Domande frequenti. Generale. Visualizzare la versione di pilight

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande frequenti. Generale. Visualizzare la versione di pilight"

Transcript

1 Domande frequenti Domande frequenti...1 Generale...1 Visualizzare la versione di pilight...1 Risoluzione del problema di connessione SSDP...2 Disattivazione completa di SSDP...2 Utilizzo di PHP all'interno del webserver pilight...2 Uso di altri dispositivi oltre a quelli a MHz...2 Risoluzione dei protocolli Lirc e 1-wire interrotti...2 Alto utilizzo della CPU dopo un aggiornamento del kernel...2 Trasmissione e ricezione...3 Il ricevitore connesso a GPIO non funziona...3 Vedo solo i codici trasmessi e non quelli ricevuti...3 Apprendimento di nuovi codici inviati da pilight...3 Configurazione...4 Come utilizzare i codici raw nella configurazione...4 Come risolvere una WebGUI vuota...4 L'impostazione send-repeat non funziona più...4 Compilazione...5 Come correggere gli errori relativi alle dipendenze mancanti...5 Miti...5 Supporto per Domoticz e pimatic...5 Raspberry Pi non è sufficientemente veloce per gestire un software domotico...5 Generale Visualizzare la versione di pilight Per visualizzare la versione in esecuzione utilizzare il seguente comando: pilight-daemon -V Se si tratta di una versione stabile, verrà visualizzata solo la versione: pilight-daemon version v7.0 Se invece si tratta di una versione di sviluppo, verrà visualizzato anche un messaggio di commit che indicherà l'ultimo commit incluso nella vostra compilation. pilight-daemon version v gb64a135 In questo caso è in esecuzione il 24 commit dopo la versione 7.0 con l'id SHA gb64a135. Per vedere di quale commit si tratta, consultare la lista git development commit.

2 Risoluzione del problema di connessione SSDP Assicuratevi che le vostre iptables siano impostate correttamente: sudo iptables -A INPUT -s j ACCEPT Assicuratevi anche che le interfacce di rete siano configurate correttamente in /etc/network/interfaces: 1 auto lo 2 iface lo inet loopback 3 allow-hotplug eth0 4 auto eth0 5 iface eth0 inet static 6 address x.x.x.x 7 netmask gateway x.x.x.x Specialmente la parte iface lo inet loopback è essenziale per il funzionamento di SSDP. Dopo aver apportato queste modifiche può essere necessario eseguire un reboot. Disattivazione completa di SSDP Per disattivare completamente SSDP aggiungere in config.json l'impostazione "standalone": 1. Tuttavia, siccome tutti i client pilight utilizzano SSDP per trovare il daemon pilight principale, quando si desidera controllare questo daemon in esecuzione standalone è necessario fornire gli argomenti server e porta. Utilizzo di PHP all'interno del webserver pilight Avete probabilmente riscontrato questo messaggio durante l'esecuzione di pilight in modalità debug: pilight-daemon: ERROR: php support disabled due to missing php-cgi executable Significa che mancano alcuni pacchetti per poter eseguire PHP. I pacchetti necessari a pilight per il supporto di PHP sono: php-cgi base64 cat Uso di altri dispositivi oltre a quelli a MHz pilight è stato realizzato con dispositivi a MHz come riferimento, ma il codice non è limitato a questa frequenza. In realtà abbiamo sempre scritto il codice pensando anche ad altre frequenze. L'unica ragione per cui altre frequenze come ad esempio 868 MHz non sono supportate è la mancanza di tempo e la mancanza di altri sviluppatori che lo possano fare. La parte hardware di pilight è completamente modulare, quindi, aggiungere il supporto per altre frequenze, dovrebbe essere facile come scrivere nuovi protocolli. Risoluzione dei protocolli Lirc e 1-wire interrotti Probabilmente avete installato l'ultima versione del kernel di Raspberry Pi. Il nuovo kernel lavora con una struttura dei dispositivi ad albero in modo che il kernel sappia quali dispositivi si desidera utilizzare. Consultare la documentazione Raspberry Pi su come usare questa nuova struttura dei dispositivi. Alto utilizzo della CPU dopo un aggiornamento del kernel La libreria wiringpi GPIO utilizzata in pilight versioni 5.0 e inferiori conteneva un bug. Questo è stato risolto nelle le versioni 6 e superiori.

3 Trasmissione e ricezione Il ricevitore connesso a GPIO non funziona La ragione più frequente di questo problema è la qualità del ricevitore. Molti utenti acquistano ricevitori non supportati (e a basso costo) spesso chiamati FS1000A e XY-MK-5V sia da ebay, DealExtreme o siti simili. Questi ricevitori hanno una portata terribilmente bassa. Per verificare che il problema sia imputabile al ricevitore e non un difetto di collegamento al Raspberry Pi, assicurarsi di mantenere il telecomando vicino al ricevitore. Se il problema persiste, controllare i collegamenti. Desiderando utilizzare pilight per il controllo di dispositivi situati in tutta la vostra casa, considerate l'acquisto di un ricevitore di buona qualità. Consultare lo shop pilight per le periferiche supportate. Vedo solo i codici trasmessi e non quelli ricevuti pilight-receive restituisce sempre un valore di origine. Questo significa che è possibile stabilire da dove proviene il codice emesso. Solo se questo campo indica receiver il codice è stato raccolto dal ricevitore. Se indica sender i codici sono stati creati ed elaborati internamente. pilight elabora questi codici come se fossero codici ricevuti, in modo da potere aggiornare le interfacce grafiche e la configurazione. Quindi solo se è indicato receiver si è sicuri che non sono stati generati da pilight. Apprendimento di nuovi codici inviati da pilight Alcuni protocolli supportano l'apprendimento. Questa funzione di apprendimento invia temporaneamente una quantità crescente di codici al dispositivo. Controllare sender arguments nella sezione protocolli per vedere se la funzione è supportata. Questo è un esempio con il protocollo KlikAanKlikUit: ~#pilight-send -p kaku_switch -i 1 -u 1 -t -l

4 Configurazione Come utilizzare i codici raw nella configurazione Questo non è possibile, perché pilight non può conoscere il significato di questi codici e come interpretarli. Come risolvere una WebGUI vuota È necessario aggiungere i dispositivi anche nella sezione "GUI" di config.json, non solo nella sezione "devices". L'impostazione send-repeat non funziona più La versione 6 di pilight è stata l'ultima a avere l'impostazione globale send-repeat. Questa impostazione indicava a pilight il numero delle ripetizioni del treno di impulsi trasmessi e è stata rimossa perché interferiva con una moltitudine di protocolli. La maggior parte dei telecomandi ripetono un treno di impulsi da 2 a 6 volte a ogni pressione di un tasto. In alcuni dispositivi tutti i treni di impulsi sono identici, quindi la loro ripetizione non presenta problemi. Tuttavia, in alcuni dispositivi, il primo treno di impulsi differisce dai treni di impulsi successivi. Inoltre, alcuni dispositivi trasmettono una sequenza di impulsi di wakeup per attivare la logica wakeup interna prima del primo treno di impulsi. La maggior parte dei dispositivi utilizzano impulsi footer mentre altri trasmettono impulsi header e alcuni li trasmettono entrambi. Su alcuni telecomandi, se si mantiene premuto il tasto, viene inviata una serie di treni di impulsi finché non lo si rilascia, altri arrestano l'invio dei treni di impulsi dopo un certo periodo di tempo e alcuni impostano un bit di commutazione per i treni di impulsi ripetitivi ogni volta che si preme un tasto. pilight non distingueva tra questi diversi schemi di funzionamento, in quanto il parametro send-repeat specificava soltanto quante volte un singolo treno di impulsi doveva essere ritrasmesso per l'insieme dei dispositivi. Aumentando i send-repeat globali in realtà si danneggiavano molti di questi protocolli. Abbiamo quindi rimosso il vecchio parametro send-repeat globale e lo abbiamo sostituito con un parametro di ripetizione specifico per ogni protocollo, che però attualmente non è configurabile dall'utilizzatore. Abbiamo anche constatato che nella quasi totalità dei casi la soluzione non consiste nell'aumento del numero di send-reepeat ma nell'uso di una buona antenna.

5 Compilazione Come correggere gli errori relativi alle dipendenze mancanti -- Looking for libunwind CMake Error at CMakeLists.txt:42 (message): Looking for libunwind - not found -- Configuring incomplete, errors occurred! Se si verifica un errore simile, significa che mancano alcune delle dipendenze richieste da pilight. Attualmente, queste dipendenze sono: libunwind libpcap Come installare queste dipendenze dipende dalla vostra piattaforma. Miti Supporto per Domoticz e pimatic La possibilità c'è, ma spetta agli sviluppatore di Domoticz e pimatic aggiungere (o aggiungere nuovamente) il supporto. Raspberry Pi non è sufficientemente veloce per gestire un software domotico Quasi tutte le soluzioni disponibili per la domotica su Raspberry Pi utilizzano hardware esterno come RFXCom e Tellstick. pilight invece è la dimostrazione che anche con l'hardware più semplice un Raspberry Pi può essere trasformato in una soluzione domotica completa. Anche senza dover filtrare il rumore del ricevitore, il Raspberry Pi può facilmente elaborare tutti gli impulsi. Senza filtro passa-basso, pilight utilizza circa il 40% della CPU. Questo lascia molte risorse per altre applicazioni. Tuttavia, i ricevitori RF possono svuotare i buffer GPIO, quindi se si utilizza pilight senza una sorta di filtraggio hardware, non si possono usare contemporaneamente altre applicazioni intensive GPIO, come ad esempio la ricezione di IR con Lirc.

1 "log-file": "/var/log/pilight.log" 2 "log-file": "c:/pilight/pilight.log"

1 log-file: /var/log/pilight.log 2 log-file: c:/pilight/pilight.log Impostazioni Impostazioni...1 Introduzione...2 Core...2 port...2 standalone...2 pid-file...2 log-file...2 log-level...2 whitelist...3 stats-enable...3 watchdog-enable...3 Percorsi dei moduli...4 action-root...4

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Gestione a microprocessore 24 sensori memorizzabili 8 uscite allarme uno per canale 8 canali con 3 sensori per ogni canale 10 telecomandi programmabili 1 uscita

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

Internetworking TCP/IP: esercizi

Internetworking TCP/IP: esercizi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Fondamenti di Reti di Telecomunicazione prof. A. Capone Internetworking TCP/IP: esercizi 1 Esercizio 7.1 Si consideri la rete in figura dove

Dettagli

PACKET FILTERING IPTABLES

PACKET FILTERING IPTABLES PACKET FILTERING IPTABLES smox@shadow:~# date Sat Nov 29 11:30 smox@shadow:~# whoami Omar LD2k3 Premessa: Le condizioni per l'utilizzo di questo documento sono quelle della licenza standard GNU-GPL, allo

Dettagli

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Diagnosi dei problemi Valutazione dei dati macchina Problemi e soluzioni Garanzia di protezione del cliente 701P41696 Descrizione generale di Servizi

Dettagli

Manuale per gli utenti di Bluetooth

Manuale per gli utenti di Bluetooth Manuale per gli utenti di Bluetooth (RIF-BT10) Indice 1. Che cosa è Bluetooth?... 3 2. Funzioni dell adattatore Bluetooth (RIF-BT10)... 4 3. Descrizione del prodotto... 5 4. Configurazione del sistema...

Dettagli

INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI

INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI CITROËN INFODIAG STRUMENTI DI DIAGNOSI LEXIA PROXIA CD 29 DIREZIONE POST- VENDITA DOCUMENTAZIONE TECNICA FILIALI / DISTRIBUTORI VN CITROËN - Preparatore VN - Coordinatore Campagne RIPARATORI AUTORIZZATI

Dettagli

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati Instradamento IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP seconda parte di Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa seconda parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

Software di applicazione Tebis

Software di applicazione Tebis Software di applicazione Tebis Interfaccia allarme LS / KNX filare Caratteristiche elettriche / meccaniche: vedi manuale prodotto Riferimento prodotto Denominazione prodotto Rif. software di applicazione

Dettagli

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari ARP/RARP Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Problema della Risoluzione dell

Dettagli

Universal Gateway for ALL

Universal Gateway for ALL Laboratorio: Costruiamolo insieme. Design for all, artigiani digitali e disabilità: esperienze di progettazione partecipata UGA Universal Gateway for ALL Usare piattaforme embeddedper accedere a dispositivi

Dettagli

Componenti di un sistema operativo

Componenti di un sistema operativo Componenti di un sistema operativo di Daniele Margutti CONTATTI Mail: daniele@malcombsd.com AIM/iChat: malcombsd Web: http://www.malcombsd.com INDICE: 1. Nota introduttiva 2. La gestione dei processi di

Dettagli

Guida dell utilizzatore

Guida dell utilizzatore I Software di gestione dei dati musicali Data Manager 6.0 Guida dell utilizzatore Usare questo manuale unitamente alla Guida dell utilizzatore fornita con lo strumento. DM6-I-1A Indice Introduzione...4

Dettagli

LASER NAVIGATION 45.30.43N 009.50.50 E

LASER NAVIGATION 45.30.43N 009.50.50 E o 1 SISTEMA FREDDO SICURO CON ANTINTRUSIONE Il Sistema Freddo Sicuro è un utile strumento per il monitoraggio in automatico d impianti frigoriferi, quali ad esempio celle frigorifere per la conservazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

versione 1.2 Trento - Via Lunelli, 39 38100 ITALY Tel :0039 0461 1851212 Fax :0039 0461 421419 info@wildix.com support@wildix.com

versione 1.2 Trento - Via Lunelli, 39 38100 ITALY Tel :0039 0461 1851212 Fax :0039 0461 421419 info@wildix.com support@wildix.com Manuale di amministrazione Sistemi Wildix Trento - Via Lunelli, 39 38100 ITALY Tel :0039 0461 1851212 Fax :0039 0461 421419 info@wildix.com support@wildix.com versione 1.2 Indice 1.Come connettersi in

Dettagli

Filtraggio del traffico IP in linux

Filtraggio del traffico IP in linux Filtraggio del traffico IP in linux Laboratorio di Amministrazione di Sistemi L-A Dagli appunti originali di Fabio Bucciarelli - DEIS Cos è un firewall? E un dispositivo hardware o software, che permette

Dettagli

MANUALE DELL'UTENTE DEL SISTEMA DI CASELLA VOCALE

MANUALE DELL'UTENTE DEL SISTEMA DI CASELLA VOCALE 7 MANUALE DELL'UTENTE DEL SISTEMA DI CASELLA VOCALE Chiedere assistenza all'amministratore per compilare queste informazioni. Indicare il numero di telefono dell'azienda e il numero del supervisore automatico,

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

esercizi su sicurezza delle reti 2006-2008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

esercizi su sicurezza delle reti 2006-2008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti esercizi su sicurezza delle reti 20062008 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti 1 supponi i fw siano linux con iptables dai una matrice di accesso che esprima la policy qui descritta

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

SAMBA COS È? Samba è un software che fornisce servizi di condivisione utilizzando il protocollo SMB (Server Message Block). A differenza di altri programmi, Samba è gratuito e Open Source, e permette l

Dettagli

Raspberry Pi - Labolatorio Informatica

Raspberry Pi - Labolatorio Informatica Raspberry Pi - Labolatorio Informatica Indice 1 Prerequisiti 2 2 Installazione di Raspbian su scheda SD 2 2.1 Installazione con Linux...................................... 2 2.2 Installazione con Windows....................................

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

TOR. The Onion Router project Marcello Viti marcello@linux.it

TOR. The Onion Router project Marcello Viti marcello@linux.it TOR The Onion Router project Marcello Viti marcello@linux.it LA PRIVACY E il diritto di una persona di esercitare le misure di controllo affinché le informazioni che la riguardano vengano trattate o guardate

Dettagli

Configurazione della stazione RSNET4

Configurazione della stazione RSNET4 Configurazione della stazione RSNET4 Colleghiamo la stazione RSNET4 all alimentazione elettrica utilizzando l alimentatore fornito in dotazione e alla rete ethernet tramite un cavo adatto (non fornito).

Dettagli

Server SAT>IP Istruzioni applicative per la Web User Interface di EXIP 414

Server SAT>IP Istruzioni applicative per la Web User Interface di EXIP 414 EXIP 414 Server SAT>IP Istruzioni applicative per la Web User Interface di EXIP 414 Nel descrivere la Web User Interface di EXIP 414 si presuppone che EXIP 414 sia collegato secondo le istruzioni applicative

Dettagli

SWPI LAMP. SWPi + Webserver Apache2 + MYSQL + PHP + FTP + WEBMIN!

SWPI LAMP. SWPi + Webserver Apache2 + MYSQL + PHP + FTP + WEBMIN! SWPI LAMP Ovvero, una completa meteo station con : SWPi + Webserver Apache2 + MYSQL + PHP + FTP + WEBMIN! Questo tutorial nasce dalla esigenza di avere una stazione meteo completa e capace di visualizzare

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE

MANUALE D INSTALLAZIONE SJ604AX SH602AX SH602AX: tele 2 pulsanti con ritorno informaz. SJ604AX: tele 4 pulsanti con ritorno informaz. MANUALE D INSTALLAZIONE Indice 1. Presentazione... 1 2. Preparazione... 2 3. Apprendimento...

Dettagli

Controllo comunicazioni

Controllo comunicazioni Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO Multiplexer ricevitore e trasmettitore compatibile serie Genio Allarme. ART. 9010 Omologazione CE - EN 301 1; Omolog. frequenze EN300 220-3. Conforme alla direttiva R&TTE 99/05/CE Ver. 270902 rev.3 MANUALE

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

La Soluzione Telematica Innovativa per l auto basata su Microsoft Auto

La Soluzione Telematica Innovativa per l auto basata su Microsoft Auto F I A T 5 0 0 La Soluzione Telematica Innovativa per l auto basata su Microsoft Auto SOMMARIO INFORMAZIONI GENERALI... 3 Il vivavoce... 3 Il lettore messaggi SMS... 5 Il Media Player... 6 Sicurezza stradale...

Dettagli

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall Il firewall ipfw Introduzione ai firewall classificazione Firewall a filtraggio dei pacchetti informazioni associate alle regole interpretazione delle regole ipfw configurazione impostazione delle regole

Dettagli

Guida all'installazione del software

Guida all'installazione del software Guida all'installazione del software Il manuale spiega come installare il software con una connessione USB o di rete. La connessione di rete non è disponibile per i modelli SP 200/200S/203S/203SF/204SF.

Dettagli

Descrizione dell Applicazione

Descrizione dell Applicazione IC00B01DMXFI01010004 Descrizione dell Applicazione Gateway KNX / DMX IC00B01DMX 1/12 DESCRIZIONE GENERALE Il Gateway KNX/DMX è un interfaccia tra il bus KNX ed il bus DMX512. Combina elementi building

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 2 LEZIONE STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

TV in alta definizione

TV in alta definizione Guida per vedere HDTV su PC Lo standard utilizzato dalle trasmissioni TV digitali è definito SDTV ( Standard Definition TV), dove la qualità trasmissiva è quella DVD con codifica mpeg-2. Il nuovo standard

Dettagli

Logo Microsoft Outlook 2003

Logo Microsoft Outlook 2003 Tecnologie informatiche CONFIGURARE MICROSOFT OUTLOOK 2003 Introduzione Logo Microsoft Outlook 2003 Microsoft Office Outlook 2003 è l'applicazione di Microsoft Office per la comunicazione e per la gestione

Dettagli

Manuale Utente HIGH QUALITY CALLER ID TELEPHONE Modello : PK-111C

Manuale Utente HIGH QUALITY CALLER ID TELEPHONE Modello : PK-111C Manuale Utente HIGH QUALITY CALLER ID TELEPHONE Modello : PK-111C INTRODUZIONE Grazie per aver acquistato il telefono PK-111C con identificazione di chiamata. Questo manuale servirà a familiarizzare con

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Esercitazione 3 Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Strumenti di utilità ping traceroute netstat Test del DNS nslookup

Dettagli

Business Communications Manager Scheda funzioni del telefono

Business Communications Manager Scheda funzioni del telefono Business Communications Manager Scheda funzioni del telefono 2002 Nortel Networks P0935989 Versione 02 Pulsanti Il pulsante Funzione del telefono Business Series Terminal (serie T) è rappresentato da

Dettagli

Tre catene (chains) di base, si possono definire altre catene (convenzionalmente in minuscolo)

Tre catene (chains) di base, si possono definire altre catene (convenzionalmente in minuscolo) iptables passo-passo Prima del kernel 2.0 ipfwadm, dal kernel 2.2 ipchains, dopo il kernel 2.4 iptables Firewall (packet filtering, Nat (Network Address Translation)) NetFilter (layer del kernel per il

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

Cluster di Firewall. con OpenBSD

Cluster di Firewall. con OpenBSD Italian OpenBSD Users Group Cluster di Firewall con OpenBSD Ver. 0.1 13 Febbraio 2005 by fabiofvz fabio@opengeeks.it www.opengeeks.it Introduzione Dopo l'uscita della release 3.5 di OpenBSD costruire un

Dettagli

Ultr@ VNC: Guida (parte 1)

Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Vi presento la guida in italiano per l installazione e l utilizzo di Ultra VNC :http://ultravnc.sourceforge.net. Le potenzialità del programma ve le abbiamo già presentate :http://www.femetal.it/9/ultravncrecensione,

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI Questa guida vuole essere uno strumento di facile consultazione, per chi utilizzando il software THC e qualsiasi dispositivo TV collegato all antenna centralizzata il software al termine della scansione

Dettagli

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy

Dettagli

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME ( MANUALE PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO ED USO CARATTERISTICHE TECNICHE) 1.0 DESCRIZIONE GENERALE DI FUNZIONAMENTO Il ricevitore AR-32 Plus,

Dettagli

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE 1 INDICE Sommario DESCRIZIONE SOLUZIONE SISHOME 2.0... 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI SISHOME 2.0... 4 PANNELLO LUCI... 5 PANNELLO SCENARI... 5 PANNELLO TAPPARELLE...

Dettagli

Guida all'installazione del software

Guida all'installazione del software Guida all'installazione del software Il manuale spiega come installare il software con una connessione USB o di rete. La connessione di rete non è disponibile per i modelli SP 200/200S/203S/203SF/204SF.

Dettagli

1 OPERAZIONI PRELIMINARI

1 OPERAZIONI PRELIMINARI 1 Contenuti: DIGIAIR PRO T2/C Descrizione... 3 1 OPERAZIONI PRELIMINARI 4 1.1 ACCENSIONE ON/OFF 4 1.2 ALIMENTAZIONE E BATTERIA. 4 1.3 COME UTILIZZARE LO STRUMENTO. 4 ATTENUATORE 5 2 DESCRIZIONE DELLE FUNZIONI...

Dettagli

Bonding. Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com. Ridondanza e load balancing con schede di rete.

Bonding. Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com. Ridondanza e load balancing con schede di rete. Bonding Ridondanza e load balancing con schede di rete Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com Matteo Carli 1/24 Chi sono Socio e attivista di LUG ACROS e Gentoo Linux. Svolgo attività

Dettagli

Packet Filter in LINUX (iptables)

Packet Filter in LINUX (iptables) Packet Filter in LINUX (iptables) Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi Firewall Può essere un software che protegge il pc da attacchi esterni Host

Dettagli

Crittografia e sicurezza delle reti. Firewall

Crittografia e sicurezza delle reti. Firewall Crittografia e sicurezza delle reti Firewall Cosa è un Firewall Un punto di controllo e monitoraggio Collega reti con diversi criteri di affidabilità e delimita la rete da difendere Impone limitazioni

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Rootkit. Dott. Ing. Igino Corona. Corso Sicurezza Informatica 2014/2015. igino.corona (at) diee.unica.it. Pattern Recognition and Applications Lab

Rootkit. Dott. Ing. Igino Corona. Corso Sicurezza Informatica 2014/2015. igino.corona (at) diee.unica.it. Pattern Recognition and Applications Lab Pattern Recognition and Applications Lab Rootkit Dott. Ing. Igino Corona igino.corona (at) diee.unica.it Corso Sicurezza Informatica 2014/2015 Department of Electrical and Electronic Engineering University

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE)

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE) NUOVA OMAS Srl Via Roma, 81/B - 14040 Cortiglione (AT) ITALIA Capitale sociale 60.000 i.v. Registro imprese di Asti - C.F. e P. IVA nr. 01284700059 Http: //www.nuovaomas.it - E-Mail: info@nuovaomas.it

Dettagli

MANUALE TELECOMANDO RG52A4

MANUALE TELECOMANDO RG52A4 Prima di utilizzare il condizionatore d'aria, si prega di leggere attentamente questo manuale e conservarlo per riferimento futuro. CONDIZIONATORI D ARIA MANUALE TELECOMANDO RG52A4 Vi ringraziamo per aver

Dettagli

Installazione e attivazione delle licenze

Installazione e attivazione delle licenze Capitolo 1 Installazione e attivazione delle licenze L installazione del software su una singola macchina è di solito un operazione piuttosto semplice, ma quando si deve installare AutoCAD in rete è richiesta

Dettagli

Petra Firewall 3.1. Guida Utente

Petra Firewall 3.1. Guida Utente Petra Firewall 3.1 Guida Utente Petra Firewall 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Sicurezza nelle reti

Sicurezza nelle reti Sicurezza nelle reti Manipolazione indirizzi IP 1 Concetti Reti Rete IP definita dalla maschera di rete Non necessariamente concetto geografico Non è detto che macchine della stessa rete siano vicine 2

Dettagli

rx8m Manuale d installazione ricevitore DUEVI s.n.c. Sede legale: Via Gioberti, 7 - Piossasco (Torino)

rx8m Manuale d installazione ricevitore DUEVI s.n.c. Sede legale: Via Gioberti, 7 - Piossasco (Torino) ricevitore rx8m...hi-tech SECURITY DEVICES Manuale d installazione DUEVI s.n.c. d i M o r a & S a n t e s e Sede legale: Via Gioberti, 7 - Piossasco (Torino) Sede operativa: Via Bard, 12/A - 10142 Torino

Dettagli

www.autoscout24.it Inserire le auto in Internet E' davvero semplice

www.autoscout24.it Inserire le auto in Internet E' davvero semplice Inserire le auto in Internet E' davvero semplice Imparate a conoscere tutte le funzioni ed i servizi Anmelden: AutoScout24 facilita la vendita delle vostre auto tramite Internet. In questa guida troverete

Dettagli

Guida alla configurazione

Guida alla configurazione NovaSun Log Guida alla configurazione Revisione 3.1 28/06/2010 Partita IVA / Codice Fiscale: 03034090542 pag. 1 di 16 Partita IVA / Codice Fiscale: 03034090542 pag. 2 di 16 Contenuti Il presente documento

Dettagli

Sommario. Introduzione ai firewall. Firewall a filtraggio dei pacchetti. Il firewall ipfw. Definizione e scopo Classificazione

Sommario. Introduzione ai firewall. Firewall a filtraggio dei pacchetti. Il firewall ipfw. Definizione e scopo Classificazione Sesta Esercitazione Sommario Introduzione ai firewall Definizione e scopo Classificazione Firewall a filtraggio dei pacchetti Informazioni associate alle regole Interpretazione delle regole Il firewall

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3

MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3 MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3 Il Software Progetti IFTS 2.3 è la versione software del formulario per la presentazione dei progetti IFTS e contiene reinserito: - lo Standard Minimo delle

Dettagli

HP3784A Introduzione all'uso

HP3784A Introduzione all'uso HP3784A Introduzione all'uso INDICE Descrizione 2 Preset panel 3 Tx Setup 4 Rx setup 6 Misurazioni 7 Periodo di misura 10 Allarmi 11 1 Descrizione L analizzatore di trasmissioni digitali HP3784A è uno

Dettagli

Introduzione. Che cos'è un Firewall? Tipi di Firewall. Perché usarlo? Ci occuperemo di: Application Proxy Firewall (o "Application Gateway )

Introduzione. Che cos'è un Firewall? Tipi di Firewall. Perché usarlo? Ci occuperemo di: Application Proxy Firewall (o Application Gateway ) Sistemi di elaborazione dell'informazione (Sicurezza su Reti) Introduzione Guida all'installazione e configurazione del Software Firewall Builder ver 2.0.2 (detto anche FWBuilder) distribuito dalla NetCitadel

Dettagli

Documentazione VCP. Requisiti

Documentazione VCP. Requisiti Requisiti Framework : Tabella 1 Windows OS.NET Framework 2.0 Linux OS MONO 2.4.2 o sup. Sistemi Operativi Testati : Tabella 2 Windows XP Sp3 Windows Vista Windows 7 (tutte le versioni) Windows 2003 SRV

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

TELECOMANDO A 4 PULSANTI CON DOPPIO PROTOCOLLO PER ALLARME E COMFORT SK544AX

TELECOMANDO A 4 PULSANTI CON DOPPIO PROTOCOLLO PER ALLARME E COMFORT SK544AX TELECOMNDI RDIO DITEM Comfort TELECOMNDO 4 PULSNTI CON DOPPIO PROTOCOLLO PER LLRME E COMFORT SK544X Il telecomando con doppio protocollo permette di comandare sia i sistemi d allarme DITEM che i ricevitori

Dettagli

HP Hardware Support Onsite 6-Hour Call-to-Repair Service Servizi contrattuali di assistenza clienti HP

HP Hardware Support Onsite 6-Hour Call-to-Repair Service Servizi contrattuali di assistenza clienti HP HP Hardware Support Onsite 6-Hour Call-to-Repair Service Servizi contrattuali di assistenza clienti HP Il gruppo del supporto specializzato risolve velocemente i problemi del sistema per assicurare l'operatività

Dettagli

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Il pacchetto OSPI include i seguenti elementi: - scheda di espansione per Rasberry pi - morsetti a vite - un cavo a 8 pin e un cavo a 3 pin -

Dettagli

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB)

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Guida Rapida Primo Passo Preparare il telecomando programmabile installando 3 batterie tipo AAA. (Quando lo si connette al PC togliere le batterie)

Dettagli

Grandstream HandyTone 486

Grandstream HandyTone 486 Grandstream HandyTone 486 2006 Raiffeisen OnLine Your Internet & Application Service Provider www.raiffeisen.it Vers. 1.2 Pag. 1/1 Indice 1. Installazione dell hardware... 4 1.1 Kit di fornitura... 4 1.2

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

GE7Tool. Indice. Introduzione. 1. Installazione del sotware. 2. Pannello di attivazione. 3. Pannello di login

GE7Tool. Indice. Introduzione. 1. Installazione del sotware. 2. Pannello di attivazione. 3. Pannello di login GE7Tool Indice Introduzione 1. Installazione del sotware 2. Pannello di attivazione 3. Pannello di login 4. Descrizione delle finestre del sistema 4.1 Home 4.2 Letture 4.3 Controllo IR 4.4 Gestione lista

Dettagli

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata LINUX Gestione della Rete 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 INDIRIZZI RISERVATI Alcuni indirizzi all interno di una rete sono riservati: indirizzo di rete e broadcast.

Dettagli

Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct

Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct Invio SMS in Normal Mode (Cursore MODE in Normal) Nella modalità NORMAL (selettore in posizione Normal) è possibile inviare e ricevere SMS attraverso comandi

Dettagli

Dimensioni (L x W x H) Stazione meteorologica : 75 x 22 x 185mm Trasmettitore : 60 x 21 x 65mm

Dimensioni (L x W x H) Stazione meteorologica : 75 x 22 x 185mm Trasmettitore : 60 x 21 x 65mm SPECIFICHE TECNICHE Temperatura raccomandata di funzionamento: Stazione meteorologica : da 0 C a +50 C Intervallo di misurazione della temperatura: Interna : da -20 C a +60 C con risoluzione di 0,1 C (si

Dettagli

Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto!

Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto! Come comandare il condizionatore di casa con Arduino, anche da remoto! Arduino permette davvero di fare tantissime cose riguardo all Internet of things, basta avere un po di voglia e intuizione, per realizzare

Dettagli

Visualizzazione del messaggio di errore "Ora si può spegnere il computer" durante il tentativo di arresto del computer

Visualizzazione del messaggio di errore Ora si può spegnere il computer durante il tentativo di arresto del computer Pagina 1 di 5 Visualizzazione del messaggio di errore "Ora si può spegnere il computer" durante il tentativo di arresto del computer Sintomi Quando si tenta di arrestare il sistema in un computer con Microsoft

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli