Interrogazione urgente a risposta scritta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interrogazione urgente a risposta scritta"

Transcript

1 Al Presidente del Consiglio Regionale Interrogazione urgente a risposta scritta Oggetto: Delocalizzazione stazioni radio base site sulla Torre Acea sita all intersezione di viale Capitan Casella e Viale della Vittoria, nel XIII Municipio di Roma. Il sottoscritto Angelo Bonelli Capogruppo dei Verdi Premesso che: Sul manufatto di proprietà ACEA Spa in oggetto sono state installate nel corso degli ultimi 10 anni 24 stazioni radio base tra cui le antenne dei gestori di telefonia mobile italiani; Tali impianti hanno irradiato i loro segnali e continuano in parte a irradiare a 360 gradi su tutto il territorio circostante del XIII Municipio; Nel corso degli ultimi 5 anni numerose sono state le manifestazioni e le iniziative dei cittadini e dei Comitati di Quartiere, in particolare il CdQ Parco della Vittoria, nei confronti del XIII Municipio, del Comune di Roma e della Regione Lazio per chiedere la dismissione e la delocalizzazione delle antenne in oggetto. Le motivazioni delle richieste di delocalizzazione delle antenne site sulla Torre ACEA da parte dei cittadini e dei Comitati del XIII Municipio sono scaturite dalla considerazione sull eccessiva densità delle stesse ( 24 antenne) in un unico sito e dalle preoccupazioni legate all eventuale rischio sanitario dovuto all esposizione alle alte frequenze dalle stesse generate; Nel corso degli ultimi 10 anni numerose persone residenti negli edifici immediatamente prospicienti alla Torre Acea hanno contratto gravissime patologia tumorali; A partire dal mese di marzo 2007 nell ambito dell Osservatorio per l Elettrosmog istituito con delibera di Consiglio del XIII Municipio di Roma, su iniziativa dell Assessore all Ambiente veniva presa in esame la possibilità di realizzare un piano di dismissione e delocalizzazione delle 24 antenne site sulla Torre ACEA, di concerto tra i Gestori di Telefonia Mobile e i Comitati interessati tra cui in particolare il CdQ Parco della Vittoria. A novembre del 2007, nell ambito dell Osservatorio per l Elettrosmog veniva redatto di concerto con i comitati di quartiere locali, il testo di un accordo di intesa da sottoporre alla firma dei responsabili politici del XIII Municipio, del Comune di Roma, del Dirigente tecnico responsabile del Comune di Roma e dei responsabili dei Gestori di Telefonia Mobile Telecom, Vodafone, Ericsson e Wind.

2 In data 20 novembre 2007 veniva pertanto firmato dall Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma Giancarlo D Alessandro, dall Assessore all Ambiente del XIII Municipio Paolo Stellino, dal Vicepresidente del XIII Municipio Alessandro Onorato e dai rappresentanti della Telecom (Claudio De Blasio), della Vodafone (Gennaro Tommasino e Adriano Fasano), della Ericsson (Giovanni Di Mase) e della Wind (Luciano Scateni e Maurizio Breda) l accordo di intesa vincolante con il seguente testo: 1) le aziende di telefonia mobile si impegnano a ridurre il numero delle antenne oggi presente da 24 a 9, dislocando le stesse in modo da minimizzare l impatto visivo ed elettromagnetico, impegnandosi a realizzare le modifiche richieste entro 60 giorni dalle autorizzazioni avute dal Comune di Roma. L istanza di autorizzazione alla modifica degli impianti sarà prodotta dalle aziende entro 60 giorni dalla firma del presente. 2) L amministrazione comunale si impegna a monitorare le aree circostanti con proprie centraline, posizionandole sia alla base che in cima agli edifici individuati. 3) Il Municipio ed i gestori di telefonia mobile si impegnano a ricercare entro 6 mesi una diversa dislocazione delle 9 antenne rimanenti, prendendo in considerazione sia aree private, sia pubbliche che di propreietà comunale. A tal fine il Municipio si impegna a fornire al Comune e ai concessionari del servizio di telefonia mobile le indicazioni cartografiche delle aree per le quali non ritiene opportuna la ridislocazione degli impianti. 4) Entro i 6 mesi successivi dall eventuale individuazione delle aree, le aziende di telefonia mobile si impegnano ad attuare la ricollocazione degli impianti nelle aree individuate subordinatamente alla contrattualizzazione delle suddette aree ed all ottenimento di tutti i necessari pareri. A decorrere dalla data di firma dell Accordo di Intesa del 21 novembre 2007, nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio per l Elettrosmog, di concerto con i Comitati di Quartiere, il Municipio XIII e i Gestori di Telefonia mobile, era stata approntata la mappatura delle antenne di telefonia site nel XIII Municipio al fine di individuare possibili alternative sia per le delocalizzazioni di cui al punto 3) dell Accordo di Intesa relativo agli impianti siti sulla Torre Acea che per altri impianti esistenti. Dal mese di giugno 2008 i responsabili politici del XIII Municipio non hanno più ritenuto opportuno convocare l Osservatorio per l Elettrosmog causandone il conseguente scioglimento forzato e non hanno inoltre provveduto al necessario rinnovo dello stesso, senza istituire nessun altra forma di concertazione e studio per giungere all individuazione dei siti alternativi necessari alla delocalizzazione delle antenne della Torre Acea e delle altre proposte dai cittadini e dai Comitati interessati. Solo in data 18 marzo 2009, 15 delle 24 antenne sono state dismesse in ottemperanza al punto 1) dell accordo del 20 novembre 2007;

3 Alla data odierna, a distanza di tre anni dalla firma dell accordo in questione tra gestori della telefonia e amministrazione comunale, non è stato ottemperato all installazione delle centraline ndi monitoraggio previste v nel punto 2) dell accordo stesso, vanificando gli impegni assunti verso i cittadini residenti nelle aree limitrofe alla Torre Acea e del XIII Municipio in genere, promotori dell accordo. Alla data odierna non è stato pertanto ottemperato ai punti 2, 3 e 4 dell accordo del 20 novembre 2007; Considerato che: In base all articolo 168 del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea, nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche ed attività dell'unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana. La Regione ai sensi dell articolo 11 dello Statuto assicura l attuazione dell ordinamento comunitario. L'art.32 della Costituzione tutela la salute come diritto fondamentale dell'individuo, inviolabile e prioritario rispetto alla soddisfazione di qualsiasi altro interesse, sia esso pubblico o privato; La legge 22 febbraio 2001, n. 36 Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici all articolo 1 assicura la tutela della salute dei lavoratori, delle lavoratrici e della popolazione dagli effetti dell esposizione a determinati livelli di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici ai sensi e nel rispetto dell articolo 32 della Costituzione; Legge 22 febbraio 2001, n. 36 all art. 8 comma 1 dispone: 1. Sono di competenza delle regioni, nel rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità nonchè dei criteri e delle modalità fissati dallo Stato, fatte salve le competenze dello Stato e delle autorità indipendenti: a) l esercizio delle funzioni relative all individuazione dei siti di trasmissione e degli impianti per telefonia mobile, degli impianti radioelettrici e degli impianti per radiodiffusione, ai sensi della legge 31 luglio 1997, n. 249; Legge 22 febbraio 2001, n. 36 all art. 8 comma 6 dispone: I comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. il Comune di Roma non si è dotato di regolamento per l installazione delle antenne di telefonia mobile, dopo che il TAR Lazio con sentenza n del giugno 2001 ha annullato la deliberazione del Consiglio Comunale di Roma n. 211 dell'11 dicembre 2000, concernente la procedura per il rilascio di autorizzazioni e/o concessioni edilizie relative all'installazione degli impianti per reti di telefonia radiomobile; il Consiglio Comunale di Roma risulta inadempiente, per non aver discusso ed approvato la Proposta di Delibera di Iniziativa Popolare n 14804/2005, presentata e sottoscritta nel 2005 da 23

4 mila cittadini, con cui si chiede, fra l altro, di dotare la Capitale di un Piano Regolatore degli impianti di telefonia mobile; la Regione non ha individuato i siti di trasmissione degli impianti per la telefonia mobile, lasciando ai gestori della telefonia la possibilità di localizzare le antenne anche in prossimità di abitazioni o luoghi lavoro, o peggio in prossimità di luoghi sensibili come: scuole ed asili nido, ospedali, case di cura e di riposo, parchi pubblici, parchi gioco, aree verdi attrezzate ed impianti sportivi. per l'intenso sviluppo della telefonia cellulare e di altre applicazioni connesse, si è riscontrato un aumento esponenziale di impianti di telefonia mobile localizzati in ambito urbano, come nel caso in oggetto tutto ciò ha comportato un progressivo e preoccupante aumento dei livelli d'inquinamento elettromagnetico a cui la popolazione è esposta; numerosi e qualificati studi internazionali di scienziati e ricercatori indipendenti documentano un aumento statisticamente significativo (più del raddoppio) del rischio di tumori maligni al cervello (astrocitomi), di tumori benigni ai nervi cranici (neurinomi del nervo acustico) e di tumori benigni e maligni alle ghiandole salivari (soprattutto alla parotide) in soggetti che hanno usato i telefoni mobili per almeno 20 minuti al giorno e da almeno 10 anni (dato certificato già nel 2007 dall Associazione Italiana degli Oncologi Medici); Permangono attualmente numerosi casi di gravi patologie a carico di numerose persone residenti nelle immediate vicinanze della Torre Acea, senza che l amministrazione comunale e municipale abbia intrapreso alcuna iniziativa utile volta ad monitorare in maniera efficace e continua il valore delle emissioni delle antenne attualmente ivi installate; Non è stata comunicata da parte del XIII Municipio e del Comune di Roma ai cittadini e ai comitati del XIII Municipio interessati alla delocalizzazione delle antenne site sulla Torre Acea, nessuna iniziativa o procedura attuata al fine di completare l attuazione dei punti 2, 3 e 4 dell Accordo di Intesa del 21 novembre 2007 né tantomeno sono note allo scrivente le motivazioni di tale inadempienza. Interroga il Presidente della Giunta regionale e l Assessore all Ambiente e alla Sanità Per sapere: Se intendano attivarsi presso il Comune di Roma affinché sia ripreso e completato in tempi brevi il piano siglato il 21 novembre 2007, di dismissione e delocalizzazione delle 9 antenne rimaste sulla Torre ACEA; Se intendano procedere in tempi rapidissimi all individuazione dei siti di trasmissione degli impianti per la telefonia mobile ai sensi del comma 1 dell art. 8 della Legge 22 febbraio 2001, n. 36, al fine di delocalizzare in tali siti tutti gli altri impianti radioelettrici del Municipio XIII attualmente

5 installati nelle vicinanze di obiettivi sensibili come strutture di tipo sanitario, assistenziale, educativo, ricreativo, sportivo; Se intendano avviare una indagine epidemiologica tra i residenti ed i confinanti dell area compresa tra viale Capitan Casella e Viale della Vittoria, nel XIII Municipio di Roma. Se intendano attivarsi presso il Comune di Roma affinchè sia discussa in tempi brevi la Proposta di Delibera di Iniziativa Popolare n 14804/2005, presentata e sottoscritta da 23 mila cittadini, con cui si chiede, di dotare la Capitale di un Piano Regolatore degli impianti di telefonia mobile. Angelo Bonelli

GRUPPO CONSILIARE VERDI REGIONE LAZIO

GRUPPO CONSILIARE VERDI REGIONE LAZIO Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma Procuratore Capo c/a dottor Ferrara Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma c/a dottor Colaiocco Via Golametto, 11 (P.le Clodio)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA E LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ****************************************

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI **************************************** COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ASSESSORATO ALL URBANISTICA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ******** **************************************** ********************************************************************************

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Comune di Padova e soggetti gestori del servizio di telefonia cellulare "TIM S.p.A." Telecom Italia Mobile, Vodafone Omnitel N.V., H3G S.p.A., Wind Telecomunicazioni S.p.A. Per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE,

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI. Approvato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile.

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile. Regolamento per l installazione e il controllo delle stazioni radio-base per telefonia mobile (Approvato con deliberazione n.47/cc del 8.05.2002 Adeguamento alla deliberazione del Consiglio Regionale n.12

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE I I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015 PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA Lucca, Giugno 2015 TEMI DELLA RELAZIONE Legge Regionale 49/2011: principali contenuti ed implicazioni in

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO STAZIONI RADIO BASE (Autorizzazione impianti di telefonia mobile e minimizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici sul territorio comunale)

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO Settore Ufficio Tecnico Servizio Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI ARTICOLO 1 CAMPO DI APPLICAZIONE-ATTO

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi Provincia di Novara Schema di regolamento comunale per gli impianti di telefonia mobile e telecomunicazioni: i criteri e i possibili contenuti Marzo 2006 INDICE Riferimenti normativi... 3 Articolo 1 -

Dettagli

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Alberto Piacentini Responsabile Wireless Implementation Lombardia Milano, 7 novembre 2006 Realizzazione

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI CAIVANO REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE 1 I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: -

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: - ACCORDO PROCEDIMENTALE, TRA I GESTORI DELLA TELEFONIA MOBILE ED IL COMUNE DI IMPRUNETA, PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO, IL CONTROLLO E LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT.

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. - Delibera C.C. n 2 del 08.03.2001:

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E RADIOTELEVISIVI. APPROVATO CON DEL. CONS. N. 8 del 20/03/2002

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA - Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PER TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE ARTICOLO 1 CRITERI E PRINCIPI GENERALI 1) Il presente regolamento comunale per l installazione di impianti di teleradiocomunicazione viene redatto, unitamente ad altra documentazione integrativa, allo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROVINCIA DI VENEZIA DIPARTIMENTO ARPAV PROVINCIALE DI VENEZIA CO.NA.CEM. CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROVINCIA DI VENEZIA DIPARTIMENTO ARPAV PROVINCIALE DI VENEZIA CO.NA.CEM. CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PRTLL D INTS tra PRVINI DI VNZI DIPRTINT RPV PRVINIL DI VNZI.N.. RITRI PR L RDZIN DI UN N PIN DI LLIZZZIN DLL STZINI RDI BS PR L TLFNI LLULR Premessa fondamento della regolamentazione dell'esposizione

Dettagli

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei cittadini e sulla trasparenza e l accesso ai dati e ai monitoraggi

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

PREMARIACCO. Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 18 marzo 2011, n. 3 NORME TECNICHE. Comune di

PREMARIACCO. Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 18 marzo 2011, n. 3 NORME TECNICHE. Comune di Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 18 marzo 2011, n. 3 NORME TECNICHE Comune di PREMARIACCO Pagina 1 di 24 INDICE TITOLO 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Riferimenti normativi, obiettivi

Dettagli

Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento elettromagnetico

Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento elettromagnetico Provincia di Bari Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento LA PRESENTE RELAZIONE È COMPOSTA DA N.16 PAGINE E N 4 ALLEGATI. SERVIZIO POLITICHE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE. per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE. delle STAZIONI RADIO BASE

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE. per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE. delle STAZIONI RADIO BASE RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE delle STAZIONI RADIO BASE Città di MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza Revisione Data Descrizione - Variazioni R0 BOZZA - 25 mag

Dettagli

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE.

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5 settembre 2005, n.16-757 Legge regionale n. 19 del 3 agosto 2004 Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. La redazione del piano comunale per la localizzazione di stazioni di telefonia mobile e

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. La redazione del piano comunale per la localizzazione di stazioni di telefonia mobile e RELAZIONE ILLUSTRATIVA La redazione del piano comunale per la localizzazione di stazioni di telefonia mobile e apparati di telecomunicazione in generale, - il c.d. "piano delle antenne"- viene svolta in

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa Ing. Gian Luca Passarini Via Daniele Manin, 20 36061 Bassano del Grappa RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO Comune di Bassano del Grappa Caratteristiche della campagna di misura

Dettagli

Regolamento comunale per la telefonia mobile

Regolamento comunale per la telefonia mobile COMUNE DI UDINE Regolamento comunale per la telefonia mobile Approvato con Delibera consiliare n. 74 d ord. del 4 novembre 2013 Capo I Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. La Responsabile per il Servizio Urbanistica arch. Maria Grazia La Porta Il Responsabile per lo Sportello Unico

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 205

PROPOSTA DI LEGGE N. 205 Pagina 1 di 11 CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XIII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N. 205 presentata dai consiglieri regionali PACIFICO - MARROCU - BARRACCIU - CALLEDDA - CHERCHI Silvio - CORRIAS - CUGINI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di Torino Piazza Conte Rosso n.7 Cap. 10051 P.IVA 01655950010 AREA TECNICA URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA Tel. 011.97.69.017 Fax 011.97.69.109 e-mail urbedi.avigliana@reteunitaria.piemonte.it

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 11. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO 11.1. Inquadramento Le radiazioni elettromagnetiche sono presenti in natura sotto forma di emissioni solari, terrestri, delle galassie ed in generale vengono emesse da

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELERADIOCOMUNICAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELERADIOCOMUNICAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELERADIOCOMUNICAZIONE Art. 1 Oggetto 1. Sono oggetto del presente Regolamento, redatto secondo le finalità esposte nella Legge

Dettagli

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali P.G. N.: 4978/2008 Prog. n.: 1/2008 Data Seduta Giunta : 15/01/2008 Data Pubblicazione : 19/01/2008 Data Esecutivit à: 29/01/2008 Esecutivo

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSTALLAZIONI DI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 in data 19.07.2006 PREMESSA...1 LIMITI

Dettagli

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE, TELECOMUNICAZIONE, RADIODIFFUSIONE SONORA AI SENSI DELLA L.R. 19/2004 e d.g.r. 16-757 del 5/9/2005

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) C.A.P. 92028 Tel. 0922-953011 Fax 0922-957324 Regolamento per la pianificazione e la gestione degli impianti di telefonia mobile, telecomunicazione

Dettagli

2002 - Aggiornamento CT0601ur12 VOCE T 6.1 LRG/XII,1. INQUINAMENTI L.R. 11 maggio 2001, n. 11

2002 - Aggiornamento CT0601ur12 VOCE T 6.1 LRG/XII,1. INQUINAMENTI L.R. 11 maggio 2001, n. 11 LEGGE REGIONALE 11 maggio 2001, n. 11 «Norme sulla protezione ambientale dall esposizione a campi elettromagnetici indotti da impianti fissi per le telecomunicazioni e per la radiotelevisione». (B.U. 15

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PROVINCIA DI TORINO Settore Urbanistica e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI (TELEFONIA MOBILE, TRASMISSIONE DATI E DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA)

Dettagli

- 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G

- 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G ' < - 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G Per l'istaliazione il monitoraggio il controllo e la razionalizzazionedegli

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE)

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE) REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO SETTEMBRE 2011 PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER TELEFONIA MOBILE, I PONTI RADIO E GLI IMPIANTI DVB-H

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Norme Tecniche di Attuazione INDICE ART. 1. FONTI NORMATIVE E FINALITÀ... 3 ART. 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 ART.

Dettagli

CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE

CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE Provincia di Venezia Settore Politiche Ambientali CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE Con la collaborazione di ARPAV Dipartimento

Dettagli

Premessa e fonte dati

Premessa e fonte dati Premessa e fonte dati L'interesse verso i campi elettromagnetici ha assunto negli ultimi anni un'importanza crescente legata al contemporaneo frenetico sviluppo di nuovi sistemi di telecomunicazione, i

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

1^ fase temporale. per impianti di trasmissione ad alta frequenza

1^ fase temporale. per impianti di trasmissione ad alta frequenza 1^ fase temporale (Ai sensi dell art. 12 e nel rispetto degl artt. 1, 5 e 6, del Regolamento Comunale per l insediamento urbanistico e territoriale degli impianti per la telefonia mobile e per telecomunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina

Dettagli

PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE COMUNE DI FORMIGINE

PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE COMUNE DI FORMIGINE PIANIFICAZIONE AMBIENTE E TERRITORIO PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DATA DI EMISSIONE DEL DOCUMENTO: 22/10/2007 TEK-UP S.p.A. Società Unipersonale Sede:

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio Settore Urbanistica Servizio Edilizia Privata REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N.

Dettagli

articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1

articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1 indice CAPO 1 - PREMESSA pag. 1 articolo 1 - Oggetto pag. 1 articolo 2 - Obiettivi pag. 1 articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1 CAPO 2 - PROCEDURE AUTORIZZATIVE pag. 4 articolo 4 - Programmi annuali

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

COMUNE DI BASSANO ROMANO. Regolamento Comunale per l installazione. della stazioni radio base. per telefonia mobile e telecomunicazioni

COMUNE DI BASSANO ROMANO. Regolamento Comunale per l installazione. della stazioni radio base. per telefonia mobile e telecomunicazioni COMUNE DI BASSANO ROMANO Regolamento Comunale per l installazione della stazioni radio base per telefonia mobile e telecomunicazioni con allegato planimetrico " A " N O V E M B R E 2 0 0 1 Art.1. Finalità

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE ASSESSORATO ALL AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE SETTORE IV PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Vigilanza Condono Edilizio - Telecomunicazioni REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE Disciplina

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU PER SAPERNE DI PIU Su queste tematiche esiste una notevole pubblicistica, di seguito si segnalano alcuni siti web di valenza istituzionale, che si occupano di salute e di ambiente e quindi anche dell argomento

Dettagli

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Data: maggio 2007 Progettisti: Dott. Sergio Spagnesi Ing. Ir. Giovanni

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli