La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali"

Transcript

1 La pianificazione e il controllo di gestione Strumenti per Dirigenti sindacali Seminario per Dirigenti sindacali CISL Fp di Roma

2 Indice PRIMA PARTE: Panoramica generale e strumenti L attività decisionale Produzione equivalente o omogeneizzata La nuova distribuzione del valore omogeneizzato della produzione 124: la produttività Efficacia, efficienza ed economicità Gli strumenti del Controllo di gestione Verifica e Piano Budget SECONDA PARTE: Il Cruscotto direzionale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

3 PRIMA PARTE Panoramica generale e strumenti La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

4 L attività decisionale Le fasi cardine del sistema di pianificazione, programmazione e controllo di gestione sono: Pianificare decisioni di indirizzo Programmare decisioni di allocazione di risorse e di assegnazione di responsabilità di risultato Controllare la gestione decisioni di intervento sull'operatività in atto La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 4 di 59

5 Pianificare L attività decisionale decisioni di indirizzo 1. Il C.I.V. approva la Relazione programmatica triennale (delibera n. 15 del 28 luglio 2011) che detta gli indirizzi delle Politiche Pubbliche rilevanti per INPS in base a: scenario macroeconomico, Legislazione vigente e iniziative legislative in itinere. 2. Il Presidente individua le Linee guida gestionali 2012 (determinazione n del 31 agosto 2011), formalizzate nella Nota preliminare allegata al Bilancio di previsione Il Direttore generale emana la Circolare di avvio al processo di programmazione e budget (circolare n. 145 del 9 novembre 2011), con la quale sono individuati i programmi obiettivo e le strutture responsabili della loro realizzazione e nella quale è illustrato il processo di programmazione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 5 di 59

6 Programmare L attività decisionale decisioni di allocazione di risorse e di assegnazione di responsabilità di risultato La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 6 di 59

7 L attività decisionale Controllare la gestione decisioni di intervento sull'operatività in atto Lo scopo del controllo di gestione non è quello di sanzionare il comportamento del personale difforme dalle regole come si potrebbe erroneamente intendere basandosi sull'accezione prevalente che termine "controllo" ha in italiano quanto, piuttosto, quello di aiutare il personale ad indirizzare il proprio comportamento verso il conseguimento degli obiettivi aziendali significato, questo, che trova riscontro in una delle accezioni del termine inglese "control"; proprio in quest'ottica il sistema di controllo di gestione dovrebbe essere interrelato con il sistema di valutazione del personale e, quindi, con il sistema incentivante. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 7 di 59

8 Prima di affrontare i singoli strumenti di cui si avvale il Controllo di gestione occorre introdurre alcuni concetti fondamentali quali: PRODUZIONE OMOGENEIZZATA PRODUTTIVITÀ EFFICACIA, EFFICIENZA ed ECONOMICITÀ La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 8 di 59

9 Produzione equivalente o omogeneizzata Al fine di misurare il complesso della produzione in modo omogeneo è stato necessario individuare un unità di equivalenza che consentisse di raffrontare oggettivamente gli innumerevoli output, materiali e immateriali, generati dai diversi processi di lavorazione. Tale unità di equivalenza della produzione è rappresentata dal punto omogeneizzato, che corrisponde convenzionalmente a 60 minuti di attività produttiva equivalente. PRODOTTO tempo (min) coefficiente omogeneizzazione quantità produzione omogeneizzata (punti omogeneizz.) prodotto , prodotto , prodotto , prodotto La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 9 di 59

10 La nuova distribuzione del valore omogeneizzato della produzione Nel mese di luglio 2010 è stato avviato il progetto di revisione della misura della produzione e dei coefficienti di omogeneizzazione collegati a tutti i prodotti dell Istituto. Le fasi principali del progetto sono state: mappatura dei processi di produzione, attraverso l individuazione delle singole fasi/attività, con riferimento a quanto definito nell ambito dei flussi standardizzati di processo; definizione della scheda di misurazione dei tempi netti di impiego della risorsa; misurazione dei tempi su 295 prodotti tipo in 10 sedi campione; analisi delle rilevazioni e valutazione ponderata dei tempi di lavorazione aggiuntivi ai tempi netti (es: elaborazione di stampe, accesso ad archivi, gestione corrispondenza, ecc.); determinazione dei nuovi coefficienti di omogeneizzazione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 10 di 59

11 Elaborazione dell indice: 124: la produttività sulla base degli assunti: - giorni medi lavorativi per mese = 22 giorni - ore lavorabili procapite al giorno = 7 ore - presenza media (rapporto Presenza/Forza) = 81% il nuovo standard di produttività nazionale è fissato su 124 ore mensili pro capite: 22 (gg) * 7 (h) = 154 (h) 154 * 81% = 124 da calcolarsi prendendo a riferimento la produzione totale equivalente (omogeneizzata) e la presenza del personale delle aree A, B e C impiegato nelle aree di produzione al netto degli ispettori di vigilanza: produzione/presenza = Indice di produttività = consumo delle risorse = 124 La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 11 di 59

12 124: la produttività L attuale grado di automazione e i progressi apportati in chiave di omologazione dei processi produttivi hanno determinato un sostanziale livellamento delle condizioni operative e della qualità dei servizi tra le diverse aree del Paese. Con il nuovo coefficiente, si fissa un parametro unico di consumo di risorse, valido su tutto il territorio nazionale a prescindere dal Cluster di appartenenza della struttura. Vale la pena ricordare che il raggruppamento delle regioni in Cluster è stato il risultato di un analisi dei fattori di complessità ambientale la quale, tenendo conto dei principali elementi esterni che condizionano la produttività delle strutture operative dell Istituto, ha consentito di mettere in relazione tra loro realtà quanto più possibile confrontabili a livello regionale. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 12 di 59

13 Efficacia, efficienza ed economicità Efficacia misura il rapporto tra ciò che si è effettivamente realizzato e ciò si sarebbe dovuto realizzare in base al piano o programma (capacità di perseguire le finalità istituzionali programmate). Efficienza misura il rapporto tra il risultato dell'azione organizzativa e la quantità di risorse impiegate per ottenerlo, ovvero la capacità della P.A. di raggiungere i propri obiettivi attraverso la combinazione ottimale dei fattori produttivi (capacità di impiegare razionalmente le risorse trovando il giusto rapporto tra risultati ottenuti e risorse consumate). Non vi è necessariamente coincidenza tra EFFICACIA ed EFFICIENZA, dato che un'amministrazione efficace, poiché raggiunge gli obiettivi prefissati, può non essere efficiente se impiega risorse eccessive per raggiungere tale traguardo, così come un amministrazione efficiente, poiché utilizza pochissimi mezzi, può non essere necessariamente efficace se non riesce a realizzare il programma prefissato. Economicità misura il costo necessario per il raggiungimento degli obiettivi programmati: non basta che la combinazione dei fattori produttivi sia ottimale, deve anche essere la più economica. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 13 di 59

14 Gli strumenti del CdG VERIFICA PIANO BUDGET CRUSCOTTO Prima settimana del mese successivo: vengono trasmessi i dati di produzione a rilevazione automatica (Verifica); il controller trasmette i dati di produzione manuale (Verifica) e i dati di movimento in entrata e uscita del personale (Timesheet). Metà del mese successivo: viene rilasciata la versione aggiornata di Piano Budget; il controller inserisce in Piano Budget i dati riguardanti il controllo del processo produttivo (Circolare n. 178 del 14/11/2003) ed eventuali altri dati manuali. Fine del mese successivo: viene messo in linea il Cruscotto nelle due versioni: Direzionale e Gestionale. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 14 di 59

15 Gli strumenti del CdG VERIFICA: Software per la raccolta dei dati di produzione e di personale dagli archivi di gestione. Una parte dei dati viene raccolta MANUALMENTE attraverso apposite schede di acquisizione. PIANO BUDGET: Si alimenta con i dati di Verifica. Introduce correttivi sulla produzione (difettosità, rettifiche per anomalie, consulenza). Considera anche altri aspetti della produzione non rilevati con Verifica (es. protocollo informatico e controllo del processo produttivo). Introduce il concetto di Produttività. CRUSCOTTO: Prende in considerazione dati riguardanti aspetti prevalentemente QUALITATIVI dell attività di produzione. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 15 di 59

16 Gli strumenti del CdG Verifica DC Per poter consultare Verifica DC occorre, oltre al programma scaricabile dall FTP dell Istituto, una sessione 3270 con profilo dirigenziale o di controller: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 16 di 59

17 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 17 di 59

18 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 18 di 59

19 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 19 di 59

20 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 20 di 59

21 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 21 di 59

22 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 22 di 59

23 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 23 di 59

24 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 24 di 59

25 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 25 di 59

26 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 26 di 59

27 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 27 di 59

28 Gli strumenti del CdG Verifica DC La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 28 di 59

29 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produzione La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 29 di 59

30 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produzione Difettosità: valore omogeneizzato della produzione associata a prodotti che generano rilavorazioni a causa di difetti di lavorazione. Esempio: nelle domande accolte in seconda istanza la reiezione della domanda in prima istanza rappresenta una difettosità. Rettifiche: eccedenza anomala di alcuni prodotti (caricati manualmente in Verifica) rispetto ad altri (rilevati automaticamente) correlati ai primi. Esempio: n dei ratei rispetto al n delle eliminazioni causa decesso. Sussidiarietà: per sede cedente si intende la struttura che offre la sussidiarietà cedendo produzione, quindi lavorando le pratiche in carico ad un altra struttura per sede ricevente si intende la struttura che riceve la sussidiarietà cedendo pratiche ad un altra struttura che le lavora in sua vece. Consulenza: omogeneizzato aggiuntivo che viene associato ad alcuni specifici prodotti al fine di riconoscere alla struttura di produzione l attività aggiuntiva collegata alla consulenza rispetto alla lavorazione standard (es: riscatti, ds, dilazioni, ). La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 30 di 59

31 Gli strumenti del CdG Piano Budget: sussidiarietà Consente di spostare il lavoro (e non il personale) dalle strutture che hanno un indice di giacenza troppo elevato (giacenza finale/pervenuto medio mensile) e quindi un indice di produttività maggiore di 124, verso quelle strutture che non hanno sufficiente carico di lavoro da consentire il raggiungimento del 124. In contabilità analitica ha un costo a carico della sede ricevente, pari a 45 per punto omogeneizzato. Ne esistono tre tipologie: Interagenzia: produzione ceduta e ricevuta tra le agenzie (interna, complesse e territoriali) di una stessa direzione provinciale/filiale di coordinamento. Interprovinciale: produzione ceduta e ricevuta tra le direzioni provinciali/filiali di coordinamento di una stessa regione. Interregionale: produzione ceduta e ricevuta tra diverse regioni. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 31 di 59

32 Gli strumenti del CdG Piano Budget: indicatori di produttività La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 32 di 59

33 SECONDA PARTE Cruscotto direzionale e Cruscotto gestionale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali

34 Cruscotto direzionale Il Cruscotto, nelle sue due versioni Gestionale e Direzionale, non è altro che un complesso file Excel contenente delle macro, ovvero delle operazioni automatizzate che vengono eseguite con il semplice click del mouse all interno di un interfaccia molto intuitiva. I file sono aggiornati mensilmente dalla DCPCG che li mette a disposizione: di tutto il personale, nella versione Cruscotto gestionale, dei Direttori di sede e dei Pianificatori, nella versione Cruscotto direzionale, attraverso il suo server, all indirizzo \\vnx0028a0. Per accedervi basta digitare l indirizzo nello spazio Apri: della casella che compare dopo aver cliccato su Start Esegui : La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 34 di 59

35 Cruscotto direzionale Si avrà in tal modo accesso al contenuto del server della DCPCG. La cartella accessibile da tutti e quella nominata: CRUSCOTTO GESTIONALE, mentre il tentativo di accesso alla cartella CRUSCOTTO DIREZIONALE darà luogo ad una segnalazione di accesso negato. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 35 di 59

36 Cruscotto direzionale Una volta individuato il file è importante che esso venga scaricato in locale con il semplice trascinamento sul desktop, o utilizzando le funzioni Copia Incolla, al fine di non intasare il server e permettere ad altri di prelevare lo stesso file. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 36 di 59

37 Cruscotto direzionale Scaricato il file in locale, per eseguirlo basta farci sopra doppio click, come un qualsiasi altro file. Poiché, come già detto, il cruscotto è un file Excel contenente delle macro, la prima cosa che viene richiesta all esecuzione, è l attivazione delle macro: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 37 di 59

38 Cruscotto direzionale Facendo click sul pulsante OK, se Excel ha impostato un livello di protezione elevato, si aprirà un avviso di protezione dalle macro: La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 38 di 59

39 Cruscotto direzionale Basterà cliccare sul tasto OK e settare il livello di protezione su Medio : La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 39 di 59

40 Cruscotto direzionale Il Cruscotto direzionale si compone di 7 LIVELLI e 233 INDICATORI Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5 Livello 6 Livello Indicatori direzionali Indicatori operativi La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 40 di 59

41 Cruscotto direzionale Gli indicatori al settimo livello sono distribuiti su: Aree funzionali di attività: assicurato/pensionato, prestazioni a sostegno del reddito, soggetto contribuente, servizi socio-assistenziali, prodotti specialistici. Unità dell area flussi: Processi ausiliari e funzioni professionali: anagrafica e flussi, accertamento, gestione del credito, verifica amministrativa, area contabile, area legale, area medico-legale. controllo prestazioni vigilanza ispettiva, gestione ricorsi. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 41 di 59

42 Cruscotto direzionale Il Cruscotto direzionale è organizzato attraverso un insieme di INDICATORI DI EFFICACIA/QUALITÀ INDICATORI DI EFFICIENZA che vengono aggregati a diversi livelli fino ad ottenere un INDICATORE SINTETICO GLOBALE che rappresenta l andamento della gestione a livello di Direzione regionale o provinciale La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 42 di 59

43 Cruscotto direzionale Per la linea di prodotto Assicurato/Pensionato, ad esempio, vengono utilizzati i seguenti indicatori: 7 LIVELLO 6 LIVELLO 5 LIVELLO TOTALE PENSIONI (1^ E 2^ ISTANZA) % ENTRO 30 GG TOTALE PENSIONI (1^ E 2^ ISTANZA) % ENTRO 120 GG PENSIONI VECCHIAIA E ANZIANITÀ % ENTRO 30 GG PENSIONI VECCHIAIA E ANZIANITA' % ENTRO 60 GG PENSIONI INVALIDITA' E INABILITÀ % ENTRO 60 GG PENSIONI % PRIMA ISTANZA TEMPO SOGLIA 360 GG PENSIONI PROVVISORIE INDICE DI GIACENZA PROVVISORIE INDICATORE PRIME LIQUIDAZIONI ASSICURATO PENSIONATO INDICATORE DIFETTOSITÀ ASSICURATO PENSIONATO INDICATORE DI QUALITÀ ASSICURATO PENSIONATO La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 43 di 59

44 Cruscotto direzionale Anche per le altre linee di prodotto: Sostegno del reddito Soggetto contribuente Servizi socio-assistenziali Poli specialistici si procede in maniera analoga ottenendo per ognuno di esse un INDICATORE SINGOLA LINEA DI PRODOTTO Si procede quindi per aggregazioni successive fino ad arrivare ad un INDICATORE QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 44 di 59

45 Cruscotto direzionale 5 LIVELLO 4 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ASS./PENSIONATO INDICATORE DI QUALITÀ SOSTEGNO DEL REDDITO INDICATORE DI QUALITÀ SOGGETTO CONTRIBUENTE INDICATORE QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO INDICATORE DI QUALITÀ SERVIZI SOCIO ASS.LI INDICATORE DI QUALITÀ POLI SPECIALISTICI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 45 di 59

46 Cruscotto direzionale Con lo stesso meccanismo per ciascuna unità dell Area flussi Anagrafica e flussi Accertamento Gestione del credito Verifica amministrativa Vigilanza ispettiva Controllo prestazioni Gestione ricorsi si ottiene un INDICATORE DELLE SINGOLE UNITÀ DELL AREA FLUSSI Si procede quindi per aggregazioni successive fino ad arrivare ad un INDICATORE QUALITÀ AREE FLUSSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 46 di 59

47 5 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ANAGRAFICA E FLUSSI Cruscotto direzionale 4 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ ACCERTAMENTO INDICATORE DI QUALITÀ GESTIONE DEL CREDITO INDICATORE DI QUALITÀ VERIFICA AMMINISTRATIVA INDICATORE QUALITÀ AREA FLUSSI INDICATORE DI QUALITÀ VIGILANZA ISPETTIVA INDICATORE DI QUALITÀ CONTROLLO PRESTAZIONI INDICATORE DI QUALITÀ GESTIONE RICORSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 47 di 59

48 Cruscotto direzionale Dall aggregazione dell indicatore di qualità linee di prodotto/servizio con l indicatore di qualità area flussi si ottiene l indicatore sintetico di qualità processi di produzione: 4 LIVELLO 3 LIVELLO INDICATORE DI QUALITÀ LINEE DI PRODOTTO/SERVIZIO INDICATORE SINTETICO DI QUALITÀ PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE DI QUALITÀ AREA FLUSSI La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 48 di 59

49 Cruscotto direzionale Oltre agli indicatori di qualità vengono rilevati una serie di indicatori di efficienza che prendono in considerazione produttività e impiego risorse delle singole aree di produzione. Procedendo con le aggregazioni di livelli si ottiene un indicatore sintetico di efficienza che aggregato a sua volta con l indicatore di 3 livello calcolato in precedenza fornisce un indicatore di 2 livello: 4 LIVELLO 3 LIVELLO 2 LIVELLO INDICATORE DI PRODUTTIVITÀ INDICATORE DI IMPIEGO RISORSE INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA INDICATORE SINTETICO DI QUALITÀ PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE SINTETICO GLOBALE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 49 di 59

50 Cruscotto direzionale Anche per le funzioni professionali medica e medico-legale, con meccanismo analogo si ottengono due indicatori sintetici di efficienza/efficacia delle due aree che, aggregati tra loro, forniscono un indicatore sintetico globale delle funzioni professionali. Dall aggregazione di quest ultimo con l analogo indicatore di 2 livello calcolato per i processi di produzione si ottiene: 3 LIVELLO 2 LIVELLO 1 LIVELLO INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA/EFFICACIA AREA MEDICO-LEGALE INDICATORE SINTETICO DI EFFICIENZA/EFFICACIA AREA LEGALE INDICATORE SINTETICO GLOBALE DELLE FUNZIONI PROFESSIONALI INDICATORE SINTETICO GLOBALE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE INDICATORE SINTETICO GLOBALE La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 50 di 59

51 Cruscotto direzionale 1 liv. 2 liv. 3 liv. 2 liv. 3 liv. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 51 di 59

52 Cruscotto direzionale 1 liv. 2 liv. 3 liv. 4 liv. 5 liv. 6 liv. 7 liv. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 52 di 59

53 Cruscotto direzionale Appare innanzitutto evidente che lo scopo di tutto il meccanismo è quello di riuscire a rappresentare la qualità della produzione di una struttura attraverso un unico valore, l Indicatore sintetico globale. È altrettanto evidente, dall analisi degli indicatori di livello più basso, che la costruzione dello strumento è tutt altro che teorica, basandosi su dati rilevati direttamente dalla produzione. Inoltre, la struttura a cascata degli indicatori permette di scendere nel dettaglio per effettuare delle analisi approfondite e, nel caso di performance scadenti, di intervenire per la correzione, ad esempio, di una inadeguata prassi di lavorazione. Tali dati di base vengono aggregati in un unico dato di livello superiore attraverso formule di solito medie, ponderazioni, trasformazioni in numeri indice La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 53 di 59

54 Cruscotto direzionale È chiaro che per poter intervenire in modo corretto, l interpretazione degli indicatori deve essere precisa ma spesso l intestazione della colonna di un indicatore non è abbastanza esplicita, o comunque può lasciare dei dubbi ad esempio relativamente agli archivi da cui viene prelevata una determinata informazione. Per fugare ogni possibile dubbio lo strumento contiene una LEGENDA che descrive l origine di ogni singolo dato di base e il modo in cui esso viene calcolato. Per ciò che riguarda gli indicatori di livello superiore, risultati di aggregazioni dei dati di base, sono state esplicitate le formule (medie, ponderazioni, trasformazioni in numeri indice ) attraverso le quali essi vengono ottenuti. La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 54 di 59

55 Cruscotto direzionale Una delle cose che colpiscono immediatamente è la colorazione delle caselle degli indicatori. Non bisogna mai perdere di vista il fatto che i valori riportati nel Cruscotto vanno interpretati in termini di confronto con la realtà Nazionale e che essi rappresentano, con una colorazione di evidente significato e immediatamente intuitiva, lo scostamento dal valore medio Nazionale: - il colore verde indica una situazione di allineamento o di vantaggio rispetto al valore di riferimento (scost. 100%); - il colore giallo indica una situazione di lieve svantaggio rispetto al valore di riferimento (95% scost. < 100%); - il colore rosso indica una situazione di grave svantaggio rispetto al valore di riferimento (scost. < 95%). La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 55 di 59

56 Il Cruscotto si basa sulla: Cruscotto direzionale valutazione del posizionamento della sede ovvero del livello di efficacia/qualità ed efficienza raggiunto dalla singola struttura rispetto alla media nazionale rappresentazione degli scostamenti dei dati di consuntivo (risultati della sede a fine periodo) rispetto ai dati del periodo precedente (trend) e ai dati di budget (obiettivo) POSIZIONAMENTO Periodo precedente (TREND) SCOSTAMENTI Budget assegnato (OBIETTIVO) La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 56 di 59

57 Cruscotto direzionale 2011_12 cruscotto.xls La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 57 di 59

58 Conclusione Per quanto si possa riuscire a programmare non bisogna mai perdere di vista La pianificazione e il controllo di gestione, strumenti per Dirigenti sindacali pag. 58 di 59

59

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI 109 S.I.R.I.O. Sistema Integrato di Risultati, Indicatori ed Obiettivi Scheda di valutazione dell attività dei dirigenti Intestazione Periodo di valutazione:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REDATTORE ATTI. GESTIONE FASCICOLI Premere NUOVO FASCICOLO. Se non sono mai stati inoltrati atti in questa esecuzione Premere NUOVO FASCICOLO

REDATTORE ATTI. GESTIONE FASCICOLI Premere NUOVO FASCICOLO. Se non sono mai stati inoltrati atti in questa esecuzione Premere NUOVO FASCICOLO GESTIONE FASCICOLI Premere NUOVO FASCICOLO REDATTORE ATTI Se non sono mai stati inoltrati atti in questa esecuzione Premere NUOVO FASCICOLO Vedi la sezione PARTI del file relativo all inoltro dell istanza

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE A cura di Gerardo De Caro: La fatturazione elettronica obbligatoria verso la Pubblica Amministrazione Executive Summary Il formato fattura PA

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli