La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March"

Transcript

1 La concorrnza nl sttor Rc auto Annalisa Rocchitti March Vngono saminati du asptti dl sttor Rc auto: l andamnto di prmi l introduzion dl sistma d indnnizzo dirtto. I dati sui prmi indicano ch in Italia sono crsciuti più ch in ogni altro Pas uropo ch sono molto diffrnziati trritorialmnt. È difficil valutar l fftto dgli indnnizzi dirtti sui prmi. Un confronto intrnazional mostra, prò, ch il sistma introdotto in Italia non smbra ssr il più fficac. Prmssa Con dcorrnza 1 luglio 1994, pr fftto dll ntrata in vigor dlla Trza Dirttiva Danni, l imprs di assicurazion possono dtrminar libramnt l tariff Rca. In prcdnza in Italia, com in altri Pasi comunitari, l tariff rano amministrat. In Italia, una commission appositamnt costituita dall allora ministro dll Industria (la cosiddtta Commission Filippi), pr ogni anno stabiliva, dopo avr stimato il fabbisogno sufficint a garantir l quilibrio tcnico dlla gstion, di quanto dovss ssr modificata la tariffa dll anno prcdnt al fin di garantir il suddtto quilibrio. Gli intrvnti dll Autorità Antitrust L Autorità Antitrust ha sguito fin da subito molto da vicino il procsso di libralizzazion con un important procdimnto istruttorio, ch ha posto in luc la ridotta tnsion concorrnzial nl sttor, riscontrando l sistnza di un intsa rstrittiva dlla concorrnza cui partcipava la maggior part dll imprs prsnti nl mrcato Rca. L imprs coinvolt avvano dato vita a un sistma di scambio di informazioni, articolato prolungato nl tmpo, riguardant tutti gli asptti dll attività assicurativa, irrigidndo snsibilmnt l dinamich comptitiv dl mrcato. Inoltr, smpr sullo stsso sttor dll assicurazion dgli autovicoli, è stata condotta un indagin conoscitiva, avviata nl 1996 proprio ni primi tmpi dlla libralizzazion portata avanti sgundo il procsso di introduzion dlla concorrnza nl sttor, pr concludrsi, nl 2003, con una sri di propost anch di tipo rgolamntar. Tra qust, mrita particolar attnzion, anch pr il suo rcpimnto in sd lgislativa, l indnnizzo dirtto ch, scondo l Annalisa Rocchitti March Autorità garant dlla concorrnza dl mrcato (L opinioni sprss nl prsnt scritto sono di sclusiva rsponsabilità dll autor non impgnano in alcun modo l istituzion di appartnnza) Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato 81

2 argomntazioni dll Autorità, rnd l assicurato più snsibil all carattristich dl srvizio offrto, dal momnto ch è consapvol ch in caso di sinistro sarà la propria imprsa a fornir dirttamnt il srvizio liquidativo. Il sistma dll indnnizzo dirtto In lina di principio, com sprsso dall Autorità nll conclusioni dll indagin conoscitiva dl 2003, dal punto di vista concorrnzial un sistma basato sull indnnizzo dirtto prsnta numrosi prgi: stimola la ricrca dlla miglior compagnia da part di potnziali clinti; incntiva l imprs assicuratrici a una concorrnza sulla qualità dl srvizio; favorisc un miglior controllo sui costi. 82 Il lgislator ha rcpito l indicazioni dll Autorità, introducndo la procdura di risarcimnto dirtto con D.Lgs. 7 sttmbr 2005, n. 209 (Codic dll assicurazioni privat). Il rgolamnto attuativo è stato manato con D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254, il qual, all art. 13, ha prvisto la stipula tra l compagni di assicurazion di una «convnzion ai fini dlla rgolazion di rapporti organizzativi d conomici pr la gstion dl risarcimnto dirtto». In forza di tal disposizion, è stata sottoscritta da tutt l imprs di assicurazion avnti sd lgal in Italia la Convnzion tra assicuratori pr il risarcimnto dirtto (Card). La nuova procdura risarcitoria è ntrata in vigor il 1 fbbraio 2007 prvd appunto ch i danni drivati dal sinistro siano risarciti non già dalla compagnia dl rsponsabil, bnsì dalla stssa compagnia dl dannggiato, ovvro, in caso di danni riportati dal trasportato, dalla compagnia assicuratric dl mzzo utilizzato. In tal vst, la compagnia ch liquida il danno (c.d. compagnia gstionaria ) opra com mandataria x lg dlla compagnia dl rsponsabil (c.d. compagnia dbitric ). Praltro, è prvisto ch pr ogni danno liquidato dalla gstionaria, qusta ricva non l importo ffttivamnt liquidato pr conto dlla dbitric, bnsì una somma dtrminata forfttariamnt sulla bas dl costo mdio di sinistri rilvato nll annualità assicurativa prcdnt. L applicazion gnralizzata dlla procdura di risarcimnto dirtto da part di tutt l compagni opranti sul mrcato italiano fa sì ch tra l stss si gnrino una moltplicità di rapporti di dar/avr incrociati (con riguardo ai divrsi sinistri ni quali una opra in qualità di gstionaria dll altra vicvrsa), ch vngono rgolati mdiant compnsazion in un apposita stanza, istituita dalla Card attualmnt gstita da Consap Spa. La nuova procdura non si applica indistintamnt pr il risarcimnto di tutti i danni drivanti da sinistri tra mzzi soggtti a obbligo di assicurazion, ma soltanto a un sottoinsim (sinistri Card), rimanndo frma pr gli altri sinistri (sinistri No-Card) la procdura tradizional, ch prvd il risarcimnto Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato

3 a opra dlla compagnia dl rsponsabil dl sinistro. La procdura Card si applica, ssnzialmnt, ai danni drivanti dai sinistri occorsi tra non più di du vicoli, pr il risarcimnto di danni ai vicoli, di danni fisici al conducnt non rsponsabil non supriori a 9 punti di invalidità prmannt di danni fisici a trzi trasportati sul vicolo non rsponsabil. La nuova indagin dll Autorità Antitrust Nonostant l introduzion dl risarcimnto dirtto, così caldamnt consigliata dall Autorità Antitrust, a partir dal 2008 la mdsima Autorità ha ricvuto un crscnt numro di dnunc, ch avvano com oggtto aumnti di prmi ritnuti anomali non giustificati, sia in gnral sia limitatamnt a talun catgori di vicoli. L Autorità, dunqu, al fin di analizzar l condizioni di concorrnza attuali dl mrcato assicurativo Rc auto, ha avviato in data 10 dicmbr 2009 una nuova indagin conoscitiva, i cui risultati prliminari sono stati illustrati dal prsidnt in un Audizion prsso la X Commission (Industria, Commrcio, Turismo) dl Snato in data 12 ottobr In strma sintsi, a oggi è mrso ch la libralizzazion di przzi ha introdotto in Italia una rilvant diffrnziazion dl prodotto assicurativo, i cui prmi variano in funzion di un numro lvatissimo di variabili, tra cui principalmnt acquistano rilivo: la rsidnza dl contrant dlla polizza (o dl propritario dl vicolo); l carattristich prsonali dl contrant, dclinabili in tà, ssso profssion srcitata dal contrant dlla polizza; la potnza altr carattristich dl vicolo, com il tipo di alimntazion l dotazioni di sicurzza; il tipo di uso dl vicolo (privato/non privato) l utilizzo dl vicolo (.g. il numro di chilomtri) prvisto pr il priodo di validità dl contratto. La smplic intrazion dll variabili sopra richiamat, alcun dll quali ripartit in più classi, può dtrminar divrsi profili tariffari. L andamnto di prmi Pr qusta ragion, l analisi dlla dinamica di prmi, ch costituisc l invitabil prmssa di ogni indagin antitrust, può ssr ffttuata solo pr alcuni sgmnti dlla popolazion dgli assicurati, ovvro pr gli assicurati rintranti ni profili considrati. Qusta sclta mtodologica consnt il massimo grado di Consumatori, Diritti DirittiMrcato Mrcato 83

4 comparabilità nl tmpo nllo spazio di rischi assicurati nll ambito dll assicurazion Rc auto. Pr qusta ragion, i primi dati ch mrgono dall indagin conoscitiva in corso hanno a rifrimnto stt profili di assicurati/vicoli rapprsntativi dlla raltà. I profili dgli assicurati utilizzati nl corso dll indagin sono dscritti nlla Tab. 1. Com si può vdr, si tratta di stt profili di assicurato, diffrnziati in funzion dll su carattristich prsonali dl vicolo da assicurar, tali da individuar divrsi profili di rischio (, quindi, di prmio). Tab. 1 Profili di utnza utilizzati nll indagin Profilo Dscrizion A Individuo di 20 anni, assicurato pr la prima volta, bonus malus, Automobil 1200 cc., bnzina, CU 14 B Individuo di 20 anni, assicurato pr la prima volta, bonus malus, automobil 1200 cc., bnzina, CU 1 (x art. 134, co. 4-bis, D.Lgs. 209/2005) C Individuo di 40 anni, bonus malus, automobil 1900 cc., disl, CU 7 D Individuo di 50 anni, bonus malus, automobil 1900 cc., disl, CU 1 E Individuo di 65 anni, bonus malus, automobil 1200 cc., bnzina CU 1 F Individuo di 18 anni, bonus malus, ciclomotor 50 cc., CU 12 G Individuo di 45 anni, bonus malus, motociclo 250 cc., CU 8 Pr ciò ch riguarda i contranti di ssso fmminil, gli assicurati con profili D (individuo di 50 anni con automobil 1900 cc., disl) d E (individuo di 65 anni con automobil 1200 cc., bnzina) sono qulli più numrosi all intrno dl campion, rapprsntando circa l 83% dll polizz analizzat. Una situazion spcular si riscontra pr i maschi: i profili D d E sono rapprsntativi circa dll 85% dl campion analizzato. La Tab. 2 mostra com, durant il priodo , i prmi (mdi) a livllo provincial pr ogni profilo di assicurato di ssso fmminil siano aumntati con picchi annui fino a oltr il 45 pr cnto. Tab. 2 Incrmnti massimi di prmi (mdi) a livllo provincial pr macroara profilo, assicurati di ssso fmminil, Profilo 84 Macro Ara A B C D E F G Cntro 30,5 19,4 12,4 10,1 22,3 27,4 37,5 Isol 8,8 16,2 25,1 17,5 24,2 34,7 35,3 Nord 34 19,5 20,5 7,5 21,6 12,6 24,6 Sud 33,4 24,6 13,3 10,8 16,9 16,6 46,1 Font: Elaborazioni Agcm su dati raccolti nl corso dll indagin. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

5 Non divrso è stato l andamnto di prmi pr gli assicurati di ssso maschil. Com risulta dalla Tab. 3, i prmi sono aumntati sul priodo in sam pr tutti i profili analizzati fino a oltr il 50%, com nl caso di un individuo ch assicura un motociclo (profilo G) al Cntro. Tab. 3 Incrmnti massimi di prmi (mdi) a livllo provincial pr macroara profilo, assicurati di ssso maschil, Profilo Macro Ara A B C D E F G Cntro 29, ,3 6,3 12,1 20,8 52,5 Isol 14, ,6 9,7 15,3 18,3 37,5 Nord 30, ,3 8 14,5 15,6 42,3 Sud 26,2 18,1 24, ,1 21,5 39,1 Font: Elaborazioni Agcm su dati raccolti nl corso dll indagin. I dati mostrano, inoltr, com pr tutt l catgori intrssat, gli aumnti di prmio più rilvanti si sono rgistrati nll provinc dll Italia mridional insular pr l fmmin qull dll Italia cntro-mridional pr i maschi. Considrando pur il priodo , i tassi di crscita di prmi suprano anch il 30% pr alcun tipologi di assicurati. L laborazioni prcdnti mostrano, tra l altro, un lvata trognità dlla crscita di prmi pr l Rc auto a livllo trritorial. Tal fnomno è corrlato alla divrsa rischiosità (attsa) di soggtti assicurati, ch può variar notvolmnt sia tra l divrs ar dl trritorio nazional sia nl tmpo. In altr parol, assicurati rsidnti in divrs ar gografich dl Pas corrispondono, a parità di condizioni, prmi divrsi nll ammontar ch si volvono nl tmpo in manira divrsa. L analisi finora condotta ha anch mostrato ch sistono diffrnz tra compagni tradizionali compagni tlfonich, ch risultano più convninti pr alcuni profili di assicurati mno pr altri. Tuttavia, ciò non dpon ncssariamnt pr un più lvato livllo di concorrnza nl mrcato, poiché l compagni tlfonich sono smpr riconducibili a un gruppo assicurativo oprant anch nl sttor tradizional. Il confronto intrnazional Il confronto intrnazional stso ai principali partnr uropi basato su dati Eurostat vidnzia la spcificità dl caso Italia. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato 85

6 La Tab. 4 illustra l andamnto di przzi pr l assicurazion di mzzi di trasporto su bas annua pr i principali Pasi uropi pr l Ara uro. La figura vidnzia com il przzo pr l assicurazion di mzzi di trasporto sia aumntato in tutti i Pasi considrati, a cczion dll Olanda. L Italia è il Pas ch mostra l aumnto più significativo sull arco tmporal considrato. Tab. 4 Confronto intrnazional di przzi pr l assicurazion di mzzi di trasporto (2005=100), 2000, Cagr* Cagr* Ara uro 89, ,9 2,1 1,9 Grmania ,5 0,7 1,8 Spagna 83, ,1 2,7 1,8 Francia 97, ,2 0,9 1,2 Italia 74, ,2 4,6 3,2 Olanda 88, ,4 0,8-0,9 *Cagr = Compound annual growth rat (tasso di crscita annual composto). Font: Elaborazioni Agcm su dati Eurostat. Alcun considrazioni sul sistma Card Sbbn l problmatich dl sttor dll assicurazion Rc auto siano moltplici riconducibili a problmi di mobilità dlla domanda, di distribuzion, di aumnto dll frodi dunqu di costi, in qusta sd può ssr intrssant parlar di una di ss in particolar, ossia di qulla rlativa al sistma di compnsazion tra imprs, sistma ch sta alla bas dl mccanismo dll indnnizzo dirtto. Uno spcifico approfondimnto mritano l rgol utilizzat pr la dtrminazion di rimborsi dovuti all compagni gstionari la rlativa voluzion nl primo priodo di applicazion dlla procdura. L modalità di dtrminazion di rimborsi, infatti, sono disciplinat dalla Convnzion Card ruotano attorno all istituto dl forfait, il cui importo vin stabilito annualmnt dal Comitato tcnico dl risarcimnto dirtto, istituito prsso il ministro dllo Sviluppo conomico ai snsi dll art. 13, co. 4, Dpr n. 254/06, 1 sulla bas di dati forniti dalla Stanza di compnsazion. La carattristica principal dlla procdura di indnnizzo dirtto è ch, in caso di sinistro, il risarcimnto vin ffttuato dalla stssa compagnia dl dannggiato (c.d. compagnia gstionaria) non da qulla dl rsponsabil 86 1 Il Comitato tcnico è prsiduto da un rapprsntant dl ministro di sso fanno part rapprsntanti di Isvap, di Ania, di consumatori, nonché un sprto in scinz statistich attuariali. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

7 (compagnia dbitric), com avvin nl sistma tradizional. La compagnia dbitric rimborsa la compagnia gstionaria di ciò ch ha vrsato (al proprio dannggiato) attravrso la corrsponsion di un forfait. S il rimborso ottnuto dalla compagnia gstionaria è suprior a quanto corrisposto al dannggiato a titolo di risarcimnto, ralizzrà un profitto su tal sinistro. Nl caso in cui il rimborso sia infrior, la compagnia gstionaria ralizzrà una prdita. In lina di principio, un mccanismo di indnnizzo dirtto con compnsazion forfttaria, mantnndo inaltrata la rsponsabilità civil vrso trzi, appar in grado di introdurr incntivi a indurr comportamnti virtuosi, rlativa al contnimnto di costi, da part di tutti i soggtti coinvolti, stimolando significativamnt il confronto comptitivo tra l compagni. In primo luogo, la natura forfttaria dlla compnsazion incntiva la compagnia di assicurazion dl dannggiato, la qual ffttivamnt sostin il costo dlla riparazion, a ffttuar un controllo stringnt su tal voc, affinché rsti sistmaticamnt al di sotto dll ammontar prvisto pr la compnsazion. In particolar, la compagnia sarbb stimolata a controllar gli auto-riparatori, prvnndon comportamnti opportunistici. In scondo luogo, dovndo provvdr dirttamnt a indnnizzar il proprio clint, con il qual ha intrss a stabilir una rlazion conomica di lungo priodo, l imprsa avrà anch intrss a contnr l sps di riparazion con modalità ch siano al contmpo apprzzat dal dannggiato. Pr l stss ragioni, l assicurato, posto dalla propria compagnia di front all altrnativa di rinunciar all indnnizzo montario, avrbb ragion di attndrsi una soddisfacnt qualità dl srvizio di riparazion, sul qual l imprs di assicurazion sarbbro stimolat a farsi concorrnza. L analisi dll sprinz intrnazionali dov sistmi di indnnizzo dirtto, nll ambito dlla Rca, hanno prodotto risultati positivi (pr smpio, Francia o Rgno Unito) mostra ch pr un buon funzionamnto dl sistma: l rgol l ntità dll compnsazioni dbbano ssr stabilit in manira crta d x ant risptto ai sinistri da indnnizzar; l compnsazioni non dbbano ssr commisurat all ammontar di singoli risarcimnti, in quanto un pino rcupro dll indnnizzo corrisposto in occasion di ogni sinistro non incntiva l imprs a controllar i costi richid uno scambio di informazioni disaggrgato a livllo di singolo sinistro. Esmplar in tal snso è l sprinza francs dov, nll ambito dl sistma Rca, il risarcimnto di danni a cos avvin attravrso un mccanismo di indnnizzo dirtto. La principal convnzion stipulata dall imprs assicurativ, dnominata Convntion Ida (Indmnisation dirct ds assu- Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato 87

8 rés) 2 è basata sul principio dlla rivalsa forfttaria prdtrminata. In altri trmini, alla fin dll srcizio, ogni imprsa avrà diritto a una compnsazion pari al forfait stabilito pr il numro di sinistri liquidati pr conto dll altr imprs. 3 Tal sistma ha consntito una fortissima riduzion di costi di gstion di sinistri, in quanto, da un lato, vin attnuato il problma di moral hazard connsso con l occasionalità la trzità dl tradizional rapporto tra imprsa ch ffttua l indnnizzo il dannggiato, dall altro, vi è l incntivo a mantnr gli indnnizzi mdi al di sotto dll compnsazioni forfttari corrispost dall imprsa assicuratric dl rsponsabil. In altri trmini, pr un corrtto funzionamnto dll indnnizzo dirtto con finalità procomptitiv, assum rilvanza crucial la dfinizion di un corrtto mccanismo di compnsazion, tra l assicurazion dl dannggiant qulla dl dannggiato. Il sistma Card non appar invro dl tutto riconducibil all indicazioni torich ora spost. In sso manca un sistma di calcolo pr prmiar l fficinza dll imprs, ch si siano mantnut al di sotto dl forfait ni risarcimnti da ss rogati. In particolar, il sistma Card fissa unicamnt l ntità dl forfait al costo mdio dll anno prcdnt. Un sistma ch incntivi l imprs a contnr i costi potrbb ssr dato dalla fissazion di un forfait ch si basi non sul costo mdio dll anno prcdnt, rgistrando incamrando in tal modo il rlativo aumnto dl costo, ma sul costo sostnuto dalla o dall imprs più fficinti, ch nll anno prcdnt hanno cioè spso mno in risarcimnti pr sinistri Card. In qusto modo, l insim dll imprs di assicurazion sarbb portato a ridurr i propri costi in sintonia con il nuovo forfait, pna la prdita connssa alla diffrnza tra il maggior costo sostnuto il forfait ridimnsionato La Convntion Ida, stipulata nl 1968, riguarda i sinistri, tra du vicoli con danni a cos di ammontar non suprior a una dtrminata soglia, aggiornata con frqunza annual, pari a uro pr vicolo nl Tal convnzion è stata rcntmnt assorbita nlla Convntion Irsa (Indmnisation dirct d l as- suré t rcours ntr sociétés d assurancs), ch rgola l indnnizzo dirtto pr la gnralità di sinistri, anch qulli ch coinvolgono più di du vicoli. 3 Il mccanismo è il sgunt: «Après avoir indmnisé son assuré, l assurur dispos d un dlai d dux ans à comptr d l accidnt pour présntr son rcours contr l assurr du rsponsabl. L montant d c rcours st obtnu n multipliant un forfat, fixè uros pour tous ls sinistrs survnus à comptr du 1r janvir 2002, par la part d rsponsabilitè du tirs» (Archivs Editions Législativs - Dictionnair Prmannt Assuranc, 2001). L ammontar dl forfait vin dtrminato sulla bas dl costo mdio di sinistri cui è applicata la convnzion. Consumatori, DirittiMrcato Diritti Mrcato

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 2013 1 INDICE PARTE PRIMA CARD DIRITTI

Dettagli

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A.

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE Genertel S.p.A. AUTO Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione, deve essere consegnato

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa, comprensiva del Glossario e le Condizioni di assicurazione deve essere consegnato

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL headerl_headerr_footerr[jpiepag_con1]_footerl[jpiepag_con1] $c1$ c:\form\logo\unipol_div_sai.jpg c:\form\logo\ c:\form\logo\piedino_solo_datisoc.bmp 70 50 c:\form\logo\unipol_bollino.bmp 100 Ellena_unipolsai.png

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 240107 1 Definizioni Agli effetti della

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE Indice Nobis Compagnia di Assicurazioni I. NOTA NOBISTRUCK INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO Pagina della Nota informativa A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE... 1.... 2. DI RESPONSABILITÀ... CIVILE PER

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

protezione al volante

protezione al volante auto e moto protezione al volante IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: NOTA INFORMATIVA COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE COMPRENSIVE DELL INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GENERALI SEI IN AUTO

GENERALI SEI IN AUTO GENERALI SEI IN AUTO AUTOVETTURE Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa, comprensiva del Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione

Dettagli

Contratto di assicurazione per autovetture

Contratto di assicurazione per autovetture Contratto di assicurazione per autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario, le Condizioni di Assicurazione e, dove prevista, la Proposta, deve

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente: CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE AUTO E CORPI VEICOLI TERRESTRI Autocarri Camper - Autocase - Motocarri - Targhe Prova Autobus Filobus Macchine Operatrici e carrelli Macchine Agricole

Dettagli

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro Arca Assicurazioni S.p.A. Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore (R.C.A.) e per i danni al veicolo IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DI ALTRI VEICOLI Genertel S.p.A. G l S A ALTRI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Contratto di Assicurazione Autovetture

Contratto di Assicurazione Autovetture Fascicolo Informativo Modello 35000 - Edizione Aprile 2015 Contratto di Assicurazione Autovetture Responsabilità Civile verso Terzi, Incendio e Furto, Cristalli e Perdite Pecuniarie, Kasko, Eventi Naturali

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Fascicolo informativo Aedifica Assicura Polizza Fideiussoria per la Tutela dei Diritti Patrimoniali degli Acquirenti di Immobili da costruire. L. 210 del 02.08.2004/D.LGS.122 del 20.06.2005 Il presente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli