Prefazione di Bruno Giordano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Bruno Giordano"

Transcript

1 Prefazione di Bruno Giordano Il mio ricordo di Giorgio inizia nella stagione 75-76, quando vincemmo il tricolore con la Lazio Primavera, eravamo solo una banda di ragazzini, sui anni, amici anche fuori del campo. Questo la dice lunga sullo spirito e le qualità fisiche e tecniche di quel gruppo. Allievi e primavera, anni e campionati straordinari! Mancò la vittoria del torneo di Viareggio, dove arrivammo a disputare due finali perse, purtroppo, contro Fiorentina e Napoli. La sconfitta contro i partenopei, per me, rappresentò una delle più grandi delusioni calcistiche della mia vita: infatti l arbitro non convalidò una rete perché non si accorse che la palla aveva superato la linea bianca della porta di ben un metro Dopo questa sconfitta me ne andai per due giorni ad Ostia insieme a Manfredonia e Di Chiara e questa fu la mia prima, grandissima, delusione nel mondo del calcio! In seguito, ci siamo rifatti quando conquistammo il titolo contro la Juventus, di fronte a tante persone presenti sugli spalti. Quando arrivavo a Tor di Quinto per fare gli allenamenti e mi vedevo Giorgio là davanti, specialmente per me, un ragazzino di Trastevere che giocava in attacco, era un sogno, qualcosa di inimmaginabile. Giorgio era un grande conoscitore di calcio e, quando giocavo ancora nella Lazio Allievi, un giorno andò da Lenzini, annunciando che se fosse stato per lui avrebbe comprato tutta la squadra, ma il presidente gli rispose : Che sei pazzo?. Giorgio, di rimando, disse ancora: Allora dammi il cartellino di Giordano!. Lenzini rifiutò, ma a me fece un immenso piacere sapere che un grande calciatore come Giorgio avesse questo debole per me. In quel periodo, mi allenavo a fianco di quella grande squadra e il nostro campo di allenamento era poco distante dal loro poi, di tanto in tanto, Maestrelli ci invitava a fare delle partitelle di allenamento. Il giovedì, insieme ad altri compagni di squadra, tra i quali Agostinelli e Manfredonia, andavamo a giocare con la formazione delle riserve contro i titolari. Erano partite vere, in cui si davano e si prendevano tante botte! Io non vedevo l ora che arrivasse il giovedì o il venerdì nella speranza che Maestrelli mi invitasse a disputare questi incontri. Il 5 ottobre del 1975 a Genova, fu il giorno del mio esordio in serie A, contro la Sampdoria, io indossavo la maglia numero undici e al mio fianco c era Giorgio con la casacca numero nove. L arbitro Barbaresco al novantesimo, prima di un fallo laterale, disse che ci era andata bene perché eravamo riusciti a pareggiare una gara dominata dalla Sampdoria. Pulici parò tutto, presero pali e traverse. Su quel fallo laterale si sviluppò l azione che ci portò alla rete della vittoria. Chinaglia tira, un difensore blucerchiato respinge il pallone, la palla arriva a me, chiudo gli occhi e tiro: la mia prima rete nel massimo campionato! Ancora ricordo la gioia di Luciano Re Cecconi, negli spogliatoi, che mi venne ad abbracciare, grandi sensazioni per un ragazzo come me appena proiettato in quella grande Lazio che poteva puntare alle prime posizioni. Alla quarta di campionato contro il Bologna, segnai ancora su passaggio di Chinaglia, in una partita terminata sull 1-1, nella gara di esordio di Manfredonia. Contro l Inter, Giorgio segnò mentre io rimediai una bella distorsione, così rimasi fermo per parecchio tempo e rientrai in campo proprio quando Giorgio, di notte, partì per gli Stati Uniti in maniera rocambolesca. Fu un vero balzo in avanti fino a quella partita tra Fiorentina e Lazio del 2 maggio del 1976 che, per me, rappresentò quasi un nuovo esordio. Lo considero tale perché era la prima volta che indossavo la maglia numero nove, una grande responsabilità visto che tra noi giocatori non la voleva nessuno Maestrelli lasciava le magliette sul tavolo dello spogliatoio, perché ognuno sapeva quella che avrebbe indossato: Wilson la numero quattro, Re Cecconi la numero otto, e quella domenica rimasero la numero dieci e la nove. La prima se la prese Vincenzo D Amico e così a me rimase la nove. Forse, allora, neppure sapevo che grande responsabilità significava mettere una maglia così importante, ma l incoscienza dei diciannove anni me la fece indossare con una leggerezza che mi aiutò. Forse, ne avrei preferita un altra ma, poi, quella maglia divenne benedetta: da quel giorno non l ho più tolta e mi ha accompagnato per tutta la mia carriera. All epoca pensavo a tutto tranne che a giocare con la numero nove, mi sentivo più un numero dieci. Indossai quella maglia e il segnare una rete così bella alla Fiorentina, dopo pochi minuti, mi ha dato fiducia e da quel momento l ho portata senza più timore. Il fatto di essere così giovane non mi fece pensare che, quella, era la maglia più pesante della Lazio. Quella stagione si concluse a Como con una delle partite più importanti della storia della Lazio, una gara dimenticata da molti, ma che fu epica con Maestrelli malato in panchina, perché dopo venti minuti eravamo già sotto di due reti ma che riuscimmo a pareggiare grazie a un grande Re Cecconi, a una mia rete e ad una di Badiani che corse sotto la curva occupata da più di tifosi laziali. Così la Lazio riuscì ad evitare la retrocessione. Maestrelli era una persona straordinaria, un papà, poi per noi che venivamo dalla primavera, arrivare a contatto con la prima squadra, con persone quasi inavvicinabili costituiva la realizzazione di un sogno! Ricordo che per sdrammatizzare, prima della gara contro la Fiorentina, avevo indossato la maglia numero nove e Maestrelli, che a differenza di me sapeva a cosa andavo incontro, quando mancavano venti minuti all inizio della partita e stavamo riscaldandoci nei corridoi dello spogliatoio, mi chiamò insieme a Wilson: Vieni, vieni, un attimo qua?, c erano delle cuffie della radio attaccate alla porta e mi dissero di metterle perché Sandro Ciotti voleva farmi un intervista. Il mister mi diede le cuffie dicendomi: Vai e parla, così dissi: Pronto dottor Ciotti ma non sentivo niente, loro insistevano dicendomi di parlare più forte, ma dall altra parte del filo non c era nessuno... Fu solo un modo per rompere la tensione. La malattia di Tommaso influenzerà non poco il corso della storia della Lazio e di Giorgio, che in Italia senza di lui non aveva più un padre e non poteva contare sulla sua famiglia che già viveva negli Stati Uniti.

2 Da lì a breve, iniziarono subito i paragoni su chi fosse più bravo ma avevo solo diciannove anni e tutto mi scivolava addosso senza conseguenze, forse se avessi avuto già venticinque, ventisei anni sarei stato travolto da un simile confronto. Per me era impensabile che, a distanza di solo qualche mese, si facessero già simili paragoni. Essere giovane e sfrontato mi aiutò tantissimo. Quando facevo il raccattapalle, la prima volta fu in un derby pareggiato con reti di Dolso e di Petrelli, non vedevo l ora che venisse Giorgio per restituirgli il pallone. Allora era compito dei più giovani portare le borse e le prime volte che, aggregato dalla primavera, andavo con la prima squadra, cercavo sempre di accaparrarmi la borsa di Chinaglia, per portarla dentro gli spogliatoi. Quando tornò, poi, come presidente, chiamò me e Lionello Manfredonia per dirci che aveva intenzione di realizzare una grande squadra, nei suoi disegni c erano Zico e Junior poi, non potendo arrivare a certe cifre, ripiegò su Batista e Laudrup. Il rapporto rimase buonissimo, come quando eravamo compagni di squadra, e mi offrì la fascia di capitano nella stagione ma, di comune accordo, decidemmo di darla a Batista: io non la volli perché mi faceva sentire vecchio La presi, però, nella stagione successiva. La prima stagione fu abbastanza disgraziata, mi feci male ma riuscimmo a salvarci lo stesso a Pisa nell ultima giornata. La stagione successiva il rapporto, per incomprensioni create ad arte dalla stampa, si deteriorò un poco. Ricordo, ancora, la rete nel mio ultimo derby sotto la Curva Sud di testa, con la tristezza di chi sapeva che non avrei mai più giocato un altro derby. Il 1 aprile del 2012, arriva inaspettata la brutta notizia della sua morte, all'inizio pensavo quasi fosse uno scherzo, vista la data... Io l avevo sentito al telefono solo un mese prima quando, in macchina con Oddi, Giorgio, di buon umore, mi disse: Ti è andata male a Terni eh?, ma sapevo che Giorgio scherzava perché mi ha sempre voluto bene. Ancora oggi non ci credo, quando mi incontro con Giancarlo Oddi, parliamo di come sia incredibile che un uomo, così grande e così forte, possa essersene andato via troppo presto, ma questa è la vita e non posso far altro che portarlo nel cuore, per sempre. Bruno Giordano

3 Bruno Giordano foto di Valentino Prestano

4 Prefazione di Antonio Grinta Giorgio Chinaglia - scrivere di Chinaglia non è semplice, soprattutto per una generazione, come la nostra, che ha vissuto questo grande calciatore fin da ragazzini. Giorgio, Giorgione, Long John, Giorgio goal, Giorgio il presidente, praticamente ha segnato la storia della mia Lazio, dalla fine degli anni sessanta fino ad oggi. I miei ricordi sono tanti, dal ritorno in serie A del 1972, con Giorgione che segna a Genova contro i rossoblù e corre verso i tifosi biancocelesti saliti in quel di Marassi, alle partite della nazionale che vedevo solo quando giocava lui, e se veniva sostituito uscivo e spengevo la tv. Chinaglia ha rappresentato la mia gioventù, i miei primi anni in curva, i primi gruppi dei tifosi organizzati, Giorgio Goal era lo slogan più diffuso, lo ripetevo allo stadio, lo scrivevo sui muri. Ricordo il suo rigore contro il Foggia che ci faceva guadagnare il primo scudetto della nostra lunga storia e le reti nei derby, il suo sfidare la parte nemica correndo verso il settore ospite senza paura. Giorgio ha dato forza e coraggio alla tifoseria biancoceleste: nei primi anni settanta si deve solo a lui la forza di aver fatto innamorare i tifosi verso i colori sociali e, soprattutto, verso quella maglia celeste con un numero cucito dietro, il numero nove. La sua partenza per gli Stati Uniti, verso un nuovo calcio, resta una ferita profonda per chi lo aveva amato e, nonostante tutto, continua ad amarlo. Nei suoi ritorni nell Urbe, veniva sempre accolto con nostalgia e con la speranza di un suo possibile ritorno sul campo di calcio, quello di Giorgio Goal. Quando nel 1983, arrivò la voce che Giorgio voleva diventare presidente della nostra Lazio, ricreò quell entusiasmo spontaneo in tutti i tifosi Laziali. In molti diranno che fu un fallimento, ma le quattro stagioni passate con Chinaglia presidente, non ci hanno dato emozioni sul campo, ma lui ha valorizzato la tifoseria dandogli la massima fiducia e aiuto. Penso al suo ritorno e all accoglienza all aeroporto di Fiumicino: tornava Giorgione! Era una mattinata di giugno e migliaia di tifosi Laziali erano ad aspettarlo. Ricordo il suo arrivo, l albergo Grand Hotel Via Veneto dove intorno a mezzogiorno, si erano radunati molti tifosi di ritorno da Fiumicino. Tifosi di tutte le età. Persone in giacca e cravatta e con la tuta da lavoro: era un lunedì lavorativo, ma tutti avevano trovato una scusa per salutare Giorgione. Ci salutò dal balcone di quell albergo, noi lo acclamammo come un imperatore, o meglio, come un invincibile guerriero. Giorgio era questo, una persona che ti dava entusiasmo solo nel vederlo. La sua uscita da presidente, i suoi errori, ma nel tifoso Laziale di quella generazione c era sempre un cuore che batteva per lui. Anno 2006, ritorna la voce che Giorgio vuole riprovarci, molti erano scettici ma per me, come tanti altri, era come una chiamata alle armi, non potevi non seguirlo. L ultima volta che ho visto Giorgio, in un albergo sulla via Cristoforo Colombo a Roma, il suo sguardo le sue parole, come al solito, mi avevano catturato. Quella storia non finì bene, ancora molti ne portano i segni ma, nonostante tutto, Giorgio sarà sempre ricordato e pensato. Spero che un giorno esca fuori la verità su quei tristi giorni. Una storia che ha toccato molti tifosi, fino alla triste notizia della sua scomparsa. Quel primo aprile una notizia terribile, passai quel giorno a ricordare Giorgio goal, le sue reti, la sua voglia di vittoria, il suo orgoglio, il suo coraggio. Difficile raccontare Giorgio, Giorgione, Long John, Giorgio goal, Giorgio il presidente, spero e ne sono certo che questo libro farà conoscere la sua storia, quella di un grande calciatore che ha dato tanto alla Lazio ed ai suoi tifosi. Antonio Grinta

5 Lazio vs Foggia 1974, il giorno del primo scudetto della SS Lazio foto di Gino Ceccarelli

6 Quando tutto ebbe inizio Swansea, Galles, Swansea, o meglio, Abertawe, come dicono i gallesi, quel giorno era particolarmente plumbea. Come tutte le città costiere, quando il tempo è brutto e uggioso come solo in Gran Bretagna sa essere, quel mare grigio e gelido che ti sbatte sugli scogli sembra acuire ancor di più la malinconia latente che ogni uomo sotto sotto possiede. E quel ragazzo che cammina curvo verso il campo da gioco dello Swansea, sembra portare tutto il peso di una famiglia strappata per miseria dalla terra natìa e trapiantata a forza in questo promontorio davanti al mare. Cammina piano, non ha fretta, qui è tutto rallentato. Il campo d'allenamento non è distante, e poi s'è già messo la tuta a casa, è uscito così, in uno dei pochi posti al mondo in cui te lo lasciano fare senza neanche guardarti, senza neanche sapere chi sei Al campo intanto lo aspettano, lui quest'anno è l'uomo di punta da quando ha realizzato quell'unico gol contro gli odiati cugini, adesso la città gli sorride dopo un avvio incompreso e quel maledetto complesso verso Cardiff, la capitale, non c'è più, demolito dai colpi potenti verso la porta di questo strano ragazzo taciturno. L'allenamento è finito, i compagni lasciano quel campo ghiacciato e duro per andare a fare la doccia, ma lui no. Lui prende la palla, guarda la porta completamente sguarnita e inizia a tirare con forza, che diventa potenza, che diventa rabbia, che finisce in rancore. Dietro a lui appare un'ombra, una sagoma alta, imponente, capelli brizzolati e sguardo azzurro cielo...si chiama Ivor, Ivor Allchurch, la leggenda vivente del calcio gallese; guarda questo ragazzone dalle spalle infossate, gli si avvicina e gli dice: Un giorno, Giorgio, tu sarai famoso come Bobby Charlton. Tu cerchi solo di essere gentile rispose lui. No, ne sono convinto. Tu hai la preparazione e, quello che più conta, hai la mentalità del fuoriclasse, parola di Ivor. la pacca sulla spalla a suggellare la profezia. Sorride fra sé e sé, Giorgio, le parole di Allchurch vanno a compensare quelle più odiose e meno affascinanti del presidente: Non ce la farai mai nel calcio professionistico Lui ingoia il boccone, è abituato oramai ma non gli interessa, continua a tirare bordate alla porta vuota e ogni tiro sembra indirizzato verso la vita, quella che oggi gli appare ancor più ingiusta, anche se non è la prima volta che accade. Ma stavolta il bicchiere è colmo, specie per uno come lui. Lui deve sentire calore intorno, deve sentire fiducia, quella che il padre non gli ha mai dato o non ha saputo farlo, troppo preso dallo sbarcare il lunario, troppo impegnato a inventarsi un lavoro giorno dopo giorno. E poi quel presidente non gli è mai andato a genio, troppo sprezzante verso gli italiani, troppo drastico nei suoi giudizi. President, I should want to go è entrato nella stanza del boss senza neanche bussare Mmhhh...And where would you go? con i soliti occhi inespressivi... I want to came back in Italy! sguardo fermo, pugni sulla scrivania. Ok...disappear now! Vai...go, sparisci maccaroni! in un misto di gallese e italiano stentato. Go fuck yourself, vai a farti fottere, bastardo di un gallese! e la porta tracolla mentre se la sbatte alle spalle. Questo era Giorgio, questo il suo carattere. Esce da quella stanza col sorriso sulle labbra, finalmente felice di aver detto cosa pensava di lui e soprattutto felice di tornare nel suo paese, perchè lui è certo che farà fortuna, lui è nato per il calcio e il calcio lo renderà grande. E l'italia, il Paese della miseria, dell'infanzia da fame, diventa un Bengodi per il redivivo Giorgio: stipendio da favola, una macchina sportiva e tutto questo giocando in serie C! Lui annusa l'aria, percepisce che qualcosa di più grande possa accadere e non perde occasione per mettersi in mostra... E' il 14 settembre del Una squadra di Roma, quella più antica, fa visita a Massa Carrara, la S.S. Lazio, quella di Carosi e di Marchesi, di Dolso e di Morrone, per una partita pre-campionato prima dell'esordio contro la Fiorentina. E' un'emozione grande per uno come Giorgio, addirittura una squadra della capitale, chissà se questo è il momento giusto per farsi notare e cosa c'è di meglio che farlo a suon di gol? Da Roma sono arrivati quasi tifosi, sembrano molto attaccati alla squadra e non fanno altro che incitare i giocatori, chiamandoli e osannandoli uno ad uno... Chinaglia sogna che quei cori un giorno possano essere per lui, la Lazio poi l'ha sempre attratto, con quel suo stile strano e un po' snob che la fa sembrare quasi una squadra inglese... Giorgio, se oggi non segni almeno un gol non sei degno di quel numero che porti sulle spalle e ti meriti di tornare nel Galles! e mentre lo dice guardandosi nello specchio dello spogliatoio, si rende conto che ha lo stesso sguardo di quando una sera fece altrettanto nel bagno del ristorante del padre, quando fare il cameriere era l'unica possibilità per lui. Le squadre entrano in campo, quelli della Lazio gli sembrano grandi, quasi smisurati, nelle loro belle magliette colore del cielo. Il sindaco di Massa consegna una targa ricordo a Burlando, per la precedente militanza nella Massese e il piccolo stadio si infiamma, soprattutto i 3000 supporters biancocelesti.

7 Calcio d'inizio, si parte...bastano 7 minuti alla Lazio per passare in vantaggio con Bagatti, un destro violento su cross di Morrone che si insacca alla destra del portiere. Giorgio non ci sta, sente che stavolta è proprio l'occasione giusta e sbuffa, si arrabbia, sgomita e manca di poco il goal del pareggio in un paio di occasioni. In una addirittura scavalca il portiere e tira ma l'ottimo Castelletti salva sulla linea, scatenando una serie di imprecazioni impressionanti verso tutto e tutti da parte del numero 9 della Massese, quel ragazzone lungo e grosso con un brutto e ispido carattere. Ezio Luzzi scrive nel suo articolo sul Corriere dello Sport..pessima la prova di Marchesi che non riuscirà mai a contenere il poderoso centravanti di casa, Giorgio Chinaglia... E sarà ancor più difficile contenerlo quando, dopo un bel dribbling, riuscirà a scodellare in area un bel pallone caldo caldo per la testa di Rolla. Stavolta però è la Lazio che non ci sta, nonostante l'allenatore Mannocci tenti di mascherare le carte, sapendo della presenza degli osservatori viola in tribuna: una traversa di D'Amato è solo l'annuncio del gol del 2 a 1 che verrà grazie a Morrone. La Lazio gioca in scioltezza, ma, grave errore, si era dimenticata di lui e lui non perdona: prende la palla a centrocampo, dribbla un paio di avversari oramai sicuri della vittoria, scambia in velocità con un compagno e, al momento di ricevere la palla, si inventa un gol di tacco sotto al sette da far cadere uno stadio molto più grande, chissà, magari uno come l'olimpico... Ecco, ce l'ha fatta, quel ragazzo goffo e ostinato quando si mette una cosa in testa la ottiene, forse qualcuno della Lazio ora se n'è accorto, magari domani il presidente lo convoca e gli dice: Complimenti Giorgio, da oggi sei della Lazio!... E invece no...il presidente lo chiama qualche giorno dopo, ma solo per fargli una ramanzina sul perché del suo atteggiamento. Possibile che neanche il servizio militare ti renda disciplinato??? Mi hanno detto che ti hanno punito e che hai dormito sul tavolaccio della prigione militare... E' vero, presidente...il fatto è che volevo venire prima ad allenarmi ma non mi hanno fatto uscire ed io me la sono presa col maresciallo... Te la sei presa??? Mi hanno detto che lo hai preso per il bavero e lo hai sbattuto al muro!... E se anche fosse? Io volevo venire qui al campo... gli occhi bassi a vergognarsi di quel gesto. Mi spiace Giorgio...sei un gran bel giocatore, ma hai bisogno di una società che ti dia una regolata, altrimenti non vai lontano...e la Massese è troppo piccola per la tua esuberanza. Ti abbiamo ceduto. stavolta gli occhi bassi ce li ha lui. Ma...alla Fiorentina, spero No...all'Internapoli, ci hanno offerto 100 milioni e noi abbiamo accettato... Ma...ma...mi avevate detto che andavo in serie A, mi avevate assicurato che... Giorgio, per noi quei soldi sono importanti, cerca di capire... Un'altra porta sbattuta, un'altra fuga, un'altra città, Napoli, profondo sud. Un pianto liberatorio, quel giorno, un altro padre che lo allontana, l'eterna ricerca di un dirigente che lo capisca continua, come in un viaggio iniziatico fatto per forza. Napoli, città bella e difficile, forse però adatta ad un carattere come il suo. L'Internapoli, in origine denominata Vomero e poi Cral Cirio, diventa tale solo nel 1964, quando Giovanni Proto e Carlo Del Gaudio la rilevano e la fanno diventare la seconda squadra per importanza della città, rifacendosi a quell'antica squadra che giocava negli anni '10, l'internazionale Napoli appunto. Ma è vincendo il campionato di serie D nel 66/67 che la squadra approda finalmente in C, portandosi dietro due giovani di belle speranze, un certo Pino Wilson e tale Franco Cordova... Chinaglia arriva nel 1967 e il suo biglietto da visita sarà nella finale Berretti quando, grazie a un suo gol, la squadra batte l'empoli in finale per 1 a 0. Poi, come per magia, ancora la Lazio nel suo destino, ancora un'amichevole pre-campionato per mettersi in vetrina, sperando che stavolta qualcuno si fermi a guardare e compri... E' agosto, domenica 27 per l'esattezza. Il catino del S. Paolo sembra troppo grande per quei spettatori, molti sono della Lazio, i colori sociali però son gli stessi, anche se oggi l'internapoli, per ospitalità, indossa una casacca verde. La partita è bella, ricca di colpi di scena, azioni da una parte e dall'altra ma è la squadra di casa a passare in vantaggio al 46, grazie a un gol di Porro e ad un Chinaglia in condizioni straripanti. Scriveranno di lui:...il compito più ingrato è toccato sicuramente a Pagni,per controllare il massiccio Chinaglia, appena acquistato dalla Massese, soffiandolo alla Fiorentina... L'Internapoli torna in campo nel secondo tempo con un gol all'attivo e una maglia bianca a righe blu verticali, che non porterà troppo bene alla squadra partenopea, poiché la Lazio, con un gol di Gioia dopo una sgroppata sulla fascia e cross di Ronzon, riuscirà a strappare un pareggio comunque meritato. E' solo l'inizio: la stagione 1968/69 vede un certo Luis Vinicio prendere in mano la squadra e portarla in alto, sfiorando la promozione in serie B con due magnifici terzi posti... E Giorgio a fare gol a ripetizione, con quel suo modo strano di incedere, con quella grinta da emigrante al contrario, con quel suo destro potente e preciso... Finalmente la Lazio, quella che sarà la squadra della sua vita, si accorge di lui, oltre che di un ottimo difensore centrale nato a Darlington da padre inglese e madre napoletana, Giuseppe Wilson. Flamini è l'emissario di Juan Carlos Lorenzo, attuale allenatore della Lazio ed è presente a diverse gare dell'internapoli.

8 Annota sul suo taccuino questi due nomi e li passa a Lorenzo. Presidente Lenzini, questi due sono i rinforzi che ci servono, uno in difesa e uno in attacco, per costruire una grande Lazio. dice il duro allenatore argentino e ci aveva visto giusto. Lenzini è abile e veloce a trattare con Carlo De Gaudio e bloccare sul nascere gli inserimenti di Juventus e Fiorentina, portando i due gioiellini a Roma. Ce l'ho fatta papà, grazie a Dio ce l'ho fatta! e stavolta le lacrime di Giorgio sono di felicità, di gratitudine. Correva l'anno E qui inizia un'altra storia.

9

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 4 Giugno 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Un bovolonese di serie A Matteo Gianello nazionalità: Italia nato a: Bovolone (VR) il: 7 Maggio 1976 ruolo: Portiere altezza: 189 cm peso: 85 kg Società

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2

UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2 Pulcini 2 anno girone 28 UN TRISTE 2 A 2 ASD ACQUACETOSA- OTTAVIA AZZURRA 2-2 02-04-2012 09:01 - Pulcini 2 anno Per dovere di cronaca dirò che la partita è finita con un tristissimo pareggio che, sinceramente,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo:

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: 1) Toro-Inter 2) Sampdoria Toro 3) Toro Verona 4) Cagliari Toro

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio POESIE 1B Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio Il sole può essere un amico Quando guardo il sole mentre gioco a pallone appare una luce bianca che sembra un illuminazione. Il sole mi sorride e

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare puliva le scale e alcuni clienti erano al bar. L hotel si

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 Stagione 2013-2014 campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 26-01-2014 13:46 - serie D Femminile - campionato FENICE C5 - COMPAGNIA MONTE DI MALO 0-1 19-01-2014 11:26 - serie D

Dettagli

FBC n.1 Polvere FBC. di stelle. Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 7 settembre 2015

FBC n.1 Polvere FBC. di stelle. Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 7 settembre 2015 FBC Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 7 settembre 2015 FBC n.1 Polvere di stelle FBC Avremmo maniera voluto diversa, numero di FBC. inaugurare questo in primo Sinceramene ne eravamo convinti,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

FBC FBC. alla terza. Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 15 settembre 2015

FBC FBC. alla terza. Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 15 settembre 2015 FBC Rivista Ufficiale del Casale Calcio. Anno 1, 15 settembre 2015 FBC n.2 Tre alla terza FBC Tre punti, tre marcatori (diversi), alla terza giornata; il Casale si è divertito, finalmente aggiungiamo

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Incontriamo Josè Scafarelli La mia esperienza da volontario a Upw 2009. Un' esperienza da raccontare

Incontriamo Josè Scafarelli La mia esperienza da volontario a Upw 2009. Un' esperienza da raccontare Incontriamo Josè Scafarelli La mia esperienza da volontario a Upw 2009 In questo spazio, ospitiamo di nuovo con grande piacere Josè Scafarelli, ideatore del sito Ric chezza vera e volontario del corso

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

"L ala in volo tra Cesena e Milano. di Fabbri Filippo. da La Voce del 22 febbraio 2010

L ala in volo tra Cesena e Milano. di Fabbri Filippo. da La Voce del 22 febbraio 2010 "L ala in volo tra Cesena e Milano di Fabbri Filippo da La Voce del 22 febbraio 2010 Raccontano le cronache che un pomeriggio un giocatore dalla mole piuttosto imponente come Hans Peter Briegel, al termine

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

La foto della mia squadra

La foto della mia squadra La foto della mia squadra Questo libro appartiene a: La mia squadra del cuore: Il mio calciatore preferito: Il mio allenatore preferito: Pubblicato da: Associazione Svizzera di Calcio Casella postale 3000

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Abbiamo il piacere di rivolgere alcune Il progetto, chiamato Calciastorie, ci atteggiamento nell ambiente

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli