DALLA CONOSCENZA ALLE STRATEGIE DI INTERVENTO SCOPO DEL CONGRESSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA CONOSCENZA ALLE STRATEGIE DI INTERVENTO SCOPO DEL CONGRESSO"

Transcript

1 DALLA CONOSCENZA ALLE STRATEGIE DI INTERVENTO SCOPO DEL CONGRESSO In un momento in cui i cambiamenti socio-economici, culturali ed ambientali divengono sempre più rapidi, la Chimica - disciplina scientifica che consente di comprendere ed agire sul livello molecolare dei cambiamenti - assume un ruolo particolarmente significativo, contribuendo a trovare un orientamento per la gestione delle complesse realtà che la società civile si trova ad affrontare. I chimici che hanno scelto di dedicare le loro attività alla tutela dell ambiente e dei beni culturali, si riuniscono nell XI Congresso della Divisione di Chimica dell Ambiente e dei Beni Culturali per confrontare le esperienze scientifiche più avanzate in campo nazionale e per preparare ulteriori iniziative di ricerca e sviluppo. La scelta di una sede prossima a paesi recentemente entrati nella comunità europea, è esemplificativa dell attenzione rivolta dalla comunità scientifica a scenari emergenti e in evoluzione. In prossimità dei luoghi che ospitano il congresso - similmente a quanto avviene in altre località del territorio nazionale - testimonianze storiche, biotopi unici e attività più recenti di sviluppo industriale si sono intrecciate e sovrapposte, facendo emergere contraddizioni e criticità, che richiedono capacità di interpretazione, scelte ed opere responsabili da parte dei lavoratori della conoscenza e dei decisori. La tutela di beni culturali, fondata su una caratterizzazione ed interventi mirati che beneficiano di tecnologie avanzate, così come gli approcci scientifici al recupero di siti contaminati, la gestione dei rifiuti e la salvaguardia di acque dolci e costiere e della qualità dell aria costituiscono argomenti trattati nel congresso; le interazioni tra mutamenti climatici e chimica del mare verranno parimenti discusse. Ove possibile verranno sottolineate le relazioni tra studi speculativi e interventi operativi. Un aspetto centrale nella maturazione delle scienze complesse è connesso allo sviluppo di ricerche multidisciplinari, che per i temi trattati nel congresso non può essere trascurato; la Chimica si interfaccia con discipline fisiche, biologiche, geologiche, computazionali, ma anche storiche e normative, gestionali e tecnologiche. Sono programmate esemplificazioni di tali approcci interdisciplinari, con riferimento a esperienze effettuate in aree dell Alto Adriatico. Nel contesto del congresso, la riflessione sul ruolo delle società scientifiche nel corpo sociale vuole allinearsi alla richiesta di assunzione di responsabilità nei confronti delle generazioni future, che è nello spirito del tempo attuale. Il Comitato Organizzatore del Congresso

2 COMITATO SCIENTIFICO Luigi Campanella Nicola Cardellicchio Antonella Casoli Maria Perla Colombini Massimo Del Bubba Gianluigi De Gennaro Franco Dell Erba Paola Gramatica Mladen Franko Natalija Koprivanac Filippo Lo Coco Nadia Marchettini Marco Menato Luciano Morselli Fabrizio Passarini Roberto Ramadori Corrado Sarzanini Nenad Smodlaka Antonio Zappalà Università La Sapienza, Roma CNR-IAMC, Taranto Università di Parma Università di Pisa Università di Firenze Università di Bari CRC Taranto Università dell Insubria, Varese Università di Nova Gorica (Slovenia) Università di Zagabria (Croazia) Università di Udine Università di Siena Biblioteche Statali di Gorizia e Trieste Università di Bologna, Rimini Università di Bologna CNR IRSA, Roma Università di Torino Istituto Ruđer Bošković CMR di Rovigno (Croazia) Università di Udine COMITATO ORGANIZZATORE Pierluigi Barbieri Ranieri Urbani Jan Kaspar Antonella Bandiera Paola Sist Filippo Lo Coco Sergio Cozzutto Chiara della Torre Luca Di Monte Giulio Catalano Sergio Predonzani Paolo Plossi Cinzia De Vittor DSCH, Università di Trieste DBBCM, Università di Trieste DSCH, Università di Trieste DBBCM, Università di Trieste DBBCM, Università di Trieste Università di Udine DSCH, Università di Trieste DSCH, Università di Trieste DSCH, Università di Trieste CNR ISMAR, Trieste ARPA FVG Provincia di Trieste OGS, Trieste SEGRETERIA ORGANIZZATIVA the office srl via San Nicolò, Trieste tel fax

3 PREMI TESI DI LAUREA Sono risultati vincitori: Buonocore Micaela Università di Bari Titolo della tesi: Biomonitoraggio degli elementi in traccia nelle deposizioni atmosferiche mediante l'utilizzo del muschio Pleurochaete squarrosa Corrocher Elisa Università Ca Foscari di Venezia Titolo della tesi: Comportamento di sostanze farmaceutiche negli impianti di trattamento delle acque reflue civili Emili Andrea Università di Bari Titolo della tesi: Processi biogeochimici all'interfaccia acqua - sedimento nel golfo di Trieste al variare delle condizioni redox: risultati di un esperimento di simulazione in una camera bentica incubata Izzo Francesca Caterina Università Ca Foscari di Venezia Titolo della tesi: La pittura murale italiana del novecento: studio della tecnica pittorica in opere di Cherubini, Sironi, Bacci e Campigli Ponzo Marco Università di Torino Titolo della tesi: Processi fotochimici mediati dalla materia organica nelle acque naturali Sciutto Giorgia Università di Bologna Titolo della tesi: Caratterizzazione chimica di sostanze organiche in sezioni stratigrafiche di dipinti

4 MEDAGLIA DELLA DIVISIONE PER IL 2008 al prof. Mauro Matteini Mauro Matteini, nato nel 1943, si è laureato in Chimica presso l Università degli Studi di Firenze. Dopo una breve esperienza nel Settore Ricerche della Ferrania S.p.A sui supporti fotografici, è venuto a far parte del costituendo Centro di Studi per le Opere d Arte dal CNR presso la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Firenze. A partire dal 1 Maggio 1975 è entrato nel ruolo degli Esperti Scientifici del Ministero dei Beni Culturali Italiano dove è stato inquadrato come Direttore Chimico Coordinatore. In qaunto tale, ha ricevuto dal Soprintendente Umberto Baldini l incarico di fondare il Laboratorio Scientifico dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze e di tenerne la Direzione, incarico mantenuto fino al 30 Giugno Nel suddetto periodo il Laboratorio si articolava in quattro sub-unità: 2 sezioni di Chimica (una, rispettivamente, dedicata ai Manufatti Policromi, Cartacei e Tessili; l altra ai Manufatti Lapidei Naturali/Artificiali, ai Metalli e Oreficerie, ai Mosaici e Pietre Dure); 1 sezione di Fisica, 1 sezione di Biologia. A partire dal 1 Luglio 2002, come vincitore del relativo concorso internazionale, è divenuto il Direttore dell Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali del CNR, incarico che ha mantenuto per 5 anni, fino al 30 Giugno 2007, anno in cui è si è dimesso. Sia nel periodo presso l Opificio, sia, soprattutto nel secondo periodo presso il CNR, ha assunto molti incarichi di coordinamento di rilevanza documentati più avanti. Nell arco di ventisette anni di attività presso l Opificio delle Pietre Dure, il sottoscritto ha avuto l opportunità di maturare una esperienza professionale specifica, approfondita e a vasto raggio nel campo della Scienza applicata alla Conservazione dei Beni Culturali. Ciò, sia per quanto riguarda l attività di conoscenza delle opere antiche sotto il profilo materico-tecnologico attraverso l utilizzo delle metodologie scientifiche d indagine, sia per quanto riguarda lo studio dei processi e dei prodotti di degrado dei manufatti antichi per mezzo dell utilizzo dei metodi diagnostici. Ma è

5 soprattutto nella ricerca e nello sviluppo di nuovi metodi e materiali per la Conservazione che ha sviluppato i risultati più significativi. Le più importanti categorie di manufatti su cui si è svolta la suddetta attività sono quelle: delle pitture murali, dei dipinti su tela e tavola, dei manufatti bronzei, dei manufatti lapidei ivi compresi i paramenti architettonici. Studi e ricerche di singolare importanza sono state effettuati anche nel campo dei mosaici, dei tessili, dei dipinti su carta e pergamena. Ha condotto e coordinato numerosissime campagne diagnostiche su opere di grande rilievo tra le quali il David di Michelangelo, la Porta del Paradiso del Ghiberti e le altre Porte del Battistero di Firenze, il ciclo pittorico murale di Piero della Francesca ad Arezzo, l Ultima Cena di Leonardo, il Ratto delle Sabine di Giambologna, il gruppo bronzeo dell Incredulità di San Tommaso del Verrocchio, il San Marco in marmo di Donatello, gli arazzi del Salone dei Duecento a Firenze, il Tondo Doni e la Pietà fiorentina di Michelangelo, il San Giovanni decollato del Caravaggio, la Madonna della Seggiola di Raffello, ecc, ecc. che sono state oggetto di pubblicazioni nazionali e internazionali. Ha progettato e diretto ricerche che hanno condotto a risultati innovativi e di rilievo internazionale nel campo della conservazione e della diagnostica. Da esse sono scaturiti procedimenti di conservazione e restauro divenuti di normale impiego a livello sia nazionale che internazionale. L attività professionale del sottoscritto è confluita in circa 350 pubblicazioni che spaziano nella maggior parte dei settori applicativi della scienza per lo studio e la conservazione delle opere d arte. E anche autore e curatore di alcuni libri sulla chimica e la scienza per il restauro che sono stati poi adottati come testi di riferimento nella maggioranza delle università italiane dove si tengono corsi inerenti la Conservazione dei Beni Culturali nonché in moltissime scuole professionali italiane ed estere (spagnole, greche, tedesche) sulla Conservazione e il Restauro. Ha tenuto (e in parte tiene) numerose docenze come professore o professore a contratto presso la Scuola di Restauro dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze, varie Università Italiane e straniere, varie scuole professionali. Tali docenze hanno avuto per oggetto, in prevalenza, i metodi scientifici di indagine impiegati per le opere d arte, i metodi di restauro e conservazione per quanto attiene gli aspetti scientificotecnologici. Nell ambito delle suddette scuole è stato relatore o correlatore di tesi di diploma, di laurea e di dottorato. Ha partecipato a oltre un centinaio di Congressi e Workshop nazionali e internazionali presentando comunicazioni originali, la maggioranza delle quali sono state pubblicate. In molti degli stessi convegni e in altri, ha avuto incarichi di relatore a invito, chairman di sessioni, membro o coordinatore di tavole rotonde. In rappresentanza sia dell Opificio delle Pietre Dure di Firenze che del CNR/ICVBC è stato membro di commissioni, comitati, consigli scientifici, italiani e stranieri.. Nel periodo di attività presso l Opificio ha avuto diversi incarichi di ricerca da parte del CNR.. Ha partecipato e partecipa a vari Network e Progetti Europei e nazionali finanziati. E stato promotore e organizzatore di Congressi e Workshop.. Ha avuto ed ha numerosi incarichi di direzione e di coordinamento di gruppi scientifici e di attività nell ambito della scienza applicata ai Beni Culturali..

6 MEDAGLIA DELLA DIVISIONE PER IL 2008 al prof. Ezio Pelizzetti Cenni biografici e principali incarichi accademici Nato a Santhià (Vercelli) il 16 febbraio Laureato in Chimica (1967) e in Scienze Politiche (1984) con il massimo dei voti. Professore ordinario di Chimica Analitica presso l Università di Torino. Docente di Analisi degli Inquinanti dal 1980 al 1991 presso la stessa Facoltà e di Chimica Analitica Clinica dal 1986 al 1990 presso l Università di Parma. Direttore del Dipartimento di Chimica Analitica ( ). Membro del Senato Accademico dell Università di Torino ( ). Vicerettore dell Università di Torino con delega alla Ricerca Scientifica ( ). Rettore dell Università degli Studi di Torino (dal novembre 2004). Consigliere, sotto designazione della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), del Consiglio Universitario Nazionale CUN- (dal febbraio 2007). Professore invitato presso l Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna, l Università Lomonosov di Mosca e l Università di La Plata (Argentina). NATO Senior Scientist invitato presso l Argonne National Laboratory (USA). Direttore di workshop, convegni e scuole a carattere internazionale: - Homogeneous and Heterogeneous Photocatalysis (1985) - 8th International Conference on Photochemical Conversion and Storage of Solar Energy (1990) - Fine Particles Science and Technology (1995) - Environmental Marine Chemistry (1996, 1998, 2000). Altri incarichi Membro di editorial boards di riviste internazionali (Journal of Advanced Oxidation Technology, Journal of Dispersion Science Technology, Research in Chemical Intermediates, La Chimica e l Industria). Componente dei Comitati Scientifici dei Convegni Advanced Processes for Purification of Water and Air. Coordinatore del Gruppo Interdivisionale di Chimica Colloidale della Società Chimica Italiana( ). Membro dal 1995 del Consiglio Scientifico del Consorzio Interuniversitario La Chimica per l Ambiente.

7 Membro del Consiglio dell EERO (Environmental European Research Office). Assegnatario della Medaglia d oro Bressa per il contributo all avanzamento della Scienza (1997, Accademia delle Scienze di Torino). Socio dell Accademia delle Scienze di Torino (dal maggio 2005). Membro della Commissione Scientifica di ENI ITALGAS Prize - XIX Edition nel 2006 e della Commissione Scientifica di Eni Award for Energy and Environment, nel Ha tenuto conferenze plenarie in convegni internazionali. Ha collaborato e collabora con numerosi gruppi di ricerca nazionali e internazionali su tematiche di interesse ambientale. È stato responsabile di progetti di ricerca ambientale nell ambito di Programmi dell Unione Europea (dal 1985 a oggi, su Processi Innovativi di trattamento delle acque ), Ministero dell'università e della Ricerca (Chimica Ambientale) e Consiglio Nazionale delle Ricerche ( per Processi di trasformazione di composti organici di interesse ambientale, nell ambito del Progetto Antartide, e nell ambito di Agenzia 2000 Processi di formazione di composti tossici in atmosfera urbana ). Ha collaborato su tematiche ambientali ed energetiche con diversi organismi nazionali e internazionali. È componente del Comitato Tecnico Consultivo Inquinamenti del Servizio di Protezione Civile della Regione Piemonte. Ha svolto collaborazioni e consulenze con la Regione Piemonte (dal 1981, Commissione Progetti Ricerca Sanitaria Finalizzata, Metodologie per Composti organoclorurati, Caratterizzazione Analitica e flussi di provenienza dei rifiuti, Classificazione dei rifiuti tossici e nocivi, Indagine sui corpi idrici superficiali, Inquinamento delle acque in Valle Bormida, Indagine sulla qualità delle acque destinate al consumo umano, Monitoraggio dello sversamento di petrolio a Trecate, Caratterizzazione di solventi e diluenti di recupero) e con la Provincia di Torino (dal 1996 al 2000, Indagine sulla distribuzione spazio-temporale di composti altamente tossici in aree ad elevato traffico veicolare). Principali filoni di ricerca L attività di ricerca si è rivolta verso lo studio di equilibri e meccanismi di processi in soluzione e alle interfasi. Particolare attenzione è rivolta ai processi di trasporto e trasformazione di agenti inquinanti nell ambiente, con identificazione e caratterizzazione dei prodotti di trasformazione e applicazione a sistemi reali. Di rilevante interesse lo studio di processi innovativi di decontaminazione e mineralizzazione di composti organici inquinanti in fase acquosa e gassosa. Si interessa inoltre di metodologie analitiche avanzate e, in particolare, di determinazioni analitiche di componenti in tracce in matrici complesse. È autore di circa 450 pubblicazioni scientifiche, rassegne, monografie sulle più quotate riviste internazionali. È stato curatore di 10 volumi, 3 fascicoli speciali ed è autore del volume Surfactants in Analytical Chemistry, vol. XXXI della Serie Wilson & Wilson Comprehensive Analytical Chemistry (1996). È il ricercatore italiano più citato nell ambito delle Scienze Ambientali (Rapporto EERO) ed è incluso nella lista ISI Highly Cited Researchers.

8 Il materiale pubblicato nel presente volume non può essere utilizzato senza l assenso degli autori INDICE Relazioni ad invito Materie prime e fonti rinnovabili negli scenari strategici del XXI secolo Ezio Pelizzetti... pag. 1 Diagnostica e conservazione: alcuni casi significativi del contributo della chimica Mauro Matteini... pag. 5 Sessione Didattica in Chimica dell Ambiente e Beni Culturali... pag. 7 Sessione Aria... pag. 11 Sessione La Chimica dei Beni Culturali... pag. 25 Sessione Valutazione Ambientale... pag. 37 Sessione Omaggio a Primo Levi... pag. 49 Sessione La Chimica dei Beni culturali... pag. 53 Relazione ad invito Esigenze di ricerca per una miglior tutela del patrimonio archivistico e librario Antonio Zappalà... pag. 55 Sessione Acque e Ambiente Marino... pag 65 Relazione ad invito The Carbonate System in the World Oceans Millero, Frank... pag 67 Sessione Beni Culturali... pag. 79 Relazione ad invito "Il contributo delle discipline scientifiche alla nascita e allo sviluppo della scienza per la conservazione" Marisa Laurenzi Tabasso... pag. 81 Sessione Tecnologie, Bonifiche, Rifiuti... pag. 83 Vincitori Premi Tesi di Laurea... pag. 91 Sessione Poster I - Aria... pag. 101 Sessione Poster I Beni Culturali... pag. 117 Sessione Poster I Modelli Valutazioni Ambientali... pag. 137 Sessione Poster II... pag. 157

9 Sessione Poster II - Acque e Ambiente Marino... pag. 161 Sessione Poster II - Restauro e Beni Culturali... pag. 191 Sessione Poster II - Tecnologie, Bonifiche, Rifiuti... pag. 201

10

11 MATERIE PRIME E FONTI RINNOVABILI NEGLI SCENARI STRATEGICI DEL XXI SECOLO Ezio Pelizzetti Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Chimica Analitica, Via P. Giuria 5, Torino (Italy) Gli scenari strategici del XXI secolo sono strettamente collegati al paradigma Risorse, Sviluppo e Ambiente. Il modello economico globale, attualmente predominante, si basa su presupposti che possono essere così individuati, se pur in modo schematico: crescita economica continua risorse naturali illimitate mercati geograficamente e demograficamente illimitati Inoltre l attuale modello di sviluppo tende a perpetuare a favore di una minoranza lo sfruttamento a proprio vantaggio delle risorse del pianeta; è un ingiustizia moralmente inaccettabile perpetuata con la violenza che genera altra violenza. Dei succitati presupposti, mentre il secondo e il terzo sono palesemente inapplicabili a lungo termine, il primo crescita economica continua- potrebbe trarre sostegno dalle scoperte scientifiche e dalle conseguenti soluzioni tecnologiche. Sulla limitazione delle risorse naturali, sulle conseguenze del loro uso indiscriminato e sul ruolo della scienza e della formazione si basa questa prolusione. E un concetto largamente condiviso che lo sviluppo, inteso come miglioramento della qualità della vita su scena planetaria, deve essere compatibile con la disponibilità di risorse e con il rispetto dell ambiente in senso lato. Nella realtà è sempre più evidente la disarmonia tra uomo e ambiente naturale: l uomo consuma risorse energetiche e minerali in gran parte non rinnovabili forzando la disponibilità del pianeta e alterando la qualità dell ambiente naturale. Entrambi gli aspetti, l accaparramento di risorse energetiche e minerali e le conseguenze ambientali (alterazione del clima, desertificazione, riduzione delle fonti idriche) saranno causa di situazioni di crisi e di probabili guerre disegnando anche scenari strategici oggi difficilmente prevedibili. La crescita economica ha sempre più bisogno di energia. A partire dell inizio del 900 l umanità (o almeno una parte di essa) sta utilizzando con crescente voracità il prezioso tesoro di energia che ha trovato nelle viscere della terra: i combustibili fossili. La formazione di combustibili fossili (petrolio, carbone, gas naturale), è avvenuta attraverso processi complessi nel corso di centinaia di milioni di anni. Quando i combustibili fossili estratti dal sottosuolo vengono fatti combinare con l ossigeno si ottiene energia per far funzionare macchine e ottenere lavoro. L uso su larga scala dei combustibili fossili, oltre a sostanze inquinanti, genera CO ² (gas conosciuto come anidride carbonica), aumentandone la concentrazione nell atmosfera, con effetti sul clima, di cui si accennerà in seguito. La quantità di energia consumata attualmente su scala mondiale è equivalente a 170 milioni di barili (27 miliardi di litri) di petrolio al giorno! Le fonti di questa quantità di energia sono per il 44% il petrolio, 26% il gas naturale, 25% il carbone (cioè 95% da combustibili fossili) mentre solo il 2,4% dall energia 1

12 nucleare e il 2,7% da fonti rinnovabili (principalmente energia idroelettrica). E inoltre da sottolineare la disuguaglianza dell uso delle risorse energetiche (e non solo) fra le varie popolazioni del mondo. Il consumo di energia pro-capite del pianeta è di 1600 kilogrammi equivalenti di petrolio, ma per un abitante degli Stati Uniti raggiunge gli 8000 kg, mentre è di 3500 per un europeo, 850 per un cinese, 480 per un indiano e 300 per un etiope. E evidente quindi l importanza strategica della collocazione dei principali giacimenti dei minerali energetici. La disponibilità di petrolio a partire dalla fine dell 800 diede l impulso per lo sviluppo dei motori a combustione interna. Non era più necessario produrre vapore da usare come generatore di forza meccanica come nel caso del carbone e il combustibile liquido o gassoso può quindi bruciare direttamente nella camera di combustione: i motori a combustione interna sono intrinsecamente più efficienti e più pratici. Da queste considerazioni deriva la continua crescita della richiesta di petrolio con conseguente dibattito sulle effettive risorse ancora disponibili. Il concetto di picco di produzione è correlato al momento in cui la domanda di petrolio supererà la capacità di estrarre e la scoperta di nuovi giacimenti. Stime attendibili collocano il raggiungimento del picco fra il 2006 e il Un termine alquanto prossimo anche se miglioramenti nelle tecniche di estrazione e nell utilizzo possono spostare in avanti il picco. Anche le agenzie governative americane (US Geological Survey) non pongono la data del picco oltre il Occorre anche ricordare che il petrolio rappresenta la materia prima per tutta l industria chimica (materie plastiche, farmaci, coloranti, pesticidi, fertilizzanti ecc..). E come se per riscaldarci bruciassimo un mobile di pregio! Queste previsioni consentono di comprendere facilmente l importanza strategica di alcune aree del globo. Considerazioni analoghe valgono per il gas naturale e per il carbone, definito il migliore/peggiore dei combustibili fossili. Il peggiore perché inquina (polveri, piogge acide, CO 2 ), il migliore perché costa poco e si estrae in zone meno critiche (America, Nord Europa, Sud Africa, Russia). La tecnologia può venire in soccorso per ridurre gli aspetti negativi del carbone, ad esempio produrre idrogeno e CO 2 eliminando in scorie solide gli inquinanti e impedire l immissione di CO 2 in atmosfera intrappolandole nel sottosuolo e nelle profondità marine. Non meno importanti sono le risorse di minerali da cui si ottengono elementi utilizzati in leghe metalliche di uso strategico. La natura li ha concentrati in giacimenti, l uomo li sta disperdendo in manufatti da cui è spesso impossibile recuperarli, anche in questo caso ponendo il problema del loro esaurimento. Apparentemente sembra strano pensare all acqua come risorsa strategica, ma l evoluzione della richiesta, l aumento della popolazione, la necessità di garantire condizioni sanitarie ne fa un bene strategico. L acqua, essenziale per ogni forma di vita, copre il 71% della superficie del globo, stabilizza la temperature della terra e in essa si dissolve gran parte dei contaminanti. Il 97% è localizzato in mari e oceani ed è salato. Il restante 3% è acqua dolce, ma il 99,8% è rappresentato dal ghiaccio che ricopre l Antartide, la Groenlandia e i ghiacciai. Solo lo 0,003% dell acqua (fiumi, laghi, vapore) è disponibile per l umanità. 2

13 Le acque sotterranee sono quantità trascurabili e qualora contaminate, non rinnovabili se non a tempi molto lunghi. L aumento pro-capite dell uso dell acqua (sia per usi agricoli, industriali, persone) può causare forti tensioni in aree dove i corsi dei fiumi attraversano paesi diversi (Nilo, Giordano, Niger e altri fiumi africani e sud-americani). La mancanza di acqua potabile è ritenuta responsabile di circa 5 milioni di decessi l anno, in particolare di bambini. Gli scenari ambientali L uso su larga scala del combustibile fossile sta causando danni all uomo e all ambiente. La combustione di petrolio, carbone e gas naturale, oltre a sostanze inquinanti e dannose per la salute, genera CO 2. Questo gas è già presente nell atmosfera ed è indispensabile per la crescita delle piante e la mitigazione naturale del clima. Tuttavia, l aumento della sua concentrazione, ha l effetto di diminuire la dispersione del calore irraggiato dalla superficie terrestre con conseguente aumento della temperatura ( effetto serra, a cui contribuiscono anche altri gas originati dalle attività umane). Le conclusioni a cui è pervenuto l IPCC - International Panel for Climate Change (Organismo dell ONU) - prevedono un aumento delle temperature fino a 4 C entro il Tale aumento di temperatura può avere serie conseguenze come lo scioglimento di parte dei ghiacciai polari, aumento del livello dei mari, variazioni climatiche consistenti (uragani, ecc.) Fonti rinnovabili Occorre ottenere energia da altre fonti se si vuole assicurare un futuro all umanità. Bisogna avviare subito la transizione che sarà complessa, poiché il costo dei combustibili fossili è ancora relativamente basso, la struttura estrattiva e di lavorazione è complessa e con rilevanti interessi economici connessi. La terra non è un astronave isolata: per fortuna riceve dal Sole, sotto forma di luce, la risorsa più importante, cioè l energia. Occorre investire in ricerca e sviluppo di energie a bassa densità, pulite, gratuite, distribuite su tutto il pianeta. L energia che ci arriva dal Sole nelle sue forme (luce, vento) è persino più abbondante dove i poveri sono più numerosi Le tecnologie alternative attualmente hanno ancora costi almeno 10 volte superiori a quelli che prevedono l uso di combustibili fossili. La fattibilità è già un passo decisivo in quanto i tempi di realizzazione e sviluppo di una nuova tecnologia richiedono come si vede almeno 30 anni. All inizio del 900 Max Weber formulò l etica della responsabilità per cui chi agisce non può non ritenersi responsabile delle sue intenzioni, ma anche delle conseguenze delle sue azioni. Aggiungendo però: fin dove le conseguenze sono prevedibili Questa postilla ci porterebbe al punto di partenza, se non che, oggi, i presupposti sulle risorse e sull incremento demografico sono ampliamente prevedibili. E invece proprio della scienza e della tecnica intraprendere ricerche e proporre innovazioni tecnologiche i cui esiti non sono prevedibili. 3

14 La variabile temporale, cioè se eventualmente la ricerca scientifica riuscirà a sopperire alle limitazioni delle risorse è anche legata ai condizionamenti economici e politici della scienza. Poiché il denaro privato viene indirizzato verso la ricerca applicata che dà risultati economici a breve termine, solo le risorse pubbliche potranno sostenere programmi a lungo termine, il cui successo non è per altro garantito. E necessario sollecitare la politica perché si porti all altezza delle trasformazioni del mondo che le è dato da governare. Questo è particolarmente valido per l Italia, uno dei Paesi che meno investe in ricerca, perché potrà creare una dipendenza dai Paesi che più investono. In un mondo sempre più tecnologizzato, sarà la nuova forma di colonialismo. Investire in ricerca e formazione significa investire nel sistema universitario. La formazione della classe politica e dirigente (civile e militare) e di insegnanti è cruciale per creare largo consenso su scelte anche impopolari indirizzate verso uno sviluppo sostenibile. E necessario che l umanità faccia miglior uso di quanto non abbia fatto finora delle sue capacità scientifiche e delle sue risorse sociali. Ci attende una grande sfida che dobbiamo rapidamente affrontare prima che eventi climatici ingovernabili o dinamiche politico-sociali ci portino verso un futuro tragico. 4

15 DIAGNOSTICA E CONSERVAZIONE: ALCUNI CASI SIGNIFICATIVI DEL CONTRIBUTO DELLA CHIMICA Mauro Matteini Dopo circa 5 decenni di attività, si può affermare, a ragion veduta, che il patrimonio culturale e in particolare i problemi connessi alla sua conservazione abbiano ricevuto dalla chimica un contributo di straordinaria importanza. La chimica ha spaziato in molteplici aree di attività che riguardano le opere d arte. Ne ha consentito un approfondimento della conoscenza che in precedenza era stato impensabile, decodificando il ruolo che i materiali e il loro uso sapiente nelle mani degli artisti hanno avuto nel creare l espressione. Ha indagato a fondo i processi, spesso inesorabili, che ne portano al degrado, riconoscendone le cause, i meccanismi di azione, i prodotti, gli effetti. Ha progettato nuovi materiali e soprattutto nuovi procedimenti d intervento per migliorarne il restauro e la conservazione. Un numero, a ben guardare, assai limitato di specialisti nel mondo, ha portato avanti in questi decenni ricerche che hanno rivoluzionato l approccio alle opere d arte. Una quantità di informazioni inedite sono emerse che hanno portato a un nuovo tipo di valorizzazione delle opere d arte che ha arricchito quello tradizionale. E stata dimostrata agli studiosi del settore la crucialità della materia, delle sue proprietà e delle possibilità di manipolarla nel determinare risultati estetici di straordinaria finezza. Sono state messe in evidenza la durabilità e la compatibilità dei materiali costitutivi, frutto di selezioni maturate nel tempo, tali da far sfidare i secoli a tante opere pervenute alla nostra fruizione in eccellenti condizioni, se solo si confrontano con la deperibilità di tanti materiali moderni. Certo, l uso improprio della chimica, è anche riuscito, nell arco di pochi decenni, attraverso gli effetti dell inquinamento atmosferico, a infierire un colpo quasi mortale a una quantità di oggetti che erano sopravvissuti pressoché indenni fino a solo pochi decenni fa alle intemperie del tempo. Ed è per questo che, a maggior ragione, la chimica della conservazione deve assumere un impegno sempre più strenuo nel ricercare soluzioni atte a contenere i danni registrati ed essere orgogliosa saperlo fare. L autore della relazione, che ha vissuto in prima fila 36 anni di esperienza nel settore, ripercorre attraverso alcuni esempi significativi tappe importanti di questo percorso, condiviso con una quantità di colleghi e proprio grazie ai continui scambi e alle costanti collaborazioni con essi. 5

Speciazione in situ e in silico del materiale particolato

Speciazione in situ e in silico del materiale particolato Speciazione in situ e in silico del materiale particolato F. Montanari 1, D. B. Giaiotti 1, E. Baiutti 2, F. Moimas 2 ARPA Friuli Venezia Giulia 1 Centro Regionale di Modellistica Ambientale 2 Dipartimento

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria Guido Lanzani Dirigente U.O. Qualità dell aria - ARPA Lombardia Sommario I dati dall inventario delle emissioni Le evidenze sperimentali

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano L effetto serra I principali gas serra (oltre al vapore acqueo) Gas serra Anidride carbonica

Dettagli

PROF. UMBERTO BOCCHINO NOTIZIE ACCADEMICHE

PROF. UMBERTO BOCCHINO NOTIZIE ACCADEMICHE PROF. UMBERTO BOCCHINO NOTIZIE ACCADEMICHE Dall Ottobre 2014 docente di Comunicazione Finanziaria delle Banche e delle Assicurazioni nei corsi di Laurea Magistrale in Finance and Insurance ed in quello

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale

GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale Il contributo dei carburanti gassosi GPL e metano al contenimento delle emissioni di CO2 e PM10 Alessandro Tramontano Presidente Consorzio

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica Università di Bologna Pesaro, 23 e 30 Maggio 2012

Dettagli

Il futuro dell auto, l auto del futuro

Il futuro dell auto, l auto del futuro Il futuro dell auto, l auto del futuro ww ww.info Biasca, 16.10.2008 Raffaele Domeniconi Aumentare il raggio d azione www.infov Oltre ogni limite www.infov Scopo dello spostamento Quota 2005 1% 7% 4% 9%

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Cambiamenti climatici e trasporti. Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico di Milano

Cambiamenti climatici e trasporti. Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico di Milano Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Seminario: Traffico veicolare e inquinamento dell aria Bergamo, 9 giugno 2014 Cambiamenti climatici e trasporti Ing. Stefano Caserini LEAP D.I.C.A., Politecnico

Dettagli

Settori Applicativi Field of Application

Settori Applicativi Field of Application ERIMAKI Brochure_23 Luglio_okDEFINITIVO_Layout 1 23/07/12 12.51 Pagina 1 Settori Applicativi Field of Application Trattamento Plastica Plastic treatment Legno e Vetro Wood and glass Stoccaggio Storage

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

La questione energetica

La questione energetica Un patto per il clima: le buone pratiche Forlì 15 giugno 2007 -------------------------------------------- La questione energetica Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna

Dettagli

AGENZIA REG.LE PROTEZIONE AMBIENTE VENETO (ARPAV) Responsabile - Dipartimento Provinciale di Venezia

AGENZIA REG.LE PROTEZIONE AMBIENTE VENETO (ARPAV) Responsabile - Dipartimento Provinciale di Venezia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Biancotto Renzo Data di nascita 25/04/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Fisico AGENZIA REG.LE PROTEZIONE AMBIENTE VENETO

Dettagli

Se pensi che l istruzione sia costosa, prova l ignoranza.

Se pensi che l istruzione sia costosa, prova l ignoranza. Energia per l Astronave Terra Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica Giacomo Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Forum Energia Rimini 24 novembre 2011 1 Se pensi che l istruzione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E CURRICULUM PROFESSIONALE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail BORTOLI ANGELO DORSODURO 3048-30123 VENEZIA +39.335.5972191

Dettagli

CURRICULUM VITAE PROF. ANTONIO CENEDESE

CURRICULUM VITAE PROF. ANTONIO CENEDESE CURRICULUM VITAE PROF. ANTONIO CENEDESE DATI ANAGRAFICI Cognome: Cenedese Nome: Antonio Luogo di nascita: Susegana (TV) Data di nascita: 30 luglio 1942 Indirizzo: DITS-Sapienza Università di Roma, Via

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Euro I - 91/542/EEC Stage I Euro II - 91/542/EEC Stage II

Euro I - 91/542/EEC Stage I Euro II - 91/542/EEC Stage II Premessa Le valutazioni che seguono si riferiscono alla prescrizione n. 6 del Decreto di compatibilità ambientale che, in relazione agli ossidi di Azoto, prescrive che venga valutata l efficacia di fasce

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Colugnati Luigi Data di nascita 07/07/1958

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Colugnati Luigi Data di nascita 07/07/1958 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Colugnati Luigi Data di nascita 07/07/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente chimico VENEZIA GIULIA Dirigente - Laboratorio

Dettagli

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2.1 Lo scenario emissivo BASE per il Nord Italia e l Emilia - Romagna I dati di emissione utilizzati come dati

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE

LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-19 INFORMAZIONE E SISTEMI EDITORIALI > A PORDENONE Curriculum Teorie e tecniche per la comunicazione multimediale Pervasive computing and media

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit. opportunità di innovazione Andrea Costa

Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit. opportunità di innovazione Andrea Costa Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit opportunità di innovazione Andrea Costa Le sfide di Europa 2020 3 direttrici Smart Growth Sviluppo di un economia basata su innovazione e conoscenza. Sviluppo

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana Centro Studi EUROPA INFORM innovazione&formazione Via F.lli Cairoli, n 73, 47900 - RIMINI Tel. 0541 786652 Fax 0541 780253 www.europainform.com info@europainform.com PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI

Dettagli

NOMINATIVO QUALIFICA TITOLO DI STUDIO

NOMINATIVO QUALIFICA TITOLO DI STUDIO COMPETENZA E REQUISITI DI PROFESSIONALITA DELL ORGANICO GER-SO S.r.l. ha da sempre dedicato una particolare attenzione alla gestione aziendale, nella convinzione che quest ultima non possa trascurare lo

Dettagli

LUNEDÌ, 16 GIUGNO 2008 MARTEDÌ, 17 GIUGNO 2008

LUNEDÌ, 16 GIUGNO 2008 MARTEDÌ, 17 GIUGNO 2008 Arrivo dei Congressisti 16:00-19:00 Registrazione dei partecipanti 19:00 Welcome cocktail LUNEDÌ, 16 GIUGNO 2008 MARTEDÌ, 17 GIUGNO 2008 8:00 Registrazione dei partecipanti 9:00 Cerimonia inaugurale: apertura

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI La realizzazione dei metodi per il campionamento e l analisi degli elementi

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

La validazione del sistema di calcolo delle emissioni dirette ed indirette della gestione dei rifiuti

La validazione del sistema di calcolo delle emissioni dirette ed indirette della gestione dei rifiuti Workshop Gli strumenti operativi per la governance ambientale per i Comuni: Smartness in Waste Management come Decision Support System Fare i conti con l ambiente - Ravenna 2014 21 maggio 2014 La validazione

Dettagli

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di Presentano gli eventi 2015 di Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani bologna 19 marzo 2015 torino 10 giugno 2015 Novità venezia 8 ottobre 2015 www.fabbricafuturo.it Il Progetto e i contenuti

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

VERBALE N. 3 RELAZIONE RIASSUNTIVA

VERBALE N. 3 RELAZIONE RIASSUNTIVA PROCEDURA SELETTIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI II FASCIA PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA DIPARTIMENTO DELLE CULTURE EUROPEE E DEL MEDITERRANEO:

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic Patto dei sindaci: incontro con gli stakeholder e buone pratiche dal territorio Provincia di Treviso Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI DONATELLA RESTUCCIA EPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI DONATELLA RESTUCCIA EPERIENZA LAVORATIVA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DONATELLA RESTUCCIA Nazionalità Data di nascita EPERIENZA LAVORATIVA 05-1998: abilitata all esercizio della professione di Chimico presso l Università

Dettagli

La stabilizzazione delle terre con calce

La stabilizzazione delle terre con calce PRESENTAZIONE PROPOSTA FORMATIVA.. Proposta formativa (Ai sensi del comma 6.2 delle Linee Guida e di Coordinamento attuative del Regolamento per l aggiornamento e sviluppo professionale continuo) La stabilizzazione

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL INFORMAZIONI PERSONALI NOME BARSOTTI, PAOLA CHIARA INDIRIZZO ITALIANA NAZIONALITÀ DATA DI NASCITA 23 OTTOBRE 1963

FORMATO EUROPEO PER IL INFORMAZIONI PERSONALI NOME BARSOTTI, PAOLA CHIARA INDIRIZZO ITALIANA NAZIONALITÀ DATA DI NASCITA 23 OTTOBRE 1963 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI NOME BARSOTTI, PAOLA CHIARA INDIRIZZO RECAPITI TELEFONICI UFFICIO 041 2572315 FAX UFFICIO E-MAIL PAOLAC@IUAV.IT NAZIONALITÀ ITALIANA DATA

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

Prospettive filosofiche sulla pace

Prospettive filosofiche sulla pace Prospettive filosofiche sulla pace Atti del Colloquio Torino, 15 aprile 2008 a cura di Andrea Poma e Luca Bertolino Trauben Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Torino Trauben

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine)

ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine) ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine) Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità

Dettagli

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Fondazione Lombardia per l Ambiente Milano, 26 giugno 2014 Emissioni annuali

Dettagli

Benefici delle politiche di riduzione del traffico a Roma: ZTL e Anello Ferroviario

Benefici delle politiche di riduzione del traffico a Roma: ZTL e Anello Ferroviario Benefici delle politiche di riduzione del traffico a Roma: ZTL e Anello Ferroviario Giulia Cesaroni Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale, Roma Background A Roma l 80% e il 52%

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Consulenza ambientale. Febbraio 2009

Consulenza ambientale. Febbraio 2009 Febbraio 2009 e l ambiente Don't blow it - good planets are hard to find. Time Magazine ha una visione globale e trasversale delle problematiche ambientali e supporta i propri clienti in diverse aree strategiche:

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02

STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.02 STRUTTURA COMPLESSA SC11 DIPARTIMENTO DI NOVARA STRUTTURA SEMPLICE SS 11.2 CAMPAGNE DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELL ARIA CON MEZZO MOBILE IN COMUNE DI DOMODOSSOLA 8 GIUGNO 1 LUGLIO 29 RELAZIONE FINALE Redazione

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA

BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA BIOGRAFIA GIORGIO TORRACA Padova 11/9/1927 Roma 25/09/2010 Laurea in Chimica, Università di Roma, Ottobre 1950 Master of Science, Case Institute of Technology, Cleveland, Ohio Giugno 1953 Lavoro di ricerca

Dettagli

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO:

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: CONFRONTO SIMULAZIONI/OSSERVAZIONI PER DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA MODELLISTICO AMS-MINNI Massimo D Isidoro, Gino Briganti, Andrea Cappelletti, Mihaela Mircea ENEA

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO

Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO Il Dottorato di Ricerca in Chimica UNIBO Il Dottorato è proposto congiuntamente dal Dipartimento di Chimica Giacomo Ciamician e dal Dipartimento di Chimica Industriale Toso Montanari, dei quali fanno parte

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

L impronta della combustione da legna sulla qualità dell aria

L impronta della combustione da legna sulla qualità dell aria L impronta della combustione da legna sulla qualità dell aria Guido Lanzani Responsabile U.O. Qualità dell Aria Arpa Lombardia g.lanzani@arpalombardia.it Dall analisi degli inventari delle emissioni il

Dettagli

Nuova procedura di misurazione degli idrocarburi nelle acque: sviluppo e convalida Paolo de Zorzi Servizio Metrologia Ambientale - ISPRA Roma, 26 novembre 2014 Un processo condiviso a) Costituzione Gruppo

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Scienze dell Ambiente, della Sicurezza, del Territorio, degli Alimenti e della Salute (S.A.S.T.A.S.) Sez. Medicina del Lavoro MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE

Dettagli

Tabella 6A. Benzene: concentrazione media annuale nella città di Pordenone. Tabella 5B. Benzene: concentrazione media annuale nella città di Udine

Tabella 6A. Benzene: concentrazione media annuale nella città di Pordenone. Tabella 5B. Benzene: concentrazione media annuale nella città di Udine 95 Tabella 6A. Benzene: concentrazione media annuale nella città di Pordenone Per l'ambito urbano di Udine, dal monitoraggio effettuato a partire dal 2003 presso le centraline fisse di via Manzoni e di

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

SEFIRA. Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF

SEFIRA. Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF SEFIRA Socio Economic Implications For Individual Responses to Air Pollution policies in EU+27 POLICY BRIEF --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) - Italy Direttore Scientifico Dott. Stefano Danini Team

Dettagli