SPORT E TEORIA DEI GIOCHI: UN APPLICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPORT E TEORIA DEI GIOCHI: UN APPLICAZIONE"

Transcript

1 Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance SPORT E TEORIA DEI GIOCHI: UN APPLICAZIONE AI CALCI DI RIGORE NEL FOOTBALL Relatore: Chiar.mo Prof. Nicola Dimitri Correlatore: Chiar.mo Prof. Paolo Pin Candidato Carlotta Capezzuoli Anno Accademico 2012/2013

2 2 A Barbara ed Andrea

3 La vita ci costringe a fare continue scelte ad ogni livello (famigliare, personale, sociale) e in ogni campo (morale, economico, politico), in situazioni di conoscenza imperfetta della situazione, del comportamento altrui e degli effetti delle varie scelte. Nonostante la sua complessità, il processo decisionale può comunque essere modellato con strumenti matematici: la branca della matematica che si interessa di tali problemi si chiama teoria dei giochi. [P. Odifreddi Giochi pericolosi ] 3

4 INDICE Abstract pag. 6 Introduzione pag La Teoria dei giochi pag Cenni storici pag Il gioco pag Classificazione dei giochi pag Giochi non cooperativi pag Gioco simultaneo pag Gioco dinamico pag Giochi ripetuti pag Ripetizione finita pag Ripetizione infinita pag Giochi cooperativi pag Il Valore di Shapley pag Gioco a somma costante pag Il calcio di rigore pag La storia del calcio pag Il penalty kick pag La Teoria dei giochi applicata al calcio di rigore pag I rigori di A. Del Piero pag Le parate di G. Buffon pag. 49 4

5 2.3.3 I rigori di L. Messi pag Le parate di S. Handanovic pag I rigori di C. Ronaldo pag Le parate di I. Casillas pag Le probabilità di successo dei singoli giocatori pag I rigori sono prevedibili? pag I tiri di rigore pag. 78 Conclusione pag. 83 Bibliografia e Sitografia pag. 85 Ringraziamenti pag. 87 APPENDICE B i = note presenti in Bibliografia S i = note presenti in Sitografia 5

6 ABSTRACT This thesis applies the game theory to an often concrete contingency in football: the penalty kick. Of considerable interest especially for how that is structured: one on one, two possibilities of outcome, in a scenario represented by so many choices. This work analyzes 368 penalty kicks in total performed and/or warded off by 6 worldrenowned football players. The objective of this study is to highlight the applications of the game theory in this particular circumstance. As with any non-cooperative game, even in the case of penalty kicks no strategies apply. That is why we used the minimax method to identify the probability that one of the two players is indifferent to the choices of others in mixed strategies. We also analyzed the development of the opportunity to score for each player considered as part of this analysis. The ability for a player to become unpredictable has been observed with the application of the OLS method.. A brief analysis was also carried out for the penalty kicks. 6

7 INTRODUZIONE La quotidianità impone ad ognuno di valutare continuamente gli eventi di fronte ai quali ci troviamo attraversando i personali percorsi. La vita ci chiede di fare scelte a livello familiare, sociale, amicale, professionale, identitario, mentre quella sociale ci chiede lo stesso in termini di morale, politica, economia, istituzioni ed in termini di appartenenza. Gli esseri umani hanno facoltà di scelta, ne è un esempio ciò che chiamiamo libero arbitrio. Esiste però anche una meta-scelta (meta, dal greco metà che significa aldilà, oltre, sopra) cioè la possibilità, anzi la necessità, di uno scegliere nella scelta. Vivere significa scegliere e scegliere significa decidere come agire. In termini di azioni le possibilità sono moltissime: dal non scegliere affatto, all affidarsi al caso, ad azioni progettate, all intuito, fino a scegliere matematicamente. Una cosa è certa: è impossibile non scegliere perché anche non scegliere rappresenta una scelta a sé. Chi non sceglie non gioca. Nonostante la sua complessità, ciò che chiamiamo processo decisionale può essere analizzato, valutato e modellato attraverso l utilizzo di strumenti propri della matematica, secondo le teorie di quel filone di studi chiamato appunto teoria dei giochi. Questa tesi applica la teoria dei giochi ad una possibilità spesso concreta nel gioco del calcio: il penalty kick, meglio conosciuto con il nome di calcio di rigore. Esso è di notevole interesse soprattutto per come si struttura: uno contro uno, due sole possibilità di esito immerse in uno scenario rappresentato da moltissime scelte. Nel lavoro sono stati analizzati in totale 368 calci di rigore tirati e/o parati da sei calciatori di fama mondiale. L obiettivo è mettere in evidenza le applicazioni della teoria dei giochi in questa particolare eventualità. Come in ogni gioco non cooperativo abbiamo visto che anche nei calci di rigore non esistono delle strategie pure e quindi abbiamo utilizzato il metodo minimax per individuare, in strategie miste, la probabilità che rende uno dei due giocatori indifferente alle scelte dell altro. A seguito dell analisi di un numero n di rigori abbiamo valutato le possibilità di successo che lo specifico giocatore potrebbe ottenere al rigore (n+1). Successivamente si è preso in esame l andamento della possibilità di punteggio per ogni giocatore, al fine di mostrare come, all aumentare dei calci di rigore, la score probability tende ad assumere un valore pressoché costante. È stato importante inoltre specificare una differenza che non tutti hanno chiara e che risulta fondamentale a questa analisi: la sostanziale differenza tra il calcio di rigore e i tiri di rigore, analizzati in questo studio sempre in riferimento ai calciatori presi in esame. 7

8 Un ulteriore valutazione è scaturita dall applicazione del metodo dei minimi quadrati (OLS), utilizzato per calcolare la probabilità direzionale inerente al tiro successivo: la constatazione della capacità di un giocatore di rendersi imprevedibile. È in dubbio comunque che all interno della vita degli uomini sia presente un elemento spesso lontano dalla logica matematica e statistica. Ci riferiamo alla possibilità di un azione e di una scelta istintive, non programmate, imprevedibili. 8

9 CAPITOLO PRIMO LA TEORIA DEI GIOCHI 1.1 Cenni storici La teoria dei giochi, anticipata da Leibniz 1 nel 1710, fu formulata nel 1928 dal matematico John von Neumann 2. Egli credeva fortemente nella ragione e nel metodo razionale come unico strumento utile per affrontare gli eventi importanti della vita. Le sue idee dettero origine ad una branca della matematica efficace per affrontare problemi decisionali, risoluzione dei conflitti, dilemmi sociali. Neumann sviluppò ulteriormente le sue teorie in Theory of Game and Economic Behaviour (1944), lavorando con Oskar Morgenstern 3 : i due scienziati tentarono di descrivere matematicamente il comportamento umano in quelle situazioni in cui l interazione umana è incentrata su dinamiche competitive di vincita-perdita o spartizione di risorse. La teoria dei giochi si sviluppò durante la seconda guerra mondiale, soprattutto in USA e in Gran Bretagna, dove un numero rilevante di scienziati ed economisti vennero impiegati negli Stati Maggiori. Uno dei principali studiosi nel campo della teoria dei giochi fu, negli anni cinquanta, il matematico John Forbes Nash jr. 4, che si specializzò nei giochi non cooperativi ed introdusse il concetto di Equilibrio di Nash. 1 Gottfried Wilhelm von Leibniz (Lipsia, 1 lugio 1646 Hannover, 14 novembre 1716) è stato un matematico, filosofo e giurista tedesco. A lui si deve il termine funzione e l'introduzione e i primi sviluppi del calcolo infinitesimale, in particolare del concetto di integrale. È considerato un precursore dell'informatica e del calcolo automatico: fu inventore di una calcolatrice meccanica detta appunto Macchina di Leibniz. 2 John von Neumann (Budapest, 28 dicembre 1903 Washington, 8 febbraio 1957) è stato un matematico, fisico e informatico ungherese naturalizzato statunitense. A lui si devono fondamentali contributi in numerosi campi della ricerca tra cui la teoria dei giochi. 3 Oskar Morgenstern (Görlitz, 24 gennaio 1902 Princeton, 26 luglio 1977) è stato un economista austriaco, cofondatore insieme a John von Neumann della Teoria dei giochi. Con lui scrisse, nel 1944, il libro Theory of Game and Economic Behaviour. 4 John Forbes Nash Jr. (Bluefield, 13 giugno 1928) è un matematico ed economista statunitense, nobel per l'economia nel 1994 insignito insieme ad Harsanyi e Selten. Tra i matematici più brillanti e originali del Novecento, ha rivoluzionato l'economia con i suoi studi di matematica applicata alla Teoria dei giochi. Nonostante abbia vissuto 25 anni da squilibrato è passato alla storia per aver introdotto la nozione di Equilibrio che porta il suo nome. A lui è stato dedicato il film di Ron Howard A beautiful mind. 9

10 Non possono non essere citati Tucker 5 (matematico americano, autore del Dilemma del Prigioniero), Luce 6 e Raiffa 7, che in Games and Theory (1957) estesero la teoria a contesti decisionali incerti e complessi, con agenti con razionalità limitata e Schelling 8 autore del testo The Strategy of Conflict (1960) sui comportamenti strategici. Altro studioso della teoria dei giochi è stato Robert Aumann 9, il cui più grande contributo va ricercato nell ambito dei cosiddetti giochi ripetuti. In origine la teoria dei giochi aveva contribuito a chiarire alcuni importanti interrogativi concettuali, rispondendo a molte aspettative concrete. Nel tempo, però, si è persa nell astrattismo, fino agli anni 80, quando è iniziato un suo risveglio, e ha raggiunto un ampia applicazione pratica. Oggi può essere suddivisa in grandi filoni, poiché le sue applicazioni sono molteplici: dal campo economico-finanziario a quello strategico-militare, dalla psicologia all informatica, dalla politica alla sociologia, dalla biologia allo sport 1.2 Il gioco La teoria dei giochi è la disciplina scientifica che studia il comportamento e le decisioni degli agenti razionali in condizioni di interdipendenza strategica, ovvero in situazioni in cui, in presenza di interazioni tra diversi soggetti, le azioni di un individuo influenzano anche le scelte degli antagonisti. Queste condizioni si definiscono situazioni strategiche. 5 Albert William Tacker (Oshawa, 28 novembre 1905 Hightstown, 25 gennaio 1995), è inoltre noto per le così dette condizioni di Karush-Kuhn-Tacker per la programmazione lineare. Durante la sua attività accademica ebbe Nash tra i suoi alunni. 6 R. Duncan Luce (Scranton, 16 maggio 1925 Irvine, 11 agosto 2012), laureato in ingegneria e con dottorato di laurea in matematica, è stato un pioniere nel campo della psicologia matematica, ricevendo per questo nel 2003 la National Medal of Scienze per scienze sociali e comportamentali. Molti altri i riconoscimenti a lui conferiti. 7 Howard Raiffa (New York City, 24 gennaio 1924) ha ricevuto numerosi riconoscimenti per le ricerche e gli studi compiuti sulla teoria dei giochi, la teoria delle decisioni statistiche, l analisi decisionale, la mediazione e la risoluzione dei conflitti. 8 Tomas Crombie Schelling (Oakland, 14 aprile 1921), economista, è stato professore per gli affair esteri, sicurezza nazionale, strategie nucleari e controllo degli armamenti. Nel 2005 gli è stato conferito il premio nobel per l economia, condiviso con Aumann. 9 Yisrael Robert John Aumann (Francoforte sul Meno, 8 giugno 1930) è un matematico israeliano, nobel per l economia nel 2005 insieme a Schelling. Membro dell'accademia delle Scienze degli Stati Uniti, è uno dei fondatori del "Centro per la teoria dei giochi nell'economia". È stato il primo a definire il concetto di Equilibrio correlato (1974, Journal of Mathematical Economics), un esempio di equilibrio nei giochi non cooperativi. 10

11 Il principale oggetto di studio della teoria dei giochi è costituito da quelle situazioni di conflitto nelle quali gli individui sono costretti a intraprendere una strategia di competizione o di cooperazione. Una situazione di questo tipo è denominata gioco e gli individui sono i giocatori. I giocatori (o agenti) devono formulare una strategia 10 al fine di effettuare le scelte migliori per massimizzare la propria utilità, tenendo anche conto delle mosse adottate dagli altri agenti che partecipano al gioco. Le scelte positive sono premiate, mentre quelle negative sono punite. Il risultato del gioco, quindi, è completamente determinato dalla sequenza delle strategie degli agenti e da quelle prese dagli altri giocatori, che possono essere in accordo o meno. In seguito alle strategie adottate da tutti i giocatori coinvolti, ognuno di essi riceve una valutazione del risultato ottenuto: il numero che esprime tale valutazione è detto payoff 11 e può essere positivo, negativo o nullo. In definitiva, un gioco è descritto quindi da almeno tre elementi caratteristici: 1.un insieme di giocatori che partecipano al gioco e assumono delle decisioni; 2.un insieme di strategie per ciascun giocatore; 3.i payoffs per ciascun giocatore, associati agli esiti finali del gioco. Premessa indispensabile per la teoria dei giochi è che tutti devono essere a conoscenza delle regole del gioco e delle conseguenze di ogni singola mossa. Ogni gioco può essere rappresentato in forma normale (o strategica) o in forma estesa. Nel primo caso si parla di rappresentazione matriciale (matrice dei payoffs o delle vincite), nel secondo di rappresentazione con un grafo ad albero, la quale mette in risalto sia le informazioni di cui i giocatori dispongono al momento di muovere che la sequenza (temporale o logica) delle loro mosse. La rappresentazione in forma normale si basa sull ipotesi che il problema decisionale dell agente possa essere assimilato a quello della scelta di una strategia, data quella che si pensa i rivali stiano adottando. Quando il gioco coinvolge solamente due players, tutte le informazioni del gioco in forma strategica possono essere rappresentate con una bimatrice, come nella tabella seguente. 10 La strategia è la mossa o l insieme di mosse che l individuo intende fare; è un piano di azioni formulato all inizio del gioco, che individua quelle da utilizzare per ogni eventuale circostanza in cui si può essere chiamati a giocare. 11 Il termine payoff viene talvolta reso in italiano con i termini: risultato, premio, ricompensa, pagamento. 11

12 Matrice a doppia entrata B Destra Sinistra Alto (1, 2) (0, 1) A Basso (2, 1) (1, 0) Tab. 1 Nella matrice a doppia entrata, le possibili mosse (o strategie) dei due giocatori sono disposte rispettivamente sul lato verticale (giocatore B, detto di colonna destra o sinistra) e orizzontale (giocatore A, detto di riga alto o basso). In ogni cella sono rappresentati gli esiti del gioco, i payoff, che i due giocatori ottengono attuando le mosse raffigurate nelle corrispondenti righe e colonne. Per convenienza, il primo numero della cella rappresenta la vincita del giocatore di riga e il secondo numero quella del giocatore di colonna. Nel caso della rappresentazione in forma estesa, invece, le possibili mosse dei giocatori (azioni 12 ) sono rappresentate mediante un albero di gioco. Una sequenza di azioni è detta sentiero (path) o storia del gioco, i nodi rappresentano gli stati del gioco e i rami (o archi) le possibili mosse che gli agenti possono effettuare a partire da un determinato nodo. Il nodomadre è associato alla situazione iniziale del gioco; i nodi intermedi sono caratterizzati da almeno un nodo predecessore e un nodo successore. Quando un nodo non ha successori (nodo terminale), si identifica uno dei possibili stati finali del gioco. La ramificazione dell albero si espande dall alto verso il basso, ma per analizzarlo deve essere utilizzata l induzione a ritroso (backward induction). Rappresentiamo l esempio precedente con un grafo: Grafo ad albero Rami Alto A Basso Nodo Dx B Sx Dx B Sx 1, 2 0, 1 2, 1 1, 0 12 Le azioni sono diverse dalle strategie: un azione è una scelta locale, una possibile scelta in un determinato nodo; una strategia è una scelta globale, è un piano completo di azioni. 12

13 Le soluzioni di un gioco portano all equilibrio, ovvero alla situazione in cui nessun giocatore desidera modificare il suo comportamento unilateralmente dato il comportamento degli altri. Ciascuno adotta la strategia migliore, quella selezionata sulla base della scelta razionale, ma poiché l ottimizzazione sottende l interdipendenza che si instaura, per ognuno la scelta migliore coincide con la risposta migliore (best reply) all altro. Nel caso di informazione imperfetta il giocatore non conosce la mossa dell altro e la sua decisione migliore verrà formulata sulla base dell aspettativa che anche l avversario scelga la strategia migliore. La nozione più utilizzata di equilibrio è quella introdotta da Nash: Un gioco può essere descritto in termini di strategie, che i giocatori devono seguire nelle loro mosse: l equilibrio c è, quando nessuno riesce a migliorare in maniera unilaterale il proprio comportamento. Per cambiare, occorre agire insieme. 13 Si parla appunto di equilibrio di Nash quando è possibile trovare un insieme di strategie (una per ciascun giocatore), tale che ognuna di esse è la migliore per il singolo giocatore al momento che anche gli altri giocano la loro strategia di equilibrio. L equilibrio di Nash rappresenta quindi l insieme di strategie che costituisce la risposta ottima di tutti i giocatori e che permette di conseguire il massimo guadagno sia individuale che collettivo. Pertanto, in un gioco strategico e con un profilo di azioni a*, si dice che abbiamo un equilibrio di Nash se: U i (a* i, a* -i ) U i (a i, a* -i ) e a* costituisce un equilibrio di Nash se non vi è incentivo unilaterale a deviare dall azione prevista in a* se tutti gli altri la adottano. Nell esempio precedentemente esposto, sia nel caso della matrice a doppia entrata che nel grafo ad albero, abbiamo equilibrio di Nash con la strategia (basso, destra) perché né A né B hanno l incentivo a cambiare la propria strategia data la scelta dell altro giocatore. Questo è l unico equilibrio del gioco, anche se per il giocatore B non produce il payoff più alto. In alcuni giochi è possibile avere equilibri multipli e possono sussistere equilibri pareto inefficienti, come possiamo rilevare, ad esempio, dalla tabella seguente: II A B A (5, 5) (-4, 0) I B (0, -4) (0, 0) Matrice (Tab. 2) 13 Odifreddi P., 2008, da 13

14 Le coppie (A, A) e (B, B) sono entrambi equilibri di Nash e l equilibrio (A,A) è preferibile all altro. Importante da ricordare è che: 1.l equilibrio di Nash può non esistere; 2.non è detto che l equilibrio di Nash sia pareto-efficiente; 3.non è detto che la previsione sia unica; 4.ciascuna componente è risposta ottima contro tutte le altre; 5.non spiega come si formano le aspettative. Infine, ricordiamo che esistono due tipologie di equilibrio: - Equilibrio di Nash puro dove una certa convinzione può rimanere. - Equilibrio di Nash misto dove il giocatore non sceglierà direttamente una mossa ma la probabilità con la quale adottare ciascuna di essa. Nelle strategie miste esiste sempre un equilibrio di Nash. 1.3 Classificazione dei giochi I principali giochi possono essere classificati in base alle modalità con cui gli agenti effettuano le proprie decisioni e possono essere ad informazione completa, nel qual caso ogni giocatore consoce le mosse a disposizione di tutti i giocatori e le possibili vincite, oppure incompleta. L agente che muove per primo è chiamato leader mentre il giocatore che lo succede è il follower. Secondo la natura delle interazioni fra i partecipanti, invece, i giochi possono essere divisi in due macro categorie,: 1.non cooperativi 2.cooperativi Questi ultimi si concentrano sulle scelte di gruppo e si presentano quando gli interessi dei giocatori non sono in opposizione diretta tra loro, ma esiste una comunicazione di interessi; vi è quindi la possibilità per i giocatori di sottoscrivere accordi vincolanti. I giochi non cooperativi (o giochi competitivi), introdotti da Nash e di cui la teoria dei giochi prevalentemente si occupa, sono maggiormente utilizzati in economia, si focalizzano sulle scelte individuali e i giocatori non possono stipulare accordi vincolanti, indipendentemente dai loro obiettivi. In essi vengono adottati comportamenti razionali utilizzando la strategia del 14

15 massimo: il giocatore prende sempre la decisione che consegue il massimo guadagno possibile per lui. In linea generale i giochi non cooperativi a loro volta si distinguono in: a. giochi simultanei o strategici o statici, quando entrambi i giocatori decidono la propria mossa contemporaneamente, ossia quando l individuo A sceglie, prende una decisione e non ha informazioni sulle scelte degli altri giocatori anche se questi hanno già scelto. b.giochi dinamici o in forma estesa o sequenziali, che si svolgono invece, a turni ossia seguendo un particolare ordine; quando l individuo A sceglie può aver osservato l azione dell altro giocatore e quindi avere un informazione perfetta su cosa ha fatto l altro, può trascurare così delle scelte potenziali e basarsi su quelle più importanti. Molte strategie comprendono sia la simultaneità che la sequenzialità. Per quanto riguarda le tipologie, i giochi possono essere: ripetuti o multiperiodali, caratterizzati da almeno due o più turni. Queste tipologie di gioco, che portano gli agenti a giocare più di una volta, possono produrre risultati finali diversi pur considerando lo stesso schema di gioco iniziale. La ripetizione del gioco può continuare anche un numero infinito di volte. one-shot o uniperiodali, dove il gioco è caratterizzato da un solo turno. finiti, quando il numero delle situazioni di gioco possibili è appunto finito, anche se spesso assai elevato. con informazione perfetta, se i giocatori conoscono con certezza la storia delle giocate precedenti. In termini più tecnici, si tratta di quelli in cui in ogni momento del gioco si può capire in quale nodo della rappresentazione ad albero ci si trova. con informazione imperfetta, se i giocatori hanno parzialmente accesso alle informazioni sullo stato del gioco e le scelte degli altri giocatori (il giocatore non sa precisamente in quale nodo della rappresentazione ad albero del gioco si trova). a informazione completa, se tutti i giocatori conoscono le strategie a disposizione degli altri e i possibili payoff di tutti i partecipanti al gioco. a informazione incompleta, se almeno un giocatore non conosce payoff e/o strategie degli altri giocatori. a somma costante, se la somma degli esiti per i singoli giocatori è sempre la stessa, qualunque sia la combinazione di strategie risultante dalla loro interazione. a somma variabile, se la somma dei payoff dei singoli giocatori cambia. 15

16 1.4 Giochi non cooperativi Gioco simultaneo Il gioco simultaneo è una tripla di oggetti < N, A i, U i > con i = 1,, n dove: - N è l insieme o anche il numero dei giocatori; - A i è l insieme delle azioni disponibili per il giocatore i-esimo; - U i è la funzione di utilità del giocatore i-esimo e dipende dall azione di tutti. Un quarto elemento è l ipotesi comportamentale che ci permette di individuare come le persone si comportano: come agenti razionali che massimizzano la funzione di utilità. Una volta definito il gioco, possiamo iniziare a fare previsioni utilizzando uno dei due criteri principali: o Criterio della dominanza o Equilibrio di Nash Cerchiamo di chiarire attraverso esempi di gioco. (1) Dilemma del Prigioniero II C D C (-1, -1) (-3, 0) I D (0, -3) (-2, -2) Matrice (Tab. 3) Questo è un gioco 2x2 = 2 giocatori e 2 azioni. Gli agenti sono due criminali che, accusati con prove indiziarie di aver compiuto una rapina, vengono arrestati entrambi per il reato di favoreggiamento e chiusi in due celle diverse per impedire loro di comunicare. A ognuno di loro vengono date due scelte: confessare l accaduto (C), oppure non confessare (D). Viene inoltre spiegato loro che: a) se solo uno dei due confessa, chi ha confessato evita la pena; l altro viene però condannato a x anni di carcere; b) se entrambi confessano, vengono entrambi condannati a y<x anni; c) se nessuno dei due confessa, entrambi vengono condannati a 1 anno. La funzione di utilità associa un numero ad una coppia: U I (C,C) = -1 è l utilità del giocatore I quando gioca C come il giocatore II; è il payoff all incrocio delle due strategie U II (D,C) = -3 è l utilità del giocatore II quando gioca C e il giocatore I gioca D 16

17 Per quanto riguarda le previsioni, usiamo il criterio della dominanza. L individuo I deve decidere senza sapere cosa ha fatto l altro e viceversa. Supponiamo che II non lo accusi, allora all individuo I conviene accusare (D); se II lo accusa (D), all individuo I conviene nuovamente accusare (D). Quindi, in questo caso, qualunque cosa fa l altro, l individuo I trova sempre conveniente accusare (D); lo stesso vale per l individuo II, essendo questo un gioco simmetrico. La previsione sarà quindi (D,D). Sia il giocatore I che il giocatore II hanno, in questo caso, una strategia dominante (D): essa risulta la migliore (garantisce più alti payoffs) per un giocatore indipendentemente dalle strategie adottate dagli altri giocatori. Poiché un azione domina l altra se non fa mai peggio dell altra, possiamo dire che D domina strettamente o in senso stretto C. Contrariamente, C sarà una strategia dominata, quella cioè che risulta la peggiore per un giocatore indipendentemente dalle strategie adottate dagli altri. Evidentemente se esiste una strategia dominante il giocatore razionale giocherà quella; se esistono una o più strategie dominate il giocatore razionale non le giocherà mai. (2) Battaglia dei sessi (o gioco delle coppie) LUI B S B (2, 1) (0, 0) LEI S (0, 0) (1, 2) Matrice (Tab. 4) Questo gioco serve a rappresentare le molte situazioni in cui i soggetti, pur avendo preferenze diverse, cercano di coordinare le proprie azioni: il coordinamento dà un valore aggiunto alla loro azione, sebbene ognuno debba sacrificare qualcosa in termini di preferenze. Nell esempio canonico, una coppia deve programmare il tempo libero: lui preferirebbe andare allo stadio (S), lei all opera (B). Benché abbiano gusti diversi, entrambi saranno disposti a sacrificare la propria preferenza piuttosto che trascorrere il pomeriggio separatamente (con corrispondenti payoffs 0,0). Evidentemente, se LUI dice B, a LEI conviene dire B; ma se LUI dice S, a LEI conviene dire S. Quindi ciò che è meglio per LEI dipende da quello che sceglierà LUI. Non essendoci dominanza tra le azioni non possiamo utilizzare il criterio della dominanza, bensì dobbiamo ricorrere al concetto di equilibrio di Nash. Per individuare il possibile o i possibili equilibri dovremo analizzare quattro profili d azione: (B, B) (S, S) (B, S) (S, B). Per facilitare utilizziamo 1 per indicare le scelte di LEI e 2 quelle di LUI. 17

18 (B, B): U 1 (B, B) U 1 (S, B) 2 0 U 2 (B, B) U 2 (B, S) 1 0 Entrambe le disuguaglianze valgono e quindi (B, B) è un equilibrio di Nash. (B, S): U 1 (B, S) U 1 (S, S) 0 1 La disuguaglianza non vale già per l individuo 1 e quindi anche per l individuo 2 sarà inutile analizzare (B, S), in quanto già non è equilibrio di Nash. (S, B): U 1 (S, B) U 1 (B, B) 0 2 Anche (S, B) non è un equilibrio di Nash. (S, S): U 1 (S, S) U 1 (B, S) 1 0 U 2 (S, S) U 2 (S, B) 2 0 Entrambe le disuguaglianze valgono e quindi (S, S) è un equilibrio di Nash. Si tratta per ora di equilibri puri. Assegnando delle probabilità (q, 1-q, p, 1-p) alle scelte di ogni giocatore, possiamo individuare gli equilibri di Nash in strategie miste: LUI B p S 1-p B q (2, 1) (0, 0) LEI S 1-q (0, 0) (1, 2) Matrice (Tab. 5) E 1 (B) = 2p + 0(1-p) = 2p p = p* 2p = 1-p p* = 1/3 E 1 (S) = 0p + 1(1-p) = 1-p E 2 (B) = 1q + 0(1-q) = q q = q* q = 2(1-q) q* = 2/3 E 2 (S) = 0q + 2(1-q) = 2(1-q) Quindi avremo un equilibrio di Nash in strategie miste dato da: (q* = 2/3, p* = 1/3). 18

19 (3) Indovina correttamente II K 1 1, -1 0, 0 0, 0 0, 0 2 0, 0 1, -1 0, 0 0, 0 3 0, 0 0, 0 1, -1 0, 0 0, 0 0, 0 0, 0 0, 0 I K 0, 0 0, 0 0, 0 1, -1 Matrice (Tab. 6) In questo gioco gli agenti sono due; quando entrambi giocano lo stesso numero, l individuo I prende 1 e l individuo II prende -1. Appare immediato che non ci sono né strategie dominanti né equilibri di Nash Gioco dinamico Il gioco dinamico è un gioco a forma estesa dove le azioni sono dipendenti (possono essere una prima dell altra); in questo caso quando il giocatore sceglie può aver osservato le scelte dell altro. Anche qui procediamo con un esempio: Gioco del prendere o lasciare (ultimatum game) Gli agenti sono 2 giocatori: I e II. In questo gioco vi sono due computer (due oggetti indivisibili), che i due giocatori, se trovano un accordo per come dividerli, avranno la possibilità di tenere. L azione del giocatore I è la proposta e II la conosce. Avremo ovviamente tre proposte possibili da parte del giocatore I: (2,0) per prendersi entrambi i computer, (1,1) per dividerli, (0,2) per lasciarli entrambi al giocatore II. Nella rappresentazione ad albero: I (2, 0) (1, 1) (0, 2) II II II S N S N S N (2, 0) (0, 0) (1, 1) (0, 0) (0, 2) (0, 0) 19

20 I In forma normale: II S S S N N N S N S S N S N S N N S N S S S N N N (2, 0) 2, 0 2, 0 2, 0 0, 0 0, 0 0, 0 2, 0 0, 0 (1, 1) 1, 1 1, 1 0, 0 1, 1 0, 0 1, 1 0, 0 0, 0 (0, 2) 0, 2 0, 0 0, 2 0, 2 0, 2 0, 0 0, 0 0, 0 Matrice (Tab. 7) Per il giocatore I, le azioni coincidono con le strategie; per il giocatore II, i piani d azione sono 2 3 = 8. In questo gioco sono 9 gli equilibri di Nash, ma solamente {(2, 0);(S, S, S)} e {(1, 1);(N, S, S)} sono quelli che sopravvivono all esame della completa razionalità di II e sono detti, pertanto, equilibri di Nash perfetti 14 nei sottogiochi 15. Per trovare questi equilibri è necessario utilizzare l induzione a ritroso. Nell esempio seguente, il giocatore I pensa che, essendo II razionale, sceglierà (2, 1) e quindi non sceglierà D perché non è la scelta migliore tra le due possibili che ha a disposizione. I S D II s d (1, 2) (0, 0) (2, 1) II s d S (0, 0) (2, 1) I D (1, 2) (1, 2) Matrice (Tab. 8) Quindi (S, d) è l equilibrio di Nash perfetto. 14 Nei giochi dinamici non basta la nozione semplice di equilibrio di Nash, ma vanno considerati gli equilibri di Nash perfetti che si hanno con scelte razionali. 15 Un sottogioco è un gioco che parte da un nodo. Le componenti del gioco sono tutti equilibri di Nash nei sottogiochi che vengono giocati. 20

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali Etica & Politica / Ethics & Politics, IX, 2007, 2, pp. 148-181 Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali ROBERTO FESTA Dipartimento di filosofia Università di Trieste festa@units.it ABSTRACT Mathematical

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho Universitá di Firenze FACOLTÁ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho What

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE Il Prof. Antonio Dal Monte si è laureato in Medicina e Chirurgia a Roma ed ha conseguito la docenza in Fisiologia Umana ed in Medicina dello Sport. E specialista

Dettagli