FINALMENTE TROVANO CASA... AL CIMITERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINALMENTE TROVANO CASA... AL CIMITERO"

Transcript

1 Anno V n 2 febbraio 2014 Dir. Resp. Rocco Toma FINALMENTE TROVANO CASA... AL CIMITERO Pagliara a pag. 5

2 Le novità video riservate agli sposi per il 2014 Bruno Toma Fotografi specializzati in fotografia di matrimonio BRUNO TOMA Via N. Ferramosca, 84 Maglie Tel

3 Peggio della Legge Truffa di Cosimo Giannuzzi Dall accordo extraparlamentare fra Renzi e Berlusconi è nata la proposta di legge elettorale denominata Italicum e battezzata brillantemente da Vendola Caimanum. L Italicum dovrebbe sostituire il Porcellum, l attuale legge elettorale in vigore da quasi un decennio, ancora oggi oggetto di ilarità ma cancellata dalla Corte Costituzionale per una serie di ragioni di legittimità. Tuttavia molte di queste ragioni sono state ignorate e si ritrovano nell attuale proposta di legge, in particolare la soglia di sbarramento per l ingresso in Parlamento e la rappresentanza degli eletti. Se passasse questa legge senza sostanziali modifiche avremmo una replica della famigerata legge Acerbo voluta per soffocare le minoranze negli anni 20 da Errata Corrige Mussolini e negli anni 50 dalla D.C. La legge Truffa della DC voleva assicurare una maggioranza parlamentare ottenuta con un premio di maggioranza al partito o ai partiti coalizzati che avessero raggiunto il 50% dei votanti. Rispetto all Italicum che fissa al 37% la soglia minima per assegnare il premio di m a g g i o - ranza, la l e g g e Truffa si r i v e l a oggi una legge rag i o n e - vole e o n e s t a, anzi dovrebbe cambiare denominazione. In realtà l unica via d uscita per l Italia rimane sempre il sistema proporzionale perché fotografa effettivamente la realtà del Paese, non stravolge la volontà degli elettori con premi irrispettosi, impedisce l elezione di candidati non imposti dalle segreterie dei partiti, non crea sbarramenti privi di un criterio di democraticità. Ma il proporzionale è sempre stato avversato. Non è giusto invocare la governabilità perché nessuna delle teste pensanti ha mai invocato la sfiducia costruttiva, l unica via d uscita dall empasse che avrebbe portato ad una stabilità, lungi dalle fibrillazioni dei governi di questi anni privi di una bussola per orientarsi nella politica che intendevano praticare. Uno Stato è democratico se consente ad ogni cittadino di esprimersi e di essere rappresentato negli organismi istituzionali. Se questo non avviene perché una maggioranza vuole impedire che questo diritto sia esercitato allora si è di fronte ad un sopruso. Dopo fiumi di inchiostro per l analisi delle regole che consentissero una vera rappresentanza ci si dovrà confrontare con un sistema elettorale che non prevede il voto di preferenza. La proposta del nuovo sistema La mappazza elettorale non prevede inoltre il dimezzamento dei rappresentanti in Parlamento e il dimezzamento degli stipendi ai parlamentari, anch essi argomenti molto dibattuti in questi anni. Resta da verificare se la proposta dell abolizione del Senato e dell ordinamento costituzionale delle Regioni restino in piedi o siano anch essi argomenti dagli esiti poco probabili. Siamo stati governati per un decennio da rappresentanti nominati e privi di una investitura popolare. Bastava essere compiacente con il capo del partito per ottenere l investitura. La legge elettorale che si sta delineando è peggiore del Porcellum. Quanti anni ci vorranno per l intervento della Corte Costituzionale che la dichiari incostituzionale? In sintesi questa legge che vorrebbero approvare cancellerà tutti i piccoli partiti ma non quel partito razzista (la Lega) che ha reso difficile sul piano sociale la convivenza con altri esseri umani e che sostiene la secessione delle regioni settentrionali, un partito verso il quale è stato previsto un trattamento di favore. Questo è il capolavoro rivendicato da Berlusconi e Renzi. Ma non è detto che vivrà fino alla sua approvazione perché siamo abituati ai capricci di un signore, ancora a piede libero che fa il bello e cattivo tempo. Sullo scorso numero di gennaio abbiamo riportato la notizia sull interessamento del Consigliere regionale Aurelio Gianfreda in merito all elettrificazione della rete ferroviaria del Sud-Est con i fondi della programmazione regionale Pensavamo che ammodernamento della rete ferroviaria significasse elettrificazione. Così non è. Con i fondi della programmazione regionale si è provveduto all ammodernamento della rete ferroviaria del Sud-Est rendendola più veloce. Ci scusiamo con il consigliere regionale Aurelio Gianfreda e con i lettori. La Sinistra geneticamente modificata di Renzi ha imparato in fretta i trucchi della vecchia politica ed in particolare quello di agitare l'abusato refrain che "le cose che interessano la gente non sono queste" quando non si vuole dare risposta ad una domanda o assumersi la responsabilità di una scelta. Così si liquida il problema di un rimpasto del governo con lo slogan che "i rimpasti sono cose da prima Repubblica e... Dio ce ne liberi, non vogliamo neanche pronunciare quella parola, perchè le cose che interessano la gente sono altre". Tutto ciò, però, appare in contraddizione con la sistematica attività di destabilizzazione sul Governo che il nuovo segretario del Pd ha messo in atto dal momento della sua elezione, andando a fare le pulci, giustamente o meno, a più di un titolare dei vari dicasteri. Ebbene, in una qualsiasi azienda, se un manager o un alto funzionario non sono all'altezza, vanno immediatamente sostituiti. Tanto più, lo si dovrebbe fare in un Esecutivo che deve governare un Paese. Ergo, visto che i Renziani sono tutti giovani, belli, efficienti, trasparenti e capaci, perchè non entrare nel Governo e rimettere le cose a posto? Quanto poi all'asserzione di non essere ossessionato dalla data delle elezioni, ma dal fatto che il Governo debba fare le cose e, se le fa, può governare senza limiti, perchè anteporre la legge elettorale alle altre riforme? Un governo c'è e la legislatura dura fino al 2018, non è vero che alla gente interessano le cose concrete e non i tecnicismi? Allora facciamo prima le riforme, per la legge elettorale c'è tutto il tempo. Troppo comodo fare il Gianburrasca al solo scopo di prepararsi il terreno più adatto e chiamarsi fuori dai problemi. Il Paese ha bisogno d'altro. Massimo Barbano Città Futura Direttore Responsabile Rocco Toma Registro Tribunale di Lecce n 1068 del 15/09/2010 Redazione: Vicinale S. Rocco s.n Melpignano Editore: RT Studio Vicinale S. Rocco s.n Melpignano Stampa: AGF ARTICA Srl Via Malta, 186 Muro Leccese L urlo dell anima di Tebe Toma Mentre canti, un urlo spezza la tua voce. La casa è deserta. - Non sono solo - pensi. Certo. E' la tua anima che a volte ha voglia di gridare più di te. pag. 3

4 Maglie, i dati indicano una città in forte declino LA CITTÀ MUORE di Antonio Giannuzzi Ogni volta che inizia un nuovo anno, viene naturale guardarsi indietro, per capire cosa abbiamo lasciato e cosa effettivamente è successo nell anno trascorso, proprio per porre riparo, se possibile, agli errori, alle inefficienze o ai numeri, stabilizzati, che danno la vera lettura di ciò che è stato. Un bilancio, insomma, che, come per ogni settore, viene posto a base di tutti i progetti. In questa occasione, non si vuole esaminare il vero bilancio della nostra amministrazione, in quanto, i dati generali, tutte le cifre, non sono ancora disponibili, né assemblati in Pag. 4 Grafico della popolazione residente modo da poter consentire una lettura concreta di un consuntivo, per cui, volendo capire dove stiamo andando, non possiamo fare altro che esaminare solo gli effetti prodotti, dai tanti fattori che costituiscono il vero bilancio d esercizio. Tra gli effetti, che i tanti dati hanno prodotto, quello di più immediata lettura è, senz altro, quello della popolazione. Sappiamo tutti, che il nostro comune, ha sempre avuto una dinamica lenta dell evoluzione del numero dei residenti. Gli scostamenti annuali sono stati di lieve entità, ciò, però, fino al 2004, quando la popolazione si attestava sui abitanti; dopo quella data, assistiamo ad una discesa costante ed inesorabile che ci porta al 2011, anno del censimento, a contare meno di abitanti, cioè , che comporta i noti effetti, riferiti alla fascia dei comuni che scendono sotto quella soglia. Sembrava un dato pesante, che forse si poteva invertire, invece, stiamo assistiamo ad una accelerazione del calo, tanto da far registrare, il , una popolazione di abitanti, con un calo, in due anni, di quasi 400 abitanti; sarebbe stato anche più pesante se, da questo dato, dovessimo scorporare i cittadini stranieri che nel frattempo, sono aumentati a 266 unità. Nel 2013, ci sono stati 96 nati a fronte dei 142 morti, mentre sono emigrati 294 tra uomini e donne contro i 215 Maglie affonda (foto di archivio) immigrati. Quindi, la causa del calo della popolazione, non è da ricercare, esclusivamente, nel calo della natalità, che registra un indice, tra i più bassi d Italia, pari a 6,57 per mille, con più di 3 punti in meno rispetto all indice di mortalità del 9,72%, è dovuto, anche, all indice di vecchiaia che vede, dati 1/2012, un rapporto di 183 vecchi su 100 giovani, mentre il dato nazionale è di 147% e della Puglia 129% ; a questo si deve aggiungere, anche, la fuga di molti cittadini, che abbandonano Maglie a causa del costo della vita e dall assoluta carenza di possibilità occupazionali. Non ci preoccupa, solo, il dato pesantissimo sulla popolazione, ma anche altri parametri considerati, non fanno altro che appesantire le previsioni, di una città in forte declino. La caratterizzazione commerciale e artigianale della città, non sembrerebbe aver subito influssi negativi, anche se, guardando con attenzione, anche questi settori economici ci dicono alcune cose. E vero, che i numeri di queste attività, sono aumentati, passando: quelle del commercio, da 508 del 2012 a 517 negozi del 2013, e le attività artigianali, che passano, da 417 a 427 attività; si mantengono stabili gli altri settori del territorio, con la sola flessione, di 4 unità, per quanto riguarda i Bed & Breakfast. Agli incrementi, tuttavia, non corrisponde un effetto sulle pratiche di edilizia che interessa le attività produttive, con una limitazione degli investimenti, oltre ad un altro dato che ne denota la sofferenza di questi settori, cioè, il consistente aumento di comunicazioni di vendita straordinaria riferita: a saldi, promozioni e liquidazioni. Tutto ciò, è da interpretare, come un notevole sforzo, che i gestori di queste attività stiano facendo: limitando gli investimenti, aumentando le offerte, nella speranza di non precludersi la possibilità di una futura ripresa, mantenendo alzate le saracinesche. Altro dato pesante, è quello sull occupazione, dove per il 2013, pur non disponendo di dati omogenei, risulta, comunque, un incremento della disoccupazione sul 2012 di 143 unità, portando il totale a 2713 disoccupati con un indice, rispetto alla popolazione attiva, del 28%, contro una media nazionale del 12,70% e una media della provincia di Lecce del 18,30%. Molto peggio, ovviamente, la disoccupazione giovanile, che dedotta da dati non ufficiali, al netto della scolarità potrebbe aggirarsi intorno al 55%, se non peggio. Questa, è oggi la nostra Maglie, stiamo precipitando sotto tutti i punti di vista, un panorama che ci dice che gli errori si pagano, per cui: una amministrazione che ha vissuto, per decenni, senza programmazione, senza diversificazione produttiva, basandosi sulla sola economia derivante dal terziario e dai servizi, che sono i soli settori a dare quel minimo di occupazione che per molti è instabile ed incerta, ma senza alternative. Siamo andati avanti, credendo ai luccichii occupazionali, promessi dai professionisti della politica, che continuano a farlo, nonostante gli effetti tremendi che questa non amministrazione ha prodotto. Meno male che, ormai, manca solo un anno!

5 Disegno di Lucio De Salvatore MORIRE DI SFRATTO!!! di Roberto Pagliara Lecce, due clochard qualunque, anzi non proprio, perché i due poveri senzatetto un nome lo avevano. Veronica Piggini e Dino Martina, rispettivamente da Milano e Lecce, intorno alla cinquantina entrambi. Un passato disgraziato seguito da una china che li ha resi sempre di più disgraziati, si perché avevano trovato un minimo di equilibrio pur senza navigare nel benessere, a loro dire non gli mancava nulla. Avevano una casa di proprietà del Comune di Lecce, da loro occupata; lei si occupava di produrre piccole lavorazioni in cuoio da vendere sul corso sulla sua bancarella come artista ambulante mentre lui come spesso diceva, aveva la sua professione, cioè quella di parcheggiatore abusivo al grande parcheggio della ex caserma Oronzo Massa, nei pressi delle Poste Centrali di Lecce. Due poveri, abbastanza poveri ma dignitosamente poveri. Qui comincia una storia che rende più pesanti le coscienze di tutti perché se solo qualcuno avesse previsto un tragico epilogo come quello che si è verificato, sicuramente gli Veronica Piggini e Dino Martina avrebbe teso una mano in più ma ormai è troppo tardi, ora sono morti, bisognava pensarci prima. La storia è questa: da quella casa occupata furono sfrattati dal Comune perché l immobile era da ristrutturare, pertanto senza provvedere ad una sistemazione minima da parte delle istituzioni, assunsero nel giro di un giorno alla categoria dei senzatetto. Dino e Veronica senza disperare, si attrezzarono una tenda da campo nel parcheggio di via Adua, centralissima strada parallela al Viale dell Università. Lì vivevano con delle coperte regalategli da vicini e passanti, cuocendosi del cibo con un fornelletto da campo e quando finiva il gas del fornelletto si attrezzavano ad accendere un piccolo fuoco. Naturalmente senza energia elettrica e la possibilità di usare attrezzi per le sue lavorazioni, il modesto lavoro di Veronica è andato in fumo quindi si passa ora alla categoria di senzatetto e senza lavoro. La situazione si fa sempre più critica sino a quando a ridosso delle feste natalizie (dicembre 2012) il Comune decide di sgomberare i poveretti perché non rendono decoro alla città in simili condizioni di vita. La particolare fermezza di Veronica a non abbandonare il luogo senza la promessa di una civile sistemazione alternativa e il sostegno degli organi di informazione locali che ne hanno fatto un caso, costrinsero il Comune ad interessarsi del caso Veronica e Dino. La sistemazione fornita fu l Ostello della marina di San Cataldo. Un anno di permanenza temporanea durante il quale Dino chiese di poter fare il guardiano oppure il giardiniere oppure qualsiasi altra cosa che li rendesse stabili in quella casa. Niente! Bisognava lasciare anche quella casa perché di lì a poco (dicembre 2013) l ostello avrebbe ospitato l iniziativa del Comune di Lecce Natale al Mare. A questo punto Dino e Veronica abbandonano il posto, vanno ad occupare una casa a Lecce in via Taranto. Una casa vecchissima, certamente non confortevole, sicuramente pericolosa; quando il Parroco della zona, Don Simone, fortunatamente molto attento all indigenza dei due ma dei poveri in genere, portava loro un minimo di aiuti, Veronica nel comunicargli la loro triste storia ebbe a dire che comunque quella era una ulteriore sistemazione temporanea perché quella casa prima o poi gli sarebbe caduta in testa. Quasi un presentimento che quella casa potesse diventare un tragico epilogo della loro vita. Infatti proprio nel periodo di Natale, anche questo sfortunato, uno dei due cade in una buca all interno della casa edificata sopra una cisterna, l altezza è rilevante non può salvarsi anche perché la cisterna è piena di acqua piovana e forse usata anche come pozzo nero. L altro, nel disperato tentativo di salvataggio, cade anch egli e non c è alcuna possibilità di risalire la cisterna. I Vigili del Fuoco hanno estratto i loro corpi il 27 gennaio e insieme sono stati recuperati i cadaveri di due cani. Forse loro cani? Anch essi volevano salvare i loro padroni e sono caduti nella cisterna? Oppure un tentativo disperato dei cani che si sono volontariamente buttati per salvarli? Ma Dino e Veronica sono caduti nella cisterna? Pag. 5

6 Muro Leccese - La corte Aprile-Traversa UN BENE DA SALVARE di Vincenzo D Aurelio Via Brongo a Muro Leccese, corrispondente all attuale via Isonzo, rimane una delle strade più caratteristiche della città. L Impianto viario è parte dell antica pianta urbanistica medievale e precisamente di quella che si sviluppò lungo una delle anse dell ormai scomparso fosso del castello Protonobilissimo. Rappresentando uno dei principali tratti viari della città, la strada è divenuta dal 600 sede di palazzotti nobiliari che progressivamente hanno occupato il posto delle antiche corti. La curte Aprile-Traversa, posta al civico 2, n è un bell esempio e, nell immediato futuro, sarà ancor meglio visibile per via di alcuni progetti di recupero avanzati dalle rispettive proprietà. Il nome della corte è, come di consueto, quello dei suoi antichi proprietari; gli Aprile di Muro Leccese furono famiglia antica ed illustre originaria di Castrignano de Greci e della quale si ha notizia già dal XIII sec., mentre i Traversa, provenienti da Taranto, appartennero a una famiglia nobilissima originaria della Sicilia e giunta in Puglia attorno al 500 o poco prima. Di particolare interesse è, dal punto di vista della storia cittadina, un monolocale seicentesco ricadente all interno della corte e dalla quale, in origine, si accedeva. L apertura di un accesso indipendente affacciante sulla strada principale, tuttavia, non ha compromesso la funzionalità della struttura ma, al fine di un recupero intelligente, sarebbe auspicabile la riapertura dell ingresso originario che, in tal modo, porterebbe nuovamente a evidenziare la bellezza degli intagli decorativi delle facciate e, al contempo, far risaltare due antiche epigrafi qui presenti. In merito, sull architrave della porta murata è scritto su due linee, in caratteri capitali e con la A rovesciata, MDCXIX / PROCVL / O / PROCVL / ESTO / MENDAX / NAM / IVSTA / TVEMVR ovvero 1619 / Lontano lontano sta o menzognero, perché noi teniamo per le cose giuste ; evidente esortazione, come nell uso diffuso del tempo, volta ad ammonire e ad ammaestrare secondo una morale ampiamente condivisa. Tale epigrafe non mi risulta essere censita nei repertori epigrafici del Maggiulli o di altri studiosi locali successivi e, pertanto, può ritenersi una preziosa testimonianza che va ad aggiungersi alle notizie attinenti la storia di Muro. Sulla facciata nella quale è stato aperto l accesso esterno alla corte, invece, un altra epigrafe, probabilmente anch essa seicentesca, riporta la frase SIT / SINE / LITE / DIES / SIT / TIBI / NOCTE / QUIES e cioè Per te il giorno sia senza lite e ci sia quiete di notte ; chiaro messaggio beneaugurante a quanti avessero alzato gli occhi per leggere. Muro Leccese è città ricchissima di storia, città di antica bellezza, città capace di mostrare le radici del nostro passato a contemporanei poco accorti e sensibili. Preservare ciò che di antico resta, così come la buona politica di Muro Leccese ha fatto nel corso degli anni, è un segnale di forte sensibilità culturale e di grande senso civico. Anche l impegno profuso dai privati per salvare e riconvertire antiche strutture fatiscenti dimostra come la piccola comunità murese tenga a tutelare il suo patrimonio culturale poiché consapevole di esser parte di una terra sempre più antica e sempre generosa di nuove scoperte. La tutela e il ripristino del piccolo fabbricato nella corte Aprile- Traversa sarà certamente un ulteriore conferma di tutto ciò e noi ci auguriamo che questo avvenga al più presto. La facciata L ingresso della Corte Lucio De Salvatore, il nostro vignettista Città Futura dal gennaio 2014 ha un proprio vignettista, Lucio De Salvatore. Diplomato Maestro d arte presso l Istituto Statale Giovanni Pellegrino di Lecce, vive e lavora a Muro Leccese. Apprezzato da Vittorio Sgarbi che lo ha voluto alla biennale di Venezia nel 2011 con un opera di pittura Il Temporale e dallo staff comunicazione della multinazionale Red Bull che dopo aver visionato i suoi lavori lo ha ingaggiato, con contratto, per la fornitura di vignette da utilizzare per le campagne pubblicitarie della Pag. 6 nota bevanda. Lucio De Salvatore vuole vivere d arte e nella sua piccola bottega nel centro storico della città messapica sono già passati molti cultori che hanno apprezzato e comprato le sue opere. Peccato che nella sua città l amministrazione comunale lo abbia censurato rimuovendo le opere che la stessa amministrazione gli aveva commissionato per abbellire la piazza durante le ultime festività natalizie. Nemo propheta in patria, non per noi che ci onoriamo di averlo come collaboratore. Lucio De Salvatore

7

8 Liceo Capece Maglie ANNO GIUDIZIARIO:PRESENTI! Sabato 25 Gennaio, alcuni studenti del liceo Classico Capece, accompagnati dal loro docente di storia e filosofia prof. Fausto Melissano, hanno preso parte all'inaugurazione dell'anno giudiziario, tenutasi presso il Tribunale di Lecce. Erano presenti le massime Autorità salentine, tra le quali il prefetto dott.ssa Giuliana Perrotta, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e il sindaco di Lecce Paolo Perrone, oltre a una nutrita schiera di parlamentari, seduti in prima fila. Assenti di rilevo gli avvocati in segno di protesta contro gli interventi in materia di riordino della loro professione, da parte del Governo. La cerimonia si è aperta con la relazione del dott. Mario Fiorella, Presidente Vicario della Corte d'appello di Lecce, che ci ha impressionato positivamente per la sua analisi puntuale e dettagliata circa le condizioni della giustizia italiana (in generale ) e salentina(in particolare). Egli si è riferito alle cause e ai rimedi da porre rispetto alle disfunzioni che si evidenziano durante i processi, richiamandosi nel suo intervento ai valori di legalità e alla promozione di un'etica civica, tenendo a sottolineare che il buon funzionamento del sistema giudiziario costituisce un'essenziale garanzia ai fini di un auspicabile solidità economica e sociale nel suo complesso. Anche il consigliere del C.S.M Francesco Cassano ha rimarcato come i tempi lunghi e le pesantezze nel decretare le sentenze generino difficoltà che in parte possono essere superate riequilibrando le strutture giudiziarie e intervenendo sulla situazione delle carceri. Nel corso della giornata sono peraltro intervenuti inoltre il procuratore generale dott. Giovanni Vignola, che ha messo in luce tutti gli interventi compiuti per contrastare reati ambientali e ha annunciato a tal proposito, a breve, una scannerizzazione attenta del suolo salentino, a partire dal feudo di Casarano pe individuare rifiuti tossici rilasciati nei terreni. Il dott. Pietro Baffa ha portato il saluto del Ministro della Giustizia e ha informato l uditorio su un quadro tutto sommato confortante reso dai ritmi di produttività tenuti dal sistema e dall attenzione su dati qualitativi. L'esperienza di questa giornata è stata un occasione importante per prendere un primo contatto con un mondo a noi per molti versi oscuro. Nel nostro Liceo si continuerà a riflettere sui nodi della giustizia in seno al progetto Teatro della memoria e della legalità. Così continueremo a fare esperienza di buone pratiche, ispirate alla cultura e alla condivisione della legalità e della giustizia. SALVATORE FEDERICA MARZO MAGGIO CHIARA Al Liceo Capece di Maglie Un recital dal titolo VITE SPEZZATE è andato in scena il 27 gennaio scorso presso il Liceo Capece di Maglie ed è stato replicato in serata presso l Associazione OIKOS di Galatina. Oltre un ora e un quarto di rappresentazione curata dai docenti proff. Fausto Melissano e Rossella Schirone, ma interamente realizzata da studenti di classi e corsi diversi, dal Classico all Internazionale, in un interazione feconda e con notevole spirito di gruppo. Fra i brani recitati ricordiamo : CINQUANTA pag. 8 UN RECITAL... PER NON DIMENTICARE CARROZZINE VUOTE di Giuliana Tedeschi, interpretata da L. Cretì II B, IL GIUDIZIO di S. Ziering, interpretato dagli studenti Fai (IIIB LICEO), Ancora e Cacciatore (IIB),delle interviste immaginarie curate dagli studenti Blasi, Epifani,Serino e Nuzzo (IIB), delle poesie interpretate dalle studentesse Vincenti, Santoro e Muci (IIIB). Canti come LA VITA E BELLA e BLOWIN IN THE WIND (CORO IVA) E GAM GAM (IIIB), SOUND OF SILENCE e AUSCHWITZ con l ottima chitarra di Luigi Scarpa arricchiscono il recital. L idea è partita da una serie di letture, riprese negli ultimi tempi in varie classi del Liceo. Fra tutte si potrebbero ricordare quella dell avvocato magliese NESTORE BANDELLO, Vita strappata, Ed.Capece, 2012 e quelle di S. ZIERING, Il giudizio di Herbert Bierhoff, Genova, 2000 e di Elisa SPRINGER, Il silenzio dei vivi, Marsilio, 1997, in passato già ospite del Capece. Gli Appunti dei signori Antonio Piscopo e Ugo D'Ormea, raccolti negli ultimi anni di ricerca hanno offerto lo sfondo per una riflessione sulle vicende che hanno condotto allo sterminio del popolo ebraico. Per non dimenticare! FRISULLO ERIKA

9 Maglie -Premio Speciale Per I Diritti Umani PREMIATI I RAGAZZI DELLA SCUOLA A. MANZONI di Annalisa Mariano I ragazzi della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo Manzoni di Maglie hanno partecipato alla manifestazione/concorso dal tema Gioventù per i diritti umani riuscendo ad ottenere, così, il premio speciale Francesco, il frate di Assisi. Cezza Francesca Romana, Leomanni Giulia, Gioffreda Eva, De Giuseppe Matilde, Malorgio Thomas, Morgia Elisa, Valentini Mansueto Sara sono i nomi dei ragazzi della IA, IIA, IIB della scuola media Manzoni di Maglie che si sono distinti per la capacità di centrare il tema del concorso regalando emozioni colorate e profonde a chi ha avuto la possibilità di sfogliare il calendario realizzato per l occasione. In realtà i partecipanti, nella prima fase del concorso, sono stati circa una sessantina, poi attraverso una selezione più approfondita si è giunti a individuarne solo sei, malgrado anche altri lavori siano risultati altrettanto validi, sia nel contenuto sia nella qualità di esecuzione. Con estrema gioia -chiosa il prof. Stefano Ferrari- posso dire che i ragazzi si sono distinti per creatività, impegno, e grande maturità nell affrontare un tema di certo non semplice, ma lo hanno saputo fare con estrema semplicità e naturalezza tipica dei ragazzi così giovani. La premiazione si è svolta a Lecce al teatro Paisiello (che ha registrato il tutto esaurito ) il 14 Dicembre 2013 nel corso di Apollo, Dio di tutte le Arti,una prestigiosa manifestazione organizzata dall Associazione Culturale Italia in Arte giunta, ormai alla XIV edizione. I ragazzi che hanno elaborato i disegni necessari per la realizzazione del progetto riferito al calendario 2014, curato dal prof. Stefano Ferrari, hanno ritirato sia il premio conferito all Istituto Comprensivo Manzoni guidato dal dirigente Donato Malerba sia l attestato di partecipazione al Premio Speciale per i Diritti Umani Francesco, il Frate di Assisi. TORNA IL TORNEO CARNEVALE DI GALLIPOLI COPPA SANTA MARIA DI LEUCA In campo anche le squadre giovanili di Juventus, Milan, Inter, Napoli, Manchester City e Bayer Leverkusen di Salvatore Ciriolo Avrà inizio il 27 febbraio e si concluderà il 4 marzo l undicesima edizione del Torneo Carnevale di Gallipoli Coppa Santa Maria di Leuca, riservato alla categoria Esordienti (bambini danti negli anni 2001 e 2002). Undici i campi da gioco salentini scelti dall Asd Capo di Leuca, la società organizzatrice del torneo internazionale, per ospitare le gare di calcio. Si tratta di Gallipoli (dove si svolgerà la finale), Santa Maria di Leuca, Racale, Otranto, Collepasso, Sogliano Cavour, Poggiardo, Calimera, Martignano, Taurisano e Lequile. La composizione dei sei gironi in cui sono state inserite le ventiquattro squadre che si La squadra del Milan vincitrice del torneo 2013 disputeranno la conquista del prestigioso trofeo, realizzato dall artista gallipolino Roberto Perrone. Del girone A fanno parte Juventus, Strogino (Russia), Nuorese e Capo di Leuca; il girone B, invece, è costituito da Inter, Prato, Chertanovo (Russia) e Almaty (Kazakistan); nel girone C a contendersi la qualificazione saranno Milan, Zenith (Russia), Ostiamare e Gallipoli; il girone D vedrà protagoniste le squadre del Napoli, Varese, Balham (Inghilterra) e Nick Bari; il girone E, invece, del Bayer Leverkusen (Germania), Genk (Belgio), Sant Aniello e Nuova Taras Taranto; il girone F, infine, mette di fronte Manchester City (Inghilterra), Los Aromos (Argentina), Tor Tre Teste Roma e Pantanelli. Tutte le partite saranno trasmesse in diretta streaming sul sito torneocarnevaledigallipoli.capodileuc a.org. Le semifinali di lunedì 3 marzo si giocheranno sul campo di Castrignano del Capo, mentre le finali sono fissate per martedì 4 marzo a partire dalle 9,30 al Bianco di Gallipoli, cui seguirà la cerimonia di premiazione e di chiusura. Di seguito, l Albo d oro della manifestazione: 2002 A.S. Bari 2003 F.C. Juventus 2004 F.C. Juventus 2005 F.C. Inter 2006 A.C. Milan 2007 F.C. Inter 2009 A.C. Milan 2011 F.C. Inter 2012 F.C. Inter 2013 A.C. Milan. Pag. 9

10 I MIEI PRIMI 50 ANNI Nasce negli anni 60 in piazza Municipio, oggi piazza Aldo Moro, da un intuizione imprenditoriale di Giovanni Canitano e della moglie Carmela Lia una cartoleria, punto di riferimento importante per tutti gli studenti magliesi, in particolare per i ragazzi del Liceo Capece la scuola ubicata in modo frontale al punto vendita. Ben presto si specializza nella vendita di libri scolastici, conservando gli stessi settori merceologici che l avevano vista nascere. La sua denominazione sarà Cartel una denominazione che conserverà sino ad oggi. Questo acronimo significa Cartoleria Articoli Tecnici Libreria. Ma la sua vera vocazione che nel corso del tempo emergerà è quella della libreria, in grado di soddisfare le esigenze di un vasto pubblico oltre a quello scolastico. La sua organizzazione le permette di venire incontro ai desideri dei clienti ed attenta all ascolto delle novità editoriali che prontamente arrivano nelle proprie vetrine. È a conduzione familiare e l incontro con i clienti è affidato alle loro qualità umane che sono il biglietto da visita di una sensibilità che nel tempo ha fatto il successo della libreria. Il 15 febbraio i figli di Giovanni e Carmela festeggeranno insieme al sindaco Antonio Fitto, rappresentante della collettività, e il sacerdote don Frando Pedio, che il 13 febbraio del 1964 benediva l inizio di attività, i primi 50 anni della libreria Cartel. Quest anno sarà particolarmente ricco di iniziative, incontri con autori, sconti, promozioni e omaggi per i clienti nuovi e vecchi. pag.10

11 Muro Leccese: Mancanza di segnaletica orizzontale e verticale mandano in tilt il traffico MOBILITÀ CHE AFFOSSA di Vincenzo Miggiano Muro Leccese è come il formaggio svizzero, tutta un buco, lo diciamo sempre, da una vita. Le strade della città sono piene zeppe di pericoli, ma non ci aspettavamo che si arrivasse al punto di affrontare le montagne russe! Sul manto stradale di via Verdi di cui ricorre Il 200º Anniversario della nascita, il più grande musicista e compositore italiano, rinnova in noi l orgoglio di essere italiani; è questo il risultato, a dir poco biasimevole. E da tempo che si chiede un intervento sulla strada. Era un semplice buco prima dell estate, ma per un mancato intervento, da mettere in cantiere alle prime segnalazioni e senza spendere tante energie, è successo il disastro che vedete nell immagine. Non si creda che sia un area disabitata Via Verdi, anzi! Per chi capita da quelle parti si renderà conto che è piena di abitazioni, frequentata da ciclisti e pedoni, c è persino la zona degli impianti sportivi. Questa parte del Comune di Muro Leccese non può essere in nessun caso e in nessun modo considerata di serie B. I livellamenti verso il basso pensati da qualche cittadino che risiede lontano da lì, ma sempre nella città devastata, non giovano certo alla causa e a nessuno! Bisogna indignarsi se non si interviene in tempo, anche per le altre strade che, prima o poi, a tutti servono per raggiungere qualche meta! La circolazione veicolare lascia alquanto a desiderare in tutta la città dei Messapi. Manutenzione e lavori sembrano sospesi, rinviati e si temporeggia fin troppo per gli interventi e la messa in sicurezza. L indecisione politica e la crisi di questi ultimi mesi sembra si riversino anche su ciò che obbligatoriamente va fatto e che era già stato programmato. E necessario inoltre coprire decine di buchi disseminati sulle Circonvallazioni e sulle arterie di collegamento principali ai comuni limitrofi, innumerevoli strade vanno poi messe in sicurezza, ritoccate e pulite. Agli automobilisti si raccomanda, a questo punto, massima attenzione nel circolare. Intanto in rete i cittadini protestano anche facendo della sana ironia: I 7 miliardi di persone presenti sul pianeta Terra si dividono in due parti: quelli che vedono il bicchiere mezzo vuoto (i pessimisti) e quelli che vedono il bicchiere mezzo pieno (gli ottimisti). I pessimisti vedendo questa Bruno Toma Fotografi specializzati in fotografia di matrimonio La buca di Via Verdi buca avranno esclamato: Ecco in che brutte condizioni versa il manto stradale di Muro Leccese! : a loro non appartiene il senso futuristico del business. I pessimisti vedono in questa foto una semplice carotta, gli ottimisti vedono una serie di opportunità...e la storia è piena di carotte celebri. La leggenda narra che nel lontano 1173 un pisano, camminando, notò una carotta. Se fosse stato pessimista sarebbe passato oltre maledicendo il governo e invece si fermò, considerò quella carotta come un opportunità e ci costruì una torre sopra che a causa della carotta uscì pendente. È grazie a quel pisano che oggi abbiamo a Pisa la torre più famosa al mondo. Un altra leggenda vuole che nel 1885 un americano, camminando, notò una carotta. Se fosse stato pessimista sarebbe passato oltre maledicendo il governo e invece si fermò, considerò quella carotta come un opportunità e ci scolpì intorno i volti di George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln attirando ogni anno sul monte Rushmore nel Grand Canyon milioni di turisti. Un altra leggenda vuole che tanto tempo fa un sanarichese, camminando, notò una carotta. Se fosse stato pessimista sarebbe passato oltre maledicendo il governo e invece si fermò, considerò quella carotta come un opportunità e ci organizzò dentro un presepe. È grazie a quel sanarichese se oggi a Sanarica abbiamo il presepe più suggestivo al mondo. Ora dunque la domanda è lecita: come possiamo noi muresi lucrare su questa carotta? Muro Leccese, scoperta una sensazionale grotta risalente al paleolitico. Nessuno si era mai accorto di questo gioiello di valore inestimabile perché gli addetti ai lavori l hanno sempre coperto con terra, cascette e ogni tanto asfalto, considerandola una semplice buca. Dobbiamo quindi dire grazie alla loro incompetenza se possiamo ammirare questa galleria senza fine che diventerà presto bene dell Unesco. I dati raccolti fanno pensare che questa galleria si sia creata con l impatto di una navicella aliena in tempi antichissimi. Probabilmente la navicella è ancora intatta. Insomma questa scoperta ha aperto una nuova era per l umanità. Nelle foto: lo scivolo d entrata e lo spazio interno. Abbiamo delle novità Video per gli sposi, vieni a trovarci! Bruno Toma Via N. Ferramosca, Maglie tel pag. 11

12 Teatro, con il valore delle pause e dei silenzi AMORE A PRIMA VISTA Negli ultimi quattro mesi sono stato un prete fumoso, un poeta fallito, un papà che vola in aereo per la prima volta con la propria figlia emozionata quanto lui, un comandante di una nave albanese che sta per essere speronata da un'ammiraglia italiana, un cantante dall'atteggiamento sensuale e ammiccante, un povero vecchio pieno di tic. Alcune volte ho scelto di essere tutto ciò, altre volte sono stato invitato ad immaginarmi di esserlo e comportarmi di conseguenza. Al contrario di tanti di voi lettori, ho la fortuna di vivere non una vita, ma molteplici, quelle dei personaggi che devo interpretare. E non vedo l'ora di poter vivere momenti da elettricista incompetente, da giornalista arrivista, da casalinga fascista, da avvocato corruttibile o da segretaria tuttofare. Tutto ciò possibile perché partecipo da quattro mesi ad un corso di teatro: e, credetemi, il passo dalla semplice partecipazione all'amore verso di esso è breve. Ho iniziato a conoscere il valore Pag. 12 di Luca Portaluri delle pause e dei silenzi, le prime più brevi, i secondi più lunghi quando si rappresenta una scena, nel gergo teatrale. Beh, se nella vita si cominciasse a tollerare e ad usare le une e gli altri prima di parlare, sono sicuro che i rapporti interpersonali, tutti, ne troverebbero giovamento. Nella stragrande maggioranza dei casi. Mi accorgo ormai consciamente che rimanere muto una frazione di secondo in più durante una conversazione mi aiuta a esporre più dolcemente una critica eventuale all'interlocutore, ma anche, perché no, a calibrare meglio un insulto; una bella frase potrebbe fare più effetto dilatando impercettibilmente il tempo per dirla. Sto imparando (sarebbe bugiardo affermare di avere già imparato) ad ascoltare i silenzi dei miei compagni d'avventura al citato corso, siano essi attori già con anni d'esperienza, siano essi come me neofiti dei provini, degli sketch d'improvvisazione, e di tutto ciò che concerne la preparazione e lo studio di un'opera teatrale. Ascoltare i silenzi. Rispettarli. Tollerarli. Seguire le pause. Respirarle. Impararle. Un regista d'avanguardia teatrale polacco, tal Jerzy Grotowski, affermò che "il teatro non è indispensabile, ma serve solo ad attraversare le frontiere tra te e me". E secondo voi cosa c'è di più vitale e pieno di senso al mondo d'oggi dell'attraversamento di una frontiera comunicativa, interpersonale, tendente alla conoscenza dell'altro? Ho cominciato poi durante questo stesso tempo a (ri)conoscere l'importanza delle maschere e delle smorfie, indispensabili a teatro quanto sterili, ipocrite, infantili e grette nella vita reale. Ho imitato le facce dei miei compagni, nei loro ghigni sarcastici o nelle loro risate sguaiate, e loro hanno cercato di imitare me durante gli esercizi di ginnastica facciale. Ridendo. Per poi ridiventar seri un attimo dopo, in un gioco volto sempre a captare la bellezza insita negli angoli più reconditi e sacrificati di un viso, o nelle sfaccettature frastagliate di uno sguardo da dover empaticamente decifrare. Non so se lo sapete ma a me piacciono gli aforismi e le citazioni, quelle intelligenti, che spesso raccontano una visione soggettiva e parziale di mondo. Beh, il grande Eduardo De Filippo sosteneva che "nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano male nella vita". Si può condividere o meno, ma sicuramente offre spunti di caustica riflessione. Perché almeno secondo me una finzione scenica è molto più vera o sentita o emotivamente partecipata di innumerevoli convenevoli quotidiani, e frasi ridondantemente di circostanza. In ogni caso, durante le sei ore settimanali di corso, è come se venissi trasportato tramite ascensione su una navicella spaziale e potessi eclissarmi insieme ad altri fortunati terrestri nell'orbita di un mondo parallelo, scevro da stress, litigi, invidie, complessi di colpa, tristezze e delusioni presenti nella realtà di tutti i giorni. Secondo l'amatissimo scrittore Paulo Coelho "certe persone vivono in lotta con altre, con se stesse, con la vita. Allora si inventano opere teatrali immaginarie e adattano il copione alle proprie frustrazioni". Come non dargli ragione? Pensateci; dal mio canto, mi sto convincendo che fare teatro (amatorialmente, sia chiaro) può essere terapeutico e può avviare un processo beneficamente contrario a quello esplicitato dallo scrittore e poeta brasiliano appena citato: stimolando l'educazione alla sensorialità e alla percezione del proprio movimento corporeo, e dei propri toni e timbri vocali, agendo sull'interpretazione dei personaggi, dei loro difetti e consuetudini e azioni la recitazione sa sviluppare armonia tra corpo, voce, mente nella relazione con l'altro, con se stesso e con la propria capacità creativa ed espressiva. La parola "teatro" è un sostantivo maschile, non ha né sinonimi né contrari; ma io, per gioco, voglio immaginare che ne possa avere, e uno dei contrari più efficaci che possa trovare è atarassia, quella condizione di imperturbabilità, raggiungibile mediante la liberazione dalle passioni: il teatro, al contrario appunto, è energia, linfa vitale, passione, sbagli, prove, pianti e sorpresa continua. Sipario.

13 La musica Rap salentina: ENDESHO di Salvatore Ciriolo Cresce la febbre del rap e contagia anche il Salento. Caparezza, Fabi Fibra, Fedez, Salmo, Gemitaiz, Mad Man, J-Ax, Club Dogo, Marracash, Clementino, Inoki, sono i nomi dei protagonisti di un genere musicale per alcuni quasi sconosciuto ma molto amato dal pubblico giovanile, a beneficio del fatturato dell industria musicale italiana. Nata negli anni 70 nei ghetti di New York ed esplosa in Italia come fenomeno musicale soprattutto negli anni 90, grazie ad una miriade di rapper e gruppi (Posse) provenienti dai centri sociali, la musica rap, nelle sue molteplici declinazioni, si è lanciata a suon di rime verso l impegno sociale e la difesa dei diritti delle classi meno agiate, salvo poi prendere, nei decenni successivi, una duplice strada: quella, appunto, sociale e poetica dell ambito underground (si pensi, ad esempio, agli Assalti Frontali, ai 99 Posse o a Frankie HI-NRG MC ) e quella finalizzata al fare cassa e, dunque, di tipo commerciale. E nel Salento? Il rap è vivo e vegeto, anche se ancora i giovani che lo praticano risultano essere poco noti agli stessi amanti del genere. Le eccezioni non mancano, naturalmente, come nel caso di Giovanni De Santis, in arte Endesho, un diciannovenne di Tuglie in forte ascesa. Presente su YouTube con i video Diebus Pestilentia e Proponi il limite, quest ultimo realizzato insieme a Kevin Sbranga (all anagrafe Kevin Stefanelli) e Fara One (Fabio Latino), Endesho è salito alla ribalta soprattutto grazie al brano Pezzenti, in cui si esibisce insieme a suo padre, il noto cantautore Mino De Santis, e a Nandu Popu dei Sud Sound System. Dal brano è stato tratto l omonimo video (cliccatissimo su YouTube) con la partecipazione straordinaria dell attore Alessandro Haber e di numerosi immigrati. Endesho, cosa ha significato per te il brano Pezzenti. Il successo del video ha significato una indubbia popolarità. Pezzenti mi ha consentito di cavalcare l onda, dovuta soprattutto alla notorietà di mio padre e di Nandu Popu. Diciamo che si è trattato di una chance che ho colto allorché mio padre, così come sovente accade quando finisce di scrivere una nuova canzone, mi ha chiamato per un parere, dopodiché Pescherie - Prodotti Ittici Pasca Punti Vendita Cursi Melpignano e Zollino mi ha chiesto: Che ne dici, la facciamo tutti e due, insieme a Nandu Popu?. Naturalmente ho accettato. Poi è arrivato il video e con esso è sopraggiunta una certa visibilità. Contano davvero così tanto i video musicali? Tantissimo! Basti pensare che del mio primo EP costituito da quattro tracce, è praticamente conosciuto soltanto Diebus pestilentia, non a caso l unico pezzo su cui ci ho realizzato un video. Del resto qui nel Salento chi fa musica non è che poi abbia molte altre opportunità di essere notato. Quando hai deciso di iniziare a rappare? Sin da piccolo ascoltavo musica rap. Ho comunque iniziato all età di tredici anni. In verità non è che abbia mai pensato di saper cantare ma amavo la scrittura in rima che, oltretutto, forniva una valvola di sfogo alle mie frustrazioni adolescenziali. In che modo è possibile definire il tuo rap? A me non va di essere inquadrato in un genere o sottogenere particolare. Del rap originario però ho fatto mia una regola: scrivere quello che penso, senza alcuna autocensura. Per me il rap rappresenta un mezzo, un tramite per fare buona musica. Amo, infatti, le contaminazioni tant è che, ad esempio, per il prossimo video, dal titolo Katastrophe, ho campionato una chitarra metalcore. La musica mi attrae in tutte le su forme: rap, reggae, metal, musica classica. A tal Giovanni De Santis Endesho proposito sto studiando musica teorica per cercare di realizzare il mio sogno, quello di diventare compositore. Tornando al rap, che cosa ti piace ascoltare? Di certo non seguo la scena commerciale poiché si tratta di un genere musicale destinato alla massa ma ascolto, invece, alcuni gruppi come i Korn e, per quanto riguarda lo scenario italiano, DSA Commando e Kaos One. E in futuro, credi che il rap possa sfociare in qualcosa di nuovo? Purtroppo è già successo. Quello che spesso viene proposto oggi non è il vero rap, la cui età dell oro è finita con gli anni 90. Le basi in rima rimangono ma il genere musicale è stato geneticamente modificato e oggi il rap non è più ribellione ma piuttosto tatuaggi, basi elettroniche, gente figa in televisione. Per questo motivo non mi sento parte della scena rap e cerco contaminazioni con altri generi. Le foto in alto nell articolo sono: da sinistra O Zulù, Marracash, Fedez, Inoky Ness pag.13

14 Poggiardo: Foto di gruppo della neonata associazione AUSER In alto nella foto: Antonia De Gabriele (Presidente) e Luigi Carluccio (Vicepresidente). In basso da sinistra: Giuseppe De Lurentis, Giorgia Carluccio (Segretaria), Franca Laura Giannetta, Gabriella Morelli, Tarantino Maria, Salvatore Pede, Alfio Carluccio, Giorgio Micello e Salvatore Pede POGGIARDO: Nasce contro ogni forma di esclusione sociale e per la cultura della solidarietà IL CENTRO AUSER di Salvatore Ciriolo Ènata nel 1989 per iniziativa della Cgil e del sindacato dei pensionati Spi-Cgil, con l obiettivo è quello di contrastare ogni forma di esclusione sociale e diffondere la cultura e la pratica della solidarietà. Il suo principio cardine poggia sulla considerazione del fatto che ogni età abbia un valore e ogni persona un suo progetto di vita attraverso cui diventare una risorsa per sé e per gli altri. Si tratta dell associazione di volontariato e promozione sociale Auser che conta in Italia oltre 1500 sedi, 300 mila iscritti e 40 mila volontari. Da un paio di mesi un centro locale di autogestione servizi Auser è presente anche sul territorio di Poggiardo e Vaste, con l intento dichiarato di voler valorizzare gli anziani del posto e far crescere il loro ruolo attivo sul territorio. Promotrice e presidente della nuova associazione è l insegnante in pensione Antonia De Gabriele, da qualche tempo rientrata a Vaste, il suo paese d origine, dopo un lungo periodo di assenza. L idea di far nascere un centro Auser dichiara Antonia De Gabriele, già impegnata nell associazione, in altra sede è sorta qualche tempo fa, discutendo con Giorgia Carluccio, l attuale segretaria della nostra associazione. Si parlava proprio dell organizzazione di iniziative culturali e di promozione sociale sul nostro territorio. Il 13 dicembre dello scorso anno, quindi, ci siamo costituiti formalmente, raggiungendo in poco più di un mese circa quaranta adesioni, comprese quelle di alcuni giovani disponibili a fornire il loro prezioso contributo. La nostra prima iniziativa spiega il presidente del centro Auser di Poggiardo e Vaste si terrà in occasione della ricorrenza della Festa della donna, con la l organizzazione di serate tematiche che si svolgeranno al Palazzo della cultura di Poggiardo e un evento itinerante per le strade del paese. Per quanto concerne la prossima stagione estiva, invece, abbiamo in animo di avviare alcune attività laboratoriali ed alcuni corsi, oltre ad iniziative a carattere ambientale, coerentemente con gli obiettivi dell Auser che vanno nella direzione della sviluppo della solidarietà, dell ambiente e della cultura del nostro territorio, intendendo per territorio non soltanto quello di Poggiardo e Vaste ma anche quello di altre realtà vicine. Queste sono soltanto alcuni dei progetti che abbiamo in cantiere, e per le quali siamo aperti anche al contributo di associazioni conclude il rappresentante dell Auser di Poggiardo e Vaste nell ambito di un programma che intendiamo perseguire con il coinvolgimento attivo degli anziani, intesi sempre come risorsa, ed anche dei giovani intesi come eredi della tradizione culturale del nostro territorio, per portare avanti sapientemente quello scrigno di capacità, di valori e di risorse umane che costituisce l identità di un luogo, da tramandare e utilizzare come promozione sociale. Club 84 si ri-parte Pag. 14 Marco Tamburini Ha preso il via domenica 26 gennaio la stagione concertistica 2014 del Club 84 di via G. De Giuseppe, quest anno sotto la gestione del noto impresario turistico e musicale otrantino Francesco Bortone. Ospiti della serata: Marco Tamburini, Andrea Sabatino, Ettore Carucci, Francesco Mariella, Andrea Favatano e Giovanni Scasciamacchia. Anche l arredo del più famoso pub salentino è stato ritoccato con gusto ed eleganza: molto simpatici, ad esempio, i copritavolo riproducenti vecchi LP dei grandi della storia del jazz. Elegante ed in abito scuro anche il personale di servizio ai tavoli, che contribuisce a creare un clima confortevole e distinto. Altri appuntamenti in programma: Gaetano Partipilo trio, FM - Ciki Forchetti, Strode Rode quartet (omaggio a Sonny Rollins), Mauro Tre trio. Ottorino Capocelli

15 Scorrano: Alla Schola Cantorum Francescana Il Premio Speciale Diritti Umani FRANCESCO IL FRATE D ASSISI di Annalisa Mariano L incipit di questo articolo ruba e fa propria una battuta del discorso del Vice sindaco di Lecce Carmen Tessitore che ha preceduto la manifestazione Premio Salento Porta d Oriente 2013: Un giorno, parlando di questo straordinario Evento, potrete dire Io c ero. Lo diranno certamente, e se ne ricorderanno bene, i componenti della Schola Cantorum Francescana di Scorrano, che Sabato 14 dicembre 2013 hanno partecipato alla XIV EDI- ZIONE del Premio Salento Porta d Oriente, intitola ad APOLLO DIO DI TUTTE LE ARTI. Nel corso della Manifestazione, organizzata dalla Associazione Culturale Italia in Arte, presso il Teatro Paisiello di Lecce, la Schola Cantorum ha ricevuto il Premio Speciale per i diritti umani 2013 Francesco il Frate di Assisi riservato a Personalità del mondo dell Arte, della Scienza, della Cultura e dell Impegno Sociale. Val la pena raccontare gli istanti che precedono la premiazione: il Maestro Ovidio Popescu, attraversando la sala della platea, ricca della presenza di numerosi Vip della Società Civile, provenienti da Lecce e da Bari, intona le note della Colonna Sonora del film S. Francesco, di Franco Zeffirelli del Giunto vicino al palco, il Maestro Popescu termina la sua esecuzione mentre, contemporaneamente, si apre il sipario e il Coro della Schola Cantorum Francescana, diretto dal Maestro Franco Pizzoleo, mette in scena una esecuzione corale di alto livello, interpretando il brano musicale composto da Riz Ortolani Fratello Sole e Sorella Luna, mandando, così, in visibilio, il numeroso pubblico presente. La Schola Cantorum Francescana di Scorrano nasce nel 1979 sotto la guida di fra Vittorio Nardomarino. Il primo vero ed importante impegno artistico fu la Missa De Angelis a 4 voci dispari. A seguire la Missa Prima Pontificalis di Lorenzo Perosi a 3 voci presentata nel corso dei solenni festeggiamenti del Serafico Padre San Francesco d Assisi, il 4 ottobre del Comincia così la prima fase della carriera artistica della Schola Cantorum Francescana a cui seguono altre manifestazioni musicali a carattere puramente religioso: le rassegne Corali presso la Cattedrale di Otranto, l animazione della S. Messa presso il Santuario di Padre Pio a San Giovanni Rotondo e varie esibizioni nelle cattedrali della Regione Puglia. In questi stessi anni, gradualmente, vengono inseriti nel repertorio alcuni brani celebri come Requiem in Re Minore K626 di Mozart e la Messa D167 in Sol Maggiore di Schubert. Si decide, poi, di preparare la prima edizione (1995) di quello che diventerà il tradizionale Concerto di Natale che assumerà una forma molto vicina a quella tipica dei più rinomati Teatri italiani. Vengono presentati, con l accompagnamento di un orchestra di 40 elementi, brani tratti dal repertorio di illustri compositori come Mozart, Verdi, Rossini, Bellini, ecc. Nel luglio occasione del Capitolo Mondiale dell Ordine dei Frati Minori tenutosi a Roma, la Schola Cantorum Francescana viene invitata a proporre le Laudes Creaturarum. Le stesse sono state poi riproposte sempre al Capitolo dell Ordine dei Frati Minori della Provincia di Bari. L a Schola Cantorum ha, inoltre, in occasione della proclamazione di Muro Leccese a città, tenuto un concerto alla presenza del famoso soprano Katia Ricciarelli ricevendo significativi apprezzamenti. Sempre a Muro Leccese gli artisti del coro si sono esibiti in onore dell attore Franco Nero che ha cantato insieme a loro il Va Pensiero. La pagina più importante del curriculum della Schola Cantorum viene scritta il 3 giugno 2011 quando viene invitata dal Decano del coro della Cappella Sistina ad animare la Santa Messa nella Basilica Vaticana sulla cattedra di San Pietro con la Missa Pontificalis del Perosi. Oggi, l alto riconoscimento d arte APOLLO, conferito alla Schola Cantorum, ritirato sul palco del Paisiello dal suo presidente Lucio Balzano, non costituisce un posto in classifica in una competizione tra Artisti, ma una Lode, ad altissimo livello ( anche per la presenza sul palco dell Antico Teatro del Comitato Scientifico d Onore, composto da Autorità Istituzionali e dell Impegno Sociale ), per lo Zelo ed il Metodo di interpretare l attività Artistica, esempio per chi ama i veri valori dell Arte, fondati sul sano Confronto Intellettuale e sul raggiungimento degli obiettivi, attraverso una quotidiana applicazione, fatta di sacrifici e di rinunce. pag. 15

16 AGENZIA AUTORIZZATA PRESTITI PERSONALI CESSIONE DEL QUINTO CARTE DI CREDITO MAGLIE Via Indipendenza, 9 - Tel NUMERO ISCRIZIONE ELENCO AGENTI A301 Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le informazioni precontrattuali e per conoscere le condizioni economiche dell offerta si rinvia al documento Informazioni europee di base sul credito ai consumatori (SECCI) che potrà essere richiesto in Agenzia unitamente a copia del testo contrattuale. Salvo approvazione Agos Ducato S.p.A.. La presente agenzia è autorizzata alla promozione e al collocamento in esclusiva dei prodotti Agos Ducato S.p.A..

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

n 03 Marzo 2008 In questo numero: - Auguri di Buona Pasqua - Manifestazione Dai un senso alla Vita: Rispettala 2008 - Corso di Scrittura Creativa In breve...: - La prima tv on-line di sociologia sul sito

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera.

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. OLYCOM INTERVISTA Ennio Morricone A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. Il 16 giugno Ennio Morricone è a Monza nei Giardini di Villa Reale per

Dettagli

MAGARI LE COSE CAMBIANO

MAGARI LE COSE CAMBIANO MAGARI LE COSE CAMBIANO di Andrea Segre Documentario, 62, Italia 2009 http://magarilecosecambiano.blogspot.com Sinossi Un film nel cuore delle nuove centralità romane: le moderne borgate di una società

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare)

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Multimedialità, relazione, cura, notizie in anteprima: gli ingredienti giusti per non finire nel rumore indistinto

Dettagli

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte 34 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

La scuola si presenta

La scuola si presenta La scuola si presenta La Scuola dell'infanzia Cà di Ventura è ubicata in via San Felice 19 a Genova-Molassana E raggiungibile per mezzo del bus n 477, linea secondaria che si interseca con il 12-13-14

Dettagli

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o NEWSLETTER - I N V E N T A R E I L F U T U R O - Luglio 2007 I l g r u p p o I t a l i a n o Il gruppo italiano Inventare il futuro è iniziato lo scorso mese di maggio e si riunisce quasi ogni settimana

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

pubblicitario del film che proprio a Torino ha raccolto immensi pareri favorevoli uno tra i tanti quello di Vittorio Sgarbi - è stato realizzato

pubblicitario del film che proprio a Torino ha raccolto immensi pareri favorevoli uno tra i tanti quello di Vittorio Sgarbi - è stato realizzato 3 giugno 2013 AI GIOCHI DEL MARE IL VIDEO DI GIULIA MONTERA Praia a Mare (CS) Giulia è figlia della nostra terra. E con lei, lo sono tutti quelli che nella speranza trovano un motivo per alleviare le pieghe

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Progetto Musica in Emilia Romagna

Progetto Musica in Emilia Romagna Progetto Musica in Emilia Romagna Progetto per la diffusione della pratica musicale nelle scuole Bologna 2008 Il progetto regionale Musica, nato dall intesa di tre enti (Regione Emilia Romagna, Assessorato

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinchè vedessero chiaramente che cos era, disegnai l interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana Partecipo Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano Zoom Zoom Festival 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana zoomfrominside.it Zoom Zoom Festival è un contenitore di idee,

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è sulla scuola. Gli studenti che quest'anno sono entrati in classe sono 7milioni e 806 mila. La scuola è obbligatoria

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

Roberta Gollini Paola Melle IL BEL MATRIMONIO. Come sopravvivere ai preparativi e sposarsi felici e contenti. La Linea

Roberta Gollini Paola Melle IL BEL MATRIMONIO. Come sopravvivere ai preparativi e sposarsi felici e contenti. La Linea Roberta Gollini Paola Melle IL BEL MATRIMONIO Come sopravvivere ai preparativi e sposarsi felici e contenti La Linea La giusta partenza Conosci te stesso E così state per fare il grande passo: congratulazioni!

Dettagli