La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali"

Transcript

1 La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali Seminario per Dirigenti sindacali CISL Fp di Roma

2 Indice PRIMA PARTE: Panoramica generale e strumenti L attività decisionale Produzione equivalente o omogeneizzata La nuova distribuzione del valore omogeneizzato della produzione 124: la produttività Efficacia, efficienza ed economicità Gli strumenti del Controllo di gestione Verifica e Piano Budget SECONDA PARTE: Il Cruscotto direzionale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

3 PRIMA PARTE Panoramica generale e strumenti La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

4 L attività decisionale Le fasi cardine del sistema di pianificazione, programmazione e controllo di gestione sono: Pianificare decisioni di indirizzo Programmare decisioni di allocazione di risorse e di assegnazione di responsabilità di risultato Controllare la gestione decisioni di intervento sull'operatività in atto La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 4 di 59

5 Pianificare L attività decisionale decisioni di indirizzo 1. Il C.I.V. approva la Relazione programmatica triennale (delibera n. 15 del 28 luglio 2011) che detta gli indirizzi delle Politiche Pubbliche rilevanti per INPS in base a: scenario macroeconomico, Legislazione vigente e iniziative legislative in itinere. 2. Il Presidente individua le Linee guida gestionali 2012 (determinazione n del 31 agosto 2011), formalizzate nella Nota preliminare allegata al Bilancio di previsione Il Direttore generale emana la Circolare di avvio al processo di programmazione e budget (circolare n. 145 del 9 novembre 2011), con la quale sono individuati i programmi obiettivo e le strutture responsabili della loro realizzazione e nella quale è illustrato il processo di programmazione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 5 di 59

6 Programmare L attività decisionale decisioni di allocazione di risorse e di assegnazione di responsabilità di risultato La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 6 di 59

7 L attività decisionale Controllare la gestione decisioni di intervento sull'operatività in atto Lo scopo del controllo di gestione non è quello di sanzionare il comportamento del personale difforme dalle regole come si potrebbe erroneamente intendere basandosi sull'accezione prevalente che termine "controllo" ha in italiano quanto, piuttosto, quello di aiutare il personale ad indirizzare il proprio comportamento verso il conseguimento degli obiettivi aziendali significato, questo, che trova riscontro in una delle accezioni del termine inglese "control"; proprio in quest'ottica il sistema di controllo di gestione dovrebbe essere interrelato con il sistema di valutazione del personale e, quindi, con il sistema incentivante. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 7 di 59

8 Prima di affrontare i singoli strumenti di cui si avvale il Controllo di gestione occorre introdurre alcuni concetti fondamentali quali: PRODUZIONE OMOGENEIZZATA PRODUTTIVITÀ EFFICACIA, EFFICIENZA ed ECONOMICITÀ La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 8 di 59

9 Produzione equivalente o omogeneizzata Al fine di misurare il complesso della produzione in modo omogeneo è stato necessario individuare un unità di equivalenza che consentisse di raffrontare oggettivamente gli innumerevoli output, materiali e immateriali, generati dai diversi processi di lavorazione. Tale unità di equivalenza della produzione è rappresentata dal punto omogeneizzato, che corrisponde convenzionalmente a 60 minuti di attività produttiva equivalente. PRODOTTO tempo (min) coefficiente omogeneizzazione quantità produzione omogeneizzata (punti omogeneizz.) prodotto , prodotto , prodotto , prodotto La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 9 di 59

10 La nuova distribuzione del valore omogeneizzato della produzione Nel mese di luglio 2010 è stato avviato il progetto di revisione della misura della produzione e dei coefficienti di omogeneizzazione collegati a tutti i prodotti dell Istituto. Le fasi principali del progetto sono state: mappatura dei processi di produzione, attraverso l individuazione delle singole fasi/attività, con riferimento a quanto definito nell ambito dei flussi standardizzati di processo; definizione della scheda di misurazione dei tempi netti di impiego della risorsa; misurazione dei tempi su 295 prodotti tipo in 10 sedi campione; analisi delle rilevazioni e valutazione ponderata dei tempi di lavorazione aggiuntivi ai tempi netti (es: elaborazione di stampe, accesso ad archivi, gestione corrispondenza, ecc.); determinazione dei nuovi coefficienti di omogeneizzazione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 10 di 59

11 Elaborazione dell indice: 124: la produttività sulla base degli assunti: - giorni medi lavorativi per mese = 22 giorni - ore lavorabili procapite al giorno = 7 ore - presenza media (rapporto Presenza/Forza) = 81% il nuovo standard di produttività nazionale è fissato su 124 ore mensili pro capite: 22 (gg) * 7 (h) = 154 (h) 154 * 81% = 124 da calcolarsi prendendo a riferimento la produzione totale equivalente (omogeneizzata) e la presenza del personale delle aree A, B e C impiegato nelle aree di produzione al netto degli ispettori di vigilanza: produzione/presenza = Indice di produttività = consumo delle risorse = 124 La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 11 di 59

12 124: la produttività L attuale grado di automazione e i progressi apportati in chiave di omologazione dei processi produttivi hanno determinato un sostanziale livellamento delle condizioni operative e della qualità dei servizi tra le diverse aree del Paese. Con il nuovo coefficiente, si fissa un parametro unico di consumo di risorse, valido su tutto il territorio nazionale a prescindere dal Cluster di appartenenza della struttura. Vale la pena ricordare che il raggruppamento delle regioni in Cluster è stato il risultato di un analisi dei fattori di complessità ambientale la quale, tenendo conto dei principali elementi esterni che condizionano la produttività delle strutture operative dell Istituto, ha consentito di mettere in relazione tra loro realtà quanto più possibile confrontabili a livello regionale. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 12 di 59

13 Efficacia, efficienza ed economicità Efficacia misura il rapporto tra ciò che si è effettivamente realizzato e ciò si sarebbe dovuto realizzare in base al piano o programma (capacità di perseguire le finalità istituzionali programmate). Efficienza misura il rapporto tra il risultato dell'azione organizzativa e la quantità di risorse impiegate per ottenerlo, ovvero la capacità della P.A. di raggiungere i propri obiettivi attraverso la combinazione ottimale dei fattori produttivi (capacità di impiegare razionalmente le risorse trovando il giusto rapporto tra risultati ottenuti e risorse consumate). Non vi è necessariamente coincidenza tra EFFICACIA ed EFFICIENZA, dato che un'amministrazione efficace, poiché raggiunge gli obiettivi prefissati, può non essere efficiente se impiega risorse eccessive per raggiungere tale traguardo, così come un amministrazione efficiente, poiché utilizza pochissimi mezzi, può non essere necessariamente efficace se non riesce a realizzare il programma prefissato. Economicità misura il costo necessario per il raggiungimento degli obiettivi programmati: non basta che la combinazione dei fattori produttivi sia ottimale, deve anche essere la più economica. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 13 di 59

14 Gli strumenti del CdG VERIFICA PIANO BUDGET CRUSCOTTO Prima settimana del mese successivo: vengono trasmessi i dati di produzione a rilevazione automatica (Verifica); il controller trasmette i dati di produzione manuale (Verifica) e i dati di movimento in entrata e uscita del personale (Timesheet). Metà del mese successivo: viene rilasciata la versione aggiornata di Piano Budget; il controller inserisce in Piano Budget i dati riguardanti il controllo del processo produttivo (Circolare n. 178 del 14/11/2003) ed eventuali altri dati manuali. Fine del mese successivo: viene messo in linea il Cruscotto nelle due versioni: Direzionale e Gestionale. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 14 di 59

15 Gli strumenti del CdG VERIFICA: Software per la raccolta dei dati di produzione e di personale dagli archivi di gestione. Una parte dei dati viene raccolta MANUALMENTE attraverso apposite schede di acquisizione. PIANO BUDGET: Si alimenta con i dati di Verifica. Introduce correttivi sulla produzione (difettosità, rettifiche per anomalie, consulenza). Considera anche altri aspetti della produzione non rilevati con Verifica (es. protocollo informatico e controllo del processo produttivo). Introduce il concetto di Produttività. CRUSCOTTO: Prende in considerazione dati riguardanti aspetti prevalentemente QUALITATIVI dell attività di produzione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 15 di 59

16 Gli strumenti del CdG Verifica DC Per poter consultare Verifica DC occorre, oltre al programma scaricabile dall FTP dell Istituto, una sessione 3270 con profilo dirigenziale o di controller: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 16 di 59

17 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 17 di 59

18 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 18 di 59

19 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 19 di 59

20 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 20 di 59

21 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 21 di 59

22 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 22 di 59

23 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 23 di 59

24 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 24 di 59

25 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 25 di 59

26 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 26 di 59

27 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 27 di 59

28 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 28 di 59

29 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produzione La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 29 di 59

30 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produzione Difettosità: valore omogeneizzato della produzione associata a prodotti che generano rilavorazioni a causa di difetti di lavorazione. Esempio: nelle domande accolte in seconda istanza la reiezione della domanda in prima istanza rappresenta una difettosità. Rettifiche: eccedenza anomala di alcuni prodotti (caricati manualmente in Verifica) rispetto ad altri (rilevati automaticamente) correlati ai primi. Esempio: n dei ratei rispetto al n delle eliminazioni causa decesso. Sussidiarietà: per sede cedente si intende la struttura che offre la sussidiarietà cedendo produzione, quindi lavorando le pratiche in carico ad un altra struttura per sede ricevente si intende la struttura che riceve la sussidiarietà cedendo pratiche ad un altra struttura che le lavora in sua vece. Consulenza: omogeneizzato aggiuntivo che viene associato ad alcuni specifici prodotti al fine di riconoscere alla struttura di produzione l attività aggiuntiva collegata alla consulenza rispetto alla lavorazione standard (es: riscatti, ds, dilazioni, ). La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 30 di 59

31 Gli strumenti del CdG Piano Budget: sussidiarietà Consente di spostare il lavoro (e non il personale) dalle strutture che hanno un indice di giacenza troppo elevato (giacenza finale/pervenuto medio mensile) e quindi un indice di produttività maggiore di 124, verso quelle strutture che non hanno sufficiente carico di lavoro da consentire il raggiungimento del 124. In contabilità analitica ha un costo a carico della sede ricevente, pari a 45 per punto omogeneizzato. Ne esistono tre tipologie: Interagenzia: produzione ceduta e ricevuta tra le agenzie (interna, complesse e territoriali) di una stessa direzione provinciale/filiale di coordinamento. Interprovinciale: produzione ceduta e ricevuta tra le direzioni provinciali/filiali di coordinamento di una stessa regione. Interregionale: produzione ceduta e ricevuta tra diverse regioni. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 31 di 59

32 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produttività La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 32 di 59

33 SECONDA PARTE Cruscotto direzionale e Cruscotto gestionale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

34 Cruscotto direzionale Il Cruscotto, nelle sue due versioni Gestionale e Direzionale, non è altro che un complesso file Excel contenente delle macro, ovvero delle operazioni automatizzate che vengono eseguite con il semplice click del mouse all interno di un interfaccia molto intuitiva. I file sono aggiornati mensilmente dalla DCPCG che li mette a disposizione: di tutto il personale, nella versione Cruscotto gestionale, dei Direttori di sede e dei Pianificatori, nella versione Cruscotto direzionale, attraverso il suo server, all indirizzo \\vnx0028a0. Per accedervi basta digitare l indirizzo nello spazio Apri: della casella che compare dopo aver cliccato su Start Esegui : La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 34 di 59

35 Cruscotto direzionale Si avrà in tal modo accesso al contenuto del server della DCPCG. La cartella accessibile da tutti e quella nominata: CRUSCOTTO GESTIONALE, mentre il tentativo di accesso alla cartella CRUSCOTTO DIREZIONALE darà luogo ad una segnalazione di accesso negato. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 35 di 59

36 Cruscotto direzionale Una volta individuato il file è importante che esso venga scaricato in locale con il semplice trascinamento sul desktop, o utilizzando le funzioni Copia Incolla, al fine di non intasare il server e permettere ad altri di prelevare lo stesso file. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 36 di 59

37 Cruscotto direzionale Scaricato il file in locale, per eseguirlo basta farci sopra doppio click, come un qualsiasi altro file. Poiché, come già detto, il cruscotto è un file Excel contenente delle macro, la prima cosa che viene richiesta all esecuzione, è l attivazione delle macro: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 37 di 59

38 Cruscotto direzionale Facendo click sul pulsante OK, se Excel ha impostato un livello di protezione elevato, si aprirà un avviso di protezione dalle macro: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 38 di 59

39 Cruscotto direzionale Basterà cliccare sul tasto OK e settare il livello di protezione su Medio : La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 39 di 59

40 Cruscotto direzionale Il Cruscotto direzionale si compone di 7 LIVELLI e 233 INDICATORI Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5 Livello 6 Livello Indicatori direzionali Indicatori operativi La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 40 di 59

41 Cruscotto direzionale Gli indicatori al settimo livello sono distribuiti su: Aree funzionali di attività: assicurato/pensionato, prestazioni a sostegno del reddito, soggetto contribuente, servizi socio-assistenziali, prodotti specialistici. Unità dell area flussi: Processi ausiliari e funzioni professionali: anagrafica e flussi, accertamento, gestione del credito, verifica amministrativa, area contabile, area legale, area medico-legale. controllo prestazioni vigilanza ispettiva, gestione ricorsi. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 41 di 59

42 Cruscotto direzionale Il Cruscotto direzionale è organizzato attraverso un insieme di INDICATORI DI EFFICACIA/QUALITÀ INDICATORI DI EFFICIENZA che vengono aggregati a diversi livelli fino ad ottenere un INDICATORE SINTETICO GLOBALE che rappresenta l andamento della gestione a livello di Direzione regionale o provinciale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 42 di 59

43 Cruscotto direzionale Per la linea di prodotto Assicurato/Pensionato, ad esempio, vengono utilizzati i seguenti indicatori: 7 LIVELLO 6 LIVELLO 5 LIVELLO TOTALE PENSIONI (1^ E 2^ ISTANZA) % ENTRO 30 GG TOTALE PENSIONI (1^ E 2^ ISTANZA) % ENTRO 120 GG PENSIONI VECCHIAIA E ANZIANITÀ % ENTRO 30 GG PENSIONI VECCHIAIA E ANZIANITA' % ENTRO 60 GG PENSIONI INVALIDITA' E INABILITÀ % ENTRO 60 GG PENSIONI % PRIMA ISTANZA TEMPO SOGLIA 360 GG PENSIONI PROVVISORIE INDICE DI GIACENZA PROVVISORIE INDICATORE PRIME LIQUIDAZIONI ASSICURATO PENSIONATO INDICATORE DIFETTOSITÀ ASSICURATO PENSIONATO INDICATORE DI QUALITÀ ASSICURATO PENSIONATO La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 43 di 59

44 Cruscotto direzionale Anche per le altre linee di prodotto: Sostegno del reddito Soggetto contribuente Servizi socio-assistenziali Poli specialistici si procede in maniera analoga ottenendo per ognuno di esse un INDICATORE SINGOLA LINEA DI PRODOTTO Si procede quindi per aggregazioni successive fino ad arrivare ad un INDICATORE QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 44 di 59

45 Cruscotto direzionale 5 LIVELLO 4 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ASS./PENSIONATO INDICATORE DI QUALITÀ SOSTEGNO DEL REDDITO INDICATORE DI QUALITÀ SOGGETTO CONTRIBUENTE INDICATORE QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO INDICATORE DI QUALITÀ SERVIZI SOCIO ASS.LI INDICATORE DI QUALITÀ POLI SPECIALISTICI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 45 di 59

46 Cruscotto direzionale Con lo stesso meccanismo per ciascuna unità dell Area flussi Anagrafica e flussi Accertamento Gestione del credito Verifica amministrativa Vigilanza ispettiva Controllo prestazioni Gestione ricorsi si ottiene un INDICATORE DELLE SINGOLE UNITÀ DELL AREA FLUSSI Si procede quindi per aggregazioni successive fino ad arrivare ad un INDICATORE QUALITÀ AREE FLUSSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 46 di 59

47 5 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ANAGRAFICA E FLUSSI Cruscotto direzionale 4 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ACCERTAMENTO INDICATORE DI QUALITÀ GESTIONE DEL CREDITO INDICATORE DI QUALITÀ VERIFICA AMMINISTRATIVA INDICATORE QUALITÀ AREA FLUSSI INDICATORE DI QUALITÀ VIGILANZA ISPETTIVA INDICATORE DI QUALITÀ CONTROLLO PRESTAZIONI INDICATORE DI QUALITÀ GESTIONE RICORSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 47 di 59

48 Cruscotto direzionale Dall aggregazione dell indicatore di qualità linee di prodotto/servizio con l indicatore di qualità area flussi si ottiene l indicatore sintetico di qualità processi di produzione: 4 LIVELLO 3 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO INDICATORE SINTETICO DI QUALITÀ PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE DI QUALITÀ AREA FLUSSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 48 di 59

49 Cruscotto direzionale Oltre agli indicatori di qualità vengono rilevati una serie di indicatori di efficienza che prendono in considerazione produttività e impiego risorse delle singole aree di produzione. Procedendo con le aggregazioni di livelli si ottiene un indicatore sintetico di efficienza che aggregato a sua volta con l indicatore di 3 livello calcolato in precedenza fornisce un indicatore di 2 livello: 4 LIVELLO 3 LIVELLO 2 LIVELLO INDICATORE DI PRODUTTIVITÀ INDICATORE DI IMPIEGO RISORSE INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA INDICATORE SINTETICO DI QUALITÀ PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE SINTETICO GLOBALE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 49 di 59

50 Cruscotto direzionale Anche per le funzioni professionali medica e medico-legale, con meccanismo analogo si ottengono due indicatori sintetici di efficienza/efficacia delle due aree che, aggregati tra loro, forniscono un indicatore sintetico globale delle funzioni professionali. Dall aggregazione di quest ultimo con l analogo indicatore di 2 livello calcolato per i processi di produzione si ottiene: 3 LIVELLO 2 LIVELLO 1 LIVELLO INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA/EFFICACIA AREA MEDICO-LEGALE INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA/EFFICACIA AREA LEGALE INDICATORE SINTETICO GLOBALE DELLE FUNZIONI PROFESSIONALI INDICATORE SINTETICO GLOBALE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE SINTETICO GLOBALE La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 50 di 59

51 Cruscotto direzionale 1 liv. 2 liv. 3 liv. 2 liv. 3 liv. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 51 di 59

52 Cruscotto direzionale 1 liv. 2 liv. 3 liv. 4 liv. 5 liv. 6 liv. 7 liv. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 52 di 59

53 Cruscotto direzionale Appare innanzitutto evidente che lo scopo di tutto il meccanismo è quello di riuscire a rappresentare la qualità della produzione di una struttura attraverso un unico valore, l Indicatore sintetico globale. È altrettanto evidente, dall analisi degli indicatori di livello più basso, che la costruzione dello strumento è tutt altro che teorica, basandosi su dati rilevati direttamente dalla produzione. Inoltre, la struttura a cascata degli indicatori permette di scendere nel dettaglio per effettuare delle analisi approfondite e, nel caso di performance scadenti, di intervenire per la correzione, ad esempio, di una inadeguata prassi di lavorazione. Tali dati di base vengono aggregati in un unico dato di livello superiore attraverso formule di solito medie, ponderazioni, trasformazioni in numeri indice La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 53 di 59

54 Cruscotto direzionale È chiaro che per poter intervenire in modo corretto, l interpretazione degli indicatori deve essere precisa ma spesso l intestazione della colonna di un indicatore non è abbastanza esplicita, o comunque può lasciare dei dubbi ad esempio relativamente agli archivi da cui viene prelevata una determinata informazione. Per fugare ogni possibile dubbio lo strumento contiene una LEGENDA che descrive l origine di ogni singolo dato di base e il modo in cui esso viene calcolato. Per ciò che riguarda gli indicatori di livello superiore, risultati di aggregazioni dei dati di base, sono state esplicitate le formule (medie, ponderazioni, trasformazioni in numeri indice ) attraverso le quali essi vengono ottenuti. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 54 di 59

55 Cruscotto direzionale Una delle cose che colpiscono immediatamente è la colorazione delle caselle degli indicatori. Non bisogna mai perdere di vista il fatto che i valori riportati nel Cruscotto vanno interpretati in termini di confronto con la realtà Nazionale e che essi rappresentano, con una colorazione di evidente significato e immediatamente intuitiva, lo scostamento dal valore medio Nazionale: - il colore verde indica una situazione di allineamento o di vantaggio rispetto al valore di riferimento (scost. 100%); - il colore giallo indica una situazione di lieve svantaggio rispetto al valore di riferimento (95% scost. < 100%); - il colore rosso indica una situazione di grave svantaggio rispetto al valore di riferimento (scost. < 95%). La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 55 di 59

56 Il Cruscotto si basa sulla: Cruscotto direzionale valutazione del posizionamento della sede ovvero del livello di efficacia/qualità ed efficienza raggiunto dalla singola struttura rispetto alla media nazionale rappresentazione degli scostamenti dei dati di consuntivo (risultati della sede a fine periodo) rispetto ai dati del periodo precedente (trend) e ai dati di budget (obiettivo) POSIZIONAMENTO Periodo precedente (TREND) SCOSTAMENTI Budget assegnato (OBIETTIVO) La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 56 di 59

57 Cruscotto direzionale 2011_12 cruscotto.xls La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 57 di 59

58 Conclusione Per quanto si possa riuscire a programmare non bisogna mai perdere di vista La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 58 di 59

59

Il cruscotto direzionale. A cura della Direzione centrale pianificazione e controllo di gestione

Il cruscotto direzionale. A cura della Direzione centrale pianificazione e controllo di gestione A cura della Direzione centrale pianificazione e controllo di gestione Caratteristiche Il cruscotto si basa sulla valutazione del posizionamento delle Sedi rispetto ai valori nazionali e sulla rappresentazione

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione PARAMETRI 2012 P.I. 2011 Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2012 consente di stimare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione PARAMETRI 2014 P.I. 2013 Guida all uso ed all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2014 consente di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CERTIFICATO MEDICO DI MALATTIA PER ZONE NON RAGGIUNTE DA ADSL

TRASMISSIONE DEL CERTIFICATO MEDICO DI MALATTIA PER ZONE NON RAGGIUNTE DA ADSL Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Dipartimento Studi e Legislazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628

Dettagli

Trasmissione del certificato medico di malattia per zone non raggiunte da adsl (internet a banda larga).

Trasmissione del certificato medico di malattia per zone non raggiunte da adsl (internet a banda larga). Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 10-03-2011 Messaggio n. 6143 Allegati n.1 OGGETTO:

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014)

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) Sommario: 1) Attivazione del prodotto; 2) Configurazione; 3) Contribuente; 4) Gestione operazioni rilevanti ai

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

Gestione Forniture Telematiche

Gestione Forniture Telematiche Gestione Forniture Telematiche Gestione Forniture Telematiche, integrata nel software Main Office, è la nuova applicazione che consente, in maniera del tutto automatizzata, di adempiere agli obblighi di

Dettagli

Software di collegamento Dot Com Manuale operativo

Software di collegamento Dot Com Manuale operativo Software di collegamento Dot Com Manuale operativo CAF Do.C. Spa Sede amministrativa: Corso Francia 121 d 12100 Cuneo Tel. 0171 700700 Fax 800 136 818 www.cafdoc.it info@cafdoc.it 1/36 INDICE 1. AVVIO

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento;

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento; CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014 1. Modello 730 Integrativo: termine di trasmissione e compilazione; 2. Controllo elaborazione 730/4; 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE IN INPS: L introduzione della dimensione economica

EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE IN INPS: L introduzione della dimensione economica EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE IN INPS: L introduzione della dimensione economica L INPS IN CIFRE 19 milioni di assicurati 16 milioni di pensionati 1,5 milioni di aziende iscritte 22 milioni

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2009 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione Maggio 2007 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2007 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0 Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione Versione 1.0 ANNO 2007 INDICE INTRODUZIONE... 3 CAP 1. REQUISITI E MODALITA DI ACCESSO... 4 CAP 1.1 MODALITA

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Manuale Operativo. Novità della versione:

Manuale Operativo. Novità della versione: Versione 3.3 Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di Controllo uniemens individuale integrato Novità della versione: Possibilità di visualizzare e scaricare in formato csv le caratteristiche

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Software di controllo per le denunce retributive e contributive individuali mensili - Ver.1.0

Software di controllo per le denunce retributive e contributive individuali mensili - Ver.1.0 Software di controllo per le denunce retributive e contributive individuali mensili MANUALE OPERATIVO - Versione 1.0 1 Installazione 1.1 Requisiti Il software è installabile sui sistemi operativi Microsoft:

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Versione 3.1. Manuale Operativo

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Versione 3.1. Manuale Operativo Versione 3.1 Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di Controllo uniemens individuale integrato UNIEMENS individuale integrato con la sezione (ex DMA) Questa versione consente

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia M.U.T. Modulo Unico Telematico Gestione Certificati Malattia Data Redazione Documento 15/03/2013 Data Pubblicazione Documento Responsabile Nuova Informatica Enrico Biscuola Versione 1.2.0 Indice dei contenuti

Dettagli

Istruzione Operativa Gestione Grandezze

Istruzione Operativa Gestione Grandezze Istruzione Operativa Gestione Grandezze La gestione delle grandezze è essenziale per alimentare le istanze indicatori attraverso le formule e gli obiettivi a cui gli indicatori sono associati. Dal menù

Dettagli

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni

ControlloCosti. Manuale d istruzioni. Controllo Costi Manuale d istruzioni ControlloCosti Manuale d istruzioni Manuale d istruzioni Informazioni generali ed accesso al sistema ControlloCosti si presenta agli utenti come un applicativo web ed è raggiungibile digitando l indirizzo

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Manuale Blumatica Itaca

Manuale Blumatica Itaca 0 MANUALE BLUMATICA ITACA Il Protocollo ITACA è uno strumento adottato dalle Regioni per la valutazione del grado di sostenibilità energetico ambientale delle costruzioni approvato il 15 gennaio 2004 dalla

Dettagli

E-Learning Platform - Manuale Utente v1.3 MANUALE UTENTE

E-Learning Platform - Manuale Utente v1.3 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Ultimo aggiornamento: Luglio 2015 1 Sommario Introduzione... 3 Modalità di accesso alla piattaforma Docebo... 4 1 Accesso alla piattaforma... 4 1.1 Recupero password... 5 2 Panoramica della

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Denominazione U.O.S. Pianificazione programmazione e controllo Dirigente: Dott.ssa Miriam Piccini Procedimenti amministrativi:

Dettagli

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2007.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 23.02.2007

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2007.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 23.02.2007 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM EMENS Oggetto:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

IL DATA BASE GESTIONALE Affiliazioni, Tesseramento ed Attività

IL DATA BASE GESTIONALE Affiliazioni, Tesseramento ed Attività IL DATA BASE GESTIONALE Affiliazioni, Tesseramento ed Attività 7 Presentazione Il Corpo Sociale è elemento fondante di un Associazione, al pari - se non maggiormente - dell atto costitutivo e dello statuto,

Dettagli

NOTA. Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto. Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic

NOTA. Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto. Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic NOTA Long Term Care Adempimenti per la comunicazione dei nominativi degli aventi diritto Procedura per le Aziende non ancora iscritte alla Casdic Le aziende neo conferenti mandato di rappresentanza sindacale

Dettagli

ISI s.r.l. Smart Quality 2.0

ISI s.r.l. Smart Quality 2.0 Guida rapida Sommario 1.0 Direzione e personale... 3 1.1 Gestione Obiettivi... 3 1.1.1 Elenco Obiettivi... 3 1.1.2 Stampa Obiettivi e Verifiche... 4 1.2 Gestione Personale Formazione... 5 1.2.1 Personale

Dettagli

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Olitech Informatica Telematico Accise Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Versione del manuale: 26-01-2010 1 Indice Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso... 1 Indice... 2 Funzionalità

Dettagli

Procedura di Gestione delle Utenze MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI

Procedura di Gestione delle Utenze MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI Versione 1.2 del 19/05/2006 Storia delle Versioni Versione Data di emissione Sommario delle modifiche 1.0 12/11/2004 Prima stesura Sono stati modificati i seguenti

Dettagli

Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito

Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Lo sviluppo delle Risorse Umane: coniugare regole, talenti e merito 1 Dalla amministrazione alla direzione del personale Negli ultimi dieci anni il rapporto di lavoro

Dettagli

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Organismo Indipendente di Valutazione Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Struttura Tecnica Permanente di supporto all OIV MARZO 2015

Dettagli

Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto

Università della Terza Età - Luigi Imperati Statuto Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto Art. 1 Istituzione La Provincia di Foggia istituisce l Università della Terza Età "Luigi Imperati" con sede in Foggia, in Palazzo Dogana, presso l

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP Art. 1 (Oggetto del regolamento

Dettagli

CIRCOLARE 730/2015 N. 3 DI SETTEMBRE 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015

CIRCOLARE 730/2015 N. 3 DI SETTEMBRE 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015 Drcnetwork srl - Coordinamento Regionale CAF Via Imperia, 43 20142 Milano Telefono 02/84892710 Fax 02/335173151 e-mail info@drcnetwork.it sito: www.drcnetwork.com CIRCOLARE 730/2015 N. 3 DI SETTEMBRE 2015

Dettagli

jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici

jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici M 1 Premessa Questo manuale si pone come guida operativa del software jsibac Area Demografici per l invio delle statistiche ISTAT mensili

Dettagli

BANCA DATI PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GENITORI

BANCA DATI PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GENITORI Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale entrate Direzione centrale sistemi informativi e tecnologici BANCA DATI PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GENITORI Guida alla procedura di richiesta

Dettagli

Selezionando la sezione Avviso Bonario, si apre la schermata seguente:

Selezionando la sezione Avviso Bonario, si apre la schermata seguente: AVVISO BONARIO Per lavorare gli avvisi bonari emessi dall Agenzia delle Entrate si seleziona nella barra principale dei menu: GESTIONE UFFICIO GESTIONE PRATICHE INSERIMENTO NUOVA PRATICA oppure si clicca

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO

Dettagli

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE...

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... Sommario SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... 4 INTRODUZIONE ALLE FUNZIONALITÀ DEL PROGRAMMA INTRAWEB... 4 STRUTTURA DEL MANUALE... 4 INSTALLAZIONE INRAWEB VER. 11.0.0.0... 5 1 GESTIONE INTRAWEB VER 11.0.0.0...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Gestione Certificati Malattia M.U.T. Modulo Unico Telematico Gestione Certificati Malattia Data Redazione Documento 15/03/2013 Data Pubblicazione Documento Responsabile Nuova Informatica Enrico Biscuola Versione 1.0.0 Indice dei contenuti

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

Commissione Web Seconda Fase Lavori della Commissione

Commissione Web Seconda Fase Lavori della Commissione Commissione Web Seconda Fase Lavori della Commissione Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi Novità 2014 Di seguito si riportano le novità della versione 2014 di Commissione

Dettagli

MANUALE EDI Portale E-Integration

MANUALE EDI Portale E-Integration MANUALE EDI Pagina 1 di 16 Login Il portale di E-Integration è uno strumento utile ad effettuare l upload e il download manuale dei documenti contabili in formato elettronico. Per accedere alla schermata

Dettagli

Trasmissione telematica Mod. 730-4 - Manuale utente

Trasmissione telematica Mod. 730-4 - Manuale utente Trasmissione telematica Mod. 730-4 - Manuale utente Versione 1.0.0 7 Giugno 2006 OSRA a WoltersKluwer Company 1 Introduzione Il servizio consente ai CAF l invio delle forniture telematiche 730-4 ai sostituti

Dettagli

Gestione e allineamento delle Giacenze

Gestione e allineamento delle Giacenze Release 5.20 Manuale Operativo INVENTARIO Gestione e allineamento delle Giacenze Il modulo permette la contemporanea gestione di più inventari, associando liberamente ad ognuno un nome differente; può

Dettagli

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro.

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro. DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEL PERSONALE L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, IL BILANCIO UPD Div.II Ai Direttori interregionali del lavoro Ai Direttori territoriali del lavoro LORO SEDI E, p.c. Al Capo

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013 Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21/03/2013 Circolare n. 43 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

SPESOMETRO 2013 IMPORTANTE:

SPESOMETRO 2013 IMPORTANTE: SPESOMETRO 2013 Il programma consente di verificare e modificare i dati oggetto del file da trasmettere, entro il 10/04/2014, in via telematica all Agenzia delle Entrate, per comunicare le operazioni iva

Dettagli

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti)

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) Gestire i rifiuti non è mai stato così semplice INDICE: Pag. 1. Caratteristiche 2 2. Installazione 3 3. Richiesta per l attivazione 5 4. Attivazione

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

SOFTWARE CONSULTATORE IMMAGINI. Prima di inserire il cd rom del consultatore dovete verificare quanto segue:

SOFTWARE CONSULTATORE IMMAGINI. Prima di inserire il cd rom del consultatore dovete verificare quanto segue: MANUALE D INSTALLAZIONE MANUALE D USO Prima di inserire il cd rom del consultatore dovete verificare quanto segue: - verificare ed eventualmente disinstallare tutte le versioni dei consultatori; - Verificare

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE BANCA DATI INTERNET ED AREA FTP PER ESPERTI DI RAZZA

MANUALE DI GESTIONE BANCA DATI INTERNET ED AREA FTP PER ESPERTI DI RAZZA MANUALE DI GESTIONE BANCA DATI INTERNET ED AREA FTP PER ESPERTI DI RAZZA A cura di Giovanni Sleiter Indice 1. Introduzione a pagina 3 2. Richiesta abilitazione a pagina 3 3. Accesso alla Banca Dati a pagina

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Procedure di Iscrizione e Variazione Azienda operanti su web INTERNET e INTRANET. Implementazione delle applicazioni con nuove funzionalità.

OGGETTO: Procedure di Iscrizione e Variazione Azienda operanti su web INTERNET e INTRANET. Implementazione delle applicazioni con nuove funzionalità. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Roma, 19-12-2007 Messaggio n. 30530 OGGETTO: Procedure di Iscrizione

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line.

Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line. CIRCOLARE N. 179 Bergamo, 19 luglio 2013 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line. Con l allegato messaggio n. 11512 del 17 luglio u.s., l Inps ha comunicato

Dettagli

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 INDICE INDICE...2 PREMESSA...3 MENÙ PRINCIPALE...4 ICONE UTILIZZATE PER ACCEDERE ALLE PROCEDURE PIÙ FREQUENTEMENTE USATE...5 ICONE UTILIZZATE NELLE PROCEDURE DI STAMPA...6 SISTEMA...7 SCRUTINI...7 CARICAMENTO

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Note di rilascio. Le principali implementazioni riguardano: Comunicazione Sistema Tessera Sanitaria: invio telematico

Note di rilascio. Le principali implementazioni riguardano: Comunicazione Sistema Tessera Sanitaria: invio telematico Note di rilascio Aggiornamento disponibile tramite Live Update a partire dal Contabilità Versione 13.11 13/01/2016 SINTESI DEI CONTENUTI Le principali implementazioni riguardano: Comunicazione Sistema

Dettagli

LeggiCATASTO. Le due funzionalità principali sono:

LeggiCATASTO. Le due funzionalità principali sono: Il prodotto LeggiCATASTO consente di analizzare in dettaglio i dati del catasto ufficiale, scaricabili dal portale SISTER, e di confrontarli con quelli della propria banca ICI, leggendo il tracciato ministeriale

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Area Agricoltura, Vigilanza, Frodi elettroniche, Internal Audit

Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Area Agricoltura, Vigilanza, Frodi elettroniche, Internal Audit PEGASO Contribuzione virtuale in edilizia MANUALE UTENTE Direzione Centrale Entrate Area Sviluppo metodologie di recupero crediti Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Area Agricoltura,

Dettagli

Medici Convenzionati

Medici Convenzionati Medici Convenzionati Manuale d'installazione completa del Software Versione 9.8 Manuale d installazione completa Pagina 1 di 22 INSTALLAZIONE SOFTWARE Dalla pagina del sito http://www.dlservice.it/convenzionati/homein.htm

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

Procedura Web On-line per Software Campagna di Vaccinazione Antinfluenzale 2015/2016 ASL ROMA E

Procedura Web On-line per Software Campagna di Vaccinazione Antinfluenzale 2015/2016 ASL ROMA E ATTENZIONE: note rilasciate dalla Regione Lazio (produttore del Software FLUR2015) e che si prega di leggere attentamente: COMPATIBILITA FLUR20XX FLUR20XX è compatibile con i sistemi operativi Microsoft

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

Prime linee esplicative del programma. PEG in linea

Prime linee esplicative del programma. PEG in linea Prime linee esplicative del programma PEG in linea Manuale di consultazione dell applicativo del PEG 1 ACCESSI E OPERATIVITA Sono previste varie tipologie di accesso basate sull appartenenza ad altrettanti

Dettagli

L Audit nelle pubbliche amministrazioni con particolare riferimento all INPS (un esempio di eccellenza?)

L Audit nelle pubbliche amministrazioni con particolare riferimento all INPS (un esempio di eccellenza?) ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 15/09/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37347-l-audit-nelle-pubbliche-amministrazioni-conparticolare-riferimento-all-inps-un-esempio-di-eccellenza Autore: Castellucci

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Monitoraggio Flussi Finanziari

Monitoraggio Flussi Finanziari Monitoraggio Flussi Finanziari Guida Operativa La presente guida rappresenta uno strumento informativo e di supporto alla fase di raccolta dei dati relativi al Monitoraggio dei flussi finanziari delle

Dettagli

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 14-02-2006 Messaggio n. 4711 Allegati OGGETTO: Nuova applicazione ICRATE web per liquidazione delle

Dettagli

Manuale Utilizzo Gestione Armadio di Reparto

Manuale Utilizzo Gestione Armadio di Reparto Gestione Richieste Armadietto di Reparto Manuale Utilizzo 1 stesura da: Valeria Mazziotta Rivisto da: Antonio Derna Data di aggiornamento: 14/07/2014 N.ro versione: 1.0 N.ro pagine: 28 Distribuzione: cliente

Dettagli