The Godfather. Robert Walser. Un po tutti, almeno una volta, si sono chiesti com è la vita di un grande. di JACOPO CIRILLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The Godfather. Robert Walser. Un po tutti, almeno una volta, si sono chiesti com è la vita di un grande. di JACOPO CIRILLO"

Transcript

1 n.17 La citazione del mese 5 Le vite ortogonali 6 Mitomania 7 Il Finzionario 8 Trilogie 9 Letto e mangiato 10 Pillole di scienza 11 Donne & Compressori 12 Eccezioni 13 Me lo copre il prezzo? 14 Interferenze 15 Metaletterari di carta 16 Devo ancora finirlo 17 La lettera che muore 18 Megaviaggi! 19 Biografie edulcorate 20 La posta dei lettori 21 Interpretazioni non ufficiali 23 Ghost World 24 Iperboloser 25

2 2

3 The Godfather Robert Walser di JACOPO CIRILLO Un po tutti, almeno una volta, si sono chiesti com è la vita di un grande scrittore, di uno che come unico lavoro scrive libri. Cosa succede nella sua quotidianità. Compone tutto il giorno o solo quando ne ha voglia? Quando non parla di libri, con gli amici al bar commenta le moviole di calcio? Se è in crisi di ispirazione va a pesca o sta in casa sul divano a bere birra? Oppure fa il bullo come Conrad che non sapeva «come spiegare a mia moglie che quando guardo fuori dalla finestra sto lavorando»? Robert Walser, che è un genio, nella sua Passeggiata spiega in maniera sottile e molto profonda cosa significhi il lavoro intellettuale: cos è, davvero, la vita per uno scrittore. Il libricino, di suo, consiste semplicemente nella descrizione dell autore che, stanco di stare in casa, va a fare due passi nella sua piccola cittadina svizzera e inizia a fare incontri molto particolari e divertenti: giganti, librai, artisti, cantanti, cani e sarti attaccabrighe. A un certo punto passa un automobile e Walser, impetuosamente, esclama: «è davvero incredibile la villania con la quale mi s impedisce di dedicarmi a studi raffinati e d immergermi nelle più nobili profondità. Sebbene abbia motivo di essere indignato, voglio invece comportarmi con mansuetudine e tollerare con garbo: per quanto dolce possa essere il pensiero di ciò che di bello e di eletto ci è passato dinanzi, e il pallido quadro di una gentilezza remota, certamente non v è ragione, per questo, di voltare le spalle al nostro mondo e al nostro prossimo». Nella coerenza del libro queste cose lui non le scrive a posteriori, riportando ricordi frammentari. Lui le pronunzia. Immaginarsi un distinto signore che, berciando contro un automobile puzzolente, scandisce, a braccio, queste esatte parole. Walser parla come un libro stampato. Letteralmente, tanto da abolire la metafora (che ha senso solo se c è uno scarto tra termine metaforizzato e termine metaforizzante) e trasformare una similitudine in una sovrapposizione. Walser parla davvero come un libro stampato. Questo è sicuramente il modo più intelligente possibile per far capire, almeno di sfuggita, come dev essere la vita per un vero scrittore: portarsi la letteratura i libri stampati, appunto nella quotidianità più lontana possibile dalle biblioteche: la passeggiata. 3

4 Sommario La citazione del mese 5 Le vite ortogonali 6 Mitomania 7 Il Finzionario 8 Trilogie 9 Letto e mangiato 10 Pillole di scienza 11 Donne & Compressori 12 Eccezioni 13 Me lo copre il prezzo? 14 Interferenze 15 Metaletterari di carta 16 Devo ancora finirlo 17 La lettera che muore 18 Megaviaggi! 19 Biografie edulcorate 20 La posta dei lettori 21 Interpretazioni non ufficiali 23 Ghost World 24 Iperboloser 25 Editoriale Benvenuti all ultimo numero di Finzioni così come l avete sempre visto. La copertina, l impaginazione e la grafica che ci ha accompagnato fin da quando eravamo piccolini si fa da parte per un rinnovo totale di tutta la rivista. Nuova copertina, nuove immagini, nuovo tutto. Speriamo vi piaccia! Ma basta con i proclami: il numero 17, che volevamo fare uscire di venerdì ma insomma, editorialmente non era una grande idea, parla di una delle storie più belle mai sentite: il diritto al mugugno dei pescatori genovesi, quella cosa per cui ti fai pagare di meno ma puoi lamentarti quanto ti pare. Poi la nuova incredibile rubrica di Andrea Sesta, Letto e mangiato, da cui Benedetta Parodi ha retroattivamente copiato il suo bestseller Cotto e man- giato. Purtroppo nei tribunali l inversione temporale è molto difficile da provare, quindi per adesso continueremo a far finta di niente. Fabio Paris, quello che fa le pillole di scienza, esordisce su Iperboloser e lo fa davvero bene, raccontando la triste storia di due bamba che si sono presi il merito della struttura del DNA senza sapere nemmeno allacciarsi le scarpe. Ci sarebbero tante altre cose ma siamo troppo eccitati per continuare, dunque vi lasciamo il piacere di scoprirvele da voi. Ci vediamo il mese prossimo, tutti diversi ma sempre uguali a noi stessi (cit.). La redazione 4

5 Quelli che si lamentano di più sono quelli che soffrono di meno. Tacito La citazione del mese di JACOPO CIRILLO C è una storia bellissima, quella del diritto al mugugno. Succede che in Liguria, qualche secolo fa, i proprietari di pescherecci offrivano ai marinai la possibilità di scegliere tra il diritto di lamentarsi (mugugnà) e un supplemento di paga. Ora, nonostante la risaputa tirchieria simil-scozzese di quei porti, la maggior parte delle persone declinava l offerta monetaria e sceglieva, fieramente, di mugugnare. Mugugnare un po per tutto: il beccheggio, il rollìo, la puzza di pesce, il mal di mare, il proprio stesso mugugnare, eccetera. E poi c erano i marinai di Camogli (che, sì, è anche il panino dell Autogrill), reputati i migliori al mondo, che avevano l indiscutibile privilegio di meritare una paga più alta rispetto agli altri e, contemporaneamente, anche il diritto al mugugno. E, paradossalmente, erano quelli che si lamentavano di meno. Adesso che si avvicina Natale e dunque si va un po più spesso in libreria, succedono cose molto simili. I grandi libri della storia della letteratura o le piccole perle misconosciute ma imperdibili, insomma, i libri di cui non ci si lamenta e, dunque per cui si sarebbe disposti a spendere un po di più, seguendo la dinamica ligure, sono sempre imboscati chissà dove e costano due lire. I mattoni cartonati, con copertina rigida e faccione dell autore in terza o addirittura in quarta, i libri di cui tutti un po si lamentano, costano uno sproposito e sono impilati in torri dall architettura complicatissima proprio davanti alla cassa. Facendo sociologia spicciola, proponiamo allora una divisione tra lettori: i marinai liguri e i Camogli. I marinai liguri sono quelli che scelgono di pagare di più per avere il diritto di mugugno: insomma Ken Follett, fai due copertine diverse, bianca e nera, mi costi trenta euri e alla fine mi trovo un mattonazzo che non si capisce niente; suvvia Dacia Maraini, non puoi titolarmi un libro La seduzione dell altrove (che io mi aspetto, con quel nome, di fare un regalo culturale), parlare solo dei tuoi viaggi e farmelo pagare venti euri, che poi è cartonato con la costa nera e sta male in libreria. Poi ci sono i Camogli, che pagano di meno toh, La passeggiata di Walser a sette euro e non si lamentano mai ma pensa, Oggetto quasi di Saramago a sei e settanta e, per loro, è sempre Natale. Toh, Finzioni di Borges nel cestone dei DVD in sconto in Autogrill a tre e novanta. Quello, un Camogli e la cochina, e con dieci euro sono a posto tutto il giorno. 5

6 Le vite ortogonali Henry D. Thoreau vs Chris McCandless di JACOPO DONATI Plutarco scrisse una serie di 24 biografie che prese il nome di Vite parallele. Per ognuna prese una figura greca ed una romana, le mise una affianco all altra e ne cercò le similitudini. Ma qui si parla di finzione, mica di realtà!, e così i miei grandi saranno i personaggi d inchiostro dei libri. Lavoro ben più umile il mio che, oltre a esaminare solo una parte della vita di questi personaggi, ne sottolineerà le differenze. Henry David Thoreau Mentre il governo degli Stati Uniti continua la guerra contro il Messico siamo a metà del XIX secolo un tale di Concord, MA, per protesta si rifiuta di pagare le tasse e finisce in prigione. Quando un amico va a trovarlo gli chiede: Henry, perché sei lì dentro? e lui risponde: Piuttosto cosa ci fai tu là fuori, nell ipocrisia di quella guerra e senza prendere posizione. Thoreau è uno di quei filosofi che non ti fanno studiare al liceo. Uno dei libri per cui ancora oggi viene ammirato e preso da esempio si intitola Walden, ovvero: vita tra i boschi, pochi capitoli in cui Thoreau racconta i due anni passati sulle rive del lago Walden, qualche miglio lontano dalla civiltà. Le sue pagine sono un miscuglio di filosofia, politica ed economia, ma anche di poesia e di sogno. Certe considerazioni suonano come premonizioni delle crisi economiche, sociali e ambientali a cui siamo andati incontro. Thoreau costruisce la casa con materiali di recupero e per due anni e due mesi cercherà di essere il più possibile autosufficiente; poi lascerà il suo capanno e tornerà nella Concord che criticò così aspramente. Chris McCandless Ogni generazione ha più difficoltà nel trovare la natura incontaminata, e più andiamo avanti, più sembra un obiettivo impossibile. A metà degli anni 90, un ragazzo finisce l università e fa perdere le proprie tracce; come destinazione ha l ultimo angolo di natura selvaggia degli Stati Uniti: l Alaska. Noi questo lo sappiamo perché Jon Krakauer ci racconta la storia di Chris McCandless nel libro Into the wild. Chris McCandless è un idealista deluso dalla società contemporanea, troppo impegnata a collezionare assegni e troppo distratta da ciò che conta davvero vivere. Abbandonata l auto e bruciati gli ultimi soldi, Chris percorrerà gli Stati Uniti in lungo e in largo adottando lo pseudonimo di Alexander Supertramp; dopo due anni di vagabondaggi raggiungerà l Alaska. Rifugiatosi in un vecchio autobus abbandonato, Chris vivrà l avventura che aveva sognato per molto tempo. Qualcosa però andrà storto, e il ragazzo si ritroverà imprigionato nell Alaska innevata. Quando troveranno l autobus abbandonato, il corpo di Chris peserà solo 30 kg. Nello Zen esiste un opera chiamata Dieci tori, dieci illustrazioni che rappresentano il cammino verso l illuminazione. L ultima incisione si intitola Ritorno alla società, ed è un passaggio senza il quale nessun cammino spirituale può dirsi davvero concluso. Thoreau riesce a tornare e dà alle stampe un libro che, nel suo piccolo, cambierà la vita di molti; McCandless, invece, si spinge troppo oltre senza poter concludere il suo viaggio. 6

7 Mitomania Dove si parla delle matte storie inventate dagli antichi Greci e mutuate dai moderni. di VIVIANA LISANTI Alcesti : Euripide Vs. Yourcenar Parte Seconda La scorsa volta parlavamo di Alcesti, l unica donna al cui cospetto i greci si dimenticano di essere misogini; colei per la quale hanno speso parole di stima profonda, la più nobile e saggia tra le donne e che a detta di Platone è addirittura superiore ai colleghi maschi, o almeno ad un loro rappresentante. Orfeo infatti a parità d impresa fa la figura del cagasotto, perché scende agli inferi per amore di una donna ma lo fa da vivo, ingannando Ade grazie alla melodia incantatrice della sua lira. E così sono capace anch io. Per fortuna c è una giustizia divina che non risparmia i furbetti e Orfeo finirà dilaniato e decapitato da un branco di baccanti ubriache mentre la coraggiosa Alcesti sarà premiata con la straordinaria concessione di tornare dal regno dei morti. La regina di Fere avrà impressionato favorevolmente gli dei, ma ad una mortale un pò cinica come me lascia molto perplessa. E umanamente possibile andare incontro alla morte senza mai dare segno di un cedimento o lasciare trapelare un ripensamento, un dubbio, una ragionevole paura? E giusto sacrificarsi per un marito frignone e spergiuro? Alcesti è una donna tutta d un pezzo e mantiene fino in fondo compostezza e lucidità. Entra in scena attaccando con la solita lagna che ci si aspetterebbe da un personaggio euripideo ma non lascia tempo ai patetismi e si lancia dopo poche battute in una tirata raggelante, intrisa di autocompiacimento. Il suo congedo dal marito Admeto suona, anzi stona, come un consiglio di politica domestica: non ti sposare mai più cosicché i nostri figli possano mantenere la casa e non subire le angherie di una matrigna. Hai una moglie della quale ti puoi di certo vantare. Addio e muore. Che abbia fatto quel che ha fatto per amore o per gloria non importa, resta una super-donna, inarrivabile, un precedente ingombrante per tutte noi. Ci si sente più a proprio agio confrontandosi con la rilettura che della tragedia ha dato Marguerite Yourcenar nel suo Il mistero di Alcesti (Tutto il teatro, Bompiani, 367 pp.). La regina si trascina per il palazzo angosciata, terrorizzata, non facendo affatto mistero della sofferenza che sta patendo anzi gridandola in faccia al marito Admeto, il quale la vorrebbe invece docile e silenziosa. Il copione è quello classico di una coppia vecchia e stanca: lei che si abbandona ad una sfuriata isterica durante la quale non perde occasione per rinfacciare le colpe del marito, da quella volta che indugiò un po troppo con lo sguardo su una mendicante dai capelli rossi, alle notti in cui la lasciava sola per dedicarsi alle sue passioni (le stelle, Apollo ); lui che l accusa di aver sempre avuto in odio i suoi amici e di voler morire soltanto per attirare l attenzione. Ma la stoccata finale all Alcesti di euripidiana memoria arriva quando ci prova spudoratamente con Ercole rinnegando i sei anni di matrimonio trascorsi ad annoiarsi ascoltando Admeto accordare la lira. Davanti alle resistenze del dio non può che piangere a dirotto e pronunciare la verità che Euripide, dietro il mutismo della sua rediviva eroina, aveva solo fatto intuire Ed eccomi di nuovo obbligata a ricominciare a morire per Admeto! 7

8 Il Finzionario Dove non ti trovi. Le mille inside della georeferenziazione di EDOARDO LUCATTI Nel pianeta sul quale un uomo si sniffa le ceneri del padre morto, è difficile stabilire la soglia oltre la quale qualcosa diventa eccezionale, strana o semplicemente non convenzionale. Prima di tutto a noi di Finzioni, che siamo tanto scafati, l unconventional non ci prende per il culo, volgare pieghetta cool di una convenzionalità di secondo livello, appena più muta della prima. Inoltre le narici attraverso le quali sono state aspirate quelle ceneri appartengono a Keith Richards, viziosissima chitarra dei Rolling Stone, alla quale non si può muovere alcun rimbrotto uticense senza apparire immediatamente incongrui. Varrà dunque la pena di sgomitare fra le nuove normalità, dove l evèrso si annida nel cuore del verso come il controcanto del nostro ossessivo upload tecnologico. Dopo esserci aggiornati per diventare eco, ad esempio, abbiamo cominciato ad aggiornarci per diventare geo. Senza mai smettere, ovviamente, di essere net. Ed è fondamentale, in ogni caso, non superare mai le tre lettere perché la quarta ci apre alla vertigine del respiro e il respiro, permettendoci di pensare, non è un cazzo cool. Lo dice la Diesel: be stupid. Ci è concesso, al limite, di combinare coppie di triplette e diventare così teo-dem o neo-con, ma in questo caso si finisce per essere ancora dei gran sfigati. Poco importa, comunque, perché al momento siamo tutti presi dal geo. Geosensibili, geotargettizzati e, soprattutto, georeferenziati. Il che vuol dire che attraverso il tuo mirabolante smartphone puoi dire a tutti non soltanto quello che pensi ma anche dove lo stai pensando. Se poi divenuto finalmente cool e diesel smetti anche di pensare, puoi lasciarti invadere dall ideologia puntiforme della tua disseminazione e comunicare a tutti, semplicemente, la tua mera posizione. Sono qui, sono là, ah ah ah. A quel punto diventi il terminale di una serie futuribile di azioni incrociate, la più spettacolare delle quali non riguarda però la tua posizione bensì tutte quelle in cui tu non sei, a cominciare da casa tua. Se risultasse infatti che stai facendo lo sborone al vernissage di qualche artista stronzo e tisico vestito di viola, una sola cosa sarebbe veramente certa: casa tua è libera e può essere derubata. Si tratta, anzi, di un vero e proprio invito o, come dicono i fantasmi del marketing, di una call to action. E così, non a caso, è nato il primo sito di degeoreferenziazione, che ci mette tutti in guardia dai rischi del ciao mamma guarda come mi diverto qui al vernissage del tisico. Molte le domande che possono scaturire da un interfaccia che rende nota a tutti la tua ubicazione: Cosa ci facevi davanti a una clinica per aborti? Perché eri in un gay bar? Ti piace dare appuntamenti davanti alle moschee? e via dicendo. Ma c è un altra domanda, forse ancora più importante: Quanto ci metti a tornare a casa tua se parti adesso?. Nel caso la tua risposta conceda un margine sufficiente, la tua maison diventa il terreno di caccia ideale per ogni ladro che si rispetti. Non si georeferenzia mai soltanto il posto in cui siamo, ma anche tutti quelli in cui non ci troviamo. Occhio, ragazzo: fatti tre belle sorsate di vecchio luddismo e rimetti il culo in carreggiata perché, appena fuori dal vernissage del tisico, c è un intera pletora di geo-ladri pronta a net-tarti di ogni avere. Estrarre il tuo smartphone dal nuovissimo astuccio in coordinato appena acquistato su e-bay non ha ovviamente prezzo, ma potrebbe averlo nel giro di due ore, quando rincaserai e saranno spariti tutti gli aggeggi stilosi che a quell astuccio, per l appunto, avevi coordinato. Finzioni si preoccupa di te, del tuo piccolo universo fatto di lussi assolutamente non convenzionali. Sono due le strade possibili: o la pianti di dire a tutti dove ti trovi oppure scegli i lussi inamovibili, che non possono essere rubati. Il tuo modello diverrà, allora, Sim Jae-duck, presidente della World Toilet Association, associazione mondiale dei produttori di toilette. Il vecchio Sim (nota bene, tre lettere!) abita in una casa di 420 metri quadri a forma di water (o WC, due lettere!), al centro della quale è in bella mostra una toilette gigante e completamente trasparente, costata 1,6 milioni di dollari. Lo zio Sim, a differenza di te, può andarsene in giro per il mondo gereferenziandosi a piacimento: spostare quel water sarà un problema per chiunque. Please, rob me. If you can, s intende. Edo, tre lettere. 8

9 Trilogie J.R.R. Tolkien Il Signore Degli Anelli di Stefano Fanti La storia è nota a tutti, soprattutto perché l adattamento cinematografico della trilogia diretto da Peter Jackson (tra l altro, sono attesi per i prossimi anni si dice 2012 e 2013 i due film tratti dal prequel della saga di Frodo & company, ovvero Lo Hobbit) lo ha visto praticamente ogni essere umano che, almeno una volta, è entrato in un cinema, quindi più che de La Compagnia dell Anello, Le Due Torri ed Il Ritorno del Re nella loro veste di incontro-scontro (in pratica, oltre mille pagine in due parole, per essere i più banali possibile), è interessante sottolineare alcuni punti focali dell opera mastodontica ed irraggiungibile di Tolkien. E nota, ai lettori di J.J.R., inoltre, la polemica tutta italiana (dal Bunga Bunga ad Aragorn, non ci facciamo mancare proprio niente!), che vede lo scrittore britannico inserito, da alcuni studiosi, tra le fila del pensatori di destra, alla stregua di un Evola qualsiasi. Si è scritto molto negli ultimi tempi a riguardo, su Carmilla, sul blog Lipperatura e soprattutto su quello dei Wu Ming (oltre al diverbio cartaceo tra Arduini su L Unità e De Turris su Il Giornale), e altrettanto se ne è parlato al convegno di Modena di qualche mese fa Tolkien e la filosofia : interventi che hanno, finalmente, smosso la patina ingiustificata che si era posata sugli scritti di un maestro senza tempo. Ciò che se ne trae è che stiamo parlando di un erede del Romanticismo - per alcuni, ispirato da un retaggio cattolico analizzato ed analizzabile - da più punti di vista strettamente letterario, politico, storico ed in grado di imbastire, grazie alla sua complessità e stratificazione (universale e non allegorica) dibattiti a 360. Soggettivamente, la grandezza di Tolkien sta nella capacità, che solo un grande può avere, di renderti parte della narrazione, senza distoglierti da ciò che accade in essa, nonostante così lontana dalla realtà per come è. Proprio la negazione di una natura allegorica è la chiave per leggere la saga della Terra di Mezzo senza cadere nella semplicista relazione con il nostro mondo, al contrario, il fatto di sentirsi (nel limite della sanità mentale, in tempi in cui astrarsi da questa realtà non è poi così ingiustificato) a Mordor, sede dell Oscuro Signore Sauron, o a Gondor, nel bel mezzo della battaglia è quanto di più corretto ed allo stesso tempo avvincente. Questo comporta decisamente anche una certa dose di interesse verso il fantasy, che non tutti i lettori presentano purtroppo, (addirittura c è chi pensa ancora che la letteratura di genere sia di serie B, povera Accademia ) ma se il realismo tritatesticoli è quanto di più seguito in questa Italia in concorso per la nazione più ignorante della Universo (escludendo, purtroppo, il Terzo Mondo, la cui forzata ignoranza, è proprio uno dei fattori di maggiore influenza per la miseria a cui sono soggetti), ben vengano elfi ed anelli maledetti. Ma dove troverò il coraggio necessario?, chiese Frodo. E ciò di cui ho più bisogno. Lo troverai nei luoghi più impensati, disse Gildor 9

10 Letto e mangiato Non date da mangiare a Henry Chinaski di ANDREA SESTA Un libro si legge, lo si sfoglia, lo si sente e lo si annusa: l odore della carta, dell inchiostro, della polvere. Quello che al libro proprio non si può chiedere, con buona pace di certi fenomeni da baraccone, è quello di gustare. Ma alcuni ci fanno venire l acquolina: esistono libri di cucina, manuali per cuochi e ricettari per ogni palato. Nessuno di quegli autori ha ancora vinto un premio Nobel, né un Pulitzer. Non è un peccato? Un artefatto che chiama in causa tutti i nostri bei sensi merita una qualche forma di riconoscenza. Ed è per questo che su Finzioni redimiamo la letteratura culinaria, perché a pancia piena si vive meglio e soprattutto: si legge meglio. Ora ho in mente una ricetta: Bocconcini di manzo alla birra. La penso adatta per introdurre il libro Factotum, di Charles Bukowski. Infarinare i bocconcini di manzo, 800 g per 4 persone, tritare lo scalogno (alcuni usano la cipolla, ma lo scalogno è meglio, perché ha un gusto più delicato ed è facile da digerire) e il prezzemolo. Riporre lo scalogno e il prezzemolo in una padella, con dell olio d oliva e lasciar soffriggere finché lo scalogno non cambia colore. Mettere quindi i pezzetti di carne infarinati nella padella e farli rosolare bene da ogni parte, girando i pezzetti con l aiuto di un cucchiaio, comunque evitando di forarne la superficie. Quando la carne starà rosolando, salare un po e versare la birra (una lattina da 33 cl è la dose perfetta). Come sa chi ama la birra, non esistono due birre uguali. Io propongo (e utilizzo) una birra dorata nostrana. Va versata un po per volta, in modo da evitare che la schiuma goccioli fuori dalla padella. Aggiungere, se si crede, delle foglie di salvia e del rosmarino. Continuare la cottura a fuoco molto lento per 1 ora circa. Come contorno si può pensare a dei funghi trifolati, o a delle patate. Volete stare leggeri? Allora un insalata mista. Factotum, secondo romanzo dell autore, pubblicato nel 1975, parla di Henry Chinaski, alterego dell autore, che vivacchia tra un lavoro e un altro, subito dopo la seconda guerra mondiale, provando a sopravvivere in un America ancora alle prese con quello che rimane della Grande Depressione. Il tono è divertito e autoironico. Il protagonista spende pagine a lamentarsi di tutti i lavori che prova; lavori dei quali conosce e lamenta la vacuità. Va alla sede del Los Angeles Times, compila un modulo per lavorare come reporter. Lo chiamano e gli propongono un posto da uomo delle pulizie. Accetta subito. Ma sia chiaro: non c è mai una riga di lagnanza, odia indistintamente i suoi colleghi e i suoi superiori; un po ricorda Nelson Algren, e il suo Le notti di Chicago. Dove trova un po di pace? Nel bere, nelle donne e nel cibo. Ok, ma perché proprio i bocconcini? Scrive: Quando avevamo qualche soldo andavamo giù ai mercati generali e comperavamo un po di carne a buon mercato, carote, patate, cipolle e sedano. Mettevamo tutto in un pentolone e restavamo seduti a chiacchierare, sapendo che avremmo mangiato, annusando il profumo del cibo le cipolle, le verdure, la carne ascoltandolo cuocere. ( )Poi ci alzavamo e ci mettevamo a cantare. (Factotum, p.74-75, Tea). Gli negano il cibo: viene licenziato (l ennesima volta) e sperando di non essere notato va alla mensa del personale. Fa la fila e nota un cartello: NON DATE NIENTE DA MANGIARE AD HENRY CHINA- SKI. Il rapporto di Bukowski-Chinaski con il cibo è, tuttavia, invidiabile: si magia quando si può. Mossi da un solo motivo, quello che lo spinge ad non utilizzare la corda che ha comprato per impiccarsi (cifr. da Taccuino di un vecchio sporcaccione): la speranza. Un giorno vedrà qualche suo racconto pubblicato. Chinaski rivela Mi alzai in piedi con il bigliettino di accettazione in mano. IL PRIMO. Dalla rivista letteraria numero uno d America. Il mondo non mi era mai sembrato così bello, così pieno di promesse. 10

11 Pillole di scienza Come i cavoli a merenda di FABIO PARIS Il 14 ottobre è morto Benoit B. Mandelbrot, il babbo della geometria frattale. Ricordiamolo tutti con una bella zuppa di cavolo. Già, perché i cavoli sono un bell esempio naturale di frattale, una classe di figure geometriche che davvero descrive la natura. Infatti la classica geometria euclidea (quella che facciamo a scuola e tanto ci annoia) non descrive poi così bene il mondo esterno come ci fanno credere. Citando Benoit una delle ragioni [per cui la geometria classica ci appare fredda e arida] risiede nella sua inadeguatezza a descrivere la forma di una nuvola, una montagna, la costa o un albero. Le nuvole non sono sfere, i monti non sono coni, le linee di costa non sono circonferenze e la corteccia non è liscia. Neppure il fulmine corre in linea retta. In effetti è vero. Mandelbrot partì proprio dalla natura per definire questa nuova geometria: presentò infatti un giorno un metodo per misurare la lunghezza della costa inglese. L idea era di fare avanzare sulla costa un compasso con apertura nota in modo che ogni nuovo passo cominci dove finisca il precedente. La lunghezza della costa viene così calcolata dal numero di segmenti tracciati dal compasso moltiplicata per la sua apertura. È lampante come diminuendo l apertura del compasso il numero dei passi aumenti ed anche la lunghezza della costa, tendendo all infinito con passi infinitamente piccoli. Eccolo il frattale: una figura geometrica che ingrandita si ripropone uguale a se stessa. Ciao Zenone. Matematicamente si dice che un frattale presenta una omotetia interna (ahah... omotetia... ahah). Di figure frattali la natura è piena. Prendiamo un abete ad esempio, passando dall albero ad un ramo principale, poi ai rami secondari fino ai ciuffi di aghi la forma geometrica non cambia tanto. La differenza tra una figura euclidea ed un frattale è comunque tanta. Una linea (o qualsiasi altra figura) è descritta da un equazione, un frattale da un algoritmo. Quindi un frattale rappresenta un metodo. Ecco perché descrive così bene la natura. Torniamo all esempio della linea di costa. Noi non sappiamo quali siano stati i processi geomorfologici che hanno portato alla modellazione della costa. Sicuramente sono stati tanti e incasinati, ed in questi pro- cessi il caso occupa senza dubbio un ruolo determinante. Solo ricorrendo ad un approccio statistico possiamo avere una descrizione dell oggetto in esame. Il caso infatti può generare irregolarità, anche così grandi come quelle della costa. Ma con un processo iterativo possiamo arrivare ad un ottima descrizione, lo possiamo calcolare. Mica male, no? Uno strumento capace di descrivere qualcosa che non si conosce... Non pettinava mica le bambole Mandelbrot! Il bello è che come approccio funziona: si possono introdurre anche variabili aleatorie (casuali, che seguono una distribuzione statistica) et voilà: ci si modella l erosione del suolo ed i movimenti di faglia, così da capire i meccanismi intrinsici dei terremoti. Bravo Mandelbrot, ti ricorderemo con una zuppa di cavolo romanesco! 11

12 Donne & Compressori Tourettismi di ALEX GROTTO Ci sono situazioni ricorrenti che mi appestano i sogni da qualche anno ed hanno tutte in comune i banchi del liceo e Igor Bonetti detto Zapping. Zapping era un mio compagno di classe, uno di quelli che si vedeva lontano anni luce che lo vestiva sua madre, perchè sarebbe apparso fuori luogo persino negli anni Ottanta quando non c era limite al peggio negli abbinamenti sopra-sotto aprendo l armadio. Nonostante la cosa che gli succedeva ad intervalli regolari e nell ordine dei minuti, lo Zapping si stimava a prescindere: aveva la passione della pittura, parlava correttamente il russo per via della suddetta madre, praticava il tiro con l arco. Come fa a non essere ganzo uno che fa tiro con l arco? In un buco di provincia dove ti offrivano da bere solo se giocavi a calcio e le ragazzine accettavano di uscire il Sabato pomeriggio solo se indossavi la tuta da allenamento, uno che si presentava in classe con faretra di cuoio e frecce andava idolatrato. Però io mi sono sempre chiesto come facesse a praticare un arte del genere con quella cosa che lo seguiva ovunque, insomma doveva essere difficilissimo e soprattutto pericoloso, ma proprio roba da lasciar perdere e provare tutt altro tipo il rap. Quella cosa, come spiegò il primo giorno di scuola davanti a tutti, con un sorriso d ordinanza ed un tono di scuse preventivo, era un glioma cerebrale che gli causava la sindrome di Tourette. Usò queste stesse parole, ma non ce n era davvero bisogno visto che il mattino l avevo visto fare una serie di scatti rapidissimi con le braccia e dare dell idiota al segretario del preside. E senza dubbio l individuo più punk che abbia mai incontrato in vita mia pur non avendo tatuaggi, cresta e chiodo borchiato con il logo degli Exploited cucito sopra, ma il suo umorismo cinico, le uscite sincere e politicamente scorrette, anche se forzate dal suo cervello malato che si comportava come una specie di sceneggiatore drogato (anche queste furono le sue parole nello spiegarmi la malattia) lo rendevano sì tormentato, ma a suo dire vicino all ideale che noi poveracci avevamo di libertà. Ho pensato proprio al buon Zapping (così soprannominato per via della faccia che cambiava smorfia ed espressione in un batter di ciglia durante gli attacchi di tourettismo) quando ho scoperto l incredibile bibliografia di Oliver Sacks, mio attuale mito letterario. In uno dei racconti de L uomo che scambiò la moglie per un cappello (Adelphi, 320 pagine, dieci euro) si parla proprio di tourettismo ed io ho potuto bullarmi un casino con il mio ego per essere già altamente preparato sull argomento. "Ray dai mille tic" raccontato (e curato davvero) da Sacks è l esperienza di una malattia neurologica a cui il paziente arriva addirittura ad affezionarsi, ad identificarsi con essa, ad apprezzare il proprio essere in virtù degli scatti di vitalità e lampi di genio che essa apporta nonostante l infinito fardello di problematiche nella vita quotidiana. Zapping era proprio come Ray, arrabbiato col proprio lobo parietale, ma grato ad esso per averlo reso un dritto. Ehi Zapping, hai mai pensato a cosa rimpiangeresti di più se dovessero curarti? Come no: la possibilità di invocare le attenuanti generiche e l infermità mentale se dovessi ferire qualcuno con l arco!. 12

13 Eccezioni Aldo Dieci - Route 66 di Filippo Pennacchio Nessuno vi costringe, ci mancherebbe, ma recandovi in una qualsiasi biblioteca o più comodamente consultando on-line il database del Sistema Bibliotecario Nazionale potreste imbattervi, passando in rassegna i titoli dei volumi indicizzati alla voce Aldo Nove, in un curioso libricino recante in copertina l immagine, grottescamente ilare da Stephen King in poi, di un anonimo clown nonché, in quarta, l indicazione, fintamente apposta a mo di etichetta promozionale, «Aldo Nove compatibile!». Il libricino in questione, edito nel 1999 cfr. l odiosamente puntiglioso SBN dal mitico autore di Viggiù dovrebbe poi intitolarsi Route 66, sottotitolarsi (e attestarsi genericamente come) Romanzo di formattazione e precisare, infine, di essere la storia di un teologo che viveva in un gross-market. Detto ciò, per quale motivo, consultandolo prendendo fisicamente in mano questo libricino, dico, potremmo invece identificare, quale suo effettivo autore, tale Aldo Dieci? nientemeno cioè apriamolo intanto e leggiamone poche righe, ciniche ed esilaranti come da tradizione Castelvecchi prima maniera (1.0, facciamo) che l upgrade dell autore di memorabili short-stories quali Moltissima acqua e un po di sangue e Video Catalogo Italia 95, o di efferati romanzihaiku à la Puerto Plata Market, di cui piace ricordare la dichiarazione rilasciata in limine dal suo paradigmatico italo-protagonista: «Parlando generico, le cose che mi piacciono di più sono: Beautiful, i porno con le sborrate in bocca, la Juve di Lippi»? Forse perché no? per un banale errore d archiviazione, Aldo Dieci d altra parte essendo, potenzialmente, nient altro che uno spin-off di Aldo Nove stesso. È in fondo cosa risaputa, d'altra parte: lo stesso A9, a ben vedere, sarebbe poco più che un fake: a esistere per davvero è semmai l Antonello Satta Centanin delle poesie di Musica per streghe o di Tornando nel tuo sangue; anzi no, è l Antonio Centanin tramandato dalla vulgata (sì, ma quale versione?) e di cui su Wikipedia the real one. Oppure no. Poco importa, in fin dei conti. Anche perché qui, strizzatine d occhio a parte, occorre dare retta ai due ghostwriter (NL e AP le iniziali dei loro nomi, qui debitamente oscurati) titolari della sigla A10: il vero autore di Route 66 sarebbe in realtà un software, cioè un «Aldo Construction Kit» con il quale qualsiasi editor può «divertirsi un po» a manipolare e formattare una serie di file pre-esistenti. Non che la cosa, intendiamoci, sia da subito chiaramente esplicitata: per imbattersi nel dialogo, rivelatorio e cinicissimo, tra Castelvecchi himself e ½ di A10 occorre perlomeno oltrepassare provvisori titoli di coda e codici a barre disseminati random tra le pagine, ma soprattutto familiarizzare con un aspirante scrittore tedioso e un po patetico come tutti i suoi colleghi che per sedurre la commessa di una libreria Feltrinelli si inventa autore del libro di cui invece è (co)protagonista R66 stesso, ovviamente. Il teologo che vive in un gross-market e che, come la sua virtuale compagnia di ribelli, cannibali e bad girls, fa delle merci esposte veri e propri feticci è, evidentemente, proprio lui, un Io taroccato similissimo ai protagonisti della fiction targata A9: così come tipicamente aldonoviano è il desiderio di ricoprire il corpo nudo dell amata commessa feltrinelliana di marmellata (di quella con i pezzettoni di frutta, si intende), ma anche, a ben vedere, il tentativo di campionare, parodiare in chiave po-mo, sfottere o remixare drasticamente ciò che di meglio riposto la letteratura italiana di dieci anni fa aveva da offrirci: motivo per cui riprenderlo oggi in mano è anche l occasione per versare qualche lacrimuccia ricordando quanto all epoca era bello, si fa per dire, leggere Nove Ammaniti Scarpa Labranca e innamorarsi di micidiali incipit come questo: «L ideale della mia vita è andare nella casa di un mio amico e farmi un sacco di seghe guardando giù dalla finestra le persone che passano per andare dove cazzo vogliono. Allora mi butto e dal balcone cado giù. Poi mi sveglio con la testa spaccata mi alzo da lì e vado a comperare delle cose da Pam». 13

14 Me lo copre il prezzo? Scacchi d'ottobre e francofoni in Quebec di LICIA AMBU - Bonjour. - Bonjour. (una delle uniche sei parole francesi che conosco) - Vengo a nome di un artista canadese, vorrei sapere se potete reperire questi testi in francese Non saprei. Volendo ridurre il tutto all'osso ci si aspetterebbe che il potenziale cliente entra spinto da curiosità o in cerca, con certezza assoluta, di un libro. Punto. Ora, si metta agli atti che questo non esaurisce per nulla lo spettro di possibilità o variazioni sul tema che si presentano in una libreria. - Cercavo una scacchiera. - Mi dispiace non vendiamo articoli da regalo, può provare al negozio di giocattoli. - Sì, lo so, ma io ne cercavo una di un certo livello. D'accordo ridiamoci su lì per lì. Ma poi a pensarci è un gran complimento, non vi pare? Insomma, da un certo punto di vista è come sentirsi dire che da una libreria, luogo per eccellenza di cultura, ci si aspettano cose di livello..forse..se per caso fosse previsto un prestito cioè prendo un libro poi lo leggo e te lo riporto, ecco Se può fa? Non fa una piega. Almeno la materia prima è la stessa. Altra declinazione è la cartoleria vera e propria. -Possibile che non abbiate dei semplici biglietti bianchi o della carta da regalo? -No mi dispiace, se vuole posso darle un po' della nostra carta per fare il pacchetto. -Va bene, grazie, dieci fogli li ha? Ma tutto questo non scompensa più di tanto, quello che più manda in furia il potenziale lettore è non poter avere un libro. Sì, giuro! Per una libreria è impossibile, quando non inammissibile, non poter avere un libro. E sia chiusura piuttosto. (Telefono) - Buonasera sono un cliente, volevo sapere se avete questo libro bla bla... - Guardi mi dispiace non possiamo averlo, è un editore che non trattiamo. - PERCHè? - Il nostro magazzino non ha contatti, posso al limite richiederlo in casa editrice con le spese di spedizione a carico però. - Che vuol dire!? Io l'ho visto sul giornale. Impossibile. Allora è bello sapere che per un determinato ordine di desideri o richieste, talvolta ottimali, talvolta da calibrare, alcune volte strane un bel po', qualcuno entra in una libreria, rinomata espressione depressa da studente in cerca di libro/i di lettura o sguardo spento del commensale implicato nel presente da galateo. Lo sconforto li affligge, talvolta la libreria li salva. - Signora i testi in francese si possono avere in contrassegno. - Benissimo me li spedite in Quebec? Quebec. Numero testi francesi reperibili in loco: non pervenuto. I dialoghi e gli esempi citati sono rimasticazioni pindariche il cui spunto deriva da fatti forse accaduti o forse no. E comunque non così. 14

15 Interferenze La Madre di Cristina Farneti Il dramma greco ci offre un credito inesauribile, è uno straordinario assegno in bianco nel quale ognuno, a turno, può permettersi di leggervi la cifra che preferisce (M. Yourcenar) Forse perché di te l unico ricordo che abbiamo è l immagine contraffatta dall odio di una figlia rifiutata che ci dimentichiamo la ragione del tuo dolore, Clitennestra. O forse perché la coscienza non ha mai perdonato alla donna di farsi vendicatrice lucida del proprio uomo per amore di un figlio. Io non ricordo madri che uccidono per difendere gli agnelli dall altare dei padri. Io ricordo piuttosto di pasti sacrileghi (e la schiatta dell uomo che sposasti ne sa qualcosa), di carni bianche insanguinate di bambino, violenza per violenza, forse memoria di un epoca in cui non era scandalo il sacrificio di chi non ancora possedeva la dignità empia dell uomo. Anche Abramo avrebbe abbassato la sua scure su Isacco per ordine di Dio e così fece il tuo uomo con il tuo primo frutto Ifigenia, obbediente a un ordine divino, quell Agamennone per cui da allora perdesti quel poco di affetto, se ancora c era, che gli dovevi, lui reo solo di vivere nel mondo degli uomini, dove nessuna mano scende dal cielo a salvarci dalle nostre scelte. Tu non hai potuto perdonarlo. Con il tuo amante Egisto ti sei fatta strumento di vendetta di troppi figli immolati, ma a te, invece, non si perdona questo, di aver piuttosto ucciso l uomo, che pianto di dolore. Non lo capiscono i figli tuoi superstiti, Elettra e Oreste, criminali di una famiglia criminale. Lo capiamo noi? Lo racconta anche la cronaca: quante madri sacrificano la prole all ingordigia del proprio uomo, piuttosto che perdere il compagno? Un antica legge di natura guida la scelta tra l uccisione del maschio riproduttore e della prole debole, che ancora non serve a nulla: le leonesse azzannano forse il leone che ne uccide i cuccioli? E allora non ci urta l apoteosi del sacro amore materno? Clitennestra, tu sei diventata solo l archetipo di tutte le amanti, la quintessenza di una femminilità straripante, mai sazia di letto, tu sei solo una madre scandalosa anche da vecchia, tutta istinto e bisogni sensuali, tranne nell attimo di sbarazzarti dello sposo ingombrante. Leonessa a letto col lupo, infida, cattiva: questo ti rinfaccia Elettra, la figlia meno amata, che nutre l odio di cui si infiammerà Oreste per ucciderti. Solo la tua natura di mantide ti riconoscono: sai cosa ha detto di te Egisto, tuo tenero amore, illusa? «Io la mente, lei solo il braccio: tramare, d altra parte, è il compito delle donne.» E quando, vecchia, cerchi un varco verso quella figlia ostile e le parli del tuo amore proibito, degli occhi delle donne aperti nel pianto e chiusi nel godere e le confessi che un grande amore può contenere anche i delitti, Elettra resta sorda e si fa giudice, con la sua ragione maschia e senza sconti: è giusto, madre, uccidere chi è ingiusto? E tu rispondi con una voce che la figlia frigida non può comprendere: Lui, quell uomo violento, immolò mia figlia, frutto doloroso del mio parto. Io ho reso giustizia a mia figlia. Tu rivendichi un legame viscerale di dolore, che il dolore sacralizza: l amor di madre, un amore che nasce dalla sofferenza del corpo. Strano gioco di amori mal corrisposti, o forse la famiglia è solo l illusione dell amore: Oreste dice che non può amarti, perché l amor filiale è solo ricordo di sensazioni piacevoli e disgusto di quelle spiacevoli. Nulla di meno spirituale e di meno casuale. Come doveva bruciare il tuo cuore, Clitennestra, quando hai accolto il padre assassino recitando con la bocca schiusa e gli occhi senza sorriso le parti della sposa trepidante e nelle orecchie, come vero, quel grido tante notti immaginato, di Ifigenia sbattuta sul ceppo, col collo teso, a urlare Padre, aiutami!, forse a invocare il tuo nome di madre inutile e lontana! Non è questo che un figlio attende da una madre? Una protezione istintiva che non fa scelte. Una protezione brusca come quella con cui la Madonna dei Pellegrini avvolge nell incavo del suo abbraccio il figlio: non porge certo il suo piccolo alle mani sozze dei mendicanti. Ha lo sguardo bruno e sospettoso, che forse fu anche tuo, Clitennestra, quando accogliesti l assassino di tua figlia. E fu, il farti a tua volta assassina, il tuo tardivo tributo di Madre. Libera lettura da : Eschilo, Agamennone; Sofocle, Elettra; M.Yourcenar, Elettra o la caduta delle maschere 15

16 Metaletterari di carta Afrikaans di ALESSANDRO POLLINI In controtendenza come al solito parliamo del Sudafrica quando non ne parla più nessuno. Perché va bene essere sul pezzo, ma qui a Finzioni ci siamo già da un pezzo e quindi anche basta. Ci sono stati i mondiali, siamo usciti, oh che peccato eccetera eccetera, Shakira ci ha sbomballati di Waka Waka tutta l estate e Finzioniman ha trasformato in un nerd d altri tempi il tifoso medio. Passato un po di tempo, possiamo tornare a parlare di Sudafrica. In Sudafrica si parlano undici lingue, tante quante le etnie. Nell ottocento la creazione di una letteratura boera (In lingua afrikaans) era interpretata come affermazione dell indipendenza culturale rispetto all Europa. Il secolo successivo ha invece visto uno sviluppo della letteratura in lingua inglese, fino al Premio Nobel per la letteratura assegnato nel 1991 a Nadine Gordimer. La lingua è una delle cose più importanti rispetto all identità di un popolo. È il motivo per cui Ivano Marescotti recita Dante in romagnolo e per cui i Sud Sound System mischiano dancehall e pizzica cantando in salentino. In 1984 George Orwell ipotizzava la creazione di una Neolingua dove le parole venivano modificate nella forma e ridotte di numero, la struttura grammaticale veniva stravolta e non erano ammessi sinonimi o doppi significati. Il fine era impove- rire il pensiero, ridurre la possibilità anche solo di concepire pensieri diversi da quelli voluti dal Partito. Non sempre serve creare lingua nuove per cancellare una identità: in Tibet (attualmente occupato dalla Cina) è proibito parlare Tibetano. Per fortuna la lingua -tornando al Sudafrica- marca una identità culturale anche nella contaminazione dei generi: decine di anni dopo la letteratura boera i Die Antwoord rappano in Afrikaans. Ignazio Buttitta scrive in siciliano «Un populu / diventa poviru e servu / quannu ci arrobanu a lingua / addutata di patri: / è persu pi sempri. / Diventa poviru e servu, / quannu i paroli non figghiano paroli / e si mancianu tra d iddi». 16

17 Devo ancora finirlo Così, in pura perdita di SIMONE ROSSI Sto leggendo Il limbo delle fantasticazioni di Ermanno Cavazzoni e nel momento in cui devo consegnare questo pezzo la scadenza è scaduta da una settimana e il direttore mi ha detto "Tranquillo vecchio, se per questo mese non fai Oh, Scena! fa niente, davvero, scriverai il mese prossimo", ma io ho detto "No, qualcosa scrivo", anche se questo mese non ho letto testi teatrali e l'unico libro su cui mi sembra di avere qualcosa da dire questo mese è Il limbo delle fantasticazioni di Ermanno Cavazzoni, Quodlibet, un libro che tra l'altro non ho ancora finito, e allora ho pensato che Oh, Scena! è finita il mese scorso con il libro di Davide Enia che è stato un po' un salto dello squalo visto che quel libro non era mica un testo teatrale, ciao ciao rubrichetta, è stato bello. E insomma inizia oggi una nuova rubrica che si chiama Devo ancora finirlo, in cui parlo dei libri che non ho ancora finito di leggere in ossequio alla solita mossa epistemologica secondo cui la trama non conta un tubo e quello che conta è il tono di un libro, le sue idee, il suo intorno, blablà. Il limbo delle fantasticazioni sembrano gli appunti che la tua compagna di corso secchiona-ma-figa ha preso alle lezioni del prof intelligentissimo-ma-non-noioso, e quello che viene fuori sono dodici miniconferenze che si possono leggere in qualsiasi ordine. Magari è consigliabile iniziare dalla prima, in cui Cavazzoni spiega cos'è questo "grande sacrosanto territorio delle fantasticazioni, dove (...) lo scrivere è un fatto come il parlare; qualcuno a un certo punto piglia la parola e parla, e lo può fare per tante ragioni, anche di egocentrismo, di esibizione, riscatto, ma anche bisogno di espiare i propri peccati e confessare, o tirare il bilancio di una vita intera; uno piglia la biro e si mette a scrivere; così, in pura perdita, per fare aumentare il pattume". Questa cosa di scrivere in pura perdita, senza temere il giudizio della gente, senza soprattutto temere il giudizio della gente-chese-ne-intende, dei critici, ecco, è una cosa che ho sempre cercato di dire e ci voleva Cavazzoni per dirla meglio di come l'avrei detta io: i giovani scrittori di 'sta ceppa, i cosiddetti outsiders, gli emergenti insomma, quelli che fino a ieri non si cagava nessuno, quelli che vogliono "venire fuori" fanno di tutto per essere diversi, per emergere appunto, per farsi notare nel grande mare della scena letteraria italiana che signora mia lei non può capire quant'è zozzo, e per venire a galla bisogna conoscere il mare, e a furia di scrivere-per-essere-pubblicati, scrivere-per-essere-diversi, insomma, finisce che uno pensa alla pubblicazione e alla diversità e non pensa più alla scrittura. "Un principiante può venir rovinato, convincersi di essere scrittore, e inoltre scrittore outsider, e così incomincia a tener d'occhio gli altri, con i critici che lo tengono d'occhio mentre simultaneamente si tengono d'occhio l'un l'altro. Il principiante può essere così molto rapidamente rovinato. E finirà in quell'angolo del limbo dove le fantasticazioni sono a comando e dove si sta pigiati, col fiato degli altri sul collo. Invece se il principiante resta innocente, dice sì tanto per dire ai critici, pur che lo lascino in pace, e si aggira senza alcuna frenesia di distinguersi, perché tanto il limbo non chiede niente, perdura, per il fatto che non si è battezzati e non c'è altro posto in cui stare; allora il principiante continua a restar principiante, cioè sta lì e ricomincia sempre da capo, e più passa il tempo, più arretra e più si fa principiante in senso assoluto. Ciò non significa che sia felice. Ma questo è un altro discorso". Ciò non significa nemmeno che sia bravo: non basta essere innocenti per essere bravi (non basta essere sregolati per essere dei geni), e la retorica dello "scrivo solo per me stesso" è ancora più fastidiosa di "scrivo perché non sono come gli altri". No che non scrivi solo per te stesso, certo che sei come gli altri, certo che scrivi per farti leggere. Ora smettila di pensare agli altri, smettila di pensare a farti leggere, e scrivi. Lo dico a me per dirlo a tutti, eh. 17

18 La lettera che muore La lettera che uccide di MICHELE MARCON Bentornati a La lettera che muore, la rubrica di Finzioni che, se letta attentamente, può salvarvi la vita. Eh sì, perché la lettera moribonda e rancorosa che finisce six feet under il più delle volte è così bastarda da aggrapparsi alle caviglie di quei poveretti che incrociano la sua discesa. E finisce che li trascina giù con sé. In letteratura sono numerosi gli esempi di tale furia omicida. Possiamo risalire all Antico Testamento, dove la lettera che uccide è la legge antica di Mosè, prima della redenzione cristiana. Proseguendo con la Bibbia troviamo San Paolo (Corinti 3, 6) che ammonisce: «Sono uccisi dalla lettera quei religiosi che non vogliono seguire lo spirito della divina Scrittura, ma piuttosto bramano le sole parole e spiegarle agli altri». C è da credere che Umberto Eco avesse bene a mente i passi biblici quando ha scritto Il nome della rosa. Qui un assassino decide di giocare un brutto scherzo ai frati che si avventurano a leggere l ultima copia rimasta del secondo libro della Poetica di Aristotele. Le parole vergate con inchiostro avvelenato uccidono misteriosamente i confratelli dello sperduto monastero benedettino, ma per fortuna che c è 007 ad investigare sulle morti... Ah! Certo, è facile scherzare di fronte a uno schermo, a un foglio Word o a un pdf, senza che la propria incolumità sia messa a repentaglio dal semplice contatto con una sostanza tossica e letale. È facile sghignazzare di fronte a una tastiera lucida e accomodante, quando la lettera è innocua come un gattino. C è chi non lo troverebbe così divertente. Pensate a Hester Pynne l adultera de La lettera scarlatta di Hawthorne. La poverina si trova costretta a portare addosso una grande A rossa come il fuoco solo perché colpevole di una scopatina extra-coniugale (voglio dire, suo marito non si faceva vivo da anni... per quanto ne sapeva poteva anche essere morto!). Lei non muore, ma l ossessione di quella lettera uccide il suo amante, quel pavido del reverendo Dimmesdale, vittima della passione e della sua sfortunata condizione di pastore in una comunità super-puritana. Ci sono poi scrittori che ne fanno una questione personale. Burroughs per esempio riteneva che la Parola fosse letteralmente un virus, e che «non è mai stata riconosciuta come tale perché ha raggiunto uno stato di relativamente stabile simbiosi con il suo ospite umano». Allora decide di prendere d anticipo la lettera prima che sia troppo tardi, ed eccoti il cut-up! Burroughs uccide la lettera prima che lei possa uccidere lui. Anche oggi c è chi si è trovato faccia a faccia con la temibile lettera che uccide. Babsi Jones (che da molti è considerata la Burroughs italiana) nel 2007 ha scritto Sappiano le mie parole di sangue, un romanzo pieno di lettere-sanguisughe che si sono nutrite della sua linfa vitale. Il virus è penetrato fin dentro l organismo della scrittrice e in un accesso di parossismo ne ha completamente corrotto la carne. A mali estremi Babsi Jones giunge ad estremi rimedi: per debellare definitivamente il virus bisogna agire sul corpo che lo ospita. L unica azione possibile è terminale, è la morte dell organismo ospitante. Ovviamente Babsi Jones non si è ammazzata, ma ha commesso quello che potremmo definire un suicidio mediatico. Dopo slmpds non ha più scritto nulla, perciò la sua morte corrisponde ad una definitiva uscita dal medium letterario. Vi state cagando addosso dalla paura, eh?! Non temete, le lettere di questa rubrica sono assolutamente innocue e, anzi, possono essere addirittura taumaturgiche. Insomma, ora dovreste essere preparati agli attacchi che vi potrebbe sferrare la lettera che uccide. Uomo avvisato mezzo salvato: se volete leggere un libro, o se avete addirittura l ardire di scrivere, state bene attenti, calcolate i rischi di farvi male o di fare del male a qualcun altro, perché, come insegna il Cyrano di Guccini, una penna può uccidere tanto quanto una spada: «infilerò la penna ben dentro il vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio». Tiè! 18

19 Megaviaggi! Della virtù di ALESSANDRO POLLINI Senza volerlo una mia collega dice alla nostra responsabile: «Sì, quell educatore carino, sempre vestito bene ed abbronzato. Però è bravo.» Ma da cosa si riconosce chi? Dai vestiti, se è vestito male, se lavora in tuta, se è uno da centro sociale, se indossa la camicia non stirata. In quel caso, lavorando nel sociale e vestendosi male, dimostrerebbe di avere grandi ideali e lavorare bene? Tanti ideali che la sua testa ed il suo cuore ne sarebbero pieni, fino ai polmoni. Soffocare di ideali. Allora anche io non posso curare l'aspetto in maniera eccessiva. Un po' freak, un po' left prog stile parliamo coi giovani di Repubblica. Perché se, lavorando nel sociale, vestissi fighetto, fossi abbronzato e facessi il surfer, boo. Pioverebbero i fischi (e me li meriterei) perché non ci sta, a questo punto, che chi abbia grandi ideali curi anche l'immagine di sé. La questione è, per dirla da intellettuali, perché noi siamo gente che ce n'è a pacchi, la virtù e il piacere coincidono? Se coincidessero, io godrei dalla mattina alla sera, oppure non sarei assolutamente virtuoso. Ma del maiale non si butta via nulla, e ha un orgasmo di mezz'ora. Nel suo caso virtù e piacere coincidono. I maiali però raramente muoiono di vecchiaia. È dimostrato che i vegetariani vivono più a lungo, se non li ammazzano prima, infatti il maiale è vegetariano ma campa meno del mio vicino di casa, che mangia lo stesso maiale virtuoso di cui sopra e campa tanto a lungo da infastidire più d una generazione di vicini di casa, tra cui la mia persona - che considerazioni manzoniane! Verrà un giorno anche per lui? Speriamo, e in fretta. Quindi virtù e piacere coincidono? Non saprei, ne parla Seneca nel De vita beata, ma finisce ad inveire contro chi lo accusa di predicare bene e razzolare male. Non siamo comunque ancora arrivati a dire nulla. Woody Allen docet, come sempre: «Il mondo si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più.» Anche S c hopen hauer ricevette la stessa accusa di Seneca. Facile, del resto, proclamare a destra e a manca che la vita è un pendolo che oscilla tra il dolore e la noia e poi fare la bella vita. Sarebbe come se ai giorni nostri venisse fuori che alcuni (molti?) dei politici moralisti che abbiamo passassero le notti tra droga e mignotte. Per fortuna non accade (beh) e del resto ogni popolazione ha la classe politica che si merita. Altro che virtù e piacere! illustrazione: GIUDITTA MATTEUCCI 19

20 Biografie Edulcorate Jorge Luis Borges di ANDREA MEREGALLI Da Tempo e cristallo, di Gianpaolo Cortozzi, (primo e, finora, unico autore in lingua italiana palesemente e dichiaratamente borgesiano), (cortozzi.tumblr. com). Ieri sera, verso le 22, con la mia ragazza, eravamo al cinema, a Milano, paganti e sprofondati in enormi poltrone, a guardare un film. Com era prevedibile, la pellicola finisce e la gente si alza, qualcuno applaude, qualcuno dice Ah, era tutto un sogno, qualcuno dice Capolavoro; la mia ragazza, di grazia, non dice niente e si limita a sbadigliare un po, (forse non ha digerito). Ieri sera, verso le 22, con la mia ragazza, eravamo a mangiare etnico, a Milano, paganti e sprofondati in delle specie di buche definite, dai camerieri, creative. Com era prevedibile, la cena finisce e io, non senza qualche difficoltà, mi alzo dalla trincea e dico, Dai che andiamo; la mia ragazza, di grazia, non dice niente e si limita a sbadigliare un po, (forse non ha digerito). Da Creazione, di Gianpaolo Cortozzi, (primo e, finora, unico autore in lingua italiana palesemente e dichiaratamente borgesiano), (cortozzi.tumblr.com). Ogni parola, ogni situazione esiste solo se, e quando, viene condivisa. A creare, in verità, nella penom- bra di una camera da letto o alla luce di un camino assopito, siamo capaci tutti, o quasi. Fu Cortozzi, indirettamente, anni fa, coi suoi libri, a farmi conoscere Jorge Luis Borges. La prima volta che lessi Jorge Luis Borges, lessi un racconto, lessi Le rovine circolari, che, cosa te lo dico a fare, è contenuto nella raccolta Finzioni, che, cosa te lo dico a fare, oltre ad avere ispirato tutto l ambaradan qui, è semplicemente il migliore titolo possibile per un libro di letteratura; e, niente, cosa te lo dico a fare, a diventare dipendenti da Jorge Luis Borges ci vuole un attimo (grazie Cortozzi). Che sottile è la linea che traccia i contorni della realtà o, forse, sarebbe più opportuno scrivere che sottile è la linea che traccia i contorni del sogno; che è sottile la consapevolezza che ci crede coscienti in un determinato momento, in un determinato tempo: tutto, a tutti, accade adesso, in questo istante e in questa verità che, di riflesso, abbiamo accettato; la letteratura può essere dannatamente inutile, le trame romanzesche fine a loro stesse, e Borges pare averlo capito talmente che ci plasma i presenti sotto il naso, sotto la bocca aperta e sotto gli occhi impegnati, increduli, a leggere di libri immaginari e infiniti, di autori inesistenti e inesistiti, di universi possibili, di poesie duplici e di saggi anacronistici, di specchi, di labirinti, di spade, di tigri. Nessuno può avere letto quanto Borges, ma Borges ha finto, e ce lo ha scritto, ce lo ha scritto con parole quanto mai eleganti e puntuali, eppure Borges è riuscito, altresì, a essere terribilmente serio, nella finzione stessa e nel simulacro dei segni convenzionali; d altronde, anche un clown professionista, dico io, dovrà, (se lo ritiene necessario), essere spigolosamente ragionevole nello scherzo e nel gioco. Borges giunse al centro, alla chiave, all algebra, allo specchio, ormai cieco, il 14 giugno 1986, e vi giunse da uomo immortale. Un hombre que se obstina en ser inmortal / y que ahora ha vuelto a su batalla, / a la violenta luz de la victoria, / hermoso como un leon al mediodia. 20

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi)

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi) Test di controllo (Unità 6-10) Hai fatto progressi? Controlla. Ogni esercizio ripete uno o più argomenti grammaticali, se raggiungi più della metà del totale: BRAVO! In caso contrario ripeti l'argomento

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Water Music di Amélie Nothomb

Water Music di Amélie Nothomb Racconto inedito in Italia Water Music un omaggio da Amélie Nothomb per la community di GoodBook.it E con grande onore che proponiamo questo racconto, inedito per il pubblico italiano e come omaggio al

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 24 CHE invariabile senza preposizioni PRONOMI RELATIVI CHE = Il quale - i quali masch. La quale -le quali femm. Es. Le persone, che vedi, sono i miei amici = Le persone, le quali vedi, sono i miei amici

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è sulla scuola. Gli studenti che quest'anno sono entrati in classe sono 7milioni e 806 mila. La scuola è obbligatoria

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli