Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati (1880-1915)"

Transcript

1 STS Italia online paper Questo paper è disponibile online sul sito web di STS - Associazione Italiana per lo Studio Sociale della Scienza e della Tecnologia; può essere citato in accordo con le consuete convenzioni accademiche e non può essere pubblicato in altri luoghi senza il permesso esplicito di autori o autrici. Si tenga presente che, qualora questo paper venise fatto circolare in forma cartacea o elettronica, vi si dovrà sempre accludere questa medesima nota sul copyright e, in ogni caso, esso non deve essere utilizzato per fini commerciali o per trarne anche indirettamente profitto. Citare questo paper nella seguente forma: Balbi, G., 2008, Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ), paper presentato al II Convegno nazionale STS Italia: Catturare Proteo. Tecnoscienza e società della conoscenza in Europa, Università di Genova, Giugno; disponibile sul sito Pubblicato online su il 30 novembre Paper presentato al II Convegno nazionale STS, Catturare Proteo. Tecnoscienza e società della conoscenza in Europa, Genova, Giugno 2008, all interno della sessione Processi sociotecnici, pratiche di appropriazione e conoscenza situata Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ) Gabriele Balbi IMeG Istituto di Media e Giornalismo, Università della Svizzera italiana (Lugano)

2 Storia e STS. La telefonia italiana e i suoi primi abbonati ( ) di Gabriele Balbi Abstract Although politicians and private companies were the driving forces of the early Italian telephone, between nineteenth and twentieth century users influenced the evolution of this new medium in a critical way. First of all they set up a continuous dialogue with the other relevant social groups. For example, through telephone books, private companies either gave many kinds of suggestions or criticized incorrect uses of their subscribers: this was a symbolic space where discussion took place. Secondly subscribers imposed models of consumption that forced changes in the telephonic administration. For example, for a long time Italian telephones were offered with flat rates and subscribers often borrowed their telephones, sometimes asking for money and sometimes for free. This social practice, called parasitism, forced major changes in rate s policies. Finally, subscribers tried to metabolize this new medium using it in unexpected ways : the telephone was used or pictured as a tool fit to be used for fishing, for surgery, to evaluate the quality of wines, as a video-phone, as a broadcasting tool. This paper aims to understand why and how users modified and co-constructed not only the practices of use, but even the way in which the Italian telephone was understood. 5 index key-words History of the Telephone; Subscribers; Parasitism ; Unexpected uses; Co-construction. 1. Introduzione. Storia e STS: gli abbonati al telefono La telefonia giunse in Italia tra la fine degli anni Settanta e l inizio degli anni Ottanta dell Ottocento, poco dopo l assegnazione del brevetto allo scozzese, ma americano d adozione, Alexander Graham Bell. Tanto in Italia come in altri paesi, nei primi decenni di diffusione del servizio svariati gruppi sociali si scontrarono per imporre logiche ed usi al nuovo medium: in Italia, i protagonisti di tale confronto furono in particolare il ceto politico, le società telefoniche private, gli ingegneri elettrotecnici in qualità di esperti e gli abbonati. Ciascuno di questi gruppi contribuì a co-costruire il nuovo strumento e, dallo sconto-incontro delle varie riflessioni, nacque un significato condiviso di telefonia, che per certi versi permeò tutto l immaginario tecnologico italiano del Novecento in tema di telecomunicazioni. In primo luogo, fin dai primi anni e w w w. s t s i t a l i a. o r g 1

3 praticamente per tutta la storia della telefonia italiana, il ceto politico non seppe cogliere la strategicità del telefono e, di conseguenza, decise di non scegliere tra la gestione pubblica e quella privata del servizio: per questa ragione la legislazione in materia risultò spesso penalizzante soprattutto nei confronti di quei gruppi capitalistici interessati ad investire nella rete. Le stesse società telefoniche private, in secondo luogo, dovettero subire le oscillazioni del pensiero politico e sottostare a questa spada di Damocle che per lungo tempo minacciò gli investimenti effettuati. Nonostante ciò, fin dai primi anni di diffusione del servizio, il business del telefono interessò svariati gruppi capitalistici italiani e stranieri, che gestirono la maggior parte delle reti telefoniche urbane ed interurbane almeno fino alla nazionalizzazione del Anche a causa della legislazione che esponeva le aziende al rischio di non ammortizzare i capitali impiegati, però, queste società investirono poche risorse nell innovazione, nell ampliamento dei servizi e nella razionalizzazione del sistema. Furono proprio queste le accuse che i tecnici imputarono alle aziende private. Il terzo gruppo sociale pertinente considerato, quello degli esperti, fu infatti sempre attento a valutare il grado di efficienza, di standardizzazione e di rinnovamento della rete telefonica: in Italia, per azione congiunta della legislazione e della scarsa propensione all investimento dei privati, questi criteri vennero storicamente trascurati e, conseguentemente, la qualità con cui venne erogato il servizio fu per lungo tempo inferiore a quella di molti altri paesi europei. Le disfunzioni del sistema caratterizzano in maniera così profonda l incipiente telefonia da scoraggiare addirittura i potenziali utenti: questi ultimi attuarono infatti una serie di pressioni e di vere e proprie re-azioni nei confronti degli altri gruppi sociali sia per ottenere un servizio qualitativamente migliore, sia per imporre dal basso i propri modelli e significati d uso al nuovo medium. Il presente lavoro prenderà specificamente in esame il ruolo esercitato dai primi abbonati al servizio telefonico italiano, e dagli aspiranti tali, nel processo di co-costruzione del nuovo oggetto tecnico. Anche se, specie in questo primo periodo di diffusione del mezzo, le scelte della politica e le politiche d investimento delle aziende private possono sembrare più rilevanti nell orientare gli sviluppi del sistema, l analisi approfondita delle pratiche di appropriazione e metabolizzazione del nuovo medium da parte degli utenti è significativa per una serie di ragioni. In primo luogo, perché essi mantennero un costante dialogo con gli altri gruppi sociali e parteciparono così attivamente alla formazione socio-tecnica della telefonia italiana. In secondo luogo, i primi utenti del servizio ebbero la straordinaria possibilità di modificare ed indirizzare alcuni dei nascenti caratteri del servizio telefonico e, più in generale, del sistema delle telecomunicazioni italiane. Specie in un periodo in cui la flessibilità interpretativa dell oggettotelefono era ancora elevata, infatti, gli abbonati tentarono di realizzare un opera di traduzione w w w. s t s i t a l i a. o r g 2

4 dello strumento al fine di adattarlo alle proprie esigenze spesso distanti da quelle degli altri gruppi sociali e, in definitiva, di metabolizzarlo nella propria realtà quotidiana. Infine, mai come in questi primi anni di diffusione del telefono, gli erogatori del servizio riservarono una così solerte attenzione agli utilizzatori. Il telefono fu infatti una delle primissime tecnologie di rete ad essere adottata all interno delle abitazioni e, quindi, ad essere sottoposta alla quotidiana valutazione degli abbonati (Aurini 1915: 112): all introduzione della commutazione automatica, ad esempio, l amministrazione statale ritenne che il grado di soddisfazione per la nuova tecnologia espresso dagli utenti fosse il parametro più importante per valutare l adozione di tale sistema «giacché l impianto avrebbe potuto essere tecnicamente perfetto, pur non soddisfacendo pienamente gli abbonati; e in questo caso non sarebbe stato opportuno insistere» (Relazione della Commissione di sorveglianza 1915: 21). Per queste ed altre ragioni, quindi, analizzare il contributo che i primi utenti del servizio telefonico diedero alla formazione del concetto stesso di telefonia significa, da un lato, raccontare una porzione perlopiù trascurata della storia di una nuova tecnologia e, dall altro, tentare di gettare nuova luce sull origine di alcuni dei caratteri che hanno contraddistinto il sistema delle telecomunicazioni italiane nel corso di tutto il Novecento. 2. Dialoghi di carta: gli elenchi telefonici come luogo di confronto La fonte storica più indicata ad analizzare il processo di negoziazione tra gli usi suggeriti dagli erogatori del servizio e quelli effettivamente praticati dagli abbonati è rappresentata dagli elenchi telefonici. Specie nel periodo oggetto del nostro studio, infatti, i cosiddetti libri del telefono erano dotati di specifiche sezioni in cui le aziende telefoniche fornivano agli abbonati precise istruzioni sull utilizzo del mezzo, indicavano gli atteggiamenti corretti da tenere durante le conversazioni e, infine, ricordavano i principali errori che a loro avviso gli utenti commettevano. I comportamenti scorretti dei propri clienti vennero regolarmente sottolineati e blanditi dalle società telefoniche. In primo luogo, nel corso di tutto il periodo preso in esame, gli erogatori ricordarono agli utenti di tenere una corretta distanza dal microfono e, soprattutto, di mantenere anche al telefono un «tono di voce naturale» (Società Telefonica Ligure 1894: 52; Unione Telefonica Lombarda 1904: 5), evitando di gridare all apparecchio nell illusione di farsi sentire meglio dall interlocutore. I consigli e censure riguardo al tono di voce da mantenere durante le conversazioni segnalavano implicitamente il fatto che gli abbonati fossero soliti urlare o parlare w w w. s t s i t a l i a. o r g 3

5 distanti dal ricevitore: con questi e altri comportamenti impropri, in definitiva, gli utenti dimostravano di non aver ancora compreso pienamente il funzionamento del nuovo strumento. Oltre alle difficoltà del controllo vocale, gli abbonati si lasciavano spesso andare ad atteggiamenti definiti violenti, il più delle volte dettati da impazienza. Gli utenti ad esempio erano soliti «battere sopra i microfoni» (Società Telefonica Ligure 1894: 52), credendo così di migliorare la qualità di ricezione dello strumento e, in generale, utilizzavano con noncuranza e «veemenza» gli apparecchi (Società Telefonica per l Alta Italia 1906: 8). Un terzo atteggiamento scorretto che le società telefoniche cercarono di proibire fu il fatto che gli abbonati intervenissero in prima persona sull oggetto tecnico: questa pratica contrastava con le indicazioni fornite dagli erogatori del servizio i quali temevano un danneggiamento del singolo apparato o addirittura dell intera rete e, forse, volevano anche mantenere un certo grado di riservatezza sulle apparecchiature. Vi erano infine alcuni comportamenti degli abbonati che le società telefoniche ritenevano scorretti, ma che difficilmente potevano essere controllati e puniti: dal tentativo di «sorprendere il segreto telegrafico, servendosi dei fili e degli apparecchi telefonici» (Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo 1909: 5) all utilizzo del telefono «contro la morale e l ordine pubblico» (Ivi: 6); dal mettere a disposizione di terzi il proprio apparecchio (argomento su cui torneremo), alla curiosa notazione contenuta nel regolamento per i posti telefonici pubblici di Napoli, in cui «Non sono accordate le comunicazioni alle persone in istato di alterazione alcoolica o mentale» (Telefoni dello Stato. Direzione Compartimentale di Napoli 1908: 11). Le aziende telefoniche e l amministrazione statale non tentarono soltanto di suggerire una sorta di galateo telefonico o di reprimere pratiche d uso comuni tra gli abbonati ed a loro avviso erronee, ma cercarono anche di coinvolgere i propri clienti nel perfezionamento del servizio. Spesso, infatti, gli stessi erogatori invitarono gli abbonati a segnalare eventuali «irregolarità o trascuranze» emerse nella gestione della rete (Società Telefonica Ligure 1894: 59) ed a presentare reclamo: solo in questo modo, infatti, le stesse società telefoniche potevano «conoscere i guasti dei proprii impianti e le imperfezioni del proprio servizio» (Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo 1909: 11). Attraverso le pagine degli elenchi telefonici, quindi, si realizzò un tentativo di dialogo tra erogatori ed utenti del servizio che può essere considerato di grande interesse per almeno tre ragioni. In primo luogo, le società telefoniche cercarono di imporre quello che Bruno Latour ha definito un programma d azione (Latour 1992: 42): attraverso i consigli e le critiche rivolte ai propri clienti, i fornitori del servizio intendevano, da un lato, promuovere l alfabetizzazione del nuovo strumento ma, dall altro, progettare anche un contesto d uso predefinito e per loro ideale al w w w. s t s i t a l i a. o r g 4

6 fine di gestire in maniera più efficace il sistema telefonico. In secondo luogo, come abbiamo cercato di illustrare, il programma d azione dei fornitori del servizio venne significativamente trasformato dagli abbonati: essi misero infatti in costante discussione i suggerimenti e le imposizioni d uso, adottando pratiche ritenute scorrette e talvolta addirittura dannose al buon andamento del servizio (cfr. il concetto di copione in Akrich 1993). Infine, occorre notare che questo dialogo tra providers e users non fu esclusivamente caratterizzato dallo scontro, ma anche dalla collaborazione: le società telefoniche tentarono infatti di includere gli abbonati tra i controllori della qualità e, addirittura, tra i promotori di quella educazione all uso del telefono che ancora mancava nella società italiana tra Otto e Novecento. 3. Perché e come gli usi contano: il parassitismo telefonico Come abbiamo appena ricordato, talvolta gli utenti utilizzavano il telefono in maniera differente da quanto veniva loro indicato da parte degli erogatori del servizio, cosa che contribuì a generare una serie di contrasti tra i due gruppi sociali pertinenti. L esempio più noto di una pratica d uso comune tra gli abbonati e ritenuta errata dalle aziende telefoniche fu, senza dubbio, il cosiddetto parassitismo telefonico. Per comprendere appieno il significato dell espressione occorre anzitutto ricordare che, nel sistema telefonico italiano tra Otto e Novecento, era in vigore la cosiddetta tariffa à forfait: questa tipologia di tassazione che corrisponde a grandi linee all attuale flat prevedeva che gli abbonati corrispondessero alle società una cifra mensile o annuale prestabilita ed indipendente dalla frequenza d uso del mezzo. Dal momento che la quantità delle chiamate non influiva sul costo finale della bolletta, quindi, fin dai primi anni di sviluppo del telefono fra i fruitori si diffuse una modalità d uso imprevista dagli erogatori del servizio: gli abbonati infatti, talvolta a scopo di lucro e talaltra senza percepire alcun compenso, cominciarono a mettere a disposizione il proprio apparecchio a coloro i quali ne erano sprovvisti. Il dibattito sul tema divenne centrale negli anni seguenti alla nazionalizzazione delle reti telefoniche realizzata nel In primo luogo, perché in questo periodo le pubblicazioni tecniche e l amministrazione statale cominciarono a riservare un attenzione crescente alle politiche tariffarie degli altri paesi, che avevano già sostituito o stavano sostituendo la tariffa à forfait con quella a consumo. In secondo luogo, negli anni immediatamente successivi alla nazionalizzazione delle reti, si palesarono numerose difficoltà d accesso al sistema dovute, da una parte, alla scarsità delle linee interurbane e, dall altra, all utilizzo eccessivo che ne veniva fatto da parte degli utenti. Questa crisi fu causata principalmente proprio dal sistema tariffario à forfait, che incentivava l uso del w w w. s t s i t a l i a. o r g 5

7 telefono da parte degli abbonati (ma anche dei non abbonati) e che contribuiva sia a congestionare le reti nelle ore di maggior traffico sia, di conseguenza, a dilatare i tempi d attesa per ottenere le comunicazioni. La terza ragione per cui l uso smodato del nuovo mezzo divenne tema d attualità all indomani della statalizzazione fu appunto il cosiddetto fenomeno del parassitismo telefonico. Fu l ing. Oreste Villa, in un articolo apparso sulla Rivista delle Comunicazioni nel gennaio 1911, ad identificare ben sei diverse pratiche parassitarie con cui a suo avviso gli abbonati stavano defraudando lo Stato e le aziende telefoniche private. Anzitutto, come abbiamo già ricordato, vi era la «corrispondenza abusiva per parte di non abbonati ad un posto di abbonato», che si realizzava quando Una persona risparmia di pagare l abbonamento o di ricorrere ad una cabina pubblica, servendosi per favore dell apparecchio di chi primo capita, oppure prega per telefono un abbonato di chiamare o fare chiamare, di riferire, o di fare riferire. È la forma più diffusa ed è quella più molesta per l abbonato, posto nell imbarazzo di negare il richiesto favore o di subire perdite di tempo, seccature, distrazioni di personale, ecc.; talvolta poi il favore diventa consuetudine e si dà perfino il caso di abbonati che rinunziano all abbonamento del telefono, visto che esso li riduce al servizio degli importuni. (Villa 1911: 43). Una seconda forma di parassitismo si realizzava quando i non abbonati utilizzavano gratuitamente il telefono nei locali pubblici: specie nei primi anni di diffusione del nuovo mezzo. Tra gli abusi commessi dagli abbonati, Villa citò anche i cosiddetti abbonamenti collettivi. La legislazione telefonica italiana, infatti, concedeva agli inquilini di uno stesso stabile di corrispondere con la rete urbana mediante derivazioni dalla portineria : in sostanza, il portiere del condominio si incaricava di rispondere alle chiamate indirizzate ai locatari, di smistarle e, infine, di preoccuparsi che i destinatari della comunicazione completassero la conversazione per poi avvertire il centralino. Questa operazione veniva giudicata una forma di parassitismo perché teneva impegnate per lungo tempo le reti ed intralciava così il regolare funzionamento del servizio telefonico. Un ulteriore abuso veniva frequentemente commesso dai grandi abbonati quali ad esempio compagnie di navigazione, assicurazioni, alberghi che non a caso furono tra i principali sostenitori del sistema à forfait e, a più riprese, tentarono di ritardare l introduzione delle tariffe a consumo w w w. s t s i t a l i a. o r g 6

8 (Rivista delle Comunicazioni 1910: 54). I grandi utilizzatori, infatti, erano soliti sottoscrivere un numero limitato di abbonamenti e poi collegare ad essi centinaia di apparecchi telefonici. Una quinta forma di parassitismo era rappresentata dall uso del mezzo da parte degli utenti morosi. Come ricordò Oreste Villa, infatti, sempre più spesso chi sottoscriveva un abbonamento telefonico non era in grado di sostenerne le spese e quindi doveva rinunciarvi dopo pochi mesi: fino al momento in cui l amministrazione non procedeva all eliminazione dell apparecchio dall abitazione del sottoscrittore insolvente, però, questi poteva fruire gratuitamente del servizio. La sesta ed ultima pratica d uso comune tra gli abbonati e che, secondo Oreste Villa, poteva essere annoverata tra i parassitismi fu la cosiddetta corrispondenza vana : come avvenne in altri paesi (Fischer 1994), infatti, anche in Italia gli erogatori del servizio condussero una lunga battaglia contro gli utenti che, a loro avviso, facevano un utilizzo fàtico 1 e sostanzialmente inutile del nuovo mezzo (Villa 1911: 44). Contro il parassitismo telefonico si schierarono i tecnici ed il ceto politico, ma soprattutto le stesse società telefoniche private. Esse non solo proibirono ai propri abbonati di mettere l apparecchio a disposizione di terzi a scopo di lucro 2 ma, attraverso una propaganda poi massicciamente adottata dalle aziende telefoniche italiane negli anni 20 del Novecento (Ortoleva et Pallavicini 1996: 30), condannarono anche coloro i quali offrivano il proprio apparecchio in maniera volontaria e senza pretendere alcuna corresponsione di denaro. In sostanza, il cosiddetto parassitismo telefonico era costituito da alcune pratiche d uso adottate dagli abbonati e perlopiù consentite dalla legislazione che quindi ancora una volta si rivelava, oltrechè vaga, dannosa allo sviluppo della telefonia, ma che al contempo causava numerosi problemi di gestione agli erogatori del servizio, nonché rischiava di inficiare l efficienza complessiva della rete. Il parassitismo telefonico segnalava inoltre l importanza dei primi abbonati telefonici per due ragioni. In primo luogo, come abbiamo già ricordato, l adozione di questa pratica d uso indicava il 1 La cosiddetta funzione fàtica è una delle 6 funzioni della comunicazione teorizzate dal linguista Roman Jackobson. Essa si realizza quando un partecipante all atto di comunicazione controlla se il contatto è aperto e quindi se il flusso informativo può transitare attraverso il canale: un esempio tipico è il Pronto! che si pronuncia al telefono per avviare la conversazione (Volli 2000: 19). In senso lato, però, si definiscono fàtiche quelle conversazioni telefoniche il cui scopo non è tanto quello di trasmettere un contenuto preciso, ma bensì quello di instaurare e mantenere un contatto, e quindi un legame di natura sociale, tra mittente e destinatario 2 Si vedano a titolo d esempio questi due avvisi. Il primo, contenuto in un elenco telefonico della società di Bologna nel 1894, ricordava ai propri abbonati il fatto che essi avessero il diritto di «servirsi del Telefono per loro uso individuale, dei propri impiegati e persone di famiglia. La legge vieta qualunque comunicazione a scopo di lucro» (Società Telefonica per l Italia Centrale 1894: 4); il secondo della Società Telefonica per l Alta Italia era ancora più categorico e affermava: «La Società è in obbligo di togliere il telefono ai contravventori, salvo il diritto alla rifusione dei danni. [ ] Saranno soggetti a contravvenzione gli Utenti che permettono l uso del telefono mediante pagamento di una quota qualsiasi, anche se questa è chiesta ed offerta a titolo di beneficenza» (Società Telefonica per l Alta Italia 1904: 3). w w w. s t s i t a l i a. o r g 7

9 fatto che gli utilizzatori avessero la possibilità di negoziare e di modificare il programma d azione che i fornitori del servizio volevano loro imporre; in altre parole, come spesso accade nella storia della tecnologia, anche in questo caso il telefono venne utilizzato dagli utenti in maniera imprevista rispetto a quanto avevano immaginato coloro i quali lanciarono ed, in seguito, gestirono il servizio. In secondo luogo, questo uso del telefono ritenuto scorretto stimolò in realtà un serrato dibattito tra i vari gruppi sociali pertinenti: le pratiche parassitarie indussero infatti gli ambienti politici e tecnici ad interrogarsi sul sistema tariffario in vigore ed a prendere alcuni provvedimenti in proposito. In definitiva, l esempio del parassitismo telefonico mostra in maniera efficace come gli usi di una tecnologia possano influenzare il dibattito e le decisioni assunte da quelli che Thomas Hughes definirebbe i system builders (Hughes 1987), ovvero coloro i quali vengono spesso ritenuti gli unici responsabili della formazione e della diffusione di un nuovo mezzo di comunicazione. 4. Gli usi inattesi del telefono Con la locuzione uso inatteso gli storici della tecnologia vogliono generalmente indicare il fatto che, nel corso dell evoluzione di uno strumento tecnico, spesso si affermino delle modalità d uso cui i gestori del servizio non avevano pensato e che vengono invece adottate dagli utenti. Anche il telefono non fece eccezione e, in questi primi 35 anni di diffusione, venne spesso impiegato in alcune attività profondamente diverse dalla comunicazione punto-a-punto, che sembrava essere il principale scopo per cui esso venne inventato ed introdotto nella società di fine Ottocento. Gli esempi sono molteplici. In primo luogo, il telefono venne utilizzato come indicatore del corretto funzionamento dei motori industriali: in alcune fabbriche, per controllare a distanza il movimento di un generatore o alterarne la velocità, era prassi comune mettere in collegamento telefonico un operaio addetto alla manutenzione con il punto in cui era collocato l apparato e «dall altezza del suono che (egli) percepisce è(ra) in grado di esercitare esattamente il suo controllo» (L elettricista 1912: 301). In secondo luogo, il nuovo strumento trovò un inedita applicazione in campo medico, e specialmente nella chirurgia di guerra, per individuare la presenza di oggetti metallici quali ad esempio schegge e proiettili nel corpo umano (Telefono, Poste e Telegrafi 1903: 11). Un inventore di Berlino, poi, scoprì e brevettò il modo di applicare un microfono telefonico alla pesca, collocando un microfono in una scatola metallica a tenuta stagna ed immergendolo nel mare si poteva udire la quantità di pesce presente in quelle acque. Anche i palombari si servirono di un applicazione del telefono che permetteva loro di tenersi in contatto con la superficie e di evitare quindi quelle incomprensioni che, con i sistemi di w w w. s t s i t a l i a. o r g 8

10 comunicazione precedenti, avevano talvolta causato la morte di alcuni sommozzatori (L elettricità popolare 1905). Due ulteriori usi inattesi del telefono segnalati nelle riviste italiane dei primi anni del Novecento avrebbero trovato alcune forme di realizzazione soltanto nella seconda metà del secolo. Il primo è il video-telefono, un mezzo di comunicazione che, come ha ricordato Peppino Ortoleva, fin dalla fine del XIX secolo venne ritenuto di imminente commercializzazione, ma che ancora oggi non ha trovato piena applicazione nella società contemporanea (Ortoleva 1998): nel 1907 anche in Italia i Bollettini Postali-Telegrafici riportarono la notizia secondo cui la trasmissione simultanea dell immagine e della voce fosse stata sperimentata e realizzata negli Stati Uniti e, quindi, che un modello di Televue sarebbe stato a disposizione degli utenti entro pochi anni (Bollettini Postali- Telegrafici 1907: 1594). Il secondo esempio di unexpected use è l impiego del telefono come mezzo di trasmissione di contenuti editoriali. Il telefono, infatti, fin dai primissimi anni della sua introduzione, mantenne un incerto status tra mezzo di comunicazione punto-a-punto e mezzo di broadcasting (Balbi & Prario 2008) e l esempio più noto di tale flessibilità d uso furono le cosiddette audizioni telefoniche. Una prima istituzionalizzazione di questo servizio avvenne a Budapest intorno alla metà degli anni 90 dell Ottocento: da una sorta di centralino ed attraverso le comuni reti telefoniche venivano infatti trasmessi nelle case degli abbonati informazioni meteorologiche, servizi di notizie, spettacoli teatrali e molti altri generi di programmi. Successivamente il modello del Telephone Hirmondò venne esportato in altri paesi, tra cui Inghilterra, Stati Uniti ed Italia: qui l Araldo Telefonico continuò le trasmissioni fino alla fine degli anni 20 del Novecento e costituì di fatto un prodromo della radiotelevisione sia da un punto di vista tecnico, sia soprattutto artistico (Balbi in corso di pubblicazione). 5. Conclusione. Alcuni paradigmi degli Science and Technology Studies (STS) Gli eventi, le pratiche d uso e le tecnologie telefoniche che hanno trovato spazio nel presente lavoro possono essere riconsiderati alla luce di alcuni capisaldi degli studi sociali sulla tecnologia. Anzitutto, seguendo le teorie dell approccio SCOT, abbiamo ricordato che la storia delle telefonia italiana, e più in generale delle telecomunicazioni, non possa prescindere dal considerare le relazioni che intercorrono tra i diversi soggetti coinvolti nella nascita e nello sviluppo del sistema (Summerton 1994: 15). Il concetto di relevant social group (Pinch and Bijker 1984: 414) è quindi fondamentale per comprendere il modo in cui una nuova tecnologia di comunicazione si formi e si evolva anche a partire dagli scontri e dal dialogo che intercorre tra i diversi gruppi: in quest ottica gli elenchi telefonici tra Otto e Novecento possono essere considerati un luogo simbolico in cui gli w w w. s t s i t a l i a. o r g 9

11 erogatori del servizio e, di riflesso, gli abbonati espressero il proprio immaginario tecnologico e dove, in sostanza, il nuovo strumento cominciò ad essere metabolizzato dalla società. Un altro paradigma fondante delle teorie del costruttivismo tecnologico è quello di flessibilità interpretativa (Ivi: ). Il termine vuole indicare come, nella fase iniziale di diffusione di una nuova tecnologia, i diversi gruppi sociali pertinenti si confrontino per assegnare ad essa una determinata forma socio-culturale e come quindi, in questi momenti, possano coesistere diverse interpretazioni e pratiche d uso riferite al medesimo oggetto. Nel corso del nostro lavoro abbiamo ricordato svariati esempi di flessibilità interpretativa riferita alla telefonia italiana tra Otto e Novecento. Gli usi inattesi, ad esempio, segnalavano che il telefono non fosse definitivamente ed esclusivamente confinato alla comunicazione personale, ma che al contrario gli utenti avessero ancora spazio e modo per ideare una serie di utilizzi alternativi della nuova tecnologia. Allo stesso modo, anche le critiche che gli erogatori del servizio mossero agli usi scorretti degli abbonati testimoniavano, da un lato, il fatto che questi ultimi non volessero aderire totalmente al programma d azione concepito dalle società telefoniche e, d altro canto, che quantomeno in rapporto agli usi vi fossero ancora ampi margini di negoziazione tra i due gruppi sociali. Proprio questa possibilità di intervenire, di suggerire e di rifiutare le pratiche d uso testimoniava il fatto che, almeno fino alla prima guerra mondiale, la flessibilità interpretativa dell oggettotelefono non fosse ancora stata chiusa e, cioè, che per oltre 35 anni continuarono a coesistere diverse interpretazioni di questo strumento tecnico. Nonostante ciò e nonostante il fatto che alcuni recenti ed autorevoli contributi abbiamo sollecitato gli storici della tecnologia ad approfondire lo studio delle fasi di maturità delle tecniche (Edgerton 1999), l aver indagato il contributo degli utenti e degli altri gruppi sociali nel periodo di formazione del telefono è risultata un operazione fondamentale per almeno due ragioni. In primo luogo, specie nel settore delle telecomunicazioni, le fasi iniziali di sviluppo di una nuova tecnologia hanno un importanza decisiva nel plasmare e nell indirizzare il sistema tecnico futuro (Jackobsen 2005): non caso, già durante i primi anni in cui comparve il servizio telefonico, l assetto e le decisioni assunte in materia furono di lunga durata e, di fatto, influenzarono la storia politica, tecnologica ed economica delle telecomunicazioni italiane nel corso di tutto il Novecento. In secondo luogo, proprio in queste prime fasi, i fruitori possono generalmente imporre le proprie scelte e pratiche d utilizzo con più facilità rispetto ai periodi in cui la tecnologia ha trovato un quadro d uso definitivo, cioè quando la flessibilità interpretativa tende a chiudersi: nei primi periodi di diffusione della telefonia, quindi, il contributo degli utenti al processo di progressiva appropriazione e popolarizzazione dello strumento fu più rilevante che in ogni altra fase della storia del medium. w w w. s t s i t a l i a. o r g 10

12 Un altro concetto centrale degli STS è quello di simmetria generalizzata (Mongili 2007: ), secondo cui l analisi dell avvento e della diffusione di un nuovo strumento tecnico deve prendere necessariamente in considerazione «successo e fallimento in modo simmetrico» (Ivi: 111). Come abbiamo cercato di dimostrare nel caso dell incipiente telefonia, durante i primi 35 anni di diffusione del servizio convissero numerosi usi alternativi del mezzo, alcuni dei quali risultarono vincenti (la comunicazione punto-a-punto, la videotelefonia e, anche se non attraverso il telefono, il broadcasting) ed altri sconfitti (l applicazione della telefonia alla pesca, all analisi dei vini, alle previsioni meteorologiche). Per comprendere appieno il significato e la storia sociale della telefonia occorre, però, analizzare tutte le pratiche d uso emerse nel periodo oggetto di studio, anche e soprattutto quelle che sono poi state abbandonate nel corso dell evoluzione del mezzo di comunicazione: queste modalità di utilizzo del mezzo, sebbene al lettore contemporaneo possano apparire in alcuni casi risibili, per il solo fatto di essere accettate e di trovare spazio sulle più note riviste tecniche del tempo, dimostravano di essere pienamente inserite nell orizzonte del possibile della società passata e rappresentavano una delle possibilità di sviluppo del telefono. La centralità ed il contributo che gli utenti forniscono alla co-costruzione degli strumenti tecnici, infine, è una delle principali argomentazioni che si contrappongono al cosiddetto determinismo tecnologico. Come già ricordato in svariati contributi scientifici (Nye 1990, Fischer 1994, Richeri 1996, Agar 2003, Oudshoorn e Pinch 2003) e come abbiamo cercato di illustrare nel corso del presente lavoro, i fruitori riescono spesso a riconfigurare i significati e le modalità d uso che i system builders vorrebbero applicare a quella determinata tecnologia: evidentemente tutto ciò è possibile perché i mezzi di comunicazione si evolvono e, nel corso della loro esistenza, mutano quelle che inizialmente appaiono come caratteristiche predeterminate. In altre parole, in Italia la natura ed il significato sociale del telefono dipese in misura notevole anche dalle pressioni, dagli usi e dall investimento psico-sociale che gli utenti fecero nel nuovo mezzo di comunicazione. Bibliografia Fonti primarie Aurini, Guglielmo Sulla fusione del servizio telegrafico col telefonico. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi, Anno VIII, Fascicolo II, Febbraio: Bollettini Postali-Telegrafici Anno La visione a distanza per telefono. N. 46: L elettricista. Rivista quindicinale di elettrotecnica Trasmettitore telefonico usato come indicatore di velocità: 301. w w w. s t s i t a l i a. o r g 11

13 L elettricità popolare Il telefono in fondo al mare. Anno II, n. 29, 10 Maggio: 4-5. Relazione della Commissione di sorveglianza sugli impianti telefonici a sistema automatico in Roma Roma: Tipografia dell Unione Editrice. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi La riforma delle tariffe telefoniche. Anno III, Fascicolo I, Gennaio: Società Telefonica Ligure Elenco degli abbonati del gruppo Genova, Sampierdarena, Cornigliano Ligure, Pegli, Prà, Voltri, Rivarolo, Bolzaneto, Quarto al Mare, Quinto e Nervi. Genova: Stab. Pellas. Società Telefonica per l Alta Italia Elenco degli Abbonati al telefono reti di Alessandria, Biella, Como, Lecco, Legnano, Milano, Monza, Rho, Pinerolo e Torino esercite dalla Società e principali reti collegate a dette agenzie. Milano: Stabilimento Lito-Tipografico G. Abbiati. Telefoni dello Stato. Compartimento di Palermo Elenco degli abbonati. Reti di Caltanissetta, Catania, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani. Palermo: Stabilim. Tipo-Litografico G. Fiore & Figli. Telefoni dello Stato. Direzione Compartimentale di Napoli Elenco degli abbonati della rete urbana di Napoli. Napoli: Libreria Detken & Rocholl. Telefono, Poste e Telegrafi Il telefono come ausiliario nella Chirurgia. Anno I, n. 3, Maggio: 11. Unione Telefonica Lombarda Elenco Abbonati delle reti telefoniche di Brescia, Busto, Gallarate, Laveno, Varese. Milano. Villa, Oreste Il parassitismo telefonico. Rivista delle Comunicazioni. Pubblicazione del Ministero delle Poste e dei Telegrafi. Anno IV, Fascicolo I, Gennaio: Letteratura secondaria Abeille, Renato Storia delle telecomunicazioni italiane e della Sip Milano: Franco Angeli. Agar, Jon Constant touch: a global history of the mobile phone. Cambridge: Icon Books. Akrich, Madeleine Les objets techniques et leurs utilisateurs. Raisons pratiques, 4 : Balbi, Gabriele & Benedetta Prario Back to the Future. The past and the present of Mobile TV. In Mobile Technologies: From Telecommunications to Media, edited by G. Goggin and L. Hjorth. London: Routledge. Balbi, Gabriele. In corso di pubblicazione. The Araldo Telefonico: Origins, Structure and Model of the Italian Broadcasting. Bottiglieri, Bruno SIP: impresa, tecnologia e Stato nelle telecomunicazioni italiane. Milano: Franco Angeli. w w w. s t s i t a l i a. o r g 12

14 Edgerton, David From innovation to use: ten eclectic theses on the historiography of technology. History & Technology, 16: Fisher, Claude S (ed. or. 1992). Storia sociale del telefono. America in linea Torino: Utet- Telecom. Hughes, Thomas P The Evolution of Large Technical Systems. In The Social Construction of Technological Systems, eds. W. E. Bijker, T. P. Hughes, T. Pinch, Cambridge MA: MIT Press. Jackobsen, Kurt Institutional Change and path dependence in Danish telecom development. Conference Cross-Connections: Communications, Society and change. Science Museum, London, November. Latour, Bruno Aramis ou l amour des techniques. Paris: La Découverte. Mongili, Alessandro Tecnologia e società. Roma: Carocci. Nye, David Electrying America. Social Meanings of a New Technology. Cambridge MA: MIT Press. Ortoleva, Peppino et Paola Pallavicini Une société en réseau: mode d emploi. L annuaire téléphonique et le client en Italie. Les cahiers 4: Ortoleva, Peppino Il videotelefono. In Oggetti d uso quotidiano, a cura di M. Nacci, Venezia: Marsilio. Oudshoorn, Nelly and Pinch, Trevor, eds How Users matter: The Co-construction of Users and Technologies. Cambridge MA: MIT Press. Pinch, Trevor and Bijker Wiebe E The Social Construction of Facts and Artefacts: Or How the Sociology of Science and the Sociology of Technology Might Benefit Each Other. Social Studies of Science 14 (August): Richeri, Giuseppe Tra comunicazione e servizio: le reti telematiche come mercato. In Lo strabismo telematico. Contraddizioni e tendenze della società dell informazione, a cura di F. Di Spirito, P. Ortoleva, C. Ottaviano, Torino: Utet-Telecom. Summerton, Jane Introductory Essay: The System Approach to Technological Change. In Changing Large Technical Systems, ed. J. Summerton, Boulder, San Francisco and Oxford: Westview Press. Volli, Ugo Manuale di semiotica. Roma-Bari: Laterza. w w w. s t s i t a l i a. o r g 13

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli