Prefazione di Bruno Giordano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Bruno Giordano"

Transcript

1 Prefazione di Bruno Giordano Il mio ricordo di Giorgio inizia nella stagione 75-76, quando vincemmo il tricolore con la Lazio Primavera, eravamo solo una banda di ragazzini, sui anni, amici anche fuori del campo. Questo la dice lunga sullo spirito e le qualità fisiche e tecniche di quel gruppo. Allievi e primavera, anni e campionati straordinari! Mancò la vittoria del torneo di Viareggio, dove arrivammo a disputare due finali perse, purtroppo, contro Fiorentina e Napoli. La sconfitta contro i partenopei, per me, rappresentò una delle più grandi delusioni calcistiche della mia vita: infatti l arbitro non convalidò una rete perché non si accorse che la palla aveva superato la linea bianca della porta di ben un metro Dopo questa sconfitta me ne andai per due giorni ad Ostia insieme a Manfredonia e Di Chiara e questa fu la mia prima, grandissima, delusione nel mondo del calcio! In seguito, ci siamo rifatti quando conquistammo il titolo contro la Juventus, di fronte a tante persone presenti sugli spalti. Quando arrivavo a Tor di Quinto per fare gli allenamenti e mi vedevo Giorgio là davanti, specialmente per me, un ragazzino di Trastevere che giocava in attacco, era un sogno, qualcosa di inimmaginabile. Giorgio era un grande conoscitore di calcio e, quando giocavo ancora nella Lazio Allievi, un giorno andò da Lenzini, annunciando che se fosse stato per lui avrebbe comprato tutta la squadra, ma il presidente gli rispose : Che sei pazzo?. Giorgio, di rimando, disse ancora: Allora dammi il cartellino di Giordano!. Lenzini rifiutò, ma a me fece un immenso piacere sapere che un grande calciatore come Giorgio avesse questo debole per me. In quel periodo, mi allenavo a fianco di quella grande squadra e il nostro campo di allenamento era poco distante dal loro poi, di tanto in tanto, Maestrelli ci invitava a fare delle partitelle di allenamento. Il giovedì, insieme ad altri compagni di squadra, tra i quali Agostinelli e Manfredonia, andavamo a giocare con la formazione delle riserve contro i titolari. Erano partite vere, in cui si davano e si prendevano tante botte! Io non vedevo l ora che arrivasse il giovedì o il venerdì nella speranza che Maestrelli mi invitasse a disputare questi incontri. Il 5 ottobre del 1975 a Genova, fu il giorno del mio esordio in serie A, contro la Sampdoria, io indossavo la maglia numero undici e al mio fianco c era Giorgio con la casacca numero nove. L arbitro Barbaresco al novantesimo, prima di un fallo laterale, disse che ci era andata bene perché eravamo riusciti a pareggiare una gara dominata dalla Sampdoria. Pulici parò tutto, presero pali e traverse. Su quel fallo laterale si sviluppò l azione che ci portò alla rete della vittoria. Chinaglia tira, un difensore blucerchiato respinge il pallone, la palla arriva a me, chiudo gli occhi e tiro: la mia prima rete nel massimo campionato! Ancora ricordo la gioia di Luciano Re Cecconi, negli spogliatoi, che mi venne ad abbracciare, grandi sensazioni per un ragazzo come me appena proiettato in quella grande Lazio che poteva puntare alle prime posizioni. Alla quarta di campionato contro il Bologna, segnai ancora su passaggio di Chinaglia, in una partita terminata sull 1-1, nella gara di esordio di Manfredonia. Contro l Inter, Giorgio segnò mentre io rimediai una bella distorsione, così rimasi fermo per parecchio tempo e rientrai in campo proprio quando Giorgio, di notte, partì per gli Stati Uniti in maniera rocambolesca. Fu un vero balzo in avanti fino a quella partita tra Fiorentina e Lazio del 2 maggio del 1976 che, per me, rappresentò quasi un nuovo esordio. Lo considero tale perché era la prima volta che indossavo la maglia numero nove, una grande responsabilità visto che tra noi giocatori non la voleva nessuno Maestrelli lasciava le magliette sul tavolo dello spogliatoio, perché ognuno sapeva quella che avrebbe indossato: Wilson la numero quattro, Re Cecconi la numero otto, e quella domenica rimasero la numero dieci e la nove. La prima se la prese Vincenzo D Amico e così a me rimase la nove. Forse, allora, neppure sapevo che grande responsabilità significava mettere una maglia così importante, ma l incoscienza dei diciannove anni me la fece indossare con una leggerezza che mi aiutò. Forse, ne avrei preferita un altra ma, poi, quella maglia divenne benedetta: da quel giorno non l ho più tolta e mi ha accompagnato per tutta la mia carriera. All epoca pensavo a tutto tranne che a giocare con la numero nove, mi sentivo più un numero dieci. Indossai quella maglia e il segnare una rete così bella alla Fiorentina, dopo pochi minuti, mi ha dato fiducia e da quel momento l ho portata senza più timore. Il fatto di essere così giovane non mi fece pensare che, quella, era la maglia più pesante della Lazio. Quella stagione si concluse a Como con una delle partite più importanti della storia della Lazio, una gara dimenticata da molti, ma che fu epica con Maestrelli malato in panchina, perché dopo venti minuti eravamo già sotto di due reti ma che riuscimmo a pareggiare grazie a un grande Re Cecconi, a una mia rete e ad una di Badiani che corse sotto la curva occupata da più di tifosi laziali. Così la Lazio riuscì ad evitare la retrocessione. Maestrelli era una persona straordinaria, un papà, poi per noi che venivamo dalla primavera, arrivare a contatto con la prima squadra, con persone quasi inavvicinabili costituiva la realizzazione di un sogno! Ricordo che per sdrammatizzare, prima della gara contro la Fiorentina, avevo indossato la maglia numero nove e Maestrelli, che a differenza di me sapeva a cosa andavo incontro, quando mancavano venti minuti all inizio della partita e stavamo riscaldandoci nei corridoi dello spogliatoio, mi chiamò insieme a Wilson: Vieni, vieni, un attimo qua?, c erano delle cuffie della radio attaccate alla porta e mi dissero di metterle perché Sandro Ciotti voleva farmi un intervista. Il mister mi diede le cuffie dicendomi: Vai e parla, così dissi: Pronto dottor Ciotti ma non sentivo niente, loro insistevano dicendomi di parlare più forte, ma dall altra parte del filo non c era nessuno... Fu solo un modo per rompere la tensione. La malattia di Tommaso influenzerà non poco il corso della storia della Lazio e di Giorgio, che in Italia senza di lui non aveva più un padre e non poteva contare sulla sua famiglia che già viveva negli Stati Uniti.

2 Da lì a breve, iniziarono subito i paragoni su chi fosse più bravo ma avevo solo diciannove anni e tutto mi scivolava addosso senza conseguenze, forse se avessi avuto già venticinque, ventisei anni sarei stato travolto da un simile confronto. Per me era impensabile che, a distanza di solo qualche mese, si facessero già simili paragoni. Essere giovane e sfrontato mi aiutò tantissimo. Quando facevo il raccattapalle, la prima volta fu in un derby pareggiato con reti di Dolso e di Petrelli, non vedevo l ora che venisse Giorgio per restituirgli il pallone. Allora era compito dei più giovani portare le borse e le prime volte che, aggregato dalla primavera, andavo con la prima squadra, cercavo sempre di accaparrarmi la borsa di Chinaglia, per portarla dentro gli spogliatoi. Quando tornò, poi, come presidente, chiamò me e Lionello Manfredonia per dirci che aveva intenzione di realizzare una grande squadra, nei suoi disegni c erano Zico e Junior poi, non potendo arrivare a certe cifre, ripiegò su Batista e Laudrup. Il rapporto rimase buonissimo, come quando eravamo compagni di squadra, e mi offrì la fascia di capitano nella stagione ma, di comune accordo, decidemmo di darla a Batista: io non la volli perché mi faceva sentire vecchio La presi, però, nella stagione successiva. La prima stagione fu abbastanza disgraziata, mi feci male ma riuscimmo a salvarci lo stesso a Pisa nell ultima giornata. La stagione successiva il rapporto, per incomprensioni create ad arte dalla stampa, si deteriorò un poco. Ricordo, ancora, la rete nel mio ultimo derby sotto la Curva Sud di testa, con la tristezza di chi sapeva che non avrei mai più giocato un altro derby. Il 1 aprile del 2012, arriva inaspettata la brutta notizia della sua morte, all'inizio pensavo quasi fosse uno scherzo, vista la data... Io l avevo sentito al telefono solo un mese prima quando, in macchina con Oddi, Giorgio, di buon umore, mi disse: Ti è andata male a Terni eh?, ma sapevo che Giorgio scherzava perché mi ha sempre voluto bene. Ancora oggi non ci credo, quando mi incontro con Giancarlo Oddi, parliamo di come sia incredibile che un uomo, così grande e così forte, possa essersene andato via troppo presto, ma questa è la vita e non posso far altro che portarlo nel cuore, per sempre. Bruno Giordano

3 Bruno Giordano foto di Valentino Prestano

4 Prefazione di Antonio Grinta Giorgio Chinaglia - scrivere di Chinaglia non è semplice, soprattutto per una generazione, come la nostra, che ha vissuto questo grande calciatore fin da ragazzini. Giorgio, Giorgione, Long John, Giorgio goal, Giorgio il presidente, praticamente ha segnato la storia della mia Lazio, dalla fine degli anni sessanta fino ad oggi. I miei ricordi sono tanti, dal ritorno in serie A del 1972, con Giorgione che segna a Genova contro i rossoblù e corre verso i tifosi biancocelesti saliti in quel di Marassi, alle partite della nazionale che vedevo solo quando giocava lui, e se veniva sostituito uscivo e spengevo la tv. Chinaglia ha rappresentato la mia gioventù, i miei primi anni in curva, i primi gruppi dei tifosi organizzati, Giorgio Goal era lo slogan più diffuso, lo ripetevo allo stadio, lo scrivevo sui muri. Ricordo il suo rigore contro il Foggia che ci faceva guadagnare il primo scudetto della nostra lunga storia e le reti nei derby, il suo sfidare la parte nemica correndo verso il settore ospite senza paura. Giorgio ha dato forza e coraggio alla tifoseria biancoceleste: nei primi anni settanta si deve solo a lui la forza di aver fatto innamorare i tifosi verso i colori sociali e, soprattutto, verso quella maglia celeste con un numero cucito dietro, il numero nove. La sua partenza per gli Stati Uniti, verso un nuovo calcio, resta una ferita profonda per chi lo aveva amato e, nonostante tutto, continua ad amarlo. Nei suoi ritorni nell Urbe, veniva sempre accolto con nostalgia e con la speranza di un suo possibile ritorno sul campo di calcio, quello di Giorgio Goal. Quando nel 1983, arrivò la voce che Giorgio voleva diventare presidente della nostra Lazio, ricreò quell entusiasmo spontaneo in tutti i tifosi Laziali. In molti diranno che fu un fallimento, ma le quattro stagioni passate con Chinaglia presidente, non ci hanno dato emozioni sul campo, ma lui ha valorizzato la tifoseria dandogli la massima fiducia e aiuto. Penso al suo ritorno e all accoglienza all aeroporto di Fiumicino: tornava Giorgione! Era una mattinata di giugno e migliaia di tifosi Laziali erano ad aspettarlo. Ricordo il suo arrivo, l albergo Grand Hotel Via Veneto dove intorno a mezzogiorno, si erano radunati molti tifosi di ritorno da Fiumicino. Tifosi di tutte le età. Persone in giacca e cravatta e con la tuta da lavoro: era un lunedì lavorativo, ma tutti avevano trovato una scusa per salutare Giorgione. Ci salutò dal balcone di quell albergo, noi lo acclamammo come un imperatore, o meglio, come un invincibile guerriero. Giorgio era questo, una persona che ti dava entusiasmo solo nel vederlo. La sua uscita da presidente, i suoi errori, ma nel tifoso Laziale di quella generazione c era sempre un cuore che batteva per lui. Anno 2006, ritorna la voce che Giorgio vuole riprovarci, molti erano scettici ma per me, come tanti altri, era come una chiamata alle armi, non potevi non seguirlo. L ultima volta che ho visto Giorgio, in un albergo sulla via Cristoforo Colombo a Roma, il suo sguardo le sue parole, come al solito, mi avevano catturato. Quella storia non finì bene, ancora molti ne portano i segni ma, nonostante tutto, Giorgio sarà sempre ricordato e pensato. Spero che un giorno esca fuori la verità su quei tristi giorni. Una storia che ha toccato molti tifosi, fino alla triste notizia della sua scomparsa. Quel primo aprile una notizia terribile, passai quel giorno a ricordare Giorgio goal, le sue reti, la sua voglia di vittoria, il suo orgoglio, il suo coraggio. Difficile raccontare Giorgio, Giorgione, Long John, Giorgio goal, Giorgio il presidente, spero e ne sono certo che questo libro farà conoscere la sua storia, quella di un grande calciatore che ha dato tanto alla Lazio ed ai suoi tifosi. Antonio Grinta

5 Lazio vs Foggia 1974, il giorno del primo scudetto della SS Lazio foto di Gino Ceccarelli

6 Quando tutto ebbe inizio Swansea, Galles, Swansea, o meglio, Abertawe, come dicono i gallesi, quel giorno era particolarmente plumbea. Come tutte le città costiere, quando il tempo è brutto e uggioso come solo in Gran Bretagna sa essere, quel mare grigio e gelido che ti sbatte sugli scogli sembra acuire ancor di più la malinconia latente che ogni uomo sotto sotto possiede. E quel ragazzo che cammina curvo verso il campo da gioco dello Swansea, sembra portare tutto il peso di una famiglia strappata per miseria dalla terra natìa e trapiantata a forza in questo promontorio davanti al mare. Cammina piano, non ha fretta, qui è tutto rallentato. Il campo d'allenamento non è distante, e poi s'è già messo la tuta a casa, è uscito così, in uno dei pochi posti al mondo in cui te lo lasciano fare senza neanche guardarti, senza neanche sapere chi sei Al campo intanto lo aspettano, lui quest'anno è l'uomo di punta da quando ha realizzato quell'unico gol contro gli odiati cugini, adesso la città gli sorride dopo un avvio incompreso e quel maledetto complesso verso Cardiff, la capitale, non c'è più, demolito dai colpi potenti verso la porta di questo strano ragazzo taciturno. L'allenamento è finito, i compagni lasciano quel campo ghiacciato e duro per andare a fare la doccia, ma lui no. Lui prende la palla, guarda la porta completamente sguarnita e inizia a tirare con forza, che diventa potenza, che diventa rabbia, che finisce in rancore. Dietro a lui appare un'ombra, una sagoma alta, imponente, capelli brizzolati e sguardo azzurro cielo...si chiama Ivor, Ivor Allchurch, la leggenda vivente del calcio gallese; guarda questo ragazzone dalle spalle infossate, gli si avvicina e gli dice: Un giorno, Giorgio, tu sarai famoso come Bobby Charlton. Tu cerchi solo di essere gentile rispose lui. No, ne sono convinto. Tu hai la preparazione e, quello che più conta, hai la mentalità del fuoriclasse, parola di Ivor. la pacca sulla spalla a suggellare la profezia. Sorride fra sé e sé, Giorgio, le parole di Allchurch vanno a compensare quelle più odiose e meno affascinanti del presidente: Non ce la farai mai nel calcio professionistico Lui ingoia il boccone, è abituato oramai ma non gli interessa, continua a tirare bordate alla porta vuota e ogni tiro sembra indirizzato verso la vita, quella che oggi gli appare ancor più ingiusta, anche se non è la prima volta che accade. Ma stavolta il bicchiere è colmo, specie per uno come lui. Lui deve sentire calore intorno, deve sentire fiducia, quella che il padre non gli ha mai dato o non ha saputo farlo, troppo preso dallo sbarcare il lunario, troppo impegnato a inventarsi un lavoro giorno dopo giorno. E poi quel presidente non gli è mai andato a genio, troppo sprezzante verso gli italiani, troppo drastico nei suoi giudizi. President, I should want to go è entrato nella stanza del boss senza neanche bussare Mmhhh...And where would you go? con i soliti occhi inespressivi... I want to came back in Italy! sguardo fermo, pugni sulla scrivania. Ok...disappear now! Vai...go, sparisci maccaroni! in un misto di gallese e italiano stentato. Go fuck yourself, vai a farti fottere, bastardo di un gallese! e la porta tracolla mentre se la sbatte alle spalle. Questo era Giorgio, questo il suo carattere. Esce da quella stanza col sorriso sulle labbra, finalmente felice di aver detto cosa pensava di lui e soprattutto felice di tornare nel suo paese, perchè lui è certo che farà fortuna, lui è nato per il calcio e il calcio lo renderà grande. E l'italia, il Paese della miseria, dell'infanzia da fame, diventa un Bengodi per il redivivo Giorgio: stipendio da favola, una macchina sportiva e tutto questo giocando in serie C! Lui annusa l'aria, percepisce che qualcosa di più grande possa accadere e non perde occasione per mettersi in mostra... E' il 14 settembre del Una squadra di Roma, quella più antica, fa visita a Massa Carrara, la S.S. Lazio, quella di Carosi e di Marchesi, di Dolso e di Morrone, per una partita pre-campionato prima dell'esordio contro la Fiorentina. E' un'emozione grande per uno come Giorgio, addirittura una squadra della capitale, chissà se questo è il momento giusto per farsi notare e cosa c'è di meglio che farlo a suon di gol? Da Roma sono arrivati quasi tifosi, sembrano molto attaccati alla squadra e non fanno altro che incitare i giocatori, chiamandoli e osannandoli uno ad uno... Chinaglia sogna che quei cori un giorno possano essere per lui, la Lazio poi l'ha sempre attratto, con quel suo stile strano e un po' snob che la fa sembrare quasi una squadra inglese... Giorgio, se oggi non segni almeno un gol non sei degno di quel numero che porti sulle spalle e ti meriti di tornare nel Galles! e mentre lo dice guardandosi nello specchio dello spogliatoio, si rende conto che ha lo stesso sguardo di quando una sera fece altrettanto nel bagno del ristorante del padre, quando fare il cameriere era l'unica possibilità per lui. Le squadre entrano in campo, quelli della Lazio gli sembrano grandi, quasi smisurati, nelle loro belle magliette colore del cielo. Il sindaco di Massa consegna una targa ricordo a Burlando, per la precedente militanza nella Massese e il piccolo stadio si infiamma, soprattutto i 3000 supporters biancocelesti.

7 Calcio d'inizio, si parte...bastano 7 minuti alla Lazio per passare in vantaggio con Bagatti, un destro violento su cross di Morrone che si insacca alla destra del portiere. Giorgio non ci sta, sente che stavolta è proprio l'occasione giusta e sbuffa, si arrabbia, sgomita e manca di poco il goal del pareggio in un paio di occasioni. In una addirittura scavalca il portiere e tira ma l'ottimo Castelletti salva sulla linea, scatenando una serie di imprecazioni impressionanti verso tutto e tutti da parte del numero 9 della Massese, quel ragazzone lungo e grosso con un brutto e ispido carattere. Ezio Luzzi scrive nel suo articolo sul Corriere dello Sport..pessima la prova di Marchesi che non riuscirà mai a contenere il poderoso centravanti di casa, Giorgio Chinaglia... E sarà ancor più difficile contenerlo quando, dopo un bel dribbling, riuscirà a scodellare in area un bel pallone caldo caldo per la testa di Rolla. Stavolta però è la Lazio che non ci sta, nonostante l'allenatore Mannocci tenti di mascherare le carte, sapendo della presenza degli osservatori viola in tribuna: una traversa di D'Amato è solo l'annuncio del gol del 2 a 1 che verrà grazie a Morrone. La Lazio gioca in scioltezza, ma, grave errore, si era dimenticata di lui e lui non perdona: prende la palla a centrocampo, dribbla un paio di avversari oramai sicuri della vittoria, scambia in velocità con un compagno e, al momento di ricevere la palla, si inventa un gol di tacco sotto al sette da far cadere uno stadio molto più grande, chissà, magari uno come l'olimpico... Ecco, ce l'ha fatta, quel ragazzo goffo e ostinato quando si mette una cosa in testa la ottiene, forse qualcuno della Lazio ora se n'è accorto, magari domani il presidente lo convoca e gli dice: Complimenti Giorgio, da oggi sei della Lazio!... E invece no...il presidente lo chiama qualche giorno dopo, ma solo per fargli una ramanzina sul perché del suo atteggiamento. Possibile che neanche il servizio militare ti renda disciplinato??? Mi hanno detto che ti hanno punito e che hai dormito sul tavolaccio della prigione militare... E' vero, presidente...il fatto è che volevo venire prima ad allenarmi ma non mi hanno fatto uscire ed io me la sono presa col maresciallo... Te la sei presa??? Mi hanno detto che lo hai preso per il bavero e lo hai sbattuto al muro!... E se anche fosse? Io volevo venire qui al campo... gli occhi bassi a vergognarsi di quel gesto. Mi spiace Giorgio...sei un gran bel giocatore, ma hai bisogno di una società che ti dia una regolata, altrimenti non vai lontano...e la Massese è troppo piccola per la tua esuberanza. Ti abbiamo ceduto. stavolta gli occhi bassi ce li ha lui. Ma...alla Fiorentina, spero No...all'Internapoli, ci hanno offerto 100 milioni e noi abbiamo accettato... Ma...ma...mi avevate detto che andavo in serie A, mi avevate assicurato che... Giorgio, per noi quei soldi sono importanti, cerca di capire... Un'altra porta sbattuta, un'altra fuga, un'altra città, Napoli, profondo sud. Un pianto liberatorio, quel giorno, un altro padre che lo allontana, l'eterna ricerca di un dirigente che lo capisca continua, come in un viaggio iniziatico fatto per forza. Napoli, città bella e difficile, forse però adatta ad un carattere come il suo. L'Internapoli, in origine denominata Vomero e poi Cral Cirio, diventa tale solo nel 1964, quando Giovanni Proto e Carlo Del Gaudio la rilevano e la fanno diventare la seconda squadra per importanza della città, rifacendosi a quell'antica squadra che giocava negli anni '10, l'internazionale Napoli appunto. Ma è vincendo il campionato di serie D nel 66/67 che la squadra approda finalmente in C, portandosi dietro due giovani di belle speranze, un certo Pino Wilson e tale Franco Cordova... Chinaglia arriva nel 1967 e il suo biglietto da visita sarà nella finale Berretti quando, grazie a un suo gol, la squadra batte l'empoli in finale per 1 a 0. Poi, come per magia, ancora la Lazio nel suo destino, ancora un'amichevole pre-campionato per mettersi in vetrina, sperando che stavolta qualcuno si fermi a guardare e compri... E' agosto, domenica 27 per l'esattezza. Il catino del S. Paolo sembra troppo grande per quei spettatori, molti sono della Lazio, i colori sociali però son gli stessi, anche se oggi l'internapoli, per ospitalità, indossa una casacca verde. La partita è bella, ricca di colpi di scena, azioni da una parte e dall'altra ma è la squadra di casa a passare in vantaggio al 46, grazie a un gol di Porro e ad un Chinaglia in condizioni straripanti. Scriveranno di lui:...il compito più ingrato è toccato sicuramente a Pagni,per controllare il massiccio Chinaglia, appena acquistato dalla Massese, soffiandolo alla Fiorentina... L'Internapoli torna in campo nel secondo tempo con un gol all'attivo e una maglia bianca a righe blu verticali, che non porterà troppo bene alla squadra partenopea, poiché la Lazio, con un gol di Gioia dopo una sgroppata sulla fascia e cross di Ronzon, riuscirà a strappare un pareggio comunque meritato. E' solo l'inizio: la stagione 1968/69 vede un certo Luis Vinicio prendere in mano la squadra e portarla in alto, sfiorando la promozione in serie B con due magnifici terzi posti... E Giorgio a fare gol a ripetizione, con quel suo modo strano di incedere, con quella grinta da emigrante al contrario, con quel suo destro potente e preciso... Finalmente la Lazio, quella che sarà la squadra della sua vita, si accorge di lui, oltre che di un ottimo difensore centrale nato a Darlington da padre inglese e madre napoletana, Giuseppe Wilson. Flamini è l'emissario di Juan Carlos Lorenzo, attuale allenatore della Lazio ed è presente a diverse gare dell'internapoli.

8 Annota sul suo taccuino questi due nomi e li passa a Lorenzo. Presidente Lenzini, questi due sono i rinforzi che ci servono, uno in difesa e uno in attacco, per costruire una grande Lazio. dice il duro allenatore argentino e ci aveva visto giusto. Lenzini è abile e veloce a trattare con Carlo De Gaudio e bloccare sul nascere gli inserimenti di Juventus e Fiorentina, portando i due gioiellini a Roma. Ce l'ho fatta papà, grazie a Dio ce l'ho fatta! e stavolta le lacrime di Giorgio sono di felicità, di gratitudine. Correva l'anno E qui inizia un'altra storia.

9

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli