Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM"

Transcript

1

2

3 Nel seguente manuale sono contenute istruzioni sull installazione e sul funzionamento di: MVR, ProxyM Le informazioni riportate nel presente documento sono fornite a solo scopo informativo e possono essere soggette a modifica senza alcun preavviso. Selea assicura la massima cura nella raccolta delle informazioni riportate ma non può fornire alcuna garanzia sul contenuto del presente manuale, e si dissocia implicitamente da tutte le garanzie di commerciabilità o d idoneità del prodotto a particolari scopi. Copyright Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente manuale può essere trascritta, trasmessa o riprodotta in nessuna forma senza esplicito permesso scritto di Selea. Selea, ViewCAM e MultiCAM sono marchi registrati. Microsoft e Windows sono marchi registrati da Microsoft Corporation. Altri marchi di prodotto citati nella documentazione sono utilizzati esclusivamente a scopo identificativo e rimangono di proprietà dei rispettivi detentori. Manuale release 2.1 del 02/02/2012 a cura di: Cigognetti Andrea Manuale MVR rel. 2.1 Pagina 3

4

5 Capitolo 1 - Introduzione Caratteristiche di MVR Sorgenti video Streaming video ed elaborazione dei flussi Conversione di protocollo Suddivisione video Quad Composizione flussi video Registrazione sorgenti video Backup e cancellazione automatica Accesso remoto all Archivio registrazioni Autenticazione utenti e crittazione degli stream video Eventi ed Azioni Schedulazione dell abilitazione delle attività Utenti e profili Viste e accesso HTTP Mappe Archivio eventi di sistema Capitolo 2 - Primo utilizzo di MVR Installazione del software Avvio del servizio Connessione a ProxyM Finestra principale del programma Definizione della password dell amministratore Creazione guidata delle sorgenti (Selea) Capitolo 3 - Area SORGENTE Pulsante Crea sorgente Nuova sorgente video Scheda Generale Scheda Registrazione Scheda Sicurezza Scheda Nomi segnali Scheda Eventi Scheda Profili Scheda PTZ/Tours Nuova mappa Nuovo dispositivo I/O Scheda Generale Scheda Nomi segnali Scheda Stato iniziale output Scheda Eventi Pulsante Modifica sorgente Pulsante Elimina sorgente Pagina 5

6 3.4 Menù a tendina contestuale Pulsante Creazione guidata sorgenti video Selea Capitolo 4 - Area GESTIONE Pulsante Profili di streaming Pulsante Nuovo profilo Pulsante Gruppi di sorgenti Pulsante Viste Visualizzazione delle mappe in una vista Pulsante Utenti Profili Account utente Password dell Amministratore Pulsante Schedulazioni Creazione di una nuova regola di schedulazione Scorciatoie azioni personalizzate Capitolo 5 - Area PARAMETRI Pulsante Parametri gestione eventi Filtro eventi Configurazione parametri di ricezione eventi Selea/TCP Agenti remoti Regole di inoltro segnalazioni remote Pulsante Parametri Pulsante Parametri servers Scheda Generale Scheda Log Scheda Server audio/video Scheda Server RTP/RTSP Scheda Server HTTP/Mappe Capitolo 6 - Area ARCHIVI Pulsante Archivio eventi di sistema Tipologia degli eventi registrati Filtri disponibili Esportazione dei log Pulsante Archivio registrazioni Ricerca dei filmati da visualizzare Riproduzione dei filmati Esportazione di filmati e fotogrammi Pulsante Statistiche di sistema Pagina

7 Capitolo 7 - Area MONITOR Pulsante Configurazione Scheda Monitor Scheda Servizio locale Scheda Collegamenti Scheda Controllo remoto Pulsante Backup configurazione Ripristino di una configurazione salvata Capitolo 8 - Interfaccia web Collegamento alla pagina web di MVR Indirizzo del server HTTP di MVR Accesso alla pagina web Interfaccia web Interfaccia Registrazioni Interfaccia Mappe Interfaccia Logs Appendice A - Impostazioni e requisiti di sistema Appendice B - Approfondimenti collegamento di rete Glossario Pagina 7

8

9 SELEA MVR è un software in grado di trasformare un normale Computer in un sistema di registrazione e controllo multi-utente, capace di gestire fino a 100 punti visione contemporanei e memorizzare fino a 2500 FPS alla massima risoluzione (D1-720 x 576). E ideale per chiunque desideri dotarsi di un prodotto di videosorveglianza Client-Server flessibile, performante, intelligente e anche espandibile. Compatibile con le più note telecamere IP, SELEA MVR è disponibile nella versione da 9, 16, 25, 50 e fino a 100 connessioni video. In realtà, MVR può estendersi fino ad un numero illimitato di punti visione, grazie alla possibilità di poter collegare tra loro, come fossero un unica postazione, più server MVR: questa è quella che in gergo si chiama network operativity. MVR opera in qualità di servizio all interno del sistema operativo. Questo offre il vantaggio di un sistema di vigilanza e registrazione estremamente stabile e sempre attivo. Nel caso in cui uno dei molteplici servizi disponibili dovesse improvvisamente bloccarsi, MVR (contrariamente a quasi tutti gli altri software di videosorveglianza) continua a svolgere il proprio ruolo di registratore, regia e controllo. 1.1 Caratteristiche di MVR Sorgenti video MVR supporta fino a 100 connessioni contemporanee a sorgenti video. Queste sono organizzate gerarchicamente in Domini e Siti. E' inoltre possibile creare gruppi di sorgenti video e associarvi operazioni e politiche di gestione comuni Streaming video ed elaborazione dei flussi MVR si collega alle sorgenti scaricandone i flussi video, che vengono poi messi a disposizione di client che si connettono a MVR. Questo sistema ottimizza l uso della banda a disposizione delle singole sorgenti, poiché queste trasmettono sempre un unico flusso video, e sarà MVR a replicarlo a tutti i client che lo richiedono. Questa soluzione non solo permette di superare le limitazioni sul numero di connessioni e sulla capacità di elaborazione tipiche delle telecamere, ma è estremamente utile nel caso in cui le sorgenti non dispongano di una connessione di rete veloce (ad esempio utilizzano una connessione GPRS/UMTS). Il numero di flussi video prodotti da MVR in streaming verso i client è potenzialmente illimitato; tuttavia le limitazioni possono derivare dalla potenza computazionale del sistema su cui il software è installato e dalla capacità della rete alla quale il sistema è connesso. MVR permette anche di effettuare alcune operazioni sui flussi provenienti dalle sorgenti prima di inviarli ai client: Ricodifica dei flussi con Profili di streaming personalizzati: ogni flusso ricevuto da una sorgente video può essere ricodificato secondo un determinato profilo di streaming, per poter fornire a client diversi le stesse immagini con differenti caratteristiche qualitative (es. risoluzione, qualità, compressione), tipicamente in funzione delle prestazioni del collegamento di rete utilizzato dal client. Transcodifica di stream JPEG in MPEG4: i flussi proveniente da sorgenti video JPEG possono essere ricodificati ed inviati ai client come flussi MPEG4. E possibile con MVR avere ricodifiche di tipologia differente a seconda del client che ne fa richiesta. Questa caratteristica si rivela particolarmente utile in quanto permette di differenziare i flussi verso i client discriminandoli in base alla banda a loro disposizione. Pagina 9

10 STREAM---JPEG STREAM---MPEG Conversione di protocollo MVR effettua la conversione del protocollo di trasmissione dei flussi da TCP-Selea a RTP/ RTSP e viceversa. Questa caratteristica è utile ad esempio per fornire flussi compatibili con player RTP/RTSP (QuickTime, Windows Media Player, VLC, ecc..), anche se il flusso originariamente proviene da una sorgente video che non supporta tale standard. Questa operazione è particolarmente impegnativa dal punto di vista computazionale perciò il suo uso incide sulle prestazioni del sistema Suddivisione video Quad In alcuni casi la sorgente video produce un flusso video la cui immagine è data dalla composizione di più immagini provenienti da diverse telecamere; è questo il caso ad esempio di un videoserver a quattro ingressi (WQUAD) a cui sono connesse quattro telecamere analogiche con selezione di flusso in modalità quad. MVR è in grado di suddividere l'unico flusso ricevuto dalla sorgente in più flussi singoli, in questo modo i client possono accedere separatamente alle singole telecamere analogiche originali. Questa operazione è particolarmente impegnativa dal punto di vista computazionale perciò il suo uso incide sulle prestazioni del sistema Composizione flussi video MVR può comporre diversi flussi video provenienti da sorgenti diverse in un unico flusso di u- scita. In questo modo un client può ricevere un singolo flusso composto dalle immagini provenienti da diverse sorgenti video Registrazione sorgenti video MVR può effettuare registrazioni fino ad un massimo di 100 sorgenti video contemporaneamente; tali registrazioni possono avvenire se stimolate da un evento oppure in modo continuativo 24h/7gg. Nel caso che la registrazione avvenga su evento è possibile impostare una durata di registrazione del flusso precedente all'istante della segnalazione dell'evento (pre-trigger), fino a un massimo di 20 secondi Backup e cancellazione automatica MVR ha la funzione di backup delle registrazioni, è perciò possibile configurare il sistema in modo tale che effettui una copia di sicurezza dei filmati su un qualsiasi server o disco di rete, anche remoto, purché sia raggiungibile tramite una connessione di rete. Tipicamente il backup viene effettuato verso un sistema diverso da quello su cui è installato MVR proprio per motivi di sicurezza, in modo che nel caso il sistema principale si guasti, i dati backuppati non vadano persi in quanto residenti su una macchina diversa. Analogamente al backup è possibile impostare il sistema in modo che effettui la cancellazione automatica dei filmati presenti nell'archivio delle registrazioni. NOTA: La funzione di auto-cancellazione riguarda solo i filmati presenti nell'archivio delle registrazioni di MVR e non i filmati eventualmente backuppati su un server o su un disco. 10 Pagina

