Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati (1880-1915)"

Transcript

1 STS Italia online paper Questo paper è disponibile online sul sito web di STS - Associazione Italiana per lo Studio Sociale della Scienza e della Tecnologia; può essere citato in accordo con le consuete convenzioni accademiche e non può essere pubblicato in altri luoghi senza il permesso esplicito di autori o autrici. Si tenga presente che, qualora questo paper venise fatto circolare in forma cartacea o elettronica, vi si dovrà sempre accludere questa medesima nota sul copyright e, in ogni caso, esso non deve essere utilizzato per fini commerciali o per trarne anche indirettamente profitto. Citare questo paper nella seguente forma: Balbi, G., 2008, Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ), paper presentato al II Convegno nazionale STS Italia: Catturare Proteo. Tecnoscienza e società della conoscenza in Europa, Università di Genova, Giugno; disponibile sul sito Pubblicato online su il 30 novembre Paper presentato al II Convegno nazionale STS, Catturare Proteo. Tecnoscienza e società della conoscenza in Europa, Genova, Giugno 2008, all interno della sessione Processi sociotecnici, pratiche di appropriazione e conoscenza situata Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ) Gabriele Balbi IMeG Istituto di Media e Giornalismo, Università della Svizzera italiana (Lugano)

2 Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ) di Gabriele Balbi Abstract Although politicians and private companies were the driving forces of the early Italian telephone, between nineteenth and twentieth century users influenced the evolution of this new medium in a critical way. First of all they set up a continuous dialogue with the other relevant social groups. For example, through telephone books, private companies either gave many kinds of suggestions or criticized incorrect uses of their subscribers: this was a symbolic space where discussion took place. Secondly subscribers imposed models of consumption that forced changes in the telephonic administration. For example, for a long time Italian telephones were offered with flat rates and subscribers often borrowed their telephones, sometimes asking for money and sometimes for free. This social practice, called parasitism, forced major changes in rate s policies. Finally, subscribers tried to metabolize this new medium using it in unexpected ways : the telephone was used or pictured as a tool fit to be used for fishing, for surgery, to evaluate the quality of wines, as a video-phone, as a broadcasting tool. This paper aims to understand why and how users modified and co-constructed not only the practices of use, but even the way in which the Italian telephone was understood. 5 index key-words History of the Telephone; Subscribers; Parasitism ; Unexpected uses; Co-construction. 1. Introduzione. Storia e STS: gli abbonati al telefono La telefonia giunse in Italia tra la fine degli anni Settanta e l inizio degli anni Ottanta dell Ottocento, poco dopo l assegnazione del brevetto allo scozzese, ma americano d adozione, Alexander Graham Bell. Tanto in Italia come in altri paesi, nei primi decenni di diffusione del servizio svariati gruppi sociali si scontrarono per imporre logiche ed usi al nuovo medium: in Italia, i protagonisti di tale confronto furono in particolare il ceto politico, le società telefoniche private, gli ingegneri elettrotecnici in qualità di esperti e gli abbonati. Ciascuno di questi gruppi contribuì a co-costruire il nuovo strumento e, dallo sconto-incontro delle varie riflessioni, nacque un significato condiviso di telefonia, che per certi versi permeò tutto l immaginario tecnologico italiano del Novecento in tema di telecomunicazioni. In primo luogo, fin dai primi anni e w w w. s t s i t a l i a. o r g 1

3 praticamente per tutta la storia della telefonia italiana, il ceto politico non seppe cogliere la strategicità del telefono e, di conseguenza, decise di non scegliere tra la gestione pubblica e quella privata del servizio: per questa ragione la legislazione in materia risultò spesso penalizzante soprattutto nei confronti di quei gruppi capitalistici interessati ad investire nella rete. Le stesse società telefoniche private, in secondo luogo, dovettero subire le oscillazioni del pensiero politico e sottostare a questa spada di Damocle che per lungo tempo minacciò gli investimenti effettuati. Nonostante ciò, fin dai primi anni di diffusione del servizio, il business del telefono interessò svariati gruppi capitalistici italiani e stranieri, che gestirono la maggior parte delle reti telefoniche urbane ed interurbane almeno fino alla nazionalizzazione del Anche a causa della legislazione che esponeva le aziende al rischio di non ammortizzare i capitali impiegati, però, queste società investirono poche risorse nell innovazione, nell ampliamento dei servizi e nella razionalizzazione del sistema. Furono proprio queste le accuse che i tecnici imputarono alle aziende private. Il terzo gruppo sociale pertinente considerato, quello degli esperti, fu infatti sempre attento a valutare il grado di efficienza, di standardizzazione e di rinnovamento della rete telefonica: in Italia, per azione congiunta della legislazione e della scarsa propensione all investimento dei privati, questi criteri vennero storicamente trascurati e, conseguentemente, la qualità con cui venne erogato il servizio fu per lungo tempo inferiore a quella di molti altri paesi europei. Le disfunzioni del sistema caratterizzano in maniera così profonda l incipiente telefonia da scoraggiare addirittura i potenziali utenti: questi ultimi attuarono infatti una serie di pressioni e di vere e proprie re-azioni nei confronti degli altri gruppi sociali sia per ottenere un servizio qualitativamente migliore, sia per imporre dal basso i propri modelli e significati d uso al nuovo medium. Il presente lavoro prenderà specificamente in esame il ruolo esercitato dai primi abbonati al servizio telefonico italiano, e dagli aspiranti tali, nel processo di co-costruzione del nuovo oggetto tecnico. Anche se, specie in questo primo periodo di diffusione del mezzo, le scelte della politica e le politiche d investimento delle aziende private possono sembrare più rilevanti nell orientare gli sviluppi del sistema, l analisi approfondita delle pratiche di appropriazione e metabolizzazione del nuovo medium da parte degli utenti è significativa per una serie di ragioni. In primo luogo, perché essi mantennero un costante dialogo con gli altri gruppi sociali e parteciparono così attivamente alla formazione socio-tecnica della telefonia italiana. In secondo luogo, i primi utenti del servizio ebbero la straordinaria possibilità di modificare ed indirizzare alcuni dei nascenti caratteri del servizio telefonico e, più in generale, del sistema delle telecomunicazioni italiane. Specie in un periodo in cui la flessibilità interpretativa dell oggettotelefono era ancora elevata, infatti, gli abbonati tentarono di realizzare un opera di traduzione w w w. s t s i t a l i a. o r g 2

4 dello strumento al fine di adattarlo alle proprie esigenze spesso distanti da quelle degli altri gruppi sociali e, in definitiva, di metabolizzarlo nella propria realtà quotidiana. Infine, mai come in questi primi anni di diffusione del telefono, gli erogatori del servizio riservarono una così solerte attenzione agli utilizzatori. Il telefono fu infatti una delle primissime tecnologie di rete ad essere adottata all interno delle abitazioni e, quindi, ad essere sottoposta alla quotidiana valutazione degli abbonati (Aurini 1915: 112): all introduzione della commutazione automatica, ad esempio, l amministrazione statale ritenne che il grado di soddisfazione per la nuova tecnologia espresso dagli utenti fosse il parametro più importante per valutare l adozione di tale sistema «giacché l impianto avrebbe potuto essere tecnicamente perfetto, pur non soddisfacendo pienamente gli abbonati; e in questo caso non sarebbe stato opportuno insistere» (Relazione della Commissione di sorveglianza 1915: 21). Per queste ed altre ragioni, quindi, analizzare il contributo che i primi utenti del servizio telefonico diedero alla formazione del concetto stesso di telefonia significa, da un lato, raccontare una porzione perlopiù trascurata della storia di una nuova tecnologia e, dall altro, tentare di gettare nuova luce sull origine di alcuni dei caratteri che hanno contraddistinto il sistema delle telecomunicazioni italiane nel corso di tutto il Novecento. 2. Dialoghi di carta: gli elenchi telefonici come luogo di confronto La fonte storica più indicata ad analizzare il processo di negoziazione tra gli usi suggeriti dagli erogatori del servizio e quelli effettivamente praticati dagli abbonati è rappresentata dagli elenchi telefonici. Specie nel periodo oggetto del nostro studio, infatti, i cosiddetti libri del telefono erano dotati di specifiche sezioni in cui le aziende telefoniche fornivano agli abbonati precise istruzioni sull utilizzo del mezzo, indicavano gli atteggiamenti corretti da tenere durante le conversazioni e, infine, ricordavano i principali errori che a loro avviso gli utenti commettevano. I comportamenti scorretti dei propri clienti vennero regolarmente sottolineati e blanditi dalle società telefoniche. In primo luogo, nel corso di tutto il periodo preso in esame, gli erogatori ricordarono agli utenti di tenere una corretta distanza dal microfono e, soprattutto, di mantenere anche al telefono un «tono di voce naturale» (Società Telefonica Ligure 1894: 52; Unione Telefonica Lombarda 1904: 5), evitando di gridare all apparecchio nell illusione di farsi sentire meglio dall interlocutore. I consigli e censure riguardo al tono di voce da mantenere durante le conversazioni segnalavano implicitamente il fatto che gli abbonati fossero soliti urlare o parlare w w w. s t s i t a l i a. o r g 3

5 distanti dal ricevitore: con questi e altri comportamenti impropri, in definitiva, gli utenti dimostravano di non aver ancora compreso pienamente il funzionamento del nuovo strumento. Oltre alle difficoltà del controllo vocale, gli abbonati si lasciavano spesso andare ad atteggiamenti definiti violenti, il più delle volte dettati da impazienza. Gli utenti ad esempio erano soliti «battere sopra i microfoni» (Società Telefonica Ligure 1894: 52), credendo così di migliorare la qualità di ricezione dello strumento e, in generale, utilizzavano con noncuranza e «veemenza» gli apparecchi (Società Telefonica per l Alta Italia 1906: 8). Un terzo atteggiamento scorretto che le società telefoniche cercarono di proibire fu il fatto che gli abbonati intervenissero in prima persona sull oggetto tecnico: questa pratica contrastava con le indicazioni fornite dagli erogatori del servizio i quali temevano un danneggiamento del singolo apparato o addirittura dell intera rete e, forse, volevano anche mantenere un certo grado di riservatezza sulle apparecchiature. Vi erano infine alcuni comportamenti degli abbonati che le società telefoniche ritenevano scorretti, ma che difficilmente potevano essere controllati e puniti: dal tentativo di «sorprendere il segreto telegrafico, servendosi dei fili e degli apparecchi telefonici» (Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo 1909: 5) all utilizzo del telefono «contro la morale e l ordine pubblico» (Ivi: 6); dal mettere a disposizione di terzi il proprio apparecchio (argomento su cui torneremo), alla curiosa notazione contenuta nel regolamento per i posti telefonici pubblici di Napoli, in cui «Non sono accordate le comunicazioni alle persone in istato di alterazione alcoolica o mentale» (Telefoni dello Stato. Direzione Compartimentale di Napoli 1908: 11). Le aziende telefoniche e l amministrazione statale non tentarono soltanto di suggerire una sorta di galateo telefonico o di reprimere pratiche d uso comuni tra gli abbonati ed a loro avviso erronee, ma cercarono anche di coinvolgere i propri clienti nel perfezionamento del servizio. Spesso, infatti, gli stessi erogatori invitarono gli abbonati a segnalare eventuali «irregolarità o trascuranze» emerse nella gestione della rete (Società Telefonica Ligure 1894: 59) ed a presentare reclamo: solo in questo modo, infatti, le stesse società telefoniche potevano «conoscere i guasti dei proprii impianti e le imperfezioni del proprio servizio» (Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo 1909: 11). Attraverso le pagine degli elenchi telefonici, quindi, si realizzò un tentativo di dialogo tra erogatori ed utenti del servizio che può essere considerato di grande interesse per almeno tre ragioni. In primo luogo, le società telefoniche cercarono di imporre quello che Bruno Latour ha definito un programma d azione (Latour 1992: 42): attraverso i consigli e le critiche rivolte ai propri clienti, i fornitori del servizio intendevano, da un lato, promuovere l alfabetizzazione del nuovo strumento ma, dall altro, progettare anche un contesto d uso predefinito e per loro ideale al w w w. s t s i t a l i a. o r g 4

6 fine di gestire in maniera più efficace il sistema telefonico. In secondo luogo, come abbiamo cercato di illustrare, il programma d azione dei fornitori del servizio venne significativamente trasformato dagli abbonati: essi misero infatti in costante discussione i suggerimenti e le imposizioni d uso, adottando pratiche ritenute scorrette e talvolta addirittura dannose al buon andamento del servizio (cfr. il concetto di copione in Akrich 1993). Infine, occorre notare che questo dialogo tra providers e users non fu esclusivamente caratterizzato dallo scontro, ma anche dalla collaborazione: le società telefoniche tentarono infatti di includere gli abbonati tra i controllori della qualità e, addirittura, tra i promotori di quella educazione all uso del telefono che ancora mancava nella società italiana tra Otto e Novecento. 3. Perché e come gli usi contano: il parassitismo telefonico Come abbiamo appena ricordato, talvolta gli utenti utilizzavano il telefono in maniera differente da quanto veniva loro indicato da parte degli erogatori del servizio, cosa che contribuì a generare una serie di contrasti tra i due gruppi sociali pertinenti. L esempio più noto di una pratica d uso comune tra gli abbonati e ritenuta errata dalle aziende telefoniche fu, senza dubbio, il cosiddetto parassitismo telefonico. Per comprendere appieno il significato dell espressione occorre anzitutto ricordare che, nel sistema telefonico italiano tra Otto e Novecento, era in vigore la cosiddetta tariffa à forfait: questa tipologia di tassazione che corrisponde a grandi linee all attuale flat prevedeva che gli abbonati corrispondessero alle società una cifra mensile o annuale prestabilita ed indipendente dalla frequenza d uso del mezzo. Dal momento che la quantità delle chiamate non influiva sul costo finale della bolletta, quindi, fin dai primi anni di sviluppo del telefono fra i fruitori si diffuse una modalità d uso imprevista dagli erogatori del servizio: gli abbonati infatti, talvolta a scopo di lucro e talaltra senza percepire alcun compenso, cominciarono a mettere a disposizione il proprio apparecchio a coloro i quali ne erano sprovvisti. Il dibattito sul tema divenne centrale negli anni seguenti alla nazionalizzazione delle reti telefoniche realizzata nel In primo luogo, perché in questo periodo le pubblicazioni tecniche e l amministrazione statale cominciarono a riservare un attenzione crescente alle politiche tariffarie degli altri paesi, che avevano già sostituito o stavano sostituendo la tariffa à forfait con quella a consumo. In secondo luogo, negli anni immediatamente successivi alla nazionalizzazione delle reti, si palesarono numerose difficoltà d accesso al sistema dovute, da una parte, alla scarsità delle linee interurbane e, dall altra, all utilizzo eccessivo che ne veniva fatto da parte degli utenti. Questa crisi fu causata principalmente proprio dal sistema tariffario à forfait, che incentivava l uso del w w w. s t s i t a l i a. o r g 5

7 telefono da parte degli abbonati (ma anche dei non abbonati) e che contribuiva sia a congestionare le reti nelle ore di maggior traffico sia, di conseguenza, a dilatare i tempi d attesa per ottenere le comunicazioni. La terza ragione per cui l uso smodato del nuovo mezzo divenne tema d attualità all indomani della statalizzazione fu appunto il cosiddetto fenomeno del parassitismo telefonico. Fu l ing. Oreste Villa, in un articolo apparso sulla Rivista delle Comunicazioni nel gennaio 1911, ad identificare ben sei diverse pratiche parassitarie con cui a suo avviso gli abbonati stavano defraudando lo Stato e le aziende telefoniche private. Anzitutto, come abbiamo già ricordato, vi era la «corrispondenza abusiva per parte di non abbonati ad un posto di abbonato», che si realizzava quando Una persona risparmia di pagare l abbonamento o di ricorrere ad una cabina pubblica, servendosi per favore dell apparecchio di chi primo capita, oppure prega per telefono un abbonato di chiamare o fare chiamare, di riferire, o di fare riferire. È la forma più diffusa ed è quella più molesta per l abbonato, posto nell imbarazzo di negare il richiesto favore o di subire perdite di tempo, seccature, distrazioni di personale, ecc.; talvolta poi il favore diventa consuetudine e si dà perfino il caso di abbonati che rinunziano all abbonamento del telefono, visto che esso li riduce al servizio degli importuni. (Villa 1911: 43). Una seconda forma di parassitismo si realizzava quando i non abbonati utilizzavano gratuitamente il telefono nei locali pubblici: specie nei primi anni di diffusione del nuovo mezzo. Tra gli abusi commessi dagli abbonati, Villa citò anche i cosiddetti abbonamenti collettivi. La legislazione telefonica italiana, infatti, concedeva agli inquilini di uno stesso stabile di corrispondere con la rete urbana mediante derivazioni dalla portineria : in sostanza, il portiere del condominio si incaricava di rispondere alle chiamate indirizzate ai locatari, di smistarle e, infine, di preoccuparsi che i destinatari della comunicazione completassero la conversazione per poi avvertire il centralino. Questa operazione veniva giudicata una forma di parassitismo perché teneva impegnate per lungo tempo le reti ed intralciava così il regolare funzionamento del servizio telefonico. Un ulteriore abuso veniva frequentemente commesso dai grandi abbonati quali ad esempio compagnie di navigazione, assicurazioni, alberghi che non a caso furono tra i principali sostenitori del sistema à forfait e, a più riprese, tentarono di ritardare l introduzione delle tariffe a consumo w w w. s t s i t a l i a. o r g 6

8 (Rivista delle Comunicazioni 1910: 54). I grandi utilizzatori, infatti, erano soliti sottoscrivere un numero limitato di abbonamenti e poi collegare ad essi centinaia di apparecchi telefonici. Una quinta forma di parassitismo era rappresentata dall uso del mezzo da parte degli utenti morosi. Come ricordò Oreste Villa, infatti, sempre più spesso chi sottoscriveva un abbonamento telefonico non era in grado di sostenerne le spese e quindi doveva rinunciarvi dopo pochi mesi: fino al momento in cui l amministrazione non procedeva all eliminazione dell apparecchio dall abitazione del sottoscrittore insolvente, però, questi poteva fruire gratuitamente del servizio. La sesta ed ultima pratica d uso comune tra gli abbonati e che, secondo Oreste Villa, poteva essere annoverata tra i parassitismi fu la cosiddetta corrispondenza vana : come avvenne in altri paesi (Fischer 1994), infatti, anche in Italia gli erogatori del servizio condussero una lunga battaglia contro gli utenti che, a loro avviso, facevano un utilizzo fàtico 1 e sostanzialmente inutile del nuovo mezzo (Villa 1911: 44). Contro il parassitismo telefonico si schierarono i tecnici ed il ceto politico, ma soprattutto le stesse società telefoniche private. Esse non solo proibirono ai propri abbonati di mettere l apparecchio a disposizione di terzi a scopo di lucro 2 ma, attraverso una propaganda poi massicciamente adottata dalle aziende telefoniche italiane negli anni 20 del Novecento (Ortoleva et Pallavicini 1996: 30), condannarono anche coloro i quali offrivano il proprio apparecchio in maniera volontaria e senza pretendere alcuna corresponsione di denaro. In sostanza, il cosiddetto parassitismo telefonico era costituito da alcune pratiche d uso adottate dagli abbonati e perlopiù consentite dalla legislazione che quindi ancora una volta si rivelava, oltrechè vaga, dannosa allo sviluppo della telefonia, ma che al contempo causava numerosi problemi di gestione agli erogatori del servizio, nonché rischiava di inficiare l efficienza complessiva della rete. Il parassitismo telefonico segnalava inoltre l importanza dei primi abbonati telefonici per due ragioni. In primo luogo, come abbiamo già ricordato, l adozione di questa pratica d uso indicava il 1 La cosiddetta funzione fàtica è una delle 6 funzioni della comunicazione teorizzate dal linguista Roman Jackobson. Essa si realizza quando un partecipante all atto di comunicazione controlla se il contatto è aperto e quindi se il flusso informativo può transitare attraverso il canale: un esempio tipico è il Pronto! che si pronuncia al telefono per avviare la conversazione (Volli 2000: 19). In senso lato, però, si definiscono fàtiche quelle conversazioni telefoniche il cui scopo non è tanto quello di trasmettere un contenuto preciso, ma bensì quello di instaurare e mantenere un contatto, e quindi un legame di natura sociale, tra mittente e destinatario 2 Si vedano a titolo d esempio questi due avvisi. Il primo, contenuto in un elenco telefonico della società di Bologna nel 1894, ricordava ai propri abbonati il fatto che essi avessero il diritto di «servirsi del Telefono per loro uso individuale, dei propri impiegati e persone di famiglia. La legge vieta qualunque comunicazione a scopo di lucro» (Società Telefonica per l Italia Centrale 1894: 4); il secondo della Società Telefonica per l Alta Italia era ancora più categorico e affermava: «La Società è in obbligo di togliere il telefono ai contravventori, salvo il diritto alla rifusione dei danni. [ ] Saranno soggetti a contravvenzione gli Utenti che permettono l uso del telefono mediante pagamento di una quota qualsiasi, anche se questa è chiesta ed offerta a titolo di beneficenza» (Società Telefonica per l Alta Italia 1904: 3). w w w. s t s i t a l i a. o r g 7

9 fatto che gli utilizzatori avessero la possibilità di negoziare e di modificare il programma d azione che i fornitori del servizio volevano loro imporre; in altre parole, come spesso accade nella storia della tecnologia, anche in questo caso il telefono venne utilizzato dagli utenti in maniera imprevista rispetto a quanto avevano immaginato coloro i quali lanciarono ed, in seguito, gestirono il servizio. In secondo luogo, questo uso del telefono ritenuto scorretto stimolò in realtà un serrato dibattito tra i vari gruppi sociali pertinenti: le pratiche parassitarie indussero infatti gli ambienti politici e tecnici ad interrogarsi sul sistema tariffario in vigore ed a prendere alcuni provvedimenti in proposito. In definitiva, l esempio del parassitismo telefonico mostra in maniera efficace come gli usi di una tecnologia possano influenzare il dibattito e le decisioni assunte da quelli che Thomas Hughes definirebbe i system builders (Hughes 1987), ovvero coloro i quali vengono spesso ritenuti gli unici responsabili della formazione e della diffusione di un nuovo mezzo di comunicazione. 4. Gli usi inattesi del telefono Con la locuzione uso inatteso gli storici della tecnologia vogliono generalmente indicare il fatto che, nel corso dell evoluzione di uno strumento tecnico, spesso si affermino delle modalità d uso cui i gestori del servizio non avevano pensato e che vengono invece adottate dagli utenti. Anche il telefono non fece eccezione e, in questi primi 35 anni di diffusione, venne spesso impiegato in alcune attività profondamente diverse dalla comunicazione punto-a-punto, che sembrava essere il principale scopo per cui esso venne inventato ed introdotto nella società di fine Ottocento. Gli esempi sono molteplici. In primo luogo, il telefono venne utilizzato come indicatore del corretto funzionamento dei motori industriali: in alcune fabbriche, per controllare a distanza il movimento di un generatore o alterarne la velocità, era prassi comune mettere in collegamento telefonico un operaio addetto alla manutenzione con il punto in cui era collocato l apparato e «dall altezza del suono che (egli) percepisce è(ra) in grado di esercitare esattamente il suo controllo» (L elettricista 1912: 301). In secondo luogo, il nuovo strumento trovò un inedita applicazione in campo medico, e specialmente nella chirurgia di guerra, per individuare la presenza di oggetti metallici quali ad esempio schegge e proiettili nel corpo umano (Telefono, Poste e Telegrafi 1903: 11). Un inventore di Berlino, poi, scoprì e brevettò il modo di applicare un microfono telefonico alla pesca, collocando un microfono in una scatola metallica a tenuta stagna ed immergendolo nel mare si poteva udire la quantità di pesce presente in quelle acque. Anche i palombari si servirono di un applicazione del telefono che permetteva loro di tenersi in contatto con la superficie e di evitare quindi quelle incomprensioni che, con i sistemi di w w w. s t s i t a l i a. o r g 8

10 comunicazione precedenti, avevano talvolta causato la morte di alcuni sommozzatori (L elettricità popolare 1905). Due ulteriori usi inattesi del telefono segnalati nelle riviste italiane dei primi anni del Novecento avrebbero trovato alcune forme di realizzazione soltanto nella seconda metà del secolo. Il primo è il video-telefono, un mezzo di comunicazione che, come ha ricordato Peppino Ortoleva, fin dalla fine del XIX secolo venne ritenuto di imminente commercializzazione, ma che ancora oggi non ha trovato piena applicazione nella società contemporanea (Ortoleva 1998): nel 1907 anche in Italia i Bollettini Postali-Telegrafici riportarono la notizia secondo cui la trasmissione simultanea dell immagine e della voce fosse stata sperimentata e realizzata negli Stati Uniti e, quindi, che un modello di Televue sarebbe stato a disposizione degli utenti entro pochi anni (Bollettini Postali- Telegrafici 1907: 1594). Il secondo esempio di unexpected use è l impiego del telefono come mezzo di trasmissione di contenuti editoriali. Il telefono, infatti, fin dai primissimi anni della sua introduzione, mantenne un incerto status tra mezzo di comunicazione punto-a-punto e mezzo di broadcasting (Balbi & Prario 2008) e l esempio più noto di tale flessibilità d uso furono le cosiddette audizioni telefoniche. Una prima istituzionalizzazione di questo servizio avvenne a Budapest intorno alla metà degli anni 90 dell Ottocento: da una sorta di centralino ed attraverso le comuni reti telefoniche venivano infatti trasmessi nelle case degli abbonati informazioni meteorologiche, servizi di notizie, spettacoli teatrali e molti altri generi di programmi. Successivamente il modello del Telephone Hirmondò venne esportato in altri paesi, tra cui Inghilterra, Stati Uniti ed Italia: qui l Araldo Telefonico continuò le trasmissioni fino alla fine degli anni 20 del Novecento e costituì di fatto un prodromo della radiotelevisione sia da un punto di vista tecnico, sia soprattutto artistico (Balbi in corso di pubblicazione). 5. Conclusione. Alcuni paradigmi degli Science and Technology Studies (STS) Gli eventi, le pratiche d uso e le tecnologie telefoniche che hanno trovato spazio nel presente lavoro possono essere riconsiderati alla luce di alcuni capisaldi degli studi sociali sulla tecnologia. Anzitutto, seguendo le teorie dell approccio SCOT, abbiamo ricordato che la storia delle telefonia italiana, e più in generale delle telecomunicazioni, non possa prescindere dal considerare le relazioni che intercorrono tra i diversi soggetti coinvolti nella nascita e nello sviluppo del sistema (Summerton 1994: 15). Il concetto di relevant social group (Pinch and Bijker 1984: 414) è quindi fondamentale per comprendere il modo in cui una nuova tecnologia di comunicazione si formi e si evolva anche a partire dagli scontri e dal dialogo che intercorre tra i diversi gruppi: in quest ottica gli elenchi telefonici tra Otto e Novecento possono essere considerati un luogo simbolico in cui gli w w w. s t s i t a l i a. o r g 9

11 erogatori del servizio e, di riflesso, gli abbonati espressero il proprio immaginario tecnologico e dove, in sostanza, il nuovo strumento cominciò ad essere metabolizzato dalla società. Un altro paradigma fondante delle teorie del costruttivismo tecnologico è quello di flessibilità interpretativa (Ivi: ). Il termine vuole indicare come, nella fase iniziale di diffusione di una nuova tecnologia, i diversi gruppi sociali pertinenti si confrontino per assegnare ad essa una determinata forma socio-culturale e come quindi, in questi momenti, possano coesistere diverse interpretazioni e pratiche d uso riferite al medesimo oggetto. Nel corso del nostro lavoro abbiamo ricordato svariati esempi di flessibilità interpretativa riferita alla telefonia italiana tra Otto e Novecento. Gli usi inattesi, ad esempio, segnalavano che il telefono non fosse definitivamente ed esclusivamente confinato alla comunicazione personale, ma che al contrario gli utenti avessero ancora spazio e modo per ideare una serie di utilizzi alternativi della nuova tecnologia. Allo stesso modo, anche le critiche che gli erogatori del servizio mossero agli usi scorretti degli abbonati testimoniavano, da un lato, il fatto che questi ultimi non volessero aderire totalmente al programma d azione concepito dalle società telefoniche e, d altro canto, che quantomeno in rapporto agli usi vi fossero ancora ampi margini di negoziazione tra i due gruppi sociali. Proprio questa possibilità di intervenire, di suggerire e di rifiutare le pratiche d uso testimoniava il fatto che, almeno fino alla prima guerra mondiale, la flessibilità interpretativa dell oggettotelefono non fosse ancora stata chiusa e, cioè, che per oltre 35 anni continuarono a coesistere diverse interpretazioni di questo strumento tecnico. Nonostante ciò e nonostante il fatto che alcuni recenti ed autorevoli contributi abbiamo sollecitato gli storici della tecnologia ad approfondire lo studio delle fasi di maturità delle tecniche (Edgerton 1999), l aver indagato il contributo degli utenti e degli altri gruppi sociali nel periodo di formazione del telefono è risultata un operazione fondamentale per almeno due ragioni. In primo luogo, specie nel settore delle telecomunicazioni, le fasi iniziali di sviluppo di una nuova tecnologia hanno un importanza decisiva nel plasmare e nell indirizzare il sistema tecnico futuro (Jackobsen 2005): non caso, già durante i primi anni in cui comparve il servizio telefonico, l assetto e le decisioni assunte in materia furono di lunga durata e, di fatto, influenzarono la storia politica, tecnologica ed economica delle telecomunicazioni italiane nel corso di tutto il Novecento. In secondo luogo, proprio in queste prime fasi, i fruitori possono generalmente imporre le proprie scelte e pratiche d utilizzo con più facilità rispetto ai periodi in cui la tecnologia ha trovato un quadro d uso definitivo, cioè quando la flessibilità interpretativa tende a chiudersi: nei primi periodi di diffusione della telefonia, quindi, il contributo degli utenti al processo di progressiva appropriazione e popolarizzazione dello strumento fu più rilevante che in ogni altra fase della storia del medium. w w w. s t s i t a l i a. o r g 10

12 Un altro concetto centrale degli STS è quello di simmetria generalizzata (Mongili 2007: ), secondo cui l analisi dell avvento e della diffusione di un nuovo strumento tecnico deve prendere necessariamente in considerazione «successo e fallimento in modo simmetrico» (Ivi: 111). Come abbiamo cercato di dimostrare nel caso dell incipiente telefonia, durante i primi 35 anni di diffusione del servizio convissero numerosi usi alternativi del mezzo, alcuni dei quali risultarono vincenti (la comunicazione punto-a-punto, la videotelefonia e, anche se non attraverso il telefono, il broadcasting) ed altri sconfitti (l applicazione della telefonia alla pesca, all analisi dei vini, alle previsioni meteorologiche). Per comprendere appieno il significato e la storia sociale della telefonia occorre, però, analizzare tutte le pratiche d uso emerse nel periodo oggetto di studio, anche e soprattutto quelle che sono poi state abbandonate nel corso dell evoluzione del mezzo di comunicazione: queste modalità di utilizzo del mezzo, sebbene al lettore contemporaneo possano apparire in alcuni casi risibili, per il solo fatto di essere accettate e di trovare spazio sulle più note riviste tecniche del tempo, dimostravano di essere pienamente inserite nell orizzonte del possibile della società passata e rappresentavano una delle possibilità di sviluppo del telefono. La centralità ed il contributo che gli utenti forniscono alla co-costruzione degli strumenti tecnici, infine, è una delle principali argomentazioni che si contrappongono al cosiddetto determinismo tecnologico. Come già ricordato in svariati contributi scientifici (Nye 1990, Fischer 1994, Richeri 1996, Agar 2003, Oudshoorn e Pinch 2003) e come abbiamo cercato di illustrare nel corso del presente lavoro, i fruitori riescono spesso a riconfigurare i significati e le modalità d uso che i system builders vorrebbero applicare a quella determinata tecnologia: evidentemente tutto ciò è possibile perché i mezzi di comunicazione si evolvono e, nel corso della loro esistenza, mutano quelle che inizialmente appaiono come caratteristiche predeterminate. In altre parole, in Italia la natura ed il significato sociale del telefono dipese in misura notevole anche dalle pressioni, dagli usi e dall investimento psico-sociale che gli utenti fecero nel nuovo mezzo di comunicazione. Bibliografia Fonti primarie Aurini, Guglielmo Sulla fusione del servizio telegrafico col telefonico. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi, Anno VIII, Fascicolo II, Febbraio: Bollettini Postali-Telegrafici Anno La visione a distanza per telefono. N. 46: L elettricista. Rivista quindicinale di elettrotecnica Trasmettitore telefonico usato come indicatore di velocità: 301. w w w. s t s i t a l i a. o r g 11

13 L elettricità popolare Il telefono in fondo al mare. Anno II, n. 29, 10 Maggio: 4-5. Relazione della Commissione di sorveglianza sugli impianti telefonici a sistema automatico in Roma Roma: Tipografia dell Unione Editrice. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi La riforma delle tariffe telefoniche. Anno III, Fascicolo I, Gennaio: Società Telefonica Ligure Elenco degli abbonati del gruppo Genova, Sampierdarena, Cornigliano Ligure, Pegli, Prà, Voltri, Rivarolo, Bolzaneto, Quarto al Mare, Quinto e Nervi. Genova: Stab. Pellas. Società Telefonica per l Alta Italia Elenco degli Abbonati al telefono reti di Alessandria, Biella, Como, Lecco, Legnano, Milano, Monza, Rho, Pinerolo e Torino esercite dalla Società e principali reti collegate a dette agenzie. Milano: Stabilimento Lito-Tipografico G. Abbiati. Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo Elenco degli abbonati. Reti di Caltanissetta, Catania, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani. Palermo: Stabilim. Tipo-Litografico G. Fiore & Figli. Telefoni dello Stato. Direzione Compartimentale di Napoli Elenco degli abbonati della rete urbana di Napoli. Napoli: Libreria Detken & Rocholl. Telefono, Poste e Telegrafi Il telefono come ausiliario nella Chirurgia. Anno I, n. 3, Maggio: 11. Unione Telefonica Lombarda Elenco Abbonati delle reti telefoniche di Brescia, Busto, Gallarate, Laveno, Varese. Milano. Villa, Oreste Il parassitismo telefonico. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi. Anno IV, Fascicolo I, Gennaio: Letteratura secondaria Abeille, Renato Storia delle telecomunicazioni italiane e della Sip Milano: Franco Angeli. Agar, Jon Constant touch: a global history of the mobile phone. Cambridge: Icon Books. Akrich, Madeleine Les objets techniques et leurs utilisateurs. Raisons pratiques, 4 : Balbi, Gabriele & Benedetta Prario Back to the Future. The past and the present of Mobile TV. In Mobile Technologies: From Telecommunications to Media, edited by G. Goggin and L. Hjorth. London: Routledge. Balbi, Gabriele. In corso di pubblicazione. The Araldo Telefonico: Origins, Structure and Model of the Italian Broadcasting. Bottiglieri, Bruno SIP: impresa, tecnologia e Stato nelle telecomunicazioni italiane. Milano: Franco Angeli. w w w. s t s i t a l i a. o r g 12

14 Edgerton, David From innovation to use: ten eclectic theses on the historiography of technology. History & Technology, 16: Fisher, Claude S (ed. or. 1992). Storia sociale del telefono. America in linea Torino: Utet- Telecom. Hughes, Thomas P The Evolution of Large Technical Systems. In The Social Construction of Technological Systems, eds. W. E. Bijker, T. P. Hughes, T. Pinch, Cambridge MA: MIT Press. Jackobsen, Kurt Institutional Change and path dependence in Danish telecom development. Conference Cross-Connections: Communications, Society and change. Science Museum, London, November. Latour, Bruno Aramis ou l amour des techniques. Paris: La Découverte. Mongili, Alessandro Tecnologia e società. Roma: Carocci. Nye, David Electrying America. Social Meanings of a New Technology. Cambridge MA: MIT Press. Ortoleva, Peppino et Paola Pallavicini Une société en réseau: mode d emploi. L annuaire téléphonique et le client en Italie. Les cahiers 4: Ortoleva, Peppino Il videotelefono. In Oggetti d uso quotidiano, a cura di M. Nacci, Venezia: Marsilio. Oudshoorn, Nelly and Pinch, Trevor, eds How Users matter: The Co-construction of Users and Technologies. Cambridge MA: MIT Press. Pinch, Trevor and Bijker Wiebe E The Social Construction of Facts and Artefacts: Or How the Sociology of Science and the Sociology of Technology Might Benefit Each Other. Social Studies of Science 14 (August): Richeri, Giuseppe Tra comunicazione e servizio: le reti telematiche come mercato. In Lo strabismo telematico. Contraddizioni e tendenze della società dell informazione, a cura di F. Di Spirito, P. Ortoleva, C. Ottaviano, Torino: Utet-Telecom. Summerton, Jane Introductory Essay: The System Approach to Technological Change. In Changing Large Technical Systems, ed. J. Summerton, Boulder, San Francisco and Oxford: Westview Press. Volli, Ugo Manuale di semiotica. Roma-Bari: Laterza. w w w. s t s i t a l i a. o r g 13

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE DELL INFORMAZIONE E DELEGHE AL GOVERNO PER LA RIDEFINIZIONE

Dettagli

- mezzi di acquisizione dei dati provenienti da un utente chiamante (105), e relativi

- mezzi di acquisizione dei dati provenienti da un utente chiamante (105), e relativi 1 RIASSUNTO Sistema di instradamento automatico (100) di richieste di connessione telefonica, preferibilmente applicato ad una centralina di smistamento, appartenente ad una infrastruttura base di una

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva È POSSIBILE TROVARE UN ORIZZONTE ALTERNATIVO Nonostante alcuni segnali di ripresa registrati negli ultimi mesi, la situazione macroeconomica del Paese stenta a migliorare e le imprese italiane hanno difficoltà

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PETERLINI e PINZGER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche al decreto legislativo 5 dicembre 2005,

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Agevolazioni per l accesso alla rete INTERNET N. 2958 GASPARRI, BOCCHINO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Agevolazioni per l accesso alla rete INTERNET N. 2958 GASPARRI, BOCCHINO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2958 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GASPARRI, BOCCHINO Agevolazioni per l accesso alla rete INTERNET Presentata il 10 gennaio

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Francesco Giubileo Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Modello di governance dei servizi pubblici per l impiego realizzati in Lombardia i libri di EMIL ringraziamenti Per il fondamentale contributo

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI L Autorità interviene con due provvedimenti in materia di servizio universale nelle comunicazioni elettroniche Il Consiglio dell Autorità per le garanzie nelle

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE INDICE INTRODUZIONE... pag.2 LE RETI DI COMUNICAZIONE.. pag.2 La rete interconnessa (o a maglia).. pag.2 La rete a commutazione. pag.3 La rete policentrica

Dettagli

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013 I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale Roma, 17 settembre 2013 Intervento di Claudio Andrea Gemme, Presidente ANIE Confindustria Signore e Signori, buongiorno. Grazie a tutti voi per

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura LIBRIAMOCI 2015 (-2018) PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura PREMESSA La presente proposta progettuale è stata elaborata come risposta all invito

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3050 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI Modifiche all articolo 9 del decreto legislativo

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s.

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. 2011/2012 Scuola MASACCIO Classe 13 ANNI Insegnante / materia Lettere

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE

CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE Nicola benedetto Francesca devescovi L universo dei call center, oltre a rappresentare una delle realta occupazionali con il più elevato tasso di crescita, e un mondo complesso

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA 2013 RacCOMaNDAzIONi POLItiche ITALIA 1 KEEP ON TRACK! I progressi per il raggiungimento dei target al 2020 occorre siano accuratamente monitorati per assicurare che l'attuale sviluppo sia in linea con

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

Le tariffe dell energia elettrica

Le tariffe dell energia elettrica Consumatori in cifre Le tariffe dell energia elettrica Michele Cavuoti Oggetto della presente analisi sono le tariffe dell energia elettrica destinate ai consumatori ovvero le tariffe ancora oggi in regime

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA I II REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI DI RETE III NORME DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI DI RETE DIRETTIVE PER LA SICUREZZA DEI SERVIZI DI RETE SOMMARIO PREFAZIONE 3 PROFILO DI RISCHIO:

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

COMUNE DI. BIBLIOTECA IO SOTTOSCRITTO NATO IL A E RESIDENTE IN DICHIARO

COMUNE DI. BIBLIOTECA IO SOTTOSCRITTO NATO IL A E RESIDENTE IN DICHIARO Modulo da leggere e sottoscrivere dall utente maggiorenne che utilizza internet. COMUNE DI. BIBLIOTECA IO SOTTOSCRITTO NATO IL A E RESIDENTE IN DICHIARO Di aver preso visione delle modalità per l'accesso

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Circolari della Fondazione Studi

Circolari della Fondazione Studi ANNO 2014 CIRCOLARE NUMERO 12 Circolari della Fondazione Studi Le Circolari n.12 del 29.05.2014 Niente Sanzioni se non si installa il POS POS PER I PROFESSIONISTI: NORMATIVA A decorrere dal prossimo 30

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli