CITTA DI PESCARA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI Anno 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI PESCARA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI Anno 2006"

Transcript

1 CITTA DI PESCARA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI Anno 2006

2 2

3 RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI Anno 2006 INDICE PREMESSA pag. 2 1 Tematiche principali 1.1 Il Comune e le società partecipate Il Comune e le risorse finanziarie Il Comune e le risorse strumentali Il Comune e le risorse umane Interventi di sicurezza pubblica 38 2 Stato di attuazione dei programmi 2.1 Settore Avvocatura Servizio Contratti Settore Programmazione del territorio Settore Gestione e controllo del territorio Settore Decentramento e servizi demografici Settore Servizi diretti alla persona Settore interventi comunitari Settore Sviluppo socio economico Settore OO.PP Settore Manutenzione Settore Gare e Appalti Settore Patrimonio e Provveditorato 95 3 INDICATORI FINANZIARI 15/30 3

4 PREMESSA Negli ultimi anni le Amministrazioni pubbliche, pur se in assenza di precisi vincoli normativi sono sempre più spesso chiamate a dare conto del proprio operato ai cittadini evidenziando i risultati conseguiti con l'uso delle risorse pubbliche. Per rendere trasparente il rapporto fra il processo di pianificazione e quello di ed attuazione delle politiche pubbliche nonché la connessione tra l'erogazione di servizi ed il livello di benessere assicurato alla collettività vi è un'esigenza crescente di sperimentare nuovi strumenti di rendicontazione che in aggiunta ai doverosi bilanci di esercizio rendano prontamente intellegibili da parte dei destinatari finali gli obiettivi raggiunti dall'amministrazione. In questo processo di cambiamento proteso a favorire il maggior dialogo ed un confronto continuo con ampi settori della cittadinanza per individuare le priorità nelle scelte in un processo di condivisione che collega la programmazione e la valutazione dei risultati, l'amministrazione si è fortemente impegnata a sviluppare forme innovative di comunicazione delle proprie scelte previsionali, delle modalità di attuazione e dei relativi impatti non solo in termini di risorse economico finanziarie ma soprattutto in termini di efficacia. L'obiettivo principale che ha guidato l'azione amministrativa in questa continua ricerca di un nuovo modello di rendicontazione è stato individuato nell'esigenza di fornire sempre maggiori dettagli sui percorsi di pianificazione strategica puntando ad un coinvolgimento pieno della cittadinanza anche nella selezione degli interventi sostenibili.. Queste iniziative protese non solo alla produzione di servizi in linea con le aspettative della collettività ma costantemente orientate a recepire gli indirizzi provenienti dai vari settori della società civile hanno consentito di sviluppare una governance urbana capace di avvalersi di stakeholders qualificati e sempre più autorevoli. L'invito alla partecipazione ha generato un forte interesse fornendo, inoltre, una nuova linfa all'azione amministrativa sempre più volta a perseguire, nel concreto, l'interesse collettivo. Anche nell'elaborazione dei piani strategici di lunga durata la flessibilità degli strumenti di analisi ha rappresentato un modello costante di intervento. 4

5 In tale ottica assume un rilievo primario l'attività di rendicontazione che consente di misurare le performances e di orientare scelte ed attività future. Del resto anche il principale strumento di pianificazione rappresentato dal programma di mandato, punto di partenza di tutte le iniziative sia di carattere strategico che di quelle di mera funzionalità dell'ente, ha dovuto adattarsi alle mutevoli esigenze recepite nel confronto costante ed assiduo con i vari portatori d'interesse pur mantenendo ferma l'impostazione su alcuni principi basilari. In questo processo che è nato in forma sperimentale ma sta assumendo sempre più carattere di attività di "routine",l'analisi dei parametri e degli indicatori influenzano costantemente l'attività dell'ente favorendo, peraltro il continuo monitoraggio degli indici di ricaduta sui fattori economici, sociali ed ambientali. Infatti a titolo esemplificativo e non esaustivo va segnalata la costante rilevazione dell' incremento dei metri quadri di verde o dei metri cubi di edilizia residenziale previsti dagli strumenti urbanistici riadeguati, della variazione del numero degli anziani e/o portatori di handicapp presi in carico dal servizio assistenza domiciliare, del numero dei lavoratori occupati dopo la partecipazione ad iniziative di formazione o, ancora, della modifica degli di indicatori di qualità dell'ambiente a seguito di attivazione di adeguati interventi di prevenzione e controllo e, da ultimo, del giudizio dei portatori d'interesse raccolto attraverso procedure e rilevazioni di "customer satisfaction" La metodologia assunta attraverso le fasi esplicitate e mediante un coinvolgente gioco di squadra che s'instaura fra l'amministrazione e Dirigenti e Responsabili dei vari servizi dell'ente, consente di costruire un filo conduttore che lega la definizione degli impegni presi dall'ente con i risultati e gli effetti prodotti ed evidenzia i diversi momenti del processo di crescita della città rilevabile dalle fasi di programmazione, attuazione e valutazione dell'attività svolta favorendo un processo di trasparenza politico amministrativa. L'obiettivo ultimo è, quindi quello di fornire concreti elementi di riconoscimento e valutazione da parte dei portatori d'interesse che gradualmente interpretano sempre più il ruolo di interlocutori diretti e parte attiva dei processi di rendicontazione esprimendo giudizi ed analisi propedeutiche alle attività di programmazione e di intervento futuri dell'ente. Nell'anno 2006 si è concluso il terzo anno della consiliatura e, pertanto, avendo superato la metà del mandato amministrativo si è ritenuto ci fossero le condizioni oggettivamente valide per un obiettiva valutazione dei risultati ottenuti in rapporto alle iniziative pianificate nonché per verificare gli indici di ricaduta che le stesse hanno prodotto nella realtà cittadina e, quindi, il relativo grado di soddisfacimento registrato nella collettività. Per questo in linea con una tendenza che nel tempo si sta sempre più consolidando fra le pubbliche Amministrazioni e nella considerazione del ruolo essenziale che i destinatari dei servizi ed i portatori d'interesse rivestono per orientare i percorsi di miglioramento continuo nella giusta direzione ovvero per finalizzare l'azione amministrativa al pieno soddisfacimento dei bisogni, si è inteso effettuare la prima sperimentazione di " Bilancio sociale di parziale mandato" inteso anche come 5

6 strumento strategico per innovare i processi di produzione in coerenza con il modificarsi dei bisogni da soddisfare. Il riferito documento, fra l'altro portato all'attenzione dei consiglieri comunali durante una seduta consigliare nonché pubblicato sul sito INTERNET del Comune di PESCARA, è stato sviluppato prendendo a riferimento le linee programmatiche che hanno costituito il programma di mandato presentato dall'amministrazione all'inizio della propria consiliatura e mediante un attenta e trasparente analisi sui percorsi istituzionali conseguiti per il raggiungimento delle varie funzioni programmate. Si è, pertanto attivata una verifica programmatica atta a rimodulare la propria azione in rapporto ai diversi mutamenti intervenuti nello scenario amministrato. Nello contempo si è altresì posto in evidenza la forte flessibilità dell'amministrazione posta nel modificare i propri percorsi nonché l'impegno profuso per creare modelli organizzativi atti a sostenere nonché potenziare la vita economica e le risorse naturali della città e, nel contempo, mantenere inalterati i progetti pianificati sviluppandoli in coerenza con le realtà ambientali e nonostante gli intervenuti irrigidimenti dei Bilanci. Indi ritenendo di aver esaustivamente riferito circa l'attività espletata e,sebbene in forma trasversale, di aver posto in evidenza il grado di raggiungimento dei risultati ottenuti dai vari Settori dell'ente nonché di aver rappresentato i vari livelli di efficienza e di efficacia raggiunti mediante l'ottimizzazione dei vari prodotti dell'ente e, quindi, del miglioramento delle performances, con questo documento ci si propone di esaminare le tematiche che hanno prioritariamente determinato l'innalzamento della "governance" ponendo le basi per processi di crescita e modelli di professionalità destinati a svilupparsi nel tempo. In questa sede, infatti, si prenderanno in esame le azioni strategiche perseguite in ordine alle Società partecipate,alle risorse strumentali, alle risorse umane,alle risorse finanziarie ed infine alla sicurezza pubblica. Si proseguirà valutando sinteticamente le attività conseguite dai vari settori dell'ente relativamente a quanto previsto nel Piano dettagliato degli obiettivi dell'anno 2006 e per il conseguimento delle finalità in esso contenute procedendo, infine, ad una schematica rappresentazione di due indicatori posti come obiettivi prioritari per l'anno 2006 relativamente alla capacità di smaltimento dei residui passivi ed a quella di programmazione della gestione di competenza. Il contesto di riferimento con il quale parametrare l'azione svolta sarà sempre e comunque volta al programma di mandato mediante il quale si cercherà di valutare gli indirizzi, le strategie ed i progetti per il perseguimento dei risultati connessi al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Giova, comunque, aggiungere che anche per l'esercizio finanziario dell'anno 2006 tutti i Settori dell'ente hanno collaborato proficuamente e con un attenta ed assidua attività di monitoraggio e verifica hanno consentito, pur in presenza di situazioni estremamente complesse e difficoltose, il rispetto del patto di stabilità che nella disciplina prevista imponeva rigidi tetti di spesa sia nella parte corrente che in quella in conto capitale. 6

7 Il Comune e le Società partecipate Oggettive difficoltà gestionali si sono succedute con l'avvento delle leggi finanziarie che hanno costituito oggettivo impedimento allo sviluppo di attività già programmate. L'Ente, pertanto, ha individuato strategie nonché strumenti di finanza innovativa per operare nel rispetto dei vincoli imposti dal patto di stabilità senza far ricorso ad aumenti della pressione fiscale nei confronti della collettività amministrata. In tale ottica si è reso necessario implementare adeguate politiche finanziarie che consentissero di rinvenire risorse adeguate per ripianare situazioni deficitarie. A tal proposito l'amministrazione si è fortemente impegnata per ridare efficienza alla sola Società partecipata di cui l'ente era dotato. Infatti, come noto la Società SIAP, già costituitasi nell'anno 2000 operava per la raccolta differenziata ed indifferenziata dei rifiuti solidi urbani, nonché per lo spazzamento e le attività di trasporto e smaltimento in discarica. Dopo varie vicende nell'anno 2004 era detenuta per il 97% delle azioni dal Comune di Pescara. All'epoca a causa di serie difficoltà gestionali e costantemente a rischio di liquidazione, la SIAP era affidata ad un Commissario liquidatore nominato dal Tribunale di Pescara e le serie difficoltà di carattere economico finanziario rendevano impossibile la sana ed efficiente gestione del servizio. Inoltre l'amministrazione versava nelle condizioni di dover rinvenire risorse per evitare il tracollo della società stessa integrando i costi della convenzione con contributi in conto perdite. Si evidenzia che nel richiamato anno 2004, la Società presentava un organico di n 123 unità e che l'ente per gli interventi economico finanziari, nel corso del triennio 2001/2003, fra corrispettivi, adeguamento canone per remunerazione del capitale investito, versamenti in c/perdite e riacquisto azioni aveva esborsato oltre ,00 di Euro. L'intervento complesso attraverso cui l 'Amministrazione ha operato è stato, in primis, quello di ridare efficienza alla società attraverso il rinnovo del Consiglio di Amministrazione all'interno del quale sono stati inseriti esperti in grado di favorire il risanamento ed il rilancio della Società stessa. Di seguito, al fine di garantire un efficace ed efficiente servizio di nettezza urbana con contestuale mantenimento dei livelli occupazionali e dell'economicità della gestione della SIAP, è stata avviata un operazione articolatasi nella iniziale trasformazione della stessa in Società multiservizi, prevedendo altresì, che l'integrale copertura di tutti i costi di gestione e la remunerazione del capitale investito fossero ottenuti nei modi e nei tempi previsti dal Piano industriale presentato dalla Soc. SIAP. Si è inoltre provveduto alla ricapitalizzazione della Società con riscatto del 3 % del capitale sociale affidato all'istituto bancario che effettua il servizio di Tesoreria approvando, nel contempo, il nuovo statuto che attribuiva alla stessa la configurazione di società multiservizi variando la denominazione sociale in " ATTIVA s.p.a". 7

8 Si è infine, proceduto alla stipula di un nuovo rapporto con affidamento alla Società del servizio di Nettezza Urbana per un periodo di anni 30 approvando un nuovo contratto che stabiliva il nuovo canone di servizio in euro ,00 iva al 10% esclusa. L'operazione, così definitasi ha consentito ad ATTIVA S.p.A., sollevata dalle complesse difficoltà gestionali in cui versava, di avviare seri progetti per la raccolta differenziata e di poter assumere la gestione di altri servizi dell'ente a rilevanza economica quale il Mattatoio comunale Inoltre, ai fini di una opportuna razionalizzazione delle spese sia di quelle afferenti al Bilancio comunale che a quello della Società medesima, con atto di Giunta n 896 adottato il 21/11/2006, anticipando il dettato legislativo della Legge Finanziaria 2007, all'epoca all'esame del Parlamento ed ai sensi degli artt. 17 e 22 del riferito Statuto di ATTIVA S.p.A nonché dell'art. 37 dello Statuto comunale, si è provveduto a ridurre il numero dei componenti del Consiglio di Gestione e del Consiglio di Sorveglianza, rispettivamente ad un numero non superiore a tre. A seguito delle intervenute dimissioni degli originari consiglieri, con provvedimenti sindacali e previo definizione di regolari avvisi pubblici si è disposta la nomina di n 2 Consiglieri per il Consiglio di Gestione e di n 3 per il Consiglio di sorveglianza per i quali si è disposta l'erogazione di un compenso inferiore rispetto a quelli precedentemente percepiti dai dodici consiglieri dimissionari. Dalle considerazioni di cui sopra si può ritenere che il percorso per giungere al pieno risanamento ed al successivo potenziamento della SIAP abbia determinato esiti positivi per la società stessa nonché per il Comune che con il nuovo canone di servizio ha, fra l'altro realizzato, come evidenziato nella tabella sottoriportata, un economia di spesa sul corrispettivo erogato con la nuova convenzione in rapporto a quello che si sarebbe determinato con la lievitazione progressiva dell'originario canone in applicazione dell'art. 26 della vecchia convenzione. Infatti, detta convenzione al richiamato art. 26 prevedeva una clausola in base alla quale il corrispettivo a partire dal secondo anno potrà essere opportunamente adeguato al fine di assicurare un utile pari alla remunerazione del capitale investito, come calcolata dal metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani (D.P.R , n.158) nonché una verifica triennale della convenzione stessa; Dal prospetto qui riportato è rilevabile il risparmio realizzato : Totale corrispettivo in applicazione dell art. 26 Corrispettivo nuova convenzione (costo discarica) Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 Anno Per concludere in ordine al risanamento finanziario operato sulla società si evidenzia che il conferimento alla medesima di ulteriori servizi, oltre ai positivi 8

9 riflessi finanziari sulla gestione societaria stessa, ha determinato e determinerà una ulteriore diminuzione dei costi dei servizi assicurati direttamente dal Comune ed una gestione in linea con le previsioni dell'art. 113 del TU 267/2000 che, fra l'altro prevede che possa essere conferita la titolarità di servizi pubblici a rilevanza economica a società a capitale interamente pubblico, a condizione che l'ente titolare del capitale sociale eserciti sulla società un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi e che la società realizzi la parte più importante della propria attività con l'ente che la controlla. In conformità a quanto normativamente previsto la Giunta comunale, con deliberazione n. 959 del , ha provveduto alla istituzione del Servizio Ecologia, per assicurare un adeguato controllo sulle attività poste in essere dalla Soc. ATTIVA Spa relativamente ai rifiuti ed all igiene urbana in genere e, nel futuro, incrementando ulteriormente la raccolta differenziata e portandola ai limiti imposti dal TU si potrà giungere ad un ulteriore economia di spesa grazie alla prevista eliminazione della tassa regionale sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. L'intensa attività svolta da Attiva con l'ausilio di 120 operatori si può così riassumere: installazione di n cassonetti raccolta e smaltimento di tonnellate annue di rifiuti interventi annui di pulizia tombini e bocche di lupo tonnellate di rifiuti raccolti in modo differenziato costituente il 12% del totale 300 km. di strade da spazzare utenti serviti con la raccolta porta a porta 130 ristoratori serviti con la raccolta dell'umido e del multimateriale interventi annui di ritiro materiali ingombranti effettuati a seguito richieste al numero verde 150 interventi annui in occasioni di eventi e manifestazioni sul territorio pescarese 450 interventi di pulizia a fontane pubbliche interventi di pulizia alle spiagge libere 560 interventi effettuati per la pulizia sui mercati ittici interventi annui per la pulizia dei mercati coperti comunali 300 interventi annui nei mercati rionali Sono stati inoltre attivati periodicamente interventi di deratizzazione e disinfestazione che hanno interessato le varie zone della città nonché la pulizia dello Stadio Adriatico e la bonifica delle discariche abusive presenti sul territorio cittadino. La riorganizzazione della struttura organizzativa articolata in 6 macroprocessi, ciascuno dei quali identifica le principali attività con le singole fasi di attuazione, ha consentito di allocare risorse mezzi e responsabilità oltre che di individuare più facilmente le specifiche carenze da colmare e, quindi, di elevare i livelli di responsabilizzazione con risultati destinati a crescere ma che già al momento possono ritenersi più che soddisfacenti. 9

10 Ai fini del conseguimento di una maggiore ottimizzazione dei risultati è stato sviluppato, in collaborazione con Eurobic, un progetto di formazione del personale denominato POR Abruzzo MIMA Migliorare l'impresa per migliorare l'ambiente La formazione coinvolgerà tutto il personale di Attiva e le relative attività saranno completamente finanziate dalla Comunità Europea per tramite della Regione Abruzzo. Sono stati attivati gli interventi per la realizzazione di due riciclerie: quella di Via Fiora e quella prevista nel piano progetto "Pescara ricicla" Per la prima è già stata completata la procedura di gara e presto si procederà all'aggiudicazione mentre per la seconda è stata definita l'idea e l'architettonico di massima e, al momento, è al vaglio la scelta dei progettisti. Anche le attività aziendali di carattere amministrativo sono state rielaborate attraverso una rete informativa che ha comportato il rinnovamento di tutte le iper evitare gli abusi e contenere i consumi di gestione. Nel corso dell'anno 2006, in solo quattro mesi, è stato pulito il 100% dei cassonetti dislocati in tutto il territorio cittadino con le relative piazzole ed oltre il 60 % è stato sottoposto a continui trattamenti di sanificazione.l'indice di produttività per questa attività è di circa 60 cassonetti al giorno. Anche la raccolta degli ingombranti è stata fortemente potenziata ed in solo quattro mesi la percentuale degli ingombranti sul totale raccolto è salita dal 4 % al 24%. Si può senza dubbio affermare che grazie ai nuovi sistemi organizzativi nelle discariche conosciute secondarie e di periferia la permanenza degli ingombranti non supera mai i 2/3 giorni mentre al centro la rimozione degli stessi è pressochè immediata in rapporto ad epoche antecedenti in cui la permanenza di prassi superava le 2/3 settimane e talvolta anche il mese. In merito si evidenzia che tali risultati sono stati raggiunti sia mediante il potenziamento delle squadre addette al servizio che attraverso l'organizzazione di innumerevoli campagne informative tese alla sensibilizzazione della cittadinanza. E' attualmente in corso un attività di valutazione inerente lo spostamento di alcune postazioni di cassonetti ritenute pericolose alla circolazione nonché, nell' ambito delle maggiori aree di pregio cittadino, si sta procedendo ad un particolare studio inerente l'individuazione di soluzioni di mimetizzazione dei cassonetti. Da ultimo,da indagini interne svolte per la rilevazione del livello di soddisfacimento circa le attività svolte da Attiva nel corso dell'anno 2006, si sono avuti esiti più che soddisfacenti espressi sia in ordine alla pulizia dei mercati ittici che per la pulizia e lo stato di mantenimento sistematico attuato per il decoro delle aiuole che da sempre sono state ricettacoli di cartacce e mozziconi di sigarette. Rimanendo sul tema delle società partecipate, il Comune di Pescara, con regolare atto di Consiglio Comunale n 177 adottato il giorno 4 Agosto 2005 ha costituito un ulteriore Società per azioni di cui detiene l'intero capitale sociale denominata Pescara Gas S.p.A, che è dotata di un Amministratore unico e gestisce la proprietà delle reti,impianti e dotazioni patrimoniali e strumentali connessi al servizio di distribuzione gas. Al termine di una complessa procedura di gara, tempestivamente avviata e fortemente avversata da Enel rete gas, quale gestore uscente per scadenza ventennale 10

11 del contratto, il 28 Marzo 2006, giusta verbale in pari data, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 14, comma 4, del d. lgs , n. 164, l Amministrazione comunale, avvalendosi di una decisione del Tribunale Amministrativo regionale, è rientrata nella piena disponibilità delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni del servizio e, contestualmente, li ha affidati a Pescara Gas s.p.a.., unitamente agli oneri, anche per quelli eventualmente futuri, in favore del concessionario cessato. A tal fine, la società Pescara Gas ha provveduto in data a corrispondere al concessionario cessato l importo di euro ,02, iva compresa, formalizzando apposita offerta reale ex art.14, comma 9, D.Lgs. 164/2000. Nello stesso anno il Consiglio Comunale con proprio atto n 280 adottato in data 18 Dicembre ha approvato un contratto di servizio per disciplinare i rapporti fra il Comune di Pescara e Pescara Gas spa. mediante il quale, fra l'altro, si rende la medesima società affidataria delle reti del gas fino alla data del 31/12/2011 con possibilità di rinnovo e la stessa s'impegna alla promozione e lo sviluppo delle infrastrutture della rete, impianti ed opere di distribuzione gas, a garantire la loro gestione efficiente, il loro esercizio in sicurezza, la relativa manutenzione, l erogazione del servizio e l uso razionale del territorio interessato; garantendo inoltre la continuità e regolarità della prestazione, la pronta reperibilità del personale in caso di interruzione del servizio e tempestività nel ripristino con una piena fruibilità dei servizi rispondente alle reali esigenze dell utenza; La medesima, inoltre assicura una costante collaborazione con l Amministrazione per approntare ogni necessaria documentazione che occorresse per acquisire eventuali finanziamenti destinati al miglioramento e potenziamento del servizio impegnandosi altresì all'adozione di una carta dei servizi con la quale si assume nei confronti degli utenti impegni diretti a garantire predeterminati e controllabili livelli di qualità delle prestazioni, obbligandosi ad eseguire, almeno una volta l anno, una rilevazione di "customer satisfaction". Infine con lo stesso atto la pluri richiamata società s'impegna ad impostare le proprie attività in coerenza con il programma di mandato dell Amministrazione comunale e con le esigenze del contesto socioeconomico, tenendo particolarmente conto: delle ricadute sociali delle attività svolte e dello sviluppo di strategie con rischio economico contenuto, comunque non pregiudizievole per la mission pubblica. I risultati conseguiti al termine del primo anno di gestione hanno determinato un utile di Euro che al netto delle imposte pari ad Euro danno un utile di esercizio pari ad Euro , risultato sicuramente positivo in rapporto all'esercizio precedente conseguito con Euro zero. In sede di approvazione del Bilancio per l'anno 2006 è stato disposto di destinare l'utile d'esercizio all'incremento delle riserva legale e di quella straordinaria nonché per Euro al socio unico assegnando alle n azioni rappresentanti l'intero capitale sociale un dividendo unitario di Euro 500,00. Inoltre nello stesso anno, da parte della Pescara distribuzione gas, sono stati realizzati investimenti e manutenzioni straordinarie sulla rete con un impegno finanziario di Euro ,49 per investimenti sulle condotte stradali, Euro 11

12 ,70 per interventi sugli impianti di derivazione ed Euro ,41 per interventi relativi a misuratori. Gli interventi realizzati costituiscono gli investimenti minimi previsti dal bando di gara ed hanno riguardato n 1061 metri di condotte, ampliamenti di rete su varie vie cittadine per un totale di metri metri di condotte, 726 nuove derivazioni interrate per allacciamenti di utenza, 528 colonne montanti e punti gas, 1726 interventi su contatori per nuove attivazioni, sostituzioni e pronti interventi, sistema di telecontrollo sulla cabina principale e sostituzione di n dispersori sull'impianto di protezione catodica. Inoltre, sono in corso presso i cantieri De Cecco e COGEA investimenti in impianti di derivazione per Euro ,06 che andranno ulteriormente ad incrementare il valore delle reti di proprietà dell'ente. Grazie a tali risultati e prevedendone di migliori per il futuro, l'amministrazione comunale in relazione al disposto dell art. 113, comma 5, lett. c) del ripetuto T.U. ha inteso attribuire a Pescara Gas s.p.a.. ulteriori servizi compatibili con lo statuto della società stessa. L'affidamento di servizi a rilevanza economica a società di capitali favorisce la massima efficacia ed efficienza all'attività da svolgere consentendo, inoltre, un ammortamento dei cespiti a valore di mercato, l introduzione di elementi di efficientamento aziendale e la riduzione dei costi per recuperi fiscali. Di conseguenza con atto consiliare n 24 adottato in data 19 Febbraio 2007, si è proceduto all'affidamento a Pescara Gas S.p.A. della gestione dei servizi inerenti le reti e gli impianti di pubblica illuminazione e semaforici a decorrere dal 1 Aprile dello stesso anno. Con lo stesso atto basando l'affidamento su un piano economico finanziario, all'uopo redatto dall'ente, nelle more della definizione di un apposito contratto di servizio s'impostavano i seguenti principi fondamentali mediante i quali disciplinare il rapporto contrattuale : La Società affidataria del servizio, al canone annuale di Euro fino al 31/12/2011, uniformandosi ai criteri di efficacia, efficienza ed economicità si è impegnata al raggiungimento di obiettivi prioritariamente tendenti a garantire la piena fruibilità dei servizi in risposta alle reali esigenze della cittadinanza e dell'amministrazione, garantendo inoltre sicurezza e risparmio energetico nonché manutenzione ed aggiornamento costante degli impianti e delle attrezzature per assicurare un corretto ed efficiente funzionamento del sistema. Inoltre nei limiti delle previsioni del piano economico finanziario la Società ha assunto a proprio carico l'onere per l'attuazione degli investimenti garantendo la programmazione degli interventi relativi alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti già in esercizio. Nel contempo il Comune si è riservato la programmazione degli investimenti relativi agli ampliamenti e potenziamento degli impianti. Infine sulla base di quanto preventivamente concordato con le organizzazioni sindacali l'ente ha posto, in posizione di comando presso la Società, n 11 dipendenti già addetti al servizio per i cui oneri retributivi la Società si è impegnata al relativo rimborso fino alla data del , data entro la quale il personale 12

13 stesso dovrà scegliere di confermare o meno la posizione di comando per singoli periodi di 12 mesi fino alla scadenza contrattuale. Da ultimo si evidenzia che al fine di formalizzare le direttive cui devono attenersi gli organi di gestione delle società partecipate con atto di Giunta n 428 adottato il 2 Maggio 2006, in ottemperanza al disposto del comma 9 art. 1 del D.L , n 168 convertito con la Legge n 191, si è proceduto all'emanazione delle direttive in conformità a quanto previsto dal comma citato. 13

14 Il Comune e le risorse finanziarie La Legge Finanziaria 2006, ribaltando completamente le indicazioni fissate nella precedente finanziaria 2005, con cui aveva fissato un incremento di spesa per l'anno 2006 in misura pari al 2% in più rispetto all'anno 2005, ha stabilito che il complesso delle spese correnti non può superare l'ammontare di quelle del 2004 ridotte del 6,5%. Le disposizioni di cui sopra, prescindendo completamente dalle entrate di cui l'ente dispone, hanno imposto delle notevoli restrizioni economico finanziarie che nonostante i tagli del 50% operati sulle spese di rappresentanza e del 10% sulle spese inerenti le indennità dei Consiglieri comunali, circoscrizionali, Assessori e Sindaco hanno reso ancora più difficile la prosecuzione degli impegni assunti nei confronti della cittadinanza in ordine a tutti i settori in corso di riqualificazione ed ottimizzazione. Pur tuttavia l'amministrazione attraverso un articolato percorso strategico e mediante un oculata analisi delle Entrate disponibili nei limiti normativi imposti ha cercato di privilegiare i settori più critici cercando di non operare dannosi tagli nelle funzioni più a rischio quali quelle dei servizi sociali. Nel contempo anche nell'ambito delle spese d'investimento, ridotte dell'8 %, previa valutazione delle opere strategiche di maggiore rilevanza già cantierate, si è cercato di privilegiare quelle più consone a ristabilire l'efficienza dell'azione dell'ente in rapporto alle esigenze della cittadinanza. Sulla base di questo complesso ed articolato scenario finanziario è stata impostata la manovra per l'esercizio finanziario 2006 tenendo conto dei vincoli di crescente rigidità sulle spese e delle difficoltà di espansione delle risorse anche in presenza di minori trasferimenti statali che, come di seguito evidenziato hanno subito un decremento del 15.36% rispetto all'anno Considerato che il Bilancio del Comune deve garantire il giusto equilibrio fra il rigore dei numeri e le attese della collettività, fra la necessità del raggiungimento del pareggio e del patto di stabilità e la programmazione delle politiche di sviluppo e di investimento, è con notevole sforzo che si è riusciti a mantenere un elevato livello qualiquantitativo degli interventi e dei servizi proseguendo, nel contempo nell'opera di razionalizzazione e contenimento delle spese, nell'individuazione delle inefficienze e nel taglio dei costi di attività non strategiche e, soprattutto, non rivolte ai cittadini. Le risorse così recuperate sono state destinate alle attività più significative e ritenute di necessità più emergenti, osservando comunque, sempre criteri di corretta e sana amministrazione. Di seguito si riportano i dati contabili attestanti le risorse che l'ente, nei quattro anni di governo, ha impegnato nella funzione sociale evidenziando un incremento graduale che nel 2006 in rapporto all'anno 2003 è aumentato del 21.51% 14

15 SERVIZI Asili nido, serv. per l'infanzia e minori , , , ,75 Prevenzione e riabiltazione , , , ,00 Strutture di ricovero anziani , , , ,80 Assistenza e beneficenza pubblica , , , ,17 Serv. necroscopico cimiteriale , , , ,09 TOTALE , , , ,81 L'Amministrazione ha attivato diverse modalità di gestione attiva del proprio indebitamento con l'intento di ridefinire i costi dei relativi tassi e liberare risorse da destinare ai servizi e, quindi, ai cittadini stessi. Nella tabella sottostante vengono riportati i valori contabili attestanti lo sviluppo inerente i costi sostenuti dall'ente nel corso dei quattro anni di governo relativamente al rimborso di prestiti sia per il pagamento delle quote capitali sui mutui in ammortamento che per il rimborso dei prestiti obbligazionari , , , ,58 Tutto ciò lasciando inalterata la capacità d'indebitamento del Comune data dal rapporto tra gli oneri sostenuti per il pagamento della quota interessi ed il totale delle entrate correnti pari al 6.73% e, quindi inferiore al 12% previsto dalla Legge.Ciò comporterà, condizionatamente alle Leggi di riferimento, la possibilità futura di poter pagare ulteriori somme pari ad Euro ,36 per interessi passivi sui possibili nuovi mutui da contrarre. Interessi passivi ed oneri finanziari diversi = , % Totale Entrate correnti = ,90 12% di Legge su ,90= , ,59= ,36 Accanto a queste operazioni è proseguito l'impegno per il recupero dell'evasione fiscale, per la politica delle dismissioni patrimoniali attivando tutti gli strumenti che l'attuale legislazione mette a disposizione degli Enti locali per raggiungere i propri obiettivi e mantenendo ed anche innalzando il livello d'efficienza dei servizi. Inoltre si è proseguito nell'imponente piano d'investimenti destinato a sostenere il processo di sviluppo e di riqualificazione infrastrutturale della città.trasformare radicalmente la nostra città. L'aumento della Tassa sui rifiuti solidi urbani è stato determinato dall'esigenza di garantire un adeguata copertura dei costi ma nonostante l'incremento la TARSU imposta ai cittadini pescaresi si attesta fra le più basse d'italia. Per quanto concerne l' ICI, l'aliquota sulla prima casa ulteriormente integrata da un articolato sistema di detrazioni volto a favorire nuclei familiari e persone disagiate, definisce un livello di tassazione tra i più favorevoli in ambito nazionale. 15

16 L'imposta, come da programma di governo, è stata rimodulata secondo criteri di progressività. Nonostante non siano intervenuti significativi incrementi della pressione fiscale ma anzi, come summenzionato si è dato luogo ad una ulteriore detrazione, è possibile riscontrare la crescita graduale del gettito assicurato da tale imposta proprio in ragione di una seria e costante lotta all'evasione. INCREMENTO ICI % 2005 % 2006 % , , , , Una particolare attenzione è stata riposta nell'utilizzo degli indicatori finanziari che, sebbene non misurino gli effetti prodotti ma soltanto le risorse impiegate sono fondamentali nel processo di reporting favorendo verifiche oggettive sul livello di efficienza ed efficacia dell'azione svolta. Per una migliore analisi dei dati finanziari inerenti la gestione dell'esercizio 2006, qui di seguito si riportano alcuni risultati che meglio rappresentano l'andamento finanziario dell'ente ponendo in evidenzia quanto un attenta ed oculata gestione delle risorse abbia consentito non solo il difficile e fiscale rispetto dei limiti posti dal patto di stabilità ma anche il raggiungimento degli equilibri economico finanziari e, per quanto possibile, l'ottimizzazione dei flussi. 16

17 INDICATORI FINANZIARI 2003/ 2004/2005/2006 Autonomia impositiva Rapporto fra Entrate tributarie ed Entrate correnti ,26 57,06% , ,49 57,14% , ,80 64,42% , ,98 66,39% ,90 AUTONOMIA IMPOSITIVA ANNI ,06% 57,14% 64,42% 66,39% Autonomia finanziaria Rapporto fra Entrate proprie ed Entrate correnti ,28 81,72% , ,90 84,79% , ,86 85,27% , ,95 87,00% ,90 AUTONOMIA FINANZIARIA ANNI ,72% 84,79% 85,27% 87,00%

18 Pressione Tributaria Rapporto fra Entrate Tributarie e popolazione ,26 421, ,49 473, ,80 576, ,98 548, PRESSIONE TRIBUTARIA rapporto fra Entrate Tributarie e popolazione 800,00 600,00 421,23 473,20 576,96 548,54 400,00 200,00 0, Pressione finanziaria Rapporto fra Entr.Tributarie+ Entr.da trasferimenti e popolazione ,82 556, ,13 599, ,19 708, ,93 655, ,00 600,00 400,00 200,00 PRESSIONE FINANZIARIA rapporto fra Entrate Tributarie + Entrate da trasferimenti e popolazione 708,87 655,99 599,15 556,20 0,

19 Pressione su Entrate Extratributarie Rapporto fra Entrate Extratributarie e popolazione ,02 182, ,41 228, ,06 186, ,97 170, PRESSIONE FINANZIARIA rapporto fra Entrate Tributarie + Entrate da trasferimenti e popolazione 300,00 250,00 200,00 150,00 100,00 50,00 0,00 228,93 182,04 186,75 170, Velocità di gestione spese correnti Rapporto fra pagamenti ed impegni spese correnti di competenza ,29 74,20% , ,73 71,47% , ,67 61,92% , ,12 67,00% ,09 VELOCITA' DI GESTIONE SPESE CORRENTI ANNI ,20% 71,47% 61,92% 67,00%

20 Velocità di gestione delle spese complessive Rapporto fra pagamenti ed impegni complessivi di competenza ,15 63,01% , ,64 60,70% , ,26 73,38% , ,42 50,97% ,34 VELOCITA' DI GESTIONE SPESE COMPLESSIVE ANNI ,01% 60,70% 73,38% 50,97% Velocità riscossione Entrate proprie Rapporto fra riscossioni (compr. Residui) Entr. Trib. ed Extratrib.ed accertamenti (comp.) ,26 96,45% , ,99 88,38% , ,66 96,17% , ,70 79,55% ,95 VELOCITA' DI RISCOSSIONE ENTRATE PROPRIE ANNI ,45% 88,38% 96,17% 79,55%

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI PROGRAMMATICI DELLA REGIONE 6.1 - Valutazioni finali della

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016 Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie Premessa Con la manovra di bilancio il Comune di Trezzo sull Adda è chiamato ad individuare i principali

Dettagli

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco Analisi di bilancio Comune di Buccinasco INDICE INDICE... 3 CENNI STORICI... 4 IL BILANCIO COMUNALE alcune nozioni... 5 L ANALISI DELLE ENTRATE... 6 Autonomia Finanziaria... 7 Autonomia tributaria...

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL Comune di Nembro Provincia di Bergamo RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 LA GIUNTA COMUNALE NEMBRO, APRILE 2005 PREMESSA Anche quest anno la Giunta Comunale, nel

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 (Attuazione dell art.10, comma 1, D.Lgs 14 marzo 2013, n.33) Premessa Con la redazione del presente Programma Triennale

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000)

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) COMUNE DI FAENZA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) Il presente lavoro è redatto e comunicato, ai sensi della citata normativa, per l adempimento degli obblighi propri

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ESERCIZIO 2013 Attività e Obiettivi Gestionali Anno 2013 GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE Responsabile Machetti Duccio

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015 Allegato A) alla deliberazione di G.C. n. del PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015 Il PdO è stato elaborato al termine di un lungo e condiviso lavoro di programmazione,

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

REFERTO CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2010 COMUNE DI BIENNO (BRESCIA)

REFERTO CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2010 COMUNE DI BIENNO (BRESCIA) REFERTO CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2010 COMUNE DI BIENNO (BRESCIA) INDICE INTRODUZIONE AL REFERTO PARTE PRIMA: CARATTERISTICHE GENERALI DELL ENTE PARTE SECONDA: ANALISI DELLA GESTIONE FINANZIARIA PARTE

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PROVINCIA DI FIRENZE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Parte I - Articolazione generale del sistema di misurazione e valutazione 1. Premessa 2. Piano della performance 3. Principi

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti IL RENDICONTO, LA PRODUZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti La legge Finanziaria 2003 oltre a confermare la riduzione

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 999999 10 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0.00.0000 999999 20 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ORDINAMENTO CONTABILE E FINANZIARIO DEI COMUNI DELLA REGIONE AUTONOMA TRENTINO ALTO ADIGE

ORDINAMENTO CONTABILE E FINANZIARIO DEI COMUNI DELLA REGIONE AUTONOMA TRENTINO ALTO ADIGE REGIONE AUTONOMA TRENTINO ALTO ADIGE Ripartizione II Affari Istituzionali, competenze ordinamentali e previdenza AUTONOME REGION TRENTINO SÜDTIROL Abteilung II Institutionelle Angelegenheiten, Ordnungsbefugnisse

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DEL BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 COMUNE DI POZZOLENGO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 ALLEGATO Alla DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N 56 del 15/05/2013 1 PREMESSA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO Premessa L'attività del Consorzio Intercomunale Smaltimento Rifiuti consisteva originariamente nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, provenienti dai comuni

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 4882257,22 7796539,38 9231139,44 8414080,00 8731772,96 8840675,26 8,85- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 11568066,42 9718909,97 10494965,10 10771886,36 11034546,46 11219546,46 2,64 Contributi e trasferimenti

Dettagli

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Con la legge regionale 27 dicembre 2010 n. 21 Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 (Disciplina

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Finalità Articolo 3 - Competenze dei soggetti preposti all amministrazione, finanza

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Marradi (Provincia di Firenze) DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera della Giunta comunale n. 91/2012 Modificato con delibera della Giunta comunale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

VERBALE del 18/11/2013

VERBALE del 18/11/2013 VERBALE del 18/11/2013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 E SUOI ALLEGATI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il COLLEGIO DEI REVISORI Premesso che l organo di revisione ha esaminato la proposta di bilancio

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE PROVVISORIO

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE PROVVISORIO PIANO ESECUTIVO di GESTIONE PROVVISORIO 2012 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 48-1482 del 24/01/2012 Obiettivi e dotazioni Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE Piano

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA CITTA' DI NARDO' Provincia di LECCE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PER L'ESERCIZIO 2015 SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL'ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 )

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 ) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 ) La relazione sulla performance, prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 27 ottobre

Dettagli

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE 2012

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE. di GESTIONE 2012 PIANO ESECUTIVO di GESTIONE 2012 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 550-25679 del 28/06/2012 Obiettivi e dotazioni Volume 6: SERVIZI DELL AREA EA RISORSE FINANZIARIE Piano esecutivo

Dettagli

Ufficio Pianificazione e Controlli Responsabile del Procedimento: dott. Mario Spoto Responsabile dell Istruttoria: dott.ssa Consuelo Patruno

Ufficio Pianificazione e Controlli Responsabile del Procedimento: dott. Mario Spoto Responsabile dell Istruttoria: dott.ssa Consuelo Patruno Ufficio Pianificazione e Controlli Responsabile del Procedimento: dott. Mario Spoto Responsabile dell Istruttoria: dott.ssa Consuelo Patruno REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE - ANNI 2011 2012 ai sensi

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE COMUNE DI LUISAGO (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 202 INDICE - Introduzione - Territorio - Popolazione - Strutture - Personale - Struttura: dati economico-patrimoniali organizzazione -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

COMUNE DI CARZANO. Provincia di Trento

COMUNE DI CARZANO. Provincia di Trento COMUNE DI CARZANO Provincia di Trento PARERE DEL REVISORE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 IL REVISORE Rag. Roberto Tonezzer 2 Verifiche preliminari Il sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 16-11-2001 REGIONE PUGLIA "Riforma dell'ordinamento regionale in materia di programmazione, bilancio, contabilità regionale e controlli" (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008 Nota di chiarimento Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Ad integrazione di quanto già inoltrato da ANCI in data 25 agosto 2008 a tutti i Comuni italiani

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premesse e finalità Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato FUNZIONE SERVIZIO PROCESSO ORGANI ISTITUZIONALI PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE 24 Servizi di supporto interno: Gestire Segreteria, Protocollo, Servizi informativi

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 1 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 PREMESSA 2 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n.33 ha riordinato la disciplina

Dettagli

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1 Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015 Consuntivo 2015 Pag. 1 Relazione illustrativa della Giunta al Rendiconto Esercizio 2015 Premessa L esercizio 2015 si conclude

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 50 DEL 26 Marzo 2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE - PIANO ASSUNZIONI 2013 * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Pag: 1 di 12 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione con provvedimento d urgenza n 3 del 29 gennaio 2016. Seguirà ratifica

Dettagli

1.6 ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI TRA DATI PREVISIONALI E DEFINITIVI

1.6 ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI TRA DATI PREVISIONALI E DEFINITIVI 1.6 ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI TRA DATI PREVISIONALI E DEFINITIVI L'analisi fin qui condotta è stata orientata a scomporre il risultato della gestione nelle varie componenti cercando di analizzarne le principali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Enti locali - PROVINCIA Area Contabilità e Finanza - Categoria professionale "C" e "D"

Enti locali - PROVINCIA Area Contabilità e Finanza - Categoria professionale C e D Enti locali - PROVINCIA Area Contabilità e Finanza - Categoria professionale "C" e "D" Apprendimento generale: Specializzazione professionale: Stage: metodi e strumenti di lavoro di tipo generale informatica

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento dell Università degli Studi Link Campus University di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto e definizioni Articolo 2 - Finalità Articolo

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA PALERMO RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2012. (Art. 151, comma 6 e art. 231 del D. Lgs 18/08/2000, n 267) Allegata alla deliberazione

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 9084443,36 8502962,92 8155504,77 8112844,23 7982265,23 8084026,13 0,52- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI Approvato con deliberazione di G.C. n. 89 del 9.09.2013 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Principi

Dettagli