11 1.1.8 Accesso remoto all Archivio registrazioni MVR rende disponibili gli archivi delle registrazioni agli utenti abilitati. Tali utenti possono accedere ai filmati delle registrazioni ed effettuare su questi alcune operazioni: ricerche ed interrogazioni dell'archivio mediante diversi tipi di filtri, visualizzazione remota dei filmati in streaming, in questo modo con un qualunque client è possibile visualizzare in remoto i filmati dell'archivio Autenticazione e crittazione degli stream video MVR è in grado di decifrare, previo l inserimento della corretta chiave di decriptazione, i flussi video criptati prodotti dalle sorgenti video Selea. L algoritmo di criptazione è stato sviluppato appositamente per i prodotti Selea per garantire elevate prestazioni e livelli di protezione dei dati, infatti le chiavi di decriptazione devono essere inserite manualmente nei software di visualizzazione e non vengono mai inviate in rete, non sono quindi intercettabili da connessioni non autorizzate. Lo stesso sistema di criptazione utilizzato dalla sorgente viene mantenuto da MVR, anche in caso di ricodifica, negli stream video forniti ai client e, opzionalmente, anche nelle registrazioni. Oltre alla criptazione dei flussi video, anche la stessa connessione di un client ad MVR può essere protetta da una richiesta di autenticazione, che permette di accedere al sistema soltanto agli utenti in possesso di una password valida scelta dall amministratore Eventi ed Azioni Le sorgenti video possono inviare dei messaggi di allarme a MVR per segnalare eventi rilevati dalla telecamera, quali: Motion Detection, attivazione di un input ecc... A queste segnalazioni di allarmi provenienti dalle sorgenti video possono essere associate delle azioni come ad esempio: invio di di avvertimento della ricezione dell'allarme registrazione di un filmato attivazione / disattivazione output telecamera notifica dell'allarme sulla mappa ed altre, come vedremo nei prossimi capitoli Schedulazione dell abilitazione delle attività Alcune attività di MVR possono essere disabilitate per determinati periodi per determinati gruppi di sorgenti video. Le attività che possono essere disabilitate in modo schedulato sono: Visualizzazione da parte dei client delle telecamere appartenenti al gruppo Invio di su ricezione di allarme Registrazione Motion-detection E' possibile configurare un intervallo temporale in cui queste attività vengono sospese relativamente ad un dato gruppo di sorgenti video. L'intervallo temporale può essere specificato in diversi modi permettendo una assoluta flessibilità di configurazione; ad esempio è possibile creare un periodo di disattivazione giornaliero specificando ora di inizio e ora di fine del periodo, specificando inoltre il periodo di validità della schedulazione. Pagina 11

12 Utenti e profili In MVR possono essere creati diversi utenti, ogni utente ha una propria username e password da utilizzare per l'accesso autenticato ai flussi video. Inoltre ad ogni utente è possibile associare un Profilo Utente, il profilo racchiude le caratteristiche, i permessi e le prerogative dell'utente al quale è stato associato un dato profilo; lo stesso profilo può essere associato a più utenti diversi creando così insiemi di utenti con le stesse caratteristiche e diritti, pur conservando, ognuno, un proprio username e password per l'accesso autenticato. Mediante il profilo utente è possibile specificare: gruppi di telecamere accessibili viste accessibili diritti degli utenti di accesso alle diverse funzionalità di MVR (Accesso alle registrazioni, Accesso tramite interfaccia HTTP, Schedulazione, Accesso ai log di sistema, Accesso ai flussi mediante protocollo RTP/RTSP) Viste e accesso HTTP MVR gestisce le cosiddette Viste. Le viste rappresentano ciò che l'utente visualizzerà quando accederà alla pagina web di MVR tramite browser http. La visualizzazione dello stream video da browser richiede l utilizzo di un componente ActiveX (ViewCAMX) compatibile soltanto col browser Microsoft Internet Explorer. Quando l'utente accede all interfaccia http gli verrà chiesto di autenticarsi mediante username e password, poi in base al profilo ad esso associato l utente potrà accedere e visualizzare una o più viste nelle quali potranno essere presenti sorgenti video e/o mappe. Mediante l'accesso HTTP gli utenti possono consultare le mappe scorrendone la gerarchia ed i collegamenti Mappe In MVR è possibile creare delle mappe; queste sono costituite da un immagine Jpeg sulla quale è possibile posizionare degli elementi attivi. Gli elementi attivi, rappresentati da opportune icone, possono essere delle sorgenti video oppure link verso altre mappe. I link verso altre mappe possono creare un sistema gerarchico di collegamento tra mappe diverse costituito da un numero illimitato di livelli. Le icone che rappresentano le sorgenti video invece possono segnalare un evento relativo a quella data sorgente video mediante un led rosso lampeggiante posto a fianco dell'icona. L'accesso al sistema delle mappe avviene tramite interfaccia HTTP e può essere consultato tramite browser web o tramite il programma Multicam Archivio eventi di sistema Diversi tipi di eventi di sistema vengono registrati ed organizzati in un archivio: Informazioni sullo stato del sistema Avvisi su possibili problemi Segnalazioni di errori Segnalazioni di attività di registrazione di filmati Segnalazioni di ricezioni di allarmi da sorgenti esterne questi dati sono organizzati in un database. Si hanno a disposizione diverse possibilità di applicare filtri di vario tipo in modo da rendere agevole e rapida l'individuazione dell'evento che si sta cercando. 12 Pagina

13 2.1 Installazione del software Inserire il CD-ROM di installazione nel lettore. Dovrebbe partire automaticamente la procedura di installazione del software. In caso contrario, da Esplora risorse fare doppio clic sull icona Setup.exe. Scegliere la lingua utilizzata dall installer (fig. 1) e cliccare su Avanti nella finestra di benvenuto (fig. 2). PRIMO UTILIZZO Fig.1 Fig.2 Leggere il contratto di licenza del software (fig. 3) e, se si accettano le condizioni, selezionare Accetto i termini del contratto di licenza e cliccare su Avanti. Nella schermata successiva (fig. 4), indicare il percorso in cui installare il software, se si desidera cambiare quello proposto di default dal programma. Cliccare su Avanti Fig.3 Fig.5 Fig.6 Fig.4 Pagina 13

14 PRIMO UTILIZZO Nella finestra successiva (fig. 5) è possibile selezionare quali prodotti Selea installare. Si consiglia di effettuare l installazione completa, in particolare dei seguenti prodotti: ActiveX per la visualizzazione da browser SeleaTool ProxyM Nella parte inferiore della finestra viene riportato lo spazio su disco richiesto per l installazione dei componenti selezionati. Cliccare su Avanti. Nella schermata successiva (fig. 6) indicare il nome della cartella del Menu Avvio in cui raggruppare i prodotti installati. Il nome di default è Selea. Cliccare su Avanti. E possibile creare delle icone sul desktop per l avvio rapido dei programmi. Deselezionare la casella nella schermata di fig. 7 se non si desidera creare le icone sul desktop. Cliccando su Avanti, si aprirà la finestra di riepilogo dei parametri di installazione. Se tutti sono corretti, cliccare su Installa. Il processo di installazione richiederà pochi secondi, a seconda delle prestazioni del computer. Fig.7 Fig.8 Al termine dell installazione dei software, verrà proposto di installare i driver per la chiavetta hardware di licenza del software. Si consiglia di lasciare la casella selezionata. Cliccare su Fine. Fig.9 14 Pagina

15 2.2 Avvio del servizio MVR è un software organizzato in servizi che rimangono sempre attivi a livello del sistema operativo. Prima di utilizzare MVR occorre avviare questi servizi. Aprire l interfaccia di MVR cliccando sull icona Proxy Monitor Apparirà la finestra di configurazione riportata in fig. 1. Se Vi viene richiesta una password, cliccare su Annulla. Selezionare la scheda Monitor (fig. 10-a). PRIMO UTILIZZO a Fig.10 Nella scheda Monitor (fig.11), cliccare sul pulsante Configurazione (fig. 11-a). a Fig.11 Si aprirà la finestra di fig. 12, che contiene diverse schede di configurazione del software. Nella scheda Monitor (fig. 12) selezionare dal menù a tendina Language la lingua preferita utilizzata dall interfaccia u- tente. Se si seleziona una lingua diversa da quella corrente, occorre chiudere e riaprire il programma. Nella stessa sezione, selezionare il flag Abilita anteprima sorgenti per abilitare la visualizzazione delle anteprime nella schermata principale di MVR. Fig.12 Pagina 15

16 PRIMO UTILIZZO Selezionare la scheda Servizio locale (fig. 13-a). Cliccare sul tasto Cerca (fig. 13-b) e individuare il file ProxyM.exe nella cartella d installazione di MVR (di default C:\Programmi\ProxyM\ProxyM.exe), Automaticamente verrà inserito il percorso nel campo sottostante il percorso dei file di configurazione: C:\Programmi\ProxyM\Config. Se questo percorso non è corretto, sostituirlo cliccando sul tasto Cerca (fig. 13-c). a b c Fig.13 Cliccare su Avvia servizio (fig. 14). Se tutto è stato eseguito in maniera corretta, il servizio verrà avviato in modo permanente nel sistema operativo. Fig.14 La scheda Servizio locale verrà modificata come in figura 15. Cliccare su OK per tornare alla schermata principale. Fig Connessione a ProxyM Ora che il servizio è avviato, l interfaccia utente deve collegarsi a questo. Sempre nell area Monitor (fig. 7-a), dal menù a tendina Connesso a ProxyM (fig. 16-b) selezionare Servizio locale (che al momento sarà l unica voce disponibile). Collegandosi al servizio, verrà chiesto di inserire la credenziali di autenticazione. Non avendo ancora definito alcuna password, è sufficiente cliccare su Ok. Ora è possibile configurare MVR. a b Fig Pagina

17 2.4 Finestra principale del programma a b d c e PRIMO UTILIZZO f g h Fig.17 Aree (fig. 17-a): i controlli di MVR sono suddivisi in aree di pertinenza, selezionabili tramite le schede poste in alto nella finestra. Le aree disponibili sono: Sorgente, Gestione, Parametri, Archivi, Monitor. A seconda dell area selezionata, saranno resi visibili diversi pulsanti nella barra sottostante. Barra pulsanti (fig. 17-b): in questa barra sono raccolti i pulsanti relativi ad ogni area, dai quali è possibile accedere alle finestre di configurazione di tutti i parametri del programma. Lista sorgenti (fig. 17-c): in questa tabella vengono elencate le sorgenti create in MVR, indicando: l origine del flusso (indirizzo IP e porta video), il tipo di connessione (passiva o no), il numero di client connessi e l occupazione di banda in ingresso (per la ricezione del flusso video da MVR) e in uscita (per l invio del flusso ai client) relativo a quella sorgente Gerarchia sorgenti (fig. 17-c): le sorgenti possono essere organizzate gerarchicamente in Domini e Siti, e la struttura viene mostrata in questa area. Anteprima (fig. 17-e): se il pulsante sottostante è premuto, in questo riquadro viene visualizzata l anteprima della sorgente selezionata. Informazioni sorgente (fig. 17-f): vengono qui elencate tutte le informazioni relative alla sorgente selezionata. Servizio e versione (fig. 17-g): indica la versione del software e lo stato d attivazione del servizio. Cliccando sull icona delle informazioni si apre un popup con tutte le informazioni relative alla licenza del software. Utilizzo risorse (fig. 17-h): parametri di utilizzo delle risorse del sistema, aggiornati in tempo reale. Pagina 17

18 PRIMO UTILIZZO 2.5 Definizione della password dell amministratore L accesso alla pagina di configurazione di MVR è consentito soltanto all amministratore del sistema, il cui nome utente è Administrator. Al primo avvio, non è definita nessuna password d accesso per l amministratore, ma è possibile definirne una personalizzata, che verrà richiesta ogni volta che ci si collega alla pagina di configurazione di MVR. Nell area Gestione (fig. 18-a), cliccare sul pulsante Utenti (fig. 18-b). a b Fig.18 Si aprirà la finestra di configurazione degli utenti e dei profili (fig. 19), in cui successivamente verranno creati gli account utente che potranno utilizzare i servizi di MVR. Cliccare su Cambia password Amministratore per definire una nuova password. Fig Creazione guidata delle sorgenti (Selea) Per visualizzare e gestire le telecamere del sistema di videosorveglianza da MVR, è necessario creare delle sorgenti video. Se al sistema sono collegate telecamere Selea, è possibile utilizzare una procedura guidata di creazione delle sorgenti, in caso contrario queste dovranno essere create manualmente una per una. Per avviare la procedura guidata, entrare nell area Sorgente (fig. 20-a) e cliccare su Creazione guidata sorgenti video Selea (fig. 20-b). a b Fig Pagina

19 Nella finestra che appare, selezionare l interfaccia di rete (fig. 21-a) su cui effettuare la ricerca automatica delle sorgenti (se sul computer sono installate più schede di rete). Completare i campi Dominio e Sito con dei nomi personalizzati, che verranno utilizzati per strutturare gerarchicamente le sorgenti. Cliccare poi su Avanti. I campi sottostanti definiscono l intervallo di assegnazione delle porte TCP alle sorgenti trovate e sono abilitate solo se si è scelto di utilizzare porte diverse per ogni sorgente (par ). b a Fig.21 PRIMO UTILIZZO Il programma effettuerà una ricerca delle sorgenti video Selea collegate in rete, che verranno elencate in tabella. La ricerca dura di default 30 secondi, ma è possibile interromperla prima, se sono già state trovate tutte le sorgenti. Cliccare su Avanti Nella seguente finestra, saranno di nuovo elencate in una tabella le sorgenti trovate. Evidenziando u- na riga, verrà mostrata nel riquadro a destra l anteprima delle immagini riprese dalla sorgente selezionata. Se l anteprima non è visibile, perché la sorgente utilizza una porta video diversa da quella di default o perché richiede una password di accesso, è possibile inserire questi dati cliccando su Impostazioni connettività. E fin da ora possibile assegnare dei nomi personalizzati alle sorgenti, scrivendolo nella casella sottostante all anteprima e cliccando su Imposta nome. Selezionare tutte le sorgenti che si desidera importare in MVR spuntando le rispettive caselle nella lista delle sorgenti. Fig.22 Fig.23 Pagina 19

20 PRIMO UTILIZZO Verranno riepilogate le sorgenti selezionate (fig. 24). Cliccare su Applica per importarle in MVR, altrimenti su Indietro per modificare le scelte. Al termine della procedura, cliccare su Fine. Fig.24 Le sorgenti create verranno elencate nella finestra principale di MVR (fig. 25). Selezionando una linea della tabella, l anteprima della sorgente verrà mostrata nel riquadro a destra. E ora possibile modificare tutti i parametri di impostazione delle singole sorgenti e del sistema di videosorveglianza. Fig Pagina

21 Per sorgenti video si intendono tutti quei dispositivi che possono fornire un flusso di immagini, sia esso derivato da una telecamera piuttosto che da un video server, da un sito web o altro. L importante è che tale flusso sia compatibile con i formati trattati da MVR. Nel capitolo precedente abbiamo visto come creare una sorgente con la procedura guidata, è però possibile inserire una sorgente video anche manualmente, definendone tutti i parametri. Per creare, modificare o eliminare una sorgente, aprire l area Sorgente (fig. 1-a). 3.1 Pulsante Crea sorgente Cliccare sul pulsante Crea sorgente (fig. 1-b). Sotto di questo si apre una tendina, che permette di scegliere che tipo di sorgente creare, tra: sorgente video, mappa o dispositivo di I/O, sono infatti tutti elementi gestibili da MVR. SORGENTE a b Fig Nuova sorgente video Cliccare su Nuova sorgente video per creare una sorgente video. Si aprirà la finestra Impostazioni sorgente video (fig.2), che contiene diverse schede per effettuare il settaggio di tutti i parametri della sorgente. Verranno di seguito descritti tutti i controlli presenti in questa finestra. ATTENZIONE: in tutti i campi dove è richiesto all utente di assegnare un nome, non è consentito utilizzare parole contenenti caratteri speciali ecc.) né che inizino con un numero Scheda Generale Nome simbolico: nome da assegnare alla sorgente video (es. IPCAM_3, INGRES- SO_1, _CARICO, LATO_NORD, ecc..). Sito: gruppo di appartenenza della sorgente. La suddivisione in gruppi, organizzati in particolare in base al sito d installazione, facilita la gestione dei diversi ambienti da monitorare (riferendosi all esempio precedente: TELECAMERE, UFFICI, MAGAZZI- NO, PARCHEGGIO, ecc. ). Se sono già stati creati dei Siti, possono essere selezionati dal menù a tendina. Dominio: dominio di appartenenza del Sito specificato (es. FILIALE ROMA, FILIALE MILANO). Se sono già stati creati dei Domini, possono essere selezionati dal menù a tendina. Pagina 21

22 SORGENTE Fig.2 Esempio di struttura. Prima di creare una struttura complessa con molte telecamere, si consiglia di disegnare uno schema come il nostro esempio (fig. 3) in modo da avere ben chiaro come suddividere i siti. Si consiglia inoltre di assegnare nomi non troppo generici ai vari elementi (tipo cam_1, cam_2, cam_3) ma di specificare che cosa ci mostrerà la sorgente. ProxyM Dominio FILIALE ROMA Dominio FILIALE MILANO Sito Sito UFFICI PARCHEGGIO MAGAZZINO UFFICI PARCHEGGIO PRODUZIONE Nome simbolico INGRESSO_1 LATO_NORD _CARICO Nome simbolico INGR_IMPIEGATI INGR_FORLANINI MAT_PRIME INGRESSO_2 LATO_EST _SCARICO INGR_OPERAI INGR_NEGROLI INFIAMMABILI PORTA_RETRO CANCELLO INGR_CORRIERI INGR_CLIENTI SBARRA INGR_CORRIERI USCITA_EMERG INGR_PEDONALE USCITA_EMERG LOC_VAPORE Fig.3-22 Pagina

23 Tipo sorgente: permette di selezionare il tipo di sorgente che si sta creando. A seconda della scelta, nella finestra compariranno i campi per l inserimento delle impostazioni richieste. La fig. 4 mostra le scelte possibili (non tutte le sorgenti sono compatibili con MVR). Di seguito verranno descritti i parametri d impostazione disponibili per ogni tipo di sorgente. Fig.4 SORGENTE 1) Tlc. Selea TCP (fig. 5): Telecamera / Videoserver Selea Connessione passiva: selezionando il flag la connessione verrà aperta dalla telecamera verso MVR e non viceversa. Questa funzione è utile nel caso in cui la sorgente video sia connessa ad Internet con un indirizzo non pubblico o protetto da firewall, nel qual caso il provider non permette nessuna connessione dall esterno (quindi da MVR) verso la telecamera. Connessione a ProxyM: selezionare il flag solo se non ci si sta connettendo direttamente ad una telecamera, ma ad una sorgente creata in un altro ProxyM. Indirizzo: indirizzo IP o URL della sorgente video a cui connettersi. Porta video sorgente: è la porta che ProxyM utilizzerà per connettersi alla sorgente video. Tale porta può essere modificata dall utente sia sul software che sulla telecamera. Nel caso in cui si stia configurando una telecamera esterna alla propria rete e si utilizzi la funzione NAT di un router o gateway, sarà necessario specificare in questo campo la porta pubblica impostata nelle configurazioni del router o gateway. Per maggiori informazioni consultare il manuale della telecamera o del video server. Porta HTTP: porta HTTP impostata sulla sorgente. Di default è la numero 80. Il parametro è visibile solo se non è selezionata la casella Connessione a ProxyM. Fig.5 Pagina 23

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Chi può accedere? Il servizio è riservato a tutti gli utenti istituzionali provvisti di account di posta elettronica d'ateneo nel formato nome.cognome@uninsubria.it

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012)

Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012) Guida all utilizzo amministratori e conduttori (Data pubblicazione 20/11/2012) www.skymeeting.net Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Requisiti minimi richiesti per condurre un meeting... 4 Test di autodiagnosi...

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli