ETSI (European Telecommunication Standard Institute) HiperLAN/2, tecnologia operante in banda 5 GHz, e basata sulla tecnologia OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing). La scelta di questa tecnologia si basa sulle seguenti motivazioni: 0 Elevata sensibilità. Una canalizzazione a 20Mhz è l unica soluzione in grado di garantire una sensibilità di 89dBm, supporto canali da 10, 20 e 40 MHz; 1 Supporto d 8 differenti livelli di modulazione e selezione automatica del migliore livello in funzione dell SNR rilevato; 2 Possibilità di condizionamento dell algoritmodi selezione automatica adattativa del livello di modulazione; 3 Potenti strumenti di diagnostica e site survey; 4 Supporto di svariate funzionalità per la gestione della QoS e la risoluzione delle problematiche relative al trasporto di flussi multimediali su link wireless. Saranno inoltre realizzati ponti radio di comunicazione tra i vari Centri Stella secondari per la copertura complessiva dei punti di videosorveglianza. Sul Centro Stella Secondario della rete di trasporto, la banda minima dovrà essere dimensionata per supportare l intero flusso aggregato delle telecamere. La Base Station del centro stella sarà quindi interfacciata direttamente, attraverso connessione wired cablata all interno dell edificio del Centro di Gestione e Controllo, con gli apparati di rete dedicati al sistema di videosorveglianza presenti

29 Livello Unit Il livello rappresenta il livello di videosorveglianza per i luoghi individuati dall Amministrazione Comunale. Esso si compone dei seguenti elementi: 0 Videocamera fissa per il controllo ad angolo definito, descritta in precedenza o Videocamera brandeggiabile per il controllo ad angolo variabile da remoto, descritta in precedenza 1 Client WI_Hi Apparato di comunicazione 5.4 GHz (5,470 5,725) con antenna integrata diretta verso il Centro Stella di riferimento. 2 Sistema di Alimentazione da illuminazione pubblica possibilmente da armadio di campo dove possibile oppure con accumulatore Ogni punto di visone verrà dotato di un apparato radio client CPE con antenna radiofrequenza integrata e le cui caratteristiche principali sono 0 HiperLan Standard Radio Module; 1 IEEE802.11a/h standard compliant; 2 Modulo radio fino a 23 dbm (200mW); 3 Antenna integrata a 5GHz (14dBi, H33 x E37 ) o Antenna integrata a 5GHz (18dBi, H34.8 x E30.2 ); 4 Dynamic Frequency Selection (DFS) e Transmission Power Control (TPC); 5 Data Rate fino a 54Mbps Modalità operativa Master o Slave selezionabile via software; 6 Software integrato di Site Survey e Antenna Alignement; 7 Throughput Test, Software Watchdog, Radio Tuning, Diagnostic Tool, Syslog Viewer; 8 Sicurezza WPA / WPA2 / IEEE802.11i; 9 Management: SNMP v1, v2c, v3 Read Only Agent; 10 Web Server/HTTPS Management, Upload e Download del File di Configurazione; 11 Alimentazione mediante PoE (Power over Ethernet) 29 47

30 Livello AP Il livello AP rappresenta il livello di accesso dei Client Wireless per la trasmissione dei dati video e controllo al Centro Stella di riferimento. Esso si compone dei seguenti elementi: 0 Stazione Base punto multipunto (5,470-5,725 Ghz); 1 Apparato di comunicazione; 2 Antenna ad elevato guadagno (integrata o esterna al modulo radio) orientata sulla zona da irradiare dove sono installate le postazione di videoripresa (gli Ap dovranno essere completi di accessori come Antenne esterne e relativi connettori per la totale copertura radio come da simulazione); 3 Sistema di Alimentazione (con armadio di campo idoneo per applicazione outdoor)

31

32 1 Link Point To Point HiperLan Cs Torre Faro Filanto - Cs Ospedale Ferrari Apparati di comunicazione Hiperlan 5.4 GHz (5,470-5,725), antenna integrata 26dB doppia polarizzazione, Potenza T 30 dbm EIRP Alimentazione POE 48 volt Contenitore Tenuta stagna IP68 Throughput TCP full-duplex 95 Mpbs 32 47

33 2 Link Point To Point HiperLan Cs Ospedale Ferrari Cs Scuola Via Amalfi Apparati di comunicazione Hiperlan 5.4 GHz (5,470-5,725), antenna integrata 26dB doppia polarizzazione, Potenza T 30 dbm EIRP Alimentazione POE 48 volt Contenitore Tenuta stagna IP68 Throughput TCP full-duplex 95 Mpbs 33 47

Studio Tecnico d Ingegneria Ing. Candela Antonino Comune di Erice COMUNE DI ERICE. Provincia di Trapani

Studio Tecnico d Ingegneria Ing. Candela Antonino Comune di Erice COMUNE DI ERICE. Provincia di Trapani StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice COMUNEDIERICE ProvinciadiTrapani PROGETTOESECUTIVOPERLAREALIZZAZIONEDIUNARETEDIVIDEOSORVEGLIANZA SUTECNOLOGIAIPNELTERRITORIODELCOMUNEDIERICE.

Dettagli

Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO. Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete

Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO. Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete - 2 - Sommario Introduzione... 4 Dorsale primaria... 4 Rete secondaria

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

VIDEO SERVER GV-VS02

VIDEO SERVER GV-VS02 VIDEO SERVER GV-VS02 Il Video Server GV-VS02 è un convertitore a 2 canali audio/video che consente di trasformare qualsiasi telecamera analogica tradizionale in una telecamera di rete compatibile con sistemi

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio CBCom Sistemi Integrati di Videosorveglianza HD over WLAN Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio Le esigenze dei cittadini e delle aziende soprattutto nei Comuni al di sotto

Dettagli

Studio Tecnico Nichele Per. Ind. Tullio

Studio Tecnico Nichele Per. Ind. Tullio 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di indicare in modo generale le principali caratteristiche degli impianti e delle apparecchiature utilizzate per l'installazione dell'impianto di videosorveglianza.

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON.

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON. COMUNE DI BAGNARA CALABRA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON SICUREZZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FESR SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IN TECNOLOGIA

Dettagli

Città di CASARANO. Integrazione Tecnica Impianto TVCC Comune Casarano. Esempio Tipo Postazione di ripresa Lampione Centro storico:

Città di CASARANO. Integrazione Tecnica Impianto TVCC Comune Casarano. Esempio Tipo Postazione di ripresa Lampione Centro storico: Integrazione Tecnica Impianto TVCC Comune Casarano Esempio Tipo Postazione di ripresa Lampione Centro storico: N 01 PNP3 Armadio di Campo Completo N 01 PNP5 Allacciamento Elettrico Postazione TVCC N 01

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.2 14/12/2012- G215/2/I Caratteristiche principali VSoIP 3.2 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione L approvazione dell edizione 2 di ISO/IEC 11801, IEC 61076-3-104 e IEC 60603-7-7 indica che è stato ormai definito e completato uno standard

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA CONSULMEDIA SRL STUDIO TECNICO PER. IND. DE GREGORIO ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA PAESEDIGIT@LE Panchine intelligenti, wifi e videosorveglianza Specifiche Tecniche progetto

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. LOTTO 2 Il futuro dell'europa è in classe Arredi, fornitura di arredi specifici per la realizzazione di ambienti di apprendimento

CAPITOLATO TECNICO. LOTTO 2 Il futuro dell'europa è in classe Arredi, fornitura di arredi specifici per la realizzazione di ambienti di apprendimento CAPITOLATO TECNICO Oggetto della gara, suddivisa in sei Lotti, è la fornitura di prodotti e servizi per la realizzazione del progetto PON A-1-FESR06_POR_CAMPANIA_2012_106 La scuola diventa 2.0 e Il futuro

Dettagli

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11 CAPITOLATO TECNICO PROGETTO BACHELET WI-FI ABBIATEGRASSO ABBIATEGRASSO, MAGGIO 2013 Indice 1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5 3. Manutenzione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX

Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX V2.1.3 Vectis HX NVS SW 8 Vectis HX NVS SW 16 Vectis HX NVS SW 32 Vectis HX NVS SW 64 [Vectis HX NVS SW 128] [Vectis HX NVS SW 256]

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 1 2 Requisiti Il committente del progetto di cablaggio è

Dettagli

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet Rete LAN ed Ethernet Cavo a doppino incrociato che include quattro coppie di cavi incrociati, in genere collegati a una spina RJ-45 all estremità. Una rete locale (LAN, Local Area Network) è un gruppo

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

Progetto: Lingua viva

Progetto: Lingua viva Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Distretto scolastico 25 ISTITUTO COMPRENSIVO S. M. PAOLO DI TARSO Via Risorgimento, 66-80070 Bacoli Na tel/fax 081 5232640 E-MAIL SCUOLA: NAIC83700G@istruzione.it

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza onlinesecurity la piattaforma della sicurezza 2010 Release 2.0 Designed for Security Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza le migliori tecnologie per la massima sicurezza www.onlinesecurity.it

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA IP

VIDEOSORVEGLIANZA IP OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE DI RETE VIDEOSORVEGLIANZA IP Ing. Stefano Enea R&D manager Advanced Innovations stefano@ad-in.net L incontro fra due mondi La videosorveglianza IP sottende un incontro di competenze:

Dettagli

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS è il software di centralizzazione immagini dedicato alla gestione di sistemi di videosorveglianza basati su apparati GAMS analogici e IP, che offre straordinarie potenzialità sia su reti cablate che wireless

Dettagli

TVCC = televisione a circuito chiuso

TVCC = televisione a circuito chiuso Negli anni 70 nascono i primi sistemi di videosorveglianza, al fine di effettuare la ripresa e la registrazione di immagini riservate ad un numero ristretto di fruitori. TVCC = televisione a circuito chiuso

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto SPECIFICA TECNICA SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche tecniche per servizi a valore aggiunto RSVA04I02 Rev.02-0714 Pag. 2 di 6 SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Specifiche Tecniche rev.02 SERVIZI A VALORE AGGIUNTO

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE Oggetto: Fornitura ed installazione di attrezzature informatiche, collegamenti Hiperlan tra le sedi comunali, sistema radio e di videosorveglianza perimetrale. TAV. 1 PREVENTIVO DI SPESA IL RESPONSABILE

Dettagli

Versione Data Redatto Verificato

Versione Data Redatto Verificato - 30/04/2012 GL Dro Versione Data Redatto Verificato Lombardi SA Ingénieurs Conseils Via R. Simen 19, C.P. 1535, CH-6648 Minusio Téléphone +41(0)91 735 31 00, Fax +41 (0)91 743 97 37 www.lombardi.ch, info@lombardi.ch

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Esigenze Didattiche DIREZIONE DIDATTICA STATALE CIRCOLO Cod. Fisc.: 900460845 Cod. Mecc. AGEE0400E - Tel. +390996830 Fax +39099658 CAPITOLATO TECNICO - ALLEGATO B PROGETTO: SCUOL@ONLINE Questo documento

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI - TABELLE REQUITI MINIMI TABELLE REQUITI MINIMI REQUITI APPARATI TIPO A REQUITI GENERALI Apparato Modulare con backplane passivo, con CHASS montabile su rack standard

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.1 15/06/2012- G215/1/I Caratteristiche principali VSoIP 3.1 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

ProCurve Radio Port 230

ProCurve Radio Port 230 La ProCurve Radio Port 230, con integrato il supporto per le funzioni wireless IEEE 802.11a e IEEE 802.11g, è in grado di lavorare congiuntamente ai moduli ProCurve Wireless Edge Services xl e zl, per

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

VDS - Video Digital System

VDS - Video Digital System VDS - Video Digital System L esperienza acquisita e consolidata nel settore della videosorveglianza ha consentito la realizzazione di una nuova gamma di videoregistratori digitali denominata VDS (VideoDigitalSystem)

Dettagli

Allegato A al Capitolato tecnico

Allegato A al Capitolato tecnico Allegato A al Capitolato tecnico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO 1 VIALE PIAVE, 50 25123 BRESCIA TEL.030/361210 FAX. 030/3366974 E.Mail: bsic881002@istruzione.it

Dettagli

DVR e QUAD DVR-VENEZIA

DVR e QUAD DVR-VENEZIA DVR e QUAD DVR-VENEZIA Caratteristiche principali - Real Esaplex (Registrazione, Live, Playback, Controllo, Backup e Connessione remota) - Connessione immediata con telefonino/pda senza bisogno di software

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Presentazione tecnico-commerciale Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless

Dettagli

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Dopo l 11 settembre l esigenza relativa a progetti di videosorveglianza digitale in qualunque tipo di organizzazione e installazione è aumentata

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO

DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE C. FERRINI L. FRANZOSINI ISTITUTO TECNICO settore TECNOLOGICO: Costruzioni, Ambiente e Territorio, Tecnologie del Legno nelle Costruzioni, Grafica e Comunicazione

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO Premessa: Il Comune di Albano Laziale ha l esigenza di ampliare ed implementare alcune telecamere dell impianto

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE

SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE STADTGEMEINDE BRIXEN Autonome Provinz Bozen CITTÀ DI BRESSANONE Provincia autonoma di Bolzano SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE Premessa Il seguente documento

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit. Promelit Eox

Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit. Promelit Eox Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit. Promelit Eox Grandi prestazioni, affidabilità, flessibilità totale: i sistemi di videosorveglianza della gamma Promelit Eox

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless la soluzione adsl wireless alla portata di tutti Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge che

Dettagli

Premessa. Presentazione

Premessa. Presentazione Premessa Nexera nasce come società del settore ICT, con una forte focalizzazione sulla ricerca tecnologica, e, sin dall inizio della sua attività, ha concentrato la propria attenzione al settore della

Dettagli

EMI s.r.l. Modugno-BA

EMI s.r.l. Modugno-BA Dispositivo per Controllo AUDIO VIDEO PL Postazione D.M. ( Fig. 2 interno) Postazione remota ( Fig. 1 esterno ) Rack Multiplo con n. 3 Sistemi TV REV DESCRIZIONE - DESCRIPTION PREP'D CONT CHK'D APP - APPR'D

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL Documento tecnico Autore: Giuseppe Storniolo Sommario LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL 3 GENERALITÀ 3 CARATTERISTICHE TECNICHE RIASSUNTIVE DEL SISTEMA 4 LE TELECAMERE 5 IL

Dettagli

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi DESCRIZIONE DEL PROGETTO Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi on-line, al materiale didattico ed a tutti i nuovi servizi per la

Dettagli

SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE

SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE edition 02 Sistemi per la Videoregistrazione Digitale I DVR stand alone sono la moderna soluzione per l immagazzinamento delle video riprese, essi rappresentano

Dettagli

Piattaforma di Videosorveglianza

Piattaforma di Videosorveglianza Piattaforma di Videosorveglianza Avigilon Control Center 4.10 Avigilon Control Center Core Avigilon Control Center Standard Avigilon Control Center Enterprise Supporto Streaming in HDSM L architettura

Dettagli

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION SICEP arrichisce la gamma dei prodotti dedicati alla videosorveglianza presentando la serie EasyVision, un videoregistratore a 4 ingressi video, con sistema

Dettagli

MAXPRO NVR SE (Standard Edition)

MAXPRO NVR SE (Standard Edition) VIDEOREGISTRATORE DI RETE A 32 CANALI (NVR) MAXPRO NVR SE di Honeywell è un sistema di videosorveglianza IP aperto, flessibile e scalabile. Poiché utilizza le telecamere ad alta definizione di Honeywell,

Dettagli

Promelit Eox. Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox.

Promelit Eox. Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox. Promelit Eox Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox. Grandi prestazioni, affidabilità, flessibilità totale: i sistemi di videosorveglianza della gamma Promelit

Dettagli

ALLEGATO N. 2. scheda descrittiva delle estensioni di garanzia richieste dalla Stazione appaltante.

ALLEGATO N. 2. scheda descrittiva delle estensioni di garanzia richieste dalla Stazione appaltante. ALLEGATO N. 2 BUSTA B SPECIFICHE TECNICHE/OFFERTA TECNICA Il possesso delle specifiche tecniche, sotto elencate, nonché la valutazione degli elementi oggetto dei criteri indicati alla Tabella, di cui al

Dettagli

VISTA PANNELLO POSTERIORE

VISTA PANNELLO POSTERIORE DVR 16 INGRESSI H264-WEB-USB Videoregistratore digitale real-time dotato del nuovo formato di compressione H.264. Dispone di sedici ingressi video e quattro audio, interfaccia Ethernet (10-100 Base-T),

Dettagli

Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV

Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV activity detector e da ingressi digitali. LIBRA EV, la nuova generazione Entry Level di videoregistratori digitali GAMS Made in Italy., Evoluzione nelle prestazioni, nelle caratteristiche, nella robustezza

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi

Caratteristiche e vantaggi Dominion KX II Caratteristiche Caratteristiche dell hardware Architettura hardware di nuova generazione Elevate prestazioni, hardware video di nuova generazione Due alimentatori con failover Quattro porte

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Sociale Europeo ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO F. S. CABRINI Unione Europea Fondo Europeo Sviluppo Regionale Via Dante, 9 7400 Taranto Tel. 099/ 4779476 - fax 099/4779477 E-mail:

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

Libra EV. videoregistrazione digitale. Principali caratteristiche. Videoregistratori Digitali GAMS

Libra EV. videoregistrazione digitale. Principali caratteristiche. Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV, la nuova generazione Entry Level di videoregistratori digitali GAMS Made in Italy., Evoluzione nelle prestazioni, nelle caratteristiche, nella robustezza e nella semplicità d uso., Evoluzione

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless La soluzione wdsl wireless alla portata di tutti 1 Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge

Dettagli

Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga

Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga Cos è il Wireless Broadband? (1/2) Trasferimento dati via radio con velocità per l utente > 256 kbit/s Utilizzo del protocollo TCP/IP per scambiare

Dettagli

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA PREMESSA Nel settore della videosorveglianza vengono attualmente usate molte tipologie di sistemi e dispositivi per il monitoraggio e la protezione di edifici e persone. Per meglio comprendere la portata

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania. Distretto scolastico 25

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania. Distretto scolastico 25 Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Distretto scolastico 25 ISTITUTO COMPRENSIVO S. M. PAOLO DI TARSO Via Risorgimento, 66-80070 Bacoli Na tel/fax 081 5232640 E-MAIL SCUOLA: NAIC83700G@istruzione.it

Dettagli

Soluzioni networking per video IP

Soluzioni networking per video IP Safety Security Certainty Soluzioni networking per video IP Prestazioni elevate e flessibilità completa per soddisfare tutte le esigenze di trasmissione dati attuali e future Una piattaforma, possibilità

Dettagli

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 di Fabio BRONZINI - Consulente Informatico Cell. 333.6789260 Sito WEB: http://www.informaticodifiducia.it Fax: 050-3869200 Questi sono gli elementi-apparati

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba)

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) Allegato tecnico B per n. LABORATORIO LINGUISTICO PON FESR CODICE B-.B-FESR0_POR_PUGLIA-20-62 (Bando prot. n. 3657/B-8 del 4/0/20)

Dettagli