PHP PHP Hypertext Preprocessor. Programmazione lato server

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PHP PHP Hypertext Preprocessor. Programmazione lato server"

Transcript

1 PHP PHP Hypertext Preprocessor Programmazione lato server 1

2 Building applications While many sites act as simple repositories, providing users with a collection of files they can retrieve and navigate through with hyperlinks, web sites are capable of much more sophisticated interactions.. Sites can collect informations from users through forms, customize their appearance and their content to reflect the interests of particular users, or let the users interact with a variety of information sources 2

3 Cosa vediamo 3

4 Cosa vediamo web server Comunicazione HTTP Apache Logica applicativa PHP Data source MySQL 4

5 Cosa vediamo 5

6 Architettura 3-tier (dal sito Microsoft) 6

7 Apache È un web server. Parla e capisce il protocollo http. Primo web server, sviluppato da Tim Berners-Lee presso il CERN. Predecessore di Apache: NCSA httpd server (1995). 7

8 PHP Open-source server-side scripting language sviluppato appositamente per il web. Il progetto inizia nel 1994 (Rasmus Lerdorf). Inizialmente PHP = Personal Home Page, poi diventa PHP Hypertext Preprocessor. 1998: PHP 3. Versione corrente: PHP

9 PHP HTML + JavaScript PHP Un file con codice PHP deve essere salvato in formato solo testo e con estensione.php. HTML + JavaScript PHP 9

10 Introduzione a PHP Linguaggio di scripting per realizzare pagine web dinamiche, il cui contenuto viene generato (dinamicamente) nel momento in cui queste vengono richieste al web server. Script PHP: pagina HTML nella quale viene inserito il codice PHP viene descritto come HTML-embedded. Il codice PHP viene eseguito sul server prima che la pagina venga inviata al browser, che vedrà solo il risultato finale. 10

11 Introduzione a PHP: esempio Ciao Script PHP: mondo! <html> <head><title>esempio 1</title></head> <body> <?php echo <h1>ciao mondo!</h1> ;?> </body> </html> Pagina inviata al browser: <html> <head><title>esempio 1</title></head> <body> <h1>ciao mondo!</h1> </body> </html> 11

12 Introduzione a PHP: come si Stile abbreviato inserisce il codice? <? codice PHP qui?> Stile classico <?php codice PHP qui?> Stile Microsoft ASP <% codice PHP qui %> Alternativa (utile con gli editor HTML visuali, come Front Page, che potrebbero non tollerare gli altri tipi di sintassi) <SCRIPT LANGUAGE= php > codice PHP qui </SCRIPT> 12

13 Introduzione a PHP: come si inserisce il codice? Le istruzioni devono essere separate tra loro dal ; Commenti // questo è un commento /* questo è un commento */ # questo è un commento 13

14 Le funzioni fondamentali: sintassi per le funzioni La sintassi per richiamare una funzione è la seguente: nome_funzione(valore1, valore2, ); È possibile che alcune funzioni non necessitino di alcun parametro. In questo caso, vanno comunque indicate le parentesi tonde. 14

15 Le funzioni fondamentali: phpinfo( ) phpinfo(): : genera dinamicamente una pagina contenente informazioni sulla versione di PHP installata e altre cosette, quali i nomi delle variabili predefinite. <html> <head><title>phpinfo()</title></head> <body> <?php phpinfo( );?> </body> </html> 15

16 Le funzioni fondamentali: echo echo: : serve per scrivere l output che viene inviato al browser che accede allo script. Non si tratta propriamente di una funzione, bensì di un costrutto del linguaggio; per questo non si usano le parentesi tonde. <html> <head><title>echo</title></head> <body> <?php echo <h1>benvenuto!</h1> ;?> </body> </html> 16

17 Le funzioni fondamentali: echo Grazie a echo si può visualizzare il contenuto delle variabili. <html> <head><title>echo</title></head> <body> <?php echo Benvenuto su. $_SERVER[ HTTP_HOST ];?> </body> </html> $_SERVER[ HTTP_HOST ]: variabile contenente il nome di dominio del sito su cui lo script viene eseguito. 17

18 Le funzioni fondamentali: exit( ) e die( ) exit() e die(): : arrestano l esecuzione dello script; die() consente anche di stampare un messaggio. Tali funzioni possono essere utilizzate per gestire eventuali situazioni di errore che non consentono la prosecuzione dello script. <html> <head><title>exit</title></head> <body> <? exit( );?> <p>questa frase non si vedrà</p> </body> </html> 18

19 Le funzioni fondamentali: esempi Nell esempio seguente controlliamo il valore della variabile $n e mostriamo un messaggio di errore, bloccando l esecuzione del programma, se tale variabile è maggiore di 1. <html> <head><title>die</title></head> <body> <? $n=5; if ($n>1) die( <h1>$n è maggiore di uno!!!</h1> ); echo <h1>$n è minore o uguale a uno!</h1> ;?> </body> </html> Vedere cosa succede sostituendo $n=5 con $n=1. 19

20 Variabili e tipi di dato: sintassi delle variabili I nomi delle variabili sono prefissati dal simbolo $ Esempio: $a = $b + $c serve per assegnare alla variabile a la somma dei valori delle variabili b e c. Il simbolo = è l operatore di assegnazione. In PHP, per creare una variabile, è sufficiente assegnarle un valore. Le variabili, cioè, non vanno dichiarate esplicitamente. Per visualizzare il valore di una variabile, come già visto, si usa echo. 20

21 Variabili e tipi di dato: sintassi delle costanti Il formato per assegnare il valore ad una costante è: define( nome_costante, il valore che si intende dare ); Esempio: define( FILM, Codice d onore ); define( TIPOFILM, è un dramma nell ambito della giustizia militare. ); Per visualizzare una costante in uno script si usa echo e l operatore di concatenazione: echo Il film.film.tipofilm; L operatore. è l operatore di concatenazione. 21

22 Operatori (I) Operatori aritmetici +: : addizione ($a + $b). -:: sottrazione ($a - $b). : : moltiplicazione ($a $b). /:: divisione ($a / $b). %:: modulo ($a % $b). Operatori di confronto ==: : uguale ($a == $b). ===: : identico ($a === $b) (cioè $a e $b sono anche dello stesso tipo).!=: : diverso ($a!= $b). <>: : diverso ($a <> $b). <: : minore di ($a < $b). <=: : minore o uguale di ($a <= $b). 22

23 Operatori (II) Operatori logici!:: NON (!$b: rende vero se $b è falso e viceversa). &&: : E ($a && $b: rende vero se $a e $b sono entrambe vere; altrimenti falso). : : O ($a $b: rende vero se $a oppure $b è vera; altrimenti falso). xor: : O esclusivo ($a xor $b: rende vero se i valori di verità di $a e $b sono diversi; altrimenti falso). Operatore ternario condition? value if true : value if false ($grade > 50? Passed : Failed ); L espressione assumerà valore Passed o Failed a seconda del valore della variabile $grade. Operatore di assegnazione: = 23

24 Operatori (III) Operatori combinati +=: : $a += 5: aggiungi 5 ad $a e assegna il risultato ad $a stessa. -=: : $a -= 5: togli 5 ad $a e assegna il risultato ad $a stessa. /=:$a /= 5: dividi $a per 5 e assegna il risultato ad $a stessa. Operatore di incremento e decremento ++$a: : aggiunge 1 alla variabile $a poi ne restituisce il valore. $a++: : restituisce il valore originario quindi vi aggiunge 1. Analogamente per gli operatori --$a e $a--. Questi operatori vengono spesso utilizzati per i contatori all interno di cicli ($contatore += 10, $contatore++). 24

25 Esempi <?php $costo_televisore= 500 ; $costo_televisore+= 15 ; echo Ehi! Grande occasione per le TV, costano solo $costo_televisore, spedizione inclusa! Ordina subito! ;?> Risultato nel browser: Ehi! Grande occasione per le TV, costano solo 515, spedizione inclusa! Ordina subito! $contatore=0; echo $contatore++; echo <br> ; echo $contatore; $contatore=10 echo --$contatore; echo <br> ; echo $contatore Risultato nel browser: 0 Risultato nel browser:

26 Variabili e tipi di dato: variabili predefinite Sono variabili il cui valore è preimpostato, che contengono solitamente informazioni sull ambiente di esecuzione dello script PHP. $_SERVER[ PHP_SELF ]: : contiene il percorso dello script in esecuzione (ad es., se lo script è raggiungibile dall indirizzo $_SERVER[ PHP_SELF ] conterrà il valore /index.php3). $_SERVER[ HTTP_HOST ]: : contiene il nome del server su cui lo script viene eseguito (nel caso precedente, localhost). $_SERVER[ HTTP_REMOTE_HOST ]: : fornisce il nome di dominio del visitatore. $_SERVER[ HTTP_REMOTE_ADDR ]: : fornisce l indirizzo IP del visitatore. Usare la funzione phpinfo( ) per visualizzare l elenco completo delle variabili predefinite. 26

27 Variabili e tipi di dato: tipi di dato I tipi di dato in PHP si suddividono in tipi scalari e tipi compositi. Tipi scalari: numeri (interi e in virgola mobile), stringhe, valori booleani. Tipi compositi: array, oggetti. 27

28 Variabili e tipi di dato: esempi // $b è una variabile di tipo booleano $b = TRUE; // $num è una variabile di tipo intero $num = 25; // $pi_greco è un numero in virgola mobile // si noti il punto (virgola decimale) $pi_greco = 3.14; //$messaggio è una stringa $messaggio = Ciao a tutti! ; 28

29 Variabili e tipi di dato: array In PHP un array può essere tanto un vettore (struttura dati in cui ogni elemento è individuato da un valore numerico) quanto una tabella di hash (collezione di coppie nome/valore). array( ):) : per costruire esplicitamente un array. È anche possibile costruire un array in modo implicito. 29

30 Variabili e tipi di dato: esempi di array // array di numeri interi costruito esplicitamente utilizzando array() $primi = array(2,3,5,7,11); // array costruito implicitamente $pari[0] = 2; $pari[1] = 4; $pari[2] = 6; // tabella di hash $bookmark[ univ ] = ; $bookmark[ dip ] = ; 30

31 Variabili e tipi di dato: come accedere agli elementi di un array Utilizzare il corrispondente indice numerico, oppure la chiave (se si tratta di una tabella di hash) echo $primi[3]; echo $bookmark[ dip ]; In PHP un array può contenere anche elementi di tipo diverso $mix = array(1, ciao,3.14,array(1,2,3)); 31

32 Manipolazione delle stringhe In PHP esistono diverse funzioni predefinite per effettuare moltissime operazioni sulle stringhe di testo. substr: consente di estrarre una sottostringa. La sintassi è: substr(stringa,inizio,fine); ove stringa indica la stringa di partenza, inizio è il carattere di partenza per estrarre la sottostringa e fine quello in cui termina la sottostringa. L argomento fine è opzionale: se non indicato, il carattere finale della sottostringa sarà il carattere finale della stringa stessa. <?php $protagonista= Bruce Willis ; $nome=substr($protagonista,0,5); $cognome=substr($protagonista,6); echo Il nome è: $nome, il cognome è: $cognome ;?> 32

33 Manipolazione delle stringhe strlen(stringa): restituisce la lunghezza della stringa stringa come numero intero. trim(stringa): elimina gli spazi dalla stringa stringa. ucfirst(stringa): rende maiuscola l iniziale di stringa. ucwords(stringa): rende maiuscole tutte le iniziali delle parole di stringa. 33

34 Manipolazione delle stringhe strpos(stringa,pattern): cerca la prima occorrenza di pattern in stringa e restituisce il carattere in cui compare. strrpos(stringa,pattern): cerca l ultima occorrenza di pattern in stringa e restituisce il carattere in cui compare. str_replace(stringa da cercare,stringa da inserire,stringa): cerca stringa da cercare in stringa e la sostituisce con stringa da inserire. nl2br(stringa): se stringa è un generico testo, converte tutti gli a capo in <BR> HTML. urlencode(stringa): converte stringa in modo tale da poterla accodare a un interrogazione in uno script. urldecode(stringa): decodifica completamente la stringa di interrogazine URL stringa. 34

35 Manipolazione delle stringhe strrev(stringa): restituisce stringa invertita. str_word_count(stringa,modalità): effettua alcuni conteggi su stringa: se modalità non è specificata, conta le parole di stringa; ; se modalità=1, restituisce un array contenente tutte le parole di stringa; se modalità=2, restituisce una tabella hash ove la chiave è la posizione numerica della parola in stringa e il valore è la parola stessa. explode(separatore,stringa): crea un array di elementi partendo dalle parti di stringa divise dal carattere separatore. implode(separatore,array): crea una stringa partendo dagli elementi di array divisi da separatore. Esistono numerose altre funzioni per la manipolazione di stringhe, che possono essere trovate su ogni buon manuale. 35

36 Form HTML: sintassi dei form Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni. Una volta inseriti, i dati vengono inviati ad uno script che li elabora. Sintassi: <form action= [URL dello script] method= [GET o POST] > <input type= [elemento di controllo] name= [nome] = [nome] > <input type= [elemento di controllo] name= [nome] = [nome] > </form> 36

37 Form HTML: sintassi dei form L attributo action serve per specificare l URL dello script. L attributo method serve per specificare la modalità di invio delle informazioni. Può essere GET o POST.. Con GET le informazioni vengono inserite nell indirizzo URL, dunque sono visibili nella barra degli indirizzi del browser, ma sono vincolate dalla lunghezza massima di un URL, che è di 256 caratteri. Con POST i dati vengono scritti sullo standard input dell applicazione destinataria, dunque non sono visibili ma soprattutto non ci sono limiti sulla quantità di dati inviata. Si può accedere alle informazioni inviate anche utilizzando gli array superglobali $_GET e $_POST (a seconda del metodo usato). 37

38 Form HTML: elementi di controllo (I) Pulsante d invio: SUBMIT.. L attributo Value (opzionale) specifica il testo personalizzato da visualizzare all interno del pulsante. Pulsante per la cancellazione delle informazioni inserite: RESET.. L attributo Value è come sopra. Campi di testo per l immissione di singole linee di testo all interno di appositi riquadri: TEXT.. L attributo Name serve per dare il nome al controllo; Size serve per determinare la dimensione del campo in caratteri (es.: size= 30 ). Altri controlli per l immissione di testo sono PASSWORD (i caratteri sono rimpiazzati sullo schermo da asterischi) e HIDDEN (per la creazione di un campo di testo nascosto, a volte utilizzato per passare informazioni da un form a un altro). Per l immissione di testo su più righe, si può utilizzare TEXTAREA: <TEXTAREA NAME= miei commenti ROWS= 10 COLS= 40 > 38 </TEXTAREA>

39 Form HTML: elementi di controllo (II) Caselle di selezione che consentano all utente selezioni multiple all interno di un form: CHECKBOX.. L attributo Name serve per dare un nome al singolo elemento di selezione all interno del controllo, mentre l attributo Value specifica il valore assunto dalla variabile relativa quando la casella viene selezionata. Inserendo alla fine la parola CHECKED,, il browser selezionerà inizialmente la casella in modo automatico. Esempio: <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= arancia VALUE= Succo d arancia > <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= cola VALUE= Coca-Cola > <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= pompelmo VALUE= Succo di pompelmo CHECKED>. 39

40 Form HTML: elementi di controllo (III) Pulsanti radio per la selezione di un solo elemento all interno di un gruppo: RADIO. A differenza del controllo CHECKBOX, il nome di tutte le caselle di un controllo RADIO deve essere sempre lo stesso. I menu di selezione permettono una o più selezioni a partire da un elenco: SELECT. Esempio: <SELECT NAME= giorno_settimana > <OPTION>Lunedì <OPTION>Martedì <OPTION>Mercoledì <OPTION>Giovedì <OPTION>Venerdì </SELECT> Per avere selezioni multiple all interno di un menu di selezione, si usa la seguente sintassi: <SELECT NAME= giorno_settimana[] [] multiple> 40

41 Form HTML: esempio Semplice esempio di form HTML: <form action= /scripts/elabora.php method= get > <input type= text name= campione > <input type= submit name= Invia value= Invia i dati > </form> Scrivendo Schumacher nella casella di testo e premendo il pulsante Invia i dati, nella barra degli indirizzi verrà visualizzato: Nello script elabora.php viene definita una variabile di nome $_GET[ campione ] il cui valore è la stringa Schumacher. 41

42 Form HTML: trasmissione dei dati col metodo GET Indirizzo URL dello script a cui si vogliono inviare i dati seguito da un punto interrogativo? seguito dalla query string La struttura della query string consiste di coppie nome/valore separate da &; i caratteri non ammissibili in un indirizzo URL vengono sostituiti da % seguito dal corrispondente codice ASCII (in formato esadecimale; ad es., ì diventa %EC ). Gli spazi vengono sostituiti da +. Il metodo GET si può sfruttare per passare parametri ad uno script PHP. Supponiamo di avere uno script news.php che estrae informazioni da un database; possiamo creare una variabile, da chiamare, ad esempio, $argomento, tramite la quale estrarre il tipo di notizie che più ci interessano: Se l argomento che ci interessa ha un nome che non sappiamo accodare ad un URL, possiamo usare la funzione urlencode( ).) 42

43 Un esempio Creiamo un form contenente un campo di testo, una textarea e due pulsanti, un pulsante di invio e un pulsante di reset. Supponiamo inoltre che lo script di destinazione si chiami decode.php. 43

44 Un altro esempio Creiamo un altro form, contenente un campo di testo, un menu di selezione, tre pulsanti radio e i soliti due pulsanti, di invio e di reset. Supponiamo inoltre che, anche in questo caso, lo script di destinazione si chiami decode.php. 44

45 Un altro esempio Ora costruiamo lo script decode.php che elabora il precedente form, dando come risultato per l utente la seguente pagina web: 45

46 Dichiarazione di funzioni: sintassi Ogni programmatore può creare funzioni personali, che normalmente sono di due tipi: funzioni in senso matematico o funzioni come mezzo per aggiungere nuovi comandi al linguaggio. Nella prima accezione, una funzione rappresenta una relazione tra un input e un output. Nella seconda accezione, una funzione rappresenta un modo per raggruppare un blocco di istruzioni PHP affinché possano essere richiamate ed eseguite come se fossero un unica istruzione. Sintassi per la dichiarazione di una funzione: function [nome_funzione]([argomenti] [argomenti]){ [corpo-della-funzione] } [nome_funzione]: nome della funzione; [argomenti]: elenco, eventualmente vuoto, di parametri da fornire alla funzione separati da virgole; [corpo-della-funzione]: blocco di istruzioni PHP che implementano la funzione stessa. 46

47 Dichiarazione di funzioni: esempio Dichiarazione di una funzione che somma due numeri: function somma($a,$b){ return $a+$b; } Il costrutto return return viene utilizzato quando una funzione deve restituire un valore. Richiamo della funzione somma : $risultato=somma(1,1); Il risultato della funzione somma calcolata sugli argomenti (1,1) viene assegnato alla variabile $risultato. 47

48 Dichiarazione di funzioni: variabili locali e variabili globali All interno di una funzione, come si è visto, si possono naturalmente utilizzare delle variabili. In questo caso, tuttavia, occorre prestare attenzione alla distinzione tra variabili locali e variabili globali. Le variabili locali sono definite all interno della funzione, e non sono accessibili al di fuori di essa. Le variabili globali sono invece definite al suo esterno (nella parte principale dello script), e si possono utilizzare all interno di una funzione premettendo la parola-chiave global. 48

49 Dichiarazione di funzioni: esempi Esempio 1: Esempio 2: <? function prova() { $numero =3; } // Qui $numero non è definita!?> <? // $numero è una variabile globale $numero=3; function prova() { // Quando dico $numero intendo la variabile globale global $numero; echo $numero; }?> 49

50 Dichiarazione di funzioni: il costrutto global Se ci si dimentica di usare il costrutto global, l interprete PHP avrebbe considerato $numero una variabile locale, e l avrebbe trovata non definita. In alternativa a global si può accedere a una variabile globale tramite l array associativo $GLOBALS.. La sintassi è la seguente: $GLOBALS[ numero ] 50

51 Strutture di controllo Come in ogni linguaggio di programmazione, le strutture di controllo servono per controllare il flusso di esecuzione del programma (o, nel nostro caso, dello script). Si possono distinguere due tipologie di strutture di controllo: quelle condizionali e quelle iterative. 51

52 Strutture di controllo: strutture condizionali Costrutto if: : si utilizza quando si vuole che l esecuzione di un certo blocco di istruzioni avvenga o meno in funzione del valore di un espressione (la condizione). Costrutto switch: : si utilizza quando ci sono diversi blocchi di istruzioni e si vuole che, in base al valore dell espressione data, venga eseguito soltanto uno di questi. 52

53 Strutture di controllo: costrutto if Sintassi: if [condizione] { [blocco istruzioni] } Esempio: if ($b!= 0) { $c = $a / $b; } Se si vuole che un altro blocco di istruzioni venga eseguito nel caso in cui la condizione risulti falsa, si usa il costrutto else.. Sintassi: if [condizione] { [blocco istruzioni 1] } else { [blocco istruzioni 2] } Esempio: if ($colore == rosso ) { echo Il colore è rosso ; } else{ echo Il colore NON è rosso ; 53

54 Strutture di controllo: costrutto switch Sintassi: switch [espressione] { case [valore 1]: [blocco istruzioni 1]; break; case [valore 2]: [blocco istruzioni 2]; break; } Esempio: switch($segno){ case 1: echo E uscito il segno 1! ; break; case 2: echo E uscito il segno 2! ; break; default: echo E uscito il segno X! ; } Tramite la parola chiave default si può prevedere un caso che deve essere eseguito se tutti i 54

55 Strutture di controllo: strutture iterative Costrutto while: : si utilizza quando si vuole ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni, e il numero di iterazioni dipende dal valore di una condizione. Dunque while è particolarmente utile quando non si sa a priori quante iterazioni dovranno essere effettuate. Sintassi: while([condizione] [condizione]) [blocco istruzioni] Esempio: $contatore=1; $max=10; while($contatore <= $max){ echo Ho contato fino a $contatore <br> ; $contatore++; } 55

56 Strutture di controllo: strutture iterative Costrutto for: : si utilizza quando si vuole ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni, e il numero di iterazioni è prefissato. Sintassi: for([espr1 [espr1]; [espr2]; [espr3]) ) { [blocco istruzioni] } [espr1]: : inizializzazione, espressione da valutare una sola volta; [espr2]: : condizione da valutare; [espr3]: : se espr2 è verificata, si esegue [blocco istruzioni] ed [espr3], per poi tornare alla valutazione di [espr2]. Esempio: $max=10; for ($contatore=1; $contatore<=$max; $contatore++) { echo Ho contato fino a $contatore <br> ; $contatore++; } 56

57 Un esempio Riprendiamo l esempio che abbiamo chiamato form2. Per prima cosa, facciamo una piccola modifica al form html, introducendo la possibilità di scegliere più giorni della settimana per la consegna (e non uno soltanto). Inoltre chiameremo collect_info.php lo script che elaborerà i dati inviati. Chiameremo il nuovo form form_menu.html. 57

58 Un esempio Ora creiamo lo script collect_info.php per elaborare i dati inviati col precedente form. Vogliamo che tale script svolga i seguenti compiti: Se non è stato selezionato alcun giorno di consegna, l array $_GET[ giorno_settimana ] sarà vuoto e il browser visualizzerà un messaggio di errore. A tale scopo, si può utilizzare la funzione isset(). In caso contrario, il browser mostrerà un messaggio di conferma, come nella figura sottostante. Per estrarre tutti gli elementi dell array $_GET[ giorno_settimana ], si userà il costrutto foreach. 58

59 Un esempio Funzione isset(): : controlla se una variabile è stata definita (ma non se contiene qualche dato). Costrutto foreach: : foreach($array as $variabile) { } prende ciascun elemento dell array $array e lo inserisce nella variabile $variabile, mentre qualunque cosa nelle parentesi graffe è eseguita sull elemento $variabile. 59

60 Un esempio Finora abbiamo sempre supposto che l utente avrebbe inserito le informazioni richieste negli appositi campi. Di fatto, spesso l utente dimentica di inserire qualche dato. Creiamo allora uno script per la convalida del nostro form. Più specificamente, vogliamo progettare uno script che controlli che l utente abbia inserito il proprio nome e abbia selezionato i giorni per la consegna. Tale script verrà chiamato check_form.php : questo nome dovrà essere sostituito a collect_info.php nel form form_menu.html. Suggerimenti per lo script: Una stringa vuota si indica con. Utilizzare una variabile booleana $errore per gestire le situazioni di errore. Utilizzare la funzione isset(),, che ha come unico argomento una variabile e controlla se tale variabile è stata definita. 60

61 Un esempio Questo è ciò che vogliamo ottenere se, ad esempio, l utente ha regolarmente inserito il nome ma non ha selezionato alcun giorno per la consegna. 61

62 Inclusione di file esterni A volte c è la necessità di includere (ed eseguire) in uno script PHP dei file esterni, che possono essere tanto semplici frammenti di codice HTML quanto altri scripts PHP. I costrutti che si usano in questi casi sono require e include. 62

63 Inclusione di file esterni: costrutti require e include Per entrambi questi costrutti la sintassi è la seguente: require [file] [file] include [file] [file] Ad esempio, per inserire in un certo punto del proprio script un altro script denominato libreria.php3, si scriverà require libreria.php3 oppure include libreria.php3. Si noti che la sintassi non prevede l utilizzo di parentesi tonde (non sono funzioni di PHP, ma più propriamente costrutti del linguaggio). IMPORTANTE: con require e include, l interprete PHP analizza il file incluso ponendosi in modalità HTML. Pertanto, eventuali frammenti di codice PHP, per essere correttamente riconosciuti ed eseguiti, vanno specificati utilizzando le consuete marcature per l inserimento del codice PHP. Una volta terminata l analisi del file esterno, l interprete torna regolarmente in modalità PHP. Noi useremo i due costrutti require e include indifferentemente. Per conoscere le differenze sui due costrutti, si può consultare un buon manuale di PHP. 63

64 Inclusione di file esterni: esempio Supponiamo di voler realizzare un sito in cui in tutte le pagine compare una barra di navigazione coi link alle varie sezioni del sito. È improbabile pensare di inserire manualmente in ogni pagina un appropriato frammento HTML, se non altro per evidenti problemi di manutenzione. Usiamo allora PHP, procedendo come segue. 64

65 Inclusione di file esterni: esempio 1. Isoliamo il frammento di HTML corrispondente alla barra di navigazione, e salviamolo in un file, denominato, ad esempio, intestazione.html. <!-- file intestazione.html === INIZIO --> <body color= black bgcolor= white > <a href= index.php3 >Home page</a> <a href= pagina2.php3 >Pagina 2</a> <hr size= 1 > <!-- file intestazione.html === FINE --> 65

66 Inclusione di file esterni: esempio 1. Realizziamo ora le varie pagine del sito. Una volta completata ciascuna pagina, includeremo il file contenente la barra di navigazione. <!-- file index.php3 --> <html> <head> <title>pagina che include un file esterno</title> </head> <? require intestazione.html?> <h1>pagina che include un file esterno</h1> [ contenuto della pagina ] </body> </html> Si noti che nella pagina index.php3 è stato omesso il tag <body>, in quanto già presente nel file intestazione.html. 66

67 Una barra di navigazione intelligente Riprendiamo il precedente esempio della barra di navigazione per svilupparlo ulteriormente. Ciò che vogliamo fare ora è costruire una barra di navigazione in grado di evidenziare automaticamente la voce corrispondente alla pagina corrente. Genereremo la nostra barra di navigazione utilizzando uno script apposito, denominato barra.php ; tale script verrà richiamato in tutte le pagine in cui vorremo visualizzare la barra. 67

68 Una barra di navigazione intelligente Il primo passo consiste nel costruire una struttura dati appropriata, nel nostro caso un array associativo, che chiameremo $links, contenente come elementi i link che vogliamo inserire nella barra di navigazione. Più specificamente, $links sarà una tabella hash, in cui la chiave di un elemento sarà l indirizzo della pagina web corrispondente, e il valore una sua breve descrizione. $links = array( index.php => Home page, pagina2.php => Pagina 2, pagina3.php => Pagina 3 ); 68

69 Una barra di navigazione intelligente Per far sì che venga evidenziata la voce corrispondente alla pagina corrente, ci sono sostanzialmente due modi: stabilire di volta in volta quale voce evidenziare, oppure fare in modo che ciò avvenga in modo automatico. Quest ultimo approccio sarà quello che useremo noi. Confronteremo il nome del file della pagina corrente con quelli contenuti in $links. Per fare ciò, useremo la variabile $_SERVER[ PHP_SELF ], che contiene il percorso dello script PHP corrente. Poiché a noi interessa solo il nome del file e non l intero percorso, utilizziamo la funzione basename() per estrarlo. 69

70 Una barra di navigazione intelligente Qui sotto viene specificato il codice PHP per visualizzare una tale barra di navigazione; come si vede, racchiuderemo ogni link della barra di navigazione tra parentesi quadre, ad eccezione di quello della pagina corrente, visualizzato in grassetto e senza collegamento ipertestuale. <?php // Nome del file dello script corrente $pagina_corrente = basename($_server[ PHP_SELF ]); // Riga orizzontale prima dei links echo <hr>\n ; // Iniziamo a scorrere l array foreach ($links as $url=>$desc) { if ($url == $pagina_corrente) { echo <b>$desc</b> ; } else { echo [<a href=\ $url\ >$desc</a>] ; } } // Riga orizzontale dopo i links echo <hr>\n ;?> 70

71 Una barra di navigazione intelligente Ora vediamo come inserire la nostra barra di navigazione nelle pagine del sito. <!-- file index.php --> <html> <head> <title>barra di navigazione intelligente</title> </head> <body> <? require barra.php3?> <h1>barra di navigazione intelligente</h1> <h2>prima pagina</h2> <p>questa è la home page; in alto dovrebbe essere visibile la barra di navigazione </body> </html> 71

72 I cookies I cookies sono un meccanismo tramite il quale delle applicazioni lato server possono memorizzare e recuperare informazioni sul client. In tal modo, ad ogni visitatore viene associato uno stato. In PHP, tutte le operazioni di scrittura, modifica o cancellazione relative ai cookies sono gestite dalla funzione setcookie(). La funzione setcookie() va necessariamente invocata prima di inviare alcunché al browser, in quanto i cookies vengono trasmessi sotto forma di headers HTTP. 72

73 I cookies: sintassi La funzione setcookie() ha due argomenti principali, entrambi obbligatori: il nome da assegnare al cookie e il suo valore. Es.: per memorizzare nel browser di un utente un cookie di nome $nomeutente e avente come contenuto la stringa miosito, l istruzione da utilizzare sarebbe: setcookie( nomeutente, miosito ); Ci sono poi altri argomenti opzionali per setcookie(), quali la scadenza del cookie, il percorso e altri ancora. Per modificare un cookie occorre richiamare la funzione setcookie() e modificarne il valore. Per cancellare un cookie si può assegnare ad esso un valore nullo oppure impostarne la scadenza ad una data passata. I cookies e il loro contenuto sono disponibili nell array superglobale $_COOKIE. 73

74 I cookies: esempio Realizziamo una pagina PHP che ci dice la data e l ora dell ultimo accesso del visitatore corrente al nostro sito. Per fare ciò, definiamo un cookie, denominato ultimavisita. In generale, se vogliamo che rimanga memoria delle informazioni contenute nel cookie, dobbiamo impostare una scadenza al cookie stesso. Nel nostro caso, non impostando alcuna scadenza, il cookie scompare alla chiusura del browser. Al nostro cookie ultimavisita assegneremo il valore ottenuto invocando la funzione time(),, che consiste nel numero di secondi trascorsi dalla cosiddetta Unix epoch (che è il 1 gennaio 1970). 74

75 I cookies: esempio <?php // saluto predefinito $saluto = Benvenuto ; //innanzitutto vediamo se esiste il cookie if (isset($_cookie[ ultimavisita ])) { $saluto = Bentornato! ; } setcookie( ultimavisita, time());?> <html> <head> <title><? echo $saluto?></title> </head> <body> <h1><? echo $saluto?></h1> <?php if (isset($_cookie[ ultimavisita ])) { echo L ultima volta sei stato qui il. date( d/m/y ); echo alle ore. date( H:i:s, $_COOKIE[ ultimavisita ]); //link per cancellare il cookie echo <p><a href=\ cancella.php\ >Cancella il cookie</a> ; } else { echo Non sei mai stato qui prima? ; }?> </body> </html> 75

76 Le date in PHP In PHP le date si rappresentano sotto forma di timestamp,, vale a dire numeri interi corrispondenti al numero di secondi trascorsi dalla Unix epoch. Es.: le ore 0:00:00 del 1 gennaio 2001 corrispondono al timestamp Per passare dalla data al timestamp corrispondente si usa la funzione mktime().. I parametri vanno passati in quest ordine: ore minuti secondi mese giorno anno. Es.: per determinare e visualizzare il precedente timestamp l istruzione è: echo mktime(0,0,0,1,1,2001); Per passare dal timestamp alla data corrispondente si usa la funzione date().. Essa prevede due argomenti: il primo, obbligatorio, è una stringa che determina come formattare la data; il secondo, opzionale, è il timestamp da formattare. Se manca il secondo argomento, date() considererà automaticamente il timestamp corrente. Alcuni esempi di stringhe per i formati di data: Formato gg/mm/aaaa: date( d/m/y ); Come sopra, ma senza zero davanti a giorni e mesi di una sola cifra: date( j/n/y ); Se vogliamo visualizzare i giorni trascorsi dall inizio dell anno: echo date( z ); 76

77 Le date in PHP: funzione checkdate() Se vogliamo validare una data (cioè controllare che quella data effettivamente esista) possiamo usare la funzione checkdate(). Esempio: //verifichiamo la data 31 aprile 2001 $giorno=31; $mese=4; $anno=2001; echo La data $giorno/$mese/$anno ; if (checkdate($mese,$giorno,$anno)) { echo è corretta. ; } else { echo non è valida! ; } 77

78 Le date in PHP: ancora sui timestamp A volte è utile conoscere il timestamp relativo a certe date, ad esempio per poter confrontare due date o effettuare calcoli aritmetici coinvolgenti due o più date. I due esempi seguenti dovrebbero rendere più chiara la precedente affermazione. Esempio 1: Esempio 2: //confronto fra due date $data1=mktime(0,0,0,1,1,2001); $data2=mktime(0,0,0,7,29,2001); echo La prima data è ; if ($data1 < $data2) { echo precedente ; } else { echo successiva ; } echo alla seconda ; //numero di giorni tra due date arbitrarie $data1=mktime(0,0,0,1,1,2001); $data2=mktime(0,0,0,7,29,2001); echo Tra le due date ci sono ; echo ($data2 - $data1)/60*60*24; echo giorni ; 78

79 Un esempio In questo esempio vogliamo creare un cookie che saluti un visitatore frequente di una pagina web. Tipicamente, il contenuto di tale cookie sarà un saluto personalizzato relativo all utente connesso. Il primo passo consisterà nella creazione della pagina principale, denominata main_page.php, in cui viene mostrato il contenuto del cookie se questo già esiste (insieme alla possibilità di cambiare il contenuto), altrimenti viene proposto un link per la sua creazione (e dunque per la personalizzazione della pagina). Il secondo passo consisterà invece nella creazione dello script add_user.php, tramite il quale l utente può effettivamente inserire i propri dati per personalizzare la pagina. Il terzo e ultimo passo consisterà infine nella scrittura dello script set_cookie.php, tramite il quale i dati inseriti dall utente verranno gestiti. 79

80 Un esempio Risultato di main_page.php. 80

81 Un esempio Risultato di add_user.php. 81

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici SMAU E- Academy 2006 Antonio Parata collaboratore -Italy http://www.ictsc.it antonio.parata@ictsc.it http://www.owasp.org/index.php/italy Copyright

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli