Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM"

Transcript

1

2

3 Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM Le informazioni riportate nel presente documento sono fornite a solo scopo informativo e possono essere soggette a modifica senza alcun preavviso. Selea assicura la massima cura nella raccolta delle informazioni riportate ma non può fornire alcuna garanzia sul contenuto del presente manuale, e si dissocia implicitamente da tutte le garanzie di commerciabilità o d idoneità del prodotto a particolari scopi. Copyright Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente manuale può essere trascritta, trasmessa o riprodotta in nessuna forma senza esplicito permesso scritto di Selea. Selea, ViewCAM e MultiCAM sono marchi registrati. Microsoft e Windows sono marchi registrati da Microsoft Corporation. Altri marchi di prodotto citati nella documentazione sono utilizzati esclusivamente a scopo identificativo e rimangono di proprietà dei rispettivi detentori. Manuale release 2.1 del 02/02/2012 a cura di: Cigognetti Andrea Manuale MVR rel. 2.1 Pagina 3

4

5 Capitolo 1 - Introduzione Caratteristiche di MVR Sorgenti video Streaming video ed elaborazione dei flussi Conversione di protocollo Suddivisione video Quad Composizione flussi video Registrazione sorgenti video Backup e cancellazione automatica Accesso remoto all Archivio registrazioni Autenticazione utenti e crittazione degli stream video Eventi ed Azioni Schedulazione dell abilitazione delle attività Utenti e profili Viste e accesso HTTP Mappe Archivio eventi di sistema Capitolo 2 - Primo utilizzo di MVR Installazione del software Avvio del servizio Connessione a ProxyM Finestra principale del programma Definizione della password dell amministratore Creazione guidata delle sorgenti (Selea) Capitolo 3 - Area SORGENTE Pulsante Crea sorgente Nuova sorgente video Scheda Generale Scheda Registrazione Scheda Sicurezza Scheda Nomi segnali Scheda Eventi Scheda Profili Scheda PTZ/Tours Nuova mappa Nuovo dispositivo I/O Scheda Generale Scheda Nomi segnali Scheda Stato iniziale output Scheda Eventi Pulsante Modifica sorgente Pulsante Elimina sorgente Pagina 5

6 3.4 Menù a tendina contestuale Pulsante Creazione guidata sorgenti video Selea Capitolo 4 - Area GESTIONE Pulsante Profili di streaming Pulsante Nuovo profilo Pulsante Gruppi di sorgenti Pulsante Viste Visualizzazione delle mappe in una vista Pulsante Utenti Profili Account utente Password dell Amministratore Pulsante Schedulazioni Creazione di una nuova regola di schedulazione Scorciatoie azioni personalizzate Capitolo 5 - Area PARAMETRI Pulsante Parametri gestione eventi Filtro eventi Configurazione parametri di ricezione eventi Selea/TCP Agenti remoti Regole di inoltro segnalazioni remote Pulsante Parametri Pulsante Parametri servers Scheda Generale Scheda Log Scheda Server audio/video Scheda Server RTP/RTSP Scheda Server HTTP/Mappe Capitolo 6 - Area ARCHIVI Pulsante Archivio eventi di sistema Tipologia degli eventi registrati Filtri disponibili Esportazione dei log Pulsante Archivio registrazioni Ricerca dei filmati da visualizzare Riproduzione dei filmati Esportazione di filmati e fotogrammi Pulsante Statistiche di sistema Pagina

7 Capitolo 7 - Area MONITOR Pulsante Configurazione Scheda Monitor Scheda Servizio locale Scheda Collegamenti Scheda Controllo remoto Pulsante Backup configurazione Ripristino di una configurazione salvata Capitolo 8 - Interfaccia web Collegamento alla pagina web di MVR Indirizzo del server HTTP di MVR Accesso alla pagina web Interfaccia web Interfaccia Registrazioni Interfaccia Mappe Interfaccia Logs Appendice A - Impostazioni e requisiti di sistema Appendice B - Approfondimenti collegamento di rete Glossario Pagina 7

8

9 SELEA MVR è un software in grado di trasformare un normale Computer in un sistema di registrazione e controllo multi-utente, capace di gestire fino a 100 punti visione contemporanei e memorizzare fino a 2500 FPS alla massima risoluzione (D1-720 x 576). E ideale per chiunque desideri dotarsi di un prodotto di videosorveglianza Client-Server flessibile, performante, intelligente e anche espandibile. Compatibile con le più note telecamere IP, SELEA MVR è disponibile nella versione da 9, 16, 25, 50 e fino a 100 connessioni video. In realtà, MVR può estendersi fino ad un numero illimitato di punti visione, grazie alla possibilità di poter collegare tra loro, come fossero un unica postazione, più server MVR: questa è quella che in gergo si chiama network operativity. MVR opera in qualità di servizio all interno del sistema operativo. Questo offre il vantaggio di un sistema di vigilanza e registrazione estremamente stabile e sempre attivo. Nel caso in cui uno dei molteplici servizi disponibili dovesse improvvisamente bloccarsi, MVR (contrariamente a quasi tutti gli altri software di videosorveglianza) continua a svolgere il proprio ruolo di registratore, regia e controllo. 1.1 Caratteristiche di MVR Sorgenti video MVR supporta fino a 100 connessioni contemporanee a sorgenti video. Queste sono organizzate gerarchicamente in Domini e Siti. E' inoltre possibile creare gruppi di sorgenti video e associarvi operazioni e politiche di gestione comuni Streaming video ed elaborazione dei flussi MVR si collega alle sorgenti scaricandone i flussi video, che vengono poi messi a disposizione di client che si connettono a MVR. Questo sistema ottimizza l uso della banda a disposizione delle singole sorgenti, poiché queste trasmettono sempre un unico flusso video, e sarà MVR a replicarlo a tutti i client che lo richiedono. Questa soluzione non solo permette di superare le limitazioni sul numero di connessioni e sulla capacità di elaborazione tipiche delle telecamere, ma è estremamente utile nel caso in cui le sorgenti non dispongano di una connessione di rete veloce (ad esempio utilizzano una connessione GPRS/UMTS). Il numero di flussi video prodotti da MVR in streaming verso i client è potenzialmente illimitato; tuttavia le limitazioni possono derivare dalla potenza computazionale del sistema su cui il software è installato e dalla capacità della rete alla quale il sistema è connesso. MVR permette anche di effettuare alcune operazioni sui flussi provenienti dalle sorgenti prima di inviarli ai client: Ricodifica dei flussi con Profili di streaming personalizzati: ogni flusso ricevuto da una sorgente video può essere ricodificato secondo un determinato profilo di streaming, per poter fornire a client diversi le stesse immagini con differenti caratteristiche qualitative (es. risoluzione, qualità, compressione), tipicamente in funzione delle prestazioni del collegamento di rete utilizzato dal client. Transcodifica di stream JPEG in MPEG4: i flussi proveniente da sorgenti video JPEG possono essere ricodificati ed inviati ai client come flussi MPEG4. E possibile con MVR avere ricodifiche di tipologia differente a seconda del client che ne fa richiesta. Questa caratteristica si rivela particolarmente utile in quanto permette di differenziare i flussi verso i client discriminandoli in base alla banda a loro disposizione. Pagina 9

10 STREAM---JPEG STREAM---MPEG Conversione di protocollo MVR effettua la conversione del protocollo di trasmissione dei flussi da TCP-Selea a RTP/ RTSP e viceversa. Questa caratteristica è utile ad esempio per fornire flussi compatibili con player RTP/RTSP (QuickTime, Windows Media Player, VLC, ecc..), anche se il flusso originariamente proviene da una sorgente video che non supporta tale standard. Questa operazione è particolarmente impegnativa dal punto di vista computazionale perciò il suo uso incide sulle prestazioni del sistema Suddivisione video Quad In alcuni casi la sorgente video produce un flusso video la cui immagine è data dalla composizione di più immagini provenienti da diverse telecamere; è questo il caso ad esempio di un videoserver a quattro ingressi (WQUAD) a cui sono connesse quattro telecamere analogiche con selezione di flusso in modalità quad. MVR è in grado di suddividere l'unico flusso ricevuto dalla sorgente in più flussi singoli, in questo modo i client possono accedere separatamente alle singole telecamere analogiche originali. Questa operazione è particolarmente impegnativa dal punto di vista computazionale perciò il suo uso incide sulle prestazioni del sistema Composizione flussi video MVR può comporre diversi flussi video provenienti da sorgenti diverse in un unico flusso di u- scita. In questo modo un client può ricevere un singolo flusso composto dalle immagini provenienti da diverse sorgenti video Registrazione sorgenti video MVR può effettuare registrazioni fino ad un massimo di 100 sorgenti video contemporaneamente; tali registrazioni possono avvenire se stimolate da un evento oppure in modo continuativo 24h/7gg. Nel caso che la registrazione avvenga su evento è possibile impostare una durata di registrazione del flusso precedente all'istante della segnalazione dell'evento (pre-trigger), fino a un massimo di 20 secondi Backup e cancellazione automatica MVR ha la funzione di backup delle registrazioni, è perciò possibile configurare il sistema in modo tale che effettui una copia di sicurezza dei filmati su un qualsiasi server o disco di rete, anche remoto, purché sia raggiungibile tramite una connessione di rete. Tipicamente il backup viene effettuato verso un sistema diverso da quello su cui è installato MVR proprio per motivi di sicurezza, in modo che nel caso il sistema principale si guasti, i dati backuppati non vadano persi in quanto residenti su una macchina diversa. Analogamente al backup è possibile impostare il sistema in modo che effettui la cancellazione automatica dei filmati presenti nell'archivio delle registrazioni. NOTA: La funzione di auto-cancellazione riguarda solo i filmati presenti nell'archivio delle registrazioni di MVR e non i filmati eventualmente backuppati su un server o su un disco. 10 Pagina

11 1.1.8 Accesso remoto all Archivio registrazioni MVR rende disponibili gli archivi delle registrazioni agli utenti abilitati. Tali utenti possono accedere ai filmati delle registrazioni ed effettuare su questi alcune operazioni: ricerche ed interrogazioni dell'archivio mediante diversi tipi di filtri, visualizzazione remota dei filmati in streaming, in questo modo con un qualunque client è possibile visualizzare in remoto i filmati dell'archivio Autenticazione e crittazione degli stream video MVR è in grado di decifrare, previo l inserimento della corretta chiave di decriptazione, i flussi video criptati prodotti dalle sorgenti video Selea. L algoritmo di criptazione è stato sviluppato appositamente per i prodotti Selea per garantire elevate prestazioni e livelli di protezione dei dati, infatti le chiavi di decriptazione devono essere inserite manualmente nei software di visualizzazione e non vengono mai inviate in rete, non sono quindi intercettabili da connessioni non autorizzate. Lo stesso sistema di criptazione utilizzato dalla sorgente viene mantenuto da MVR, anche in caso di ricodifica, negli stream video forniti ai client e, opzionalmente, anche nelle registrazioni. Oltre alla criptazione dei flussi video, anche la stessa connessione di un client ad MVR può essere protetta da una richiesta di autenticazione, che permette di accedere al sistema soltanto agli utenti in possesso di una password valida scelta dall amministratore Eventi ed Azioni Le sorgenti video possono inviare dei messaggi di allarme a MVR per segnalare eventi rilevati dalla telecamera, quali: Motion Detection, attivazione di un input ecc... A queste segnalazioni di allarmi provenienti dalle sorgenti video possono essere associate delle azioni come ad esempio: invio di di avvertimento della ricezione dell'allarme registrazione di un filmato attivazione / disattivazione output telecamera notifica dell'allarme sulla mappa ed altre, come vedremo nei prossimi capitoli Schedulazione dell abilitazione delle attività Alcune attività di MVR possono essere disabilitate per determinati periodi per determinati gruppi di sorgenti video. Le attività che possono essere disabilitate in modo schedulato sono: Visualizzazione da parte dei client delle telecamere appartenenti al gruppo Invio di su ricezione di allarme Registrazione Motion-detection E' possibile configurare un intervallo temporale in cui queste attività vengono sospese relativamente ad un dato gruppo di sorgenti video. L'intervallo temporale può essere specificato in diversi modi permettendo una assoluta flessibilità di configurazione; ad esempio è possibile creare un periodo di disattivazione giornaliero specificando ora di inizio e ora di fine del periodo, specificando inoltre il periodo di validità della schedulazione. Pagina 11

12 Utenti e profili In MVR possono essere creati diversi utenti, ogni utente ha una propria username e password da utilizzare per l'accesso autenticato ai flussi video. Inoltre ad ogni utente è possibile associare un Profilo Utente, il profilo racchiude le caratteristiche, i permessi e le prerogative dell'utente al quale è stato associato un dato profilo; lo stesso profilo può essere associato a più utenti diversi creando così insiemi di utenti con le stesse caratteristiche e diritti, pur conservando, ognuno, un proprio username e password per l'accesso autenticato. Mediante il profilo utente è possibile specificare: gruppi di telecamere accessibili viste accessibili diritti degli utenti di accesso alle diverse funzionalità di MVR (Accesso alle registrazioni, Accesso tramite interfaccia HTTP, Schedulazione, Accesso ai log di sistema, Accesso ai flussi mediante protocollo RTP/RTSP) Viste e accesso HTTP MVR gestisce le cosiddette Viste. Le viste rappresentano ciò che l'utente visualizzerà quando accederà alla pagina web di MVR tramite browser http. La visualizzazione dello stream video da browser richiede l utilizzo di un componente ActiveX (ViewCAMX) compatibile soltanto col browser Microsoft Internet Explorer. Quando l'utente accede all interfaccia http gli verrà chiesto di autenticarsi mediante username e password, poi in base al profilo ad esso associato l utente potrà accedere e visualizzare una o più viste nelle quali potranno essere presenti sorgenti video e/o mappe. Mediante l'accesso HTTP gli utenti possono consultare le mappe scorrendone la gerarchia ed i collegamenti Mappe In MVR è possibile creare delle mappe; queste sono costituite da un immagine Jpeg sulla quale è possibile posizionare degli elementi attivi. Gli elementi attivi, rappresentati da opportune icone, possono essere delle sorgenti video oppure link verso altre mappe. I link verso altre mappe possono creare un sistema gerarchico di collegamento tra mappe diverse costituito da un numero illimitato di livelli. Le icone che rappresentano le sorgenti video invece possono segnalare un evento relativo a quella data sorgente video mediante un led rosso lampeggiante posto a fianco dell'icona. L'accesso al sistema delle mappe avviene tramite interfaccia HTTP e può essere consultato tramite browser web o tramite il programma Multicam Archivio eventi di sistema Diversi tipi di eventi di sistema vengono registrati ed organizzati in un archivio: Informazioni sullo stato del sistema Avvisi su possibili problemi Segnalazioni di errori Segnalazioni di attività di registrazione di filmati Segnalazioni di ricezioni di allarmi da sorgenti esterne questi dati sono organizzati in un database. Si hanno a disposizione diverse possibilità di applicare filtri di vario tipo in modo da rendere agevole e rapida l'individuazione dell'evento che si sta cercando. 12 Pagina

13 2.1 Installazione del software Inserire il CD-ROM di installazione nel lettore. Dovrebbe partire automaticamente la procedura di installazione del software. In caso contrario, da Esplora risorse fare doppio clic sull icona Setup.exe. Scegliere la lingua utilizzata dall installer (fig. 1) e cliccare su Avanti nella finestra di benvenuto (fig. 2). PRIMO UTILIZZO Fig.1 Fig.2 Leggere il contratto di licenza del software (fig. 3) e, se si accettano le condizioni, selezionare Accetto i termini del contratto di licenza e cliccare su Avanti. Nella schermata successiva (fig. 4), indicare il percorso in cui installare il software, se si desidera cambiare quello proposto di default dal programma. Cliccare su Avanti Fig.3 Fig.5 Fig.6 Fig.4 Pagina 13

14 PRIMO UTILIZZO Nella finestra successiva (fig. 5) è possibile selezionare quali prodotti Selea installare. Si consiglia di effettuare l installazione completa, in particolare dei seguenti prodotti: ActiveX per la visualizzazione da browser SeleaTool ProxyM Nella parte inferiore della finestra viene riportato lo spazio su disco richiesto per l installazione dei componenti selezionati. Cliccare su Avanti. Nella schermata successiva (fig. 6) indicare il nome della cartella del Menu Avvio in cui raggruppare i prodotti installati. Il nome di default è Selea. Cliccare su Avanti. E possibile creare delle icone sul desktop per l avvio rapido dei programmi. Deselezionare la casella nella schermata di fig. 7 se non si desidera creare le icone sul desktop. Cliccando su Avanti, si aprirà la finestra di riepilogo dei parametri di installazione. Se tutti sono corretti, cliccare su Installa. Il processo di installazione richiederà pochi secondi, a seconda delle prestazioni del computer. Fig.7 Fig.8 Al termine dell installazione dei software, verrà proposto di installare i driver per la chiavetta hardware di licenza del software. Si consiglia di lasciare la casella selezionata. Cliccare su Fine. Fig.9 14 Pagina

15 2.2 Avvio del servizio MVR è un software organizzato in servizi che rimangono sempre attivi a livello del sistema operativo. Prima di utilizzare MVR occorre avviare questi servizi. Aprire l interfaccia di MVR cliccando sull icona Proxy Monitor Apparirà la finestra di configurazione riportata in fig. 1. Se Vi viene richiesta una password, cliccare su Annulla. Selezionare la scheda Monitor (fig. 10-a). PRIMO UTILIZZO a Fig.10 Nella scheda Monitor (fig.11), cliccare sul pulsante Configurazione (fig. 11-a). a Fig.11 Si aprirà la finestra di fig. 12, che contiene diverse schede di configurazione del software. Nella scheda Monitor (fig. 12) selezionare dal menù a tendina Language la lingua preferita utilizzata dall interfaccia u- tente. Se si seleziona una lingua diversa da quella corrente, occorre chiudere e riaprire il programma. Nella stessa sezione, selezionare il flag Abilita anteprima sorgenti per abilitare la visualizzazione delle anteprime nella schermata principale di MVR. Fig.12 Pagina 15

16 PRIMO UTILIZZO Selezionare la scheda Servizio locale (fig. 13-a). Cliccare sul tasto Cerca (fig. 13-b) e individuare il file ProxyM.exe nella cartella d installazione di MVR (di default C:\Programmi\ProxyM\ProxyM.exe), Automaticamente verrà inserito il percorso nel campo sottostante il percorso dei file di configurazione: C:\Programmi\ProxyM\Config. Se questo percorso non è corretto, sostituirlo cliccando sul tasto Cerca (fig. 13-c). a b c Fig.13 Cliccare su Avvia servizio (fig. 14). Se tutto è stato eseguito in maniera corretta, il servizio verrà avviato in modo permanente nel sistema operativo. Fig.14 La scheda Servizio locale verrà modificata come in figura 15. Cliccare su OK per tornare alla schermata principale. Fig Connessione a ProxyM Ora che il servizio è avviato, l interfaccia utente deve collegarsi a questo. Sempre nell area Monitor (fig. 7-a), dal menù a tendina Connesso a ProxyM (fig. 16-b) selezionare Servizio locale (che al momento sarà l unica voce disponibile). Collegandosi al servizio, verrà chiesto di inserire la credenziali di autenticazione. Non avendo ancora definito alcuna password, è sufficiente cliccare su Ok. Ora è possibile configurare MVR. a b Fig Pagina

17 2.4 Finestra principale del programma a b d c e PRIMO UTILIZZO f g h Fig.17 Aree (fig. 17-a): i controlli di MVR sono suddivisi in aree di pertinenza, selezionabili tramite le schede poste in alto nella finestra. Le aree disponibili sono: Sorgente, Gestione, Parametri, Archivi, Monitor. A seconda dell area selezionata, saranno resi visibili diversi pulsanti nella barra sottostante. Barra pulsanti (fig. 17-b): in questa barra sono raccolti i pulsanti relativi ad ogni area, dai quali è possibile accedere alle finestre di configurazione di tutti i parametri del programma. Lista sorgenti (fig. 17-c): in questa tabella vengono elencate le sorgenti create in MVR, indicando: l origine del flusso (indirizzo IP e porta video), il tipo di connessione (passiva o no), il numero di client connessi e l occupazione di banda in ingresso (per la ricezione del flusso video da MVR) e in uscita (per l invio del flusso ai client) relativo a quella sorgente Gerarchia sorgenti (fig. 17-c): le sorgenti possono essere organizzate gerarchicamente in Domini e Siti, e la struttura viene mostrata in questa area. Anteprima (fig. 17-e): se il pulsante sottostante è premuto, in questo riquadro viene visualizzata l anteprima della sorgente selezionata. Informazioni sorgente (fig. 17-f): vengono qui elencate tutte le informazioni relative alla sorgente selezionata. Servizio e versione (fig. 17-g): indica la versione del software e lo stato d attivazione del servizio. Cliccando sull icona delle informazioni si apre un popup con tutte le informazioni relative alla licenza del software. Utilizzo risorse (fig. 17-h): parametri di utilizzo delle risorse del sistema, aggiornati in tempo reale. Pagina 17

18 PRIMO UTILIZZO 2.5 Definizione della password dell amministratore L accesso alla pagina di configurazione di MVR è consentito soltanto all amministratore del sistema, il cui nome utente è Administrator. Al primo avvio, non è definita nessuna password d accesso per l amministratore, ma è possibile definirne una personalizzata, che verrà richiesta ogni volta che ci si collega alla pagina di configurazione di MVR. Nell area Gestione (fig. 18-a), cliccare sul pulsante Utenti (fig. 18-b). a b Fig.18 Si aprirà la finestra di configurazione degli utenti e dei profili (fig. 19), in cui successivamente verranno creati gli account utente che potranno utilizzare i servizi di MVR. Cliccare su Cambia password Amministratore per definire una nuova password. Fig Creazione guidata delle sorgenti (Selea) Per visualizzare e gestire le telecamere del sistema di videosorveglianza da MVR, è necessario creare delle sorgenti video. Se al sistema sono collegate telecamere Selea, è possibile utilizzare una procedura guidata di creazione delle sorgenti, in caso contrario queste dovranno essere create manualmente una per una. Per avviare la procedura guidata, entrare nell area Sorgente (fig. 20-a) e cliccare su Creazione guidata sorgenti video Selea (fig. 20-b). a b Fig Pagina

19 Nella finestra che appare, selezionare l interfaccia di rete (fig. 21-a) su cui effettuare la ricerca automatica delle sorgenti (se sul computer sono installate più schede di rete). Completare i campi Dominio e Sito con dei nomi personalizzati, che verranno utilizzati per strutturare gerarchicamente le sorgenti. Cliccare poi su Avanti. I campi sottostanti definiscono l intervallo di assegnazione delle porte TCP alle sorgenti trovate e sono abilitate solo se si è scelto di utilizzare porte diverse per ogni sorgente (par ). b a Fig.21 PRIMO UTILIZZO Il programma effettuerà una ricerca delle sorgenti video Selea collegate in rete, che verranno elencate in tabella. La ricerca dura di default 30 secondi, ma è possibile interromperla prima, se sono già state trovate tutte le sorgenti. Cliccare su Avanti Nella seguente finestra, saranno di nuovo elencate in una tabella le sorgenti trovate. Evidenziando u- na riga, verrà mostrata nel riquadro a destra l anteprima delle immagini riprese dalla sorgente selezionata. Se l anteprima non è visibile, perché la sorgente utilizza una porta video diversa da quella di default o perché richiede una password di accesso, è possibile inserire questi dati cliccando su Impostazioni connettività. E fin da ora possibile assegnare dei nomi personalizzati alle sorgenti, scrivendolo nella casella sottostante all anteprima e cliccando su Imposta nome. Selezionare tutte le sorgenti che si desidera importare in MVR spuntando le rispettive caselle nella lista delle sorgenti. Fig.22 Fig.23 Pagina 19

20 PRIMO UTILIZZO Verranno riepilogate le sorgenti selezionate (fig. 24). Cliccare su Applica per importarle in MVR, altrimenti su Indietro per modificare le scelte. Al termine della procedura, cliccare su Fine. Fig.24 Le sorgenti create verranno elencate nella finestra principale di MVR (fig. 25). Selezionando una linea della tabella, l anteprima della sorgente verrà mostrata nel riquadro a destra. E ora possibile modificare tutti i parametri di impostazione delle singole sorgenti e del sistema di videosorveglianza. Fig Pagina

21 Per sorgenti video si intendono tutti quei dispositivi che possono fornire un flusso di immagini, sia esso derivato da una telecamera piuttosto che da un video server, da un sito web o altro. L importante è che tale flusso sia compatibile con i formati trattati da MVR. Nel capitolo precedente abbiamo visto come creare una sorgente con la procedura guidata, è però possibile inserire una sorgente video anche manualmente, definendone tutti i parametri. Per creare, modificare o eliminare una sorgente, aprire l area Sorgente (fig. 1-a). 3.1 Pulsante Crea sorgente Cliccare sul pulsante Crea sorgente (fig. 1-b). Sotto di questo si apre una tendina, che permette di scegliere che tipo di sorgente creare, tra: sorgente video, mappa o dispositivo di I/O, sono infatti tutti elementi gestibili da MVR. SORGENTE a b Fig Nuova sorgente video Cliccare su Nuova sorgente video per creare una sorgente video. Si aprirà la finestra Impostazioni sorgente video (fig.2), che contiene diverse schede per effettuare il settaggio di tutti i parametri della sorgente. Verranno di seguito descritti tutti i controlli presenti in questa finestra. ATTENZIONE: in tutti i campi dove è richiesto all utente di assegnare un nome, non è consentito utilizzare parole contenenti caratteri speciali ecc.) né che inizino con un numero Scheda Generale Nome simbolico: nome da assegnare alla sorgente video (es. IPCAM_3, INGRES- SO_1, _CARICO, LATO_NORD, ecc..). Sito: gruppo di appartenenza della sorgente. La suddivisione in gruppi, organizzati in particolare in base al sito d installazione, facilita la gestione dei diversi ambienti da monitorare (riferendosi all esempio precedente: TELECAMERE, UFFICI, MAGAZZI- NO, PARCHEGGIO, ecc. ). Se sono già stati creati dei Siti, possono essere selezionati dal menù a tendina. Dominio: dominio di appartenenza del Sito specificato (es. FILIALE ROMA, FILIALE MILANO). Se sono già stati creati dei Domini, possono essere selezionati dal menù a tendina. Pagina 21

22 SORGENTE Fig.2 Esempio di struttura. Prima di creare una struttura complessa con molte telecamere, si consiglia di disegnare uno schema come il nostro esempio (fig. 3) in modo da avere ben chiaro come suddividere i siti. Si consiglia inoltre di assegnare nomi non troppo generici ai vari elementi (tipo cam_1, cam_2, cam_3) ma di specificare che cosa ci mostrerà la sorgente. ProxyM Dominio FILIALE ROMA Dominio FILIALE MILANO Sito Sito UFFICI PARCHEGGIO MAGAZZINO UFFICI PARCHEGGIO PRODUZIONE Nome simbolico INGRESSO_1 LATO_NORD _CARICO Nome simbolico INGR_IMPIEGATI INGR_FORLANINI MAT_PRIME INGRESSO_2 LATO_EST _SCARICO INGR_OPERAI INGR_NEGROLI INFIAMMABILI PORTA_RETRO CANCELLO INGR_CORRIERI INGR_CLIENTI SBARRA INGR_CORRIERI USCITA_EMERG INGR_PEDONALE USCITA_EMERG LOC_VAPORE Fig.3-22 Pagina

23 Tipo sorgente: permette di selezionare il tipo di sorgente che si sta creando. A seconda della scelta, nella finestra compariranno i campi per l inserimento delle impostazioni richieste. La fig. 4 mostra le scelte possibili (non tutte le sorgenti sono compatibili con MVR). Di seguito verranno descritti i parametri d impostazione disponibili per ogni tipo di sorgente. Fig.4 SORGENTE 1) Tlc. Selea TCP (fig. 5): Telecamera / Videoserver Selea Connessione passiva: selezionando il flag la connessione verrà aperta dalla telecamera verso MVR e non viceversa. Questa funzione è utile nel caso in cui la sorgente video sia connessa ad Internet con un indirizzo non pubblico o protetto da firewall, nel qual caso il provider non permette nessuna connessione dall esterno (quindi da MVR) verso la telecamera. Connessione a ProxyM: selezionare il flag solo se non ci si sta connettendo direttamente ad una telecamera, ma ad una sorgente creata in un altro ProxyM. Indirizzo: indirizzo IP o URL della sorgente video a cui connettersi. Porta video sorgente: è la porta che ProxyM utilizzerà per connettersi alla sorgente video. Tale porta può essere modificata dall utente sia sul software che sulla telecamera. Nel caso in cui si stia configurando una telecamera esterna alla propria rete e si utilizzi la funzione NAT di un router o gateway, sarà necessario specificare in questo campo la porta pubblica impostata nelle configurazioni del router o gateway. Per maggiori informazioni consultare il manuale della telecamera o del video server. Porta HTTP: porta HTTP impostata sulla sorgente. Di default è la numero 80. Il parametro è visibile solo se non è selezionata la casella Connessione a ProxyM. Fig.5 Pagina 23

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Manuale riferito alla versione 1.2.0

Manuale riferito alla versione 1.2.0 Manuale riferito alla versione 1.2.0 1 INDICE Pag. 1 INSTALLAZIONE DI XSTREAMING 3 1.1 AZIONI PRELIMINARI 3 1.1.1 OTTENERE UN FILE DI LICENZA 3 1.2 INSTALLAZIONE 3 1.3 VERSIONI 3 1.4 CONFIGURAZIONE HARDWARE

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

MANUALE D'USO. NAVIGATOR Primi Passi

MANUALE D'USO. NAVIGATOR Primi Passi NAVIGATOR Primi Passi Guida con i Primi Passi per conoscere il software NAVIGATOR per la visualizzazione, registrazione e centralizzazione degli impianti IP Megapixel Professionali. Versione: 1.0.0.72

Dettagli

REMOTE ACCESS24. Note di installazione

REMOTE ACCESS24. Note di installazione REMOTE ACCESS24 Note di installazione . 2011 Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale: via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale programma CMS Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

FidelJob gestione Card di fidelizzazione

FidelJob gestione Card di fidelizzazione FidelJob gestione Card di fidelizzazione Software di gestione card con credito in Punti o in Euro ad incremento o a decremento, con funzioni di ricarica Card o scala credito da Card. Versione archivio

Dettagli

Software Arteco Client

Software Arteco Client Software Arteco Client Per gestire il sistema di videosorveglianza, utilizzeremo il software Arteco Logic Next. Al primo avvio, sarà necessario inserire le informazioni del server di videosorveglianza

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro

Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro v. 3.1 INDICE 1 ACCOUNT PORTALE DI VIDEOCONFERENZA...2 1.1 Accesso al portale...2 1.1.1 Registrazione...3 2 COME UTILIZZARE IL CLIENT DA PC PATPHONE...4

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

Introduzione. Introduzione a NTI Shadow. Panoramica della schermata iniziale

Introduzione. Introduzione a NTI Shadow. Panoramica della schermata iniziale Introduzione Introduzione a NTI Shadow Benvenuti in NTI Shadow! Il nostro software consente agli utenti di pianificare dei processi di backup continui che copiano una o più cartelle ( origine del backup

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Presentazione... 2 Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Registrazione del programma... 8 Inserimento Immobile... 9 Inserimento proprietario...

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 36 Requisiti necessari all installazione... 3 Configurazione del browser (Internet Explorer)... 4 Installazione di una nuova Omnistation... 10 Installazione

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Indicazioni per una corretta configurazione del browser Versione ottobre 2014 MOBS--MUT-01-V03_ConfigurazioneBrowser.docx pag. 1 di 25 Uso: ESTERNO INDICE 1 CRONOLOGIA VARIAZIONI...2 2 SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

WebFax- manuale utente

WebFax- manuale utente WebFax- manuale utente Release 1.3 1 INTRODUZIONE... 2 1.1 Funzionamento del WebFax... 2 1.2 Caratteristiche del WebFax... 2 2 INSTALLAZIONE DEL WEBFAX... 3 2.1 Configurazione parametri di rete... 3 2.2

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli

Guida di Pro PC Secure

Guida di Pro PC Secure 1) SOMMARIO 2) ISTRUZIONI DI BASE 3) CONFIGURAZIONE 4) INFORMAZIONI AGGIUNTIVE 1) SOMMARIO Guida di Pro PC Secure Pro PC Secure è un programma che si occupa della protezione dagli attacchi provenienti

Dettagli

InfoWeb - Manuale d utilizzo

InfoWeb - Manuale d utilizzo InfoWeb - Manuale d utilizzo Tipologia Titolo Versione Identificativo Data stampa Manuale utente Edizione 1.2 01-ManualeInfoWeb.Ita.doc 05/12/2007 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 ACCESSO A INFOWEB... 6

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

Web-TV Manuale per l Amministratore

Web-TV Manuale per l Amministratore Web-TV Manuale per l Amministratore Via Trebbo, 88 41053 Maranello (MO) Part. IVA 02707260366 Tel. 0536/944949 Fax. 0536/933156 E-mail: info@leonardomultimedia.com Web: http://www.leonardomultimedia.com

Dettagli

Manuale imagic. Manuale Utente imagic

Manuale imagic. Manuale Utente imagic Manuale Utente imagic 0 INDICE Introduzione... 2 Contenuto della scatola... 3 Capitolo 1 Procedura di accensione... 4 Capitolo 2 Procedura di configurazione... 5 2.1 Individuazione IP... 5 3.2 Wizard...

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento CUBE AZIENDA CUBE TAGLIE & COLORI CUBE AUTOTRASPORTI EXPERT UP Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Attenzione! REQUISITO ESSENZIALE PER SCARICARE PRODUCT UPDATER È AVERE INSTALLATO

Dettagli

1. Il Client Skype for Business

1. Il Client Skype for Business 1. Il Client Skype for Business 2. Configurare una Periferica Audio 3. Personalizzare una Periferica Audio 4. Gestire gli Stati di Presenza 5. Tabella Stati di Presenza 6. Iniziare una Chiamata 7. Iniziare

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 Sommario Introduzione... 3 Download dell applicazione Desktop... 4 Scelta della versione da installare... 5 Installazione... 6 Installazione

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web

LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web Versioni:...VB e.net Rel. Docum.to... 0112LUDY Alla cortese attenzione del Responsabile Software INDICE A) MODIFICA IMPOSTAZIONI DI PROTEZIONE CORRENTI...2

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

Gestire le PEC MANUALE OPERATIVO. Versione 1

Gestire le PEC MANUALE OPERATIVO. Versione 1 Gestire le PEC MANUALE OPERATIVO Versione 1 Marzo 2014 1 INDICE GENERALE 1.0 Panoramica della sequenza dei lavori... 3 2.0 Spiegazione dei pulsanti operativi della pagina iniziale (cruscotto)... 8 3.0

Dettagli

Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione

Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA MOBILE PHONES Ltd dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che i prodotti DTN-10 e DTN-11

Dettagli

Manuale d uso. rev. 270406

Manuale d uso. rev. 270406 Manuale d uso istudio rev. 270406 1 Indice Capitolo 1: istudio il convertitore di film e musica per ipod Capitolo 2: Primi passi Come fare per...5 Installazione...5 Capitolo 3: Usare istudio Impostazioni...7

Dettagli

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11 Sommario ASSISTENZA TECNICA AL PROGETTO... 2 PREREQUISITI SOFTWARE PER L INSTALLAZIONE... 3 INSTALLAZIONE SULLA POSTAZIONE DI LAVORO... 3 INSERIMENTO LICENZA ADD ON PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO... 4

Dettagli

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map Manuale d uso per i programmi VS Server E-Map Con E-Map Server, si possono creare mappe elettroniche per le telecamere ed i dispositivi I/O collegati a GV-Video Server. Usando il browser web, si possono

Dettagli

Archimede Beta 1. Manuale utente

Archimede Beta 1. Manuale utente Archimede Beta 1 Manuale utente Archimede (Beta 1) Antares I.T. s.r.l. Indice Prerequisiti... 3 Installazione... 3 Accesso... 4 Recupero password... 4 Scadenza password... 4 Gestione Clienti... 6 Ricerca

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

Breve visione d insieme

Breve visione d insieme Breve visione d insieme Per accedere occorre semplicemente collegarsi alla pagina http://wm.infocom.it/ ed inserire il proprio indirizzo e-mail e password. Inserimento delle Vostre credenziali Multilingua

Dettagli

Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica.

Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica. Tecnologie informatiche ACCESSO REMOTO CON WINDOWS Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica. Un esempio di tale servizio

Dettagli

Magic Wand Manager. Guida Utente. Rel. 1.1 04/2011. 1 di 28

Magic Wand Manager. Guida Utente. Rel. 1.1 04/2011. 1 di 28 Magic Wand Manager Guida Utente Rel. 1.1 04/2011 1 di 28 Sommario 1. Setup del Software... 3 2. Convalida della propria licenza software... 8 3. Avvio del software Magic Wand manager... 9 4. Cattura immagini

Dettagli

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC Versione 1.0 02/08-01 PC Manuale d uso TiStereoControl Software per la configurazione del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl 2 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4

Dettagli

WebMail: Manuale per l'utente

WebMail: Manuale per l'utente WebMail: Manuale per l'utente Indice generale Introduzione...4 Login alla webmail...5 Leggere e gestire i messaggi di posta...6 Scrivere un messaggio di posta...16 Altre funzioni...22 Rubrica...22 Impostazioni...32

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1

Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1 BUDDY DVR by Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1 Guida Rapida di Installazione ITA V. 1.0-201311 1 SOMMARIO Guida Rapida di Installazione 1. Log-In al DVR Introduzione alle principali funzioni...3

Dettagli

VADEMECUM TECNICO. Per PC con sistema operativo Windows XP Windows Vista - Windows 7

VADEMECUM TECNICO. Per PC con sistema operativo Windows XP Windows Vista - Windows 7 VADEMECUM TECNICO Per PC con sistema operativo Windows XP Windows Vista - Windows 7 1) per poter operare in Server Farm bisogna installare dal cd predisposizione ambiente server farm i due file: setup.exe

Dettagli

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione Outlook 2002 Rev. 1.1 4 dicembre 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione: Outlook XP Introduzione

Dettagli

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP)

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) Di seguito le procedure per la configurazione con Windows XP SP2 e Internet Explorer 6. Le schermate potrebbero leggermente differire in

Dettagli

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000 Rev. 1.1 4 dicembre 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione per Outlook

Dettagli

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO...

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... MANCA COPERTINA INDICE IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... 12 I marchi registrati sono proprietà dei rispettivi detentori. Bologna

Dettagli

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010 BavInAzienda Manuale di Attivazione Edizione Maggio 2010 Manuale Attivazione BavInAzienda - Maggio 2010 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione

Dettagli

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Scaricamento e Installazione aggiornamento Versioni... VB e.net Rel. docum.to...1012lupu Alla cortese attenzione del Responsabile Software INDICE A) MODIFICA IMPOSTAZIONI DI PROTEZIONE CORRENTI...2 GESTIONE

Dettagli

IMPORTANTE PER ESEGUIRE QUESTA INSTALLAZIONE NEI SISTEMI OPERATIVI NT-2000-XP, BISOGNA AVERE I PRIVILEGI AMMINISTRATIVI.

IMPORTANTE PER ESEGUIRE QUESTA INSTALLAZIONE NEI SISTEMI OPERATIVI NT-2000-XP, BISOGNA AVERE I PRIVILEGI AMMINISTRATIVI. IMPORTANTE PER ESEGUIRE QUESTA INSTALLAZIONE NEI SISTEMI OPERATIVI NT-2000-XP, BISOGNA AVERE I PRIVILEGI AMMINISTRATIVI. Dopo aver selezionato SSClient506.exe sarà visibile la seguente finestra: Figura

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza (ITALIANO) Software Gestionale Professionale Specifico per Comuni Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza Indice Introduzione e requisiti tecnici 3 Installazione 5 Menu principale 6 Gestione 7 Dati Societari

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine Guida Utente V.0 Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti 7 Risorse 0 Presentazioni Procedura d ordine Cos è aworkbook Prodotti Risorse Presentazione Assortimento aworkbook presenta al

Dettagli

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA REGISTRARSI AL SITO ALTERVISTA, PER OTTENERE SPAZIO WEB GRATUITO o Andare sul sito it.altervista.org o Nel riquadro al centro, scrivere

Dettagli

STRUMENTO PER LA COMPRESSIONE E LA CRIPTAZIONE DI FILE

STRUMENTO PER LA COMPRESSIONE E LA CRIPTAZIONE DI FILE Programma di COMPRESSIONE E CRIPTAZIONE SECRETZIP (solo Windows). Il programma è incluso nell USB Flash Drive. Consultare il manuale contenuto nell USB Flash Drive o visitare il sito: www. integralmemory.com

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 31 Requisiti necessari all installazione:... 3 Configurazione Browser per WIN7... 3 Installazione Software... 6 Configurazione Java Runtime Environment...

Dettagli

PowerLink Pro. Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE. Nota :

PowerLink Pro. Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE. Nota : PowerLink Pro Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE Il PowerLink Pro permette di visualizzare e gestire il sistema PowerMax Pro tramite internet. La gestione è possibile da una qualunque

Dettagli

PalmViewCAM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 1.0)

PalmViewCAM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 1.0) PalmViewCAM POWERLINE DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 1.0) Vi ringraziamo per aver scelto il nostro prodotto. Vi invitiamo a leggere attentamente il presente manuale di istruzioni

Dettagli

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Prima edizione (Ottobre 2004) Copyright

Dettagli

QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E.

QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E. QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E.mail: questura.cot.en@poliziadistato.it 1 Servizio di Invio Telematico

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Laplink FileMover Guida introduttiva

Laplink FileMover Guida introduttiva Laplink FileMover Guida introduttiva MN-FileMover-QSG-IT-01 (REV.01/07) Recapiti di Laplink Software, Inc. Per sottoporre domande o problemi di carattere tecnico, visitare il sito: www.laplink.com/it/support/individual.asp

Dettagli

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4)

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) MANUALE DEL SOFTWARE DI CONFIGURAZIONE IMQ APPROVED CERTIF. N :CA12.00048 (PMT200) CA12.00049 (PMT202) Sw20xa02 del 01.09.2000 INDICE GENERALE Installazione

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Configurazione accesso proxy risorse per sistemi Microsoft Windows

Configurazione accesso proxy risorse per sistemi Microsoft Windows Configurazione accesso Proxy Risorse per sistemi Microsoft Windows (aggiornamento al 11.02.2015) Documento stampabile riassuntivo del servizio: la versione aggiornata è sempre quella pubblicata on line

Dettagli

Trasmissione del certificato medico di malattia per zone non raggiunte da adsl (internet a banda larga).

Trasmissione del certificato medico di malattia per zone non raggiunte da adsl (internet a banda larga). Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 10-03-2011 Messaggio n. 6143 Allegati n.1 OGGETTO:

Dettagli

Software centralizzazione per DVR

Software centralizzazione per DVR Software centralizzazione per DVR Manuale installazione ed uso 2 INTRODUZIONE Il PSS (Pro Surveillance System) è un software per PC utilizzato per gestire DVR e/o telecamere serie VKD. Tramite esso è possibile

Dettagli

Procedura Operativa - Configurazione Rete Wireless

Procedura Operativa - Configurazione Rete Wireless Gestione rete Informatica Della Università Cattolica del Sacro Cuore (Sede di Roma) Rif. rm-037/0412 Pagina 1 di 36 Informazioni relative al documento Data Elaborazione: 27/01/2012 Stato: esercizio Versione:

Dettagli

GUIDA OPERATIVA CGM PH-NET CGM PH-NET. CompuGroup Medical Italia spa www.cgm.com/it. 1 di 16

GUIDA OPERATIVA CGM PH-NET CGM PH-NET. CompuGroup Medical Italia spa www.cgm.com/it. 1 di 16 GUIDA OPERATIVA 1 di 16 INDICE 1... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 1.2.1 Prerequisiti... 3 1.2.2 Verifiche preliminari... 4 1.2.3 Attivazione su postazione medico... 4

Dettagli

ARTECO-SOFTWARE & DISPOSITIVI IP. Guida all utilizzo del software Arteco e dei Dispositivi IP compatibili. Versione 3.2.19.784

ARTECO-SOFTWARE & DISPOSITIVI IP. Guida all utilizzo del software Arteco e dei Dispositivi IP compatibili. Versione 3.2.19.784 Guida all utilizzo del software Arteco e dei Dispositivi IP compatibili Versione 3.2.19.784 Rev. Compatibility List 2012-07-16 Pag. 1 Il seguente documento contiene indicazioni per la configurazione ottimale

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

La procedura informatica del sistema di Incident Reporting. Manuale d uso a cura di Renata De Candido

La procedura informatica del sistema di Incident Reporting. Manuale d uso a cura di Renata De Candido La procedura informatica del sistema di Incident Reporting Manuale d uso a cura di Renata De Candido L ARSS ha implementato una procedura informatica che consente la registrazione e l archiviazione dei

Dettagli

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo BARCODE Gestione Codici a Barre La gestione Barcode permette di importare i codici degli articoli letti da dispositivi d inserimento (penne ottiche e lettori Barcode) integrandosi

Dettagli

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE TECNICO N.17.02 DEL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE Indice Impostazioni risoluzione scanner Canon (DR C125 e DR M140) Pag. 2 Premessa Pag. 5 Gestione Documentale in Suite Modello 730 Pag. 5 Gestione

Dettagli

SISM Sistema Informativo Salute Mentale

SISM Sistema Informativo Salute Mentale SISM Sistema Informativo Salute Mentale Manuale per la registrazione al sistema Versione 1.0 12/01/2012 NSIS_SSW.MSW_PREVSAN_SISM_MTR_Registrazione.doc Pagina 1 di 25 Scheda informativa del documento Versione

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli