Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità"

Transcript

1 Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità 150

2 A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità L allegato illustra la metodologia e descrive le variabili impiegate per la stima dei costi della mobilità. A supporto e integrazione della metodologia è messo a disposizione degli utenti del manuale un foglio di calcolo (MS Excel) interattivo. Il foglio di calcolo fornisce i costi di uno spostamento tipo che abbia origine e destinazione sul territorio delle isole minori. I costi del trasporto sono stimati: per diverse modalità (auto, moto, bus, ciclo-pedonale) e sono disaggregati in costi diretti (ovvero a carico di chi effettua lo spostamento) e costi esterni (ovvero non riconosciuti da chi compie lo spostamento e imposti alla collettività). A.4.1 Individuazione delle componenti del costo della mobilità Sono di seguito presentati i costi interni ed esterni del trasporto per i diversi modi di trasporto passeggeri, tenuto conto delle voci di costo e delle disaggregazioni riportate nella tabella sottostante. Tab. A4. 1 Costi interni e costi esterni del trasporto Voci di costo Costi privati/interni al settore Costi esterni Spesa di trasporto Spese infrastrutturali Costi per incidenti Costi di carburante e biglietti o tariffe Accise sul carburante, tasse automobilistiche, costi di utilizzo Costi coperti dalle assicurazioni e altri costi Costi pagati da terzi (fornitura gratuita di parcheggi e di spazi) Costi infrastrutturali non coperti dagli utenti della strada Costi infrastrutturali non coperti dagli utenti della strada Costo della sofferenza imposta ad altri Costi ambientali Danni provocati a sé stessi Danni provocati ad altri e non coperti (es. rumori) Costi di congestione Costi per il proprio tempo perso Ritardi e costi imposti a terzi Fonte: Commissione Europea, Towards Fair and Efficient Pricing in Transport,

3 Costi interni (modi privati e pubblici) Sono costi interni quelli direttamente sostenuti dagli utenti dei modi di trasporto. Per quanto riguarda i veicoli privati (autovetture, motocicli) essi equivalgono ai costi operativi di esercizio dei veicoli. Una parte di questi sono considerati costi percepiti, ovverosia i costi per i quali il viaggiatore ha una consapevolezza diretta: carburante, lubrificanti, pneumatici e pedaggi stradali. I rimanenti costi operativi (cfr. manutenzioni e riparazioni, tasse automobilistiche, assicurazioni, ricovero e interessi sul capitale investito) sono costi per i quali l automobilista spesso non ha una percezione, tende quindi a sottostimarne l entità anche perché indipendenti dall uso del veicolo. Tale sottostima ha un implicazione nella scelta della modalità di trasporto. In altri termini l automobilista, nel considerare i costi del proprio spostamento riconoscerà i soli costi variabili (quelli legati ai consumi), sottovalutando la componente dei costi fissi, cioè di tutti quelli indipendenti dall uso del veicoli, ma legati alla proprietà del mezzo. Per i modi collettivi i costi interni sono rappresentati dalle tariffe (titoli di viaggio) pagate dall utente. Analogamente a quanto detto per la modalità privata, anche chi utilizza i modi collettivi ne sottostima i costi. In particolare, non vengono riconosciuti i valori monetari collegati ai trasferimenti della pubblica amministrazione a favore delle imprese di trasporto (sussidi per l esercizio dei servizi e per gli investimenti in veicoli ed infrastrutture). Valore del tempo di viaggio Per una stima corretta dei costi della mobilità è necessario ricondurre a valore monetario il tempo impiegato nel compiere lo spostamento. Si tratta di una variabile di particolare importanza in funzione della quale gli individui compiono, in presenza di alternative, la scelta della modalità di trasporto. Ad esempio, scelgo di usare l auto invece dell autobus perché impiego meno tempo a parità chilometri percorsi. E questo dipenderà dalla disponibilità a pagare espressa da ogni individuo e quindi dal suo reddito, ma anche dal motivo dello spostamento. Se mi sposto per lavoro o affari la disponibilità ad usare un modo di trasporto più veloce e costoso sarà maggiore rispetto a quando compio uno spostamento per svago o turismo, ecc. Ecco perché in letteratura i valori monetari del tempo sono essere stimati in funzione della modalità di spostamento e/o del motivo dello spostamento. Nella tabella che segue vengono riportati i valori monetari del tempo in funzione dello scopo dello spostamento. 152

4 Tab. A4. 2 Valore del tempo per motivo dello spostamento ( /ora) Motivo dello spostamento /ora Lavoro 6,0 Affari 16,0 Studio 3,0 Turismo-altri motivi 4,5 Fonte: Stima TRT, 2008 Costi esterni del trasporto I costi esterni sono quelli che vengono a gravare, in tutto o in parte, su soggetti diversi da quelli coinvolti nell'attività che li genera. Secondo la teoria economica si verifica un costo esterno (o una esternalità) quando l attività di un soggetto (o di un gruppo) influisce su benessere di un altro soggetto (o un altro gruppo) senza che tra i due avvenga una compensazione. Nel caso dei trasporti, i principali costi esterni sono quelli determinati dalle emissioni di agenti inquinanti e gas serra, dall incidentalità, dal rumore e dalla congestione. Tab. A4. 3 Individuazione dei costi della mobilità per modalità di trasporto Modalità di trasporto Costi interni Costi esterni Fissi Variabili Auto privata Acquisto (ammortamento) Assicurazione Tassa di possesso Carburante Pneumatici Manutenzione Valore del tempo di viaggio Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo 153

5 Modalità di trasporto Costi interni Costi esterni Motociclo Fissi Acquisto (ammortamento) Assicurazione Tassa di possesso Variabili Carburante Pneumatici Autobus - Tariffa Manutenzione Valore del tempo di viaggio Valore del tempo di viaggio Bicicletta - Tempo di viaggio (valore del tempo) Spostamento pedonale - Tempo di viaggio (valore del tempo) Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità stradale Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo - - A.4.2 Valori monetari unitari utilizzati per il calcolo dei costi interni La tabella sottostante riporta i valori monetari unitari ( /km) riferiti alle diverse modalità di trasporto e differenziati in costi fissi e variabili. Tali informazioni sono impiegati come input nel foglio di calcolo messo a punto a supporto degli utilizzatori del manuale al fine di stimare i costi della mobilità. Si ricorda che il foglio di calcolo Excel è stato progettato in modo da consentire l aggiornamento successivo da parte degli utilizzatori. 154

6 Tab. A4. 4 Sintesi dei costi interni della mobilità Modalità di trasporto Auto privata Fissi Quota capitale 0,090 /km Tassa di circolazione 0,017 /km Assicurazione 0,131 /km Costi interni Variabili Carburante e lubrificanti 0,090 /km Pneumatici 0,016 /km Manutenzione 0,068 /km Motociclo Quota capitale 0,040 /km Tasse e Assicurazioni 0,080 /km Carburante e lubrificanti 0,053 /km Pneumatici 0,002 /km Manutenzione 0,011 /km Autobus - Biglietto singolo 1,00 Carnet 12 viaggi 10,00 Abbonamento mensile 30,00 Bicicletta - - Spostamento pedonale - - Fonte: Elaborazione TRT su dati ACI (Costi Chilometrici 2006 e Autoritratto 2004) A.4.3 Costi esterni del trasporto Di seguito vengono fornite le stime per la quantificazione dei costi esterni ambientali, sociali ed economici generati dalle attività di trasporto. Prima di presentare le schede metodologiche riferite alle differenti componenti dei costi esterni è utile richiamare alcune questioni di ordine generale. In primo luogo va segnalato che le esternatiltà negative imputabili alle attività di trasporto riguardano in modo specifico aspetti: ambientali: emissioni di inquinanti in atmosfera di scala locale (PM, CO, VOC, ecc.) e globale (emissioni di gas effetto serra CO 2 ), consumi di risorse energetiche (combustibili fossili) e risorse non rinnovabili (cfr. suolo), emissioni sonore; sociali: principalmente legate alla sicurezza stradale (numero di incidenti, morti e feriti) per quelle componenti di costo che non sono contabilizzate già dal sistema assicurativo; economici, in questo ambito il riferimento principale è alla perdita di tempo dovuta all inefficienza delle infrastrutture di trasporto per effetto della congestione 1. In secondo luogo è necessario tenere presente che i costi esterni del trasporto variano in funzione di un insieme di parametri e tra questi: 1 La congestione è quindi un fenomeno che si registra nel momento in cui il numero degli utilizzatori di una determinata infrastruttura (stradale, ma non solo) supera la capacità dell infrastruttura stessa. 155

7 la densità delle sorgenti emissive mobili (concentrazione degli autoveicoli); l intensità di utilizzazione delle sorgenti emissive mobili (percorrenze); il diverso andamento dei fattori di emissione in funzione dell ambito di operatività (ciclo di guida dei veicoli ) 2 ; la densità territoriale dei soggetti e degli oggetti potenzialmente esposti (popolazione e manufatti); l eventuale attivazione di sinergie con altre sorgenti di emissione (attività produttive, riscaldamento/condizionamento delle residenze, ecc.); le condizioni al contorno in grado di influenzare la diffusione atmosferica degli inquinanti (fattori climatici ). Con riferimento alle isole minori la stima dei costi esterni si è tenuto quindi conto dei valori di letteratura riferiti di seguito e imputabili alle principali modalità di trasporto utilizzate. Tab. A4. 5 Sintesi del costi esterni della mobilità Modalità di trasporto Costi esterni Ambientali Sociali Economici Auto privata Motociclo Autobus Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Inquinamento atmosferico Emissioni di gas serra Inquinamento acustico Incidentalità Incidentalità Incidentalità Congestione Natura e paesaggio ciclo vita veicolo Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Consumo di suolo urbano Effetti sul paesaggio Ciclo di vita del veicolo Di seguito si riportano, per ciascuna delle voci di costo esterno considerate, la metodologia di stima, i valori monetari impiegati e la relativa fonte bibliografica. A tale proposito si segnala che le stime impiegate per la valutazione dei costi fanno riferimento alle fonti accreditate dalla Comunità Europea (INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study, 2004). 2 Si tenga conto che il regime di marcia stop and go, caratteristico del ciclo di guida urbano, unitamente alle brevi distanze percorse generano un eccesso di emissioni rispetto ai valori medi prodotti in condizioni di regolarità. Una schematica rappresentazione del fenomeno fornita da MEET (1999) indica come tale eccesso tenda crescere in modo esponenziale per distanze fino a 6 km per poi stabilizzarsi per percorrenze superiori a tale soglia. 156

8 Inquinamento atmosferico e cambiamento climatico Corrisponde al valore monetario del danno locale e globale dovuto alle emissioni di inquinanti atmosferici: monossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx), biossido di zolfo (SO 2), ozono (O 3), composti organici volatili (COV), Particolato (PM 10 e PM 2,5). Gli impatti considerati per questa categoria di costo esterno includono: i danni sulla salute umana (ad esempio respiratori), danni agli edifici e ad altri oggetti materiali (deposito di particolato), danni ai raccolti agricoli ed alla biosfera (piogge acide), impatti sulla biodiversità e gli ecosistemi (terrestri e marini). Le determinanti principali per la stima dei diversi valori di costo sono il livello di esposizione della popolazione alle fonti inquinanti, che a sua volta dipende dalla vicinanza, dalla densità della popolazione esposta, gli stessi agenti atmosferici (venti, piogge, ecc). Nel trasporto stradale, determinanti specifiche risiedono negli standard di emissione dei veicoli (in parte legati all età del parco circolante), velocità, tipo di carburante, tecnologia di combustione interna e trattamento degli scarichi, fattore di carico, dimensioni del veicolo, posizione geografica e caratteristiche dell infrastruttura stradale. Di diversa portata sono invece i costi sociali legati al cambiamento climatico o surriscaldamento globale. Si tratta di impatti di che agistico su un arco temporale molto ampio e che presentano un elevato livello di complessità nel calcolo dei danni prodotti da ciascuna fonte inquinante. Sono provocati dalle emissioni di gas serra: anidride carbonica (CO 2), protossido di azoto (N 2O) e metano (CH 4). Vi contribuiscono in parte anche i cosiddetti refrigeranti (carbone idro-fluoride) degli impianti mobili di condizionamento dell aria. Le determinanti principali sono rappresentate dal consumo di carburanti da fonte fossile e dal loro contenuto di carbonio. I valori monetari associati all inquinamento atmosferico sono quelli dello studio INFRAS-IWW (2004), mentre per le stime riferite agli impatti sul cambiamento climatico si è assunto un valore medio pari a 75 per ogni tonnellata di CO 2 emessa, come suggerito dalla recente Stern Review (The Economics of Climate Change, 2006). cent/pass*km Auto Bus Moto Air Pollution Climate Change (medium scenario) Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 157

9 Inquinamento acustico Corrisponde al valore monetario dei disturbi associati all inquinamento acustico. La stima dei costi esterni associati all inquinamento acustico, riportata, ad esempio, nella relazione di Federtrasporto (Fisco e pedaggi per ridurre i costi del trasporto: la metodologia), viene calcolata associando il valore monetario (determinato sulla base della disponibilità a pagare per la riduzione dei livelli di rumore) ai volumi di traffico distinti per modalità di trasporto. Nello studio INFRAS-IWW (2004) il costo esterno totale di inquinamento acustico viene scomposto in tre componenti: la disponibilità a pagare dell individuo in funzione di un determinato livello di esposizione al rumore, il rischio (individuale) di danni all apparato uditivo e gli altri costi sanitari (sociali) connessi. L indicatore di misurazione dei libelli di rumore è il decibel (db). Questo indicatore segue una scala logaritmica, evidenziando come l udito umano sia molto sensibile e reattivo ai livelli sonori e alle loro frequenze. La medesima relazione sussiste inoltre tra rumore e livelli di traffico veicolare. Le determinanti sono: l orario del giorno/notte (con più alti costi marginali per le ore notturne), la densità del recettore in prossimità della fonte di emissione (popolazione esposta al rumore) e i livelli esistenti di rumore. Come ovvio, nel caso del trasporto stradale, tale costo esterno è influenzato dalla rumorosità dei sistemi di propulsione e dal rotolamento, che a loro volta dipendono dalle caratteristiche dell infrastruttura e del veicolo, dal suo stato di manutenzione e dai comportamenti del guidatore (accelerazioni). cent/pass*km Auto Bus Moto Noise Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 158

10 Incidentalità I costi per rischio di incidente (associati sia a danni materiali sia nel caso di feriti e vittime umane) si dividono in costi interni (danni subiti da chi utilizza in prima persona il mezzo e danni coperti dai premi assicurativi) ed in costi esterni (parte residuale di costo sociale non coperta da assicurazione). In tal senso, è indifferente che sia l assicurazione del responsabile dell incidente o quella di chi lo subisce a coprire il costo sociale derivante. Il livello dei costi esterni dipenderà quindi sia dal numero di incidenti registrati, sia dal sistema assicurativo. Le categorie di costo più importanti sono i danni materiali (laddove non inclusi nei premi assicurativi), i costi amministrativi (interventi delle forze dell ordine, costi per l amministrazione della giustizia e delle assicurazioni) le spese mediche, le perdite di produzione (per assenza, sostituzione) e il cosiddetto valore di rischio, che sintetizza in termini monetari il dolore fisico e psicologico subito dai feriti ed il rischio di morte (inclusi gli effetti negativi su parenti e amici). Le determinanti principali dei costi di incidentalità nel trasporto stradale sono: i chilometri percorsi dal veicolo, la velocità, il tipo di strada, le caratteristiche del guidatore (stile di guida, esperienza, attitudine alla velocità), il volume e la velocità del traffico, l orario (giorno/notte) e le interazioni con le condizioni atmosferiche. Il livello di manutenzione delle infrastrutture stradali, la capacità e il livello di segregazione dei diversi flussi veicolari giocano un ruolo altrettanto importante così come la tecnologia a bordo dei veicoli (sistemi di sicurezza passiva e attiva) e nelle stesse infrastrutture (sistemi di gestione del traffico). I costi interni di incidentalità vengono solitamente contabilizzati attraverso i costi di proprietà del veicolo, mentre per i costi esterni si possono utilizzare le stime prodotte nel corso di studi (INFRAS- IWW 2004, UNITE 2002, Federtrasporto 2000) o di calcoli specifici per il contesto territoriale di riferimento. Di seguito si riportano le stime dei costi medi e marginali prodotte dallo studio di INFRAS-IWW del 2004 (i valori sono riferiti all anno 2000). cent/pass*km Auto Bus Moto Accidents Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 159

11 Congestione I costi di congestione si riferiscono agli eccessi di domanda sull offerta di trasporto, ovvero al danno reciproco causato dagli individui che simultaneamente utilizzano una determinata infrastruttura di trasporto dalla limitata capacità. La congestione produce molteplici effetti negativi: aumento dei tempi di viaggio, aumento del numero di veicoli e dei costi operativi, disamenità dei sistemi congestionati (valori del tempo più elevati), consumi aggiuntivi di carburante, incertezza sui tempi di viaggio, inefficienza del sistema di trasporto. Questa voce di costo è largamente dipendente dalle condizioni di traffico (volumi) e dalle caratteristiche dell infrastruttura nell area geografica di riferimento. I valori monetari possono variare considerevolmente e per questo sono stati presi a riferimento dei valori medi ripetto ad ambiti urbani e rurali con una discreta concentrazione di traffico veicolare (urban/rural, dense traffic). I valori sono espressi in /pass*km Auto Moto Bus rural dense urban dense average Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 160

12 Natura e paesaggio, processi a monte e a valle, effetti urbani Molti studi tendono a concentrarsi sulle componenti principali dei costi esterni. Vi sono tuttavia altri effetti rilevanti che dovrebbero essere contabilizzati ma che presentano non poche difficoltà tanto nella stima quanto nella correlazione ai modi di trasporto. I danni alla natura e al paesaggio vengono generalmente ricondotti alla distruzione degli habitat, alla loro frammentazione e perdità di qualità. Vi sono poi i costi legati aell inquinamento del suolo e delle acque e quelli riferibili all intervento dell uomo sull ambiente (deviazioni di corsi d acqua, barriere visive, ecc.) Vi si legano valori monetari generalmente riconducibili al costo di ripristino della naturalità, bonifica o alla mitigazione degli effetti negativi. I costi a monte e a valle delle attività di trasporto si riferiscono, ad esempio, ai costi legati alla produzione di energia per i trasporti, alla produzione di veicoli e loro manutenzione, alla costruzione delle infrastrutture di trasporto e alla loro manutenzione. I costi addizionali riferibili alle aree urbane si possono ricondurre a due determinanti principali: le perdite di tempo (di spostamento) causate ai pedoni dalle barriere infrastrutturale e i problemi di scarsità/competizione nell uso dello spazio tra i diversi modi di trasporto (espressi in genere come danno alla mobilità ciclabile). Vi sono poi aspetti legati all intrusione visiva che però generalemente non vengono stimati data la loro complessità. Di seguito i valori monetari riportati nello studio INFRAS-IWW (2004): cent/pass*km Auto Bus Moto Nature & Landscape Up/Down-stream Urban Effects Fonte: CE Delft et al., Handbook on estimation of external costs in the transport sector (2008) INFRAS-IWW, External Costs of Transport Update Study (2004) 161

13 A.4.4 Descrizione del foglio di calcolo per la stima dei costi della mobilità Il foglio di calcolo in formato MS Excel messo a punto per la stima dei costi della mobilità è strutturato secondo lo schema seguente: I parametri di simulazione, da inserire a cura dell operatore, riguardano: 1) le caratteristiche di chi compie lo spostamento, ovvero: a. lo scopo dello spostamento (lavoro, studio, svago/tempo libero); b. l iquadramento professionale (quadro, impiegato, disoccupato, pensionato, studente); c. il tipo di titolo di viaggio posseduto per il modo collettivo (biglietto singolo, carnet 12 viaggi, abbonamento mensile); 2) le caratteristiche dello spostamento per ciascuna alternativa modale, ovvero a. la distanza percorsa (km); b. il tempo di viaggio (minuti). I valori monetari di input per le singole voci di costo riguardano: 1) il valore del tempo per motivo dello spostamento e condizione professionale; 2) il prezzo dei diversi titoli di viaggio espresso in /corsa; 3) il valore monetario associato a ciascuna categoria di costo esterno e per singola alternativa modale, in /pass*km; 162

14 4) il valore monetario associato ai costi interni operativi (percepiti) per i modi motorizzati (auto, moto, bus), espresso in /pass*km; 5) il valore monetario associato ai costi di proprietà (non percepiti) per i modi privati motorizzati (auto, moto), espresso in /pass*km. Fig. A.4.1 Esempio di parametri iniziali per la simulazione PARAMETRI SCELTI DALL'OPERATORE (CASELLE GIALLE) SCOPO DELLO SPOSTAMENTO 4 SCEGLIERE TRA: 2- LAVORO; 3 - SCUOLA; 4 - PER SVAGO 1 INQUADRAMENTO PROFESSIONALE 6 SCEGLIERE TRA: 5- QUADRO; 6- IMPIEGATO; 7 - DISOCUPPATO; 8 - PENSIONE; 9 - STUDENTE 1 TITOLO DI VIAGGIO MEZZO PUBBLICO 2 SCEGLIERE TRA: 2- SINGOLO BIGLIETTO; 3- CARNET 6*2 VIAGGI ALLA SETTIMANA; 4- ABB. MENSILE 1 MOTO distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h Clicca qui per confronto tra alternative modali AUTO distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h BUS distanza da percorrere (km) 5 durata dello spostamento (min) km/h BICICLETTA distanza da percorrere (km) 3 durata dello spostamento (min) km/h A PIEDI distanza da percorrere (km) 3 durata dello spostamento (min) 30 6 km/h durata dello spostamento Min 10 Max 30 Il modello riporta anche i singoli fogli di calcolo utilizzati per parametrizzare ciascuna voce di costo, così come informazioni di dettaglio circa le assunzioni adottate e le fonti di letteratura utilizzate per le elaborazioni finali. L output finale consiste in un grafico (istogramma in pila) e in una tabella valori con il dettaglio dei costi totali per ciascuna alternativa modale sulla base dei parametri di di partenza. L esempio della figura seguente si riferisce ad uno spostamento per svago di un impiegato, che ha di fronte a se la scelta tra l uso dell auto, della moto, dell autobus con biglietto di corsa singola (su un percorso stradale di 5 km), della bicicletta o l andare piedi (su un ipotetico percorso misto stradale-pedonale di 3 km) per raggiungere la stessa destinazione. 163

15 Fig. A.4. 2 Esempio di output grafico (costi della mobilità /pass*km) Moto Auto Bus Bicicletta A piedi VALORE TEMPO OPERATIVI PROPRIETÀ CONGESTIONE INCIDENTI RUMORE ARIA

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI COSTI ESTERNI PER LA PIANIFICAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO ED APPLICAZIONE AL CASO DELLA REGIONE CAMPANIA

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI COSTI ESTERNI PER LA PIANIFICAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO ED APPLICAZIONE AL CASO DELLA REGIONE CAMPANIA XXVI CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI COSTI ESTERNI PER LA PIANIFICAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO ED APPLICAZIONE AL CASO DELLA REGIONE CAMPANIA Mariano GALLO Dipartimento

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente:

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente: Utilizzo del Telepass nella rete di Autostrade per l Italia. Risparmio di Combustibile e CO2 evitata Premessa Obiettivo: la stima quantitativa delle emissioni inquinanti evitate, grazie all utilizzo del

Dettagli

Sostenibilità ambientale ed economica delle aree urbane: il caso della città di Milano

Sostenibilità ambientale ed economica delle aree urbane: il caso della città di Milano POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture viarie, e Rilevamento Sostenibilità ambientale ed economica delle aree urbane: il caso della città di Milano Relatore:

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Nel contesto dei trasporti

Nel contesto dei trasporti Consumi: La mobilità 4.3 La mobilità Nel contesto dei trasporti la mobilità può essere definita come la capacità dell uomo di muovere e mettere in contatto merci e persone nello spazio e nel tempo: tale

Dettagli

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI Direzione Mobilità Viabilità a Nord-Est Analisi del contributo dei flussi veicolari alle emissioni in atmosfera Ottobre 2006 TAGES S.c.r.l. INDICE Premessa... Pag.

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Allegato A.7 Glossario/definizioni

Allegato A.7 Glossario/definizioni Allegato A.7 Glossario/definizioni 198 A.7 Glossario/definizioni Ab. Analisi SWOT AP APQ Bus*km (vetture*km) CDU City Logistics CO CO 2 Costi di investimento Costi esterni COV COVNM Customer satisfaction

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 006/2015 (19/10/2015) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Gabriele Grea, CERTeT Università Bocconi Milano, 10 Aprile 2013 EnergyLab - Laboratorio dell Energia Sommario A. Potenzialità

Dettagli

ALLEGATO 3: INDICATORI E LINEE DI AZIONE DEL PMS

ALLEGATO 3: INDICATORI E LINEE DI AZIONE DEL PMS COMUNE DI USTICA PIANO DI MOBILITÀ SOSTENIBILE INTERNA ALLE ISOLE MINORI SICILIANE OCCIDENTALI - ISOLE MINORI OCCIDENTALI SECONDA STESURA ALLEGATO 3: INDICATORI E LINEE DI AZIONE DEL PMS ISOLA DI USTICA

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio. IL MODELLO TREMOVE TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.it TRT Trasporti e Territorio Srl Pag. 1 IL MODELLO TREMOVE 1.

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA

I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA di Andrea Molocchi Mentre si registrano alcuni miglioramenti nelle emissioni degli inquinanti normati, le emissioni di anidride carbonica dei trasporti su strada

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 001/2013 (24/06/2013) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile principi ed inquadramento generale Marco De Mitrii www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile definizioni - 1 Secondo l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO

MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO 1. Il sistema dei trasporti italiano, dominato dalla crescita della domanda di mobilità e dall aumento dello squilibrio modale,

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti 3.2 I TRASPORTI 3.2.1 Il settore trasporti Caratteristiche, aspetti e considerazioni generali E ormai noto che il settore dei trasporti rappresenta un elemento di criticità per la collettività e costituisce,

Dettagli

I costi esterni dei trasporti nell area metropolitana di Torino

I costi esterni dei trasporti nell area metropolitana di Torino I costi esterni dei trasporti nell area metropolitana di Torino Matteo Richiardi Amici della Terra e LABORatorio R. Revelli, Moncalieri (Torino) Abstract Lo studio, effettuato per conto dell Assessorato

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE: LA VOGLIAMO COSI? COSI? COSI? COSI? . O COSI

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente Corso di Trasporti e Ambiente http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009 Inquinamento acustico da traffico 1 Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Analisi dei dati europei del trasporto su strada

Analisi dei dati europei del trasporto su strada Analisi dei dati europei del trasporto su strada 1990-2004 Gianluca Iarocci gianluca.iarocci@apat.it Riccardo De Lauretis riccardo.delauretis@apat.it Informazioni legali L istituto Superiore per la protezione

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO 4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO Il biossido di carbonio antropogenico deriva principalmente dalla combustione di fonti energetiche di origine fossile (petrolio e derivati, naturale, carbone). La quantità di

Dettagli

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone PEAS Napoli PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti Armando Cartenì Vanda Mazzone Università degli Studi di Napoli "Federico II" Dipartimento di Ingegneria dei

Dettagli

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Il progetto ENERPARK Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Schema della presentazione Le problematiche emergenti nel settore

Dettagli

Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro

Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro Relazione Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro 1. IL SETTORE DEI TRASPORTI Il settore dei Trasporti in Italia contava - alla data dell ultimo censimento (2001),

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

Esercitazione Costi (e benefici) economici, sanitari e ambientali dell uso degli Anabbaglianti nelle ore diurne

Esercitazione Costi (e benefici) economici, sanitari e ambientali dell uso degli Anabbaglianti nelle ore diurne Esercitazione Costi (e benefici) economici, sanitari e ambientali dell uso degli Anabbaglianti nelle ore diurne Corso di Ecologia Applicata I Giulio De Leo Dipartimento di Scienze Ambientali, Università

Dettagli

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI L ambiente urbano gestione di acque rifiuti ambiente costruito verde pubblico inquinamento atmosferico mobilità sostenibile impatti ambientali di tipo fisico rumore radiazioni IR e NIR AMBIENTE URBANO

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464)

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Palmanova 10/06/2013 Introduzione La stima degli impatti locali delle strade nella città di Palmanova è stata effettuata

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano.

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Raccolta coordinata di studi e dati sulle emissioni da Particolato realizzata dal Consorzio Ecogas L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Il settore del trasporto

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Relatore: Ing. Ubaldo DE BEI Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Venezia, 15 novembre 2011 Car Pooling Il

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Politecnico di Milano Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Analisi dei fattori di emissione di CO 2 da traffico stradale Relatore: Prof. Stefano CASERINI Tesi di Laurea di: Anna

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Si riporta di seguito la valutazione tecnica dei benefici

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA CO 2 footprint Aid 2 IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA Obiettivi: Gli studenti diventano consapevoli di come il loro contributo nelle emissioni di CO2 dipenda dalla loro scelta del mezzo di trasporto

Dettagli

12 COSTI ESTERNI DEL TRASPORTO

12 COSTI ESTERNI DEL TRASPORTO 12 COSTI ESTERNI DEL TRASPORTO 12.1 Premessa 12.1.1 La necessità di intervento L incremento dell efficienza del sistema di trasporto è stata una precondizione per la rivoluzione industriale ed è tuttora

Dettagli

Lo scooter è comodo e bello. Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it. Chi è?

Lo scooter è comodo e bello. Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it. Chi è? Lo scooter è comodo e bello ma Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it Chi è? Ciclomotore (compresi gli scooter): Ruote: 2, 3 o 4 (quadricicli leggeri) Cilindrata:

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

Unità tematica. Pesca. Politiche strutturali e di coesione. Unità tematica. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche.

Unità tematica. Pesca. Politiche strutturali e di coesione. Unità tematica. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche. Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione B B Agricoltura e sviluppo

Dettagli

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA CONTENUTI STIME DELLE EMISSIONI NAZIONALI DA TRASPORTO STRADALE DISAGGREGAZIONE A LIVELLO PROVINCIALE:

Dettagli

EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO

EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO Monitoraggio Area C EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO PERIODO GENNAIO - FEBBRAIO 213 elaborato: RELAZIONE codifica: 135434_ revisione: data: redatto: verificato: approvato: 21 / 5 /

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

Il futuro dell auto, l auto del futuro

Il futuro dell auto, l auto del futuro Il futuro dell auto, l auto del futuro ww ww.info Biasca, 16.10.2008 Raffaele Domeniconi Aumentare il raggio d azione www.infov Oltre ogni limite www.infov Scopo dello spostamento Quota 2005 1% 7% 4% 9%

Dettagli

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO Ing. Francesco Andreotti - ISPRA Convegno AIEE - Megalia Gli sviluppi sostenibili del settore trasporto auto Roma, 29 novembre 2011 1. NORMATIVA SULLA

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

Dall effetto serra allo smog urbano

Dall effetto serra allo smog urbano Considerazioni conclusive del Prof. Ing.Claudio Podestà, Ordinario di tecnica ed Economia dei Trasporti Politecnico di Milano e Presidente Commissione Mobilità ACI. Il Convegno Tecnico ACI che si è svolto

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Le trasformazioni che hanno investito la forma urbana negli ultimi anni hanno reso necessario riconsiderare le dinamiche territoriali;

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service

Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service 29 Ottobre 2010 I. Indice I. Indice... II II. III. Lista delle tabelle... III Lista delle figure...iv 0 Summario.

Dettagli

Percorsi casa-scuola: scoprire il mondo attraverso il GIS

Percorsi casa-scuola: scoprire il mondo attraverso il GIS Percorsi casa-scuola: scoprire il mondo attraverso il GIS ISPRA Via Vitaliano Brancati 48, Roma Ines Marinosci Fabio Baiocco ines.marinosci@isprambiente.it fabio.baiocco@isprambiente.it Il progetto Il

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

CAPITOLO 3 TRASPORTI. Autori: Mario CONTALDI (1), Riccardo LIBURDI (1), Roberta PIGNATELLI (1)

CAPITOLO 3 TRASPORTI. Autori: Mario CONTALDI (1), Riccardo LIBURDI (1), Roberta PIGNATELLI (1) 3 TRASPORTI 1 CAPITOLO 3 TRASPORTI Autori: Mario CONTALDI (1), Riccardo LIBURDI (1), Roberta PIGNATELLI (1) Curatori: Giovanni FINOCCHIARO (1), Alessandra GALOSI (1) Referente: Roberta PIGNATELLI (1) 1)

Dettagli

La strada migliore per portare la merce in Sardegna

La strada migliore per portare la merce in Sardegna La strada migliore per portare la merce in Sardegna 1 Obiettivo Ottimizzare la tempistica e ridurre le tratte terrestri nel trasporto su gomma dei traffici merci Penisola - Sardegna 2 Introduzione Attualmente

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Politiche per la mobilità sostenibile

Politiche per la mobilità sostenibile Politiche per la mobilità sostenibile Flavio Pellegrinuzzi 6 Giugno 2012 Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca Tendenze della mobilità Aumento domanda di

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli