Un esempio concreto di mobility management: il car sharing di Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un esempio concreto di mobility management: il car sharing di Torino"

Transcript

1 Un esempio concreto di mobility management: il car sharing di Torino

2 Dice il saggio Tutta l infelicità degli uomini deriva da una cosa sola: dal non sapersene stare tranquilli in una stanza. (Blaise Pascal, ) Ergo: l uomo saggio non si muove. quindi non usa l auto

3 Premessa: la situazione delle nostre città In Italia circolano circa 36 milioni di autovetture (59 ogni 100 abitanti), esclusi autocarri, motocarri, autobus e motrici. Nel rapporto veicoli/abitanti Torino occupa la seconda posizione - dopo Roma - con una presenza di 850 veicoli ogni abitanti: si può quindi stimare (per difetto) che siano presenti sul territorio cittadino circa vetture. Se consideriamo che un utilitaria è lunga in media 3,5 metri, se disponessimo in fila tutte le auto torinesi copriremmo una distanza di circa chilometri (un viaggio da Torino a Catanzaro e ritorno, oppure da Torino ad Amsterdam e ritorno). CATANZARO AMSTERDAM

4 Come si usa l auto? E stimato che il 30% dei tragitti effettuati in automobile copre distanze inferiori ai 3 chilometri. In Italia si effettuano in media cinque milioni di spostamenti in auto solo per accompagnare i ragazzi a scuola, questo nonostante l 86% degli scolari abiti ad una distanza di circa un quarto d ora a piedi.

5 Perché il car sharing? IL CONTESTO Esigenze di mobilità in costante aumento, solo parzialmente soddisfatte dal trasporto pubblico Impatto del flusso veicolare privato sul tessuto urbano e conseguente elevato tasso di inquinamento Parco auto circolante obsoleto, composto in larga parte da veicoli non ecologici Limiti alla mobilità individuale conseguenti l introduzione di barriere e/o vincoli alla circolazione Tempi di percorrenza e carenza di parcheggi GLI OBIETTIVI Ridurre la percorrenza chilometrica media individuale, promuovendo un nuovo concetto di utilizzo dell auto, alternativo alla proprietà Allentare l impatto ambientale del traffico veicolare Fluidificare l accesso all aree regolamentate della città Ridurre il numero di auto in sosta Fornire uno strumento alternativo integrato al sistema del trasporto locale Diminuire i costi individuali e le relative spese di consumo Il decreto 27/3/1998 introduce servizi idonei a contrastare l incidenza del traffico veicolare sull ambiente cittadino: tra questi, si distingue il CAR SHARING, un servizio di trasporto pubblico, alternativo all auto di proprietà, in cui l utente acquista l uso del mezzo anziché il mezzo stesso.

6 Una soluzione? Il car sharing Il car sharing (auto in condivisione) è un servizio di mobilità individuale - semplice e conveniente - che consente di pagare l uso effettivo di un auto anziché tutti i costi che, normalmente, si sostengono per la proprietà o l acquisto. Gli abbonati possono prenotare (24 ore su 24) l auto di qualunque parcheggio, precisando sempre ora di partenza e ora di arrivo. Al parcheggio l auto si apre appoggiando l apposita tessera al parabrezza. Per tutta la prenotazione - che può variare da una sola a ora a uno o più giorni consecutivi - si utilizza il veicolo car sharing come un auto normale, che può recarsi ovunque (in città e fuori città) e che all ora di riconsegna dovrà essere riportata al parcheggio in cui è stata prelevata.

7 Il car sharing nel mondo Le prime vere e proprie organizzazioni di car sharing sviluppate con successo, e su ampia scala, sono nate in Svizzera (Zurigo e Lucerna, 1987), per iniziativa di alcuni cittadini elvetici sensibili ai temi dell ecologia e del risparmio energetico che intendevano condividere una flotta di auto acquisita in multiproprietà. Con la stessa finalità e in un contesto similmente ideologizzato, l anno successivo è stata fondata a Berlino la prima compagnia tedesca di car sharing, denominata Stattauto. Nei primi anni Novanta, Austria e Olanda hanno ripetuto il successo di Svizzera e Germania, anche se su scala inferiore, e pochi anni dopo il car sharing si è diffuso in altre 13 nazioni europee, tra cui Gran Bretagna, Scandinavia, Italia, Belgio, Francia e Spagna.

8 Il car sharing nel mondo ~ members ~ 900 cities 21 countries Country Estimated Membership Estimated Vehicles Members per vehicles US Canada Japan Singapore Australia Swiss UK Germany Italy (ICS)

9 L esperienza di riferimento: la svizzera Mobility Attiva dal 1987, con una struttura di 156 dipendenti, Mobility è oggi l esperienza internazionale di riferimento. Presente in tutti i comuni che superano i abitanti conta utenti, che utilizzano auto distribuite in parcheggi (rapporto medio di 39 clienti per veicolo).

10 Il car sharing in Italia: il ruolo del MATT Il MATT supporta la crescita del car sharing, garantendo un organico ed unitario sviluppo in tutto il territorio nazionale. A seguito del decreto 27/3/1998 i principali 14 comuni italiani hanno ratificato una convenzione con la quale si è dato origine ad una struttura di coordinamento, il cui compito è integrare differenti proposte eterogenee tra loro. Iniziativa Car Sharing La condivisione nazionale di un unico sistema garantisce: abbattimento delle barriere di ingresso del mercato diminuzione risorse necessarie allo start-up realizzazione di economie di scala (minori costi per la PP.AA.)

11 Il car sharing in Italia : I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. (Iniziativa Car Sharing) è una struttura di coordinamento che persegue l attivazione del servizio sul territorio nazionale, fornendo assistenza agli enti locali che intendano sviluppare sistemi di car sharing con specifici standards operativi e tecnologici. La partecipazione degli enti locali avviene attraverso società a capitale misto, che coinvolgono aziende di trasporti e/o soggetti imprenditoriali. Attualmente il car sharing I.C.S. è operativo a: Biella, Bologna e provincia, Brescia, Firenze, Genova, Milano e provincia, Palermo, Parma, Roma, Savona, Torino e provincia, Venezia. Bolzano propone un servizio autonomo, che non aderisce al circuito I.C.S.

12 I principali standards di I.C.S. I.C.S. ha definito dei parametri di erogazione del servizio, per garantire medesimi standards in tutto il territorio nazionale. Tra questi si distinguono: Prenotazione ed accesso ai veicoli 24 ore su 24 Tempo minimo di utilizzo fatturato pari ad un ora: tariffe calcolate in proporzione al tempo ed alla percorrenza Tariffe che includano tutti i costi di esercizio (carburante, olio...) e quelli fissi (assicurazione, manutenzione...), ma non contemplino possibilità di chilometraggio gratuito e che scoraggino un utilizzo oltre il necessario Nessun obbligo di percorrenza o utilizzo minimo Copertura assicurativa totale: contribuzione dell'utente al risarcimento danni limitata ad una quota predeterminata Veicoli che rispettino gli standard di sicurezza previsti dalle norme CEE Disponibilità di accessori gratuiti (catene, seggiolino, portapacchi ) Garanzia di accesso al servizio a prescindere dal gestore/città di iscrizione

13 I gestori car sharing di I.C.S. Città Bologna Brescia Firenze Genova Milano Palermo Parma Roma Torino Venezia Gestore ATC Brescia CS Firenze CS Genova CS Guidami CS Palermo Infomobility ATAC CarCityClub ASM Inizio attività Agosto 2002 Febbraio 2010 Aprile 2005 Luglio 2004 Settembre 2001 Marzo 2009 Febbraio 2007 Marzo 2005 Novembre 2002 Agosto 2002 Totali Auto Parcheggi Utenti Dati riferiti a Dicembre 2010 A Modena (da Maggio 2010) e nella Provincia di Rimini (da Aprile 2009) il servizio è temporaneamente sospeso. La data di avvio del servizio di Milano si riferisce all esperienza Car Sharing Italia di Legambiente, che dal Gennaio 2010 ha ceduto il proprio ramo d azienda alla società ATM Servizi, titolare del servizio Guidami. I dati degli utenti sono riferiti al numero di tessere attive: è stimato che il numero di utenti corrisponda a circa il 20% in più.

14 I car sharing italiani (I.C.S.) Bologna Brescia Firenze Genova Milano Palermo Parma Roma Torino Venezia Auto Parcheggi Utenti per auto

15 L esempio di Torino: CarCityClub Il Comune di Torino - tra i primi a sottoscrivere la convenzione I.C.S - ha avviato il servizio nel Novembre 2002 dando vita a CarCityClub, società a capitale misto costituita da: 9% 51% 33%

16 Il car sharing di CarCityClub: come funziona Il car sharing è facile: gli abbonati possono prenotare (via internet o telefonicamente, 24 ore su 24) l auto nel parcheggio più comodo, precisando sempre ora di partenza e di arrivo: all ora di riconsegna la vettura dovrà essere riportata allo stesso parcheggio di partenza. 1 Prenota e vai al parcheggio 2 Apri con la tessera e digita il PIN 3 Torna e chiudi con la tessera

17 Il servizio a disposizione degli abbonati Il servizio è in crescita costante: offre auto di dieci diversi modelli, dalla nuova 500 alla Giulietta, tutte dotate dei principali optionals (ABS, airbag, autoradio, climatizzatore). Il 40% delle vetture è in versione natural power (metano/benzina) Crescita abbonati Oggi CarCityClub è l esperienza nazionale più consolidata, sia in termini strutturali (numero di vetture e parcheggi attivi), che di erogazione del servizio (numero di corse, ore e chilometri di utilizzo).

18 I parcheggi nella città di Torino I 72 parcheggi torinesi sono ubicati dal centro alla periferia, raggiungendo 9 delle 10 Circoscrizioni che compongono la città. Ai parcheggi del capoluogo si aggiungono le 16 postazioni di Avigliana, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Rivoli, Biella e Cossato (BI), Fossano (CN). Le nuove postazioni vengono posizionate seguendo diversi criteri: composizione e caratteristiche della popolazione (età, tenore di vita, disponibilità all innovazione) situazione della zona in termini di aree di spazi di sosta e densità di veicoli localizzazione di centri di attrazione della mobilità ed integrazione con il TPL

19 L estensione del servizio in Piemonte Postazioni attivate ( ) Possibili prossime attivazioni Biella Cossato Avigliana Ivrea Torino Collegno Rivoli GrugliascoMoncalieri Nichelino Vinovo Alessandria Fossano

20 Il van sharing Nato per favorire un più ecologico trasporto delle merci, dal dicembre 2008 il van sharing mette a disposizione due tipologie di veicoli eco-compatibili: il Doblò cargo ed il nuovo Fiorino. I parcheggi van sharing sono 12: Castello, C.L.N., Bodoni, Carlina, Albarello, Statuto, Sabotino, Stampatori, Porta Palatina, Turati, Dante e Farini. L abbonamento al van sharing consente, ovviamente, l utilizzo del car sharing e viceversa.

21 Quanto costa il car sharing? Abbonamento annuale + costi variabili di utilizzo Abbonamento annuale privati Tipo tessera Senza pensieri Base Abbonamento annuale aziende Tipo tessera Senza pensieri Base Nominativa 179,00 120,00 Nominativa 238,00 179,00 Nominativa studenti Tessera aggiuntive 119,00 120,00 60,00 120,00 Trasferibile (intestato all azienda, consente l utilizzo a più dipendenti) 259,00 200,00 Opzione Città aggiuntiva (per privati e aziende) Per utilizzare il car sharing anche nelle altre città del circuito Io Guido. Costo una tantum 10,00 (una città) o 25,00 (tutte) Le tariffe variabili di utilizzo saranno quelle della città in cui verrà usato il servizio: informazioni su costi, vetture e parcheggi degli altri gestori sono disponibili sul sito

22 Quanto costa il car sharing? I costi variabili di utilizzo (ore + chilometri, in funzione del tipo di veicolo, della fascia oraria e chilometrica). Modello , Panda Grande Punto MiTo Giulietta, Multipla Fiorino Doblò cargo Tariffe orarie ,20 1,00 2,45 1,00 2,75 1,10 2,80 1,15 2,95 1,20 2,55 1,10 2,70 1,10 Tariffe al chilometro fino a da 101 oltre 100 km a 300 km 300 km 0,60 0,45 0,35 0,65 0,50 0,40 0,75 0,55 0,45 0,80 0,55 0,45 0,90 0,60 0,50 0,75 0,50 0,40 0,80 0,55 0,40 Tariffe in Euro, IVA compresa Soluzioni agevolate per giornate, weekend e settimane

23 I vantaggi del car sharing di CarCityClub MENO SECCATURE PIU AUTONOMIA! Puoi scegliere l auto che vuoi a seconda delle tue esigenze Puoi scegliere tra i tanti parcheggi disponibili (elnco su Puoi usufruire del servizio 24 ore su 24, ogni giorno dell anno Puoi circolare nei giorni di targhe alterne o nelle domeniche ecologiche Puoi entrare in ZTL e percorrere corsie preferenziali e vie riservate Puoi viaggiare anche fuori città Puoi abilitare l abbonamento anche per il car sharing di altre città MINORI I COSTI DI GESTIONE MAGGIORE IL RISPARMIO! Nessun costo di manutenzione, riparazione, garage o parcheggio Non paghi l assicurazione e il bollo, eliminando scadenze e code Paghi l auto solo quando la usi (abbonamento + utilizzo effettivo) Il costo del carburante è compreso Non paghi la sosta nelle zone blu e nei parcheggi G.T.T. Risparmi con le formule speciali studiate per le famiglie e le aziende Costo di utilizzo fatturato mensilmente (detraibile per chi ha partita IVA)

24 Un esempio di costi: il car sharing conviene! Chi guida car sharing si confronta esclusivamente con costi variabili (dati dalla somma della tariffa oraria più quella chilometrica), che danno il valore esatto di ogni singolo spostamento. Utilizzare o meno l auto diventa una scelta consapevole, basata sul rapporto tra costi e convenienza. Un esempio di singolo viaggio: Panda per 2 ore e 10 km 2,45 x 2 ore = 4,90 + 0,65 x 10 km = 6,50 = 11,40 (IVA e carburante compresi)! E migliora anche il bilancio annuo! Sostituire con il car sharing un auto di proprietà che percorre circa km l anno consente di risparmiare circa (ovvero -35%)!

25 Perché conviene il car sharing? Esempio: Fiat Panda che percorre Km. in un anno Auto di proprietà Car sharing 0,69 1,06 Car sharing vs. auto proprietà - 34,77 % 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 Voci di spesa Auto di proprietà: Oneri finanziari (valore di realizzo, svalutazione media annua, perdita mancato beneficio finanziario o interessi su finanziamento per l acquisto), bollo, assicurazione kasko, carburante, manutenzione (ordinaria e straordinaria), parcheggi (o garage) Auto in car sharing: Dato relativo alla media oraria e chilometrica dell utenza CarCityClub calcolato su 140 corse di 50 km della durata di 4 ore ciascuna, abbonamento annuo Fonte: Quattroruote, primarie compagnie di Assicurazione

26 Il car sharing: a chi conviene? PP.AA. E GRANDI AZIENDE Per sostituire e/o integrare la flotta aziendale (D.M. 27/3/98) Per flotte dedicate a specifiche tipologie di utilizzo Per semplificare la gestione operativa PRIVATI Per chi utilizza poco l auto (meno di 9/ km/anno) In sostituzione della seconda auto Utenti TPL (cliente multimodale )

27 Chi è l abbonato car sharing di CarCityClub? Un privato (76%), di sesso maschile (57,24%), di età compresa tra i 45 ed i 64 anni (49,79%), impiegato (26,69%) o libero professionista (29,56%), che possiede cellulare (95%) e posta elettronica (84%) e che utilizza un auto piccola come 500 o Panda (68,98%). Ma che soprattutto NON E PIU PROPRIETARIO DI UN AUTO (61,99%) o al massimo ne possiede una (35,24%).

28 Considerazioni finali: i punti di forza Il car sharing, insieme ad altri provvedimenti non risolutivi singolarmente, ma incisivi da un punto di vista soggettivo e percettivo, costituisce una scelta importante verso la riduzione dell inquinamento atmosferico. Ha un ruolo importante nelle politiche della mobilità, perché offre la possibilità di utilizzare un auto per spostamenti speciali ed occasionali Favorisce lo sviluppo dell integrazione tra diverse modalità, aumentando le possibile scelte a disposizione del cittadino utilizzatore Supporta il trasporto pubblico, perchè assume un ruolo essenziale nelle scelte di mobilità degli utenti del car sharing: l offerta di un servizio combinato consente alle aziende di trasporto pubblico di aumentare il proprio potenziale attrattivo nei riguardi degli attuali e dei nuovi utenti

29 Effetti sull uso dell auto privata Il 61,99% degli utenti dichiara di aver rinunciato ad un auto o all acquisto di un altra auto di famiglia (35,24%) Allo stato attuale del servizio ciò significa una riduzione di circa automobili circolanti nelle aree urbane In chilometri la diminuzione annua media viene stimata attorno al 27% (risparmio annuo di circa di chilometri) In termini ambientali, in un anno si risparmiano circa tonnellate di CO2 e 3,7 tonnellate di PM10 Il car sharing riduce il numero di auto in circolazione (aumentando gli spazi a disposizione del cittadino): un auto in car sharing sostituisce 10/12 auto private. Si determina quindi una riduzione nei costi di spostamento (-33%), nei km percorsi (-27%) ed un incremento nell utilizzo di mezzi pubblici (+14%)

30 Il contributo di abbonati piemontesi automobili -5 milioni di chilometri -268 tonnellate di CO2

31 Grazie per la Vostra attenzione. Arrivederci! Corso Turati, 15/H Torino Orario: dal lunedì al giovedì dalle 8.30 alle (continuato) venerdì, dalle 8.30 alle (continuato) Telefono Telefax Internet

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015 Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business Parma, Gennaio 2015 COSA È IL CAR SHARING Permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo bisogno, senza sostenere i costi di

Dettagli

Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche

Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche Il Car Sharing come business development area: analisi del settore, strategie di impresa e ricadute socioeconomiche IX Riunione Scientifica SIET Economia dei trasporti e Logistica economica: ricerca per

Dettagli

Car Sharing L auto solo quando serve

Car Sharing L auto solo quando serve Car Sharing L auto solo quando serve Strumenti per cambiare Cosa possiamo fare per ottenere una mobilità sostenibile? Strumenti classici: Possiamo incrementare l uso dei trasporti pubblici; -Possiamo promuovere

Dettagli

CAR SHARING cos è e perché serve a Trieste

CAR SHARING cos è e perché serve a Trieste Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2012 CAR SHARING cos è e perché serve a Trieste presentazione di Andrea Wehrenfennig Trieste, 18.09.2012 http://www.trasportiambiente.it Car sharing (fr. Autopartage)

Dettagli

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità Roma, martedi 27 aprile 2004 L esperienza italiana nel contesto internazionale Gestori Circuito I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il Car sharing in Italia è

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Aziende Proposta Car Sharing Brescia con simulazione dei costi COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Il car sharing è un servizio che permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo

Dettagli

Genova Car Sharing SpA Società del Gruppo Automotive Sede legale: Via Leonardo Montaldo, 2-16137 Genova Sede operativa: Ponte Morosini, 22/24-16124

Genova Car Sharing SpA Società del Gruppo Automotive Sede legale: Via Leonardo Montaldo, 2-16137 Genova Sede operativa: Ponte Morosini, 22/24-16124 Genova Car Sharing SpA Società del Gruppo Automotive Sede legale: Via Leonardo Montaldo, 2-16137 Genova Sede operativa: Ponte Morosini, 22/24-16124 Genova - Tel 010 2543300 - Fax 010 2517095 info@genovacarsharing.it

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA. Civinet Genova, 27 ottobre 2010

IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA. Civinet Genova, 27 ottobre 2010 IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA Civinet Genova, 27 ottobre 2010 1 Cosa è il Car Sharing Letteralmente Condivisione dell automobile ; Pay per use. Si paga solo quello che si utilizza; Servizio flessibile.

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Circolare nr. 128/2011 GENOVA CAR SHARING NUOVA CONVENZIONE PER LE AZIENDE ASSOCIATE

Circolare nr. 128/2011 GENOVA CAR SHARING NUOVA CONVENZIONE PER LE AZIENDE ASSOCIATE Circolare nr. 128/2011 Genova, 29 Marzo 2011 GENOVA CAR SHARING NUOVA CONVENZIONE PER LE AZIENDE ASSOCIATE In un ottica di sempre maggiore sviluppo dei servizi ai Soci, Spediporto propone per il 2011 una

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati MISSION PER DEL CAR SHARING PER LE FLOTTE AUTO AZIENDALI IL CAR SHARING CREA VALORE IN AZIENDA PERCHÉ PERMETTE

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 STATI GENERALI della Green Economy Percorsi e strumenti per la diffusione dell ecoinnovazione e del consumo sostenibile SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 Nicola Tiezzi ICARO Srl Sharing

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

Il Circuito ICS. Choose, Change, Combine Giornata Europea della Sharing Mobility Milano 16 settembre 2015

Il Circuito ICS. Choose, Change, Combine Giornata Europea della Sharing Mobility Milano 16 settembre 2015 Il Circuito ICS Choose, Change, Combine Giornata Europea della Sharing Mobility Milano 16 settembre 2015 ICS e il car sharing ICS è un Circuito di servizi di car sharing gestiti da operatori diversi in

Dettagli

IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL

IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL Arch. Filippo Salucci Direttore Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Comune di Milano 31 MAGGIO 2010 LO STATO DELL ARTE A MILANO Iscritti:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n 26/GC ====================================================================== OGGETTO: Attivazione del servizio

Dettagli

Il punto di vista dei trasporti

Il punto di vista dei trasporti Il punto di vista dei trasporti Gaetano Valenti 1 momo Car-Sharing is a European project supported by IEE - Intelligent Energy Europe (2008-11). momo Car-Sharing wants: to increase the awareness of Car-Sharing

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Il Car Sharing a Torino

Il Car Sharing a Torino Il Car Sharing a Torino FORUM PA 24 maggio 2007 Flaminio Orazzini Il contesto attuale Forte domanda di mobilità Insufficienza dei trasporti pubblici locali Forte impatto dei veicoli privati sul tessuto

Dettagli

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo Comune di Palermo Ufficio Traffico Progetto Car-pooling per la Città di Palermo 1 - Denominazione e referenti Il Progetto Car-pooling per la città di Palermo è sostenuto dal Comune di Palermo. 2 - Premesse

Dettagli

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando.

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando. La Park City Card è una nuova ed utile tessera voluta e distribuita dall Amministrazione Comunale di Brescia a tutti i cittadini bresciani maggiorenni, che dà diritto ad uno sconto del 50% sulle tariffe

Dettagli

20 febbraio 2015. Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità

20 febbraio 2015. Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità 20 febbraio 2015 Il modello trentino di car sharing: Risultati e potenzialità Il car sharing è uno strumento di mobilità sostenibile Lo è (di fatto, perché riduce il numero di auto prodotte e vendute e

Dettagli

Testata: Quotidiano Nazionale Periodicità: quotidiano Data: 28 aprile 2004 Diffusione: 149.536 Pagina: 3/3

Testata: Quotidiano Nazionale Periodicità: quotidiano Data: 28 aprile 2004 Diffusione: 149.536 Pagina: 3/3 Testata: Quotidiano Nazionale Diffusione: 149.536 Pagina: 3/3 Testata:.com Data: 26 aprile 2004 Diffusione: n.a. Pagina: 1/1 Testata: www.ansa.it Periodicità: / Data: 27 aprile 2004 Diffusione: n.a. Pagina:

Dettagli

Car Sharing: un analisi a livello internazionale

Car Sharing: un analisi a livello internazionale Car Sharing: un analisi a livello internazionale III Forum sul Car Sharing Roma, 21 novembre 2007 Claudia Burlando Università di Genova Marco Mastretta Iniziativa Car Sharing Motivi di aumento uso urbano

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1 Direzione Programmazione della Mobilità 1 Febbraio 2006 Carlo Gentile 1 ROMA CAR SHARING Il Car Sharing Una nuova concezione dell uso dell autovettura privata che mira al servizio e non più al possesso:

Dettagli

Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano. Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente

Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano. Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente La mobilità oggi Il problema della mobilità è oggi talmente grave da essere diventato una delle maggiori

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: - la congestione del traffico automobilistico richiede soluzioni plurime ed un approccio che integri diverse tecniche di governo della mobilità, quali il controllo degli

Dettagli

Il progetto BIP nel bike sharing in Piemonte.

Il progetto BIP nel bike sharing in Piemonte. Il progetto BIP nel bike sharing in Piemonte. Telemobilty - 28 settembre 2012 Bike sharing e la mobilità sostenibile Il bike sharing è un servizio dedicato a tutti i cittadini, sia delle piccole, medie

Dettagli

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Piano Spostamenti Casa Lavoro ed altre buone pratiche di mobilità sostenibile Massimo Boasso responsabile mobilità

Dettagli

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA perchè Bee? l'idea benefici per la città PERCHÈ BEE? Richiesta crescente di mobilità provata Dal 2007, la popolazione mondiale che vive nelle

Dettagli

Indagine sulle principali 50 città

Indagine sulle principali 50 città Indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Marianna Rossetti L indagine prende in considerazione 50 Comuni: - tutti i capoluoghi

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Progetto car sharing Bologna. Caratc. anni 2010-2013

Progetto car sharing Bologna. Caratc. anni 2010-2013 Progetto car sharing Bologna Caratc anni 2010-2013 1 Il quadro normativo A oggi il car sharing non è riconosciuto dal Codice della Strada A oggi il car sharing non è soggetto a finanziamenti pubblici strutturali

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

I SERVIZI DI CAR SHARING IN ITALIA ELEMENTO DI INNOVAZIONE NELLA CRESCITA DEL SISTEMA URBANO SOSTENIBILE

I SERVIZI DI CAR SHARING IN ITALIA ELEMENTO DI INNOVAZIONE NELLA CRESCITA DEL SISTEMA URBANO SOSTENIBILE I SERVIZI DI CAR SHARING IN ITALIA ELEMENTO DI INNOVAZIONE NELLA CRESCITA DEL SISTEMA URBANO SOSTENIBILE DOMENICO CAMINITI PRESIDENTE CONSORZIO NAZIONALE GESTORI CAR SHARING Mobility Sharing Il consumo

Dettagli

Analisi dello Start up del Servizio. 1 febbraio 30 settembre 2010

Analisi dello Start up del Servizio. 1 febbraio 30 settembre 2010 Analisi dello Start up del Servizio 1 febbraio 30 settembre 2010 BRESCIA START UP DEL SERVIZIO: 1 febbraio 2010 Dati aggiornati a settembre 2010 AUTO: 6 STALLI (POSTAZIONI): 5 ABBONATI: 107 AZIENDE: 6

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. Il car sharing in Italia Genova, 4 febbraio 2010

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. Il car sharing in Italia Genova, 4 febbraio 2010 I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia Genova, 4 febbraio 2010 Cosa è il Car Sharing Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare l uso effettivo dell auto per il

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl I.C.S. Iniziativa Car Sharing I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl Roma, 12 ottobre 2010 Il car sharing e il trasporto pubblico locale: duefacce della stessa medaglia In Italia il car sharing

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO ICS CAR SHARING Service Satisfaction Job 04- MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO Job 04- Relatore: Andrea Cimenti

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az.

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. COMUNE DELLA SPEZIA PROVINCIA DELLA SPEZIA ATC spa ATC MP spa QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. SEZIONE 1 : INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE n. scheda 1. SESSO M F 2. ETA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374)

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA E ATC SPA, PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI MOBILITY MANAGEMENT Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) rappresentato dall Ing.

Dettagli

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti 4 Forum Car-Sharing Il ruolo del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nello sviluppo dei servizi di Car Sharing sul territorio nazionale Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara

Dettagli

Richiesta di rimborso spese anno 2015

Richiesta di rimborso spese anno 2015 Richiesta di rimborso spese anno 05 Rimborso viaggi (tabella mensile allegata) Abitazione Torino Planetario e ritorno+ altri viaggi di servizio Totale km 550 km Costo chilometrico ACI per Auto VOLVO S0

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Relatore: Ing. Ubaldo DE BEI Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Venezia, 15 novembre 2011 Car Pooling Il

Dettagli

III FORUM CAR SHARING

III FORUM CAR SHARING III FORUM CAR SHARING Roma 21 novembre 2007 Le strategie di impresa degli operatori di car sharing nazionali Flaminio Orazzini CAR CITY CLUB l esperienza del gestore di Torino Lancio e avvio del servizio

Dettagli

Hotel. Proposta Car Sharing Brescia soluzioni & costi

Hotel. Proposta Car Sharing Brescia soluzioni & costi Hotel Proposta Car Sharing Brescia soluzioni & costi COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING E un servizio che permette di avere a disposizione un auto solo quando serve, pagando una quota che dipende dall effettivo

Dettagli

MOBILITA. www.e-vai.com

MOBILITA. www.e-vai.com MOBILITA www.e-vai.cm 1 SEMS scietà del Grupp FNM ha sviluppat in Lmbardia a partire dal 2005 una imprtante esperienza nel settre della mbilità sstenibile cn un apprcci frtemente rientat al cliente SERVIZI

Dettagli

L ESPERIENZA ECOPASS

L ESPERIENZA ECOPASS L ESPERIENZA ECOPASS Monza, 16 Febbraio 2011 Ing. Stefano Riazzola Direttore Comune di Milano Milano e l area urbana Abitanti Milano: ~ 1.3M Abitanti Area Metropolitana : ~ 3.3M Abitanti Regione Lombardia:

Dettagli

Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario.

Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario. Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario. Scopo del questionario è quello di conoscere le abitudini, le modalità e la frequenza di utilizzo del car sharing.

Dettagli

Osservatorio Sharing Mobility Roma 17 Dicembre 2015

Osservatorio Sharing Mobility Roma 17 Dicembre 2015 Osservatorio Sharing Mobility Roma 17 Dicembre 2015 elaborato: Presentazione codifica: 150360091_00 data: 15/12/2015 elaborato: Paolo Campus verificato: Adriano Loporcaro approvato: Valentino Sevino revisione:

Dettagli

Aggiornamento: 20 Dicembre 2011 ASSISTENZA PARTNER. Attiva dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 20:00 partner@kolme.it Tel: 02.8712.

Aggiornamento: 20 Dicembre 2011 ASSISTENZA PARTNER. Attiva dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 20:00 partner@kolme.it Tel: 02.8712. Aggiornamento: 20 Dicembre 2011 ASSISTENZA PARTNER Attiva dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 20:00 partner@kolme.it Tel: 02.8712.4000 2 Le tariffe Internet in Abbonamento Tariffe valide sia per Clienti

Dettagli

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA KLIMAMOBILITY 2012, 20 Settembre PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA reggio emilia emilia-romagna abitanti: 170.000 86 giorni di sforamento

Dettagli

Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario.

Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario. Gentile utente, la ringraziamo per aver accettato di rispondere al presente questionario. Scopo del questionario è quello di conoscere le abitudini, le modalità e la frequenza di utilizzo del car sharing.

Dettagli

enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014

enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014 enjoy, una nuova idea di movimento Simone Serafini Roma, 10.12.2014 la sharing economy Il 2015 sarà l anno della sharing economy. La sharing economy si propone come un nuovo modello economico, capace di

Dettagli

Analisi del 1 anno di Servizio. 1 febbraio 2010 28 febbraio 2011

Analisi del 1 anno di Servizio. 1 febbraio 2010 28 febbraio 2011 Analisi del 1 anno di Servizio 1 febbraio 2010 28 febbraio 2011 BRESCIA START UP DEL SERVIZIO: 1 febbraio 2010 Dati aggiornati a febbraio 2011 AUTO: 6 STALLI (POSTAZIONI): 5 ABBONATI: 154 AZIENDE: 7 PRIVATI:

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

NUMERO 1 GIUGNO 2015. Ufficio di Torino Corso Galileo Ferraris, 121 10128 Torino. Ufficio di Milano Corso Vittorio Emanuele II, 30 20122 Milano

NUMERO 1 GIUGNO 2015. Ufficio di Torino Corso Galileo Ferraris, 121 10128 Torino. Ufficio di Milano Corso Vittorio Emanuele II, 30 20122 Milano NUMERO 1 GIUGNO 2015 IL NOLEGGIO AUTOMEZZI LE ALTERNATIVE ALL'AUTO AZIENDALE DI PROPRIETA' I VANTAGGI ECONOMICI E AMMINISTRATIVI Bollo, assicurazione, dotazioni invernali, tagliando, benzina. E non solo.

Dettagli

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze ALLEGATO 1 al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze Condizioni assicurative Penali per inadempienze e indennità amministrative Prenotazioni oltre 3 giorni - Tariffe - Rimborsi In vigore dal 14 marzo

Dettagli

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL CONVENZIONE CGIL - UNIPOL IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita? È quello che ogni Iscritto

Dettagli

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli L'Orientale 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte Il servizio di Taxi quale elemento di offerta di trasporto pubblico : problemi ed esperienze di soluzione applicate nel

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Azioni per la mobilità sostenibile

Azioni per la mobilità sostenibile Azioni per la mobilità sostenibile 2004: PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA e diversi interventi 1) PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA Obiettivo: individuare la rete ciclabile di collegamento degli 11 comuni

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MILANO, 23 Maggio 2012 PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA IL CONTESTO TERRITORIALE CITTA di REGGIO EMILIA

Dettagli

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

AREA SERVIZI INTERNI SERVIZIO PROVVEDITORATO

AREA SERVIZI INTERNI SERVIZIO PROVVEDITORATO AREA SERVIZI INTERNI SERVIZIO PROVVEDITORATO Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) RELAZIONE Premesso che: - con delibera di

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Pag. 2/6 1 LA FASE INFORMATIVA 1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Con l accezione Mobility Management si intende affermare un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda che sviluppa

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Club 4 di sconto sul canone mensile per i primi 12 mesi 15% di sconto bimestrale + 15% di sconto annuale sul traffico voce

Club 4 di sconto sul canone mensile per i primi 12 mesi 15% di sconto bimestrale + 15% di sconto annuale sul traffico voce L offerta Vodafone Club consente di scegliere la soluzione più adatta alle esigenze di ogni singola impresa sottoscrivendo uno dei seguenti piani: Vodafone Five, Vodafone RAM e Vodafone Wireless Office.

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

CarSharing Esperienze Pratiche. StattAuto

CarSharing Esperienze Pratiche. StattAuto Axel Huck Carsten Petersen CarSharing Esperienze Pratiche StattAuto Il problema 80% delle vetture in città viaggiano per non più di un ora al giorno trasportano in media 1,2 persone per il resto del giorno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Domande Frequenti - FAQ

Domande Frequenti - FAQ Domande Frequenti - FAQ FAQ Frequently Asked Questions 1) Quanto costa il car sharing? 2) Cosa è incluso nella corsa? 3) Per chi è pensato il car sharing? 4) Ma è davvero conveniente? 5) Perché dite che

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011 UNRAE Conferenza Stampa Milano, 15 dicembre 2011 Mercato italiano delle autovetture 2011/2010 1.961.472 1.750.000 2010 2011 * - 10,8% Elaborazioni Centro Studi UNRAE * stime Mercato europeo delle autovetture

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U Il presente regolamento definisce le modalità d uso del servizio di car sharing gratuito di FIAT Likes U. ADESIONE AL SERVIZIO E PRENOTAZIONE Il servizio di

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE N. 296 DEL 01/06/2011. OGGETTO: Noleggio veicolo operativo ente camerale adesione convenzione Consip

DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE N. 296 DEL 01/06/2011. OGGETTO: Noleggio veicolo operativo ente camerale adesione convenzione Consip DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE N. 296 DEL 01/06/2011 OGGETTO: Noleggio veicolo operativo ente camerale adesione convenzione Consip IL SEGRETARIO GENERALE Visto l art. 21 comma 1, lett. B) dello

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli