AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO. Piano di riforma del parco auto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO. Piano di riforma del parco auto"

Transcript

1 R E G I O N E P U G L I A AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO Piano di riforma del parco auto Quadro normativo - L art.5, comma 2, del d.l. 6 luglio 2012, n.95 convertito in legge 7 agosto 2012, n. 135, Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95: Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, nonché misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario, dispone che le PP.AA. non possono effettuare spese di ammontare superiore al 50 per cento della spesa sostenuta nell'anno 2011 per l'acquisto, la manutenzione, il noleggio e l'esercizio di autovetture, nonché per l'acquisto di buoni taxi; il predetto limite può essere derogato, per il solo anno 2013, esclusivamente per effetto di contratti pluriennali già in essere. - La legge 24 dicembre 2012, n. 228 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilita' 2013), al comma 143 dell art.1 ha disposto che fino al 31 dicembre 2014 le pubbliche amministrazioni non possono acquistare autovetture ne' possono stipulare contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto autovetture. - Il Decreto legge n.101 del 31 agosto 2013, ha confermato quanto previsto dalle precedenti norme finanziarie per il contenimento della spesa pubblica, prorogando all art.1, comma 1, fino al 31 dicembre 2015 quanto previsto dall art.1, comma 143 della legge 228/2012. Lo stesso decreto al comma 2 dell art.1 ha inoltre disposto che a decorrere dall'anno 2014, le amministrazioni pubbliche che non adempiono, ai fini del censimento permanente delle autovetture di servizio, all'obbligo di comunicazione previsto dal provvedimento adottato in attuazione dell'articolo 2, comma 4, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, non possono effettuare, fermo restando quanto previsto dal comma 1, spese di ammontare superiore all'80 per cento del limite di spesa previsto per l'anno 2013 per l'acquisto, la manutenzione, il noleggio e l'esercizio di autovetture, nonche' per l'acquisto di buoni taxi. - il DPCM approvato il 3 agosto 2011 prevede il censimento permanente delle auto della P.A. (art. 5), rendendo obbligatoria la comunicazione in via telematica delle autovetture a qualsiasi titolo detenute, per tutti gli enti inseriti nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione (amministrazioni presenti in elenco Istat individuate ai sensi dell art.1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196). - Con Delibera n.1528 del 2 agosto 2013 Revisione disciplina auto di rappresentanza nella prospettiva del contenimento dei costi di esercizio, la Giunta Regionale ha preso atto dello sforamento rispetto ai budget chilometrici assegnati con nota del Capo di Gabinetto n.928 del 28/01/2013 e ha deliberato tra l altro, di delegare al Servizio Provveditorato Economato alla predisposizione di un piano di riforma del parco auto prevedendo la sostituzione delle attuali vetture di tipo Giulietta con auto con costi di esercizio ridotti, da sottoporre alla Giunta regionale entro 60 gg.

2 Con il presente atto si adempie a tale obbligo presentando: - l analisi della spesa regionale per autovetture; - il calcolo del budget 2013 e 2014; - una rassegna di scenari fra i quali la Giunta regionale potrà optare in cui si combinano dati sui costi-benefici di alcune soluzioni con eventuali disposizioni da impartire per l uso delle auto; - Si propone in allegato 1 un fac-simile di Registro di percorrenza attraverso il quale sarà effettuato il monitoraggio dei dati di percorrenza e dei consumi delle autovetture dell autoparco regionale, con il visto dell amministratore assegnatario della vettura. Si ricorda comunque che alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 182 del 2011 il budget del capitolo di riferimento è suscettibile di aggiustamenti in aumento o diminuzione a compensazione del budget delle altre spese oggetto di spending review. Si specificano alcuni criteri utilizzati per i calcoli presentati nelle tabelle presenti nel presente documento: - i dati relativi al 2013, ma soprattutto 2014 derivano da calcoli e da proiezioni basate su serie storiche e sono quindi presumibilmente suscettibili di variazioni durante l esercizio; - per i costi sono stati utilizzati dati CONSIP, in quanto l adesione a tale sistema consente una rapida attuazione degli interventi eliminando i tempi di gara - i prezzi utilizzati per i carburanti variano in base alla tipologia di motore dell autovettura (benzina, diesel, elettrico). Inoltre, al fine di poter meglio affinare i calcoli nei prossimi anni, sarebbe opportuno migliorare il monitoraggio dei consumi delle autovetture dell autoparco regionale mediante l utilizzo di sistemi GPS da montare sui veicoli. Questi strumenti, oltre a poter dare dati precisi in tempo reale sulle effettive percorrenze delle auto, potrebbero anche contribuire a rendere più precisi i rimborsi relativi ai consumi di carburante. Tale sistema potrebbe essere sperimentato sulle auto dell auto parco, per poi essere esteso anche ai mezzi privati utilizzati dai dipendenti per le missioni, con lo stesso scopo di monitorare i costi in tempo reale e rendere assolutamente preciso il rimborso spese. Il monitoraggio in tempo reale renderebbe il controllo della spesa più immediato in modo da segnalare eventuali sforamenti di budget prevedibili e poter prendere contromisure immediate, senza compensazioni a posteriori. Le ipotesi più avanzate presentate in questo piano (si prenda ad esempio per tutte la n.6) consentono di verificare alla prova pratica la possibilità di un cambiamento radicale della politica di utilizzo dei mezzi di servizio da parte della Regione finalizzato nel medio periodo a sostituire quasi completamente l uso del mezzo proprio con l uso di auto in dotazione all amministrazione, sia di proprietà che a noleggio, il cui costo per km di percorrenza è inferiore al rimborso attualmente previsto per le suddette missioni. Peraltro il descritto obiettivo di contenimento della spesa verrebbe perseguito in uno con quello di riduzione delle emissioni nocive nell ambiente con l uso di auto a tecnologia innovativa e di energia elettrica prodotta dagli impianti ad energie rinnovabili in corso di realizzazione nelle sedi regionali. 2

3 Spesa relativa all anno 2013 Le spese relative al parco auto si compongono di una serie di voci di spesa inerenti ai canoni di noleggio, le spese per il carburante ed il mantenimento del parco auto di proprietà regionale. Nel dettaglio: - Noleggio auto di rappresentanza per assessori ed altri aventi diritto; - Noleggio auto di servizio; - Mantenimento auto di proprietà (assicurazione, lavaggio, manutenzione); - Spese per il carburante. Per il 2013 le spese sostenute (su base dati ed in proiezione fino al ) si compongo delle seguenti voci: - Noleggio e mantenimento auto di rappresentanza: o noleggio e spese carburante per 16 auto tipo Giulietta-1.4 benzina = ,02 ; tale voce di spesa comprende la penale per disdetta anticipata di 2 delle auto a partire dal 1 settembre o ,55 o Noleggio e spese carburante per 1 auto tipo Mercedes CDI 220 = ,49; tale voce di spesa comprende la penale per disdetta anticipata dell auto a partire dal 1 luglio o Spese varie per il mantenimento del parco auto di proprietà = Per un totale di circa a fronte di stanziati sull apposito capito 3380 del bilancio regionale, poi aumentati ad con variazione compensativa come disposto in DGR 1528/2013. Per il dettaglio si veda la seguente tabella riepilogativa: A1 A2 B C spese varie Totali Modello 14 X Giulietta 2 X Giulietta mercedes Punto auto proprietà totale A1+A2+12C km/mese medi 4442, , riparazioni varie ,25 Penale/mese 218,00 0 assicurazione ,00 Litri carb. 444, , ,7 37,50 carburante ,45 carb/mese 830,77 913,85 506,21 63,75 adempimenti normativi ,37 Canone/mese 1.021, , ,54 371, ,98 Consumo carb. [l/100km] ,00 - /mese 1.852, , ,75 435, ,35 costo/anno , , , , ,45 totale auto , , , , ,06 In caso di rispetto dei budget chilometrici riassegnati con DGR 1528, potrà essere rispettata la previsione, salve piccole spese. In effetti nel 2013 la Regione ha goduto della deroga prevista dal summenzionato art.5, comma2, del D.L. 95/2012 per contratti pluriennali in essere e questo ha consentito di definire il budget come descritto. Definizione del budget per l anno

4 In accordo alla normativa vigente, il riferimento per il calcolo del budget è la spesa complessiva sostenuta nell'anno 2011 per l'acquisto, la manutenzione, il noleggio e l'esercizio di autovetture, nonché per l'acquisto di buoni taxi, mentre non è più operativa la deroga prevista per il E stato effettuato nel 2011 l acquisto di un autovettura per che pertanto devono essere esclusi per legge dal calcolo del budget. La spesa nel 2011 ammontava a e conseguentemente il budget per l anno 2014 ammonterà ad pari al 50% della spesa Non ricorre invece l ulteriore riduzione del 20% sul 2013 previsto in caso di inadempienza a quanto stabilito dall'articolo 2, comma 4, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, relativamente agli obblighi di censimento permanente delle auto della P.A. La Regione infatti ha adempiuto sia nel 2012 che nel Proposte di riduzione costi al fine del rispetto del budget previsto per il 2014 Il rispetto della normativa vigente in materia dunque impone di dover effettuare delle modifiche alle attuali spese relative al parco auto in modo da poter rispettare il limite imposto che risulta, come già calcolato, pari ad Tale limite non riuscirebbe a coprire neanche le spese di canone e mantenimento dell attuale parco auto utilizzato per rappresentanza e servizio che, in proiezione nel 2014, ammonterebbe a circa come meglio descritto nel seguente quadro riepilogativo, già al netto delle misure e dismissioni attuate nel A C Totali Modello 14 x Giulietta 12x Punto totale 14A+12C km/mese medi 4442, ,63 Penale/mese 218, ,00 Litri carb. 399, ,50 437,34 carb/mese 719, ,75 783,46 Canone/mese 1.021,35 371, ,64 Consumo carb. [l/100km] ,00 /mese 1.741,05 435, ,09 costo/anno , , ,10 totale parco auto , , ,42 Tale situazione, senza tener conto delle spese varie per il mantenimento del parco auto di proprietà, supera di gran lunga il budget imposto dalla normativa nazionale. Si rende necessario proporre delle ulteriori opzioni all attuale modello di utilizzo del parco auto che possono andare in diverse direzioni, o una combinazione di queste, relative al contenimento dei consumi di carburante, dei chilometri percorsi, alla riduzione del canone di noleggio, o del numero di vetture. Nel seguito si riportano una serie di scenari proposti con l obiettivo del raggiungimento del limite di spesa imposto pari a Si supporrà che le spese relative al mantenimento delle auto di proprietà sia uguale al 2013 (pari a ) e costante al variare degli scenari. 4

5 Scenario 1: mantenimento dell attuale parco auto a noleggio e riduzione dei consumi mediante imposizione di consumi medi più bassi. Tale scenario prende a riferimento il più virtuoso degli utilizzatori di auto, come risulta dall indagine eseguita nel mese di agosto sull utilizzo delle auto modello Giulietta, con dati estratti dalle centraline delle auto consegnate nella sede centrale. KILOMETRAGGIO RILEVATO dal 1 maggio 2012 al 20/08/2013 KM. PARZIALI RILEVATI SU CENTRALINA PER MEDIA lt./100 KM SU CENTRALINA AUTOVETTURA TARGA KM/lt. 1 GIULIETTA 1.4 EL 300 AK ,2 13,8 2 GIULIETTA 1.4 EL 319 AF ,7 11,5 3 GIULIETTA 1.4 EL 297 AK ,1 12,3 4 GIULIETTA 1.4 EL 295 AK ,5 9,5 5 GIULIETTA 1.4 EK 773 NE ,1 6 GIULIETTA 1.4 EL 901 AF ,5 10,5 7 GIULIETTA 1.4 EL 902 AF ,2 10,8 8 GIULIETTA 1.4 EL 793 AK ,5 9 GIULIETTA 1.4 EK 469 NE GIULIETTA 1.4 EL 318 AF ,5 10,5 11 GIULIETTA 1.4 EL 795 AK ,4 10,6 12 GIULIETTA 1.4 EL 299 AK , GIULIETTA 1.4 EL 296 AK km. azzerati 14 GIULIETTA 1.4 EN 735 CM GIULIETTA 1.4 EK 772 NE GIULIETTA 1.4 EK 774 NE ,2 9, media 9,046 11, min 7,2 9, max 10,5 13,8 Tale valore pari a 7,2 [l/100km], presenta un margine di miglioramento rispetto al valore di 5,8 dichiarato dal costruttore. Anche imponendo un ulteriore ribasso a 7 non risolve da solo il problema in quanto, nonostante un risparmio di ,00, il costo supera di gran lunga il budget di riferimento. Per tale calcolo si veda la tabella seguente: A C Totali Modello 14 x Giulietta 12x Punto totale 14A+12C km/mese medi 4442, ,63 Penale/mese 218, ,00 Litri carb. 310, ,50 348,48 carb/mese 559, ,75 623,52 Canone/mese 1.021,35 371, ,64 Consumo carb. [l/100km] ,00 /mese 1.581,12 435, ,16 costo/anno , , ,88 totale parco auto , , ,42 RISPARMIO , ,00 Scenario 2: - mantenimento dell attuale parco auto a noleggio - riduzione dei consumi mediante imposizione di consumi medi più bassi - riduzione del numero di chilometri da percorrere a disposizione di ciascuna auto 5

6 Sulla base dell effettiva percorrenza chilometrica complessiva riscontrata nei primi mesi del 2013, si è in grado di stimare in circa km complessivi/mese. Con la nota del Capo di Gabinetto n.928 del 28/01/2013 il budget aveva subito un abbattimento di circa il 35%. Qui si propone un abbattimento circa del 22% che porterebbe i chilometri complessivi percorribili a l anno. Tale obiettivo si potrebbe anche perseguire mediante il deposito dell auto di rappresentanza nella sede regionale di riferimento per ciascuna provincia, o in ogni caso, nella sede regionale più vicina alla residenza di ciascun assegnatario. Con tale scenario si produrrebbe una notevole riduzione dei costi, senza però centrare l obiettivo prefissato. A C Totali Modello 14 x Giulietta 12x Punto totale 14A+12C km/mese medi ,00 Penale/mese 218, ,00 Litri carb ,50 212,50 carb/mese ,75 378,75 Canone/mese 1.021,35 371, ,64 Consumo carb. [l/100km] ,00 /mese 1.336,35 435, ,39 costo/anno , , ,63 totale parco auto , , ,93 RISPARMIO , ,48 Scenario 3: - mantenimento dell attuale parco auto a noleggio e riduzione dei consumi mediante imposizione di consumi medi più bassi - riduzione del numero di chilometri complessivi da percorrere - dismissione di ulteriori 2 auto di rappresentanza. Le auto da dismettere sarebbero quella con percorrenza inferiore, sostituibile con l uso di un auto di servizio, e l auto non assegnata ad assessori. La prima, in dotazione alla presidenza potrebbe essere sostituita con un auto di servizio a sua volta da sostituirsi con auto di proprietà attualmente non utilizzata per non gravare sul carburante. Tale scenario si avvicinerebbe sensibilmente all obiettivo: A C Totali Modello 12 x Giulietta 12x Punto totale 14A+12C km/mese medi ,00 Penale/mese 218, ,00 Litri carb ,50 212,50 carb/mese ,75 378,75 Canone/mese 1.021,35 371, ,64 Consumo carb. [l/100km] ,00 /mese 1.336,35 435, ,39 costo/anno , , ,63 totale parco auto , , ,59 RISPARMIO , ,82 6

7 Scenario 4: - sostituzione delle attuali auto di rappresentanza, aventi consumi molto levati, con auto a motore ibrido benzina/elettrico, aventi un consumo molto contenuto - In combinazione con tale scelta di auto si propone una minore diminuzione del budget chilometrico annuo a disposizione delle auto di rappresentanza fino a km/anno. Tale scelta manterrebbe auto di stesso livello qualitativo, ridurrebbe i consumi di carburante e sarebbe anche rappresentativa dell orientamento della Regione Puglia all utilizzo di auto ecologiche, quali le auto ibride. Si devono considerare i costi da sostenere per le penali di restituzione anticipata delle Giulietta. Si manterrebbero le attuali 14 auto di rappresentanza e le 12 di servizio. Il limite imposto dalla legge per il 2014 sarebbe raggiunto, ma senza grande margine di manovra, in quanto rimarrebbero solo poche migliaia di euro per le spese di mantenimento del parco auto di proprietà. B C Totali Modello 14 x Auto Ibrida 12x Punto totale 14B+12C km/mese medi 2187, ,50 Penale/mese 218, ,00 Litri carb. 94,06 37,50 234,38 carb/mese 169,31 63,75 418,13 Canone/mese , ,64 Consumo carb. [l/100km] 4,3 6 15,00 /mese 1.237,31 435, ,76 costo/anno , , ,13 totale parco auto , , ,05 RISPARMIO ,37 Scenario 5: - sostituzione delle attuali auto di rappresentanza, aventi consumi molto levati, con auto a motore ibrido benzina/elettrico, aventi un consumo molto contenuto - In combinazione con tale scelta di auto si propone una minore diminuzione del budget chilometrico annuo a disposizione delle auto di rappresentanza fino a km/anno. - l eliminazione dell auto ad assegnatario diverso dall assessore. Tale scelta manterrebbe auto di stesso livello qualitativo, ridurrebbe i consumi di carburante e sarebbe anche rappresentativa dell orientamento della Regione Puglia all utilizzo di auto ecologiche, quali le auto ibride. Si devono considerare i costi da sostenere per le penali di restituzione anticipata delle Giulietta. In tal caso si raggiungerebbero con un buon margine i limiti normativi. 7

8 B C Totali Modello 13 x Auto Ibrida 12x Punto totale 13B+12C km/mese medi 2187, ,50 Penale/mese 218, ,00 Litri carb. 94,06 37,50 234,38 carb/mese 169,31 63,75 418,13 Canone/mese , ,64 Consumo carb. [l/100km] 4,3 6 15,00 /mese 1.237,31 435, ,76 costo/anno , , ,13 totale parco auto , , ,30 RISPARMIO ,12 Scenario 6: - sostituzione delle attuali auto di rappresentanza, aventi consumi molto levati, con auto a motore ibrido benzina/elettrico, aventi un consumo molto contenuto. - In combinazione con tale scelta di auto si propone una minore diminuzione del budget chilometrico annuo a disposizione delle auto di rappresentanza fino a km/anno. - dismissione di ulteriori 2 auto di rappresentanza. Le auto da dismettere sarebbero quella con percorrenza inferiore, sostituibile con l uso di un auto di servizio, e l auto non assegnata ad assessori. La prima, in dotazione alla presidenza potrebbe essere sostituita con un auto di servizio a sua volta da sostituirsi con auto di proprietà attualmente non utilizzata per non gravare sul carburante. Per un più marcato perseguimento della politica di riduzione di consumi ed emissioni, in coerenza con l approvando piano energetico delle sedi regionali, in questo scenario si propone la sostituzione di 4 delle auto di servizio diesel con 4 veicoli di pari categoria alimentati ad energia elettrica al 100%. Le auto elettriche andrebbero a servire le sedi dotate di impianto di ricarica delle auto elettriche già presente o in fase di installazione nelle sedi di Lecce Viale Aldo Moro, Brindisi-Via Tor Pisana, Bari-Via Gentile. Una delle auto elettriche potrebbe essere poi destinata alla sede dell Osservatorio faunistico, già dotata di impianto di ricarica delle auto elettriche, in sostituzione di alcune auto di proprietà alimentate a benzina, che potrebbe essere utilizzata come auto di servizio. Tale scelta manterrebbe auto di stesso livello qualitativo, ridurrebbe i consumi di carburante e sarebbe anche rappresentativa dell orientamento della Regione Puglia all utilizzo di auto ecologiche, quali le auto ibride. Si devono considerare i costi da sostenere per le penali di restituzione anticipata sia delle Giulietta che delle Punto. In tal caso si raggiungerebbero con un buon margine i limiti normativi. 8

9 B C D Totali Modello 12 x Auto Ibrida 8 x Punto 4 x Auto elettr. totale 12B+8C+4D km/mese medi 2187, ,50 Penale/mese 218, ,82 218,00 Litri carb. 94,06 37,50 9,38 234,38 carb/mese 169,31 63,75 15, ,13 Canone/mese , ,64 Consumo carb. [l/100km] 4,3 6 1,5 15,00 /mese 1.237,31 435,04 765, ,76 costo/anno , , , ,13 totale parco auto , , , ,70 RISPARMIO ,72 Scenario 7: - sostituzione di tutte le auto di rappresentanza con auto similari a quelle di servizio, quindi della categoria Punto alimentate a gasolio. In tal caso si potrebbe concedere un maggiore chilometraggio complessivo a disposizione delle auto di rappresentanza fino a km/anno. Non sarebbe necessario ridurre il numero delle auto. Con le economie derivate dal cambio di tipo di auto si potrebbe partire con il noleggio in via sperimentale di 3 veicoli elettrici da usare per il ciclo urbano a servizio delle sedi dotate di impianto di ricarica delle auto elettriche già presente o in fase di installazione nelle sedi di Lecce Viale Aldo Moro, Brindisi-Via Tor Pisana, Bari-Via Gentile. Tale scelta manterrebbe auto di livello qualitativo altrettando significativamente pari a quelle di servizio, ma in linea con la riduzione costi avviata a livello nazionale, ridurrebbe i consumi di carburante e sarebbe anche rappresentativa di una scelta della Regione Puglia di utilizzo di auto ecologiche, quali le auto elettriche. Si devono considerare i costi da sostenere per le penali di restituzione anticipata delle Punto. In tal caso si raggiungerebbero con un buon margine i limiti normativi. C C1 D Totali Modello 12x Punto 14x Punto 3 x Auto elettr. totale 12C+14C+3D km/mese medi ,00 Penale/mese ,00 Litri carb. 37,50 162,50 9,38 262,50 carb/mese 63,75 276,25 15, ,75 Canone/mese 371, ,64 Consumo carb. [l/100km] 6 6,5 1,5 15,00 /mese 435, ,25 765, ,39 costo/anno 5.220, , , ,63 totale parco auto , , , ,30 RISPARMIO ,12 9

10 Allegato 1 Autoparco regionale Registro di percorrenza targa auto autista Assessore presa in consegna data destinazione lettura km alla presa in consegna* ora di partenza ora di arrivo totale km percorsi andata ora di partenza ora di arrivo totale km percorsi ritorno data sede consegna lettura km alla riconsegna* riconsegna firma dell'autista visto l'assessore * dati da rilevare dalla centralina del veicolo 10

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km Costi di esercizio dell impresa di autotrasporto per conto di terzi costi minimi di esercizio che garantiscano il rispetto dei parametri di sicurezza (Articolo 83 bis, commi 1 e 2, commi 4 e 4-bis della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Ufficio delle Dogane di Ferrara Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Relatore: Simona Palazzi Ferrara, 16 settembre 2014 INDICE 1. L agevolazione fiscale - Genesi ed evoluzione

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES. BMW Financial Services Piacere di guidare UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES. CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia da lei riposta in BMW Financial Services

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31 Anno XLIII - N. 52 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 27.12.2012 - pag. 1 Giovedì 27 Dicembre 2012 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

I TAGLI PREVISTI DALL ARTICOLO 6 DEL D.L. 78/2010 E GLI ENTI LOCALI

I TAGLI PREVISTI DALL ARTICOLO 6 DEL D.L. 78/2010 E GLI ENTI LOCALI Focus Il Focus è l articolo trainante di ogni numero della rivista, quello che affronta l argomento più attuale e fornisce le possibili soluzioni al caso concreto. Lo sviluppo dell approfondimento avverrà

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ASSOCIAZIONE DI BOLOGNA Servizi alla Comunità Settore Autoriparazione AUTO SOSTITUTIVA ISTRUZIONI PER L USO Premessa pag. 3 Tipologie con le quali è possibile gestire il servizio pag. 4 Aspetti gestionali

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DECRETO-LEGGE 6 marzo 2014, n. 16

DECRETO-LEGGE 6 marzo 2014, n. 16 DECRETO-LEGGE 6 marzo 2014, n. 16 Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonche' misure volte a garantire la funzionalita' dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE Ringraziamenti Lo studio è stato realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo e dell Automobile Club di Italia.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli