TRISDAFAVOLA SCHWAZER SHOCK ESCLUSO DAI GIOCHI PER EPO «MIDOPAVOCOSI» Lippi: «Juve e Napoli. dovete dare fiducia. a Giovinco e Insigne»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRISDAFAVOLA SCHWAZER SHOCK ESCLUSO DAI GIOCHI PER EPO «MIDOPAVOCOSI» Lippi: «Juve e Napoli. dovete dare fiducia. a Giovinco e Insigne»"

Transcript

1 NELLE PAGINE SICILIANE IZCO E MANTOVANI PRENOTANO UNA STAGIONE DA LEADER martedì 7 agosto ,20 REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO Anno anno 116 Numero numero 186 ITALIA SCHWAZER SHOCK ESCLUSO DAI GIOCHI PER EPO «MIDOPAVOCOSI» Il marciatore, primo a L INTERVISTA VERSO LA SUPERCOPPA A PECHINO Pechino, positivo a un Lippi: «Juve e Napoli controllo in Germania. IlConilofermasubito.«Ho dovete dare fiducia fatto tutto io, comprando a Giovinco e Insigne» doping su Internet. 3 Marcello Lippi, 64 anni, ex c.t. azzurro allena il Guangzhou AFP Lamiavitaèfinita». OLIVEROALLEPAGINE26E27 Voci su frequentazioni con il medico Ferrari MOLINARO, PICCIONI, POLI, SCOGNAMIGLIO PAG. 2 6 l'editoriale LA GLORIA E LA VERGOGNA di ANDREA MONTI La gloria e la vergogna. Lo sport italiano vive un estremo e l altro dell arco emotivo in una sola giornata che purtroppo ricorderemo a lungo, e per le ragioni sbagliate. L ARTICOLO A PAGINA 25 ITALIA TRISDAFAVOLA Giornata trionfale: Niccolò Campriani conquista l oro nella carabina tre posizioni, Massimo Fabbrizi nella fossa si prende l argento ematteomorandiaglianellièbronzo.siamoaquota17 3 Niccolò Campriani, 24 anni, medaglia d oro nella carabina tre posizioni ANSA 3 Alex Schwazer, 27 anni, il 22 agosto A Pechino ha vinto l oro olimpico nella 50 km IPP BIANCHI,BOZZA,MARTUCCI,ORIANIDAPAG.8APAG.13 INTER A STRAMACCIONI PIACE ROBBEN Lucas verso il Psg Moratti su Schürrle Ramirez l alternativa 3 Lucas, 20 anni il 13 agosto IMAGE SPORT LAUDISA, RUSSO, TAIDELLI ALLE PAGINE 30 E 31 IL ROMPI PALLONE DI GENE GNOCCHI w > Ieri in una suite di un noto albergo romano, Pellegrini e Magnini hanno cominciato le loro Olimpiadi. SCOMMESSE STELLINI LASCIA L assistente di Conte si è dimesso CENITIAPAGINA28 Gli altri due medagliati azzurri di ieri. Da sin. Massimo Fabbrizi, 34 anni. Matteo Morandi, 30, in carriera anche 4 bronzi ai mondiali ANSA EPA

2 2 LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 LONDRA 2012 IL CASO SCHWAZER, IL v Ispettori Wada lo pizzicano in Germania: positivo all Epo Il prelievo delle urine risale al 30 luglio: era dalla fidanzata Carolina Kostner Dal Coni scatta l esclusione immediata VALERIO PICCIONI LONDRA È all ora di pranzo di ieri che casca il mondo nel quartier generale della squadra olimpica italiana a Londra. In pochi secondi si passa dai complimenti del presidente del Consiglio Monti per i risultati ottenuti alla positività di un atleta azzurro a un controllo antidoping. E che atleta. Si tratta di un campione olimpico in carica, il marciatore Alex Schwazer, che avrebbe dovuto difendere il titolo della 50 chilometri sabato e che era atteso nella capitale inglese per domani. La lettera Cio Sono le 15 quando la responsabile della preparazione olimpica, Rossana Ciuffetti, ritira al villaggio olimpico la lettera ufficiale del Cio che documenta tutto. Immediata la telefonata al capodelegazione Pagnozzi che è alle gare di ginnastica a tifare Morandi. Anche Petrucci è informato. Poi Pagnozzi chiama il presidente della Federatletica Arese, ma telefonicamente non fa il nome, parla solo di una positività. L indicazione, comunque, è quella di correre al villaggio olimpico. A quel punto si completa l informazione: è Schwazer. Petrucci e Pagnozzi hanno già preso la loro decisione, ma poi arriva la «condivisione» della Fidal: è inutile che parta, resti a casa, i suoi Giochi sono finiti prima di cominciare. L illusione che si tratti di una banalità, di una sostanza periferica della geografia dell antidoping è intanto già caduta. È l Epo. Una pensiero fisso dell atleta che vuole barare. Epo. Poi si capirà se vecchia, nuova, meno vecchia, o se si tratta della stessa versione, il Cera, che costò a Davide Rebellin, un Olimpiade fa, la medaglia d argento della prova su strada di ciclismo. In Germania Vengono fuori anche i particolari: è un esame della Wada, il laboratorio è quello di Colonia perché Schwazer è stato controllato a casa della fidanzata Carolina Kostner, a Oberstdorf, in Germania, dove stava svolgendo gli ultimi allenamenti. Si tratta di un controllo antidoping canonico: un prelievo di urina. Tutto è avvenuto il 30 luglio, gli ispettori Wada sono arrivati a colpo sicuro perché esiste una banca dati in cui l atleta mette a disposizione i suoi spostamenti per assicurare la reperibilità. Decide Petrucci Intanto il Coni decide di uscire allo scoperto con un comunicato in cui si dice che «il presidente Petrucci, sentito il capodelegazione Pagnozzi, ha disposto l esclusione immediata» dell atleta, sentendo «il capodelegazione della disciplina per gli adempimenti immediati». Quindi, più tardi, è la Fidal a ufficializzare l identità del positivo. Il numero uno, la speranza di medaglia più grande. È davvero uno dei giorni più neri della storia olimpica italiana. Forse, chiedendo scusa a Campriani, Fabbrizi e Morandi, il più nero. identikit & CARRIERA «Da solo ho comprato doping su Internet Che vergogna: la mia vita è finita» PIERANGELO MOLINARO LONDRA Alex Schwazer, 27 anni, il 22 agosto 2008: medaglia d oro a Pechino nella 50 km EIDON «Ho preso questa disgraziata iniziativa a metà luglio, quello che ho fatto prima è stato tutto a pane e acqua» La chiamata di Schwazer arriva dopo vari tentativi di raggiungerlo telefonicamente a Oberstdorf, la cittadina in Baviera dove abitualmente si allena Carolina Kostner, che il marciatore ha raggiunto a inizio luglio dopo il periodo di preparazione in altura a St. Moritz. Per lui la fase dura dell allenamento era conclusa dopo un lavoro massacrante iniziato il primo ottobre 2011 a Settimo Milanese e durato tutto l inverno. Allenamenti durissimi nella nebbia e nel gelo, poi le gare test a Lugano e Dudince, in Slovacchia, ed il periodo di lavoro a St. Moritz. Pareva un atleta pienamente recuperato dopo due stagioni in cui, dopo il ritiro nella 50 chilometri dei campionati Europei di Barcellona 2010, aveva accarezzato anche l idea di ritirarsi. Aveva lasciato Saluzzo e la guida di Sandro Damilano, aveva chiesto all ex campione mondiale Michele Didoni di allenarlo. Una nuova vita, Alex pareva aver trovato motivazioni e condizione, si dichiarava ottimista sulle possibilità olimpiche, puntava all oro sulla 50 chilometri e, senza confessarlo, anche ad una medaglia sulla 20 chilometri. La notizia a Londra è esplosa come una bomba fra l incredulità generale. Si parlava di un atleta azzurro non ancora arrivato nella capitale britannica, poi il nome di Schwazer. Sino ad un secondo prima il suo telefono era sistematicamente occupato. «Pronto? Sono Alex. So perché mi ha cercato. E tutto vero, ma è solo colpa mia, solo mia, nessuno ne sapeva niente, neppure Carolina, la mia fidanzata, neppure il mio allenatore Michele Didoni, neppure la mia famiglia. La colpa è solo mia». Schwazer, perché l ha fatto? «Perché volevo di più». Di più cosa? «Avevo davanti la 20 e la 50 chilometri olimpiche, volevo essere più forte, andare più veloce». Abbiamo visto nei mesi scorsi allenamenti straordinari, che cosa stavamo guardando? «No, ho preso questa disgraziata iniziativa a metà luglio, dopo aver concluso la preparazione a St. Moritz. Quello che ho fatto prima è stato tutto a pane e acqua, ve lo giuro. Vengo da due stagioni difficili, vedevo da- 4 NUMERO 17 le medaglie olimpiche vinte dall Italia nella marcia: 8 d oro, 1 d argento e 8 di bronzo

3 MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT 3 TRADIMENTO vanti la grande occasione». Solo il 4 luglio a St. Moritz lei aveva mostrato una condizione eccezionale, non le bastava? «Sì, andavo forte, mi sentivo pronto per vincere, ma cercavo qualcosa di più». Quando ha assunto l Epo? «A metà luglio mentre mi allenavo a Oberstdorf». Chi l ha aiutata? Un momento di silenzio. «Non voglio andare in prigione». Chi le ha iniettato l eritropoietina? «Nessuno, l ho fatto da solo». Impossibile. «No, è possibile, l ho trovata su internet, dove era spiegato anche il modo per iniettarla». Poi il controllo. «Sono arrivati a Oberstdorf il 30 luglio e mi hanno chiesto un campione di urina. Da quel momento ho smesso di dormire, mi è crollato il mondo addosso, sapevo che «È giusto dare il meglio per puntare a obiettivi importanti, magari essendo un esempio per i giovanissimi che vorrebbero praticare uno sport e un domani potrebbero fare come me ALEX SCHWAZER Il 28 luglio rinuncia alla 20 km l avrebbero scoperta». Si è parlato di un influenza che l avrebbe fermata e costretto a rinunciare alla 20 chilometri. Era una bugia? «Sì, ma non me la sentivo di partire per Londra con questa spada di Damocle sopra la testa. La mia carriera è finita, la mia vita è finita» (il controllo fu fatto il 30 luglio, mentre l annuncio della rinuncia è del 28: come mai questa discrepanza?, ndr). Neppure il suo allenatore lo sapeva? «No, gliel ho detto al telefono dieci minuti fa». Cosa le ha detto? «È sconvolto, non mi crede più». Lei si era sempre dichiarato contro il doping, aveva giurato che non era nella sua cultura. Allora perché? «Lo scorso anno ai Mondiali di Daegu, in Sud Corea, i russi mi hanno detto in faccia che loro usano delle cose. Questo pensiero mi girava per la testa, era un tarlo». Così pure lei ha voluto provare. «Ho sbagliato, ho distrutto tutto quanto di buono ho fatto in questi anni, tutto cancellato. Non riesco più a guardarmi allo specchio. Avevo paura di non farcela con il solo allenamento». La gente ha diritto di sapere cosa ha visto in quegli ultimi trionfali quattro chilometri dell Olimpiade di Pechino, cosa ha visto quando si rivelò con il bronzo nel 2005 ai Mondiali di Helsinki e poi ancora nel 2007 a Osakadove rivinse la stessa medaglia. «No, in quelle occasioni ero pulitissimo, lo giuro. E avvenuto tutto a metà luglio». RE DELLA MARCIA SBOCCIATO 7 ANNI FA Mondiali 2 bronzi: Helsinki e Osaka Schwazer (a destra) bronzo nella 50 km a Osaka 2007: era stato bronzo anche 2 anni prima a Helsinki AP Olimpiadi 1 oro: Pechino 2008 Schwazer con la medaglia d oro conquistata nella 50 km ai Giochi di Pechino 2008 ANSA Europei 1 argento: Barcellona 2010 Schwazer arriva secondo nella 20 km agli Europei del 2010, dietro al russo Emelyanov AP Schwazer e la fidanzata Carolina Kostner, iridata di pattinaggio artistico Lei stava per arrivare a Londra con alle spalle una stagione eccezionale, il miglior tempo dell anno al mondo sulla 20 km di Lugano a marzo e la 50 km a Dudince dove a fine marzo ha ottenuto il minimo olimpico che ancora le mancava. Tutto pulito? «Lo giuro ancora, tutto pulito. Mi sono allenato come un matto per tutto l inverno, ho fatto fatica, ho percorso diecimila chilometri per essere al massimo all Olimpiade. Poi questa cazzata...». Non le poteva bastare partecipare a Londra ad una gara sola e arrivarci pulito? «Mi sentivo in grande condizione, con il passare dei mesi e allenamento dopo allenamento mi ero reso conto che potevo fare ambedue le gare. Sì, ho rovinato tutto, sono un cretino». Devono ancora effettuare la controanalisi. «Inutile farla, confesso tutto. Ho ingannato un sacco di gente, anche attorno a me, famigliari e amici che mi hanno aiutato in tutti questi anni. Ho tradito la fiducia di chi mi vuole bene. Ho vergogna a tornare a casa dai miei genitori. Non tornerò mai più a marciare, mi vergogno e basta». Si sente Schwazer singhiozzare. «Scusi, non ce la faccio più». E riattacca. LA FERRERO «Noi dispiaciuti Il contratto scade a fine Giochi» Alex Schwazer da ieri non deve fare più i conti solo con l aspetto sportivo, ma anche con tutto l indotto pubblicitario che ora rischia di scricchiolare visibilmente. L altoatesino, in particolare, era uno dei volti più noti degli spot della Kinder, assieme ad altri atleti di spicco del panorama nazionale. La Ferrero, proprietaria del marchio, si è detta «dispiaciuta» per la vicenda che vede coinvolto il marciatore azzurro. L azienda piemontese di dolciumi fa comunque sapere che il contratto con Alex Schwazer «era in scadenza con l Olimpiade e comunque ogniqualvolta facciamo accordi con i nostri testimonial abbiamo delle clausole di rescissione». Un ulteriore batosta per il marciatore altoatesino, segnato per sempre da questo 6 agosto Alex Schwazer in ginocchio: era l immagine simbolo del suo trionfo a Pechino, adesso lo è della sua triste vicenda LAPRESSE «Nessuno ne sapeva niente, neanche la mia fidanzata. Non voglio andare in prigione»

4 4 LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012

5 LONDRA 2012 IL CASO MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT 5 Lo marcavano Un test mirato Inchiesta Ferrari: c è anche Alex Triangolazione Interpol-Padova-Wada: Schwazer sarebbe legato al discusso medico VALERIO PICCIONI LONDRA L esame antidoping che è costato l Olimpiade e chissà che pezzo della carriera ad Alex Schwazer non è stato una casualità. Si è trattato invece di un controllo a tutti gli effetti «mirato». Il nome del campione olimpico della 50 km di Pechino figura nelle carte delle diverse triangolazioni Interpol-magistrature dei singoli Paesi-Autorità mondiale antidoping. Insomma, un operazione figlia di quel lavoro di «intelligence» di cui aveva parlato nella conferenza stampa prima dei Giochi il presidente della Wada, l australiano John Fahey. E che era sembrato a molti, diversi membri del Cio compresi, una sorta di tirata propagandistica un po troppo fiduciosa nelle virtù dell antidoping internazionale. Ferrari Ma da dove sbucava il nome di Schwazer? Dalle carte della Procura della repubblica di Padova e dall inchiesta che ruota intorno alla figura del medico Michele Ferrari, la cui frequentazione è di fatto costata, pure in forma non ufficiosa perché si è trattato di una mancata convocazione e non di una sanzione, a Filippo Pozzato la partecipazione a questi Giochi. Ci sarebbe una lista di atleti che frequenterebbero Ferrari e in questa lista emergerebbe il nome di Schwazer (che non sarebbe l unico degli azzurri olimpici a intrattenere rapporti di collaborazione con il medico). Il controllo a sorpresa sarebbe stato dunque figlio della raccolta di queste informazioni, coordinata dall unità speciale che ha sede all Interpol di Lione. Arricchita anche dal fatto che Schwazer, prima della Germania, aveva trascorso un lungo periodo di allenamento a Saint Moritz, proprio una delle mete abituali di Ferrari. La frequentazione di Ferrari era già costata cara al ciclista Pozzato, escluso dai Giochi Il dottor Michele Ferrari, 59 anni. A destra un pensieroso Alex Schwazer, 27 AFP/OMEGA Intelligence D altronde l antidoping «post» fa quello che può. Il controllo sull Epo è ormai affidabilissimo, siamo usciti da tempo dalla fase sperimentale e il rischio di falsi positivi è praticamente nullo, ma non riesce ad andare molto indietro nel tempo. C è chi dice: dieci giorni. Anche se molto dipende dal tipo di Epo assunta: alcune vengono smaltite più velocemente, altre meno. E allora ecco le visite a sorpresa degli ispettori, agevolate dall archivio del sistema Williams che consente di accedere ai dati sulla reperibilità degli atleti monitorati dalle rispettive federazioni internazionali per il passaporto biologico. Passaporto biologico che, insieme al lavoro di «intelligence» citato dal presidente della Wada, sta quasi soppiantando i tradizionali esami per i primi dell ordine d arrivo. Passaporto biologico che naturalmente ha anche Schwazer, con una password per entrare nella banca dati e verificare i propri valori ematici. Valori che invece non sono di dominio della federazione di appartenenza, ma solo della Wada e dei diversi panel delle federazioni internazionali. Carabinieri È chiaro che queste circostanze stridono con la versione di Schwazer, quell «ho fatto tutto da solo» pronunciato in mezzo alla disperazione. Ma che non convince del tutto, anzi molto poco gli ambienti Coni e non solo quelli. Non va dimenticato inoltre che Alex Schwazer è un carabiniere e il suo caso dovrà essere naturalmente affrontato con le gerarchie dell Arma, che non possono accontentarsi della ricostruzione affranta della prima ora. Insomma, la vicenda potrebbe essere tutt altro che finita con il «tutta colpa mia» di Alex. E il dubbio è sempre lo stesso: chi c è veramente dietro la sua positività? POSITIVO CANNABIS Judoka Usa, 1 o caso a Londra Il judoka statunitense Nick Delpopolo, trovato positivo a un metabolita della cannabis, è il primo caso di doping che è emerso durante l Olimpiade su un totale di controlli effettuati. Con un comunicato, Delpopolo ha chiesto scusa alla spedizione statunitense dicendosi «imbarazzato da questo errore. La mia positività è dovuta al fatto che ho inavvertitamente mangiato un cibo che non sapevo essere stato cucinato con la marijuana prima che io partissi per Londra». Esclusa anche la lituana del martello Marina Marghieva, già sospesa nei giorni scorsi dal comitato olimpico del suo Paese per essere risultata positiva a un controllo antidoping. Positiva e sospesa anche un altra lituana, la lanciatrice del disco Natalia Artyk. I PRECEDENTI IL PRIMO CASO RISALE AL 1968: UNO SVEDESE NEL PENTATHLON MODERNO. PER L ITALIA, POSITIVI URLANDO E REBELLIN, CHE HA RESTITUITO L ARGENTO Ben Johnson, quando l oro è un imbroglio Il canadese resta il dopato più famoso nella storia olimpica: fuggì da Seul CIRO SCOGNAMIGLIO Il primo ricordo prende una direzione e sempre quella: Seul 1988, 100 metri, Ben Johnson. Quel canadese di origine giamaicana aveva gli occhi grandi, e i muscoli ancora di più: battè Carl Lewis in un 9"79 che allora fu record del mondo, ma non era vero. Bastarono pochi giorni a dichiararlo positivo agli steroidi e costringerlo alla fuga infamante dalla Sud Corea. Non è stato il primo caso di doping alle Olimpiadi, evidentemente neppure l ultimo. Ma resta per distacco il più famoso. Ben Johnson, a sinistra, vince i 100 a Seul 88 in 9"79, record mondiale: dopo la squalifica, l oro va a Carl Lewis. A fianco il ciclista Davide Rebellin, argento a Pechino 2008 ma squalificato per uso di Cera, e il martellista Gianpaolo Urlando, primo caso azzurro di doping ai Giochi (1984) Storia Il primo risale al 1968: lo svedese Hans-Gunnar Liljenwall, 27 anni, vinse il bronzo nel pentathlon moderno, ma fu squalificato. Troppo alcol in corpo. Disse di aver bevuto due birre per calmarsi, prima della gara di pistola, ma dovette restituire la medaglia: robetta, se pensiamo ai casi che sono venuti dopo. Restrigendo il campo d azione ai Giochi Estivi, la «bibbia» della storia olimpica, il Wallechinsky-Loucky, conta 85 positività fino a Pechino Prima di Schwazer, l Italia aveva dovuto incassare le ferite di Gianpaolo Urlando, 4 nel lancio del martello a Los Angeles 84 e poi messo fuori classifica per la positività al testosterone, e soprattutto di Davide Rebellin: il vicentino, argento a Pechino 2008 nella prova in linea del ciclismo su strada, perse la medaglia. All Italia, di rendere un podio olimpico, non era mai capitato. Famosi Non vengono citati negli 85 casi (che riguardano sostanzialmente le positività in competizione) ma alla vigilia dei Giochi di Atene 2004 fece scalpore la vicenda degli sprinter greci Kostas Kenteris e Ekaterini Thanou: vennero squalificati alla vigilia, per aver saltato tre controlli consecutivi. Quattro anni prima siamo a Syndey 2000 caddero teste eccellenti: la russa Irina Korzhanenko (getto del peso, steroidi) e l ungherese Robert Fazekas (lancio del disco, voleva scambiare le provette di urina). Entrambi d oro, entrambi travolti dallo scandalo. Altri Detto che, di quegli 85 casi, 17 riguardano donne e 8... cavalli, gli «scalpi» di un certo peso non sono finiti. Pensiamo al finlandese Martti Vainio, avversario di Alberto Cova nel mezzofondo negli anni 80, argento nei a Los Angeles 1984 proprio dietro all azzurro e positivo al metenolone. Oppure a Rashid Ramzi, marocchino poi naturalizzato per il Bahrein, olimpionico dei 1500 a Pechino 2008 e detronizzato per la positività al Cera, Epo di più recente generazione. Senza contare le medaglie d oro olimpiche travolte dal doping dopo i trionfi: il ciclista Tyler Hamilton, oppure due stelle assolute dello sprint come Marion Jones e Justin Gatlin, per citare solo tre esempi. Il fatto è che adesso in questa lista c è anche Alex Schwazer, maledizione.

6 6 LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 LONDRA 2012 IL CASO Mi chiedo cosa Non cancella «possa ad azioni spingere simili. La risposta è la paura di perdere ALESSIA TROST SALTO IN ALTO Mi dispiace, non «quanto di buono ««me l aspettavo, fatto in passato, ma è una macchia indelebile è una brutta notizia, non so cosa dire Brutta notizia? Sì, lui era uno degli atleti più importanti del movimento NICCOLÒ CAMPRIANI MARTA MENEGATTI GLORIA HOOPER TIRO A SEGNO BEACH VOLLEY VELOCITÀ: 100 E 200 METRI Petrucci: «La pulizia prima di tutto» Il presidente del Coni: «Meglio una medaglia in meno». Il tecnico Didoni: «Ci ha presi in giro» MARISA POLI LONDRA La lettera del Cio e una decisione immediata. «Una giornata che non avremmo mai voluto vivere» per il presidente del Coni, Gianni Petrucci, che ieri sera a Casa Italia ha raccontato una pagina nera dello sport italiano: «La decisione è chiara ha continuato Petrucci non possiamo transigere, una medaglia in meno e pulizia in più. Non siamo eroi, non siamo fenomeni, ma la pulizia per noi viene prima di tutto. Non abbiamo avuto il minimo dubbio, in due ore abbiamo preso questo provvedimento». Il segretario Lello Pagnozzi spiega com è andata. «Abbiamo subito convocato una riunione al villaggio olimpico con il capo delegazione della Fidal Morini e, mentre tornavamo alle gare del tiro abbiamo deciso di espellere l atleta». L atletica Delusione e dispiacere sono le parole che accomunano le reazioni del mondo dell atletica. A partire dal presidente della Fidal, Franco Arese: «Per vincere a Londra non aveva bisogno di doparsi. È uno che si è sempre allenato duramente, ha sbagliato e per questo sarà punito severamente. È una giornata amara per l atletica e per lo sport italiano, ma meglio vincere una medaglia in meno e soprattutto che la lotta al doping sia fatta in modo concreto come sta facendo il Coni, come stiamo facendo noi della Fidal. Nello sport non si può barare. Gli auguro che si riprenda come uomo». Durissimo l allenatore di Schwazer, Michele Didoni: «E pensare Didoni: «E pensare che ha fatto da padrino a mia figlia al battesimo» Arese: «Alex non ne aveva bisogno Ora sarà punito» Damilano: «Non me lo spiego...» che tre mesi fa Alex ha fatto da padrino a mia figlia al battesimo, mi viene voglia di spaccare la testa contro il muro. Ho chiamato i suoi genitori, sua madre stava andando al pronto soccorso. Ci ha preso tutti per il culo, tutti quelli che gli vogliono bene. Si è dopato solo adesso? Non lo so, comunque io non sono un buon allenatore perché non capisco se un mio atleta si dopa. Anzi, stavo pensando di cambiare lavoro. Andrò a fare il carabiniere da qualche parte. Di peggio non mi potevo aspettare». Sandro Damilano, di Alex, è stato per anni mentore e allenatore. Quasi un secondo padre. Poi, due stagioni fa, le loro strade si sono divise bruscamente. «Conoscendolo da sempre, mi sembra tutto impossibile dice il tecnico piemontese che sabato, con i suoi allievi cinesi, ha conquistato l oro e il bronzo della 20 km Alex è sempre stato contro ogni forma di doping, da ragazzino se ne era andato dal ciclismo proprio perché l ambiente gli pareva poco pulito. Il mio primo pensiero va a lui, come ragazzo e come uomo. Insieme abbiamo vinto tanto e anche se c è Gianni Petrucci, 67 anni, è presidente del Coni dal 1999 ANSA stata rottura tecnica e personale, sono profondamente colpito. Mi spiace per Alex e per tutto il mondo della marcia. Non trovo spiegazioni». Gli altri Senza parole anche Giulia Mancini, la manager di Schwazer e della fidanzata Carolina Kostner: «Non ci spieghiamo cosa sia successo ha detto. Noi non ci occupiamo della parte sportiva e quindi non siamo sempre vicini all atleta: non potevamo accorgerci di questa iniziativa così brutta. Speriamo che ci dia una spiegazione, se c è». Per il sindaco di Racines «è un fulmine a ciel sereno, una batosta. Mi sarei aspettato di tutto, ma non questo». Per Reinhold Messner, la questione è un altra: «Lo sport ormai si rende sempre più spesso ridicolo. Liberalizziamo il doping, oppure aboliamo l agonismo. Non vedo altre vie d uscita. Mi dispiace moltissimo per Alex Schwazer, che poteva anche vincere. Questa notizia sembra la conferma che oggi senza doping non arrivi più da nessuna parte. Lo dico senza voler diffamare nessuno».

7 MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT 7

8 8 LONDRA 2012 TIRO A SEGNO E A VOLO labussola Oggi LE PRIME FINALI Subito triathlon Ferrari da podio Il primo spettacolo da non perdere è a Hyde Park: ore 12.30, c è la gara maschile di triathlon con gli azzurri Fabian e Uccellari. Alle 14 la Medal Race della classe Rs-X: c è la Sensini. Speranze di podio nell artistica: alle Vanessa Ferrari, terza nelle qualificazioni, è tra le favorite nel corpo libero. IN SERATA LA GAZZETTA DELLO SPORT MARTEDÌ 7 AGOSTO 2012 Lotta: Timoncini Alle 22 c è il volley L Italia debutta nella lotta greco-romana con Daigoro Timoncini: primo turno (ottavi) alle contro l armeno Aleksanyan, la speranza è di vederlo combattere per una medaglia (18.54 bronzo, oro). In serata, oltre alle finali di atletica, c è Italia-Sud Corea, quarti del volley femminile (22). Domani SPORT DI SQUADRA Quarti: Settebello contro l Ungheria 4 1 ORO CARABINA Questa è l edizione dei Giochi con più medaglie nella storia del tiro a segno. Il nostro primato era di due podi, ottenuti a Los Angeles 1932 e ad Atlanta Campriani eguaglia così Roberto Di Donna che ad Atlanta conquistò un oro e un bronzo, ma Nicco ha fatto anche meglio, con un oro e un argento. E il suo di ieri è il primo oro dalla carabina. In tutto ora sono 10 le medaglie della specialità ai Giochi. Domenico Matteucci Pistola BRONZO Los Angeles 1932 Renzo Morigi Pistola ORO Los Angeles 1932 Specialisti nel NICCOLO CAMPRIANI Nato a Firenze, 24 anni, 176 cm per 71 kg, Fiamme Gialle. E campione del Mondo nella carabina 10 metri IPP MASSIMO FABBRIZI Nato a San Benedetto del Tronto (Ap), 34 anni. 176 cm per 98 kg. Carabiniere. E campione del Mondo LAPRESSE È arrivato il momento del dentro o fuori per gli sport di squadra con i quarti di finale: il Settebello (secondo nel girone di qualificazione) affronta l Ungheria contro la quale ha perso agli Europei di gennaio; l Italvolley maschile (solo quarta in seguito al tracollo con la Bulgaria) cerca l impresa contro gli Stati Uniti. BOXE Mangiacapre per la medaglia Ore 22.45: l appuntamento da non perdere è in tarda serata con Vincenzo Mangiacapre, impegnato sul ring ai quarti dei superleggeri contro il kazako Yeleussinov: vincendo, il pugile italiano si assicurerebbe almeno il bronzo. Prima tanta atletica: riflettori sui 200 donne (ore 22) e Roberto Ferraris Pistola automatica BRONZO Montreal 1976 Edith Gufler Carabina 10 m ARGENTO Los Angeles 1984 Roberto Di Donna Pistola libera e Pistola 10 m BRONZO ORO Atlanta 1996 Grande successo degli sport olimpici in televisione. La finale a squadre del fioretto a squadre maschile, iniziata domenica sera alle 20.15, è stata seguita su Rai2 da 6 milioni e 371 mila spettatori (share 35,34%) e su Sky da spettatori per un totale di pubblico televisivo che sfiora i 7 milioni e 400 mila spettatori. La finale dei 100 metri vinta da Usain Bolt, scattata alle 22.50, è stata invece complessivamente seguita da spettatori: in particolare su Rai 2 e su Sky. La straordinaria domenica di sport ha abbracciato anche i tuffi: dalle 20, ben spettatori hanno seguito su Rai 2 la sfortunata finale di Tania Cagnotto dal trampolino di 3 metri. Niccolò Campriani Carabina 10m e Carabina 3 Posizioni ARGENTO ORO Londra 2012 Oro di Campriani Argento di Fabbrizi E un Italia infallibile Precisi, determinati e simpatici: Niccolò e Massimo sono il manifesto alla semplicità che sa vincere Non è una favola, non è uno scherzo e non è certamente un caso. L Italia che troppo spesso non si vede sbandiera la nostra faccia migliore sulla ribalta maggiore, l Olimpiade, esaltando qualità che troppo spesso non si vedono: applicazione, determinazione, costanza, efficienza, freddezza e tantissima precisione. Altro che spaghetti, pizza e mandolino, altro che santi, navigatori e poeti. Ai Giochi della ipertecnologia e della multi-medialità - con 62 nazioni già a medaglia -, l Italia frantuma, concentratissima, i luoghi comuni sui difetti nazionali, centrando i piattelli-ufo del tiro a volo (grandi come un cd), infila i bersagli minimi di tiro a segno (0.5 centimetri) e con l arco (12.2), infilza avversari negli spazi ridottissimi concessi nella scherma, dribbla paletti e cascate (canoa), regge ritmi pazzeschi (canottaggio), fa miracoli di equilibrio e potenza (ginnastica). E ci rende fieri di essere italiani. Strappandoci anche qualche lacrimuccia. Valentina Turisini Freddezza Non parliamo di come il simpatico, umanissimo, marchigiano Massimo Fab- 4 sui 110 ostacoli (22.15). Carabina 10m VINCENZO MARTUCCI sport minori - anzi, grazie Jessi- ARGENTO brizi, peraltro contro un italiano-istriano-croato, Giovanni Atene 2004 LONDRA FENOMENI GLI ASCOLTI Luca Fioretto batte Bolt Tesconi Pistola 10m Oltre 7 milioni in tv ARGENTO Londra 2012 ca Rossi, che a 20 anni ci dai una lezione -, parliamo di sport che sono l humus dell olimpismo, realtà serissime sviluppate al massimo livello. E non per guadagnare milioni, ma i 500 euro che il numero 1 al mondo del tiro a segno, l ingegnere di Firenze, Niccolò Campriani - argento e oro olimpici - intasca per un mondiale. Parliamo di gente, questa azzurra a Londra, di cui andar fieri, sempre, anche quando perde l oro della fossa al sesto tiro di spareggio, IL PREMIER TIFOSO Monti agli azzurri «Continuate così» Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha telefonato al presidente del Coni, Gianni Petrucci, per esprimere la propria soddisfazione per i risultati ottenuti dagli azzurri ai Giochi di Londra. «Complimenti, continuate così. Estenda i complimenti a tutti gli atleti e a tutti i tecnici». Cernogoraz, e sparando, tutti i medagliati mondiali, con fucili e cartucce «made in Italy». Come la fenomenale Rossi che, in nome della sua disastrata Crevalcore, quando fa il suo lavoro diventa di ghiaccio. Come Johnny Pellielo (teologo di Vercelli), che sbaglia la prima delle 5 serie di qualificazione (23/25), ma non naufraga, non si nasconde dietro le tre medaglie consecutive ai Giochi o ai 42 anni, infila due 25 e due 24, e manca la finale per un piattello. Come Valentina Turisini (triestina dolce-amara), argento olimpico da atleta, unica cittì azzurra ai Giochi, che col suo progetto vince 3 medaglie. Record La giornata trionfale del tiro al Royal Artillery Barracks s illumina alle 13.45, indoor, quando Campriani, il favorito della 50 metri 3 posizioni del tiro a segno, irrompe in finale con addirittura 8 punti più del secondo, il fuoriclasse americano Emmons dai nervi fragili, con il nuovo record olimpico (1180), e con tanta stanchezza 14 Italiani con più di una medaglia individuale nella stessa edizione di un Olimpiade. Prima di Campriani, gli ultimi azzurri a riuscire nell impresa erano stati Fioravanti (oro 100 e 200 rana) e Rosolino (oro 200 misti, argento 400 sl, bronzo 200 sl) a Sydney psico-fisica. Ma ha lavorato talmente bene anche con lo psicologo che, senza brillare (quattro 10, e sei 9), gestisce gli ultimi 10 tiri e stravince di 6 punti, davanti al coreano Kim (che beffa Matthew dalla lacrima facile). I crampi al ginocchio nella maratona di qualificazione di 3 ore e 15, il vento, i cambi di luce, la pressione del favorito, la fatica dell argento nei 10 metri, la gioia dell oro? Nicco supera tutto, col sorriso alla sua carabina Bleiker calibro 22. Rimonta Poi, alle 16, all aperto, in balìa del cielo bislacco di Londra, Massimo Fabbrizi, altro favorito, altro campione mondiale, protetto come la Rossi dal cittì saggio Albano Pera, lancia un appassionante rimonta della fossa, la specialità regina del tiro a volo, e si gioca l oro. Come scommette il Deus ex machina della Fitav, Sabatino Durante. Il pacioso marchigiano parte terzo, a 123/125, con davanti il bi-olimpionico Diamond - percorso netto e record olimpico eguagliato - e Aldeehani (che poi porterà la seconda medaglia ai Giochi del Kuwait; la prima, sempre sua e sempre bronzo, nel 2000), sbaglia un piattello sinistro al colpo 3 e un destro all 11, poi basta, mentre gli altri balbettano sempre più. Al 15, è secondo con altri 3, al 20 è argento con il solo Cernogoraz, al 21, fa saltare i nervi a Diamond - abituato a rompere i piattelli con due colpi, mentre in finale ne ha uno solo - e passa primo. Dove resta fino al piattello 25, pari con l istriano dall italianissimo nome Giovanni: è lui il più forte ma forse paga lo sforzo per recuperare dopo 10 giorni di febbre, e cede l oro allo shoot-off. Poco male: Massimo libera la sua personalità, e salta e balla con il tricolore coinvolgendo tutti. Grazie, bella gente di un Italia che per fortuna c è ancora.

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 16 Data. 05.11.2007 Ora 18.34 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

www.ilgiornale.it 25 Marzo 2010

www.ilgiornale.it 25 Marzo 2010 www.ilgiornale.it 25 Marzo 2010 Dal sito web di Francesco Totti 3 Marzo 2010 Correre 1 Marzo 2010 DAL NOSTRO INVIATO EMANUELA AUDISIO! VANCOUVER - L' altra Italia. Quella tranquilla, non sbruffona,

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli