sempre la commemorazione tre di Rivoli: Cometto, Bonaudo e Barba, lo chiamavano così.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sempre la commemorazione tre di Rivoli: Cometto, Bonaudo e Barba, lo chiamavano così."

Transcript

1 Intervista rilasciata su videocassetta dal Sig. Ivo Balboni il 15 2 aprile 2003 presso il Laboratorio di Storia della succursale di Via Sestriere della Scuola Media "Primo Levi" di Cascine Vica - Rivoli (Torino). Intervistatrice: Prof.ssa Bodini Addetto alla registrazione il Prof. Alberto Farina Perché avevamo parlato di Augusto in un altra intervista. C è Severino, Augusto, Arduino e Vairo, il più piccolo. Arduino era un mio coscritto era anche lui del 25, del 24 era Augusto quello che era stato anche lì, quello che ne ha combinate più di tutti, ma perché? Perché aveva perso il lume della ragione, diciamo ragionandoci sopra adesso a sangue freddo alle volte gli si condanna determinate cose, ma bisognava vivere in quel periodo là per poter giudicare bene, perché Addirittura, allora qui siamo Allora vado avanti ché mi viene in mente quando ho preso la decisione di andare in montagna. Siamo a settembre, no siamo a febbraio del 44, la Repubblica di Salò; il 25, la classe del 25 era la prima che doveva andare sotto, comunque io non sono andato perché i primi sei mesi del 25 erano tutti sotto, tutti militari, io ero nato il 1 luglio facevo parte del secondo mese, ho avuto tutte le fortune del mondo, anche il primo giorno se nasco un giorno prima, addio. Morale, siamo i secondi mesi e mi hanno chiamato, dovevo presentarmi il 17 febbraio del 44. E io al 15 eravamo in tre io Scaglia e Carello(?) che sono morti tutti e due, alè, abbiamo combinato, Cosa fuma? Andiamo in montagna?, Andiamo in montagna, mi ai nen voia. ; allora abbiamo deciso lì; siamo partiti al mattino presto, alle quattro dunque anche perché di notte era più sicuro viaggiare, di giorno ormai E di lì ci siamo trovati, siamo andati fino a Bercians (?) sarebbe a Bertesseno, è prima del Colle S. Giovanni dove c è, Colle S. Giovanni poi c è la valle di Viù, dal Col del Lys vai ancora al Col s. Giovanni ma c è due o tre borgate, ad ogni modo c è Niquidae, Niquidetto, Berciantes. Abbiamo fatto quella scelta, lì siamo andati in montagna. A parte che dall 8 settembre io, quando i primi che hanno per esempio ucciso a Valdellatorre io niente, volevo andare con loro perché c erano dei miei amici già più anziani, già soldati, già venuti a casa. Quando hanno fatto la repubblica di Salò i primi sono stati loro, i primi che guardavano erano loro. Sono andato anch io e mi hanno mandato a casa. Perché io Vai a casa, fino a quando non ti chiamano stai a casa tranquillo perché poi oltre a quello, sai, mantenersi in montagna non era facile, perché poi bisogna mangiare, bisognava soldi non è che ce n erano tanti. Io potevo andare liberamente perché ero allenato a non mangiare, dunque, avevo un allenamento super. E invece, poi sono andato, invece quando mi hanno chiamato, allora sono andato in montagna. Invece di andare lì, perché lì li avevano già braccati, una volta ne hanno uccisi tre avevano ucciso dunque Bonaudi -adesso non mi ricordo i nomi, li ho segnati a casa- ma ne hanno uccisi tre o quattro lì a Valdellatorre, i primi che hanno uccisi. Dopo d altri tre di Rivoli li hanno uccisi a Rubiana, che hanno fatto lì ad aprile facciamo

2 sempre la commemorazione tre di Rivoli: Cometto, Bonaudo e Barba, lo chiamavano così. Diceva che appunto avete preso la decisione di andare in montagna Andare in montagna, siamo arrivati là, ma in montagna siamo andati lì in Bercian perché tutti quelli di Rivoli erano lì, non proprio nel paese, nella montagna insomma dove c erano le case dei pastori, dove allevavano le pecore. Siamo arrivati là mi pare sulla sera tardi saranno state quasi le 10. Quella notte lì è venuta giù tanta di quella neve, 40 centimetri buoni sono venuti, perché là quando viene giù sembra proprio che la vuotino con i sacchi. Allora, a dormire siamo andati in un posto, eravamo già Qualcosa addosso avevamo, perché cosa vuole, io avevo un paio di scarponi che era almeno dalla guerra del 15 che li avevo, perché poi mio padre mettevano ci aggiustavamo sempre le cose, mio papà aggiustava lui era inutile comprare le scarpe, quel periodo là. D estate mai messo scarpe perché non ce n erano. Avevamo una bella camicia, ma mio fratello più vecchio e io poi c era l altro più giovane, chi si alzava prima al mattino si metteva la camicia. Ma questa è sacrosanta verità non è che me la invento io. Ad ogni modo, mi ricordo che quella volta lì quando siamo arrivati là dopo camminare e tutto, ci hanno dato un cassetto con delle patate mezze bruciacchiate, un po crude, le abbiamo mangiate com erano, forse neanche pelate. Ad ogni modo poi siamo andati dentro, c era un salone, grande come questo, pieno di foglie e di letame anche perché c erano le pecore dentro. Ad ogni modo, ci siamo coricati là, in quel periodo suonavo la fisarmonica a bocca, la suonavo abbastanza bene. E allora: Sa Balbo, suona un pezzo che poi ci addormentiamo. Mi sono messo a suonare, mentre suonavo mi sono addormentato, se non me la tolgono di bocca finisco di strangolarmi. Mi ricordo sempre che poi quando ci siamo alzati al mattino, potete capire con queste foglie, quando siamo usciti fuori, i pidocchi erano di casa perché i pidocchi li allevavamo noi. Allora siamo usciti fuori, a vedere tutta questa neve, abbiamo cominciato, comincia uno a tirarci le palle di neve, a neanche 18 anni. A no, li avevo appena compiuti, no nel 44 no, li compivo poi a luglio, neanche 18 anni. Questo è stato il mio primo impatto. Dopodiché mi hanno usato in lungo e in largo, e mi hanno anche abusato perché io correvo più delle lepri, ero già allenato, ero magro come un chiodo e poi allenato perché giocavo anche a calcio, ho sempre fatto anche atletica, ho fatto il pentathlon una volta sono arrivato al quarto posto. Ero, ero Un atleta, insomma. ( ) Dal Berciant, c erano dei distaccamenti a Margone, al Malciaussia, c erano dei distaccamenti a Trana, c era dei distaccamenti qui al Col del Lys, poi ce n erano a Valdellatorre. Insomma puoi capire, io li ho girati in lungo e in largo, tutti di corsa ma

3 non sulle strade, sempre a mezza montagna, sempre in mezzo a mezza costa; c è il Mensa, c è due o tre fiumi, ma io avevo già individuato tutte le pietre, due salti tac tac poi andavo dall altra parte, perché poi erano fiumiciattoli non erano fiumi veri e propri. Ad ogni modo E portava i messaggi da una squadra a un altra. Portavo gli ordini. Poi c è un piccolo fatto che adesso non dico. Ah, poi hanno messo anche di guardia, mi hanno dato un fucile, un 91 di quelli che erano alti due metri, erano più grandi di me, con la baionetta innestata il 91 che era un fucile che usava ancora Garibaldi. Ad ogni modo mi hanno messo di guardia e fa: Che non ti venga in mente di sparare perché le pallottole non vanno bene, non sono le sue il rischio che mi scoppiasse ancora lì. Dico no, no Tienilo, tienilo perché sai così uno di guardia deve avere almeno un fucile. Morale è che alla notte, quando tutti dormivano io l ho messo là contro un pino, e se non l hanno trovato è ancora là adesso. La mia arma, l unica arma che ho avuto tra le mani. Perché poi, c era un ragazzino lì che sono andata a Rivalta alla scuola, mi fa una domanda e fa: Ma lei non ha mai avuto occasione di sparare a qualcuno? Dico: Meno male che non l ho avuta, perché tra i due ho paura che sarei morto io perché non so se avrei avuto il coraggio di sparare. Infatti, avevo proprio una cosa Una repulsione Proprio niente da fare, era più forte di me. Ho avuto per le mani una Ruper (?) tedesca, che aveva un tenente che si era arreso che era andato dal prete don Luigi di Rivoli e gli aveva dato la sua arma, una Ruper tedesca, e gliel aveva data e lui mi aveva telefonato, e mi ha detto, fa Questa qui Ho visto anche quel tenente lì vestito da prete, si vede che aveva cambiato idea magari era un cattolico anche lui, magari vedeva tutte ste cose. Allora, mi ha dato la pistola, l ho presa e il primo che ho trovato, e meno male che ho trovato uno che gli piaceva. Ma davvero, me la dai Sì, sì prendila pure che io non ne voglio sapere Niente, era più forte di me. Lei non ha partecipato a delle azioni particolari, faceva la staffetta. Io le ho viste, purtroppo, sono stato in mezzo a tre rastrellamenti perché la staffetta la facevo non soltanto in montagna, quando qui dal CLN hanno visto quello che facevo in montagna allora mi hanno, sono andato giù e mi hanno fatto arrivare qui. Perché poi questo qui è successo alla fine di ottobre del 44, l ultimo rastrellamento che hanno fatto, va bene. Ma prima la Folgore, prima la Folgore, molto prima, aveva fatto un proclama che tutti, - perché sapevano che tutti i partigiani, c era il 60% che non erano armati- tutti quelli che non usano le armi se vogliono vengono giù che li mandiamo a lavorare. Ma questo è poi detto, l abbiamo perché prima avevano fatto già un inganno che ne hanno combinate, ne hanno ammazzati tanti, questo era uno del CLN, quest uomo perché? Perché anche nella Folgore i comandanti si vede che l America era già sbarcata in Sicilia, stavano venendo su e cercavano già qualche riparo.

4 Morale che nel periodo che ero qui mi manda a chiamare, fa: Ti, c è da andare su a qui a Giaveno, dove c erano a Giaveno, di là anche Giaveno. Io ho sempre le montagne le ho girate in lungo e in largo, puoi capire. Allora, perché il Piol, perché parlo del Piol, il Piol in quel periodo là aveva già perso il primo fratello, il secondo quello alla Mortera (?) si chiamava Mario Sarbet (?), insomma era un comandante lo avevano ucciso lì; va ben, e poi aveva saputo già che il papà l avevano preso, l avevano portato in via Asti, non aveva il papà, va bene; e allora, la mamma era scappata via con il figlio, era andata in montagna con il figlio, con il ragazzo. Insomma. Lui non poteva venire giù perché c erano tutti con lui un mucchio di partigiani che erano armati e poi erano anche noti, insomma, è meglio che non siano venuti perché quelli forse non li trattavano tanto bene. E mentre sono lì Mario Piantore, non so se ne avete sentito parlare a Rivoli, adesso è morto anche lui, era uno che aveva una tipografia che aveva anche delle canzoni partigiane, uno con la barba, una brava persona, via, apparteneva al CLN di Rivoli poi c era l ingegner Vecco, c era un CLN abbastanza ben fatto lo stesso Salomone, il mio ex padrone. In ogni modo, c era da andare su a Giaveno, da andare a parlare con il Piol o con chi comanda laggiù, con chi comanda lassù perché stavano bisticciando perché uno comandava anche l altro. Ad ogni modo, era arrivato Mondino che era il capo delle guardie, c era Faussone che era di linea monarchica, ancora, diciamo liberale per quel periodo lì, poi c era Piol che non era di nessuno. Morale dovevo andare lassù perché avevano preso, tanti partigiani erano andati alla polveriera di Buttigliera, uscendo alla sera alle 5, 5 e mezza dal lavoro, allora sono andati ad aspettarli per la strada e li hanno mandati a casa in mutande. Noi là a rischiare la vita, voialtri qui a lavorare? insomma ci sono state discussioni Giù le braie e se le sono tolte perché era un po, un po acceso via come ragazzo. C è un motivo, però, adesso mi viene in mente bene, perché gli aveva ammazzato il padre in quel periodo lì, non solo il padre glielo avevano torturato e poi glielo avevano portato sulla strada di Rivalta, a metà strada prima di arrivare a Rivalta dove c è quella villa, una bella villa a sinistra, c era la fornace anche un po più un giù lì, un po prima lì, c era una roggia, una specie di fiumatta, era uno scarico più che un fiume. E lo hanno buttato lì dentro senza unghie, senza occhi, senza orecchie, senza niente, senza le dita, vedesse che roba, lo avevano massacrato. E lui era venuto a sapere queste cose, apriti cielo, chi lo fermava più! Parlava del rastrellamento, del fatto che si era trovato in mezzo al rastrellamento, nel 44. Nel 44, - sì questo è la fine, questa qui - perché sono andato lì in montagna? mi hanno mandato su perché dovevo andare ad avvertirli, -no ma Piol era già morto, questo fatto del Piol è successo prima- quando c è stato il rastrellamento io sono partito sono

5 andato in punta dove c era dopo Coazze, dove adesso hanno fatto anche un monumento. Perché il primo rastrellamento l hanno fatto, sono partiti qui da Almese, Rubiana, Colle del Lys, e l altro da Lanzo, a partir da Lanzo l hanno fatto nei due sensi, Perché? Perché gli Americani mi pare che fossero arrivati già a Bologna, già in Alta Italia, via. E i reggimenti tedeschi avevano dato ordine ai fascisti, alle brigate, alla Folgore alla Decima Massa, c erano altre di beccare i partigiani, avevano paura che i partigiani poi sparassero a loro mentre si liberavano. E invece poi i partigiani con le armi che avevano, sì potevano sparare, ma avevano tutto da perdere e niente da guadagnare. Ad ogni modo mi hanno mandato su anche per parlare con questo Piol, questo qui, non c era più nessuno, nessuno voleva andare, perché questo qui Piol, questo qui Augusto, era con me anche lì ai Mercianti (?) quando ero andato su la prima volta, era lì anche lui, ed era un ragazzino, aveva un anno più di me, praticamente era arrivato persino dopo perché mi pare- era fuori soldato, già, era rientrato, non so che cosa aveva fatto, forse era scappato giù al paese prima. Ad ogni modo quando è venuto qui, bisognava andar là, quando l ho visto e mi fa No, non l avevano ancora ammazzato suo padre- Ad ogni modo Dì, Gusto, guarda che passare tutto l inverno in montagna va bene- guarda che i partigiani devono anche mangiare, sai che cosa vuol dire? capisci? di là, di là non sai più se riescono ancora a comprarsi roba, se il CLN ha fatto questa cosa, perché dobbiamo ritenerla utile. Lui appena visto, mi ha abbracciato, m ha subito detto: Da bun, -mi fa- disa che ma perduno, lo faso pi nene, sai nen cosa diau m ha tacame parei Gli ho spiegato questa cosa, Sì,sì, digli che stiano tranquilli anzi che mi perdonino. Dopodiche quando l hanno perdonato, l hanno perdonato, l ultima volta che l hanno visto è stata quella volta lì perché l hanno ammazzato dopo l hanno ammazzato lì a Rivalta. L hanno ammazzato? L hanno ferito a morte, perché poi è morto a Giaveno in ospedale. E lì c era anche Bruno Simioli che lui non è stato ferito mi pare- l hanno preso e l hanno portato, è andato a Dachau,.... non a Dachau. A Mauthausen In campo di concentramento. Piol invece è poi morto dopo io non l ho più visto Poi destino vuole che dovesse morire tutta la famiglia perché dopo la Liberazione il ragazzo più piccolo lì al Castello c erano un mucchio di armi, là, le bombe a mano lì, è andato là, ha preso una bomba a mano, gli è scoppiata in mano ed l hanno ucciso sul colpo. E invece diceva la Liberazione, il 25 aprile come la ricorda, cosa stava facendo. Il 25 aprile per me, non il 25, al 29 aprile per me. Perché poi mi sono beccato tre rastrellamenti. Perché io andavo su il giorno prima del rastrellamento, capisce, andavo ad avvertire tutto, facevo tutte le montagne che

6 avevo. Mi ricordo che sono arrivato a Margone, alle 10 di sera, ero anche là; siamo partiti alle quattro, anch'io con loro quella volta lì, si partiva, si doveva andare solo a metà costa o sulla cima della montagna, loro su non venivano, il rastrellamento lo facevano solo sulla strada, ogni tanto facevano qualche sventagliata con la mitraglia, qualche colpo di mortaio, se non ti cadeva proprio in testa insomma. Loro non venivano su perché avevano paura anche loro andare sulla montagna, le imboscate erano molto più facili. Ad ogni modo, il 25 aprile. Volevo arrivare dopo, ma dato che mi è viene in mente, mi avevano fatto andare a lavorare lì alla FILM a Cascine Vica, una fabbrica che c era lì in quella zona lì adesso non c è più, adesso c è tutti i palazzi lì. Uscivano alle quattro del pomeriggio, alle quattro e mezza a piedi, perché allora abitavo a Rivoli, andavo a piedi sono arrivato lì non in piazza Martiri, in una piazza che c è lì dietro. Eravamo in quindici, praticamente, ci hanno beccato tutti e quindici, lì c era già accampato quel reggimento, quel reggimento che erano già in ritirata, no. A Rivoli avevano detto che difatti in Castello c erano già dei sacchi di farina, c era il rifornimento per loro. Solo che questo poi che è rimasto qui, quel tedesco che ci ha avvertito, noi abbiamo lavorato tutta la notte, tutta la notte a portar via i sacchi di farina nelle cantine, dai panettieri proprio da nasconderli perché c era già che stava venendo su questo reggimento. Questo reggimento era accampato lì, ci fermano, mi fermo, io ero lì, eravamo in quindici, lì c era una cascina, c era una stalla con un cortile, quindici là tutti là in piedi così, tre metri a tre con i mitra, tre tedeschi con il mitra in mano che ti controllavano, c era quel mio amico lì Scaglia Nardino si chiamava, lui era il l ultimo e io ero lì vicino a lui e lui c era la stalla, proprio la stalla aperta, e guardava sta stalla, voleva andare in questa stalla praticamente, e scappare, no, ma era vietato. E io dicevo proprio: Bugia nen da lì, Ferino, non vedi? Io vedevo l altro, faceva girare sto mitra, la prima mossa che facevi ci faceva una raffica addosso, ci facevano fuori tutti come niente. Morale che siamo stati lì dalle quattro e mezza del pomeriggio alle nove di sera, là così; lì è stato al momento di male (?), tutto il tempo che ho rischiato la vita in montagna adesso vado a prendere qui. Morale che invece poi è arrivato questo austriaco che faceva da interprete, con don Luigi hanno parlato con questo comandante, gli hanno fatto avere... Perché lui non è colpa sua, ha tenuto qualche sacco, poi gli ha detto: Sono passati una settimana fa i partigiani, mi hanno portato via tutto, che cosa potevo fare io da solo?. E ci han creduto, meno male. Ad ogni modo hanno dato qualche sacco di farina, poi han parlato e mi ricordo che ci fa: Sa, venite fuori, ci fanno uscire da questa cascina, andare lì sulla piazza, Siamo a posto qui qui ci fucilano. E invece siamo andati sulla piazza, c era questo qui, don Luigi: Andate pure a casa -fa- siete liberi!

7 Quel Nardino lì era un mangiapreti, uno che ogni 10 parole diceva 15 bestemmie. Gli ho detto: Nardino, se don Luigi ti chiede di farti prete, cosa fai? Subito, prendo la veste subito. E guarda a volte, il destino, non era il mio destino neanche lì. E poi non parliamo poi anche un altra volta in montagna, durante le mie passeggiate che facevo. Perché vede, io non vedevo niente, non li vedevo quando mi mettevo in posizione di guardare la strada, ma loro con i binocoli mi vedevano. E allora, mi ricordo che eravamo, ero solo quella volta lì, ero solo perché se non era che in quella casa lì abitava qualcuno e mi han tirato fuori, sono andato ad impantanarmi con la testa dentro al mucchio di letame che c era e le foglie, là il letame lo fanno con le foglie, lì dentro e non è che muori soffocato, ho piantato un salto che mi avessi visto. Ma quando poi mi sono alzato che dal cortile ho guardato la pineta che c era lì, c era tutta una pineta di pini che saranno stati alti un paio di metri, che sembrava che fosse passata la sega, con la mitraglia, le pallottole fischiare, anche quello. Anche lì ho rischiato, quella volta è andata. Poi altre volte, niente, insomma. Ho visto anche un altro episodio, anche questo da raccontare perché poi Le racconto volentieri quando ci sono i ragazzi queste cose, perché c è forse qualche cosa molto più orrendo di questo e allora quando vado col mio compagno, lui dice proprio sciancate io cerco di mitigare un po, però. Vedere sti ragazzi, adesso nelle medie, sono già ragazzi, sono già un po ma nella quinta hanno 10 anni, 11 anni, morale che. prendo un po di fiato. (racconto del fatto dello spettacolo teatrale a Rivoli, nel 51 - omissis) Senta, torniamo un attimo, stava parlando del 25 aprile, di questo momento anche difficile che ha passato, e poi aveva parlato del 29 aprile Il 29 aprile era il momento della cascina? Il 29 aprile, perché poi quella stessa divisione lì è quella che poi ha fatto 66 martiri a Grugliasco perché partiti di lì sono andati verso Grugliasco per prendere la strada per Collegno, ed è successo quello che è successo. Sono stato più male dopo che prima, guarda, proprio noi, il destino era così, non dovevo morire. Il 25 aprile lo ricorda per qualcosa di particolare, la gente era contenta? Il 25 aprile per me, l ho passato perché poi, l ho passato lì alla Sirena, ero dentro a una camera. Eravamo armati quella volta lì, perché avevano detto che stavano passando delle Brigate Nere che scappavano; non abbiamo visto nessuno. A parte che là dentro meno male che non sono arrivate, perché che cosa potevano fare? Ma eravamo lì più che altro per guardare che non facessero dei vandalismi, che diciamo- sparargli o fermarli. Ma la Sirena che cos era?.

8 Era un albergo, lì, la Sirena, c era un albergo, adesso c è una banca. E voi eravate dentro lì per presidiarlo? Nelle camere sopra, dai vetri guardavamo sulla piazza. Quindi non avete avuto momenti di festa o qualcosa di questo genere? Dopo sì, dopo c è stato quell affare lì a Grugliasco, anche che ha bloccato un po tutto. Noi festeggiamo ancora adesso il 25 aprile, per noi il 25 aprile è la lotta di Liberazione. Perché poi nella mia delibera partigiana mi hanno scritto, mi ha scritto il mio comandante: il mio comandante, sa chi è stato anche? dove sono stato un po di più del solito: Il comandante Laghi Bolaffi, comandante degli alpini al Moncenisio, lui era su al Moncenisio Che cosa Le ha scritto? Mi ha scritto :Coraggioso, leale e di assoluta fiducia. E io gli ho detto: Coraggioso? Gli ho detto, piuttosto ero incosciente, perché è vero, non so se è coraggio, non è coraggio secondo me era incoscienza perché nei momenti difficili io non ho mai avuto paura, davvero: Non mi rendevo conto però che erano difficili per quello che non avevo paura. Capisce? tutto lì. Perché durante i rastrellamenti, poi quando sparavano questi colpi di mortaio sembrava che crollassero tutte le montagne, comincia a rimbombare da tutte le parti, le raffiche lo stesso, le raffiche, facevano delle raffiche così che di ripercuotevano che sembravano che sparassero da tutte le parti. Allora, allora, forse non mi rendevo ancora conto Di quello che stava facendo di quello che stavo facendo. A 18 anni compiuti, i 18 anni di noi allora, equivale agli 11 di adesso, secondo me perché eravamo tanto fessi. Eravamo abituati, va a sapere, propria un altra, io vedo i ragazzini adesso li immagino, a vederli così li vedo che sono già più intelligenti di me, solo così, solo a guardarli. E dopo la guerra, come è stato il ritorno alla vita normale. Io dopo la guerra, che mi ha rovinato la carriera del calcio, io sono arrivato ad andare fare una prova alla Juventus, sono andata a fare una prova alla Juve, racconto tutto ma è interessante come calcio, non come.... (Racconto della prova alla Juve - omissis) Ma quando ero dovuto ritornare alla vita normale, il fatto di essere stato partigiano l aveva, l ha aiutata o è stato indifferente? Quando è ritornato giù dalle montagne Oserei dire che gli unici riconoscenti sono quelli che hanno veramente fatto la lotta partigiana, cioè l hanno vista e l hanno vissuta, parlo delle donne che per me sono state

9 superlative, quelle poche donne che hanno fatto la vita come partigiani, dei montanari che non avevano forse neanche un pezzo di pane per loro e alle volte lo dividevano con noi, Quando noi potevano che riuscivamo a raccattare qualcosa in giro, lo depositavamo da loro, insomma, però. Allora non soltanto i partigiani hanno vinto la guerra, sì l han vinta praticamente, ma tutto è stato praticamente loro hanno detto: E una guerra civile E mica vero, il popolo era con noi, non c erano proprio. Però vede c era anche tanta maldicenza. Forse anche vera perché tante cose Invece di dire partigiani, dovevano dire dei banditi. Perché ci sono stati anche dei banditi in montagna, non solo partigiani; qualcuno l abbiamo punito anche noi, qualcuno, ma bisognava fare un strage per toglierli tutti, qualcuno un sacco di botte poi via. Perché andavano appunto proprio con le minacce a prendere la roba, magari anche dei soldi, quando lo sapevamo noi, perché poi eravamo avvertiti: Avvertiteci, vedete che quelli non lo fanno più Però è successo anche questo purtroppo; allora, la gente purtroppo c è anche chi ha interesse a dire queste cose, di farle più grosse di quelle che sono Per esempio, il papà del Simioli, Venturello, e l altro, quei tre Bellettati, Bellettati è quello che era venuto via con me, Bellettati e Carello, tre eravamo in tre; prima ho detto un altro nome adesso mi è venuto in mente che invece era quello lì. Ad ogni modo, sono andati, quando è successo che si è andato di venire giù, di andare in fabbrica, che la Folgore aveva detto queste cose, va bane, ma in montagna c era ancora gente che faceva ancora la fame, ce n erano tanti ancora, tantissimi; allora che cosa hanno fatto? Sono andati lì dietro, lì c era quella cascina del Favalli (?) che era, è quello che aveva lavorato mio padre, ne aveva quello, era il più ricco di Rivoli, gli hanno preso una mucca, ma gli hanno lasciato il foglietto. Io lo sapevo, l ho saputo perché era il CLN che aveva promesso questo, no, aveva detto, perché il CLN non è che lo sapessero tutti chi erano, ecco perché a me avevano detto di assoluta fiducia perché io li ho conosciuti tutti uno per uno;.. e se mi prendevano prigioniero o qualche cosa che mi torturavano? Invece nessuno pensava che io potessi sapere queste cose, lì, ero proprio un ragazzino magro come un chiodo, se facevano la televisione mi vedevano le ossa; ad ogni modo allora anche qui la gente comincia: Ecco partigiano, vanno a rubare le vacche : Insomma, c è stata anche tantissima malafede, ecco, senza negare, senza negare che effettivamente c è stato anche qualche brigante. Anzi, vi racconto un altro episodio tanto oramai chi mi ferma più? Qui ha partecipato anche forse Filippini, ma non era comandante, no, no non c era Filippini, c era Franza, c era Augusto Piol quella volta lì, forse c era anche Filippini, non mi ricordo. Ad ogni modo, là dove eravamo noi ci vengono ad avvertire, a dire che in Ronchiaio, c é una borgata sotto nella vallata, Ronchiaio si chiama, noi disiu Runciau in piemonteis, -ad ogni modo, che lì c era un fascista. Va be, partiamo, eravamo in tre o quattro insomma. Andiamo giù, mi ricordo che c erano tre o quattro case là, misere case naturalmente, bussiamo alla porta. Tutti gli altri, nessuno, qualcuno che faceva così, magari si aspettavano già quando vedevano arrivare i partigiani -diciamo- Bussiamo alla porta,

10 viene fuori una signora con un bambino in braccio, e uno per parte lì, grandini lì così e uno in braccio. Non c è suo marito? Sì Esce fuori uno, lì, sembrava un vecchio, insomma, non tanto vecchio. Ad ogni modo, Ci risulta che tu te la fai ancora con i fascisti Emilio Franz (?), ah era lui il comandante, non c era Filippini, mi ricordo. Io no, sono guardia, Sa, facci vedere Abbiamo aperto un cassetto, c era una rivoltella, una scacciacani, noi le chiamavamo scacciacani, rivoltella che se sparavi a uno, quello ti dava un ceffone, ti mandava a casa. Poi c era la tessera del fascio ancora dell anno prima combinazione, no, questo è successo nel 44, dunque del 43. Come mai questa qui? Come giustifichi? E perché con i bambini, loro mi davano i sussidi Difatti era vero, allora davano il sussidio a chi aveva dei bambini.. Morale che a un bel momento: Sa vieni con noi No, no la mamma, i bambini cominciano a piangere, No, guardi che non ha mai fatto niente Io ricordo che perché poi ero sempre il buon samaritano, ero forse quello che riusciva a ragionare anche nei momenti difficili, gli ho detto: Emilio, -ed aveva un anno più di me lui, del 24 era Emilio, pensi che se fosse stato un fascista avrebbe lasciato la tessera dentro il cassetto e sarebbe qui a fare una vita così? Questo è rimasto un po lì, eh cosa vuoi? poveri disgraziati, sarà stato anche fascista, ma che cosa vuoi che sia da qui non può guadagnare Poi dopo hanno cominciato anche ad uscire Sì, è vero, è una brava persona, non ha fatto niente, insomma. Si vede che qualcuno che è venuto giù a dirci questo che io non so ancora adesso chi sia, l ha fatto forse perché aveva bisticciato probabilmente, succedono quelle cose lì. E allora ha detto: Senti va, sa fagli un po la morale E allora (?) Tu il fascismo, per i tuoi figli non con i fascisti,eh Sì,sì Gli ho detto: Augusto, -sarebbe il Piol- dici che faranno una bella vita questi qui? Sa, ho cominciato io, abbiamo tirato tre o quattro soldi, non ne avevamo che per noi, abbiamo tirato fuori qualche soldo per uno, e glieli abbiamo dati, pove uomo piangeva per la contentezza. Questi episodi li racconto volentieri anche quando ci sono i ragazzi. Perché poi ho tempo di raccontare quella della forse quella ve l hanno raccontata quella della roggia, lì della fossa comune la chiamano, dove hanno ucciso 26 giovani del 26 più sei cremonesi, 28 mi pare che erano, 26 o 27. Questi qui erano tutti della classe del 26, lo avevamo detto noi, perché poi vuol dire tre mesi dopo, ne, non è che è un anno, perché hanno chiamato il 25 e poi via subito il 26 e allora tanti sono venuti in montagna: Io praticamente ero un anziano, avevo tre

11 mesi più di loro. E allora, è successo questo rastrellamento, questo che dicevo prima che sono partiti da tutte le parti. Quando siamo arrivati in montagna, che abbiamo detto: Non lasciatevi ingannare, non consegnatevi anche se siete armati, non armati perché questi uccidono perché c erano, avevamo distinto i rastrellatori. Quando la facevano la Folgore erano abbastanza militari, poi c era un altra non mi ricordo più come si chiamasse- erano anche militari; quando però c erano le Camicie Nere niente da fare, questi avevano libertà di uccidere, li mandavano apposta per uccidere, ma poi uccidono anche popolazione, chi capitava sotto, erano proprio dei delinquent, li avevano tirati fuori dalle galere, li han lasciati liberi apposta. Ad ogni modo, glielo abbiamo detto. Loro arrivano lì, calmi, ogni tanto qualche raffica, poi con i megafoni, sapevano che eravamo sulle montagne, là poi si sente bene con i megafoni Venite giù, non vi facciamo nulla, vi mandiamo a lavorare, qui rischiate di morire di fame, venite giù, dormite ancora in un convento. Tutto così, proprio da lusingarli E ne sono scesi 26, tutto lì. Quella scena lì, prendo un po di fiato perché quella scena lì mi commuove come fosse ieri. Va bene, sentivamo le urla, non li hanno fucilati, li hanno fracassati, proprio, col moschetto dalla parte del manico, giù botte, li hanno sfracellati. E poi lì c era una roggia, no, lì sotto, li han buttati tutti lì dentro, Poi quel giorno mi pare che ha piovuto per un giorno o due, noi siamo andati il terzo giorno, siamo andati là a vedere. Ancora adesso quando porto qualche classe, mi faccio il mio giretto prima che vadano loro, mi faccio due lacrimucce. Questa è la cosa più atroce che ho potuto vedere in montagna. Ne ho viste anche altre, per esempio un mio amico, uno che adesso è morto anche lui solamente l altr anno, era lui di guardia, ha chiesto a un suo amico, quel Rusciana (?) che abbiamo ancora nella fotografia, era lui di guardia. Gli ha detto: Senti aveva conosciuto una ragazza lì del posto- io voglio andare a vedere Maria, mi tieni la guardia un momentino? E Rosciana: Sì, sì sto io qui E stato lì, è arrivato un rastrellamento, proprio in quel periodo lì, e lui era sul ponte, gli hanno teso un imboscata. Oltretutto cosa facevano? Non facevano dei rastrellamenti veri e propri. Partiva una macchina blindata, faceva dei raid come si dice, perché allora magari bastava che qualcuno dicesse: Sì, i partigiani sono lì, facevano un piccolo raid, se c era qualcuno facevano l azione poi via subito, scappavano. Morale è che questo qui c è rimasto lì su questo ponte. E allora questo qui quando me lo raccontava piangeva come un bambino, ancora adesso ultimamente quando giocavamo alle bocce assieme, ogni tanto mi fa, lo vedevo là: Non riesco a dimenticarmi Mario- Mario si chiamava- non riesco a dimenticarmi Mario Non prendertela, un bel momento il destino è stato così Ma dovevo essere io, non lui Cioè cose Grazie.

12

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008

BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008 BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008 Intervista rilasciata su videocassetta dal Sig. Burocchi Lorenzo il 19 maggio 2004 presso il Laboratorio di Storia

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tu sol pensando o ideal, sei vero

Tu sol pensando o ideal, sei vero Tu sol pensando o ideal, sei vero Nella semplicità del mio cuore lietamente Ti ho dato tutto di Enzo Piccinini La notte del 26 maggio è morto Enzo Piccinini, chirurgo e responsabile di Comunione e Liberazione,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

«I me g ha reso l anima ribelle»

«I me g ha reso l anima ribelle» «I me g ha reso l anima ribelle» testimonianza di Lidia Schiavon a cura di Franca Cosmai 1. Introduzione L intervista a Lidia Schiavon 1 fa parte di un gruppo di quaranta testimonianze di donne venete,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli