CITTÀ DI SPINEA Provincia di Venezia Servizio Economico Finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTÀ DI SPINEA Provincia di Venezia Servizio Economico Finanziario"

Transcript

1 CITTÀ DI SPINEA Provincia di Venezia Servizio Economico Finanziario STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 1 QUALITA AMBIENTALE Progetto 1 GESTIRE LO SVILUPPO DEL TERRITORIO SECONDO CRITERI DI SOSTENIBILITÀ Responsabili - FIORENZA DAL ZOTTO, DONATELLA CAPUZZO, BARBARA DA PIEVE Piazza del Municipio, 1 - C.F Tel Fax

2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. Sviluppo del Piano degli Interventi 2. Sviluppo del Piano delle acque 3. Modifica regolamento ERP 1. Sviluppo del Piano degli Interventi Il Comune di Spinea si è dotato di Piano di Assetto del Territorio approvato in sede di conferenza di servizi svoltasi in Provincia di Venezia il con atto successivamente ratificato con deliberazione della Giunta Provinciale di Venezia n. 2 del del Il nuovo strumento urbanistico è divenuto efficace in data Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 27/03/2013 è stato approvato il documento programmatico del Piano degli Interventi (di seguito PI), al fine di definire ed illustrare i criteri che l Amministrazione Comunale intende seguire per la definizione delle proprie scelte urbanistiche a livello operativo, in coerenza e in attuazione delle scelte strategiche definite dal PAT. L Amministrazione comunale ha stabilito di proseguire la propria attività di definizione della pianificazione urbanistica a livello operativo in due fasi distinte di cui la prima a carico del personale tecnico dell Amministrazione comunale e la seconda con affidamento di incarico esterno. La prima fase si è posta come obiettivo la risoluzione di problemi urgenti e di carattere minimale ad oggi irrisolti in ragione dell impossibilità di approvare varianti urbanistiche in assenza del PAT approvato. Tale fase si sta svolgendo. Più precisamente, con Deliberazione di Consiglio comunale n. 43 del 11/07/2013, è stata adottata la Variante n. 1 al Piano degli Interventi (ex PRG), ai sensi dell art. 18 della L.R. 23 Aprile 2004 n. 11. Ora, la variante è in fase di pubblicazione, quindi si apriranno i termini per la presentazione delle osservazioni. Conclusa la fase di presentazione delle osservazione, l amministrazione dovrà controdedurre e approvare quindi definitivamente questo primo P.i.. Si prevede di predisporre la variante di approvazione entro dicembre di quest anno. La seconda fase è invece più complessa e articolata, volta a definire in modo organico e complessivo le scelte dell Amministrazione comunale in attuazione delle prescrizioni del PAT e delle specifiche norme della legge urbanistica regionale 11/2004. Questa fase attualmente (settembre 2013) in fase di realizzazione - prevede la pubblicazione di un bando di evidenza pubblica nel quale si invitano gli interessati a presentare ipotesi progettuali di trasformazione urbanistico-edilizia. Conclusa questa fase, contestualmente/successivamente all attenta valutazione delle proposte presentate dai vari promotori/proponenti l intervento in esito al bando di evidenza pubblica per la raccolta e per la presentazione delle proposte di intervento sopra descritto, si predisporrà il piano degli interventi corredato di tutta la documentazione prevista dal Pat approvato e dalla l.r. 11/2004. L attuazione di questa seconda fase comporta l esecuzione delle seguenti attività: a. Aggiornamento dell apparato normativo e stesura delle nuove norme tecniche di attuazione; b.recepimento degli accordi approvati e sottoscritti ai sensi dell art. 6 LR 11/2004 e dell art.11 della L. 241/1990, in particolare: Accordo sottoscritto in data 16/08/2010 Piano di Recupero Villa Bennati-Pasqualetto : realizzazione delle opere di urbanizzazione previste dal PdR, della pista ciclabile di collegamento tra il parcheggio SFMR e via Unità e il collegamento stradale tra via Unità e la nuova rotatoria SFMR mediante compensazione con credito edilizio; Accordo sottoscritto in data 23/03/2011 Variante PN 21 Interventi di miglioria della qualità urbana e crediti edilizi : Adeguamento del PN 21, realizzazione della viabilità prevista dal PRG, realizzazione della piazza per spettacoli viaggianti, adeguamento del sistema idraulico in zona via Bennati, atterraggio crediti edilizi in zona 2 (via Bennati). La D.C.C. n 119 del 29/10/2009 ha individuato l ambito e l ammontare del credito concessi all impresa privata che dovrà trovare coerenza nel P.I.. c. Recepimento di altri eventuali accordi per interventi per i quali vengano proposte e avviate forme di concertazione pubblico/privato di cui all art. 6 della LR 11/04 rispondenti agli obiettivi del P.A.T., in particolare: pag. 2

3 Accordi che attivino il mercato dei crediti e il trasferimento volumetrico al fine di reperire in proprietà comunale nuove aree a forestazione per mitigare gli effetti ambientali prodotti dal Passante e per dare alla città nuove dotazioni territoriali e nuovi servizi. Le aree interessate sono quelle che il PAT destina a forestazione in adiacenza al Passante autostradale. Accordi che prevedano interventi nelle aree di riqualificazione territoriale poste in adiacenza della stazione della SFMR (per la parte non oggetto dell accordo di pianificazione già formalizzato) e nei pressi del Casello autostradale di Crea. Accordi che consentano di attuare interventi di trasformazione urbanistico-edilizia della città nelle aree destinate alla riqualificazione urbanistica, al fine del recupero di zone degradate e del reperimento di nuovi servizi, parcheggi, aree pubbliche. Particolare attenzione sarà rivolta agli interventi di riqualificazione su aree di proprietà comunale tra le quali l area posta a nord del municipio, quelle interessanti le aree di proprietà privata degli ex PN 28 e 29, alla riqualificazione dell ambito di piazza Marconi e Fermi. Accordi volti alla definizione del trasferimento/riqualificazione di attività produttive in zona impropria; Accordi che consentano di realizzare su aree ex standard, una infrastruttura verde urbana mediante compensazioni volumetriche. Particolare interesse ai fini del recupero ambientale rivestono le seguenti aree: - aree ex standard in adiacenza alla linea ferroviaria ad est di via Bennati; - area ex standard posta tra le vie Gioberti e Rossignago; - aree ex standard tra via Carducci e via Repubblica; - aree ex standard tra via delle Industrie e via De Filippo; - area ex standard ubicata in via Aleardi Accordi che prevedano la concessione di crediti edilizi al fine di finanziare opere pubbliche finalizzate alla sistemazione dell assetto viario e della qualità dell arredo urbano. d. Individuazione di alcuni nuovi lotti edificabili in area a edificazione diffusa; e. Individuazione delle nuove aree di espansione residenziale e produttiva, a completamento del tessuto insediativo e nel rispetto dei parametri stabiliti dal PAT, attuabile secondo la nuova disciplina della perequazione urbanistica e dei crediti edilizi. Va fin d ora rilevato che l esecuzione di tali attività richiedono conoscenze specifiche e dotazioni strumentali che non sono a diposizione del comune (professionalità tecniche, software, ecc.) anche in ragione delle specificità dell incarico da svolgere, dell alta professionalità richiesta, oltre che dell eccezionalità e straordinarietà dell attività da svolgere (redazione di pianificazione urbanistica) e pertanto, qualora venga accertata l impossibilità di utilizzare le risorse umane disponibili all Amministrazione comunale sia in termini di dipendenti che di carichi di lavoro, si procederà con l affidamento dell incarico e quindi con la redazione del piano degli interventi, presumibilmente entro dicembre di quest anno. Principali scostamenti/criticità: Non si segnalano particolari scostamenti/criticità. Possibili slittamenti sull attuazione della seconda fase potranno determinarsi in relazione ai criteri di affidamento di incarico e all avvicinarsi della scadenza elettorale. 2. Sviluppo del Piano delle acque L'obiettivo era stato originariamente previsto in adeguamento alle norme introdotte dal Ptcp (piano territoriale di coordinamento provinciale) come obbligo preliminare all'approvazione del Pat. Poi la prescrizione del Ptcp è stata eliminata e la regione ha definito, con maggior dettaglio, i contenuti di tali strumenti di pianificazione/programmazione. L'obiettivo è stato quindi ri - programmato al 2013 in quanto è stato necessario - su parere del consorzio di bonifica - integrare l'incarico e redigere, insieme con il settore tecnico dei lavori pubblici, un programma di rilevazione dello stato attuale della rete. Sulla base della disponibilità del personale tecnico del settore, è stata avviata e conclusa questa attività di verifica che ha portato poi al deposito della bozza del piano. Al riguardo, si ricorda che in data è stato sottoscritto l atto di nuova convenzione di incarico in esito a determinazione n 2402 del 30/12/11. Al risulta predisposta la cartografia che riporta anche la rete di fognatura nera/mista secondo le indicazioni pervenuteci dall ente gestore e dal Comune stesso. Si è concluso il censimento fotografico dei fossi rilevati e lo si è riportato in cartografia geo-referenziata. Si sono indicati i progetti in corso e le nuove realizzazioni non ancora raffigurate nella CTR regionale. Si stanno adeguando i contenuti della relazione pag. 3

4 congruentemente con le integrazioni in corso d opera. Si è utilizzato l aggiornamento più recente della CTR comprendendo il tracciato del Passante. È stato completato il rilievo dei corsi d acqua principali e delle affossature private di rilevanza al fine della modellazione idraulica della rete superficiale di scolo. Sono però emerse significative criticità in relazione alla rilevazione della rete esistente. La carenza di personale e la notevole quantità di attività ordinaria e gestionale attribuita al settore lavori pubblici, ha reso difficile, per l amministrazione comunale, mettere a disposizione personale manutentivo del comune in affiancamento ai tecnici incaricati per la redazione del piano durante le operazioni di rimozione dei chiusini e di percorrenza delle strade trafficate per il rilievo della rete stessa. Si è comunque definito un calendario compatibilmente con lo svolgimento dell attività ordinaria del settore lavori pubblici. Per quanto sopra esposto, è stata stabilita una richiesta di proroga alla consegna piano al Quindi, il è stato firmato con la Provincia la convenzione per co - finanziamento piano acque. Il piano è stato quindi presentato dalla ditta in data 30 aprile 2013 ed è stata oggetto di una valutazione attenta e approfondita da parte dell amministrazione comunale, del consorzio di bonifica e del settore lavori pubblici durante la riunione svoltasi presso la nostra sede in data 19 luglio In tale occasione, si è concordato con i professionisti incaricati quindi la predisposizione di alcuni adeguamenti della proposta presentata. Allo stato attuale settembre 2013 si è in attesa della stesura definitiva. Si prevede di approvare lo strumento entro dicembre 2013/gennaio Principali scostamenti/criticità: Necessità di ri-programmazione dell obiettivo alla luce di significativi interventi normativi che hanno definito i contenuti di tale strumento da parte della Regione. Necessità di calibrare le fasi di attuazione alla luce dei contenuti definiti dalla provincia di Venezia ai fini dell erogazione dei contributi. Le principali criticità nell attuazione di tale obiettivo derivano però principalmente dalla natura e dalle caratteristiche dei dati a disposizione. I dati che il comune avrebbe dovuto mettere a disposizione dei tecnici incaricati (ovvero quelli relativi all'attuale rete), si sono rilevati assolutamente insufficienti e scarsi. Tale situazione, molto grave, ha determinato la necessità di svolgimento di attivita' di rilevazione significativamente maggiori rispetto a quanto stimato in sede di definizione dell'incarico. Anche al fine di evitare costi superiori a quelli sostenibili dall amministrazione comunale per il raggiungimento di questo obiettivo, a seguito di numerosi incontri e confronti con i vari enti interessati (amministrazione comunale, consorzio di bonifica, ecc.), la ditta incaricata si e' resa disponibile a integrare i dati mancanti secondo linee programmatiche concordate e condivise con il comune e con il consorzio di bonifica. Per l attuazione di queste diverse fasi, si è resa necessaria l attiva partecipazione del personale del settore lavori pubblici che ha accompagnato i tecnici incaricati nell attività di rilevazione. 3. Modifica regolamento ERP La proposta di regolamento è stata predisposta già nel L'amministrazione comunale ritiene di procedere con l approvazione del regolamento contestualmente con l approvazione del piano degli interventi (seconda fase, si veda il precedente obiettivo v. 1). Principali scostamenti/criticità: La crisi del mercato immobiliare, la presenza di notevole patrimonio residenziale invenduto e la generale flessione dei prezzi di vendita degli immobili, ha comportato un de-potenzaimento di tale strumento regolamentare. Finalità di coordinamento con i correlati strumenti di gestione del territorio, hanno inoltre suggerito di coordinare l approvazione di tale strumento con le scelte urbanistiche a livello operativo (piano degli interventi). pag. 4

5 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 1 QUALITA AMBIENTALE Progetto 2 DIFENDERE LA CITTÀ DALL INQUINAMENTO Responsabili - LEONARDO MERCATALI, DONATELLA CAPUZZO, SABRINA VECCHIATO, BARBARA DA PIEVE pag. 5

6 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. Continuazione dell azione di monitoraggio delle fonti di inquinamento ed implementazione di metodi di abbattimento 2. Continuazione dell azione di coinvolgimento di portatori di interessi o di cittadini per la piantumazione di essenze arboree o di fasce boscate a protezione dall inquinamento; 3. Attuazione del progetto bosco dei nuovi nati ; 4. Promozione di sistemi ecosostenibili di trasporto ( divieti, giornate ecologiche, formazione) 5. Controllo puntuale del corretto conferimento dei rifiuti mediante telecamere; 1. Continuazione dell azione di monitoraggio delle fonti di inquinamento ed implementazione dei metodi di abbattimento. Dopo la dismissione da parte dell Arpav della centralina di rilevamento fissa situata in viale Sanremo, è stata realizzata una campagna di monitoraggio sulla qualità dell aria dal 20/11/2012 al 14/02/2013 con stazione rilocabile di Arpav, posizionata in via Pozzuoli all interno dell area della ex scuola W.Disney, in sito definito di background urbano ossia indicativo della qualità dell aria nell intero territorio comunale. I risultati del monitoraggio hanno evidenziato forti criticità. Nel prossimo TTZ della Provincia, convocato per il 18 p.v. saranno date indicazioni su eventuali misure di carattere locale e generale da porre in atto per la prossima stagione invernale nonché relative ai monitoraggi programmati. 2. Continuazione dell azione di coinvolgimento di portatori di interessi o di cittadini per la piantumazione di essenze arboree o di fasce boscate a protezione dall inquinamento A febbraio del 2013 è divenuto efficace il Piano di assetto del territorio che prevede, attraverso l applicazione di principi perequativi, la realizzazione di ambiti di forestazione che dovranno essere ceduti all amministrazione adeguatamente piantumati. La declinazione specifica di tali criteri verrà disciplinata nel piano degli interventi (incarico che si prevede di affidare entro l anno). Va però segnalato che comunque è già in fase di approvazione definitiva un importante progetto che preveda la realizzazione di ampie aree forestate. Si tratta del nuovo intervento della Coop lungo via della Costituzione, intervento attraverso il quale l amministrazione otterrà, appunto attraverso l applicazione di criteri perequativi di pianificazione, la piantumazione di un ampia area boscata lungo il rio Cimetto. Si tratta di ambito che verrà piantumato secondo lo specifico progetto elaborato dal dott. agr. Collellli, progetto che è stato elaborato anche con il supporto di Veneto agricoltura e dei suoi tecnici. Alla conclusione del processo costruttivo di trasferimento degli attuali punti vendita di viale san Remo e di via della Costituzione, la cittadinanza potrà disporre quindi di un area boscata lungo le rive del rio Cimetto. Si prevede che tale progetto venga realizzato entro il primo semestre del pag. 6

7 3. Attuazione del progetto bosco dei nuovi nati La realizzazione del bosco dei nuovi nati è stata avviata a partire dal 28/02/2013 quando, con il coinvolgimento delle scuole di Spinea e delle associazioni ambientaliste, si è iniziata la piantumazione di 2400 essenze arboree tra cui 1400 arbusti e 700 piante scelte tra le specie tipiche. Il bosco si realizza in un area di proprietà comunale di circa 5 ettari a nord est del territorio comunale in zona Asseggiano tra le vie Del Parco e Delle Rose. Prima dell avvio dei lavori il progetto è stato presentato a tutti i residenti della zona. La realizzazione e la successiva manutenzione è stata affidata al CSU. È stato acquisita inoltre una sponsorizzazione da parte di Elios srl di 7000 per la manutenzione. In data 13/04/2013 il bosco è stato inaugurato con la presenza delle famiglie dei bambini nati negli anni Promozione di sistemi ecosostenibili di trasporto ( divieti, giornate ecologiche, formazione Sono in corso contatti tra l amministrazione comunale ed il comune di Venezia - Assessorato alla mobilità - allo scopo di arrivare ad una convenzione che premetta di realizzare il servizio di bikesharing nel comune di Spinea come ampliamento del servizio attualmente in essere nel comune di Venezia, con almeno due ciclo stazioni ed utilizzo di tessera IMOB. È in fase conclusiva la realizzazione della pista ciclabile lungo via Roma. Sono stati ricavati due percorsi ciclabili in via Martiri della Libertà nel tratto compreso tra via Baseggio e via De Filippo. E in corso di elaborazione da parte della provincia il Piano spostamenti Casa Lavoro dei dipendenti del Comune di Spinea che hanno risposto al questionario. A seguito delle indicazioni del TTZ verranno intraprese azioni di limitazione del traffico veicolare. 5. Controllo puntuale del conferimento rifiuti mediante telecamere Sono state posizionate sul territorio tre telecamere rilocabili Principali scostamenti/criticità: - Obiettivo 1 Le azioni per la riduzione degli inquinanti devono essere fatte su area vasta in modo omogeneo, almeno su tutto il territorio della provincia. Le azioni indirette di tipo culturale non hanno ricadute immediate. Il monitoraggio degli inquinanti necessita di fondi - Obiettivo 3 L area necessita di manutenzione specifica con sostituzione piante morte, diradamenti, diserbo e quindi di notevoli risorse economiche pag. 7

8 - Obiettivo 4 Il servizio di bikesharing del comune di Venezia è attuato attraverso AVM società del comune che gestisce la mobilità urbana con la quale il comune di Spinea non può stipulare convenzioni. Il servizio ha costi elevati sia di realizzazione che di mantenimento. - Obiettivo 5 La predisposizione presenta difficoltà di allacciamento elettrico con costi elevati. Attualmente il sistema presenta problemi di trasmissione dati e rilevazione; le telecamere non potranno essere rilocalizzate se non a fronte di notevoli spese pag. 8

9 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 1 QUALITA AMBIENTALE Progetto 4 ADEGUARE LA VIABILITÀ PRINCIPALE E SECONDARIA Responsabili - LEONARDO MERCATALI pag. 9

10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. Realizzazione pista ciclabile di via Roma 2. -Azioni conseguenti alle conclusioni dello studio delle criticità viarie dell area centrale (interventi in viamatteotti, via Alfieri, via Capitanio, via Solferino, ) 3. Realizzazione di parcheggi al Villaggio dei Fiori 4. -Realizzazione di asfalti e marciapiedi come da programma annuale 1. Realizzazione pista ciclabile di via Roma L appalto relativo alla pista ciclabile è stato affidato ed i lavori sono stati iniziati il 29/04/2013. La conclusione dell intervento era prevista per il 31/08/2013 ma a causa di alcuni adattamenti progettuali in corso lavori ed alla necessità di risolvere delle questioni tecniche impreviste la fine lavori sarà effettuata entro il mese di Settembre I lavori procedono in modo regolare e ad oggi sono stati emessi due SAL di pagamento per l impresa. Non ci sono state riserve da parte dell impresa nel registro di contabilità. 2. Azioni conseguenti alle conclusioni dello studio delle criticità viarie dell area centrale (interventi in viamatteotti, via Alfieri, via Capitanio, via Solferino, ) L Amministrazione comunale ha individuato nella proposta progettuale n. 30 preparata dall ing. Pasetto la soluzione progettuale prescelta per la soluzione delle criticità viarie dell area centrale. Con nota di protocollo 22504/2013 è stato comunicato all ing. Pasetto la necessità di predisporre il progetto preliminare della soluzione prescelta con l accortezza di prevedere la sua realizzazione attraverso stralci funzionali che godano di autonomia esecutiva senza intaccare in maniera peggiorativa lo stato attuale. Per venerdì 13 Settembre è prevista la trasmissione al Settore lavori Pubblici della proposta di progetto preliminare realizzata secondo i criteri sopraesposti. 3. Realizzazione di parcheggi al Villaggio dei Fiori La somma necessaria alla sistemazione dell area a parcheggio di pertinenza del condominio Michelangelo di viale Viareggio è stata stanziata e preventivata. Il progetto di sistemazione dell area che il Comune di Spinea ritiene di poter avviare a fronte dell uso pubblico dell area è stato inviato all Amministratore condominiale per la valutazione. L ufficio è in attesa di un riscontro dall Amministratore per poter, di concerto con il Settore Affari Generali, predisporre la convenzione necessaria a dare avvio ai lavori. pag. 10

11 4. Realizzazione di asfalti e marciapiedi come da programma annuale Gli interventi di realizzazione degli asfalti e dei marciapiedi proseguono come da programma annuale con un leggero ridimensionamento delle somme appaltate per le asfaltature dovuto ad una minore entrata di oneri. Principali scostamenti/criticità 3.Realizzazione di parcheggi al Villaggio dei Fiori La risposta dell Amministratore di condominio tarda ad arrivare. Si procederà ad un sollecito. pag. 11

12 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 1 QUALITA AMBIENTALE Progetto 5 DIFENDERE IL PATRIMONIO SCOLASTICO Responsabili LEONARDO MERCATALI, DONATELLA CAPUZZO pag. 12

13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. L avori per ottenere il CPI per la scuola Rodari; 2. Sistemazione infissi della scuola Nievo (azione finanziata nell esercizio 2012); 3. Nell ambito delle azioni per il PAES: lavori di isolamento termico alla scuola Anna Frank. 1. Lavori per ottenere il CPI per la scuola Rodari I lavori ad oggi non sono stati avviati in quanto risulta mancante la relativa entrata di bilancio. Si sta proseguendo con la progettazione esecutiva e si coglierà l occasione per richiedere un contributo ai sensi della Legge del 9 Agosto 2013 n Sistemazione infissi della scuola Nievo (azione finanziata nell esercizio 2012) I lavori sono stati completati. Per l affidamento si è proceduto ad una gara ai sensi dell art. 122 del Dlgs 163/ Nell ambito delle azioni per il PAES: lavori di isolamento termico alla scuola Anna Frank. Come per l obiettivo n.1 ad oggi non è stato possibile procedere con l affidamento dei lavori a causa della mancata entrata che nel programma oo.pp. finanziava l intervento. Principali scostamenti/criticità Per gli obiettivi 1 e 3 si è manifestata la criticità relativa alla mancata realizzazione dell entrata prevista a bilancio. Pertanto non è stato possibile avviare nessuno dei due interventi previsti. Per l intervento 1 si colgierà l occaione di sfruttare la possibilità di richiesta di finanziamento prevista dalla Legge del 9 Agosto 2013 n. 98 pag. 13

14 Programma 2 - QUALITÀ DEI SERVIZI Progetto 1 OFFRIRE NUOVI SERVIZI ALLA COLLETTIVITÀ Responsabili - BALDOVINO ANGIOLELLI, STEFANIA ROSSINI, BARBARA DA PIEVE pag. 14

15 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. Incrementare i servizi forniti ai cittadini via web. È in corso di rinnovamento il sito internet, nel quale verrà attivata una sezione per i pagamenti on line. Con diverse note agli atti si sono sensibilizzati tutti i responsabili per quanto riguarda l aggiornamento della modulistica presente nel sito. Principali scostamenti/criticità Non si riscontrano criticità particolari pag. 15

16 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 2 - QUALITÀ DEI SERVIZI Progetto 2 - AVVIARE UN NUOVO PROCESSO DEMOCRATICO Responsabili - MICHELA SCANFERLA, STEFANIA ROSSINI, PAOLA MARCHETTI, BARBARA DA PIEVE pag. 16

17 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Obiettivi principali per il 2013 (da RPP) 1. Continuazione e consolidamento della partecipazione attraverso il progetto Mi prendo cura della mia città 2. Continuo miglioramento della trasparenza anche attraverso l aggiornamento del sito web e dei suoi contenuti 3. Continuazione della metodologia degli incontri di quartiere e nelle scuole per l illustrazione del Bilancio annuale 4. sviluppo del Bilancio Sociale del triennio 1. Continuazione e consolidamento della partecipazione attraverso il progetto Mi prendo cura della mia città Per quanto riguarda il Progetto Mi prendo cura della mia città relativo a piccole manutenzioni, da gennaio a settembre 2013 sono state svolte con regolarità le riunioni di coordinamento del secondo martedì del mese. Si sono svolte con regolarità anche gli interventi programmati (mediamente un intervento al mese con speciale attenzione alle scuole). Gennaio: risistemazione palizzata interna Parco Nuove Gemme Febbraio: Ridipintura e risistemazione di oltre 45 panchine poi sistemate nelle principali aree verdi della città; collaborazione con Protezione Civile per togliere i rami sporgenti e pericolosi dopo la nevicata Marzo: ridipinta completamente la ringhiera pista da pattinaggio del parco di via Bennati. Interventi generali al parco via Bennati e Luneo. Interventi presso scuola Rodari. Sostituzione staccionata in legno in P.zza Cortina Aprile: interventi vari presso parco Nuove Gemme con pulizia lampioni, punti luce e interventi di piccola manutenzione Maggio: interventi presso Scuola Nievo con ridipintura esterna e pulizie generali del giardino e delle pertinenze Giugno ridipintura completa e sistemazione generale del palco del Parco Nuove Gemme; interventi nelle principali zone verdi della città (Parco Nuove Gemme, Parco via De Curtis, Contrada San Rocco, Parco via Luneo, P.tta Dante) Luglio: collaborazione con gli artisti di Spinea sogna per montaggio piccole strutture sceniche. Settembre: ridipintura scuola Mantegna e risistemazione palizzata in legno presso scuola Anna Frank. Il 2 giugno in concomitanza con la consegna della Costituzione, il Sindaco ha premiato 8 colontari emeriti di Mi prendo cura. Tutti gli interventi vengono ampiamente seguiti dalla popolazione che dimostra vivo apprezzamento per l iniziativa sui social network in relazione ai 19 post che raccontano su Facebook ogni intervento e che raccolgono costantemente positive interazioni in termini di condivisioni e commenti positivi. pag. 17

18 Mi prendo Cura Sportello Ricomincio da qui Con DG 47/2013 è stata attivata una specifica sezione di volontari mi prendo cura dedicati a far conoscere a disoccupati e inoccupati meglio gli sportelli presenti sul territorio per cercare un lavoro. Il gruppo si è costituito mediante apposito bando e ha cominciato lapropria attività nel mese di maggio. L attività è regolare e accoglie mediamente 4/5 persone ogni settimana fornendo tutte le informazioni come da progetto, in modo personalizzato. Mi prendo cura Attività di monitoraggio aree verdi In collaborazione con l Associazione Nazionale Carabinieri continua il progetto con servizi costanti e apprezzati dalla popolazione. Il progetto viene castamente mente monitorato mediante incrocio dei dati. 2. Continuo miglioramento della trasparenza anche attraverso l aggiornamento del sito web e dei suoi contenuti Il sito istituzionale viene costantemente implementato/aggiornato secondo le indicazione del D.lgs 33/2013. E stato realizzato il nuovo sito che avrà estensione gov.it mediante un ampio lavoro di condivisione metodologica e applicativa in relazione a quanto previsto dal D.lgs 33/2013 ed in connessione con la Delibera 50 e 71/2013 CIVIT in tema di trasparenza. Già programmate in settembre due sessioni formative per il personale per la gestione delle pagine di competenza. Vengono continuamente implementati i contenuti istituzionali della pagine fb e twitter e da maggio è attiva anche la piattaforma Gong per ricevere sul telefonino tutti gli avvisi relativi ad attività gestite dal comune o in collaborazione con altri enti istituzionali e/o associazioni. 3. Continuazione della metodologia degli incontri di quartiere e nelle scuole per l illustrazione del Bilancio annuale Sono stati organizzati 6 incontri con i quartieri fra il 15 marzo ed il 9 aprile per spiegare in modo semplice e chiaro il bilancio ed il piano degli interventi che sono i due documenti di programmazione più importanti del In modo semplice e chiaro sono stati predisposte slides e facili schemi che sono state puntualmente spiegati al pubblico presente e poi resi disponibili mediante il sito e FB. Ecco le date in cui sono stati svolti gli incontri: Venerdì 15 marzo Villaggio dei Fiori ex Scuola Disney ore 20.30; Martedì 19 marzo Crea presso Teatrino Zero ore 20.30; Lunedì 25 marzo - Fornase Centro Comunitario ore 20.30; Martedì 26 marzo Spinea Centro Municipio ore 20.30; Venerdì 5 aprile Scuola Marco Polo ore 20.30; Martedì 9 aprile Sala Ai Murales ore Sviluppo del Bilancio Sociale del triennio pag. 18

19 Dopo aver pubblicato in forma cartacea (pubblicato sul sito) e distribuito nelle famiglie il bilancio sociale relativo al 2010 e il bilancio di metà mandato nel mesi di novembre 2012, si è sviluppata ulteriormente la rendicontazione sociale. Ciò è avvenuto attraverso la pubblicazione (sul sito, in rassegna stampa, sul periodico La Piazza e sul qui Spinea del mese di luglio 2013) di tutti i principali progetti realizzati dal 2010 al luglio 2013 suddividendoli nei seguenti ambiti per lettera alfabetica: Ambiente, Anziani, Biblioteca e cultura, Bilancio e tributi, Lavori Pubblici, Scuola, Trasparenza e partecipazione, Urbanistica, Viabilità, Volontariato. In tal modo si è realizzata una comunicazione pluricanale capace di intercettare diverse tipologia di stakeholder (cittadino digitale, cittadino analogico, associazioni, famiglie ecc). Principali scostamenti/criticità Nessuna criticità da segnalare pag. 19

20 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 2013 Programma 2 - QUALITÀ DEI SERVIZI Progetto 3 - ATTENZIONE ALLA SOLIDARIETÀ SOCIALE E ALLE POLITICHE SOCIALI Responsabili STEFANIA ROSSINI pag. 20

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I.

Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I. Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I. 20 MARZO 2007 CONSIDERATO che la sicurezza è un diritto primario dei cittadini da garantire in via prioritaria per assicurare

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia PROGETTO S.I.R.S. Strategie Innovative di Rete dei Servizi Sociali Linee guida per la predisposizione dei progetti: Orientamenti applicativi ARAN 1 Aumento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle proposte di Accordi Pubblico-Privato COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 Codice DB1906 D.D. 24 ottobre 2014, n. 234 Approvazione Protocollo d'intesa tra la Direzione Politiche Sociali e politiche per la famiglia e l'organizzazione Federazione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA PATTO PER ROMA SICURA CONSIDERATO che il diritto alla sicurezza ed alla qualità della vita urbana è una priorità che richiede, a fronte di problematiche complesse, l azione congiunta e sinergica di più

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d Adozione variante al vigente Piano Regolatore Generale Territorio Esterno ai sensi della L.R. 61/85 art. 50 comma 4 lett. g) per la previsione di un percorso ciclopedonale fino al nuovo parcheggio a servizio

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito Scheda Valutazione Responsabili PO ENTE Golfo Aranci SERVIZIO: Finanziario ANNO 2013 DIRIGENTE/RESPONSABILE Simona Lai PERFORMANCE INDIVIDUALE Valutazione del risultato ottenuto - Percentuali di conseguimento

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA il CONSORZIO INTERCOMUNALE VALLESINA MISA (di seguito denominato CIR33) con sede a Jesi

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del Allegato alla D.G. n. 144 del 19/11/2010 REP. REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UNA FATTORIA DIDATTICA Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott., Notaio iscritto sono comparsi..

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 1637 del 21.10.2014 Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10.

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 1637 del 21.10.2014 Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10. Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10.2014 Oggetto: Convenzione per il conferimento di incarico per servizi in economia allo Studio Tecnico Associato GEOGRAPHIC per

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato delib. C.C. n. 35 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 35 dell 11 maggio 2015 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Proposta di legge n. 68/8^

Proposta di legge n. 68/8^ Proposta di legge n. 68/8^ MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 23 LUGLIO 2003, N. 11: DISPOSIZIONI PER LA BONIFICA E LA TUTELA DEL TERRITORIO RURALE. ORDINAMENTO DEI CONSORZI DI BONIFICA RELAZIONE

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 121 Seduta del 20/06/2013 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO, LA FONDAZIONE DI RELIGIONE SAN PAOLO DI PENNABILLI, LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI CASTELDELCI,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.A. DELLA PROVINCIA DI ROVIGO E IL POTENZIAMENTO DELLA

Dettagli