ogli Quando l invidia è al femminile di Mariolina Ceriotti Migliarese Lionel Messi: manca un sogno, anzi due La perfezione non è di questo mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ogli Quando l invidia è al femminile di Mariolina Ceriotti Migliarese Lionel Messi: manca un sogno, anzi due La perfezione non è di questo mondo"

Transcript

1 Novembre ITINERARI MENSILI DI COSTUME ogli RISPONDE LA PSICOLOGA Quando l invidia è al femminile di Mariolina Ceriotti Migliarese Lionel Messi L INTERVISTA Lionel Messi: manca un sogno, anzi due di Claudio Pollastri LA SFIDA EDUCATIVA La perfezione non è di questo mondo di Saverio Sgroi NON SOLO VIDEOGIOCHI Paure del buio antiche & nuove di Giuseppe Romano CASALINGHITÀ Strumenti giusti & idee regalo di Giovanna Armani Fogli - Via A. Stradivari, Milano Supplemento a Studi Cattolici n. 633 Novembre 2013 Poste Italiane Spa - Spedizione in a. p. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 2 DCB Perugia

2 ogli in collaborazione con Novembre Andrea Beolchi EDITORIALE Mariolina Ceriotti Migliarese RISPONDE LA PSICOLOGA Quando l invidia è al femminile Claudio Pollastri L INTERVISTA Lionel Messi: manca un sogno, anzi due Sergio Fenizia A SCUOLA Per non scordare la «lingua natìa» Saverio Sgroi LA SFIDA EDUCATIVA La perfezione non è di questo mondo Eugenio Monaco EDU.LIBRI Dal comunismo ai «Cristeros» Francesco Napoli TACUIN SPORTIVO Da Dario Marchetti a Garrincha Giuseppe Romano NON SOLO VIDEOGIOCHI Paure del buio antiche & nuove Giovanna Armani CASALINGHITÀ Strumenti giusti & idee regalo FAES CHANNEL DIRETTORE RESPONSABILE: Andrea Beolchi SEGRETARIO DI REDAZIONE: Fabio Ferrarini REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: Edizioni Ares - Via Stradivari, Milano Tel fax sito internet STAMPA: Tipografia Gamma S.R.L. - Città di Castello (Pg) PROGETTO GRAFICO: Alkimia Pubblicazione registrata presso il Tribunale di Milano il 10 maggio 1986 con numero 244 Edizioni Ares

3 Novembre 2013 RISPONDE LA PSICOLOGA Quando l invidia è al femminile di Mariolina Ceriotti Migliarese L INTERVISTA Lionel Messi: manca un sogno, anzi due di Claudio Pollastri LA SFIDA EDUCATIVA La perfezione non è di questo mondo di Saverio Sgroi NON SOLO VIDEOGIOCHI Paure del buio antiche & nuove di Giuseppe Romano CASALINGHITÀ Strumenti giusti & idee regalo di Giovanna Armani E D I T O R I A L E 3 di Andrea Beolchi 399 Fogli - Via A. Stradivari, Milano Supplemento a Studi Cattolici n. 633 Novembre 2013 Poste Italiane Spa - Spedizione in a. p. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 2 DCB Perugia ITINERARI MENSILI DI COSTUME ogli «Sono sempre dell idea che i risultati prima si portano a casa e poi si annunciano»: parole pronunciate un mesetto fa dal ministro dell Istruzione Maria Chiara Carrozza, alla vigilia del consiglio dei ministri che avrebbe varato quel decreto scuola approvato la scorsa settimana alla Camera; ricorderete il senso di soddisfazione con cui quel decreto venne poi annunciato. Peccato che i risultati portati a casa siano i seguenti. Primo: è finita che i 41 milioni di euro previsti per gli atenei «virtuosi», la cui copertura era peraltro già disponibile presso il ministero delle Finanze, non verranno erogati trattandosi di risorse destinate agli investimenti e che pertanto non possono essere dirottate sul fondo per le università; Manuela Ghizzoni, relatrice del provvedimento alla Camera, ha spiegato: «Abbiamo invano cercato una soluzione contabile che ci permettesse di usare quei fondi, che altrimenti rischiamo di perdere. Ma non è stato possibile»; insomma, si è detto, c è stato un problema «tecnico». Uno dice: e lo scoprono adesso? O non sarà mica un escamotage per tirare un bel colpo di spugna su quel riconoscimento del merito che in nessun settore, ma tantomeno nel reparto istruzione, pare gradito né ai politici nostrani né alle nostrane lobby scolastiche (ricordiamo, en passant, come i test Invalsi siano stati apertamente boicottati da un manipolo di docenti che hanno invitato i loro alunni a copiarli, non ritenendo evidentemente plausibile di vedere indirettamente valutato il loro lavoro). Chissà se qualcuno si degnerà di farci sapere perlomeno che ne sarà del lavoro svolto (per davvero, questo, ed è costato soldi) dall Anvur, l Agenzia di valutazione delle Università, in vista di un provvedimento che non c è più. Chissà se a qualcuno verrà in mente di dire scusate, qui si discute di responsabilità civile dei medici, dei magistrati... e va bene, ma di responsabilità dei politici, ne discuteremo mai? Secondo: la beffa del bonus maturità che prima c è, poi non c è più e adesso c è ancora ma solo per questa volta (e gli studenti che hanno passato la loro regolare ammissione con la loro regolare graduatoria si arrangino, e facciano il favore di stringersi un po per far posto agli iscritti in sovrannumero). Terzo: durante la discussione finale del decreto la Camera ha approvato un emendamento che stabilisce che i 10 milioni stanziati per la formazione dei docenti dovranno essere usati non solo per «migliorare le competenze degli studenti», ma per rendere i suddetti docenti idonei a educarli «al rispetto delle diversità e delle pari opportunità di genere e al superamento degli stereotipi di genere» (la ciliegina sulla torta è un ordine del giorno, accolto dal governo, che introduce il rispetto del codice delle pari opportunità nei libri di testo). Finalmente qualcuno ci ha pensato, e ha stanziato anche un po di soldi per la relativa formazione del corpo docente, a fare in modo che la scuola insegni il rispetto; finalmente da domani i bulli (per fare l esempio più soft) non saranno più bulli perché la maestra o il professore gli ha detto che non si fa (solo se è discriminante il genere, però). Mica come prima, che magari li incitava anche, al bullismo. Ci voleva questo decreto illuminato.

4 R I S P O N D E L A P S I C O L O G A Q U A N D O L I N V I D I A di Mariolina Ceriotti Migliarese Cara Dottoressa, forse il contenuto della mia lettera le sembrerà poco importante, ma il piccolo episodio che le voglio raccontare mi ha messo in difficoltà e desidero conoscere la sua opinione. Ho 32 anni e faccio l avvocato; la scorsa settimana sono stata invitata a tenere un piccolo incontro per un ciclo di conferenze organizzato da amici: era la prima volta che mi esponevo in pubblico e mi sentivo perciò emozionata e un po in ansia. Per questo motivo ho provato un grande piacere vedendo entrare in sala una delle mie amiche più care, avvocato come me, e ho pensato che fosse lì per sostenermi e condividere con me questa esperienza. La conferenza è andata benissimo, mi sono divertita e ho avuto l impressione che il pubblico avesse davvero apprezzato il mio intervento. Finita la serata mi sono subito messa a cercare Anna, curiosa di conoscere la sua opinione, ma contrariamente alle mie aspettative mi è sembrata un po fredda e mi ha dedicato pochissima attenzione: mi ha salutato, sì, ma senza entusiasmo e continuando a chiacchierare con questo e con quello. Le ho chiesto se mi dava un passaggio, sperando che una volta sole saremmo riuscite finalmente a parlarci, ma anche in macchina non ha detto una sola parola sul mio intervento: ho condotto io la conversazione chiedendole notizie del suo bambino, del marito, del lavoro, senza avere da lei non dico un complimento, ma almeno un osservazione, un commento, una critica Sono scesa dalla macchina ferita e incredula. Eppure sono certa della sua amicizia, che mi ha dimostrato in molte occasioni. Cosa è successo? Perché questa specie di freddezza e di distanza? Anche se non vorrei pensarlo, mi viene il dubbio che forse Anna si sia sentita invidiosa del mio successo. Davvero potrebbe essere così o è la mia mente contorta a inventarsi una improbabile rivalità? (Lucia 1981).

5 5 È A L F E M M I N I L E Cara Lucia, la questione che mi poni non è affatto marginale, ma va al cuore di un tema importante e che mi sta particolarmente a cuore: quello del rapporto tra donne, con le tante potenzialità ma anche difficoltà che possiamo quotidianamente sperimentare, talvolta senza riuscire a darcene piena ragione. È un rapporto che attiva dinamiche potenti, spesso sotterranee e segrete, secondo codici complessi di alleanze e rivalità del tutto ignoti al mondo maschile. Come tu hai ben intuito, il vero nemico del rapporto tra donne è proprio il sentimento invidioso, un pericolo sottile, una presenza invadente ma misconosciuta e negata perché a nessuna di noi piace riconoscere di portare questo nemico dentro di sé. Negarla però ottiene come unico risultato quello di non poterla combattere; io credo invece che dovremmo imparare a parlarne, a farci i conti, a guardarla bene in faccia e magari a riderci su, per poterla poi davvero neutralizzare. Ma che cos è l invidia? Secondo la psicoanalista Melanie Klein, l invidia è «un sentimento di rabbia perché un altra persona possiede qualcosa che desideriamo e ne gode. L impulso invidioso mira a portarla via o a danneggiarla. Inoltre l invidia implica un rapporto con una sola persona ed è riconducibile al primo rapporto esclusivo con la madre». Si tratta di una definizione molto precisa, che descrive il sentimento invidioso e lo collega alla sua origine, legata alle vicissitudini del fondamentale rapporto che ciascuno di noi ha con il suo primo oggetto d amore: la madre. Le cose però non sono affatto semplici: l invidia infatti è anche tradizionalmente collocata tra i sette vizi o peccati capitali, chiamati così «perché generano altri peccati, altri vizi». Il vizio viene inteso come «ripetizione dei medesimi atti, da cui derivano inclinazioni perverse che ottenebrano la coscienza e alterano la concreta valutazione del bene e del male» (v. Catechismo della Chiesa cattolica, n ). Di che cosa stiamo dunque parlando nel parlare dell invidia? Come possiamo collocare la persona invidiosa? In che modo la conoscenza psicologica e le valenze morali si intersecano tra loro? Per rispondere a questa domanda è molto importante prestare bene attenzione alle parole. La Klein parla di un «sentimento di rabbia»: un emozione, dunque, un moto della sensibilità, una passione. Ma le passioni, in sé stesse, non sono né buone né cattive, come è sempre il Catechismo della Chiesa cattolica a ricordarci: «[le passioni] non ricevono qualificazione morale se non nella misura in cui dipendono effettivamente dalla ragione e dalla volontà» (n ). Nella misura in cui è un sentimento e un impulso, dunque, l invidia non è ancora in quanto tale un vizio né un peccato. È però un impulso che «mira a portare via o a danneggiare» quello che l altro ha e io non ho o penso di non avere. Per questo, se non viene riconosciuto, capito e affrontato, può spingere la persona a coltivare in sé pensieri di ostilità o ad agire comportamenti più o meno scopertamente distruttivi nei confronti dell oggetto invidiato. L invidia dunque è un inclinazione dell animo che origina con diverso grado di intensità dalle vicende storiche della persona, e si trasforma in vizio solo nella misura in cui viene coltivata e poi agita ai danni dell altro.

6 R I S P O N D E L A P S I C O L O G A Q U A N D O L I N V I D I A In caso contrario, il sentimento invidioso è un sentimento molto doloroso in primo luogo proprio per la persona che lo prova, perché nasce sulla base di un antica e profonda angoscia di esclusione che viene riattivata quando qualcosa che avviene nel presente richiama anche inconsciamente all animo la stessa dolorosa sensazione. Come si spiega però l esistenza di questo sentimento, e in che modo possiamo collegarlo con l esperienza del rapporto tra il bambino e la mamma? Possiamo intuirlo solo considerando che nella relazione primaria il bambino molto piccolo vive la madre come una entità onnipotente da cui dipende la sua sopravvivenza, perché la madre dispone a suo piacimento della possibilità di dare cibo, sicurezza, sollievo da ogni male, o al contrario quella di abbandonare il bambino nell angoscia e in balìa del bisogno. Per questo motivo, è la stessa asimmetria di potere e di posizione tra il neonato e la madre a essere fonte di una idealizzazione della madre da parte del bambino, che vede in lei la detentrice assoluta di ogni ricchezza e capacità. A causa della immaturità della sua struttura psichica e cognitiva, il neonato non è in grado di prevedere se e quando ciò di cui ha bisogno gli verrà dato e solo il ripetersi sufficientemente regolare di gratificazioni adeguate permette di sviluppare progressivamente in lui la fiducia nell esistenza di un oggetto buono, capace di dare con generosità e verso il quale provare gratitudine. Ma anche la più attenta e amorevole delle madri non può in alcun modo evitare che ci sia una discrepanza tra il desiderio di totale benessere del neonato (che nell esperienza intrauterina aveva tutto il necessario sempre a

7 7 È A L F E M M I N I L E sua disposizione ) e la nuova realtà in cui è necessario non solo imparare a chiedere, ma anche imparare ad aspettare La frustrazione è perciò inevitabile, e con essa l esperienza di un primo rudimentale sentimento invidioso. Se poi, a causa dei motivi più disparati e non sempre dipendenti dalla volontà della mamma, il neonato fa l esperienza di cure inadeguate, irregolari, incostanti o fornite con troppa ansia, si generano in lui sentimenti particolarmente intensi di frustrazione e di angoscia, accompagnati da un profondo sentimento di rabbia nei confronti dell oggetto-madre: questa infatti possiede tutto ciò di cui il bambino ha bisogno e desidera, ma nello stesso tempo, secondo il sentire del bambino, tiene queste ricchezze solo per sé lasciandolo solo e privo di ciò che desidera: l esperienza del bisogno e della privazione accrescono l avidità e creano angoscia, e sono fonte di rabbia contro un oggetto vissuto come onnipotente, che tutto possiede e niente dà. Questo tipo di ricostruzione storica delle primitive vicende psichiche trova la sua conferma nell analisi del vissuto di numerosi pazienti adulti in psicoterapia. È sempre un esperienza di grandissima intensità quella di venire a contatto, nelle relazioni di transfert terapeutico, con sentimenti così profondi e così antichi: il loro ricomparire alla superficie della coscienza comporta sempre per il paziente un grande dolore, una grande rabbia e spesso anche una profonda vergogna. L invidia, dunque, è potenzialmente ubiquitaria, nessuno di noi ne è immune, proprio perché tutti abbiamo fatto in qualche misura l esperienza di questa asimmetria di forze e di potere e ci siamo trovati nella situazione di

8 R I S P O N D E L A P S I C O L O G A Q U A N D O L I N V I D I A dover dipendere totalmente da qualcuno che aveva a sua disposizione il bene che a noi mancava; questa esperienza lascia in noi una traccia inconsapevole, pronta a riattivarsi quando un esperienza vissuta nel presente fa risuonare una sorta di «somiglianza» emotiva: l altro che ha/è qualcosa che io non ho/non sono e che desidero molto fa risuonare in me le corde di quell antico sentimento, facendomi nuovamente soffrire. Perché però le donne sono così particolarmente vulnerabili a questo sentimento? Il motivo sta nel legame specifico che unisce la mamma con la figlia femmina. La mamma infatti costituisce per la sua bambina non solo l oggetto d amore primario (così come per il maschio), ma anche l oggetto di identificazione: è confrontandosi con lei che la bambina definisce poco alla volta il proprio modo di essere nel mondo al femminile. Per diventare grande una bambina deve fare un percorso nel quale diventare donna come la madre, ma insieme differenziarsi da lei, e la madre appare alla sua bambina non solo come una persona molto amata, ma anche come una rivale temibile nel regno del femminile. La madre è rivale anche semplicemente perché è adulta mentre la bambina è piccola e donna mentre la bambina è bambina Ciò che la riguarda appare alla sua bambina come molto prezioso e spesso inarrivabile, soprattutto se e quando il rapporto tra loro si presenta per qual- che motivo conflittuale. Ecco allora che alla potenziale presenza ubiquitaria del sentimento invidioso si unisce nel femminile un di più sempre in agguato, soprattutto nel confronto con le altre donne. Saperlo non deve spaventarci, ma può al contrario esserci di grande aiuto. Dobbiamo imparare serenamente ad accettare che può capitarci di essere invidiose delle altre donne e dobbiamo soprattutto imparare a riconoscere i segnali indiretti di un invidia inconsapevole, perché le conseguenze emotive di un invidia non riconosciuta sono spesso uno schermo spiacevole tra donne che si vogliono bene. Provare un sentimento invidioso e non riconoscerlo comporta infatti una sorta di ottundimento della risposta emotiva all altro: malgrado le migliori intenzioni diventa impossibile partecipare pienamente alla sua gioia o condividere i suoi sentimenti e si sperimenta nei suoi confronti una specie di sgradevole distanza che non si riesce a colmare con la sola volontà, accompagnata da una altrettanto sgradevole percezione di sé. Questo ottundimento emotivo e questa distanza sono un movimento psichico inconsapevole, che vuole difenderci dal sentimento ancora più doloroso dell invidia, disapprovato dalla parte più consapevole di noi e ricacciato indietro là nell inconscio dal quale proviene.

9 9 È A L F E M M I N I L E Riconoscere questa trappola è mettersi sulla buona strada per superarla, rendendo più piacevoli, ricchi e buoni i rapporti tra donne e aprendo la porta ad amicizie più serene. Ogni donna sa che l amicizia al femminile, quando è autentica, può regalare cose che in quella maschile sono molto difficili da trovare, perché le donne possono essere capaci di una collaborazione e di uno scambio davvero alla pari, al di là di ogni differenza formale. Sono certa che se diventeremo capaci di viverci l una con l altra come potenziali alleate piuttosto che come potenziali rivali, riusciremo finalmente a sviluppare straordinarie e inedite reti di solidarietà in ogni campo, da quello della famiglia a quello del lavoro, e riusciremo a produrre risultati davvero sorprendenti per la loro creatività. M.C.M. RISPOSTE ALLE «FAMIGLIE IMPERFETTE» Dopo due libri di successo, La famiglia imperfetta e La coppia imperfetta, Mariolina Ceriotti Migliarese è stata sommersa da uno tsunami di lettere (alcune pubblicate in questa rubrica di Fogli) di genitori che vogliono migliorare il loro modo di educare. Come parlare di sesso con i propri figli? Che cosa fare se si scopre di avere in famiglia un piccolo «bullo» o un adolescente che «spinella»? C è ancora spazio per i nonni nelle nostre case? Discoteca sì o discoteca no? In Cara Dottoressa... (Ares, pp. 160, 14) l autrice ha raccolto le risposte alle questioni più urgenti, dalle crisi adolescenziali alle fratture della comunicazione, dall invasione di facebook alle sfide (e anche agli insuccessi) della scuola. Consigli in positivo, all insegna della fiducia nell altro e di una speranza ancorata a un solido realismo. Un vademecum che non dovrebbe mancare sullo scaffale di ogni «famiglia imperfetta».

10 L I N T E R V I S T A L I O N E L M E S S I : M A N C A di Claudio Pollastri Scusi, Messi, ma perché non ha parlato col Papa come ha fatto Balotelli? Balo è stato più furbo. Ha parlato col Papa per cinque minuti. Non è riuscito a dribblare le body-guard? Erano in troppi. Si è sentito per la prima volta sconfitto? Non ho nemmeno tentato. Com era durante l udienza? Di pietra. Non riuscivo quasi a respirare. Avrà vissuto altri momenti come questo. No. È stata una giornata unica. Che ricordo porterà del Papa? Il suo sorriso. Il suo tono di voce. Le parole. L ha conquistata? Sono sempre stato cattolico, anche se poco praticante. Non va a Messa? Poco. Ma Papa Francesco mi ha rafforzato nella fede. E poi... E poi? Papa Francesco si chiama Jorge, come mio padre. Cosa fa suo padre? Il falegname. Mia madre è casalinga. Tutti italo-argentini? Tutti. Anche mia moglie Antonella. Che cosa pensava davanti al Papa? La mente era paralizzata. Lo guardavo ed ero commosso. Se fosse riuscito a parlargli come ha fatto Balotelli? Gli avrei portato i saluti della mia famiglia e chiesto una benedizione speciale per il mio piccolo Thiago di dieci mesi.

11 U N S O G N O, A N Z I D U E 11 Ricorda quel 2 novembre 2012? Ero l uomo più felice della terra. Avevo assistito al parto e avrei voluto raccontarlo al Papa. Che cos altro avrebbe detto al Pontefice? Di continuare il suo impegno per i più vulnerabili e per chi soffre. Soprattutto per i bambini che abbraccia appena può. Anche lei si occupa di bambini. Ho sempre amato i bambini. Infatti collabora con l Unicef. Ero andato per l Unicef ad Haiti dopo il terremoto. Uno shock? Al ritorno, è nata la LeoMessi Foundation. Scopo? Restituire ai bambini un po della fortuna che ho avuto. Ha uno slogan? Scegli di credere. In che cosa? Che si può farcela. Il suo ruolo? L ho capito dopo una visita in un ospedale per bambini. Qual è? Aiutarli moralmente con la mia presenza. Funziona? Il sorriso che mi regalano lo conferma ogni volta. Che cosa gli dice di particolare? Non servono tante parole. Quando mi vedono scoprono la forza di continuare a lottare.

12 L I N T E R V I S T A L I O N E L M E S S I : M A N C A Una presenza terapeutica? Gli do la carica interiore per sperare. Lei ne sa qualcosa. Ho lottato molto per realizzare il mio sogno. Lotta ancora? Sempre. Ogni giorno. Perché lo fa? Per mettere la mia popolarità al servizio di chi è più debole. Che cosa riceve in cambio? La certezza di avere aiutato un bambino malato a sperare nella guarigione. Quanto tempo dedica alla Fondazione? Quello che mi lascia il calcio. Ma l impegno e l energia sono gli stessi. Hasta siempre, come diceva il Che? So poco di Guevara anche se è nato a Rosario come me. Però lo spirito è lo stesso. Continuerò a lottare per rendere più felici i bambini. Il progetto a cui tiene di più? Una scuola di calcio a Rosario, nella mia città natale. E in Spagna, dove vive? A Barcellona abbiamo costruito un parco giochi nell ospedale Vall de Hebrón. Finanzia anche la ricerca? Ci occupiamo della lotta contro il mal de chagas, una malattia tropicale. Borse di studio? Per i medici argentini che vengono a Barcellona a imparare a curare i tumori dei bambini. Che bambino era? Un po piccolino. Già innamorato del calcio? Come tutti in Argentina. Prima partita? A cinque anni contro quelli più grandi. Avevo fatto due gol. L aveva accompagnata suo padre? No, mia nonna. Portava anche mio fratello Rodrigo. Quello bravo? Più di me. Un incidente gli ha fermato la carriera.

13 U N S O G N O, A N Z I D U E 13 La sua vita comunque cambia. Avevo 13 anni. E da quel momento le mie giornate a Barcellona erano fatte di allenamenti e ospedale. Nostalgia della famiglia? Era con me. Mi seguiva in tutto. Tanto calcio, e la scuola? Ho fatto le elementari e il primo anno delle medie a Rosario, gli altri in Spagna. Ma non ha finito. Mi mancano gli ultimi due anni delle superiori per andare all università. Anche lei, in quanto a sfortuna, non ha scherzato. A 11 anni mi consideravano già molto bravo. Ma all improvviso avevo smesso di crescere. Colpa di un ormone, la somatotropina. Il sogno di diventare un grande calciatore s infrangeva. Serviva una cura costosissima. La mia famiglia era modesta, non povera, ma non poteva permettersi la cura della crescita. Ed ecco il miracolo! Arriva il direttore sportivo del Barcellona, mi vede giocare e mi fa firmare subito il contratto. Il famoso contratto sul tovagliolo di carta. Mai esistito. È una leggenda giornalistica. Qual era l ingaggio? Duemila euro. Un giorno li farà? Magari quando smetto col calcio. Non riuscivo a fare le due cose assieme. Intanto, è diventato il numero uno al mondo, meglio di Maradona. Maradona è unico. Però il paragone mi lusinga. È vero che gli unici libri che legge sono sulla vita del Pibe? Non sono molto amico dei libri. Che cos altro l ha letto? Cent anni di solitudine. Gabriel García Márquez resta una guida. I libri non li legge però li fa. Domenico Dolce mi ha convinto a fare un libro di fotografie. Il ricavato andrà in beneficenza. Con chi si è consigliato? In famiglia. E con Maradona.

14 L I N T E R V I S T A L I O N E L M E S S I : M A N C A Siete molto amici? Ci sentiamo spesso. Mi dà dei consigli. Beh, su certi argomenti non è un buon maestro. So dove sbaglia e glielo dico in faccia. Segue i suoi consigli anche sulla famiglia? Ho sposato la ragazza che avevo incontrato a sei anni. In questo sono molto diverso da Diego. Che figlio è? Sono molto attaccato ai miei genitori. Che mi trattano ancora come un bambino. Dove abitano? Mia madre non ha mai voluto lasciare la sua casa al Barrio dove sono nato. Un giorno vi tornerà? Mi piacerebbe. Non l ho mai dimenticato. In casa parlavate italiano? No. Però mio padre e mia madre qualche volta ricordavano i loro paesi d origine, in Italia. Cucina italiana o argentina? Metà e metà. Piatto preferito? Le milanesas. Però devo stare attento. Sono sempre a dieta. Che papà è? Premuroso e apprensivo. Cambio i pannolini a Thiago, gli faccio il bagnetto. A casa, riesce a staccare col calcio? Mi costringe mia moglie. Non capisce il calcio e non lo vuole nemmeno guardare in tv. Che cosa guardate? Thriller e storie d amore. Si commuove? Qualche volta. Piange? Quasi mai. L ultima volta? Quando è nato Thiago dopo un parto difficile. Lacrime di gioia. E quelle di dolore? Quando è morta mia nonna.

15 U N S O G N O, A N Z I D U E 15 Quella che l accompagnava alle partite? Sì. A lei dedico i miei gol. Qualche dedica anche ai bambini che assiste? Il mio pensiero è sempre con loro. Lei è un esempio per molti giovani. Me ne rendo conto quando vado per strada. Si sente prigioniero del successo? Un po. Ma cerco di dare il buon esempio ai giovani. Come? Dimostrando che i soldi non sono tutto. E la casa? Semplice. Confortevole. Normale. Niente pose da divo? Non sono il tipo. A questo punto, ha realizzato tutti i suoi sogni? Manca sempre l ultimo. Quale? Vincere i Mondiali in Brasile. A chi dedicherebbe la vittoria? A Papa Francesco. Così potrò parlargli. Che cosa conta? La famiglia. L onestà. La fede. Come Balotelli? Molto di più. C.P.

16 A S C U O L A P E R N O N S C O R D A R E di Sergio Fenizia «Leggere, scrivere e far di conto». Quante volte, ascoltando queste brevi parole, sarà scappato un sorriso benevolo verso la presunta ingenuità e limitatezza di obiettivi di una scuola ormai passata. In verità, però, quando con questa espressione ci si riferiva in modo sintetico ai fini della benemerita antica scuola elementare, si voleva sottolineare l essenziale di una delle dimensioni dell attività scolastica, senza voler negare anzi dandola per scontata quell altra più ampia nella quale la prima era (è) inscritta: la dimensione educativa. Era ovvio, infatti, che nessuna società ha un particolare interesse ad accrescere le competenze linguistiche e logico-matematiche di chi un domani se ne sarebbe servito per realizzare meglio eventuali progetti dannosi per la società medesima. E che quindi la scuola, così come puntava ad aiutare i genitori nell istruzione dei figli, li aiutava anche e soprattutto a educarli, cioè a renderli capaci di saper apprezzare ciò che di bello esiste nel mondo materiale e in quello spirituale, di saper distinguere il bene dal male, di saper riconoscere il vero e il falso come tali, di saper chiamare le cose con il loro nome. Una concezione della scuola che si rifaccia a questi canoni, non può certamente essere imposta a chi non la condivide. E, viceversa, chi non la condivide non può certo impedire ad altri di giovarsene. Concetti basilari come questi vanno ogni tanto ribaditi per evitare una forma di analfabetismo di ritorno al quale tutti siamo esposti. I più vulnerabili sono forse coloro che non colgono gli effetti di certe strategie ben orchestrate a livello internazionale. Che, forse, non percepiscono i rischi che alla nostra società possono derivare dall azione

17 L A «L I N G U A N A T Ì A» 17 sistematica di lobby ben determinate a sradicare dalla coscienza collettiva verità originarie legate alla natura umana. Ribadiamolo, quindi: quel sintetico e simbolico «leggere, scrivere e far di conto» non è mai stato fine a sé stesso, né avrebbe potuto esserlo. E tanto meno lo è l attività dei cicli scolastici successivi. Neppure dovrebbe servire, come è stato sapientemente scritto, ad alimentare un insana curiosità in cui il sapere è desiderato «al solo scopo di sapere», o a quello di primeggiare sugli altri, o di essere dagli altri ammirati. Quel simbolico «leggere, scrivere e far di conto» non può essere finalizzato a creare un esercito di consumatori acritici, privi come qualcuno ha sottolineato di vere capacità creative e imprenditoriali, che sono tanto necessarie al benessere e al progresso della società. Si tratta invece di uno strumento, tra i tanti, che può favorire la crescita armonica delle persone, che può ridurre i rischi di omologazione dei cittadini. Ma ciò è possibile a condizione che l attività scolastica sia davvero libera, che sia fondata sulla verità delle cose, che sia rispettosa della sacralità di ogni essere umano (anche di quelli lo diciamo per inciso ai quali per venire alla luce manca qualche ora... o qualche mese). All indomani delle tragedie di Lampedusa, coloro che concepiscono una scuola di questo tipo, una scuola in cui si dia ragione della solidarietà che deve stare alla base di ogni società, avranno certamente accolto con piacere le parole del Capo del Governo, Enrico Letta, e il commento che ne ha fatto il giornalista Francesco Ognibene in un recente editoriale di Avvenire. Scrive Ognibene: «Che Lampedusa non sia più l estrema appendice dell Italia ma il primo lembo d Europa non è solo una bella espressione, ma una constatazione imposta dall evidenza dei fatti e un criterio per le scelte sull immigrazione. A questa immagine [...] Enrico Letta ha affidato il senso di un urgenza che come si va dicendo da tempo non è più solo affare dell Italia, ma deve far sentire coinvolta l intera Unione. Lo impone l entità dei numeri, con le migliaia di donne e uomini che cercano rifugio e futuro in Europa [...]. Ma lo esige soprattutto la materia prima della quale è impastata l anima europea, la civiltà che ha plasmato ciascuno di noi, l umanesimo cui sono ispirate le istituzioni comunitarie, e la cultura della dignità umana di cui profuma la terra d Europa da Stoccolma all Isola dei Conigli». Una terra in cui vige, ricorda Ognibene, «un codice condiviso di rispetto della vita e di solidarietà efficace che detta legge nelle coscienze e nelle strutture pubbliche». E aggiunge che il premier italiano «sente che è un dovere per il primo ministro del Paese nel quale è stato firmato il Trattato costitutivo dell Unione dire con energia che l Europa per la sua stessa storia non può stare a guardare, se lo fa muore insieme alle centinaia di uomini, donne e bambini che perdono la vita mentre cercano un occasione di riscatto lontano da casa». Ma, si domanda Ognibene, «i mattoni di cui è costituita la casa comune europea, princìpi che hanno dettato la scelta di un cammino comune tra Paesi a lungo ostili tra loro [...], qualcuno è ancora in grado di intenderli? O evocare la solidarietà tra Paesi membri dell Unione è solo un nobile appello a ideali alti quanto logori destinato a perdersi nel gioco di specchi delle miopie nazionali? [...] Quanti sono ancora in grado di intendere questa lingua natìa?». Ecco, questa «lingua natìa» che orienta ancora il cuore e la mente di molti cittadini europei, non può esulare dall orizzonte di chi nel suo lavoro quotidiano, a ogni livello scolastico, mira a realizzare in modo ampio e autentico quel «leggere, scrivere e far di conto». S.F.

18 L A S F I D A E D U C A T I V A L A P E R F E Z I O N E N O N È di Saverio Sgroi «Anche il sole ha le sue macchie». Così recita un proverbio, che sembra sia molto diffuso in Friuli. Si dice che sia stato Napoleone Bonaparte a coniarlo. Ora, non sappiamo a che proposito il celebre imperatore francese abbia pronunciato queste parole. Ma l idea che esse ci trasmettono è assolutamente adeguata per parlare oggi di quello che è il quinto consiglio del decalogo dell educatore, che stiamo snocciolando da alcuni mesi a questa parte: Ricorda che anche tu hai il diritto di sbagliare e di mostrare i tuoi limiti. Nascondere le ferite non ti darà più autorevolezza. Quello del confronto con i propri limiti è un problema con cui da sempre ogni educatore ha dovuto fare i conti: come aiutare i ragazzi ad acquisire abitudini buone se essi soprattutto se sono adolescenti vedono i nostri difetti e spesso ci giudicano in maniera impietosa, accusandoci di predicare bene e razzolare male? Questa domanda, che parrebbe inchiodarci alle nostre responsabilità, in realtà sembra mal posta. Il problema vero, infatti, non è che gli altri non vedano i limiti che a volte, senza che noi lo vogliamo, sconfessano quello che sosteniamo a parole. Sarebbe impossibile, per il semplice fatto che ciascuno di noi comunica il proprio modo di essere con le azioni e i gesti, prima ancora che con le parole. Per capire chi siamo, basterebbe che gli altri ci osservassero con un minimo di attenzione per un po di tempo, guardando come ci comportiamo abitualmente. In questo modo, prima o poi, a partire soltanto dal nostro atteggiamento trasparirebbe che accanto alle luci trova spazio una buona dose di ombre. Ma c è di più. Il fatto che gli altri vedano i nostri limiti, non solo è inevitabile ma mi sembra addirittura auspicabile, se vogliamo che la nostra azione educativa abbia un minimo di credibilità. Presentare modelli ideali, perfetti, privi di opacità, significherebbe probabilmente togliere ai ragazzi la convinzione che essi possono aspirare a essere migliori; se la meta che si presenta loro è percepita così perfetta da risultare troppo lontana, la cosa più probabile è che perdano la speranza di raggiungerla. Già accade con molti dei modelli che vengono presentati loro dalla tv, dal cinema, dal mondo dello spettacolo e, ahimè, a volte anche dello sport. I ragazzi sono ammaliati da corpi perfetti, carriere fulminanti e facili, prodotti che sembrano promettere la felicità assoluta. Con il risultato che, quando sperimentano personalmente che la realtà che non è fatta solo di corpi longilinei e scolpiti, di strade libere da ostacoli, di paradisi artificiali, di relazioni idilliache, il risveglio dal sogno è spesso

19 D I Q U E S T O M O N D O 19 molto doloroso. Quanti ragazzi, per esempio, sono affetti da cosiddetta «ansia da prestazione» nel rapporto con le ragazze? E se poi la cosa non andasse come succede in tv, dove tutto sembra bello e facile? E quante ragazze sono letteralmente ossessionate dall obbligo di avere una linea assolutamente perfetta? Tutto ciò non è facile, poiché viviamo in un mondo in cui è molto diffusa la pretesa che ogni cosa debba essere perfetta. E se non è così si getta e si sostituisce. È la cultura dello scarto, citata spesso da Papa Francesco, che porta a non tollerare che qualcosa non funzioni come noi vorremmo. Anche le relazioni, che se vanno male si cambiano piuttosto che cercare di aggiustarle. Anche i figli, che ci illudiamo di poter ordinare quasi su misura attraverso le tecniche di fecondazione artificiale, peraltro spesso fallimentari. Che noi cerchiamo di essere felici sta nella nostra natura. Che lo facciamo attraverso le relazioni è un fatto incontrovertibile ed evidente: ogni uomo aspira a rapporti umani che lo rendano felice. Ma la felicità passa necessariamente da relazioni imperfette. Illudersi che le persone che amiamo non abbiano difetti è irrealistico e conduce inevitabilmente alla delusione. Queste riflessioni si applicano benissimo al nostro lavoro di educatori. Noi non siamo immuni dal clima in cui viviamo e ci muoviamo, dal quale, volenti o nolenti, veniamo condizionati. E per questo dobbiamo vigilare sulla nostra formazione. Ancora una volta, quindi, l efficacia dell educazione passa in buona parte dal lavoro che facciamo su noi stessi; dal realismo che ci caratterizza, potremmo dire in questo caso. Un realismo che consiste in primo luogo nella consapevolezza di non essere strumenti perfetti; in secondo luogo nella capacità di accettare questa realtà. Non è sufficiente, infatti, essere consapevoli dei nostri limiti se poi non siamo in grado di convivere con essi. E infine il realismo che ci deve caratterizzare consiste nello sforzo che gli altri vedranno necessariamente, se siamo sinceri che mettiamo per superare questi limiti. Che gli altri vedano i nostri difetti non è quindi un ostacolo all educazione. Il vero problema è un altro: fare di essi la misura della nostra proposta educativa. Questo sì che è un rischio costantemente dietro l angolo. Potremo commettere errori, e anche non riuscire a oltrepassare i nostri limiti nonostante tutto lo sforzo che mettiamo; ma non possiamo scendere a patti con la mediocrità. Sarebbe un errore che i ragazzi non ci perdonerebbero mai. E avrebbero ragione. S.S.

20 E D U. L I B R I D A L C O M U N I S M O A I di Eugenio Monaco Chi ha fatto cadere il comunismo nell Europa dell Est? Lech Wałęsa, fondatore e presidente del sindacato Solidarność fino al 1990 e Presidente della Polonia dal 1990 al 1995, non ha dubbi: «Il merito va per oltre il 50% a Giovanni Paolo II, per il 30% a Solidarność e per il resto a Reagan, Kohl, Gorbaciov». Lo scrive nella prefazione al libro di Luigi Geninazzi, L Atlantide rossa. La fine del comunismo in Europa (Edizioni Lindau, Torino 2013, pp. 288, 19). Il punto debole dei regimi comunisti era costituito dal loro basarsi sulla menzogna. Erano questi i piedi di argilla del gigante del quale nessuno avrebbe immaginato la fine, e tanto meno una fine così veloce e pacifica. Nessuno tranne Giovanni Paolo II che, come dice l autore, aveva uno sguardo lungo sulla storia e aveva sempre creduto che Solidarność avrebbe vinto. Geninazzi, giornalista e scrittore, ha seguito le vicende nelle aree più calde del mondo, con una particolare attenzione all Europa dell Est, per il settimanale Il Sabato e per il quotidiano Avvenire. È uno di coloro che con maggiore acume e coraggio «ha parlato per i polacchi» quando non era loro consentito. Questa è l opinione di Piotr Nowina-Konopka, attuale ambasciatore della Repubblica di Polonia presso la Santa Sede. Quello di Geninazzi è stato un osservatorio privilegiato, perché la Polonia è stata il fulcro della rivoluzione non violenta che ha spazzato il comunismo europeo. Con il Papa polacco si è scoperto che c era qualcosa di più forte dei carri armati e dei missili atomici. «Giovanni Paolo II ha fatto appello alle risorse spirituali e alla fede del nostro popolo», scrive Wałęsa. «Ogni volta che organizzavo uno sciopero mi ritrovavo attorno non più di dieci persone e poi, all improvviso, nel 1980 furono 10 milioni di persone. La gente era cambiata, era diventata più cosciente, più matura, più determinata». È l inizio di quello che è stato definito un «miracolo» dal «laico» drammaturgo Václav Havel, divenuto primo presidente democratico della Cecoslovacchia postcomunista e morto nel dicembre Una lotta pacifica e dignitosa ha abbattuto dittature che sembravano invincibili. Un fenomeno incredibile, sottolinea Geninazzi: gente che manifestava senza odio verso il potere, senza slogan violenti, senza tirare un sasso. Un esempio per tanti popoli che oggi si ribellano in vari Paesi. Solidarność ha insegnato che ciò di cui c è bisogno sono idee forti e princìpi morali. La caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, è frutto di un cammino verso la libertà di cui l autore è stato testimone diretto e lo racconta anche con piccoli aneddoti. «Il generale Jaruzelski, ripensando agli anni 80, si dice pentito e sofferente e ammette: Non era possibile discorrere con Giovanni Paolo II senza sentire per lui una grande simpatia: era maestoso, eppure semplice e cordiale». «Estate 1983, tre giorni con Giovanni Paolo II a Castel Gandolfo». L occasione è un incontro a Luigi Geninazzi con Lech Wałęsa

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Guida al CouchSurfing

Guida al CouchSurfing Guida al CouchSurfing TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE Introduzione Quante volte vi è capitato di dover rinunciare ad una vacanza, o di dover cambiare meta, perché i costi degli alloggi erano troppo alti?

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Università degli Studi di Bergamo 01/06/2015 Bimestrale, Numero 4 Prepararsi alla partenza. Pronti? Via!!! Aspettative vs realtà Ogni partenza porta con sé,

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Spazio per incontrarsi Chi siamo. Cosa facciamo. Perché lo facciamo.

Spazio per incontrarsi Chi siamo. Cosa facciamo. Perché lo facciamo. Spazio per incontrarsi Chi siamo. Cosa facciamo. Perché lo facciamo. Karim C.* era arrabbiato con il mondo. Noi non gli abbiamo chiesto il perché. Gli abbiamo invece consegnato una maglietta blu con la

Dettagli

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA IL MODELLO SFERA Questa sintesi viene utilizzata per la formazione degli allenatori che frequentano i corsi di Juventus University e fa particolare riferimento dunque all applicazione del modello nel mondo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli