Oggetto: Presentazione Aziendale e informazioni generali sulla Costituzione e i servizi dell Istituto di Vigilanza;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Presentazione Aziendale e informazioni generali sulla Costituzione e i servizi dell Istituto di Vigilanza;"

Transcript

1 ISTITUTO DI VIGILANZA PRIVATA E SICUREZZA ALARM SYSTEM Oggetto: Presentazione Aziendale e informazioni generali sulla Costituzione e i servizi dell Istituto di Vigilanza; La Alarm System S.r.l., è autorizzata ad esercitare le attività di vigilanza e custodia di proprietà mobiliari e immobiliari, servizi di sicurezza con guardie giurate armate, ai sensi dell art.134 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza. A questo scopo preme portare alla Vs. attenzione le caratteristiche, le potenzialità e l operatività di questo Istituto di vigilanza, di seguito esposte, che, oltre alla descrizione dell organizzazione aziendale nel suo complesso, individua analiticamente il core business della società. E nel ringraziarvi per il tempo dedicato e l attenzione prestata, e con l espressione della più sincera gratitudine che invito alla lettura della seguente presentazione aziendale, scritta per assolvere allo scopo prefissatoci. Distinti saluti Alarm System srl L Amministratore Unico Zedda Efisio

2 Ragione sociale Alarm System. S.r.l. Forma Giuridica Società Unipersonale Sede Legale Via L. Galvani 50/ Cagliari Sede Operativa Via L. Galvani 56/ Cagliari Tel. e fax Website Contatti Ufficio Indirizzo C.A.P Città Telefono Telefax Direzione e Uffici Amministrativi Via Galvani 50/ Cagliari Ufficio Progetti e Ufficio Commerciale Via Galvani 50/ Cagliari Centrale Operativa Via Galvani 58/ Cagliari Istituto di vigilanza Via Galvani Cagliari Agenzia di Tunisi Rue Des Charguia Tunis Agenzia di Roma Via Carlo Livi Roma

3 Note Amministrative Codice fiscale e Partita I.V.A Capitale Sociale Interamente Versato ,00 Iscrizione C.C.I.A.A Cagliari n Iscrizione Tribunale Cagliari n R.E.A. ROMA n OG1 II Certificazioni SOA OS5 III OS19 IV OS30 IV Qualificazione per prestazione di progettazione e Costruzione fino alla III classifica NULLA OSTA SEGRETEZZA Autorizzazione I.T.I. 3 grado su tutto territ. Nazionale Licenza Prefettizia ,00 N.O.S CA/ /Area 1/Bis Registrazione IMQ per impianti di sicurezza al 1 2 e 3 livello di prestazione T 0001 Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 The International Certification Network Accreditata nei settori EA 28 Imprese di Costruzioni, Installatori di Impianti e Servizi EA 34 Studi di consulenza ed ingegneria EA 35 Servizi professionali d impresa EA 37 Istruzione e formazione Certificazione Centrali di Telesorveglianza UNI : 2005 Certificato UNI 10891:2000 per servizi di vigilanza Autorizzazione per lo svolgimento dei servizi di Videosorveglianza, Sale Operativa Gemelle, Vigilanza Satellitare Nr LRMS Number:IT N. C002 Nr. LRMS.0511 N

4 SEDE CENTRALE - CAGLIARI - L unità produttiva della Alarm System S.r.l. si sviluppa su una superficie coperta di 800 mq ed è dotata della seguente struttura organizzativa: Amministratore Unico Ufficio Progetti Ufficio Amministrativo Ufficio Commerciale Ufficio Tecnico Guardie Giurate Magazzino Direzione Generale Direzione Tecnica Responsabile Rapporti Estero Progetti Responsabile telecomunicazioni e reti Responsabile Qualità Ufficio Amministrazione Ufficio Personale Marketing Manager Servizi commerciali Ufficio Acquisti Ufficio Tecnico Responsabile CED Resp. Tecnico Sale Operative Responsabile Cantieri Resp. Assistenza Tecnica Resp. Servizi Tecnici esterni Responsabile informatico Assistenza Tecnica Macc. Radiogene Coordinatore Gestione audit interno Operatore responsabile BANCHE L Azienda tiene rapporti ultra decennali con i seguenti Istituti Bancari Banco di Sardegna Unicredit Agenzia Cagliari 8 Viale Marconi Cagliari Via Scirocco Cagliari

5 PROFILO AZIENDALE La ALARM SYSTEM, Società a responsabilità limitata opera da oltre trent anni nel campo dei sistemi integrati di protezione elettronici, dall analisi del rischio alla progettazione, alla gestione e controllo di sistemi tecnologici a difesa di persone e beni e nell intento di un programma d ampliamento dei propri servizi è, a tutti gli effetti, già da oltre due anni, Istituto di Vigilanza autorizzato, dalla Prefettura di Cagliari da apposito Decreto - licenza ai sensi dell art.134 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - ad esercitare attività di vigilanza con Guardie particolari Giurate armate, nei territori delle province di Cagliari e Oristano, in possesso di certificazioni che attestano una gestione organizzativa conforme ai sistemi di qualità di cui alle normative europee UNI EN ISO 9001:2008 ed UNI 10891:2000, qualificata inoltre per attività di sicurezza per obiettivi sensibili (quali tribunali, musei, stazioni ferroviarie, metropolitane, ospedali, depositi carburanti, ed obiettivi simili), tra l altro, Azienda in possesso di NOS con personale operativo con attesta stazione NOS (nulla osta segretezza) per servizi di vigilanza presso obiettivi coperti da segreto di stato. Ci preme mettere in evidenza e sottolineare le potenzialità e l operatività dell Istituto di vigilanza, esposte nella presente presentazione aziendale, che, oltre alla descrizione dell organizzazione aziendale nel suo complesso, individua analiticamente il core business della società e le varie strutture logistiche a supporto. L impresa esercita la propria attività in virtù dei seguenti titoli di polizia (licenze prefettizie): 41768/Area 1/Bis rilasciate dalle competenti Autorità di Pubblica Sicurezza ed è autorizzata ad esercitare le attività di vigilanza e custodia di proprietà mobiliari e immobiliari, mediante sistemi di sicurezza elettronici, telesorveglianza, teleallarme ed impiego di servizi di vigilanza armata e non, con guardie giurate dipendenti, ai sensi dell art.134 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS). Fonti Normative: Regio Decreto 18 Giugno 1931 n.773, Titolo IV, come successivamente modificato ed integrato dallart.4 del Decreto Legge 8 aprile 2008 n.59, convertito in legge 6 giugno 2008 n.101; - Regolamento di esecuzione al Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza approvato con regio Decreto 6 maggio 1940 n.635, come successivamente modificato ed integrato con Decreto del Presidente della Repubblica 4 agosto 2008 n.153; - Decreto del Ministro dell Interno 1 Dicembre 2010 n.269 in attuazione dell art.257 del Decreto del Presidente della Repubblica 4 agosto 2008 n.153.

6 SICUREZZA La Sicurezza è una Scienza multidisciplinare e ad essa fanno riferimento molte aree tematiche, ognuna delle quali tratta un aspetto particolare della vita della persona, creando un insieme omogeneo di cognizioni e misure, al fine di produrre come risultato finale l incolumità ed il benessere (sicurezza appunto) della persona e conseguentemente della collettività. Si parte quindi dall analisi del rischio e si arriva alla prevenzione massima possibile, questa condizione a cui si tende viene definita rischio accettabile. La sicurezza è quindi una disciplina che studia il rischio nei suoi vari aspetti, diretti e indiretti, con l obiettivo di ridurlo fino ad annullarlo o a controllarne le conseguenze. L eliminazione completa del rischio è matematicamente impossibile perché le variabili del rischio sono infinite ed imponderabili; ed è per questa ragione che il rischio che non si riesce ad eliminare viene definito rischio residuo La realtà di ogni giorno ci impone di mettere in gioco, nella vita quotidiana, queste variabili incontrollabili ed imponderabili che non si possono studiare e che lasciano inesorabilmente spazio al rischio residuo, ma con l esperienza e la professionalità acquisita in oltre trent anni di lavoro nel settore riusciamo a garantire sempre la massima prevenzione possibile riducendo sempre più i margini al RISCHIO ACCETTABILE. RISORSE OPERATIVE Le risorse operative di cui si avvale la ALARM SYSTEM sono costituite essenzialmente da: Tecnici specializzati Guardie Giurate Il personale tecnico della Alarm System, ha conseguito, attraverso corsi altamente professionali, teorici e pratici, un alta specializzazione nei campi dell elettronica applicata e dell elettrotecnica, periodici e specifici corsi di aggiornamento fanno si che siano sempre a conoscenza delle nuove tecnologie nei campi indicati. Nell ambito aziendale si occupano principalmente della realizzazione pratica di progetti, dell'esecuzione di installazione di impianti, del servizio di manutenzione e controllo di un lavoro; Il personale abilitato al servizio di vigilanza armata, è costituito da operatori della sicurezza in possesso della qualifica di Guardia Particolare Giurata, in conformità alle prescrizioni di cui al R.D. 18 Giugno 1931 n.773 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, Titolo IV), operatori dotati di regolare autorizzazione al porto d armi in corso di validità, di uniforme debitamente approvata dalla Prefettura competente ed armati di pistola del tipo e calibro consentito, sottoposti al coordinamento ed alla disciplina delle Autorità di Pubblica Sicurezza.

7 CAMPI DI ATTIVITÀ I principali campi di attività dell Istituto di Vigilanza Alarm System sono: A. SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA E RILEVAZIONE INCENDI B. GESTIONE IMPIANTI TECNOLOGICI C. SERVIZI DI RONDA E PRONTO INTERVENTO ARMATO E. DOMOTICA F. SISTEMI DI RACCOLTA E CENTRALIZZAZIONE DATI G. IMPIANTI ELETTRICI CIVILI E INDUSTRIALI L'integrazione costruttiva e funzionale di questi settori di attività garantisce la protezione, l'ottimizzazione e lo sviluppo delle risorse e degli interessi vitali della moderna Società industriale. Le soluzioni offerte dalla Alarm System consentono di gestire in modo centralizzato e modulare le diverse esigenze. Si pensi ad un sistema di sicurezza di qualsiasi livello, dal più semplice applicato in un appartamento, ad uno dei più complessi applicato in una base militare, in entrambi i casi le procedure di utilizzo e di gestione risultano di fondamentale importanza affinché ciascun sistema, al proprio livello, risulti efficace. Possiamo affermare quindi che quando si vuole passare da una condizione di rischio ad una condizione di massima sicurezza, occorre realizzare un sistema di sicurezza costituito dai seguenti elementi, opportunamente dosati ed omogeneamente distribuiti: Sistema attivo di sicurezza (rilevazione e allarme); Sistema passivo di sicurezza (barriere fisiche); Servizi di Telesorveglianza, Telegestione, Videosorveglianza e pronto intervento armato con collegamento 24/ore ad un centro Operativo di raccolta allarmi; Servizio d intervento ispettivo e/o repressivo; Integrazione e controllo di tutti gli impianti tramite un software personalizzato atto a verificare in tempo reale: attivazioni di telecomandi; climatizzazione; allarmi intrusione; accensione luci interne ed esterne; attivazione irrigazione; fughe di gas ecc in una parola DOMOTICA Insieme delle procedure di utilizzo; Insieme delle procedure di manutenzione. La funzionalità del sistema globale risultante così progettato è certamente assicurata.

8 A. SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA E RILEVAZIONE INCENDI La Alarm System opera nel settore della sicurezza attiva progettando e realizzando: 1. Sistemi antintrusione; 2. Sistemi antiscasso; 3. Sistemi antirapina; 4. Sistemi di protezione perimetrale 5. Antiscavalcamento in fibra ottica; 6. Sistemi di protezione perimetrale Antisfondamento; 7. Sistemi di rivelazione incendio; 8. Sistemi di spegnimento automatici; 9. Sistemi televisivi di controllo e videoregistrazione; 10. Sistemi Televisivi ad inseguimento automatico Total Tracking; 11. Sistemi per il controllo degli accessi; 12. Strutture blindate (vetri antiproiettile, antisfondamento, bussole antirapina) 13. Sistemi di sicurezza fisica (caveaux, casseforti, armadi di sicurezza e corazzati) 14.Sistemi elettronici di controllo ronda; 15.Sistemi per la rivelazione di metalli, fissi e portatili (metal detector) 16.Sistemi radiogeni di controllo a raggi X per porti e aeroporti; 17.Unità di governo e supervisione centrale gestita da P.C.; 18.Sistemi di archiviazione di sicurezza (armadi ignifughi); Consulenza in materia di: Gestione ed organizzazione della sicurezza in insediamenti; Analisi e stesura di piani di sicurezza e procedure di evacuazione; Organizzazione, progettazione e realizzazione di centri e/o sale di controllo per la gestione attiva della sicurezza

9 B. GESTIONE IMPIANTI TECNOLOGICI Il sistema del controllo tecnologico è rivolto alla gestione dei seguenti impianti: Impianto di riscaldamento Impianto di rilevazione Impianto di aria condizionata Sistemi distribuzione e generazione elettrica Sistemi di illuminazione Controllo di ascensori, montacarichi, scale mobili e uscite di sicurezza Controllo su parametri elettrici, idraulici e termici Controllo e ottimizzazione dei consumi energetici La centralizzazione e la supervisione di tutte queste funzioni integrate tra loro garantisce un ambiente sicuro e confortevole con una minimizzazione dei costi e del dispendio di energia. In questo campo la Alarm System ha realizzato sottosistemi relativi a: Controllo condizionamento ventilazione uscite di sicurezza Controllo e comando su teleruttori Controllo transiti Rilevazione, telemisure e telecomando grandezze analogiche (pressione, temperatura, portata, livelli, ecc.) Sottosistemi di generazione energia Sottosistemi di illuminazione Controllo di situazioni ambientali in insediamenti civili/industriali C. SERVIZI DI RONDA E PRONTO INTERVENTO ARMATO Cos'è una Guardia Giurata? La Guardia Giurata, propriamente detta Guardia Particolare Giurata (G.P.G.), è un soggetto che possiede i requisiti soggettivi utili al rilascio di un Titolo di Polizia, è quindi autorizzato dallo Stato ai sensi dell'art. 133 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza a tutelare i beni, mobili ed immobili di persone ed aziende private e/o persone ed aziende e/o enti pubblici; secondo l ordinamento italiano la guardia giurata non può tutelare l incolumità fisica delle persone, il cui onere e prerogativa è esclusivamente riservata alle Forze di Polizia Pubbliche (art. 1 del T.U.L.P.S.). Le Guardie Giurate sono Agenti dipendenti di Istituti di Vigilanza Privata. Il titolo di Guardia Particolare Giurata è soggetto a rinnovo ogni due anni previa verifica delle Autorità preposte della persistenza dei requisiti psico-fisico-attitudinali nonché legali. La Guardia Particolare Giurata è inquadrata giuridicamente come "Incaricato di Pubblico Servizio", benché alcune sentenze della Corte di Cassazione ne abbiamo evidenziato anche la qualità di "Agente di Polizia Giudiziaria" e di "Pubblico Ufficiale"; ma solo quando, in determinate specifiche occasioni, è chiamata a prestare soccorso ed a collaborare con altri Agenti o Ufficiali di Pubblica sicurezza.

10 Quali sono i compiti delle Guardie Giurate? I poteri delle Guardie Giurate si rifanno ad un ordinamento ed alla disciplina del Recentemente è stata attuata una profonda riforma del settore della vigilanza Privata (D.P.R. 153/2008 e D.M. n.269 del 2010), resasi necessaria dallo scenario attuale in cui le odierne Guardie Giurate si trovano ad operare. Le G.P.G. possono stendere dei verbali in relazione al servizio cui sono destinate; ma questi fanno fede in giudizio fino a "prova contraria" e non a fino a "Querela di Falso" come avviene per gli agenti di Polizia Giudiziaria. Il "Porto di Pistola" di cui sono quasi sempre dotate le G.P.G. è per "Difesa Personale" con tassa governativa ridotta; quindi dà diritto al porto d arma, con le limitazioni imposte dalla legge (non si può portare l'arma negli stadi, nei seggi elettorali, nelle pubbliche assemblee, riunioni politiche, aeroporti ecc.). Il rinnovo del "Porto d'armi" è biennale e solitamente coincide con quello del "Decreto di Nomina"a guardia giurata. Alle G.P.G. che prestano servizio armato, quindi, vengono rilasciate due differenti "Autorizzazioni di Polizia", seppur collegate fra loro; questo perché in qualche luogo i regolamenti delle Questure prevedono solo il servizio disarmato, come nel caso del controllo negli aeroporti; in altri casi, lo stesso cliente dell'istituto di Vigilanza richiede guardie prive di pistola. Alle G.P.G. armate viene poi concesso dalla legge di farne uso solo per legittima difesa (anche di terze persone) e stato di necessità (art52-54 del codice penale italiano). Alle Guardie Particolari Giurate e agli Istituti di vigilanza dai quali esse per lo più dipendono, i titoli vengono rilasciati dalla Prefettura; il controllo sull'operato viene poi espletato dalle Questure competenti. Area Business Vigilanza armata Vigilanza antirapina Vigilanza antiterrorismo per obiettivi sensibili vigilanza a patrimonio immobiliare e mobiliare pubblico e privato Piantonamento fisso Controllo accessi anche con utilizzo di metal detector rilevatori X-Ray e rilevatori di esplosivo, servizi di sicurezza in ambito aeroportuale portuale, museale e ferroviario vigilanza obiettivi sensibili vigilanza su mezzi di trasporto pubblico e privato Vigilanza ispettiva auto pattugliamento bonifiche e perlustrazioni ambientali Ronda di zona TeleSorveglianza Tele Vigilanza Pronto intervento su allarme Videosorveglianza Telesoccorso Telegestione e centralizzazione di sistemi di allarme controllo satellitare

11 Progettazione fornitura - installazione impianti e sistemi di sicurezza tecnologica, impianti e sistemi di radio e tele controllo, Impianti tv a circuito chiuso. Divisione servizi non armati Reception, Portierato, Accoglienza, Guardiania, Custodia, Controllo accessi, Hostess, Centralino Front Desk, Help Desk, Front Office, Control room. L Istituto di Vigilanza Alarm System, nasce dall esigenza di offrire alla clientela un pacchetto completo di servizi che partendo dalla progettazione dei sistemi elettronici si concludono con la Security. I numerosi anni di esperienza al servizio di amministrazioni pubbliche e private, ci hanno consentito di mettere a fuoco alcune problematiche che possono essere affrontate e risolte solo da nuovi servizi che solo la security può offrire. 1. Servizi di Vigilanza Ispettivi Ronde Pattugliamento consistono nell esecuzione di percorsi preordinati, tesi alla ispezione puntuale ed attenta di locali, edifici, perimetri protetti od altri asset, nonché nell esecuzione di azioni prestabilite di controllo. L attività può essere supportata da strumentazioni e sistemi elettronici a costante verifica ed in costante collegamento con un operatore in control-room, il quale provvederà alla puntuale ed immediata rendicontazione, a mezzo verbale di servizio, delle situazioni anomale e delle situazioni di emergenza. Le unità operative in funzione di pattugliamento, esercitano la vigilanza saltuaria, con ispezione interna e/o esterna, diurna e/o notturna con frequenze aritmiche ed intervalli irregolari allo scopo di evitare che l abitualità di tali comportamenti, osservata dai malviventi, possa facilitare le loro finalità e pertanto scoraggiandone, il più possibile, qualsiasi iniziativa. Gli Agenti osservano altresì i compiti e le mansioni per le quali sono state opportunamente istruite e formate dal Responsabile di zona, sulla stregua delle indicazioni fornite dalla cliente ed in conformità al Regolamento di servizio vigente nella provincia interessata. Le autopattuglie svolgono il servizio di prevenzione dei reati contro il patrimonio allo scopo di garantire la sicurezza di tutta l area di pertinenza, si attengono alle disposizioni operative preventive, per la quale sono state opportunamente addestrate, alle ulteriori prescrizioni specifiche concordate tra l Istituto ed il responsabile di zona, nonché alla normativa generale di settore disposta dalla Autorità di Pubblica Sicurezza. Gli Agenti sono in possesso degli equipaggiamenti necessari per lo svolgimento del servizio: foglio di marcia, disposizioni di servizio, codici, giubbotto

12 antiproiettile, torcia elettrica, plichi, chiavi, comandi elettronici, codici segreti e radio ricetrasmittenti portatili e telefono cellulare (appositamente dedicato con rete intranet) per i casi d ombra, in ragione di maggior sicurezza, foglio di servizio e foglio di marcia giornaliero. La vigilanza saltuaria viene effettuata da equipaggi a bordo di veicoli dotati dei contrassegni identificativi dell Istituto collegati con la Centrale Operativa, e pertanto coordinati dal Centro di Controllo dell Azienda. Le Guardie Giurate provvedono alle ispezioni di controllo del sito da vigilare e alla eventuale punzonatura degli orologi di controllo installati o all attivazione di sistemi di controllo elettronici (Datix), degli obiettivi da vigilare, al controllo altresì delle zone limitrofe all obiettivo vigilato, verificando, in particolar modo, la presenza sospetta di strumentazioni e mezzi, quali, pale meccaniche, roulottes, furgoni, camion, parcheggiati in prossimità dei luoghi citati, strumenti consueti per porre in atto effrazioni, scassinamenti e diretti all esecuzione di furti; verificano altresì la chiusura dei tombini della rete fognaria, cassoni per la raccolta dei rifiuti, ecc.; Vengono segnalate immediatamente al proprio Centro di Controllo eventuali anomalie e qualunque circostanza sospetta riscontrata nei ed in prossimità dei siti da vigilare. Le stesse circostanze vengono per iscritto relazionate al termine del servizio, per essere successivamente trasmesse, al referente della committente. Durante il servizio, in caso di situazioni anomale, quale segni di scasso, effrazione, incendio, allagamento, l operatore del centro di Controllo provvede a segnalare la fattispecie alle Forze dell Ordine del Comando locale, ai Vigili del Fuoco al Personale Sanitario, comunicando esaurientemente le coordinate dell autovettura dell Istituto. 2. Servizi di Vigilanza Fissa Il Piantonamento fisso viene eseguito con le seguenti modalità. Controllo fisico, costante ed ininterrotto, dei beni mobili di proprietà del cliente/azienda/ente/committente, la finalità è di difendere gli asset sorvegliati. Il Presidio consiste nel controllo fisico, costante ed ininterrotto, di locali, edifici o altri beni di proprietà del cliente/azienda/ente/committente con la finalità di verificare il corretto svolgersi di eventi e o situazioni, compreso il compimento di precise azioni come indicato in apposite procedure. Si distingueranno in: servizi di vigilanza antirapina (effettuati presso Istituti di Credito ed obiettivi similari, ad alto rischio), e servizi di piantonamento fisso di vario genere (Sedi di Enti Aziende Ospedali Centrali Elettriche - depositi carburanti - Cantieri Obiettivi sensibili Magazzini ecc.).

13 3. Servizio di Vigilanza Antirapina Questo servizio si differenzia in modo sostanziale dal servizio di vigilanza fissa, perché mentre quest ultimo è mirato soprattutto alla prevenzione di reati contro il patrimonio, il Servizio di Vigilanza Antirapina è specificamente mirato alla prevenzione del reato di rapina, tenendo sotto controllo i movimenti di persone in entrata ed uscita dagli accessi del sito protetto e controllando il movimento di persone sospette, al fine di rilevare sintomi che potrebbero far presagire l esistenza di un pericolo, immediato o imminente. 4. Servizio di Vigilanza Anti Taccheggio Questo servizio ha assunto negli ultimi tempi una importanza crescente, direttamente legata allo sviluppo di grandi centri commerciali, ove il reato di furto di merce esposta al pubblico, durante l orario di apertura, sta assumendo delle proporzioni endemiche. 5. Servizio di Pronto Intervento Il servizio di pronto intervento descrive le procedure relative ad una vigilanza ispettiva non programmata, attivata a seguito di situazioni anomale riscontrate nell ambito dei servizi di telesorveglianza. Su tutto il territorio dove sono presenti le basi logistiche ALARM SYSTEM, sono istituite per tutti i giorni dell anno, auto pattuglie di zona, adibite al pronto intervento in caso di emergenze. Le auto pattuglie, attivate dalla Centrale Operativa, sono in grado di giungere sul punto dove è pervenuta la richiesta di intervento, in tempi rapidissimi. 6. Servizi di gestione di Sala Operative e Sale Operative Gemelle Questo servizio è particolarmente importante, anche dal punto di vista della normativa, in quanto non solo l elemento umano rappresenta una componente significativa, ma si pongono in particolare evidenza numerosi aspetti tecnologici, che nei servizi precedentemente illustrati giocavano un ruolo decisamente meno significativo. La sala Operativa di un Istituto di Vigilanza privata è il vero e proprio centro nevralgico dell attività dell istituto, non solo perché funge da centro di gestione dei servizi di Telesorveglinza, ma anche perchè deve coordinare tutti i servizi offerti alla clientela. Lo stesso concetto vale per le Sale Gemelle con la differenza che dopo una certa ora tutto il coordinamento passa nella Sala Operativa Centrale.

14 7. Unità per incarichi speciali di controllo varchi Alarm System in virtù di accordi con aziende partners, (Gilardoni) mette a disposizione unità mobili e fisse e agenti specializzati, armati e muniti di apparato ricetrasmittente, in costante collegamento con la Centrale Operativa e con il responsabile di zona della società, forniti altresì di apposita strumentazione elettronica, portatile e fissa, rilevatrice di materiali e sostanze pericolose, specificatamente addestrati e certificati per l esercizio di incarichi speciali, quali controllo accessi di aree sensibili (Check Point), e controllo di materiali, pacchi, posta, in spedizione ed in arrivo, presso: porti; stadi, musei, fiere, concerti, eventi sportivi, politici e culturali; mostre,congressi,convegni, manifestazioni, centri di spedizione e smistamento; aziende, industrie, edifici pubblici, banche, ospedali,. Gli agenti giurati Alarm System, assegnati a servizi di codesta natura sono in possesso delle attestazioni e certificazioni rilasciate da enti e da aziende costruttrici, per l utilizzo ed il controllo (test) dell efficienza degli apparati utilizzati nella erogazione del servizio. Security equipment and accessories: Metal detector fissi e manuali per la rilevazione di armi, metalli, oggetti e materiali pericolosi, ad altissima sensibilità di rilevamento per operazioni sia a bassa che ad alta velocità di transito; Analizzatori elettromagnetici per il controllo di contenitori, bottiglie di qualsivoglia materiale e conseguente rilevamento di liquidi e sostanze pericolose; Apparati X-Ray per il controllo di merci, bagagli, spedizioni, contenitori, colli di medie e grandi dimensioni, per il rilevamento di armi, merci, sostanze e materiali pericolosi, liquidi non identificabili, ordigni, esplosivi. Servizi in sintesi nelle Province per le quali si è autorizzati ad esercitare le attività: Attività Vigilanza armata Vigilanza tecnologica Trasporto scorta e trattamento valori Ronde Reception Portierato CAGLIARI SI SI NO SI NO ORISTANO SI SI NO SI NO SASSARI NO SI NO NO NO NUORO NO SI NO NO NO OLBIA TEMPIO NO SI NO NO NO

15 Il Rag. Efisio Zedda, Fondatore e Rappresentante Legale della Alarm System, è alla conduzione dell impresa e ne traccia le linee guida, tuttavia, per il raggiungimento degli obiettivi prestabiliti, lo stesso si avvale di un equipe di personale e di collaboratori, rappresentato da risorse a disposizione dell'impresa, in grado di presiedere le rispettive funzioni di competenza, di pianificare e di gestire le proprie cariche, tale da predisporre ed istruire l organizzazione aziendale all immediato futuro, di programmare i conseguenti piani manageriali, in grado di coordinare ed assicurare il funzionamento e l efficienza della gestione organizzativa, dei processi evolutivi aziendali, nonché di garantire l allineamento e l armonizzazione degli apporti delle varie componenti dell impresa. All interno dell azienda ALARM SYSTEM risultano ben distinte le diverse funzioni, uffici affidati a professionisti e soggetti di comprovata esperienza. REQUISITI PROFESSIONALI Oltre alle elencate licenze Prefettizie, listituto ALARM SYSTEM è in possesso delle seguenti autorizzazioni e certificazioni. AUTORIZZAZIONE ALL USO DI FREQUENZE RADIO RILASCIATA DAL MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI NULLA OSTA SEGRETEZZA/SICUREZZA (NOS) - AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA CLASSIFICATE, CON CERTIFICAZIONE RILASCIATA DALLA AUTORITA NAZIONALE PER LA SICUREZZA CERTIFICAZIONE CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA UNI 11068:2005

16 CERTIFICAZIONE DI QUALITA UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICAZIONE UNI 10891:2000 PER SERVIZI DI VIGILANZA

17 E. DOMOTICA Per Domotica si intende controllo informatico, supervisione, gestione elettromeccanica di diverse tipologie di impianti quali: Allarme intrusione; Videosorveglianza; TVCC; Controllo accessi; Carichi elettrici; Illuminotecnica; Climatizzazione; Hi-fi multi-room; Home-theatre; Fitness; Piscine; Giochi d acqua; Depurazione; Irrigazione; Profumazione; Serramenti e tende automatizzate; Centralini telefonici; Tv-sat; F. SISTEMI DI RACCOLTA E CENTRALIZZAZIONE DATI L'Alarm System opera nel campo della gestione e trasmissione dei dati e delle informazioni collegando le attività interne dell'edificio con il mondo esterno. Le soluzioni proposte: Sistemi basati su apparecchiature a ponti radio Sistema di radiocollegamenti mobili Raccolte e trasmissione dati e immagini su vettore a fibra ottica Sistema di elaborazione locali e centralizzati delle informazioni per il controllo supervisione degli eventi periferici Sistemi di concentrazione allarmi per gestione centralizzata sedi Periferiche Sistema di rivelazione presenze G. IMPIANTI ELETTRICI CIVILI E INDUSTRIALI Alarm System Divisione Impianti Elettrici, offre soluzioni tecniche per qualsiasi esigenza di energia elettrica. Le soluzioni di impiantistica sono focalizzate sulle reali esigenze dei clienti, con la fornitura della completa assistenza su tutto ciò che ruota intorno all'elettricità, realizza impianti di

18 distribuzione dell'energia elettrica nei settori civile, commerciale ed industriale in osservanza delle attuali normative nazionali ed internazionali sulla sicurezza impiantistica. Durante gli anni l Azienda ha acquisito varie certificazioni, come l attestazione SOA categoria OS30, class. III, il certificato di qualità ISO ed è munita dei requisiti tecnico professionali rispetto alla legge n. 37 del 22 gennaio 2008 Impianti elettrici civili Realizzazione di impianti elettrici civili di singole abitazioni, complessi residenziali, uffici, studi medici, impianti elettrici di cantiere, impianti cito/videocitofonici, ecc. Ristrutturazioni di impianti elettrici civili in conformità alle normative vigenti. Impianti elettrici industriali Realizzazione di impianti elettrici industriali in M.T. / B.T. per industrie, capannoni, centri commerciali, ecc. In riferimento alle Norma CEI "Lavori su impianti elettrici", che ha l'obiettivo di individuare i soggetti coinvolti, la loro formazione e addestramento, per affrontare in sicurezza i lavori elettrici in BT, sotto tensione e fuori tensione e lavori in prossimità in AT e BT" Impianti di Cablaggio strutturato Il cablaggio strutturato rappresenta l'insieme di componenti passivi necessari per la corretta trasmissione dei segnali generati dai componenti attivi. Attualmente il cablaggio strutturato viene principalmente impiegato per la distribuzione dei segnali telematici (fonia e dati), ma sta rapidamente prendendo piede il suo utilizzo per la trasmissione anche di altre tipologie di segnale (impianti rilevazione incendi, videosorveglianza, PLC industriali, ecc.) DALLA PROGETTAZIONE ALL'AGGIORNAMENTO TECNICO Un settore cosi complesso come quello della gestione delle principali funzioni presenti in un edificio richiede una profonda conoscenza e comprensione di tutte le esigenze e i problemi del cliente. Ogni realtà è spesso un caso a sé e l'affidabilità che l'alarm System assicura non risiede solo nei prodotti di alta tecnologia e sicurezza, ma anche nelle capacità di seguire ogni fase di lavoro, garantendo consulenza tecnica, collaudi, manutenzione e costante aggiornamento tecnico. Le attività svolte dalla Alarm System risultano essere: Studi di fattibilità e consulenza Il primo passo operativo determinante per un risultato di massima efficienza e sicurezza finale, è lo studio di fattibilità, in base al quale l'alarm System determina e consiglia ciò che può essere più vantaggioso per il cliente sia in termini di funzionalità che di economia di esercizio. Progettazione E` insieme al cliente che l'alarm System studia le principali linee di intervento e di definizione sistemistica per la soluzione delle specifiche esigenze.

19 Ingegneria di sistema L'engineering Alarm System permette di affrontare ogni problema di sicurezza e di funzionalità in termini di "sistema". L'analisi di dettaglio trasforma le esigenze in progetto finale, ciò per fornire sempre soluzioni calibrate rispetto a specifici problemi. Installazione e collaudo L'Alarm System è presente per tutta la fase di installazione del sistema con tecnici altamente specializzati che sovrintendono il lavoro nel rispetto delle specifiche e delle normative tecniche vigenti. Collegamento per servizi di telesorveglianza, tele gestione e videosorveglianza Il collegamento remoto con il Centro di Coordinamento Operativo permette la gestione completa del sistema, dalla segnalazione dell evento al pronto intervento armato 24/ore. Servizi di Vigilanza L Istituto di Vigilanza Alarm System nasce dall esigenza di offrire alla propria clientela un Pacchetto Sicurezza completo che va dalla progettazione del sistema elettronico alla gestione e all interevento armato con proprio personale Documentazione e corsi tecnici Una documentazione tecnica esauriente accompagna ogni realizzazione della Alarm System. Corsi di aggiornamento sono periodicamente organizzati presso il proprio centro o presso i Clienti, questo in moda da disporre sempre di una struttura all'altezza dei progressi tecnologici dei suoi prodotti. FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO RISORSE Nel duro impegno del contrasto alla criminalità, nella consapevolezza dell impegno chiesto alle guardie giurate, per l Alarm System è di fondamentale importanza approfondire gli aspetti formativi del proprio personale per metterlo in condizioni di poter fronteggiare con prontezza qualsiasi esigenza operativa. Alarm System al fine di garantire professionalità, efficienza e alta qualità dei propri servizi, ha sempre dato priorità alla formazione del proprio personale dipendente dedicando grande attenzione nella preparazione teorica e nell addestramento pratico delle GPG, sia per la sicurezza degli obiettivi sorvegliati, sia per salvaguardare l incolumità personale delle guardie giurate. Con la consulenza di professionisti e testi normativi idonei, vengono svolti corsi di formazione fondamentali per delineare le inclinazioni del soggetto e far emergere le attitudini e le capacità dell individuo. Criteri di selezione La selezione del personale costituisce un elemento fondamentale per un azienda, e ancor di più nel settore delle sicurezza privata, le cui attività sono imperniate sula moralità e sulla buona condotta dei

20 propri operatori, a cui vengono materialmente affidati la custodia e la sorveglianza dei beni mobili ed immobili della clientela. La moralità di tutte le Guardie Giurate deve essere integra, poiché è ad essi che viene materialmente affidata la custodia e la sorveglianza dei beni mobili ed immobili della clientela. Oltre ai requisiti previsti dal TULPS, i requisiti generali preferenziali di una aspirante Guardia Giurata possono essere così sintetizzati: - titolo di studio (preferibilmente nel settore informatico); - buona padronanza della lingua italiana; - possesso di attestati di specializzazione; - aver assolto il servizio - conoscenza di almeno una lingua straniera; - patente di guida; - attitudini alle relazioni interpersonali; - prontezza di spirito; - buona prestanza fisica. L assunzione avrà luogo soltanto dopo l accertamento e la rispondenza dei candidati ai requisiti soggettivi ed attitudinali necessari. Formazione ed aggiornamento Alarm System, affinché i servizi di vigilanza vengano svolti con l impiego di personale qualificato, non soltanto dotato dei requisiti di legge, ma che possegga quella preparazione, teorica e pratica, necessaria ad elevare la professionalità dello stesso, organizza presso la propria sede centrale appositi corsi di formazione. Il programma di studi per la formazione e l addestramento degli aspiranti a Guardia Particolare Giurata è fornito dal Ministero dell Interno, tuttavia la formazione viene integrata in conformità agli scopi operativi ed organizzativi e sulla base delle specifiche tipologie di servizi da eseguire. Gli aspiranti GPG vengono istruiti sulla corretta esecuzione delle attività nelle quali possono potenzialmente essere chiamati ad operare. La formazione teorico-pratica è effettuata nel rispetto dei programmi e delle tempistiche prestabilite dai CCNL in vigore per i dipendenti di Istituti di Vigilanza Privata e dalle norme contenute nei Regolamenti di Servizio delle Questure competenti per territorio. Inoltre Alarm System completa la formazione delle guardie particolari giurate con le seguenti ulteriori attività istruttive eseguite da docenti esterni: corsi antincendio; corsi di primo soccorso; corsi per utilizzo attrezzature radiogene; corsi sulle norme di comportamento; da interni: utilizzo dei sistemi e strumenti informatici; corsi sulla gestione dei varchi, badge e utilizzo software controllo accessi, gestione impianti di sicurezza; corsi Antiterrorismo, fondamenti di sicurezza ed emergenza; La formazione teorica non può prescindere dall apprendimento che si ottiene sotto il profilo praticooperativo che sviluppiamo secondo due fasi, precisamente: La prima fase, detta operativa, rappresentata da un periodo di affiancamento al personale esperto di maturata e comprovata esperienza, direttamente sui luoghi vigilati.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli