FATTO & DIRITTO. Anno 2011, Novembre, Numero 4. La cronaca giudiziaria secondo gli esperti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTO & DIRITTO. Anno 2011, Novembre, Numero 4. La cronaca giudiziaria secondo gli esperti"

Transcript

1 FATTO & DIRITTO La cronaca giudiziaria secondo gli esperti Anno 2011, Novembre, Numero 4 La pratica rubrica in versione sfogliabile, consultabile, condivisibile, scaricabile e stampabile per avere ogni mese tutti i nostri articoli e focus gia' raccolti in ordine cronologico e di pubblicazione. Quando una pelliccia è irrimediabilmente macchiata di sangue Doping e stupefacenti, con Internet vola il consumo. Processi: Restivo e Stasi

2 Novembre In questo numero... ITALIA Sapete quanti schiavi lavorano per voi?? La schiavitù nel III Millennio Recanati: due crolli alle spalle del Duomo e una famiglia in pericolo. Dopo tre anni vogliamo responsabilità e verità Intervista esclusiva a Monica Malizia Il bicchiere mezzo vuoto... Luca Toni resta senza patente Algeria Quattro persone arrestate per il sequestro della cooperante italiana Fondi per il terremoto in Abruzzo. Mondadori querela Report Yara: svolta nell inchiesta. Trovato Dna di un familiare Picasso amaro Battuta all'asta per 2 mln una copia del Busto di Donna Danilo Restivo rischia 30 anni La prima udienza l'8 novembre a Salerno Doping e stupefacenti, con Internet vola il consumo. Inchiesta esclusiva Colombia: ucciso Alfonso Cano. Leader della guerriglia FARC Morte Michael Jackson Processo per Murray vicino alla conclusione Garlasco: appello per Alberto Stasi Imputato per l omicidio di Chiara Poggi Processo Calciopoli Condannato Moggi per associazione a delinquere Delitto dell Olgiata L ergastolo per l ex domestico Reves Russia: profana tombe Ruba cadaveri di donna e vive con 29 mummie Boom di cosmetici falsi E' allarme salute Parigi: processo per il terrorista Carlos Detto lo sciacallo Cassazione Assolto il pusher condannato per la morte di Marco Pantani Dopo due anni di esami anni arriva la diagnosi: cancro alla prostata. Ormai però è troppo tardi Cingoli: precipita elicottero. Morti tre professionisti Delitto dell' Olgiata L'ergastolo per l'ex domestico Reves Fondi per il terremoto in Abruzzo Mondadori querela Report ESTERO Algeria Quattro persone arrestate per il sequestro della cooperante italiana REGIONE Recanati: due crolli alle spale del Duomo e una famiglia in pericolo "Dopo tre anni vogliamo responsabilità e verità" Intervista esclusiva a Monica Malizia SPECIALI Sapete quanti schiavi lavorano per voi?? La Schavitù del III Millennio FOCUS FOCUS: Rock & Diritto La "nera" gelosia di Bertrand Cantat

3 Novembre In questo numero... FOCUS ROCK & DIRITTO La nera gelosia di Bertrand Cantat Cellulari e aumento dell incidenza di tumori pericolo sventato Assalto armato alla villa dell ex pilota Franco Uncini La figlia in ostaggio CALCIOPOLI La Juve ricorre al TAR Sentenza Thyssen Condannato a 16 anni l A.d. per omicidio volontario Fendimetrazina Sostanza anti-obesità vietata forse causa tre morti Amore omicida Un giorno di ordinaria follia in Italia Milano Impiantato cuore artificiale controllabile sul web L odissea di una famiglia recanatese Senza casa da 9 mesi nel silenzio delle istituzioni. Maxiprocesso alla ndrangheta lombarda 110 condanne, mille anni di carcere Omicidio Serena Mollicone Slitta il test del Dna Non è un mondo per donne Tre ragazzine ad Ancona, Lecce e Francia vittime di stupro Tangenti Enav-Finmeccanica Ora tocca ai politici Il processo per la morte di Lea Garofalo Sciolta nell acido, deve ricominciare. Roma Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne. Bufera su Giovanni Scattone Ora insegna nel liceo di Marta Russo. Quando una pelliccia è irrimediabilmente macchiata di sangue Inchiesta 2 milioni di cani randagi in Romania. Uno sterminio annunciato L allevamento della morte di Brescia deve chiudere. Appello anche sul web ITALIA Omicidio Serena Mollicone Slitta il test del Dna ESTERO Sentenza Thyssen Condannato a 16 anni l A.d. per omicidio volontario REGIONE Assalto armato alla villa dell ex pilota Franco Uncini La figlia in ostaggio SPECIALI Non è un mondo per donne Tre ragazzine ad Ancona, Lecce e Francia vittime di stupro Fendimetrazina Sostanza anti-obesità vietata forse causa tre morti Viale Della Vittoria 1, ANCONA Apertura weekend aperto anche la domenica Colazio, pranzo, aperitivo, cena, panineria e piadineria, pizzeria, gelateria

4 Avv. Tommaso Rossi Fondatore - Capo Editore Commentatore, Moderatore La Redazione Talita Frezzi Co-Fondatore - Direttore Capo Redattore, Moderatore Avv. Valentina Copparoni Commentatore Avv. Alessandra Gualazzi Commentatore Andrea Dattilo Redattore Cronaca Dott. Giorgio Rossi Commentatore Medico Federica Fiordelmondo Redattore Cronaca Eleonora Dottori Redattore Cronaca Avv. Sabrina Salmeri Collaboratrice Lorenzo Berti Web Strategist & Analist Giorgio Di Prossimo Webmaster, Webdesign, Developing Graphics & Almanacco Desing

5 Sapete quanti schiavi lavorano per voi? La schiavitù nel III Millennio NEW YORK, 1 NOVEMBRE '11 Incuriosito dalla notizia sono andato nel sito internet Slavery Footprint e ho scoperto che ho 55 schiavi che lavorano per me. Scioccante. A rivelarcelo è un applicazione web che si pone appunto l'obiettivo provocatorio di dimostrare, attraverso un breve questionario sulle nostre abitudini di vita, quanti schiavi, senza saperlo, lavorano ogni giorno per noi. L innovativo sito internet nasce dall'organizzazione no profitt Call Response, che si batte da anni per porre fine alla schiavitù, in collaborazione con l Ufficio per il monitoraggio e la lotta al traffico di persone del Dipartimento di Stato Usa diretto da Hillary Clinton. «La schiavitù purtroppo è ovunque - afferma Justin Dillon, responsabile di Slavery Footprint -, ogni oggetto della nostra quotidianità viene realizzato sfruttando in maniera disumana ed illegale manodopera a basso costo». L iniziativa promossa dall'organizzazione ha come finalità quella di mettere con le spalle al muro le multinazionali e far luce sulle loro pratiche «schiaviste», rendendo i consumatori più consapevoli su una piaga sociale che oggi affligge 27 milioni di persone, molte delle quali bambini. La schiavitù, nonostante sia stata vietata quasi in ogni paese civile e ufficialmente proibita con la Dichiarazione universale dei diritti dell uomo del 1948 e con la Convenzione di Ginevra del 1956, resta un problema di assoluta drammaticità e di cui si parla troppo poco. In Italia esiste il reato di riduzione in schiavitù, che punisce con la reclusione da 8 a 20 anni chiunque eserciti su una persona poterci corrispondenti a quelli del diritto di proprietà ovvero chiunque riduce o mantiene una persona in uno stato di soggezione continuativa costringendola a prestazioni lavorativo o alla prostituzione o all'accattonaggio mediante violenza, minaccia, inganno o approfittando di una situazione di inferiorità. Certo, sono lontane anni luce, almeno nei nostri Paesi occidentali, le forme di schiavitù che la storia ci riporta alla mente, non ci sono più persone che costruiscono per noi piramidi, ma le forme di schiavitù contemporanee sono più subdole e si nascondone nelle pieghe della normalità sociale che il mondo consumistico ci impone. La schiavitù si incontra tutti i giorni nelle strade buie delle periferie urbane, dove si incontrano sogni illusi di giovani ragazze dell'est e laidi sogni infranti di vite borghesi infelici. La schiavitù si incontra ogni giorno nei laboratori cinesi di maglieria dove decine di donne riempiono le mensole dei negozi dei nostri centri commerciali e i nostri armadi. La schiavitù si vede negli occhi dei bambini africani che cuciono palloni e scarpe per innescare il rutilante mondo del calcio-spettacolo. La schiavitù è, purtroppo, anche nelle tante vite normali di persone normali che lavorano 10 ore al giorno, vengono pagati per 6, hanno un contratto per 4, non avranno una pensione e sono pure considerati un ostacolo per la crescita economica del Paese per le troppe garanzie di cui godono. La provocazione multimediale di Slavery Footprint contro la schiavitù non si ferma qui. L obiettivo è riuscire dove le politiche governative hanno fallito: debellare definitivamente la schiavitù coinvolgendo in prima persona noi consumatori. Il prossimo passo annunciato sarà un applicazione per telefonini con la quale si potrà conoscere direttamente dalle aziende più responsabili e votate alla trasparenza se il prodotto che si vuole comprare è stato realizzato da lavoratori costretti in condizione di schiavitù. E quando passeggiamo nelle vie belle delle nostre città e incrociamo gli occhioni di quei troppi bambini costretti all'accattonaggio, proviamo per una volta a non pensare che è "cosa che non ci riguarda", che in fondo sono Rom e si son scelti quella vita. Proviamo, per una volta, a pensare che forse siamo noi, con i nostri 55 schiavi, a costringerli a quella vita che non appartiene a nessun essere umano. AVV.TOMMASO ROSSI

6 Recanati: due crolli alle spalle del Duomo e una famiglia in pericolo. Dopo tre anni vogliamo responsabilità e verità Intervista esclusiva a Monica Malizia RECANATI 27 ottobre 2011 Il 12 dicembre del 2008 è cambiata la vita ad una famiglia di cinque persone residenti a Recanati, in via della Residenza, proprio alle spalle del bellissimo duomo di San Flaviano riaperto da qualche mese dopo ben 13 anni di chiusura. Andiamo proprio a quel fatidico giorno. Dicembre 2008: il primo crollo. Nella città di Leopardi e Gigli è tutto addobbato a festa poiché il Natale è alle porte e si percepisce chiaramente la piacevole atmosfera di questo periodo dell anno. Una giornata tranquilla ma caratterizzata da una pioggia incessante che fin dal mattino insiste sul territorio. In via della Residenza, una strada senza sbocco, sono tante le auto posteggiate visto il parcheggio gratuito e la strategica vicinanza al centro storico. All interno di una di queste macchina c è Tania Pietanesi, una ragazza all epoca poco più che ventenne che si accinge a fare manovra per accompagnare a casa il fidanzato Mattia. Tania vive con la famiglia proprio in questa via, in una casa che già i suoi nonni avevano comprato con mille sacrifici. Sono circa le 19 e la pioggia non accenna a diminuire. La ragazza sfila di retromarcia la sua macchina dal resto della fila e in quell istante un fiume di detriti sommerge tutto. È allarme nella zona. I due ragazzi sono sepolti sotto le macerie di un muro che si è sgretolato come un biscotto e anche la circonvallazione è in pericolo visto che via della Residenza si affaccia proprio su questa importante arteria che abbraccia il centro della città. Risultato del crollo: qualche contusione per Mattia e una spalla rotta per Tania, cinque auto danneggiate e una famiglia evacuata, quella di Simone Pietanesi e Monica Malizia, genitori di Tania e di altri due ragazzi, che abitano proprio a margine del muro ceduto. In molti intanto sono accorsi sul posto, tra questi anche l allora sindaco della città Fabio Corvatta. A colpire maggiormente chi quella sera era lì, è stato senz altro lo sguardo disperato di Simone che col cuore in gola spera che alla sua bambina non sia successo nulla di grave e quello perso nel vuoto della signora Malizia, avvolta in un maglione per proteggersi dal freddo. Lei sapeva che qualcosa sarebbe successo, quel muro aveva già dato segni di instabilità, si era rigonfiato per via delle infiltrazioni dell acqua e stava danneggiando anche la sua casa, tanto che prima nel 2006 e poi nel 2007 con una raccomandata aveva segnalato questi timori alla Curia Vescovile: E venuto l ing. Ruffini, spiega la signora Malizia, aveva predisposto dei lavori da svolgere in accordo con un altro esperto, l ing. Bravi, contattato da noi. Sono necessari degli interventi, avevano concluso gli esperti, perché il muro spinge sull abitazione provocando l instabilità di tutta l area, occorre quindi sistemare dei pali trivellati in cemento armato perché il muro non ha fondamenta. Questi lavori non sono mai stati fatti, ma un altro intervento viene portato a termine. Vengono tolti 6 metri di asfalto dal muro verso il piazzale, messo del ghiaione, quindi materiale drenante, e sono state sistemate delle caditoie per raccogliere l acqua a poca distanza dal muro. Il terrapieno che ha spinto giù il muro in passato era un orto, ma poi la destinazione dell area è stata cambiata e vi sono stati realizzati dei posti auto. L utilità che aveva la terra coltivata era fondamentale perché l acqua veniva assorbita cosa che non avviene con il cemento. È per questo motivo che il terreno ha divelto il muro, perché l acqua non poteva sfogare da nessuna parte se non verso l esterno, in direzione della strada. Dal 2008 ad oggi questa via è accessibile solo ai residenti e nessun altro può più parcheggiare qui l auto. Maggio 2011: un nuovo crollo. Lasciamo da parte, per ora, i rapporti intercorsi tra comune, Curia e la famiglia recanatese a seguito del crollo e procediamo con i fatti. A dicembre 2010 per mezzo di un comunicato stampa, il comune (nel frattempo si sono svolte le elezioni amministrative e il sindaco è Francesco Fiordomo, ndr) informava che a breve sarebbe partito un progetto di sistemazione dell area con la costruzione di box auto e parcheggi. E sempre per mezzo dello stesso comunicato la Curia faceva sapere che era intervenuta per mettere in sicurezza le parti non crollate del muro, e che al momento le stesse erano solide come stabilito da due ingegneri incaricati dalla sede vescovile. A maggio 2011 però un nuovo crollo nella zona: questa volta si tratta di una struttura disabitata che si trova dalla parte opposta del muro rispetto alla casa dei Pietanesi. Una bella giornata di sole evidenzia un gran buco sul tetto dello stabile. Nuovi problemi quindi per i residenti di via della Residenza che devono fare il giro della circonvallazione per andare a casa poiché la strada viene

7 chiusa. Al nuovo crollo si pone rimedio subito con diversi operai a lavoro che sistemano una copertura sopra il tetto e transennano l area. E tutto sicuro, dicevano gli uomini a lavoro, ma a passarci accanto vengono i brividi visto che a terra continuano a cadere mattoni. I danni all interno della casa dei Pietanesi. Da anni ormai la casa dei Pietanesi non è più la stessa. Si è detto infatti che qui sono vissuti i genitori di Simone Pietanesi che mai avevano registrato una situazione simile. Adesso invece a causa della spinta che subisce continuamente la casa alcune finestre non si aprono più, le crepe sono ovunque, il parquet si è rigonfiato e non capita di rado che la notte qualcuno della famiglia debba alzarsi a chiudere la porta d ingresso che si è aperta da sola. Nel giardino dell abitazione sono stati posti dei grandi pali di legno che dovrebbero sostenere il terrapieno, ma questi piloni si stanno girando su se stessi, tanto è forte la spinta sovrastante. La spiegazione di questi movimenti è all esterno della casa: sopra le crepe del torrione sono stati posizionati dei vetrini graduati, o fessurimetri, che in soli 15 giorni hanno evidenziato un ampliamento delle crepe di 3 millimetri e di 5 in un mese, visto che con la pioggia i problemi aumentano. L ing. Brodoloni del comune all epoca del crollo, spiega ancora la Malizia, ci aveva detto che potevamo rientrare in casa ma che i lavori erano necessari perché non potevano essere esclusi altri crolli. Per la serie se proprio non volete lasciare la casa dormite con un occhio aperto. Ma i Pietanesi un altra casa non ce l hanno e neppure le possibilità economiche per pagare un affitto. Allarme e immobilismo. Una situazione tragica e tragicamente congelata. Chi è il proprietario del terrapieno che ha fatto crollare il muro e che spinge ancora oggi sulla casa dei Pietanesi? E perché chi di dovere non fa questi benedetti lavori? Domande da un milione di dollari: Il muro è di proprietà della Curia, spiega la signora Monica, lo spiegano i documenti conservati alla Curia Vescovile di Fermo. Ma la Curia non vuole riconoscere questa paternità. Se però non fosse proprietaria non potrebbe neppure realizzare box auto e parcheggi (progetto descritto nel comunicato del 2010 di cui si è accennato sopra, ndr). E che c entra il comune in tutto questo? Secondo Monica c entra perché a questo punto in via della Residenza c è un problema di pubblica incolumità, infatti i rischi di ulteriori crolli sono evidentissimi. Per questo sta cercando un appuntamento con il primo cittadino da settimane. Tentativo per ora vano. Eppure il comune dovrebbe essere solidale con la famiglia visto che anche l ente ha subito dei danni dal crollo. Intanto ci sono meno parcheggi pubblici e poi le macerie del muro e gli altri cedimenti hanno ostruito una strada pubblica costringendo non solo i Pietanesi ma anche gli altri residenti della via (tra cui anziani e disabili, ndr) a raggiungere le loro case passando per la circonvallazione e da qui su per una scalinata. Tra l altro un telex dei Vigili del Fuoco datato 13 dicembre 2008, il giorno dopo del crollo, evidenzia il carattere di urgenza con cui il comune dovrebbe mettere in sicurezza e ripristinare il muro. Quello che è stato fatto fino ad oggi lo si vede dalle immagini. La versione di Monica Malizia. Non ho mai avuto nessun colloquio con la Curia se non qualche appuntamento con il loro avvocato, spiega Monica stanca dello scaricabarile tra i due per la proprietà del muro. Infatti a chiunque appartenga una cosa è certa, la famiglia Pietanesi vive in una situazione critica e chiede che la sua casa venga messa in sicurezza. Abbiamo accettato tre proposte che la Curia ci ha fatto per quanto riguarda i danni fisici per Tania e Mattia e per l auto in cui sono rimasti intrappolati. Uno firmato a febbraio 2009, l altro firmato a dicembre 2009 e l altro che ci è stato sottoposto questa estate, ma a tutt oggi non abbiamo ancora visto una lira. Noi abbiamo dimostrato la nostra disponibilità e non abbiamo fatto ancora partire nessuna causa ma a questo punto non possiamo più accettare che ci si nasconda dietro un dito. Siamo stanchi delle menzogne e dell ipocrisia. Ma quanto costa garantire una vita serena a queste cinque persone? Monica racconta che il perito del tribunale non si è sbilanciato ma secondo una prima perizia dei lavori più evidenti, senza fare interventi invasivi ma garantendo la sicurezza della casa, parla di 200 mila euro. Anche la trasmissione televisiva di Canale 5, Striscia la Notizia, con l inviato Moreno Morello, si è interessata della vicenda e noi di Fatto & Diritto avevamo già dedicato alla vicenda il giusto spazio e il consueto approfondimento ai profili giuridici ( notizia-a-recanati-per-un-crollo-del- 2008/). ELEONORA DOTTORI

8 Il bicchiere mezzo vuoto... Luca Toni resta senza patente MODENA, 2 NOVEMBRE -Questa volta è toccato a Luca Toni, trentaquattrenne juventino e campione del mondo nel 2006, pagare la rigidità della normativa in tema di guida in stato di ebbrezza. Sabato sera è stato fermato da una pattuglia della Polizia Municipale di Modena che lo ha sottoposto alla prova dell etilometro: il test è andato male, e Toni si è visto ritirare la patente, sospesa per tre mesi e dovrà pagare una multa. Il giocatore stava rientrando nella sua casa di Serramazzoni dopo aver trascorso la serata con alcuni amici e con la sua fidanzata, versione poi confermata dalla nota ufficiale resa dal club bianconero che ha anche specificato che il risultato del test è risultato di poco superiore alla soglia consentita ( 0,5 g/l ). Il centravanti, che nel 2006 è stato anche Scarpa d oro quale miglior cannoniere d Europa, sta vivendo un momento poco fortunato e oramai da diversi mesi non scende in campo con i compagni della Juventus, che probabilmente sabato sera stavano festeggiando il successo a S.Siro con l Inter, mentre il bomber inciampava nell alcoltest. A.D. D: Quando, come nel caso di Toni, il tasso è di poco superiore al limite previsto, quale è la sanzione e per quanto tempo è sospesa la patente? R: Quando il tasso alcolemico accertato sia superiore a 0,5 g/l ma non superiore a 0,8 g/l è prevista una sanzione amministrativa ossia il pagamento di una somma da 500 a 2000 euro e la sospensione della patente di guida per un periodo da 3 a 6 mesi. D: Quando è reato la guida in stato di ebbrezza? R: Il reato di guida sotto l influenza dell alcol che è previsto e sanzionato dall art. 186 del Codice della Strada che stabilisce il divieto di guidare in stato di ebrezza e punisce la condotta in modo graduato a seconda del tasso alcolemico accertato. Nei caso meno gravi, con tasso alcolemico comrpeso tra 0,5 e 0,8 g/l è un illecito amministrativo e non un reato. Sopra lo 0,8 è reato. L ipotesi di reato più grave, che prevede la pena dell ammenda da a euro e l arresto da 6 mesi ad 1 anno, sussiste quando viene accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro. E prevista altresì la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 1 a 2 anni. E altresì disposta la confisca del veicolo salvo che appartenga a persona estranea al reato. D: E possibile rifiutare di sottoporsi all alcol test e, nel caso, cosa implica tale rifiuto? R: Sì è possibile rifiutarsi di sottoporsi all accertamento però ciò costituisce reato che è pertanto punito con l ammenda da a euro e l arresto da 6 mesi ad 1 anno. Ma non solo. Infatti la condanna per il rifiuto di sottoporsi all accertamento comporta anche la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per un periodo da 6 mesi a 3 anni e la confisca del veicolo (tranne quando appartiene a persona estranea alla violazione). D: Cosa comporta la confisca del mezzo e quando può essere disposta? R: In materia di guida sotto l influenza dell alcol, la confisca del veicolo viene disposta in sentenza dal Giudice, anche in caso di patteggiamento, quando il tasso alcolemico accertato del guidatore sia superiore 1,5 grammi per litro oppure quando c è stato il rifiuto di sottoporsi agli accertamenti alcolemici; tale provvedimento comporta il trasferimento di proprietà del mezzo all amministrazione statale potrà poi procedere alla vendita. che AVV.TOMMASO ROSSI

9 Algeria Quattro persone arrestate per il sequestro della cooperante italiana ROMA, 2 NOVEMBRE - E' il quotidiano algerino el Khabar a registrare le parole di una fonte bene informata e ad aprire finalmente uno spiraglio sulla vicenda dei tre cooperanti rapiti in Algeria domenica scorsa, tra cui vi è anche un'italiana. Stando a quanto riportato dal quotidiano, infatti, i servizi di sicurezza algerini avrebbero arrestato a Tamanrasset e Bechar quattro persone sospettate di avere legami con il gruppo di Al Qaida per il Maghreb islamico che ha rapito i tre operatori umanitari europei. Secondo el Khabar, un mediatore avrebbe riferito che la cooperante italiana Rossella Urru, rapita lo scorso 23 ottobre assieme ad altri due operatori umanitari, è viva ed è in mano ad Al Qaida. I tre cooperanti, di cui si sono perse le tracce domenica, sono stati rapiti nel campo profughi Saharawi Rabuni, nel sud ovest dell'algeria, dove lavoravano. Rossella Urru, 29enne di origine sarda, si è laureata a Ravenna e nella cittadina romagnola ha cominciato la sua attività di collaborazione col progetto sahawari. Oggi è rappresentante del Comitato Italiano Sviluppo dei Popoli (CISP) e da due anni collabora nel campo profughi algerino. Gli altri due cooperanti, di nazionalità spagnola - Ainhoa Fernandez de Rincon e Enric Gonyalons - rappresentano, invece, rispettivamente l'associazione amici del popolo saharawi e l'organizzazione spagnola Mundobat. Il mediatore impegnato a negoziare la liberazione di Rossella e dei suoi due compagni ha raccontato, inoltre, particolari che la dicono lunga sull'ambiente in cui i tre cooperanti si trovavano ad operare "I combattenti dell'aqmi (Al Qaida per il Maghreb, ndr) entrati nei campi del Polisario... non erano armati - spiega il mediatore - avevano dei complici nel campo, membri e simpatizzanti di Aqmi, che hanno fornito le armi e indicato gli ostaggi da sequestrare. Sappiamo che due uomini armati e con l'uniforme del Polisario hanno lasciato partire i veicoli che trasportavano gli ostaggi». Una storia intrisa di collusioni e acquiescenza, dunque. Come ricorda il quotidiano el Khabar, gli arresti eseguiti dall'esercito algerino sono stati 8, nell'ambito di una vasta operazione finalizzata a colpire la rete di Al Qaida nel Maghreb, nei distretti dell'algeria meridionale. Gli sforzi messi in campo per intercettare il gruppo terrorista che ha in mano i tre cooperanti, però, al momento non ha ancora portato alla loro liberazione. Da mesi le forze armate algerine sono impegnate in operazioni di questo tenore e si servono, nella lotta all'aqmi, anche di unità eree (elicotteri e caccia). FEDERICA FIORDELMONDO D: In che cosa consiste in Italia il reato di sequestro di persona? Con che pena viene punito? R: Il reato di sequestro di persona consiste nel privare qualcuno della libertà personale ossia della libertà di movimento e locomozione in modo da impedire anche solo parzialmente, azioni e movimenti che fanno parte della vita di relazione. La pena prevista è la reclusione da 6 mesi fino ad 8 anni ma è aumentata (da 1 a 10 anni) qualora il fatto venga commesso in danno di un ascendente, discendente o coniuge o da parte di un pubblico ufficiale con abuso dei propri poteri. Qualora invece il sequestro venga compiuto per conseguire, per sé o altri, un profitto ingiusto come prezzo della liberazione, si parla di sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione per il quale la reclusione è da 25 a 30 anni; se dal sequestro deriva la morte della persona sequestrata la pena è aumentata a 30 anni di reclusione mentre se la morte è cagionata volontariamente si applica la pena dell ergastolo. D: Gli ospiti del campo profughi sembrano aver facilitato il rapimento dei tre cooperanti; ipotizzando di muoverci all'interno dell'ordinamento giuridico italiano, di quali reati potrebbero essere accusati? R: Nel nostro ordinamento si dovrebbe accertare in concreto quali siano state le condotte tenute dagli ospiti del campo profughi in quanto potrebbe ravvisarsi il reato di favoreggiamento personale che punisce con la reclusione fino a 4 anni chi dopo la commissione di un reato aiuta il colpevole ad eludere le indagini o a sottrarsi alle ricerche. Qualora, invece, emerga una condotta di vera e propria collaborazione materiale o morale con i rapitori nella commissione dell azione criminosa, allora risponderebbero di concorso nel reato di sequestro di persona o sequestro di persona a scopo di rapina o estorsione. AVV. VALENTINA COPPARONI

10 Fondi per il terremoto in Abruzzo. Mondadori querela Report MILANO, 2 NOVEMBRE 11 - La trasmissione d inchiesta giornalistica Report di Rai3 a rischio querele da Mondadori, per aver svelato gli interessi poco trasparenti di una società partecipata per il 70% dalla Mondadori (presidente Marina Berlusconi e quindi riconducibile al Premier) sui giochi online i cui proventi sarebbero stati destinati alla ricostruzione in Abruzzo. La trasmissione, in onda domenica scorsa, ha messo in luce meccanismi sospetti sull assegnazione da parte dello Stato. L inchiesta è partita dal decreto legge sull Abruzzo che assegna alla ricostruzione postterremoto i fondi dei giochi online. Inutile dire che la finalità benefica ha aumentato il ritorno d immagine e segnando un ulteriore sviluppo dei giochi. Report, in un servizio firmato dal giornalista Sigfrido Ranucci, in onda domenica 30 ottobre, ha però svelato che solo una parte dei fondi destinati allo Stato va ai terremotati e al commissariato per la ricostruzione: su una media di 500 milioni annui di entrate dai giochi, ne uscirebbero solo la metà. Il mercato redditizio ha attirato l attenzione di una società riconducibile al premier: la Glaming, per il 30% del Gruppo Bassetti e per il 70 di Mondadori. Nel servizio, Report parla anche di una fiduciaria dai titolari ignoti (contravvenendo chiaramente alla normativa antimafia secondo cui i nomi dei fiduciari andrebbero invece dichiarati) che avrebbe emesso la concessione a giugno, mentre le nuove norme sarebbero datate luglio. L inchiesta del giornalista di Report porta poi alla luce i benefici contabili trasferiti direttamente dalla Glaming alla Mondadori in difficoltà finanziaria, affermazioni queste ultime che avrebbero scatenato le ire della società della famiglia Berlusconi, la quale ha risposto annunciando querele. Per tutelare i propri interessi illecitamente lesi, così come quelli di tutti gli azionisti fa sapere il Gruppo Mondadori attraverso i suoi legali, specificando inoltre che la situazione di indebitamento non è così grave come descritto nel servizio di Rai3, ma significativamente migliorata negli ultimi anni come si può facilmente evincere dalla lettura dei bilanci del Gruppo. Immediata quanto decisa la risposta di Milena Gabanelli. La questione più importante è un'altra: è opportuno che in un paese con la più alta evasione, il presidente del Consiglio implementi il gioco d'azzardo, con il quale tanta gente si rovina? E che abbia anche un interesse diretto? Questa è la domanda alla quale occorre rispondere, ha dichiarato la conduttrice di Report in una nota e in un video su Corriere.it nel quale solleva inoltre un altro dubbio sulla trasparenza dell'intera operazione. Mondadori è entrata a giugno e si occupa della raccolta dei giochi on line - dichiara la Gabanelli nella nota - ma mentre le norme introdotte dalla legge di stabilità in merito alla trasparenza e ai requisiti di onorabilità dei concessionari che si occupano della raccolta dei giochi fisici sono entrate in vigore a giugno stesso, quelle per le società che si occupano di giochi online sono entrate in vigore solo da luglio, cioè dopo l'entrata di Mondadori. A firmare la legge, datata 14 luglio osserva ancora Milena Gabanelli - è lo stesso presidente del Consiglio insieme con il ministro Tremonti. E questo lo dice lo stesso dirigente dei monopoli intervistato da Report. Se le norme sulla trasparenza e sui requisiti di onorabilità fossero state applicate anche in questo caso, forse la concessione non avrebbe potuto essere assegnata, perché c'è di mezzo una fiduciaria, i cui proprietari sono sconosciuti e perchè il Premier è di fatto proprietario al 53% di Mondadori e ha in corso un processo per frode fiscale. TALITA FREZZI D: Per cosa potrebbe essere querelata la trasmissione Report? R: Per il reato di diffamazione, che punisce con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a 1032, chiunque offende l onore o il decoro di altri comunicando con più persone.la pena è aggravata (reclusione fino a due anni o multa fino a 2065) se l offesa consiste nell attribuzione di un fatto specifico e determinato. La pena è ulteriormente aggravata se la diffamazione è compiuta a mezzo stampa, come in questo caso. Per quanto riguarda la diffamazione a mezzo stampa, esclude il reato il diritto di cronaca purchè sussistano contemporaneamente tre

La Redazione. Avv. Tommaso Rossi Fondatore - Capo Editore Commentatore, Moderatore. Talita Frezzi Co-Fondatore - Direttore Capo Redattore, Moderatore

La Redazione. Avv. Tommaso Rossi Fondatore - Capo Editore Commentatore, Moderatore. Talita Frezzi Co-Fondatore - Direttore Capo Redattore, Moderatore #$% & '!"!" Avv. Tommaso Rossi Fondatore - Capo Editore Commentatore, Moderatore La Redazione Talita Frezzi Co-Fondatore - Direttore Capo Redattore, Moderatore Avv. Valentina Copparoni Commentatore Avv.

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA... 1 1. I DELITTI DI CRIMINALITA

Dettagli

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

KIT per Superiori 1 Copyright www.paginescuola.it

KIT per Superiori 1 Copyright www.paginescuola.it Il videofonino è un mezzo potente e alla portata di tutti. Però la facilità d uso a volte spinge a farsi prendere la mano. PRECISE LEGGI PENALI E CIVILI DISCIPLINANO SEVERAMENTE L USO DELLE IMMAGINI DI

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537 (Pres. E. Lupo; Est. A. Fiale) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a danno dello Stato - Indebita

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Omissione di referto

Omissione di referto Omissione di referto Art. 365 c.p. Chiunque, avendo nell esercizio di una professione sanitaria prestata la propria assistenza o opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

Dettagli

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse (Legge sui profili del DNA) del 20 giugno 2003 (Stato 1 gennaio 2015)

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 1 MARIA ANTONIA MULTARI Nasce l 11.08.1974 ad Oppido Mamertina (RC) e vive a Dolceacqua (IM). La sua famiglia, composta dalla madre e dal padre, risiede a Ventimiglia. 2

Dettagli

La mediazione nel processo penale minorile

La mediazione nel processo penale minorile Provincia di Bergamo Settore Politiche Sociali e Salute MEDIAZIONE N. 42 invio: dalla Procura nel 2009 8 indagati 1 indagata di età compresa tra i 14 e i 16 anni fatti accaduti nel 2009 Capi di imputazione:

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Attività di controllo Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2010, la Polizia Stradale delle Marche ha effettuato 21.554 pattuglie di vigilanza stradale

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli L ANZIANO MALTRATTATO NEL CONTESTO FAMILIARE. OBBLIGHI E DOVERI DELL ASSISTENTE SOCIALE di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli Studi didip

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI LE FONTI DIRETTE: CIO CHE IL CRONISTA VEDE (O APPRENDE DIRETTAMENTE: testimonianze, documenti...) INDIRETTE: CIO CHE IL GIORNALISTA APPRENDE (PER

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 di Sabrina Giannini MILENA GABANELLI IN STUDIO Un mese e mezzo fa ci eravamo occupati della concorrenza sleale che sta mettendo in ginocchio molte imprese

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2455 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LUSSANA Nuove disposizioni per la tutela del diritto all oblio su internet in favore delle

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese

FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese MARCHI E DISEGNI COMUNITARI -Terza Edizione - NAPOLI - 22 OTTOBRE 2013 L enforcement del marchio comunitario FALSO D AUTORE Maurizio Borghese, Avvocato, Studio Legale Borghese 1 AUTORE FALSO (L.D.A. e

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso

Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso Si è tenuto nella mattinata di lunedì il convegno organizzato dall Associazione Nonne Nonni Penalizzati dalle Separazioni presso la Corte d

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA UFFICIOSTAMPAECOMUNICAZIONE DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA Nuove norme per contrastare l immigrazione clandestina: espulsioni più facili e confisca degli appartamenti

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R.

CORTE D APPELLO DI APPELLO. per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. CORTE D APPELLO DI per il tramite della Cancelleria del Tribunale di - N. 940/09 R.G. dib N.4728/09 N.R. APPELLO Quale difensore di fiducia di, nato il 29.04.1979 in, nato il 13.02.1987 in, e, nata il

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

ROVIDA CIDDA - GRONDONA

ROVIDA CIDDA - GRONDONA Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Dott. Silvia DI BRACCIO -------------------

Dettagli

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA Atto di appello penale PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona (AQ) in Viale Stazione Centrale n. 52, domiciliata in Sulmona in Via Aragona

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA IO NON SO CHI SEI, NON SO A CHE RAZZA APPARTIENI, NON SO CHI E IL TUO DIO. MA

Dettagli