La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A."

Transcript

1 La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A. Il presente documento ha ad oggetto i risultati dell analisi della Sezione Amministrazione trasparente della Società EXPO 2015 in ordine alla pubblicazione di dati prevista, per le società partecipate e controllate da pubbliche amministrazioni, dalla legge n.190, art. 1 c. 34. Le verifiche sono state svolte in data 18 settembre, 14 e 23 ottobre, 7 e 21 novembre 2014, 17 dicembre Il documento contiene, inoltre, i risultati di analisi relative a Open EXPO svolte nelle stesse date. Bandi di concorso La pubblicazione dei dati sui concorsi e sulle prove selettive è direttamente prevista per le società pubbliche dall art. 16, c. 1, lett. d) della l. n. 190/2012. Detta pubblicazione è ribadita negli artt. 19 e 23 d.lgs. n. 33/2013. Nel sito della società è stata costituita una apposita sottosezione «Bandi di concorso» dove si presenta la politica del personale ed è pubblicato un documento che illustra le procedure per la selezione del personale di EXPO 2015 S.p.A.. La pagina permette di entrare nella sezione «lavora con noi» dove sono pubblicati, con un percorso di navigazione non breve, alcuni annunci per le posizioni aperte. Non è presente un elenco dei bandi espletati nel corso dell ultimo triennio, accompagnato dall indicazione del numero dei dipendenti assunti e delle spese effettuate (art. 19 d.lgs. n. 33/2013). Circa le informazioni sulla selezione del personale, la Corte dei conti nella Relazione sul risultato del controllo sulla gestione di EXPO 2015, relativamente agli anni 2011 e 2012, già sottolineava la necessità che la società definisse automatismi della fase di pubblicazione della ricerca di personale e la predefinizione di criteri per la selezione, lasciando, diversamente, un margine di discrezionalità troppo ampio alla Direzione competente alle assunzioni. In particolare la Corte raccomandava la definizione di criteri predeterminati di valutazione al momento dell avviso di ricerca del personale, aperto all esterno e con il relativo punteggio, nonché con possibilità di accesso informativo, da parte dei candidati, alle graduatorie finali. Questa tipologia di informazioni non è rintracciabile nella sezione amministrazione trasparente Autorizzazioni e concessioni La pubblicazione dei dati relativi a autorizzazioni e concessioni è prevista dalla legge n. 190/2012, art. 1 c. 16, lett. a) e dall art. 23 d.lgs. n. 33/2013. Nella sottosezione Provvedimenti, seppure si dice che verranno pubblicate le determine del consiglio di amministrazione e dei dirigenti, alla data delle verifiche non compare alcun dato. Nessun riferimento a questa tipologia di informazioni è rintracciabile anche nella sottosezione «Attività e procedimenti». In tale sottosezione viene indicato che Expo 2015 S.p.A non ha competenze in riferimento alle informazioni relative ad attività e procedimenti.

2 Bandi di gara e contratti La pubblicazione dei dati sulla scelta del contraente è direttamente prevista per le società pubbliche già dall art. 1, cc. 16 e 32 della l. 190/2012, in virtù del richiamo contenuto nell art. 1, c 34 della medesima legge. La pubblicazione è prevista anche nell art. 37 del d.lgs. n. 33/2013. Con delibera n. 26 del 2013, in attuazione della l. 190/2012, l AVCP aveva indicato i dati da pubblicare in apposite tabelle. Nella sottosezione Bandi di gara e contratti risulta quanto segue. Anni Sono presenti due elenchi riepilogativi degli affidamenti relativi agli anni 2012 e Non sono pubblicati i contratti sotto i 40 mila euro. La tabella non presenta tutti i dati previsti all art. 1, c. 32, della l. n. 190/2012 e dalla delibera di attuazione dell AVCP, n. 26 del Nelle tabelle contenute in «Amministrazione trasparente» mancano: struttura proponente, importo di aggiudicazione (è presente il valore del contratto, i tempi di completamento dell opera e l importo delle somme liquidate) e, come appena indicato, i contratti sotto i euro Per il 2013 sono pubblicati dati relativi a 105 affidamenti Per il 2012 sono pubblicati dati relativi a 57 affidamenti Anno 2014 Per l anno 2014 è pubblicato un «primo elenco» di 571 affidamenti per beni, servizi e opere relativo al periodo dal al I contratti nell elenco non riguardano solo il 2014 ma alcuni si riferiscono agli anni 2012 e Questo produce confusione. Sono indicati: CIG, oggetto del bando, procedura di scelta del contraente, aggiudicatario, importo aggiudicato, data stipula e data fine. Non sono presenti: elenco degli operatori inviatati a presentare le offerte; tempi di completamento dell opera, servizio o fornitura; importo delle somme liquidate. Spesso sono assenti i dati sulla data di stipula e sulla data di fine del contratto. Le informazione sulle procedure negoziate sotto i 40 mila vengono pubblicate, comunque, senza le delibere a contrarre. Nella pagina sono inoltre presenti link per gare in corso, avvisi di aggiudicazione, request for proposal, ovvero procedure adottate per la ricerca di sponsor e concessionari. Nella pagina è presente il link ad Open Expo dove, si dice, è possibile visualizzare le informazioni relative agli affidamenti di lavori, servizi e forniture per il (su questo si rinvia allo specifico approfondimento su Open EXPO). Non sono pubblicati dati relativi ad anni precedenti al 2012 di cui dovrebbero, almeno, essere pubblicati gli avvisi e i bandi ai sensi del d.lgs. n. 163/2006. Complessivamente, la sottosezione bandi di gara e contratti non contiene tutti i dati previsti dalla norma

3 Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici La pubblicazione dei dati sui sussidi e vantaggi economici è direttamente prevista per le società pubbliche dall art. 1, c. 16, della l. n. 190/2012, in virtù del richiamo contenuto nell art. 1, c. 34 della medesima legge. La pubblicazione è prevista anche dagli artt. 26 e 27 del d.lgs. n. 33/2013. La sottosezione sovvenzioni e contributi risulta costituita ma non contiene i criteri e le modalità con cui Expo 2015 S.p.A. concede sovvenzioni. I dati non sono pubblicati. Se ne preannuncia la pubblicazione. Nella sottosezione è invece presente un elenco riepilogativo dei contributi concessi per gli anni 2012, 2013 e 2014 in cui sono indicati l ente organizzatore, l evento/progetto, l importo del contributo concesso. Sono riportati dati relativi a otto atti di concessione di benefici e vantaggi economici. Nella tabella manca spesso l anno di riferimento dell atto e sono sempre assenti la norma o il titolo a base dell attribuzione, l ufficio e il funzionario responsabile e le modalità seguite per l individuazione del beneficiario. In altri documenti relativi alla società EXPO, emerge che la Società ha concesso altri contributi, anche di entità significativa, che, per il modo in cui sono descritti nei citati documenti, potrebbero dover rientrare nella fattispecie oggetto di trasparenza. Si fa riferimento, ad esempio, alla relazione della Corte dei conti n. 60/2013 1, ovvero alla Relazione del Consiglio di amministrazione sul bilancio del 2012 (p.7). Da quest ultima relazione risultano, ad esempio, 2 milioni di euro per «contributi a vari progetti avviati con enti ed istituzioni, oppure per studi o iniziative condivise con altri soggetti in campo scientifico o culturale». Di conseguenza, il numero di atti concessori indicati nelle tabelle potrebbe risultare non completo. Complessivamente, la sottosezione sovvenzioni e contributi non sembra contenere tutti i dati previsti dalla norma Bilanci La pubblicazione dei dati sui bilanci e sui conti consuntivi è direttamente prevista per le società pubbliche dall art. 1 c. 15 della l. 190/2012, in virtù del richiamo contenuto nell art.1, c. 34 della medesima legge. La pubblicazione è ribadita nell art. 29 d.lgs. n. 33/2013. Nella sottosezione Bilanci sono pubblicati in formato pdf la relazioni del consiglio di amministrazione e il progetto di bilancio, la relazione del collegio sindacale, la relazione della società di revisione per gli anni 2009, 2010, 2011, 2012, 2013 e la relazione del tesoriere al dicembre Dalla relazione della corte dei conti 2012 i costi per progetti con istituzioni e contributi a studi e iniziative di terzi (+457,36% rispetto al 2011). Si riferiscono a contributi e progetti vari avviati in collaborazione con enti e istituzioni. Ad esempio: la Fondazione Famiglie, sul tema della famiglia quale elemento di sviluppo morale e civile nel mondo del lavoro e dei giovani; la sponsorizzazione della Milano City Marathon ; il sostegno al parco tecnologico Padano per il progetto Le vie lombarde per l Expo ; il sostegno alla Fondazione Biennale di Venezia per la mostra Le Quattro Stagioni sui mutamenti del paesaggio agrario nella green economy.

4 Non sono presenti i dati relativi al bilancio in forma sintetica, aggregata e semplificata come previsto dall art. 29. Non risultano pubblicati i bilanci come approvati dall assemblea dei soci Opere pubbliche La pubblicazione dei dati sulle opere pubbliche e in particolare sui costi unitari di realizzazione è direttamente prevista per le società pubbliche dall art. 1 c. 15 della l. 190/2012, in virtù del richiamo contenuto nell art. 1, c. 34, della medesima legge. La pubblicazione è ribadita nell art. 38 del d.lgs. n. 33/2013. Nella sottosezione «Opere pubbliche» è pubblicato solamente l allegato 1 del DPCM 6 maggio 2013 con l elenco delle opere pubbliche e il relativo costo di realizzazione. La pagina rinvia inoltre al sito Open Expo che fornisce alcuni elementi informativi. Servizi erogati al cittadino La pubblicazione dei dati sui servizi erogati al cittadino e in particolare sui costi unitari di produzione è direttamente prevista per le società pubbliche dall art. 1 c. 15 della l. 190/2012, in virtù del richiamo contenuto nell art. 1, c. 34 della medesima legge. La pubblicazione è prevista anche nell art. 32 del d.lgs. n. 33/2013. Nella sottosezione servizi erogati compare la seguente frase Expo 2015 S.p.A. è la società incaricata della realizzazione e gestione dell evento Expo Milano 2015 e non fornisce servizi diretti al cittadino ed alle imprese. Risultati del monitoraggio periodico concernente il rispetto dei tempi procedimentali L art. 1, c. 28 della l. 190/2012 dispone la pubblicazione dei risultati del monitoraggio periodico del rispetto dei tempi procedimentali. La sottosezione «monitoraggio dei tempi procedimentali» risulta costituita ma viene indicato che Expo 2015 S.p.A. non ha competenze in riferimento alle informazioni di questa sottosezione. La sottosezione, dunque, si presenta priva di contenuti.

5 Open EXPO La sezione OPEN Expo non è immediatamente visibile. Vi si accede da un link posto nella sottosezione «Bandi e contratti» della sezione «Amministrazione trasparente». I dati riguardano in prevalenza contratti per lavori. Nel mese di ottobre 2014 è stato inserito anche un insieme di dati riferiti a contratti e affidamenti per beni e servizi e nel corso di novembre sono stati completati i dati sul cruscotto generale. E spesso assente la data di aggiornamento delle pagine web. Quella di aggiornamento dei singoli cruscotti, riportata in informazioni supplementari, non sempre corrisponde alla data di aggiornamento delle tabelle. Questa circostanza può generare confusione nella consultazione. I dati sono organizzati e visualizzabili: a) in cruscotti, per una lettura di maggiore facilità e di impatto immediato con indicazioni, anche visivamente di immediata comprensibilità, dello stato dei lavori. b) in tabelle excel o in csv, come open data, in dataset, e dunque rielaborabili, anche a favore di utenti esperti. Alla data del 17 dicembre, le tabelle risultano, tuttavia, pubblicate solo in formato csv. Cruscotti 1. Cruscotto generale Il cruscotto ha i seguenti campi - lavori - l'importo appaltato ad oggi - l'importo globale SAL ad oggi - l'importo delle varianti - il numero di giorni contrattuali - il numero di giorni lavorati Non è immediatamente chiaro che cosa si intenda per «lavori». In una legenda accanto al termine lavori, è indicato «lotti». In altre parti di OPEN EXPO, si usano i termini lotti o gare. Sarebbe opportuna una legenda di carattere generale per chiarire meglio a che cosa si fa riferimento nelle varie sezioni di OPEN EXPO. Nella stessa pagina è stato inserito nel mese di novembre un cruscotto sulla «Regolarità dei lavori» con indicazioni sull incidenza delle varianti rispetto ai tempi e ai costi iniziali. Sono ancora incompleti, nonostante siano stati inseriti appositi campi, i dati sulle riserve, sulle penali e sui ritardi. Sarebbe utile inserire la data di aggiornamento della pagina.

6 2. Cruscotti per LAVORI I lavori corrisponderebbero, come si legge su una legenda non sempre immediatamente accessibile, ai lotti. I lavori elencati sono 34. Non tutti i campi relativi ai dati indicati sono riempiti. Dai cruscotti non emergono direttamente alcuni dati la cui pubblicazione era stata proposta nelle Linee guida del Presidente ANAC di luglio 2014 quali: Commissione di gara, modalità di aggiudicazione, pagamenti effettuati e relative date, riserve riconosciute. Sono state indicati, come richiesto nelle Linee guida di luglio scorso, alcuni parametri economici da cui si potrebbe desumere l iter procedurale seguito. Non risulta, però, il numero delle varianti e dei subappalti per ogni lavoro. Alcune di queste informazioni sono presenti nei dataset in open data (v. ad es. dataset su subappalti autorizzati, sulle Commissioni di gara). Per una maggiore ed immediata visualizzazione completa dei dati, le stesse informazioni potrebbero essere inserite anche in queste tabelle (in modo sintetico). Il tempo di completamento dell opera, servizio o fornitura non emerge immediatamente. E riportato, tuttavia, il numero dei giorni contrattuali. Anche in questi cruscotti, così come nella sezione «Amministrazione trasparente» non risulta mai la struttura proponente interna alla società. I dati relativi ad alcuni cruscotti sembrerebbe non completi. A titolo esemplificativo, nel cruscotto relativo al «Campo base e recinzione» i cui lavori risultano iniziati a ottobre 2012, manca del tutto il dato sull ultimo SAL e l importo di tutti i SAL. Gli stessi dati mancano anche nella scheda sul lavoro Riqualificazione Centro di via Drago. Data set open data Sono pubblicati in open data i seguenti 5 dataset (l ordine di pubblicazione nel corso del tempo modificato è stato modificato). 1. Gare beni e servizi 2. Fornitori 3. Dati cruscotti 4. Dettaglio gare lavori 5. Sintesi Gare lavori Gare Beni e servizi 1. Anagrafica di contratti per beni e servizi Sono mappati dati relativi a 560 procedure di selezione. Si tratta in gran parte di gare per importi ridotti.

7 Manca l anno di riferimento e molti campi sono vuoti, specie con riferimento ai criteri di aggiudicazione. Da questa tabella si evince che è stato stipulato un contratto per «l affidamento delle attività di definizione e di redazione del Piano di prevenzione della corruzione e per la trasparenza di EXPO 2015» con la società PROTIVITI Srl per euro. 2. Anagrafica dei fornitori di expo E pubblicata una tabella con dati relativi a fornitori Dati cruscotti 1. Dati cruscotto per lotto La tabella sembrerebbe contenere i dati che sono stati necessari per la elaborazione dei cruscotti dei singoli lavori indicati sopra, con l aggiunta di ulteriori dati. Diversi campi sono vuoti. L assenza di dati e/o di una motivazione al riguardo rischia di alterare l analisi e la comprensibilità dell informazione nel caso di una rielaborazione dei dati. 2. Dati cruscotto lavori per aree I lavori sono analizzati sotto il profilo della distribuzione per aree. Dalla lettura dei dati si evince che le aree, tuttavia, non sono intese in senso spaziale di luoghi, ma di affinità tipologica di lavori. Sarebbe opportuno chiarire questo aspetto. Inoltre, i dati sui cruscotti esaminati nella tabella precedente sono per lotto. In questa diversa tabella si ritorna al concetto di lavori, generando una confusione terminologica che incide sulla comprensibilità e sulla fruibilità dei dati. Non sempre i dati contenuti all interno delle tabelle cruscotto per lotto e questa sono coincidenti, come nel caso dei lavori per il Campo base, ad esempio. Dettaglio gare lavori All interno sono presenti griglie con numerosi dati. Non tutti campi, specie relativi agli importi, sono compilati. 1. Autorizzazioni subappalti

8 Al 7 novembre 2014, la tabella conteneva autorizzazioni relative a 223 subappalti. Alla data del 21 novembre ne conteneva 193, al 17 dicembre 257. I dati sugli importi dovrebbero corrispondere a quelli presenti anche nei cruscotti iniziali Aggiudicazione delle gare per lavori Non tutti campi, specie relativi agli importi, sono compilati. Sintesi Gare lavori All interno sono presenti le seguenti tabelle. 1. Elenco completo delle gare. Si tratta di un anagrafica delle gare con l indicazione di alcuni dati da inviare anche per la banca dati SIMOG, tra cui RUP, CIG, tipologia di gara. Non sono considerati in questa tabella dati di tipo economico (es importo di aggiudicazione e pagamenti). Non è chiara la correlazione fra queste gare, i lavori previsti nei cruscotti e i lotti. Spesso manca la data di pubblicazione della gara e, a volte, della lettera d invito in caso di procedura negoziata. E inserito un campo relativo all identificazione numerica della commissione giudicatrice (informazione da collegare alla tabella sulle commissioni di gara). Spesso è un campo vuoto. Anche i campi relativi al numero di fornitori invitati e al numero di fornitori esclusi spesso sono vuoti. La visualizzazione delle tabelle in CSV sembra richiedere ancora interventi tecnici. Così come sono le tabelle non sono chiaramente leggibili. 2. Composizione delle Commissioni giudicatrici Sono indicati il numero della gara, il tipo, i nominativi dei componenti e il ruolo - componente o presidente, con esclusivo riferimento alle gare per lavori Nel corso di novembre sono stati inseriti i nomi dei commissari di gara accanto ai cognomi, per evitare equivoci. Potrebbe essere opportuno indicare anche il tipo di qualificazione professionale dei componenti e, ai fini di un immediata completezza delle informazioni, esplicitare non solo il numero ma anche l oggetto della gara a cui le commissioni si riferiscono. 3. Registri delle imprese partecipanti e delle imprese escluse. Altri tre elenchi, di cui uno in inglese, riguardano i registri delle imprese escluse e delle imprese che hanno partecipato alle gare. 2 Alla data del 7 novembre, ad esempio, non corrispondeva l importo dei subappalti indicato nella tabella e nel cruscotto relativamente ai lavori di realizzazione del cd. manufatto della passerella afferente al sito Expo fiera.

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE sottosezione del singolo obbligo Contenuti dell'obbligo Aggiornamento Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione

Dettagli

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO Alberatura La soluzione consente di assolvere agli obblighi di legge in materia di trasparenza per quanto riguarda la strutturazione della sezione amministrazione trasparente quale link proposto nella

Dettagli

ALLEGATO AL PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL'INTEGRITA' 2015-2017

ALLEGATO AL PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL'INTEGRITA' 2015-2017 2 livello Disposizioni generali Attestazioni OIV o struttura analoga U Art. 14, c. 4, lett. g), 150/2009 Attestazioni OIV o struttura analoga Attestazione dell'oiv o di altra struttura analoga nell'assolvimento

Dettagli

Le modalità di acquisizione del CIG nelle precisazioni dell Autorità di Vigilanza

Le modalità di acquisizione del CIG nelle precisazioni dell Autorità di Vigilanza 28 Febbraio 2011 Tracciabilità dei pagamenti tra Enti Pubblici ed Operatori Privati Le modalità di acquisizione del CIG nelle precisazioni dell Autorità di Vigilanza A cura di Giampaolo Sellitto TRACCIABILITA

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione

Dettagli

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 Dicembre 2014 1 Sommario Introduzione... 3 L applicazione del d.lgs. alle Fondazioni universitarie... 3 L adozione di un Programma triennale

Dettagli

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali Disposizioni generali SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione del singolo obbligo

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013 Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Programma per la Trasparenza e l'integrità Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione

Dettagli

ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ALLEGATO 1) SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Denominazione sotto-sezione livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sottosezione 2 livello (Tipologie

Dettagli

ALLEGATO 2 DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ

ALLEGATO 2 DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ ALLEGATO 2 DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10 Programma per la trasparenza e l'integrità. 5 anni Annuale Art. 12 Riferimenti normativi

Dettagli

ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DATI DA PUBBLICARE NORMATIVA DURATA PUBBLICAZIONE PUBBLICAZIONE UFFICIO COMPETENTE RESPONSABILE - DISPOSIZIONI GENERALI - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Art. 10 c. 8 lett. a), 5 anni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015 Direzione Generale Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015 2

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO 1 Adozione programma triennale per la

Dettagli

STRUTTURA DELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SUI SITI ISTITUZIONALI DEGLI ENTI LOCALI

STRUTTURA DELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SUI SITI ISTITUZIONALI DEGLI ENTI LOCALI STRUTTURA DELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SUI SITI ISTITUZIONALI DEGLI ENTI LOCALI La sezione dei siti istituzionali denominata "Amministrazione trasparente" deve essere organizzata in sotto-sezioni

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA DC PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA

DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA DC PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA CIRCOLARE REGIONALE del 25/07/2013 - N 16 DC PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E FINANZA OGGETTO: CIRCOLARE ESPLICATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 26 E 27

Dettagli

Atti amministrativi generali: art. 12 co. 1

Atti amministrativi generali: art. 12 co. 1 Allegato SEZIONE Amministrazione trasparente Elenco degli obblighi di pubblicazione Riferimento: allegato al D.L.gs 33/2013 Denominazione sotto-sezione 1 livello Denominazione sotto-sezione 2 livello Tipologia

Dettagli

PIANO TRASPARENZA 2014-2015-2016. Responsabile. Decorrenza pubblicazione. caricamento sul sito. Responsabile CED Maritan G.

PIANO TRASPARENZA 2014-2015-2016. Responsabile. Decorrenza pubblicazione. caricamento sul sito. Responsabile CED Maritan G. DISPOSIZIONI GENERALI Programma per la trasparenza e l'integrità Atti Oneri informativi per cittadini e imprese Scadenziario obblighi amministrativi Burocrazia zero art. 10, c. 8, lett a) D.L.gs 33/13

Dettagli

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP 1 RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP L articolo 7, comma 4, del d.l. n. 187/2010 ha sostituito il comma 5 dell articolo 3 stabilendo che, ai fini della

Dettagli

Tempistica di aggiornamento. Annuale e in relazione a delibere CiVIT. Tempestivo. Pubblicazione tempestiva. dell atto Entro 3 mesi dall adozione

Tempistica di aggiornamento. Annuale e in relazione a delibere CiVIT. Tempestivo. Pubblicazione tempestiva. dell atto Entro 3 mesi dall adozione Centro di Riferimento Oncologico obblighi di pubblicazione : situazione al 31.12.2013 data di svolgimento della rilevazione: 24.01.2014 modalità seguite per la rilevazione: verifica sul sito istituzionale

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1092 del 23/06/2014 SETTORE SERVIZI AI CITTADINI n. 317 ESECUTIVA Oggetto: DETERMINA A CONTRARRE PER L'ACQUISIZIONE DEI SERVIZI ASSISTENZIALI

Dettagli

D. LGS. N.33/2013: ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI DENOMINAZIONE SOTTO-SEZIONE LIVELLO 1 (macrofamiglia) DISPOSIZIONI GENERALI

D. LGS. N.33/2013: ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI DENOMINAZIONE SOTTO-SEZIONE LIVELLO 1 (macrofamiglia) DISPOSIZIONI GENERALI Delibera 2015/0000003 del 28/01/2015 (Allegato) Pagina 1 di 32 D. LGS. N.: ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI DISPOSIZIONI GENERALI Atti generali SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, VANTAGGI

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

SOFTWARE CONTRATTI STUDIO K

SOFTWARE CONTRATTI STUDIO K SOFTWARE CONTRATTI STUDIO K Indice SOFTWARE CONTRATTI PER AVCP... 2 STAMPA DI CONTROLLO PER AVCP... 5 CREAZIONE XML PER AVCP... 7 1 SOFTWARE CONTRATTI PER AVCP Le stazioni appaltanti sono soggette ad assolvere

Dettagli

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità Tabella 1 allegata al Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Macrofamiglie Programma per la Trasparenza

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). Piano triennale approvato con deliberazione del Consiglio d Amministrazione 8/2013 del 26/03/2013 ART. 1 premessa 1. Il piano della

Dettagli

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Gli obblighi di pubblicazione sui siti delle scuole 1 of 21 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE

NOTA ESPLICATIVA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE NOTA ESPLICATIVA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE 1) OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE Gli obblighi di pubblicazione di cui al d.lgs. n. 33/2013 si riferiscono a documenti, dati ed informazioni prodotti dall amministrazione

Dettagli

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 Sommario: gruppo gruppo Con il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 (PTTI) la Società intende rendere

Dettagli

ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI

ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI SOTTOSEZIONE 1 SOTTOSEZIONE 2 CONTENUTO STRUTTURA COMPETENTE AGGIORNAMENTO Pubblicazione del Programma triennale per la Programma per la trasparenza e l'integrità

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con

Dettagli

Versione 09 aprile 2015. - Programma per la Trasparenza e l integrità: triennio 2015-2017 ex L. 190/2012 e D. Lgs. 33/2013 e s.m.i.

Versione 09 aprile 2015. - Programma per la Trasparenza e l integrità: triennio 2015-2017 ex L. 190/2012 e D. Lgs. 33/2013 e s.m.i. - Programma per la Trasparenza e l integrità: triennio 2015-2017 ex L. 190/2012 e D. Lgs. 33/2013 e s.m.i. - Adempimenti in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi ex L. 190/2012 e D.

Dettagli

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Massa Carrara ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità

Denominazione del singolo obbligo (1) Programma per la Trasparenza e l'integrità Tabella allegata al Piano Triennale per la Trasparenza e l Integrità SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Macrofamiglie Tipologie Programma per la Trasparenza

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia 1

Consiglio Regionale della Puglia 1 1 LEGGE REGIONALE Principi e linee guida in materia di trasparenza dell attività amministrativa nella regione Puglia 2 LEGGE REGIONALE Principi e linee guida in materia di trasparenza dell attività amministrativa

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia Protocollo n. 17331 Bordighera, 14/08/2015 Trasmissione a mezzo PEC:. Spett.le ditta OGGETTO: AFFIDAMENTO A BROKER DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, CONSULENZA E GESTIONE

Dettagli

ELENCO DATI SOGGETTI A PUBBLICAZIONE - SORGEA S.R.L.

ELENCO DATI SOGGETTI A PUBBLICAZIONE - SORGEA S.R.L. sottosezione Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Programma per la Trasparenza e l'integrità Ogni amministrazione ha l' di pubblicare sul proprio sito istituzionale

Dettagli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli DIRITTO COMUNITARIO Principi trattato - Direttive PRINCIPI GENERALI IL QUADRO

Dettagli

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO relativo alla procedura aperta bandita ai sensi dell art. 55 del D.Lgs. n. 163/2006, per l affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo per

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE PREMESSA Oggetto del piano Il Responsabile della prevenzione

Dettagli

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Consigli territoriali dell Ordine degli ingegneri ai sensi

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI INFOSCHOOL: NOTE OPERATIVE FILE AVCP

GESTIONE ACQUISTI INFOSCHOOL: NOTE OPERATIVE FILE AVCP GESTIONE ACQUISTI INFOSCHOOL: NOTE OPERATIVE FILE AVCP Versione del 30/01/2014 1. Premessa...1 2. Riferimenti normativi...2 3. Installazione del programma Gestione Acquisti...4 4. Parametri di lavoro...5

Dettagli

ALLEGATO "A" PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016

ALLEGATO A PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative, 2. Introduzione

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017 Redatto dal Responsabile della Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza dr. Piero Canino (I aggiornamento) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014. tra PREFETTURA DI MILANO.

ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014. tra PREFETTURA DI MILANO. ATTO AGGIUNTIVO IN MATERIA ANTICORRUZIONE AL PROTOCOLLO DI LEGALITA SOTTOSCRITTO IL 26 SETTEMBRE 2014 tra PREFETTURA DI MILANO e CAP HOLDING SpA In data 05.12.2014 presso la Prefettura di Milano, corso

Dettagli

Appalti pubblici: analisi e strumenti di comprensione

Appalti pubblici: analisi e strumenti di comprensione Appalti pubblici: analisi e strumenti di comprensione L intervento sui beni e servizi Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 9 aprile 2015 1 Premessa Contesto normativo comunitario e nazionale

Dettagli

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA 1 Facsimile Spett.le Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio Formazione per il Personale delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Obiettivo cooperazione territoriale europea. Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013.

Obiettivo cooperazione territoriale europea. Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013. Obiettivo cooperazione territoriale europea. Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013. Progetto EnergyViLLab Rif. AF n. 70, bando per la presentazione di progetti standard

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE BANDO DI GARA D APPALTO CIG. N. 0208211D23 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE E INDIRIZZO UFFICIALE DELL AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL FONDO MICROCREDITO FSE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA BANDO DI GARA N. 5/2012

COMUNE DI PISTOIA BANDO DI GARA N. 5/2012 COMUNE DI PISTOIA In esecuzione della determinazione a contrattare del Dirigente del Servizio Lavori Pubblici U.O. Edilizia Sociale e Giudiziaria - Ing. Marcello Evangelisti n. 775 del 02.04. 2012. CIG

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Pag. 1 a 44 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI PARTE II - REATI CORRUTTIVI EX L.190/12 E P.N.A. In vigore

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE. Estensore DI TULLIO PATRIZIA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE. Estensore DI TULLIO PATRIZIA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE N. G09969 del 07/08/2015 Proposta n. 12530 del 06/08/2015

Dettagli

Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11

Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11 Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11 Aggiudicazione definitiva ed efficace della procedura di gara aperta, rif. GOP 40/09 CIG 03740281AB, indetta per l affidamento dell appalto di servizi avente ad

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PREMESSO CHE: - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 GIUNTA REGIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 GIUNTA REGIONALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI SETTORE COMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia-Tempio Area Economico-Finanziaria Servizio Informatico

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia-Tempio Area Economico-Finanziaria Servizio Informatico COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia-Tempio Area Economico-Finanziaria Servizio Informatico DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE, AMMINISTRAZIONE E MANUTENZIONE

Dettagli

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n.

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n. Comune di Pompiano (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (Legge 6 novembre 2012, n. 190) ART. 1 Premessa e finalità del Piano di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 (Legge n. 190 del 6.11.2012) ART. 1 PREMESSA a) Il piano della prevenzione della corruzione si applica

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1379 DEL 12/12/2014 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: INTERVENTI DI MANUTENZIONE E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI PROVINCIALI. ANNO 2014 - GRUPPO

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

COMUNE DI San Colombano al Lambro (Provincia di Milano)

COMUNE DI San Colombano al Lambro (Provincia di Milano) COMUNE DI San Colombano al Lambro (Provincia di Milano) SETTORE: Tecnico Manutentivo (SLP - SUE - SMA) Servizio: Manutentivo. DETERMINAZIONE Data N. Registro di Settore 3 13/02/2014 N. Registro Generale

Dettagli

Italia-Brescia: Gas industriali 2015/S 100-182084. Bando di gara. Forniture

Italia-Brescia: Gas industriali 2015/S 100-182084. Bando di gara. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:182084-2015:text:it:html Italia-Brescia: Gas industriali 2015/S 100-182084 Bando di gara Forniture Direttiva 2004/18/CE Sezione I: Amministrazione

Dettagli

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO C.I.G.: 6283927C98 IL RESPONSABILE DELLA STAZIONE UNICA APPALTANTE

BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO C.I.G.: 6283927C98 IL RESPONSABILE DELLA STAZIONE UNICA APPALTANTE STAZIONE UNICA APPALTANTE UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA Piazza Vittorio Amedeo n 1 C.A.P. 10054 Cesana Torinese Tel. 0122/89114 fax 0122897113 PROVINCIA DI TORINO e-mail: info@comune.cesana.to.it

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI ENTI

DOMANDE FREQUENTI ENTI DOMANDE FREQUENTI ENTI Data pubblicazione: 30/09/2015 Pagina 1 di 13 INDICE 1. Registrazione ai servizi di ARCA 5 1.1. Come posso registrarmi ai servizi dell'azienda Regionale Centrale Acquisti (ARCA)?

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a)

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a) (art 9, lett. a)) (art. 5, lett. a) SCHEDA N. 1: APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni

www.ildirittoamministrativo.it Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni A cura di Martina Provenzano 1. Introduzione. 2. La nuova direttiva in materia di appalti

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

Riordino della disciplina sugli. diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.

Riordino della disciplina sugli. diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. Riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 Capo I: Principi Generali

Dettagli

Italia-Pesaro: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 187-330458. Bando di gara. Servizi

Italia-Pesaro: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 187-330458. Bando di gara. Servizi 1/7 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:330458-2014:text:it:html Italia-Pesaro: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 187-330458 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

MONITORAGGIO SULL ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI DITRASPARENZA

MONITORAGGIO SULL ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI DITRASPARENZA MONITORAGGIO SULL ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI DITRASPARENZA relativi al Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Fondazione Torino Smart City 2014/2016 I monitoraggio: 31 gennaio 2015 A

Dettagli

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA La disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni è stata oggetto di un riordino complessivo

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA SERVIZI AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO - ORGANIZZAZIONE - TRASPARENZA - ANTICORRUZIONE

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA SERVIZI AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO - ORGANIZZAZIONE - TRASPARENZA - ANTICORRUZIONE COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA AFFARI GENERALI O AMMINISTRATIVO - ORGANIZZAZIONE - TRASPARENZA - ANTICORRUZIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CON CONTESTUALE LIQUIDAZIONE Determinazione nr. 1165

Dettagli

Proposta di deliberazione Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione Consiglio Comunale Proposta di deliberazione Consiglio Comunale 10145/2014 del 26/11/2014 OGGETTO PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE CAMPO SPORTIVO COMUNALE LEGA GIOVANILE IN VIA RIMEMBRANZE MEDIANTE PROJECT FINANCING ART. 153

Dettagli

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche Allegato 1 Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DATI DA detenere e TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE...

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO C.A.P. 00196. Stato ITALIA. Telefax 0636805643

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO C.A.P. 00196. Stato ITALIA. Telefax 0636805643 BANDO DI GARA D APPALTO Lavori Forniture Servizi ٱ ٱ x Riservato all Ufficio delle pubblicazioni Data di ricevimento dell avviso N. di identificazione L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo

Dettagli

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Classifica: 005.09 Anno 2014 (5420075) Oggetto ASSICURAZIONI. DETERMINAZIONE A CONTRARRE. PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DEL SERVIZIO DI COPERTURA

Dettagli

Modello di certificazione esecuzione prestazioni ai sensi dell art. 42, comma 3 bis del D. Lgs. 163/2006

Modello di certificazione esecuzione prestazioni ai sensi dell art. 42, comma 3 bis del D. Lgs. 163/2006 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Modello di certificazione esecuzione prestazioni ai sensi dell art. 42, comma 3 bis del D. Lgs. 163/2006 Il Decreto Legge n. 70/2011 convertito nella Legge 12 luglio 2011, n.

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E GARE REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

DIREZIONE AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E GARE REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI DIREZIONE AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E GARE REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Limiti di applicazione Art. 3 - Divieto di frazionamento

Dettagli