Prefettura di Livorno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefettura di Livorno"

Transcript

1 Regione Toscana Prefettura di Livorno Provincia di Livorno Comune di Bib bona Comune di Castagneto Carducci P ATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA DI LIVORNO, LA REGIONE TOSCANA, LA PROVINCIA DI LIVORNO ED I COMUNI DI BIBBONA, CASTAGNETO CARDUCCI, CECINA, COLLESALVETTI, LIVORNO, PIOMBINO, ROSIGNANO MARITTIMO E SAN VINCENZO Comune di San Vincenzo Comune di Rosignano Marittimo Comune di Cecina Comune di Collesalvetti Comune di Livorno Comune di Piombino

2 PREMESSO che la sicurezza e un diritto primario del cittadino e che il livello di qualita della vita, nel contesto urbano, influenza la percezione di insicurezza e l'efficacia delle azioni a tutela e garanzia della tranquillita della civile convivenza; che pertanto appare necessario prevenire e contenere, insieme alla commissione dei reati e ai fenomeni criminali piu gravi, tutti quegli eventi suscettibili di incidere sulla pacifica e ordinata vivibilita del territorio, sull'efficiente fruibilita degli spazi e dei servizi, oltre che sulla vita privatae la sicurezza dei propri beni; che la complessita dei problemi di govemo del territorio rende auspicabile da parte di tutti i soggetti pubblici, nel rispetto delle proprie competenze, un'azione coordinata e convergente tale da porsi non solo come risposta alle istanze emergenti rna ancor piu come strumento di rafforzamento dei diritti e degli interessi della collettivita locale; che questi obiettivi possono essere conseguiti, solo attraverso l'azione integrata dei diversi livelli di govemo e con la piena partecipazione degli attori del mondo sociale e produttivo, in un quadro di fattiva collaborazione e nel rispetto dei reciproci ruoli; che in tal senso e opportuno avviare tra la Prefettura di Livorno, la Regione Toscana, la Provincia di Livorno, il Comune capoluogo e i Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo, la sperimentazione di innovativi modelli di governo della sicurezza urbana che sappiano integrare i necessari interventi per la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica con le iniziative atte a promuovere la coesione sociale e a favorire la vivibilita del territorio e la qualita della vita, coniugando prevenzione, mediazione dei conf1itti, controllo e represstone; che a fronte di una societa sempre piu articolata sul piano dei valori, delle culture e delle etnie e necessario impegnarsi con continuita nella ricerca di regole il piu possibile condivise, considerando comunque l'assetto legislativo dello Stato quale imprescindibile punto di riferimento per dirimere i conflitti, garantire la coesione sociale, promuovere solidarieta e tolleranza reciproca; che i "Patti per la Sicurezza" - che si inseriscono nella cornice del Patto stipulato tra il Ministero dell'intemo e il Presidente dell'anci il 20 marzo rappresentano un efficace strumento di attuazione di modelli operativi capaci di stimolare e concretizzare la collaborazione tra i soggetti istituzionali garanti delle esigenze sopra enunciate, al fine di fomire ai cittadini risposte coerenti ed unitarie mediante un rafforzamento del rapporto collaborativo tra lo Stato e le istituzioni locali, nel quadro della sicurezza integrata. RITENUTO che il diritto alla sicurezza debba essere assicurato nel modo piu pieno, non soltanto in relazione ai fenomeni di criminalita, rna anche, piu in generale, rispetto a quelle situazioni di degrado, disordine urbano o di esclusione che possono favorire l'insorgere di manifestazioni di illegalita o di semplice devianza, contribuire allo scadimento della qualita urbana e accrescere il disagio sociale e la sensazione di insicurezza; che un sistema integrato di sicurezza, nella cornice di un Patto che preveda azioni coordinate e progetti specifici per contrastare la criminalita e prevenire i fenomeni di degrado urbano, appare lo strumento piu idoneo per favorire il perseguimento di un'efficace azione di prevenzione;

3 che l'attivita finalizzata alla prevenzione ed alla repressione dei reati e di controllo nei confronti di forme di devianza che possono creare turbativa sociale, puo realizzarsi anche mediante il potenziamento di strumenti tecnologici idonei a monitorare le zone a rischio, al fine di realizzare un efficace presidio volto alia prevenzione situazionale. CONSIDERATO che nella provincia di Livorno e opportuno porre in essere tutte le iniziative sul piano della prevenzione di possibili infiltrazioni della criminalita organizzata; che l'andamento generale della delittuosita nella provincia ha evidenziato nell'ultimo anno indici di criminalita sostanzialmente identici a quelli degli anni passati mentre si registrano episodi in controtendenza in particolari aree interessate da fenomeni di criminalita predatoria di tipo pendolare, ragione per cui l'intensificazione della collaborazione, soprattutto tra comuni limitrofi e il controllo delle vie di comunicazione, appare strumento utile e necessaria; che dall'analisi del territorio, effettuata alia luce delle citate considerazioni e dei dati relativi ai reati denunciati, emergono quali fenomeni delittuosi fonte di principale preoccupazione per la popolazione i furti in abitazione e le rapine, oltre agli atti di danneggiamento, vandalismo verso gli arredi urbani, turbativa della pacifica convivenza e della quiete pubblica, in particolare nelle numerose localita turistiche della costa dove, soprattutto nella stagione estiva, si registra un notevole incremento delle presenze; che la competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica appartiene allo Stato, che la esercita attraverso l'azione di coordinamento del Prefetto, autorita provinciale di Pubblica Sicurezza, mentre e compito degli Enti territoriali, secondo le rispettive competenze, assumere le iniziative di prevenzione sociale, situazionale e comunitaria, per Ia vivibilita e Ia qualificazione dei luoghi di vita al fine di concorrere a ridurre i fenomeni di disagio sociale e i comportamenti devianti che favoriscono l'insorgere di fenomeni criminosi e, piu in generale per la tutela della sicurezza urbana; che attraverso i "Patti per la sicurezza" e possibile raggiungere elevati livelli di integrazione tra l'attivita di prevenzione e contrasto alla criminalita, di competenza dello Stato, e la prevenzione sociale, situazionale e comunitaria di pertinenza degli Enti territoriali; che Ia proficua collaborazione in atto tra le Istituzioni Statali e quelle Locali possa essere incrementata ed estesa attraverso il coinvolgimento della Regione Toscana, nonche integrata da ulteriori contenuti riferibili ad una piu intensa collaborazione tra le Polizie locali, all'implementazione dei :flussi informativi ed allo scambio di informazioni, alla filiera dei controlli amministrativi antimafia, ai progetti innovativi per l'aggiornamento tecnico e l'implementazione dei sistemi di videosorveglianza, alia mappatura delle aree e delle strutture in condizione di degrado e delle zone franche, nonche alia programmazione congiunta di iniziative volte a promuovere, soprattutto nelle nuove generazioni e nelle scuole, Ia cultura della legalita. VIS TO l'art. 117, comma 2, lett. h) della Costituzione, ai sensi del quale, al fine di assicurare uniformita su tutto il territorio nazionale dei livelli essenziali di prestazioni concernenti

4 i diritti civili e sociali fondamentali, compete allo Stato la potesta legislativa esclusiva in materia di ordine pubblico e sicurezza; la Iegge 1 aprile 1981, n. 121, recante "Nuovo ordinamento dell'amministrazione della pubblica sicurezza"; la Iegge 7 marzo 1986, n. 65 recante "Legge quadro sull'ordinamento della Polizia municipale"; gli articoli 4, e 5 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, recante "Testo Unico delle Leggi sull'ordinamento degli Enti Locali"; l'articolo 7 del DPCM 12 settembre 2000, recante "Individuazione delle risorse finanziarie, umane, strumentali ed organizzative da trasferire alle regioni ed agli enti locali per l'esercizio delle funzioni e dei compiti amministrativi in materia di polizia amministrativa", ai sensi del quale sono previste forme di collaborazione, in via permanente, tra lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali, nell'ambito delle rispettive attribuzioni e competenze, per il perseguimento di condizioni ottimali di sicurezza delle citta e del territorio extraurbano e di tutela del diritto alla sicurezza dei cittadini; il decreto del Ministro dell'interno 2 febbraio 2001, recante "Direttiva per l'attuazione dei coordinamento e la direzione unitaria delle Forze di Polizia"; l'articolo 17 della Iegge 26 marzo 2001, n. 128 recante "Intervento legislativo in materia di tutela della sicurezza dei cittadini"; Ia Iegge della Regione Toscana 16 agosto 2001, n. 3 8, recante "Interventi regionali a favore delle politiche locali per la sicurezza della Comunita Toscana"; il decreto del Ministro dell'interno 28 aprile 2006, recante "Riassetto dei comparti di specialita delle Forze di polizia"; l'articolo 1, comma 439, della Iegge n. 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che per la realizzazione di programmi straordinari di incremento dei servizi di polizia, di soccorso tecnico urgente e per la sicurezza dei cittadini, il Ministro dell'interno e, per sua delega, i Prefetti, possono stipulare convenzioni con le Regioni e gli Enti locali che ne prevedano la contribuzione logistica, strumentale o finanziaria; il decreto Iegge 23 maggio 2008, n. 92, recante "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica", convertito in Iegge, con modificazioni, dall'articolo 1, comma 1, Iegge 24 luglio 2008, n. 125 ; il decreto del Ministro dell'interno 5 agosto 2008, recante la definizione dei concetti di incolumita pubblica e di sicurezza urbana, nonche l'individuazione dei poteri di ordinanza dei Sindaci in tali ambiti; la Iegge 23 aprile 2009, n. 38 di conversione in Iegge del Decreto Legge 23 febbraio 2009, n. 1 recante "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche in tema di atti persecutori"; la Iegge 15 luglio 2009, n. 94 recante "Disposizioni in materia di sicurezza pubblica"; il Provvedimento generale del Garante per la protezione di dati personali in materia di videosorveglianza, in data 8 aprile 2010; il decreto Iegge 12 novembre 2010, n. 187, coordinato con la Iegge di conversione 17 dicembre 2010, n. 217, recante "Misure urgenti in materia di sicurezza"; il decreto del Ministro dell'interno 24 maggio 2012 recante "Del ega ai prefetti per Ia stipula di convenzioni con Regioni ed Enti locali, in applicazione dell' art. 1, comma 439 della Iegge n. 296/2006; la circolare del Ministero dell'interno del 9 dicembre 2002 recante "Nuovi criteri sperimentali peril Piano Coordinato peril Controllo del Territorio";

5 la circolare del Ministero dell'interno dell' 8 febbraio 2005 recante "Sistemi di videosorveglianza. Definizione di linee guida in materia" ; le direttive e le linee guida per una piattaforma comune dei "Patti per la sicurezza", emanate dal Ministero dell'interno con Direttiva del 15 febbraio 2008; la circolare del Ministero dell'interno-dipartimento della Pubblica Sicurezza del 6 agosto 2010 concernente i sistemi di videosorveglianza; la circolare del Ministero dell'interno-dipartimento della Pubblica Sicurezza n. 558/SICPART/ / del 2 marzo 2012 recante "Sistemi di videosorveglianza in ambito comunale. Direttiva"; TUTTO CIO' PREMESSO la Prefettura di Livorno, la Regione Toscana, la Provincia di Livorno, i Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Livomo, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo, nella condivisione delle considerazioni espresse nel preambolo e nel rispetto delle reciproche competenze e attribuzioni, convengono di stipulare il seguente Patto per la Sicurezza, Articolo 1 PREMESSE Le premesse sono parte integrante del presente documento. Articolo 2 PRIORITA 'ED OBIETTIVI 11 Prefetto di Livomo, la Regione Toscana, la Provincia di Livomo, i Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Livomo, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo, ciascuno in relazione alle proprie competenze ed attribuzioni, si impegnano a promuovere congiuntamente azioni integrate, volte a garantire le migliori condizioni di sicurezza e vivibilita nei territori interessati. Le Parti si impegnano, in particolare, a perseguire i seguenti obiettivi: miglioramento del controllo del territorio, anche in raccordo con i Comuni limitrofi, attraverso il miglior utilizzo dei piani di controllo coordinato del territorio esistenti, lo sviluppo delle politiche di prossimita e delle buone pratiche di collaborazione, l'implementazione degli strumenti di prevenzione situazionale - videosorveglianza (mappatura, aggiomamento tecnico, incremento dei sistemi, costituzione rete integrata e tecnologicamente compatibile); elaborazione di una strategia comune di intervento al fine di prevenire e contenere l'incidentalita attraverso l'elaborazione di una mappatura dei punti di maggiore rischio sulla viabilita e la conseguente messa in sicurezza della rete viaria; prevenzione e contrasto dei tentativi di infiltrazioni della criminalita organizzata nei settori degli appalti pubblici, dei contratti e delle fomiture, delle concessioni e delle autorizzazioni, dei subentri negli esercizi pubblici e commerciali, nell'attivita edilizia in generale, iniziative comuni per il contrasto al "lavoro nero e per l'implementazione del controllo sul rispetto della normativa riguardante la sicurezza sullavoro; attivazione dei percorsi di ascolto e confronto specificamente dedicati alle diverse

6 espressioni del tessuto sociale, associativo, produttivo e mondo del lavoro, al fine di definire in maniera condivisa e partecipata le specifiche esigenze delle differenti categorie sociali ed economiche e nell'ottica di favorire la prevenzione sociale, assistenza alle vittime dei reati; prevenzione della devianza giovanile, anche attraverso iniziative per l'educazione alla legalita nelle scuole; promozione di iniziative comuni volte al recupero di aree degradate, al ripristino del decoro urbano e alla prevenzione di situazioni di disagio sociale. Le Parti concordano che, nel quadro dei citati obiettivi, le azioni comuni riguarderanno in via prioritaria, nell'ambito delle rispettive competenze, i seguenti settori di attivita: potenziamento di forme innovative di collaborazione logistica, strumentale e finanziaria anche al fine di migliorare il controllo del territorio, verifica ed implementazione dei sistemi videosorveglianza, prevenzione e contrasto del commercio ambulante abusivo e dei fenomeni di contraffazione; incremento del contributo informativo, da parte degli enti territoriali, per la prevenzione antimafia nel settore degli appalti, dei contratti e delle concessioni e autorizzazioni amministrative, subentri negli esercizi pubblici e commerciali, nell'attivita edilizia in generale, nonche promozione di iniziative comuni per il contrasto al "lavoro nero" e l'implementazione del controllo sul rispetto della normativa riguardante la sicurezza sul lavoro; contrasto alla criminalita predatoria, anche attraverso l'utilizzazione di strumenti di analisi criminale volti a meglio orientare l'attivita di prevenzione, nonche ai fenomeni di contraffazione attraverso la collaborazione tra le forze di Polizia dello Stato e le Polizie Locali; mappatura delle aree che richiedono interventi di ripristino del decoro urbano, dell'illuminazione pubblica e delle strutture in condizioni di degrado, prevenzione di situazioni di rischio ecologico - ambientale, situazioni di disagio sociale eventualmente correlate, iniziative congiunte in tema di assistenza alle vittime dei reati; iniziative, anche nelle scuole, per promuovere la cultura della legal ita. Articolo 3 COORDINAMENTO In sede di Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica sono valutate le informazioni sulle situazioni pili critiche esistenti sul territorio, nonche le strategie di intervento da attuarsi nel quadro delle politiche di sicurezza integrata. Nello stesso ambito sono esaminate, su segnalazione della Regione, della Provincia o dei Comuni sottoscrittori, le problematiche emergenti, anche sulla scorta degli esiti delle sedute della "Cabina di Regia" di cui al successivo articolo 4, in relazione a specifiche problematiche legate alla sicurezza ed alla vivibilita del territorio dei singoli Comuni. Articolo 4 CABINADI REGIA Con provvedimento del Prefetto di Livomo e costituita una Cabina di Regia con il compito di verificare l'attuazione del presente Patto, monitorare l'adempimento degli impegni sottoscritti, di cui ai successivi articoli, valutare progettualita ed azioni per il conseguimento degli obiettivi del Patto da sottoporre all'approvazione dei sottoscrittori per la concreta

7 attuazione. L'organismo si riunira con cadenza almeno semestrale, coordinato da un delegato del Prefetto e composto dai rappresentanti del Presidente della Regione Toscana, del Presidente della Provincia, dei Sindaci sottoscrittori e delle Forze dell'ordine. La Cabina di Regia promuove ulteriori intese per lo sviluppo di azioni congiunte nei vari settori di intervento previsti dal Patto. A tal fine, ove occorra, potranno essere invitati alle sedute dell'organismo rappresentanti di altri Comuni interessati, anche in ragione della loro contiguita territoriale, qualora sia necessaria porre in essere opportune forme di raccordo. La Cabina di Regia svolge altresi attivita di analisi di problematiche e di elaborazione di proposte da portare all'attenzione del Comitato Provinciale per l'ordine e Ia Sicurezza Pubblica per le relative determinazioni. Articolo 5 PROGETTI AI fine di conseguire in modo efficace e tempestivo gli obiettivi del presente Patto, sono costituiti, nell'ambito della Cabina di Regia, Tavoli Tecnici con il compito di predisporre progetti di interventoda portare all'attenzione del Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica, individuando azioni, compiti, tempi di attuazione e verifiche, nei seguenti settori: PROGETTO n. 1: Sicurezza integrata -controllo del territorio PROGETTO n. 2 : Sicurezza stradale - prevenzione incidentalita PROGETTO n 3: Prevenzione antimafia - implementazione controlli preventivi - lavoro nero - sicurezza sui lavoro PROGETTO n 4: Prevenzione situazionale (videosorveglianza) PROGETTO n 5 : Prevenzione sociale - aree di degrado PROGETTO n 6: Educazione alia legalita Nell'ambito della Cabina di Regia potranno essere individuati ulteriori temi di intervento in relazione alla progressiva attuazione del patto o alla successiva adesione di sottoscrittori, da portare all'attenzione del Comitato Provinciale per l'ordine e Ia Sicurezza Pubblica.

8 Articolo 6 IMPEGM DELLA REG/ONE TOSCANA In relazione alle priorita condivise, per una efficace traduzione operativa delle risultanze della "Cab ina di Regia" di cui all' articolo 4, e nella consolidata sinergia interistituzionale fra Stato ed Enti territoriali, la Regione Toscana concorre, nei limiti delle proprie disponibilita di bilancio, all ' attuazione degli obiettivi individuati dal presente Patto, e si 1mpegna a: a) sostenere interventi degli enti locali, singoli o associati, volti a migliorare le condizioni di sicurezza delle persone e a promuovere e realizzare, in modo coordinato, politiche integrate per la sicurezza ai sensi delle previsioni di cui alla Legge regionale 16 agosto 2001, n. 3 8 "Interventi regionali a favore delle politiche locali per la sicurezza della comunita toscana"; b) collaborare - anche con gli strumenti previsti dall'articolo 1, comma 439, della Legge n. 296 del 27 dicembre ad iniziative e progetti finalizzati ad incrementare i livelli di sicurezza urbana nel territorio livomese, nel pieno rispetto dell' esclusiva competenza statale in materia di ordine pubblico e sicurezza pubblica. Gli apporti finanziari messi a disposizione dalla Regione Toscana in favore del Ministero dell' Intemo, dovranno essere regolati, per gli aspetti amministrativi e contabili, da un' apposita convenzione da stipulare tenendo conto dello schema tipo e delle indicazioni fomite dal Ministero dell'intemo - Dipartimento della Pubblica Sicurezza in data 19 novembre La Regione, d'intesa con la Prefettura, la Provincia, i Sindaci e i rappresentanti delle categorie sociali, produttive e commerciali, partecipa ad attivita coordinate per la risoluzione di specifiche problematiche. Articolo 7 IMPEGM DELLA PROVINCIA DI LIVORNO La Provincia si impegna a: fomire supporto ai Comuni nelle azioni a tutela dell'incolumita pubblica e della sicurezza urbana nonche, per mezzo del corpo di polizia provinciale, nel presidio e nel controllo del territorio, nell'ambito delle attribuzioni e competenze del corpo; incentivare percorsi formativi e di aggiomamento professionale, destinati agli operatori delle Forze di Polizia e della Polizia Locale (Provinciale e Municipale), fmalizzati ai diversi aspetti di gestione della sicurezza ed alla prevenzione dei fenomeni che minacciano la sicurezza urbana, promuovendo iniziative di formazione specialistica su tematiche di interesse comune afferenti alla polizia stradale e sicurezza urbana e alle problematiche ambientali, anche al fine di un'efficace interazione didattico-operativa sul tema della sicurezza integrata. L'attivita formativa, in particolare, sara rivolta all'approfondimento della legislazione ambientale in materia di rifiuti e scarichi idrici prevista dal D.lgs n. 152/2006, coinvolgendo anche le professionalita degli uffici tecnici della Provincia. L'attivita formativa potra avvalersi anche della Scuola lnterregionale di Polizia Locale; porre in essere, in collaborazione con le Forze dell'ordine, iniziative destinate alla repressione delle forme di abusivismo commerciale e, a favore degli esercenti del commercio, per la diffusione di misure destinate alla prevenzione del compimento di atti illeciti attraverso anche l'effettuazione di operazioni straordinarie di contrasto all'abusivismo commerciale ed ambulante.

9 La Provincia si impegna inoltre a: sensibilizzare e sostenere la cittadinanza sulla possibilita di adottare, nel rispetto delle norme vigenti, forme di protezione passiva, ovvero accorgimenti e comportamenti per prevenire la commissione di reati a proprio danno, sviluppando ulteriormente le azioni gia poste in essere; ridurre i fattori di insicurezza, da attuarsi mediante interventi di riqualificazione neue strade di propria competenza, anche attraverso l'utilizzo di sistemi di videosorveglianza, anche "dinamici" tali da consentire la tracciabilita delle targhe; rafforzare l'attivita di vigilanza contro gli scarichi idrici abusivi e gli emungimenti, l'abbandono incontrollato di rifiuti e dei veicoli fuori uso. In particolare, la Provincia, nella pili ampia ottica di prevenzione del rischio ecologico-ambientale derivante dall'inquinamento, si impegna ad incrementare la vigilanza nei confronti dei soggetti produttori di rifiuti speciali e nei confronti delle imprese autorizzate all'esercizio dell'attivita di gestione dei rifiuti; attuare interventi ed azioni volte alla diffusione dei principi di legalita e miglioramento delle condizioni di sicurezza anche attraverso la progettazione, insieme ai "partners" istituzionali, e con l'ausilio di personale qualificato, di azioni formative tese alla sicurezza stradale per i ragazzi delle scuole medie superiori ed in particolare ai danni prodotti dall'uso ed abuso di sostanze alcoliche e/o psicotrope; incentivare il proprio contributo a tutte le politiche di cooperazione istituzionale che verranno individuate per combattere i fenomeni dellavoro nero e del caporalato; fomire supporto a tutti gli Enti Locali della provincia promuovendo l'attivazione di un "Servizio di Pronto Intervento Ambientale" che sara di ausilio anche alle altre Forze di Polizia. 11 Comune di Livomo si impegna a: Articolo 8 IMPEGNI DEL COMUNE DI LWORNO fomire ampia collaborazione alle Forze dell'ordine per il monitoraggio delle zone a maggiore rischio, compatibilmente con i mezzi e il personale a disposizione del Corpo di Polizia Locale con funzioni operative; porre in essere, anche in collaborazione con le Forze dell'ordine, iniziative destinate alla repressione delle forme di abusivismo commerciale e a favore degli esercenti del commercio, per la diffusione di misure destinate alla prevenzione del compimento di atti illeciti; comunicare alle Forze dell'ordine informazioni circa le volture o i passaggi transattivi di esercizi pubblici, commerciali, di servizio e intrattenimento che presentino evidenti anomalie rispetto al normale assetto economico di cessione e/o dismissione dei predetti esercizi, al fine di incrementare l'opera di prevenzione e di contrasto nei confronti di possibili infiltrazioni della criminalita organizzata nelle sue varie forme; sviluppare attivita di prevenzione sociale e situazionale con l'obiettivo di contribuire a migliorare il livello di sicurezza e della qualita della vita dei cittadini ( quali, ad esempio: campagne informative, dislocazione di telecamere, potenziamento dell'illuminazione pubblica, recupero e risanamento di aree degradate ove esistenti, miglioramento delle condizioni di viabilita); collaborare nella vigilanza sui cantieri edili ai fini del contrasto di fenomeni di "lavoro

10 nero", con speciale attenzione alia tutela dei lavoratori nei luoghi di lavoro, secondo modelli di intervento - da definirsi d'intesa con Ia Direzione Territoriale del Lavoro ed il Comando Provinciale dell'arma dei Carabinieri per le necessarie sinergie con le iniziative del Comando Carabinieri per Ia tutela del lavoro - che tengano in considerazione le competenze riconosciute dalla normativa vigente agli organismi incaricati di svolgere attivita di contrasto al lavoro irregolare nonche di vigilanza sulla corretta applicazione delle norme in materia di lavoro e di legislazione sociale; promuovere l'azione di presidio presso gli istituti scolastici, soprattutto in coincidenza con l'inizio e Ia fine delle quotidiane attivita didattiche, coinvolgendo le associazioni di persone... anz1ane o m qmescenza; segnalare alia Prefettura, nell'ambito della propria attivita sui piano sociale, particolari situazioni di criticita che possano comportare riflessi sulla sicurezza urbana, quali ad esempio, emarginazione, disagio giovanile, fenomeni di accattonaggio, danneggiamenti vandalici aile strutture urbane, per interventi che richiedono, anche in via preventiva, attivita sinergiche con i soggetti pubblici e privati interessati; progettare, insieme ai "partners" istituzionali, ed avvalendosi di personale qualificato, la realizzazione di azioni formative circa i danni prodotti dall'uso di sostanze alcoliche, soprattutto fra i giovani; assicurare Ia rilevazione, da parte della Polizia Locale, degli incidenti stradali verificatisi nel territorio di competenza comunale, nella fascia oraria 07-01, nei limiti della disponibilita delle pattuglie presenti in servizio sui territorio; implementare, in via progressiva, il sistema di controllo tecnologico del territorio nelle zone della citta ritenute piu a rischio, secondo le valutazioni da condividere nell'ambito del Comitato Provinciale per l'ordine e Ia Sicurezza Pubblica e le modalita di interazione con le sale operative della Questura e del Comando Provinciale dell'arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, anche attraverso sistemi mirati di tracciabilita delle targhe qualora compatibili con i sistemi attualmente installati o in fase di progettazione; segnalare al Prefetto- previo scambio informativo coni competenti Uffici della Questurale esigenze di pubblica sicurezza che richiedano la sospensione, l'annullamento o la revoca delle licenze di commercia, ai sensi dell'art. 19 del D.P.R. n. 616/77 ovvero le violazioni da cui consegue l'applicazione della sanzione prevista dall'art. 6, comma 3 del D. L. 3 agosto 2007, n. 117, convertito dalla Legge n. 160 del 2 ottobre 2007, quando vi siano ripercussioni sulle condizioni dell'ordine e della sicurezza pubblica, salvi i poteri del Questore per Ia sospensione temporanea delle licenze ai sensi dell' art. 100 del T.U.L.P.S.; segnalare al Prefetto l'elenco dei contratti di lavori, servizi, fomiture stipulate dal Comune con atto pubblico o scrittura privata autenticata, ritenuti di particolare rilievo o importanza, in relazione all'importo o alia tipologia; analoga segnalazione sara effettuata, al ricorrere delle medesime circostanze, in relazione ai subappalti autorizzati; segnalare al Prefetto, ove ricorrano particolari circostanze rilevanti e/o evidenti anomalie ai fini della prevenzione antimafia, i permessi a costruire o altri titoli edilizi assentiti con indicazione del soggetto richiedente e dell'impresa esecutrice. Articolo 9 IMPEGNI DEI COMUNI DI BIBBONA, CASTAGNETO CARDUCCI, CECINA, COLLESAL VETTI, PIOMBINO, ROSIGNANO MARITTIMO, SAN VINCENZO I Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo si impegnano a:

11 predisporre interventi nel campo della prevenzione sociale, situazionale e con l'obiettivo di contribuire a migliorare illivello di sicurezza e della qualita della vita dei cittadini ( quali ad esempio: dislocazione di telecamere, potenziamento dell'illuminazione pubblica, recupero e risanamento di aree degradate, miglioramento delle condizioni di viabilita e la promozione con i pili giovani e nelle scuole di mirate campagne di informazione di educazione civica e stradale) anche attraverso il coinvolgimento delle categorie sociali quali sindacati del commercio e associazioni spontanee di appartenenti alle categorie produttive, in piani finalizzati alia valorizzazione delle aree pubbliche, con iniziative e manifestazioni anche di strada; segnalare alia Prefettura, nell'ambito della propria attivita sui piano sociale, particolari situazioni di criticita che possano comportare riflessi sulla sicurezza urbana, quali, ad esempio, emarginazione, disagio giovanile, danneggiamenti vandalici aile strutture urbane, criticita derivanti da attivita di locali pubblici nottumi e da sale da gioco, per interventi che richiedono, anche in via preventiva, attivita sinergiche con i soggetti pubblici e privati interessati; progettare, insieme ai "partners" istituzionali, ed avvalendosi di personale qualificato, la realizzazione di azioni formative sulla sicurezza stradale per i ragazzi in eta di scuola primaria ed in particolare, per i giovani adolescenti, in merito ai danni prodotti dall'uso ed abuso di sostanze alcoliche; comunicare aile Forze dell'ordine informazioni circa le volture o i passaggi transattivi di esercizi pubblici, commerciali, di servizio e intrattenimento, che presentino evidenti anomalie rispetto al normale assetto economico di cessione e/o dismissione dei predetti esercizi, al fine di incrementare l'opera di prevenzione e di contrasto nei confronti di possibili infiltrazioni della criminalita organizzata nelle sue varie forme; assicurare compatibilmente con i mezzi e il personate a disposizione con funzioni operative la rilevazione, da parte delle Polizie Locali, degli incidenti stradali verificatisi nei territori di competenza comunale; collaborare - in relazione aile proprie specifiche competenze - con le Forze dell'ordine, secondo le moda 1 ita di volta in volta con cordate, per il monitoraggio delle zone e delle situazioni ritenute pili esposte ad episodi lesivi della sicurezza dei cittadini; avviare, ricorrendo anche a convenzioni e associazioni di servizi tra Enti Locali, un processo di incremento delle pattuglie della Polizia Locale, dedicate, nell'ambito delle proprie competenze, al controllo coordinato del territorio, per consentire un incremento dei servizi nell'azione di contrasto a tutte le forme di criminalita; garantire la collaborazione delle Polizie Locali con le Forze di Polizia dello Stato e con la Polizia Provinciale, sviluppando strumenti operativi per un migliore impiego delle risorse sui territorio ed iniziative relative alia criminalita predatoria, nonche per prevenire lavoro nero e clandestinita; promuovere l'azione di presidio presso gli istituti scolastici, soprattutto in coincidenza con l'inizio e la fme delle quotidiane attivita didattiche, coinvolgendo le associazioni di volontariato sociale e senza scopo di lucro presenti sul territorio; assicurare le attivita di controllo del territorio di competenza comunale, da parte della Polizia Municipale, con una o pili pattuglie, nella fascia oraria 08.00/20.00 salvo interventi in orario serale e nottumo in concomitanza con eventi pubblici di rilievo, nei fme settimana e nel periodo 1 o _ 31 agosto; segnalare al Prefetto le esigenze di pubblica sicurezza che richiedano la sospensione, l'annullamento o la revoca delle licenze di commercio, ai sensi dell'art. 19 del D.P.R. n.

12 616/77, ovvero le violazioni da cui consegue l'applicazione della sanzione prevista dall'art. 6, comma 3 della L. 160 del 2 ottobre 2007, quando vi siano ripercussioni sulle condizioni dell'ordine e della sicurezza pubblica, salvi i poteri del Questore per Ia sospensione temporanea delle licenze ai sensi dell'art. 100 del T.U.L.P.S. La Prefettura di Livomo si impegna a: Articolo 10 IMPEGM DELLA PREFETTURA fomire periodicamente i dati statistici sulla criminalita nel territorio comunale; collaborare ad iniziative pubbliche degli Enti territoriali sul tema della sicurezza; pianificare, in sede di Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica, anche sulla base di informazioni fomite dagli enti territoriali o dalla Cabina di Regia, mirati servizi di prevenzione, controllo e contrasto dei fenomeni illegali, soprattutto nella stagione estiva, nelle ore serali e notturne, e nei fine settimana; collaborare con i Sindaci per una conoscenza integrata delle problematiche emergenti, in particolare delle eventuali infiltrazioni della criminalita organizzata, anche attraverso sessioni itineranti del Comitato Provinciale per l'ordine e Ia Sicurezza Pubblica; mantenere e sviluppare, d'intesa coni Sindaci, scambi di informazioni tra le Forze di Polizia dello Stato e le Polizie Locali, sulle materie oggetto di attivita coordinata, mirate a valutazioni congiunte su specifiche situazioni problematiche relative alla sicurezza urbana, per Ia realizzazione di opportuni interventi, individuati in riunioni convocate dal Prefetto, anche allargate, se necessaria, ad altri enti e a rappresentanti istituzionali di categorie sociali, produttive e commerciali; verificare le comunicazioni pervenute dai Comuni relative all'elenco dei contratti di lavori, servizi, fomiture stipulate dai citati Enti con atto pubblico amministrativo o scrittura privata autenticata, ritenuti di particolare rilievo o importanza, in relazione all'importo o alla tipologia, nonche concementi i subappalti autorizzati; esaminare le segnalazioni pervenute dai Comuni concementi particolari circostanze rilevanti e/o evidenti anomalie ai fini della prevenzione antimafia, i permessi a costruire o altri titoli edilizi assentiti con indicazione del soggetto richiedente e dell'impresa esecutrice. La Prefettura si impegna, inoltre, a rappresentare ai competenti Uffici del Ministero dell'lntemo l'eventuale necessita di implementazione dei presidi e delle aliquote delle Forze di Polizia sui territorio. Art.ll FORMAZIONE PROFESSIONAL La Regione Toscana, la Provincia di Livorno, il Comune capoluogo e i Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo si impegnano ad individuare il programma di specifiche iniziative di formazione per i Corpi di Polizia locale ed aggiomamento professionale del personale delle Forze di Polizia statali e locali, attraverso seminari interforze, su tematiche di interesse comune che saranno oggetto di adeguata individuazione secondo le priorita proposte dal territorio e valutate in sede di Comitato provinciale per 1' ordine e la sicurezza pubblica. Una specifica attenzione verra riservata all ' attivita formativa interforze relativa aile nuove competenze di cui all ' art. 2, comma 1 della L.R. n. 12/2006, cosi come modificato dall' art. 113 della L.R. 68/2011.

13 Articolo 12 IMPEGNI FINANZIARI Gli Enti territoriali si impegnano alla contribuzione, alla concertazione e alla realizzazione nei confronti di progetti e programmi - valutati in sede di Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica - relativi alla collaborazione delle Forze di Polizia dello Stato e delle Polizie Locali per il controllo integrato del territorio e il contrasto dell'illegalita, nonche all'implementazione dei sistemi di videosorveglianza. In particolare, nell'ambito della menzionata sinergia interistituzionale, la Provincia e il Comune di Livomo, i Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Piombino, Rosignano Marittimo e San Vincenzo, fermi restando i provvedimenti di competenza dei rispettivi organi deliberativi e tenuto conto delle disponibilita di bilancio, assumono, per la realizzazione delle finalita del presente Patto, gli impegni finanziari di seguito indicati, che comprendono l'inserimento nel contesto collaborativo e integrato del Patto per la Sicurezza di iniziative gia programmate o in corso, nonche nuovi conferimenti, volti a realizzare le progettualita del Patto che saranno elaborate nella Cabina di Regia. REG/ONE 1US'C4N4 La Regione Toscana definira annualmente e tenuto conto delle disponibilita di bilancio, nell'ambito degli stanziamenti previsti per l'attuazione della Legge Regionale , citata nelle premesse, la quota per la partecipazione finanziaria al Patto. COMUNEDIUVORNO potenziamento del numero delle pattuglie della Polizia Municipale in servizio durante lo svolgimento delie principali manifestazioni cittadine, in particolare quelle sportive. lmpegno di spesa di ,00; potenziamento del servizio di controllo del territorio svolto in orario serale, con 1' attivazione di servizi mirati alla verifica del rispetto delle norme di comportamento previste dal codice delia strada ai fini di prevenire il verificarsi degli incidenti stradali, in particolare predisposizione di servizi svolti con l'utilizzo di strumentazioni quali autovelox ed etilometro nei punti critici del tessuto cittadino. Impegno di spesa di ,00; istituzione di una pattuglia di Polizia Municipale in servizio nottumo (02-08) nel periodo compreso tra il 30 settembre I 1 maggio - o almeno in parte dello stesso - attualmente, come noto, non coperto da tale servizio, al fine di fomire risposta alla domanda di sicurezza dei cittadini e supporto nella gestione e nel controllo del territorio alle altre F orze dell' Or dine, in particolare nei fine settimana. lmpegno di spesa di ,00 nel periodo 30 settembre I 1 maggio predisposizione di servizi mirati, anche in orario serale ed eventualmente coordinati con altre Forze dell' Ordine, volti a verificare il rispetto delle normative in materia di commercio, gestione degli esercizi pubblici, degli intrattenimenti, immigrazione clandestina, disturbo alla quiete pubblica. Impegno di spesa di ,00; potenziamento di progetti di diffusione della cultura della legalita presso le scuole cittadine di ogni ordine e grado e di interventi finalizzati alla sensibilizzazione della cittadinanza sulle tematiche della sicurezza stradale tramite la realizzazione di presidi in

14 piazze e luoghi di aggregazione giovanile e la distribuzione di materiale informativo legato ai temi dell'importanza del rispetto delle regale per Ia propria e altrui sicurezza. lmpegno di spesa di ,00; potenziamento delle assunzioni di agenti a tempo determinato per garantire la quantita di personale operante sul territorio comunale soprattutto in concomitanza con i periodi di ferie estive o di maggiore criticita lavorativa (legati ad esempio alla presenza di particolari manifestazioni, eventi ). Impegno di spesa di ,00 per l'assunzione di 25 agenti. In ogni caso, 1' entita del potenziamento dei servizi gia in essere e la realizzazione di interventi, mirati e specifici, essendo legata ad un aumento del numero personale in servizio, principalmente in orario straordinario e serale/nottumo, e subordinata all 'effettivo finanziamento del progetto da parte della Regione Toscana, finalizzato alla copertura dei costi del personale. Saranno completamente a carico dell ' Amministrazione invece i costi relativi all 'utilizzo dei veicoli e della strumentazione necessarie all' attuazione dei progetti, oltre aile spese di personale per la cura e prosecuzione delle procedure conseguenti ai controlli effettuati in orario straordinario. Inoltre, al fine di rispondere alla crescente domanda di sicurezza e vivibilita cittadina, e in seguito alle frequenti segnalazioni ed esposti presentati, in particolare dai residenti del quartiere Venezia, in relazione ad episodi di disturbo alla quiete pubblica e di grave intralcio alla circolazione avvenuti principalmente nelle ore nottume, e stato presentato un progetto che prevede la creazione di una Zona a Traffico Limitato in orario seralenotturno nel quartiere Venezia, tramite l'installazione di varchi elettronici di accesso e l'installazione di un sistema di videosorveglianza, parallelo ed indipendente dai varchi elettronici. In particolare il progetto prevede l'installazione di n 3 varchi elettronici posizionati in: via delle Venezia, all'intersezione con via Borra; via delle Venezia, all'intersezione con via della Cinta Esterna; via Forte San Pietro, all'intersezione con via dei Bagnetti. Inoltre, e prevista 1' installazione di altre telecamere nelle aree pedonali limitrofe, ad esempio scali del Refugio, al fine di evitare l'accesso non autorizzato di veicoli nel quartiere tramite le aree pedonali evitando il controllo dei varchi elettronici. Impegno di spesa di ,00 COMUNEDIBIBBONA assunzione a tempo determinato di n. 2 Agenti per due mesi nel periodo estivo, al fine di migliorare il servizio di vigilanza stradale; COMUNEDI C4STAGNETO CARDUCG assunzione a tempo determinato di n. 4 Agenti per tre mesi nel periodo estivo, a! fine di migliorare il servizio di vigilanza stradale; Nell'ambito dell'ufficio unico di Polizia Municipale dei Comuni di Castagneto Carducci e di Bibbona, e prevista la realizzazione di un progetto di educazione alia Legalita, con alunni delle scuole medie inferiori su argomenti riconducibili alia guida in stato di ebbrezza e sotto 1' effetto di sostanze stupefacenti spesa per l'anno 2012: 5.000

15 spesa per l'anno 2013: COMUNEDI CEC/NA a) Sicurezza integrata - controllo del territorio: assunzione a tempo determinato di n. 7 istruttori di vigilanza (per un totale di 21 mesi) nel periodo estivo, al fine di rafforzare la presenza sui territorio, in special modo nella fascia litoranea e per avere Ia possibilita di istituire un adeguato servizio di vigilanza in tumo serale/nottumo; Impegno di spesa di ,00 b) Sicurezza stradale - prevenzione incidentalita incremento dell'attivita di controllo mirata alia prevenzione di incidenti stradali dovuti allo stato di ebbrezza a seguito di assunzione di alcool, mediante le risorse di personate rese disponibili grazie alle assunzioni di personate a tempo determinato; acquisto di n. 2 nuovi veicoli da adibire alle attivita di controllo del territorio, di cui uno specificamente allestito comeufficio mobile per il rilievo degli incidenti stradali e per Ia costituzione di presidi di contatto col Cittadino al di fuori dei normali canali istituzionali presso le sedi accreditate; acquisto di una nuova centrale operativa per il servizio radio/telefonico del Comando di Polizia Locale, dotata di sistemi elettronici di registrazione delle chiamate, archiviazione degli interventi e di un sistema di comunicazione radio georeferenziato per la localizzazione degli apparati mobili (quindici) in uso agli operatori in servizio. Impegno di spesa di ,00 c) Prevenzione situazionale (videosorveglianza) ripristino di alcune telecamere nel centro storico cittadino (Piazza Carducci); sostituzione del sistema di registrazione centralizzato in grado di conservare le riprese per il tempo consentito dalla Iegge; ampliamento della zona videosorvegliata anche al tratto di Corso Matteotti in prossimita delle Piazze Guerrazzi e Duomo, mediante il posizionamento ed il collegamento di n. 4 telecamere alimentate da gruppo di continuita tampone. II dispositivo di registrazione, posto in prossimita del centro rete, sara raggiungibile anche dalla video postazione remota installata presso il Comando di Polizia Municipale e fruibile dai soli responsabile e incaricati del trattamento. Impegno di spesa di ,00 d) Educazione alia legalita programmazione e diffusione di "educazione stradale nelle scuole", con personale dipendente direttamente impegnato a sviluppare programmi d'intervento in collaborazione con i corpi docenti interessati e con i tecnici della Azienda sanitaria locale per gli aspetti legati all' uso e ai conseguenti effetti di sostanze alcooliche e psicotrope; sviluppo della collaborazione con le Forze di Polizia, la A.S.L., la Protezione civile, la pubblica assistenza e la Misericordia impegnate nei servizi di soccorso stradale ed assistenza in genere, i Vigili del Fuoco, la Capitaneria di Porto e il Corpo Forestale dello Stato;

16 Impegno di spesa di ,00 COMUNED/COLLF 4LVE171 a) implementazione del sistema di videosorveglianza esistente: nel ,00 per gli impianti di Piazza Repubblica e Cittadella Sportiva a Collesalvetti; nel ,00 per gli impianti di Vicarello; nel triennio e previsto l' ulteriore investimento di ,00per la sorveglianza dell' isola ecologica di Collesalvetti e di quella in corso di realizzazione a Stagno; b) risorse strum en tali per Ia Polizia Locale: nel ,00 per l' acquisto di una autovettura destinata all'attivita di pattugliamento ed 7.500,00 per l'acquisto di strumentazione per il controllo del tasso alcoolemico dei conducenti di veicoli; nel ,00 per l' acquisto di una nuova strumentazione per il controllo della velocita veicolare in postazione fissa; nel 2013 e previsto 1' investimento di ,00per 1' attivazione di una rete radioricevente con sala operativa da utilizzare per finalita di polizia locale e protezione civile; c) risorse umane per Ia Polizia Locale: nel 2013 e previsto lo stanziamento di ,00per l'assunzione a tempo determinato di personale di Polizia Municipale al fine di consentire 1' ampliamento del servizio fino alle ore in almeno 5 giomi della settimana, nel periodo 15 giugno - 15 settembre. COMUNEDIPIOMBINO a) assunzioni a tempo determinato di personale della Polizia Municipale al fine di incrementare ed ampliare la fascia oraria serale/nottuma: ,00 b) nell'ambito dell'educazione alia legalita, concorso sulla sicurezza stradale: 6.000,00 c) progetto "Nonni Vigili": 7.500,00 d) progetto "ballo sicuro": 1.000,00 e) prevenzione situazionale, progetto di videosorveglianza sulla Piazza Giovanni Bovio: ,00 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO a) Sicurezza integrata - controllo del territorio acquisto di un ufficio mobile (Fiat Doblo) di supporto a quello gia in dotazione (Fiat Scudo ), di altri mezzi e strumenti tecnici per incrementare 1' attivita di controllo del territorio: Impegno di spesa di ,00

17 sistema di video sorveglianza del nuovo centro culturale con biblioteca; b) Sicurezza stradale - prevenzione incidentalita assunzioni a tempo determinato di personale presso la Polizia Municipale al fine di incrementare ed eventualmente ampliare Ia fascia oraria serale/notturna. lmpegno di spesa di ,00 presidio presso gli istituti scolastici, con il coinvolgimento dell' A USER - Vigili nonm; c) Prevenzione sociale - aree di degrado: Progetto "Un territorio accogliente e sicuro": Impegno di spesa di ,00 d) Educazione alia legalita campagna di educazione alia legalita: Impegno di spesa di 6.000,00 e) Risorse strumentali per Ia Polizia Locale: acquisto n. 6 giubbotti antiproiettile ad uso degli agenti di Polizia Municipale, m particolare per i controlli serali/notturni; Impegno di spesa di 4.000,00 COMUNE DI SAN VINCENZO a) Sicurezza integrata - controllo del territorio potenziamento dell ' organico della Polizia Municipale mediante assunzione di n. 3 operatori part time a tempo determinato durante la stagione estiva per il controllo della spiaggia e dei parchi pubblici, con l' obiettivo di contenere anche i fenomeni di abusivismo commerciale: Impegno di spesa di ,00 b) Sicurezza stradale - prevenzione incidentalita potenziamento dell ' organico della Polizia Municipale mediante assunzione di n. 5 operatori full time a tempo determinato da utilizzare in concomitanza con la stagione estiva: Impegno di spesa di ,00 c) Prevenzione situazionale (videosorveglianza) Installazione di alcune telecamere collegate al Comando Polizia :Municipale: lmpegno di spesa di ,00 d) Educazione alia legalita campagna di educazione alia legalita: I Comuni sottoscrittori si impegnano a valutare Ia possibilita di conferire ulteriori risorse finanziarie, sulla base di specifici progetti approvati nella Cabina di Regia, assumendo il criterio di compartecipazione in relazione al numero degli abitanti e all'ambito territoriale di realizzazione del progetto.

18 A tali risorse potranno aggiungersi finanziamenti di soggetti istituzionali pubblici, finalizzati alla realizzazione di specifici interventi per la sicurezza urbana. Il presente Patto ha la durata di due anni. Articolo 13 DURATA E VERIFICA Le parti convengono di individuare nella Cabina di Regia l'organismo che, con cadenza almeno semestrale, provvede alla verifica delle iniziative promosse, degli impegni assunti e dei risultati raggiunti al fine di garantire incisivita e tempestivita agli interventi programmati. Articolo 14 ADESIONE DI ALTRI COMUNI I1 presente Patto e aperto all'adesione degli altri Comuni della Provincia di Livomo, anche relativamente a specifici progetti. Livorno, 28 novembre Il Vice Ministro dell 'Interno Sen. Filippo Bubbico itbjl! IL PREFETTO Dl LIVORNO! p. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE TOSCANA L'ASSESSORE AL WELFARE E ALLE POLITICHE PERLACASA _D_o_t_t._S_a_l_v_a_to-~-e-A-1 --' lo=c=c==a=-'---'----~! p. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO IL VICE PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO Dott. Fausto Bonsignori

19 ! IL SINDACO DEL COMUNE di - LIVORNO IL VICE SINDACO Dott. Bruno Picchi ~ ~"(:J - BIBBONA Dott.ssa Fiorella Marini linv!ih (~ - CASTAGNETO CARDUCCI IL VICE SINDACO Dott. Roberto Callaioli - CECINA Dott. Stefano Benedetti ~~ czsalvetfi \ Do~ orenzo Bacci ~ -e-.. ') ~ d:=.j - PIOMBINO IL VICE SINDACO Dott. Lido Francini

20 Per adesione: 11 Questore di LIVORNO Il Comandante Provinciale dell' Anna dei Carabinieri di LIVORNO ala p. Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di LIVORNO T. Col. G.d.F. Donato Pignataro

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli