CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TECNICA URBANISTICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TECNICA URBANISTICA"

Transcript

1 1 UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA AA 2003/2004 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TECNICA URBANISTICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE, DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO INGEGNERIA DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ING. IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO INGEGNERIA DEL TERRITORIO 1 Prof. SILVANA LOMBARDO ESERCITAZIONE N. 3 GUIDA PER LO SVOLGIMENTO

2 2 LEGGE URBANISTICA N. 1150/ 42 obbliga i comuni a redigere il P.R.G. Strumenti attuativi - RELAZIONE - NORME TECNICHE - AZZONAMENTO: zone A PR zone B PR, PL zone C PZ, PL zone D PIP zone E zone F OBIETTIVI DEI PIANI PARTICOLAREGGIATI (STRUMENTI ATTUATIVI DEL PRG) - REGOLARE L ESPANSIONE DELLA CITTÀ - RIQUALIFICARE ALCUNE AREE - GARANTIRE GLI STANDARDS MINIMI fissati dal D.M. n. 1444/ 68 rispetto alle quantità minime di dotazione di servizi, verde e parcheggi. LIVELLO SUBCOMUNALE STRUMENTI DI ATTUAZIONE DEL PRG (piani per la realizzazione degli interventi previsti dal PRG, interessano una porzione del territorio comunale, e utilizzano una scala più piccola) PIANI PARTICOLAREGGIATI (PP) (hanno validità di 10 anni, entro i quali devono realizzarsi le previsioni) - Piano di Zona PZ o PEEP (legge 167/ 62) Piano per l Edilizia Economica e Popolare. - Piano di Lottizzazione PL (legge 765/ 67) Piano di espansione residenziale privata/convenzionata - Piano per gli Insediamenti Produttivi PIP Piano di espansione industriale (legge 865/ 71) - Piano di Recupero PR (legge 457/ 74) Piano di riqualificazione e ristrutturazione dei centri storici

3 3 CONTENUTI DEI PIANI PARTICOLAREGGIATI DEVONO ESSERE COMPOSTI DA: a. PLANIMETRIA DEL PROGETTO, contiene di norma anche una serie di tabelle per la quantificazione (superfici, volumi, popolazione ecc.) e la mappa catastale delle proprietà b. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE, regole e norme da rispettare nella realizzazione del progetto c. RELAZIONE ILLUSTRATIVA, deve anche contenere il PIANO FINANZIARIO, ossia la previsione di massima delle spese. CONTENUTI DEI PZ (PEEP O PIANI DI ZONA) Scala 1:2.000 o 1:1.000 Rete stradale (viaria e pedonale) Distacchi stradali e fasce di rispetto Perimetro aree pubbliche (con indicazione della destinazione d'uso) Perimetro lotti edificabili Superficie coperta degli edifici e ubicazione degli edifici (residenziali e non) PLANIMETRIA DI PROGETTO Popolazione totale Superficie destinata ai servizi Verifica degli standard urbanistici Superficie destinata ai lotti edificabili TABELLE T T T T T T T Altezze e volumi degli edifici Previsione della popolazione Superficie territoriale e fondiaria Densità territoriale e fondiaria Indice di fabbricabilità territoriale e fondiario Vincoli Altezze massime NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - Illustrazione progetto - Tempi di realizzazione - Piano finanziario - Sistemazioni generali RELAZIONE

4 4 La terza esercitazione viene svolta dagli studenti riuniti in gruppi (massimo 3 persone). Per l assegnazione delle aree di studio vedere gli elenchi allegati. Prevede: ANALISI DI UN PIANO DI ZONA (verifica dei dati) fornito dal corso PROGETTAZIONE E VERIFICA DI ALCUNI ELEMENTI La BASE CARTOGRAFICA è la PLANIMETRIA DI PROGETTO (o azzonamento) del PZ SONO PREVISTI 2 ELABORATI ELABORATO 1: STATO DI FATTO rilevamento dei lotti del PZ destinati a servizi pubblici con identificazione delle tipologie: servizi scolastici servizi di uso comune parcheggi verde Tale elaborato sarà corredato da una TABELLA PER LA VERIFICA DEI DATI DEL PZ E DEGLI STANDARDS ELABORATO 2: PROGETTO Progettazione di alcuni elementi e disegno della nuova planimetria AREA DI STUDIO PZ N. STUDENTI PER GRUPPO 1 10/11 Casal De Pazzi Nomentano (Roma) 3 2 1BIS Castel Giubileo (Roma) Serpentara 1 (Roma) Serpentara 2 (Roma) 2 5 C14 Casal Boccone (Roma) Via De Barberi (Grosseto) Laviano (Lari) 1 8 P.Ta a Lucca (Pisa) 1

5 5 SUPERFICI DESTINATE AI SERVIZI VERIFICA DEGLI STANDARD DM 1444/68 VERDE PUBBLICO 9 mq/abitante Verde attrezzato, verde sportivo, verde naturalistico SERVIZI SCOLASTICI 4,5 mq/abitante Scuola materna e nido, elementari e medie inferiori SERVIZI DI USO COMUNE 2 mq/abitante Religiosi, sanitari, amministrativi, trasporti, culturali, ecc. PARCHEGGI 2,5 mq/abitante CALCOLO DEI DATI DEL PZ 1 ha (ETTARO) = mq POPOLAZIONE TOTALE = Pop. esistente + Pop. Prevista (abitanti) SUPERFICIE TERRITORIALE = Superficie Totale del PZ (ha) SUPERFICIE PUBBLICA = Superficie Viabilità pubblica + Superficie destinata ai Servizi Pubblici (mq) SUPERFICIE FONDIARIA = Superficie dei "fondi" destinatiall'edificazione =Sup. Territoriale - Sup. Pubblica (mq) DENSITÀ TERRITORIALE = Pop. Totale / Sup. Territoriale (Ab/mq) DENSITÀ FONDIARIA = Pop. Totale / Sup. Fondiaria (Ab/mq) VOLUME TOTALE (sia già realizzato che mc da realizzare) = Volume Residenziale + Volume non Residenziale (mc) VOLUME RESIDENZIALE = Popolazione x 80 mc (80 mc = 25 mq x 3,2 m di h) (mc) VOLUME NON RESIDENZIALE = Popolazione x 20 mc max (20 mc = 6 mq x 3,2 m di h) (mc) INDICE Fabbricabilità TERRITORIALE = Volume Tot/Sup Territoriale (mc/mq) INDICE Fabbricabilità FONDIARIA = Volume Tot/Sup Fondiaria (mc/mq)

6 6 INTESTAZIONE CORSO DI.. AA 2003/2004 Prof. = Silvana Lombardo ESERCITAZIONE N. 3 Studenti: MARIO ROSSI e. PZ = N COMUNE: Provincia: LOCALITÀ:. DATA DI ADOZIONE DATA DI APPROVAZIONE.

7 7 ELABORATO 1: STATO DI FATTO RIPORTARE IN PLANIMETRIA: PERIMETRO DEL PZ AREE DESTINATE AI SERVIZI PUBBLICI CON DISTINZIONE DELLE TIPOLGIE CORREDARE CON LA TABELLA DI VERIFICA DEI DATI, fornita in allegato per ognuna delle aree di studio ELBORATO N. 2: IL PROGETTO OBIETTIVI 1) INNALZARE IL LIVELLO DELLA QUALITÀ DELLA VITA AUMENTANDO GLI STANDARD (SUPERFICI dei SERVIZI e CUBATURE) 2) AUMENTARE LA POPOLAZIONE SENZA PERDERE LE CARATTERISTICHE DI QUALITÀ INNALZAMENTO DELLA QUALITÀ Attenzione i punti di seguito illustrati seguono esclusivamente un ordine logico-metodologico, non è necessario fare tutte le verifiche, è, invece, necessario proporre un unica soluzione progettuale in cui tutti gli elementi siano stati vagliati e che oggettivamente possa essere considerata la migliore soluzione possibile. 1 ADEGUAMENTO AGLI STANDARD PER I SERVIZI PUBBLICI nei casi in cui gli standard non sono verificati (valori inferiori a quelli stabiliti da DM 1444/68) procedere con: a) AUMENTO DELLE SUPERFICI DESTINATE AI SERVIZI poiché diminuisce la superficie fondiaria VERIFICARE IFF INNALZAMENTO STANDARD PER I SERVIZI PUBBLICI secondo i seguenti valori: servizi comuni 4 mq/ab parcheggi 5 mq/ab verde 20 mq/ab procedere con: a) AUMENTO DELLE SUPERFICI DESTINATE AI SERVIZI poiché diminuisce la superficie fondiaria VERIFICARE IFF 3 INNALZAMENTO STANDARD CUBATURA secondo i seguenti standard: 125 mc/ab (100 mc/ab residenziale, 25 mc/ab non residenziale) 150 mc/ab (120 mc/ab residenziale, 30 mc/ab non residenziale) 2

8 8 procedere con: a) MANTENERE LO STESSO IFF, in questo modo aumenta la superficie fondiaria e diminuisce superficie destinata ai servizi, bisogna perciò VERIFICARE gli STANDARD dei SERVIZI b) MANTENERE LA STESSA SUPERFICIE FONDIARIA, in questo maodo AUMENTA IFF e bisogna VERIFICAre IFF NB. Se in nessun caso è possibile raggiungere i nuovi standard (sia cubatura che servizi)verificare di quanto si deve diminuire la popolazione 4 AUMENTO POPOLAZIONE AUMENTARE LA POPOLAZIONE DI UNA % TALE CHE POSSANO ESSERE RISPETTATI GLI STANDARD: CUBATURA 125 o 150 mc/ab SERVIZI come punto 2 Se non è possibile rispettare gli standard precedenti verificare quanta popolazione può essere aggiunta mantenendo gli standard di legge (verificando ogni volta l IFF) Se in nessun caso è possibile raggiungere i nuovi standard verificare di quanto si deve diminuire la popolazione DISEGNARE UNA PLANIMETRIA DI PROGETTO DELLA SOLUZIONE RITENUTA OTTIMALE Se non possono essere rispettati tutti i nuovi parametri scegliere la soluzione con i seguenti criteri: I. È meglio aumentare gli standard dei servizi (e quantomeno fare in modo che vengano rispettati gli standard del DM 1444/68) II. Solo successivamente verificare la possibilità di aumentare le cubature III. IV. Ed infine verificare la possibilità di aumentare la popolazione Se non è possibile in alcun modo aumentare (o adeguare) gli standard si può diminuire la popolazione

9 9 AREA DI STUDIO 1 PIANO DI ZONA: CASAL DE' PAZZI NOMENTANO STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie verde pubblico: superficie rete viaria: 152,4 ha abitanti mc mq mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

10 10 AREA DI STUDIO 2 PIANO DI ZONA: 1 BIS CASTEL GIUBILEO STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie verde pubblico: superficie rete viaria: 46,2 ha abitanti mc mq mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

11 11 AREA DI STUDIO 3 PIANO DI ZONA: 4 SERPENTARA 1 STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie verde pubblico: superficie rete viaria: 44,575 ha abitanti mc mq mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

12 12 AREA DI STUDIO 4 PIANO DI ZONA: 5 SERPENTARA 2 STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie verde pubblico: superficie rete viaria: 39,62 ha abitanti mc mq mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

13 13 AREA DI STUDIO 5 PIANO DI ZONA: C14 CASAL BOCCONE STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie verde pubblico: superficie rete viaria: 29 ha abitanti mc mq mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

14 14 AREA DI STUDIO 6 PIANO DI ZONA: 1-2 Via De Barberi (Grosseto) STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie rete viaria: 4,0896 ha 791 abitanti mc mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde2 TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

15 15 AREA DI STUDIO 7 PIANO DI ZONA: 1 Lavaiano STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie rete viaria: 1,5947 ha 170 abitanti mc mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

16 16 AREA DI STUDIO 8 PIANO DI ZONA: 1 P.Ta Lucca STUDENTI: DATI: superficie territoriale: popolazione residente: volume totale realizzabile: superficie rete viaria: 6,7615 ha 302 abitanti mc mq densità territoriale volume residenziale realizzabile volume non residenziale realizzabile indice di fabbricabilità territoriale = ab/ha... = mc... = mc... = mc/mq... VERIFICA STANDARD - evidenziare i valori inferiori allo standard superf. aree destinate a servizi mq PZ mq/ab PZ mq/ab standard servizi scolastici servizi comunitari parcheggi verde TOTALE TOTALE SUPERFICIE PUBBLICA... superficie fondiaria indice di fabbricabilità fondiaria = ha... = mc/mq...

17 17 TABELLA DI VERIFICA DEI DATI 1) DATI GENERALI Superficie territoriale (ha) Popolazione residente (ab) Prendere da PZ Volume totale realizzabile (Mc) Superficie rete viaria (Mq) 2) DATI DA CALCOLARE Densità territoriale (ab/ha) Popolazione/Superficie Territoriale Volume residenziale (mc) Popolazione per 80 mc/ab Volume non residenziale (mc) Volume totale - Volume Residenziale Volume non residenziale ad abitante Popolazione Totale/Volume non Residenziale Indice di fabbricabilità territoriale Volume Totale / Superficie Territoriale (mc/mq) 3) VERIFICA STANDARD Superficie servizi scolastici sup scuole/pop tot Superficie servizi comuni sup serv comuni/pop tot Superficie parcheggi parcheggi/pop tot Superficie verde pubblico sup verde/pop tot Superficie servizi totale sup servizi totali/pop tot Misurare e confrontare standard con valori di legge 4) DATI DA CALCOLARE Superficie pubblica totale Superficie servizi pubblici + superficie viaria Superficie fondiaria Superficie territoriale - superficie pubblica Indice di fabbricabilità Volume totale/superficie fondiaria fondiaria

COMUNE DI TUFARA P.zza Mazzini, 14 - Cap Tel Fax COMUNE DI TUFARA (Campobasso)

COMUNE DI TUFARA P.zza Mazzini, 14 - Cap Tel Fax COMUNE DI TUFARA (Campobasso) COMUNE DI TUFARA (Campobasso) VARIANTE GENERALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE COMUNALE E ANNESSO REGOLAMENTO EDILIZIO Dalla verifica planimetrica delle superfici delle zone effettuata sulla planimetria

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio L URBANISTICA E UNA SCIENZA? E una scienza nelle misura in cui

Dettagli

C O M U N E D I O P P I D O L U C A N O. AREA TECNICA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio Piani Programmi - Ricostruzione

C O M U N E D I O P P I D O L U C A N O. AREA TECNICA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio Piani Programmi - Ricostruzione C O M U N E D I O P P I D O L U C A N O Provincia di Potenza AREA TECNICA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio Piani Programmi - Ricostruzione VARIANTE N 2 AL PIANO ATTUATIVO DELLA ZONA C9 Comprendente:

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO DI ATTUAZIONE

ESERCITAZIONE SU PIANO DI ATTUAZIONE Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2010/2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO DI ATTUAZIONE 28 aprile 16,30-18,30 dimensionamento

Dettagli

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES maggio 2011 PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quinquies al Piano

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO ATTUATIVO (PP, PEEP

ESERCITAZIONE SU PIANO ATTUATIVO (PP, PEEP Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO ATTUATIVO (PP, PEEP o PL) 29 aprile individuazione

Dettagli

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES maggio 2011 PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante octies al Piano di

Dettagli

PdZ D5 ROMANINA QUATER

PdZ D5 ROMANINA QUATER maggio 2011 PdZ D5 ROMANINA QUATER Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quater al Piano di Zona

Dettagli

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Corso di laurea in Architettura quinquennale Fondamenti di Urbanistica - a.a. 2010-11 prof. Carlo Natali 22 novembre 2010 Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Definizioni e parametri urbanistici

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia PIANO REGOLATORE GENERALE Il Sindaco Sig. Giovanni NAPOLI Il Segretario Comunale Dott. Vincenzo GAGLIARDO Il Responsabile del Procedimento Sig. Paolo MASCHERPA

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA INQUADRAMENTO LOCALIZZATIVO L area del PEEP è localizzata a nord est del centro storico lungo la strada vicinale di Sant Anna, in

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

PREMESSA: LA PROPOSTA PROGETTUALE:

PREMESSA: LA PROPOSTA PROGETTUALE: RELAZIONE TECNICA PREMESSA: L area interessata dal presente progetto di piano di lottizzazione, è inserita nelle Z.T.O. di classe Zone residenziali di espansione, RE Aree Dense- indicate dal Piano Regolatore

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 ESTRATTO NORME DI ATTUAZIONE ESTRATTO NTA - Raffronto Prima Adozione Delibera del Consiglio

Dettagli

Il Piano degli Insediamenti Produttivi PIP

Il Piano degli Insediamenti Produttivi PIP Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico Fondamenti di diritto urbanistico

Dettagli

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail :

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail : 0 CAPACITA INSEDIATIVA DEL P.G.T. Il computo è riferito alla allegata Tav.13 PROGETTO Piano dei servizi, ove sono indicati con apposita numerazione le aree da conteggiare a tal fine. INSEDIAMENTI RESIDENZIALI

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE A PO PROVINCIA DI MANTOVA

COMUNE DI SERRAVALLE A PO PROVINCIA DI MANTOVA COMUNE DI SERRAVALLE A PO PROVINCIA DI MANTOVA VARIANTE N.1/2015 AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART.13, COMMA 13 DELLA L.R. 12/2005 E SMI RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

Dettagli

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO Legge n. 1150/1942 Legge urbanistica fondamentale D.P.R. n. 616/1977 In attuazione della Legge n. 382/1975 Legge di delega alle Regioni delle funzioni legislative

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TAVOLA 1: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO Sono elementi costitutivi del Piano Particolareggiato gli elaborati grafici e gli allegati qui di seguito

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI Richiesta chiarimenti in merito all applicazione del

Dettagli

P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte di innovazione

P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte di innovazione Prof. Paolo Fusero corso di Fondamenti di urbanistica Facoltà di Architettura Università degli Studi G. D Annunzio - Pescara P.R.G. Leggi istitutive Elaborati e contenuti Iter di approvazione Proposte

Dettagli

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE CITTA DI MESAGNE ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITTORIO, PATRIMONIO, CENTRO STORICO E DECORO URBANO Via Roma 2-72023 - Mesagne (BR) tel. 0831 732 230 /228 fax 0831 777403

Dettagli

PIANO DI ZONA TORRESINA 2 VARIANTE TER RELAZIONE ILLUSTRATIVA

PIANO DI ZONA TORRESINA 2 VARIANTE TER RELAZIONE ILLUSTRATIVA PIANO DI ZONA TORRESINA 2 VARIANTE TER RELAZIONE ILLUSTRATIVA MODIFICHE DI VARIANTE La redazione della presente variante si è resa necessaria per il ritrovamento di un tracciato viario antico che insiste

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA e DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA e DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TERZOLAS OGGETTO: PIANO ATTUATIVO RELATIVO ALLE P.F. 96/3, 96/4, 96/8, 96/10, 96/11 NEL COMUNE CATASTALE E AMMINISTRATIVO DI TERZOLAS. COMMITTENTE: Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PIANO ATTUATIVO AREA DI COMPLETAMENTO CP18 QUARTIERE CAMPI ALTI RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. Inquadramento generale. L area oggetto di intervento ha forma pressochè triangolare ed è posta nella zona residenziale

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti GALLIPOLI Tipo di piano urbanistico PRG Cartografia di riferimento Cartografia di riferimento: cartografia vettoriale georeferenziata fornita dall UT del Comune di Gallipoli Formato file.shp (shapefile)

Dettagli

Geom. Salvatore Sammartino

Geom. Salvatore Sammartino Geom. Salvatore Sammartino R E L A Z I O N E T E C N I C A PREMESSA Io sottoscritto Geom. SALVATORE Sammartino riceveva incarico dalla Sig. ra CATALDO Rita di approntare un Progetto di Variante alla lottizzazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (PROVINCIA DI CROTONE) PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL

Dettagli

4 - LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA ATTUATIVA

4 - LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA ATTUATIVA 4 - LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA ATTUATIVA A - Rapporto tra il P.R.G. ed i Piani Attuativi Introduzione Legge n 1150/1942 Gli strumenti urbanistici Piani Generali Piani Attuativi Piano Territoriale di

Dettagli

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al:

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al: PREMESSA: Gli elaborati che si accompagnano al presente progetto sono presentati dal Sig. Gallana Aniceto, via della Commenda, n 8, 39049 Vipiteno BZ, C.F. GLLNCT34H16L937H. Il tecnico incaricato è l architetto

Dettagli

STUDIO PLANOVOLUMETRICO PER L UTILIZZO DELLE ZONE C4 DI ESPANSIONE TURISTICO-RESIDENZIALE MARINA ALL INTERNO DEL COMPARTO EDILIZIO N.

STUDIO PLANOVOLUMETRICO PER L UTILIZZO DELLE ZONE C4 DI ESPANSIONE TURISTICO-RESIDENZIALE MARINA ALL INTERNO DEL COMPARTO EDILIZIO N. CITTA DI ROSSANO PROVINCIA DI COSENZA STUDIO PLANOVOLUMETRICO PER L UTILIZZO DELLE ZONE C4 DI ESPANSIONE TURISTICO-RESIDENZIALE MARINA ALL INTERNO DEL COMPARTO EDILIZIO N.1 Località Zolfara TAV. Relazione

Dettagli

COMUNE DI MARINO PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA IN LOCALITA SANTA MARIA DELLE MOLE

COMUNE DI MARINO PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA IN LOCALITA SANTA MARIA DELLE MOLE COMUNE DI MARINO PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA IN LOCALITA SANTA MARIA DELLE MOLE Relazione Tecnico-Urbanistica L area oggetto della presente procedura di accordo di programma, interessa dei terreni

Dettagli

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO Provincia di Bergamo PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CONFERMA PER L ANNO

Dettagli

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi.

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi. VARIANTE ALL ART.13 (zona omogenea D1-Insediamenti Produttivi), ART.14(zona omogenea D2-Insediamenti Produttivi), ART.16(zona omogenea F - Attrezzature Pubbliche di interesse Comprensoriale), ART.17(zona

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Programmazione degli Interventi di Trasformazione Urbana MUNICIPIO XIX PROGRAMMA

Dettagli

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive All. lettera A) Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (redatta ai sensi dell art. 18 della L.R. 10 novembre

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

Comune di Mombaroccio PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Comune di Mombaroccio PROVINCIA DI PESARO E URBINO Pag. 1 di 13 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA VARIANTE P.R.G. MARZO 2014 Pag. 2 di 13 Premessa La variante al vigente Piano regolatore generale del Comune di Mombaroccio, nasce dalla necessità di rispondere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANALITICA SULLO STRUMENTO URBANISTICO ESECUTIVO IN VARIANTE AGLI STRUMENTI VIGENTI

RELAZIONE TECNICA ANALITICA SULLO STRUMENTO URBANISTICO ESECUTIVO IN VARIANTE AGLI STRUMENTI VIGENTI Oggetto: PROPOSTA DI PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Ambito di Intervento lungo la ferrovia dal PRU San Pietro a PIRP del quartiere di Levante. RELAZIONE TECNICA ANALITICA

Dettagli

Provincia di Reggio Emilia

Provincia di Reggio Emilia COMUNE di CASTELNOVO di SOTTO Provincia di Reggio Emilia VALORI MEDI DI MERCATO DELLE AREE FABBRICABILI - INTRODUZIONE - QUADRO D UNIONE - DESCRIZIONE ZONE OMOGENEE - TABELLE VALORI DI MERCATO anno 2004

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli Realizzazione di una bretella autostradale in località Petacciato tra il Km 461+938 e il Km 463+576 (viadotti Cacchione

Dettagli

I costi di insediamento

I costi di insediamento I costi di insediamento Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello I costi della produzione insediativa Kp = spese da sostenere per insediare sul territorio persone

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO VARIANTE ALLA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Adeguamento ai sensi della L.R. 15/2001 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Adottata con delibera di C.C. n del / / Approvata con delibera

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE IMPEGNATE E DELLE RELATIVE (art. 3 D. Lgs n 190/02) pagina 1 di 5 1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI E FINALITÀ DELL ELABORATO Il Decreto Legislativo n. 190 del 20 agosto 2002 Attuazione della Legge 21 dicembre

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Regione Piemonte Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Art. 1, 1 comma, lettera 2, c della Legge Regionale n. 56 del 5/12/1977 I. SINTESI

Dettagli

Il suolo è una risorsa limitata e irriproducibile,e la sua possibilità d uso è attestata ufficialmente dal Certificato di Destinazione Urbanistica

Il suolo è una risorsa limitata e irriproducibile,e la sua possibilità d uso è attestata ufficialmente dal Certificato di Destinazione Urbanistica Il suolo è una risorsa limitata e irriproducibile,e la sua possibilità d uso è attestata ufficialmente dal Certificato di Destinazione Urbanistica (CDU) rilasciato dal Comune. CLASSIFICAZIONE D USO Aree

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 2 APRILE 1968, N. 1444

DECRETO MINISTERIALE 2 APRILE 1968, N. 1444 DECRETO MINISTERIALE 2 APRILE 1968, N. 1444 LIMITI INDEROGABILI DI DENSITÀ EDILIZIA, DI ALTEZZA, DI DISTANZA FRA I FABBRICATI E RAPPORTI MASSIMI TRA SPAZI DESTINATI AGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PRODUTTIVI

Dettagli

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Titolo I NORME GENERALI... 2 Art. 1 Ambito di applicazione delle norme... 2 Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Art. 3 Modalità di attuazione del piano... 3 Titolo II INDICI EDILIZI E PRESCRIZIONI DI PROGETTO..

Dettagli

D.M. 2 aprile 1968, n (1). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti

D.M. 2 aprile 1968, n (1). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti Dm 1444 del 2.4.1968 Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici

Dettagli

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO ALLEGATO A DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI I.C.I. L I.C.I. (Imposta Comunale Immobili) in merito alle aree edificabili, indica

Dettagli

Deliberazione n. 182

Deliberazione n. 182 Protocollo RC n. 7057/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 2 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di giovedì due del mese di maggio, alle ore 14,50,

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie

Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie VALORIZZAZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI GROSSETO 2009 DESCRIZIONE Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie

Dettagli

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi DOCUMENTO DI PIANO 1 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA c a b 144 a b c 145 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA Descrizione dell area L ambito interessa un comparto ubicato tra la piscina di interesse sovraccomunale

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale n. 67 del 30-11-12 ESTRATTO Oggetto: DETERMINAZIONE VALORI INDICATIVI MINIMI DI MERCATO PER LE AREE SUSCETTIBILI

Dettagli

PEEP DEL DOSSETTO Piano per l Edilizia Economica e Popolare NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PEEP DEL DOSSETTO Piano per l Edilizia Economica e Popolare NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI MALAGNINO Provincia di Cremona PEEP DEL DOSSETTO Piano per l Edilizia Economica e Popolare redatto in Malagnino in variante al vigente P.R.G. secondo la procedura semplificata di cui alla LR

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano Particolareggiato

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano Particolareggiato Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PADOVA SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE AL P.R.G. PER LA RIDEFINIZIONE DEL SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE NORME (REVOCA PARZIALE E NUOVA ADOZIONE PARZIALE) Allegato

Dettagli

di pavimento residenziale (Slpr)

di pavimento residenziale (Slpr) Scheda n.4 «S. Andrea» SUB AMBITI 1. Descrizione L estensione complessiva dell ambito è di 51 ha, e interessa l area compresa tra le ultime abitazioni del quartiere Pescara, fin quasi al confine comunale

Dettagli

Con Delibera n. 41 del il Consiglio ha approvato le proposte di convenzione urbanistica nel numero di 16.

Con Delibera n. 41 del il Consiglio ha approvato le proposte di convenzione urbanistica nel numero di 16. PREMESSA Con Delibera consiliare n. 6 del 10.01.2008 è stato adottato il Piano di Assetto del Territorio Intercomunale (P.A.T.I.) denominato Terre di Pedemontana Vicentina, ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PIANO

L ATTUAZIONE DEL PIANO L ATTUAZIONE DEL PIANO La disciplina urbanistica s interessa in genere della trasformazione e dell assetto del territorio e si attua a mezzo di piani che ne regolano e coordinano le attività sia sotto

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

con Delibera di Giunta Comunale di Rovigo 2009/35 del si approvava La variante urbanistica contro locazione come stabilito dal punto 6.1.

con Delibera di Giunta Comunale di Rovigo 2009/35 del si approvava La variante urbanistica contro locazione come stabilito dal punto 6.1. PREMESSA: Gli elaborati che si accompagnano al presente progetto sono presentati dalla società proprietaria Cavazzana Franco & C. sas, con sede in Tribano (Padova), via Corollo n 10, C.F. e P. IVA 00597340280.

Dettagli

S. BRIGIDA. Funzione prevalente

S. BRIGIDA. Funzione prevalente S. BRIGIDA Funzione prevalente Residenziale (a) Superficie territoriale 16,65 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 880 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 52,4 [ab/ha] (e)

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA La variante richiesta riguarda un area censita al catasto al Censuario di Grignano Polesine

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

A. CARATTERI GENERALI DEL P.I.I.

A. CARATTERI GENERALI DEL P.I.I. A. CARATTERI GENERALI DEL P.I.I. Il presente P.I.I.: a. Costituisce variante ai vigenti comunali di Codevilla e Torrazza Coste in quanto modifica la destinazione di. 85.298 (superficie reale desunta dal

Dettagli

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Regione Piemonte S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Art. 14, 1 comma, lettera 2c, della Legge Regionale n.56/77 e s.m.i. COMUNE DI ALBA Localizzazione amministrativa Localizzazione

Dettagli

DIRITTO URBANISTICO A.A. 2016/2017

DIRITTO URBANISTICO A.A. 2016/2017 DIRITTO URBANISTICO A.A. 2016/2017 Legge 17 agosto 1942, n. 1150 LEGGE URBANISTICA NAZIONALE Legge 17 agosto 1942 n. 1150 Definitiva ancora oggi principale riferimento legislativo in materia di urbanistica

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G /2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G /2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013 PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN ZONA C2 - SCHEDA PROGETTO BAURA - TAV. 2b/33 NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.P.I.PR. P.G. 78959/2005 P.R. 4864/2005 APRILE 2013 ART. 1 - Destinazione

Dettagli

Capitolo 10. Stima delle aree fabbricabili

Capitolo 10. Stima delle aree fabbricabili Capitolo 10 Stima delle aree fabbricabili 10.1 Stima delle aree fabbricabili Per area edificabile (o fabbricabile) si intende una porzione di terreno atta alla costruzione di un fabbricato civile o industriale.

Dettagli

COMUNE DI CASNIGO RELAZIONE

COMUNE DI CASNIGO RELAZIONE COMUNE DI CASNIGO RELAZIONE DI VARIANTE AL P.G.T. PER AMPLIAMENTO INSEDIAMENTO PRODUTTIVO IN VIA PREDA N. 9 PER CONTO DELLA DITTA CILAS ALPINA S.R.L. CON PROCEDURA DI CUI ALL ART. 8 DEL D.P.R. 16072010

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Dott. Ingegnere Ricci Christian nato a Lucca il giorno 8 marzo 1973, con studio in Lucca via Domenico Chelini n. 49, inscritto all Albo degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Art. 1, 1 comma, lettera 2, c della Legge Regionale n. 56 del 5/12/1977 Comune di

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO

PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO PIANO PEREQUATO N. 3 VIA ARIOSTO VIA BOIARDO Via Ariosto PER 3 Via Boiardo Via Meucci Selvazzano che cresce La redazione del progetto La redazione di un progetto urbanistico comporta un attenta analisi

Dettagli

1. GENERALITA C, sottozona C3 Chirigheddu Manca Andrea, Schintu Laura, Mugheddu Raimondo, Crobu Fabrizio, Ledda Renzo, Bullegas Ivo,

1. GENERALITA C, sottozona C3 Chirigheddu Manca Andrea, Schintu Laura, Mugheddu Raimondo, Crobu Fabrizio, Ledda Renzo, Bullegas Ivo, 1. GENERALITA La presente relazione è allegata al progetto per la realizzazione di un Piano di Lottizzazione nel Comune di Oristano. Il Piano di Lottizzazione prevede l intervento coordinato per scopi

Dettagli

LOTTO 1: SUOLO EDIFICABILE UBICATO IN ZONA EX PDZ 167 DISTINTO IN CATASTO AL FOGLIO 23 PARTICELLA 765, SUPERFICIE 1584 MQ.

LOTTO 1: SUOLO EDIFICABILE UBICATO IN ZONA EX PDZ 167 DISTINTO IN CATASTO AL FOGLIO 23 PARTICELLA 765, SUPERFICIE 1584 MQ. COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto SETTORE TECNICO Corso Vittorio Emanuele Tel. 0998886643-0998886645 Fax 0998886632 E mail: uftecnico.palagiano@libero.it Palagiano, 28 Ottobre 2011 Oggetto: Relazione

Dettagli

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E ALLEGATO A COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA R E L A Z I O N E OGGETTO: Adempimenti Regionali per l attuazione

Dettagli

MONTEBONELLO. Funzione prevalente

MONTEBONELLO. Funzione prevalente MONTEBONELLO Funzione prevalente residenziale (a) Superficie territoriale 22,95 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 1.578 (c) Addetti - censimento 2001 207 (d) Densità territoriale abitativa 69 [ab/ha] (e)

Dettagli

Con i vincoli si pongono limitazioni alla possibilità di trasformazione e di uso per le parti di territorio interessate.

Con i vincoli si pongono limitazioni alla possibilità di trasformazione e di uso per le parti di territorio interessate. IL VINCOLO E UNA SPECIALE LIMITAZIONE ALLA QUALE SONO SOTTOPOSTI DETERMINATI BENI, MOBILI O IMMOBILI, DI PROPRIETA PUBBLICA O PRIVATA A CAUSA DELLA LORO PARTICOLARE IMPORTANZA PER IL PUBBLICO INTERESSE

Dettagli

soluzione B Edificazione con abitazioni plurifamiliari (isolate, case in linea, a corridoio, ballatoio)

soluzione B Edificazione con abitazioni plurifamiliari (isolate, case in linea, a corridoio, ballatoio) ARCHITETTURA Tecnologia I sessione 2006 Tema Architetto Vecchio Ordinamento 1 Utilizzazione di un lotto edificabile Caratteristiche del lotto Lotto superficie di 200 m x 100 m (20.000 mq) Situazione al

Dettagli

Comune di CASALVECCHIO DI PUGLIA

Comune di CASALVECCHIO DI PUGLIA Comune di CASALVECCHIO DI PUGLIA 71030 Provincia di FOGGIA IMU - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Valutazione suoli ricadenti nelle zone omogenee del P.R.G. del Comune di Casalvecchio di Puglia ACCERTAMENTO

Dettagli

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI PIANO DI RECUPERO DI UN COMPLESSO IMMOBILIARE SITO IN ROMA, VICOLO

Dettagli

NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI MACERATA SERVIZI TECNICI - Urbanistica PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE IN COLLEVARIO. Legge 18 aprile 1962 n. 167 e successive modificazioni VARIANTE MAGGIO 2013 NORMATIVA TECNICA DI

Dettagli

T A B E L L A A L L E G A T O A

T A B E L L A A L L E G A T O A T A B E L L A A L L E G A T O A A R E E E D I F I C A B I L I AREA LIBERA : area di completamento all interno del PRG oppure lotto in un piano particolareggiato già collaudato. C A L C O L O I M P O N

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione B VARIANTE PARZIALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PARTE STRUTTURALE E OPERATIVA DEL COMUNE DI SAN GEMINI Norme Tecniche di Attuazione Progettisti: Ufficio Tecnico Comunale del Comune di San Gemini Arch.

Dettagli

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a]

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a] MOLINO DEL PIANO Funzione prevalente residenziale (a) Superficie territoriale 32,52 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 1.508 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 46,36 [ab/ha]

Dettagli