Scuola Primaria G. Garibaldi Teano IL PICCOLO SIDICINO LABORATORIO DI SCRITTURA GIORNALISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola Primaria G. Garibaldi Teano IL PICCOLO SIDICINO LABORATORIO DI SCRITTURA GIORNALISTICA"

Transcript

1 1 Scuola Primaria G. Garibaldi Teano Siamo su Internet IL PICCOLO SIDICINO http//www.teanoprimocircolo.it AD USO INTERNO ANNO VIIIN.- 1-N LABORATORIO DI SCRITTURA GIORNALISTICA AVVENIRE NEWS FESTEGGIATI I DIECI ANNI DEL NOSTRO GIORNALINO SCOLASTICO Carissimi ragazzi, il Laboratorio di scrittura giornalistica volge al termine. Come referente del Progetto spero che l esperienza fatta vi abbia trasmesso la curiosità per i mezzi di comunicazione e per il giornale. Mi auguro che i nostri incontri, seppur brevi, siano serviti a dare voce e maggiore visibilità a voi e alla nostra scuola sul territorio. Colgo l occasione per augurarvi buone vacanze insieme alle docenti Boragine e Giacomobono che mi hanno accompagnato e sostenuto in quest avventura.. Sappiate, ora, utilizzare tutte le strategie apprese per poter affrontare le sfide della vita con un solido patrimonio culturale; praticare l intelligenza creativa e rapportarvi sempre agli altri con spirito critico, nel pieno rispetto delle regole e delle diversità. Alla Dirigente scolastica, nonché Direttore responsabile del Piccolo Sidicino, un grazie particolare per la dedizione e la passione che impiega ogni giorno nella pratica educativa e formativa, così come ringrazio tutte le altre componenti dell istituzione scolastica per il loro sostegno e impegno nell attuazione del Progetto. Un doveroso ringraziamento, infine, alle famiglie ed un augurio perché possano, ancora di più, rafforzare la loro attenzione alle attività di formazione dei propri figli e la collaborazione con l istituzione scolastica. Silvia Melillo Il 25 maggio 2011 si è concluso il laboratorio di giornalismo attivato nella nostra scuola Il percorso didattico ha previsto la formazione di tre redazioni: l Avvenire, la Repubblica e il Mattino. Nella tavola rotonda conclusiva abbiamo intervistato due giornalisti sidicini che ci hanno rivelato i segreti del mestiere. Hanno raccontato che il loro lavoro è molto impegnativo e difficile, ma anche che è bello sapere, leggendo il giornale, quello che succede intorno a noi. Hanno spiegato come si fa a diventare veri giornalisti e ci hanno dato anche dei suggerimenti per scrivere un articolo. I giornalisti professionisti, hanno detto, devono avere buona capacità di osservazione: infatti solo con la curiosità e la voglia di sapere si possono scopri- I NN A 0 1 ME E I INS re cose nuove. Essi non hanno mai un minuto da perdere, non hanno mai tregua, perché il loro lavoro è molto impegnativo e non sempre viene stimato da tutti. Noi li abbiamo ascoltati con ammirazione, perché se non ci fossero, nessuno saprebbe cosa succede nel mondo. Abbiamo trascorso due ore bellissime e interessanti. Per questo motivo desideriamo ringraziarli per la loro disponibilità, competenza, pazienza e per l ascolto attento delle domande che abbiamloro posto. Ora ci auguriamo di saper spendere bene tutto ciò che abbiamo appreso. INTERVISTA AL GIORNALISTA ANTONIO GUTTORIELLO Il direttore responsabile del Messaggio nella nostra scuola Il dott. Antonio Guttoriello è nato a Teano, vive a Teano ed è un giornalista.è un sidicino doc. La sua passione per il giornalismo è nato dal leggere per poi arrivare a descrivere i fatti che accadono.quando era bambino non era bravo in italiano.un giorno morì il capo di una squadra di pallacanestro, Juve-Caserta, e il dott. Gutto- riello decise di pubblicare questo fatto sulla prima pagina di un giornale. Nel raccontarci la sua esperienza ci ha detto che per diventare giornalista serve molta passione. Una regola fondamentale è che quando si scrive un giornale si deve scrivere solo il fatto non la nostra opinione. Sommario: Il laboratorio di giornalismo 1 Intervista al dott. Antonio Guttoriello 2 Il PON scientifico 4 La Biblioteca scolastica 4 Progetto Solidarietà 5 Buon compleanno 6

2 2 PAGINA 2 I L PIC CO LO SI D ICI NO A N N O VI II - N. 1 IL NOSTRO PROGETTO MOMENTO PER MOMENTO In aula, nel laboratorio d informatica e..a spasso per la città Il laboratorio d informatica Il due marzo è iniziato, nella nostra scuola un percorso di scrittura giornalistica per le classi quarte. Nella prima lezione dieci bambini hanno intervistato il Direttore responsabile del Messaggio : dott. Antonio Guttoriello. Successivamente le insegnanti ci hanno parlato della comunicazione e dei suoi elementi. Alla fine della lezione ci hanno fatto fare un piccolo test, molto semplice, e per casa ci hanno assegnato di rielaborare gli appunti presi durante l intervista. Nella lezione successiva le maestre ci hanno portato nel laboratorio d informatica per digitare l elaborato fatto a casa e quando siamo tornati in classe ci hanno fatto colorare delle schede UN GIORNALISTA A SCUOLA Intervista Al Direttore responsabile del Messaggio : dott. Antonio Gutturiello Mercoledì 2 marzo abbiamo invitato, nella nostra scuola, il giornalista Antonio Guttoriello per intervistarlo. Ci ha raccontato che lui è un teanese doc. perché tutta la sua famiglia è di Teano. Alla domanda di come fosse nata la sua passione per lo scrivere, ci ha risposto che lui da piccolo non era tanto bravo in italiano. Diventato adulto, però, iniziò ad appassiouna piccola giornalista al lavoro narsi alla lettura e a scrivere i suoi primi articoli che vennero pubblicati Il dottor Antonio Gutturiello è un da noti quotidiani. sidicino doc. La sua passione è iniziata quando il capitano di una squadra morì e scrisse un articolo su di lui. Quando era piccolo non era bravo in italiano però capì che per scrivere bene bisogna leggere bene. Ci ha dato anche dei buoni consigli, come essere seri se si scrive un articolo e non dire bugie quando si scrive e ha detto anche che si deve scrivere parole semplici. TUTTI AL LAVORO Infine ci ha detto che il nostro giornel LABORATORIO D INFORMATICA nalino è più bello del suo Il dottor Antonio Gutturiello è un sidicino doc., cioè ha tutta la famiglia a Teano. La sua passione è nata leggendo molto e poi è stato facile, per lui, scrivere un articolo. L ispirazione l ha trovata quando è morto l allenatore della squadra di basket di Caserta. Il dottor Antonio Gutturiello è un giornalista pubblicista ed è il capo della redazione del Messaggio. Il suo giornale si occupa solo di cronaca locale o anche fatti nazionali che possono interessare la nostra realtà locale. Una regola fondamentale per scrivere un articolo è riportare solo il fatto, non la nostra opinione

3 3 ANNO VIII - N. 1 INTERVISTA AL FOTOGRAFO ANTONIO GRANDE IL PICCOLO SIDICINO PAGINA 3 VIAGGIO D'ISTRUZIONE A POZZULI E CUMA Gli alunni delle classi quarte visitano la Solfatara e l antro della Sibilla Il signor Grande Antonio è un sidicino doc. La sua passione per la fotografia è iniziata 11 anni fa e lavora da tre anni presso lo studio fotografico Vincenzo Aversano di Teano. Nell intervista che gli abbiamo fatto, ha iniziato dicendo che essere un bravo fotografo è come essere un artista. È necessario, ha detto, imparare le tecniche fotografiche e avere gli strumenti adatti (macchina fotografica, computer, ecc.), ma serve anche tanto studio, pratica e passione. Lo studio fotografico che abbiamo visitato ricorre a collaboratori esterni per servizi fotografici pubblicitari e di cerimonie (matrimoni, battesimi, ecc.). Alla domanda di come si scatta una bella foto ci ha risposto dicendo che l immagine deve trasmettere emozioni. Speriamo che la nostra foto con lui riesca a trasmettergli, con semplicità, la gioia che abbiamo provato nell intervistarlo! È necessario, ha detto, imparare le tecniche fotografiche e avere gli strumenti adatti (macchina fotografica, computer, ecc.), ma serve anche tanto studio, pratica e passione. Mercoledì,11 maggio, siamo andati in viaggio d istruzione. Ci siamo ritrovati alle 7:30 al piazzale antistante la chiesa di Santa Maria la Nova e, dopo che i carabinieri hanno controllato il pullman e le mille raccomandazioni dei nostri genitori, siamo partiti verso le ore 8:00. Appena partiti abbiamo recitato due preghiere e siamo stati nel pullman circa un ora e mezzo. Le maestre a volte ci raccomandavano di stare seduti. Siamo arrivati alle ore 9:00 all ingresso della Solfatara che forma uno dei 40 vulcani costituenti i Campi Flegrei. E un vulcano attivo ma in stato dormiente che da millenni ha un attività di fumarole, di fangaie e di elevate temperature del terreno. La Solfatara ha il caratteristico odore di uova marce formato dalle fumarole. Nel cratere si utilizzano le fumarole come terme naturali. Ci sono due grotticelle che cacciano fumo e che si chiamano Inferno e Paradiso. Un altro fenomeno interessante è quello del rimbombo del suolo che abbiamo provato direttamente saltando e provocando una sensazione che ci siano grandi cavità. I Romani chiamavano la Solfatara forum Vulcani cioè Dimora del dio del Fuoco. Dopo ci siamo spostati a Cuma per visitare l Antro della Sibilla Cumana che era la sacerdotessa di Apollo. Il dio greco si innamorò della Sibilla, ma non ricambiato, per conquistarla, le concesse FUMAROLA di esprimere un desiderio. La fanciulla gli chiese di farla vivere tanti anni quanti granelli di sabbia riusciva a contenere la sua mano ma si dimenticò di chiedere l eterna giovinezza. La Sibilla invecchiò così tanto che il suo corpo si consumò e rimase soltanto la sua voce. Questo Antro è molto suggestivo e si prova un pò di paura quando si entra. Poi siamo tornati a Pozzuoli per visitare l Anfiteatro ricco di reperti. Abbiamo visitato l arena dove combattevano i gladiatori che erano molto spesso degli schiavi. Siamo andati anche nelle gabbie da dove uscivano degli animali feroci tenuti per lunghi periodi senza cibo in modo da far aggredire con più ferocia i poveri gladiatori. Infine abbiamo fatto sosta all Autogrill e comprato piccoli doni per i nostri familiari. Questa avventura è stata fantastica, i- struttiva e interessante per noi a- lunni: un esperienza stupenda da ripetere anche il prossimo anno con un percorso diverso.

4 4 4 IL PON SCIENTIFICO LA BIBLIOTECA SCOLASTICA Un laboratorio del Programma Operativo Nazionale attuato nella nostra scuola Cresce di anno in anno nei Piccoli Sidicini l amore per la lettura Il PON scientifico è stato un progetto scolastico in cui si sono fatti molti esperimenti. Si sono formati due gruppi: Sperimentilandia 1 e Sperimentilandia 2. La nostra esperta è stata molto brava. In una lezione ci ha fatto osservare dei vetrini e in un altra tutti gli strumenti necessari in un laboratorio scientifico. Il primo esperimento che abbiamo fatto è stato il mio preferito, perché per osservare la formazione di un gas abbiamo messo in una bottiglia un po di aceto e del bicarbonato di sodio. Abbiam poi messo un palloncino sgonfio sulla bocca della bottiglia e lasciato cadere un po di bicarbonato nell aceto. un po di bicarbonato. Dopo che il bicarbonato di sodio è caduto nell aceto è iniziata una reazione chimica e abbiamo ossrevato che lo svilupparsi di schiuma e il palloncino che si è gonfiato. Nelle ultime lezioni abbiamo conosciuto l amico Fritz, una lucertola sott aceto che insieme ad una rana e una vipera abbiamo osservato con la lente d ingrandimento. Nell ultima lezione la maestra ci ha fatto vedere il fossile di un lombrico Come verifica alla fine di questo PON prima ci hanno fatto fare due tests e poi, con la direttrice abbiamo presentato e visitato il nostro nuovo laboratorio scientifico. Il Progetto Biblioteca nella mia scuola si realizza da diversi anni. La nostra Biblioteca scolastica è ricca di libri e di solito nell ora di ricreazione noi bambini, con il permesso delle insegnanti, possiamo andare a prendere un libro da leggere a casa. Tutti i libri vengono registrati e restituiti dopo quindici giorni. La biblioteca è fornita anche di sedie, computer e un videoproiettore per vedere qualche film. I libri da leggere sono di vari tipi: fiabe, favole, scienza e storia; tutti molto interessanti. Il Progetto viene gestito ogni anno da alcune maestre che in orario prestabilito sono a disposizione di noi bambini.

5 5 PROGETTO SOLIDARIETÀ Un coro in unità di voci e partecipazione TERREMOTO E TSUNAMI IN GIAPPONE Colpita la parte nord orientale dell isola Honshu Immane tragedia in Giappone. Il terremoto ha causato uno tsunami con onde alte più di dieci metri che ha seminato morte e distruzione. Si parla di 378 morti e 584 dispersi oltre a 950 feriti, ma il bilancio sembra, purtroppo, destinato ad alzarsi di molto. Grazie alle costruzioni antisismiche, obbligatorie in tutto il Giappone, i crolli non sono stati numerosi, la gran parte dei danni e delle vittigli alunni delle me è stata causata dallo tsunami. classi quarte nella A Tokio, a 370 Km dall epicentro, i crolli sono stati limichiesa cattedrale tati, ma anche nella capitale si contano i morti. di Teano La rete di telefonia cellulare è saltata e anche le comunicazioni telefoniche attraverso le linee fisse sono molto difficili. Ha resistito solo Internet, tramite la quale la Mercoledì 15 dicembre 2010 l ordinario silenzio gente continua a scambiarsi informazioni in tempo reale. della cattedrale è stato interrotto dalle voci festanti Sono trentotto le nazioni del mondo che hanno immediadi tutti gli alunni del 1 Circolo didattico per il tradi- tamente offerto aiuto e solidarietà al popolo nipponico. zionale Gran Concerto di Natale. La manifestazione è stata l attesa e gioiosa conclusione del Progetto Solidarietà inserito nel P.O.F. Quest anno racconta la referente Maria Pia Giacomobono -, in sinergia con il 150 Anniversario dell Unità d Italia, il Progetto ha inteso valorizzare la partecipazione attiva di tutti gli alunni del 1 Circolo a una società democratica in cui ognuno non aspetta che siano gli altri a fare qualcosa, ma s impegna a donare gratuitamente, consapevole che solo così genera solidarietà. Noi alunni dalle ore in poi abbiamo calcato la scena (il presbiterio della cattedrale) allietando i presenti con melodiosi canti natalizi e coreografie a tema. Suggestivo è stato l allestimento in diretta di un semplice presepe. La Dirigente scolastica, dott.ssa Antonietta Ragosta, ha ricordato che i fondi raccolti con il nostro Progetto Solidarietà, attuato nel Circolo dal lontano 1996, sono stati utilizzati per adozioni a distanza in India, a Beslan, in Burundi e Benin; per la ricerca sul can- BAMBINI cro (A.I.R.C.); per la ricerca sulle malattie genetiche UNITI di Telethon e per sostenere l associazione di Medici senza frontiere. OVUNQUE PORTIAMO Quest anno, ha concluso, i fondi raccolti saranno utilizzati per aiutare bambini in difficoltà nella nostra NOI AMICIZIA E città di Teano. ANDIAMO Al termine della serata ha invitato i presenti a visitaserenità re la mostra di presepi nella sala dell Annunziata, QUANDO dove sono stati esposti dal I Circolo una natività e un suggestivo albero di Natale patriottico UNITI 5 Redazione Avvenire AMIAMO

6 6 BUON COMPLEANNO MUSEO Buon Compleanno Museo. 25 marzo marzo 2011 Il nostro Museo di Teanum Sidicinum racconta attraverso poco meno di 1000 reperti la storia del territorio dal Paleolitico al Medio Evo. Sono sette gli spazi espositivi distribuiti tra le due navate dello splendido edificio Tardo Gotico del Loggione (1375) e formano un percorso attraverso i secoli che illustra aspetti della vita quotidiana, dei riti, del costume sociale, delle credenze, del gusto artistico, delle produzioni artigianali e della composizione sociale del popolo italico dei Sidicini. A dieci anni dall'inaugurazione la Soprintendenza per i Beni Archeologici, il Comune di Teano e l'associazione FIDAPA hanno promosso una giornata di iniziative e noi alunni del Primo Circolo didattico di Teano siamo stati invitati a festeggiare l evento. La visita guidata e le azioni sceniche sono state curate dell'associazione "I Liberi" e dell'istituto Ugo Foscolo. La manifestazione si è conclusa con il taglio della torta sulla magnifica terrazza del Loggione PERCORSI D ARTE E CULTURA IN ITALIA Il 1 Circolo partecipa al Progetto promosso dal Ministero dell Interno Grande partecipazione di genitori e autorità alla mostra finale del Progetto, Percorsi d arte e cultura in Italia, martedì 21 dicembre 2010 nel Santuario di S. Antonio di Padova a Teano. La mostra dal titolo Il Patrimonio del Fondo Edifici di culto (F.E.C.) nella Provincia di Caserta, dal sopralluogo all evento ha avuto come finalità educativa quella di presentare al territorio il patrimonio artistico e culturale, gestito dal Fondo Edifici di culto, e attivare, così, concrete sinergie tra l Istituzione scolastica e gli Enti locali rivalutando un autentico gioiello, spesso sconosciuto. Alle ore 9.30 gli alunni delle classi terze, quarte e quinte hanno raggiunto il Santuario accompagnati dalle docenti per presentare il lavoro di ricerca storica, foto e ricordi d epoca relativi alla tematica loro affidata. Dopo una breve presentazione del vice-prefetto, il saluto del dott. Giovanni Mesolella e del sindaco dott. Raffaele Picierno, il prof. Giulio Festa ha parlato delle tecniche di riproduzione fotografica utilizzate per realizzare i pannelli esposti nella mostra. Di seguito si è passati alla proiezione del DVD, sulla storia dei giardini del Santuario, prodotto dalle classi terze, con il competente aiuto del sig. Cardellino e la premurosa parte- cipazione del maestro Vincenzo Mastrostefano. Le classi quarte e quinte hanno presentato, poi, su supporto multimediale, la storia del Santuario, del chiostro e della fiera campionaria, che ogni anno per la festa del Santo di Padova richiama numerosi visitatori, La manifestazione si è conclusa con l esibizione degli alunni in canti tradizionali natalizi e il saluto della Dirigente scolastica, dott.ssa Antonietta Ragosta.

7 7 La staffetta Assisi-Siena-Teano CORRI PER UNIRE Il Forum nazionale giovani festeggia il 150 Anniversario dell Unità d Italia TEANO CHIAMA ROCCABASCERANA Alunni dell Istituto Comprensivo Statale Matteo Renato Imbriani in visita nella città dello Storico Incontro In occasione del 150 Anniversario dell Unità d Italia il Forum Nazionale Giovani ha organizzato una staffetta in cui hanno corso migliaia di giovani, provenienti da tutta Italia, passandosi di mano in mano un testimone d eccezione : il Tricolore italiano. L evento, dal nome suggestivo Corri per unire, ha a- vuto lo scopo di sensibilizzare i media e la politica sui temi cari ai giovani: l inserimento nel mondo del lavoro, il diritto allo studio, le politiche per la famiglia e per la natalità, il riconoscimento del merito e dell eccellenza. I luoghi delle tre tappe sono stati individuati in tre luoghi simbolo dell Unità d Italia: Assisi, Siena e Teano. Le tre staffette sono partite contemporaneamente nella mattinata del 16 marzo per raggiungere in serata Roma. Il 17 marzo, a Roma, alcuni rappresentanti del Forum hanno consegnato il testimone al capo dello Stato. Anche noi, alunni del 1 Circolo, siamo stati presenti allo storico evento. Come protagonisti, insieme agli a- lunni delle altre scuole del territorio, abbiamo animato, in costume, la partenza e partecipato alla diretta televisiva di RAI 1 e RAI 3. Le gocce di pioggia non hanno spento il nostro entusiasmo e, bagnati e contenti, siamo tornati a scuola dove abbiamo finalmente cantato l inno nazionale e altri canti patriottici insieme ai nostri amici di Roccabascerana. Redazione Avvenire La festa per il 150 dell Unitàd Italia con gli amici di S. Arpino (CE) Nell ambito delle celebrazioni del 150 Anniversario dell Unità d Italia, il giorno 16 marzo, una cospicua rappresentanza dell Istituto comprensivo di Roccabascerana (AV) ha partecipato con striscioni, cartelloni, coccarde tricolore e foulards rossi garibaldini alla manifestazione organizzata dal nostro Circolo didattico. A causa della pioggia, il previsto corteo per le strade cittadine è stato sostituito dall esibizione degli alunni all interno dell edificio scolastico. Sono intervenuti alla manifestazione il sindaco, dott. Raffaele Picierno, l assessore alla cultura, ins. Rosaria Pentella e il comandante della locale stazione dei carabinieri Augusto Proietti. Gli 85 alunni provenienti dalle classi quinte della Scuola Primaria e dalle classi prime della Scuola secondaria di 1 grado, entusiasti, hanno applaudito i nostri alunni della Scuola dell Infanzia e Primaria che si sono esibiti in canti patriottici e quadri scenografici sul tema dell Unità d Italia. Gli alunni dell Istituto Irpino sono stati accompagnati da una folta schiera di docenti: Anna Di Troia, Wanda Fantasia, Franca Covino, Giovanna E- sposito, Antonio Parrella, Pasqualina Ciullo, Anna Nigro, Generoso De Simone, dai collaboratori scolastici Michela Porcaro e Dante Adamo e dalla F.S. Carmine Leo. Dopo la sosta per il pranzo, la scoperta dei luoghi garibaldini è continuata con un percorso da Piazza Unità d Italia fino a Piazza Duomo (la stalluccia, il museo garibaldino, il Palazzo S. Agapito) ed è stata arricchita anche dalla visita del Museo archeologico, con la competente presentazione del sig. Pasquale Fascitiello, e della Cattedrale. Terminata la visita, abbiamo salutato i nostri amici dandoci appuntamento alla prossima meravigliosa avventura da vivere insieme, possibilmente, in una splendente e calda giornata di sole Redazione Avvenire

8 8 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA NOSTRA CITTÀ UN MONITO DALLA SCUOLA G. GARIBALDI La raccolta differenziata è importantissima e la dobbiamo fare tutti, per evitare disastri ambientali. Da alcuni anni anche a Teano si effettua; però devo dire che molte persone non la fanno correttamente. Ad esempio vedo per le strade comunali sacchetti buttati senza rispettare i giorni e gli orari di ritiro e soprattutto non differenziando i rifiuti, ma mischiando tutto. A me questa situazione proprio non piace perché, l inquinamento reca uno svantaggio a noi bambini che saremo la generazione futura.. Per questo voglio invitarte gli adulti a stare attenti a non inquinare il mondo con l abbandono dei rifiuti. Comportarsi in modo incivile fa male all ambiente e alla nostra salute! Il laboratorio di giornalismo mi è piaciuto perché abbiamo lavorato in gruppo, abbiamo imparato come si fa un giornale, abbiamo fatto dei giochi a tema sul giornale e la comunicazione. Spero di fare progetti così interessanti anche l anno prossimo. Laura Il laboratorio di giornalismo è stato molto bello perché ci ha fatto capire come è interessante il lavoro di un giornalista, di un reporter, di un fotografo. Fabio Il laboratorio di scrittura giornalistica è stato molto bello. I giochi sono stati molto interessanti ( il Telefono senza fili, la Gabbia ) e nel laboratorio d informatica ho imparato a scrivere e stampare un articolo al computer. Nella Biblioteca, invece, ho ascoltato con attenzione le lezioni che ci sono state proposte attraverso presentazioni Power Point. Davide Del laboratorio di giornalismo mi è piaciuto tutto, ma soprattutto scrivere gli articoli al computer. Uno dei giochi che mi ha particolarmente interessato è stato Passa la notizia. Desidero ringraziare le maestre per il loro lavoro e per la pazienza che hanno dimostrato di avere con noi. Milena In questo laboratorio di giornalismo mi sono divertito molto quando ho intervistato dei veri giornalisti: il sig. Antonio Guttoriello e il sig. Nunzio De Pinto. Francesco DALLA REDAZIONE DELL AVVENIRE NEWS BUONE VACANZE 2011 DA: Boscia Milena, Campaiola Arianna, Canfora Davide, Cangiano Salvatore, Fiato Mariangela, Dell Estate Fabio, Licciardi Maria Teresa, Palumbo Federica, Pasquariello Miriam, Ruolo Laura, Razzino Gioacchino. Vicario Francesco,

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Gemellaggio tra la Classe V D della Scuola Primaria G. Lodi e la Classe V F della Scuola Primaria di Bollate Insegnante Paola Poppi La nostra

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE

IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE ISTITUTO COMPRENSIVO «N.TOMMASEO» SCUOLA DELL INFANZIA «F.GARBIN» Arre UNITA DI APPRENDIMENTO : 1. IO : LA MIA STORIA 2. IO : LA

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDA COSTA FERRARA. Progetto Accoglienza

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDA COSTA FERRARA. Progetto Accoglienza ISTITUTO COMPRENSIVO ALDA COSTA FERRARA Scuola Primaria A. Manzoni Anno scolastico 2011/2012 Progetto Accoglienza Benvenuti alla scuola A. Manzoni Referente del progetto continuità: Rachele Mascolo Insegnanti

Dettagli

MODELO DE CORRECCIÓN

MODELO DE CORRECCIÓN ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL MODELO DE CORRECCIÓN HOJA DE RESPUESTAS EJERCICIO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO G.B. PUERARI Via IV Novembre,34-26048 SOSPIRO (CR) - c.f. 93037640195 Tel. 0372 623476 telefax 0372 623372 E-mail: cree025005@istruzione.it

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi.

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi. Cari amici dei Salesiani, all inizio di questo nuovo anno formativo desideriamo presentarvi un breve riassunto delle nostre attività dalla fine del giugno scorso fino a settembre. 1 giugno - Animazione

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO - PIETRASANTA 1 Codice fiscale: 82008190462 Via Garibaldi 72 _55045 Pietrasanta (LUCCA) Telefono: 0584/793975 telefax: 0584/735612

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

si presenta STAMPATO IN PROPRIO

si presenta STAMPATO IN PROPRIO Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, la promessa di un mondo d armonia e generosità. Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui fa germogliare

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA 2 CIRCOLO A. MORO RUTIGLIANO N. 2 GIUGNO 2013

SCUOLA DELL INFANZIA 2 CIRCOLO A. MORO RUTIGLIANO N. 2 GIUGNO 2013 SCUOLA DELL INFANZIA 2 CIRCOLO A. MORO N. 2 GIUGNO 2013 1 PREMIO AL CONCORSO NAZIONALE PER IL GIORNALINO SCOLASTICO 2013 Il 24 Maggio 2013 con un gruppo di bambini di 5 anni accompagnati dai genitori,

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

idealfoto wedding & fashion photographers

idealfoto wedding & fashion photographers Cari Sposi, in questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di matrimonio. E importante che leggiate perchè vi daranno alcune informazioni molto utili

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

Progetto per la promozione dei diritti umani e dell adab come nuovi fondamenti della cittadinanza italiana

Progetto per la promozione dei diritti umani e dell adab come nuovi fondamenti della cittadinanza italiana Progetto per la promozione dei diritti umani e dell adab come nuovi fondamenti della cittadinanza italiana Concept: Must è una parola inglese che vuole dire dovere o anche (tra le altre cose) mosto. Mu.st.

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015 Istituto Comprensivo Statale Caprino veronese SCUOLA INFANIZA VIA SANDRO PERTINI, 22 37013 CAPRINO VERONESE - Tel. 045/7241026 Fax 045/6230723 E-mail: vric86300e@istruzione.it WWW.ICSCAPRINOVERONESE.IT

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Sport da seguire o da praticare? A coppie individuate, secondo voi, quali sono gli sport da seguire e quali invece da praticare. Trovate su internet delle foto di vari sport. Attaccate le foto

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014 S cuele A tive V ierte E ducative IMPARARE GIOCANDO PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA per l anno scolastico 2013/2014 IMPARARE GIOCANDO L U.O. Ludobus propone per l anno scolastico 2013-2014 percorsi

Dettagli

FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI HOBBY - INTERESSI

FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI HOBBY - INTERESSI FORMAZIONE - ATTIVITA' PROFESSIONALI Stage URBIS INDUSTRIE Ufficio marketing e comunicazione TIROCINIO: ATTIVITA' LUDICO- EDUCATIVE presso SCUOLA PRIMARIA DI AMMETO Metodo FOR MOTHER corso ARTEMOZIONE

Dettagli

La scuola si presenta

La scuola si presenta La scuola si presenta La Scuola dell'infanzia Cà di Ventura è ubicata in via San Felice 19 a Genova-Molassana E raggiungibile per mezzo del bus n 477, linea secondaria che si interseca con il 12-13-14

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Programmazione didattica annuale

Programmazione didattica annuale A.S. 2014-2015 Programmazione didattica annuale *Scuola dell Infanzia Carlo Pizzala 22030 ORSENIGO Via Baragiola, 1 C.F./P.I. 00648820132 Revisione 06.10.2014 EXPLORANDO L il PIANETA a.s. 2014/2015 Progetto

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA ANNO 2012-2013

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA ANNO 2012-2013 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA ANNO 2012-2013 Le seguenti attività si svolgono presso il laboratorio ambientale dell area verde Palazzina del Comune di Curtarolo (PD). Referente:

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Nelle Sale Espositive di Villa Vertua, saranno esposte opere del Pittore Corrado Zani dal titolo Luci D Africa

Nelle Sale Espositive di Villa Vertua, saranno esposte opere del Pittore Corrado Zani dal titolo Luci D Africa Nova Milanese, 29/11/2012 Titolo :L arte Testimonial dei Diritti dei bambini Luci d Africa Villa Vertua Masolo Dall' 08/12/ 2012 al 27/01/2013 Inaugurazione 8 dicembre 2012 - ore 16.00 Progetto organizzato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade INTERVISTA OBIETTIVO: XF14mm F2.8R ESPOSIZ: 1/30 sec a F4, ISO 1600 Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade REGISTRATI!

Dettagli

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali debbano essere attuate in virtù del fatto che al bambino

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SICURA ATTIVITA DIDATTICHE MULTIMEDIALI PROGETTO BIBLIOTECA EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE ALLA SALUTE

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SICURA ATTIVITA DIDATTICHE MULTIMEDIALI PROGETTO BIBLIOTECA EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE ALLA SALUTE PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SICURA ATTIVITA DIDATTICHE MULTIMEDIALI PROGETTO BIBLIOTECA EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE ALLA SALUTE Referente di progetto Traguardi di competenza Ins. Paradiso Carmelina

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE 2015/2016 2015/2016 2015/2016 CALENDARIO SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE VIA DALMAZIA ROMA SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

Gli eventi. La Settimana Santa

Gli eventi. La Settimana Santa Gli eventi La Settimana Santa I suggestivi riti spagnoli della Settimana Santa di Iglesias risalgono al seicento e sono curati da secoli dall Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Sacro Monte.

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO)

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO) PROPOSTA FORMATIVA La Cooperativa AnimaGiovane e l'associazione Altresì lavorano assieme da anni nell'ambito della formazione e dell'educazione in diversi settori: scuole, oratori, centri aggregativi,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Con Lola è più facile

Con Lola è più facile Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi A.S. 2008/2009 Scuola dell infanzia Albertario Scuola dell Infanzia Peter Pan Scuola Primaria Collodi Con Lola è più facile Esperienza di continuità tra scuola dell

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli