Anziani e idoneità alla guida. Il contributo della collaborazione tra medici certificatori psicologi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anziani e idoneità alla guida. Il contributo della collaborazione tra medici certificatori psicologi"

Transcript

1 Gruppo di lavoro professionale psicologi incaricati di valutazioni psicodiagnostiche sulla idoneità alla guida di autoveicoli, ciclomotori e patenti superiori Anziani e idoneità alla guida. Il contributo della collaborazione tra medici certificatori psicologi Documento condiviso con i Presidenti delle Commissioni Medico Locali Patenti Regione Veneto Padova Inviato per conoscenza ai Direttori Commissioni di 2 livello Aziende Sanitarie RFI di Vr e Ve Il documento è stato stilato dai Consulenti Psicologi delle Commissioni Mediche di Ve, BL, TV, Vi ed è stato approvato nell ultimo incontro del Virginio De Bortoli Dirigente Psicologo ULSS Belluno - Coordinamento gruppo Antonello Grossi Dirigente Psicologo ULSS Rovigo UO Psichiatria Test TAP Flora Dal Sasso Dirigente Psicologo Resp. UO Psicologia clinica Neuropsicologia ULSS Thiene - Valutazione Traffic Expert System, revisione documento Monica Sani Psicologa Psicologa L.P. Verona. Revisione documento e contatti Univ. Roma Daniela Zara Dirigente Psicologo Ospedale Convenzionato Villa Salus Resp.le Ambulatorio Neuropsicologia Mestre - Criteri accreditamento neuropsicologo, revisione documento Mario Zerilli Dirigente Psicologo Resp. UO Neuropsicologia clinica Adulti e Anziani ULSS 3 Bassano Analisi letteratura, stesura documento Hanno partecipato inoltre al gruppo di lavoro: Mauro Gonzo Dirigente Psicologo ULSS Arzignano Manuela Messa Psicologa L. P. Vicenza e Treviso Lauretta Terrassan Consulente Psicologo UO Neuropsicologia clinica ULSS 3 Bassano psicologi e guida 9.doc Pagina 1 di 21

2 Indice 1) Indicazioni sulla opportunità di consulenze neuropsicologiche pag. 3 2) Criteri decisionali per determinare la necessità di invitare un utente anziano a visita neuropsicologica pag. 9 3) Esami strumentali e clinici necessari per l esame neuropsicologico pag. 10 4) Esame Psicodiagnostico strumentale: protocollo pag. 13 5) Caratteristiche dei professionisti psicologi pag. 16 6) Aggiornamento, formazione e ricerca pag. 20 7) Note su CUT OFF test neuropsicologici pag. 21 psicologi e guida 9.doc Pagina 2 di 21

3 1. Indicazioni sulla opportunità di consulenze neuropsicologiche 1 Le Commissioni Mediche Provinciali per le Patenti del Veneto inviano, in misura diversa, utenti di tutte le età a psicologi per valutazioni inerenti la idoneità alla guida in varie situazioni cliniche. Gli invii, dopo il D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, di varie tipologie di soggetti (mutilati e minorati fisici, ultrasessantacinquenni con necessità di patenti superiori, soggetti a revisione patente, affetti da diabete e di coloro nei confronti dei quali l'esito degli accertamenti clinici, strumentali e di laboratorio faccia sorgere al medico di cui al comma 2 dubbi circa l'idoneità e la sicurezza della guida). Gli anziani, anche ultraottantenni, dovranno recarsi dal medico certificatore e solo se questi nutrirà dubbi sulla idoneità e sicurezza di guida, saranno osservati dalla Commissione Medica e potenzialmente inviabili alla valutazione neuropsicologica. In genere una classificazione ulteriore dei soggetti visitati dallo psicologo, può esser riferita a: Necessità valutazione psicodiagnostica o di struttura personalità per idoneità patenti superiori; Idoneità CIG o patente B in caso di handicap o ritardo mentale; Dislessia (per accedere all esame orale di guida, sostitutivo di quello scritto); Insufficienza mentale; Esiti di Traumi cerebrali o gravi cerebrolesioni acquisite come stati di coma superiore a 48 ore. 2 Malattie neurologiche; Malattie sistemiche influenzanti il SNC (es. Diabete); Demenze; Malattie psichiatriche; Gravi incidenti o violazione del codice della strada; Problematiche di alcolismo o relative a tossicodipendenza. Le valutazioni riguardono in genere aspetti psicometrici; verifica di rallentamenti cognitivi o deterioramenti mentali; valutazione della personalità ed attitudine a condotte rischiose o di dipendenza da sostanze. Quando un medico certificatore o la Commissione Medica può valutare l opportunità di invio a visita psicodiagnostica (o neuropsicologica)? 1. Sicuramente quando vi è un dubbio clinico basato sull esperienza dei medici certificatori.; 2. Una griglia per sottoporre a screening i soggetti anziani è disponibile analizzando la letteratura specifica. I documenti sopraccitati, nella pagina precedente, forniscono utili informazioni e indicazioni in un contesto ove è massimizzata la ricerca di dati evidence based. Di seguito si riporta un riassunto del materiale citato in nota che può rappresentare una review esauriente ed aggiornata della letteratura. 1 Fonti: 1. Protocolli Comlas (Medici Legali Aziende Sanitarie) idoneità guida (http://www.comlas.it ) 2. AGEING, MENTAL ILLNESS AND MEDICAL. DISEASES: A SYNTHESIS OF RESULTS Impaired Motorists Methods of roadside Testing and assessment for Licensing. Project Funded by European Commission Transport 2005; 3. Vaa, T (2003). Impairments, diseases, age and their relative risks of accident involvement: Results from meta-analysis. Deliverable R1.1 of EU-project IMMORTAL. Oslo, Institute of Transport. (TØI-report 690/2003); 4. Influence of cronic illness on crash involvement of motor vehicle drivers: 2^ Edition MUARC300 (2010) AA.VV. Monash University Accident Research Centre 2 Vedi norma del Regolamento CDS, che può comportare la richiesta di accertamenti: I responsabili delle unita' di terapia intensiva o di neurochirurgia sono obbligati a dare comunicazione dei casi di coma di durata superiore a 48 ore agli uffici provinciali del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici. In seguito a tale comunicazione i soggetti di cui al periodo precedente sono tenuti alla revisione della patente di guida. La successiva idoneita' alla guida e' valutata dalla commissione medica locale di cui al comma 4 dell'articolo 119, sentito lo specialista dell'unita' riabilitativa che ha seguito l'evoluzione clinica del paziente. psicologi e guida 9.doc Pagina 3 di 21

4 Le malattie più ad alto rischio di sinistrosità e degne di maggiore attenzione con un rischio relativo da 1,5 a 2 (ovvero una percentuale una volta e mezza o due più alta della popolazione baseline) sono: le malattie neurologiche; le malattie psichiatriche; i problemi di abuso di alcol o droghe; il diabete mellito. Un rischio presente, più ridotto è relativo ai: Difetti o deficit visivi; Disturbi del movimento; problemi cardiovascolari. L uso di alcol (come di droghe 3 ) è terribilmente pericoloso e gli psicologi dovrebbero esserr molto severi nell analisi di questi casi, specie in caso di recidività consigliando, se vi è capacità nel soggetto, comunque revisioni periodiche e negando il parere favorevole. Il criterio potrebbe esser quello usato per valutare l idoneità al trapianto di fegato per soggetti ex alcolisti. Nel testo libro italiano di alcologia, Volume 1 di Allaman Allamani, Daniela Orlandini si definiscono i criteri (op. citata pag. 161) di idoneità al trapianto. Al più basso gruppo di rischio sono giudicati idonei al trapianto, i soggetti con astinenza superiore a 6 mesi, buon supporto sociale, assenza di patologie psichiatriche, assenza di insuccessi in programmi di riabilitazione alcologica. Al secondo gruppo appartengono soggetti con un periodo di astinenza intermedio (1 6 mesi), insuccessi precedenti in programmi riabilitativi, supporto sociale minimale. Questi pazienti sono invitati ad attendere e sono inseriti in lista di attesa in caso di mantenimento dell astinenza. Nel terzo gruppo compaiono pazienti con periodo di astinenza non documentabile, assenza di supporto sociale, controindicazioni psichiatriche. Pur con queste generali precauzioni il tasso di recidiva dopo il trapianto è del 15%, 27%, 31% rispettivamente a uno, due e tre anni di follow up. Psicologicamente idonei potrebbero esser solo i pazienti, ex alcolisti in astinenza, senza deterioramento mentale, appartenenti al primo gruppo a basso livello di rischio con una rivisitazione periodica della Commissione Medica. E da notare come non vi siano prove scientifiche sull efficacia dei trattamenti post ritiro patente per alcolismo (Muarc 300). M. Dorfer (2011 Atti Convegno sicurezza stradale Palmanova) nella conferenza di ha riportato questi dati, indicando come dovere deontologico del professionista psicologo (e quindi anche del Ser.D) sia indicare l efficacia prevedibile del programma di terapia o counseling o formazione proposto. Ritornando alla situazione generale relativa, si riepilogano in una tabella le indicazioni più significative che correlano malattia o patologia a possibile deterioramento cognitivo: (si tralasciano le malattie non influenti sul SNC, come ad es. i difetti visivi. Lo studio MUARC 300 vede ad es. la cataratta correlata ad un rischio alto di sinistrosità). 3 Nel caso di soggetti con problemi di droga, alcol o infrazioni, può esser utile oltre un esame della struttura di personalità (MMPI2 - viste le scale che possono evidenziare la dissimulazione - e colloquio diagnostico) l acquisire anche il certificato assicurativo di attestato di rischio e la posizione relativa al possesso dei punti patente. Contattare il curante o la struttura curante è a volte necessario. In alcuni casi, ove la possibilità di dissimulazione è alta (omissione di dati, condotte o malattie) può esser utile esser autorizzati ad una breve indagine socio-sanitaria (richiesta di cartelle o documentazione sanitaria; contatto con PolStrada). psicologi e guida 9.doc Pagina 4 di 21

5 Patologia o problematica Medico competente Indicazione di valutazione neuropsicologica Funzioni cognitive da valutare fonte Guida in stato di ebbrezza o con uso di stupefacenti Specialista Alcologia o SerD Valutazione neuropsicologica Tempi di reazione, attenzione, concentrazione, funzioni frontali Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Relative risk 2.00 Predisposizione al rischio Caratteristiche di personalità Locus of control Muarc 300 Malattie neurologiche Sclerosi multipla Vasculopatie cerebrali di origine ischemica o emorragica Sindromi alterne tronco cerebrale Morbo di Parkinson 4 Spina Bifida Esiti Paralisi cerebrali infantili Traumi cranici Tumori endocranici Demenze Epilessia Specialista Neurologo Valutazione neuropsicologica Tempi di reazione, attenzione, concentrazione se indicato: Funzioni frontali Predisposizione al rischio Caratteristiche di personalità Comlas Guida linea 5 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Muarc300 Relative risk 1,75 Malattie psichiatriche Depressione, Disturbi Bipolari, Disturbi dell adattamento (antisocialità) Demenza, Schizofrenia e psicosi, Disturbi impulsivi, Deficit di apprendimento Deficit attenzione ADHD Ritardo mentale Disturbi personalità Psichiatra Valutazione neuropsicologica Tempi di reazione, attenzione, concentrazione Predisposizione al rischio Caratteristiche di personalità Comlas Linee Guida (op. cit) Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Relative risk 1,72 4 Il PD, oltre che bradicinesia e rigidità può provocare disfunzioni cognitive esecutive (pianificazione), visuospaziali e di memoria (Muarc300 pag. 254) 5 psicologi e guida 9.doc Pagina 5 di 21

6 Patologia o problematica Medico competente Indicazione di valutazione neuropsicologica Funzioni cognitive da valutare fonte Disturbi comportamento (ripetute o gravi violazioni codice strada) Valutazione neuropsicologica e di personalità Funzioni frontali; Predisposizione al rischio Caratteristiche di personalità Locus of control Ageing, Mental illness and Medical Disease. op. cit. Malattie Renali Insufficienza Renale cronica in compenso funzionale (IRC) Relative risk 0,87 Trattamento dolore cronico con oppioidi Relative risk 1,21 Apnee sonno (OSAS) Relative risk 3,71 Malattie Bronco croniche ostruttive (asma, BPCO) 77 % in media idonei secondo lo studio Immortal Diabete Tipo II in terapia insulinica Relative risk 1,31 1,86 Malattie cardiache Relative risk (angina) 1,10 2,09 Neurologo Relazione oncologo o specialista Relazione terapista dolore Pneumologo Pneumologo Diabetologo Cardiologo Valutazione neuropsicologica Valutazione neuropsicologica Valutazione Neuropsicologica Valutazione neuropsicologica (se valutata possibilità di tempi reazione poco rapidi, rallentamento psicomotorio) Valutazione neuropsicologica sopra i 70 anni Se indicata Valutazione neuropsicologica Tempi reazione, attenzione, concentrazione Tempi reazione, Attenzione, vigilanza, memoria Attenzione e funzioni frontali in genere Tempi di reazione, attenzione, concentrazione, vigilanza Tempi di reazione, attenzione, concentrazione, vigilanza Tempi di reazione, attenzione, concentrazione, vigilanza Comlas Linee Guida 6 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Comlas Linee guida 7 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Guide linea Comlas 8 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Guide linea Comlas 4 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Comlas Guida linea 9 Ageing, Mental illness and Medical Disease.. op. cit. Muarc Muarc I soggetti anziani, con età prossima o superiore agli ottanta anni, richiedono grande attenzione poiché bisogna modulare il rapporto costi benefici ed evitare di provocare gravi danni all autonomia di soggetti in una civiltà ove l uso dell auto, rispetto a decenni fa, è importante (si pensi ad es. alla relativa scomparsa dei piccoli negozi di alimentari raggiungibili a piedi). 6 Vengono segnalati fenomeni di alterazione capacità attentiva e di concentrazione in situazione di ipoglicemia compaiono prestazioni deficitarie relative alla reattività psicomotoria, all attenzione come alla visione (pag. 167). 11 Ahlgren (2002) riporta come tra l 1% ed il 6% di soggetti riporta uno stroke dopo una operazione cardiaca e, deficit cognitivi come disfunzioni di memoria e disturbi di concentrazione siano presenti tra il 33% e l 83% dei soggetti. Perdita di insight e difficoltà di giudizio sono inoltre presenti ed hanno conseguenze sul comportamento di guida. I deficit cognitivi sono spesso transitori e vi è una remissione dopo 6 mesi nel 50% dei casi, ma nel 33% dei soggetti i sintomi cognitivi sono presenti dopo un anno dall intervento chirurgico. (Muarc300, op. cit. pag. 50). Una relazione tra deficit cognitivi (TMTa TMTB Rey Tempi reazione) e povere performance di guida è evidente (pag. 66) psicologi e guida 9.doc Pagina 6 di 21

7 Sopra l età di 80 anni, i dati epidemiologici indicano una presenza significativa di demenza (ad es. si valuta sul 15% - 22% la frequenza sopra gli 80 anni 12 di una demenza). Inoltre le malattie che incidono sulle capacità di guida (v. elenco già presentato nella tabella) si acuiscono. Gli studi sulla sinistrosità legata all età, riportano la caratteristica curva ad U che traccia le relazioni tra età e sinistrosità. I dati sono spesso discussi (ad es. i soggetti anziani guidano pochi km annui in genere e sono più fragili ed è quindi più facile che subiscano gli insulti legati ad un sinistro stradale) ed in genere gli anziani guidano piano ma hanno problemi nei momenti in cui devono percepire il mondo in situazioni complesse ed in fretta (ad es. incroci. Dorfer, 2011 Atti Convegno sicurezza stradale Palmanova). L individuazione di riferimenti di letteratura per poter consigliare una patente limitata, sarebbe inoltre una soluzione di compromesso utile per definire casi in situazioni borderline (ad es. un paziente anziano che vive a Vicenza, con un MCI amnestico potrebbe esser indicato per una annotazione nella patente: guida in orario diurno solo entro il Comune di Vicenza ) DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2011, n. 59 Attuazione delle direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE concernenti la patente di guida. (11G0104) 05. Limitazioni nella guida (il codice deve essere indicato in dettaglio, guida soggetta a limitazioni per motivi medici) Guida in orario diurno (ad esempio: da un'ora prima dell'alba ad un'ora dopo il tramonto) Guida entro un raggio di... km dal luogo di residenza del titolare o solo nell'ambito della citta'/regione Velocita' di guida limitata a... km/h Guida non autorizzata in autostrada Niente alcool. In Spagna ad es, una limitazione della velocità ( speed limit ) è una delle modalità di giudicare un soggetto idoneo con limitazioni (Fit with restrictions ). psicologi e guida 9.doc Pagina 7 di 21

8 Deve esser inoltre segnalato come ricerche indicano le seguenti associazioni tra sinistrosità, età e genere (Vaa 2003): i giovani maschi (16 19 anni) presentano un rischio di esser coinvolti in un sinistro stradale circa 7 volte che il gruppo a più basso rischio (uomini di anni); le ragazze giovani (16 19 anni) similmente presentano un rischio di esser coinvolti in un sinistro stradale 3,2 volte maggiore che il gruppo a più basso rischio (donne di anni); anziani maschi (+ 75 anni) presentano un rischio di esser coinvolti in un sinistro stradale 3,1 volte che il gruppo a più basso rischio (uomini di anni); anziane femmine (+ 75 anni ) similmente presentano un rischio di esser coinvolti in un sinistro stradale 3,2 volte maggiore che il gruppo a più basso rischio (donne di anni). Vaa (2003) spiega l andamento della curva della tabella sopra riportata, ad U, con un venir meno di capacità con la senilità e con la maggior prevalenza delle malattie. psicologi e guida 9.doc Pagina 8 di 21

9 2. Criteri decisionali per determinare la necessità di invitare un utente anziano a visita neuropsicologica Esaminati tutti questi dati, uno screening, medico, per individuare i soggetti anziani che necessitano una valutazione neuropsicologica, potrebbe esser valutare la presenza di: fattori di rischio sopradescritti per il deterioramento cognitivo (malattie neurologiche, psichiatriche, diabete, patologie cardiache alcol, sinistrosità, infrazioni guida etc.); valutazione medica di presenza di rallentamento psicomotorio o difficoltà cognitive (anche ad es. con un breve colloquio con somministrazione di due parti del MMSE - orientamento temporale; attenzione 14 ); età anni 85. Studi epidemiologici di prevalenza indicano infatti che, raggiunta questa età, vi sia un picco di presenza di una demenza (stima tra il 20 ed il 38% Muarc 300 pag. 111). Deve esser comunque sottolineato come nella Demenza di Alzheimer, molti soggetti sospendano la guida per decisione autonoma o spinti dai familiari; ciò non è prorio caratteristico delle Demenze Vascolari di più difficile identificazione per il soggetto stesso o i caregiver. I soggetti con Demenza di Alzheimer che continuano a guidare hanno invece il doppio degli incidenti che il gruppo di controllo! (Muarc300 pag. 115); richiesta di patente superiore (sopra i 65 anni, sarebbe sempre necessaria una valutazione vista la iniziale comparsa di frequenza di deterioramento significativo. Si veda il prossimo paragrafo); sanzioni per guida pericolosa (non osservanza e violazione del codice della strada, con richiesta di revisione della patente) o per guida in stato di ebbrezza. 14 MINI-MENTAL STATE EXAMINATION (Folstein M.F., Folstein S., McHugh P.R.., J.Psychiatr.Res;12: , 1975) 1. Orientamento temporo-spaziale Il paziente sa riferire il giorno del mese, l'anno, il mese, il giorno della settimana e la stagione. [0] [1] [2] [3] [4] [5] 3. Attenzione e calcolo Far contare per sette all'indietro, partendo da 100. Fermarsi dopo le prime 5 risposte. Se il paziente avesse difficoltà di calcolo, far scandire all'indietro la parola "MONDO" una lettera alla volta [0] [1] [2][3] [4] [5] psicologi e guida 9.doc Pagina 9 di 21

10 3 Esami strumentali e clinici necessari per l esame neuropsicologico Fonti: Protocollo Comlas Idoneità Guida Anziani (M. Dorfer) (http://www.comlas.it/documenti/idoneitàpsicofisicaanziani.pdf) Expert System Traffic computerized assessment of fitness for driving April 2008 Schuhfried Dorfer M. (2004) Psicologia Traffico McGraw Hill Fitness To Drive: A Neuropsychological Perspective Mckenna, Pat. Journal Of Mental Health, Feb98, Vol. 7 Issue 1, P9, Psychology And Behavioral Sciences Collection Fitness to Drive and Cognition A document of the Multi-Disciplinary Working Party on Acquired Neuropsychological Deficits and Fitness to Drive 2001 British Psychological Society Flora Dal Sasso Correlati neuropsicologici nella valutazione delle patologie organiche permanenti. In AA. VV. (2005) La prevenzione della sinistrosità da incidenti stradali. Aspetti medico psicologici Vicenza pag M. Zerilli, M. Prior L applicazione spertimentale di un protocollo psicologico. In AA. VV. (2005) La prevenzione della sinistrosità da incidenti stradali. Aspetti medico psicologici Vicenza pag In generale più grande è il deficit cognitivo più è probabile che il soggetto sia inidoneo alla guida (Fitness to drive and cognition 2001). L Associazione degli Psicologi Britannici raccomanda nel suo report di esaminare le seguenti funzioni cognitive e psicologiche: 1. Percezione: capacità visuospaziali e di identificazione delle forme in movimento, mantenendo il principio di invarianza; 2. Funzioni esecutive (o frontali) abilità di pianificare, anticipare e prendere decisioni; 3. Capacità prassiche; 4. Linguaggio: comprensione e comunicazione 5. Memoria (codifica, immagazinamento e recupero); 6. caratteristiche di personalità giocano un ruolo: capacità di autocontrollo, stabilità emotiva e responsabilità sociale sono importanti. Dal Sasso (2005) riporta il modello Michon, che suddivide il controllo cognitivo della guida in tre livelli gerarchici, strategico, tattico, operativo. Se a livello strategico, l aspetto considerato è la pianificazione dello spostamento, come ad esempio considerare il momento più opportuno per immettersi nel traffico, guardare il meteo, consultare lo stradario, a livello tattico il comportamento al volante implica diversi compiti e decisioni sul traffico (es. adattare la velocità, scegliere la direzione) mentre a livello operativo sono ricomprese le diverse operazioni di base della guida e cioè le azioni immediate e decise momento per momento, come cambiare le marce, sorpassare, ecc.. Seguendo questo schema, si possono identificare le sottostanti abilità neuropsicologiche l attenzione divisa e sostenuta, l allerta, la memoria, soprattutto nella componente della memoria di lavoro e a lungo termine, le funzioni esecutive (come prendere con tempestività decisioni, scegliere tra alternative, inibire o correggere gli errori), la capacità visuopercettiva e l autoconsapevolezza. psicologi e guida 9.doc Pagina 10 di 21

11 La Casa Austriaca di software psicologico e sanitario, Schuhfried, leader nel mercato, propone una batteria di test che approfondiscono le: capacità di Reagire in modo sufficientemente rapido e corretto (tempi di reazione a stimoli semplici e complessi); capacità di reagire a stimoli presentati in rapida successione; velocità della elaborazione delle informazioni visive; percezione visiva, capacità di riconoscere gli stimoli rilevanti; percezione visiva periferica; attenzione divisa; attenzione selettiva; funzioni intellettive. Sono inoltre possibili e consigliati alcuni approfondimenti: Coordinazione senso motoria, Memoria visiva, Stima di velocità e movimenti, Vigilanza, Attenzione sostenuta, Responsabilità sociale e capacità di adattamento sociale. La batteria di Test del Ssistema Expert System Traffic Schuhfried è stata scelta e validata confrontando i risultati (relativi a popolazione di lingua tedesca) di una prova su strada giudicata da istruttori qualificati. Vi è quindi un criterio esterno. Un qualsiasi giudice esterno, rispetto ad un test (medico o neuropsicologico o quant altro) infatti non può evitare nel misurare i falsi positivi e falsi negativi. La rete neurale minimizza questi due valori. Una valutazione sull uso di tale strumento deve tener conto di due elementi: il suo costo economico (circa euro per l hardware + Pc e euro 2000 annui per la licenza d uso del software 15 ) l aumento di tempo che richiede per effettuare i test di base ed estrarre i dati ed importarli in un documento Word il tutto si riverserebbe sul costo finale della prestazione per l utente sia per la quota di ammortamento del costo dello strumento sia per la necessità di compensare circa i 30 (minimi) in più necessari rispetto l ora di visita classica. Tranne quindi, un caso isolato (ma prezioso per la sua esperienza), questa batteria non è attualmente usata dagli psicologi scriventi. Un uso eventuale del Traffic Expert System, sarebbe possibile solo in caso di sinergie (ad es. un ambulatorio ULSS presso la commissione Medica, con gli strumenti hardware e software, usati a rotazione da diversi professionisti convenzionati, già valutate purtroppo in una precedente riunione come poco praticabili). 15 Opzioni di durata settennale possono esser meno costose. psicologi e guida 9.doc Pagina 11 di 21

12 Questo approccio, attivato dalla Schuhfried, è importante poiché è l unico noto ove vi è una validità concorrente e predittiva della batteria testistica (confrontata con il reale comportamento su strada). Punto debole è la mancanza di standardizzazione italiana dei test e quindi necessità di assunzione di uniformità della popolazione austriaca ed italiana. Tale batteria diagnostica è usata dal Centro italiano più avanzato nel compito: l ambulatorio dell ASL di Bolzano diretto dal dr. Max Dorfer. Solo una richiesta specifica di dotazione di uno strumento per ogni ULSS in riferimento alla necessità di osservazione puntuale del ritorno alla guida di traumatizzati cranici e soggetti con gravi cerebrolesioni acquisite, considerabile come recupero per i soggetti offesi, delle competenze transitive (IADL) ed obbiettivo di salute secondo i LEA regionali, potrebbe far decollare un sistema coerente ed univoco. Esempio di studio di un caso, ove povere capacità di reazione, percettive e di percezione periferica, sono compensate dall algoritmo della rete neurale, dacapacità di compensazione intellettiva psicologi e guida 9.doc Pagina 12 di 21

13 4. Esame Psicodiagnostico strumentale: protocollo La somministrazione della batteria di test, deve esser preceduta da: 1. accertamento identità e visione patente; 2. analisi documentazione clinica (compresa quella inerente i substrati neurofisiologici ed anatomo funzionali, in modo di localizzare eventuali funzioni cognitive da esaminare 16 ) ed amministrativa (ad es. certificato assicurazione auto ed attestato di rischio; verbali violazioni Codice strada etc.) 3. colloquio con anamnesi (anche relativa alle ADL e IADL ed ai comportamenti di guida su strada con richiesta info su infrazioni al Codice Strada) 4. accertamento di certificazioni di invalidità civile con grado del 100% (o con accompagnatoria), dovute al contributo di malattie Psichiatriche o Neurologiche, che devono esser valutate; 5. breve colloquio con un familiare o il caregiver, se accompagnano l anziano a visita; 6. nel colloquio e nell osservazione, si pone attenzione ai segni di processi involutivi del SNC (demenze) ed in particolare la verifica di presenza segni comportamentali e neuropsicologici di demenza corticale (v. funzioni di memoria, orientamento, linguaggio compromesse) sia di demenza sottocorticale (spesso di origine vascolare 17 ) ove vi è un difetto e rallentamento nei movimenti e nell attenzione. Quest ultima infatti, può esser sottostimata e sottodiagnosticata 18 ; 7. prove di orientamento temporo-spaziale e di memoria (MBT e MLT: Test Memoria Breve Termine Parole Bisillabiche e Test di Babcock gerarchico) in modo da poter ragionevolmente escludere o da valutarne l impatto sulla guida di autoveicoli delle Demenze Corticali come di un Amnestic Mild Cognitive Impairment. 8. seppur il MMSE 19 (con cut off p. 24) possieda proprietà psicometriche di sensibilità e specificità relative alla sola Demenza di Alzheimer e costituisca un test di screening, qualora necessario, la sua documentazione può offrire al Medico un utile punto di riferimento ed è utilizzato come screening con risultati clinicamente validi nella ULSS di Rovigo. 16 Vedi Documento Ordine Psicologi Veneto sulle linee di Indirizzo della figura del Neuropsicologo Clinico. 17 De Vreese (La demenza nell Anziano 2004 Angelini editore) riferisce Demenze vascolari secondarie nell Anziano a seguito di etilismo, Sclerosi multipla e malattie demielinizzanti, gravi insufficienze di organo. Cause di demenza Vascolare nell anziano, per scarso o inadeguato apporto energetico o per emorragia sono: Cardiopatie (ad es. FA); Arteriosclerosi, Arteriolosclerosi, Vasculite cerebrale Nella VAD sottocorticale sono colpite l attenzione e la velocità psicomotoria (oltre possono esser presenti altri segni neurologici come disturbi della marcia, segni pseudobulbari etc..). 18 G. Roman 2003 Managing Vascular Dementia Science Press London 19 Il MMSE pur essendo uno strumento molto conosciuto ed usato, enfatizzi i dati relativi ad orientamento e memoria senza prendere in considerazione le capacità attentive e visuomotorie. Il MMSE è uno strumento di screening, efficace, in parte, solo nell individuazione delle Demenze tipo Alzheimer, ma poco sensibile ai deficit delle funzioni esecutive (pianificazione, organizzazione, working memory, inibizione risposte automatiche etc.) correlate alle regioni prefrontali, coinvolte in alcune tipologie di Demenze vascolari. psicologi e guida 9.doc Pagina 13 di 21

14 L esame descritto precedentemente con la batteria Expert System Traffic Schuhfried può trovare una certa corrispondenza con i test reperibili nel mercato italiano e varie soluzioni sono possibili (ad es. colloquio, valutazione clinica, MMSE, TAP M flessibilità go no go oppure colloquio, valutazione clinica, orientamento, Matrici attentive, Test Di Nuovo attenzione sostenuta e divisa, prove memoria). Diversi altri test devono esser introdotti in relazione ad altre evidenze scientifiche relative a validità concorrente e predittiva. Test Schuhfried Test Italiani corrispondenti 20 funzione Tempo somministrazione Schuhfried (Test Italiani) AMT Test Matrici adattive Cognitrone Matrici Raven PM 47 Test Cubi Cifrario o Compl. Figure Wais R 21 Matrici attentive TMT A TAP M Intelligenza generale (visuo-spaziale) Attenzione e concentrazione visiva minuti 10 minuti (5 minuti) Determination Test Reaction test ATAVT Test Di Nuovo 3A 3B i TAP M ii (flessibilita go/no go) Non esistente Tolleranza reattiva Reattività e reazione motoria capacità di osservazione visiva e dell ottenimento di una visione d insieme di una scena relativa al traffico 20 minuti (10 minuti) 5 10 minuti PP Test Di Nuovo 5 Percezione ed elaborazione dell informazione periferica Attenzione divisa iii 15 minuti (5 minuti) TAP Totale somministrazione test minuti (circa 45 minuti per i test italiani) + approfondimenti + colloquio + analisi documentazione medica + stesura report e riconsegna al paziente (e caregiver) Il Prof. G. Sartori, del Liripac, suggerisce di fornire alla Commissione un dato sul posizionamento del soggetto (in percentili) all interno del campione dei non idonei (e non), per quanto riguarda i tempi attentivi di reazione. Ciò permetterebbe alla Commissione di mantenere una uniformità ed equità di giudizi. Qualora l utente pensasse di esser stato condizionato alla visita dall emozione o altri fattori negativi, può richiedere di ri-petere la visita presso lo stesso professionista o da uno diverso. In questo secondo caso, si reca dal nuovo professionista con una copia di relazione che documenta il lavoro svolto. 20 Il gruppo di lavoro scrivente, sta individuando i cut off specifici, condivisi per ogni test. 21 Il test è altamenre correlato con il QI di performance (r= 0.82) e misura, in una prova a tempo (90 sec.) attenzione e concentrazione, coordinazione spaziale motoria. Orsini Laicardi (2004) Wais e terza Età. Giunti OS Firenze psicologi e guida 9.doc Pagina 14 di 21

15 Si propone quindi ai Presidenti Medici un percorso valutativo neuropsicologico che si snoda così: 1) valutazione del soggetto anziano con i test italiani (intelligenza, attenzione, concentrazione, reattività ed attenzione divisa) o Schuhfried in versione breve. I punteggi ai test, essendo una misurazione di capacità di reagire al mondo esterno, non sono corretti per età e scolarità. I cut off sono relativi ai dati della popolazione normale (20 69 anni) e relativi al 5 centile (ovvero punti equivalenti = 0) 22. La procedura di valutazione dei cut off è simile a quella usata dal test Expert System Traffic ove The main variables of the tests are reported in a table that shows the raw score and an age independent percentile rank norm score. La ricerca ha evidenziato come l emozione che alcuni soggetti riportano come causa di un funzionamento deficitario è in genere ascrivibile non ad una causa della prestazione deficitaria ma ad una conseguenza delle capacità deficitarie 23 ; 2) La valutazione finale riporta in un report i dati ed il loro significato clinico, e conclude: soggetto che, alla valutazione ed ai test strumentali sopradescritti, attualmente senza segni di deterioramento cognitivo tali da influire negativamente sulle capacità di guida ; il soggetto che, alla valutazione ed ai test strumentali sopradescritti, attualmente fa rilevare risultati deficitari (specificare i domini interessati), rispetto i criteri del protocollo condiviso, che indicano una probabile appartenenza ad una popolazione con un deterioramento cognitivo correlato dalla letteratura ad un maggior rischio di sinistrosità stradale e/o guida non sicura ; 3) la relazione è inviata o consegnata alla Commissione Medica Provinciale e consegnata, o spedita, in copia, al soggetto; 4) una ri-valutazione del soggetto è possibile o un suo esame successivo o utile per un ricorso gerarchico presso le Aziende Sanitarie RFI di Verona e Venezia. In questo caso il nuovo professionista, esperto in neuropsicologia, dovrà ri-valutare il soggetto prendendo in esame la relazione neuropsicologica precedente, approfondendo in particolare i risultati relativi ai deficit rilevati, usando gli stessi parametri normativi sopra descritti (o motivandone i motivi di scelte diverse, in base a elementi di clinica o letteratura evidence based). L alta possibilità di dissimulazioni, rende inoltre questo necessario. In qualche caso invece l emozione o fattori transitori possono ad una prima valutazione produrre effetti che penalizzano la prestazione, ma lo specialista deve approfondire anche cause diverse di una possibile fluttuazione prestazionale tipo ad es. fluttuazioni cognitive legate a demenze vascolari, VAD, o VaMCI (Vascular Mild Cognitive Impairment). 22 In mancanza di dati relativi ai punti equivalenti, sono considerati deficitari i punteggi minori o uguali a 5 centile (punto z= - 1,64); questi sono i punteggi che al 95% non appartengono alla popolazione normale. Sono inoltre considerati punteggi medio inferiori (o borderline) i punteggi minori o uguali al 20 centile (punto z=-.84). La determinazione dei centili è indicativa dipendendo questi dalla normalità statistica della curva di distribuzione (v. Bianchi A., Dai Prà M Twenty years after Spinnler and Tognoni: new instruments in the Italian neuropsychologist s toolbox Neurol Sci 29: ; (Bianchi La valutazione neuropsicologica del danno psichico ed esistenziale. Cedam 2005 pag. 307). Nel commentare i dati relativi ai test attentivi Di Nuovo Erikson, sono stati extrapolati i dati relativi al 20 centile, in maniera conservativa (ovvero tale da minimizzare i falsi negativi). 23 Test anxiety is also often quoted as a factor that puts some respondents at a disadvantage. Strohbeck-Kühner (1999) demonstrated that the relationship between test anxiety and performance in the assessment of fitness to drive is not a consequence of test anxiety, but that test anxiety only arises when a respondent perceives that his performance is deficient and therefore has no influence on performance ability. (Expert System Traffic computerized assessment of fitness for driving April 2008 Schuhfried In: Expert System Traffic computerized assessment of fitness for driving April 2008 Schuhfried.) psicologi e guida 9.doc Pagina 15 di 21

16 5 Caratteristiche dei professionisti neuropsicologi E necessario rispondere a diverse esigenze. Innanzi tutto quelle rappresentate dai diritti dell utente a ricevere una prestazione con caratteristiche di qualità alta che solo un professionista esperto e preparato può garantire. Inoltre è bene che vi sia un equilibrio tra l esigenza dell utente di poter scegliere tra diversi professionisti e la necessità di mantenere per questi ultimi un adeguato rapporto di casi annui che garantisca esperienza, professionalità e formazione continua. I criteri sottoelencati sono, tra l altro, vista la giovane relativa età di queste esperienze diagnostiche in Italia, di gran lunga sottodimensionati rispetto quanto vige, ad es. in Germania o Austria (Dorfer, op. Cit.). Gli articoli del Codice della Strada e del Regolamento Attuativo specifici, sono i seguenti: Art (Art. 119, CdS) Commissioni mediche locali. La Commissione può avvalersi di singoli consulenti oppure di istituti medici specialistici appartenenti a strutture pubbliche, con onere a carico del soggetto esaminato.codice della strada (Dlgs 285/1992). Art 119 comma 9 I medici di cui al comma 2 o, nei casi previsti, le commissioni mediche di cui al comma 4, possono richiedere, qualora lo ritengano opportuno, che l'accertamento dei requisiti fisici e psichici sia integrato da specifica valutazione psico-diagnostica effettuata da psicologi abilitati all'esercizio della professione ed iscritti all'albo professionale. Art (Art. 119, CdS) Valutazione psicodiagnostica e test psicoattitudinali. 1. Per il conseguimento, la conferma di validità o per la revisione della patente di guida per autoveicoli delle categorie C, D ed E e per le patenti speciali delle categorie C e D, sono richiesti tempi di reazione a stimoli semplici e complessi, luminosi ed acustici, sufficientemente rapidi e regolari per poter essere classificati almeno nel quarto decile della scala decilica di classificazione. 2. Nel caso sia richiesta, ai sensi dell'articolo 119, comma 9, del codice, una valutazione psicodiagnostica, devono essere effettuate, oltre alle prove di cui al comma 1, anche altre prove di attenzione, di percezione e, su specifica indicazione del medico o della commissione medica richiedente, prove di valutazione della personalità. In ogni caso gli psicologi che procedono alle valutazioni previste dal presente articolo devono essere in possesso, oltre che dei requisiti di cui all'articolo 119, comma 9, del codice, di una specifica formazione nel settore della sicurezza stradale. D.P.R n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. E. Malattie psichiche. La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata a candidati o conducenti che siano affetti da turbe psichiche in atto dovute a malattie, traumatismi, postumi di interventi chirurgici sul sistema nervoso centrale o periferico o colpiti da ritardo mentale grave o che soffrono di psicosi o di turbe della personalità, quando tali condizioni non siano compatibili con la sicurezza della guida, salvo i casi che la commissione medica locale potrà valutare in modo diverso avvalendosi, se del caso, della consulenza specialistica presso strutture pubbliche. La commissione medica locale, terrà in quest'ultimo caso in debito conto i rischi o i pericoli addizionali connessi con la guida dei veicoli delle categorie C, D, E. La validità della patente in questi casi non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la revisione valgono le stesse modalità. Diverse interpretazioni sono possibili in relazione al setting delle consulenze psicodiagnostiche, ma riferendosi a norme cautelative (il professionista pubblico sanitario offre garanzie relative all essere anche in libera porofessione, pubblico ufficiale 24, aver superato esami e procedure selettive, avere un obbligo - ed una garanzia contrattuale - ad un aggiornamento ECM continuo), non sembrano esserci motivi dal differenziare l accertamento psicodiagnostico da quello ad es. psichiatrico o da altri strumentali. Si citano le buone prassi della Commissione Medica Provinciale per le Patenti di Vicenza, ove la visita è richiesta presso Strutture Pubbliche o Accreditate, con oneri economici a carico del richiedente. Analogamente l Azienda Sanitaria RFI di Venezia richiede lo stesso iter ( visita presso strutture sanitarie pubbliche o accreditate ), riferendo inoltre la necessità di visita neuropsicologica. Si allegano due esempi di modulistica correlati. 24 La Corte di Cassazione, sezione quinta penale (n del 09/07/2008) psicologi e guida 9.doc Pagina 16 di 21

17 psicologi e guida 9.doc Pagina 17 di 21

18 psicologi e guida 9.doc Pagina 18 di 21

19 Inoltre essere Dirigenti Sanitari del Sistema Sanitario Nazionale, implicitamente comporta un pregresso criterio conditio sine qua non per l assunzione: possedere una specializzazione quadriennale, requisito importante nel caso di necessità di diagnosi differenziale e di valutazioni di struttura di personalità. L Ordine degli Psicologi Veneto ha di recente approvato le Linee di indirizzo sulla figura del neuropsicologo clinico (luglio 2011). Tali rilievi dovranno esser necessariamente approfonditi a livello Nazionale e Regionale. Il documento prevederebbe come l attività di valutazione legata alla guida di autoveicoli (capitolo ambiti applicativi della Neuropsicologia ), sia un attività precipuamente della specializzazione in Neuropsicologia. La specializzazione in Neuropsicologia si acquisisce tramite le Scuole di specializzazione specifiche (di recente attivazione) o in via transitoria e temporanea in prima applicazione, autocertificando all Ordine degli Psicologi, la propria posizione di psicologo esperto nell area neuropsicologica con attività comprovata in neuropsicologia (almeno quinquiennale) e formazione professionale, specifica, Dottorato di ricerca o Scuola di Perfezionamento (almeno un corso annuale, di 22 giornate), Master specificandone la durata e l attinenza. Il Codice della Strada inoltre specifica la necessità (almeno per valutare le patenti superiori) a formazione specifica sulla psicologia del traffico. Tenuto conto di tutti questi elementi, si può tracciare una ipotesi di un Golden standard sulle caratteristiche professionali che sono necessarie allo psicologo: 1. appartenenza al Sistema Sanitario Nazionale o altra Struttura Pubblica o struttura privata accreditata, con specializzazione quadriennale oppure rapporto di collaborazione già attivato e consolidato con la Commissione Medica Locale Patenti; 2. formazione professionale ed esperienza clinica specifica nel settore del deterioramento mentale o esperienza e formazione nel settore delle valutazioni sull idoneità alla guida. Tutto ciò può, oltre che salvaguardare le norme, garantire un pool di neuropsicologi che possano garantire uniformità dei protocolli, aggiornamento specifico, confronto scientifico. Tale gruppo è sufficientemente aperto a nuovi ingressi non però indiscriminati e senza adeguata formazione e professionalità e di garanzia dell utente. psicologi e guida 9.doc Pagina 19 di 21

20 6 Aggiornamento, formazione e ricerca Possono esser valutate le seguenti iniziative: 1) Raccolta a campione di un pattern sintetico di dati medico e psicologici per monitorare il processo e le aree di fragilità senile, come di risorse, da approfondire e documentare il lavoro svolto nella Regione del Veneto; 2) Un lavoro congiunto con le Aziende Sanitarie RFI di Venezia e Verona per valutare l esito dei ricorsi e costruire feedback in grado di minimizzare i falsi positivi ; 3) Organizzare un seminario annuale tra medico certificatori e neuropsicologi consulenti su temi di interesse comune. L accreditamento ECM può esser effettuato da una delle Commissioni mediche o dalle strutture semplici di neuropsicologia coinvolte, ma deve esser verificato il finanziamento o autofinanziamento. 4) Ipotizzare una Ricerca Sanitaria Regionale finalizzata, con capofila le Commissioni mediche Provinciali della regione Veneto (partner le due strutture semplici di neuropsicologia coinvolte, l Università di Padova) che preveda il finanziamento per una ricerca per realizzare una Batteria Testistica Valutativa (sul modello del Vienna System) del tipo: Soggetti: utenti anziani per cui è stata accettata dalla Prefettura la richiesta di proroga di validità della patente di guida, in attesa della visita in Commissione; Valutazione breve medica; Esame neuropsicologico con test low cost; Esame di guida su strada, effettuato in auto con doppi comandi, da parte di un pool di istruttori secondo un protocollo condiviso; Valutazione statistica e qualitativa dei risultati; Implementazione degli stessi con rete neurale; Standardizzazione dei test neuropsicologici usati su una popolazione che rappresenti un campione dei soggetti anziani che richiedono il rinnovo della patente di guida psicologi e guida 9.doc Pagina 20 di 21

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Certificato per la guida dei Ciclomotori

Certificato per la guida dei Ciclomotori Certificato per la guida dei Ciclomotori Il DECRETO LEGISLATIVO 15 gennaio 2002, n.9 prevede che per guidare un ciclomotore il minore di eta' che abbia compiuto 14 anni deve conseguire il certificato di

Dettagli

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione Azienda Sanitaria Firenze Alcol e lavoro: stato dell arte, indicazioni operative e prospettive Dr. Giuseppe Petrioli, Direttore Dipartimento di Prevenzione ARGOMENTI AFFRONTATI Considerazioni generali

Dettagli

La normativa. La valutazione. Idoneità alla guida. Obbligo di segnalazione? Il punto di vista del medico certificatore

La normativa. La valutazione. Idoneità alla guida. Obbligo di segnalazione? Il punto di vista del medico certificatore 1 2 3 La normativa La valutazione Idoneità alla guida Obbligo di segnalazione? Il punto di vista del medico certificatore Età massima per la guida L evoluzione della normativa Non più di 65 anni (con richiesta

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo ALCOL E PATENTI Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo Cosa dice la legge? Art. 119 CdS: Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO -

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - DIPARTIMENTO di PREVENZIONE SPISAL SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI di LAVORO STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - : procedure accertative, inquadramenti diagnostici,

Dettagli

CERTIFICATO MEDICO DELLA PATENTE NAUTICA. limitata alle unità a motore. Navigazione entro 12 miglia dalla costa. per tutti i tipi di unità

CERTIFICATO MEDICO DELLA PATENTE NAUTICA. limitata alle unità a motore. Navigazione entro 12 miglia dalla costa. per tutti i tipi di unità Annesso 1 CERTIFICATO MEDICO PER RILASCIO CONVALIDA DELLA PATENTE NAUTICA FOTO Navigazione entro 12 miglia dalla costa Navigazione senza alcun limite dalla costa limitata alle unità a motore per tutti

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285

CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 Art. 23. (Modifiche agli articoli

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail Nazionalità SANSON ELENA elena.sanson@alice.it Italiana Data di nascita 24/11/1981 Iscritta all ordine

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 OGGETTO: Linee guida per l accertamento e la valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Articolo 119 Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente di guida.

Articolo 119 Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente di guida. Come è cambiata la norma Articolo 119 Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente di guida. 1. Non può ottenere la patente di guida o l'autorizzazione ad esercitarsi alla guida di cui

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954. Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA' MEDICINA LEGALE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954. Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA' MEDICINA LEGALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA'

Dettagli

Al fine di facilitare l attività di certificazione da parte dei medici di medicina generale, sono state elaborate le seguenti linee guida.

Al fine di facilitare l attività di certificazione da parte dei medici di medicina generale, sono state elaborate le seguenti linee guida. LINEE GUIDA PER IL RILASCIO DA PARTE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DEI CICLOMOTORI (LEGGE N. 168 DEL 17 AGOSTO 2005) Le presenti linee guida sono state elaborate

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris.

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris. Corso Alta Formazione Neuropsicologia Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione Milano - Novembre 2015 OBIETTIVI FORMATIVI L'obiettivo principale del corso di formazione sarà quello di fornire

Dettagli

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza Organizzazione del CDC nell ULSS 3: dati di attività Dott. Mario ZERILLI Responsabile Neuropsicologia Clinica Adulti e Anziani AZIENDA SANITARIA ULSS 3 Obiettivi

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Durata: diciotto mesi, con inizio nel giugno 2011 e termine il 30 novembre 2012 (prorogato fino

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

La formale istituzione dei CCA compete alle Direzioni delle Aziende USL regionali.

La formale istituzione dei CCA compete alle Direzioni delle Aziende USL regionali. INDICE 1. SCOPO 2. DEFINIZIONI 3. ABBREVIAZIONI 4. PROCEDURA 4.a PRENOTAZIONE ED ESAMI PRE- VISITA 4.b PRIMO ACCESSO 4.c ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI CONSULENZA ALCOLOGICA 4.d PRIMO ACCERTAMENTO 4.e SECONDO

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative Incontro con la Scuola Brescia 14 Marzo 2013 Dott.ssa Mariarosaria Venturini - Responsabile U.O. Disabilità Normative di riferimento DSA L.R. n. 4

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

COMMISSIONE MEDICA LOCALE PROVINCIALE di BARI

COMMISSIONE MEDICA LOCALE PROVINCIALE di BARI AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BARI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Unità Operativa di Medicina Legale COMMISSIONE MEDICA LOCALE di BARI Lungomare Starita n.6-70123 BARI cml.bari@asl.bari.it COMMISSIONE

Dettagli

INFORMAZIONI AGLI UTENTI

INFORMAZIONI AGLI UTENTI ALLEGATO SERVIZIO IGIENE E SANITÀ PUBBLICA SEGRETERIA COMMISSIONE MEDICA LOCALE PATENTI INFORMAZIONI AGLI UTENTI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA ALLA GUIDA DI AUTOVEICOLI - NATANTI. FINALITA DELLA

Dettagli

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE Lucia Malavolti commissione.patenti@asf.toscana.it Villa Fiorita Villa Fiorita Via di S.Salvi 12 Firenze Simulatore di guida Pista RIFERIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE DEL COACHING

REGOLAMENTO ATTUAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE DEL COACHING REGOLAMENTO ATTUAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE DEL COACHING Art. 1) Iscrizione e Tesseramento. L Associazione Professionale Nazionale del Coaching è un Associazione Professionale non

Dettagli

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE ALLEGATO I (articolo 27) REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE Possono conseguire le patenti nautiche

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

il DISTURBO COMUNICATIVO NEUROLOGICO ACQUISITO,

il DISTURBO COMUNICATIVO NEUROLOGICO ACQUISITO, 6 MARZO 2015: GIORNATA EUROPEA DELLA LOGOPEDIA Ogni anno nella giornata del 6 Marzo si celebra in tutta Europa la Giornata Europea della Logopedia, iniziativa nata nel 2004 da un idea del Comitè Permanent

Dettagli

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO Direttore: Prof. Alessandro MARTINI OBIETTIVI DEL MASTER Il Master è finalizzato al conseguimento di conoscenze e competenze specifiche

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER SOCIALI PER L IMPLEMENTAZIONE DI INTERVENTI VOLTI A MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA DELLE FAMIGLIE

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI In attuazione del Piano Sociale di Zona 2014-2016; IL DIRETTORE DEL CONSORZIO Del Decreto di approvazione

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

La rete dei neuropsicologi nella macro UVA del IRCCS San Martino/IST. Luisa Emma Bosia U.O. NEUROLOGIA

La rete dei neuropsicologi nella macro UVA del IRCCS San Martino/IST. Luisa Emma Bosia U.O. NEUROLOGIA La rete dei neuropsicologi nella macro UVA del IRCCS San Martino/IST Luisa Emma Bosia U.O. NEUROLOGIA L importanza di lavorare in rete Il concetto di rete implica il riferimento ad un tessuto di relazioni

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL ANZIANO: dalla teoria alla clinica

LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL ANZIANO: dalla teoria alla clinica CENTRO DI PSICOLOGIA CLINICA & PSICOTERAPIA CENTRO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CENTRO TEST & PSICODIAGNOSI In collaborazione per accreditamento ECM con: LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 359 del 26/06/2014 Il Direttore Generale dell.azienda U.L.S.S.

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL ANZIANO: dalla teoria alla clinica

LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL ANZIANO: dalla teoria alla clinica CENTRO DI PSICOLOGIA CLINICA & PSICOTERAPIA CENTRO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CENTRO TEST & PSICODIAGNOSI LA RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELL ADULTO E DELL ANZIANO: dalla teoria alla clinica Edizione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSSA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSSA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3386 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ROSSA Istituzione della figura del professionista delle attività fisico-motorie e sportive

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014 Misure relative alla prevenzione dei rischi derivanti in ambito lavorativo dall assunzione di bevande alcoliche e sostanze psicotrope e stupefacenti (Art. 41 c. 4 bis D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare ELENCO DELLE PRESTAZIONI DELLO PSICOLOGO AI FINI DI DETERMINARNE L ESENZIONE O MENO DALL I.V.A. (Testo aggiornato al 10/09/07 secondo la normativa fiscale: DPR 26 ott. 1972 n.633- art. 10 ; D.M. 21 gennaio

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Michela Maria Bontorin Indirizzo Via Rossini 25c, Bassano del Grappa, 36061 (VI) Telefono 340-3474223

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO

BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO BANDO DI CONCORSO A TEMPO DETERMINATO Allegato A alla deliberazione N. 1005 del 16/12/2013. In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale dell Azienda Sanitaria Locale N. 5 di Oristano N. 1005

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi

Corso base di prevenzione incendi Corso base di prevenzione incendi art. 16 comma 4 del DLgs 139/06 Presentazione a cura di Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco di Caserta specializzazione in prevenzione

Dettagli

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO PROPOSTA DI ATTIVAZIONE Master di I livello in Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione Art. 1 Attivazione del Master STATUTO L Università degli Studi

Dettagli

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5.

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5. I Dsa: disturbi specifici dell apprendimento Lettura, scrittura e calcolo sono funzioni fondamentali per l apprendimento. Un soggetto con capacità intellettive nella norma e privo di deficit (sensoriali,

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

DICHIARA ESPERIENZE PROFESSIONALI COERENTI CON IL PERCORSO PRESCELTO

DICHIARA ESPERIENZE PROFESSIONALI COERENTI CON IL PERCORSO PRESCELTO PERCORSI DI RIENTRO Allegato III.a. Domanda di partecipazione (Richiesta di inserimento nella short list) Sardegna Ricerche Programma Master and Back Percorsi di rientro Edificio 2 Loc. Piscinamanna 09010

Dettagli

COMMISSIONE MEDICA LOCALE PER LA PATENTE DI GUIDA

COMMISSIONE MEDICA LOCALE PER LA PATENTE DI GUIDA COMMISSIONE MEDICA LOCALE PER LA PATENTE DI GUIDA Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via 4 Novembre 46 Vicenza tel. 0444752226 fax 0444752215 VISITA DI IDONEITA SANITARIA Chi deve fare la visita in Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Risorse Umane REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Pag. 1 di 11 Indice OGGETTO... 3 Finalità:... 3 1 FREQUENZA VOLONTARIA... 3 1.1 Definizione... 3

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Ordine degli Psicologi dell Emilia-Romagna Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Manuela Colombari perché buone pratiche? Violazioni deontologiche in particolare per: 1- scarsa considerazione

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Consumo di bevande alcoliche

Dettagli

26.8.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/31

26.8.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/31 26.8.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/31 DIRETTIVA 2009/113/CE DELLA COMMISSIONE del 25 agosto 2009 recante modifica della direttiva 2006/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

I requisiti di cui sopra devono essere posseduti/accertati alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso.

I requisiti di cui sopra devono essere posseduti/accertati alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso. Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO dipartimento risorse umane responsabile: dott. Alessandro Di Turi Asolo, 21 gennaio 2014 Prot. n. 2935 PUBBLICATO ALL ALBO PRETORIO ONLINE IL 21/01/2014

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI DIRIGENTE PSICOLOGO DA ASSEGNARE ALLA

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI DIRIGENTE PSICOLOGO DA ASSEGNARE ALLA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U..O. Amm.ne Gestione e sviluppo Risorse Umane/ Milano, 20 febbraio 2008 CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI DIRIGENTE

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania Nella diagnosi delle sindromi ADHD, seguendo i criteri previsti sia nel DSM- IV-R sia nell'icd-10 dell'oms, occorre non

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO WAIS IV Wechsler Adult Intelligence Scale - IV Edition (2013) Esercitazioni Università di Bergamo INDICE o Descrizione dello strumento o Regole di somministrazione o Punteggi o Campione Normativo INDICE

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P.

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. VV La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso

Dettagli

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Accogliere gli alunni con BES o DSA significa fare in modo che essi siano parte integrante del contesto scolastico assieme agli altri alunni; significa assicurare

Dettagli