Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2012"

Transcript

1 Comune di Pontedera PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) giugno 2012

2 Indice generale Premessa 3-10 Deleghe Sindaco e Assessori 11 Struttura organizzativa 12 Progetti intersettoriali - Elenco 13 Progetti intersettoriali settore Pianificazione e governo del territorio e ambiente settore Progettazione ed esecuzione lavori pubblici settore Progettazione interventi di qualità urbana e manutenzioni settore Finanziario e sviluppo economico settore - Governance settore Polizia Municipale settore Servizi collettivi e alla persona Staff Gare, contratti, provveditorato ed economato Veicoli in dotazione ai Settori dell Ente PEG con l elenco degli stanziamenti per capitoli attribuiti a Dirigenti/Posizioni Organizzative 2

3 Premessa Il decreto legislativo n. 150/2009 ha introdotto, all interno della riforma del lavoro pubblico, la previsione che nell ambito del ciclo di gestione della performance venga redatto un documento denominato Piano della performance che individua gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi e alle risorse, gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell Amministrazione. Il Comune di Pontedera ha scelto di rappresentare il suddetto Piano della performance all interno del PEG/PDO attraverso un adattamento, così come previsto dalla delibera CIVIT n.121/2010. Ciò si rende possibile in quanto i documenti di programmazione previsti dal TUEL (Bilancio annuale e pluriennale, relazione previsionale e programmatica, PEG), integrati in modo opportuno anche secondo le indicazioni già formulate dalla CIVIT, possono costituire i documenti fondamentali del ciclo di gestione della performance dell Ente. Da questo anno, per una semplificazione dei documenti programmatori, si prevede l approvazione di un unica delibera della Giunta, comprendente due documenti: a) il PEG con l elenco degli stanziamenti per capitoli attribuiti a Dirigenti/Posizioni Organizzative; b) il PDO composto da: Premessa, deleghe assessorili, organizzazione dell Ente mediante raffigurazione grafica della struttura, raccordo con la relazione Previsionale e Programmatica Informazioni articolate per Settore: Risorse umane (con: nominativo, categoria, profilo professionale, rapporto a tempo indeterminato o determinato, scadenza del contratto, tempo pieno o parziale) Risorse finanziarie (con rinvio al PEG per il dettaglio dei capitoli) Veicoli in dotazione ai Settori dell Ente Obiettivi SETTORIALI (articolati per Servizi e con un range da 3 a 5 per coinvolgere tutti i dipendenti assegnati) Obiettivi INTERSETTORIALI (con descrizione analitica degli obiettivi di cui il Settore è capofila e rinvio alla mappa riassuntiva). Gli obiettivi settoriali e intersettoriali di cui sopra sono riconducibili alle linee del programma di mandato ed al contenuto della Relazione Previsionale e Programmatica 2012 sulla base della tabella che segue: 3

4 PROGRAMMI PROGETTI SOTTOPROGETTI (solo per riferimento a Peg e Pdo) DIRIGENTE RESPONSABILE 1 - LA CITTA' CHE LAVORA E CHE PRODUCE A) Sistema Pontedera: innovazione e qualità, scienza e tecnologia B) Centralità del lavoro e nuova imprenditorialità C) Infrastrutture materiali e immateriali 1 - CERFITT 2 Settore 1 - Istituzione e gestione imposta di soggiorno 4 Settore 2 - Manifestazioni varie 4 Settore 3 - Ottimizzazione del sistema "Filiera corta" 4 Settore 4 - Mercati ordinari e straordinari 4 Settore 5 - Fiera di S. Luca e altre fiere 4 Settore 6 - Gestione progetto "tu.s.a.p." e istituzione dell'osservatorio turistico di 4 Settore destinazione 1 - Servizi alle imprese - intersettoriale 2 settore 2 - Ampliamento delle rete WIFI cittadina 5 settore 2 - LA CITTA' SOLIDALE LA CITTA' DELLE OPPORTUNITA' A) Società della Salute, governo del territorio, e ruolo del terzo settore B) Strutture, assistenza e solidarietà C) Una città senza barriere D) Promozione del benessere sociale 1 - Centro per disabili 7 Settore 2 - Progetto cittadini con dignità 7 Settore 3 - Monitoraggio della gestione della struttura RSA R. Bertelli 4 - Organizzazione di giornate di studio e prevenzione 5 - Centro minori - Centro Poliedro - Progetto famiglie numerose - Centro integrato delle donne 1 - Eliminazione delle barriere architettoniche - intersettoriale 1 - Promozione di attività di socializzazione evolontariato 7 Settore 7 Settore 7 Settore 2 Settore 7 Settore 4

5 E) Pontedera centro di eccellenza sanitaria 2 - Sostegno alle associazioni culturali, sportive e socialii 7 Settore F) La sicurezza di tutti G) La legalità da costruire ogni giorno 1 - Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di videosorveglianza - intersettoriale 2 - Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale - intersettoriale 6 Settore 6 Settore 3 - Controllo settori edilizia - ambiente - commercio - prevenzione e contrasto del 6 Settore randagismo 4 - Servizio polizia stradale 6 Settore 5- Controlli di polizia giudiziaria e gestione del servizio di videosorveglianza 6 Settore 6_- Contravvenzioni, contenzioso, attività di supporto 6 Settore 7 - Educazione stradale 6 Settore 8 - Vigilanza sul territorio 1 settore H) La cooperazione internazionale I) Le politiche di genere J) La casa 1 - Progetti di cooperazione internazionale - intersettoriale 7 settore 1 - Commissione Pari Opportunità 7 settore 1 - Mantenimento patrimonio esistente ERP 7 settore 3- LA CITTA' DELLA QUALITA', LA CITTA' DALLE TANTE QUALITA' A) Tutela e valorizzazione del territorio: la qualità dello sviluppo 1 - Monitoraggio Regolamento Urbanistico 1 settore 2 - Tutela dell'ambiente 1 settore 3 - Protezione civile e piano antincendi boschivi 4 - Ricognizione aree PEEP - intersettoriale 5 1 settore Staff gare e contratti 5 - Realizzazione e manutenzione parchi e 3 settore giardini - tutela ambientale del verde 6 - Manutenzione straordinaria viabilità stradale 3 settore 7 - Manutenzione straordinaria strade e piazze 3 settore 8 - Manutenzione straordinaria fognature 3 settore

6 B) La gestione dei rifiuti C) Cultura ambientale: il giardino di tutti D) Il risparmio energetico, la qualità della vita E) Una città in trasformazione: la mobilità e la modernità sostenibile F) Progetti di qualità urbana G) Scuola, Università, Formazione 9 - Eliminazione barriere architettoniche cimiteri comunali 10 - Manutenzione straordinaria beni demaniali 1 - Conferimento, trasporto e trattamento Rsu e assimilati e igiene urbana 1 - Il giardino di tutti - manutenzione straordinaria del verde 1 - Ristrutturazione impianti di illuminazione pubblica 2 - Ampliamento e sperimentazioni di fonti energetiche alternative 6 3 settore 3 settore 3 settore 3 settore 3 settore 1 settore 1 - Ampliamento dell'area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento 6 settore delle politiche di tariffazione della sosta 2 - Parcheggi a pagamento 6 settore 3 - Promozione e noleggio biciclette 1 settore 4 - Ristrutturazione marciapiedi 2 settore 5 - Trasporti urbani ed extraurbani 3 settore 6 - Servizi cimiteriali 3 settore 7 - Manutenzione edifici e impianti 3 settore 8 - Gestione degli automezzi e mezzi d'opera 3 settore 9 - Parcheggi a pagamenti 3 settore 10 - Manutenzione segnaletica stradale 3 settore 1 - Piani attuativi e particolareggiati 1 Settore 1 - Manutenzione straordiaria scuole 3 settore 2 -Monitoraggio della qualità del servizio di 7 Settore refezione scolastica 3 - Iniziative in favore di minori e centri 7 Settore estivi 4 - Miglioramento degli asili nido e dei centri infanzia accreditati 5 - Attività di potenziamento del diritto allo studio 6 - Razionalizzazione del servizio di trasporto pubblico 7 - Progetto Sprar (Sistema di Protezione per richiedenti asilo o rifugiati ex PNA) 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 8 - Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e 7 Settore asilo nido all'unione Valdera -

7 intersettoriale 4 - AL CENTRO LA PERSONA: CULTURA, GIOVANI, SPORT A) Pontedera impresa cultura: città d'arte e di cultura B) La realtò giovanile 1 - Realizzazione. Cantiere d'arte Ugo Nespolo - intersettoriale 2 - Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, turistici, beneficio di immagine. Festival intersettoriale 3 - Biblioteca comunale in collaborazione con Unione Valdera 4 - Gestione dei Centri espositivi/ Gestione dell'autorizzazione all'utilizzo di spazi pubblici 5 - Valorizzazione dell'attività Pontedera Teatro e modifiche della convenzione. Gestione del Centrum Sete Sois Sete Luas 6 - Progetto "Bottega Taliani - La notte bianca del libro e Festival Era dei Libri 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore C) Il Comune per lo sport 1 - Gestione impianti sportivi 7 serttore 2-Consolidamento e sostegno dei rapporti con l'associazionismo sportivo, 7 serttore promozione di manifestazioni ed eventi sportivi 3 - "Sport in cartella" 7 settore 4 - Manutenzione straordinaria impianti sportivi 3 settore 5 - LA CITTA' CHE PARTECIPA E DECIDE. PONTEDERA, LE FRAZIONI E I QUARTIERI A) La Consulta strumento di decentramento e partecipazione B) La frazione La Rotta - Pietroconti - Il Botteghino 1 - Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo - intersettoriale 2 - Manutenzione straordinaria approdi battello 5 Settore 3 settore 7

8 C) La frazione Treggiaia D) La frazione La Borra E) La frazione Il Romito F) La frazione Montecastello G) La frazione Gello H) La frazione S. Lucia I) La frazione I Pardossi 3 - Ampliamento cimitero comunale frazione La Rotta. 2 settore 1 - Sistemazione Piazza Monti. 2 settore 2 - Manutenzione straordinaria recupero viabilità 1 - Manutenzione straordinaria via del Molino - La Borra 1 - Manutenzione straordinaria Palestra Scuola Elementare Il Romito 3 settore 3 settore 2 settore 1 - Realizzazione nuova fognatura 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore J) Il Quartiere Bellaria Galimberti K) Il quartiere Oltrera - Fuori del ponte L) Il Quartiere Centro Città - I villaggi - Il Chiesino 6 - COORDINAMENTO DEI SERVIZI SOVRACOMUNALI 1 - Teatro - Manutezione straordinaria impianti tecnici 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore 2 - Realizzazione nuova Biblioteca comunale 3 Settore A) Unione Valdera: aumento della funzionalità del nuovo ente e conseguimento obiettivi di razionalizzazione e di qualità B) Giustizia C) Società partecipate 1 - Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e asili nido all Unione Valdera. 7 Settore 2 - Unione Valdera - Realizzazione del corpo unico di Polizia Municipale 6 Settore 1 - Sorveglianza del Palazzo di Giustizia 6 Settore 1- Monitoraggio delle società partecipate 5 Settore 8

9 7 - ORGANIZZAZIONE, INNOVAZIONE E USO CORRETTO DELLE RISORSE A) Riorganizzazione funzioni comunali 1 - SIT Sistema informativo territoriale - intersettoriale 1 settore 2 - Anagrafe on line - intersettoriale 7 settore 3 - Recupero dell'evasione fiscale - intersettoriale 4 -Organizzazione cerimonie istituzionali e manifestazioni - intersettoriale 5 - Mappatura delle attività delle strutture organizzative - intersettoriale 6 - Revisione statuto e regolamenti - intersettoriale 4 settore 5 Settore 5 settore 5 Settore 7 - Razionalizzazione degli spazi del palazzo comunale - intersettoriale 4 Settore 8 - Attività edilizia 1 Settore 9 - Ll'Ufficio Relazioni con il pubblico e il cittadino. 7 settore 10 - Gestione opere pubbliche 2 settore 11 - Attività contrattuale - lavori - forniture beni e servizi 12 - Assicurazioni Staff gare contratti provveditorato economato Staff gare contratti provveditorato economato Staff gare contratti provveditorato economato 13 - Economato e gestione del magazzino 14 - Concessioni suolo pubblico 3 settore 15 - Imposta municipale propria 4 settore 16 - COSAP 4 settore 17 - contabilità IVA e fornitori 4 settore 18 - TARSU -TIA - TARES 4 settore 19 - Organi istituzionali 5 Settore 20 - Segreteria generale 5 Settore 21 - Protocollo e archivio 5 Settore 22 - Custodia e pulizia 5 Settore 23 - Razionalizzazione della disciplina degli orari e dei permessi 24 - Attivazione nuovi incarichi di posizione organizzativa 25 - Programmazione fabbisogno personale 26 - Adeguamento attrezzature hardware comunali 5 Settore 5 Settore 5 Settore 5 Settore 27 - Mantenimento continuità operativa del 5 Settore sistema informatico 9

10 B) Politiche comunicative e di partecipazione C) Politiche di bilancio D) Programmazione e controllo E) Innovazione e semplificazione F) Sistema dei rapporti sindacali 28 - Aggiornamento piano di continuità operativa 29 - Mantenimento e ottimizzazione risorse informatiche interne 5 Settore 5 Settore 30 - Razionalizzazione delle telecomunicazioni 5 Settore 31 - Attività di coordinamento 5 Settore 1 - Urban Center 1 settore 2 - Comunicazione esterna 5 Settore 3 - Regolamento sul procedimento amministrativo 1 - Predisposizione bilancio intersettoriale 2 -Formazione bilancio 2012 e mantenimento equilibri di bilancio 3 - Rispetto del Patto di stabilità - intersettoriale 5 Settore 4 settore 4 settore 4 settore 4 - Reperimento entrate attraverso ricerca 5 settore contributi esterni - intersettoriale 5 - Conto del bilancio settore 6 - Gestione finanziaria parte corrente e investimenti 4 settore 7 - Cessione del credito a terzi 4 settore 1 - Programmazione attività intersettoriale 5 Settore 2 - Controllo di gestione 5 Settore 1 - Mandato di pagamento elettronico - intersettoriale 4 settore 2 - Avvio della digitalizzazione dei documenti e del fascicolo elettronico 7 Settore 3 - Anagrafe verso il cittadino 7 settpre 4 - Semplificazione degli atti e documenti 5 Settore 1 - Contrattazione decentrata e relazioni sindacali 5 Settore 2 - Modifica del Sistema di Misurazione e valutazione della performance (SMIVAP) 5 settore 3 - Valutazione del personale 5 Settore 10

11 Simone MILLOZZI Sindaco Politiche del lavoro, urbanistica, edilizia, pianificazione territoriale, polizia municipale, mobilità sostenibile, società della salute, comunicazione DELEGHE ASSESSORI Ass. Massimiliano SONETTI - ViceSindaco Lavori pubblici, ambiente, protezione civile, enti derivati, cooperazione internazionale, pace e diritti umani Ass. Stefano TOGNARELLI Sviluppo economico, attività produttive, commercio e turismo, innovazione e trasferimento tecnologico, cura della qualità e decoro urbano, parchi e verde pubblico, piano energetico, città sostenibile e partecipata, decentramento Ass. Liviana CANOVAI Cultura, politiche socio-educative scolastiche, politiche integrate con l università, politiche giovanili, città dei bambini, politiche per la legalità e i doveri di cittadinanza, città dei valori e della memoria, pari opportunità Ass. Marco CECCHI Di politiche abitative, edilizia residenziale pubblica e sociale, servizi e sistemi informativi e statistici, trasparenza amministrativa, tutela del consumatore Ass. Matteo FRANCONI Diritto alla salute, politiche sociali e sanitarie, politiche per l integrazione, coordinamento rapporti con il terzo settore e con il volontariato, sport Ass. Marco PAPIANI Personale, bilancio, politiche di semplificazione amministrativa, patrimonio 11

12 12

13 PROGETTI INTERSETTORIALI Elenco N. Sottoprogetto pag. 1 Istituzione e gestione imposta di soggiorno 14 2 Eliminazione delle barriere architettoniche 16 3 Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di 18 videosorveglianza 4 Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale 19 5 Progetti di cooperazione internazionale 20 6 Ricognizione aree PEEP 21 7 Ampliamento dell area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento delle 22 politiche di tariffazione della sosta 8 Realizzazione Cantiere d Arte Ugo Nespolo 23 9 Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, 24 turistici, beneficio di immagine - Festival Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e 27 asili nido all Unione Valdera 12 Unione Valdera Realizzazione del Corpo Unico di Polizia Municipale Sistema Informativo territoriale Anagrafe on line Recupero dell evasione fiscale Revisione statuto e regolamenti Organizzazione cerimonie istituzionali e manifestazioni Mappatura delle attività delle strutture organizzative Razionalizzazione degli spazi del palazzo comunale Reperimento entrate attraverso ricerca contributi esterni Rispetto del Patto di stabilità Predisposizione bilancio Programmazione attività Controllo di gestione Mandato di pagamento elettronico Semplificazione degli atti e dei documenti 45 13

14 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: STEFANO TOGNARELLI PROGRAMMA: 1 LA CITTA CHE LAVORA E CHE PRODUCE PROGETTO: B CENTRALITA DEL LAVORO E NUOVA IMPRENDITORIALITA Sottoprogetto intersettoriale - ISTITUZIONE E GESTIONE IMPOSTA DI SOGGIORNO Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Istituzione e gestione imposta di soggiorno.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 4 SETTORE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 4 SETTORE SERV. TRIBUTI E 5 SETTORE SERV. SEGRETERA SINDACO; PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Incontri di concertazione con i gestori delle strutture ricettive Predisposizione del regolamento sull imposta di soggiorno Predisposizione delle tariffe dell imposta Predisposizione della cartellonistica e della modulistica da fornire ai gestori delle strutture ricettive Predisposizione atti relativi all apertura del nuovo conto corrente postale Predisposizione atti di approvazione della modulistica Consegna diretta ai gestori delle strutture ricettive del materiale necessario Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico e Serv. Tributi Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Sv. Economico e Segr. Sindaco 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 30/04 30/04 14

15 Predisposizione schede informative da inserire sul sito web Riscossione imposta e gestione delle attività di controllo mediante incrocio fra i dati dei pernottamenti forniti dalle strutture ricettive e i versamenti pervenuti Sv. Economico e Segr. Sindaco 30/04 Serv. Tributi x x 15

16 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MATTEO FRANCONI/MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 2- LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: C - UNA CITTA SENZA BARRIERE Sottoprogetto intersettoriale - Eliminazione delle barriere architettoniche Descrizione sintetica dell obiettivo: Interventi tesi al miglioramento dell accessibilita e dell usabilita ambientale per il raggiungimento dell inclusione sociale VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 2 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: TUTTI I SETTORI PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Laboratorio comunale per l accessibilita proposte progettuali sul tema Citta senza barriere Tutti i settori Rilevazione di parte del territorio Comunale convenzione Universita degli studi di Pisa Rilevazione di parte del territorio Comunale convenzione Universita degli studi di Firenze con il sistema laser scanner 3D 1 settore settore Giardino Bella di Mai seminario formativo e processo partecipativo 1 settore approvazione progetto definitivo come esempio di giardino accessibile 2 settpre Seminario di aggiornamento per tecnici pubblici e liberi professionisti sul tema della fruibilita di ambienti ed attrezzature da parte di profili d utenza diversi Collaborazione con associazioni per progetti sperimentali di rilevazione di ogni ostacolo alla mobilità 1 settore Tutti i settori x x x x 16

17 17

18 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: F LA SICUREZZA DI TUTTI Sottoprogetto intersettoriale - Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di videosorveglianza Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Miglioramento della sicurezza stradale e della videosorveglianza in alcuni punti della città. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 3 SETTORE E 5 SETTORE SERV. SISTEMA INFORMATIVO E INNOVAZIONE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Attivazione di una postazione fissa per il controllo automatico delle 6 Settore e S.I.I violazioni inerenti il passaggio con il semaforo rosso dei veicoli Realizzazione opere infrastrutturali e di segnaletica stradale 3 Settore Verifica del sistema informatico della videosorveglianza, aggiornamento, modifiche di sistema e manutenzione ordinaria S.I.I X X X X Monitoraggio delle zone a più alto rischio e realizzazione di nuove postazioni di videosorveglianza e sua implementazione zona Piazza Kennedy e giardini limitrofi 6 Settore e S.I.I. 30/09 N.verifiche con il sistema di videosorveglianza giornaliere 18

19 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: F LA SICUREZZA DI TUTTI Sottoprogetto intersettoriale - Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Implementazione delle politiche e delle azioni di contrasto alle situazioni di degrado e deposito incontrollato di rifiuti, spesso pericolosi quali eternit.. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 1, 3 e 5 SETTORE- SERV. SISTEMA INFORMATIVO E INNOVAZIONE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Elaborazione ed adozione nuovo regolamento sui rifiuti 1 e 6 Settore Acquisto ed installazione di n. 3 telecamere per controllo abbandono di rifiuti 3, 6 e S.I.I Monitoraggio e tutela del territorio per contrasto abbandono di rifiuti 6 Settore x x x x Controllo del territorio in materia ambientale Giornaliero 19

20 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO H - LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Sottoprogetto intersettoriale Progetti di cooperazione internazionale Descrizione sintetica dell obiettivo: Completamento del progetto di costruzione del Centro per disabili a Leon Nicaragua e del Progetto URBAL. Monitoraggio del Progetto finanziato dalla UE in Colombia. Organizzazione della 2 Conferenza Dialogo fra territori. Istituzione del Centro di studi sulla cooperazione internazionale in collaborazione con l Università di Pisa c/o locali ex Agenzia delle Entrate VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA - 7 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 2 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Inaugurazione del Centro per disabili Giovanni Gronchi a Leon 7 e 2 settore 29/02 Partecipazione al completamento del Progetto URBAL 2 settore 31/12 Monitoraggio progetto UE 7 settore 30/06 Affidamento organizzazione della conferenza a ONG 7 settore 30/09 Supporto allo svolgimento conferenza 7 settore 31/12 Ristrutturazione locali ex Agenzia delle entrate 2 settore 31/12 Inaugurazione centro di studi 7 settore 31/12 Predisposizione convenzione con università 7 settore 31/12 20

21 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 3 LA CITTA DELLA QUALITA, LA CITTA DALLE TANTE QUALITA PROGETTO: A) TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO: LA QUALITA DELLO SVILUPPO Sottoprogetto intersettoriale - Ricognizione aree PEEP Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Acquisizione in proprietà aree PEEP già concesse in diritto di superficie. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: STAFF GARE, CONTRATTI, PROVVEDITORATO ED ECONOMATO SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 1 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Ricognizione delle aree PEEP già concesse in diritto di superficie e conseguente ipotesi di quantificazione degli oneri Istruttoria degli atti per la redazione dei contratti di trasformazione delle aree da diritto di superficie in proprietà, stipula dell atto, registrazione e trascrizione nei Registri immobiliari Settori/Servizi coinvolti 1 Settore I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM 31/12 Staff Gare x x x x n. contratti/n richieste di acquisto 100% 21

22 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 3 LA CITTA DELLA QUALITA, LA CITTA DELLE TANTE QUALITA PROGETTO: E UNA CITTÀ IN TRASFORMAZIONE: LA MOBILITÀ E LA MODERNITÀ SOSTENIBILE Sottoprogetto intersettoriale - Ampliamento dell area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento delle politiche di tariffazione della sosta Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Migliore organizzazione e fruibilità degli spazi di sosta cittadini. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 3 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Studio e realizzazione nuove aree di sosta a pagamento in particolare: 1) ampliamento zona blu sottopasso ferroviario via XXI Aprile 2) realizzazione nella piazza Solidarietà di n. 15 stalli riservati ad abbonati e donne in gravidanza. Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM 3 e 6 Settore Monitoraggio sull utilizzazione dei posti di parcheggio a pagamento e verifica sulla possibilità di modifica delle tariffe orarie 6 Settore

23 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MASSIMILIANO SONETTI/LIVIANA CANOVAI PROGRAMMA: 4 - AL CENTRO LA PERSONA, CULTURA, GIOVANI, SPORT PROGETTO: A - -PONTEDERA IMPRESA CULTURA: CITTA D ARTE E DI CULTURA Sottoprogetto intersettoriale - Realizzazione Cantiere d Arte Ugo Nespolo Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Valorizzazione e riqualificazione di alcune zone storiche della città con interventi artistici e costruzione di un tessuto di relazioni tra enti, istituzioni attraverso una mediazione culturale che sensibilizzi ed educhi all arte. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: SETTORE 3 PROGETTAZIONE INTERVENTI DI QUALITÀ URBANA E MANUTENZIONI SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 7 SETTORE SERV. ATTIVITA CULTURALI PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Presentazione alla Stampa del progetto Stampa catalogo Settori/Servizi coinvolti Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Rifacimento facciata e arredo Banca Popolare Lajatico curato da Ugo Nespolo 3 Settore 30/09 Mostra opere di Nespolo 3 Settore 30/09 Arredo urbano con panchine e fioriere disegnate da Nespolo in Via Dante 3 Settore 31/12 I TRIM II TRIM 30/06 III TRIM 30/09 IV TRIM 23

24 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: LIVIANA CANOVAI PROGRAMMA: 4 AL CENTRO LA PERSONA: CULTURA, GIOVANI, SPORT PROGETTO A - PONTEDERA IMPRESA CULTURA: CITTA D ARTE E DI CULTURA Sottoprogetto intersettoriale - Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, turistici, beneficio di immagine - Festival 2012 Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Promozione della produzione di spettacoli e di giovani talenti, della diffusione delle arti e della musica,della formazione del pubblico, della stabilizzazione fra diverse compagnie, della sperimentazione di linguaggi e temi innovativi, della difesa delle diverse tradizioni dello spettacolo e delle pluralità dei linguaggi, della socializzazione ed integrazione fra diverse culture.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: SETTORE - 7 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 3 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Collaborazione e coordinamento con le associazioni: Festival e Arte C era una volta un castello Giocalarte Sete Sois Sete Luas Musicastrada Utopia del Buongusto Settori/Servizi coinvolti Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM X X X X Collaborazione per gli allestimenti 3 Settore 31/05 30/09 31/05 30/09 30/09 30/09 24

25 n. complessivo presenze manifestazioni > 2011 (n.) n. eventi programmati > 2011 (n.) 25

26 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI/MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 5 LA CITTA CHE PARTECIPA E DECIDE. PONTEDERA, LE FRAZIONI E I QUARTIERI PROGETTO: B LA FRAZIONE LA ROTTA PIETROCONTI IL BOTTEGHINO Sottoprogetto intersettoriale _ Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Navigabilità dell Arno tramite battello fluviale.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA - 5 SETTORE SEGRETERIA SINDACO E SUPPORTO AGLI ORGANI SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 1, 3 E 7 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti Incontri con i comuni limitrofi per ampliamento progetto navigabilità 1 Settore x x x x Organizzazione percorsi fluviali lungo il fiume con battello per cittadini e turisti nel Serv. Segreteria X X periodo estivo con iniziative culturali e del tempo libero Sindaco Puntuale realizzazione di tutti gli interventi di supporto occorrenti alla navigabilità 3 Settore 30/06 I TRIM II TRIM Sistemazione approdi per i vari attracchi del battello e manutenzione del battello 3 Settore 30/06 Realizzazione servizi di promozione delle iniziative da parte del Comune e di soggetti diversi, stipula convenzione per attività ricreative collegate e di 7 Settore 30/06 navigazione n. utenti > 2011 (n ) III TRIM IV TRIM 26

Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2013/2014

Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2013/2014 Comune di Pontedera PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2013/2014 25 luglio 2013 Indice generale Premessa 3-9 Deleghe Sindaco e Assessori 10 Struttura organizzativa 11 Progetti

Dettagli

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE Allegato 2) Staff Segreteria ed Organi governo MACRO FUNZIONI 1. Segreteria Sindaco-Assessori 2. Comunicazione istituzionale 3. Ufficio relazioni con

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE CONSULENTE TECNICO E POLITICO AMMINISTRATIVO DEL SINDACO AVVOCATURA COMUNICAZIONE SEGRETERIA GENERALE

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro)

TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro) 1 TAGLI AGLI ENTI LOCALI QUINQUENNIO 2010/2015 (valori in milioni di euro) 2010-2014 2015 2010/15 Tagli alla «politica» 118 D.L. 78/2010 2500 D.L. 201/2011 1450 D.L. 95/2012 2500 100 D.L. 66/2014 376 188

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Dotazione Organica UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Collaboratore Amministrativo Cat. B/3 Collaboratore Amministrativo-Messo Cat. B/3 UFFICI : Segreteria Generale - Protocollo Messo

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI Comune di Roseto degli Abruzzi 3.1 - Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2009 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 376.60 875.00

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. ANALISI PER UFFICI E PER CENTRI DI COSTO/RICAVO Rendiconto 2007

COMUNE DI EMPOLI. ANALISI PER UFFICI E PER CENTRI DI COSTO/RICAVO Rendiconto 2007 Allegato al Referto del Controllo di Gestione 2007 COMUNE DI EMPOLI Provincia di Firenze ANALISI PER UFFICI E PER CENTRI DI COSTO/RICAVO Rendiconto 2007 Presentazione L analisi che segue e stata condotta

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA Staff del Sindaco Sindaco e Giunta Comunale Polizia Locale Segreteria Generale OIV Gabinetto del Sindaco Servizi Finanziari

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

SERVIZO ASILI NIDO E SERVIZI COMPLEMENTARI ALLA PRIMA INFANZIA

SERVIZO ASILI NIDO E SERVIZI COMPLEMENTARI ALLA PRIMA INFANZIA DIREZIONE ISTRUZIONE P.O. PROGRAMMAZIONE E PROMOZIONE Supporta direttamente il Direttore nella ricerca, analisi e valutazione propositiva di problematiche complesse di rilevante interesse per il conseguimento

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19 OBIETTIVI 2010 SERVIZIO N 1 AFFARI GENERALI Responsabile - Dr.ssa Tiziana Vanelli n 1 Predisposizione della programmazione annuale e pluriennale del fabbisogno di personale Determinazione e gestione fondo

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010 PARTE ENTRATA E 00190 000 2010 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI 1.336.000,00 E 00191 000 2007 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 37.420,44 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

NUOVA MACROSTRUTTURA COMUNE DI LADISPOLI SEGRETARIO GENERALE

NUOVA MACROSTRUTTURA COMUNE DI LADISPOLI SEGRETARIO GENERALE NUOVA MACROSTRUTTURA COMUNE DI LADISPOLI GIUNTA COMUNALE SINDACO AVVOCATURA POLIZIA LOCALE Viabilità e Traffico Polizia Commerciale ed Annonaria I Procedure amministrative, contravvenzioni, organizzazione

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 473.546,34 473.546,34 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti 90.000,00 90.000,00 Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 383.546,34

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

5.1- MIGLIORARE L ORGANIZZAZIONE DELL ENTE

5.1- MIGLIORARE L ORGANIZZAZIONE DELL ENTE 5.1- MIGLIORARE L ORGANIZZAZIONE DELL ENTE STATUTO COMUNALE: modifiche ed integrazioni (CC 22/13) REGOLAMENTI COMUNALI: approvazione del Regolamento sui Controlli Interni (CC 10/13) modifiche al Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 999999 10 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0.00.0000 999999 20 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010 Pag. 1 OPERATORI: PO04 LAVORI PUBBLICI OBIETTIVI: POLIZIA MUNICIPALE Attuazione del Servizio di vigilanza stradale, previsione, verifica ed aggiornamenti della segnaletica orizzontale e verticale. Adeguamento

Dettagli

INDICE PEG 2010. i. Progetto PEG: Funzionamento e miglioramento servizi erogati

INDICE PEG 2010. i. Progetto PEG: Funzionamento e miglioramento servizi erogati INDICE PEG 2010 1. PROGRAMMA RPP: SERVIZIO TRIBUTI a. ATTIVITA ORDINARIA i. Progetto PEG: Funzionamento e miglioramento servizi erogati b. PROGETTO UNIONE i. Progetto PEG: Favorire l allargamento della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1 Allegato C1 FUNZIIONIIGRAMMA AREA AMMIINIISTRATIIVA E AFFARII GENERALII. personale gestiti dall Area; Contratti di competenza dell Area e tenuta del repertorio dei contratti rogati dall Ente Archivio storico

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 152.989,91 148.585,09 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 152.989,91 148.585,09 Entrate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AI CITTADINI : UN NUOVO FORMATO DI BILANCIO PER MILANO

LA COMUNICAZIONE AI CITTADINI : UN NUOVO FORMATO DI BILANCIO PER MILANO 1 Sintesi del progetto LA COMUNICAZIONE AI CITTADINI : UN NUOVO FORMATO DI BILANCIO PER MILANO 2 Cosa accomuna le best practice? Rendono conto in modo chiaro e semplice 3 1.Chiariscono politiche perseguite

Dettagli

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio Etichette di riga nuovo progetto vecchio progetto ESPROVV FPV Totale Missione-programma 101 1172 Spese per il personale del programma Organi istituzionali 1172 121.330,02 121.330,02 1372 Spese per il personale

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 PROSPETTO DATI S I O P E D.M. 23 dicembre 2009 Incassi 2013 per codici gestionali Pagamenti 2013 per codici gestionali Disponibilità liquide 2013 INCASSI PER CODICI

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

STAMPA CONTO CONSUNTIVO RIEPILOGO GENERALE DI CLASSIFICAZIONE DELLE SPESE - COMPETENZA TITOLO I - SPESE CORRENTI

STAMPA CONTO CONSUNTIVO RIEPILOGO GENERALE DI CLASSIFICAZIONE DELLE SPESE - COMPETENZA TITOLO I - SPESE CORRENTI 1 TITOLO I - SPESE CORRENTI ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013)

COMUNE DI BERTINORO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013) 1 Disposizioni generali 1A Programma per la Trasparenza e l'integrità 1A.1 Programma per la Trasparenza e l'integrità Annuale Segretario Generale D.Lgs. 33/2013 - Art. 10, c. 8, lett. A 1A.2 Piano anticorruzione

Dettagli

Comune di Scandicci PIANO TRIENNALE INVESTIMENTI 2015-2017

Comune di Scandicci PIANO TRIENNALE INVESTIMENTI 2015-2017 Comune di Scandicci PIANO TRIENNALE INVESTIMENTI 2015-2017 Piano Triennale Investimenti 2015-2017 RIEPILOGO PER TIPO DI FINANZIAMENTO CODICE TIPO FINANZIAMENTO 2015 2016 2017 Totale 2015-2017 1 LEGGE

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

C O M U N E D I S A N F E L E

C O M U N E D I S A N F E L E PATRIMONIO ED ESPROPRI Concessione a terzi di diritti di superficie su aree a servizio per la realizzazione di strutture di interesse collettivo Gestione amministrativa del patrimonio immobiliare e demaniale

Dettagli

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente Linea di indirizzo: Linee di mandato amministrativo Relazione previsionale e programmatica Triennio 0/0 Responsabile del progetto: Arch. Riccardo Sforzi N. Nome Progetto: Smaltimento del carico pregresso

Dettagli

COMUNE DI GALATONE ELENCO RESIDUI PASSIVI AL 31/12/2014

COMUNE DI GALATONE ELENCO RESIDUI PASSIVI AL 31/12/2014 Pag. 1 1 SPESE CORRENTI 1.01 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO 1.01.01 ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO 1.01.01.03 PRESTAZIONI DI SERVIZI 12.152,45 1.01.01.07

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

Rendiconto di Gestione 2014

Rendiconto di Gestione 2014 ALLEGATO 12 Comune di Riccione Rendiconto di Gestione 2014 Altri quadri contabili Assessore al Bilancio Dott. Roberto Monaco Dirigente al Bilancio Dott.ssa Cinzia Farinelli INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ANNO 2010 Con l approvazione del Rendiconto di gestione anno 2010 l Amministrazione Comunale vuole

Dettagli

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI 5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI Responsabile: Dott. Parrinello Antonio Giuseppe Tel.: 0917076039 E-mail: agri1.areaaffarigenerali@regione.sicilia.it Assegnazione

Dettagli

SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI. MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it

SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI. MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it TABELLA A1 Descrizione procedimento SERVIZIO 1 RESPONSABILE SIG.RA LUISA GALLINI MAIL: ragioneria.tributi@comune.marcignago.pv.it Termine conclusione procedimento (gg.) Attivazione procedimento (/istanza)

Dettagli

Comune di Monte San Pietro Prov. di Bologna SERVIZIO FINANZE E PERSONALE *** RIEQUILIBRIO BILANCIO 2011

Comune di Monte San Pietro Prov. di Bologna SERVIZIO FINANZE E PERSONALE *** RIEQUILIBRIO BILANCIO 2011 Allegato A alla delibera di C.C. n. 51 del 28.9.2011 Comune di Monte San Pietro Prov. di Bologna SERVIZIO FINANZE E PERSONALE *** RIEQUILIBRIO BILANCIO 2011 PROPOSTA RIASSUNTIVA DELLE VARIAZIONI DA APPORTARE

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

SERVIZIO AMMINISTRATIVO CONTABILE SEGRETERIA GENERALE

SERVIZIO AMMINISTRATIVO CONTABILE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA GENERALE RESPONSABILE: Dott. Corrado Parola Segretario Comunale RISORSE UMANE COINVOLTE: Corrado Parola Luigi Colombano Brero Renata Rosso Eleonora Marco Rinaudo 1) Consip e Mepa Acquisto di

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

COMUNE DI MONREALE. Provincia di Palermo. BILANCIO di PREVISIONE ESERCIZIO 2011

COMUNE DI MONREALE. Provincia di Palermo. BILANCIO di PREVISIONE ESERCIZIO 2011 COMUNE DI MONREALE Provincia di Palermo BILANCIO di PREVISIONE ESERCIZIO 2011 COMUNE DI MONREALE Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2011 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione di cui Vincolato

Dettagli

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO Oggetto della fornitura: FORNITURA DI SOFTWARE, FORMAZIONE ED ASSISTENZA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato Funzionigramma della Provincia di Trieste Allegato FUNZIONIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE Pianificazione Controllo strategico e Valutazione Segretario Generale Assistenza giuridica amministrativa

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

COMUNE DI UMBERTIDE ORGANIGRAMMA Allegato D G.C. N. 250 DEL 23/11/2012 S I N D A C O SEGRETARIO GENERALE 5^ SETTORE 4^ SETTORE

COMUNE DI UMBERTIDE ORGANIGRAMMA Allegato D G.C. N. 250 DEL 23/11/2012 S I N D A C O SEGRETARIO GENERALE 5^ SETTORE 4^ SETTORE S I N D A C O SERVIZIO Polizia Municipale SEGRETARIO GENERALE VICE SEGRETARIO GENERALE 1^ SETTORE 2^ SETTORE 3^ SETTORE 4^ SETTORE 5^ SETTORE 6^ SETTORE 7^ SETTORE 8^ SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE Responsabile: Istruttore Direttivo Luciana Saggini Servizi: 1. Contabilità e bilancio 2. Personale 3. Tributi - Economato OBIETTIVI ANNO 2015 Codice:

Dettagli

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente

Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Obiettivi degli organismi gestionali dell ente Con decreto sindacale prot. n. 50 del 2 gennaio 2014 sono state attribuite le Posizioni Organizzative ai dipendenti comunali apicali nei rispettivi settori

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

COMUNE DI SCHIO PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE (P.E.G.) (Previsioni Assestate) - Esercizio Finanziario 2013 PARTE I - ENTRATA direzione: D0 SETTORE 02

COMUNE DI SCHIO PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE (P.E.G.) (Previsioni Assestate) - Esercizio Finanziario 2013 PARTE I - ENTRATA direzione: D0 SETTORE 02 direzione: D0 SETTORE 02 servizio: S04 SERVIZIO RISORSE UMANE E RELAZIONI SINDACALI Centro responsabile: R48 Servizio risorse umane e relaz.sindacali Pag.1 TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE Categoria 1 02 Tasse

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA CAP codice voce econ Descrizione della tipologia di entrata da inserire nelle risorse ASSESTATO 2014 PREVISIONE 2015 0 0000000 Avanzo di amministrazione 50.200,00 50.000,00 Titolo 1 ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE ALLEGATO 1 PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI E DELLA PERFORMANCE - PAROP SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE

Dettagli