Presenze AG P A AG P P P AG => P P P P A P P P P P P A A AG P A A ==> P AG P P

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presenze AG P A AG P P P AG => P P P P A P P P P P P A A AG P A A ==> P AG P P"

Transcript

1 OGGETTO: 1) presentazione proposta piano sicurezza del territorio di Crespellano; 2) proposta di ampliamento del mercato settimanale; 3) presentazione progetto ampliamento centro sportivo; 4) varie ed eventuali. L anno 2013 questo giorno 20 Giugno alle ore 20,45 presso la Sala Consiliare del Comune di Crespellano, si è riunito ai sensi dell Art. 14 del Regolamento di artecipazione opolare il Comitato Frazionale di Crespellano. Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Bacco Carmine (Democratici Crespellano) Barone Cesare (IDV) Bellencin Elvira (D) Benassi Gianni (roloco) Bencivenni Ombretta (UDC) Bergonzoni Bruno (Restauro Legno) Bertoncelli Giancarlo (AUSER) Chistyakova Veronika (angea) De Franceschi aolo (Confagricoltura) Demingo Giuseppe (CNA) Di Cosmo Melissa (Circolo delle Libertà) Franceschini Franco (Volhand) Fronticelli Baldelli Giovanni (Teatro Temperie) Ghedini Tomaso (Coldiretti) Lambertini Loris (olisportiva) Lelli Giuseppe (AVIS) Masetti Marco (Bologna Europa) Merighi Mirko (DL) Migliori Marisa (A mici miei) Nerozzi Mauro (Centro Sociale edrini) Orsi Federico (La Tua Crespellano) Tagliavini Giuseppe (ANA Alpini) Turrini Franco (ANI artigiani) Veroli Claudio (Civicamente Crespellano) Veronesi Alberto (Amici Scuola Materna) Versari aolo (Amici del Samoggia) Vivi Carmen (CIA) resenze AG A AG AG => A A A AG A A ==> AG Totale presenti: 16 Risultano assenti giustificati: 5 Risultano assenti: 6 1

2 artecipano alla seduta in veste di Segretario Tommaso Orsi dipendente di questo Comune, il Responsabile dell Ufficio Tecnico Andrea Diolaiti, il Sindaco Alfredo arini e gli Assessori Fabio Federici e Andrea Serra Giaretta. Il residente Cesare Barone assume la presidenza della presente adunanza e, verificato che il numero dei componenti del Comitato di Crespellano è legale, ringrazia i cittadini per la presenza ed apre la seduta sull O.d.G. in discussione. Il residente Cesare Barone nomina i due scrutatori per eventuali votazioni: Melissa Di Cosmo e Bruno Bergonzoni. 2 punto proposta di ampliamento del mercato settimanale L'Assessore Fabio Federici porta all'attenzione del consiglio di frazione la proposta di ampliamento del mercato settimanale su richiesta dei commercianti. rima di intraprendere questo percorso l'amministrazione vuole sentire il parere del consiglio di frazione: è un progetto in fase embrionale e l'allargamento del mercato comporta una serie di adempimenti impegnativi. A seguito dei lavori di riqualificazione del centro storico, si è creato un rapporto più intenso tra amministrazione e commercianti, segno che gli investimenti sul centro storico hanno portato dei risultati. I commercianti hanno organizzato nuove iniziative: il mercatino dell antiquariato, il mercatino della terra, alcune serate estive in piazza, la festa della birra che ti terrà il prossimo weekend. La richiesta dei commercianti è rendere visibile il mercato di Crespellano anche a chi passa dalla Bazzanese, utilizzando quindi via Ferro, tra il semaforo e l'incrocio con via 4 Novembre. La collaborazione dell'amministrazione con i commercianti porterà alla stesura del bando e alla ricerca di espositori di qualità: lo spazio sarebbe per 10 bancarelle, almeno 2 delle quali dedicate ai prodotti agricoli tipici. Dal punto di vista amministrativo, si tratta di un'operazione fattibile, che però logicamente comporta un problema di gestione della circolazione dei mezzi il mercoledì mattina. E' necessario inoltre modificare il regolamento del mercato settimanale, che va approvato in Consiglio Comunale; una volta modificato il regolamento, si ipotizza di fare uscire il bando 2 volte all'anno e la prima finestra utile sarebbe quindi gennaio dell'anno prossimo. Nel caso si riesca a modificare il regolamento a breve, si può procedere con il metodo della spunta fino ad arrivare a gennaio, per poi partire con il metodo dei bandi. Il Consigliere aolo Versari ritiene positiva questa richiesta di ampliamento del mercato, sintomo di vitalità economica. orta l'esempio di Castelfranco Emilia in cui viene chiusa la via Emilia in occasione del mercato, lancia la proposta di fare altrettanto a Crespellano cioè chiudere la circolazione sulla Bazzanese e fare il mercato lungo la strada principale. L'Assessore Fabio Federici risponde che a Castelfranco questo è realizzabile poiché la tratta di via Emilia che passa per l'interno del paese è classificata come strada comunale, mentre la Bazzanese a Crespellano è una strada di carattere provinciale, l'amministrazione non può agire. Il Consigliere Marco Masetti concorda nel ritenere un fatto positivo questa richiesta da parte dei commercianti. ropone di allargare il mercato anche a via XX Settembre, magari lasciando uno spazio gratuito per un mercatino delle pulci. Il Consigliere aolo De Franceschi vede in maniera positiva l'ampliamento del mercato, tuttavia ha perplessità in merito al posizionamento e alla metodologia per ottenere un posto al mercato: i posti per gli agricoltori sono pochi e con il metodo della spunta si rischia solamente di perdere del tempo. Entra la Consigliera Veronika Chistiakova. L'Assessore Fabio Federici risponde ad alcune domande: - l'amministrazione non ha preclusioni a richieste di ampliamento, occorre però prima vedere come si sviluppa 2

3 il mercato concentrando l'ampliamento su una via alla volta: non vorrebbe che si creassero dei buchi, l'effetto non sarebbe positivo. - in merito agli spazi per produttori agricoli, la legge fissa un minimo di piazzole riservate e con il metodo della spunta purtroppo chi arriva tardi spesso non trova posto. L'idea del bando è quella di legare il mercato alla presenza di espositori di qualità, che possono garantire una presenza costante tutto l'anno. Il Consigliere Giuseppe Demingo chiede sia è possibile favorire in questo bando i produttori locali, che operano sul territorio del comune di Crespellano. L'Assessore Fabio Federici risponde che la norma non permette di fissare vincoli territoriali, ma solo le tipologie merceologiche. Il residente Cesare Barone mette in votazione la proposta di ampliamento del mercato settimanale. I voti favorevoli sono 16 Gli astenuti sono 1 I voti contrari sono 0 ertanto il residente Cesare Barone dichiara che la proposta è approvata dal comitato frazionale di Crespellano. Entra il Consigliere Claudio Veroli. 1 punto presentazione proposta piano sicurezza del territorio di Crespellano Il residente Cesare Barone ricorda ai presenti che in data 7 febbraio 2013 si è svolta un'assemblea pubblica sul tema della sicurezza a Crespellano: la partecipazione fu molto alta, ci furono molte proposte e suggerimenti, si cercò di ipotizzare un piano di sicurezza che potesse prevenire i furti. La sicurezza è una cosa che non si vede, ci si accorge che è un cosa fondamentale solo quando non c è e a quel punto ormai è tardi, la violazione della privacy della propria casa è un trauma profondo. Il comitato di frazione ha voluto portare avanti questo progetto insieme alla Giunta per garantire un futuro più sicuro a Crespellano: è stato individuato un sistema avanzato di videosorveglianza che, tramite telecamere poste in punti strategici del territorio, segnala alle forze dell'ordine l'entrata sul territorio di un autoveicolo rubato o di proprietà di pregiudicati. Ringrazia della collaborazione in questa iniziativa i Carabinieri, i Vigili e l'amministrazione, che si è resa disponibile a contribuire acquistando il server gestionale (per un valore circa). Successivamente saranno coinvolti i privati e le aziende affinchè questo progetto venga attivato attivo al più presto. Il Maresciallo Filippo Corvino è il comandante della stazione dei carabinieri di Crespellano dal A causa dell'ondata di furti che c'è stata su tutta la Valsamoggia alcuni mesi fa, è stato ipotizzato questo progetto di videosorveglianza con la collaborazione dell'amministrazione. Come si può vedere anche nel file allegato, il sistema è composto da un server in cui vengono raccolti i dati registrati, da telecamere fisse (orientate sulla singola strada), da telecamere a 360 (posizionate per esempio sulle rotonde, di modo da avere una visuale complessiva), da una serie di antenne wifi che trasmettono il segnale e da un web server che scannerizza le targhe e le incrocia con la lista di quelle pericolose. Si tratta di un progetto di tipo preventivo che prevede l'installazione di 20 telecamere in punti strategici, che segnalano il passaggio di un'autovettura pericolosa e permettono quindi alle forze dell'ordine di intervenire ancora prima che avvenga il furto. Il residente Cesare Barone sottolinea che il solo parlare di sicurezza ha portato ad una diminuzione dei furti, tuttavia ora che l'attenzione è diminuita stanno aumentando di nuovo. Il Maresciallo Filippo Corvino concorda con quanto detto dal residente. 3

4 Il Sindaco Alfredo arini specifica che quanto presentato stasera è un'ipotesi, non già un progetto dettagliato. Negli incontri pubblici di febbraio era stata presentata un'ipotesi diversa che prevedeva la possibilità per i privati cittadini di dotarsi di telecamere e allacciarsi al server pubblico di videosorveglianza. Tuttavia quell'ipotesi di progetto non aveva una progettazione sistematica: era tutto demandato a livello individuale col risultato che potevano esserci zone coperte e altre invece completamente scoperte. Inoltre non era stato tenuto bene in considerazione l elemento della privacy: la legge dice che se la videocamera guarda in spazio comune, occorre l autorizzazione. Questo progetto è quindi diverso da quello precedente ed è sicuramente più organico, l'amministrazione lo ritiene molto più valido. Anche se questa ipotesi di progetto complessivo costa circa di strumentazione a cui bisogna il montaggio e l iva, si arriverà a un costo di 150/ ed è un impegno non indifferente per 20 postazioni. L'Amministrazione comunale non può affrontare questo impegno, occorre la copertura finanziaria che ora non c'è: l'amministrazione può garantire il supporto tecnico ma l'organizzazione e il finanziamento del progetto deve arrivare dai privati. Il Consigliere aolo Versari chiede se il sistema registra tutte le targhe e segnala solo quelle nella banca dati dei pregiudicati, mentre le altre targhe vengono cancellate. Infine chiede se queste registrazioni potranno essere utilizzate anche per le infrazioni del codice stradale. Il Maresciallo Filippo Corvino risponde che il sistema segnala solo le targhe pericolose, le altre vengono cancellate. Questo sistema non verrà utilizzato per le infrazioni del codice stradale. Il Consigliere Giuseppe Demingo ritiene che questo secondo progetto sia più valido perchè copre tutto il territorio, con il progetto precedente alcune strade potevano rimanere scoperte. Chiede che l'amministrazione cerchi in tutti i mezzi possibili di facilitare questo progetto. Il Cittadino V. C. è il presidente della olisportiva Crespellano e riporta che in polisportiva avvengono spesso dei furti, quindi qualsiasi progettoche aumenti la sicurezza non può essere che benvenuto. Il Cittadino C. B. non ha capito se per la copertura delle telecamere i soldi sono già stati trovati oppure no. Il Cittadino C. C. ha partecipato alle precedenti assemblee sulla sicurezza pubblica e riassume su cosa si basa il progetto: - un sistema pubblico di raccolta dati pagato dall'amministrazione (server); - un sistema pubblico di visione dei dati (solo le forze dell ordine sono autorizzate a vedere le immagini); - un sistema di telecamere finanziato dai privati in cui l Amministrazione mette a disposizione dei punti pubblici di installazione delle telecamere (strade pubbliche, pali della luce); Si tratta di proporre ai cittadini di riconvertire le spese che comunque farebbero acquistando sbarre e allarmi personali investendole in un sistema che dà le stesse garanzie, che serve un territorio più vasto e fa parte di un sistema organico di controllo totali equivalgono a 15 a cittadino: ogni cittadino deve capire che investe i propri soldi in un sistema di prevenzione per il bene di tutti. Chiede se è ipotizzabile che questo progetto si sviluppi a stralci, allargandosi sempre più fino a coprire tutto il territorio in modo uniforme. Chiede se l'installazione di telecamere è possibile solo in luoghi pubblici. Chiede se la manutenzione del sistema sarà di competenza dell'amministrazione comunale. Il Sindaco Alfredo arini risponde: - è possibile prevedere uno sviluppo del progetto a stralci, chiaramente bisogna procedere per zone, può essere un elemento di stimolo per chi ancora non è coperto - come detto in precedenza bisogna che le telecamere siano posizionate in spazi pubblici altrimenti si viola la legge sulla privacy - se l Amministrazione comunale prende l impegno di gestire il sistema come è previsto dal progetto, la manutenzione sarà a carico dell'amministrazione Il residente Cesare Barone tiene a sottolineare che il progetto non prevede l'installazione di telecamere 4

5 private che riprendono aree private, ma 20 telecamere che riprendono strade pubbliche segnalando tutte le entrate di auto sospette nel territorio di Crespellano. Si tratta di un progetto costoso poiché le telecamere necessarie per questo progetto sono di tipo evoluto, è quindi necessaria la collaborazione sia del pubblico che del privato. Il Consigliere Loris Lambertini esprime apprezzamento per quest'ultimo progetto: se vengono coperti tutti i varchi di ingresso il paese viene chiuso in una gabbia schermata, è necessario che tutti facciano la propria parte. Chiede che l'amministrazione faccia una lettera di presentazione e una brochure del progetto, poi i volontari andranno in giro per presentare il progetto ai cittadini e alle ditte, ritiene che sia un progetto realizzabile. Il residente Cesare Barone informa i presenti che l'amministrazione si è resa disponibile a fare una lettera di presentazione per il progetto. Il Consigliere aolo De Franceschi ritiene che il progetto sia valido e debba essere realizzato perchè sarebbe un vantaggio per tutta la popolazione. Afferma che il valore di tutti i furti che ci sono stati nell'ultimo anno è sicuramente superiore al costo di questo progetto. Il Maresciallo Filippo Corvino specifica che il server che si ipotizza di comprare è in grado di gestire fino a 128 telecamere. Il residente Cesare Barone ritiene che questa potenzialità possa essere utile, visto che l'anno prossimo ci sarà la fusione dei comuni, gli altri potrebbero allacciarsi a un sistema già funzionante. Il Consigliere aolo Versari ritiene fondamentale l'informazione ai cittadini, bisogna mettere tutti a conoscenza della grande potenzialità di questo progetto. Il Consigliere Claudio Veroli chiede conferma che l'accesso e la responsabilità dei dati siano a carico delle forze dell'ordine, e se l'elargizione di un contributo economico al progetto implica una priorità su dove installare le telecamere. Il residente Cesare Barone risponde Il Cittadino C. chiede chi gestisce il progetto, e in quale misura i volontari ne faranno parte. L'Assessore Fabio Federici risponde che il volontariato interviene esclusivamente in merito alla raccolta fondi. Si tratta di un sistema la cui gestione è in capo alle forze dell'ordine, mentre l'amministrazione compra il server, mette a disposizione la pubblica illuminazione e i luoghi pubblici, si occupa dell assistenza. Il Cittadino D. chiede se il sistema possa essere integrato in futuro, se sia possibile anche individuare la presenza di criminali con il braccialetto elettronico. Il Consigliere Marco Masetti chiede se verranno installati cartelli che segnalano la presenza di questo sistema di sicurezza, crede che già la sola presenza dei cartelli funzioni da deterrente. L'Assessore Fabio Federici risponde che è prevista l'installazione dell'apposita cartellonistica. Il Consigliere Giuseppe Demingo apprezza che il sistema abbia possibilità di essere ampliato ed esteso anche agli altri comuni che faranno la fusione. La Comandante dei Vigili Silvia Fiorini fornisce alcuni chiarimenti: - si tratta di un progetto di carattere pubblico che si cerca di realizzare con il contributo dei privati. La gestione delle immagini e del sistema sarà in mano alla polizia ai carabinieri, mentre l'amministrazione avrà da gestire tutti gli aspetti burocratici e la manutenzione dell'impianto. Tuttavia non sarà possibile assegnare un operatore 24 ore al giorno a visionare le immagini, il sistema avviserà le forze dell'ordine. - le telecamere possono essere installate anche su una proprietà privata, tuttavia previa autorizzazione del 5

6 privato. - le immagini saranno conservate per il tempo massimo possibile (che per le forze dell'ordine è 7 giorni, mentre per il privato è solo 24 ore), e verranno salvate e scaricato solo su autorizzazione dell autorità giudiziaria Il residente Cesare Barone mette in votazione la proposta di piano di sicurezza per il territorio di Crespellano. I voti favorevoli sono 18 Gli astenuti sono 0 I voti contrari sono 0 ertanto il residente Cesare Barone dichiara che la proposta è approvata dal comitato frazionale di Crespellano. 3 punto presentazione progetto ampliamento centro sportivo L Assessore Andrea Serra Giaretta illustra il percorso che ha portato alla realizzazione del progetto di ampliamento del centro sportivo: prima di parlare di impianti, ci si è chiesti di quali strumenti e quali regole dotarsi per la migliore gestione dell esistente. A seguito di un percorso partecipato lungo e difficoltoso tra la Commissione d assessorato allo sport, l Amministrazione e la olisportiva, si è quindi giunti alla stesura e alla firma di una convenzione tra l Amministrazione e la olisportiva. Successivamente si è cominciato a ragionare sugli impianti: sono stati fatti incontri con tutte le società sportive, sia singolarmente che in gruppo, ed è stato rilevato il fabbisogno essenziale ed ideale di tutte le società. Da questi dati è stato ricavato un documento, che è stato la base per il progetto dell ampliamento del centro sportivo. Questo progetto era pensato in base ad una capacità di progettazione di , successivamente è arrivata la crisi economica e ora il progetto è stato ridimensionato per un importo finale di Il Responsabile Andrea Diolati provvede ad illustrare la planimetria del progetto, come da file allegati. Il progetto prevede un incremento di superficie dagli attuali mq a mq ed è basato in massima parte sull ammodernamento, la ristrutturazione, la riconversione di alcune strutture esistenti, rispondendo alla richieste delle società sportive. Nello specifico: - per quanto riguarda il tennis verrà realizzata una struttura geodetica che coprirà i due campi ora scoperti, e verrà sistemata l altra copertura rendendo gli altri due campi utilizzabili - per il calcio verrà realizzato un campo interamente in sintetico della misura 95x50 mt, omologato per under 16 ma non per la prima squadra. Verrà fatta una tribuna coperta da 160 posti dotata di veletta che copre l incidenza del sole, non è possibile realizzarla sul lato opposto perché non sarebbe in regola per quanto riguarda gli accessi per gli spettatori. - la pista da ciclismo sarà rimessa a nuovo - è stata inserita una pista di pattinaggio all aperto di 25x50 mt - verrà realizzato un percorso per podisti, sarà un vero e proprio parco sportivo fruibile da tutti i cittadini, non riservato solamente agli iscritti delle società sportive - nella sede attuale del bar verrà creata una sala fitness per le società sportive e due spogliatoi aggiuntivi - verrà realizzato un blocco centrale che svolgerà al funzione di corpo servizi: dotato di piazzetta, sarà il punto centrale di accesso al centro sportivo. Troveranno sede gli uffici della olisportiva, ci sarà un punto di ristorazione, oltre ovviamente ai 4 spogliatoi con accesso separato ma diretto al campo da calcio retrostante. - per quanto riguarda la viabilità, è previsto l accesso principalmente dalla nuova rotonda e la realizzazione di un parcheggio - a livello economico si tratta di un opera dal costo pari a comprensivi di iva e spese tecniche interamente finanziata tramite mutuo del credito sportivo. Il Consigliere aolo Versari loda il percorso che ha portato alla realizzazione del progetto, ogni gruppo sportivo ha espresso le proprie esigenze e questo progetto cerca di rispondere il più possibile a queste richieste. 6

7 Tuttavia ritiene che la pista di pattinaggio sia in una posizione non molto comoda, non è dotata di spogliatoi e sarebbe opportuno realizzare la copertura. Apprezza la scelta di creare un parco sportivo fruibile da tutti i cittadini, e chiede che una volta realizzato il centro sia adeguatamente sorvegliato e vi sia un adeguata manutenzione del verde. Il Cittadino V. C. è il presidente della olisportiva e tiene a sottolineare che la soluzione prevista per il pattinaggio non è sufficiente: non ci sono servizi igienici vicini e manca la copertura, col risultato che il fondo si deteriorerà presto. Il pattinaggio è la società più vecchia di Crespellano, ha avuto campioni italiani e del mondo, tutte le passate legislature avevano promesso una pista coperta ma sono sempre risultate promesse vane. Chiede tempo all Amministrazione prima di procedere con questo progetto, farà a breve una riunione tra le società per decidere a cosa rinunciare per realizzare la copertura della pista di pattinaggio. Il Sindaco Alfredo arini chiarisce che il presidente della olisportiva fa riferimento a programmi elettorali precedenti a quello corrente, e che le scelte relative a questo progetto sono state fatte su indicazione delle società e all interno della commissione assessorato allo sport e con la olisportiva. urtroppo la situazione da qualche anno è cambiata a causa della crisi economica, senza questa la disponibilità economica e di intervento sarebbe stata molto superiore. Tiene a sottolineare come l amministrazione di Crespellano negli anni passati come adesso abbia sempre favorito il pattinaggio al massimo delle proprie possibilità: quando è stata realizzata la scuola di ragatto è stata realizzata anche pista esterna soprattutto per il pattinaggio, e anche la pavimentazione della palestra della scuola è stata scelta per essere funzionale alla disciplina del pattinaggio. Chiede se la disciplina ha necessità di utilizzare sia la palestra di ragatto che la pista esterna, e anche la nuova pista che ci sarà al centro sportivo. Se l obiettivo è avere tutte le strutture e ottenere anche una pista coperta nel centro sportivo, gli sembra una necessità che lo lascia perplesso. Il Cittadino V. C. risponde che la pista esterna di ragatto è stata abbandonata perché il fondo è distrutto ed inutilizzabile. Nel 1999 si parlava di coprire quella pista ma non è stato fatto, ora sarebbe necessario rifare il fondo e poi coprirla. Il pattinaggio agonistico richiede uno spazio di 25x50 mt, mentre per il pattinaggio formativo va bene anche la palestra di ragatto: il pattinaggio intende utilizzare sia la palestra di ragatto che la nuova pista prevista al centro sportivo. Il Consigliere Giuseppe Demingo propone di installare pannelli fotovoltaici per la copertura della nuova pista di pattinaggio, arriverebbe dei finanziamenti per realizzare questa struttura. L Assessore Andrea Serra Giaretta risponde che si è cercato di rispondere ai fabbisogni essenziali dei gruppi sportivi, tenendo conto della disponibilità ridotta di risorse. Nelle richieste del pattinaggio c era la costruzione di un palazzetto coperto oppure l ampliamento della pista a 25x50mt con la realizzazione della copertura a freddo. E emerso che attualmente non sarebbe realizzabile né sostenibile la costruzione di un palazzotto a causa dei costi di costruzione e manutenzione troppo elevati. Inoltre a gennaio 2014 Crespellano entrerà a far parte del comune unico quindi per gli interventi si sta ragionando tenendo conto delle strutture di tutti i comuni che si fonderanno, per il pattinaggio è già presente il palazzotto di Savigno. All ultima riunione della olisportiva il residente ha richiesto la realizzazione di una piattaforma 25x50 mt dicendo che alla copertura ci si sarebbe pensato in un secondo momento, l Assessore tiene a precisare che la disponibilità economica per la copertura di questa struttura non c è. La vera necessità del pattinaggio è uno spazio 25x50mt in un palazzetto coperto ma non è ipotizzabile né sostenibile, tutte le altre soluzioni sono di ripiego. In risposta al Consigliere Versari, le aree giochi dei bimbi del centro sportivo sono di carattere pubblico e non è quindi previsto che siano sorvegliate della olisportiva. Conclude richiamando i presenti a valutare il progetto nel suo insieme, e in particolare la scelta della struttura centrale risulterà valida sia per tutte le società sportive, sia come fonte di reddito. Richiamando la mappa in allegato, il Responsabile Andrea Diolaiti specifica che praticamente tutta l area grigia sarà parco pubblico, la stradina è per il footing, i punti rossi sono alberi, i punti gialli sono isole in cui 7

8 fermarsi per fare esercizi di stretching e ginnici. La Cittadina B. è madre di una bambina che fa pattinaggio e ritiene che non solo chi fa agonismo debba pretendere una pista decorosa: la pista di ragatto è in cattive condizioni, il pavimento presenta alcune bolle, quando piove il tetto perde, gli spogliatoi non sono dignitosi. Ritiene quindi prioritario sistemare la palestra di ragatto. Il Consigliere Claudio Veroli critica l accordo che il comune di Crespellano ha siglato con Savigno facendo atterrare dalla Croce delle radole una capacità edificatoria per un valore pari a ; inoltre ora quell area si è già svalutata fino a A livello di esborso, si tratta di un mutuo per che peseranno sulle tasche dei cittadini, che sommato a tutti gli altri fallimentari accordi di programma di questa amministrazione ( per la scuola di ragatto, per il sottopasso di via Moretta) porta il totale a di mutui, che comportano l anno di interessi. rima si è detto che l Amministrazione non ha da stanziare per un piano di sicurezza per i cittadini, mentre invece vengono spesi oltre due milioni di euro per il centro sportivo. L Assessore Fabio Federici risponde che sono state dette cose non vere: il totale dei mutui è e non 10 milioni come scritto nel volantino di Civicamente Crespellano, né 8,6 milioni come detto stasera. Viene detto che sono falliti gli accordi di programma, questo è falso. Gli accordi sono sì stati rallentati dalla crisi economica ma sono stati firmati e quindi ci sono le garanzie fideiussorie per una cifra superiore al 10 milioni di euro. Inoltre fino ad ora non era possibile spendere l avanzo di bilancio, mentre dall anno prossimo con la fusione dei comuni sarà possibile utilizzarlo, oltre al finanziamento aggiuntivo da Stato e Regione. Vengono accesi adesso questi mutui perché il mercato è rallentato ma la necessità delle opere è urgente: c è bisogno dei soldi adesso per iniziare e concludere i lavori il prima possibile, ma appena verranno escusse le fideiussioni i mutui saranno estinti e gli interessi pagati con i finanziamenti della fusione. Niente verrà preso dalle tasche dei cittadini, mentre se si faceva come proposto da Civicamente Crespellano venivano fatti mutui anni fa che ci avrebbero portato fuori dal patto di stabilità e allora sì avrebbero gravato sulle tasche dei cittadini. Il Consigliere Claudio Veroli ritiene che nonostante gli accordi non arriveranno i finanziamenti da Stato e Regione per la fusione. L Assessore Fabio Federici afferma che non è corretto dire che questi mutui peseranno sulle tasche dei cittadini, che sono frutto del fallimento degli accordi di programma, che l attuale amministrazione non ha fatto programmazione. L idea complessiva per Crespellano è creare un parco sportivo aperto a tutti, con la possibilità di essere col tempo implementato. C è la necessità di copertura per i campi da tennis e viene fatta, c è la necessità di campo da calcio in sintetico e viene fatto, c è la necessità di un punto centrale e viene fatto. L Assessore Andrea Serra Giaretta ritiene che con questo progetto vengano soddisfatte quasi tutte le necessità dei gruppi sportivi, ad eccezione del pattinaggio che considera questa soluzione insufficiente per la propria attività. Il Consigliere Loris Lambertini è vicepresidente della olisportiva e ha partecipato a tutto il percorso che ha portato alla stesura di questo progetto. Ritiene che gli interventi siano finalizzati al numero di atleti che utilizzano lo spazio e adeguati al contributo che ogni società dà alla olisportiva. Sottolinea come ci siano realtà sul territorio che stiano vivendo una forte espansione come il tennis (che sta diventando una delle scuole tennis più grandi della provincia di Bologna) e che ha un introito importante, quindi ritiene doveroso potenziare questo settore. Il calcio invece recupera giustamente un campo che aveva perso anni fa, e la scelta del sintetico è la risposta al costo più basso possibile. L obiettivo del centro sportivo è l autofinanziamento, e la scelta del corpo servizi centrale gli sembra ottimale. Chiede di aspettare la riunione del 25 giugno per il progetto definitivo, se qualche gruppo sceglierà deliberatamente di sacrificare la propria priorità per favorire il pattinaggio si comunicherà all Amministrazione. 8

9 Esce il Consigliere aolo Versari. Il Cittadino M.N. chiede perché venga ritenuta essenziale la copertura dei campi da tennis, così come la realizzazione di un campo da calcio in erba sintetica. Il Cittadino N. è vicepresidente del Crespocalcio e risponde che la realizzazione di un campo in erba sintetica è indispensabile per proseguire l attività: hanno 12 squadre che occupano oltre 230 bambini, il terreno viene talmente sollecitato che si rovina velocemente, inoltre la metratura del campo attuale non è regolamentare Il Cittadino C.. fa parte della società Crespocalcio e ritiene che il calcio non venga in alcun modo privilegiato rispetto ad altri sport in questo progetto: semplicemente gli viene restituito il campo che gli era stato tolto anni fa (riconvertendolo nel parco De Andrè) e viene realizzato in sintetico perché molto più funzionale e redditizio. Il residente della olisportiva V.C. non ha mai detto che il settore calcio o altre società hanno ricevuto un trattamento di favore, ma chiede comunque se si può risparmiare su qualcos altro (spogliatoi, sala pesi) per ottenere la copertura per il pattinaggio. Ci sarà una riunione la settimana successiva (il 25 giugno) in cui parlerà di questa questione. Il Cittadino T. è vicepresidente del tennis e dà la propria disponibilità a valutare la questione con gli altri membri della olisportiva. Il Cittadino C. chiede i tempi di realizzazione di questo progetto. Il Responsabile Andrea Diolaiti risponde che il progetto definitivo verrà inviato al Coni per l approvazione, sono necessari 30 giorni per la risposta più altri 30 giorni per eventuali ripensamenti, si arriva quindi a settembre, si fa il bando (che deve stare almeno 26 giorni), alla fine si arriverà all aggiudicazione dell appalto per fine dicembre 2013 circa. Il Sindaco Alfredo arini sottolinea come i tempi siano ristretti, bisogna approvare il progetto definitivo al più presto perché è opportuno arrivare all assegnazione entro la fine dell anno, se ci saranno ulteriori ritardi non si dia la colpa all amministrazione comunale. L Assessore Fabio Federici risponde che l Amministrazione non ha la possibilità di impegnare per la copertura della pista da pattinaggio. L Amministrazione ha cercato tramite gli accordi di programma e la fusione di mettersi in condizione di intervenire per questo progetto del centro sportivo: da una parte ha ricavato il terreno da utilizzare, dall altra la possibilità di accendere un mutuo senza uscire dal patto di stabilità. Se avesse seguito le indicazioni della Lista Civica, tutto questo non si sarebbe potuto fare. L Assessore Andrea Serra Giaretta chiede di essere presente alla riunione del 25 giugno di modo che si accelerino i tempi e che quella sera venga presa una soluzione definitiva. Il residente Cesare Barone mette in votazione il progetto ampliamento centro sportivo. I voti favorevoli sono 14 Gli astenuti sono 3 I voti contrari sono 0 ertanto il residente Cesare Barone dichiara che la proposta è approvata dal comitato frazionale di Crespellano. 4 punto varie ed eventuali 9

10 Il Consigliere Giuseppe Demingo ha presentato all Amministrazione un progetto per la fornitura di connessione wifi gratuita, in cui si chiede la disponibilità di spazi pubblici in cui installare l antenna di modo che tutti i cittadini possano navigare con questa tecnologia gratuitamente, l unico costo per l Amministrazione riguarda le spese per l alimentazione delle antenne. L Assessore Fabio Federici risponde che ha preso visione del progetto solamente in giornata, verrà portato all attenzione della giunta nella prossima seduta utile. Il Consigliere Marco Masetti segnala che è stato realizzato un attraversamento pedonale rialzato in via vanotto all altezza del civico 4/A. Il Consigliere Giuseppe Demingo segnala la pericolosità dell uscita della pista ciclabile quando termina alla Muffa. Il residente Sig. Cesare Barone ringrazia tutti i presenti e dichiara chiusa l assemblea. La riunione termina alle ore Crespellano, 20/06/2013 Il residente del Comitato Frazionale di Crespellano (Cesare Barone) Il Segretario (Tommaso Orsi) 1

Totale presenti: 23 1

Totale presenti: 23 1 OGGETTO: 1) approvazione verbali sedute del 01/03/2013 e 18/03/2013; 2) bilancio consuntivo 2012; 3) bilancio preventivo 2013; 4) convenzione sfalcio e potature per gli agricoltori; 5) varie ed eventuali.

Dettagli

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P A AG AG AG P P P P P P P AG P P P A P AG P A P P AG

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P A AG AG AG P P P P P P P AG P P P A P AG P A P P AG OGGETTO: 1. approvazione verbale seduta precedente (12/10/2011); 2. proposta di sistemazione del centro antico; 3. attuazione dell accordo con i privati ed i comuni di Crespellano e Savigno ai sensi dell

Dettagli

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P P P P A -> P P P P P A AG AG P P P P P AG AG P P AG AG P P

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P P P P A -> P P P P P A AG AG P P P P P AG AG P P AG AG P P OGGETTO: 1. approvazione verbale seduta del 09/10/2012; 2. iano articolareggiato di iniziativa privata per il recupero degli edifici posti tra via Sartini e piazza isacane; 3. discussione sull amianto

Dettagli

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P AG AG A P P A -> P A AG P P P AG A AG P P P P P P A -> P P AG AG

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P AG AG A P P A -> P A AG P P P AG A AG P P P P P P A -> P P AG AG OGGETTO: 1) decisioni attinenti alla carica di consiglieri di frazione; 2) approvazione verbale seduta del 20/12/2012; 3) informativa progetto AD (ubblico Accesso al Defibrillatore); 4) informativa alloggi;

Dettagli

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P P P A A P A A P A AG P P A P P AG P A A P A P AG P P P P AG

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. Presenze P P P P P P P A A P A A P A AG P P A P P AG P A A P A P AG P P P P AG OGGETTO: 1. approvazione verbale seduta precedente (19/04/2011); 2. nomina nuovo componente in sostituzione di Masetti lessandro; 3. elezione nuovo vicepresidente del comitato frazionale; 4. proposta di

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI:

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI: Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 106 avente per oggetto: programma triennale dei lavori pubblici 2008-2010. Variazione all'elenco annuale per l'anno 2008. (Durante la discussione

Dettagli

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone BP 2009 non solo parole Sbilanciamoci è un invito a partecipare alla scelta su come investire soldi pubblici, tramite il Bilancio Partecipato. Il

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 164 In data: 15/10/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE ATTO DI INDIRIZZO FINALIZZATO ALLA INSTALLAZIONE ED ALLA GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA COPIA CODICE ENTE 11275 ******************************************************************************************************* DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere CONSIGLIO DELL UNIONE DELIBERAZIONE N. 7 DEL 13.11.2008 Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica Oggetto: Approvazione Regolamento

Dettagli

LETTERA APERTA DEI SOCI DELLA SEZIONE TENNIS DELL USD CERBAIA ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN CASCIANO V.P.

LETTERA APERTA DEI SOCI DELLA SEZIONE TENNIS DELL USD CERBAIA ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN CASCIANO V.P. LETTERA APERTA DEI SOCI DELLA SEZIONE TENNIS DELL USD CERBAIA ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN CASCIANO V.P. Egr. Sindaco Massimiliano Pescini ed Egr. Assessore allo Sport Renzo Masi, noi Soci dell

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CREMA SPORTING PARK Crema, 28 gennaio 2015 Sommario Introduzione... 3 Ortofoto dell area oggetto dell intervento... 4 Chi presenta il Progetto e a chi verrà

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 38 In data: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Seduta pubblica ordinaria di prima convocazione OGGETTO: VARIAZIONE AL PROGRAMMA DELLE OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005 IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI E PALESTRE SCOLASTICHE Gli Impianti Sportivi pubblici presenti nella nostra città sono 21 di cui n.6 palestre scolastiche e n. 15 impianti comunali. Gli impianti vanno da 9 medi

Dettagli

Alle ore 19:10 del giorno 30 settembre 2015 è aperta la seduta del Consiglio Direttivo con il seguente: ORDINE DEL GIORNO

Alle ore 19:10 del giorno 30 settembre 2015 è aperta la seduta del Consiglio Direttivo con il seguente: ORDINE DEL GIORNO ASSOCIAZIONE "COMITATO DI QUARTIERE GIARDINO DI ROMA" VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 05/2015 Alle ore 19:10 del giorno 30 settembre 2015 è aperta la seduta del Consiglio Direttivo con il

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 62. Seduta del 23 MARZO 2009 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 62. Seduta del 23 MARZO 2009 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 62 Seduta del 23 MARZO 2009 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI SILVA

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 39 del 13/09/2010 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "IL POPOLO DELLA LIBERTA'

Dettagli

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 VERBALE N. 77 DI DATA 27.06.2013 Il giorno di giovedì 27 giugno 2013, alle ore 11.00, presso il Rettorato dell Università degli Studi di Trieste si è riunito,

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO

CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO Licei Camerino SCIENTIFICO sezione ad indirizzo SPORTIVO CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO Istituto di Istruzione Superiore Costanza Varano CAMERINO Il Regolamento del Liceo Sportivo Il Regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011 Settore 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Segreteria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 007 del 27.01.2011 Oggetto: Regolamento per l istituzione ed il funzionamento delle consulte dell

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 60 Registro Deliberazioni. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO CITTÀ SICURA 2009 IN FUNZIONE DEL D.G.R. 09 APRILE 2008 N 8/7048 CRITERI E

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/10/2011Nr. Prot. 19676 APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI MASSIMA DELL'IMPIANTO

Dettagli

DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015

DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 3 5 febbraio 04/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 16 «Centro storico, il tema ztl è prematuro» 1 03/02/2015 (ed. Modena)

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 3 EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 3

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 3 EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 3 COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 3 EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 3 N. 1 Seduta del 3.03.2011 N. Reg.Speciale OGGETTO PUA di via Croce Rossa: parere L anno 2011, il giorno 3 del mese

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Viene sottoposta al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione. IL CONSIGLIO COMUNALE In continuazione di seduta Vista la delibera di G.M. n. 104 del 20/11/2015 con la quale è stato approvato

Dettagli

Come richiedere l'affiliazione

Come richiedere l'affiliazione Come richiedere l'affiliazione 1 - Richiedi i codici di accesso 2 - Accedi il sistema 3 - Compila la scheda di affiliazione 4. Inserisci le anagrafiche dei dirigenti 5 - Registra il pagamento 6 - Stampa

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 130 In data: 04/09/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE LAVORI DI: 'RISTRUTTURAZIONE E ADEGUAMENTO

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO

V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO V^ CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELL EMILIA ROMAGNA (Bologna - 5 febbraio 2005) I rappresentanti delle 2357 organizzazioni di volontariato, iscritte nel registro regionale e nei registri provinciali,

Dettagli

MASTERCOM REGISTRO ELETTRONICO DI CLASSE

MASTERCOM REGISTRO ELETTRONICO DI CLASSE MASTERCOM REGISTRO ELETTRONICO DI CLASSE L indirizzo internet per accedere al registro di classe attraverso Mozilla Firefox è: https://82.185.224.202/registro/index.php Si utilizza in due modalità: orario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 159 del 17/06/2014 O G G E T T O

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 159 del 17/06/2014 O G G E T T O C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 159 del 17/06/2014 O G G E T T O Impianto sportivo polivalente PalaPoli Approvazione progetto esecutivo sostituzione

Dettagli

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

Sede: Sala Cesare Masina Bologna via Saliceto 3/20 Pagg.: 6

Sede: Sala Cesare Masina Bologna via Saliceto 3/20 Pagg.: 6 CONSIGLIO DI QUARTIERE SEDUTA del 12 marzo 2015 Versione DEFIINITIVA Verbale a cura di: Luca Leonelli Convocazione ore 18.30 Inizio effettivo: 18.40 fine effettiva: 20.25 Sede: Sala Cesare Masina Bologna

Dettagli

Proposte non ammesse alla votazione finale

Proposte non ammesse alla votazione finale Proposte non ammesse alla votazione finale Proposte dei cittadini Motivi dell esclusione Demolizione o riapertura ex centro commerciale Poggio dell'ellera Il Comune non può intervenire perché la proprietà

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

Cyberbulli, vittime, spettatori

Cyberbulli, vittime, spettatori INTERNET : UN MONDO DI OPPORTUNITA E DI RISCHI LA Incontro con il giornalista Paolo Attivissimo Borgomanero 28 gennaio 2014 nell ambito del progetto di rete di scuole della Provincia di Novara: Cyberbulli,

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi:

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi: OGGETTO: PRESENTAZIONE ED APPROVAZIONE LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI ED AI PROGETTI DA REALIZZARE DURANTE IL MANDATO POLITICO AMMINISTRATIVO. ART. 11 DELLO STATUTO COMUNALE Introduce l argomento

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 121 del 05/12/2011 OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI INTERVENTI PRESENTATI DALLE CONSULTE DI FRAZIONE DEL COMUNE DI SAVIGNANO

Dettagli

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti Questa che andrete a leggere è una simulazione di un bellissimo progetto realizzato a Canegrate, 12000 abitanti, nel milanese. Abbiamo sostituito date, nomi, cifre e progetti per renderlo aderente alla

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Salviamo Paganica ONLUS

Salviamo Paganica ONLUS Il direttivo dell Associazione, si è riunito in data 27 giugno 2011, alle ore 21:00, presso il Centro Civico di. Risultano presenti: Cognome Nome Presente CICINO Franco X DE PAULIS Francesco X PERNA Paolo

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Quella che segue è una breve e semplice guida che si propone di fornirti in 5 punti alcune indicazioni che ti potranno essere utili ad orientarti se

Quella che segue è una breve e semplice guida che si propone di fornirti in 5 punti alcune indicazioni che ti potranno essere utili ad orientarti se Quella che segue è una breve e semplice guida che si propone di fornirti in 5 punti alcune indicazioni che ti potranno essere utili ad orientarti se ti accingi a ristrutturare la tua casa o la tua attività

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

Comune di Savignano sul Panaro Consulta della frazione di Doccia. Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011

Comune di Savignano sul Panaro Consulta della frazione di Doccia. Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011 COPIA Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011 Il giorno martedì 19 aprile alle ore 20.30 presso la SALA DELLA BILIOTECA COMUNALE si è tenuta l Assemblea n.03 di Consulta della frazione DOCCIA. Fatto

Dettagli

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 Il giorno 26 maggio 2015 alle ore 18.30, presso la Sede del Comune di Cavriago, si riunisce il Forum scuola,con il seguente ordine del giorno 1) aggiornamento

Dettagli

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO)

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) Votazioni del giorno 31/05/2015

Dettagli

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg.

OGGETTO: Fatto l appello nominale risultano presenti i seguenti Sigg. OGGETTO: 1. realizzazione della Casa della Salute di Calcara; 2. acquisizione spazi per il Centro Giovanile; 3. primi interventi programmabili di viabilità, manutenzione strade e percorsi pedonali e ciclabili.

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 La celebrazione del matrimonio, come regolato degli art.101 e 106 e seguenti del Codice Civile, è attività istituzionale garantita.

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Relazione dell Assemblea pubblica del 5 Giugno 2012

Relazione dell Assemblea pubblica del 5 Giugno 2012 Relazione dell Assemblea pubblica del 5 Giugno 2012 In data 05/06/2012 alle ore 20,45 si è svolto nel centro civico di S. Felice l incontro pubblico della Giunta del Comune di Cremona con il Comitato di

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CONSIDERATO

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CONSIDERATO PREMESSO che la salute dei cittadini deve essere sempre garantita; CONSIDERATO che la fisioterapia in acqua è fondamentale per il recupero di pazienti con problematiche motorie, di qualsiasi età; COSTATATO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 del 31.05.2006 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI PRIMA DEL 1 GENNAIO 1997.- L

Dettagli

VERBALE RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 21 GENNAIO 2016

VERBALE RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 21 GENNAIO 2016 VERBALE RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 21 GENNAIO 2016 Il Consiglio di Amministrazione si è riunito oggi, giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 21.00 a Paderno Dugnano, sotto la presidenza del Presidente

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione sui testi delle risoluzioni in discussione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati, in materia

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE A POSTE ITALIANE S.P.A. DEI LOCALI SITI IN MONTEROTONDO, Via G. GARIBALDI 9.

OGGETTO: AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE A POSTE ITALIANE S.P.A. DEI LOCALI SITI IN MONTEROTONDO, Via G. GARIBALDI 9. OGGETTO: AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE A POSTE ITALIANE S.P.A. DEI LOCALI SITI IN MONTEROTONDO, Via G. GARIBALDI 9. Il Presidente, al termine della discussione ( Allegato C ), pone in votazione la seguente

Dettagli

Città di Asola Provincia di Mantova

Città di Asola Provincia di Mantova Città di Asola Provincia di Mantova COPIA DELIBERAZIONE N. 199 del 11-11-2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Codice Ente 10046 N.65 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Registro Deliberazioni OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 12

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 12 COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ED ALLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2008/10 APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 59 DATA 19.06.2013 OGGETTO: Approvazione progetto di videosorveglianza sul

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Relazione # 1 sulla attività della Commissione Informatica dal 1 Marzo al 15 Luglio 2010

Relazione # 1 sulla attività della Commissione Informatica dal 1 Marzo al 15 Luglio 2010 Relazione # 1 sulla attività della Commissione Informatica dal 1 Marzo al 15 Luglio 2010 1) Dopo la sua costituzione e l'approvazione delle linee programmatiche da parte di tutti i suoi membri, la commissione

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

Criteri per la presentazione di richieste di contributo

Criteri per la presentazione di richieste di contributo Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de Baldi Criteri per la presentazione di richieste di contributo alla Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA Al Sindaco Stefano Reggianini Al Presidente del Consiglio Comunale Renzo Vincenzo Alla Giunta Comunale All Assessore competente Castelfranco Emilia, 08/05/2015 INTERPELLANZA Oggetto Disagio frazione di

Dettagli

in immagini Interno del PalaLivorno PALALIVORNO

in immagini Interno del PalaLivorno PALALIVORNO PALALIVORNO in immagini Livorno oggi si dota, all interno dell importante complesso terziario di Porta a Terra, di una grande struttura polivalente tale da ospitare manifestazioni spettacolari, sportive,

Dettagli

Verbale della seduta N.2/2015 del Comites del NSW 7 Ottobre ore 18.30

Verbale della seduta N.2/2015 del Comites del NSW 7 Ottobre ore 18.30 Verbale della seduta N.2/2015 del Comites del NSW 7 Ottobre ore 18.30 Ordine del giorno: 1. Apertura riunione del presidente dott. Giuseppe Musso; 2. Presenze, Scuse, Quorum; 3. Approvazione del verbale

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

COMUNE DI GRANZE DELIBERAZIONE N. 16 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (PROVINCIA DI PADOVA)

COMUNE DI GRANZE DELIBERAZIONE N. 16 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (PROVINCIA DI PADOVA) DELIBERAZIONE N. 16 COPIA IN DATA 26-06-2014 COMUNE DI GRANZE (PROVINCIA DI PADOVA) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPLICAZIONE TASI - TARIFFE ANNO 2014 Adunanza ORDINARIA convocazione

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

C O M U N E D I B I B B I E N A. (P r o v i n c i a d i A r e z z o) D E L I B E R A Z I O N E D I C O N S I G L I O C O M U N A L E

C O M U N E D I B I B B I E N A. (P r o v i n c i a d i A r e z z o) D E L I B E R A Z I O N E D I C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA C O M U N E D I B I B B I E N A (P r o v i n c i a d i A r e z z o) D E L I B E R A Z I O N E D I C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DEL 29-06-2011 OGGETTO: MODIFICHE DEL REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE DEL COMUNE DI MONTEGIORGIO. (approvato con atto del Consiglio Comunale n 6 dell 11.04.

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE DEL COMUNE DI MONTEGIORGIO. (approvato con atto del Consiglio Comunale n 6 dell 11.04. REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE DEL COMUNE DI MONTEGIORGIO. (approvato con atto del Consiglio Comunale n 6 dell 11.04.2014) Art. 1 - ISTITUZIONE Il Comune di Montegiorgio istituisce

Dettagli

DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. del Reg. : 66/08 OGGETTO: ACQUISTO DELL IMMOBILE EX SCUOLA ELEMENTARE DI TAVERNA DI MONTE COLOMBO DALL AGENZIA DEL DEMANIO CONSEGUENTE CESSAZIONE DEL CONTENZIOSO

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli