Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità"

Transcript

1 Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità 150

2 A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità L allegato illustra la metodologia e descrive le variabili impiegate per la stima dei costi della mobilità. A supporto e integrazione della metodologia è messo a disposizione degli utenti del manuale un foglio di calcolo (MS Excel) interattivo. Il foglio di calcolo fornisce i costi di uno spostamento tipo che abbia origine e destinazione sul territorio delle isole minori. I costi del trasporto sono stimati: per diverse modalità (auto, moto, bus, ciclo-pedonale) e sono disaggregati in costi diretti (ovvero a carico di chi effettua lo spostamento) e costi esterni (ovvero non riconosciuti da chi compie lo spostamento e imposti alla collettività). A.4.1 Individuazione delle componenti del costo della mobilità Sono di seguito presentati i costi interni ed esterni del trasporto per i diversi modi di trasporto passeggeri, tenuto conto delle voci di costo e delle disaggregazioni riportate nella tabella sottostante. Tab. A4. 1 Costi interni e costi esterni del trasporto Voci di costo Costi privati/interni al settore Costi esterni Spesa di trasporto Spese infrastrutturali Costi per incidenti Costi di carburante e biglietti o tariffe Accise sul carburante, tasse automobilistiche, costi di utilizzo Costi coperti dalle assicurazioni e altri costi Costi pagati da terzi (fornitura gratuita di parcheggi e di spazi) Costi infrastrutturali non coperti dagli utenti della strada Costi infrastrutturali non coperti dagli utenti della strada Costo della sofferenza imposta ad altri Costi ambientali Danni provocati a sé stessi Danni provocati ad altri e non coperti (es. rumori) Costi di congestione Costi per il proprio tempo perso Ritardi e costi imposti a terzi Fonte: Commissione Europea, Towards Fair and Efficient Pricing in Transport,

3 Costi interni (modi privati e pubblici) Sono costi interni quelli direttamente sostenuti dagli utenti dei modi di trasporto. Per quanto riguarda i veicoli privati (autovetture, motocicli) essi equivalgono ai costi operativi di esercizio dei veicoli. Una parte di questi sono considerati costi percepiti, ovverosia i costi per i quali il viaggiatore ha una consapevolezza diretta: carburante, lubrificanti, pneumatici e pedaggi stradali. I rimanenti costi operativi (cfr. manutenzioni e riparazioni, tasse automobilistiche, assicurazioni, ricovero e interessi sul capitale investito) sono costi per i quali l automobilista spesso non ha una percezione, tende quindi a sottostimarne l entità anche perché indipendenti dall uso del veicolo. Tale sottostima ha un implicazione nella scelta della modalità di trasporto. In altri termini l automobilista, nel considerare i costi del proprio spostamento riconoscerà i soli costi variabili (quelli legati ai consumi), sottovalutando la componente dei costi fissi, cioè di tutti quelli indipendenti dall uso del veicoli, ma legati alla proprietà del mezzo. Per i modi collettivi i costi interni sono rappresentati dalle tariffe (titoli di viaggio) pagate dall utente. Analogamente a quanto detto per la modalità privata, anche chi utilizza i modi collettivi ne sottostima i costi. In particolare, non vengono riconosciuti i valori monetari collegati ai trasferimenti della pubblica amministrazione a favore delle imprese di trasporto (sussidi per l esercizio dei servizi e per gli investimenti in veicoli ed infrastrutture). Valore del tempo di viaggio Per una stima corretta dei costi della mobilità è necessario ricondurre a valore monetario il tempo impiegato nel compiere lo spostamento. Si tratta di una variabile di particolare importanza in funzione della quale gli individui compiono, in presenza di alternative, la scelta della modalità di trasporto. Ad esempio, scelgo di usare l auto invece dell autobus perché impiego meno tempo a parità chilometri percorsi. E questo dipenderà dalla disponibilità a pagare espressa da ogni individuo e quindi dal suo reddito, ma anche dal motivo dello spostamento. Se mi sposto per lavoro o affari la disponibilità ad usare un modo di trasporto più veloce e costoso sarà maggiore rispetto a quando compio uno spostamento per svago o turismo, ecc. Ecco perché in letteratura i valori monetari del tempo sono essere stimati in funzione della modalità di spostamento e/o del motivo dello spostamento. Nella tabella che segue vengono riportati i valori monetari del tempo in funzione dello scopo dello spostamento. 152

4 Tab. A4. 2 Valore del tempo per motivo dello spostamento ( /ora) Motivo dello spostamento /ora Lavoro 6,0 Affari 16,0 Studio 3,0 Turismo-altri motivi 4,5 Fonte: Stima TRT, 2008 Costi esterni del trasporto I costi esterni sono quelli che vengono a gravare, in tutto o in parte, su soggetti diversi da quelli coinvolti nell'attività che li genera. Secondo la teoria economica si verifica un costo esterno (o una esternalità) quando l attività di un soggetto (o di un gruppo) influisce su benessere di un altro soggetto (o un altro gruppo) senza che tra i due avvenga una compensazione. Nel caso dei trasporti, i principali costi esterni sono quelli determinati dalle emissioni di agenti inquinanti e gas serra, dall incidentalità, dal rumore e dalla congestione. Tab. A4. 3 Individuazione dei costi della mobilità per modalità di trasporto Modalità di trasporto Costi interni Costi esterni Fissi Variabili Auto privata Acquisto (ammortamento) Assicurazione Tassa di possesso Carburante Pneumatici Manutenzione Valore del tempo di viaggio Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo 153

5 Modalità di trasporto Costi interni Costi esterni Motociclo Fissi Acquisto (ammortamento) Assicurazione Tassa di possesso Variabili Carburante Pneumatici Autobus - Tariffa Manutenzione Valore del tempo di viaggio Valore del tempo di viaggio Bicicletta - Tempo di viaggio (valore del tempo) Spostamento pedonale - Tempo di viaggio (valore del tempo) Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo - - A.4.2 Valori monetari unitari utilizzati per il calcolo dei costi interni La tabella sottostante riporta i valori monetari unitari ( /km) riferiti alle diverse modalità di trasporto e differenziati in costi fissi e variabili. Tali informazioni sono impiegati come input nel foglio di calcolo messo a punto a supporto degli utilizzatori del manuale al fine di stimare i costi della mobilità. Si ricorda che il foglio di calcolo Excel è stato progettato in modo da consentire l aggiornamento successivo da parte degli utilizzatori. 154

6 Tab. A4. 4 Sintesi dei costi interni della mobilità Modalità di trasporto Auto privata Fissi Quota capitale 0,090 /km Tassa di circolazione 0,017 /km Assicurazione 0,131 /km Costi interni Variabili Carburante e lubrificanti 0,090 /km Pneumatici 0,016 /km Manutenzione 0,068 /km Motociclo Quota capitale 0,040 /km Tasse e Assicurazioni 0,080 /km Carburante e lubrificanti 0,053 /km Pneumatici 0,002 /km Manutenzione 0,011 /km Autobus - Biglietto singolo 1,00 Carnet 12 viaggi 10,00 Abbonamento mensile 30,00 Bicicletta - - Spostamento pedonale - - Fonte: Elaborazione TRT su dati ACI (Costi Chilometrici 2006 e Autoritratto 2004) A.4.3 Costi esterni del trasporto Di seguito vengono fornite le stime per la quantificazione dei costi esterni ambientali, sociali ed economici generati dalle attività di trasporto. Prima di presentare le schede metodologiche riferite alle differenti componenti dei costi esterni è utile richiamare alcune questioni di ordine generale. In primo luogo va segnalato che le esternatiltà negative imputabili alle attività di trasporto riguardano in modo specifico aspetti: ambientali: emissioni di inquinanti in atmosfera di scala locale (PM, CO, VOC, ecc.) e globale (emissioni di gas effetto serra CO 2 ), consumi di risorse energetiche (combustibili fossili) e risorse non rinnovabili (cfr. suolo), emissioni sonore; sociali: principalmente legate alla sicurezza stradale (numero di incidenti, morti e feriti) per quelle componenti di costo che non sono contabilizzate già dal sistema assicurativo; economici, in questo ambito il riferimento principale è alla perdita di tempo dovuta all inefficienza delle infrastrutture di trasporto per effetto della congestione 1. In secondo luogo è necessario tenere presente che i costi esterni del trasporto variano in funzione di un insieme di parametri e tra questi: 1 La congestione è quindi un fenomeno che si registra nel momento in cui il numero degli utilizzatori di una determinata infrastruttura (stradale, ma non solo) supera la capacità dell infrastruttura stessa. 155

7 la densità delle sorgenti emissive mobili (concentrazione degli autoveicoli); l intensità di utilizzazione delle sorgenti emissive mobili (percorrenze); il diverso andamento dei fattori di emissione in funzione dell ambito di operatività (ciclo di guida dei veicoli ) 2 ; la densità territoriale dei soggetti e degli oggetti potenzialmente esposti (popolazione e manufatti); l eventuale attivazione di sinergie con altre sorgenti di emissione (attività produttive, riscaldamento/condizionamento delle residenze, ecc.); le condizioni al contorno in grado di influenzare la diffusione atmosferica degli inquinanti (fattori climatici ). Con riferimento alle isole minori la stima dei costi esterni si è tenuto quindi conto dei valori di letteratura riferiti di seguito e imputabili alle principali modalità di trasporto utilizzate. Tab. A4. 5 Sintesi del costi esterni della mobilità Modalità di trasporto Costi esterni Ambientali Sociali Economici Auto privata Motociclo Autobus Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità Incidentalità Incidentalità Congestione Natura e paesaggio ciclo vita veicolo Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Di seguito si riportano, per ciascuna delle voci di costo esterno considerate, la metodologia di stima, i valori monetari impiegati e la relativa fonte bibliografica. A tale proposito si segnala che le stime impiegate per la valutazione dei costi fanno riferimento alle fonti accreditate dalla Comunità Europea (INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study, 2004). 2 Si tenga conto che il regime di marcia stop and go, caratteristico del ciclo di guida urbano, unitamente alle brevi distanze percorse generano un eccesso di emissioni rispetto ai valori medi prodotti in condizioni di regolarità. Una schematica rappresentazione del fenomeno fornita da MEET (1999) indica come tale eccesso tenda crescere in modo esponenziale per distanze fino a 6 km per poi stabilizzarsi per percorrenze superiori a tale soglia. 156

8 Inquinamento atmosferico e cambiamento climatico Corrisponde al valore monetario del danno locale e globale dovuto alle emissioni di inquinanti atmosferici: monossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), biossido di zolfo (SO 2), ozono (O 3), composti organici volatili (COV), Particolato (PM 10 e PM 2,5). Gli impatti considerati per questa categoria di costo esterno includono: i danni sulla salute umana (ad esempio respiratori), danni agli edifici e ad altri oggetti materiali (deposito di particolato), danni ai raccolti agricoli ed alla biosfera (piogge acide), impatti sulla biodiversità e gli ecosistemi (terrestri e marini). Le determinanti principali per la stima dei diversi valori di costo sono il livello di esposizione della popolazione alle fonti inquinanti, che a sua volta dipende dalla vicinanza, dalla densità della popolazione esposta, gli stessi agenti atmosferici (venti, piogge, ecc). Nel trasporto stradale, determinanti specifiche risiedono negli standard di emissione dei veicoli (in parte legati all età del parco circolante), velocità, tipo di carburante, tecnologia di combustione interna e trattamento degli scarichi, fattore di carico, dimensioni del veicolo, posizione geografica e caratteristiche dell infrastruttura stradale. Di diversa portata sono invece i costi sociali legati al cambiamento climatico o surriscaldamento globale. Si tratta di impatti di che agistico su un arco temporale molto ampio e che presentano un elevato livello di complessità nel calcolo dei danni prodotti da ciascuna fonte inquinante. Sono provocati dalle emissioni di gas serra: anidride carbonica (CO 2), protossido di azoto (N 2O) e metano (CH 4). Vi contribuiscono in parte anche i cosiddetti refrigeranti (carbone idro-fluoride) degli impianti mobili di condizionamento dell aria. Le determinanti principali sono rappresentate dal consumo di carburanti da fonte fossile e dal loro contenuto di carbonio. I valori monetari associati all inquinamento atmosferico sono quelli dello studio INFRAS-IWW (2004), mentre per le stime riferite agli impatti sul cambiamento climatico si è assunto un valore medio pari a 75 per ogni tonnellata di CO 2 emessa, come suggerito dalla recente Stern Review (The Economics of Climate Change, 2006). cent/pass*km Auto Bus Moto Air Pollution Climate Change (medium scenario) Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 157

9 Inquinamento acustico Corrisponde al valore monetario dei disturbi associati all inquinamento acustico. La stima dei costi esterni associati all inquinamento acustico, riportata, ad esempio, nella relazione di Federtrasporto (Fisco e pedaggi per ridurre i costi del trasporto: la metodologia), viene calcolata associando il valore monetario (determinato sulla base della disponibilità a pagare per la riduzione dei livelli di rumore) ai volumi di traffico distinti per modalità di trasporto. Nello studio INFRAS-IWW (2004) il costo esterno totale di inquinamento acustico viene scomposto in tre componenti: la disponibilità a pagare dell individuo in funzione di un determinato livello di esposizione al rumore, il rischio (individuale) di danni all apparato uditivo e gli altri costi sanitari (sociali) connessi. L indicatore di misurazione dei libelli di rumore è il decibel (db). Questo indicatore segue una scala logaritmica, evidenziando come l udito umano sia molto sensibile e reattivo ai livelli sonori e alle loro frequenze. La medesima relazione sussiste inoltre tra rumore e livelli di traffico veicolare. Le determinanti sono: l orario del giorno/notte (con più alti costi marginali per le ore notturne), la densità del recettore in prossimità della fonte di emissione (popolazione esposta al rumore) e i livelli esistenti di rumore. Come ovvio, nel caso del trasporto stradale, tale costo esterno è influenzato dalla rumorosità dei sistemi di propulsione e dal rotolamento, che a loro volta dipendono dalle caratteristiche dell infrastruttura e del veicolo, dal suo stato di manutenzione e dai comportamenti del guidatore (accelerazioni). cent/pass*km Auto Bus Moto Noise Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 158

10 Incidentalità I costi per rischio di incidente (associati sia a danni materiali sia nel caso di feriti e vittime umane) si dividono in costi interni (danni subiti da chi utilizza in prima persona il mezzo e danni coperti dai premi assicurativi) ed in costi esterni (parte residuale di costo sociale non coperta da assicurazione). In tal senso, è indifferente che sia l assicurazione del responsabile dell incidente o quella di chi lo subisce a coprire il costo sociale derivante. Il livello dei costi esterni dipenderà quindi sia dal numero di incidenti registrati, sia dal sistema assicurativo. Le categorie di costo più importanti sono i danni materiali (laddove non inclusi nei premi assicurativi), i costi amministrativi (interventi delle forze dell ordine, costi per l amministrazione della giustizia e delle assicurazioni) le spese mediche, le perdite di produzione (per assenza, sostituzione) e il cosiddetto valore di rischio, che sintetizza in termini monetari il dolore fisico e psicologico subito dai feriti ed il rischio di morte (inclusi gli effetti negativi su parenti e amici). Le determinanti principali dei costi di incidentalità nel trasporto stradale sono: i chilometri percorsi dal veicolo, la velocità, il tipo di strada, le caratteristiche del guidatore (stile di guida, esperienza, attitudine alla velocità), il volume e la velocità del traffico, l orario (giorno/notte) e le interazioni con le condizioni atmosferiche. Il livello di manutenzione delle infrastrutture stradali, la capacità e il livello di segregazione dei diversi flussi veicolari giocano un ruolo altrettanto importante così come la tecnologia a bordo dei veicoli (sistemi di sicurezza passiva e attiva) e nelle stesse infrastrutture (sistemi di gestione del traffico). I costi interni di incidentalità vengono solitamente contabilizzati attraverso i costi di proprietà del veicolo, mentre per i costi esterni si possono utilizzare le stime prodotte nel corso di studi (INFRAS- IWW 2004, UNITE 2002, Federtrasporto 2000) o di calcoli specifici per il contesto territoriale di riferimento. Di seguito si riportano le stime dei costi medi e marginali prodotte dallo studio di INFRAS-IWW del 2004 (i valori sono riferiti all anno 2000). cent/pass*km Auto Bus Moto Accidents Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 159

11 Congestione I costi di congestione si riferiscono agli eccessi di domanda sull offerta di trasporto, ovvero al danno reciproco causato dagli individui che simultaneamente utilizzano una determinata infrastruttura di trasporto dalla limitata capacità. La congestione produce molteplici effetti negativi: aumento dei tempi di viaggio, aumento del numero di veicoli e dei costi operativi, disamenità dei sistemi congestionati (valori del tempo più elevati), consumi aggiuntivi di carburante, incertezza sui tempi di viaggio, inefficienza del sistema di trasporto. Questa voce di costo è largamente dipendente dalle condizioni di traffico (volumi) e dalle caratteristiche dell infrastruttura nell area geografica di riferimento. I valori monetari possono variare considerevolmente e per questo sono stati presi a riferimento dei valori medi ripetto ad ambiti urbani e rurali con una discreta concentrazione di traffico veicolare (urban/rural, dense traffic). I valori sono espressi in /pass*km Auto Moto Bus rural dense urban dense average Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 160

12 Natura e paesaggio, processi a monte e a valle, effetti urbani Molti studi tendono a concentrarsi sulle componenti principali dei costi esterni. Vi sono tuttavia altri effetti rilevanti che dovrebbero essere contabilizzati ma che presentano non poche difficoltà tanto nella stima quanto nella correlazione ai modi di trasporto. I danni alla natura e al paesaggio vengono generalmente ricondotti alla distruzione degli habitat, alla loro frammentazione e perdità di qualità. Vi sono poi i costi legati aell inquinamento del suolo e delle acque e quelli riferibili all intervento dell uomo sull ambiente (deviazioni di corsi d acqua, barriere visive, ecc.) Vi si legano valori monetari generalmente riconducibili al costo di ripristino della naturalità, bonifica o alla mitigazione degli effetti negativi. I costi a monte e a valle delle attività di trasporto si riferiscono, ad esempio, ai costi legati alla produzione di energia per i trasporti, alla produzione di veicoli e loro manutenzione, alla costruzione delle infrastrutture di trasporto e alla loro manutenzione. I costi addizionali riferibili alle aree urbane si possono ricondurre a due determinanti principali: le perdite di tempo (di spostamento) causate ai pedoni dalle barriere infrastrutturale e i problemi di scarsità/competizione nell uso dello spazio tra i diversi modi di trasporto (espressi in genere come danno alla mobilità ciclabile). Vi sono poi aspetti legati all intrusione visiva che però generalemente non vengono stimati data la loro complessità. Di seguito i valori monetari riportati nello studio INFRAS-IWW (2004): cent/pass*km Auto Bus Moto Nature & Landscape Up/Down-stream Urban Effects Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 161

13 A.4.4 Descrizione del foglio di calcolo per la stima dei costi della mobilità Il foglio di calcolo in formato MS Excel messo a punto per la stima dei costi della mobilità è strutturato secondo lo schema seguente: I parametri di simulazione, da inserire a cura dell operatore, riguardano: 1) le caratteristiche di chi compie lo spostamento, ovvero: a. lo scopo dello spostamento (lavoro, studio, svago/tempo libero); b. l iquadramento professionale (quadro, impiegato, disoccupato, pensionato, studente); c. il tipo di titolo di viaggio posseduto per il modo collettivo (biglietto singolo, carnet 12 viaggi, abbonamento mensile); 2) le caratteristiche dello spostamento per ciascuna alternativa modale, ovvero a. la distanza percorsa (km); b. il tempo di viaggio (minuti). I valori monetari di input per le singole voci di costo riguardano: 1) il valore del tempo per motivo dello spostamento e condizione professionale; 2) il prezzo dei diversi titoli di viaggio espresso in /corsa; 3) il valore monetario associato a ciascuna categoria di costo esterno e per singola alternativa modale, in /pass*km; 162

14 4) il valore monetario associato ai costi interni operativi (percepiti) per i modi motorizzati (auto, moto, bus), espresso in /pass*km; 5) il valore monetario associato ai costi di proprietà (non percepiti) per i modi privati motorizzati (auto, moto), espresso in /pass*km. Fig. A.4.1 Esempio di parametri iniziali per la simulazione PARAMETRI SCELTI DALL'OPERATORE (CASELLE GIALLE) SCOPO DELLO SPOSTAMENTO 4 SCEGLIERE TRA: 2- LAVORO; 3 - SCUOLA; 4 - PER SVAGO 1 INQUADRAMENTO PROFESSIONALE 6 SCEGLIERE TRA: 5- QUADRO; 6- IMPIEGATO; 7 - DISOCUPPATO; 8 - PENSIONE; 9 - STUDENTE 1 TITOLO DI VIAGGIO MEZZO PUBBLICO 2 SCEGLIERE TRA: 2- SINGOLO BIGLIETTO; 3- CARNET 6*2 VIAGGI ALLA SETTIMANA; 4- ABB. MENSILE 1 MOTO distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h Clicca qui per confronto tra alternative modali AUTO distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h BUS distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h BICICLETTA distanza da percorrere (km) 3 durata dello spostamento (min) km/h A PIEDI distanza da percorrere (km) 3 durata dello spostamento (min) 30 6 km/h durata dello spostamento Min 10 Max 30 Il modello riporta anche i singoli fogli di calcolo utilizzati per parametrizzare ciascuna voce di costo, così come informazioni di dettaglio circa le assunzioni adottate e le fonti di letteratura utilizzate per le elaborazioni finali. L output finale consiste in un grafico (istogramma in pila) e in una tabella valori con il dettaglio dei costi totali per ciascuna alternativa modale sulla base dei parametri di di partenza. L esempio della figura seguente si riferisce ad uno spostamento per svago di un impiegato, che ha di fronte a se la scelta tra l uso dell auto, della moto, dell autobus con biglietto di corsa singola (su un percorso stradale di 5 km), della bicicletta o l andare piedi (su un ipotetico percorso misto stradale-pedonale di 3 km) per raggiungere la stessa destinazione. 163

15 Fig. A.4. 2 Esempio di output grafico (costi della mobilità /pass*km) Moto Auto Bus Bicicletta A piedi VALORE TEMPO OPERATIVI PROPRIETÀ CONGESTIONE INCIDENTI RUMORE ARIA

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE Misurazioni fonometriche del rumore prodotto dal traffico stradale e dai veicoli F.Gerola; L. Mattevi Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente - Provincia autonoma di Trento INTRODUZIONE Il

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Rapporto di Monitoraggio Ambientale

Rapporto di Monitoraggio Ambientale PO FESR 2007-2013 Regione Siciliana Rapporto di Monitoraggio Ambientale Giugno 2012 Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Ambiente Autorità Ambientale Regionale Dipartimento

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE Ringraziamenti Lo studio è stato realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo e dell Automobile Club di Italia.

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km Costi di esercizio dell impresa di autotrasporto per conto di terzi costi minimi di esercizio che garantiscano il rispetto dei parametri di sicurezza (Articolo 83 bis, commi 1 e 2, commi 4 e 4-bis della

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli