DEL DEL POPOLO POPOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEL DEL POPOLO POPOLO"

Transcript

1 El Shatt, un grande cimitero dalmata nel deserto del Sinai Goran Vežić nelle pagine 2 e 3 DEL POPOLO dalmazia Anno V n. 40 Sabato, 10 gennaio 2009 IL PROLOGO Dal primo febbraio parte la carica verso gli immobili della Dalmazia di Dario Saftich Nelle agenzie immobiliari dalmate i contratti di compravendita, freschi di stampa, sono pronti. Attendono l arrivo degli italiani. Gli agenti sono fiduciosi: si aspettano numerosi acquirenti dalla penisola appenninica, a partire dal primo febbraio quando finalmente cadranno le ultime barriere amministrative che ancora possono scoraggiare i cittadini comunitari dall imbarcarsi nell avventura di comprare casa in Croazia. La pubblicità negli ultimi tempi è martellante, potrebbero esserci davvero buoni affari. Ma chissà se l ottimismo degli agenti immobiliari è davvero giustificato, è possibile che decine di migliaia di friulani, veneti, lombardi, siano pronti a farsi la (seconda) casa, sulle dolci colline dell Istria ( Più bella della Toscana ) o lungo le coste e nelle isole glamour della Dalmazia ( È come la Costa Smeralda )? Il guaio è che gli italiani arrivano in ritardo. Dal 1991, da quando la Croazia si è resa indipendente inglesi, tedeschi, austriaci hanno comprato di tutto, dal villaggio turistico al casale ottocentesco in pietra. E nemmeno nell est europeo non sono rimasti con le mani in mano: in particolare ungheresi e russi sono calati numerosi in riva all Adriatico. Finora gli italiani per comprare casa, dovevano come tutti gli altri stranieri, fare richiesta al Ministero della Giustizia della Croazia (tempi di risposta, dai 12 ai 18 mesi), oppure creare una società di diritto croato a cui intestare l immobile. Paletti che hanno scoraggiato sicuramente tantissimi interessati. La liberalizzazione immobiliare, pertanto, schiude prospettive importanti tanto più che chi va a investire, in particolare in Dalmazia, lo fa in luoghi bellissimi. Secondo diversi analisti il mercato immobiliare sull Adriatico orientale può ripetere il boom della Costa Azzurra primi anni 90. Non mancano gli agenti convinti di poter incrementare le vendite anche del 100 per cento in cinque anni. Sarà, fatto sta che le case non sono mica in regalo. A Ragusa (Dubrovnik) si arriva, persino, a 8mila euro il metro quadrato: in questo caso, però, si paga il vip watching dato che la Dalmazia meridionale e in particolare la Perla dell Adriatico, sono meta di vacanze per Michael Douglas, Catherine Zeta-Jones, John Malkovich e la regina Rania di Giordania. Da altre parti i prezzi sono più abbordabili, ma comunque certo non da realizzo. In Croazia è ormai passata la psicosi di massa di anni addietro quando si temeva che gli stranieri avrebbero fatto incetta del patrimonio immobiliare nazionale e che ai cittadini locali sarebbero rimaste soltanto le briciole. Ci sono naturalmente sempre quelli che temono che i nuovi venuti finiranno per accaparrarsi i posti più belli della stupenda costa. Secondo le clausole concordate con l Unione Europea, soltanto i terreni agricoli e le foreste fanno eccezione alla liberalizzazione delle vendite. Si stima che siano stati finora circa gli stranieri che hanno acquistato immobili in Croazia. Dal luglio 2006 le autorità hanno ricevuto richieste da parte di stranieri che intendevano acquisire proprietà immmobiliari. Nei nove anni precedenti erano state autorizzate solamente domande. Tra i compratori più numerosi sono stati gli anziani, desiderosi di godere di un clima migliore e di un tenore di vita meno dispendioso, ma ci sono anche, come rilevato, diverse celebrità che hanno acquistato proprietà di lusso. Ad esempio, l ex tennista Thomas Muster ha comperato a Ragusavecchia (Cavtat), vicino a Ragusa, una villa da 1,2 milioni di euro, ad un prezzo che che gli esperti hanno calcolato pari a euro al metro quadrato.

2 2 dalmazia Sabato, 10 gennaio 2009 STORIA Nella seconda guerra mondiale un esodo di massa dall area costiera, da El Shatt, un grande cimitero di Goran Vežić Correvano gli ultimi mesi del La popolazione della fascia costiera, per l ennesima volta nella storia, si era trovata costretta a cercare rifugio sulle isole. Dopo la caduta dell Italia, infatti, i tedeschi temevano che gli alleati stessero preparando uno sbarco sulla costa adriatica. Avevano dato vita, pertanto, a massicci rastrellamenti nell area da Ragusa (Dubrovnik) a Spalato... A Bačina, vicino all odierna Ploče, avevano compiuto un autentico massacro. Valentin Juras della non lontana Gradac (litorale di Makarska) aveva trovato la salvezza con un sandolino che Boško Kačić, della vicina Brist, aveva lasciato sulla spiaggia a Zaostrog. Erano fuggiti praticamente tutti coloro che avevano dei legami con i partigiani. Giovani e vecchi. Correva voce che stessero arrivando anche i carri armati tedeschi... Con i battelli partigiani venivano trasferiti sulle isole invalidi, vecchi, donne e bambini. Per me e Riko Korljan non c era posto. Potevamo soltanto ritornare sul Biokovo. Però riuscimmo, comunque, a raggiungere Sućuraj sull isola di Lesina (Hvar) con il sandolino di Boško. Soffiava lo scirocco, fu una brutta traversata. La zona fu sorvolata a due riprese dagli aerei tedeschi. Li chiamavano mlikarice. O non ci videro, o decisero di risparmiarci. Con grande fatica raggiungemmo Sućuraj, avevamo le mani insaguinate. Io remavo mentre Riko gettava l acqua fuori dal sandolino, ci racconta l ottantacinquenne Valentin Juras. Le isole in mano tedesca Le isole dalmate cadevano, una dietro l altra, in mano ai tedeschi. Da Lesina, Valentin, assieme a migliaia di altri sfollati passò a Lissa dove aveva sede all epoca il comando supremo dell Esercito popolare di liberazione. I profughi provenienti in genere dalla terraferma dalmata, però, rappresentavano un onere non indifferente per i partigiani e gli alleati, alla pari degli abitanti stessi, i civili di Lissa. Per tale motivo, circa 40mila persone furono trasferite a bordo di navi alleate, alla fine del 1943, nell Italia meridionale. Nella Puglia rimasero circa persone. Le altre proseguirono per destinazioni più lontane. Fra di loro c era anche Branko Veža, di Brist, nel litorale di Makarska. Ferito sulla Sutjeska dove era rimasto senza un occhio, ora era ormai al sicuro e poteva pensare alla riconvalescenza. Via dalla Puglia Vista la situazione in Italia e in Medio Oriente gli alleati decisero che dovevamo lasciare la Puglia, racconta Branko Veža. I leader dei profughi chiedevano il trasferimento sulla costa mediterranea dell Algeria, gli alleati promettevano di sistemare gli sfollati in qualche oasi egiziana; alla fine finirono nelle sabbie del Sinai, all inizio del canale di Suez dalla direzione del Mar Rosso, a 15 chilometri di distanza dalla città di Suez. Ad attenderli c era una tendopoli. Tutto era organizzato. Lì esisteva un campo profughi creato dall esercito monarchico che aveva rifiutato di obbedire al re Pietro. Si trattava in genere di sloveni che avevano preparato per noi le tende, narra Branko Veža che a El Shatt divenne comandante delle sentinelle partigiane. A capo degli Valentin Juras con la consorte sfollati a El Shatt c era il Comitato centrale dei rifugiati. Una distesa di sabbia ostile invece dell oasi promessa Avevamo i nostri gradi, uguali a quelli partigiani, racconta ancora Branko Veža. La storia deve ancora fornire una risposta sui motivi per i quali gli sfollati vennero alloggiati in un deserto ostile e non in una delle oasi lungo il Nilo. Probabilmente c era di mezzo lo zampino del governo del Regno di Jugoslavia in esilio al Cairo, che desiderava compromettere agli occhi dell opinione pubblica alleata la dirigenza partigiana dell esodo. I primi sfollati giunsero a El Shatt 65 anni fa, nel febbraio del Essi organizzarono ben presto a puntino la loro vita nel deserto. Costituimmo anche le nostre scuole, per i bambini in età scolare. Dapprima si scriveva soltanto sulla sabbia per cui più tardi gli artigiani organizzarono dei laboratori: falegnamerie, sartorie, I due fratelli copti che si prendono cura del cimitero ecc. Era stata creata persino una scuola d arte applicata per quanti avevano del talento artistico. Tutto ciò fece capire agli alleati che non volevamo rappresentare per essi un peso, bensì eravamo decisi a procurarci da soli il necessario per vivere, spiega Branko Veža, fratello del pittore Mladen Veža. Branko aveva l onore di trovarsi nella stessa tenda con nomi di spicco del mondo della letteratura: Ranko Marinković, Marin Franičević, Vjekoslav Kaleb, Šime Vučetić... Comunque a El Shatt non si scordava la guerra che infuriava in patria: oltre un migliaio di giovani, volontari, ritornarono agli inizi del 1945 per combattere tra le file partigiane. L arte di arrangiarsi L arte di arrangiarsi e l istinto di sopravvivenza fecero capolino fra le sabbie del deserto. Le donne non avevano a sufficienza biancheria intima. Le tende erano fatte con tre tipi di materiale: grigio, bianco e azzurro. Con il materiale bianco le abili mani femminili davano vita a raggiseni, mutandine, ecc.. Nonostante le difficili condizioni di vita il morale era altissimo. La leadership dei rifugiati non volevano che il re Pietro facesse visita al campo profughi, mentre gli sfollati che avevano familiari nei paesi d oltremare si rifiutavano di raggiungerli nonostante le insistenze degli alleati. Racconta Branko Veža: Non lo permettemmo. Facemmo capire agli alleati che il nostro popolo era in grado di organizzarsi da solo, di lavorare e non intendeva vivere alle spalle altrui. Al Cairo e ad Alessandria vennero allestite persino mostre d arte ed esposizioni di oggetti d artigianato che ebbero vasta risonanza e permisero di pubblicizzare il movimento di Tito. Nessuna defezione I profughi a El Shatt sono stati probabilmente gli unici della storia fra i quali non vi sono state defezioni di alcun tipo: nessuno è rimasto a vivere nel paese che li aveva ospitati, praticamente nessuno ha raggiunto paesi terzi. Gli sfollati nel Sinai, inoltre, sono stati molto probabilmente, anche gli unici nella storia ad aver aiutato la popolazione domiciliare. Quei poveracci venivano dalle nostre vecchiette nelle tende a chiedere del cibo. Avevano persino imparato a dire in lingua croata Mamma buona, dacci del pane, dacci della stoffa. E le nostre vecchiette venivano loro incontro di buon grado. La polizia alleata questo non lo permetteva. Gli agenti venivano da me per convincermi a influire sulla nostra gente affinché non desse nulla agli egiziani. Io dicevo però loro: Il nostro popolo è fatto così, non si può vietargli di condividere con gli altri quello che ha, narra Branko Veža. San Giuseppe con il berretto partigiano A El Shatt frequentava la già menzionata scuola d arte applicata anche il protagonista dell inizio della nostra storia, Velentin Juras. Nel Museo croato di storia a Za-

3 Sabato, 10 gennaio 2009 Spalato a Ragusa, per sfuggire ai rastrellamenti dei tedeschi (1 e continua) almata nel deserto del Sinai gabria proprio il 4 gennaio scorso si è chiusa la grande mostra su El Shatt nel corso della quale sono stati esposti al pubblico anche dei disegni di Valentin Juras. Eravamo in 14 a frequentare la scuola, disegnavamo in genere ritratti e aiutavamo lo scultore Ante Kostović. Mi ricordo di quando eravamo intenti a preparare un grande rilievo per la chiesa che si trovava nella tenda. Realizzammo le figure di San Giuseppe e Santa Maria. E San Giuseppe portava il berretto con la stella rossa... Ante Kostović ci diceva che lui era stato costretto a lasciare la sua terra proprio come noi. Kostović aveva realizzato all epoca anche il monumento in cemento armato alla Madre Dalmata posto nel nostro cimitero a El Shatt. Durante una delle guerre arabo-israeliane la statua venne distrutta, per cui nel 1985 Ante Kostović ne realizzò un altra di bronzo. I morti furono 856 Il monumento domina il deserto. Le navi con equipaggi croati suonano la sirena quando passano nella zona, attraversando il canale di Suez. Nel cimitero vi sono i nomi di 856 persone morte durante l esodo nell Italia meridionale, a El Shatt e in due campi profughi minori in Egitto: El Khatatbi e Tulumbatu. Durante i circa 800 giorni di permanenza nel deserto (gli ultimi sfollati fecero ritorno a casa nel marzo del 1946) veniva celebrato in media un funerale al giorno. Il clima terribile falcidiava vecchi e bambini. Neda Ivičević di Drvenik aveva all epoca sette anni: Finii in ospedale che ero ancora bambina. Sopravvissi al morbillo di cui i bimbi morivano in massa.... Nel vortice delle guerre Il loro destino ci ricorda che il destino di chi si ritrova in mezzo alla guerra è la tomba. Coloro che sono rimasti nel deserto del Sinai non hanno potuto riposare in pace a due riprese, ossia nelle guerre arabo-israeliane del 1967 e del Nel 1985 il cimitero è stato riassettato, però la nuova guerra, questa volta nel Paesi d origine nel quale i defunti non avevano avuto la ventura di ritornare, ha avuto i suoi riflessi anche sulla lontana El Shatt. Il cimitero nel Sinai è stato dimenticato in seguito al moltiplicarsi dei sepolcri in patria. Lo Stato che si prendeva cura del camposanto lontano si era ormai dissolto. Il vento del deserto, il ghibli, portava sabbia sulle tombe, i viandanti asportavano le pietre. La Madre Dalmata continuava a svettare, intatta, soltanto il basamento era stato deturpato con graffiti in arabo. Ancor oggi, a ricordo delle guerre, vi sono nei dintorni campi minati. Non è raccomandabile, pertanto, allontanarsi dal camposanto e dalla pista che conduce ad esso dalla strada principale. Il camposanto riassettato Nel 2001 abbiamo avviato l iniziativa per riassettare il cimitero, dice il ministro aggiunto degli Esteri Ivica Tomić che all epoca era ambasciatore croato al Cairo. Il camposanto era in condizioni pietose. Non c erano le lapidi con i nomi dei defunti, non vi era più la porta d ingresso, le pietre sepolcrali erano state devastate, erano rimasti intatti soltanto il monumento e il muro di recinzione. Non disponevamo nemmeno della lista con i nomi delle persone sepolte. Ci rimboccammo allora le maniche e riuscimmo a procurare una lista di persone morte durante tutto l esodo: ci siamo fermati alla lista per adesso definitiva con 856 nomi. Nel 2003 lo Stato croato ha deciso di riassettare il cimitero: si è lavorato alacremente dal giugno E infine il 24 aprile 2005, alla cerimonia con la quale è stata contrassegnata la fine dei lavori, ha partecipato anche il presidente della Repubblica Stjepan Mesić. La Madre Dalmata spicca nella sabbia Non infuria più la guerra nel Sinai, però il cimitero si trova pur sempre in una zona militare, posta a difesa del canale di Suez. Passando attraverso il tunnel, dopo due ore di macchina dal Cairo, l autista dell ambasciata croata Alì ed io, arriviamo sulla sponda asiatica, sulla penisola del Sinai. Alcuni chilometri dopo il tunnel, lungo la strada principale che conduce in direzione nord, si trova l area di El Shatt. La viabile prosegue verso il noto centro di villeggiatura di Sharm El Sheik sul Mar Rosso, distante 300 chilometri. Siamo a fine agosto: la colonnina di mercurio tocca i 37 gradi. Va bene così, dice Alì, la settimana scorsa la temperatura raggiungeva i 45 gradi. Il canale di Suez nelle vicinanze è troppo piccolo per dare refrigerio a questa distesa infinita di sabbia nella quale spicca, quasi come una presenza irreale il camposanto di El Shatt con il monumento alto nove metri (assieme al basamento) alla Madre Dalmata. In precedenza era chiamato anche diversamente: Madre Dolente, Madre Patria, Madre Jugoslavia... Due copti si prendono cura dei sepolcri La Madre Dalmata non è più abbandonata sola a se stessa a chilometri di distanza dalla Madrepatria. A prendersi cura del camposanto sono due fratelli Samuil Assed Ebed e Mina Soliman Ebed, sono copti, appartenenti alla Chiesa Egizia cristiana monofisita. Una volta al mese il personale dell ambasciata croata al Cairo fa visita al cimitero. Gli stranieri, americani, tedeschi, greci... capitano qui di rado. Quando vedono il monumento rimangono sorpresi e ci chiedono di che cosa si tratti, ci spiegano i fratelli copti. Cerchiamo di spiegarglielo come possiamo, aggiungono. I viandanti europei restano interdetti perché non tanto lontano c è un altro cimitero di guerra europeo, quello di El Alamein nel quale si moriva anche rinchiusi nei carri armati. Giunti dalle sponde della Dalmazia All ingresso nel cimitero campeggia la scritta: Cimitero memoriale croato. All interno vi sono 800 monoliti bianchi di pietra alti un metro e mezzo e larghi trenta centimetri. Su due muri, su lapidi di marmo sono incisi i nomi dei defunti. All inizio scrive: Nel vortice della seconda guerra mondiale sono venuti qui, pieni di speranza nella salvezza e nel ritorno, dalle lontane sponde della Dalmazia e qui, nel Sinai, hanno trovato la pace eterna. La patria non li dimenticherà mai.

4 4 dalmazia 5 Sabato, 10 gennaio 2009 Sabato, 10 gennaio 2009 SPORT Negli anni trenta i calciatori dalmati bloccati soltanto dall isolamento geografico e dalla penuria di fondi (3 e continua) La squadra di Zara imperversò nelle Marche e in Abruzzo di Igor Kramarsich Il primo presidente, Luigi Lubin Una formazione del G.U.F.D. Zara e il calcio? Un connubio con lontane origini, ma poco noto. Il calcio a Zara vanta una lunga tradizione, ma non ha mai registrato grandi successi, non è mai riuscito a raggiungere i livelli di popolarità di altri sport. È rimasto, purtroppo, parecchio indietro rispetto alla pallacanestro che da sempre è stato lo sport numero uno della città dalmata. Ma quali la sua storia, le sue origini e i suoi successi? Sicuramente la passione per il gioco del pallone non è mai mancata nel capoluogo della Dalmazia settentrionale: se fra le due guerre mondiali gli zaratini hanno incontrato qualche difficoltà questo non è stato sicuramente per la mancanza di giocatori di talento o di spettatori entusiasti, tutt altro. A frenare l ascesa del calcio zaratino è stato l isolamento geografico di allora della città rispetto alla penisola appenninica, ovvero rispetto ai luoghi dove si giocavano i campionati che contavano. Ma nonostante tutto i dalmati fecero bella figura. Dopo anni trascorsi a giocare a livello locale, finalmente, nell estate del 1931 la squadra zaratina ebbe la possibilità di partecipare ad un vero campionato italiano. Visto da una parte il successo registrato al campionato ULIC anche a livello nazionale e dall altra il grande interesse per il calcio di tutta Zara e della regione nel suo insieme si decise di ritornare a disputare incontri di campionato in ambito appenninico. Considerati i fattori logistici e di comunicazione, senza trascurare le spese di gestione, la dirigenza alla fine optò per il campionato delle Marche. Anche se da un ottica tradizionale, spiccaramente regionale, Zara era maggiormente legata alla Venezia Giulia, inevitabilmente le Marche erano più vicine e più facilmente raggiungibili via mare. Anche se per gli zaratini questo era la scelta più logica e quella che comportava i minori costi, si trattò di un vero e proprio grattacapo per le altre squadre che non di rado davano forfait con tutti i rischi che questo comportava. Così nell estate del 1931 l A.C. Dalmazia fu iscritta al campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia. Vi parteciparono pure le seguenti squadre : S.Pol. Alma Juventus (Fano), Abruzzo (Pescara), Sambenedettese (San Benedetto del Tronto), US Jesina, SS Fabriano, Falconarese (Falconara), Anconitana B (Ancona) e Fermana. L esordio in questo campionato avvenne il primo novembre 1931 in casa contro l Alma Juventus di Fano, squadra che alla fine vinse il campionato. Il risultato fu più che soddisfacente, un 1-1. Seguirono partite disputate praticamente tutti i fine settimana. Questo creò non pochi problemi ai giocatori dalmati. Da una parte gli allenamenti si facevano molto serrati e poi non erano trascurabili i tempi delle trasferte. Siccome diversi giocatori soffrivano pure di mal di mare andare in Abruzzo era un autentica impresa. Fra alti e bassi Per gli zaratini fu un campionato con grandi alti e bassi. Dopo l ottimo pareggio seguì un incredibile 6-0 contro la Sambenedettese ed altre vittorie e risultati più che positivi tanto che il girone di andata finito il 10 gennaio la squadra zaratina lo chiuse con ben 11 punti. Il girone di ritorno iniziò con un disastroso 10-0 subito a Fano contro l Alma Juventus. Con altri risultati negativi e il ritiro dal campionato della Fermana gli zaratini finirono la competizione al quarto posto con 17 punti, frutto di sette vittorie, tre pareggi e quattro sconfitte. Pochi visti i risultati lusinghieri all andata, però pur sempre sufficienti a piazzarsi a soli quattro punti dal vincitore, l Alma Juventus. Un risultato tutto sommato positivo per i dalmati viste tutte le difficoltà di viaggio e la scarsa forma dei giocatori che ormai da anni non erano abituati a partecipare a competizioni impegnative e prolungate. Per questo campionato per gli zaratini giocarono: Perdach, Stratta, Hess, Magas, Beccaria, Fedel, Szommer, Comesar, Zlodre, Marzari e Bonifazi. Tra gli inserimenti sporadici da ricordare i fratelli Detoni, Vezil e Verdogliak. Soprattutto nelle trasferte furono utilizzati i fratelli Aldo e Ferruccio Zerauschek, Ogriscek e Dicelie. Anche in questa stagione si svolse il campionato italiano di livello ULIC. Un campionato che a livello regionale dalmato vide in campo le seguenti formazioni: Società Ausonia, la Pro Calcio, Borgo Erizzo, Ceraria, la Manifattura Tabacchi Orientali e la rappresentativa di studenti del G.U.F.D. Un campionato di minore importanza a livello nazionale rispetto all anno precedente, ma un campionato visto come una finestra dove trovare giocatori emergenti da impiegare nelle successive stagioni a livello nazionale dall AC Dalmazia. Numerose le amichevoli Durante la pausa estiva a Zara arrivarono diverse squadre di spessore per disputare partite amichevoli. Inoltra la squadra fu rinforzata dall ex giocatore dell Ambrosiana e poi del Palermo, lo spalatino Anton Blazevich. Inoltre nell estate del 1932 la squadra si prese una bella rivincita sconfiggendo la Pro Modena. Arrivarono, tra le altre, pure le squadre triestine, la forte Triestina e la più modesta Ponziana. Nell autunno si tornò a giocare a livello di campionato sotto la guida dell allenatore Natale Duviani. La squadra non subì grandi cambiamenti. Ritornò il portiere Giacomo Schitarellich a sostituire il titolare Lorenzo Perdach chiamato a prestare il servizio di leva. Si fece notare il giovane atletico Rodolfo Popper e la squadra fu rafforzata dai giocatori in servizio di leva a Zara: Stratta, Beccaria, Marzari e Bonifazi. Girone d andata davvero coi fiocchi L inizio del campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia fu davvero coi fiocchi: gli zaratini conclusero il girone di andata al primo posto senza nessuna sconfitta. Però il pericolo era dietro l angolo. Si trattava della grave situazione finanziaria che faceva sì che per quasi tutto il campionato la squadra fosse a un passo al ritiro e metteva non poche volte a repentaglio le trasferte. Alla fine la squadra riuscì a finire il campionato ottenendo un dignitoso terzo posto. In questi anni, sin dalla costituzione della AC Dalmazia la presidenza fu affidata a Luigi Lubin, vicepresidente Giovanbattista Tamino, cassiere Adalberto Schuh, segretario e portavoce Giuseppe Drizzi. Poi c era il consiglio composto da: Domenico Alampi, Giuseppe Baroni, Roberto de Denaro, Armando Lana, Rodolfo Malusà, Antonio Marin, Bruno Vezil e Riccardo Zohar. Interessante poi il ruolo di promozione, di diffusione del calcio, affidato al trio Giuseppe Gazzari, Giacomo Schitarellich e Giovanni Vuletin. Il campo in «Val de Ghisi» Società Ginnastica del 1935 Quello che fu nei primi anni un vero problema, ossia il campo da gioco, in questi anni fu completamente risolto ed in ottima maniera. Il campo chiamato Val de Ghisi era un complesso sportivo completo. Il campo di calcio era di misure minime, ma il terreno di gioco era ben separato dal pubblico. C era una tribuna centrale coperta ed al lato opposto un altra gradinata. Nell agosto del 1933 a Zara fu concesso l onore di organizzare il raduno nazionale indetto dal Comitato italiano tecnico arbitrale, ossia della C.I.T.A. Così in Dalmazia vennero oltre 200 giudici di gara insieme a tutti i membri della Federcalcio nazionale ossia della F.I.G.C. Sfiorata la promozione Il crescente successo nel Campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia proseguì pure nella stagione 1933/34. Alla fine si sfiorò pure la promozione. L AC Dalmazia arrivò prima a pari merito con Dopolavoro Cantieri Navali di Ancona, ma non fu promossa. Al campionato parteciparono 11 squadre. Tra i giocatori emergenti di questa stagione da segnalare i fratelli Lissicich, Toparelli, Ciossich, Sliepcevich, Giuseppe Canzia e il triestino Ghersinich. Troppi i guai finanziari Nella stagione 1934/35 l AC Dalmazia partecipò al campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia ma con minore successo. Alla fine si classificò al quinto posto, un piazzamento frutto di otto vittorie, un pareggio e sette sconfitte. Il risultato poteva essere di sicuro migliore se teniamo conto del fatto che per motivi economici la Società Ginnastica del 1930 squadra dovette dare forfait in ben tre occasioni, per cui oltre alle sconfitte a tavolino le furono pure inflitti tre punti di penalità. Nonostante il risultato finale le speranze degli zaratini erano grandi visto che a metà marzo la squadra si trovava al secondo posto. Il disastro cominciò con la costruzione della Casa del Balilla, per cui la squadra rimase senza campo sportivo. Inoltre c era l impossibilità di allenarsi, non c erano incassi, ragion per cui la crisi economica divenne più forte che mai. Il che costrinse i responsabili a decidere che la squadra non disputasse le rimanenti tre partite in trasferta. Fu una vera disperazione per tutti gli sportivi zaratini, ma di questo e di quello che seguì nella prossima puntata. Il campionato Marche-Dalmazia 1931/32 Campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia dall 1 novembre all 1 maggio Squadre partecipanti 9: 1. S.Pol. Alma Juventus (Fano) : Abruzzo (Pescara) : Sambenedettese (S.B.d.Tronto) : AC Zara : AS Jesi : SS Fabriano : Falconarese (Falconara) :40 4 (-1) 8. Anconitana B (Ancona) :42 0 (-1) 9. Fermana ritirata Fermana eslusa dal campionato dopo la 16.esima giornata, tutte le gare sono state annullate. Risultati: Abruzzo 1-2, 0-2 Alma Juventus 1-1, 0-10 Anconitana B 3-1, 3-2 Fabriano 1-1, 0-1 Falconarese 3-0, 2-1 Fermana 2-0, 3-1 (poi annullate) Jesi 5-2, 3-2 Sambenedettese 6-0, /33 Campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia la lista delle squadre partecipanti è ignota 1933/34 Campionato di II. Divisione Marche-Dalmazia Squadre partecipanti 11: AC Dalmazia di Zara Polisportiva Adriatica di Porto Recanati SS Porto Civitanova di Porto Civitanova Dopolavoro Cantieri Navali di Ancona; US Sangiorgese di Porto San Giorgio US Anconitana Bianchi B O.N.D. Gruppo Sportivo Urbino di Urbino SS Ascoli di Ascoli Piceno Comando Federale dei F.G.C. (Fasci Giovanili di Combattimento) di Macerata Dopolavoro Montecatini di Bellisio Dopo l inizio del campionato si iscrisse anche la squadra dei F.G.C. di Ancona. 1934/35 Campionato di II. Divisione Marche dal 4 novembre al 26 maggio Squadre partecipanti 9: 1. Dopolavoro Cantieri (Ancona) : SS Portocivitanova(Civitanova) : US Tolentino : US Anconitana Bianchi B : AC Zara :28 14 (-3) 6. AC Adriatica Portorecanati : Dopolavoro Sambenedettese :32 11 (-1) 8. Ac Macerata :36 11 (-1) 9. Fabriano :38 7 (-1) Risultato: Adriatica Portorecanati 4-2, 0-2 Anconitana Bianchi B 1-1, 2-6 Dopolavoro Cantieri 0-1, 0-2 Dopolavoro Sambenedettese 4-0, 0-2 Fabriano 4-2, 5-1 Macerata 6-2, 2-1 Portocivitanova 2-0, 0-5 Tolentino 4-0, 0-1 Anton Blazevich, nel 1928/29 fu capocannoniere in Italia Anton Blazevich fu un grande attacante, sconosciuto ai più. Nato nel 1902 a Spalato fece un grande carriera all estero. La parte più importante della sua carriera la costruì in Italia dove fu il migliore giocatore di origine dalmata fino ai tempi dei vari Bokšić, Jarni, Tudor e altri. Nel 1926 arrivò nelle file della Triestina dove rimase per una stagione. Seguì una tappa a Verona. Nell estate del 1928 passò all Ambrosiana di Milano, oggi squadra nota con il nome di Inter. Vi rimase per tre stagioni, però importanti, trascorse da vero protagonista. Nell ordine registrò 28 partite e 20 reti, 32/14 e 29/6. Con l Ambrosiana vinse lo scudetto della Serie A del Seguì l esperienza al Palermo dal 1931 al Dopo due anni nel Napoli nell estate del 1936 approdò all Hajduk nel quale rimase fino al Fu un classico centravanti, dotato di un grande fisico e in possesso di un tiro formidabile. Nel 1928/29 fu pure capocannoniere del campionato italiano! Non approdò, però, mai in nazionale. Dopo la carriere di calciatore fu pure allenatore, tra cui pure della AC Dalmazia, senza registrare però grandi successi. Morì a Trieste nel 1958.

5 6 dalmazia Sabato, 10 gennaio 2009 AMBIENTE Il bellissimo libro di Maurizio Crema dimostra eloquentemente che l A Viaggio alla scoperta della Da di Giacomo Scotti Curzola Maurizio Crema, autore di questo diario di un viaggio a vela da Venezia a Corfù sulle orme della Serenissima, è un giornalista professionista de Il Gazzettino. Nato a Verona, vive a Venezia collaborando con riviste quali Diario, D-Donna e il quotidiano Repubblica. Gli piace viaggiare, soprattutto in moto e in barca. Ha all attivo reportages dai Balcani, dall India, Cina e Sud America. Con Ediciclo ha già pubblicato Viaggio ai confini dell Occidente (in moto sulle strade dell Albania). Non è la prima volta che uomini di penna compiono viaggi su barche a vela sulle rotte dell Adriatico. Le biblioteche sono stracolme di libri del genere. Anzi, negli ultimi due-tre decenni, per le ragioni più disparate, compresi gli echi della guerra nell ex Jugoslavia nella prima metà degli anni Novanta del secolo appena tramontato, c è stata un accentuata attenzione di giornalisti e scrittori oltre che di uomini politici per il mare Adriatico, per l Istria e la Dalmazia in particolare e per i Balcani più in generale. A determinare l interesse è stato anche il turismo, un industria in pieno sviluppo sulle coste e sulle innumerevoli isole della parte orientale del nostro mare-lago. Anch io, mi si perdoni la scarsa modestia, ho contribuito a questa riscoperta con una decina di libri dedicati agli arcipelaghi del Quarnero, di Zara e Sebenico, alle Incoronate, alle isole della Dalmazia centrale, e questa navigazione fra le isole si concluderà presto con il volume Nell azzurro isole verdi sull arcipelago raguseo. Ho anche trattato le complesse vicende dell Adriatico sul piano storico-culturale nei libri I pirati dell Adriatico, La battaglia navale di Lissa, Vele di ventura, Avventure sui mari, Ragusa, la quinta repubblica marinara fino alle Fiabe e leggende del Mar Adriatico ed al recentissimo Un mare due sponde. Mi hanno fatto compagnia, nei miei viaggi sulle vie azzurre centinaia di libri che hanno infittito la biblioteca adriatica nella seconda metà del Novecento, ma anche i libri degli ultimissimi anni firmati da scrittori curiosi come Hans Kitzmüller, autore di Viaggio nelle Incoronate, Fabio Fiori autore di Un mare. Orizzonti adriatici ed altri scrittori diventati poi miei cari amici, come lo è diventato Maurizio Crema che è arrivato in mezzo a noi con il suo nuovo libro di viaggi Sulle ali del Leone. Uno spettacolo meraviglioso L arcipelago lagostano Leggendolo, chiunque si convincerà che l Adriatico è un mare stretto, è vero, ma offre sempre nuove sorprese a chi vuole conoscerlo meglio, a chi vuole goderselo, a chi lo frequenta per i motivi più svariati, e ancor più, a chi lo scopre per la prima volta. Esso riesce soprattutto ad affascinare chi, navigando a vela da Venezia a Corfù sulle orme della Serenissima, come ha fatto Maurizio Crema da buon veneto e veneziano, tocca la sua sponda e il suo bacino orientale con le quasi seicento isole disseminate al largo della Dalmazia. Allora, al meraviglioso spettacolo offerto dalla natura che conquista l anima ed eleva lo spirito dell uomo, si aggiunge la mentale visione panoramica di una storia altrettanto fascinosa che mescola i destini di genti e stirpi diverse, che nei secoli hanno saputo collaborare, convivere, mescolarsi anche nel sangue, che si sono reciprocamente arricchite negli ambiti culturali, artistici, linguistici perfino. Certo, talvolta si sono combattute, ma più spesso hanno combattuto insieme a difesa di una comune civiltà che affonda le radici nella romanità, nel cristianesimo, nel radicamento europeo. A chi preferisce porre l accento sul contributo culturale dato da Venezia e, in genere dalla sponda occidentale, alla crescita civile degli Slavi meridionali residenti sulla sponda orientale, vorrei ricordare per inciso, che l Umanesimo, il Rinascimento e in genere lo sviluppo delle arti e della cultura in Italia e nell Europa occidentale furono possibili grazie al sacrificio di sangue degli Slavi meridionali che eressero un muro di valorosi petti, di ossa umane e di teschi per arrestare l inondazione degli Ottomani, che per secoli soffrirono la loro dominazione, preferendo essere impalati piuttosto che tradire la loro fede, che non cessarono mai di lottare per difendere i valori dell Occidente senza respingere quanto di buono veniva dall Oriente. Ripercorse le antiche rotte Chiedo venia per questa digressione e torno al libro di Maurizio Crema. Egli ha voluto donarci il diario di una sua avventura in centoventi pagine. Spinto dal vento, su una barca di legno d altan, ha ripercorso le antiche rotte più precisamente: alcune di quelle rotte per rivisitare alcuni dei porti, delle insenature, delle città e delle terre che già conobbero l amministrazione dell aristrocratica Repubblica marinara di San Marco protrattasi dall inizio del Quattrocento (ed anche prima) fino alla caduta del Leone negli ultimissimi anni del Settecento. Segnate con amore le tracce perdute Lasciando al lettore il piacere della scoperta dei dettagli, delle storie e storielle disseminate nelle pagine del libro, diciamo subito che a presentarlo con una breve ma densa prefazione è Alvise Zorzi, nome prestigioso, uno dei più importanti studiosi della storia di Venezia, autore tra l altro di un corposo volume di circa 800 pagine dal titolo La Repubblica del Leone uscito recentemente. Seguono gli agili capitoletti, una ventina, del diario di Crema che, con la sua barca a vela Brancaleon non ha scoperto nuovi mondi come dice Zorzi -, né ha piantato il gonfalone marciano su terre sconosciute, ma ha il merito citiamo ancora il prefatore di raccontare un viaggio per mare attraverso terre note registrandone ciò che le rende diverse da com erano, nuove per noi anche quando le conoscevamo bene; di registrare nell area adriatica un cambiamento che investe tutto il mondo, fissando così la nostra memoria su ciò che esse non sono più, segnandone con amore le tracce perdute e registrando tutto il bello che nemmeno l uomo, bestia distruttrice, può sopprimere, le acque limpide le luci, le ombre, il vento. Traversata fino a Lagosta Si parte da Venezia l undici luglio 2006, si sosta a Chioggia, si va a Rimini. Una volta le galee venete seguivano la linea della parenzana toccando dapprima l Istria e proseguendo poi per la Dalmazia. Crema e i suoi compagni di viaggio hanno deciso diversamente: si fanno una traversata di 214 miglia fino a Lagosta, l isola esterna dell arcipelago raguseo da dove, però, invece di puntare verso Ragusa o qualche isola delle Elafiti, vanno ancora più a sud toccando la costa del Montenegro: Bar alias Antivari, l antica Antibaris così detta perché dirimpettaia di Bari. Crema la definisce la Pompei veneziana ritrovata. A questo punto non sappiamo se seguire la Scheda del viaggio che chiude il libro o i titoli dei capitoli. Scegliamo questi che, dopo Bar, indicano: Dulcigno, il nido assediato (l odierna Ulcinj era un covo di pirati saraceni); Antivari- Corfù, Otranto e nuvole; Corfù, la sentinella del Golfo; Albania, aspra ruga; Scutari, castelli e musica. Dall Albania si risale verso Nord, si entra nei fiord delle Bocche di Cattaro: Perasto, l incontro elfico; Cattaro, fortezza d aquila di mare Anche queste sponde, al tempo del Leone marciano erano dette Albania, Albania Veneta. La decima regione Risalendo ancora ci si immerge nella terre che dai Romani fu detta Decima Legio, la decima regione di Dalmatia et Istria; e da questo punto, dopo un exursus storico a volo d aquila, il diarista e i suoi compagni si lasciano alle spalle quella che Crema definisce la parte più avventurosa del viaggio per procedere in territori fin troppo esplorati. Poi si corregge, era solo un impressione subito smentita: la Dalmazia riserva sempre sorprese. Crema ci accompagna a Ragusavecchia (la Croazia è arrivata) che sarebbe Cavtat ovvero l antica Epidauro, poi a Ragusa- Mèleda ( la quinta repubblica e il lago di miele nel mare ), proseguendo per Curzola, made in Marco Polo, quindi per Lèsina- Hvar l isola delle illusioni ; per Sebenico, la città assediata e dimenticata ; per l Incoronata che, al centro della micronesia disabitata è un valzer di paradiso. Da qui si raggiunge Zara, fabbrica di nostalgia, e infine l Istria passando per Lussino e Parenzo. Da questa città Crema e compagni fanno una volata verso casa sulla barca portata dal vento. Il viaggio finisce a metà agosto e comincia il libro.

6 Sabato, 10 gennaio 2009 dalmazia 7 driatico è sì «un mare stretto», ma offre sempre nuove e piacevoli sorprese lmazia«sulle ali del leone» Lesina Una cavalcata di mille miglia Col libro in mano, anche senza barca, siamo noi ora a compiere la cavalcata di mille miglia nel corso della quale accanto a personaggi italiani attivi nella ricerca e conservazione delle reliquie di un mondo scomparso nelle acque e sulle sponde orientali dell Adriatico scopriamo un gruppo di avventurieri e un giornalista, un mondo giovane, nuovo, attento alle iniziative intese a sciogliere barriere e pregiudizi che dividono alieni e croati (qui citiamo nuovamente il prefatore), attenti anche alle comunità degli italiani rimasti, riconosciute ed attivissime in terra croata e slovena. Tanta nostalgia Certo, questo di Crema, come dice Zorzi, e libro che quando tocca i tasti del passato veneziano e italiano è pieno di nostalgia, ma va aggiunto subito: non è un libro rivendicatorio, così come non lo era il viaggio di Crema e dei suoi amici tra una sponda e l altra dello Ionio e dell Adriatico ; e non vi si parla soltanto di leoni alati, ma anche e molto di stupende ragazze e di bellissimi ragazzi dalmati, del boom del turismo ovunque: in Montenegro e Dalmazia (molto meno in Albania). Mi sembra particolarmente azzeccata e poetica la conclusione delle note del prefatore: Dopo aver letto questo libro, vien voglia di farsi prestare il Brancaleon e di imbarcarsi in fretta e navigare fra isole e fiordi, fra scogli e spiagge e lagune e pinete, e sbarcare nelle raffinate cittadine veneziane, Spalato e Traù, Scardona e Pola, Almissa e Perasto, Rovigno e Cherso, e nella superba Ragusa, ( ) e di immaginare una realtà nella quale, turismo a parte, gli abitanti di una delle aree di più antica e nobile civiltà che esistano possano crescere liberi e amici. Riannodare i legami Concludendo, voglio dire che quello di Crema è un viaggio pieno di bellezze, che riunisce avventura e storia, passione e poesia; la sua navigazione nel tempo e nella realtà presente serve per ricordare, capire, riannodare i legami costruiti fra uomini e donne delle due sponde in centinaia e centinaia di anni. Libri come questo servono a ridare all Adriatico il ruolo che se si eccettua l ultimo secolo, il Novecento, che è stato un muro fu sempre un mare che unisce, un ponte tra genti e culture. Il «battesimo del fuoco» atteso prossimamente a Düsseldorf «Salona 34» naviga con il vento in poppa SALONA (SOLIN) Mihael Primorac, direttore dell impresa AD brodovi di Salona (Solin), sprizza gioia da tutti i pori. La barca a vela Salona 34 al primo impatto con il mare si è dimostrata all altezza delle aspettative, giustificando così appieno la sua candidatura a imbarcazione europea nell anno nella sua categoria. Siamo sicuramente superiori alla concorrenza e ci sentiamo in grado di sbaragliare il campo a Düsseldorf, ha dichiarato raggiante Mihael Primorac. La Salona 34 si è presentata all opinione pubblica dalmata alla 14.esima regata natalizia tenutasi nell area di Spalato e dei Castelli spalatini. Il battesimo del fuoco è atteso in Germania. La barca europea dell anno sarà proclamata al maggior salone della nautica da diporto che si terrà nella città tedesca di Düsseldorf dal 17 al 19 gennaio Della giuria, composta da undici membri, fanno parte i capiredattore e i dirigenti degli equipaggi preposti ai test di undici fra le più influenti riviste nel campo della nautica in Europa: Badnyt (Danimarca), Voile (Francia), Batnytt (Svezia), Fare Vela (Italia), Seilas (Norvegia), Swissboat Yachting (Svizzera), Waterkampioen (Olanda), Yacht (Germania), Yachting world (Regno Unito), Yacht Revue (Austria) e Yate (Spagna). Divertimento nell acqua gelida SPALATO Come vuole una consolidata tradizione, a Spalato Natale e Capodanno si festeggiano anche... in mare. Gli appassionati non sono mancati nemmeno quest anno agli appuntamenti con il popolare picigin nello stabilimento balneare delle Botticelle (Bačvice). L acqua gelida non può certo fermare chi ha voglia di giocare e divertirsi.

7 8 dalmazia Sabato, 10 gennaio 2009 INVESTIMENTI Gli investitori italiani varcano l Atlantico e anche l Adriatico Immobili, è l ora della Dalmazia di Dino Saffi Trascorrere la vecchiaia in serenità in qualche amena località in riva al mare, magari in Dalmazia. È questo il sogno di tanti anziani. E gli italiani non sono sicuramente secondi a nessuno in questo ambito, anzi primeggiano quando si tratta di avviare iniziative concrete per fare sì che questo sogno non rimanga tale, ma si tramuti in realtà. E per le regioni interessate, nel nostro caso la Dalmazia, questo interesse degli anziani italiani può rivelarsi un opportunità da non perdere per fare buoni affari. Le ultime ricerche di mercato del centro indipendente per l analisi degli andamenti sul mercato del mattone, Scenari immobiliari, hanno evidenziato che i grandi investitori si sono gettati a capofitto nell affare case di riposo e costruiscono in giro per il mondo tutta una serie di residenze per la terza età indirizzate ai pensionati italiani. Nemmeno i figli di questi pensionati però se ne stanno con le mani in mano e acquistano anch essi case per le vacanze nelle località più attraenti. Sono due le direttrici principali di marcia degli investitori. Da una parte vi sono le famiglie che vogliono investire i loro risparmi L edificio centrale ha undici piani A Spalato una stupenda biblioteca universitaria SPALATO Nel campus universitario del capoluogo della Dalmazia è stata inaugurata la nuova Biblioteca universitaria che si estende su una superficie di ben metri quadrati e ha undici piani. La costruzione della Biblioteca, la più moderna in Croazia, è venuta a costare 250 milioni di kune. L edificio centrale ha 500 posti a sedere, ripartiti su tre piani, a disposizione degli studenti e degli altri interessati. Non mancano altri ambienti specializzati. Una novità è rappresentata dal fatto che la biblioteca sarà aperta per gli studenti 24 ore su 24 e sarà in rete con le biblioteche delle altre università e facoltà in Croazia. Inoltre studenti e docenti avranno a disposizione praticamente mezzo milione di libri e dodicimila titoli di riviste e giornali, tra i quali anche collezioni rare. I vecchi preziosi volumi verranno restaurati in un laboratorio modernamente attrezzato. Particolare attenzione verrà prestata agli incunaboli e ai volumi di epoca medievale che verranno custoditi in una sezione specifica. Alla cerimonia d inaugurazione sono intervenuti, tra gli altri, il ministro dell Istruzione, della Scienza e dello Sport, Dragan Primorac, il presidente del Sabor Luka Bebić e il vicepremier Slobodan Uzelac. acquistando la seconda o la terza casa al mare: esse puntano al Mediterraneo. In questo caso però non possiamo parlare di investitori nel vero senso della parola, quanto di persone indirizzate alla ricerca di beni rifugio che possano ritornare utili per trascorrere vacanze serene. Il secondo gruppo è più ambizioso, guarda non solo al vicinato, ma va più a oriente, addirittura fino all Asia e all Australia. In questo caso possiamo parlare di investimenti che stanno alla pari con quelli delle piccole aziende. Il peso finanziario medio degli acquisti si aggira attorno ai 200mila euro. Una volta le famiglie italiane desiderose di comprare casa all estero si indirizzavano soprattutto verso la Francia, ovvero verso la Costa azzurra. Negli ultimi anni c era stato un boom immobiliare legato al Mediterraneo in genere. Ora invece assistiamo alla corsa ad est. Persino la Russia comincia a risultare interessante. La crisi dei mercati azionari, il calo del dollaro, la crisi del mercato immobiliare negli Stati Uniti con la conseguente flessione dei prezzi, hanno però spinto ultimamente molti italiani a varcare l oceano. Gli investimenti immobiliari italiani in America sono saliti quest anno dal 30 al 50 per cento rispetto allo scorso anno. New York e Miami sono le mete prferite, però c è chi compra casa addirittura nel Texas o nel Wyoming. Naturalmente l interesse italiano è rivolto anche ai mercati più vicini a est, dalla Croazia, alla Bulgaria, alla Romania, dove i prezzi almeno finora erano più abbordabili che in occidente. Sono zone queste, rilevano gli analisti di Scenari immobiliari, dove si costruisce moltissimo, per cui l offerta è enorme. Le infrastrutture stanno migliorando e i prezzi non sempre sono alle stelle. Come i tedeschi qualche anno fa, ora anche gli italiani si lanciano negli acquisti pensando semmai a rivendere qualche anno dopo quando i prezzi saranno saliti. I più coraggiosi comprano palazzi interi, poi li rinnovano, li suddividono in appartamenti e li rivendono guadagnando fior di quattrini. Vista la struttura dell offerta e del mercato immobiliare in Romania e Bulgaria prevalgono gli acquisti nelle metropoli, mentre dalle nostre parti chiaramente gli investimenti si indirizzano verso le zone costiere. Prevale per il momento l Istria, soprattutto Pola, ma l interesse per la Dalmazia pare destinato a salire. Soprattutto ora che migliorano i collegamenti stradali. A febbraio, inoltre, cadranno gli ostacoli burocratico-amministrativi per l acquisto di immobili in Croazia da parte dei cittadini europei. Ragion per cui c è da attendersi una lievitazione consistente dell interesse italiano per la Dalmazia, sottolineano gli analisti. Inoltre in un periodo di crisi, contrassegnato dal crollo delle azioni, gli immobili vengono considerati un investimento più solido. Non bisogna dimenticare poi, la tendenza a diversificare gli investimenti che favorirà pure la corsa al mattone in riva al mare. Per la Dalmazia, naturalmente, questa è un arma a doppio taglio, visto il rischio cementificazione. Non c è dubbio però che le opportunità per fare buoni affari ci sono. Qualche cifra: nel primo semestre di quest anno le famiglie italiane hanno acquistato la bellezza di immobili fuori d Italia con un incremento del 16,7 p.c. rispetto all anno precedente. Entro la fine dell anno tale cifra dovrebbe salire a quota 30mila. Il boom riguarda, come detto l America, dove il costo degli immobili è calato del 20 p.c. Il Mediterraneo è in fase di stagnazione: tira solo il mercato turco. Salgono sia pure lentamente gli investimenti nell Europa centro-orientale e quindi anche in riva all Adriatico orientale: ma la percentuale è di soli 12 punti. Non mancano quelli che comprano casa a Dubai. I meno danarosi scelgono Santo Domingo e il Marocco. I più coraggiosi giocano la carta cinese, comprando a Pechino e Shangai. Mete esotiche, certo. Ma noi abbiamo i tropici... alle porte di casa, ovvero la Dalmazia. Perché cercare lontano, quello che è a portata di mano... Anno V / n. 40 del 10 gennaio 2009 LA VOCE DEL POPOLO - Caporedattore responsabile: Errol Superina IN PIÙ Supplementi a cura di Errol Superina Progetto editoriale di Silvio Forza / Art director: Daria Vlahov Horvat Edizione: DALMAZIA Redattore esecutivo: Dario Saftich / Impaginazione: Teo Superina Collaboratori: Igor Kramarsich, Giacomo Scotti, Goran Vežić e Dino Saffi La pubblicazione del presente supplemento viene supportata dall Unione Italiana grazie alle risorse stanziate dal Governo italiano con la Legge 193/04, in esecuzione al Contratto N 83 del 14 gennaio 2008, Convezione MAE-UI N 2724 del 24 novembre 2004

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA RELITTO BARON GAUTSCH Distanza dal centro: 14 NM Massima profondità: 39 metri Minima profondità: 28 metri Lunghezza: 89 metri Questa e la nave di passeggeri Austriaca ed e la più conosciuta destinazione

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua costa orientale. Così, usciti da

Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua costa orientale. Così, usciti da DAL MAR DI TRACIA A TRIESTE IN BARCA A VELA: LA TAPPA CONCLUSIVA DEL RIENTRO IN ITALIA DELLA MAJA IIIp. di Sara Bonafini Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La Croazia. Nazione del Mese

La Croazia. Nazione del Mese La Croazia Una forma strana, retaggio di una suddivisione controversa e sanguinosa, una specie di U rovesciata, che ha il suo centro a Zagabria e che si allunga verso le bellissime coste adriatiche da

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Natale e Capodanno 2012: Le capitali europee conquistano gli italiani

Natale e Capodanno 2012: Le capitali europee conquistano gli italiani COMUNICATO STAMPA OSSERVATORIO VOLAGRATIS Natale e Capodanno 2012: Le capitali europee conquistano gli italiani Capitali europee protagoniste: il 62% degli italiani ha scelto l Europa per le prossime festività

Dettagli

Il turismo in Albania

Il turismo in Albania Il turismo in Albania www.ejona.eu Alcuni dati sulla posizione geografica, il clima e la popolazione L'Albania oppure semplicemente Shqipëria, è uno Stato della Penisola balcanica situato nel sud-est dell'europa.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Il Mare a Vicenza Premio Pigafetta, 5ª edizione. Albo d oro Premio Pigafetta 2008 2011. Giuria del premio

Il Mare a Vicenza Premio Pigafetta, 5ª edizione. Albo d oro Premio Pigafetta 2008 2011. Giuria del premio 2012 PROGETTO PROGETTO PROGETTO Presentano la serata Patrizio Roversi e Syusy Blady. Noti al grande pubblico per Turisti per Caso, dal 2002 al 2006 realizzano Velisti per Caso. Il programma racconta le

Dettagli

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità premessa Si fa un gran parlare in questi giorni di vacanze in Abruzzo (lo stesso Presidente del Consiglio è alla ricerca di casa) dopo le note vicende che

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

I. Turismo e vacanze in Italia

I. Turismo e vacanze in Italia I. Turismo e vacanze in Italia Ogni anno tantissimi turisti passano le loro vacanze in Italia. Che cosa attira questi turisti? Il clima temperato, le bellezze naturali, la ricchezza del patrimonio storico,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi CURRICULUM SPORTIVO di Giancarlo Paulon Nato a Venezia il 14/05/1928 Residente: Dorsoduro 2359 30123 Venezia Tel. 041 72 23 52 Cell. 340 38 12 734 Mail: giancarlo.paulon@gmail.com Nella foto: Paulon dopo

Dettagli

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe Informazione, film e fiction, approfondimenti e testimonianze

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus I Genitori... Per i loro figli desiderano una vita ordinata, vissuta nel rispetto delle regole; vorrebbero una scuola impegnata con docenti di livello e che non cambino continuamente, con istruttori capaci

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Quest anno per la solita gita che facciamo tra Natale e Capodanno decidiamo di cambiare meta, non più la ormai (per noi) tradizionale toscana, toccata negli

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA. Ufficio Stampa Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA ESTATE 2013, SONDAGGIO CONFESERCENTI-SWG: LA CRISI NON VA... IN VACANZA E LASCIA A CASA QUASI 14 MILIONI DI ITALIANI. I VACANZIERI ESTIVI PASSANO DAL 79% DEL 2010 AL 58%

Dettagli

Croazia 12-28 Agosto 2005

Croazia 12-28 Agosto 2005 Croazia 12-28 Agosto 2005 Per l estate 2005 la meta scelta è stata la Croazia. Le idee erano tante, i posti da visitare molti e il tempo sempre troppo poco. Dopo un anno di lavoro la voglia di andare via

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Con gli Asburgo sui mari del Mondo

Con gli Asburgo sui mari del Mondo CENTRO REGIONALE STUDI DI STORIA MILITARE ANTICA E MODERNA TRIESTE Con gli Asburgo sui mari del Mondo Uomini, navi, esplorazioni, missioni e scontri dal 1382 all attentato di Sarajevo Settembre 2010 Progetto

Dettagli

ADRIATIC CARAVANING SAILING & Adria Holidays 14 GIORNI, 14 PORTI, 4 PAESI, 400 MIGLIA PARTENZE

ADRIATIC CARAVANING SAILING & Adria Holidays 14 GIORNI, 14 PORTI, 4 PAESI, 400 MIGLIA PARTENZE Adria Holidays ADRIATIC SAILING & CARAVANING 14 GIORNI, 14 PORTI, 4 PAESI, 400 MIGLIA Partecipate alla straordinaria vacanza in barca a vela e imparate a conoscere il Mar Adriatico! Dall Italia al Montenegro,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO RICORDO DI TRENTO Ricordo che, più o meno, siamo arrivati a Trento sulle 11 e alle 11.45 eravamo dentro in museo per vedere la mostra sull homo sapiens, che si è rivelata molto bella e interessante. Ricordo

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

TARGET Core target. concept. Profilo. storia. Target allargato. Profilo

TARGET Core target. concept. Profilo. storia. Target allargato. Profilo TARGET Core target Armatori, appassionati di vela e d imbarcazioni da diporto. Profilo Prevalentemente uomini, 30/70 anni, medio/alto profilo socio-economico, interesse verso arte, musica, storia, lusso

Dettagli

lunedì 20 luglio alle ore 18:30 INFO Chiara Ivone 3315995249 timesportgarbatella@libero.it - chiaraivon@libero.it

lunedì 20 luglio alle ore 18:30 INFO Chiara Ivone 3315995249 timesportgarbatella@libero.it - chiaraivon@libero.it I N V I T O Roma, 15/07/2015 La Time Sport Roma Garbatella, informa che in data 02/07/2015 è stato raggiunto l accordo con il Signor Fabio Petruzzi, che assumerà l incarico di responsabile della scuola

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

LAVORARE NELLE CROCIERE

LAVORARE NELLE CROCIERE LAVORARE NELLE CROCIERE tutti I consigli e I segreti per trovare Il lavoro che sogni su una nave da crociera LAVORARE NELLE CROCIERE a cura di antonio caneva daniela anzinger IL LAVORO CHE SOGNI TI STA

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 Il nostro ruolo nel Mediterraneo Loredana Cornero - Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona. Desidero ringraziare tutti i relatori presenti

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Art. della rivista MODUS Roche

Art. della rivista MODUS Roche 15 Art. della rivista MODUS Roche 16 17 Turisti per caso Vacanze in crociera di J.S. 18 Non sono stata mai sulla nave in un viaggio lungo, ma conoscere posti come Dubai, Il Cairo, Muskat, Sharm el-sheikh

Dettagli

TÇàÉÇxÄÄt hüüâ x `tâü é É géçát

TÇàÉÇxÄÄt hüüâ x `tâü é É géçát \Ä i tzz É w aéééx w TÇàÉÇxÄÄt hüüâ x `tâü é É géçát CROCIERA OLTRE LE COLONNE D ERCOLE ITINERARIO DI VIAGGIO 22 Settembre Savona Arrivo al porto di Savona, disbrigo delle operazioni d imbarco e sistemazione

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 PROMOTORI Jaima Sahrawi (Reggio Emilia), El Ouali (Bologna), Kabara Lagdaf

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

SOCIAL SAILING. Cosa aspettate?? Salpate con noi! per info scrivete a info@associazioneoltrevela.it o visitate la pagina Facebook di social sailing!

SOCIAL SAILING. Cosa aspettate?? Salpate con noi! per info scrivete a info@associazioneoltrevela.it o visitate la pagina Facebook di social sailing! SOCIAL SAILING Avete sempre sognato un avventuroso viaggio per mare ma non lo avete mai fatto? Ora è il momento giusto! Salpando con Social Sailing, nuova iniziativa dell associazione Oltrevela, riscoprirete

Dettagli

parcheggio camper al campeggio Simos di Elafonissis

parcheggio camper al campeggio Simos di Elafonissis GRECIA AGOSTO 2008 Dall 8 al 28 agosto 2008 Camper Sharky M6 del 2007 Equipaggio. Andrea (autista e tecnico tuttologo), Emanuela (navigatore e assistente) e Lorenzo (8 anni) Km percorsi: 2800 circa Partenza

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano Fu tra gli scopritori del mitico Passaggio a Nord-Est Dalle terre polari

Dettagli

COSTA MEDITERRANEA CROAZIA MONTENEGRO E GRECIA

COSTA MEDITERRANEA CROAZIA MONTENEGRO E GRECIA 1 COSTA MEDITERRANEA CROAZIA MONTENEGRO E GRECIA Dal 5 al 12 settembre 2015 ITINERARIO 05 settembre 06 settembre 07 settembre 08 settembre 09 settembre 10 settembre 11 settembre 12 settembre TRIESTE SPALATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI STUDIARE L ITALIANO IN UNA UNIVERSITÀ MEDITERRANEA 1 Perché scegliere Cagliari? Situata al centro del golfo degli angeli, che si apre

Dettagli

Introduzione. Storia della ricerca

Introduzione. Storia della ricerca Introduzione L oggetto di questo studio è la Biennale di Dakar, che dal 7 maggio al 7 giugno 2004 presenterà la sua sesta edizione. Dak Art come è chiamata la manifestazione dal 1996 è nata grazie all

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Capannori Speciale lavori pubblici 3 - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Nel trentennale dello spostamento del municipio da Lucca a Capannori festeggiamo una delle più grandi opere

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

LA CROCIERA ESTIVA 2015

LA CROCIERA ESTIVA 2015 LA CROCIERA ESTIVA 2015 I l desiderio di nuove esperienze, la bellezza dei luoghi l incessante interesse per nuove mete hanno persuaso a vele spiegate a pianificare la crociera estiva del 2015 in due modalità

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 5 bollettino mensile Maggio 2009 Giugno 2009 A cura di Storia

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli