il Periodico Ruino: minoranza contro il sindaco Ma Lodigiani replica a spada tratta Oltrepo Ecco i nuovi sindaci eletti a maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Periodico Ruino: minoranza contro il sindaco Ma Lodigiani replica a spada tratta Oltrepo Ecco i nuovi sindaci eletti a maggio"

Transcript

1 Anno 7 - N 68 Giugno COPIE il Periodico news 1 Oltrepo Ecco i nuovi sindaci eletti a maggio Ruino: minoranza contro il sindaco Ma Lodigiani replica a spada tratta Zavattarello: gli ex vice sindaci attaccano il primo cittadino E un botta e risposta tra Antonio Magri, capogruppo di minoranza in seno al consiglio comunale di Ruino e il sindaco Sergio Lodigiani. Magri chiede a gran voce le dimissioni del primo cittadino dopo che gli è stato notificato un decreto penale in merito alla rimozione di cinquanta metri cubi di rocce e sassi, tolti da un terreno di proprietà del sindaco Sergio Lodigiani e accatastati nei pressi del campo sportivo comunale. Lodigiani non solo non ci sta, ma replica a spada tratta all opposizione affermando: Ci sono persone che fanno minoranza entrando nel merito delle scelte dell amministrazione e proponendo soluzioni alternative. Si occupano di analizzare i bilanci, gli impegni di spese e le opere in progettazione e si battono in tal senso. Noi abbiamo una minoranza che tace all approvazione del bilancio, al massimo vota contro o si astiene per partito preso senza occuparsi minimamente del contenuto, e poi fuori dalle aule consiliari urla allo scandalo e chiede le dimissioni. Servizi a pagina 30 e 31 Terme di Salice Il sindaco difende il proprio operato EDITORE Servizi a pag. 25 Servizi a pag. 9, 10 e 11 DIRETTORE RESPONSABILE Alessandro Disperati Responsabile P.R. Ornella Repetti Direzione, redazione, amministrazione, grafica, marketing, pubblicità Viale delle Terme N Godiasco Salice Terme tel.0383/ fax.0383/ Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione, di testi e foto. Stampa: San Biagio Stampa S.p.A. - Genova Registrazione presso il Tribunale di Voghera N. 178 del 31/03/2011 Distribuzione Gratuita

2 il Periodico 2

3 il Periodico 3 Terme di Salice - Delitto Imperfetto! Commento di Antonio La Trippa Abbiamo assistito al DELITTO...IMPERFETTO. Le Terme di Salice sono o saranno nel brevissimo futuro totalmente vendute. In cambio delle azioni ancora in suo possesso, il 47%, il Comune di Godiasco ha ricevuto l assicurazione che: Il Parco rimarrà di uso pubblico: Uso pubblico per quanti anni? E la proprietà a chi rimane? Esiste una clausola per cui il comune, per pubblica utilità e/o se vuole entro tot anni può acquistare il parco ad un prezzo prefissato? E se il proprietario delle Terme diventa un altro o l attuale cambia opinione e si rivolge ad un tribunale dicendo che il contratto è particolarmente vessatorio ed il tribunale gli da ragione, il parco rimane ad uso pubblico o ritorna alle Terme? La manutenzione del parco sara a carico delle Terme : Fatta come? Con quali criteri? Con quali standard qualitativi? Perché anche oggi viene fatta la manutenzione del parco con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti! L usufrutto per 60 anni della Piscina Il Lido di Salice : Le spese di manutenzione straordinaria, che per la piscina sono molto alte e spesso superiori all affitto percepito, sono a carico del comune o delle terme? Le spese di adeguamento impianti in base alle sempre nuove normative che da anni e sempre di più in futuro saranno altissimissime e spesso superiori all affitto che si prende, sono a carico del comune o delle terme? Scaduto il contratto con l attuale gestore speriamo duri a lungo vista la ultra decennale serietà imprenditoriale dimostrata dallo stesso - la scelta del nuovo gestore, la stipula del contratto e relative condizioni contrattuali, prezzo etc etc, saranno decise dal comune o dalle terme? L usufrutto per 60 anni del dancing La Buca Il dancing vale per il nome che si è fatto, quindi il nome La Buca è in usufrutto anche lui al comune oppure no in sostanza se cambierà in futuro il gestore il nome dancing rimarrà La Buca o no? Le spese di manutenzione straordinaria, sono a carico del comune o delle terme? Le spese di adeguamento impianti in base alle sempre nuove normative che da anni e sempre di più in futuro ci saranno, sono a carico del comune o delle terme? Scaduto il contratto con l attuale gestore anche in questo caso speriamo duri a lungo vista la ultra decennale serietà imprenditoriale dimostrata dallo stesso, che del resto ha inventato questo locale che non esisteva - la scelta del nuovo gestore, la stipula del contratto e relative condizioni contrattuali, prezzo etc etc, saranno decise dal comune o dalle terme? Al momento le due strutture sopracitate sono affittate per un importo totale di euro all anno. Esprimere giudizi definitivi senza aver avuto modo di visionare il contratto (e le varie clausole) stipulato tra il comune ed il nuovo acquirente è prematuro ed ingiusto, ma a prima vista la sensazione, e ripeto la sensazione, non il giudizio, è che ancora una volta (la prima è stata la vendita del 53%) il comune l abbia presa in quel posto, ma mentre per la prima vendita del 53% al Gruppo Camuzzi, Fabiani, Oltrepo Resorts e compagnia cantando, il giudizio espresso è chiaro e dimostrato dai fatti avvenuti, il Comune è stato incapace di condurre l affare e quindi l ha preso in quel posto, questa volta per correttezza si deve parlare solo di prima impressione e solo nei prossimi mesi quando si potrà visionare e valutare il contratto di cessione, si potrà allora formulare un giudizio e poi chi vivrà vedrà ma secondo me la storia si... sta ripetendo. La memoria è corta si sa. molti non si ricordano, ma fino a circa 8 o 9 anni orsono, anni 2000 tanto per intenderci, le terme erano il motore di Salice Terme: avevano raggiunto oltre clienti annui, organizzavano circa 30 convegni all anno e circa manifestazioni all anno, di queste almeno 10 o 12 a carattere nazionale ed internazionale. Poi venne la Juventus, l operazione venne criticata, in tanti, a mio giudizio in troppi, iniziarono ad elargire consigli ed a sparare sentenze e la stragrande maggioranza di chi dava consigli e giudizi, non sapeva di cosa stava parlando, non sapeva ad esempio che l operazione Juventus alle Terme di Salice doveva costare zero, questo alla luce dei primi contratti stipulati con Juventus, Enti, Comuntà etc etc, anzi la Juventus doveva venire a Salice con un contratto stipulato in parte con il comune di Godiasco, in parte con la Comunità Montana, etc etc e le terme dovevano solo fornire terapie termali. Chiaramente tutto questo, non essendo mai stato verificato o per incompetenza o per dabbenaggine o perché faceva comodo così, è verificato e verificabile. Poi le promesse non furono mantenute e molti contratti non furono rispettati. Abbiamo visto come è andata a finire: Salice Terme che era su tutti giornali e molte volte su tutte le televisioni, con indubbio beneficio pubblicitario per le terme e la località stessa, ruppe il contratto che aveva con la Juventus, non rinnovò i contratti con la Federazione Italiana Ciclismo, con l Inter, con il Torino, con la squadra di ciclismo di Giuseppe Saronni, la Lampre, etc etc etc, non collaborò più (e come potevano i nuovi manager non sapendo di cosa stavano parlando) con le varie società e organizzazioni sportive che in simbiosi con le terme, organizzavano mostre, convegni, gare ciclistiche, tornei di calcio a livello internazionale, rally storici e moderni etc etc. Per chiarezza tutti questi contratti non prevedevano da parte delle Terme esborsi economici, ma solo servizi, principalmente terapie termali, in sostanza queste società, associazioni, squadre ed i loro atleti venivano o organizzavano eventi a Salice Terme e le terme gli erogavano essenzialmente delle terapie termali in sostanza dell acqua, termale si.. ma sempre acqua!!! In pochi casi, pochissimi direi, era previsto il soggiorno alberghiero. Anche il primo contratto con la Juventus era formulato in questo modo, poi chi aveva fatto promesse, anche scritte neh vero o stipulato accordi, non fu in grado di mantenerli e allora cosa si pensò di fare? Di prendere due piccioni con una fava! Ideona liberiamoci di chi non vuole regalare le terme, diciamo che la colpa è loro e incominciamo a dire che le Terme stanno fallendo, poi vendiamo la maggioranza, in questo modo ci liberiamo della Juventus e di tutti gli altri accordi, ci liberiamo delle promesse che non siamo riusciti a mantenere e facciamo comperare le Terme da privati che saranno in sintonia con noi. Per fare questo mandiamo a casa chi dirigeva le terme e mettiamo nuovi managers parola grossa visti i risultati!!! In pochi mesi le perdite che l anno prima erano state di circa euro passarono a oltre No comment! Molti ci credettero, troppi ci crededettero, ci hanno creduto i biondi, i mori ed i castani, quelle alti e quelli bassi, chi era in maggioranza e chi era in minoranza. Tutti a giudicare il passivo presentato dai nuovi managers e nessuno a chiedersi... ma sarà mai possibile tutto ciò? In buona sostanza pochi, pochissimi avevano capito lo scopo, le intenzioni e quello che stava succedendo, tutti parlavano del passivo, molti, troppi a gridare Somensini e la sua banda in galera, gridavano questo anche molti amici di Somensini, amici di vecchia data che permisero questa operazione dando il loro parere favorevole, tra questi anche molte persone che sapevano ma non avevano capito quello che stava succedendo, perché gli era stata spiegata con dovizia di particolari, ma non capivano o non volevano capire oppure non capivano perché proprio non ci arrivavano Ancora oggi a distanza di anni, molti, per fortuna sempre meno, non hanno ancora capito e peggio ancora continuano a difendere le loro posizioni di allora, dopo aver visto come è andata a finire, dopo aver visto dove l affare è stato preso E allora un dubbio sorge spontaneo.ma questi ci sono o TERZA PAGINA ci fanno? Ora a distanza di solo 7-8 anni la storia si è ripetuta, i managers che si sono succeduti alle terme (ma quanti ne sono passati più degli allenatori del Palermo di Zamparini) ed i vecchi proprietari, dopo aver fatto con regolare scadenza annunci del tipo ora si cambia tutto, ora vi facciamo vedere come si fa costruiremo un lago nel parco dico io perchè non il mare, tanto una balla vale l altra quindi stiamo pure larghi, tanto non costa niente tra tre mesi inizieranno i lavori al Grand hotel etc etc etc. Balle o peggio ancora come diceva Mina in una sua famosa canzone illusioni. Poi questi sono scappati si ripeto scappati e senza pagare i debiti, e questo giornale che è tra i creditori, sa di cosa sta parlando! Gli amministratori comunali attuali si sono trovati in mezzo al guado e che fare scelta obbligata altra ideona, il primo che arriva lo prendiamo e gli diamo baracca e burattini. Così è avvenuto. Ma c è un ma!!! Alcuni degli amministratori comunali di oggi sia di maggioranza che di minoranza c erano anche negli anni 2004/2005 e successivi con il Sindaco Deantoni, alcuni sono stati nel consiglio di amministrazione delle Terme negli anni scorsi, alcuni ora in maggioranza o minoranza, poco importa, erano ben presenti in quegli anni, erano ben presenti quando è stato il momento della prima vendita ed hanno votato a favore oppure in modo pilatesco allora dissero cosa si può fare? Bisogna vendere, io non voto Ne a favore nè contro ma non si può fare altro. Poi poi alcuni di questi amministratori si dimisero ma per altri motivi e quindi non per la vendita delle terme, ci fu qualche politico locale che si dimise perchè era contrario alla trasformazione del Grand Hotel in clinica, pertanto dimissione inutile perché anche quello non era un progetto, era una balla, ci fu chi si dimise per problemi personali etc... Nel 2013 il film si è ripetuto e nelle settimane scorse, alcuni di questi statisti da paese dopo 10 anni che Somensini e la sua banda non ci sono più, ha provato a dire che la colpa è di ha gestito le terme fino al 2004 (appunto Somensini e la sua banda), poi alcuni o per vergogna o per parare il colpo o perchè quando parlano non si spiegano bene ed è per questo che gli altri capiscono male... oppure perché effettivamente hanno cercato di dire un altra cosa, hanno provato a rettificare dicendo che gli... altri avevano capito male, che la colpa non era di Somensini ma di quelli venuti dopo, in buona sostanza Deantoni & Company. La colpa è sempre degli altri! Questa è la cronaca di questi mesi, di queste settimane, di questi giorni, molti attori di allora sono quelli di oggi, il film è lo stesso, ho la sensazione che anche il finale sia lo stesso, ho la sensazione che il comune ancora una volta lo prenderà in quel posto. Però sarebbe ora che tutti quelli che erano ben presenti con vari ruoli durante la prima sciagurata vendita e negli anni successivi e che anche ora sono ancora li presenti, purtroppo a decidere, la smettano di dire io allora se c ero dormivo e di dire la colpa è di qualcun altro. E inutile anche minacciare querele, denunce ed altre amenità simili, perché poi la gente si stufa e poi succede come in molte parti d Italia, la strada che porta al tribunale passa prima davanti all ospedale. C eravate allora, ci siete adesso, abbiate la dignità di dire: abbiamo sbagliato allora, oggi siamo costretti a sbagliare di nuovo perché non ci sono alternative, il Comune l ha preso in quel... posto allora e forse lo prenderà in quel... posto anche ora!!! Questo vale per molti sia per chi era in maggioranza o in minoranza, sia per chi ha cambiato ruolo o poltrona, sia per chi era alle terme ed ora in comune, sia per chi allora urlava ed ora tace, etc etc etc, chiedete scusa se non volete farlo per dignità, fatelo almeno per il sacro furore che anima gli opportunisti-arrivisti. Ma c è un ma forse sono solo dei poveri cristi!

4 il Periodico 4 LA PROPOSTA DEI LIONS PER VALORIZZARE IL TERRITORIO OLTREPADANO ATTUALITA Le nostre colline candidate a sito patrimonio dell umanità dell Unesco un territorio collinare dove l uomo e la vite convivono da secoli costituendo un incantevole paesaggio dominato dai vigneti, con eccellente produzione di vino e di spumanti, punteggiato di paesi sovrastati da castelli medioevali, solcato da quattro valli in cui scorrono piccoli torrenti. Il tutto costituisce un unico e significativo esempio di integrazione fra la cultura rurale tradizionale e lo sviluppo agricolo intensivo, patrimonio, a mio avviso, da valorizzare e da conservare. Il secondo motivo, invece, qual è? È il carattere paesaggistico del territorio: le colline sono coperte per l 80% da vigneti, il restante territorio è bosco naturale. I vigneti presentano i filari in ordine, costituiscono un intreccio sui pendii collinari che disegna un panorama unico, di intensa vegetazione, con colori mutanti nel corso delle stagioni, inframezzati da stradine e caseggiati rurali. Il paesaggio viticolo è il prodotto della presenza e del lavoro dell uomo, è il frutto dell allevamento della vite da alcuni secoli, ma reso attuale nell Ottocento dopo la ricostituzione dalla fillossera e ancora nel corso dell ultimo secolo, quando la meccanizzazione ha indotto l evoluzione verso le forme di allevamento che vediamo oggi. Poi non mancano i motivi di carattere storico e culturale. Esattamente. Sulle sommità delle colline si trovano i borghi, tutti di origine medievale, con castello, chiesa e torri, ecco il motivo storico culturale. L Oltrepò è un territorio di frontiera, crogiolo e sintesi di origini, di culture e di tradizioni provenienti da quattro regioni che si incontrano nel triangolo dell Oltrepò Pavese. Una terra che aveva ricevuto e continua a ricevere influssi culturali da tutti i quattro punti cardinali, lombardi, emiliani, liguri e piemontesi, e che aveva conosciuto le culture immesse nei secoli passati da grandi eventi storici. Ogni borgo ha reagito mantenendo peculiarità sue proprie, ancora oggi riconoscibili nelle tradizioni popolari civili e religiose, nelle proprie chiese e feste patronali e nei propri dialetti. Ogni borgo è rimasto possessore di una cultura radicata nel proprio localismo. L uomo delle colline dell Oltrepò ha una sua cultura, un suo carattere, è tenace, parsimonioso, individualista, ma generoso. L ultimo motivo, invece? Ovviamente, l economia vitivinicola. Il vero, forte legame che unisce le colline oltrepadane è configurato nella tipologia monocolturale dell agricoltura locale: la viticoltura, con l implicita produzione vinicodi Oliviero Maggi Le colline dell Oltrepò Pavese potrebbero figurare tra i futuri candidati a diventare Sito patrimonio dell umanità dell Unesco. La proposta di iscrizione alla lista per l ambito riconoscimento, che da 40 anni marchia le eccellenze del mondo, arriva dal comitato ambiente del distretto Lions 108Ib3, che si sta attivando per coinvolgere tutti gli enti operanti sul territorio in un confronto sulla fattibilità del progetto. Una prima presentazione dell iniziativa è stato il convegno, tenutosi lo scorso 18 maggio, presso l aula Foscolo dell Università di Pavia, al quale ha partecipato anche il neo assessore regionale alle attività produttive, che ha auspicato la buona riuscita di questo progetto. Ora i Lions continueranno nell ampio coinvolgimento soprattutto dei sindaci come primi custodi del territorio, per un iniziativa di grande valore, che potrà avere sicuramente effetti molto positivi su tutto l Oltrepo. Di tutto questo parliamo con il dottor Ettore Cantù, coordinatore del Comitato Ambiente ed Attività Produttive del distretto Lions 108Ib3 e Presidente della Società Agraria di Lombardia. Innanzitutto, che cosa intende l Unesco per patrimonio dell umanità? Con questo termine vengono considerati tutti i patrimoni culturali, come i monumenti o i siti archeologici, e i patrimoni naturali le formazioni geologiche, le zone habitat di flora e fauna minacciata; nel 2002, però, l Unesco ha esteso la protezione ai beni immateriali ed ai paesaggi culturali. Così vengono indicati i paesaggi frutto dell interazione dell uomo con l ambiente, considerati anch essi patrimonio dell umanità da preservare. Quindi vi rientra ogni esempio di paesaggio che illustri un importante interscambio di valori umani nello sviluppo del disegno del paesaggio naturale o tecnologico illustrante uno dei periodi della storia umana. Come le colline dell Oltrepò Pavese? E proprio questo l ambito nel quale pensiamo possa rientrare a pieno titolo il sito denominato Le Colline vitivinicole dell Oltrepò Pavese da aggiungere ai 47 luoghi italiani riconosciuti d eccellenza ed agli altri accolti dal Comitato Nazionale e posti in lista d attesa per il riconoscimento ufficiale. Fra questi, nel 2011, i paesaggi vitivinicoli delle Langhe, Roero e Monferrato e le colline Prosecco e Valdobbiadene. Perché ritenete che le colline vitivinicole dell Oltrepò abbiano titolo per entrare nella lista? Non sarà un utopia o un illusione? Affatto. E una sfida, certamente, è un progetto ardito, ma non impossibile, visto che è stato raggiunto da altri competitori. E una proposta di fiducia nel futuro a vantaggio del nostro territorio. Vi sono validi motivi a sostegno del progetto che noi Clubs Lions dell Oltrepò esponiamo e proponiamo all attenzione di tutte le categorie sociali, delle Istituzioni e degli Enti che hanno a cuore il futuro dell Oltrepò. I motivi, che rendono idonea questa candidatura, sono quattro, secondo voi. Iniziamo dal primo. Il primo è la corrispondenza al Decalogo dell Eccellenza ridefinito dell Unesco nel 2002 nel quale le interazioni tra uomo ed ambiente sono riconosciute come paesaggi culturali. L Oltrepò Pavese è infatti la e spumanticola di antichissime tradizioni ettari di vigneti Doc, la terza denominazione in Italia per numero di ettari vitati, di cui a croatina, a Pinot Nero, a Barbera e a Riesling. 42 denominazioni di vini, le cultivar più note e diffuse sono: la Croatina e il Pinot Nero per dare i vini più tipici dell Oltrepò, la Bonarda e lo Spumante metodo Charmat e metodo Classico. Qual è la procedura da seguire per formulare questa candidatura? La procedura da seguire per ottenere il riconoscimento non è semplice, ma è possibile individuando un presentatore che può essere un Ente Pubblico Istituzionale o una Società ad hoc. E necessario predisporre un dossier da unire alla domanda nel quale si presentano e si descrivono le condizioni attuali rispondenti al decalogo d eccellenza e un piano di conservazione e di gestione del Territorio. La domanda viene presentata al Ministero dei Beni Culturali che effettua l indagine di concerto con il Ministero dell Agricoltura, nel nostro caso, e la presenta all approvazione del Comitato Unesco Nazionale. Oltre a questo, però, perchè il progetto funzioni, serve la mobilitazione di tutto il territorio. Il progetto che ho presentato è iniziativa del Distretto Lion 108 Ib3 e dei nove Lions Club dell Oltrepò Pavese, ma è proposto all opinione pubblica, alla stampa ed alle forze economiche ed alle Istituzioni della Provincia ed alla Regione Lombardia perché occorre la collaborazione di tutti per raggiungere il risultato desiderato. E il mio auspicio è che sia accettato come contributo alla valorizzazione dell Oltrepò Pavese e come stimolo ad agire in positivo per rispondere alla sfida della recessione economica che ha coinvolto la nostra società. E, non dimentichiamo, che tra poco meno di due anni ci sarà l Expo a Milano e che tante persone verranno a visitare le colline oltrepadane. Predisporre il progetto Le Colline vitivinicole dell Oltrepò Pavese va inteso come un investimento collettivo per il futuro e una grande e irripetibile occasione, proprio perchè l Expo 2015 è vicina. Nelle colline dell Oltrepò c è riflessa la storia dei suoi uomini e delle sue donne, o meglio, la storia dell uomo e del suo lavoro. E un paesaggio da contemplare non solo con gli occhi, ma anche con l anima perché non è solo terra e viti e vino, ma, come ricordava Carlo Cattaneo, sedimentata nei secoli, è diventata memoria storica, capace ancora di creare un atmosfera nuova che rivive nel passato.

5 il Periodico 5 NOVITA IMPORTANTI NELLA LOCALITA TERMALE Partiti i progetti bat box ed il bike sharing a Rivanazzano Terme di Alessandro Disperati RIVANAZZANO T. E partito, primo nel suo genere nella nostra zona, il progetto sperimentale, per combattere in modo del tutto naturale le zanzare. Infatti nel centro di Rivanazzano Terme sono state posizionate 24 BAT BOX, cassettine per pipistrelli al fine di ridurre trattamenti che, seppur biologici, sono costosi ed hanno ridotti effetti temporali. I pipistrelli, al contrario delle dicerie popolari, sono animali innocui alle persone e riescono a mangiare fino a zanzare adulte per notte - afferma l assessore Francesco Di Giovanni con delega all arredo urbano, parchi e giardini -. Ai giardini Mezzacane, al parco Brugnatelli, al plesso scolatico, all asilo, nella zona delle terme e del teatro, al Centro sportivo ed al Boccio sono state posizionate cassettine con una particolare zigrinatura che arrivano ad ospitare fino a 12 coppie di pipistrelli e che permettono di stare a testa in giu. Abbiamo ricevuto un forte interessamento da parte di molti nostri concittadini che sono interessati all acquisto di batbox per uso privato, questo ci rende particolarmente orgogliosi e legittima di fatto la riuscita dell iniziativa intrapresa dalla Amministrazione comunale di Rivanazzano Terme, conclude l assessore Francesco Di Giovanni. Nello stesso comune termale è inoltre partito il servizio di bike sharing. Quattro biciclette a pedalata assistita sono disponibili per cicloturisti che vogliano godere delle bellezze del luogo spostandosi in maniera ecologica. Il servizio è gratuito per le prime tre ore di utilizzo, basta una semplice regi- strazione, il tutto viene gestito dalla locale Pro Loco. Voglio ringraziare il presidente della Pro Loco ed i suoi collaboratori - spiega il Sindaco, Romano Ferrari - perché, ancora una volta hanno permesso la concreta realizzazione di una iniziativa che avrà risvolti positivi per il paese. Iniziativa che avrà ancora maggior riscontro nel momento in cui verrà realizzata la pista ciclabile. Il sindaco conclude: Bisogna inoltre segnalare che a giorni sarà completata l asfaltatura della piazza retrostante la piscina ed il centro sportivo ed anche la piazzetta adiacente al circolo ACLI. Con l asfaltatura di questa zona risolviamo un annoso problema e, come già avvenuto con l asfaltatura del parcheggio delle scuole ed il ripristino dell area mercato alimentare, rendiamo assolutamente adeguata una grande piazza utilizzabile come parcheggio dei cittadini e dai visitatorie. CONVEGNO CON UN FOLTO PUBBLICO IN COMUNAlE A rivanazzano TERME Arginare il gioco d azzardo non è un problema semplice ma si può provare La Biblioteca Civica Paolo Migliora, presieduta da Laura Disperati, in collaborazione con l associazione culturale Ferruccio Ghinaglia e con il patrocinio del Comune di Rivanazzano Terme, hanno organizzato un dibattito pubblico dedicato alla ludopatia. L incontro, dal titolo L azzardo non è un gioco, si è tenuto presso la Sala Consiliare del Municipio di Rivanazzano Terme. Con questo appuntamento, al quale ha partecipato un folto pubblico, si è voluto sensibilizzare i cittadini sulle gravi conseguenze della ludopatia, ovvero la dipendenza dal gioco d azzardo. Si tratta di una patologia che colpisce oggi circa 800 mila italiani, ma sono 3 milioni i giocatori abituali a rischio patologico. Nonostante la società sia pesantemente gravata dai pesanti effetti dell interminabile crisi congiunturale, il fenomeno è in crescita. È difficile riconoscere i sintomi della ludopatia che può interessare adolescenti o pensionati e può indurre a una serie di comportamenti negativi che vanno dalla violenza al tralasciare la famiglia fino agli atti criminosi. Inoltre, a differenza di altre dipendenze, non è facile da individuare. Di questi argomenti e del ruolo che possono svolgere le Istituzioni di vario livello per prevenire e contrastare il gioco d azzardo patologico sono intervenuti: Simone Feder, Psicologo della Casa del Giovane di Pavia; Giuseppe Villani, Consigliere Regione Lombardia; Romano Ferrari, Sindaco del Comune Rivanazzano Terme. Ha coordinato la discussione Vincenzo Giudice, Presidente Associazione Culturale Ferruccio Ghinaglia. Arginare questo problema non è semplice, ha sottolineato lo psicologo Feder, anche perché assume una portata sempre maggiore il gioco d azzardo on line, fenomeno che rimane difficilmente controllabile, e alla portata anche dei giovanissimi. La diffusione delle famigerate slot machine in numerosi esercizi commerciali fa sì che avvicinarsi al gioco d azzardo sia diventato molto semplice e, per così dire quotidiano. Il punto di partenza per arginare il problema rimane, sempre secondo Feder, la prevenzione fatta con ogni mezzo e da ogni agenzia educativa: occorre mettere in guardia anche i più giovani dai rischi che possono scaturire da una fruizione senza controllo di apparecchi atti al gioco d azzardo. Nel caso di dipendenza conclamata è opportuno rivolgersi a centri specializzati. La parola passa ai rappresentanti delle istituzioni. Il consigliere regionale Villani assicura che entro qualche mese la Regione Lombardia legifererà sull argomento per dare risposte concrete alla necessità di regolamentazione della materia. Anche il sindaco di Rivanazzano Terme, Romano Ferrari, sottolinea come per gli enti locali, in assenza di leggi, sia praticamente impossibile riuscire a frenare la diffusione delle slot machine e per questo auspica che davvero si possa arrivare ad una legge utile in questo senso.

6 il Periodico 6

7 il Periodico 7 RIVALEGGENDO RACCOGLIE I CONSENSI DEL GRANDE PUBBLICO Successo per l infiorata e la fiera del libro Tanta gente per due grandi eventi di Alessandro Disperati Domenica 26 maggio a Rivanazzano Terme c è stata la Festa della SS. Trinità, che ha coinvolto tutto il rione in cui si trova la chiesa della SS. Trinità. Per l occasione l associazione culturale Occasioni di Festa ha dato vita ad una serie di eventi culminati nella tradizionale infiorata. E ormai il quarto anno che la via che porta alla Chiesa della SS. Trinità viene abbellita da stupende immagini realizzate con i fiori. E un evento unico per la nostra regione e vede la partecipazione di molte volontarie e volontari che dalle prime luci dell alba creano queste opere. Rivanazzano Terme ha visto, sempre domenica 26 maggio, ai giardini Mezzacane una grande affluenza di persone per la Terza edizione di Rivaleggendo Fiera del libro degli editori pavesi. Molti espositori, interessanti convegni e soprattutto molta gente che si aggirava incuriosita ed interessata. Il sindaco di Rivanazzano Terme, Romano Ferrari, sottolinea: Mi complimento sia con le donne di Occasione di Festa che con tutte le altre volontarie ed i volontari che hanno realizzato le immagini dell infiorata, vere e proprie opere d arte. Allo stesso modo ringrazio e mi congratulo anche con la Presidente della Biblioteca Paolo Migliora di Rivanazzano Terme, Laura Disperati, con il Presidente del sistema interbibliotecario, nonché vicesindaco, Marco Largaiolli e con la Direttrice Laura Barbieri e con tutti i rappresentanti del consiglio di gestione della biblioteca stessa. Rivaleggendo, grazie al loro impegno, è diventato un appuntamento importantissimo nel panorama culturale del nostro territorio. La presenza di un folto pubblico testimonia che questo evento strettamente legato all editoria oltrepadana funziona e per questo in futuro potrebbe essere potenziato. RIVANAZZANO T.

8 il Periodico 8 Ne parliamo con Luisa Orezzi, presidente dell associazione RIVANAZZANO T. Croce San Francesco: Un punto di riferimento per la Valle Staffora di Federica Calizzano Quando la solidarietà può salvarti la vita: lo sanno bene i volontari della Croce San Francesco Onlus di Rivanazzano Terme, attivamente impegnati sul territorio per offrire un aiuto concreto nell ambito dell assistenza sanitaria. Ne parliamo con Luisa Orezzi, presidente dell associazione. Quale tipologia di servizi offre la Croce San Francesco? E dove è prevalentemente attiva? Offriamo servizi di pronto soccorso, in collaborazione con la Centrale Operativa 118 di Pavia, e trasporto sanitario, anche attraverso convenzioni con strutture della zona e privati. Attività che ci vedono impegnati su tutto il territorio della provincia di Pavia, Milano e Piacenza. Il nostro obiettivo è intensificare ulteriormente la presenza nel pavese e nel vogherese, con particolare riferimento alla Valle Staffora: vogliamo dare, ai pazienti, la maggiore disponibilità e assistenza possibile e al volontariato locale, per il quale ci mettiamo ogni giorno alla prova, il massimo impegno. Quando è stata costituita l associazione e come si è evoluta la sua attività? La onlus è nata a Rivanazzano Terme nell estate del 2006 grazie al forte senso di solidarietà di alcuni volontari e al prezioso sostegno dell amministrazione comunale che ci ha messo a disposizione i locali in piazza Cornaggia. Con l aiuto del Motodromo di Castelletto di Branduzzo, l associazione ottiene poi una sede distaccata per volere della proprietà, con la quale si avvia una fattiva collaborazione. L associazione, infatti, presta assistenza nel corso degli eventi sportivi, gare nazionali e mondiali organizzati dallo stesso Motodromo. Nel 2011 entra a far parte della FAPS (Federazione Associazioni Pronto Soccorso) fondata dalla Croce Bianca Milano e dalla Croce Bianca Brescia e costituita da sedici associazioni affini per missione e valori di riferimento, per quasi ottomila volontari. Quali le risorse che l associazione ha a disposizione? Attualmente disponiamo di cinque mezzi, di cui tre ambulanze di classe A per il trasporto di persone con difficoltà motorie o allettate e servizi di emergenza e urgenza. Queste ultime sono gestite da personale certificato esecutore regionale e operatore DAE e ospitano attrezzature importanti come il defibrillatore semiautomatico e lo strumento ELI 10 per la trasmissione ECG in centrale operativa di Pavia. Per l espletamento del trasporto sanitario semplice, la nostra associazione, oltre al personale idoneo per tale servizio, si avvale di due mezzi Fiat Scudo, con pedana di carico per disabili. Come avviene la collaborazione con il Pronto Soccorso? Non senza un grande sforzo economico e di risorse umane, dal settembre 2012 la Croce San Francesco cerca di dare continuità alla CO 118 di Pavia dalle ore 8.30 alle La media è di trentacinque servizi prestati mensilmente per un totale, ad oggi, di 315 azioni d urgenza sul territorio di Rivanazzano Terme, Salice Terme, Varzi, Voghera e Casteggio. La media di trasporti sanitari, sia per le strutture convenzionate sia per le richieste private, è di sei-sette ogni giorno, per un totale, da gennaio 2013 ad oggi, di 560 circa. Qualè il rapporto della Onlus con i suoi volontari? Purtroppo, a causa del periodo negativo che stiamo vivendo a livello europeo, non possiamo certo affermare che sia semplice per noi sostenere le attività della nostra associazione. Per fortuna non mancano nel territorio persone di valore che ci sostengono sia moralmente sia economicamente. Anche il mondo del volontariato sta cambiando: la nostra difficoltà sta nel trovare volontari per garantire copertura del servizio anche nelle sere infrasettimanali. La risposta ai nostri appelli è scarsa e non ci rimane che affidarci ai volontari impegnati nella nostra associazione fin dalla sua costituzione, che provengono da altri gruppi o da una cultura del volontariato radicata nel tempo. Quali le caratteristiche e le prerogative necessarie dell aspirante soccorritore? La complessità e la delicatezza del compito che i volontari sono chiamati a svolgere presuppongono una elevata qualità professionale. Per questo motivo, infatti, il personale dell associazione segue specifici corsi di formazione e aggiornamento. Attualmente si sta svolgendo il corso regionale di 120 ore per soccorritori certificati DAE con al suo attivo 20 persone. Iniziato nel febbraio 2013 si concluderà il prossimo settembre con l esame della certificazione regionale, tenuta alla presenza del personale della Centrale Operativa di Pavia. Per entrare a far parte della Croce San Francesco, oltre alla maggiore età, è necessario volersi impegnare seriamente nell aiuto al prossimo, disporre di un po di tempo libero e della volontà di essere adeguatamente preparati per poter effettuare servizi di emergenza.

9 il Periodico 9 GODIASCO, SI E DIMESSO IL CONSIGLIERE ALBERTO SORRENTINO Ho sempre detto no alla privatizzazione, ma per il Comune era l unica soluzione di Gianluca Giaconia L accordo raggiunto tra Oltrepo Terme Resort, proprietaria del 53% di Terme di Salice spa e controllata dal vogherese Elio Rosada, e il Comune di Godiasco, che possiede il 47% delle quote, ha provocato le dimissioni di Alberto Sorrentino dal ruolo di consigliere comunale di minoranza. Infatti egli era contrario alla privatizzazione dal 2005 e questo fatto accaduto significa quindi una sconfitta personale. L Amministrazione comunale di Godiasco Salice Terme è costretta a liberarsi delle quote che ha in possesso entro ottobre perchè la società ha chiuso gli ultimi tre esercizi in passivo. Assieme a Sorrentino ripercorriamo qualche tappa del percorso legato a questa importante questione negli anni passati. Sorrentino, un commento su questa sua decisione. Mi sono battuto fino in fondo affinchè non accadesse questo scempio, che puntualmente c è stato: sono stato quindi sconfitto. La mia è stata una protesta, in quanto non può passare sottosilenzio il fatto che un Comune abbia bruciato un tesoro di valore pari a 13 milioni. Un regalo tra l altro proveniente dallo Stato, che corrispondeva a più di euro a persona, se facciamo due calcoli veloci. Non abbiamo mai ricavato una lira da questo regalo. Non ci si può domandare perchè io mi sia dimesso, ma più che altro come mai gli altri siano rimasti al loro posto. Una questione così importante non può passare in secondo piano, in maniera indisturbata, all interno di un Consiglio Comunale, anche perchè si tratta di un argomento puramente di carattere economico. Ho calcolato per difetto che con una privatizzazione fatta diversamente, come ho proposto nel 2005, oggi almeno tutti i residenti avrebbero potuto non pagare l Imu perchè le risorse provenivano direttamente dall azienda. Nel 2009 non avevo ancora capito che la privatizzazione sarebbe stata indirizzata in un determinato modo. Come mai, secondo lei, questa questione è passata in secondo piano? Innanzitutto apprezzo l azione del Sindaco Anna Corbi per aver trovato questa soluzione, che non proponeva diverse alternative. Di certo chiunque avesse preso in mano l azienda un mese fa non sarebbe stato capace di fare meglio. Se una persona all altezza della situazione, non un genio, avesse preso in mano la questione tre anni fa in maniera diretta e costante, la storia sarebbe finita in modo meno doloroso per il Comune e inoltre non pagheremmo nemmeno l Imu. Abbiamo portato a casa poco, quasi niente. Se tre anni fa il Comune si fosse reso conto, esaminando accuratamente i dati, di come era gestita la società, allora forse avrebbe potuto fare meglio. Il Comune nell ambito della privatizzazione ha votato due consiglieri d amministrazione sui cinque totali. Questi consiglieri hanno sempre votato favorevolmente per tutte le decisioni prese dal socio di maggioranza. Nonostante il possesso del 47% delle quote, se si fosse incominciato ad agire tre anni fa, si sarebbe potuto fare di meglio, anche perchè con il solo 20% si possono chiedere regolarmente delle assemblee straordinarie. E vero che il socio di maggioranza può respingere tutte le proposte, ma se quello di minoranza si continua a far sentire spesso, magari si potrebbero trovare altre soluzioni. Il Comune, in ogni caso, si trovava con le spalle al muro e non aveva alternative. Si prevedeva inoltre una continuità aziendale: cosa può dire in merito a ciò? Si diceva inizialmente che il regalo delle Terme sarebbe stato volto a una futura privatizzazione secondo la legge Bassarini. Rileggendo pero tale documento, non si trovano dei punti concordanti con questo pensiero, pertanto io ho fatto un interpellanza in merito alla vicenda. Si è partiti evidentemente con dei presupposti diversi, in quanto nel 2004 è stata sanci- GODIASCO SALICE T. Alberto Sorrentino ta la delibera con ratifica di sviluppo che prevedeva una serie di iniziative volte al rilancio delle Terme di Salice. Come Comune abbiamo pensato che questo costituiva un punto importante per il rilancio, ma volevamo anche una continuità nel corso degli anni. Il socio privato non ha mai firmato nessun impegno, quindi si è trattato di patti decaduti nel momento in cui il Comune è diventato socio di minoranza. Il problema pervenuto all attuale Amministrazione ha fatto sì che la situazione era in pratica compromessa, sia per la mancanza di piani di sviluppo locale ed economico che per la decadenza dei patti parasociali. Cosa si augura per il futuro della struttura? Certamente mi auguro che diventi uno dei centri termali più rinomati e apprezzati in tutta Italia, in grado di garantire posti di lavoro importanti e di favorire il turismo nel nostro territorio. Nell ultima intervista rilasciata al nostro giornale aveva detto che non si sarebbe candidato alle prossime Elezioni, in programma nel Queste sue dimissioni giungono quindi in tempo o è solo una coincidenza? In ogni caso ribadisco la mia decisione di non ricandidarmi alle prossime Elezioni, sotto nessuna veste. Se la nuova Amministrazione mi proponesse di dare una mano, potrei accettarlo sottoforma di volontariato. Tutto qui.

10 il Periodico 10 IL SINDACO CORBI COMMENTA LA DISMISSIONE DELLE QUOTE DEL COMUNE GODIASCO SALICE T. di Gianluca Giaconia Sulle Terme la nostra amministrazione non ha proprio nulla da rimproverarsi Il Comune di Godiasco Salice Terme, in cambio della dismissione delle quote comunali, pari al 47%, ha ottenuto l utilizzo pubblico del parco di Salice e l usufrutto della piscina Lido e della Buca. La situazione, aggiornata all inizio dello scorso mese, dell azienda ravvisa un passivo di euro per cui, se le perdite vanno al di sotto della quota minima del capitale sociale consentito della legge (a più di un terzo del capitale sociale) il passo successivo è liquidare o ripianare le perdite e capitalizzare. Il Comune ha stretto un accordo con il socio di maggioranza Oltrepo Terme Resort, di proprietà dell ex assessore del Comune di Voghera Elio Rosada, per cedere il 47% in cambio dell uso del parco e dell usufrutto per i prossimi 60 anni della piscina Lido e della Buca. Queste due attività porteranno nelle casse circa euro di affitti l anno. Abbiamo incontrato il Sindaco di Godiasco Salice Terme, Anna Corbi. Sindaco, partiamo con una considerazione globale sull argomento Terme. L argomento Terme viene da lontano e già nell ultimo Consiglio Comunale ho fatto notare ai consiglieri di minoranza, intervenuti nel dibattito, che non si può pulire con un po di vetril la propria coscienza e sollevarsi dalle responsabilità le quali per il passato sono da imputare a precise persone e amministrazioni. La mia amministrazione oggi tira le conclusioni e compie le scelte ultimative nel solco trovato. Anche se occorre sempre guardare al futuro e non al passato, quest ultimo non può e non deve essere dimenticato. Nel momento in cui il Comune, nella Società delle Terme di Salice, è diventato socio di minoranza, non ha più avuto la gestione dell azienda che è passata al socio privato. Questo è accaduto nel 2005 e, come tutti sanno, in una società di diritto privato comanda chi ha la maggioranza; la minoranza si può opporre ma non accade quasi nulla, l opposizione è sterile. Quando nel 2005 il Comune ha perso la maggioranza, ha perso anche i vantaggi e le garanzie che gli venivano riconosciuti dagli accordi, i cosiddetti patti parasociali, decaduti assieme a quella. Come ha agito il Comune dopo tali cambiamenti? Il socio privato della società per azioni Terme di Salice si chiama Oltrepò Terme Resort che, a sua volta, è una società a responsabilità limitata; esso, al suo interno, può cambiare come vuole e di fatto, in questi anni, si sono avvicendati vari proprietari. Il Comune ha assistito a questi cambiamenti senza potere intervenire, significativamente, sulle politiche aziendali che il socio privato, di maggioranza, ha condotto, o meglio, non ha condotto venendo meno alla più elementare regola imprenditoriale secondo la quale per generare profitti occorre fare investimenti e non consumare improduttivamente la ricchezza prodotta. Cosa è successo in seguito? Sfumato il progetto della clinica, molto costoso da realizzare al Grand Hotel, clinica che aveva sollevato tante polemiche, nel 2009, in Oltrepò Terme Resort, cambiò la proprietà. I nuovi padroni hanno occupato i due anni successivi, dal 2009 al 2011, a fare progetti immobiliari, termali e residenziali, in fregio a via Diviani, a chiedere autorizzazioni e permessi per la loro realizzazione; poi nel contesto della generale crisi economica si è innestata la crisi dell azienda a cui la proprietà ha fatto mancare l ossigeno, i danari, per andare avanti. Come si è comportato di conseguenza il Comune? Il Comune, da parte sua, a causa della crisi azien- dale e dei bilanci passivi, ha dovuto dismettere la propria partecipazione perché la legge non permette di rimanere in aziende che non svolgono finalità e compiti dell Ente, e meno che mai di rimanere in aziende con bilanci in rosso. Quindi la questione è passata nelle mani di un nuovo socio privato. Con la nuova proprietà di Oltrepò Terme Resort, il dott. Rosada, è stato possibile realizzare un accordo, che non si era potuto raggiungere con il precedente socio privato, per la sensibilità ed il vero interesse per la realtà locale del nuovo partner, persona del territorio, conoscitore della località e suo estimatore. Si può ritenere soddisfatta della conclusione della trattativa? Oggi si sono fatti miracoli se si considera che questa amministrazione si è mossa su una strada la quale si è trovata già tracciata. A livello personale non ritengo un successo quello ottenuto se si compara ad altre possibilità che esistevano prima che cominciasse questa vicenda tristissima con il passaggio, nel 2005, del Comune a socio di minoranza nella Società delle Terme e con la decadenza dei patti parasociali. Si sono, comunque, ottenuti il pacifico riconoscimento dell uso pubblico del parco, con la sua manutenzione a carico della Società delle Terme e due usufrutti per anni (60 complessivi) sulla piscina Lido di Salice e la Buca che, in qualche modo, ripagheranno la popolazione. Questa amministrazione non ha nulla da rimproverarsi. Ha qualcosa da aggiungere in conclusione? Vorrei, in ultimo, evidenziare che non sono d accordo con la teoria enunciata in Consiglio Comunale da un consigliere di minoranza secondo la quale l azienda termale ha profuso i suoi effetti benefici su tutti gli operatori i quali, però, non hanno ricambiato con sinergie efficaci. Ritengo invece che sia mancata, negli anni passati, nell amministrazione, una visione complessiva, politica, di sviluppo territoriale, che fosse in grado di armonizzare e coordinare le spontanee operazioni industriali e commerciali dei privati.

11 il Periodico 11 IL CONSIGLIERE ESPRIME LA PROPRIA OPINIONE SULLA VICENDA TERME Serra: Terme di Salice ha delle grosse difficoltà ad essere remunerativa di Alessandro Disperati Durante il Consiglio comunale dello scorso 6 maggio il gruppo di minoranza Progredire Insieme, capitanato da Roberto Serra, ha deciso di astenersi e prendere atto dell intesa raggiunta in merito alla privatizzazione delle Terme di Salice S.p.a, passata completamente nelle mani di Elio Rosada. In quest intervista abbiamo quindi chiesto a Serra i pareri riguardanti tale questione. Il Comune è definitivamente uscito dall assetto azionario di Terme di Salice S.p.a., come valuta questo epilogo? Sicuramente sono molto deluso da questa fine ingloriosa di un avventura imprenditoriale del nostro Comune iniziata nel dicembre La finalità di questa operazione, l acquisizione del controllo di Terme di Salice, era molto semplice: nella prospettiva della privatizzazione che eravamo obbligati a realizzare, creare un importante sinergia, una unità d intenti, tra l ente pubblico locale, il Comune, e la principale azienda che faceva da volano a tutta l economia turistica del territorio. Durante il Consiglio Comunale del 6 Maggio scorso lei, a nome del suo gruppo, ha fatto un intervento duro su questa vicenda. Ho voluto semplicemente sottolineare che l uscita dal pacchetto azionario delle Terme rappresenta una sconfitta per il Comune, che vede letteralmente sfumare tra le proprie mani il restante 47% di un bene d importanza strategica e non soltanto economica. Sconfitta resa ancora più amara dal clima di estrema incertezza per il futuro stesso della società. Ha ricordato anche le polemiche che seguirono la prima fase della privatizzazione. E vero. Di fronte a questo epilogo poco glorioso, non ho potuto fare a meno di ricordare con amarezza il clima che caratterizzò la prima fase della privatizzazione, passaggio obbligato per legge e necessario per trovare le indispensabili risorse economiche per un azienda che, per poter continuare ad essere il punto di riferimento per l economia di tutto un territorio, aveva bisogno di immissione di capitali freschi e di sostanziosi investimenti. Polemiche dure, feroci, che accompagnarono la cessione del 20% delle quote con il corrispettivo di 1milione e 700mila euro incassato dal Comune, con l ingresso di un socio privato che ha poi risanato la situazione economica diventando maggioranza al 53%. Polemiche su una proposta che per noi rimane un occasione perduta, mi riferisco ovviamente alla clinica ed a quello che avrebbe potuto rappresentare per le Terme: posti di lavoro (circa 150), investimenti per circa 40 milioni di euro, l obbligo per le Terme di conservare adeguati standard negli impianti per l erogazione della prestazione sanitaria e, ovviamente, le opportunità per l indotto. Lei denuncia anche un calo di attenzione sul problema Terme. Effettivamente, archiviata la prima fase di privatizzazione e cambiata l amministrazione comunale nel 2009, il grande interesse intorno alle vicende delle Terme all improvviso viene meno. Ho sottolineato l esistenza di un profondo torpore, accompagnato da qualche sonno di troppo dell attuale amministrazione che avrebbe fatto meglio a vigilare sull effettivo rispetto delle indicazioni ministeriali sul piano di rilancio dell azienda termale previsto dalla cessione del pacchetto azionario al comune di Godiasco, anziché farsi incantare dalle promesse non mantenute da parte del socio privato e dalla volatilità della governance sempre espressione del socio privato. A questo ci aggiungo anche il grande silenzio, quasi indifferenza, della popolazione, forse sazia delle polemiche prece-denti, forse rassegnata, forse convinta che il semplice cambio della guardia alla guida del Comune era la condizione necessaria e sufficiente per risolvere il problema Terme. Ebbene così non è stato. Questo non significa che non ci sono dei responsabili per quanto è accaduto. In questi anni si è sempre cercato di attribuire le colpe di tale disastro a determinate persone, che avranno certamente la loro parte di responsabilità. Ma se vogliamo compiere un gesto di grande onestà, senza ipocrisie, dobbiamo prendere atto che Terme di Salice, così com è strutturata, ha delle grosse difficoltà ad essere remunerativa. Non riesce a produrre utili per una serie di motivi strutturali: ad esempio il regime delle tariffe in convenzione con l A.s.l., il regime IVA che per l azienda è un puro costo e pesante, l onere della manutenzione del parco e tante altre GODIASCO SALICE T. situazioni. Quindi chi ha comprato le Terme non ha fatto un buon affare. Non voglio dire questo. Intendo solo rimarcare che Terme di Salice diventa remunerativa solo se è diret-tamente coinvolta negli utili dell indotto, quell indotto che crea con costi propri. Le Terme hanno bisogno di alberghi, di ristoranti ed in genere di strutture proprie legate all accoglienza ed allo svago, i cui utili vanno a riequilibrare i costi puri termali rendendo quindi sostenibile l intero sistema. La sua opinione è che Terme di Salice e operatori dell indotto avrebbero dovuto fare gioco di squadra. In un certo senso è così. Chi, nel corso degli anni, a Salice ha venduto servizi, ospitalità, ha fatto ristorazione, chi ha venduto terreni, ha costruito case, ha lottizzato, affittato, gestito, lo ha sempre fatto inserendo nella propria strategia commerciale quel valore aggiunto rappresentato dalle Terme e dal suo parco. Sarebbe interessante sapere quale ritorno c è stato per l azienda termale. Abbiamo assistito, nel tempo, alla crescita di una economia all ombra delle Terme, di un economia a flusso unico, senza un reale scambio di benefici. E l epilogo di questi giorni è la diretta conseguenza di questo continuo salasso di energie. Sull accordo raggiunto per l uscita del Comune dal pacchetto azionario delle Terme qual è la sua opinione? L accordo siglato non è stato il migliore e neanche il peggiore. Probabilmente è stato l unico possibile e quando non si hanno alternative non ci sono molti ambiti di manovra. In Consiglio Comunale, il nostro gruppo, chiamato ad esprimersi sull intesa raggiunta, ha ritenuto opportuno, anche per sottolineare le responsabilità dell attuale maggioranza in questa seconda fase della privatizzazione e non rite-nendo utile un voto contrario, ha preferito la formula dell astensione e la conseguente presa d atto della fine ingloriosa di questa avventura. SI GUSTA UN hamburger AL BARINO Sorpresa a Salice Terme Mara Maionchi Nei giorni scorsi per le vie di Salice Terme è arrivata la produttrice discografica e noto personaggio del mondo dello spettacolo Mara Maionchi. Dopo una visita alla località anche Mara Maionchi ha scelto il Barino per una sosta a pranzo... La nota discografica (che vediamo nella foto a lato con la titolare, Federica Lazzati) si è gustata un super hamburger. E alla fine si è lasciata andare con Fantastico! ho mangiato molto, e bene!!.

12 il Periodico 12 NASCE LA FONDAZIONE MALASPINA - VIGNATI ONLUS GODIASCO SALICE T. L intento è quello di conservare i documenti inerenti alle due famiglie spettato anche il marchesato di Godiasco. Speriamo, e per questo mi collego ai precedenti pensieri, che questo archivio possa valorizzare perfettamente il nostro territorio. Durante tale discorso sono state analizzate alcune pergamene dell epoca, che hanno fornito una precisa idea di come erano presentati i documenti in quel tempo. Infine si registra l intervento di Ivan Fowler, australiano di nascita e pavese di adozione, che ha illustrato il suo Aoramala project, riferito a una delle dimore dei Malaspina, il castello di Oramala. Abbiamo voluto utilizzare il termine Aoramala, e non il nome italiano, per rivolgere il progetto ad un pubblico internazionale. Il progetto punta a risolvere un mistero riguardante il re d Inghilterra, Edoardo II, morto nel 1327, secondo i cronisti medioevali assassinato da sua moglie. Come detto anche in precedenza da Maffi, non si può sempre credere a ciò che hanno scritto i cronisti medioevali. Nel 1335 una lettera scritta da un notaio genovese, di cui non si è sicuri sul contenuto, indirizzata ad Edoardo III, figlio di Edoardo II, diceva: <<Vostra maestà, ho appena conosciuto vostro padre e si trova a Cecima...>>. L Aoramala project si inserisce quindi in questa questione, tenendi Gianluca Giaconia Negli scorsi giorni, presso la sala consiliare del Comune di Godiasco Salice Terme, è stata presentata la Fondazione Malaspina - Vignati Onlus, nata per conservare direttamente il materiale riguardante la storia delle due famiglie. Si tratta quindi di un ulteriore passo avanti dopo l acquisto dell Archivio Malaspina, avvenuto più di un anno fa, con tale fondazione che intende lavorare per approndire il tema della ricerca e collaborare con altri fonti italiane ed estere. La conferenza è stata presentata dall Assessore alla cultura, Monica Masanta, davanti ad una sala consiliare gremita di persone. Il tutto avviene in concomitanza con la festa patronale di Godiasco - ha esordito il Sindaco del Comune, Anna Corbi. L Archivio Malaspina, signoria residente all epoca nel marchesato di Godiasco, è stato acquistato per promuovere iniziative culturali ed economico - sociali in grado di valorizzare il nostro territorio. Si tratta di un progetto importante per fare di questa valle una vera fonte di turismo, anche in ottica Expo In seguito la parola passa al conte Massimo Giovanni Ludovico Vignati, la cui famiglia è imparentata con i Malaspina dal 1413, nato a Monza e dai tempi dell adolescenza vicino e interessato alla storia. Ringrazio prima di tutto l Amministrazione comunale di Godiasco Salice Terme e sottolineo il vero e proprio dinamismo culturale del territorio. Il progetto nasce nel 2006 grazie all idea di mio padre, che ha voluto radunare un intero patrimonio culturale in un unico archivio. Per ragioni legate all imparentamento con i Malaspina, ho deciso di contattare di persona l Assessore Masanta per chiedere l opportunità di approdo alla ricerca, essendo a conoscenza che nel 2011 è stato acquistato l Archivio Malaspina da parte del Comune di Godiasco Salice Terme. Il progetto nasce con l ottica di conservare in una sede il materiale che documenti la storia riguardante le due famiglie, volendo valorizzare le risorse presenti nei territori coinvolti. La fondazione vuole lavorare per istituire delle collaborazioni con il resto dell Italia e con l estero e costruire inoltre una scuola di formazione per approfondire gli studi storici e la ricerca. I corsi presenti vanno dalla paleografia all archeologia tardo romana e medioevale, con annesse borse di studio, quindi l intento è quello di creare una vera e propria rete di relazione. Il Comune di Godiasco Salice Terme è l elemento cardine di questo progetto e l Archivio Malaspina avrà a disposizione anche il fondo Vignati di Lodi e di San Giglio. Il Dottor Luciano Maffi svolge un attività di ricerca presso la facoltà di Economia e Management di Brescia. Il suo intervento, nel corso della conferenza, si focalizza sulla valorizzazione dell Archivio Malaspina. Il mio discorso parte dal fatto che l Archivio Malaspina è costituito da quasi 400 faldoni contenenti documenti relativi a Godiasco, Oramala, Pregola e Val di Nizza. I documenti vanno dal Medioevo al XVIII secolo e costituiscono un fondo organico in grado di offrire anche interessanti opportunità lavorative. Nel 1351 infatti i discendenti di Nicolò Malaspina si sono divisi il territorio della valle Staffora, oltre ad aver ricevuto anche i beni territoriali della zona di Pontremoli, nella Lunigiana. A loro è quindi Il conte Vignati e il sindaco Corbi Un momento della presentazione in Comune a Godiasco do conto che tali parole possono essere anche state inventate. Si tratta di un romanzo storico riguardante due agenti segreti inglesi che vengono inviati in Italia da un potente magnate per verificare la lettera appena inviata. I due agenti attraversano mari e fiumi, arrivando in valle Staffora per verificare l eventuale presenza di Edoardo II. Il romanzo, scritto in inglese, è una sorta di invito al mondo a scoprire la cultura e i paesaggi di questi luoghi. Per più di 100 anni gli storici del passato non avevano approfittato dell Archivio Malaspina, ma adesso recuperemo il tempo perduto. A SALICE TERME Festa dei cori il 21 giugno Grande festa venerdì 21 giugno con i cori che si esibiranno presso l Auditorium Eugenio Diviani in Via Damiano Chiesa a Salice Terme. Si tratta in sostanza della Festa della Musica e Premio Antonio Cagnoni, seconda edizione. Interverranno i cori Amici della Montagna ; Armonia e Comolpa diretto da Eraldo Pedemonti. Nel programma della serata ci sono canti popolari della montagna. Per l occasione il Premio Antonio Cagnoni sarà assegnato al Maestro professore Ennio Poggi. La manifestazione si terrà alle ore 21 e l ingresso è libero. Il 21 Giugno di ogni anno ricorre la Festa Europea della Musica ; il Comolpa, lo scorso anno, ha lanciato l iniziativa di un Concerto a più Cori, da tenersi lo stesso giorno della ricorrenza. D accordo con il Comune di Godiasco Salice Terme, all iniziativa è stato abbinato il Premio Antonio Cagnoni, da assegnare ad un musicista, possibilmente della nostra provincia, che abbia dato particolare lustro alla musica in uno o più dei suoi vari aspetti. E quest anno appunto il premio sarà assegnato al maestro Ennio Poggi.

13 il Periodico 13 PARLA IL CAPOGRUPPO CONSILIARE SIMONA VIRGILIO Tribunale di Voghera: scende in campo il Pdl contro la chiusura di Andrea Pestoni Abbiamo lottato e continueremo a farlo per opporci alla chiusura del Tribunale di Voghera, un presidio giudiziario strategico non solo per la nostra Città ma per tutto l Oltrepo Pavese. Simona Virgilio, capogruppo consiliare del Pdl in Comune a Voghera e di professione avvocato, è tra quelli che ha più a cuore le sorti del tribunale di Voghera. Durante l ultimo consiglio comunale abbiamo anche approvato un Ordine del Giorno, che è stato trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Giustizia, al Vice Presidente del Csm ed ai componenti delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato prosegue la Virgilio Il contenuto del documento ribadisce in pratica la volontà, già espressa più volte in passato, di fondere e accorpare le funzioni dei tribunali di Voghera e Tortona. Questa ipotesi consentirebbe tra l altro di attuare quella riduzione dei costi prevista originariamente dal decreto ministeriale. Inoltre anche l Anci ha preso posizione in merito alla revisione della geografia giudiziaria chiedendo al Governo una sospensione del provvedimento approvato Simona Virgilio VOGHERA per un generale ripensamento dell intera organizzazione del servizio, soprattutto per non creare disagi alla cittadinanza ed alle imprese. Il capogruppo del Pdl Simona Virgilio sposta poi la questione anche su un piano meramente politico. Recentemente la nostra ex Azienda Municipalizzata, l Asm, attraverso un operazione industriale molto importante, ha acquisito l Asmt Tortona conclude Simona Virgilio Questo testimonia un ulteriore sinergia tra i nostri territori, che potrebbe trovare in campo giudiziario un altra importante collaborazione decisiva per la salvaguardia e il rilancio del nostro territorio. In passato Simona Virgilio aveva anche evidenziato le negatività derivanti dall accorpamento del tribunale di Voghera a quello di Pavia che, oltre a creare parecchi disagi ai professionisti ed agli utenti di Voghera e dell Oltrepo pavese, alla fine comporterà di fatto un aggravio di spesa anziché un risparmio come si proponeva la norma.

14 il Periodico 14

15 il Periodico 15 INTERVISTA AL SEGRETARIO SEL DI VOGHERA, GIULIO TORLASCHI La città di Voghera ha bisogno di più luoghi di aggregazione di Gianluca Giaconia prendiamo come esempio la linea guida dei progetti nazionali legati all ambiente e al lavoro principalmente. Altri aspetti da segnalare all interno della città di Voghera? A Voghera, come dicevo prima, mancano dei luoghi di aggregazione, aspetto abbastanza significativo in una città di oltre abitanti. Molte persone provenienti da altre zone mi hanno segnalato come, secondo loro, ci sia il coprifuoco ad una certa ora della sera. Vogliamo valorizzare il centro e diminuire il degrado di alcune zone vicine ad esso, in grado anche di essere il punto di riferimento cittadino. Siamo pieni di proposte interessanti e siamo quindi soddisfatti del lavoro che sta per iniziare. In quest ottica, parlando quindi di momenti di aggregazione, come giudichi l ultima Ascensione? L Ascensione dimostra il potenziale attrattivo a disposizione delle persone provenienti dalle zone limitrofe, inoltre può contare sul fatto di essere una delle fiere più antiche in Italia. Voghera, con la Sensia, dimostra di lavorare bene nell ottica di accogliere le persone provenienti dalle città gemellate all estero, quindi merita in sostanza uno sviluppo sociale e culturale maggiore rispetto a quello attuale. Le qualità ci sono a mio avviso, inoltre Voghera si affaccia su una zona di forte vocazione agricola e turistica, con importanti luoghi di attrazione, su tutti la valle Staffora. Cosa ne pensi del lavoro che sta svolgendo il partito a livello nazionale? L obiettivo di Sel non è il partito, ma la partita. La nostra allenza con il Pd è stata collaborativa e costruttiva e il problema si è riscontrato nelle ultime elezioni, che hanno lasciato il paese per quasi due mesi senza governo. L obiettivo del cambiamento, posto assieme ai democratici, non ha avuto successo per la mancata alleanza del M5S, che ha voluto pro- VOGHERA Da sinistra a destra Simone Boroni, Giulio Torlaschi e Cristiano Zamboni In questi giorni abbiamo incontrato il segretario di SEL (Sinistra Ecologia Libertà) della sezione di Voghera, Giulio Torlaschi. Il giovane studente universitario ha illustrato in quest intervista i programmi, da intraprendere sul territorio, del proprio partito, capeggiato a livello nazionale da Richi Vendola. Non sono mancati inoltre i pareri riguardanti l ultima fiera dell Ascensione e sulle eventuali carenze della città di Voghera. Con che intento ti sei avvicinato al mondo della politica? Sono stato sempre legato al Centro Sinistra, ma non mi ritenevo soddisfatto per ciò che stava combinando il Partito Democratico. Quando ho visto i primi risultati positivi conseguiti da Sel, ho deciso di appoggiare questo partito, a mio avviso in grado di riportare la sinistra nello scenario politico italiano principale. Una sinistra più costruttiva, che collabora parec- chio per la crescita collettiva. Sono rimasto soddisfatto dalle campagne elettorali intraprese nel 2011 dai nuovi sindaci eletti, Pisapia e Zedda, a Milano e Cagliari e ho visitato in modo accurato il sito di Sel per conoscere bene i programmi del partito, che mi hanno portato al termine del 2011 all iscrizione. Quali sono i membri del partito a Voghera? Oltre a me, ci sono Cristiano Zamboni e Simone Boroni, membri della segreteria, poi Ezio Stella, coordinatore provinciale Sel Pavia e anche Sindaco di Casei Gerola e Ornella Moro, anche lei coordinatore provinciale e volto assai noto in zona per la battaglia contro la realizzazione dell autostrada Broni - Mortara. Come si sta muovendo il partito all interno del territorio? Dobbiamo puntare su progetti interessanti per la città di Voghera, da molti abitanti considerata priva di luoghi di aggregazione, infatti vorremo renderla più vivibile creando più punti di ritrovo per i giovani. Con i nostri iscritti quindi stiamo cercando di sviluppare parecchi programmi, a cominciare dalla partecipazione a tutte le vertenze sul lavoro, con i casi della Brasilia ad esempio e di altre aziende in crisi, che mettono in pericolo anche la posizione degli attuali occupati. Vogliamo inoltre limitare ulteriormente il gioco d azzardo, fenomeno che nella nostra provincia registra la più alta percentuale di frequentatori; siamo quindi vicini alle associazioni che si battono per affrontare questi problemi. Sel è un partito antifascista, per questo vogliamo batterci per la rimozione della targa presente nel castello in onore dei sei caduti fascisti nel E secondo noi un offesa inerente al periodo della resistenza, la quale ha portato numerose vittime all interno dei partigiani; cerchiamo quindi di portare avanti questa rimozione, voluta anche dall Anpi. Il nostro è un programma modellato sulle esigenze del territorio e seguire per la propria strada. In occasione dell elezione del Presidente della Repubblica, Sel ha voluto portare avanti coraggiosamente la candidatura di Stefano Rodotà, indivuando in lui una figura più volta verso una grande coalizione. Purtroppo la vicenda dei 101 franchi tiratori ha portato alla nomina di Napolitano, soluzione opposta chiaramente alla proposta di Sel. Ci troviamo quindi nella situazione di riaprire il campo della Sinistra, aperto a tutti i soggetti, che ci ha portati alla manifestazione l 11 giugno a Roma intitolata La cosa giusta perchè secondo noi il Pd, principale partito del Centro Sinistra, sta pagando con la sua credibilità la futura campagna elettorale al Pdl e al suo leader Silvio Berlusconi. Sono d accordo con la linea intrapresa a livello nazionale dal partito, che si è dimostrato leale, e mi posso ritenere soddisfatto nell aver concesso una figura istituzionale, il Presidente della Camera, come Laura Boldrini. Sono anche soddisfatto della linea di non alleanza con questo governo, che secondo noi va contro l idea di cambiamento in Italia, infatti siamo contrari alle larghe intese. Cosa ti senti di dire in conclusione? Il nostro circolo è aperto a tutti gli interessati e ai simpatizzanti di Sel che vogliono un cambiamento, anche qui a Voghera, la quale può e deve essere migliorata. Costituiamo un riferimento all area dell Oltrepo occidentale e della valle Staffora, quindi ci piacerebbe collaborare per sviluppare proposte in grado di valorizzare il territorio sulle varie questioni e le problematiche locali. Aggiungo che Sel ha confermato la sua adesione al Pse (Partito Socialista Europeo), gruppo del parlamento in grado di aggregare i partiti della Sinistra e Centro Sinistra di tutta Europa. Sel ribadisce la sua determinazione nell avere in Italia una sinistra di governo e di cambiamento con tutte le forze presenti all interno che lottano per lo stesso obiettivo.

16 il Periodico 16 IL SEGRETARIO USCENTE DEI GIOVANI DEL PD SPIEGA I PROGETTI DEL CIRCOLO VOGHERA Zanellati: Il Pd ha bisogno di andare oltre al correntismo, anche a Voghera di Ilaria Ricotti Matteo Zanellati Matteo Zanellati è il segretario dei Giovani del Pd di Voghera. In vista della nuova campagna di tesseramento 2013 e dell elezione del nuovo segretario del circolo, gli abbiamo fatto qualche domanda su come vanno le cose nel partito e più in particolare a Voghera. Come sta andando il tesseramento dopo la prima giornata utile? Beh i primi numeri per lo meno confermano i tesserati dell anno Comprendo che lo scoramento generale dovuto dal risultato delle elezioni dello scorso febbraio e la conseguente forzata alleanza con il Pdl, non ha sicuramente giovato ad aumentare il numero di ragazzi nella giovanile democratica. Certo, abbiamo da qualche tempo a questa parte incominciato un percorso nuovo che ci porterà alla fase congressuale del Pd, con un preciso obiettivo. Reale rinnovamento. Nello specifico vorrei far passare due messaggi; uno è che non sia necessario iscriversi ai Gd per poterne fare parte, infatti siamo sempre pronti a ricevere idee e proposte da sviluppare e discutere soprattutto per quel che riguarda la città di Voghera e due è che il progetto al quale stiamo lavorando parte dalla base senza pensare di risolvere i problemi nazionali o altro. C è una città agonizzante che sta morendo, il primo obiettivo è suscitare speranze nei concittadini e riportare Voghera ad un livello di decenza quanto meno sufficiente. Ci sarà anche l elezione del nuovo segretario del circolo: qualche riflessione a riguardo? Nei quasi due anni di attività politica dei Gd Voghera abbiamo avuto modo di affrontare diversi temi e di farci conoscere dai nostri avversari politici, fino ad arrivare anche ad alcuni scontri con esponenti della maggioranza ma anche con i nostri pari grado del Pdl. Il nuovo segretario di circolo spero possa continuare nel lavoro svolto finora andando a migliorare quegli aspetti che, per svariati motivi, non sono riuscito ad elaborare durante la mia gestione. In particolare spero che si possano intensificare gli incontri e per quanto mi riguarda ho già dato la mia piena disponibilità a fare da anello di raccordo tra il circolo Pd Voghera ed i Gd Voghera. Ad oggi non sarebbe mia intenzione candidarmi a segretario del Pd a Voghera, guardo oltre, con un altro obiettivo. Le prossime elezioni comunali, che a meno di eventuali imprevisti, saranno nel Lei fa parte della nuova generazione del Pd: che cosa bisognerebbe fare e cambiare all interno del partito, anche dopo le sconfitte degli ultimi mesi? All interno del partito a livello nazionale bisogna eliminare il correntismo questo è sicuro. Da vent anni a questa parte abbiamo avuto a che fare con un Berlusconismo plurale che nel corso del tempo è andato via via peggiorando infiltrandosi per qualche strano motivo anche all interno di quel progetto chiamato Pd. Ne è la naturale conseguenza la mancata elezione a Presidente della Repubblica del presidente Prodi. Ad oggi viene chiesta una commissione di garanzia per sapere chi sono quei 101 traditori che hanno votato contro la sue elezione. E mi si trova d accordo su questo. Non mi trova d accordo il fatto che, se così fosse, questi verrebbero cacciati. Piuttosto bisognerebbe capire a quale corrente all interno del partito fanno capo e mettere alla porta il cosiddetto mandante di questo tiro mancino diciamo. Questo è il correntismo da eliminare. Il correntismo che si fa sentire anche e soprattutto nei circoli locali e che hanno influenze pesantissime all interno dei gruppi di lavoro Pd. Voghera compresa. Non si può pensare di partire a priori pensando di lavorare solo con una parte del partito, se cosi fosse si inizierebbe con il piede sbagliato. Condivido quello detto da Matteo Renzi in un intervista degli ultimi giorni. La parola rottamazione, in questo momento e in un partito di centro sinistra, nel quale sono presenti ancora personaggi troppo influenti, è una parola sbagliata. Mi auguro davvero che in futuro la figura di segretario e candidato possano essere ben definite e distinte tra loro, sia che si tratti di elezioni politiche, sia che si tratti di elezioni amministrative. Parlando di Voghera: quali sono le sfide e i problemi? Da un po di tempo ho pensato davvero che Voghera è in un baratro. Nonostante l acronimo non ha portato risultati eccelsi, credo che il nome scelto per il progetto da portare avanti sulla nostra città sia però molto chiaro: #vogherabenecomune. Per dimensione Voghera dovrebbe essere la capitale dell Oltrepò; al contrario dal 2000 ad oggi vi è stato solo un lento ed inesorabile declino che ha portato a tutti i problemi che sono palesi. E non voglio parlare sempre e solo dei soliti problemi, come per esempio la mancata vendita di immobili comunali, i bilanci estremamente negativi dell ASP Pezzani, o le scelte molto discutibili di viabilità che sono state prese. I problemi sono tutti uguali perchè appunto problemi. E per questo devono cercare di essere risolti. Abbiamo un primo cittadino che non ha la benchè minima idea della situazione dell ospedale cittadino, dello stato di degrado di scuole o strade centrali e di periferia, parchi pubblici senza cura, un assente politica pratica nelle infrastrutture per i diversamente abili, una situazione di decoro di alcuni punti della nostra città indecente, per non esagerare. E potrei stare a fare un elenco chilometrico. Ora basta, e perchè questo basta diventi reale, ho, anzi abbiamo, bisogno del supporto di tutti. Certo non posso pensare che il 100% dei cittadini la pensino come noi, ma ricordo che nel 2010 un terzo della popolazione Vogherese non votò. Innanzitutto bisogna recuperare quelle persone che nelle istituzioni hanno perso la fiducia e pensano che non votando possano cambiare le cose. In realtà è l esatto contrario. Su cosa si orientano i Giovani del Pd per quanto riguarda i progetti futuri? Nei prossimi mesi dovremo organizzare ottimamente la preparazione del congresso cittadino, coinvolgendo tesserati, militanti o i semplici simpatizzanti. Dobbiamo ripartire da quelle 1500 persone che hanno partecipato alle primarie di novembre e dicembre E da li cooperare con tutti quelli che parteciperanno al congresso, informando sempre tutti su tutti gli argomenti che andremo a trattare. Siamo nell era della tecnologia e mi pare assurdo che non ci sia il modo di informare per tempo quelle persone che non solo vogliono partecipare alla vita del partito, ma anche rendere effettive le loro idee e proposte per la città. La collaborazione tra Pd e Gd potrebbe sfociare anche nell assegnare alcuni ruoli all interno del prossimo coordinamento cittadino. Difatti proporremo che ad affiancare il prossimo segretario del Pd, ci siano le figure di vice segretario, responsabile della comunicazione e dell organizzazione. Abbiamo già informato la segretaria del Pd Voghera che è nostra intenzione organizzare degli incontri territoriali almeno tra i quartieri cittadini, accogliendo le proposte di ogni singolo cittadino se fosse necessario. Discuterne e di conseguenza stilare un programma elettorale pienamente condiviso tra tutti è questo l obiettivo. Ad agosto inoltre, ricordo fin da ora, che vi sarà come ogni anno la festa democratica unica e reale fonte di sostentamento per il circolo di Voghera del Pd, e come qualche anno a questa parte, daremo un aiuto nello svolgimento della stessa. DAL 20 GIUGNO Danzando sotto le stelle A partire dal 20 giugno fino al 18 luglio a Voghera in piazza Duomo si terrà la kermesse Danzando sotto le stelle. I due appuntamenti di giugno saranno giovedì 20 e 27 e vedranno l esibizione di alcune scuole di ballo cittadine, che allieteranno gli spettatori con balli e musica. L evento, organizzato dall assessorato alla cultura, si terrà nella cornice di piazza Duomo e continuerà anche nel mese di luglio.

17 il Periodico 17 LE NOSTRE HOSTESS HANNO DISTRIBUITO IL GIORNALE Il Periodico News protagonista alla 631esima Fiera dell Ascensione Il taglio del nastro (foto agenziacreativamente.it) Tra gli stand della Fiera di Voghera di Alessandro Disperati Grande successo anche quest anno per la 631esima edizione della Fiera dell Ascensione di Voghera. Non c è Sensia senza pioggia... e puntuale, anche in questa edizione, è scesa a bagnare Voghera nel giorno dell Ascensione e nella tarda serata di Sabato. Ma le migliaia di persone intervenute in Fiera non si sono certo lasciate intimidire da un po di maltempo, anzi... quest anno, ancor più che in passato, i vogheresi e i numerosi turisti hanno dimostrato di gradire la nuova formula della Sensia organizzata dal Comune. Sono stati tre intensi giorni di concerti, mostre, bancarelle, luna park, mercato dell antiquariato, area motori, fiera agricola e spazi per i bimbi. Affollate anche le aperture straordinarie del Museo di Scienze Naturali, il Museo Storico e Casa Gallini, oltre all immancabile Fiera Agricola, il convegno curato dall Assessorato ai Lavori Pubblici Progettare senza barriere, la mostra Sguardi oltre il muro presso i portici della Biblioteca, la mostra dei dipinti e delle fotografie della Casa Circondariale di Voghera: per l occasione erano presenti il Direttore della Casa Circondariale di Voghera Maria Gabriella Lusi e il Provveditore Regionale all Amministrazione Penitenziaria Aldo Fabozzi. In Castello Visconteo, invece, continua sino a Giugno la mostra Il paesaggio, l uomo, il lavoro: orizzonti di pianura lombarda immagini di 11 grandi fotografi, per iniziativa dell Assessorato alla Cultura e di Confindustria Voghera. Antonella e Magda, le nostre hosess Jessica e Antonella, le nostre hosess VOGHERA Tra gli stand della Fiera di Voghera Il luna park Sara e Gemma, le nostre hostess Tra gli stand della Fiera di Voghera Le bancarelle Tra gli stand della Fiera di Voghera La Fiera di Voghera Tra gli stand della Fiera di Voghera Tra gli stand della Fiera di Voghera

18 il Periodico 18

19 il Periodico 19 L ASSESSORE FIOCCHI PARLA DELLA MODIFICA AL REGOLAMENTO ISEe La nostra proposta è per garantire l equità tra italiani e cittadini stranieri di Ilaria Ricotti Giuseppe Fiocchi è assessore alle politiche sociali, al lavoro e all occupazione del comune di Voghera. Un assessorato di primaria importanza ora come ora, che ha fatto particolarmente discutere per la proposta di cambiare il regolamento Isee, ovvero i requisiti per beneficiare degli aiuti economici offerti dal Comune. In questa intervista abbiamo chiesto all assessore di spiegarci la proposta che ha portato avanti e partendo da questo, perché ritiene che sia una misura legittima. In che cosa consiste la modifica del regolamento Isee che tanto ha fatto discutere? Si tratta di una modifica del regolamento che assegna buoni pasto oppure il pagamento delle bollette alle famiglie o agli individui che ne hanno un bisogno. È una stessa cifra che può essere destinata appunto o ai buoni pasto o al pagamento delle bollette della casa. Questi 5000 euro messi a disposizione sono assegnati in base alle dichiarazioni che vengono fatte da chi ne presenta richiesta, che deve appunto rendere nota la propria situazione finanziaria attraverso un autocertificazione. Quello che ci ha lasciato un po perplessi e che ci ha portato a chiederne una modifica è il fatto che mentre per gli italiani la guardia di finanza può svolgere dei controlli su conti correnti, beni immobili e non con facilità, per gli extra comunitari questo tipo di controlli non è possibile. Rappresenta quindi una discriminazione perché non si è sicuri se in patria queste persone possiedano davvero quello che dichiarano al comune oppure no. In questi tempi difficili poi bisogna cercare di stare il più attenti possibile a dove finiscono i già pochi finanziamenti che il comune può concedere. Abbiamo chiesto quindi che l ambasciata del paese d origine delle persone extra comunitarie rilasci un attestazione d origine con la dichiarazione di quali beni mobili ed immobili possieda nel paese estero il soggetto. In seguito a questa attestazione si può fare richiesta senza problemi al finanziamento quindi Si certo, il fatto che abbiamo prescritto questo con- trollo non è preclusivo poi all ottenimento del finanziamento, è anzi un modo per far sì che i criteri siano più equi. Perché le persone di nazionalità italiana devono essere sottoposte ad un controllo pratico della finanza mentre un extra comunitario può semplicemente svolgere un auto certificazione? Non mi sembra un ragionamento difficile da comprendere e capire. Oltretutto è una procedura che si trova anche in un decreto regio del Presidente della Repubblica del Quindi cosa risponderebbe a chi ha tacciato questa modifica come razzista (basandosi anche sul fatto che lei appartiene alla Lega Nord)? Le ripeto, gli italiani hanno già da diversi anni il controllo della finanza, che invece per gli extra comunitari non c è. La nostra proposta è un modo di equiparare la situazione, visto anche il periodo molto difficile in cui ci troviamo ad operare. Chi parla di razzismo forse non conosce bene le procedure e non riesce così a comprendere che è una modifica del tutto legittima, che anzi porterà ad assegnare i VOGHERA finanziamenti in modo più efficiente e soprattutto a chi ne ha davvero bisogno. Anche perché gli extracomunitari non vengono esclusi dalla possibilità di ottenere i soldi, devono solo documentare la loro situazione di reale bisogno. Il suo assessorato sta lavorando anche a qualche altra proposta? Non possiamo dare il via a progetti che richiedano delle spese per la loro attuazione vista la situazione econo- mica, stiamo però guardando al problema degli sfratti, una questione di fondamentale importanza non solo a livello locale, ma anche a livello nazionale. Organizzeremo quindi una commissione per trattare questo problema. Ci sono poi varie proposte come il piano straordinario di finanziamento delle case popolari, che consisterebbe in un anticipo dato a chi riesce a fare un nuovo contratto di locazione. Per chi è sfrattato è un aiuto per pagare il nuovo affitto. Vorremmo anche riuscire a consentire a chi è in graduatoria per l assegnamento di un appartamento di avere l appartamento con una deduzione sui canoni come le bollette. È una cosa di cui si sta parlando per una convenzione da fare con chi assegna gli alloggi. All inizio di maggio si è svolta la 631esima Fiera dell Ascensione, che lei ha organizzato nelle ultime edizioni. Come ha trovato la manifestazione di quest anno? Rimane sempre una manifestazione riuscita bene per la città. Già l anno scorso è stata orientata verso i prodotti tipici, non avevamo accettato nessun espositore al di fuori del territorio. La Fiera di quest anno è andata a sua volta in questa direzione in modo ancora più marcato in vista dell Expo Inoltre poi ha beneficiato del bel tempo, cosa che non si può dire degli ultimi due anni in cui ha piovuto. È stato un buon risultato in linea con l orientamento dell amministrazione e sulle basi di quello che è stato costruito negli anni precedenti.

20 il Periodico 20 UN CONVEGNO A LIVELLO NAZIONALE ORGANIZZATO A VOGHERA VOGHERA Condomini: ecco come cambiano le regole grazie ad un nuova norma di Gemma del Conte Alcune fasi del convegno condominiali, al quale lo stesso Marcello Foresta ha partecipato, ci si è resi conto del vuoto della comunicazione, dei contenuti della riforma e sui futuri canoni della gestione immobiliare per cui abbiamo ritenuto opportuno fare questo convegno. A suo avviso, quali sono tre aspetti positivi? Uno fra tutti a mio parere è che la nuova riforma Lo scorso 25 Maggio nella sala del Museo Storico di Voghera si è tenuto il convegno per discutere della nuove direttive riguardanti il regolamento condominiale e tutte le disposizioni relative al comportamento che gli stessi amministratori e condomini dovranno tenere. Le nuova direttive vanno a modificare le precedenti dall articolo 1100 al 1139 ed entre- ranno in vigore a partire dal prossimo 18 giugno. Questa è una data e un risultato storico in quanto sono più di settant anni che le leggi relative alla disciplina condominiale non venivano modificate, nonostante i numerosi cambiamenti storici, della società e del modo di vivere delle famiglie. Il convegno, organizzato per la prima volta a Voghera, è stato fortemente voluto dalla Nuovacondominio s.a.s vista proprio l importanza del momento e delle molte novità che la stessa norma contiene. A presiedere la conferenza erano presenti il geometra Marcello Foresta, direttore della filiale della Nuovacondominio di Voghera, il professore Ivan Giordano direttore dell ICAF e artefice della proposta di legge, insieme a Mario Tocci, in materia di introduzione di crediti professionalizzanti, e il dottore Leonardo Barella che a tal proposito spiega: La necessità di questo incontro nasce dalla riforma del condominio che entrerà in vigore il 18 giugno prossimo e l incontro nasce proprio dall iniziativa del geometra Foresta che ha fatto questa conferenza per informare la città con l obiettivo di diffondere la cultura della corretta gestione condominiale e noi abbiamo accolto felicemente questo invito ad intervenire. Il pomeriggio si è aperto coon una serie di interventi introduttivi che hanno visto partecipi il sindaco Carlo Barbieri, il vicesindaco, l assessore Giuseppe Carbone, il consigliere Danilo Mietta. Tra il pubblico anche Gianfranco Daprada, Ettore Filippi con una platea molto variegata, composta da amministratori condominiali, condomini, imprenditori, studi legali e mediatori provenienti anche da zone del milanese. Relatore principale della giornata è stato il professore Ivan Giordano che ha spiegato accuratamente tutti i punti salienti delle modifiche apportate all articolo e proprio a questo riguardo lo abbiamo intervistato. Nell ambito dei regolamenti di condominio e delle relative problematiche lei è una persona di spicco. Qual è l azienda per cui lavora, qual è il suo ruolo e da quanto svolge questo impego? Io sono il presidente del CDA e cofondatore di ICAF, L Istituto di conciliazione e Alta Formazione, che ha sede a Milano in via Copernico 30, le cui attività principali sono la mediazione civile, la revisione condominiale e la gestione di contabilità condominiale per conto di terzi qual ora l amministratore di condominio non ritenga di avere le capacità contabili avendo magari avuto un altra formazione o facendo altri lavori. Io mi occupo di questo campo dal 99 e la mia produzione scientifica è iniziata nel 2007 per Maggioli Editore. Generalmente opero nel privato, ma saltuariamente faccio anche attività di consulenza per enti pubblici come la Regione Lombardia. Come mai la riunione è stato deciso di farla a Voghera? Nell ambito di un percorso formativo per revisori ha un occhio alla tutela del patrimonio degli amministrati, l elevazione della figura professionale dell amministratore che inevitabilmente necessita di una formazione non solo iniziale ma anche continuativa. La trasparenza sotto il profilo economico-reddituale e sotto il profilo finanziario e patrimoniale in quanto fino ad oggi si era abituati a vedere l amministrazione come un momento di ripartizione delle spese e non come un opportunità per valorizzare il patrimonio. A suo avviso quali sono, invece, gli aspetti negativi? Come sempre nella fase di introduzione di una nuova norma è più facile individuare degli aspetti negativi e per me il primo elemento è la non istituzione di un elenco di amministratori che possa in qualche modo rappresentare lo strumento per selezionarne i requisiti in quanto mancano gli organi di controllo. Un altro credo che riguardi l aspetto prettamente contabile, ed è il fatto che il legislatore abbia previsto una serie di obblighi, in capo all amministratore, troppo generici con la dicitura indicare ogni altra informazione patrimoniale quindi senza specificare i contenuti, ma in maniera eccessivamente generica ponendo così l amministratore nella condizione di fare un lavoro sopraffino se vuole essere chiaro ed esaustivo, oppure un lavoro più superficiale, ma senza indicarne il limite, assoggettandolo a dei rischi. Vista la sua esperienza in materia, ci può dare un opinione generale sulla nuova direttiva? Sinceramente sono molto felice che si sia arrivati ad una norma, sia con aspetti negativi che positivi e io vivo questo momento molto serenamente anche se bisognerà intervenire per migliorarla. Col dott.re Leonardo Barella siamo arrivati poi a studiare, insieme a un gruppo di studiosi professionisti, la parte vuota e negativa della riforma, ovvero che viene indicato un revisore e non vengono date chiare linee guida dell operato del revisore e questo è una delle linee da perseguire nel nostro lavoro. VOGHERA PIANGE IL PRESIDENTE DELL AUSER L addio all ex assessore Giannino Legora di Alessandro Disperati Il mondo del volontariato e la città di Voghera sono in lutto: è morto a 77 anni, dopo una lunga malattia, Giannino Legora, consigliere comunale comunista e assessore delle giunte rosse guidate da Italo Betto ed Ernesto Gardella, e poi in quelle anomale Dc-Pci di inizio anni Novanta con a capo Alberto Gatti e Paolo Affronti. Lascia la moglie Anna e le figlie Daniela e Laura. Dopo aver lasciato l impegno politico attivo, Legora, insieme al fratello Enrico, si era impegnato nel sociale, fondando e dirigendo il centro Auser di via Famiglia Cignoli, di cui era tuttora presidente. Ferroviere in pensione, aveva lavorato come elettricista all Officina grandi riparazioni di via Lomellina. Da sempre molto attivo, nel mondo politico e del sociale, Giannino Legora, lascia un vuoto incolmabile. La redazione de Il Periodico News si stringe attorno ai familiari in questo triste momento.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli