Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Pontedera. PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) 2012"

Transcript

1 Comune di Pontedera PEG/PDO ( Piano esecutivo di gestione / Piano degli obiettivi ) giugno 2012

2 Indice generale Premessa 3-10 Deleghe Sindaco e Assessori 11 Struttura organizzativa 12 Progetti intersettoriali - Elenco 13 Progetti intersettoriali settore Pianificazione e governo del territorio e ambiente settore Progettazione ed esecuzione lavori pubblici settore Progettazione interventi di qualità urbana e manutenzioni settore Finanziario e sviluppo economico settore - Governance settore Polizia Municipale settore Servizi collettivi e alla persona Staff Gare, contratti, provveditorato ed economato Veicoli in dotazione ai Settori dell Ente PEG con l elenco degli stanziamenti per capitoli attribuiti a Dirigenti/Posizioni Organizzative 2

3 Premessa Il decreto legislativo n. 150/2009 ha introdotto, all interno della riforma del lavoro pubblico, la previsione che nell ambito del ciclo di gestione della performance venga redatto un documento denominato Piano della performance che individua gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi e alle risorse, gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell Amministrazione. Il Comune di Pontedera ha scelto di rappresentare il suddetto Piano della performance all interno del PEG/PDO attraverso un adattamento, così come previsto dalla delibera CIVIT n.121/2010. Ciò si rende possibile in quanto i documenti di programmazione previsti dal TUEL (Bilancio annuale e pluriennale, relazione previsionale e programmatica, PEG), integrati in modo opportuno anche secondo le indicazioni già formulate dalla CIVIT, possono costituire i documenti fondamentali del ciclo di gestione della performance dell Ente. Da questo anno, per una semplificazione dei documenti programmatori, si prevede l approvazione di un unica delibera della Giunta, comprendente due documenti: a) il PEG con l elenco degli stanziamenti per capitoli attribuiti a Dirigenti/Posizioni Organizzative; b) il PDO composto da: Premessa, deleghe assessorili, organizzazione dell Ente mediante raffigurazione grafica della struttura, raccordo con la relazione Previsionale e Programmatica Informazioni articolate per Settore: Risorse umane (con: nominativo, categoria, profilo professionale, rapporto a tempo indeterminato o determinato, scadenza del contratto, tempo pieno o parziale) Risorse finanziarie (con rinvio al PEG per il dettaglio dei capitoli) Veicoli in dotazione ai Settori dell Ente Obiettivi SETTORIALI (articolati per Servizi e con un range da 3 a 5 per coinvolgere tutti i dipendenti assegnati) Obiettivi INTERSETTORIALI (con descrizione analitica degli obiettivi di cui il Settore è capofila e rinvio alla mappa riassuntiva). Gli obiettivi settoriali e intersettoriali di cui sopra sono riconducibili alle linee del programma di mandato ed al contenuto della Relazione Previsionale e Programmatica 2012 sulla base della tabella che segue: 3

4 PROGRAMMI PROGETTI SOTTOPROGETTI (solo per riferimento a Peg e Pdo) DIRIGENTE RESPONSABILE 1 - LA CITTA' CHE LAVORA E CHE PRODUCE A) Sistema Pontedera: innovazione e qualità, scienza e tecnologia B) Centralità del lavoro e nuova imprenditorialità C) Infrastrutture materiali e immateriali 1 - CERFITT 2 Settore 1 - Istituzione e gestione imposta di soggiorno 4 Settore 2 - Manifestazioni varie 4 Settore 3 - Ottimizzazione del sistema "Filiera corta" 4 Settore 4 - Mercati ordinari e straordinari 4 Settore 5 - Fiera di S. Luca e altre fiere 4 Settore 6 - Gestione progetto "tu.s.a.p." e istituzione dell'osservatorio turistico di 4 Settore destinazione 1 - Servizi alle imprese - intersettoriale 2 settore 2 - Ampliamento delle rete WIFI cittadina 5 settore 2 - LA CITTA' SOLIDALE LA CITTA' DELLE OPPORTUNITA' A) Società della Salute, governo del territorio, e ruolo del terzo settore B) Strutture, assistenza e solidarietà C) Una città senza barriere D) Promozione del benessere sociale 1 - Centro per disabili 7 Settore 2 - Progetto cittadini con dignità 7 Settore 3 - Monitoraggio della gestione della struttura RSA R. Bertelli 4 - Organizzazione di giornate di studio e prevenzione 5 - Centro minori - Centro Poliedro - Progetto famiglie numerose - Centro integrato delle donne 1 - Eliminazione delle barriere architettoniche - intersettoriale 1 - Promozione di attività di socializzazione evolontariato 7 Settore 7 Settore 7 Settore 2 Settore 7 Settore 4

5 E) Pontedera centro di eccellenza sanitaria 2 - Sostegno alle associazioni culturali, sportive e socialii 7 Settore F) La sicurezza di tutti G) La legalità da costruire ogni giorno 1 - Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di videosorveglianza - intersettoriale 2 - Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale - intersettoriale 6 Settore 6 Settore 3 - Controllo settori edilizia - ambiente - commercio - prevenzione e contrasto del 6 Settore randagismo 4 - Servizio polizia stradale 6 Settore 5- Controlli di polizia giudiziaria e gestione del servizio di videosorveglianza 6 Settore 6_- Contravvenzioni, contenzioso, attività di supporto 6 Settore 7 - Educazione stradale 6 Settore 8 - Vigilanza sul territorio 1 settore H) La cooperazione internazionale I) Le politiche di genere J) La casa 1 - Progetti di cooperazione internazionale - intersettoriale 7 settore 1 - Commissione Pari Opportunità 7 settore 1 - Mantenimento patrimonio esistente ERP 7 settore 3- LA CITTA' DELLA QUALITA', LA CITTA' DALLE TANTE QUALITA' A) Tutela e valorizzazione del territorio: la qualità dello sviluppo 1 - Monitoraggio Regolamento Urbanistico 1 settore 2 - Tutela dell'ambiente 1 settore 3 - Protezione civile e piano antincendi boschivi 4 - Ricognizione aree PEEP - intersettoriale 5 1 settore Staff gare e contratti 5 - Realizzazione e manutenzione parchi e 3 settore giardini - tutela ambientale del verde 6 - Manutenzione straordinaria viabilità stradale 3 settore 7 - Manutenzione straordinaria strade e piazze 3 settore 8 - Manutenzione straordinaria fognature 3 settore

6 B) La gestione dei rifiuti C) Cultura ambientale: il giardino di tutti D) Il risparmio energetico, la qualità della vita E) Una città in trasformazione: la mobilità e la modernità sostenibile F) Progetti di qualità urbana G) Scuola, Università, Formazione 9 - Eliminazione barriere architettoniche cimiteri comunali 10 - Manutenzione straordinaria beni demaniali 1 - Conferimento, trasporto e trattamento Rsu e assimilati e igiene urbana 1 - Il giardino di tutti - manutenzione straordinaria del verde 1 - Ristrutturazione impianti di illuminazione pubblica 2 - Ampliamento e sperimentazioni di fonti energetiche alternative 6 3 settore 3 settore 3 settore 3 settore 3 settore 1 settore 1 - Ampliamento dell'area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento 6 settore delle politiche di tariffazione della sosta 2 - Parcheggi a pagamento 6 settore 3 - Promozione e noleggio biciclette 1 settore 4 - Ristrutturazione marciapiedi 2 settore 5 - Trasporti urbani ed extraurbani 3 settore 6 - Servizi cimiteriali 3 settore 7 - Manutenzione edifici e impianti 3 settore 8 - Gestione degli automezzi e mezzi d'opera 3 settore 9 - Parcheggi a pagamenti 3 settore 10 - Manutenzione segnaletica stradale 3 settore 1 - Piani attuativi e particolareggiati 1 Settore 1 - Manutenzione straordiaria scuole 3 settore 2 -Monitoraggio della qualità del servizio di 7 Settore refezione scolastica 3 - Iniziative in favore di minori e centri 7 Settore estivi 4 - Miglioramento degli asili nido e dei centri infanzia accreditati 5 - Attività di potenziamento del diritto allo studio 6 - Razionalizzazione del servizio di trasporto pubblico 7 - Progetto Sprar (Sistema di Protezione per richiedenti asilo o rifugiati ex PNA) 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 8 - Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e 7 Settore asilo nido all'unione Valdera -

7 intersettoriale 4 - AL CENTRO LA PERSONA: CULTURA, GIOVANI, SPORT A) Pontedera impresa cultura: città d'arte e di cultura B) La realtò giovanile 1 - Realizzazione. Cantiere d'arte Ugo Nespolo - intersettoriale 2 - Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, turistici, beneficio di immagine. Festival intersettoriale 3 - Biblioteca comunale in collaborazione con Unione Valdera 4 - Gestione dei Centri espositivi/ Gestione dell'autorizzazione all'utilizzo di spazi pubblici 5 - Valorizzazione dell'attività Pontedera Teatro e modifiche della convenzione. Gestione del Centrum Sete Sois Sete Luas 6 - Progetto "Bottega Taliani - La notte bianca del libro e Festival Era dei Libri 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore 7 Settore C) Il Comune per lo sport 1 - Gestione impianti sportivi 7 serttore 2-Consolidamento e sostegno dei rapporti con l'associazionismo sportivo, 7 serttore promozione di manifestazioni ed eventi sportivi 3 - "Sport in cartella" 7 settore 4 - Manutenzione straordinaria impianti sportivi 3 settore 5 - LA CITTA' CHE PARTECIPA E DECIDE. PONTEDERA, LE FRAZIONI E I QUARTIERI A) La Consulta strumento di decentramento e partecipazione B) La frazione La Rotta - Pietroconti - Il Botteghino 1 - Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo - intersettoriale 2 - Manutenzione straordinaria approdi battello 5 Settore 3 settore 7

8 C) La frazione Treggiaia D) La frazione La Borra E) La frazione Il Romito F) La frazione Montecastello G) La frazione Gello H) La frazione S. Lucia I) La frazione I Pardossi 3 - Ampliamento cimitero comunale frazione La Rotta. 2 settore 1 - Sistemazione Piazza Monti. 2 settore 2 - Manutenzione straordinaria recupero viabilità 1 - Manutenzione straordinaria via del Molino - La Borra 1 - Manutenzione straordinaria Palestra Scuola Elementare Il Romito 3 settore 3 settore 2 settore 1 - Realizzazione nuova fognatura 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore J) Il Quartiere Bellaria Galimberti K) Il quartiere Oltrera - Fuori del ponte L) Il Quartiere Centro Città - I villaggi - Il Chiesino 6 - COORDINAMENTO DEI SERVIZI SOVRACOMUNALI 1 - Teatro - Manutezione straordinaria impianti tecnici 2 settore 1 - Realizzazione interventi nel territorio 2 settore 2 - Realizzazione nuova Biblioteca comunale 3 Settore A) Unione Valdera: aumento della funzionalità del nuovo ente e conseguimento obiettivi di razionalizzazione e di qualità B) Giustizia C) Società partecipate 1 - Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e asili nido all Unione Valdera. 7 Settore 2 - Unione Valdera - Realizzazione del corpo unico di Polizia Municipale 6 Settore 1 - Sorveglianza del Palazzo di Giustizia 6 Settore 1- Monitoraggio delle società partecipate 5 Settore 8

9 7 - ORGANIZZAZIONE, INNOVAZIONE E USO CORRETTO DELLE RISORSE A) Riorganizzazione funzioni comunali 1 - SIT Sistema informativo territoriale - intersettoriale 1 settore 2 - Anagrafe on line - intersettoriale 7 settore 3 - Recupero dell'evasione fiscale - intersettoriale 4 -Organizzazione cerimonie istituzionali e manifestazioni - intersettoriale 5 - Mappatura delle attività delle strutture organizzative - intersettoriale 6 - Revisione statuto e regolamenti - intersettoriale 4 settore 5 Settore 5 settore 5 Settore 7 - Razionalizzazione degli spazi del palazzo comunale - intersettoriale 4 Settore 8 - Attività edilizia 1 Settore 9 - Ll'Ufficio Relazioni con il pubblico e il cittadino. 7 settore 10 - Gestione opere pubbliche 2 settore 11 - Attività contrattuale - lavori - forniture beni e servizi 12 - Assicurazioni Staff gare contratti provveditorato economato Staff gare contratti provveditorato economato Staff gare contratti provveditorato economato 13 - Economato e gestione del magazzino 14 - Concessioni suolo pubblico 3 settore 15 - Imposta municipale propria 4 settore 16 - COSAP 4 settore 17 - contabilità IVA e fornitori 4 settore 18 - TARSU -TIA - TARES 4 settore 19 - Organi istituzionali 5 Settore 20 - Segreteria generale 5 Settore 21 - Protocollo e archivio 5 Settore 22 - Custodia e pulizia 5 Settore 23 - Razionalizzazione della disciplina degli orari e dei permessi 24 - Attivazione nuovi incarichi di posizione organizzativa 25 - Programmazione fabbisogno personale 26 - Adeguamento attrezzature hardware comunali 5 Settore 5 Settore 5 Settore 5 Settore 27 - Mantenimento continuità operativa del 5 Settore sistema informatico 9

10 B) Politiche comunicative e di partecipazione C) Politiche di bilancio D) Programmazione e controllo E) Innovazione e semplificazione F) Sistema dei rapporti sindacali 28 - Aggiornamento piano di continuità operativa 29 - Mantenimento e ottimizzazione risorse informatiche interne 5 Settore 5 Settore 30 - Razionalizzazione delle telecomunicazioni 5 Settore 31 - Attività di coordinamento 5 Settore 1 - Urban Center 1 settore 2 - Comunicazione esterna 5 Settore 3 - Regolamento sul procedimento amministrativo 1 - Predisposizione bilancio intersettoriale 2 -Formazione bilancio 2012 e mantenimento equilibri di bilancio 3 - Rispetto del Patto di stabilità - intersettoriale 5 Settore 4 settore 4 settore 4 settore 4 - Reperimento entrate attraverso ricerca 5 settore contributi esterni - intersettoriale 5 - Conto del bilancio settore 6 - Gestione finanziaria parte corrente e investimenti 4 settore 7 - Cessione del credito a terzi 4 settore 1 - Programmazione attività intersettoriale 5 Settore 2 - Controllo di gestione 5 Settore 1 - Mandato di pagamento elettronico - intersettoriale 4 settore 2 - Avvio della digitalizzazione dei documenti e del fascicolo elettronico 7 Settore 3 - Anagrafe verso il cittadino 7 settpre 4 - Semplificazione degli atti e documenti 5 Settore 1 - Contrattazione decentrata e relazioni sindacali 5 Settore 2 - Modifica del Sistema di Misurazione e valutazione della performance (SMIVAP) 5 settore 3 - Valutazione del personale 5 Settore 10

11 Simone MILLOZZI Sindaco Politiche del lavoro, urbanistica, edilizia, pianificazione territoriale, polizia municipale, mobilità sostenibile, società della salute, comunicazione DELEGHE ASSESSORI Ass. Massimiliano SONETTI - ViceSindaco Lavori pubblici, ambiente, protezione civile, enti derivati, cooperazione internazionale, pace e diritti umani Ass. Stefano TOGNARELLI Sviluppo economico, attività produttive, commercio e turismo, innovazione e trasferimento tecnologico, cura della qualità e decoro urbano, parchi e verde pubblico, piano energetico, città sostenibile e partecipata, decentramento Ass. Liviana CANOVAI Cultura, politiche socio-educative scolastiche, politiche integrate con l università, politiche giovanili, città dei bambini, politiche per la legalità e i doveri di cittadinanza, città dei valori e della memoria, pari opportunità Ass. Marco CECCHI Di politiche abitative, edilizia residenziale pubblica e sociale, servizi e sistemi informativi e statistici, trasparenza amministrativa, tutela del consumatore Ass. Matteo FRANCONI Diritto alla salute, politiche sociali e sanitarie, politiche per l integrazione, coordinamento rapporti con il terzo settore e con il volontariato, sport Ass. Marco PAPIANI Personale, bilancio, politiche di semplificazione amministrativa, patrimonio 11

12 12

13 PROGETTI INTERSETTORIALI Elenco N. Sottoprogetto pag. 1 Istituzione e gestione imposta di soggiorno 14 2 Eliminazione delle barriere architettoniche 16 3 Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di 18 videosorveglianza 4 Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale 19 5 Progetti di cooperazione internazionale 20 6 Ricognizione aree PEEP 21 7 Ampliamento dell area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento delle 22 politiche di tariffazione della sosta 8 Realizzazione Cantiere d Arte Ugo Nespolo 23 9 Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, 24 turistici, beneficio di immagine - Festival Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo Passaggio della gestione dei servizi di refezione scolastica, trasporto scolastico e 27 asili nido all Unione Valdera 12 Unione Valdera Realizzazione del Corpo Unico di Polizia Municipale Sistema Informativo territoriale Anagrafe on line Recupero dell evasione fiscale Revisione statuto e regolamenti Organizzazione cerimonie istituzionali e manifestazioni Mappatura delle attività delle strutture organizzative Razionalizzazione degli spazi del palazzo comunale Reperimento entrate attraverso ricerca contributi esterni Rispetto del Patto di stabilità Predisposizione bilancio Programmazione attività Controllo di gestione Mandato di pagamento elettronico Semplificazione degli atti e dei documenti 45 13

14 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: STEFANO TOGNARELLI PROGRAMMA: 1 LA CITTA CHE LAVORA E CHE PRODUCE PROGETTO: B CENTRALITA DEL LAVORO E NUOVA IMPRENDITORIALITA Sottoprogetto intersettoriale - ISTITUZIONE E GESTIONE IMPOSTA DI SOGGIORNO Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Istituzione e gestione imposta di soggiorno.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 4 SETTORE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 4 SETTORE SERV. TRIBUTI E 5 SETTORE SERV. SEGRETERA SINDACO; PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Incontri di concertazione con i gestori delle strutture ricettive Predisposizione del regolamento sull imposta di soggiorno Predisposizione delle tariffe dell imposta Predisposizione della cartellonistica e della modulistica da fornire ai gestori delle strutture ricettive Predisposizione atti relativi all apertura del nuovo conto corrente postale Predisposizione atti di approvazione della modulistica Consegna diretta ai gestori delle strutture ricettive del materiale necessario Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico e Serv. Tributi Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Serv. Svil. Economico Sv. Economico e Segr. Sindaco 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 30/04 30/04 14

15 Predisposizione schede informative da inserire sul sito web Riscossione imposta e gestione delle attività di controllo mediante incrocio fra i dati dei pernottamenti forniti dalle strutture ricettive e i versamenti pervenuti Sv. Economico e Segr. Sindaco 30/04 Serv. Tributi x x 15

16 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MATTEO FRANCONI/MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 2- LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: C - UNA CITTA SENZA BARRIERE Sottoprogetto intersettoriale - Eliminazione delle barriere architettoniche Descrizione sintetica dell obiettivo: Interventi tesi al miglioramento dell accessibilita e dell usabilita ambientale per il raggiungimento dell inclusione sociale VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 2 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: TUTTI I SETTORI PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Laboratorio comunale per l accessibilita proposte progettuali sul tema Citta senza barriere Tutti i settori Rilevazione di parte del territorio Comunale convenzione Universita degli studi di Pisa Rilevazione di parte del territorio Comunale convenzione Universita degli studi di Firenze con il sistema laser scanner 3D 1 settore settore Giardino Bella di Mai seminario formativo e processo partecipativo 1 settore approvazione progetto definitivo come esempio di giardino accessibile 2 settpre Seminario di aggiornamento per tecnici pubblici e liberi professionisti sul tema della fruibilita di ambienti ed attrezzature da parte di profili d utenza diversi Collaborazione con associazioni per progetti sperimentali di rilevazione di ogni ostacolo alla mobilità 1 settore Tutti i settori x x x x 16

17 17

18 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: F LA SICUREZZA DI TUTTI Sottoprogetto intersettoriale - Realizzazione postazione di controllo semaforico e potenziamento del sistema di videosorveglianza Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Miglioramento della sicurezza stradale e della videosorveglianza in alcuni punti della città. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 3 SETTORE E 5 SETTORE SERV. SISTEMA INFORMATIVO E INNOVAZIONE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Attivazione di una postazione fissa per il controllo automatico delle 6 Settore e S.I.I violazioni inerenti il passaggio con il semaforo rosso dei veicoli Realizzazione opere infrastrutturali e di segnaletica stradale 3 Settore Verifica del sistema informatico della videosorveglianza, aggiornamento, modifiche di sistema e manutenzione ordinaria S.I.I X X X X Monitoraggio delle zone a più alto rischio e realizzazione di nuove postazioni di videosorveglianza e sua implementazione zona Piazza Kennedy e giardini limitrofi 6 Settore e S.I.I. 30/09 N.verifiche con il sistema di videosorveglianza giornaliere 18

19 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO: F LA SICUREZZA DI TUTTI Sottoprogetto intersettoriale - Miglioramento delle politiche di sicurezza ambientale Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Implementazione delle politiche e delle azioni di contrasto alle situazioni di degrado e deposito incontrollato di rifiuti, spesso pericolosi quali eternit.. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 1, 3 e 5 SETTORE- SERV. SISTEMA INFORMATIVO E INNOVAZIONE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Elaborazione ed adozione nuovo regolamento sui rifiuti 1 e 6 Settore Acquisto ed installazione di n. 3 telecamere per controllo abbandono di rifiuti 3, 6 e S.I.I Monitoraggio e tutela del territorio per contrasto abbandono di rifiuti 6 Settore x x x x Controllo del territorio in materia ambientale Giornaliero 19

20 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 2 - LA CITTA SOLIDALE, LA CITTA DELLE OPPORTUNITA PROGETTO H - LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Sottoprogetto intersettoriale Progetti di cooperazione internazionale Descrizione sintetica dell obiettivo: Completamento del progetto di costruzione del Centro per disabili a Leon Nicaragua e del Progetto URBAL. Monitoraggio del Progetto finanziato dalla UE in Colombia. Organizzazione della 2 Conferenza Dialogo fra territori. Istituzione del Centro di studi sulla cooperazione internazionale in collaborazione con l Università di Pisa c/o locali ex Agenzia delle Entrate VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA - 7 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 2 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM Inaugurazione del Centro per disabili Giovanni Gronchi a Leon 7 e 2 settore 29/02 Partecipazione al completamento del Progetto URBAL 2 settore 31/12 Monitoraggio progetto UE 7 settore 30/06 Affidamento organizzazione della conferenza a ONG 7 settore 30/09 Supporto allo svolgimento conferenza 7 settore 31/12 Ristrutturazione locali ex Agenzia delle entrate 2 settore 31/12 Inaugurazione centro di studi 7 settore 31/12 Predisposizione convenzione con università 7 settore 31/12 20

21 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 3 LA CITTA DELLA QUALITA, LA CITTA DALLE TANTE QUALITA PROGETTO: A) TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO: LA QUALITA DELLO SVILUPPO Sottoprogetto intersettoriale - Ricognizione aree PEEP Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Acquisizione in proprietà aree PEEP già concesse in diritto di superficie. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: STAFF GARE, CONTRATTI, PROVVEDITORATO ED ECONOMATO SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 1 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Ricognizione delle aree PEEP già concesse in diritto di superficie e conseguente ipotesi di quantificazione degli oneri Istruttoria degli atti per la redazione dei contratti di trasformazione delle aree da diritto di superficie in proprietà, stipula dell atto, registrazione e trascrizione nei Registri immobiliari Settori/Servizi coinvolti 1 Settore I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM 31/12 Staff Gare x x x x n. contratti/n richieste di acquisto 100% 21

22 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI PROGRAMMA: 3 LA CITTA DELLA QUALITA, LA CITTA DELLE TANTE QUALITA PROGETTO: E UNA CITTÀ IN TRASFORMAZIONE: LA MOBILITÀ E LA MODERNITÀ SOSTENIBILE Sottoprogetto intersettoriale - Ampliamento dell area riservata ai parcheggi a pagamento e miglioramento delle politiche di tariffazione della sosta Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Migliore organizzazione e fruibilità degli spazi di sosta cittadini. VALENZA: 3 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: 6 SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 3 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Studio e realizzazione nuove aree di sosta a pagamento in particolare: 1) ampliamento zona blu sottopasso ferroviario via XXI Aprile 2) realizzazione nella piazza Solidarietà di n. 15 stalli riservati ad abbonati e donne in gravidanza. Settori/Servizi coinvolti I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM 3 e 6 Settore Monitoraggio sull utilizzazione dei posti di parcheggio a pagamento e verifica sulla possibilità di modifica delle tariffe orarie 6 Settore

23 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: MASSIMILIANO SONETTI/LIVIANA CANOVAI PROGRAMMA: 4 - AL CENTRO LA PERSONA, CULTURA, GIOVANI, SPORT PROGETTO: A - -PONTEDERA IMPRESA CULTURA: CITTA D ARTE E DI CULTURA Sottoprogetto intersettoriale - Realizzazione Cantiere d Arte Ugo Nespolo Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Valorizzazione e riqualificazione di alcune zone storiche della città con interventi artistici e costruzione di un tessuto di relazioni tra enti, istituzioni attraverso una mediazione culturale che sensibilizzi ed educhi all arte. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: SETTORE 3 PROGETTAZIONE INTERVENTI DI QUALITÀ URBANA E MANUTENZIONI SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE: 7 SETTORE SERV. ATTIVITA CULTURALI PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Presentazione alla Stampa del progetto Stampa catalogo Settori/Servizi coinvolti Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Rifacimento facciata e arredo Banca Popolare Lajatico curato da Ugo Nespolo 3 Settore 30/09 Mostra opere di Nespolo 3 Settore 30/09 Arredo urbano con panchine e fioriere disegnate da Nespolo in Via Dante 3 Settore 31/12 I TRIM II TRIM 30/06 III TRIM 30/09 IV TRIM 23

24 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: LIVIANA CANOVAI PROGRAMMA: 4 AL CENTRO LA PERSONA: CULTURA, GIOVANI, SPORT PROGETTO A - PONTEDERA IMPRESA CULTURA: CITTA D ARTE E DI CULTURA Sottoprogetto intersettoriale - Interventi a favore della cultura come risorsa anche in termini di ritorni economici, turistici, beneficio di immagine - Festival 2012 Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Promozione della produzione di spettacoli e di giovani talenti, della diffusione delle arti e della musica,della formazione del pubblico, della stabilizzazione fra diverse compagnie, della sperimentazione di linguaggi e temi innovativi, della difesa delle diverse tradizioni dello spettacolo e delle pluralità dei linguaggi, della socializzazione ed integrazione fra diverse culture.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA: SETTORE - 7 SETTORE SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 3 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Collaborazione e coordinamento con le associazioni: Festival e Arte C era una volta un castello Giocalarte Sete Sois Sete Luas Musicastrada Utopia del Buongusto Settori/Servizi coinvolti Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali Serv. Attività culturali I TRIM II TRIM III TRIM IV TRIM X X X X Collaborazione per gli allestimenti 3 Settore 31/05 30/09 31/05 30/09 30/09 30/09 24

25 n. complessivo presenze manifestazioni > 2011 (n.) n. eventi programmati > 2011 (n.) 25

26 ASSESSORE DI RIFERIMENTO: SIMONE MILLOZZI/MASSIMILIANO SONETTI PROGRAMMA: 5 LA CITTA CHE PARTECIPA E DECIDE. PONTEDERA, LE FRAZIONI E I QUARTIERI PROGETTO: B LA FRAZIONE LA ROTTA PIETROCONTI IL BOTTEGHINO Sottoprogetto intersettoriale _ Valorizzazione del progetto di navigabilità fra La Rotta e il capoluogo Descrizione sintetica del sottoprogetto intersettoriale: Navigabilità dell Arno tramite battello fluviale.. VALENZA: 4 SETTORE/SERVIZIO CAPOFILA - 5 SETTORE SEGRETERIA SINDACO E SUPPORTO AGLI ORGANI SETTORI E SERVIZI COINVOLTI PER LA REALIZZAZIONE DEL SOTTOPROGETTO INTERSETTORIALE - 1, 3 E 7 SETTORE PIANO GENERALE DELLE ATTIVITÀ del Sottoprogetto intersettoriale Settori/Servizi coinvolti Incontri con i comuni limitrofi per ampliamento progetto navigabilità 1 Settore x x x x Organizzazione percorsi fluviali lungo il fiume con battello per cittadini e turisti nel Serv. Segreteria X X periodo estivo con iniziative culturali e del tempo libero Sindaco Puntuale realizzazione di tutti gli interventi di supporto occorrenti alla navigabilità 3 Settore 30/06 I TRIM II TRIM Sistemazione approdi per i vari attracchi del battello e manutenzione del battello 3 Settore 30/06 Realizzazione servizi di promozione delle iniziative da parte del Comune e di soggetti diversi, stipula convenzione per attività ricreative collegate e di 7 Settore 30/06 navigazione n. utenti > 2011 (n ) III TRIM IV TRIM 26

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento ordinario n. 160 al Bollettino Ufficiale n. 32 del 27 agosto 2011 Poste Italiane S.p.A. - Spediz. in abb. postale 70% - DCR Roma REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015 Piano delle Performance Tri io 20124 PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015 Piano delle Performance - Triennio 2012/2014 Piano delle Performance - Triennio 2012 014 Comune di Cellamare Piano triennale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli