Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI"

Transcript

1 Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

2 Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7 Indici 10 Conclusioni 12 Scegli la direzione giusta Marzo 2005 Vision software house srl Questa pubblicazione è puramente informativa. Vision software house NON OFFRE ALCUNA GARANZIA, ESPLICITA O IMPLICITA, SUL CONTENUTO. Tutti i marchi registrati sono dei rispettivi produttori Cruscotto Guida di Valutazione Pag.1

3 Introduzione Nell attuale scenario economico il monitoraggio e il controllo delle variabili rilevanti per supportare tutte le fasi decisionali, rappresenta un vantaggio competitivo considerevole. E pur vero che il solo sviluppo di fatturato non è sinonimo di buon andamento aziendale e l analisi discontinua di dati può essere controproducente. Non è sufficiente leggere i dati di bilancio e contabili con i metodi tradizionali, ma è importante visualizzare l andamento, le previsioni e l impatto delle decisioni. L area DIREZIONALE, sia essa commerciale, di produzione, finanziaria o generale, spesso, nella maggior parte delle piccole e medie imprese e l area più interessata all analisi di questa tipologia di dati, ma è forse la più sguarnita dal punto di vista informatico. E invece l area che dovrebbe trarre dai sistemi informatici il maggior numero di informazioni possibili per poter prendere le decisioni basandosi su indicatori precisi. A volte l impiego di un sistema gestionale risulta laborioso e complesso da gestire, offrono dati distribuiti su molteplici report, con una conseguente necessità di rielaborazione. La risposta è il C RR UU SSCC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE, il mezzo per esaminare i dati e renderli immediatamente disponibili per la gestione dei processi decisionali. Come in auto, anche in azienda è importante, avere un pannello di controllo che fornisca in maniera rapida le informazioni principali di cui abbiamo bisogno, in questo caso per guidare la nostra azienda. Il C C RR UU SSCC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE è in grado di garantire: SEMPLICITÀ & IMMEDIATEZZA: le informazioni, derivanti dal gestionale vengono presentate in un ambiente di lavoro più immediato e intuitivo; sono reperibili in tempo reale, senza la necessità di pesanti documentazioni. SINTESI & COMPLETEZZA: E permessa una visibilità sintetica e globale di tutte le informazioni desiderate; con tutte le funzionalità di un foglio Excel, compreso l utilizzo di grafici. SELETTIVITÀ & INTEGRABILITÀ: L utente può gestire, selezionare e rielaborare i dati in qualsiasi posizione del foglio Excel. ESPANDIBILITÀ & AGGIORNABILITÀ: I dati possono essere sviluppati a aggiornati in qualsiasi momento, con un semplice meccanismo di importazione. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.2

4 Le Caratteristiche La costruzione del C C RR UU SSCC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DDAA LL EE come sistema di supporto alle decisioni è basata sull aggregazione automatica dei dati provenienti dal gestionale. In particolare vengono utilizzate le seguenti informazioni: DATI DI CONTABILITÀ GENERALE per le informazioni relative a tutte le rilevazioni contabili DATI RELATIVI AI DOCUMENTI: Ordini, D.d.T, Fatture etc per il calcolo e la proiezione dei flussi finanziari e per la gestione dei Budget Commerciali. DATI DI BUDGET, inseriti dall Utente in seguito alla definizione degli obiettivi a breve, medio, lungo termine. Fra gli strumenti per il monitoraggio dell azienda, il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE offre: Il BB U U DDGG EE TT EE C C OO NN OO MM II CC OO: Visione del Risultato complessivo partendo dal fatturato e dai costi. I FF L L UU SSSSII FF I I NN AA NN ZZ II AA RR II: Analisi della Liquidità finanziaria partendo dalle scadenze consolidate e previste I BB U DDGG EE TT CC O MM MM EE RR CC II AA LL II: Analisi dell andamento del fatturato e dell operato Agenti. Gli I I NN DDII CC II DD II BB II LL AA NN CC II OO: Analisi di bilancio per quozienti economici e finanziari. Il Cruscotto Aziendale però può essere configurato in molti modi e quindi utilizzato anche da altre aree aziendali : produzione, magazzino, gestione cantieri e commesse offrendo: VISTA DINAMICA E FLESSIBILE che include in un unica posizione la gran parte dei dati riferibili alle diverse funzioni ed aree aziendali. PREVENTIVAZIONE, definizione preventiva degli obiettivi MISURAZIONE PERIODICA e in tempo reale dei risultati. CONFRONTO con gli obiettivi prefissati. Analisi degli scostamenti rispetto alle previsioni; per consentire l individuazione delle cause e adozione di opportune azioni correttive. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.3

5 Il Funzionamento Il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE funziona come un semplice foglio di lavoro di Excel, con tutte le funzionalità di calcolo, formattazione, personalizzazione e integrazione proprie dell applicativo Office. Ciascuna area di lavoro è dotata di una serie di fogli di lavoro collegati necessari per la configurazione dei criteri di prelevamento dati dal gestionale. I Fogli di lavoro standard e fondamentali per il corretto funzionamento del Cruscotto sono: Foglio Configura, nel quale con opportune stringhe di testo si definiscono le modalità e i parametri di prelevamento. Foglio Situazione: nel quale vengono riportate tutte le informazioni dal gestionale definite dai metodi del foglio Configura. Altri fogli sono costruiti per specifiche esigenze di riclassificazione dei dati, oppure per eventuali rielaborazioni degli stessi ai fini di una semplice rappresentazione finale della tabella relativa oppure per una costruzione dei grafici. I fogli finali per la consultazione sono costituiti da tutte le informazioni provenienti dal gestionale e sono rappresentati da tabelle, dotate anche da colonne libere per l eventuale inserimento di dati preventivi, utili per l analisi degli scostamenti, e da grafici. E garantita la possibilità per l utente di creare molteplici fogli per un analisi più dettagliata dei dati, oppure per la creazione di grafici diversi dagli standard. L esportazione dati avviene direttamente dal gestionale, attraverso un semplice input dove e sufficiente selezionare il mese fino al quale si desidera analizzare i dati. A questo punto il foglio Excel d interesse verrà alimentato automaticamente i dati del gestionale. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.4

6 Budget Economico Per quanto riguarda la gestione economica, il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE offre l analisi dei costi e dei ricavi dell azienda per offrire una visibilità mensile e annuale sul risultato d esercizio complessivo e progressivo. Nella medesima posizione, il Cruscotto Aziendale consente di impostare in modo semplice anche Budget di costo e di ricavo, relativi a periodi diversi (mensili, annuali) per poter effettuare un raffronto in tempo reale fra i dati preventivi e consuntivi. Il risultato e il raffronto e visualizzabile in modo semplice e con l aiuto di grafici. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.5

7 Flussi di Cassa Per la gestione finanziaria il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DDAA LL EE consente di analizzare tutte le scadenze attive e passive per la valutazione della disponibilità finanziaria. Anche in questo caso è consentita l impostazione di uno o più Budget di entrate e uscite, relativi a periodi diversi; il collegamento con i dati contabili, con gli scadenziari attivi e passivi, con tutti i documenti relativi al ciclo attivo e al ciclo passivo, consente poi di fare in tempo reale un raffronto dei dati e di correggere eventualmente le previsioni future. Il raffronto e visualizzabile in modo semplice e con l aiuto di grafici. Con il foglio Flussi di Cassa, verranno pertanto analizzate: Le scadenze contabili sia attive che passive consolidate e non ancora pagate. le scadenze derivanti fatture da emettere e ricevere e, a discrezione, da documenti previsionali (ordini), considerando come data di partenza per il calcolo delle scadenze la data di prevista consegna. Le scadenze attive e passive da costi e ricavi diretti L importo Iva da versare calcolato al 15 del mese successivo alla data del documento Il Controllo e valutazione di tassi medi di insolvenza e tempi di rientro. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.6

8 Budget Commerciale Per la gestione commerciale il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE consente di visualizzare l andamento del fatturato e del lavorato agenti. Anche in questo caso è consentita l impostazione di uno o piu Budget relativi alle vendite. I Budget Commerciali possono essere i più svariati, basati su previsioni di vendite o di ordini, per articolo o per categorie di articolo e per agente o per zona. Il collegamento con i dati di magazzino e con tutti i documenti relativi al ciclo attivo consente poi di fare in tempo reale un raffronto dei dati e di correggere eventualmente le previsioni future. Il raffronto e visualizzabile in modo semplice e con l aiuto di grafici. Esempio di Budget Commerciale per Agente Cruscotto Guida di Valutazione Pag.7

9 Esempio di Budget Commerciale per Gruppi Merceologici Cruscotto Guida di Valutazione Pag.8

10 Indici di Bilancio Un attenzione particolare meritano poi gli indici di bilancio che sono degli indicatori fondamentali dell andamento aziendale e che se programmati e controllati costantemente consentono di definire obiettivi chiari sull andamento generale dell azienda e di intervenire in modo preciso e con le correzioni più opportune in caso di variazioni. Ecco di seguito alcuni degli indici già gestiti. REDDITIVITÀ DEL CAPITALE INVESTITO (ROI - RETURN ON INVESTMENT) La redditività del capitale investito (anche chiamato ROCE - Return on Capital Employed) è ottenuto dal rapporto tra l'utile operativo (al lordo degli interessi passivi) e le Attività operative nette. Questo valore espresso in %, va confrontato con i tassi di interesse medi delle banche. Il ROI è anche dato dalla moltiplicazione del ROS x l'indice di produttività del capitale. PRODUTTIVITÀ DEL CAPITALE Esprime l ammontare di ricavi che possiamo ottenere da un Euro di capitale investito. Per calcolarlo occorre prendere i Ricavi dell anno e li dividiamo per il capitale investito. Ha senso se lo si può confrontare con altre aziende del settore. REDDITIVITÀ DELLE VENDITE (ROS - RETURN ON SALES) Esprime il profitto ottenuto dai ricavi ed è quindi ottenuto dividendo l utile operativo per i ricavi di vendita (espresso in %). Alcuni indici medi per categoria di impresa: Distribuzione --> 5% - Produzione --> 10% - Servizi --> 15% INDICE DEL COSTO DELLE VENDITE (COGS COST OF GOODS SOLD) Espresso in %, si ottiene dividendo il costo dei prodotti acquistati e/o prodotti destinati alla rivendita e il valore dei ricavi di vendita. MARGINE LORDO Espresso in % si ottiene dividendo il valore dell Utile Lordo /Ricavi di Vendita RICARICO Espresso in % si ottiene dividendo il valore in percentuale del Margine Lordo e l indice in percentuale del Costo delle Vendite (COGS). PRODUTTIVITÀ DELLE IMMOBILIZZAZIONI Esprime il valore dei ricavi per ogni Euro di immobilizzazioni e si ottiene quindi dal rapporto tra i Ricavi di Vendita e il valore delle Immobilizzazioni. Generalmente è cosa buona che questo indice negli anni tenda ad alzarsi. PRODUTTIVITÀ DEL CAPITALE CIRCOLANTE Esprime il valore dei ricavi per ogni Euro di capitale circolante e si ottiene quindi dal rapporto tra i Ricavi di Vendita e il valore del Capitale circolante. DILAZIONE MEDIA CONCESSA AI CLIENTI E il numero medio di giorni che l azienda aspetta prima di incassare. Il calcolo è ottenuto dalla formula: Crediti in essere / Ricavi giornalieri, dove i Ricavi giornalieri è dato dai Ricavi dell anno /365. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.9

11 GIACENZA MEDIA DELLE SCORTE PRODOTTI FINITI E il valore che esprime, considerando un valore medio di rimanenze per tutto l anno, quanti giorni impieghiamo a fare ruotare il magazzino prodotti finiti. Il calcolo si ottiene attraverso la seguente formula: Valore dei prodotti finiti / Costo della merce venduta giornalmente. Quest ultima grandezza è data dal rapporto tra il Costo del Venduto annuale / 365. RAPPORTO TRA INDEBITAMENTO NETTO E FINANZIAMENTO TOTALE Ignorando i debiti tributari, il finanziamento totale di una impresa è la somma dell indebitamento netto e del capitale netto. Il rapporto tra indebitamento netto (Cassa + Scoperti + Prestiti) e finanziamento totale (Indebitamento Netto + Dividendi da corrispondere + Capitale Sociale + Riserva sovrapprezzo azioni + Utile non distribuito) rappresenta la percentuale di indebitamento del finanziamento totale. Ricordiamo che un valore superiore al 50% è piuttosto elevato e che intorno al 25% è ottimale. INDICE DI INDEBITAMENTO Il rapporto tra indebitamento netto e finanziamento totale esprime la percentuale di attività finanziata da capitale di terzi, e per differenza, la percentuale finanziata da mezzi propri. Il calcolo è quindi dato dal valore dell Indebitamento Netto e il Capitale Netto (Dividendi da corrispondere + Capitale Sociale + Riserva sovrapprezzo azioni + Utile non distribuito). Ricordiamo che un valore superiore al 100% è piuttosto elevato e che intorno al 33% è ottimale. INDICE DI COPERTURA DEGLI INTERESSI PASSIVI Questo indice è pari al rapporto tra l Utile operativo e gli Interessi passivi da corrispondere. E uno dei dati attraverso cui le banche decidono la concessione di prestiti. REDDITIVITÀ DEL CAPITALE PROPRIO (ROE - RETURN ON EQUITY) Esprime la redditività del denaro investito nell azienda. Il rendimento considerato è il risultato al lordo delle imposte, quindi il ROE = Risultato al Lordo delle Imposte / Capitale Proprio (Dividendi da corrispondere + Capitale Sociale + Riserva sovrapprezzo azioni + Utile non distribuito) TASSO MEDIO DI INTERESSE L analisi dei soli conti della società, spesso non ci dicono quale è il tasso di interesse che l impresa paga sull indebitamento. Possiamo comunque avere una stima molto grezza attraverso questo semplice calcolo espresso poi in percentuale: Interessi Passivi dell anno / Indebitamento Medio. INDICE DI LIQUIDITÀ L indice di liquidità è dato dal rapporto tra le attività e le passività correnti. La logica che sostiene questo rapporto risiede nel fatto che le attività correnti dovrebbero essere tutte convertite in liquidità entro un anno, mentre le passività correnti sono quelle che occorrerà pagare entro un anno. L Indice di Liquidità = Attività Correnti / Passività Correnti. Normalmente gli analisti ritengono che per avere un buon margine di sicurezza l indice di liquidità dovrebbe risultare maggiore di 2. INDICE DI LIQUIDITÀ IMMEDIATA L indice di liquidità immediata è identico all indice di liquidità tranne che per le rimanenze che non vengono comprese tra le attività correnti, in quanto spesso le rimanenze non possono essere liquidate facilmente. Tutte le altre attività (in particolare i crediti e la cassa) vengono considerate immediatamente realizzabili. Cruscotto Guida di Valutazione Pag.10

12 Cruscotto Guida di Valutazione Pag.11

13 Cruscotto Conclusioni : Il C C RR UU SS CC OO TT TT OO AA ZZ II EE NN DD AA LL EE : un valido strumento di supporto nell Attività di direzione d impresa e un nuovo modo di guardare la propria azienda. Molte aziende, soprattutto in passato, erano abituate a pensare che la regola d oro per condurre un impresa su sentieri di successo è: SVILUPPARE IL FATTURATO. Gli eventi ricorrenti, quali ad esempio i periodi di recessione, hanno profondamente modificato quella regola per trasformarla, nel caso di alcune aziende, in un vizio che è poi risultato mortale. Oggi piu che mai diventa condizione imprescindibile, per coloro che svolgono un attività di direzione o di controllo di gestione, l essere in grado di interpretare, controllare e pilotare la dimensione economico-finanziaria dell azienda. Non si può quindi guardare solo al fatturato, al reddito netto, a un rapporto fra i due, all utile aziendale e pensare di aver apprezzato lo stato di salute della Vostra azienda. E come se un medico si accontentasse di misurare la temperatura per sentenziare se il paziente è o meno malato, dimenticando che vi sono malattie che non provocano immediatamente alterazioni di temperatura ed altre che, pur essendo mortali, non la provocano mai. Gli strumenti per il monitoraggio dell azienda sono davvero molti, l obiettivo di Cruscotto e renderne disponibili alcuni. Con essi si sara in grado di rendere più completi ed esaustivi i tre momenti chiave dell attività di direzione: Analisi e apprezzamento della situazione nella quale l azienda si trova ad operare; Definizione degli obiettivi verso i quali pilotare l azienda; Definizione delle azioni che consentono di raggiungere tali obiettivi. In altri termini, i budget, gli indici e i flussi sono utili per rispondere ai tre interrogativi chiave intorno ai quali ruota l attività di direzione stimolando una sistematica analisi della dimensione reddituale e finanziaria della gestione. Questi strumenti, oltre ad essere preziosi quando l attenzione si rivolge all interno dell impresa, si rivelano altrettanto utili quando oggetto di osservazione e valutazione sono i concorrenti, i clienti e i fornitori. Per saperne di più non esitate a contattarci su: Cruscotto Guida di Valutazione Pag.12

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic IDEE TECNICHE MANAGEMENT Analisi di Bilancio Basic ANALISI DI BILANCIO Cosa è il bilancio d esercizio? Il bilancio d esercizio è il documento con cui si rappresenta la situazione economica (ricavi e costi),

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

I modulo - Bilancio ed indicatori -

I modulo - Bilancio ed indicatori - I modulo - Bilancio ed indicatori - sommario INTRODUZIONE INTRODUZIONE Basics Basicssul sul bilancio bilancio Il Il bilancio bilancio XYZ XYZ e le le riclassificazioni riclassificazionidegli degli schemi

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

Il Business Plan: analisi economica e finanziaria

Il Business Plan: analisi economica e finanziaria Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: analisi economica e finanziaria Prof. GIUSEPPE TARDIVO Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO Prof R Bauer Strumenti di analisi e lettura del bilancio: L analisi di bilancio può essere condotta con : A) la riclassificazione degli schemi di bilancio;

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Controllo di Gestione

Controllo di Gestione Pianificazione e controllo del business aziendale Controllo di Gestione In un contesto altamente complesso e competitivo quale quello moderno, il controllo di gestione ricopre un ruolo quanto mai strategico:

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa Università degli Studi di Torino Laboratorio "Internazionalizzazione delle imprese: strategie di mercato e di investimento Le dinamiche economiche, patrimoniali e finanziarie dell impresa Massimo Battuello

Dettagli

L analisi di bilancio a mezzo indici

L analisi di bilancio a mezzo indici Università Politecnica delle Marche L analisi di bilancio a mezzo indici 1 Trova riflesso Le operazioni di gestione sono rilevate nella loro espressione quantitativo-monetaria porta alla formazione Nei

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI )

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI ) IL BILANCIO D ESERCIZIO: COSA E E COME SI LEGGE (e soprattutto come si utilizza nel controllo di gestione dell impresa) STATO PATRIMONIALE = FOTOGRAFIA DEL PATRIMONIO CONTO ECONOMICO = FILM DELLA GESTIONE

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

LE GUIDE DI BANCOPASS. L analisi di bilancio per indici

LE GUIDE DI BANCOPASS. L analisi di bilancio per indici LE GUIDE DI BANCOPASS L analisi di bilancio per indici 2 Sommario 1. L analisi di bilancio... 3 Che cos è l analisi di bilancio?... 3 Qual è la finalità?... 3 Chi può fare l analisi di bilancio?... 3 Quali

Dettagli

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio?

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio? A cosa serve l analisi di bilancio? Potenzialità informative Patrimoniale Percezione della rigidità/elasticità degli impieghi Percezione del grado di indebitamento Grado di finanziamento immobilizzazioni

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott.ssa Elisa Sartori Ricercatore in Economia Aziendale presso l IRDCEC Importanza dell ANALISI di BILANCIO Fonti normative Rapporti con

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia Syllabus Vers. 1.0 Livello A Pag. 1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 5 MODULO 3: Analisi dei Costi 6 MODULO 4: Elementi di Diritto Commerciale 7 Pag. 2

Dettagli

MARGINE. di commessa RICAVI COSTI IL NUMERO UNO NELLA GESTIONE DELLA COMMESSA. www.my. .it

MARGINE. di commessa RICAVI COSTI IL NUMERO UNO NELLA GESTIONE DELLA COMMESSA. www.my. .it il miglior gestionale per impiantisti MARGINE di commessa COSTI RICAVI IL NUMERO UNO NELLA GESTIONE DELLA COMMESSA www.my onale per impiantisti MARGINE di commessa NON DIMENTICARE CHE PERFETTO È COMPLETO

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

ROERO VERDE Società Consortile a Responsabilità Limitata Bilancio al 31/12/2013

ROERO VERDE Società Consortile a Responsabilità Limitata Bilancio al 31/12/2013 ROERO VERDE Società Consortile a Responsabilità Limitata Bilancio al 31/12/ ROERO VERDE soc. consortile a Responsabilità Limitata Sede legale: P.zza Marconi, 8 SOMMARIVA PERNO (CN) Iscritta al Registro

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Informazioni, riflessioni e spunti sui temi del management e della gestione d impresa 03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Sommario:

Dettagli

King Bilanci. Gestione Bilanci e Fondo Imposte

King Bilanci. Gestione Bilanci e Fondo Imposte King Bilanci Gestione Bilanci e Fondo Imposte Gestione Bilanci e Fondo Imposte... 3 L elaborazione innovativa dei bilanci e Fiscalità Integrata... 3 I moduli scalabili di KING BILANCI... 4 L innovazione

Dettagli

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO DAI FORMA AL TUO SUCCESSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO GESTIONE DEL BUSINESS ANALISI DEI RISULTATI Accompagna il vostro sviluppo... E un sistema affidabile ed innovativo KING AZIENDA è la soluzione gestionale

Dettagli

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO DAI FORMA AL TUO SUCCESSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO GESTIONE DEL BUSINESS ANALISI DEI RISULTATI Accompagna il vostro sviluppo... E un sistema affidabile ed innovativo KING AZIENDA è la soluzione gestionale

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 0,93 % 1,55 % (40,00) %

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 0,93 % 1,55 % (40,00) % ALBA S.R.L. Sede legale: VIA ROSA JEMMA N. 118 BATTIPAGLIA (SA) Iscritta al Registro Imprese di SALERNO C.F. e numero iscrizione 04863070654 Iscritta al R.E.A. di SALERNO n. 399875 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

il rapporto banca impresa

il rapporto banca impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO il rapporto banca impresa Come la banca si rapporta con la clientela retail. Ratios di bilancio dalla contabilità semplificata e analisi qualitativa. Gioacchino

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

L analisi di bilancio

L analisi di bilancio 1/37 Andrea Fradeani L analisi di bilancio (per le decisioni aziendali) Piediripa di Macerata, martedì 9 ottobre 2007 2/37 1. introduzione 3/37 il bisogno d informazioni è necessario conoscere per decidere

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

BUSINESS COMPACT MESONIC. Business Compact. La soluzione intelligente per le aziende medie e piccole

BUSINESS COMPACT MESONIC. Business Compact. La soluzione intelligente per le aziende medie e piccole Un gestionale ERP compatto, sicuro e all avanguardia alla portata di tutti. MESONIC BUSINESS COMPACT La soluzione intelligente per le aziende medie e piccole MESONIC MESONIC, una soluzione ERP a portata

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Premessa la pianificazione

Premessa la pianificazione Premessa la pianificazione Nell attuale contesto competitivo e finanziario non è più sufficiente saper gestire un operazione di sviluppo immobiliare per trarne un adeguato margine imprenditoriale: il Credit

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

SoftwareSirio Modelli di Board

SoftwareSirio Modelli di Board SoftwareSirio Modelli di Board Business Intelligence e Performance Management vendite logistica e acquisti commesse scadenziari riclassificazione di bilancio Sirio informatica e sistemi SpA Sirio informatica

Dettagli

Costo medio dei mezzi di terzi R.O.I. R.O.I.

Costo medio dei mezzi di terzi R.O.I. R.O.I. RN = Ro - OF RN = Ro K x K _ OF RN = ROI x K _ OF RN = ROI x ( PN + D ) _ ( i x D ) RN = ROI x PN + ( ROI - i ) x D Ipotesi semplificata: assenza gestione accessoria, straordinaria e tributaria Corso di

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Indici di Bilancio. Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT. Firenze 12 Novembre 2013. Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1

Indici di Bilancio. Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT. Firenze 12 Novembre 2013. Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1 Indici di Bilancio Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT Firenze 12 Novembre 2013 Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1 INDICE Obiettivi dell Analisi Fasi per la determinazione degli Indici

Dettagli

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore)

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore) Paolo Mazzoni 2010. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2010". Non sono ammesse

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007

MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007 MANUALE D USO ANALISI DI BILANCIO 2007 AVVERTENZE: 2006 - Bsness Analisi di Bilancio 2007 è un software registrato presso la S.I.A.E. E assolutamente vietata la riproduzione anche parziale. RACCOMANDAZIONI:

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO

L ANALISI DI BILANCIO L ANALISI DI BILANCIO Teoria e caso su Personal Computer Prof. Massimo Saita Direttore Istituto di Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto)

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Sommario Premessa... 2 1. La missione e gli obiettivi... 3 2. Il rapporto con gli Enti

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence BI: Business Intelligence Business Intelligence Il modulo di Business Intelligence permette di generare CUBI OLAP per quanto attiene gli ambiti applicativi Vendite, Acquisti, Contabilità direzionale, Contabilità-Scadenze,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro?

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? Analisi per indici Indici di bilancio a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? 2 a. Cosa sono Relazioni fra grandezze

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli