Parte II Cruscotto di indicatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte II Cruscotto di indicatori"

Transcript

1 Parte II Cruscotto di indicatori Il monitoraggio dei servizi pubblici locali mediante un cruscotto di indicatori Bruno Bracalente, Massimo Cossignani, Alessandro Montrone Premessa Il monitoraggio della performance delle imprese di servizi pubblici locali del Comune di Perugia risponde ad un duplice ordine di esigenze: - controllo da parte del Comune holding sull andamento economico e sulla situazione patrimoniale delle proprie partecipate; - comunicazione verso la cittadinanza e, in genere, verso tutti gli stakeholder per diversi motivi interessati alle imprese di pubblici servizi locali. Gli obiettivi indicati comportano sia la necessità di sottoporre ad analisi i bilanci delle imprese in questione che quella di definire e regolare un flusso di informazioni dalle imprese verso il Comune su alcuni aspetti che, pur non rivestendo carattere economico-finanziario, siano altamente significativi nella valutazione e comunicazione della performance delle imprese di servizi pubblici locali. Per dare all insieme di tali informazioni il carattere della necessaria sinteticità e facilità di lettura da parte dei soggetti interessati e della cittadinanza, le informazioni vengono raccolte sistematicamente e con continuità in un cruscotto di indicatori relativi ad ognuna delle imprese monitorate. Il cruscotto è diviso in due parti. Una prima parte, con la medesima struttura per tutte le aziende monitorate, relativo alle informazioni di tipo economico-finanziario, costruita, con cadenza annuale, attraverso i dati di bilancio di ogni azienda. Una seconda parte diversificata da azienda ad azienda, in ragione della differente attività posta in essere, che serva ad evidenziare gli aspetti extra contabili delle aziende, e in 1

2 particolare la loro performance qualitativa. La cadenza, per questa seconda parte, è generalmente inferiore all anno, spesso quadrimestrale. Entrambe le parti del cruscotto sono articolate in due aree: un area di input, nella quale vengono inserite le relative informazioni di base, ovvero i dati di bilancio (nella prima parte) e i dati relativi agli aspetti extra contabili di ogni azienda (nella seconda); un area di output, nella quale il sistema informatico produce automaticamente gli indicatori di bilancio (redditività, liquidità, ecc.) e quelli realativi alla qualità del servizio. Infine la stessa area di output è divisa in due quadri : il quadro esterno, accessibile anche al pubblico, nel quale sono raccolti gli indicatori di carattere più generale e di interesse generale sui principali risultati della gestione aziendale e sui aspetti qualitativi del servizio; il quadro interno, accessibile soltanto alla amministrazione comunale, in cui sono raccolte anche informazioni più specifiche (e non di interesse pubblico) sulla gestione aziendale. Il cruscotto economico-finanziario Questa prima componente del cruscotto è, come si è detto nella premessa, applicabile indistintamente alle diverse imprese di servizi pubblici locali sottoposte a monitoraggio. Dal punto di vista informatico, la struttura si tratta di un foglio elettronico Excel articolato su tre distinte cartelle, dedicate rispettivamente: - all input dei dati; - al quadro di indicatori per uso interno ; - al quadro di indicatori per uso esterno. Nella cartella dedicata all input, esemplificata nelle pagine seguenti con i dati di APM SpA-APM Esercizi SpA per gli anni , vengono inseriti nelle celle evidenziate in giallo i dati di bilancio. L operazione è agevolata e resa accessibile anche ai non addetti ai lavori grazie al puntuale riferimento ai codici ed alle voci presenti in ogni bilancio civilistico redatto ai sensi degli schemi di cui agli artt (stato patrimoniale) e 2425 (conto economico) del Codice Civile. Va precisato che le lettere L e B, riportate al termine di alcuni codici, indicano rispettivamente la scadenza oltre o entro l esercizio successivo di voci relative a 2

3 crediti e debiti, così come da richiesta di distinta indicazione avanzata dal legislatore civilistico e, quindi, presente in ogni bilancio conforme alla legge. Infine, va anche effettuata l immissione del dato relativo al numero medio di dipendenti nel corso dell anno, necessario ai fini del calcolo di indicatori per la valutazione della produttività del personale. Una volta completato l input, il sistema restituisce immediatamente un duplice output rispettivamente destinato al monitoraggio da parte del Comune azionista e alla comunicazione alla cittadinanza. La distinzione tra quadro interno e quadro esterno non è motivata da esigenze di riservatezza, né rappresenta una limitazione alla comunicazione di informazioni che sarebbero comunque di pubblico dominio, bensì dal diverso interesse (dei cittadini e della amministrazione comunale) verso i molteplici indicatori che possono essere calcolati. Infatti, se è vero che l azionista deve monitorare attentamente sia la performance economica che la situazione patrimoniale e finanziaria delle proprie partecipate, la cittadinanza può avere interesse solo per aspetti di andamento economico, capaci di evidenziare l efficienza con cui il servizio di pubblica utilità viene prestato; in aggiunta, è ovvia l opportunità di limitare la numerosità degli indicatori utilizzati per la comunicazione verso l esterno proprio per rendere il messaggio trasmesso più semplice e sintetico e quindi più fruibile dalla cittadinanza. In ogni caso, sia per il monitoraggio che per la comunicazione, si è preferito rendere il dato in forma grafica per una sua più immediata ed agevole leggibilità. Nell output destinato al monitoraggio da parte del Comune azionista gli indicatori, sempre calcolati per l ultimo triennio, sono i seguenti: - current ratio; - quick ratio; - indice di copertura secca delle immobilizzazioni; - indice di copertura relativa delle immobilizzazioni; - grado di indebitamento; - turn-over; - valore aggiunto su fatturato; - valore aggiunto su capitale investito; - Return On Equity (ROE); - Return On Investment (ROI); - Return On Sales (ROS); - Fatturato per dipendente; 3

4 - Costo del lavoro per dipendente; - Immobilizzazioni tecniche per addetto. 4

5 APM SpA - APM Esercizi SpA CODICI VOCI STATO PATRIM. ATTIVO A Cred.v/soci rich. - - A Cred.v/soci non rich. - - B-I-1 Costi impianto e ampl B-I-2 Costi ricerca, svil, pubb. - - B-I-3 Diritti brevetto e ut. op. - - B-I-4 Concess.,licenze, marc B-I-5 Avviamento - - B-I-6 Immob. in corso e acc. - - B-I-7 Altre B-II-1 Terreni e fabbricati B-II-2 Impianti e macchinario B-II-3 Attrezzat. industr. e com B-II-3 bis Beni devolvibili - - B-II-4 Altri beni B-II-5 Immob. in corso e acc B-III-1-a Part. impr. controllate B-III-1-b Part. impr. collegate B-III-1-c Part. impr. controllanti - B-III-1-d Part. altre imprese B-III-2-a-L Cred. v/impr. controllate - - B-III-2-b-L Cred. v/impr. collegate - - B-III-2-c-L Cred. v/impr.controllanti - - B-III-2-d-L Cred. v/altri B-III-2-a-B Cred. v/impr. controllate - - B-III-2-b-B Cred. v/impr. collegate - - B-III-2-c-B Cred. v/impr.controllanti - - B-III-2-d-B Cred. v/altri - - B-III-3 Altri titoli - - B-III-4 Azioni proprie - - C-I-1 Rim.mat.prime, suss C-I-2 Rim.prod.lavor. e semil. - - C-I-3 Rim.lavori in corso ord. - - C-I-4 Rim.prod. finiti e merci - - C-I-5 Acconti - - C-II-1-L Crediti v/clienti - - C-II-2-L Cred. v/impr. controllate - - C-II-3-L Cred. v/impr. collegate - - C-II-4-L Cred. v/impr.controllanti - - C-II-4-bis-LCrediti tributari - - C-II-4-ter-L Imposte anticipate - - C-II-5-L Cred. v/altri C-II-1-B Crediti v/clienti C-II-2-B Cred. v/impr. controllate C-II-3-B Cred. v/impr. collegate C-II-4-B Cred. v/impr.controllanti - - C-II-4-bis-BCrediti tributari C-II-4-ter-BImposte anticipate - - C-II-5-B Cred. v/altri C-III-1 Part. impr. controllate - - C-III-2 Part. impr. collegate - - C-III-3 Part. impr. controllanti - - C-III-4 Altre partecipazioni - - C-III-5 Azioni proprie - - C-III-6 Altri titoli - - C-IV-1 Depositi bancari e post C-IV-2 Assegni - - C-IV-3 Denaro e val. in cassa D Ratei attivi - - D Risconti attivi annuali D Risconti attivi plurienn D Disaggio su prestiti - - TOTALE

6 PASSIVO/NETTO A-I Capitale A-II Riserva sovrappr. az A-III Riserve rivalutazione - - A-IV Riserva legale A-V Riserva azioni proprie - - A-VI Riserve statutarie - - A-VII Altre riserve A-VIII Utile (Perdita) a nuovo A-IX Utile (Perdita) eserc B-1 F. trattam. quiescenza - - B-2-a F. imposte B-2-b F. imposte differite B-3-a Altri fondi C Tratt. fine rapporto D-1-L Obbligazioni - - D-2-L Obbligazioni convert. - - D-3-L Debiti v/soci per finanz. - - D-4-L Debiti v/banche D-5-L Deb. v/altri finanziatori - - D-6-L Acconti - - D-7-L Debiti v/fornitori - - D-8-L Deb. rappr. da tit. cred. - - D-9-L Debiti v/ controllate - - D-10-L Debiti v/ collegate - - D-11-L Debiti v/ controllanti - - D-12-L Debiti tributari - - D-13-L Deb. v/ist. previd. - - D-14-L Altri debiti D-1-B Obbligazioni - - D-2-B Obbligazioni convert. - - D-3-B Debiti v/soci per finanz. - - D-4-B Debiti v/banche D-5-B Deb. v/altri finanziatori - - D-6-B Acconti - - D-7-B Debiti v/fornitori D-8-B Deb. rappr. da tit. cred. - - D-9-B Debiti v/ controllate D-10-B Debiti v/ collegate D-11-B Debiti v/ controllanti - - D-12-B Debiti tributari D-13-B Deb. v/ist. previd D-14-B Altri debiti E Ratei passivi annuali - E Ratei passivi plurienn E Risconti passivi annuali E Risconti pass. plurienn E Aggio su prestiti - - TOTALE

7 C/ECONOMICO A-1 Ricavi vendite e prest A-2 Variaz. rim. prodotti - - A-3 Variaz. lavori in corso - - A-4 Increm. immob. lav. int. - - A-5 Altri ricavi e proventi B-6 Mat. prime, suss., merci B-7 Servizi B-8 Godimento beni terzi B-9-a Salari e stipendi B-9-b Oneri sociali B-9-c Trattam. fine rapporto B-9-d Trattam. quiescenza - - B-9-e Altri costi personale B-10 Ammortam. e svalutaz B-11 Var.rim. mat.pr., merci B-12 Accant. per rischi B-13 Altri accantonamenti - - B-14 Oneri diversi gestione C-15 Proventi part. controllo - - C-15 Proventi part. colleg. - - C-15 Proventi altre part. - - C-16-a Prov.cred.imm.contr.ate - - C-16-a Prov.cred.imm.colleg. - - C-16-a Prov.cred.imm.contr.ti - - C-16-a Altri prov.cred.imm. - - C-16-b Titoli immob. non part. - - C-16-c Titoli att.circ. non part. - - C-16-d Altri prov. controllate C-16-d Altri prov. collegate - - C-16-d Altri prov. controllanti - - C-16-d Altri proventi finanziari C-17 Inter. e on.fin. controllate - 1 C-17 Inter. e on.fin. collegate - - C-17 Inter. e on.fin.controllanti - - C-17 Interessi e altri oneri fin D-18-a Rivalutaz. partecipaz. - - D-18-b Rival. imm.fin. non part - - D-18-c Rivalutaz. titoli att.circ. - - D-19-a Svalutaz. partecipaz D-19-b Sval. imm.fin. non part - - D-19-c Svalutaz. titoli att.circ. - - E-20 Proventi straordinari E-20 Plusval. da alienazioni E-20 Differenze att. convers. - - E-21 Oneri straordinari E-21 Minusval. da alienazioni - - E-21 Differ. pass. convers. - - *22 Imposte sul reddito es. - - *22 Imposte correnti *22 Imposte differite *24 Rettifiche norme tribut. - - *25 Accanton. norme tribut. - - *26 Utile (Perdita) eserc *26 Utile/Perd. es. gruppo - - *26 Utile/Perd. es. terzi

8 Più circoscritto è, invece, il set di indicatori destinato alla comunicazione alla cittadinanza. Tali indicatori non comprendono gli aspetti relativi alla solidità patrimoniale ed alla situazione finanziaria delle imprese di pubblici servizi locali, né quelli relativi alla loro redditività in termini di capitale proprio. Esso comprende invece gli indicatori relativi alla economicità ed alla efficienza delle aziende, ovvero i seguenti indicatori: - Valore aggiunto su capitale investito; - Return On Investment (ROI); - Return On Sales (ROS); - Fatturato per dipendente; - Costo del lavoro per dipendente; - Immobilizzazioni tecniche per addetto. I primi tra gli indicatori elencati sono utili a valutare l esistenza di condizioni di equilibrio finanziario, andando ad investire: - la situazione di solvibilità, ossia la capacità dell impresa di soddisfare con tempestività ed economicità il fabbisogno finanziario a breve con le attività liquide o liquidabili a scadenze ravvicinate; - la situazione di solidità finanziaria, ossia la capacità dell impresa di soddisfare nel tempo i fabbisogni finanziari della gestione nelle scadenze e secondo le modalità preventivate ossia di mantenere nel medio-lungo periodo un costante equilibrio tra le uscite monetarie, connesse al rimborso dei debiti, e le entrate monetarie, derivanti dal realizzo degli impieghi, in modo da non compromettere, tra l altro, l equilibrio economico della gestione. In particolare, per valutare la situazione di solvibilità si fa uso del current ratio e del quick ratio; il primo pone in relazione i valori di quelle attività e passività che sono contraddistinte da analoghi termini di breve durata; esso è, pertanto, espressivo della situazione di liquidità in senso lato, intesa come generica attitudine alle attività a breve di bilancio di soddisfare gli impegni parimenti a breve. Tuttavia, tale indice, pur essendo diffusamente utilizzato, non sempre è adeguatamente significativo per la presenza al numeratore delle scorte di magazzino, il cui ciclo di realizzo può essere più lento e problematico del previsto. È, quindi, opportuno affiancare al calcolo del current ratio quello del quick ratio, che esprime la 8

9 capacità dell impresa di fare fronte ai propri impegni finanziari a breve con i flussi di cassa rivenienti, oltre che dalle liquidità immediate, dal realizzo di quelle differite. Il passo successivo nello studio degli equilibri finanziari consiste, come si è accennato, nello studio della solidità strutturale dell impresa, espressa da un equilibrato rapporto tra investimenti durevoli e fonti di finanziamento stabili, attuabile correlando il livello delle immobilizzazioni con quello del capitale proprio e delle redimibilità (o passività a medio-lungo termine). Una simile affermazione si motiva in ragione dell opportunità di coprire con fonti decisamente stabili quegli investimenti che, per loro natura e destinazione, sono caratterizzati da un lento e graduale ritorno in forma liquida, tale da non consentire di fare fronte ad eventuali obblighi di restituzione a breve termine delle risorse finanziarie in essi impiegate. Per l analisi della solidità gli indicatori più significativi sono dati dal quoziente di copertura secco delle immobilizzazioni (detto anche quoziente di garanzia o quoziente primario di struttura) e dal quoziente di copertura relativo delle immobilizzazioni. Il primo è costituito dal rapporto tra l entità del capitale proprio ed il volume delle immobilizzazioni e definisce il peso dei mezzi di proprietà nel processo di investimento in elementi patrimoniali a fecondità ripetuta, sicché tanto più elevato è il suo valore, tanto minore si palesa la quota dell indebitamento destinata a coprire le immobilizzazioni o, per converso, tanto maggiore la quota delle capitalizzazioni che finanziano l attivo corrente. Algebricamente, detto indice può assumere valori compresi tra zero (in assenza di capitale proprio) ed infinito (in assenza di investimenti in immobilizzazioni); tuttavia, è plausibile asserire che esso debba preferibilmente presentare valori almeno prossimi all unità, ad indicare che il finanziamento delle immobilizzazioni avviene pressoché esclusivamente con mezzi propri. In caso contrario, si rende necessario indagare sul peso del credito a breve, da un lato, e di quello a medio e lungo termine, dall altro, nella struttura finanziaria d impresa. Infatti, dove il quoziente di copertura delle immobilizzazioni risulti inferiore all unità e, quindi, il margine di struttura sia negativo, è necessario che lo spread venga fronteggiato attraverso l acquisizione di passività consolidate, essendo evidente che il ricorso, anche parziale, all indebitamento corrente per finanziare gli impieghi in attivo fisso è una soluzione foriera di gravi squilibri. 9

10 Pertanto, è opportuno estendere l analisi all indice di copertura relativo delle immobilizzazioni (detto anche quoziente secondario di struttura) dove, a differenza del precedente quoziente, al numeratore viene riportata la sommatoria di redimibilità e capitalizzazioni, mentre al denominatore figura sempre l attivo immobilizzato. Anche questo indice può assumere valori compresi tra zero (in assenza di finanziamenti stabili) ed infinito (in assenza di investimenti in immobilizzazioni); se esso risulta pari all unità, significa che si realizza una situazione di equilibrio tra immobilizzazioni e finanziamenti a medio e lungo termine, sia provenienti da terze economie che di proprietà dell impresa. Valori superiori indicano la condizione per cui le fonti stabili offrono un adeguata copertura alle attività immobilizzate finanziando anche, in misura più o meno consistente, le attività correnti, mentre preoccupante è la situazione in cui l indicatore presenta un valore inferiore all unità, atteso che in questo caso le fonti di finanziamento stabili non arrivano a coprire il fabbisogno generato dagli investimenti in attivo fisso. Un ulteriore e fondamentale elemento di giudizio sulla struttura finanziaria dell impresa è rappresentato dal grado di indebitamento, dato dal rapporto tra il capitale complessivamente investito e il capitale proprio, che esprime in maniera sintetica ed efficace il livello di dipendenza finanziaria della gestione da mezzi di terzi. Infatti, le tipiche condizioni di equilibrio della struttura finanziaria prevedono, fra l altro, il mantenimento o il perseguimento di un appropriato rapporto tra mezzi finanziari di origine esterna e di origine interna, acquisiti con vincoli differenti. Tale equilibrio strutturale trova il suo fondamento nel fatto che nessuna impresa può conseguire un assoluta indipendenza dall indebitamento, dato che tutte, anche le più solide e redditizie, tendono a conseguire e a consolidare la capacità di credito, contenendo il livello dell indebitamento in rapporto a quello dei finanziamenti acquisibili con il vincolo del pieno rischio. Il tasso di rotazione del capitale investito, ottenuto dal rapporto tra i ricavi netti di esercizio e il capitale complessivamente investito nella gestione, è l indice di rotazione più generale, atteso che esprime quante volte gli investimenti tornano liquidi nel corso di un esercizio per mezzo del fatturato. In particolare, il suo valore è inferiore all unità in presenza di processi economicoproduttivi non in grado di recuperare il capitale investito attraverso i ricavi 10

11 nell annualità, mentre è superiore all unità quando questo recupero avviene più di una volta nell arco del medesimo periodo. 1 Gli indicatori calcolati impiegando al numeratore il valore aggiunto sono indici di efficienza, in quanto destinati ad apprezzare la capacità dell impresa di produrre ricchezza attraverso un razionale ed economico impiego delle risorse. In particolare, il tasso di ritorno del fatturato in termini di valore aggiunto rende possibile acquisire rilevanti informazioni inerenti l attitudine dell impresa a produrre ulteriore ricchezza rispetto al valore dei beni e dei servizi acquisiti da terzi: Il livello massimo di questo indice corrisponde all unità (o al 100% in termini percentuali), livello avvicinabile solo da quelle attività economico-produttive consistenti nella prestazione di servizi su base professionale e personale; via via che il valore dell indice scende, la ricchezza lorda è in misura crescente assorbita da un consumo di fattori non strutturali provenienti da terze economie. Una discesa sotto il livello di benchmark, che non sia effetto di deliberate politiche di esternalizzazione attuate da parte del management aziendale, costituisce un segnale di allarme da considerare con estrema attenzione. Moltiplicando l indice in esame per il tasso di rotazione del capitale investito, si ottiene il tasso di ritorno del capitale investito in termini di valore aggiunto, che indica la capacità dell impresa di generare nuova ricchezza in rapporto al capitale nella stessa impiegato. Tale indice può essere considerato come una misura di produttività del capitale complessivamente investito nella attività d impresa. Se il valore dell indice si posiziona al di sotto del valore di benchmark, segnala la necessità di intraprendere, in alternativa ma anche in concomitanza, delle azioni tese rispettivamente ad incrementare il valore aggiunto o a ridurre il capitale investito. 2 1 Per quanto concerne le determinanti di questo tasso, esse sono rinvenibili in una serie di indici di rotazione e di durata che esprimono, seppure in diversi termini, la velocità dei processi aziendali; in ogni caso, fermo restando che l impresa deve comunque tendere a massimizzare questo tasso di rotazione, non ha una sufficiente attendibilità fornire in generale un valore medio o adeguato per tale indice, atteso che esso varia in maniera consistente da settore a settore in relazione alla necessità di acquisire per l attività che si intende svolgere una quantità più o meno rilevante di fattori rigidi della produzione o, viceversa, di fattori elastici. Infatti, i primi mostrano la tendenza a tornare in forma liquida attraverso il conseguimento dei ricavi in maniera decisamente più lenta rispetto ai secondi; un impresa che nella sua attività debba fare consistente ricorso a fattori rigidi ha quindi una complessiva rotazione degli investimenti marcatamente più ridotta rispetto ad un altra che abbisogni principalmente di fattori elastici. 2 In particolare, il valore aggiunto potrebbe migliorare per effetto di: 11

12 Il management dell impresa potrebbe trovare decisamente utile questo indice, mentre meno sensibili al suo contenuto informativo potrebbero essere gli azionisti, tradizionalmente più attenti ad indicatori capaci di evidenziare più direttamente il livello di remunerazione dei loro investimenti. Peraltro, questo indicatore ha una elevata valenza sociale, oltre che economica, in quanto evidenzia in che misura il sistema aziendale accresce le risorse assorbite nell arco del periodo considerato, mettendone in luce il ruolo costruttivo o dannoso (in caso di assenza di valore aggiunto o, persino, di distruzione di ricchezza) nel quadro del tessuto socio-economico in cui agisce. Seguono indicatori più classici di redditività, tra cui, in primo luogo, il ROE (Return On Equity), o tasso di redditività del capitale proprio, che si calcola rapportando il reddito netto alle risorse proprie. Il campo di variabilità di questo indice, solitamente espresso in termini percentuali, è decisamente esteso. Infatti, fermo restando che il valore del denominatore deve essere positivo (in situazioni di deficit il calcolo dell indice perde significato), il ROE può assumere qualsiasi valore positivo o negativo, rispettivamente se si rileva un utile o una perdita di esercizio. La gamma dei più significativi indici di redditività si arricchisce con il ROI (Return On Investment), o tasso di redditività operativa del capitale investito, dato dal rapporto tra reddito operativo e capitale investito. Il valore di questo indice, sempre espresso in termini percentuali, può variare da meno infinito a più infinito in quanto, a fronte di un capitale investito comunque maggiore di zero, il reddito operativo può assumere valori positivi o negativi. Il rapporto in esame è in grado di esprimere il rendimento del capitale impiegato nell impresa in relazione alla sola gestione caratteristica e, quindi, consente di giudicare l efficienza degli organi di governo, tenuti a rendere conto dell amministrazione di un capitale impiegato nella gestione caratteristica, a prescindere dalle fonti di finanziamento della gestione medesima. a) un incremento del fatturato ad un tasso più elevato di quello di crescita degli acquisti di beni e servizi da terze economie; b) una riduzione degli acquisti (mediante economie nell impiego dei fattori) a parità di fatturato. Delle possibili azioni tese alla riduzione del capitale investito potrebbero, invece, consistere in: a) dismissione di immobilizzazioni non più essenziali all attività economico-produttiva; b) dismissione di investimenti non profittevoli; c) riduzione di attività correnti non strettamente correlate alla capacità produttiva dell impresa. d) 12

13 Infine, tra gli indicatori di redditività, il ROS è quello espressivo della capacità dell impresa di ricarico sui costi operativi nella formazione dei prezzi di vendita; in altri termini, segnala la capacità dei ricavi di coprire tutti i costi della gestione caratteristica. Esso può assumere valori minori, maggiori o uguali a zero, in dipendenza del segno del numeratore. I precedenti quozienti di bilancio trovano poi completamento nella costruzione degli indicatori di produttività dell impresa. Si tratta di indici particolarmente ricchi di significato se osservati nella dinamica temporale e, soprattutto, se confrontati con quelli registrati da altre aziende operanti nello stesso settore produttivo o in settori tra loro affini. In particolare, rapportando il fatturato, ottenuto in un determinato periodo amministrativo, al numero di addetti mediamente occupati dall impresa nello stesso periodo, si ottiene il fatturato per addetto, grandezza significativa che esprime la produttività del lavoro. Tuttavia, per valutare efficacemente le risultanze di questo indicatore, bisogna considerare anche il ruolo degli investimenti aziendali; infatti, la produttività del lavoro può aumentare apprezzabilmente a seguito di una massiccia politica di investimenti. In questi casi si assiste ad un progressivo aumento della produttività del lavoro collegato, per lo più, al diverso grado di meccanizzazione. Particolare importanza va quindi riservata anche all indice delle immobilizzazioni tecniche per addetto, dato dal rapporto tra il valore di tali investimenti, presenti nell azienda in un determinato periodo di tempo, ed il numero degli addetti occupati presso l azienda stessa. Tale indice viene utilizzato ogni qual volta si intende far conoscere il grado di capitalizzazione dell impresa per ogni unità di personale impiegato; infatti, esso indica la quantità di attività fisse necessarie affinché i dipendenti possano operare efficientemente. Un altro indicatore di notevole utilità, principalmente se rapportato al precedente, è l indice delle spese di personale per addetto. Si calcola rapportando l ammontare complessivo dei costi che l impresa sostiene per il personale in un determinato periodo amministrativo, al numero medio di persone presso di essa occupate nel medesimo periodo. Questo indice esprime quanto viene speso dall azienda in ogni esercizio per ogni persona occupata. 13

14 Di seguito sono riportate le esemplificazioni dei grafici contenenti i suddetti indicatori e calcolati sui dati di APM. 2,50 2,25 2,32 2,00 1,50 1,43 1,40 1,74 1,70 1,00 0,50 0,00 Quick ratio 2002 Current ratio ,40 1,20 1,29 1,37 1,20 1,00 0,93 1,05 1,15 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 Copert. relativa immob Copert. secca immob

15 Grado indebitamento 1,80 1,77 1,60 1,60 1,40 1,43 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0, Turn-over 0,80 0,76 0,70 0,65 0,60 0,58 0,50 0,40 0,30 0,20 0,10 0,

16 60,0% 51,2% 50,0% 46,4% 45,8% 40,0% 30,0% 29,8% 30,1% 34,7% 20,0% 10,0% 0,0% Valore aggiunto su fatturato Valore aggiunto su capitale investito 60,00% 50,00% 51,54% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% -10,00% 0,25% 0,43% 0,16% 4,12% 0,24% 1,61% -0,13% 1,22% R.O.I R.O.E R.O.S. 16

17 Fatturato x dipend. - Costo lavoro x dipend Immobilizz. tecniche x addetto Gli aspetti extra contabili del cruscotto Questa seconda parte del cruscotto di controllo, prevedendo indicatori di efficienza, efficacia e qualità del servizio, si compone di una sezione per ciascuna azienda erogatrice. In particolare, vengono di seguito proposti, nell ordine, i cruscotti di controllo per Gesenu, Umbra Acque e APM. Tali cruscotti contengono principalmente indicatori non monetari e quindi non desumibili dall analisi dei dati di bilancio; tuttavia vi sono compresi anche tutti quegli indicatori monetari che sono desumibili anche dall analisi dei bilanci ma che, proprio per la natura e le caratteristiche del bilancio, sono disponibili non con l articolazione temporale richiesta o senza la possibilità di scorporare la commessa Comune di Perugia. Infatti, come è noto, le informazioni desumibili dai bilanci sono relative all intera attività d impresa, sono disponibili solo a livello annuale e inoltre, proprio per la normativa che regola i tempi per l approvazione e il deposito del bilancio, spesso sono disponibili non prima della metà dell anno successivo a quello di riferimento. Questa seconda parte del cruscotto deve dunque essere alimentata mediante un flusso informativo - opportunamente standardizzato e reso stabilmente operativo - da parte delle aziende interessate verso il Servizio Gestione delle aziende in concessione del Comune. La periodicità di tale flusso informativo può essere diversa. In relazione alle informazioni raccolte, si ritiene che una periodicità quadrimestrale possa essere un 17

18 valido compromesso tra le esigenze di aggiornamento e tempestività del Comune e l aggravio di lavoro per le aziende che devono provvedere a raccogliere, sistematizzare ed inviare i dati. In ogni caso, resta la possibilità per il comune, in relazione a particolari esigenze, di richiedere informazioni con frequenza maggiore; infatti, essendo la forma di diffusione e presentazione del cruscotto quella del sito internet, questo può essere aggiornato continuamente man mano che le informazioni provengono dalle aziende interessate. Va fatto presente come i cruscotti specifici presentati siano stati messi a punto utilizzando le informazioni che già oggi le aziende inviano al comune; solo in alcuni casi vengono proposti indicatori che per poter essere calcolati necessitano della disponibilità di informazioni attualmente non fornite e che necessitano di semplici elaborazioni ad hoc su dati elementari già disponibili e, a volte, anche di vere e proprie rilevazioni aggiuntive. Inoltre alcuni indicatori sono volti ad operare un confronto tra alcune caratteristiche del servizio erogato a Perugia con le medesime caratteristiche rilevate in altre città capoluogo di dimensioni confrontabili. Dunque, oltre ai dati provenienti dalle aziende che erogano i servizi, alcuni indicatori sono basati su fonti informative esterne come il Sistan o le associazioni nazionali delle aziende che erogano i servizi, o ancora altre associazioni come Legambiente. La problematica principale connessa all ottenimento e diffusione di questi indicatori è quasi sempre costituita dall intervallo di tempo, a volte anche di diversi anni, tra l anno di riferimento delle informazioni e l anno di disponibilità delle stesse. Anche questa seconda parte del cruscotto è costruita su tanti file di foglio elettronico Excel per quante sono le aziende oggetto di monitoraggio. Ciascun file è articolato su tre distinte cartelle, dedicate rispettivamente all input dei dati, al quadro di indicatori per uso interno ed a quello per uso esterno. In analogia con quanto previsto per la prima parte del cruscotto, nella cartella dedicata all input, vengono inseriti nelle celle evidenziate in giallo i dati richiesti; l operazione è agevolata e resa accessibile anche ai non addetti ai lavori grazie al puntuale riferimento ai dati richiesti ed alla protezione della parte delle cartelle non dedicate all input dei dati. Una volta completato l input, il sistema restituisce immediatamente un duplice output rispettivamente destinato al monitoraggio da parte del Comune azionista e alla comunicazione alla cittadinanza. 18

19 Anche in questo caso la distinzione non è motivata da esigenze di riservatezza, bensì dal diverso interesse verso i molteplici indicatori che potrebbero essere calcolati e dalla opportunità di limitare la numerosità degli indicatori utilizzati per la comunicazione verso l esterno proprio per rendere il messaggio trasmesso più incisivo e fruibile dalla cittadinanza. In analogia con quanto previsto per il monitoraggio economico finanziario, per la presentazione dei dati si è preferito rendere il dato in forma grafica per una sua più immediata ed agevole leggibilità. 19

20 Cruscotto specifico GESENU Il cruscotto specifico relativo alla Gesenu prevede nel foglio di input l inserimento di dati provenienti da fonti diverse e con diverso grado di aggiornamento. Alcuni dati sono infatti rilevati a cadenza annuale, altri a cadenza quadrimestrale, altri ancora a cadenza mensile seppure trasmessi al comune a cadenza quadrimestrale. Le informazioni rilevate sono la quota dei rifiuti raccolti in modo differenziato sul totale dei rifiuti solidi urbani. Esse vengono rilevate a cadenza annuale e gli output vengono destinati al quadro esterno in modo da fornire al cittadino utente una indicazione sullo stato della raccolta differenziata nel proprio comune in relazione alla media regionale e nazionale nonché agli obiettivi prefissati. Diverse sono le fonti da cui vanno acquisite tali informazioni. Mentre infatti i dati relativi al comune di Perugia vengono forniti da Gesenu non più tardi della metà dell anno successivo a quello di riferimento, le medie regionali e nazionali vanno acquisite dall Istat statistiche ambientali, con almeno due anni di ritardo. Di seguito viene riportato il foglio di input dei dati con il grafico proposto nel quadro esterno Cruscotto specifico GE.Se.N.U. Dati annuali Frazione Raccolta differenziata: confronto Perugia Umbria Italia (quadro esterno) Ultimo anno disponibile % fonte Frazione R.D. Perugia Frazione R.D. Umbria Frazione R.D. Italia 26,60% Gesenu Spa 18,00% Istat 21,50% Istat Perugia 23,6 21,9 26,1 26, ,7 Umbria 6,9 12,7 15,6 18 Italia 14,4 17,4 19,2 21,5 Obiettivo

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli