Addio al bambino piccolo Competizione e rivalità Identificarsi con i genitori Passato, presente e futuro I genitori sono solo degli esseri umani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Addio al bambino piccolo Competizione e rivalità Identificarsi con i genitori Passato, presente e futuro I genitori sono solo degli esseri umani"

Transcript

1 INDICE 7 Prefazione (di Ubiratan D Ambrosio) 9 Introduzione 13 Capitolo 1 Il concetto di sé si trasforma Parlare è bello Cambiamenti di prospettiva Il senso di equilibrio Il giusto e l ingiusto Distinguere la realtà dalla fantasia 23 Capitolo 2 Un posto in famiglia Addio al bambino piccolo Competizione e rivalità Identificarsi con i genitori Passato, presente e futuro I genitori sono solo degli esseri umani 33 Capitolo 3 L esperienza della scuola Pronti per cominciare La relazione con l insegnante Essere uno fra tanti La lezione Concentrarsi in classe 45 Capitolo 4 Fare amicizia Il circle time La ricreazione L identità di genere Giochi e collezioni Le differenze 59 Capitolo 5 Leggere e imparare La preparazione alla lettura Mettere assieme i pezzi Le difficoltà di lettura

2 69 Capitolo 6 Confusioni e ansie Il senso di colpa «Mamma e papà stanno bene?» «Come diventerò?» Le sensazioni sessuali Humour sulle funzioni corporali I mostri sotto il letto «Non è giusto!» Alcuni motivi di preoccupazione per i genitori 81 Capitolo 7 Conclusioni Festeggiare i buoni risultati e andare avanti

3 INTRODUZIONE INTRODUZIONE «Toc-toc!» «Chi è?» «Shirley» «Shirley chi?» «Ormai sai che Shirley sono!» Nulla meglio di un gioco di parole come questo rappresenta il senso dell umorismo dei bambini di 6-7 anni. La battuta deriva dall incongruità che fa apparire sconosciuto quel che invece è familiare. Qui infatti, in particolare, la persona dietro la porta non conosce nessuna «Shirley», ma non si tratta affatto di una vera Shirley è una bambina che si conosce da anni, che ha un nome diverso e che si diverte a fingersi qualcun altro. In questa fase il mondo sembra pieno di nuove possibilità e i bambini si trovano in un certo senso a una soglia. Si stanno integrando meglio nel mondo della scuola e cominciano ad acquisire contemporaneamente molte nuove abilità. Riescono a gestire una maggiore indipendenza in molti ambiti della loro vita ma hanno ancora moltissimo bisogno del sostegno della famiglia per tenere testa ai normali stress della vita. Forse ora la difficoltà più grande per loro consiste nel trovare i mezzi per abbandonare gli atteggiamenti infantili ed esplorare le sfide eccitanti della fanciullezza. Il lavoro più formale a scuola è integrato e alimentato dal naturale spirito investigativo e dall immaginazione del bambino. Le ordinarie esperienze della vita quotidiana sono piene di ricchezza e di significato e assumono una forma diversa a seconda della personalità emergente. Per i genitori può essere difficile mantenere il contatto con il figlio e controllarlo adeguatamente concedendogli al contempo un margine sufficiente per lo sviluppo di nuove relazioni. Se i genitori accettano di soffermarsi a riscoprire il loro bambino cercando di ricon- 9

4 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI siderare, da una certa distanza emozionale, il suo sviluppo, possono a volte riuscire a immaginare come sia il mondo visto con i suoi occhi. Tutti i genitori sono stati bambini una volta e pertanto i loro ricordi dei sei o sette anni possono essere una risorsa di comprensione molto preziosa. D altro canto, i figli sono inevitabilmente molto diversi dai loro genitori. Le loro personalità non solo contraddistinguono ciascuno in modo unico, ma subiscono altresì l influenza delle tecnologie e dei media del Ventunesimo secolo, che portano il mondo dritto nei loro soggiorni, in un modo che la generazione precedente non avrebbe neppure potuto immaginare. Quando i bambini si sviluppano e crescono gli adattamenti emozionali che si rendono necessari possono ingenerare stati d animo contrastanti in loro e nei loro genitori. Questo è uno dei principali temi esplorati in questo libro. Dal punto di vista di un genitore, è possibile trarre un enorme senso di soddisfazione dall aiutare i figli a sviluppare nuove competenze e abilità, come quelle connesse alla lettura e al calcolo. I bambini cominciano a ragionare in modo più sofisticato e si orientano meglio in relazione al tempo e allo spazio. Le abilità fisiche e la coordinazione aumentano rapidamente e sono più in grado di provvedere a se stessi, assumendosi maggiori responsabilità in compiti come quelli del lavarsi e vestirsi. Si formano relazioni e amicizie nuove, che assumono una maggiore importanza, e questo può aiutare i genitori a sentirsi più liberi di dedicarsi ai loro interessi per conto proprio. Di solito i genitori sono orgogliosi quando i figli prosperano in questo modo, ma possono anche rattristarsi dovendo rinunciare all intimità degli anni precedenti, caratterizzati da una condizione più marcata di dipendenza. Dal punto di vista del bambino, ora è necessario mettere da parte alcuni dei sentimenti più appassionati associati alle relazioni familiari. I bambini devono affrontare la sfida di «riporre» le loro esperienze precedenti, proprio come si prepara un metaforico pranzo al sacco, per attingere da un nutrimento interiore che continua a sostenerli nelle difficoltà connesse all apprendimento scolastico, alle nuove amicizie e al fronteggiamento del mondo più ampio. 10

5 INTRODUZIONE Considerando l incredibile velocità del suo sviluppo, può essere arduo credere che il proprio figlio sia lo stesso che poco tempo fa ha cominciato ad andare a scuola. A proposito degli anni di sua figlia, una madre ha detto «Ne ha sei, quasi sedici!»; la immaginava già come una futura adulta, un adolescente in miniatura. Quindi può essere utile ricordare che in realtà un seienne ha percorso solo un terzo del lungo viaggio verso il conseguimento della maggiore età. Un altro dei temi esplorati in questo libro è la tensione che si crea nel bambino quando egli non si sente più piccolo, pur non essendo ancora molto grande. A volte può essere salutare ricordare che l apparente competenza di un bambino di sei anni è ancora fragile e può essere scossa facilmente dagli stress e dalle tensioni normali della vita. Fra il sesto e l ottavo compleanno i bambini rinunciano gradualmente al pensiero magico a favore di un modo di vedere le cose più razionale e logico. Cominciano a rendersi conto che non si ottiene il successo per magia, ma che è invece necessario impegnarsi e faticare, cosa che può essere divertente ma anche comportare stress e paura di fallire. L attrazione infantile per la realtà e il successo è temperata dall immaginazione e da una maggiore capacità di simboleggiare e rappresentare l esperienza con il linguaggio, il gioco e la simulazione. Quando gli insegnanti sono in sintonia con i bambini di quest età, riescono realmente a mobilitare il loro lato più maturo affinché collabori con quello più infantile nell ambito dei progetti creativi della classe. Per molti insegnanti è particolarmente gratificante lavorare con i bambini di sei-sette anni, così pieni di immaginazione e di entusiasmo nei confronti dell apprendimento di abilità e nozioni. Il principale scopo di questo libro è riprodurre fedelmente alcuni dei molti aspetti dell esperienza dei bambini di quest età. Esploreremo alcuni dilemmi tipici, accanto ad alcune riflessioni sulle relative problematiche che riguardano i genitori. Ci saranno naturalmente delle zone di sovrapposizione con i bambini di cinque o anche otto anni circa, dal momento che ogni bambino è un individuo a sé e matura con i propri ritmi. Sostanzialmente 11

6 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI qui ci occupiamo della fase di sviluppo della fanciullezza, a volte indicata con l espressione «periodo di latenza». Se i bambini ricevono un sostegno adeguato nel contesto della vita familiare, questo periodo tende ad essere contrassegnato da una crescita, un apprendimento e un consolidamento costanti. 12

7 4 FARE AMICIZIA Com è rassicurante trovare altre persone come noi! L uomo è un essere sociale, e i nostri bambini di sei o sette anni si trovano alle prese con la complicata questione del fare amicizia con gli altri bambini. Ora che trascorrono più tempo lontano dalle loro famiglie, il gruppo dei pari assume maggiore importanza nella definizione della loro identità. Quindi nella mente di un bambino la domanda «Come sono?» non è tanto diversa dalla domanda «Chi mi piace?». In altre parole, i bambini cercano accettazione quando cercano amici. Hanno bisogno di verificare le loro identità emergenti nel confronto con gli altri. I bambini popolari sono tendenzialmente quelli sicuri di sé, attraenti e intelligenti o che possiedono altre caratteristiche desiderate, e ciò può essere deleterio per quelli che sentono di non possedere queste qualità. A questa età è facile che le amicizie abbiano i loro alti e bassi. In realtà i bambini di sei o sette anni hanno ancora bisogno dell attenzione e della mediazione degli adulti per sviluppare modalità di relazione tra pari soddisfacenti. Servirà loro ancora molto tempo prima di riuscire a fondare l amicizia su basi più mature, come lo scambio reciproco, l empatia e il rispetto delle differenze; nel frattempo è utile avere tutte queste opportunità per fare pratica. 45

8 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI Il circle time Le scuole danno un contributo attivo allo sviluppo delle abilità sociali di cui i bambini hanno bisogno per andare d accordo fra loro. Il circle time ha lo scopo di facilitare la comprensione delle relazioni sociali e l apprendimento di semplici strategie per la gestione dei conflitti. La vita familiare offre molte opportunità per imparare cose come il «dare e avere», la condivisione e il rispetto degli altri ma, come abbiamo visto nei capitoli precedenti, la capacità di comprendere il punto di vista degli altri, di empatizzare con loro, è qualcosa che comincia appena a emergere a questa età. Molte interazioni spiacevoli che avvengono a scuola fra i bambini dipendono da una mancanza di comprensione sociale basata sull inesperienza. Chiunque abbia familiarità con i bambini saprà che si preoccupano molto di chi è loro amico e di chi non lo è. La necessità altrui di uno spazio personale (in senso fisico) e di un trattamento riguardoso (in senso morale) sono un fondamento molto importante della cittadinanza, la cui acquisizione richiederà molti anni, ma sicuramente non è troppo presto per cominciare a promuovere attivamente i principi della vita cooperativa. Il circle time permette di richiamare l attenzione dei bambini su questioni che tradizionalmente sono state considerate troppo marginali o, peggio ancora, un interferenza rispetto al programma di insegnamento scolastico. Fortunatamente oggi pensiamo che la scuola moderna svolga adeguatamente la sua funzione soltanto quando educa il bambino nella sua interezza e che i bambini imparino meglio attraverso l esperienza personale e l esempio. Così il fatto di riservare uno spazio speciale nell ambito della giornata scolastica per discutere approfonditamente delle problematiche interpersonali dimostra ai bambini che le loro preoccupazioni quotidiane vengono prese in seria considerazione. Un pomeriggio, poco prima del circle time, alcuni alunni della classe della signora Campbell tornarono in lacrime dall intervallo. A una prima indagine sembrò 46

9 FARE AMICIZIA che ci fosse stata una banale lite mentre i bambini si mettevano in fi la per rientrare in classe. Anna aveva una gamba sbucciata e James un bernoccolo in testa, ed entrambi accusarono un terzo bambino di averli spinti mentre si stavano mettendo in fila. In pochi minuti la signora Campbell si fece raccontare dagli allievi coinvolti le diverse versioni dell accaduto, e reagì in modo caloroso e pragmatico al contempo. L angoscia svanì presto e l incidente fornì un ottimo spunto per l argomento del prossimo circle time: imparare a dire «mi dispiace». I bambini si disposero in cerchio e l insegnante chiese perché secondo loro fosse importante chiedere scusa. In qualche caso le risposte furono un po oscure. Una di queste fu: «Se non chiedi scusa lo diranno all insegnante». Molte altre ripresero l idea precedente, ma qualcuna andò oltre: «Se fai una cosa a un tuo amico, cioè, ferisci i suoi sentimenti, uhm, dopo parlerà male di te e non sarà più tuo amico». La signora Campbell colse la palla al balzo e concluse: «Quindi, se volete essere amici, è una buona idea scusarsi e dire mi dispiace». Usando l episodio appena accaduto nell intervallo come punto di partenza, incoraggiò i bambini a rifl ettere su come ci si sente quando qualcuno ci spinge o ci fa male e li aiutò a pensare anche al punto di vista dell altro chiedendo: «Come si sentirà una persona che viene sgridata per qualcosa che ha fatto senza volerlo?». Emersero anche altre domande più complesse: «Se hai fatto male a un altro bambino di proposito, basta dire mi dispiace per sistemare la questione?». Poi l insegnante chiese agli alunni di parlare con il bambino seduto accanto a loro di un episodio in cui avevano chiesto scusa. I bambini vennero istruiti a parlare e ad ascoltare a turno scambiandosi i ruoli. L esercizio sembrò catturare il loro interesse e l aula si animò di vivaci discussioni. Più tardi la signora Campbell chiese alle coppie di bambini di recitare brevemente gli episodi di cui avevano parlato. I bambini si divertirono molto a mettere in scena varie forme di 47

10 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI scortesia: furti di dolciumi, pestoni sui piedi e insulti, tutte cose che apparentemente conoscevano bene. La parte della lezione in cui ci si scusava fu di fatto quasi incidentale, quasi un anti-climax. I bambini riconobbero che «mi dispiace» può essere una formula utile per calmare le acque, ma la vera sensazione di dispiacere sembrava essere un altra cosa. Ciò era abbastanza prevedibile. Gli adulti sanno che può esserci una grossa differenza fra dire «mi dispiace» e provare veramente rimorso. Spesso il nostro desiderio che i bambini provino dispiacere per le loro malefatte è prematuro. Una domanda interessante per questa classe di settenni avrebbe potuto essere: «Ti è mai capitato di dire mi dispiace senza provare veramente dispiacere?». Per il momento i bambini stavano imparando che è bene ascoltare rispettosamente il punto di vista altrui e che è utile lasciar correre i piccoli motivi di risentimento: queste importanti lezioni sono aspetti fondamentali alla base dell amicizia. La ricreazione Negli spazi della scuola riservati alla ricreazione i bambini allentano le loro tensioni e possono fare quello che vogliono. Se in classe i bambini si sentono sostenuti, usciranno a giocare aspettandosi un intermezzo privo di pericoli in cui sfogarsi con i loro amici. Sono sotto la supervisione di persone adulte e c è qualcuno a cui rivolgersi se le cose vanno male. Gli insegnanti e gli aiutanti assegnati all area per la ricreazione sono punti di riferimento importanti e i bambini che hanno bisogno di qualcuno che intervenga per appianare le piccole liti possono rivolgersi a loro. Questi adulti hanno spesso al loro seguito un codazzo di bambine amichevoli e ciarliere bramose di approfittare dell opportunità di poter conversare con un adulto interessato. Queste figure sono una sorta di servizio paramedico mobile che giudica la gravità delle sbucciature alle ginocchia, dei colpi in testa e dei mal di pancia. 48

11 FARE AMICIZIA Con ciò non si vuole certo affermare che gli spazi per la ricreazione siano liberi da stress. Nella confusione si svolgono contemporaneamente molti giochi e i bambini vi entrano e vi escono in continuazione. Le gerarchie sociali vengono prima stabilite e poi rimesse in discussione, i migliori amici sono sottoposti alla tentazione dell infedeltà, e già la sola massa di bambini che corrono e rumoreggiano eccitati rende il cortile o il corridoio un luogo malsicuro per chi non guarda dove mette i piedi. Alcuni bambini si riuniscono per fare giochi di immaginazione in cui ognuno elabora le sue fantasie in modo tale da suscitare l interesse negli altri. In questo modo a volte emergono dei giochi immaginativi che hanno un intreccio. Mina impartiva urlando degli ordini a Alison e Molly affinché seguissero la rotta per Marte. In questo gioco era la leader e strillava e diceva di essere Supergirl, e che avrebbe salvato i pianeti. Le altre due bambine digitavano eccitate sulle tastiere dei computer immaginari in un muro, poi, insieme ad altre, lottarono intrepidamente contro gli alieni in modo aspro e confuso in mezzo a molte grida di «Supergirl alla riscossa!» e a tante risate. Era chiaramente un gioco riservato alle femmine e forse parte del divertimento derivava proprio dall aver escluso i maschi. Alcuni giochi da cortile continuano a sopravvivere nel tempo in varie forme dopo essere stati tramandati di generazione in generazione. Sticky toffee e le sue varianti riscuotono popolarità fra i bambini, forse perché evocano il tema del desiderio di una maggiore indipendenza contrapposto alla tendenza contraria della volontà di essere ricordati, trovati e reclamati. Da questo punto di vista, rievocano la relazione con i genitori, a cui i bambini sono legati da una sorta di elastico metaforico: i bambini di questa età premono per allontanarsi da loro e inoltrarsi nel vasto mondo ma allo stesso tempo non gli dispiace essere trattenuti, tirati indietro. In sticky toffee si sceglie un bambino che farà da inseguitore; gli altri devono tenersi alle sue dita pertanto il numero di partecipanti è limitato. Quando l inseguitore urla «sticky toffee», i bambini si disperdono e cercano di non farsi prendere. Se uno viene preso, resta fermo con le braccia aperte 49

12 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI in attesa di essere liberato da quelli sfuggiti all inseguitore. Vince l ultimo rimasto libero, che al prossimo turno farà da inseguitore. I bambini ci tengono alle regole, e se qualcuno imbroglia si può arrivare alla lite e all esclusione. I giochi di battimani possono avere diversi tipi di regole e si basano sulla coordinazione, l apprendimento meccanico e la capacità di abbinamento. Essi sembrano esplorare l idea del collegamento e della separazione e dell essere in sincronia con i propri amici. Tutti questi giochi danno l opportunità di esplorare il senso di identità e il senso di unione che si stanno sviluppando. Nel mezzo di tutta questa fervida attività ci sarà sempre qualche bambino che fatica a partecipare, magari perché sente la mancanza dei genitori o perché non ha la maturità, la sicurezza o le abilità sociali necessarie per giocare in modo cooperativo. Alla maggior parte dei bambini capiterà di sentirsi degli intrusi qualche giorno, ma questa sensazione sarà più pronunciata in coloro che hanno delle preoccupazioni connesse alla famiglia. D altra parte alcuni possono avere una personalità che li rende semplicemente inclini a un tipo di gioco più appartato e immaginativo; costoro preferiscono talvolta tenersi ai margini delle attività più esuberanti e restare guardare. Non è necessariamente un problema se qualcuno sceglie di starsene per conto suo durante la ricreazione. Spesso un piccolo intervento di un adulto è sufficiente a incoraggiare i bambini timidi a provare a partecipare. Audrey, che da un po di tempo era sola e aveva un espressione piuttosto nostalgica, fu contenta quando un assistente di passaggio le si avvicinò e la salutò. Parlando emerse che si sentiva triste perché la sua migliore amica non giocava con lei. Fu lieta dell interessamento dell assistente e aveva molta voglia di conversare. Con tono confidenziale le chiese se voleva conoscere Tweetie, e le fece vedere che in tasca teneva un uccellino di plastica azzurro preso dalla casa di Biancaneve (un giocattolo che aveva a casa) a cui evidentemente teneva molto. Incoraggiata a proseguire, Audrey disse che quando si sentiva sola inventava delle canzoni sugli uccelli e sui fiori che cantava a se stessa e a Tweetie. Poi diede l uccellino all assistente 50

13 FARE AMICIZIA affinché lo guardasse e la conversazione proseguì finché non capitò lì un altra bambina della stessa classe. Audrey si stava chiedendo se Tweetie fosse un maschio, dato che era azzurro e aveva i capelli corti, ma l altra bambina era più pragmatica e, indicando il buchino attraverso il quale l uccellino si attaccava alla casa di Biancaneve, commentò: «Dev essere una femmina se questo è il suo sedere!». Quest affermazione sembrò avere l effetto di riportare piuttosto bruscamente Audrey al mondo della ricreazione. Le due si scambiarono qualche risatina con aria di complicità e poi a braccetto si allontanarono dall orbita dell assistente. Anche se in classe Audrey si dimostrava nel complesso una bambina matura e competente, poteva capitare che durante la ricreazione si sentisse un po smarrita, e usava Tweetie come un bambino di tre anni userebbe un orsacchiotto, per mantenere un legame simbolico con casa sua e sentirsi più tranquilla e a suo agio. Fortunatamente l interesse amichevole dell assistente l aiutò a sentirsi più sicura, cosicché quando si avvicinò un altra bambina si sentì pronta a legare con lei. L identità di genere A quest età i bambini stanno consolidando la loro identità e dal punto di vista di un bambino di sette anni il genere è spesso la dimensione più importante per la definizione di sé. È abbastanza significativo il fatto che durante l intervallo si creino gruppi di bambini tutti dello stesso sesso. Quando sono liberi di scegliere chi avere come compagno, i bambini di seisette anni dimostrano una spiccata preferenza per le persone dello stesso sesso. Se gli si chiede chi vorrebbero invitare a casa loro o alla loro festa, il più delle volte i maschi indicano altri maschi e le femmine indicano altre femmine. Pare che le bambine abbiano meno amiche, ma che le loro relazioni siano più intense, mentre i maschi preferiscono i gruppi numerosi. I bambini stanno imparando che cosa vuol dire essere maschi e ciò in parte li può confondere. L attaccamento appassionato 51

14 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI alla mamma era più accettabile per il loro Io di bambini piccoli e ora viene sepolto sotto una preferenza per la compagnia degli amici maschi. In questo modo i bambini esplorano il sapore di una maggiore indipendenza e somiglianza con il padre o con altri modelli di comportamento maschili. I maschi non sono tutti attivi e sportivi, ma a quest età molti di loro si danno ai giochi squadra con molta naturalezza. Il gioco del calcio in particolare è un passatempo che comincia ad attirare moltissimi settenni. A questo proposito bisogna considerare diversi aspetti. Innanzi tutto c è il gioco stesso che richiede di apprendere delle regole e delle nuove abilità fisiche. In secondo luogo c è il fascino dello sport professionale da scoprire e conoscere, diventando tifosi di una certa squadra seguendo le orme di papà o di altri familiari. In terzo luogo ci sono molte altre attività connesse al gioco del calcio, come i giochi per computer, le figurine e il calcetto. Ma forse più di ogni altra cosa il calcio è un attività in cui è possibile canalizzare l energia e il desiderio di giocare con un gruppo di amici e avere un idea definita della «squadra avversaria». Giocare a pallone dà l opportunità di stare insieme ad altri bambini nel contesto di un gruppo accomunato da regole e gerarchie di un genere che piace ai bambini di sette anni. La necessaria disciplina soddisfa il desiderio di ordine e organizzazione così caratteristico dei bambini di quest età. Tuttavia all inizio le regole sono difficili da capire per un bambino di sei o sette anni e pertanto la parte più interessante può essere quella di indossare la maglia e fare finta di essere un famoso giocatore, il più ammirato della squadra per cui tifa papà. Il fatto di scorrazzare e consumare energie in modo appassionato contribuisce al fascino del gioco. Tutto quel che serve è un pallone e un area di gioco abbastanza grande. C è anche la possibilità di esprimere una bella dose di competitività e aggressività represse e di temperarle con la cooperazione e la disciplina necessarie per giocare una buona partita. Una fredda mattina di fine dicembre un gruppo di cinque seienni si ritrovò al campo di calcio insieme a tre papà e due mamme. Nelle loro splendide divise da calcio portate previ- 52

15 FARE AMICIZIA dentemente da Babbo Natale, i bambini non vedevano l ora di interpretare ciascuno la propria parte. Fra loro c era Ryan che indossava la maglia del Tottenham con il nome di Mendes e il numero otto sulla schiena. Pareva che il divertimento consistesse nel fingere di essere un giocatore famoso imparando al contempo qualche abilità. «Io sono Shearer!», gridò Joe a suo padre dopo una scivolata nel fango particolarmente efficace. Keith fece un ruzzolone dopo avere inciampato nella gamba tesa di Joe e soffocò a stento le lacrime. «Fallo!» gridò il padre di Joe, che faceva anche da arbitro. Ryan era speciale per tenersi fuori dalla mischia. Sua madre notò che era particolarmente preoccupato di non sporcarsi la divisa nuova, anche se faceva dei bei tiri quando la palla andava verso di lui. Dopo pochi minuti nacque una piccola zuffa intorno al possesso di palla. Il padre di Joe seppe istintivamente come sedarla e gridò «Fuorigioco!» e li guardò negli occhi per farli separare. Le due mamme risero fra sé e sé constatando quanto fosse efficace appellarsi alle regole del gioco, molto più efficace che dire di smettere di litigare: esisteva una disciplina che, strano a dirsi, tutti i bambini rispettavano molto volentieri. Il gioco continuò finché i padri non furono esausti. Solo a quel punto Ryan sembrò accorgersi della presenza di sua mamma: «Mi hai portato da bere?» le domandò rosso in volto. La madre si rese conto che una bibita sarebbe servita a dimostrare il suo orgoglio per lui e che l abbraccio affettuoso in cui avrebbe voluto stringerlo non era adatto a quel contesto maschile. Le amicizie femminili tendono a essere più intense di quelle maschili e spesso decisamente più effimere. Abbiamo già visto come Audrey si disorientava quando la sua migliore amica non giocava con lei. Alle bambine piace fare delle cose insieme, condividere segreti, fare giochi di simulazione più fantasiosi e chiacchierare di argomenti di ogni genere. Le liti dovute a rivalità nascoste e all ipersensibilità non sono rare, forse perché le femmine sono tendenzialmente più sintonizzate sui sentimenti personali di cui investono l esplorazione dell amicizia. Alcune delle differenze fra i gruppi di maschi e femmine possono essere esagerate dai bambini di sei-sette anni, che a 53

16 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI volte vorrebbero accentuare la divisione fra loro e gli «altri» o le «altre». Una madre, che dirigeva un gruppo scout di «Arcobaleni» per bambini di sei-sette anni, notò che le bambine amavano dedicarsi alle arti e ai mestieri decorativi, al disegno e ai giochi da tavolo. Nel frattempo suo marito conduceva un gruppo parallelo di «Castori» nella baracca Scout accanto e il suo gruppo era più rumoroso, più attivo fisicamente e più difficile da governare. Alla fine del periodo scolastico si organizzò una festicciola presso gli Arcobaleni, che prepararono diligentemente delle bevande e dei biscotti per i loro ospiti. Ma il primo bambino ad arrivare fu sopraffatto dall imbarazzo e dalla ripugnanza e, paonazzo in volto, esclamò: «Non posso entrare, è pieno di bambine! Dove sono gli altri maschi?». Gli altri bambini si erano radunati lì vicino e si sentirono capaci di affrontare le bambine soltanto quando l unione fece la forza. Giochi e collezioni I giocattoli e i giochi contribuiscono spesso a facilitare i contatti amichevoli fra i bambini a quest età. Il più semplice dei giocattoli sarà in genere sufficiente ad alimentare la tendenza naturale dei bambini a giocare creativamente usando l immaginazione. Il gioco e il disegno sono due mezzi molto importanti con cui i bambini rappresentano i loro pensieri e stati d animo. Di fatto si potrebbe affermare che nel gioco lavorano tanto quanto nelle lezioni più formali, dal momento che le attività ludiche costituiscono uno spazio per elaborare l esperienza emozionale. Pertanto, i bambini che non giocano affatto sono giustamente motivo di preoccupazione. Possono essere troppo inibiti o turbati e a volte necessitano di un intervento specialistico per sbloccare ciò che di solito è una tendenza naturale. Le amicizie fra bambini prendono forma attraverso la condivisione di interessi che si esprime nel gioco. Oggigiorno i bambini sono oggetto di grandi campagne di marketing mirato e si influenzano pure tra loro aderendo alle ultime mode e manie. 54

17 FARE AMICIZIA Quando certi giocattoli diventano un must, possiamo dare per scontato che qualche progettista di giocattoli intelligente ha trovato il modo di toccare una corda vicina alle loro preoccupazioni. Se consideriamo il genere di giocattoli che vengono scelti possiamo farci un idea di quali siano. I bambini di quest età amano fare collezioni. Che raccolgano castagne, bambole, figurine o carte dei Power Rangers o di Gormiti, tanto per fare qualche esempio, il punto sembra essere il fatto di accumulare una scorta. La collezione può rappresentare il desiderio di possedere risorse potenti. A quest età i bambini non hanno ben chiaro che cosa distingua le capacità degli adulti dalle loro e possono pensare che il fatto di possedere qualcosa in gran quantità conferisca potenza, contribuendo a fargli sentire di avere le risorse necessarie per cavarsela in un mondo difficile e competitivo. I baratti di oggetti collezionati fra amici sono un modo di fare del commercio o di sperimentare il dare e avere nel suo senso più ampio. «Cos hai dai offrirmi e cosa posso darti in cambio?» è il fondamento di un certo tipo di cooperazione. Le bambole sono da molto tempo uno dei giocattoli preferiti, specialmente dalle bambine. Il loro fascino può avere a che fare, perlomeno in parte, con le immagini di femminilità idealizzata. Quelle che hanno la forma di bebè permettono l espressione di sentimenti materni. Ma c è anche un altro tipo di bambola popolare: le Bratz, per esempio, fanno apparire desiderabile agli occhi delle bambine di sei-sette anni un immagine di rock star adolescente energica e attraente. I giochi da tavolo promuovono la possibilità di competere innoffensivamente nel rispetto di certe regole concordate e rappresentano un buon modo per esprimere le pulsioni aggressivocompetitive senza nuocere. Tuttavia non di rado a quest età i bimbi non sanno perdere, così spesso i genitori si ritrovano a contravvenire leggermente alle regole pur di non negare l esperienza della vittoria a chi si scoraggia facilmente. Ai bambini piace anche inventare dei giochi con regole. Quando Henry andò a trovare il suo compagno di classe Rashid, inventarono insieme un gioco con i nomi di tutti i compagni. 55

18 COSA SAPERE SU TUO FIGLIO DI 6-7 ANNI Formarono una squadra contrapposta a quella della sorella di Rashid, che frequentava una classe diversa e utilizzava altri nomi. La madre dei due fratelli faceva da arbitro e doveva estrarre una lettera dell alfabeto. Il primo che diceva il nome di un compagno di classe che cominciava con quella lettera guadagnava un punto. Fu un modo piuttosto interessante di tenere a mente l intera classe ricordando tutti i bambini come se facessero parte di un club. I bambini di sei-sette anni possono essere molto fantasiosi e costruire giochi con regole praticamente con qualunque cosa per misurarsi intellettualmente fra loro. Le differenze Esistono molti libri interessanti per bambini sul tema dell amicizia e uno di questi è Willy and Hugh di Antone Browne. La storia narra dello sbocciare di un improbabile amicizia fra due personaggi molto diversi fra loro. I due vanno a sbattere l uno contro l altro. Il più piccolo, Willy, è più abituato a essere preso di mira ingiustamente e resta sbigottito quando Hugh, grande e grosso, si scusa con lui. Anche Willy si scusa e dall incidente nasce un amicizia. I nuovi amici scoprono di avere risorse complementari e di potersi aiutare a vicenda: Hugh è bravo a far scappare i prepotenti che tormentano Willy, ma Willy dimostra di essere quello che ha più la testa quadra e aiuta l amico quando si lascia terrorizzare da un ragnetto. Questa storia divertente mette in discussione l idea che sia meglio cercare amici fra le persone simili a sé. Nell incontro con gli altri bambini si conoscono le differenze di razza, colore, religione e lingua. I sentimenti verso le persone diverse sono influenzati da fattori interni, ma anche gli atteggiamenti incoraggiati dalla scuola hanno un ruolo importante. Cantando tutti insieme i bambini di quest età possono esprimere il loro caratteristico senso di meraviglia. Alcune canzoni danno voce alle speranze del mondo adulto. I testi di queste due canzoni sono particolarmente evocativi: 56

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega)

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) Quando suona la campanella rivista online. http://www.quandosuonalacampanella.it/ IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) di Enrico Roversi E il 1996. Io Sono un giovane precario della

Dettagli

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Le nostre emozioni Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ PREMESSA Ogni alunno porta nella scuola la sua storia, le sue emozioni, le

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Il progetto Circe Time Il progetto Circe-Time è quello che letteralmente riguarda il momento del cerchio. Il cerchio è uno dei rituali più importanti

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011 CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia.

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

"IO STO BENE" PROGETTO/LABORATORIO PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI A SCUOLA CLASSI I A E IV B SCUOLA PRIMARIA DI GALLICANO

IO STO BENE PROGETTO/LABORATORIO PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI A SCUOLA CLASSI I A E IV B SCUOLA PRIMARIA DI GALLICANO "IO STO BENE" PROGETTO/LABORATORIO PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI A SCUOLA CLASSI I A E IV B SCUOLA PRIMARIA DI GALLICANO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA Questo progetto nasce dalle

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni.

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. la presenza di alunni disabili non è un incidente di percorso, un

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English!

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! Nella vita poche cose contano di più dell educazione e del futuro di tuo figlio. Pingu s English gli insegnerà le nozioni fondamentali della lingua

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE Perché il bambino gioca? Il bambino gioca perché prova una sensazione di benessere, lo fa stare bene, gli dà gioia. Per il bambino il gioco è un attività

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Educhiamoci ad educare

Educhiamoci ad educare Educhiamoci ad educare Percorso per genitori ed insegnanti dei ragazzi della scuola secondaria con la dott.ssa Katia Guerriero, educatrice professionale Scopriamo l'abc delle nostre emozioni Vezzano, 4-11

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Test : " Sai giocare con il tuo bambino?"

Test :  Sai giocare con il tuo bambino? Test : " Sai giocare con il tuo bambino?" Il test che segue ti aiuterà a scoprire se sai giocare con il tuo bambino nel modo giusto, cioè favorendo lo sviluppo della sua creatività e della sua autonomia,

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli