Comune di Cinisello Balsamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Cinisello Balsamo"

Transcript

1 Comune di Cinisello Balsamo PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 Centro di Responsabilità n. 9 Polizia Locale e Protezione Civile Responsabile Antonino Borzumati

2 INDICE QUADRO SINOTTICO DEI PROGETTI Protezione Civile Sicurezza Urbana Educazione Stradale Progetto intersettoriale Videosorveglianza... 9

3 Obiettivi del settore Polizia Locale e Protezione Civile per il 2011 Fatti salvi i compiti e le attività istituzionali peculiari della Polizia Locale, per il corrente anno è prevista un importante iniziativa intersettoriale che riguarda lo studio di fattibilità dell implementazione dell attuale sistema di videosorveglianza gestito dalla centrale operativa del corpo, al fine di ottenere uno strumento tecnologicamente avanzato con possibilità di utilizzo delle altre forze dell ordine operanti sul territorio (Carabinieri e Polizia di Stato). Il settore, avendo apparati di trasmissione obsoleti (in funzione da oltre 10 anni), gestirà autonomamente il progetto di rinnovo del sistema di comunicazioni radio, ormai tecnologicamente superato perché trasmette in funzione analogica. Sarà anche data attuazione al Patto Locale di sicurezza che abbraccia i comuni tra il territorio dell area geografica Milano - Monza Brianza e che comprendono: Cinisello Balsamo, Lentate sul Seveso, Barlassina, Paderno Dugnano, Solaro, Bresso, Bollate, Senago, Cesano Maderno, Limbiate, Bovisio Masciago; l attuazione segue gli indirizzi e degli obiettivi della L.R. 14 aprile 2003 n. 4 Riordino e riforma della disciplina regionale in materia di polizia locale e sicurezza urbana. il Patto locale Polizia Locale comporterà un onere finanziario di un minimo di ,00 per investimenti in beni strumentali ritenuti necessari alla realizzazione dell'obbiettivo della "mitigazione del rischio urbano, le cui tipologie sono state individuate in accordo con le Polizie Locali partecipanti al patto intercomunale tra quelle ritenute necessarie alla realizzazione dell'obbiettivo della "mitigazione del rischio urbano ; il cofinanziamento al 70% della Regione Lombardia prevede una compartecipazione massima di ,00. Seguendo gli indirizzi dell amministrazione comunale e in forza dell impulso offerto dalla Regione Lombardia e dalla Prefettura di Milano, nel corso dell anno con la rivisitazione del piano di protezione civile sono in programma delle esercitazioni formative interne e operative in collaborazione con le associazioni di P.C. presenti sul territorio. Nel corso dell anno verrà consolidata e sviluppata ulteriormente l attività dell ufficio Prevenzione violenza sulle donne ; saranno organizzati incontri formativi presso lo scuole mirati a far percepire alla cittadinanza, in particolar modo al mondo femminile, per inculcare un maggior senso di tutela e di sicurezza. Seguendo gli indirizzi dati dall Amministrazione, tutto il personale, indipendentemente dal ruolo svolto nelle singole specializzazioni del corpo, sarà coinvolto in tutte le attività di settore, per il raggiungimento degli obiettivi assegnati e, soprattutto, per contribuire sinergicamente al mantenimento degli obbiettivi indicati nei PDO delle Aree 1& 2 mediante le azioni che sono già state proficuamente attuate nella scorsa gestione.

4 QUADRO SINOTTICO DEI PROGETTI TITOLO 9.1 Progetto Protezione civile (Rif. RPP PEG 9015) Scheda processo n Progetto Prioritario Sicurezza Urbana (Rif. RPP PEG PDO A 1.6 A2.1-2) Scheda processo n Progetto Formazione ed educazione stradale (RPP Rif. PEG 9005, 9011) Scheda processo n Progetto Intersettoriale Videosorveglianza (Rif. -RPP PEG ) Scheda processo n. 56 FINALITA Disporre di una struttura di protezione civile sul territorio di primo intervento Aumentare il livello di sicurezza percepita dal cittadino mediante: a. prevenzione e controllo della sicurezza stradale e i servizi di vigilanza sul territorio e sulle attività della popolazione b. pieno recupero delle sanzioni amministrative c. corretto svolgimento delle attività produttive e commerciali, fisse ed ambulanti nonché i mercati civici d. servizi di vigilanza sull'attività edilizia e produttiva e. attività di Polizia Giudiziaria f. gestione amministrativa dell'infortunistica stradale g. gestione del protocollo e gli archivi della Polizia Municipale h. gestione de l'organizzazione del Corpo i servizi a terzi I. attività dell'ufficio prevenzione violenza sulle donne" Organizzre Percorsi formativi all'uso cosciente della strada Monitoraggio capillare del territorio mediante videosorveglianza.

5 (Rif. - RPP ) Scheda processo n Protezione Civile PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZE OPERATIVE INTRODUZIONE La gestione dei rischi e degli interventi di protezione civile ha come previsione principale: a) L attività di coordinamento delle associazioni presenti sul territorio che operano nell ambito della Protezione Civile; b) l attività sarà incentrata sul progetto di aggiornamento dei piano comunale di intervento; c) l incremento delle dotazioni strumentali; d) l organizzazione di esercitazioni che coinvolgano tutte le realtà che operano nello specifico settore. L adeguamento del piano di protezione civile prevederà l adozione di piani di emergenza calati su ipotetici scenari di rischio. La realtà territoriale di Cinisello Balsamo fino ad oggi ha visto situazioni critiche legate ai seguenti fenomeni: incidenti stradali con il coinvolgimento di trasporti pericolosi e a rischio; avverse condizioni atmosferiche; allarme industriale; presenza del cono di atterraggio-decollo di aeroporto turistico Facendo leva sull esperienza del settore e utilizzando le innovative tecnologie si creerà un protocollo procedurale di intervento consono alla realtà territoriale, in particolare sulle prime due cause di criticità. OBIETTIVI Creazione di un sistema a schede in formato digitale, suddivise per aree di intervento, che prevede l utilizzo e la trasmissione di procedure standardizzate in caso di emergenza; le schede masterizzate su supporto rigido, consentono il miglior utilizzo in caso di emergenza. Contenuto del sistema: numero di risorse umane da impiegare in relazione alla gravità del caso; check list degli enti da allertare (ospedali, servizi sociali, ASL. Ecc.); check list degli operatori esterni al Corpo di Polizia da impiegare (Volontari, ecc.); dati sulla popolazione; mappe territoriali con suddivisione delle strutture e delle aree, in relazione all utilizzo delle aree stesse; di raccolta, vie di fuga verso gli ospedali ; tempi di intervento. Sarà inoltre garantita l erogazione dei contributi alle Associazioni presenti sul territorio che operano in convenzione con l Amministrazione comunale. Per l acquisizione di strumentazione tecnica (Quod, DPI di reparto) e l aggiornamento del Piano Comunale, essendo contratti di importi al di sotto della soglia comunitaria, si procederà in ottemperanza alle linee guida di cui alla DD 1539/2010. RISORSE Risorse umane: quelle indicate nella scheda processo Risorse strumentali: quelle indicate nella RPP Risorse finanziarie: quelle indicate nell allegato contabile INDICATORI Quelli indicati nella scheda processo

6 9.2 Sicurezza Urbana (Rif. RPP Rif. PDO A1.6 A2.1-2) Scheda processo n. 54 La complessa e variegata attività della Polizia Locale nell ambito della Sicurezza Urbana viene declinata in una molteplicità di azioni ed esprime il maggior contributo nella sicurezza stradale. È assodato che il numero degli incidenti mortali che avvengono nelle strade cittadine ha ormai di gran lunga superato il numero di quelli che avvengono sulle strade extra-urbane. Un maggior controllo delle strade, una maggiore sensibilizzazione ed educazione stradale verso i cittadini accompagnati dal fondamentale coinvolgimento di tutti gli attori, istituzionali e non, con azioni convergenti uniformi rappresentano la finalità principale del progetto. OBIETTIVI a. Gestire i servizi di prevenzione e controllo della sicurezza stradale e i servizi di vigilanza sul territorio mediante l intensificazione dei controlli di polizia stradale per la prevenzione e la sicurezza della circolazione: controlli sistematici per prevenire la guida in stati di ebbrezza, velocità eccessiva, comportamenti di guida pericolosi, controllo dell'autotrasporto di merci. La struttura del servizio di polizia stradale, alla luce anche dell impulso offerto dalla possibilità di allocare risorse in tal senso dell art. 208 del C.D.S. così come modificato dalla legge 120/2010, potenzierà i controlli sul territorio al fine di conseguire in modo costante l obbiettivo della riduzione del numero della sinistrosità stradale e dei comportamenti pericolosi. Nel corso dell anno 2011 la rete stradale cittadina sarà sempre sottoposta al costante monitoraggio della velocità su ogni via del territorio in parallelo all ordinaria attività di controllo. Saranno mantenute le postazioni fisse sul Viale Fulvio Testi con la relativa gestione della procedura di prevenzione e repressione in materia di circolazione stradale. b. Garantire il pieno recupero delle sanzioni amministrative. L'attività comprende la gestione di tutti i procedimenti sanzionatori derivanti dalla esecuzione ed attuazione degli interventi repressivi e delle attività correlate di cui alle azioni indicate ai punti a.) c.) d.). L obbiettivo principale è una razionalizzazione dell'attività dell'ufficio preposto in modo da raggiungere una maggior efficienza dello stesso con un risparmio dei costi. c. Garantire il corretto svolgimento delle attività produttive e commerciali, fisse ed itineranti, nonché dei mercati civici, mediante controlli di polizia amministrativa, anticipati da specifiche campagne di sensibilizzazione. Identica attività di controllo sarà riservata ai controlli di polizia urbana (regolamenti, ordinanze). Oltre alla dovuta repressione per fronteggiare l'abusivismo commerciale, il personale sarà impiegato per intensificare l attività di prevenzione in occasione dello svolgimento di manifestazioni fieristiche con notevole affluenza di persone. L attività di controllo sarà implementata in occasione di vendite straordinarie (liquidazioni, saldi, promozionali) e sottocosto, a tutela e garanzia del consumatore. d. Gestire i servizi di vigilanza sull'attività edilizia e produttiva intensificando il controllo in ambito edilizio ed ambientale. e. Garantire un attenta attività di Polizia Giudiziaria per prevenire i fenomeni criminosi e garantire la necessaria repressione degli illeciti penali, in particolare quelli riguardanti la circolazione stradale; gestire i procedimenti penali derivanti dall'attività delegata dall'autorità Giudiziaria, e quelli scaturenti dalle attività istituzionali proprie e dall'esecuzione delle strategie di cui ai predetti programmi. f. Gestire i procedimenti amministrativi e penali derivanti dall'infortunistica stradale con sole due persone specializzate, al fine di non sottrarre operatori all'attività di vigilanza esterna; redazione degli atti amministrativi derivanti dai rilievi degli incidenti stradali. g. Gestire il protocollo e gli archivi della Polizia Municipale garantendo la corretta archiviazione degli atti in entrata e in uscita in ossequio agli adempimenti normativi.

7 Proseguire nella gestione dell'organizzazione amministrativa del Corpo con riguardo alle attività di cui ai programmi definiti. h. Gestire l'organizzazione del Corpo e i servizi all utenza, strutturando l attività del corpo in funzione dei carichi di lavoro; riorganizzare i servizi e l'attività del corpo per una maggior efficienza ed economicità della struttura; gestire le presenze e il calendario operativo estemporaneo. Razionalizzare l'uso dei veicoli mantenendo in efficienza gli stessi; garantire il supporto tecnico-amministrativo per la realizzazione dei progetti citati. In questo quadro gestionale si inserisce il potenziamento della dotazione strumentale destinata ai controlli di Polizia Stradale anche mediante l acquisizione di strumentazione tecnica specifica (gabinetto scientifico di fotosegnalamento, street control (controlli delle infrazioni in modo automatico), dotazione per la protezione individuale), così come previsto per la realizzazione dal Patto locale di sicurezza urbana cofinanziato con contributi della Regione Lombardia. Nel 2011 verrà inoltre realizzato il progetto di ristrutturazione del sistema radio, per passare dalla modalità analogica al nuovo standard di trasmissione digitale. Deputata al settore è anche la gestione delle aree destinate alla sosta a pagamento affidate in concessione a società esterna. Nel 2011, stante la scadenza contrattuale dell attuale concessione, verranno avviate le nuove procedure per l affidamento della nuova concessione secondo le finalità dell Amministrazione. i. Garantire l'attività dell'ufficio prevenzione violenza sulle donne: ci si prefigge di potenziare l attività di prevenzione e informazione per la mitigazione dei rischi legati ai reati subiti dalle fasce deboli organizzando incontri informativi nelle scuole; organizzare l attività di un ufficio di ascolto presso la sede della polizia locale; proseguire il monitoraggio delle aree sensibili con personale operativo e accertare eventuali reati connessi all attività. Nota: Per il rinnovo del sistema radio e l acquisizione della dotazione tecnica prevista (Gabinetto di fotosegnalamento, Street Control, Giubbotti antitaglio/proiettile), essendo previsti contratti per importi al di sotto della soglia comunitaria, si procederà in ottemperanza alle linee guida di cui alla DD1539/2010. RIFERIMENTO AL PIANO DEGLI OBIETTIVI A1.6 A2.1-2 Sarà sempre perseguita la razionalizzazione dei costi telefonici e del consumo di carta incentivando e sollecitando l utilizzo degli strumenti informatici (comunicazione tramite e- mail e posta certificata) indirizzando, tramite precise disposizioni di servizio, di evitare la stampa di materiale cartaceo non strettamente indispensabile. Sarà potenziato, ove possibile, la trasmissione di documenti mediante PEC in ottemperanza al disposto del decreto 29 novembre 2008, n. 185 convertito in legge 28 gennaio 2009, n. 2 e l uso della firma digitale richiedendo l abilitazione anche per i responsabili dei servizi. Sarà cura del settore perseguire l ottimizzazione del parco veicolare ed una più attenta e puntuale gestione. In particolare si cercherà di ridurre il numero di veicoli in gestione razionalizzandone l utilizzo e sensibilizzare il personale ad un utilizzo più parsimonioso con uno stile di guida più efficiente. RISORSE Risorse umane: quelle indicate nella scheda processo Risorse strumentali: quelle indicate nella RPP Risorse finanziarie: quelle indicate nell allegato contabile INDICATORI Quelli indicati nella scheda processo

8 (Rif. RPP ) Scheda processo n Educazione Stradale Lo svolgimento dell educazione stradale è previsto dall art. 230 del C.d.S. Il progetto prevede il coinvolgimento degli utenti della strada, sia giovani che adulti, in un percorso mirato alla conoscenza delle regole stradali e al loro rispetto, mettendo in luce i comportamenti a rischio. Il mantenimento della presenza degli agenti per I corsi di educazione stradale nelle scuole cittadine di ogni ordine e grado sarà considerato anche per il 2011 prioritario. Il programma educativo prenderà in considerazione la presenza soprattutto presso le scuole superiori, considerato che la richiesta di corsi per il conseguimento del certificato di abilitazione alla guida del ciclomotore (patentino) risulta essere sempre di maggior interesse. Saranno garantiti i contatti educativi con l utenza adulta, dando continuità ai corsi per il recupero dei punti decurtati dalla patente di guida. OBIETTIVI a) Interventi formativi in sede con l utenza (recupero punti patente) Nel 2011 saranno mantenuti i corsi per il recupero dei punti decurtati dalla patente di guida così come autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (comunicazione n. MOT3/5128/M350PaP del 10/12/2004). Ogni quadrimestre sarà organizzato un corso di 12 ore che vede la partecipazione massima di 25 utenti per corso. Anche per l anno 2011, si confermano le condizioni di partecipazione con un costo pari a 50,00 per ogni partecipante, a titolo di rimborso spese di segreteria/cancelleria. Un ulteriore contributo di 50,00 sarà dovuto per ogni lezione di recupero a cui ogni singolo partecipante è tenuto a recuperare in caso di assenza a quelle programmate. b) Interventi formativi nei plessi scolastici L obbiettivo prioritario è educare a vivere in sicurezza la strada, con la presenza di personale della polizia locale nelle scuole di ogni ordine e grado. Compito principale è quello di individuare il corretto comportamento dei ragazzi sulla strada con la collaborazione del personale docente. L approccio serve a sensibilizzare il concetto del rispetto della legalità e la conoscenza delle norme di comportamento sulla strada, fondamentale per la sicurezza dei pedoni, dei ciclisti e dei ciclomotoristi. La programmazione di corsi mirati al conseguimento del certificato di abilitazione per la guida del ciclomotore ( patentino ) serve per rendere un servizio mirato alla conoscenza delle regole, con il vantaggio per i giovani di acquisire un titolo a costo zero. RISORSE Risorse umane: quelle indicate nella scheda processo Risorse strumentali: quelle indicate nella RPP Risorse finanziarie: quelle indicate nell allegato contabile INDICATORI Quelli indicati nella scheda processo

9 9.4- Progetto intersettoriale Videosorveglianza (Rif. - RPP ) Scheda processo n. 56 OBIETTIVI Monitoraggio capillare del territorio mediante videosorveglianza Il progetto prevede, in collaborazione con il settore ICT, per il necessario supporto tecnico, la realizzazione di un collegamento tra alcune postazioni di videosorveglianza presenti sul territorio e il Commissariato di PS e l implementazione, sulla base delle disponibilità finanziarie che verranno reperite, dei sistemi attualmente in uso. Le risorse necessarie potranno essere attinte, per quanto riguarda i sistemi deputati alla videosorveglianza correlata alla sicurezza della circolazione stradale mediante i fondi a destinazione vincolata di cui all art. 208 del Codice della Strada. Per altre finalità di sicurezza verrà individuata la possibile collaborazione con enti e/o aziende stipulando a tal fine idonee convenzioni. RISORSE Risorse umane: quelle indicate nella scheda processo Risorse strumentali: quelle indicate nella RPP Risorse finanziarie: quelle indicate nell allegato contabile. Per l implementazione legata alla sicurezza stradale q.p. dello stanziamento ascritto al cod cap GESTIONE AMMINISTRATIVA SETTORE 9: ACQUISTO DI MEZZI, AUTOMEZZI E ATTREZZATURE POLIZIA LOCALE (FF24 - SANZIONI CODICE DELLA STRADA); per l implementazione relativa alla sicurezza in generale si valuterà la disponibilità di aziende e/o società a sottoscrivere accordi e/o convenzioni.

10 Obiettivo di processo Misurazione della performance Anno 2011 Settore Servizio CdC Polizia Locale e Protezione Civile Borzumati Antonino Assessore Competente Dirigente SERVIZIO TUTELA DEL TERRITORIO, EDILIZIA, ECOLOGIA e PROTEZIONE CIVILE 9015 Sala Carlo Veronese Davide Che collabora Crippa Fabio PROCESSO 53 Protezione Civile Finalità del Processo Disporre di una struttura di protezione civile sul territorio di primo intervento Missione - Visione dell'ente Creare la cultura operativa per la gestione delle emergenza alla luce di un aggiornato Piano di Protezione Civile. Altro Assessore Popolazione n. iniziative realizzate congiuntamente con le associazioni n. preallertamenti squadra reperibilità Indici di Quantità n. esercitazioni addestrative personale P.L. n. esercitazioni progettate Indici di Tempo Stakeholders Cittadini residenti in prossimità di aree R.I.R. (Rischio Incidente Rilevante), Amministrazione Indici media triennio prec. Atteso nell'anno , , , ,7 7 Raggiunto nell'anno Raggiunto nell'anno /Triennio prec. Raggiunto nell'anno/ Atteso nell'anno Tempo medio intervento su calamità naturali in minuti (su esercitazione) Tempo medio intervento su emergenza in minuti (su esercitazione) Indici di Costo

11 Contributi erogati alle associazioni n. beneficiari (Associazioni) Importo finanziato da altri enti (trasferimenti statali x investimenti) Spese correnti di Protezione civile - Adeguamento Piano , , , , ,00 5,00 5,00 5,00 5,00 4, , , , , , ,00 Indici di Qualità % gradimento (indagine) 0 0,00% 0,00% 0,00% 90,00% Personale coinvolto nel Processo Collaboratori coinvolti nel Processo Cognome Nome Categoria BORZUMATI ANTONINO Dirigente N ore o % tempo dedicate/o al processo AUTUNNO ANTONIO 002/CV/C1/C3/ 2% BANNINO GIACOMO 002/CV/C1/C2/ 2% BARBATO ANNA 002/CV/C1/C4/ 2% BELLIO MARIA LUISA 002/CV/C1/C4/ 2% BOIOCCHI GIAMPAOLO 002/CV/C1/C5/ 2% BOSCHINI ANDREINO 002/CV/C1/C5/ 2% BRUNINI MASSIMILIANO 002/CV/C1/C5/ 2% CACCIALANZA CHRISTIAN 002/CV/C1/C1/ 2% CAMPANA VINCENZO 002/CV/C1/C5/ 2% CAPALDO ANIELLO 002/CV/C1/C1/ 2% CARIANI ADELE 002/CV/C1/C5/ 2% CERUTI MARCO 002/CV/C1/C1/ 2% CIRILLO GAETANO 002/CV/C1/C1/ 2% COLDEBELLA ALBERTO 002/CV/C1/C4/ 2% CONTA MASSIMO 002/CV/C1/C5/ 2% CRIPPA FABIO MASSIMO 002/DV/D3/D4/ 6% DI NARDO MICHELE F. 002/DV/D1/D3/ 2% DICIOLLA MICHELE 002/CV/C1/C5/ 2% FEDELE RICCARDO 002/CV/C1/C1/ 2% FILIPPELLI ROCCO NICOLA 002/DV/D1/D3/ 2% FURCI FRANCESCO 002/CV/C1/C3/ 2% GALLINO GIACOMO 002/CV/C1/C1/ 2% 4% Tipo società privata per l'aggiornamento del piano comunale di protezione civile Ente di diritto pubblico con prerogative di carattere internazionale associazione associazione associazione Costo Nominativo 8.000,00 da individuare mediante procedura di selezione 5.500,00 croce rossa italiana ,00 volontari protezione civile cinisello balsamo 2.500,00 agesci scout 2.000,00 gruppo cinofili cinisellese

12 GALLO CALOGERO 002/CV/C1/C4/ 2% GARBIN MARCO 002/CV/C1/C5/ 6% GATTI DANIELE 002/CV/C1/C5/ 2% GATTUSO GIOVANNI 002/CV/C1/C4/ 2% GIGANTE NICOLA 002/CV/C1/C5/ 2% GRIMOLDI GIORGIO GIOVANNI 002/CV/C1/C2/ 6% IOVINO ANIELLO 002/CV/C1/C5/ 2% IUDICA LUCA 002/CV/C1/C1/ 2% LAGANA' MAURIZIO 002/DV/D1/D3/ 2% LOMBARDO MARIAROSA 002/CV/C1/C1/ 2% MARCHESI IVAN 002/CV/C1/C3/ 2% MARRA GIANFRANCO 002/DV/D1/D3/ 6% MARZORATI MARCO 002/CV/C1/C2/ 2% MELLERATO MARCO 002/CV/C1/C3/ 2% MONTEDORO AGOSTINA MARILENA 002/CV/C1/C4/ 2% MORETTI MONICA 002/DV/D1/D3/ 2% NAPOLITANO SALVATORE 002/CV/C1/C3/ 2% NARDIN WALTER 002/DV/D1/D1/ 2% PACCHETTI FABRIZIO 002/DV/D1/D3/ 2% PALERMO ANTONIO 002/DV/D1/D3/ 2% POZZATI SANDRA 002/CV/C1/C5/ 2% PUZZOLANTE ANTONIO 002/CV/C1/C5/ 2% QUATELA PIERLUIGI 002/CV/C1/C5/ 2% ROVETO ANIELLO 002/DV/D3/D4/ 2% RUBINO ANTONIO 002/CV/C1/C5/ 6% SALA CARLO 002/DV/D3/D4/ 2% SCOTTI PAOLO 002/CV/C1/C3/ 2% SEGHEZZI CLAUDIO 002/DV/D3/D3/ 6% SOLDANO GIUSEPPE ANTONIO 002/DV/D1/D4/ 2% TESTORI ROBERTO 002/CV/C1/C5/ 2% TUMINI CHRISTIAN ANTONIO 002/CV/C1/C1/ 6% VEZIO ANTONIO 002/CV/C1/C5/ 2% VIGANO' PAOLO 002/CV/C1/C4/ 2% VILLA ELENA 002/CV/C1/C5/ 2% VINCI MAURIZIO 002/CV/C1/C2/ 2% VIZZO LUCIANO 002/CV/C1/C4/ 2% ZEMA DOMENICO 002/CV/C1/C1/ 2%

13 Indicatori di Efficacia efficacia della progettazione (iniziative realizzate /attività progettate) Indicatori di Efficacia temporale INDICATORI DI PERFORMANCE Media trienno precedente Performance attesa 100% 100% Performa nce realizzat a Scost ESITO Tempo medio intervento su calamità naturali in minuti Tempo medio intervento su emergenza in minuti Indicatori di Efficienza Economica Valore medio contributi erogati/esercitazioni con associazioni (Contributi erogati alle Associazioni/n. iniziative realizzate congiuntamente con le associazioni ) , ,00 % media finanziamento (importo finanziamenti da altri Enti/popolazione) 0,16 0,16 Indicatori di Qualità n. preallertamenti squadra reperibilità 0 3 n. iniziative realizzate congiuntamente con le associazioni 2 2 n. esercitazioni addestrative personale P.L. 0 2 Iniziativa Analisi delle iniziative Operatività Esercitazioni di protezione civile in collaborazione con le associazioni presenti sul territorio Aggiornamento del piano comunale di emergenza Revisione dell'attuale Piano dei rischi di Protezione Civile e coinvolgimento del personale di Polizia Locale nelle attività di Protezione Civile. Mantenimento dei rapporti con le associazioni (Rif. RPP PEG 9015) Analisi del risultato

14 Obiettivo di processo Misurazione della performance ANNO 2011 Settore Polizia Locale e Protezione Civile Borzumati Antonino Assessore Competente Dirigente Assessore Servizio Servizio SERVIZIO ATTIVITA' PRONTO INTERVENTO E PROCEDURE SANZIONATORIE Crippa Fabio Veronese che collabora ATTIVITA' GENERALI DI SETTORE Seghezzi Claudio Davide Altro Servizio Servizio CdC SERVIZIO POLIZIA AMMINISTRATIVA SERVIZIO TUTELA DEL TERRITORIO, EDILIZIA, ECOLOGIA Roveto Nello Sala Carlo PROCESSO 54 Sicurezza Urbana Finalità del Processo Aumentare il livello di sicurezza percepita dal cittadino Missione - Visione dell'ente La città si-cura Stakeholders Cittadini, Amministratori, Automobilisti, Motociclisti Ciclisti, Pedoni, Imprese, Attività produttive e commerciali, Autorità Giudiziaria, Assicurazioni, Uffici dell'amministrazione Indici di Quantità Indici media triennio prec Atteso nell'anno Raggiunto nell'anno Raggiunto nell'anno /Triennio prec Raggiunto nell'anno/ Atteso nell'anno Popolazione Km strade (esluso autostrade)

15 N. ore attività complessive pm ore straordinario ore assenza escluse ferie N. complessivo personale settore N. complessivo personale di P.L. N. controlli effettuati dal settore N. controlli in carico alla centrale operativa N. controlli ambientali N. controlli attività produttive e commerciali N. controlli su attività edilizie N. sanzioni emesse N. sanzioni totali CdS N. sanzioni emesse commercio N. sanzioni emesse edilizia + ambiente N. sanzioni pagate cds N. sanzioni a ruolo N. sinistri ,72 77,72 76,86 77,43 69, N. reati accertati N. presidi nelle areea rischio (prevenzione violenza donne) N. segnalazioni per l'attivazione dell'ufficio prevenzione violenza donne N. aree a rischio vilenza sulle donne N. istituti seperiori coinvolti nel programma prevenzione violenza donne N. istituti superiori potenzialmente interessati dal programma prevenzione violenza donne

16 Indici di Tempo Tempo medio di intervento su incidente stradale in minuti Tempo medio di intervento su richieste telefoniche in minuti Tempo medio di chiusura procedimento per controllo commerciale (gg) Tempo medio per rilascio rapporto incidente stradale in giorni Indici finanziari accertati totali cds incassi totali cds sanzioni edilizia + ambiente sanzioni commercio accertati a ruolo incassati a ruolo , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Indici di Qualità N. ricorsi G.d.P. presentati N. ricorsi G.d.P. accolti N. ricorsi G.d.P. respinti % gradimento (indagine rilascio rapporto incidente stradale) 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 85,00% Personale (Unità Operative) coinvolto nel Processo N ore o % tempo dedicate/o al Cognome Nome Categoria processo Tipo Collaboratori coinvolti nel Processo Costo Nominativo BORZUMATI ANTONINO Dirigente 85,0% AUTUNNO ANTONIO 002/CV/C1/C3/ BANNINO GIACOMO 002/CV/C1/C2/ 96,5%

17 BARBATO ANNA 002/CV/C1/C4/ BELLIO MARIA LUISA 002/CV/C1/C4/ BOIOCCHI GIAMPAOLO 002/CV/C1/C5/ BOSCHINI ANDREINO 002/CV/C1/C5/ BRUNINI MASSIMILIANO 002/CV/C1/C5/ CACCIALANZA CHRISTIAN 002/CV/C1/C1/ CAMPANA VINCENZO 002/CV/C1/C5/ CAPALDO ANIELLO 002/CV/C1/C1/ CARIANI ADELE 002/CV/C1/C5/ CERUTI MARCO 002/CV/C1/C1/ CIRILLO GAETANO 002/CV/C1/C1/ COLDEBELLA ALBERTO 002/CV/C1/C4/ CONTA MASSIMO 002/CV/C1/C5/ CRIPPA FABIO MASSIMO 002/DV/D3/D4/ DI NARDO MICHELE F. 002/DV/D1/D3/ DICIOLLA MICHELE 002/CV/C1/C5/ FEDELE RICCARDO 002/CV/C1/C1/ FILIPPELLI ROCCO NICOLA 002/DV/D1/D3/ FURCI FRANCESCO 002/CV/C1/C3/ GALLINO GIACOMO 002/CV/C1/C1/ GALLO CALOGERO 002/CV/C1/C4/ GARBIN MARCO 002/CV/C1/C5/ GATTI DANIELE 002/CV/C1/C5/ GATTUSO GIOVANNI 002/CV/C1/C4/ GIGANTE NICOLA 002/CV/C1/C5/ GRIMOLDI GIORGIO GIOVANNI 002/CV/C1/C2/ IOVINO ANIELLO 002/CV/C1/C5/ IUDICA LUCA 002/CV/C1/C1/ LAGANA' MAURIZIO 002/DV/D1/D3/ LOMBARDO MARIAROSA 002/CV/C1/C1/ MARCHESI IVAN 002/CV/C1/C3/ 84,0% 96,5% 86,5% 94,0% 96,5% 96,5%

18 MARRA GIANFRANCO 002/DV/D1/D3/ MARZORATI MARCO 002/CV/C1/C2/ MELLERATO MARCO 002/CV/C1/C3/ MONTEDORO AGOSTINA MARILENA 002/CV/C1/C4/ MORETTI MONICA 002/DV/D1/D3/ NAPOLITANO SALVATORE 002/CV/C1/C3/ NARDIN WALTER 002/DV/D1/D1/ PACCHETTI FABRIZIO 002/DV/D1/D3/ PALERMO ANTONIO 002/DV/D1/D3/ POZZATI SANDRA 002/CV/C1/C5/ PUZZOLANTE ANTONIO 002/CV/C1/C5/ QUATELA PIERLUIGI 002/CV/C1/C5/ ROVETO ANIELLO 002/DV/D3/D4/ RUBINO ANTONIO 002/CV/C1/C5/ SALA CARLO 002/DV/D3/D4/ SCOTTI PAOLO 002/CV/C1/C3/ SEGHEZZI CLAUDIO 002/DV/D3/D3/ SOLDANO GIUSEPPE ANTONIO 002/DV/D1/D4/ TESTORI ROBERTO 002/CV/C1/C5/ TUMINI CHRISTIAN ANTONIO 002/CV/C1/C1/ VEZIO ANTONIO 002/CV/C1/C5/ VIGANO' PAOLO 002/CV/C1/C4/ VILLA ELENA 002/CV/C1/C5/ VINCI MAURIZIO 002/CV/C1/C2/ VIZZO LUCIANO 002/CV/C1/C4/ ZEMA DOMENICO 002/CV/C1/C1/ BANDI GIUSEPPINA 002/B/B3/B7/V CARLOTTO ISOLINA ANNA 002/B/B3/B7/V NICASTRO ROSALIA LOREDANA 002/B/B3/B4/ PESCE PAOLA EMANUELA 002/B/B3/B6/V VENA LUIGIA RITA 002/B/B1/B4/ 94,0% 96,5% 96,5% 95,0% 96,5% 86,0% 96,5% 84,0% 94,0% 96,5% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0%

19 VICINI FAUSTA MARIA 002/B/B3/B6/V ZANI NADIA 002/C/C1/C5/ SACCHI RAUL 002/B/B1/B4/ 100,0% 99,0% 100,0% INDICATORI DI PERFORMANCE Media trienno precedente Performance attesa Performance realizzata Scost ESITO Indicatori di Efficacia Rapporto popolazione/agenti (popolazione/personale P.L.) Attività di controllo del territorio (N. controlli effettuati dal settore/n. complessivo personale di P.L.) % di abusivismo commerciale (sanzioni commerciali/controlli attività produttive e commerciali) % di abusivismo ambientale (sanzioni edilizia ambiente/controlli edilizia ambiente) Tasso illecito amministrativo (sanzioni emesse/popolazione) Ore di presenza media annuale (ore di attività complessive P.L. /N. complessivo personale settore) Tasso straordinario (ore di straordinario/ore di attività complessive P.L. ) Ore di assenza media del personale (ore di assenza/personale Settore) Indice di sinistrosità stradale (n. sinistri/ Km strade territorio) % Sanzioni a ruolo (n. sanzioni a ruolo/ n. sanzioni emesse) Grado di recupero verbali CDS (sanzioni pagate cds/sanzioni totali cds) Indice di sicurezza urbana PL (reati accertati/popolazione) % di coinvolgimento degli istituti al programma prevenzione violenza donne (N. istituti seperiori coinvolti nel programma prevenzione violenza donne/n. istituti superiori potenzialmente Media dei presidii su ogni area a rischio violenza sulle donne (N. presidi nelle areea rischio (prevenzione violenza donne)/n. aree a rischio violenza sulle donne) Indicatori di Efficacia temporale Tempo medio di intervento su incidente stradale in minuti Tempo medio di intervento su richieste telefoniche in minuti 1150, ,92% 21,15% 35,80% 35,71% 0,431 0, , ,58 4,45% 3,64% 118,61 103,06 6,93 6,30 27,37% 30,63% 59,26% 63,33% 0,002 0,001 50,00% 100,00% 16,25 17,

20 Tempo medio di chiusura procedimento per controllo commerciale Tempo medio per rilascio rapporto incidente stradale in giorni Indicatori di Efficienza Economica Valore medio sanzioni CDS (accertati totale cds/n. sanzioni totali cds) Valore medio sanzioni Commercio (sanzioni commercio/n. sanzioni emesse commercio ) Valore medio sanzioni Ambiente edilizia (proventi di competenza/n. infrazioni accertate) Indice di riscossione C.d.S. a 60 gg (incassati totali cds/accertati totali cds) Indice di riscossione senzioni a ruolo (incassati a ruolo/accertati a ruolo) Indice di contenzioso (n. ricorsi G.d.P. presentati/ n. sanzioni totali) Indicatori di Qualità % gradimento (indagine rilascio rapporto incidente stradale) 134,08 125,00 185,59 181,82 54,14 60,00 0,721 0,763 0,112 0,060 0,009 0,007 0,00% 85,00% N. segnalazioni per l'attivazione dell'ufficio prevenzione violenza donne % accoglimento risorsi G.d.P. (n. ricorsi G.d.P. accolti/ n. ricorsi G.d.P. presentati) Analisi delle iniziative % 14% Iniziativa Dettaglio Programmi Operatività Migliorare la percezione del livello di sicurezza urbana per chiunque si rapporti con il territorio di Cinisello Balsamo, valutando le tipologie di intervento e assicurando un adeguato supporto tecnicoburocratico-amministrativo al personale esterno Valutazione delle criticità del territorio legati alla sicurezza urbana con conseguente suddivisione dei carichi di lavoro in modo razionale ed adeguati a soddisfare la richiesta di prevenzione/repressione di illeciti amministrativi e penali nei vari campi di pertinenza del settore (annona,edilizia,cds, C.p., regolamenti comunali etc), ed un adeguato seguito agli atti che tali attività richiedono - (Rif. RPP PEG ) Analisi del risultato

Pronto intervento e infortunistica stradale (Crippa Fabio Massimo) Polizia Amministrativa (Sala Carlo)

Pronto intervento e infortunistica stradale (Crippa Fabio Massimo) Polizia Amministrativa (Sala Carlo) Obiettivo di processo Misurazione della performance PROCESSO 54 Sicurezza urbana Strutture Interessate Area Settore Servizio Polizia Amministrativa (Sala Carlo) Polizia Stradale Anno 2012 Tutela e Sicurezza

Dettagli

collegamento con le politiche/linee strategiche

collegamento con le politiche/linee strategiche Obiettivo di processo Misurazione della performance ANNO 2011 Area/Settore/Centro d Responsabilità Servizio Ufficio/Centro di Costo POLIZIA LOCALE Servizio Polizia Stradale Ufficio Processo 7 Gestire i

Dettagli

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine

Capitolo 7. Politiche per la sicurezza. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta la cittadinanza Polizia Locale Forze dell Ordine Capitolo 7 Politiche per la sicurezza Linee guida dal programma di mandato Programmi: Settore Vigilanza e tutela ambientale: Vigilanza. Protezione civile. Verso chi rivolgiamo il nostro impegno: Tutta

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

SICUREZZA DEI CITTADINI

SICUREZZA DEI CITTADINI 3.4 PROGRAMMA N 2 N. EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE DR. PAOLO GIROTTI. 3.4.1 Descrizione programma L anno 2012 è stato caratterizzato dalla stabilizzazione della organizzazione del Corpo

Dettagli

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2010 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...5 SINISTRI STRADALI...6 VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE...7 ACCERTAMENTI ANAGRAFICI

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2009 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

COMUNE DI PIRAINO - Provincia di Messina - PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 212 Approvato con la deliberazione di Giunta Municipale n 275 del 27/11/212 OBIETTIVO STRATEGICO Obiettivo strategico DIRIGENTI E

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE L ATTIVITA' DELLA POLIZIA MUNICIPALE NELL ANNO 2014 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA POLIZIA MUNICIPALE...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...4 INFORTUNISTICA

Dettagli

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola Prefettura di Forlì Cesena Amministrazione Provinciale Ministero dell Istruzione, Ufficio Territoriale del Governo di Forlì - Cesena dell Università e della Ricerca Centro Servizi Amm.vi di Forlì - Cesena

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 1 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 PREMESSA 2 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n.33 ha riordinato la disciplina

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Didattica di Santa Teresa di Riva Via Francesco Crispi, 495 98028 S. TERESA DI RIVA (ME) Tel. e Fax: 0942/791410 e-mail: meee06000t@istruzione.it

Dettagli

P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014. SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale

P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014. SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale P IANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO E DI PROGRAMMA 2014 SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale SETTORE 4 Servizi di Polizia Municipale SERVIZIO - POLIZIA MUNICIPALE PROGRAMMA SPECIFICO

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

descizione attività centro di costo

descizione attività centro di costo PEG 204 AREA ORGANIZZATIVA Polizia Locale CENTRO DI COSTO POLIZIA 3.0 RIF PROGRAMMA RRpp 8.05.0 RESPONSABILE DI SERVIZO Vincenzo Cannarozzo descizione attività centro di costo La Polizia Locale costituisce

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ai sensi della L. 7 marzo 1986 n. 65, il Comandante è il responsabile tecnico- operativo dei servizi del Corpo. Ad egli compete la direzione, l'organizzazione e l'addestramento degli appartenenti al Corpo,

Dettagli

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016 Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie Premessa Con la manovra di bilancio il Comune di Trezzo sull Adda è chiamato ad individuare i principali

Dettagli

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como 1 PREMESSO: - che la sicurezza è percepita dai cittadini come un diritto primario e una componente indispensabile della qualità della vita e che vi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Città di Minerbio Provincia di Bologna PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2013-2015 (in attuazione al D.Lgs. 33/2013) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 24/07/2013

Dettagli

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso Sicurezza stradale Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare e cinture di sicurezza, sono sviluppate attraverso azioni

Dettagli

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare SCHEDA N 16 CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE RESPONSABILE GIAN LUIGI BERNARDI PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Centro di costo e ricavo SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

Dettagli

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato FUNZIONE SERVIZIO PROCESSO ORGANI ISTITUZIONALI PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE 24 Servizi di supporto interno: Gestire Segreteria, Protocollo, Servizi informativi

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 60 Registro Deliberazioni. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO CITTÀ SICURA 2009 IN FUNZIONE DEL D.G.R. 09 APRILE 2008 N 8/7048 CRITERI E

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE TRA Il Comune di Sospiro qui rappresentato dal Sindaco Abruzzi Paolo autorizzato alla sottoscrizione del

Dettagli

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA)

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA) Deliberazione N 61 del 25.08.2014 COPIA Protocollo N del Verbale della deliberazione della GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. L anno

Dettagli

Comune di LONATO DEL GARDA (Provincia di Brescia)

Comune di LONATO DEL GARDA (Provincia di Brescia) Comune di LONATO DEL GARDA (Provincia di Brescia) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 - 1. Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (PTTI) e Accesso civico. Con la

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a L.R. 30 Dicembre 2014, n. 17 Legge di Stabilità regionale 2015 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a la seguente legge: SOMMARIO Art. 1 Leggi regionali di spesa

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONTINUO

PERCORSO FORMATIVO CONTINUO Comandanti e/o Ufficiali titolari di Posizione Organizzativa Agenti Sottufficiali ed Ufficiali piattaforma di autoformazione PROGRAMMAFORMATIVO PER IL PERSONALE DI POLIZIA LOCALE ANNO 2015 Comitato Tecnico

Dettagli

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L.

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. tra i comuni di Dolo, Fiesso d Artico e Fossò (VE) La gestione della Polizia Locale in forma associata A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. Costituzione dell unione Difficoltà dei Comuni Deficit

Dettagli

COMUNE DI ALTOFONTE Copia della deliberazione della Giunta Municipale

COMUNE DI ALTOFONTE Copia della deliberazione della Giunta Municipale ESECUTIVA COMUNE DI ALTOFONTE Copia della deliberazione della Giunta Municipale N. del Registro Anno 2012 OGGETTO: Approvazione del piano triennale per l'individuazione di misure finalizzate alla razìonalizzazìone

Dettagli

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali Regione Lazio Regolamenti Regionali Regolamento 7 agosto 2015, n. 9 Misure a favore delle Organizzazioni di Volontariato di protezione civile. LA GIUNTA REGIONALE ha adottato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013 COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013 ANNO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2013 N. 1 Titolo: Taglio erba e manutenzione del verde comunale Tipo : risparmio quantità

Dettagli

Programma Obiettivo strategico Nr Obiettivo operativo Servizio Assessorato Dirigente: Com. Michele Lamanna 1005 LA CITTA' DEGLI SPAZI E DEI

Programma Obiettivo strategico Nr Obiettivo operativo Servizio Assessorato Dirigente: Com. Michele Lamanna 1005 LA CITTA' DEGLI SPAZI E DEI Programma Obiettivo strategico Nr Obiettivo operativo Servizio Assessorato Dirigente: Com. Michele Lamanna 1005 LA CITTA' DEGLI SPAZI E DEI Attività Produttive, Fondi Europei, Mobilità e Trasporti, Protezione

Dettagli

CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE -

CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE - CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE ***************************************************** REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE - *****************************************************

Dettagli

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE. di GESTIONE 2012

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE. di GESTIONE 2012 PIANO ESECUTIVO di GESTIONE 2012 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 550-25679 del 28/06/2012 Obiettivi e dotazioni Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE Piano esecutivo di

Dettagli

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Provincia di Padova Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Oggetto: ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'. TRIENNIO 2014-2016. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

COMANDANTE POLIZIA LOCALE. Posizione Organizzativa - POLIZIA LOCALE

COMANDANTE POLIZIA LOCALE. Posizione Organizzativa - POLIZIA LOCALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BELLANI RAFFAELLA Data di nascita 29/03/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COMANDANTE POLIZIA LOCALE COMUNE DI CARPIANO Posizione

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

Le gestioni associate: da obbligo di legge a opportunità di sviluppo

Le gestioni associate: da obbligo di legge a opportunità di sviluppo Le gestioni associate: da obbligo di legge a opportunità di sviluppo Alberto Di Bella Unione Reno Galliera (BO) 14 novembre 2012 Il quadro normativo dopo il D.L. 95/2012 - Ridefinizione delle funzioni

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine

COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine N 31 del Reg. Del COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 07/05/2015 OGGETTO: ADOZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI.

Dettagli

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Prot. n.22168 del 24.11.2015 C i t t à d i M a r i g l i a n o (Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Avviso pubblico per l'acquisizione di manifestazione di interesse da parte delle Associazioni di

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Convegno Sicurezza stradale nelle province della costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione

Convegno Sicurezza stradale nelle province della costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione Convegno Sicurezza stradale nelle province della costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione Il ruolo della Polizia Municipale nella sicurezza stradale Dott.ssa Elena Fiore

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015 2017 Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 29/10/2015 Indice Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO (Approvato con delibera Giunta Comunale di Scarlino n.

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI MEZZI DELLA CENTRALE OPERATIVA 118 PRESSO IL COMANDO DI FORLI

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese PROVENTI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE AL CODICE DELLA STRADA Art.208 del Dlgs. 285 /1992 più volte modificato ed integrato, da ultimo dalla L. 29.07.2010 n.120 Il legislatore deroga al principio di UNITA

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 8-2014 del 09-01-2014 L ESTENSORE DOTT. OREFICE ANTONIO

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE del V SETTORE: RESPONSABILE DEL SETTORE: arch. Elisabetta Bellonato Registro Generale n. 1226 del 25/11/15 Registro Settore n. 185 del 24.11.2015

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI SERVIZIO ASL 4 LANUSEI ART 1 Gli automezzi Aziendali sono di proprietà o in affitto. L uso dell'automezzo è riservato esclusivamente ai dipendenti dell Azienda

Dettagli

Comune di Jelsi. Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24

Comune di Jelsi. Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24 COPIA Comune di Jelsi Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24 OGGETTO: RELAZIONE AL CONSUNTIVO - ANNO 2011 - PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli