Industria, innovazione e mercati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industria, innovazione e mercati finanziari"

Transcript

1 Gabriele Galateri 95 Industria, innovazione e mercati finanziari Gabriele Galateri Grazie Presidente Vietri, grazie a tutti voi di essere qui. Devo dire che è interessante trovarsi a contatto con persone come voi che hanno davanti tutta la vita e che hanno dimostrato di volersi impegnare seriamente in questa competizione. Raramente riesco a partecipare a questo tipo di eventi ma Giovanni Vietri è riuscito a convincermi dicendomi che, nel vostro progetto, il titolo Telecom Italia è stato eliminato dal portafoglio d investimento perché è sceso troppo in borsa. Di fronte a questa evidenza mi sono detto: è meglio che venga con Elisabetta Ripa, Responsabile Investor Relations, per illustrarvi quali sono le prospettive del Gruppo Telecom Italia. Mi rendo conto che parlare di imprese, di Borsa in un momento di economia come questa non è cosa facile. Io credo che tutti voi conosciate cosa sta succedendo sui mercati, sappiate quale recessione sta avendo luogo nel mondo. È una recessione particolarmente pesante perché profonda e globale: sta interessando contemporaneamente tutte le parti del mondo, da paesi avanzati come l Italia a paesi emergenti come il Brasile e l India. L origine della recessione, come sapete, è legata al fenomeno dei Subprime, cioè dei finanziamenti scadenti che sono stati erogati in grande quantità nel mercato americano, successivamente cartolarizzati e rivenduti. Tale fenomeno dimostra, tra l altro, un eccessiva sofisticazione del mondo finanziario e insegna a chi, come voi, studia finanza, che bisogna fare molta attenzione all eccessiva sofisticazione ed astrazione degli strumenti; la speculazione non è mai positiva.

2 96 Conoscere la borsa Penso che abbiate tutti l ambizione, un giorno, di appartenere alla parte migliore del Paese e quindi contribuire al suo sviluppo. Se fossi in voi mi domanderei: quale sarà il mio futuro in questo mondo e con questa crisi? Che cosa devo fare per cercare di emergere? Io posso darvi risposte che nascono da esperienze personali, sono risposte in cui credo, anche se alcune potrebbero sembrare risposte diplomatiche. Ho studiato come voi, erano gli anni 68/ 69, ed ad un certo punto, ho pensato di andare a vedere cosa succedeva all estero! Tra l altro, al termine dell Università e proprio mentre uscivo dalla stanza dove mi ero laureato, il mio relatore, il Professor Cosciani, docente di Scienza delle Finanze, mi chiese se volevo lavorare con lui come assistente universitario. Ho fatto l assistente universitario per un anno a Roma, alla fine dell anno era obbligatorio andare all estero, esperienza che mi interessava molto e che, tra l altro, consiglio vivamente a tutti. Quindi dovetti scegliere tra andare in una scuola di teoria come la London School of Economics o andare in una scuola di economia applicata. Ho scelto la Columbia University di New York, dove sono stato per due anni. Esperienza affascinante, non soltanto dal punto di vista professionale ma anche come esperienza di vita. Mi trovai a vivere in un mondo difficile (perché New York nel 68 non era un mondo facile), dove era necessario lottare per essere riconosciuto in mezzo a moltissimi stranieri, cinesi, giapponesi, etc., con i quali avevo solo una cosa in comune: nessuno di noi capiva l inglese. Sono poi tornato in Italia, ho lavorato due, tre anni alla Banca di Roma, dove ho fatto esperienze straordinarie soprattutto nel campo dell innovazione finanziaria. All università americana avevo studiato i così detti ratio di bilancio, indicatori che immagino voi manovriate perfettamente. All epoca si parlava ancora degli indicatori elementari quali

3 Gabriele Galateri 97 ad esempio il rapporto debt/equity cioè il rapporto tra debito di un azienda e il suo patrimonio; il Return on equity ossia gli utili sul patrimonio, tutti dati molto semplici. Tornato in Italia vado al Banco di Roma e in altre banche a fare colloqui di assunzione. Mi dicono: Ma lei cosa ha imparato?. Quando ho detto di aver imparato tante cose, tra cui anche i ratio, sono rimasti stupefatti. Mi ricorderò sempre il direttore centrale che, con un accento tipicamente locale, mi disse: Ma lei conosce i ratio?. I ratio erano considerati un miracolo della natura tanto che da Roma mi hanno mandato in tutte le filiali a spiegare cosa fossero. Vi dico questo, per dirvi che questi parametri, che oggi sembrano banali, all epoca rappresentavano l innovazione su cui cominciava a lavorare la finanza per valutare le aziende. Successivamente sono entrato alla Saint Gobain, una società che produce materiali per costruzioni in vetro. Mi trasferisco a Milano e faccio per tre anni il direttore finanziario della Saint Gobain prima a Milano, poi a Parigi, dove cresce la mia conoscenza del mondo internazionale. Nel frattempo a Parigi ho conosciuto il Dottor Romiti che mi ha proposto di andare a lavorare a Torino. Mi proposero di fare il direttore della Finanza Estera della Fiat che si occupava solo delle Americhe. Nonostante sembrasse una diminutio capitis, alla fine ho sentito una forte spinta a tornare in Italia: tornare alle radici e dare una spinta alla società italiana non mi dispiaceva per niente. E così mi sono detto: Ma sì, tentiamo!. Immaginatevi il passaggio: parto da Parigi ancora tutta illuminata e arrivo a Torino con la nebbia ed il buio. Andavo a stare da mia nonna, quindi mi si prospettava una vita triste. In quel momento ho pensato di aver fatto la stupidaggine della mia vita. e invece sono rimasto a Torino per 25 anni senza nemmeno accorgermene, e realizzando che era passato tutto quel tempo solo quando mi sono trasferito a Milano. Ho improvvisamente realizzato

4 98 Conoscere la borsa di aver passato un quarto della mia vita in quella città facendo attività molto interessanti, da Direttore della Finanza Internazionale a Direttore della Finanza della Fiat. Poi sono andato, su chiamata di Umberto Agnelli, a fare l amministratore delegato di IFIL, un azienda che aveva il compito di investire in settori diversificati rispetto a quelli della Fiat. La Fiat investiva nel settore meccanico, IFIL doveva inventarsi una sua strategia, quindi cominciammo a investire nel mondo dell alimentare che sembrava avere dei cicli diversi dal meccanico, poi nel mondo del turismo, poi nel mondo della grande distribuzione, la Rinascente e così via. Portammo un azienda, che inizialmente aveva nel proprio portafoglio solo circa il 6% di Fiat, ad essere una delle più grosse holding industriali italiane con circa 4-5 mila miliardi di investimenti. Poi fui nominato Amministratore Delegato dell IFI in aggiunta. Nell IFI trovai quella che sicuramente tutti voi conoscete, la Juventus; oltre alla Juventus trovai anche molte altre attività: il cemento, le attività editoriali ecc. Successivamente fui chiamato a fare l amministratore delegato della Fiat, e così tornai di nuovo al Lingotto e poi, dopo il Lingotto, andai a fare il presidente di Mediobanca, esperienza completamente diversa nel mondo milanese, mondo delle grandi banche. Pensate ad una Mediobanca governata per trent anni dal Dottor Cuccia, concentrata su una sola persona, che doveva trasformarsi in un azienda competitiva non solo italiana ma anche internazionale. Era quindi un momento affascinante per cercare di dare una strategia, un futuro, a un azienda che aveva un nome incredibile ma aveva una base, a mio avviso, fragile perché legata soprattutto a pochi gruppi italiani. Abbiamo scoperto che quando c è un buon marchio, nel mondo ti stanno a sentire. Ricordo quando portammo Mediobanca in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna dove oggi ha le proprie sedi, e addirittura in Russia.

5 Gabriele Galateri 99 Dopo l esperienza in Mediobanca, sono approdato in Telecom Italia. Telecom, di cui vi parlerà tra poco la Dottoressa Ripa, è un mondo affascinante, che, rispetto agli altri mondi che ho visto (automobili, alimentare, bancario) è il mondo del futuro. Anche gli altri settori presentano prospettive certamente importanti, ma onestamente relativamente limitate: se si pensa a quale sarà il modo di spostarsi tra 20 anni, a quale sarà il modo di mangiare tra 20 anni, o a quale sarà il modo di fare la distribuzione tra 20 anni, sono tutte domande che lasciano parecchi dubbi. Se invece pensiamo a quale sarà il modo di comunicare o quali saranno gli strumenti della comunicazione tra 20 anni, vi posso già dire che li intravediamo e sono affascinanti. Un mondo che si sviluppa a una velocità supersonica di cui voi siete anche più al corrente di me, nella misura in cui sapete usare i vostri telefonini, i vostri i-phone. Per non dilungarmi troppo sulle mie vicende e passare alla storia dell azienda, i messaggi che mi piace dare ai ragazzi sono questi: innanzi tutto in base alla mia esperienza personale, la meritocrazia e la professionalità sono una vera realtà, un vero vantaggio. L ho sempre detto anche a mia figlia, se volete riuscire, uno dei cardini di questa strategia deve essere quello di costruirvi i mattoni giorno per giorno, tenete presente che i mattoni non si costruiscono tutti in un colpo a 35/40 anni, si costruiscono a 15 anni, a 18, 20 anni, 22 anni, 25 anni, ma potrei dirvi tutti i mesi, tutti i giorni. Ed è una scommessa che bisogna fare. Io l ho fatta tante volte; mi ricordo che mio padre era ufficiale, aveva la casa all interno della caserma, dove abitavamo. Vedevo tutti i miei amici che giocavano a pallone, io me ne stavo seduto lì come un secchione a leggere libri. Se giochi a pallone, se diventi un gran calciatore, forse allora hai fatto meglio a giocare, però se non diventi un gran calciatore rischi di perdere il treno.

6 100 Conoscere la borsa Io non dico di non giocare a pallone, dico che ci deve essere il tempo per giocare a pallone, ma deve esserci il tempo per costruire i mattoni, come dicevo prima. La seconda cosa è la fiducia, l opportunità. Ho sempre pensato che nei brutti e difficili momenti della vita, perché sì, ci sono stati molti momenti in cui mi è sembrato di essere in un precipizio, si deve pensare che non è finita, che anche le cose che possono essere immediatamente negative diventano, invece, base per cose molto positive. Non voglio entrare in fatti troppo personali, ma vorrei raccontarvi la storia della mia uscita da Mediobanca. Abbiamo portato Mediobanca da 7 euro per azione nel 2002 a 18 euro per azione, quando l ho lasciata nel Credo che questo vi dia la dimensione di quanto sia stato drammatico per me lasciare Mediobanca. Però è stato un dramma in positivo, perché mi ha permesso di arrivare in Telecom, di iniziare tutta un altra strategia, altrettanto affascinante, forse anche con prospettive più lunghe di quelle che avrei potuto avere in Mediobanca. Anche i momenti di difficoltà, di crisi, sono base di opportunità. Tutte le gallerie hanno in fondo una luce, tutte le crisi del mondo sono sempre poi sfociate in qualcosa di nuovo, diverso, in qualcosa di migliore; anche questa crisi, per esempio, avrà certamente uno sviluppo a un certo punto positivo. Certamente rimarranno alcuni feriti lungo il percorso, ma il finale non sarà un finale spiacevole, sarà un finale in cui giocherà molto la competenza e la personalità, giocherà molto, lo dico pensando a Telecom, la capacità di innovazione, la capacità di portare nuove tecnologie, perché le nuove tecnologie portano efficienze, che creano veramente quel mercato globale nel quale potremo vivere meglio. Altri due punti veloci e poi passo alla presentazione di Telecom Italia. Il primo è un aspetto che sembra un po retorico, ma francamente non lo è ed è quello dell etica, che non vuol dire solo rispettare le regole e le leggi, perché quella è una

7 Gabriele Galateri 101 cosa automatica e necessaria. L etica è una cosa più ampia, è il rispetto dell onestà, della giustizia, del buon senso, anche se non è imposto da una regola ben precisa. Negli ultimi anni nel mondo, si sono fatte operazioni di finanziamento per l acquisto di aziende, finanziando 6/7/8 volte il capitale che veniva messo nell operazione di acquisizione. Queste sono operazioni speculative, operazioni che si facevano purtroppo perché tutti le facevano, e non vi erano regole per impedirlo. Questo è un atteggiamento non etico, un comportamento che pur non essendo fuori legge è un atteggiamento da evitare perché non porta lontano. Infine, ed è l ultima considerazione, senza assolutamente sminuire tutto quanto, è indubbiamente importante avere un po di fortuna nella vita. Napoleone diceva che voleva generali bravi ma soprattutto fortunati. Devo confessarvi che in molte delle mie scelte, delle mie vicende, devo dare un certo peso alla fortuna; io la preferisco chiamare, ovviamente, intuizione! Spesso mi sono visto in una stazione con tanti treni che passano, che si fermano, e bisogna decidere su quale treno salire. Vi assicuro che in certi casi non sono salito per caso o per intuizione su un treno che è andato a finire su un binario morto dopo alcuni chilometri, mentre sono salito su un altro treno che è invece arrivato a destinazione. Perché sono salito su un treno piuttosto che su di un altro? Credo che un ruolo fondamentale lo abbia giocato la fortuna. Quindi, le caratteristiche necessarie per farsi strada sono: La professionalità e la meritocrazia in cui bisogna sempre credere; Il rispetto dell etica e dei suoi principi, avendo sempre il coraggio di difendere le proprie convinzioni; Una buona dose di fortuna che non vi posso trasmettere, ma che vi auguro con tutto il cuore!

8 102 Conoscere la borsa Passiamo ora a parlare di Telecom, se avete domande, osservazioni da fare interrompetemi pure. Chi è Telecom Italia. Il gruppo ha il controllo di due società quotate: Telecom Italia Media, l area televisiva e TIM Brasil, il business brasiliano. L azionista di riferimento è Telco S.p.A., che possiede il 24% di Telecom Italia ed è costituita da cinque gruppi importanti: Generali, Banca Intesa, Mediobanca, Benetton e Telefonica. Nel 2007 il gruppo di controllo di Telecom Italia decise di vendere la società e alcune entità straniere, in particolare gli americani di AT&T e il messicano Carlos Slim, mostrarono il loro interesse all acquisto, concretizzando il rischio che Telecom Italia venisse venduta ad un gruppo straniero. A quel punto in Mediobanca si decise di costituire una cordata per contrastare tali offerte. Creammo quindi un gruppo di alto lignaggio con le Generali, Banca San Paolo, Sintonia e Mediobanca. I capitali però non erano sufficienti e dovemmo ricorrere a un altro interlocutore, Telefonica. L ingresso di Telefonica era molto complesso perché il gruppo spagnolo è un concorrente di Telecom Italia, in America Latina. Telefonica quindi si unì ai quattro gruppi italiani, pur rimanendo in minoranza con il 40% di Telco. Telecom Italia è quotata alla Borsa di Milano ed è quotata anche alla Borsa di New York. La nostra Società è presente in Sud America, in particolare in Argentina, Brasile e Cuba, ed in Europa tramite le società che offrono collegamenti internet in Germania e Olanda. Il gruppo è poi presente con Sparkle, nel business dei grandi cavi per le trasmissioni intercontinentali. Telecom si occupa di diversi business nell ambito delle telecomunicazioni quali la rete fissa tradizionale, il business mobile con il brand TIM; l Olivetti con i suoi contenuti di stampa digitale, Alice che rappresenta l area di internet e della banda larga; e poi MTV, La7, l agenzia di comunicazione APCom.

9 Gabriele Galateri 103 Quali sono le dimensioni di Telecom Italia? A fine 2008, il gruppo poteva contare su circa 20 milioni di collegamenti alla rete fissa, circa 8 milioni di accessi in larga banda in Italia. Oggi si discute molto su come dotare il paese di velocità sempre più ampie sulla rete per consentire una serie di applicazioni fondamentali per lo sviluppo del paese: dalla televisione via internet, alla telemedicina, al telelavoro, alla telesorveglianza. Il gruppo, inoltre, ha circa 36 milioni di linee mobili in Brasile; i dipendenti del gruppo sono in totale circa 77 mila. Dal punto di vista economico il gruppo genera un fatturato pari a circa 30 miliardi di euro l anno e 11,4 miliardi di euro di EBITDA, cioè di margine prima degli interessi, delle tasse e degli ammortamenti. Gli investimenti industriali ammontano a circa 5,4 miliardi di euro (dati a dicembre 2008). Il business in Brasile genera ricavi pari a circa 5 miliardi di euro, 1,2 miliardi di euro di EBITDA e ha circa 10 mila dipendenti (dati a dicembre 2008). Come potete vedere dal confronto con gli altri operatori europei, si tratta di dati importanti ma non giganteschi: ad esempio, mentre Telecom Italia ha un fatturato di 30 miliardi di euro l anno, Telefonica ne ha 57 miliardi, il gruppo tedesco Deutsche Telekom ne produce 61 miliardi, il gruppo francese France Telecom 53 miliardi, l operatore olandese KPN 14 miliardi. Come ben sapete, ciò che è importante non sono soltanto i ricavi, ma anche il margine, ossia quanto pesa il margine dell azienda sui ricavi. Secondo i dati a fine anno 2008, Telecom Italia non è posizionata male, perché ha un margine del 37,7%, mentre Telefonica è al 39%, Deutsche Telekom al 29%, France Telecom al 36% e KPN al 34%. Quindi la posizione reddituale di Telecom Italia è piuttosto buona. E questo è quello che ci deve far riflettere sul potenziale di valorizzazione di Telecom Italia in futuro. Il proble-

10 104 Conoscere la borsa ma di Telecom Italia è nella valorizzazione del mercato che oggi purtroppo dipende molto dal livello di debito ereditato dalla storia passata di Telecom. In particolare il debito del gruppo nasce da una serie di acquisizioni, effettuate attraverso il meccanismo di indebitare la società senza tirar fuori quattrini. Ma guardiamo avanti e chiediamoci in che direzione si sta sviluppando il mondo delle telecomunicazioni? Al centro avete gli operatori telefonici, c è Telecom Italia e ci sono gli operatori nostri concorrenti, Vodafone, Wind, Tiscali. Gli operatori oggi in Italia si stanno parzialmente spostando verso il mondo delle televisioni attraverso la così detta IPTV. Non so chi di voi, spero molti, abbia a casa Alice Casa, che fornisce anche l accesso a questa nuova modalità di distribuzione della televisione che è molto interessante, perché consente l accesso nel momento in cui si vuole vedere un determinato programma, o a programmi che si vogliono rivedere, consentendo una flessibilità di fruizione che la televisione tradizionale non vi consente di avere. Molto importante per noi è poi il mondo dell ICT, Information and Communication Technology, cioè di tutte le strumentazioni, servizi, applicazioni informatiche che servono al mondo esterno per migliorarne il funzionamento. Pensate ad esempio alla Pubblica Amministrazione e a come sarebbe tutto più facile se all interno della Pubblica Amministrazione tutto fosse digitalizzato, consentendo all utente di risolvere i problemi on-line attraverso internet, evitando lunghe code agli sportelli. Pensate a cosa potrebbe significare per la Sanità avere on-line i processi relativi all emissione delle prescrizioni, alla gestione dei ricoveri, alle medicine, ai controlli. Possiamo dire che tutto questo è il futuro della telecomunicazione. Passiamo ad analizzare il posizionamento di Telecom Italia

11 Gabriele Galateri 105 sul mercato domestico. A fine dicembre 2008, le linee fisse di Telecom Italia sono risultate pari a 20 milioni. La quota sul mercato fisso (77%) è il risultato di una progressiva migrazione dei clienti verso i servizi di telefonia mobile e verso soluzioni alternative di comunicazione (messaging, , chat). La forte competizione che contraddistingue questo settore ha prodotto una graduale riduzione della quota di mercato di Telecom Italia sui volumi di traffico voce retail. Per quanto riguarda il mercato Broadband, Telecom Italia ha un buon posizionamento in termini di quota di mercato (60% al 31 dicembre 2008 rispetto al 57,0% di Telefonica, il 46,0% di DT, il 47,0% di FT ed il 26,5% di BT), ciò soprattutto considerando che la penetrazione del broadband sul totale degli accessi fissi in Italia è tra le più basse rispetto alle principali nazioni europee (49,5% a fine 2008 rispetto al 48,3% della Spagna, 62,7% della Germania, al 50,6% in Francia ed al 53,6% in UK). Nonostante uno scenario fortemente competitivo (4 operatori mobili ed una penetrazione sulla popolazione pari al 153%), Telecom Italia difende con forza il suo ruolo di operatore leader nel mobile domestico, con una quota di mercato del 38,0%, in linea con i principali operatori incumbent (gli ex monopolisti) in Europa (TEF 44,3%, Deutsche Telekom 36,5%, FT 43,6%). Vediamo ora quali sono gli obiettivi del Gruppo. Telecom Italia vuole concentrarsi su quelli che ha definito mercati chiave, ovvero il mercato italiano e quello brasiliano. In particolare la nostra strategia prevede per il mercato domestico di tornare a crescere in termini di ricavi, ridurre in modo significativo i nostri costi, migliorare i rapporti con l Authority delle telecomunicazioni, migliorare ulteriormente la soddisfazione dei nostri clienti. In Brasile vogliamo diffondere la banda larga mobile che

12 106 Conoscere la borsa rappresenta il grande progetto Paese che si sta sviluppando e vogliamo cercare di spingere sempre di più a passare dalla banda fissa al mobile, anche perché siamo essenzialmente operatori mobili. Per far sì che i nostri ricavi tornino a crescere (come vedete la crescita nel triennio è prevista maggiore del 2%) dobbiamo dunque puntare sui cosiddetti ricavi innovativi rispetto a quelli tradizionali, in quanto i primi presentano tassi di crescita nell arco di piano notevolmente superiori (circa 18% vs circa 4%). Che cosa si intende per ricavi innovativi? Sono i ricavi che derivano dalla connettività ad alta velocità (Broadband), sia tramite rete fissa che rete mobile, dai servizi a valore aggiunto (quali SMS, MMS, suonerie, wallpapers, etc.) nonché da quei ricavi propri di mercati vicini a quello delle TLC, quali ad esempio la televisione via internet (IPTV). Telecom Italia ha l obiettivo di far crescere i ricavi innovativi, facendo sì che essi raggiungano il 28% del totale dei ricavi nel 2011 (dal 17% nel 2008). Altro tema importante, come illustrato nella slide successiva, è la riduzione dei costi, che dovranno scendere di circa due miliardi di euro nell arco di piano, attraverso sette progetti che vanno dalla rete, alla distribuzione, alle attività tecnologiche, etc.. Passando al Brasile vediamo che, rispetto ad una popolazione di 193 milioni di abitanti, la penetrazione del mobile non è ancora molto elevata, mentre la penetrazione della telefonia fissa come vedete è stabile. Il Brasile è un paese vastissimo: è per questo motivo che collegare l intero territorio nazionale con una rete fissa è molto impegnativo. Nelle zone scarsamente popolate poi la tecnologia mobile si rivela vincente perché, grazie all installazione di un antenna, si possono raggiungere anche le zone più remote con un investimento più contenuto.

13 Gabriele Galateri 107 Se guardiamo l evoluzione delle linee fisse e delle linee mobili appare chiaro che il mobile ha avuto una vera e propria esplosione a partire dall introduzione della tecnologia GSM ed oggi la penetrazione nel paese è cresciuta molto (circa 80%, con 150 milioni di linee su una popolazione di 193 milioni). La nostra società in Brasile ha una rete GSM che copre l intero territorio nazionale ed è quindi nelle migliori condizioni per offrire servizi ai propri clienti. Il gruppo TIM Brasil è e sarà sempre più il nostro secondo polo strategico. Come vi dicevo prima, Telecom Italia deve tenere sotto controllo la posizione finanziaria, di conseguenza non è prevista alcuna espansione geografica nel prossimo futuro attraverso operazioni di acquisto, mentre il nostro piano è quello di ridurre gli asset non strategici, e quindi di procedere alla vendita della Germania, e di altre piccole società del Gruppo, con l obiettivo di contenere il debito e rafforzare la struttura patrimoniale. Passo la parola ad Elisabetta. Dottoressa Elisabetta Ripa Grazie. Entriamo ora in un tema più specifico, ed andiamo a vedere come Telecom Italia si relaziona con il mercato finanziario e con la Borsa in particolare. Creare una buona relazione tra la società ed il Mercato finanziario è fondamentale per aumentare il valore della società. Per fare ciò, prima di tutto è necessario individuare i soggetti che sono portatori di interesse nei confronti di Telecom cioè i nostri stakeholders. Tipicamente i soggetti che ci vengono subito in mente sono i clienti, i fornitori ed i nostri concorrenti, ma ci sono anche le Istituzioni e la Comunità in generale. A tale proposito è importante tenere

14 108 Conoscere la borsa in considerazione, ad esempio, le conseguenze che Telecom può avere sull ambiente. A questi soggetti aggiungiamo, infine, la relazioni con gli obbligazionisti e con gli azionisti. Per rispettare gli interessi di tutti questi interlocutori, Telecom prima di tutto cerca di migliorare il dialogo, la relazione attraverso canali di comunicazione specifica cercando di indirizzare le esigenze di ciascuno e di dare le risposte, per quanto possibile per una realtà industriale, in linea con le aspettative di questi soggetti. Andiamo ora a vedere l altra Telecom, quella che forse è meno nota, ed in particolare cosa fa Telecom per la comunità in generale, per limitare responsabilmente il proprio impatto come istituzione nei confronti dell ambiente? Telecom, abbiamo visto prima, è una realtà enorme, ha indubbiamente un impatto rilevante sull ambiente, attraverso i propri dipendenti, attraverso l indotto che genera, nonché attraverso le infrastrutture produttive. La nostra fabbrica è costituita dalle reti di telecomunicazioni, dalle centrali di comunicazione e dalle antenne che, forse, sono l aspetto più tangibile, perché visibile, della fabbrica di un operatore di telecomunicazioni. Telecom Italia è consapevole di questo forte impatto e vuole cercare di limitarlo. Il primo passaggio necessario è la valutazione della relazione di Telecom con l ambiente. Ci siamo accorti che effettivamente i numeri sono grandi; qualche esempio: i rifiuti generati in un anno dal sistema produttivo di Telecom corrispondono al peso di una petroliera. In termini di consumo di carta, pensate al numero di bollette che su base bimestrale Telecom invia alla clientela, purtroppo ci troviamo a distruggere lo dico in maniera molto negativa circa 30mila alberi. Anche in termini di energia necessaria per mantenere e mandare avanti i nostri stabilimenti e i nostri sistemi produttivi, Telecom è decisamente un consumatore.

15 Gabriele Galateri 109 Consapevoli di questo bilancio, che ha un peso importante, stiamo portando avanti una serie di azioni per ridurre l impatto ambientale. E lo facciamo attraverso una serie di progetti, che si concretizzano banalmente nella limitazione dell utilizzo della carta negli uffici, ma soprattutto nella dematerializzazione della bolletta. Alcuni di voi, ad esempio, avranno già richiesto di ricevere la bolletta via invece che cartacea via posta. Si tratta di un iniziativa importante che dovrà essere sempre più diffusa nei prossimi anni, e che nei paesi europei con i quali ci confrontiamo è già più avanti. Stiamo poi cercando di rendere autonomi i nostri impianti produttivi, rispetto a una produzione di energia, che per la dinamica del costo del petrolio ed in generale, per le fonti di energia, diventa sempre più onerosa. Vedrete sempre di più stazioni radio base (le antennine della rete di Telefonia Mobile) dotate di pannelli solari nel tentativo sostanzialmente di auto-generare l energia di cui abbiamo bisogno. Questi sono alcuni esempi per spiegare l altra Telecom. L altra Telecom significa anche impegno nel sociale, le iniziative che stiamo facendo, che stiamo portando avanti, passano attraverso l utilizzo della tecnologia, come diceva il Presidente, per agevolare e migliorare la relazione dell uomo in vari contesti. Stiamo investendo molto in telemedicina, nella teleconferenza, stiamo lavorando soprattutto per mettere a disposizione la tecnologia mobile per i portatori di handicap. Sono progetti rilevanti che portiamo avanti con determinazione, anche attraverso la Fondazione di Telecom Italia. La Fondazione è stata recentemente costituita, ed ha l obiettivo di finanziare progetti di questo tipo, di intervenire in quelle aree che richiedono interventi con fondi di sviluppo, quali ad esempio, le aree colpite dal terremoto. Ma l impegno di Telecom Italia nei confronti della comunità si articola soprattutto attraverso lo sviluppo dell innovazione

16 110 Conoscere la borsa e questo lo stiamo facendo soprattutto coinvolgendo i giovani ed aiutando coloro che vogliono utilizzare il mezzo delle telecomunicazioni, quale strumento imprenditoriale per individuare nuove opportunità di business. Abbiamo recentemente annunciato e varato con grande successo, un progetto di cui oggi vi voglio parlare perché può coinvolgere un po tutti voi: Working capital è sostanzialmente un fondo di dotazioni che abbiamo messo a disposizione di tutti coloro, giovani imprenditori, risorse che vogliono provare ad innovare, a mettersi in gioco, attraverso la selezione e la formulazione di progetti, che hanno da parte di Telecom il sostegno finanziario con l obiettivo di fare scouting, attraverso un sistema, un network, di piccoli imprenditori che possono aiutare non solo Telecom, ma il Paese, a veicolare l innovazione ed accelerare per recuperare il gap che l Italia, purtroppo, ha in questo campo. I giovani imprenditori possono accedere a queste risorse attraverso la presentazione di progetti, di iniziative, che verranno selezionate e finanziate fino alla maturità del progetto stesso, per poi lasciarle camminare da sole nel mercato. Entrando adesso nel tema specifico di cosa fa Telecom per gli azionisti, quindi nel tema del vostro percorso formativo, come diceva il Presidente, siamo stati coinvolti in questa discussione dalla notizia che a un certo punto il titolo Telecom è stato escluso dal portafoglio per eccesso di ribasso. In realtà questo è avvenuto in un momento in cui, credo, tutta la Borsa ha perso molto valore; la Borsa italiana, ma in generale le Borse europee e mondiali, negli ultimi mesi hanno perso molto e gran parte dei titoli sono scesi al di sotto di importi che venivano considerati una soglia invalicabile. Ma andiamo con ordine; cosa fa un gruppo come Telecom Italia per relazionarsi con la comunità finanziaria e per aumentare il più possibile la percezione del valore prodotto da parte dell azienda?

17 Gabriele Galateri 111 Prima di tutto chi sono gli azionisti di Telecom Italia? Telecom ha la peculiarità di avere un azionariato molto più diffuso rispetto ad altre società, in altre parole in Telecom hanno investito un numero di soggetti molto numeroso comprando un numero di azioni più limitato. Ciò fa parte della storia di Telecom Italia e della storia di un azienda che ha fatto un po il mercato e l economia del Paese. Questa caratteristica ci dà una responsabilità ulteriore, perché parlare con 600mila azionisti retail, piccoli azionisti, vuol dire mettere in campo strumenti di comunicazione che sono mirati e pensati per questo tipo di audience. Gli investitori istituzionali rappresentano il 45%. Con questo nome si identificano tutti quei soggetti che investono in titoli come loro attività principale: i Fondi pensione, i Fondi assicurativi, i Fondi comuni di investimento, etc. Si tratta, quindi, di un pubblico particolarmente esigente, che ha bisogno di un flusso di informazioni ed ha bisogno di capire come l azienda agisce per monitorare il valore investito nel titolo. Come si è comportato il Titolo Telecom Italia in Borsa negli ultimi sei mesi? Nella misurazione dell andamento di un titolo, come sapete, non è importante analizzare il valore assoluto del titolo, ma è importante andare a confrontare l andamento che questo titolo ha avuto con l indice di riferimento. In questo caso per Telecom l indice FTSEMIB, ma anche l indice di settore che nel nostro caso è l indice Dow Jones Stoxx Telecom. In questo confronto, Telecom nella generale situazione di ribasso dei mercati che ha caratterizzato gli ultimi 12 mesi dell anno, direi che se l è cavata abbastanza bene, negli ultimi sei mesi infatti il titolo ha performato meglio del settore, quindi per darvi alcuni numeri che avete visto nel vostro gioco, circa +24% rispetto a un indice di settore che ha fatto -2,5%, un indice di riferimento MIB che invece purtroppo

18 112 Conoscere la borsa ha perso il 12% in questo periodo. La performance relativa quindi tutto sommato, nel generale contesto ribassista, è stata positiva. Certo, noi non siamo soddisfatti di avere un titolo al di sotto di 1 Euro e per questo stiamo lavorando molto. Come si fa nello specifico a creare valore, cioè a cercare di massimizzare il valore di un titolo rispetto all andamento di Borsa? Il valore di Borsa altro non è che la sintesi estrema della performance di un azienda. Nella determinazione del valore contribuiscono: elementi oggettivi, quelli che noi chiamiamo i fondamentali di un titolo, cioè i risultati economicofinanziari; altra componente è il settore in cui si opera: il settore delle telecomunicazioni è un settore tradizionalmente ad alta marginalità, quindi ad alta creazione di valore. Ci sono poi altre caratteristiche, altrettanto importanti: la possibilità di vendere e comprare velocemente il titolo, quindi la liquidità del titolo. Ci sono poi elementi intangibili che attengono alla percezione che tutti quei soggetti che abbiamo visto prima e in particolare gli azionisti hanno rispetto al management, rispetto alla capacità dell azienda di comunicare in maniera efficace con i vari interlocutori, rispetto alla bontà che si percepisce di una strategia di sviluppo, quindi delle prospettive di sviluppo che l azienda riesce a far intravedere business per il futuro. Capitale materiale e capitale immateriale concorrono in ugual misura alla creazione del valore, ed è su queste due leve che l azienda deve agire per far sì che il valore del titolo venga percepito correttamente e si possa esplicitare nei corsi di Borsa. Come vi dicevo, la valutazione di un titolo azionario e quindi di una Azienda, passa attraverso la sintesi di una serie di informazioni, un processo che è simile a quello che ciascuno di noi compie prima di ogni acquisto o decisione di

19 Gabriele Galateri 113 acquisto: raccogliamo informazioni, facciamo confronti, elaboriamo modelli di valutazione che vanno ad identificare i flussi finanziari prospettici, quindi le prospettive di sviluppo, etc. In questo processo decisionale, le informazioni giocano un ruolo fondamentale; le informazioni devono essere date dall azienda in maniera tempestiva, completa, coerente e soprattutto in maniera trasparente. La comunicazione finanziaria, quindi ha un ruolo importante nella creazione del valore. L Azienda deve mettere in campo meccanismi in grado di consegnare al mercato informazioni complete; questo lo si fa tradizionalmente attraverso i Bilanci, che forse nel vostro gioco avete analizzato, ed attraverso i comunicati stampa; ma la comunicazione e l informazione avvengono anche attraverso i comportamenti che tutto il gruppo manageriale ha nell attività giornaliera. La comunicazione finanziaria ha l obiettivo di dare risposte concrete ed è una delle quattro forme di comunicazione che un azienda può avere: Comunicazione commerciale quella che normalmente ricevete nei punti vendita, che mira ad enfatizzare le caratteristiche di un prodotto, di un servizio, diciamo la pubblicità per semplificare un po il concetto; La comunicazione istituzionale che è quella volta a far percepire quali sono i valori dell azienda, quindi quale è la missione, in questo caso di Telecom; La comunicazione gestionale o interna, altrettanto importante, rivolta alla numerosa, in un caso come Telecom, forza lavoro. 70mila dipendenti significa sostanzialmente una platea con le proprie famiglie ed è importante comunicare i propri valori e la propria identità, è un passaggio importante per poi poter trasferire determinati messaggi e valori all esterno; La comunicazione finanziaria, come vi dicevo, che è quella mirata a informare la propria audience, quindi i

20 114 Conoscere la borsa propri ascoltatori sugli aspetti patrimoniali, reddituali e finanziari dell impresa per una corretta percezione dell azienda o una corretta decisione di investimento. Rapidamente, chi sono i vari interlocutori che agiscono nel mercato finanziario e, quindi, partecipano alle decisioni di investimento? Il soggetto principale è colui che compra e vende titoli: l investitore. Gli investitori hanno una serie di facilitatori nella loro attività. Un ruolo molto importante viene svolto dagli analisti finanziari, sono tipicamente banche che hanno il compito, il ruolo e la missione di analizzare alcuni titoli, alcune società in ogni dettaglio per sintetizzare una raccomandazione utile per gli investitori. Una raccomandazione che può essere quella di comprare, quindi un giudizio Buy, oppure di aspettare perché il momento non è favorevole per l ingresso sul titolo (Hold), oppure di vendere quindi disinvestire il titolo perché le percezioni o prospettive non sono favorevoli (Sell). Poi c è la stampa finanziaria che sicuramente influenza le decisioni di acquisto, quindi le riviste specializzate e la stampa, quale Il Sole 24 Ore e le pagine economiche dei principali quotidiani. Ma cosa vogliono sapere sostanzialmente i vari interlocutori? Vogliono sapere quali sono le fonti di generazione del valore, da che cosa può derivare la prospettiva di sviluppo di un azienda, in questo caso di Telecom. Vogliono avere linee guida, per capire come si svilupperà in futuro l azienda, vogliono avere concreta visibilità e una percezione diretta su chi la gestisce e che quindi fa sì che i piani si trasformino in realtà. Ultimo, ma non meno importante, gli investitori vogliono trasparenza: non vogliono sorprese dai risultati gestionali di un azienda, per non trovarsi ad avere una posizione, quindi un investimento in un titolo, che poi si può trasformare in una perdita. Tutto questo contribuisce a

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza di Fabrizio Masinelli (*) Spesso, nonostante il periodo di crisi, la pianificazione finanziaria viene considerata unicamente nel

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche

Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche Un confronto tra i risultati di gruppo per variabili strategiche metriche di borsa (al 15/12/2014) fonte Bloomberg Ranking per market cap (miliardi di euro) rendimento annuale (%)* P/E** market capmiliardi

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007 Commentto merrccatti i Cffi i Advissorrss dell 2 lugll lio 2011,, a ccurra dii Ida I I. Pagnottttel lla IN I QUESTO NUMERO:: LL ORO :: NON SI COMPRA SE SI CREDE CHE TUTTO ANDRA BENE ALLA FINE! MOLTI INVESTITORI

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa.

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. FONDO ITALIANO Di Claudia Di Pasquale MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. DAL TG1 del 15/11/2010 Presentato oggi

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a MASSIMO CAPUANO Amministratore Delegato della Borsa Italiana Mi appresto a un compito difficile: riuscire a concludere un dibattito così interessante in questa vostra prima giornata di convegno, a un ora

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO

V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO V CONFERENZA ITALIA-AMERICA LATINA E CARAIBI Roma, Ministero degli Affari Esteri, 5-6 ottobre 2011 INTERVENTO Gherardo La Francesca, Ambasciatore d Italia in Brasile: presentazione delle best practices

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Newsletter Novembre 2012

Newsletter Novembre 2012 Newsletter Novembre 2012 Milano, 12 novembre 2012 Gent. IRO, con l avvicinarsi della fine di un anno che ha visto perdurare forti difficoltà nel contesto economico e finanziario, abbiamo ritenuto interessante

Dettagli

GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO

GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO I GARANTI aggiornamento del 7/10/2012 di Michele Buono GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO Il compito dell autorità è quello di controllare il mercato, ma il

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti L importanza di un informazione corretta verso tutti STRATEGIA Le società del Gruppo sono consapevoli dell importanza che un informazione corretta sulle proprie attività riveste per il mercato finanziario,

Dettagli

5^ Green Globe Banking Conference. 14 giugno 2011. Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli

5^ Green Globe Banking Conference. 14 giugno 2011. Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli Since 2006 Approved by 5^ Green Globe Banking Conference 14 giugno 2011 Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli Il ruolo del sistema bancario italiano nell era della Green Economy: cosa chiedono Famiglie,

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE (Dott. Paolo Cardoso, Dott.ssa Roberta De Florio, Dott.ssa Eliana Lavilla) 1.1 Caratteristiche generali Comunicare all interno di un organizzazione non è più un atto

Dettagli

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK:

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: IL PATRIMONIO GESTITO IN ETF/ETP A LIVELLO INTERNAZIONALE POTREBBE SUPERARE LA SOGLIA DEI 2.000 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO L INIZIO DEL 2012 Gli ETF si impongono

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

scuole medie* La Crisi Economica

scuole medie* La Crisi Economica Economia: una lezione per le scuole medie* La Crisi Economica Giacomo Calzolari Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna http://www2.dse.unibo.it/calzolari/ * L autore ringrazia le cavie,

Dettagli

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Università degli Studi di Bergamo 01/06/2015 Bimestrale, Numero 4 Prepararsi alla partenza. Pronti? Via!!! Aspettative vs realtà Ogni partenza porta con sé,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Le azioni non premiano più? A proposito dell equity premium Tutti a dieta (di asset) Con buona pace dell equity premium La parola ai guru L equity premium

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa.

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. 1. Il confine tra dilettanti e professionisti Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. Le ricerche di mercato,

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

PUNTIAMO SULL EXPO. Intervista LUCA PATANÈ

PUNTIAMO SULL EXPO. Intervista LUCA PATANÈ PUNTIAMO SULL EXPO LUCA PATANÈ È da alcuni mesi presidente di Confturismo. Nel 2001 diventa presidente di Uvet American express corporate travel, polo distributivo di servizi turistici nel mercato italiano

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale,

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale, Lorenzo Broccoli Vista l ora, non voglio fare come Maramaldo e uccidere un uomo morto, quindi teniamo sullo schermo la slide numero 1 con il titolo, così ogni tanto destandovi vedrete di cosa sto parlando.

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Cari Allieve e Allievi del Politecnico di Milano, In questi giorni ho ricevuto molti messaggi da parte Vostra. In essi vi sono domande volte a cercare di comprendere

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Il Protocollo di Kyoto è stato approvato nel 1997 ed è entrato in vigore nel 2005 come convenzione internazionale,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli