Industria, innovazione e mercati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industria, innovazione e mercati finanziari"

Transcript

1 Gabriele Galateri 95 Industria, innovazione e mercati finanziari Gabriele Galateri Grazie Presidente Vietri, grazie a tutti voi di essere qui. Devo dire che è interessante trovarsi a contatto con persone come voi che hanno davanti tutta la vita e che hanno dimostrato di volersi impegnare seriamente in questa competizione. Raramente riesco a partecipare a questo tipo di eventi ma Giovanni Vietri è riuscito a convincermi dicendomi che, nel vostro progetto, il titolo Telecom Italia è stato eliminato dal portafoglio d investimento perché è sceso troppo in borsa. Di fronte a questa evidenza mi sono detto: è meglio che venga con Elisabetta Ripa, Responsabile Investor Relations, per illustrarvi quali sono le prospettive del Gruppo Telecom Italia. Mi rendo conto che parlare di imprese, di Borsa in un momento di economia come questa non è cosa facile. Io credo che tutti voi conosciate cosa sta succedendo sui mercati, sappiate quale recessione sta avendo luogo nel mondo. È una recessione particolarmente pesante perché profonda e globale: sta interessando contemporaneamente tutte le parti del mondo, da paesi avanzati come l Italia a paesi emergenti come il Brasile e l India. L origine della recessione, come sapete, è legata al fenomeno dei Subprime, cioè dei finanziamenti scadenti che sono stati erogati in grande quantità nel mercato americano, successivamente cartolarizzati e rivenduti. Tale fenomeno dimostra, tra l altro, un eccessiva sofisticazione del mondo finanziario e insegna a chi, come voi, studia finanza, che bisogna fare molta attenzione all eccessiva sofisticazione ed astrazione degli strumenti; la speculazione non è mai positiva.

2 96 Conoscere la borsa Penso che abbiate tutti l ambizione, un giorno, di appartenere alla parte migliore del Paese e quindi contribuire al suo sviluppo. Se fossi in voi mi domanderei: quale sarà il mio futuro in questo mondo e con questa crisi? Che cosa devo fare per cercare di emergere? Io posso darvi risposte che nascono da esperienze personali, sono risposte in cui credo, anche se alcune potrebbero sembrare risposte diplomatiche. Ho studiato come voi, erano gli anni 68/ 69, ed ad un certo punto, ho pensato di andare a vedere cosa succedeva all estero! Tra l altro, al termine dell Università e proprio mentre uscivo dalla stanza dove mi ero laureato, il mio relatore, il Professor Cosciani, docente di Scienza delle Finanze, mi chiese se volevo lavorare con lui come assistente universitario. Ho fatto l assistente universitario per un anno a Roma, alla fine dell anno era obbligatorio andare all estero, esperienza che mi interessava molto e che, tra l altro, consiglio vivamente a tutti. Quindi dovetti scegliere tra andare in una scuola di teoria come la London School of Economics o andare in una scuola di economia applicata. Ho scelto la Columbia University di New York, dove sono stato per due anni. Esperienza affascinante, non soltanto dal punto di vista professionale ma anche come esperienza di vita. Mi trovai a vivere in un mondo difficile (perché New York nel 68 non era un mondo facile), dove era necessario lottare per essere riconosciuto in mezzo a moltissimi stranieri, cinesi, giapponesi, etc., con i quali avevo solo una cosa in comune: nessuno di noi capiva l inglese. Sono poi tornato in Italia, ho lavorato due, tre anni alla Banca di Roma, dove ho fatto esperienze straordinarie soprattutto nel campo dell innovazione finanziaria. All università americana avevo studiato i così detti ratio di bilancio, indicatori che immagino voi manovriate perfettamente. All epoca si parlava ancora degli indicatori elementari quali

3 Gabriele Galateri 97 ad esempio il rapporto debt/equity cioè il rapporto tra debito di un azienda e il suo patrimonio; il Return on equity ossia gli utili sul patrimonio, tutti dati molto semplici. Tornato in Italia vado al Banco di Roma e in altre banche a fare colloqui di assunzione. Mi dicono: Ma lei cosa ha imparato?. Quando ho detto di aver imparato tante cose, tra cui anche i ratio, sono rimasti stupefatti. Mi ricorderò sempre il direttore centrale che, con un accento tipicamente locale, mi disse: Ma lei conosce i ratio?. I ratio erano considerati un miracolo della natura tanto che da Roma mi hanno mandato in tutte le filiali a spiegare cosa fossero. Vi dico questo, per dirvi che questi parametri, che oggi sembrano banali, all epoca rappresentavano l innovazione su cui cominciava a lavorare la finanza per valutare le aziende. Successivamente sono entrato alla Saint Gobain, una società che produce materiali per costruzioni in vetro. Mi trasferisco a Milano e faccio per tre anni il direttore finanziario della Saint Gobain prima a Milano, poi a Parigi, dove cresce la mia conoscenza del mondo internazionale. Nel frattempo a Parigi ho conosciuto il Dottor Romiti che mi ha proposto di andare a lavorare a Torino. Mi proposero di fare il direttore della Finanza Estera della Fiat che si occupava solo delle Americhe. Nonostante sembrasse una diminutio capitis, alla fine ho sentito una forte spinta a tornare in Italia: tornare alle radici e dare una spinta alla società italiana non mi dispiaceva per niente. E così mi sono detto: Ma sì, tentiamo!. Immaginatevi il passaggio: parto da Parigi ancora tutta illuminata e arrivo a Torino con la nebbia ed il buio. Andavo a stare da mia nonna, quindi mi si prospettava una vita triste. In quel momento ho pensato di aver fatto la stupidaggine della mia vita. e invece sono rimasto a Torino per 25 anni senza nemmeno accorgermene, e realizzando che era passato tutto quel tempo solo quando mi sono trasferito a Milano. Ho improvvisamente realizzato

4 98 Conoscere la borsa di aver passato un quarto della mia vita in quella città facendo attività molto interessanti, da Direttore della Finanza Internazionale a Direttore della Finanza della Fiat. Poi sono andato, su chiamata di Umberto Agnelli, a fare l amministratore delegato di IFIL, un azienda che aveva il compito di investire in settori diversificati rispetto a quelli della Fiat. La Fiat investiva nel settore meccanico, IFIL doveva inventarsi una sua strategia, quindi cominciammo a investire nel mondo dell alimentare che sembrava avere dei cicli diversi dal meccanico, poi nel mondo del turismo, poi nel mondo della grande distribuzione, la Rinascente e così via. Portammo un azienda, che inizialmente aveva nel proprio portafoglio solo circa il 6% di Fiat, ad essere una delle più grosse holding industriali italiane con circa 4-5 mila miliardi di investimenti. Poi fui nominato Amministratore Delegato dell IFI in aggiunta. Nell IFI trovai quella che sicuramente tutti voi conoscete, la Juventus; oltre alla Juventus trovai anche molte altre attività: il cemento, le attività editoriali ecc. Successivamente fui chiamato a fare l amministratore delegato della Fiat, e così tornai di nuovo al Lingotto e poi, dopo il Lingotto, andai a fare il presidente di Mediobanca, esperienza completamente diversa nel mondo milanese, mondo delle grandi banche. Pensate ad una Mediobanca governata per trent anni dal Dottor Cuccia, concentrata su una sola persona, che doveva trasformarsi in un azienda competitiva non solo italiana ma anche internazionale. Era quindi un momento affascinante per cercare di dare una strategia, un futuro, a un azienda che aveva un nome incredibile ma aveva una base, a mio avviso, fragile perché legata soprattutto a pochi gruppi italiani. Abbiamo scoperto che quando c è un buon marchio, nel mondo ti stanno a sentire. Ricordo quando portammo Mediobanca in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna dove oggi ha le proprie sedi, e addirittura in Russia.

5 Gabriele Galateri 99 Dopo l esperienza in Mediobanca, sono approdato in Telecom Italia. Telecom, di cui vi parlerà tra poco la Dottoressa Ripa, è un mondo affascinante, che, rispetto agli altri mondi che ho visto (automobili, alimentare, bancario) è il mondo del futuro. Anche gli altri settori presentano prospettive certamente importanti, ma onestamente relativamente limitate: se si pensa a quale sarà il modo di spostarsi tra 20 anni, a quale sarà il modo di mangiare tra 20 anni, o a quale sarà il modo di fare la distribuzione tra 20 anni, sono tutte domande che lasciano parecchi dubbi. Se invece pensiamo a quale sarà il modo di comunicare o quali saranno gli strumenti della comunicazione tra 20 anni, vi posso già dire che li intravediamo e sono affascinanti. Un mondo che si sviluppa a una velocità supersonica di cui voi siete anche più al corrente di me, nella misura in cui sapete usare i vostri telefonini, i vostri i-phone. Per non dilungarmi troppo sulle mie vicende e passare alla storia dell azienda, i messaggi che mi piace dare ai ragazzi sono questi: innanzi tutto in base alla mia esperienza personale, la meritocrazia e la professionalità sono una vera realtà, un vero vantaggio. L ho sempre detto anche a mia figlia, se volete riuscire, uno dei cardini di questa strategia deve essere quello di costruirvi i mattoni giorno per giorno, tenete presente che i mattoni non si costruiscono tutti in un colpo a 35/40 anni, si costruiscono a 15 anni, a 18, 20 anni, 22 anni, 25 anni, ma potrei dirvi tutti i mesi, tutti i giorni. Ed è una scommessa che bisogna fare. Io l ho fatta tante volte; mi ricordo che mio padre era ufficiale, aveva la casa all interno della caserma, dove abitavamo. Vedevo tutti i miei amici che giocavano a pallone, io me ne stavo seduto lì come un secchione a leggere libri. Se giochi a pallone, se diventi un gran calciatore, forse allora hai fatto meglio a giocare, però se non diventi un gran calciatore rischi di perdere il treno.

6 100 Conoscere la borsa Io non dico di non giocare a pallone, dico che ci deve essere il tempo per giocare a pallone, ma deve esserci il tempo per costruire i mattoni, come dicevo prima. La seconda cosa è la fiducia, l opportunità. Ho sempre pensato che nei brutti e difficili momenti della vita, perché sì, ci sono stati molti momenti in cui mi è sembrato di essere in un precipizio, si deve pensare che non è finita, che anche le cose che possono essere immediatamente negative diventano, invece, base per cose molto positive. Non voglio entrare in fatti troppo personali, ma vorrei raccontarvi la storia della mia uscita da Mediobanca. Abbiamo portato Mediobanca da 7 euro per azione nel 2002 a 18 euro per azione, quando l ho lasciata nel Credo che questo vi dia la dimensione di quanto sia stato drammatico per me lasciare Mediobanca. Però è stato un dramma in positivo, perché mi ha permesso di arrivare in Telecom, di iniziare tutta un altra strategia, altrettanto affascinante, forse anche con prospettive più lunghe di quelle che avrei potuto avere in Mediobanca. Anche i momenti di difficoltà, di crisi, sono base di opportunità. Tutte le gallerie hanno in fondo una luce, tutte le crisi del mondo sono sempre poi sfociate in qualcosa di nuovo, diverso, in qualcosa di migliore; anche questa crisi, per esempio, avrà certamente uno sviluppo a un certo punto positivo. Certamente rimarranno alcuni feriti lungo il percorso, ma il finale non sarà un finale spiacevole, sarà un finale in cui giocherà molto la competenza e la personalità, giocherà molto, lo dico pensando a Telecom, la capacità di innovazione, la capacità di portare nuove tecnologie, perché le nuove tecnologie portano efficienze, che creano veramente quel mercato globale nel quale potremo vivere meglio. Altri due punti veloci e poi passo alla presentazione di Telecom Italia. Il primo è un aspetto che sembra un po retorico, ma francamente non lo è ed è quello dell etica, che non vuol dire solo rispettare le regole e le leggi, perché quella è una

7 Gabriele Galateri 101 cosa automatica e necessaria. L etica è una cosa più ampia, è il rispetto dell onestà, della giustizia, del buon senso, anche se non è imposto da una regola ben precisa. Negli ultimi anni nel mondo, si sono fatte operazioni di finanziamento per l acquisto di aziende, finanziando 6/7/8 volte il capitale che veniva messo nell operazione di acquisizione. Queste sono operazioni speculative, operazioni che si facevano purtroppo perché tutti le facevano, e non vi erano regole per impedirlo. Questo è un atteggiamento non etico, un comportamento che pur non essendo fuori legge è un atteggiamento da evitare perché non porta lontano. Infine, ed è l ultima considerazione, senza assolutamente sminuire tutto quanto, è indubbiamente importante avere un po di fortuna nella vita. Napoleone diceva che voleva generali bravi ma soprattutto fortunati. Devo confessarvi che in molte delle mie scelte, delle mie vicende, devo dare un certo peso alla fortuna; io la preferisco chiamare, ovviamente, intuizione! Spesso mi sono visto in una stazione con tanti treni che passano, che si fermano, e bisogna decidere su quale treno salire. Vi assicuro che in certi casi non sono salito per caso o per intuizione su un treno che è andato a finire su un binario morto dopo alcuni chilometri, mentre sono salito su un altro treno che è invece arrivato a destinazione. Perché sono salito su un treno piuttosto che su di un altro? Credo che un ruolo fondamentale lo abbia giocato la fortuna. Quindi, le caratteristiche necessarie per farsi strada sono: La professionalità e la meritocrazia in cui bisogna sempre credere; Il rispetto dell etica e dei suoi principi, avendo sempre il coraggio di difendere le proprie convinzioni; Una buona dose di fortuna che non vi posso trasmettere, ma che vi auguro con tutto il cuore!

8 102 Conoscere la borsa Passiamo ora a parlare di Telecom, se avete domande, osservazioni da fare interrompetemi pure. Chi è Telecom Italia. Il gruppo ha il controllo di due società quotate: Telecom Italia Media, l area televisiva e TIM Brasil, il business brasiliano. L azionista di riferimento è Telco S.p.A., che possiede il 24% di Telecom Italia ed è costituita da cinque gruppi importanti: Generali, Banca Intesa, Mediobanca, Benetton e Telefonica. Nel 2007 il gruppo di controllo di Telecom Italia decise di vendere la società e alcune entità straniere, in particolare gli americani di AT&T e il messicano Carlos Slim, mostrarono il loro interesse all acquisto, concretizzando il rischio che Telecom Italia venisse venduta ad un gruppo straniero. A quel punto in Mediobanca si decise di costituire una cordata per contrastare tali offerte. Creammo quindi un gruppo di alto lignaggio con le Generali, Banca San Paolo, Sintonia e Mediobanca. I capitali però non erano sufficienti e dovemmo ricorrere a un altro interlocutore, Telefonica. L ingresso di Telefonica era molto complesso perché il gruppo spagnolo è un concorrente di Telecom Italia, in America Latina. Telefonica quindi si unì ai quattro gruppi italiani, pur rimanendo in minoranza con il 40% di Telco. Telecom Italia è quotata alla Borsa di Milano ed è quotata anche alla Borsa di New York. La nostra Società è presente in Sud America, in particolare in Argentina, Brasile e Cuba, ed in Europa tramite le società che offrono collegamenti internet in Germania e Olanda. Il gruppo è poi presente con Sparkle, nel business dei grandi cavi per le trasmissioni intercontinentali. Telecom si occupa di diversi business nell ambito delle telecomunicazioni quali la rete fissa tradizionale, il business mobile con il brand TIM; l Olivetti con i suoi contenuti di stampa digitale, Alice che rappresenta l area di internet e della banda larga; e poi MTV, La7, l agenzia di comunicazione APCom.

9 Gabriele Galateri 103 Quali sono le dimensioni di Telecom Italia? A fine 2008, il gruppo poteva contare su circa 20 milioni di collegamenti alla rete fissa, circa 8 milioni di accessi in larga banda in Italia. Oggi si discute molto su come dotare il paese di velocità sempre più ampie sulla rete per consentire una serie di applicazioni fondamentali per lo sviluppo del paese: dalla televisione via internet, alla telemedicina, al telelavoro, alla telesorveglianza. Il gruppo, inoltre, ha circa 36 milioni di linee mobili in Brasile; i dipendenti del gruppo sono in totale circa 77 mila. Dal punto di vista economico il gruppo genera un fatturato pari a circa 30 miliardi di euro l anno e 11,4 miliardi di euro di EBITDA, cioè di margine prima degli interessi, delle tasse e degli ammortamenti. Gli investimenti industriali ammontano a circa 5,4 miliardi di euro (dati a dicembre 2008). Il business in Brasile genera ricavi pari a circa 5 miliardi di euro, 1,2 miliardi di euro di EBITDA e ha circa 10 mila dipendenti (dati a dicembre 2008). Come potete vedere dal confronto con gli altri operatori europei, si tratta di dati importanti ma non giganteschi: ad esempio, mentre Telecom Italia ha un fatturato di 30 miliardi di euro l anno, Telefonica ne ha 57 miliardi, il gruppo tedesco Deutsche Telekom ne produce 61 miliardi, il gruppo francese France Telecom 53 miliardi, l operatore olandese KPN 14 miliardi. Come ben sapete, ciò che è importante non sono soltanto i ricavi, ma anche il margine, ossia quanto pesa il margine dell azienda sui ricavi. Secondo i dati a fine anno 2008, Telecom Italia non è posizionata male, perché ha un margine del 37,7%, mentre Telefonica è al 39%, Deutsche Telekom al 29%, France Telecom al 36% e KPN al 34%. Quindi la posizione reddituale di Telecom Italia è piuttosto buona. E questo è quello che ci deve far riflettere sul potenziale di valorizzazione di Telecom Italia in futuro. Il proble-

10 104 Conoscere la borsa ma di Telecom Italia è nella valorizzazione del mercato che oggi purtroppo dipende molto dal livello di debito ereditato dalla storia passata di Telecom. In particolare il debito del gruppo nasce da una serie di acquisizioni, effettuate attraverso il meccanismo di indebitare la società senza tirar fuori quattrini. Ma guardiamo avanti e chiediamoci in che direzione si sta sviluppando il mondo delle telecomunicazioni? Al centro avete gli operatori telefonici, c è Telecom Italia e ci sono gli operatori nostri concorrenti, Vodafone, Wind, Tiscali. Gli operatori oggi in Italia si stanno parzialmente spostando verso il mondo delle televisioni attraverso la così detta IPTV. Non so chi di voi, spero molti, abbia a casa Alice Casa, che fornisce anche l accesso a questa nuova modalità di distribuzione della televisione che è molto interessante, perché consente l accesso nel momento in cui si vuole vedere un determinato programma, o a programmi che si vogliono rivedere, consentendo una flessibilità di fruizione che la televisione tradizionale non vi consente di avere. Molto importante per noi è poi il mondo dell ICT, Information and Communication Technology, cioè di tutte le strumentazioni, servizi, applicazioni informatiche che servono al mondo esterno per migliorarne il funzionamento. Pensate ad esempio alla Pubblica Amministrazione e a come sarebbe tutto più facile se all interno della Pubblica Amministrazione tutto fosse digitalizzato, consentendo all utente di risolvere i problemi on-line attraverso internet, evitando lunghe code agli sportelli. Pensate a cosa potrebbe significare per la Sanità avere on-line i processi relativi all emissione delle prescrizioni, alla gestione dei ricoveri, alle medicine, ai controlli. Possiamo dire che tutto questo è il futuro della telecomunicazione. Passiamo ad analizzare il posizionamento di Telecom Italia

11 Gabriele Galateri 105 sul mercato domestico. A fine dicembre 2008, le linee fisse di Telecom Italia sono risultate pari a 20 milioni. La quota sul mercato fisso (77%) è il risultato di una progressiva migrazione dei clienti verso i servizi di telefonia mobile e verso soluzioni alternative di comunicazione (messaging, , chat). La forte competizione che contraddistingue questo settore ha prodotto una graduale riduzione della quota di mercato di Telecom Italia sui volumi di traffico voce retail. Per quanto riguarda il mercato Broadband, Telecom Italia ha un buon posizionamento in termini di quota di mercato (60% al 31 dicembre 2008 rispetto al 57,0% di Telefonica, il 46,0% di DT, il 47,0% di FT ed il 26,5% di BT), ciò soprattutto considerando che la penetrazione del broadband sul totale degli accessi fissi in Italia è tra le più basse rispetto alle principali nazioni europee (49,5% a fine 2008 rispetto al 48,3% della Spagna, 62,7% della Germania, al 50,6% in Francia ed al 53,6% in UK). Nonostante uno scenario fortemente competitivo (4 operatori mobili ed una penetrazione sulla popolazione pari al 153%), Telecom Italia difende con forza il suo ruolo di operatore leader nel mobile domestico, con una quota di mercato del 38,0%, in linea con i principali operatori incumbent (gli ex monopolisti) in Europa (TEF 44,3%, Deutsche Telekom 36,5%, FT 43,6%). Vediamo ora quali sono gli obiettivi del Gruppo. Telecom Italia vuole concentrarsi su quelli che ha definito mercati chiave, ovvero il mercato italiano e quello brasiliano. In particolare la nostra strategia prevede per il mercato domestico di tornare a crescere in termini di ricavi, ridurre in modo significativo i nostri costi, migliorare i rapporti con l Authority delle telecomunicazioni, migliorare ulteriormente la soddisfazione dei nostri clienti. In Brasile vogliamo diffondere la banda larga mobile che

12 106 Conoscere la borsa rappresenta il grande progetto Paese che si sta sviluppando e vogliamo cercare di spingere sempre di più a passare dalla banda fissa al mobile, anche perché siamo essenzialmente operatori mobili. Per far sì che i nostri ricavi tornino a crescere (come vedete la crescita nel triennio è prevista maggiore del 2%) dobbiamo dunque puntare sui cosiddetti ricavi innovativi rispetto a quelli tradizionali, in quanto i primi presentano tassi di crescita nell arco di piano notevolmente superiori (circa 18% vs circa 4%). Che cosa si intende per ricavi innovativi? Sono i ricavi che derivano dalla connettività ad alta velocità (Broadband), sia tramite rete fissa che rete mobile, dai servizi a valore aggiunto (quali SMS, MMS, suonerie, wallpapers, etc.) nonché da quei ricavi propri di mercati vicini a quello delle TLC, quali ad esempio la televisione via internet (IPTV). Telecom Italia ha l obiettivo di far crescere i ricavi innovativi, facendo sì che essi raggiungano il 28% del totale dei ricavi nel 2011 (dal 17% nel 2008). Altro tema importante, come illustrato nella slide successiva, è la riduzione dei costi, che dovranno scendere di circa due miliardi di euro nell arco di piano, attraverso sette progetti che vanno dalla rete, alla distribuzione, alle attività tecnologiche, etc.. Passando al Brasile vediamo che, rispetto ad una popolazione di 193 milioni di abitanti, la penetrazione del mobile non è ancora molto elevata, mentre la penetrazione della telefonia fissa come vedete è stabile. Il Brasile è un paese vastissimo: è per questo motivo che collegare l intero territorio nazionale con una rete fissa è molto impegnativo. Nelle zone scarsamente popolate poi la tecnologia mobile si rivela vincente perché, grazie all installazione di un antenna, si possono raggiungere anche le zone più remote con un investimento più contenuto.

13 Gabriele Galateri 107 Se guardiamo l evoluzione delle linee fisse e delle linee mobili appare chiaro che il mobile ha avuto una vera e propria esplosione a partire dall introduzione della tecnologia GSM ed oggi la penetrazione nel paese è cresciuta molto (circa 80%, con 150 milioni di linee su una popolazione di 193 milioni). La nostra società in Brasile ha una rete GSM che copre l intero territorio nazionale ed è quindi nelle migliori condizioni per offrire servizi ai propri clienti. Il gruppo TIM Brasil è e sarà sempre più il nostro secondo polo strategico. Come vi dicevo prima, Telecom Italia deve tenere sotto controllo la posizione finanziaria, di conseguenza non è prevista alcuna espansione geografica nel prossimo futuro attraverso operazioni di acquisto, mentre il nostro piano è quello di ridurre gli asset non strategici, e quindi di procedere alla vendita della Germania, e di altre piccole società del Gruppo, con l obiettivo di contenere il debito e rafforzare la struttura patrimoniale. Passo la parola ad Elisabetta. Dottoressa Elisabetta Ripa Grazie. Entriamo ora in un tema più specifico, ed andiamo a vedere come Telecom Italia si relaziona con il mercato finanziario e con la Borsa in particolare. Creare una buona relazione tra la società ed il Mercato finanziario è fondamentale per aumentare il valore della società. Per fare ciò, prima di tutto è necessario individuare i soggetti che sono portatori di interesse nei confronti di Telecom cioè i nostri stakeholders. Tipicamente i soggetti che ci vengono subito in mente sono i clienti, i fornitori ed i nostri concorrenti, ma ci sono anche le Istituzioni e la Comunità in generale. A tale proposito è importante tenere

14 108 Conoscere la borsa in considerazione, ad esempio, le conseguenze che Telecom può avere sull ambiente. A questi soggetti aggiungiamo, infine, la relazioni con gli obbligazionisti e con gli azionisti. Per rispettare gli interessi di tutti questi interlocutori, Telecom prima di tutto cerca di migliorare il dialogo, la relazione attraverso canali di comunicazione specifica cercando di indirizzare le esigenze di ciascuno e di dare le risposte, per quanto possibile per una realtà industriale, in linea con le aspettative di questi soggetti. Andiamo ora a vedere l altra Telecom, quella che forse è meno nota, ed in particolare cosa fa Telecom per la comunità in generale, per limitare responsabilmente il proprio impatto come istituzione nei confronti dell ambiente? Telecom, abbiamo visto prima, è una realtà enorme, ha indubbiamente un impatto rilevante sull ambiente, attraverso i propri dipendenti, attraverso l indotto che genera, nonché attraverso le infrastrutture produttive. La nostra fabbrica è costituita dalle reti di telecomunicazioni, dalle centrali di comunicazione e dalle antenne che, forse, sono l aspetto più tangibile, perché visibile, della fabbrica di un operatore di telecomunicazioni. Telecom Italia è consapevole di questo forte impatto e vuole cercare di limitarlo. Il primo passaggio necessario è la valutazione della relazione di Telecom con l ambiente. Ci siamo accorti che effettivamente i numeri sono grandi; qualche esempio: i rifiuti generati in un anno dal sistema produttivo di Telecom corrispondono al peso di una petroliera. In termini di consumo di carta, pensate al numero di bollette che su base bimestrale Telecom invia alla clientela, purtroppo ci troviamo a distruggere lo dico in maniera molto negativa circa 30mila alberi. Anche in termini di energia necessaria per mantenere e mandare avanti i nostri stabilimenti e i nostri sistemi produttivi, Telecom è decisamente un consumatore.

15 Gabriele Galateri 109 Consapevoli di questo bilancio, che ha un peso importante, stiamo portando avanti una serie di azioni per ridurre l impatto ambientale. E lo facciamo attraverso una serie di progetti, che si concretizzano banalmente nella limitazione dell utilizzo della carta negli uffici, ma soprattutto nella dematerializzazione della bolletta. Alcuni di voi, ad esempio, avranno già richiesto di ricevere la bolletta via invece che cartacea via posta. Si tratta di un iniziativa importante che dovrà essere sempre più diffusa nei prossimi anni, e che nei paesi europei con i quali ci confrontiamo è già più avanti. Stiamo poi cercando di rendere autonomi i nostri impianti produttivi, rispetto a una produzione di energia, che per la dinamica del costo del petrolio ed in generale, per le fonti di energia, diventa sempre più onerosa. Vedrete sempre di più stazioni radio base (le antennine della rete di Telefonia Mobile) dotate di pannelli solari nel tentativo sostanzialmente di auto-generare l energia di cui abbiamo bisogno. Questi sono alcuni esempi per spiegare l altra Telecom. L altra Telecom significa anche impegno nel sociale, le iniziative che stiamo facendo, che stiamo portando avanti, passano attraverso l utilizzo della tecnologia, come diceva il Presidente, per agevolare e migliorare la relazione dell uomo in vari contesti. Stiamo investendo molto in telemedicina, nella teleconferenza, stiamo lavorando soprattutto per mettere a disposizione la tecnologia mobile per i portatori di handicap. Sono progetti rilevanti che portiamo avanti con determinazione, anche attraverso la Fondazione di Telecom Italia. La Fondazione è stata recentemente costituita, ed ha l obiettivo di finanziare progetti di questo tipo, di intervenire in quelle aree che richiedono interventi con fondi di sviluppo, quali ad esempio, le aree colpite dal terremoto. Ma l impegno di Telecom Italia nei confronti della comunità si articola soprattutto attraverso lo sviluppo dell innovazione

16 110 Conoscere la borsa e questo lo stiamo facendo soprattutto coinvolgendo i giovani ed aiutando coloro che vogliono utilizzare il mezzo delle telecomunicazioni, quale strumento imprenditoriale per individuare nuove opportunità di business. Abbiamo recentemente annunciato e varato con grande successo, un progetto di cui oggi vi voglio parlare perché può coinvolgere un po tutti voi: Working capital è sostanzialmente un fondo di dotazioni che abbiamo messo a disposizione di tutti coloro, giovani imprenditori, risorse che vogliono provare ad innovare, a mettersi in gioco, attraverso la selezione e la formulazione di progetti, che hanno da parte di Telecom il sostegno finanziario con l obiettivo di fare scouting, attraverso un sistema, un network, di piccoli imprenditori che possono aiutare non solo Telecom, ma il Paese, a veicolare l innovazione ed accelerare per recuperare il gap che l Italia, purtroppo, ha in questo campo. I giovani imprenditori possono accedere a queste risorse attraverso la presentazione di progetti, di iniziative, che verranno selezionate e finanziate fino alla maturità del progetto stesso, per poi lasciarle camminare da sole nel mercato. Entrando adesso nel tema specifico di cosa fa Telecom per gli azionisti, quindi nel tema del vostro percorso formativo, come diceva il Presidente, siamo stati coinvolti in questa discussione dalla notizia che a un certo punto il titolo Telecom è stato escluso dal portafoglio per eccesso di ribasso. In realtà questo è avvenuto in un momento in cui, credo, tutta la Borsa ha perso molto valore; la Borsa italiana, ma in generale le Borse europee e mondiali, negli ultimi mesi hanno perso molto e gran parte dei titoli sono scesi al di sotto di importi che venivano considerati una soglia invalicabile. Ma andiamo con ordine; cosa fa un gruppo come Telecom Italia per relazionarsi con la comunità finanziaria e per aumentare il più possibile la percezione del valore prodotto da parte dell azienda?

17 Gabriele Galateri 111 Prima di tutto chi sono gli azionisti di Telecom Italia? Telecom ha la peculiarità di avere un azionariato molto più diffuso rispetto ad altre società, in altre parole in Telecom hanno investito un numero di soggetti molto numeroso comprando un numero di azioni più limitato. Ciò fa parte della storia di Telecom Italia e della storia di un azienda che ha fatto un po il mercato e l economia del Paese. Questa caratteristica ci dà una responsabilità ulteriore, perché parlare con 600mila azionisti retail, piccoli azionisti, vuol dire mettere in campo strumenti di comunicazione che sono mirati e pensati per questo tipo di audience. Gli investitori istituzionali rappresentano il 45%. Con questo nome si identificano tutti quei soggetti che investono in titoli come loro attività principale: i Fondi pensione, i Fondi assicurativi, i Fondi comuni di investimento, etc. Si tratta, quindi, di un pubblico particolarmente esigente, che ha bisogno di un flusso di informazioni ed ha bisogno di capire come l azienda agisce per monitorare il valore investito nel titolo. Come si è comportato il Titolo Telecom Italia in Borsa negli ultimi sei mesi? Nella misurazione dell andamento di un titolo, come sapete, non è importante analizzare il valore assoluto del titolo, ma è importante andare a confrontare l andamento che questo titolo ha avuto con l indice di riferimento. In questo caso per Telecom l indice FTSEMIB, ma anche l indice di settore che nel nostro caso è l indice Dow Jones Stoxx Telecom. In questo confronto, Telecom nella generale situazione di ribasso dei mercati che ha caratterizzato gli ultimi 12 mesi dell anno, direi che se l è cavata abbastanza bene, negli ultimi sei mesi infatti il titolo ha performato meglio del settore, quindi per darvi alcuni numeri che avete visto nel vostro gioco, circa +24% rispetto a un indice di settore che ha fatto -2,5%, un indice di riferimento MIB che invece purtroppo

18 112 Conoscere la borsa ha perso il 12% in questo periodo. La performance relativa quindi tutto sommato, nel generale contesto ribassista, è stata positiva. Certo, noi non siamo soddisfatti di avere un titolo al di sotto di 1 Euro e per questo stiamo lavorando molto. Come si fa nello specifico a creare valore, cioè a cercare di massimizzare il valore di un titolo rispetto all andamento di Borsa? Il valore di Borsa altro non è che la sintesi estrema della performance di un azienda. Nella determinazione del valore contribuiscono: elementi oggettivi, quelli che noi chiamiamo i fondamentali di un titolo, cioè i risultati economicofinanziari; altra componente è il settore in cui si opera: il settore delle telecomunicazioni è un settore tradizionalmente ad alta marginalità, quindi ad alta creazione di valore. Ci sono poi altre caratteristiche, altrettanto importanti: la possibilità di vendere e comprare velocemente il titolo, quindi la liquidità del titolo. Ci sono poi elementi intangibili che attengono alla percezione che tutti quei soggetti che abbiamo visto prima e in particolare gli azionisti hanno rispetto al management, rispetto alla capacità dell azienda di comunicare in maniera efficace con i vari interlocutori, rispetto alla bontà che si percepisce di una strategia di sviluppo, quindi delle prospettive di sviluppo che l azienda riesce a far intravedere business per il futuro. Capitale materiale e capitale immateriale concorrono in ugual misura alla creazione del valore, ed è su queste due leve che l azienda deve agire per far sì che il valore del titolo venga percepito correttamente e si possa esplicitare nei corsi di Borsa. Come vi dicevo, la valutazione di un titolo azionario e quindi di una Azienda, passa attraverso la sintesi di una serie di informazioni, un processo che è simile a quello che ciascuno di noi compie prima di ogni acquisto o decisione di

19 Gabriele Galateri 113 acquisto: raccogliamo informazioni, facciamo confronti, elaboriamo modelli di valutazione che vanno ad identificare i flussi finanziari prospettici, quindi le prospettive di sviluppo, etc. In questo processo decisionale, le informazioni giocano un ruolo fondamentale; le informazioni devono essere date dall azienda in maniera tempestiva, completa, coerente e soprattutto in maniera trasparente. La comunicazione finanziaria, quindi ha un ruolo importante nella creazione del valore. L Azienda deve mettere in campo meccanismi in grado di consegnare al mercato informazioni complete; questo lo si fa tradizionalmente attraverso i Bilanci, che forse nel vostro gioco avete analizzato, ed attraverso i comunicati stampa; ma la comunicazione e l informazione avvengono anche attraverso i comportamenti che tutto il gruppo manageriale ha nell attività giornaliera. La comunicazione finanziaria ha l obiettivo di dare risposte concrete ed è una delle quattro forme di comunicazione che un azienda può avere: Comunicazione commerciale quella che normalmente ricevete nei punti vendita, che mira ad enfatizzare le caratteristiche di un prodotto, di un servizio, diciamo la pubblicità per semplificare un po il concetto; La comunicazione istituzionale che è quella volta a far percepire quali sono i valori dell azienda, quindi quale è la missione, in questo caso di Telecom; La comunicazione gestionale o interna, altrettanto importante, rivolta alla numerosa, in un caso come Telecom, forza lavoro. 70mila dipendenti significa sostanzialmente una platea con le proprie famiglie ed è importante comunicare i propri valori e la propria identità, è un passaggio importante per poi poter trasferire determinati messaggi e valori all esterno; La comunicazione finanziaria, come vi dicevo, che è quella mirata a informare la propria audience, quindi i

20 114 Conoscere la borsa propri ascoltatori sugli aspetti patrimoniali, reddituali e finanziari dell impresa per una corretta percezione dell azienda o una corretta decisione di investimento. Rapidamente, chi sono i vari interlocutori che agiscono nel mercato finanziario e, quindi, partecipano alle decisioni di investimento? Il soggetto principale è colui che compra e vende titoli: l investitore. Gli investitori hanno una serie di facilitatori nella loro attività. Un ruolo molto importante viene svolto dagli analisti finanziari, sono tipicamente banche che hanno il compito, il ruolo e la missione di analizzare alcuni titoli, alcune società in ogni dettaglio per sintetizzare una raccomandazione utile per gli investitori. Una raccomandazione che può essere quella di comprare, quindi un giudizio Buy, oppure di aspettare perché il momento non è favorevole per l ingresso sul titolo (Hold), oppure di vendere quindi disinvestire il titolo perché le percezioni o prospettive non sono favorevoli (Sell). Poi c è la stampa finanziaria che sicuramente influenza le decisioni di acquisto, quindi le riviste specializzate e la stampa, quale Il Sole 24 Ore e le pagine economiche dei principali quotidiani. Ma cosa vogliono sapere sostanzialmente i vari interlocutori? Vogliono sapere quali sono le fonti di generazione del valore, da che cosa può derivare la prospettiva di sviluppo di un azienda, in questo caso di Telecom. Vogliono avere linee guida, per capire come si svilupperà in futuro l azienda, vogliono avere concreta visibilità e una percezione diretta su chi la gestisce e che quindi fa sì che i piani si trasformino in realtà. Ultimo, ma non meno importante, gli investitori vogliono trasparenza: non vogliono sorprese dai risultati gestionali di un azienda, per non trovarsi ad avere una posizione, quindi un investimento in un titolo, che poi si può trasformare in una perdita. Tutto questo contribuisce a

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli